Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 3 - Anno VII Marzo 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 3 - Anno VII Marzo 2012"

Transcript

1 N 3 - Anno VII Marzo 2012 Il miglioramento delle prestazioni sanitarie: dal Programma Nazionale Esiti all audit clinico Al CEFPAS, lo scorso 15 febbraio, ha avuto inizio la I edizione del corso "Il miglioramento delle prestazioni sanitarie: dal Programma Nazionale Esiti all audit clinico", promosso dall Assessorato regionale della salute ed organizzato dal CEFPAS. Al CEFPAS la rilevazione Customer Satisfation committenti Le pubbliche amministrazioni stanno oggi migliorando le capacità di ascolto dei bisogni emergenti e della qualità percepita da parte di cittadini e aziende. Uno degli strumenti più utilizzati è l indagine di Customer Satisfaction (CS), che misura come un prodotto/servizio offerto incontra le aspettative del cliente, in un ottica di miglioramento dello stesso. Progetto MiglioraPA: in Sicilia performance, valutazione e trasparenza Il roadshow Per una PA di qualità: ascolto, trasparenza, valutazione. L integrazione della Customer Satisfaction nel ciclo delle performance, nell ambito del quale è stato avviato il Laboratorio Territoriale di MiglioraPA nella Regione Siciliana, che si è svolto a Palermo lo scorso 20 marzo, è servito a... Piani di rientro e stato di salute: cure low cost destinate a crescere Spesa fiscale cresciuta del 25% ed una sanità in continuo peggioramento, soprattutto nelle Regioni soggette a piani di rientro. Questi i dati presentati il 15 marzo 2012 a Roma (Sala delle Colonne-Camera dei Deputati) nell ambito di una ricerca realizzata dal CENSIS nel corso del Forum per la Ricerca Biomedica... Arrivano le AFT : Grandi Ambulatori H24 Si chiamano AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali) i grandi ambulatori di famiglia aperti 7 giorni su 7, con medici disponibili di giorno e di notte per i cittadini che abbiano bisogno di cure e prescrizioni, visite domiciliari incluse. Così il ministro della sanità Balduzzi sta ri-disegnando il cambiamento più significativo della medicina territoriale...

2 Il miglioramento delle prestazioni sanitarie: dal Programma Nazionale Esiti all audit clinico Al CEFPAS, lo scorso 15 febbraio, ha avuto inizio la I edizione del corso "Il miglioramento delle prestazioni sanitarie: dal Programma Nazionale Esiti all audit clinico", promosso dall Assessorato regionale della salute ed organizzato dal CEFPAS. Mentre la II e la III edizione del corso sono state realizzate il marzo 2012 e il marzo 2012 già è in corso la preparazione della IV edizione prevista per il aprile Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è parte della strategia complessiva sviluppata dal Ministero della Salute per la valutazione della performance delle organizzazioni sanitarie italiane. L obiettivo del PNE, che è coordinato dall Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari regionali (Age.Na.S.), è quello di effettuare una valutazione comparativa delle prestazioni sanitarie tra diverse strutture sanitarie e diverse aree territoriali, finalizzata a migliorare l efficacia delle prestazioni stesse e contribuire ad una maggiore equità nella tutela della salute. La Regione Siciliana ha aderito formalmente al Programma Nazionale Esiti ed è attivamente impegnata nella sua implementazione in tutto il territorio regionale. A tal fine, con il D.A. 2022/11 del 16 ottobre 2011, ha programmato una serie di iniziative finalizzate al coinvolgimento delle direzioni delle Aziende sanitarie, delle Società scientifiche e dei professionisti, promuovendo la conoscenza e l'utilizzazione di uno strumento di dimostrata efficacia per il miglioramento della qualità e della sicurezza dei percorsi diagnostici e terapeutici: l'audit clinico. Con questo obiettivo la Regione ha anche avviato la collaborazione con la Società Italiana per la Qualità dell'assistenza Sanitaria (SIQuAS-VRQ). L attività didattica in corso al CEFPAS, è rivolta ai Responsabili, ai Dirigenti medici, ai Coordinatori infermieristici e agli Infermieri del Programma Nazionale Esiti delle strutture sanitarie pubbliche della Regione Siciliana. Sono stati ammessi anche gli operatori afferenti alle strutture per il miglioramento della qualità, alla gestione del rischio e del governo clinico. I partecipanti sono stati individuati dalle rispettive Direzioni aziendali e segnalati al CEFPAS, secondo procedure concordate con l Assessorato della salute. Nel 2012 sono state programmate 7 edizioni del corso. I partecipanti avranno a disposizione, sulla piattaforma FAD/e-Learning del CEFPAS, una sezione dedicata per scaricare tutti i documenti di rilievo. La Redazione BaoBab pone 3 domande sul tema dell Audit clinico a Giuseppe Murolo, dirigente del servizio 5 Qualità, governo clinico e sicurezza dei pazienti del Dipartimento ASOE (Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico) e a Domenico Colimberti, co-direttori scientifici del programma promosso dall Assessorato regionale della salute ed organizzato dal CEFPAS. Leggi l'intervista a cura di Vanda E. Anzaldi A cura di Angelo D'Antona 06/03/2012

3 Al CEFPAS la rilevazione Customer Satisfation committenti Le pubbliche amministrazioni stanno oggi migliorando le capacità di ascolto dei bisogni emergenti e della qualità percepita da parte di cittadini e aziende. Uno degli strumenti più utilizzati è l indagine di Customer Satisfaction (CS), che misura come un prodotto/servizio offerto incontra le aspettative del cliente, in un ottica di miglioramento dello stesso. Il CEFPAS ha da sempre condotto rilevazioni sulla CS dei suoi utenti finali, i partecipanti ai corsi. Le informazioni raccolte sono state una potente leva di orientamento al cambiamento organizzativo, culturale e tecnico dell offerta formativa. In questi mesi il Centro ha inoltre condotto un indagine sperimentale sulla CS dei committenti delle Aziende sanitarie e dell Assessorato della salute. La finalità perseguita è stata quella di rilevare la soddisfazione dei committenti di alcuni percorsi formativi svolti nell arco del 2011, con attenzione particolare all impatto sugli assetti organizzativi aziendali e professionali riconducibile alla frequenza ai corsi. Il modello valutativo adottato ha considerato, infatti, che la soddisfazione dei committenti non possa prescindere dalla constatazione della reale efficacia dei corsi, in termini di ricaduta diretta sull organizzazione. Nello specifico quindi sono stati indagati i cambiamenti percepiti dai committenti come risultato della formazione negli ambiti: Impatto sull organizzazione aziendale Impatto strategico relativo ad azioni specifiche di rilevanza Impatto lavorativo (miglioramento delle competenze e delle condotte di lavoro). I soggetti coinvolti sono stati complessivamente 45. Sono i committenti di 26 attività formative, rientranti in tre percorsi: il Progetto regionale di formazione continua sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, il Percorso formativo avanzato Risk Manager ed il Master Innovazione e Direzione amministrativa in Sanità. Per garantire sempre l eccellenza dell offerta formativa del CEFPAS è in corso una riflessione sull opportunità di mettere a regime siffatta tipologia di valutazione per tutti i percorsi avanzati organizzati del Centro. A cura di Luisa M. Zoda 28/03/2012

4 Progetto MiglioraPA: in Sicilia performance, valutazione e trasparenza Il roadshow Per una PA di qualità: ascolto, trasparenza, valutazione. L integrazione della Customer Satisfaction nel ciclo delle performance, nell ambito del quale è stato avviato il Laboratorio Territoriale di MiglioraPA nella Regione Siciliana, che si è svolto a Palermo lo scorso 20 marzo, è servito a contestualizzare la riforma della Pubblica Amministrazione - operata con il D.Lgs. 150/ nella cornice siciliana con la LR 5/2011. In particolare nel rapporto tra performance, valutazione e trasparenza assumono importanza strategica la Customer Satisfaction e il Customer Satisfaction Management per la pianificazione di strategie e di azioni di miglioramento della qualità dei servizi. Il Laboratorio Territoriale Siciliano, appena incominciato a Palermo, ha consentito l avvio di sessioni di lavoro più ristrette dove il tema della integrazione del Customer Satisfaction Management e della valutazione della performance nel sistema di governance di un ente viene affrontato con il supporto esperto del Dipartimento della Funzione Pubblica e dei partner del progetto MiglioraPA. Quest ultimo importante progetto MiglioraPA è promosso dal Dipartimento per la Funzione Pubblica nel quadro del PON Governance e Azioni di Sistema FSE finalizzata alla promozione della cultura della customer satisfaction e alla diffusione degli strumenti di customer satisfaction management nelle regioni obiettivo convergenza. È realizzata in collaborazione con Forum PA e Lattanzio Associati. «Il progetto Conoscenza della Regione Siciliana avviato nel 2009 con una direttiva del Presidente della Regione, Raffaele Lombardo spiega Rosaria Cicala, dirigente del Servizio Trasparenza e Semplificazione della Regione Siciliana è dimostrazione dell eccezionale sforzo di informazione e trasparenza condotto in Sicilia, offrendo agli URP la possibilità di ricoprire un ruolo centrale di garante del cittadino, nella massima assistenza per la tutela dei suoi diritti nei confronti dell Amministrazione. L Amministrazione regionale continua a perseguire la strada intrapresa avendo aderito a livello centrale al progetto MiglioraPA». I lavori del roadshow sono stati così articolati: Al mattino, un seminario per approfondire gli aspetti normativi e operativi della gestione delle performance e, in particolare, i modelli e le prassi per l integrazione della Customer Satisfaction nel ciclo delle performance e di programmazione e controllo. Sono intervenuti in particolare: Laura Massoli, Dirigente UMPA, Dipartimento della Funzione Pubblica Gianni Dominici, Direttore generale FORUM PA Gaudenzio Garavini, esperto di Organizzazione della PA Giancarlo De Maria, esperto in Public Management, Presidente Comitato Scientifico Andigel Mara Bernardini, Presidente Hera Comm Antonio La Spina, Università di Palermo Rosaria Cicala, Dirigente Servizio Trasparenza e Semplificazione, Regione Siciliana Antonina Marascia, Segretario e Direttore Generale, Comune di Mazara del Vallo Il pomeriggio è stato dedicato all avvio dei Laboratori Territoriali di MiglioraPA, sessioni di lavoro più ristrette dove il tema della integrazione del Customer Satisfaction Management nel sistema di governance dell ente è affrontato con un taglio pratico attraverso il confronto di esperienze tra i partecipanti ed il supporto della consulenza di progetto degli esperti di settore. Gli atti della giornata sono on line. A cura di Vanda E. Anzaldi 28/03/2012

5 Piani di rientro e stato di salute: cure low cost destinate a crescere Spesa fiscale cresciuta del 25% ed una sanità in continuo peggioramento, soprattutto nelle Regioni soggette a piani di rientro. Questi i dati presentati il 15 marzo 2012 a Roma (Sala delle Colonne-Camera dei Deputati) nell ambito di una ricerca realizzata dal CENSIS nel corso del Forum per la Ricerca Biomedica alla presenza del ministro della salute Renato Balduzzi. Da un punto di vista generale, 17 sono i miliardi di euro che rappresentano, fino al 2015 il gap complessivo tra le risorse necessarie alla copertura della domanda di salute dei cittadini e la disponibilità economica del SSN con inevitabili tagli ai servizi. Il 31,7% degli intervistati, giudica il sistema sanitario della propria regione peggiorato negli ultimi due anni (lo pensava il 21,7% nel 2009), per il 55,3% tutto è rimasto uguale a prima, e solo per il 13% c'è stato invece un miglioramento (ne era convinto il 20,3% nel 2009). Gli intervistati residenti nelle Regioni con piano di rientro rilevano invece un peggioramento dei servizi sanitari delle proprie regioni nei due anni precedenti nel 38% dei casi, a fronte del solo 8% che rileva invece un miglioramento. Nelle Regioni non sottoposte a piano di rientro il miglioramento è percepito dal 23,3% dei cittadini, con percentuali più alte nel Mezzogiorno e nel Centro Italia. Di fatto, l imposizione di controlli rigidi della spesa e di tagli a servizi e prestazioni ha imposto una diminuzione della spesa cui non è tuttavia corrisposto un miglior investimento in sanità pubblica. Infatti, la spesa sanitaria privata nel nostro paese è cresciuta del 25,5% in dieci anni, circa 30,6 miliardi di euro, +8% nel periodo di crisi È il caso della spesa per i farmaci, con un taglio del 3,5% della spesa pubblica e un incremento della spesa privata del 10,7% nel triennio Anche il gravare del ticket sui farmaci (a fine anno si supererà di molto il miliardo di euro) si prevede sarà esteso alla diagnostica, specialistica e pronto soccorso. Un nuovo prelievo complessivo stimabile in 4 miliardi di euro, percentuale legata in modo esclusivo a manovre statali di bilancio. Piuttosto, è intervenuta l esigenza del cittadino di assumere rimedi rapidi e contingenti all emergere della sintomatologia. Solo alcuni dati per spiegare meglio il fenomeno: 19,3 milioni di italiani soffrono di ricorrenti dolori muscolari, articolari o di altro tipo (1,4 milioni di giovani, con meno di 30 anni e 7,6 milioni di anziani); 18,7 milioni hanno problemi alla vista (dalla miopia alla presbiopia, all astigmatismo: 2,4 milioni sono giovani); 10,7 milioni di persone soffrono di allergie (2,3 milioni sono giovani); 10,6 milioni tendono a ingrassare troppo, 9,1 milioni hanno emicranie frequenti, 9 milioni hanno difficoltà a prendere sonno o soffrono di insonnia. Il 39% di questi italiani consulta subito il medico di base, il 31% tenta di curarsi stando a casa adeguando lo stile di vita alle condizioni di salute e il 15% assume una farmacoterapia già testata efficacemente. Ma gli italiani ricorrono sempre più spesso alla medicina non convenzionale, altro settore in cui la spesa è pari a 1,7 miliardi di euro l anno. Sempre più spesso inoltre gli italiani si rivolgono alle cosiddette cure low cost il cui valore è stato stimato in 10 miliardi di euro ed è destinato a crescere del 25% l anno, con tagli dei prezzi delle prestazioni non inferiori al 30% - ma in genere anche fino al 60% - con una moltiplicazione delle offerte soprattutto nel settore odontoiatrico (95% della spesa a carico dei privati, quasi 12 miliardi di euro l anno) che fa già registrare fino all 85% di sconto rispetto ai comuni prezzi di mercato. Chi controlla la qualità delle prestazioni sanitarie low cost? Al momento nessuno e ciò rappresenta una fonte di grave allarme se consideriamo che, oltre al settore odontoiatrico, anche la medicina e la chirurgia estetica spopolano su web e le offerte promozionali hanno già attirato una clientela attiva di un milione di italiani, tra cui 800mila donne. A cura di Valentina C. Botta 20/03/2012

6 Arrivano le AFT : Grandi Ambulatori H24 Si chiamano AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali) i grandi ambulatori di famiglia aperti 7 giorni su 7, con medici disponibili di giorno e di notte per i cittadini che abbiano bisogno di cure e prescrizioni, visite domiciliari incluse. Così il ministro della sanità Balduzzi sta ri-disegnando il cambiamento più significativo della medicina territoriale degli ultimi decenni da inserire nel nuovo Patto della Salute, ovvero l accordo Governo-Regioni su cui si baserà l attività sanitaria italiana nei prossimi anni. Le telecamere recentemente accese sui disastri della sanità romana - barelle nei corridoi e nei magazzini, persone, soprattutto anziani, in attesa da giorni, carenza di informazioni hanno rivelato la diffusione, a livello nazionale, delle malpractice nell ambito della gestione dei reparti di emergenza urgenza e pronto soccorso ospedaliero e la mancanza di un filtro territoriale. Da allora, il ministro Balduzzi lavora alacremente alla realizzazione di una medicina di base 7 giorni su 7 con l obiettivo di decongestionare il ricorso al ricovero presso le strutture di degenza ospedaliera ed eliminare i tempi di attesa ormai stimati in giorni. Ecco le AFT in breve: nei grandi studi medici lavoreranno più professionisti (fino a 16) e anche guardie mediche. La presenza del medico deve essere assicurata in modo che il paziente che necessiti di un visita, pur non avendo a disposizione il proprio medico, possa contare sulla disponibilità di un professionista che abbia accesso ai suoi dati di salute su supporto digitale e che lavori fianco a fianco con il proprio medico. Le visite, sempre secondo la nuova riorganizzazione, saranno consentire 7 giorni su 7, di notte e nei week-end, grazie all impiego della guardia medica e degli specialisti. In questo modo le AFT potranno rappresentare un filtro sanitario funzionale con vincoli di prossimità reale al cittadino e la struttura sanitaria di riferimento a meno dell esigenza effettiva di un ricovero. Anche Giacomo Milillo, segretario di una delle più importanti sigle sindacali, la FIMMG, si dice concorde con l idea del ministro Balduzzi, previa modifica della convenzione che lega i professionisti al sistema sanitario e sottolinea il rilancio del ruolo dei colleghi medici di guardia medica e delle nuove leve che desiderino impegnarsi anche in orari non consueti. La reingegnerizzazione della sanità territoriale voluta dal ministro Balduzzi, che comprenderà anche un cruscotto informatizzato per il monitoraggio H24 dei posti letto disponibili, un coordinatore dei flussi in entrata e uscita del pronto soccorso e un care manager per la relazione con il paziente, non comporterà soltanto un allungamento dell orario di lavoro per i professionisti della sanità, ma si propone come strumento innovativo sia per il miglioramento della qualità dell assistenza sanitaria sia per l ottimizzazione ed reinvestimento delle risorse economiche destinate alle strutture ospedaliere. In tal senso, sarà fondamentale il costante monitoraggio dei flussi di pazienti presso i 550 servizi di pronto soccorso ed i 343 dipartimenti di emergenza, di cui 325 in strutture pubbliche e 18 in strutture private accreditate, presenti in 550 strutture. «Già a partire da inizio anno - ha commentato il Ministro nel corso dell incontro tenutosi a Roma il giorno 8 marzo - le Regioni che non inviano al Ministero i dati informativi vengono penalizzate per l'attribuzione dei finanziamenti». Al momento, sulla base dei primi valori elaborati attraverso il rilevamento del sistema EMUR (monitoraggio prestazioni erogate in emergenza-urgenza) - dal quale risultano 13 milioni di accessi su tutta Italia - nel 2011 sono 15 le regioni che hanno inviati i dati relativi ai Pronto soccorso: di queste 13 per intero e 2 solo parzialmente (Marche e Campania). Mancano ancora all'appello Bolzano, Friuli, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. A cura di Valentina C. Botta 20/03/2012

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Promuove la cultura della qualità dei servizi pubblici attraverso l introduzione

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007 Giovedì, 13 settembre 2007 I^ SESSIONE La logica Programmatoria: ruolo, dimensionamento e connessioni dei servizi sanitari Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata Ospedale e territorio:

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità La realtà del medico Le realtà prospettiche in sanità VENETO Popolazione 4,928 milioni (31 lug 2014) MMG: 3.442 Media pazienti per MMG: 1.240 Fonte Ministero della Salute 2011 INDAGINE FIMMG 2014 MMG:

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA Roma, 14 gen. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - I medici di famiglia della Fimmg pronti a dare battaglia contro gli effetti della manovra 'salva-italià

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

Pubblica Amministrazione

Pubblica Amministrazione Servizi offerti Con circa 100 professionisti specializzati nel settore, una tra le più grandi realtà nei servizi professionali alle imprese in Italia supporta la progettazione e l implementazione di soluzioni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 12 - Anno VI Dicembre 2011

Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 12 - Anno VI Dicembre 2011 N 12 - Anno VI Dicembre 2011 Risk Manager in Sicilia: il percorso si è concluso Si sono svolti lo scorso 12 dicembre al CEFPAS di Caltanissetta i colloqui finali del Percorso Formativo Avanzato: Risk Manager.

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario»

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013 L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Chiara Penello Decreto Crescita 2.0 (DL 179/2012 conv. in Legge n.

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Corso di Formazione manageriale per Direttore di Struttura Complessa - area territoriale e ospedaliera (DSC)

Corso di Formazione manageriale per Direttore di Struttura Complessa - area territoriale e ospedaliera (DSC) Corso di Formazione manageriale per Direttore di Struttura Complessa - area territoriale e ospedaliera (DSC) OBIETTIVI : Il percorso formativo si propone di fornire le competenze manageriali che risultano

Dettagli

Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 1 - Anno VI Gennaio 2011

Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 1 - Anno VI Gennaio 2011 N 1 - Anno VI Gennaio 2011 Convegno Valutare Salute: presentati i risultati del progetto pilota Il 20 gennaio scorso sono stati presentati a Roma i risultati della sperimentazione nazionale e regionale,

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

CASE STUDY Il sito web dell Istituto Clinico Humanitas

CASE STUDY Il sito web dell Istituto Clinico Humanitas Seminario Marketing sociale e Comunicazione per la salute Torino, 27 28 febbraio 2008 CASE STUDY Il sito web dell Istituto Clinico Humanitas Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

Le politiche di innovazione nella giustizia. Claudio Castelli

Le politiche di innovazione nella giustizia. Claudio Castelli Le politiche di innovazione nella giustizia Claudio Castelli Analisi della domanda e del «magazzino». Riorganizzazione delle cancellerie Gestione telematica. Ufficio per il processo. I terreni di innovazione

Dettagli

il Fascicolo Sanitario Personale on line

il Fascicolo Sanitario Personale on line La Condivisione delle Informazioni Cliniche fra Medico e Paziente: il Fascicolo Sanitario Personale on line Dr. Antonio Messina AD Fimed s.r.l. I PERCORSI DI SVILUPPO DELLA SANITA ON LINE Milano, 3 Maggio

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

digenerale@aosgmoscati.av.it

digenerale@aosgmoscati.av.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSATO GIUSEPPE Indirizzo Telefono 0825203004 Fax 0825203637 E-mail N. 2, Fraternità della Misericordia, 83100 Avellino digenerale@aosgmoscati.av.it Nazionalità

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi OGGETTO: Progetto interregionale Verso un sistema integrato di alta formazione. Approvazione dell Avviso Parte prima Ammissione degli organismi e delle offerte formative, destinato all ammissione di organismi

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Il Progetto di sviluppo del Sistema di Gestione per la

Il Progetto di sviluppo del Sistema di Gestione per la Il Progetto di sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità dell ASL 2 Savonese Presentazione Convegno Regionale 30 marzo 2006 Gli strumenti del governo clinico: l auditl clinico, il risk management,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1

Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1 Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1 dicembre dalle 8.30 alle 16:30 PRESENZA Obiettivo: avvicinare

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

Investire sui giovani della Sanità X Investire sul futuro del nostro SSN

Investire sui giovani della Sanità X Investire sul futuro del nostro SSN Manifesto della manifestazione nazionale del 7 Novembre 2013 Investire sui giovani della Sanità X Investire sul futuro del nostro SSN L Associazione Italiana Giovani Medici (S.I.G.M.), al fine di riportare

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Curriculum vitae assessori

Curriculum vitae assessori Curriculum vitae assessori Nome e cognome Maria Sandra Telesca Luogo e data di nascita Napoli 22.04.1957 Titoli di studio Maturità scientifica Anno scolastico 1976-1977 Liceo Scientifico G.Marinelli Laurea

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Dott. Fabrizio De Nicola

Dott. Fabrizio De Nicola Il sistema sanitario non può più fare a meno della competenza manageriale in quanto il bisogno di salute della popolazione si articola in domande sempre più complesse. Aprire una nuova stagione di formazione

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La Medicina Telematica per le Piccole Isole Antonino Sciré Presidente ANSPI Associazione nazionale sanitaria piccole isole Roma, 24 giugno

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

1. Il 9 Forum Risk Management in Sanità avrà come punti di riferimento: innovazione organizzativa, gestionale, clinica, tecnologica.

1. Il 9 Forum Risk Management in Sanità avrà come punti di riferimento: innovazione organizzativa, gestionale, clinica, tecnologica. DRAFT PROGRAMMA DRAFT PROGRAMMA 1. Il 9 Forum Risk Management in Sanità avrà come punti di riferimento: a. b.. L accento dovrà essere posto su: innovazione organizzativa, gestionale, clinica, tecnologica..

Dettagli

-Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5

-Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5 APPROPRIATEZZA ALLOCATIVA -Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5 Paziente grave che necessita di interventi intensivi e continui Paziente sottoposto ad intervento o con necessità di presa in

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi Genova 28/11/2012 Avv. Tiziana Rumi 1 Decreto Balduzzi: D.L. 13/09/12 n. 158 (C.5440 del 13.09.12) ART. 3-bis (Unità di risk management, osservatori per il monitoraggio dei contenziosi e istituzione dell'osservatorio

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DOLORE FederAnziani

Dettagli

Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 1 - Anno VIII Febbraio 2013

Registrazione N.193 del 29/12/2005 presso il Tribunale di Caltanissetta. N 1 - Anno VIII Febbraio 2013 N 1 - Anno VIII Febbraio 2013 Esami per Dirigenti di Struttura Complessa di area territoriale e ospedaliera Si sono svolti mercoledì 20 febbraio al CEFPAS di Caltanissetta i colloqui finali del Percorso

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket Risorse 2012: I fondi destinati al finanziamento del Ssr sono 17 miliardi e 450 milioni di euro circa, di cui 8,6 miliardi per l'assistenza distrettuale,

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i Lucia i La rete di Terapia del Dolore e le cefalee: stato attuale e prospettive Epidemiologia del dolore cronico In occidente: 39%

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE)

Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE) Titolo del Corso Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE) Soggetti proponenti UNIVERSITÀ MAGNA GRÆCIA

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli