ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO FABRIANO SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALLEGRETTO DI NUZIO. Gli alunni delle classi 4ª sez. b e 4ª sez.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO FABRIANO SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALLEGRETTO DI NUZIO. Gli alunni delle classi 4ª sez. b e 4ª sez."

Transcript

1 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO FABRIANO SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALLEGRETTO DI NUZIO Gli alunni delle classi 4ª sez. b e 4ª sez. c presentano il progetto anno scolastico

2 classe 4ª sez. b classe 4ª sez. C 2

3 Il fabbro batte sul ferro. Un tempo la carta si diffuse ovunque. Gli antichi hanno messo il fiume Giano sullo stemma di Fabriano. C è il fiume; sul fiume un ponte; sul ponte un fabbro che batte sull incudine. I nostri padri, fin dal 13 secolo, scelsero il Lavoro piuttosto che la Potenza (la carta di Fabriano in tutto il mondo). Il toponimo si è prestato a varie interpretazioni, secondo alcuni deriverebbe dal fondersi delle parole Faber in Jano il fabbro sul Giano. Gli storici maggiori affermano che il vocabolo FABRIANO trae origine dalla forma oggettivale del gentilizio romano FABERIUS, proprietario del fondo su cui si eresse la città stessa. 3

4 Fabriano, uno dei comuni più estesi d Italia con i suoi 269,61 Km 2 di superficie, è posto a m 325 s.l.m. in una pittoresca ed ampia vallata attraversata dal fiume Giano. E circondata da colline, al di là delle quali si ergono il monte Fano (m 890), il monte Maggio (m 1361), il monte S. Vicino (m 1435), il monte Cucco (m 1567), oltre il quale svetta maestoso il monte Catria (m 1702). 4

5 DALL EPOCA ROMANA ALL ALTO MEDIOEVO La storia di Fabriano si perde nel tempo (preistoria). È certo, tuttavia,che il primo vero nucleo FABRIANESE fu dovuto al convergere nella nostra zona (410 d. C.) delle popolazioni degli antichi MUNICIPI ROMANI DI TUFI- CUM ED ATTIDIUM, spintevi in un ampio arco di tempio, per sfuggire alle invasioni barbariche. I profughi ATTIDIATI E TUFICANI avevano posto il loro primo insediamento sull altura di CASTELVECCHIO. Si formano così dal VII al X sec. Due nuclei fortificati: CASTRUM VETUS ( CASTELVECCHIO ) e inseguito CA- STRUM NOVUM o (POGGIO) ; oggi sono rimaste rispettivamente la chiesa di S. CATERINA D ALESSANDRIA con il monastero dei francescani e la chiesa di S. MARGHERITA con l attiguo monastero delle suore di clausura. I due CASTRUM si svilupparono fino a formare un centro unico, popoloso e forte. Nel XII ( circa nel 1165 ) Fabriano diventa LIBERO COMUNE. 5

6 (basso medioevo) Nel 1065 castrum fabriani si costituisce libero comune, convivono pacificamente boni homines e semplici homines (artigiani). Si formarono così, intorno ai due castelli cinti da mura, cinque borghi abitati da artigiani e contadini ricchi (rustici): -A Est quartiere S. Biagio con Porta Pisana; -A Ovest quartiere del piano o Poggio con Porta Del Piano; -A Nord borgo S. Niccolò con Porta Del Borgo; -A Sud S. Venanzio con Porta Cervara; -Piccolo borgo LA PORTELLA con Porta del Mercato ( oggi via Damiano Chiesa) Sorsero nuove chiese S. VENANZIO, S. NICCOLO, S. BE- NEDETTO, S. BIAGIO, S. CRISTOFORO fuori le mura. Nella Platea Magna (piazza alta) fu costruito il palazzo del popolo, oggi del Podestà (1255), la fontana maggiore o Sturinalto (1285), la chiesa di S. Francesco alle Logge, la Torre Civica e molti palazzi. Fu necessaria la costruzione di nuove mura terminate da Alberghetto Chiavelli, arricchite da sedici torrioni. Il lavoro artigianale si espresse nella Platea Magna, Platea Mercatale (piazza bassa) in cui si ebbero 38 officine di fabbri (non a caso il fabbro è proprio il simbolo di Fabriano). Lungo le rive del Giano sorsero 40 gualchiere, dalle quale quali uscì la prima carta fatta a mano con filigrana, ancora oggi apprezzata in tutto il mondo. Si formarono corporazioni o università delle arti con i loro regolamenti e statuti. In questo periodo Fabriano si arricchirà di privilegi (XIII sec.): un proprio parlamento, una propria milizia, il diritto di eleggere i propri magistrati. 6

7 RINASCIMENTO Dal comune aristocratico si giunse al comune delle arti, succederà poi la Signoria. Tra le famiglie più potenti emersero i Chiavelli, di stirpe Germanica, che nel 1378 trasformarono il libero comune in Signoria assoluta. Per 60 anni i Chiavelli governarono saggiamente e Fabriano raggiunse il massimo splendore: furono edificate chiese e monasteri; si affermò la scuola pittorica fabrianese, la biblioteca e sorsero tante industrie. La signoria però divenne tirannide e per questo motivo alcuni uccisero i maschi dei Chiavelli durante unaa messa nella chiesa di S. Venanzo (strage dei Chiavelli). 7

8 8

9 Nel XIII sec., per il crescente sviluppo demografico, si erano costituiti 5 borghi o quartieri e una nuova cerchia di mura, che si e- stendeva fino alla riva sinistra del fiume Giano, con 5 porte: 4 grandi ed una piccola. Se ne trovano ancora dei tratti risalenti all epoca dei Chiavelli, ben conservato il torrione di S. Lorenzo. Costruita nel 1283 dal Podestà del Comune di Fabriano Mazzucco di Pisa. Era chiamata S. Martino o Porta Saracena. Ora è rimasto solo il nome al quartiere, dato che la vera porta d ingresso alla città fu demolita agli inizi del XX sec. 9

10 (o Porta Palestro) Era chiamata Cervara perché, secondo una leggenda, da quella porta era entrata in città una cerva inseguita da alcuni cani. In seguito fu chiamata Porta Bersagliera perché il 14 settembre del 1860 vi passarono dei bersaglieri dell esercito del generale Cialdini. La porta fu demolita nel 1930 per agevolare il traffico. Fu detta borgo perché fuori di questa porta, cominciava un piccolo borgo che ora non esiste più: sono rimaste solo la chiesa di S. Cristoforo e la chiesetta di S. Maria di Civita. Anche questa porta fu demolita nel 1900 per agevolare il traffico. 10

11 (Porta Magenta o Porta Romana) Questa porta, chiamata comunemente Porta del Piano, fu ricostruita nel 1735 e poi inesorabilmente demolita nel (Piazza Alta) 11 Piazza del Comune o Piazza Alta è sicuramente il centro più importante di Fabriano. Su di essa gravitano imponenti e superbi palazzi; non per nulla i Fabrianesi la chiamano Il Salotto della città. Un tempo la Piazza era una piccola vallata su cui scorreva un torrentello, il Rivo, che scendeva dalla parte alta della città (zona Serraloggia), si immetteva da

12 porta Cervara lungo la piazza fino a congiungersi col fiume Castellano, oggi Giano. Antiche costruzioni della Piazza del Comune Palazzo del Podestà (1255) Fontana Sturinalto (1285) Palazzo dei Chiavelli (XII secolo) - Municipio Chiesa di S. Francesco alle logge (1292) Torre Civica e Palazzo Vescovile (1300, ricostruiti nel 1542) con stile diverso rispetto alla forma originaria) Gli edifici dei nobili erano in pietra o pietra e mattoncini, alcuni raggiungevano i tre piani di altezza, le finestre erano ampie e molto alte, sormontate da decorazioni e stucchi; i portoni ad arco erano grandi e larghi per fare entrare i cavalli con la carrozza; erano muniti di grosse bussarelle di ottone o ferro. In questi palazzi abitavano conti, marchesi, commercianti ricchi e banchieri. 12

13 (Piazza Bassa) Portico dei Vasari (Madonna col Bambino di Allegretto Nuzi) Piazza bassa si chiama così perché situata in basso rispetto Piazza Alta. Alla sua sinistra vi scorre il fiume Giano (prima Castellano). Proprio per la sua vicinanza al fiume Giano, vi sorsero moltissime botteghe di artigiani, 38 officine di fabbri, vasari, 40 gualcherie di cartai, conciatori di pelli, lanaioli, sellari. Le abitazioni degli artigiani e dei mercanti erano in mattoni, strette ed alte; l una attaccata all altra; le finestre erano piccole strette e non troppo alte. Erano sormontate da una trave in legno resistente. Anche il portone era stretto, basso, di legno, con la bussarella. Accanto al portone c erano ancora piccole finestrelle con grate in ferro; i bagni erano situati all esterno. 13

14 La Cattedrale di Fabriano é dedicata a S. Venanzio. L origine è sicuramente legata ad un tempo poco successivo alla fondazione di Fabriano (1046). Un certo Rodolfo di Corridonia offrì casa ed orto per la fabbrica della chiesa su castel poggio (1046). Nel 1435 all interno della Cattedrale vi fu la strage della famiglia Chiavelli, prima signoria di Fabriano. Fu elevata basilica nel 1963 da Papa Giovanni XXIII. 14

15 Tela raffigurante la Madonna del Buon Gesù 15

16 La via della carta 16

17 Prima dell invenzione della carta, l uomo ha utilizzato i materiali più svariati per scrivere: lastre di pietra (tavole della Legge di Mosè), tavolette di legno, tavolette di avorio ricoperte di cera, papiri, pergamene, ma questi erano difficili da usare e scomodi da utilizzare. Intorno al 105 d.c. un cinese di nome Ts Ai Lun ebbe l idea di fabbricare la carta con fibre vegetali (vedi leggenda). Per ottenere le fibre, Ts Ai Lun fa bollire per lungo tempo, a fuoco diretto, scorze d albero, steli di canapa, reti da pesca, versa il tutto in un mortaio di pietra e con un pestone di legno riduce la massa in poltiglia fibrosa che viene impermeabilizzata (collata) con mucillagine estratta da licheni. Con una forma fatta di listelli di bambù legati con peli di cammello si prende la pasta di carta, si forma il foglio che, insieme agli altri, viene posto ad asciugare sul prato. Nel sec. VIII d.c. l arte di fare la carta viene appresa dagli arabi che apportano un importante innovazione: la tecnica della collatura con amido di riso o di grano. 17

18 L arte della carta è stata introdotta a Fabriano nella prima metà del XIII sec. Sicuramente i fabrianesi parteciparono alle prime crociate in Palestina (Asia minore) e, appresa l arte della fabbricazione della carta, la esercitarono a Fabriano al loro ritorno. INNOVAZIONI DEI MASTRI CARTAI I nostri cartai apportarono delle modifiche inventando nuove tecniche: la pila a magli multipli; la gelatina animale; la filigrana. 18

19 19

20 Sin dal XIII sec. Gli stracci di cotone, canapa e lino venivano messi in un recipiente pieno d acqua che si chiamava maceratoio. Questi, dopo essere stati immersi per lungo tempo in acqua e calce, venivano tagliati finemente nel cassone con falce per il taglio degli stracci. Gli stracci venivano messi nella pila idraulica a magli multipli. Grazie al fiume Giano che faceva muovere la ruota idraulica, per far battere i martelli pesanti dentro i recipienti, gli stracci si riducevano in poltiglia fibrosa: il pisto p pasta di carta. Il pisto veniva gettata in tino pieno d acqua. Il lavorente immergeva il setaccio o forma nel tino e quando lo tirava su, sulla tela si formava il foglio di carta. Esso veniva adagiato dal ponitore su un feltro di lana determinando il distacco del foglio dalla tela. Il piano della tela aveva in un lato una figura o un simbolo cucito in rilievo con filo di rame o bronzo. I fogli con i feltri venivano messi in una pressa o torchio a vite. Degli uomini giravano l argano che pressava i fogli e toglieva l acqua: asciugatura. Il carniccia animale veniva sciolto in un caldaio di rame sul fuoco: si formava così la gelatina animale. Il foglio veniva immerso nella gelatina per renderlo resistente all inchiostro ( impermeabilizzazione ) e, per non farlo rompere nel tempo, veniva poi appeso in un essiccatoio, per farlo asciugare. A questo punto il foglio di carta era pronto per essere lisciato con il calandro. La filigrana è visibile osservando il foglio di carta controluce che, nella zona filigranata, risulta più traparente. 20

21 I nostri cartai, fin dal XIII sec. (1293), usavano dei semplici segni o simboli di filigana per marcare il prodotto. Gradualmente si passò a segni filigranati più complicati e rifiniti per contraddistinguere la qualità e i vari tipi di carta; carta che veniva venduta, già al tempo della signoria Chiavelli, non solo in Italia, ma in tutta l Europa. Filigrana in chiaroscuro 21

22 Stendardo di S. Maria Maddalena patrona dei cartai fabrianesi 22

23 Noi ragazzi della IVª B e IVªC siamo molto felici di aver realizzato questo fascicolo. Ci siamo divertiti a ricercare sui libri storici le notizie della nostra città e ad inserirle nel computer per raccontare la storia di Fabriano e la sua arte nei secoli. Speriamo che le nostre fatiche siano apprezzate. Vi salutiamo allegramente e grazie per la vostra attenzione. 23

24 Ci presentiamo pag. 2 Stemma di Fabriano e toponimo pag. 3 Posizione geografica pag. 4 Cenni Storici o Dall epoca romana all alto medioevo pag. 5 o Libero comune basso medioevo pag. 6 o Signoria - Rinascimento pag. 7 Monumenti pianta di Fabriano pag. 8 Cinta muraria le porte pag. 9 Porta Pisana pag. 9 Porta Cervara pag. 10 Porta del Borgo pag. 10 Porta del Piano pag. 11 Piazza del Comune pag. 11 Piazza del Mercato pag. 13 Piazza della Cattedrale pag. 14 L arte della carta a Fabriano pag. 16 Storia della carta pag. 17 La carta a Fabriano pag. 18 Visita al Museo della carta e della filigrana pag. 19 Le origini della filigrana pag. 21 Stendardo di S. Maria Maddalena pag. 22 Saluti pag

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PROF. GIUSEPPE COSTANTINO SOZ Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di Primo Grado tel./fax 0832/757637 e-mail

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

LABORATORIO ARTE GRAFICA. Carta a mano

LABORATORIO ARTE GRAFICA. Carta a mano LABORATORIO ARTE GRAFICA Carta a mano Ma sopra tutte le invenzioni stupende, qual eminenza di mente fu quella di colui che s immaginò di trovar modo di comunicare i suoi più reconditi pensieri a qualsivoglia

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi.

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi. Area Comunicazione CARTA E CARTONE COS' E' COmE SI RACCOGLIE COSA DIVENTA LA CARTA Nata come strumento per comunicare, oggi circa la metà della carta utilizzata nella nostra società è destinata agli imballaggi.

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Sistema idraulico di Bologna

Sistema idraulico di Bologna Sistema idraulico di Bologna Il territorio di Bologna si presenta in pendenza (da sud a nord) e con differenti altitudini. Dentro lo spazio urbano scorrono i corsi d acqua naturali e artificiali distribuendo

Dettagli

LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA

LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA Lo scenario di questo viaggio in bicicletta è la verde Valle Umbra, fertile e ricca d'acqua. In questa Valle, circondata da montagne e colline coperte da oliveti e vigneti,

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

--- Capitolo dodicesimo LA CARTA

--- Capitolo dodicesimo LA CARTA --- Capitolo dodicesimo LA CARTA Introduzione Quella sulla carta sarà l ultima delle mie lezioni, ma non per questo la considero meno importante delle altre. La carta è il supporto fisico che dà corpo

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

I GIORNO: Ore 14.30 Arrivo e sistemazione presso la struttura alberghiera Hotel****Casarossa

I GIORNO: Ore 14.30 Arrivo e sistemazione presso la struttura alberghiera Hotel****Casarossa Fondata da coloni Greci provenienti dalla regione dell Acaia alla fine dell VIII secolo a.c., Crotone fu una delle più importanti città della Magna Grecia. Situata sul versante est della Calabria, più

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

L incanto italiano: Puglia e Basilicata

L incanto italiano: Puglia e Basilicata L incanto italiano: Puglia e Basilicata Località: Puglia, Salento, Valle d'itria, Basilicata, Terra di Bari Città: Castel del Monte, Trani, Alberobello, Ostuni, Castellana Grotte, Matera, Lecce, Otranto,

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

Oggi parliamo di carta. 100% ecologica

Oggi parliamo di carta. 100% ecologica Oggi parliamo di carta 100% ecologica Guardiamo al futuro partendo da solide basi 2 I NUMERI di Lucart: 7 stabilimenti produttivi 340.000 t/anno di carta prodotta 11 macchine continue (di cui una per carta

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Istituto comprensivo scolastico "Quintino di Vona Tito Speri // scuola media - classe 3 H CRESPI D'ADDA

Istituto comprensivo scolastico Quintino di Vona Tito Speri // scuola media - classe 3 H CRESPI D'ADDA Istituto comprensivo scolastico "Quintino di Vona Tito Speri // scuola media - classe 3 H Obiettivi CRESPI D'ADDA o Osservazione del rapporto tra uomo e ambiente in un tratto della valle dell'adda; in

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Guida di. Fabriano. La storia, l arte, i musei

Guida di. Fabriano. La storia, l arte, i musei Guida di Fabriano La storia, l arte, i musei Guida di Fabriano La storia, l arte, i musei Con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Verona Testi Storia della città, Musei, Giorgio Mangani,

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi

Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi Cova Ferrando Andrea, Ferraro Diego, Bianchi Armando, Corazza Denise, Gaggero Anna, Patrone Lisa, Parodi Alice, Parodi Elisa

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

Castello Malaspina. Tecnologia. Eleganza

Castello Malaspina. Tecnologia. Eleganza Tecnologia Eleganza Licciana Nardi La storia Otto secoli di storia impressi indelebilmente negli antichi manieri, sulle mura dei borghi, nei palazzi signorili, sui portali in arenaria, nelle chiese, ma

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

BENI CULTURALI E RELATIVI PROVVEDIMENTI DI TUTELA AI SENSI DEL DLGS N. 42/2004 E DELLA PRECEDENTE NORMATIVA (1)

BENI CULTURALI E RELATIVI PROVVEDIMENTI DI TUTELA AI SENSI DEL DLGS N. 42/2004 E DELLA PRECEDENTE NORMATIVA (1) COMUNE DI GUBBIO (PG) 1 2 3 LOCALITA'- INDIRIZZO PIAZZA VITTORIO EMANUELE 3 DENOMINAZIONE DEL BENE ANTICA ABBAZIA DI ALFIOLO POI ANTICA ABBAZIA DI ALFIOLO POI PROVVEDIMENTO DI TUTELA DIRETTA DEL 08/06/1911

Dettagli

cd centro documentazione

cd centro documentazione cd centro documentazione Turismo scolastico di puccy paleari / elena pollastri Basilica S. Pietro al Monte Oratorio S. Benedetto sopra Civate ieri nello spazio Viabilità Dov è oggi nel tempo fuori Basilica

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO Come è nata Verona? Com'era Verona all'epoca dei romani? Dove è sorto il primo insediamento romano? Che cosa ci

Dettagli

TORRENTE TAMMARECCHIA

TORRENTE TAMMARECCHIA al fine di far conoscere le caratteristiche storiche culturali, ambientali ed economico- produttive del proprio paese e delle zone limitrofe e per valorizzare il territorio. Il nostro paese, ubicato a

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

UMBRIA. Viaggio d Istruzione. Salve Umbria verde. e TU del puro fonte nume Clitumno!

UMBRIA. Viaggio d Istruzione. Salve Umbria verde. e TU del puro fonte nume Clitumno! UMBRIA Viaggio d Istruzione Salve Umbria verde e TU del puro fonte nume Clitumno! Sento in cuor l antica patria e aleggiarmi su l accesa fronte gl itali iddii. (Giosuè Carducci) Dal 14 al 16 maggio 2014

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

LA STORIA DELLA BICICLETTA

LA STORIA DELLA BICICLETTA LA STORIA DELLA BICICLETTA Dalla realizzazione di un disegno di Leonardo da Vinci tratto dal Codice Atlantico, attraverso velocipedi ottocenteschi originali, fino ai prototipi delle grandi case automobilistiche

Dettagli

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Il 31 Ottobre sono venuti a scuola gli esperti della SILEA. Abbiamo sistemato nel cortile della scuola una compostiera per produrre il compost a scuola. OCCORRENTE:

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO

LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO Come sempre, prima delle uscite didattiche relative al progetto Roma in tasca, le maestre Nina e Ornella ci parlano della

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi BOLOGNA Forma Urbis 3 conventi e borghi 1088 data convenzionale di fondazione dello Studio Bolognese Alma Mater Studiorum La presenza dello Studio richiama studenti dall Italia e da ogni parte d Europa

Dettagli

..PALERMO.. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124,Palermo. Codice fiscale 97225920822. www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.

..PALERMO.. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124,Palermo. Codice fiscale 97225920822. www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus. Associazione Uniamoci Onlus Via E.Giafar n.36-36a 90124, Palermo. Codice fiscale 97225920822. Tel./fax 091.9765893 Cell. 3881294191 www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.it..palermo.. Palermo fu fondata

Dettagli

La Finlandia confina a nord con la Norvegia, a est con la Russia, a ovest con la Svezia; a sud e a ovest è bagnata dal Mar Baltico.

La Finlandia confina a nord con la Norvegia, a est con la Russia, a ovest con la Svezia; a sud e a ovest è bagnata dal Mar Baltico. Finlandia La Finlandia confina a nord con la Norvegia, a est con la Russia, a ovest con la Svezia; a sud e a ovest è bagnata dal Mar Baltico. Il suo territorio fu ricoperto da antichi ghiacciai che hanno

Dettagli

Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago

Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago Il Progetto di Riqualificazione Cromatica per il Comune di Fortunago vuole essere uno strumento attivo per conservare in maniera ottimale il centro storico

Dettagli

Borgo Castello Intorno all antico mastio, circondato anch esso da mura fortificate, sorge Borgo Castello, una sorta di città nella città che si

Borgo Castello Intorno all antico mastio, circondato anch esso da mura fortificate, sorge Borgo Castello, una sorta di città nella città che si LUOGHI DEL FESTIVAL Castello di Gorizia Il castello, risalente al XI secolo, è il cuore antico di Gorizia, situato sull altura che domina la città. Il suo aspetto attuale non rispecchia quello originario

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com TOUR DEL GUSTO,VINO E CIOCCOLATO 2 PERSONE 229 EURO 3 PERSONE 329 EURO 4 PERSONE 429 EURO 5 PERSONE 559 EURO Da 6 a

Dettagli

GITE DI SOCIALIZZAZIONE

GITE DI SOCIALIZZAZIONE GITE DI SOCIALIZZAZIONE ANNO 2015/2016 PER LE SCUOLE SUPERIORI Il Parco archeologico si trova in collina e sorge sulle rive del fiume Trebbia. La vegetazione attuale ripropone le essenze tipiche del Neolitico.

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE Decreto Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 o Legge 22 aprile 1941 n. 633 Comune Località Classe Vincolo Tipo Vincolo N Tutela MODENA Tre Olmi MONUMENTALE

Dettagli

RESIDENZA Borgo Cà Sgarioli

RESIDENZA Borgo Cà Sgarioli Loc. Ca Sgarioli, 5 27047- S.Maria della Versa (Pavia) S.Maria della Versa (PV) Pagina:2 di 11 Il Territorio Da "Sgariolo", soprannome del nobile pavese Antonino Fiori, vissuto tra il 1400 ed il 1500,

Dettagli

PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA. PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012

PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA. PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012 PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012 SITUAZIONE GENERALE La Città Vecchia di Gerusalemme è considerata patrimonio

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana

Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana Linee di indirizzo progettuali Percorsi didattici Biblioteca Teresiana - Biblioteca G. Baratta - a.s. 2015/2016 Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana Dal libro di carta al libro

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo Archeologia Archeologia industriale industriale complesso complessodi diedifici edificiarea areaex ExSift Sift aa Piacenza Piacenza ex exmagazzini Magazzinigenerali generalicomunali comunali Piano Pianocaricatore

Dettagli

Ala dell Arena, particolare. Proposte didattiche

Ala dell Arena, particolare. Proposte didattiche Ala dell Arena, particolare Proposte didattiche Città di Verona (sito iscritto nel 2000) Breve sintesi La città di Verona è situata nell Italia Settentrionale, ai piedi dei Monti Lessini e sulle rive del

Dettagli

S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori:

S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori: S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori: Prof.ssa Claudia Castello e Prof.ssa Giustina Colline USCITA DIDATTICA: UNA GIORNATA TRA ARTE E CONVIVENZA

Dettagli

Storia di Portobuffolè

Storia di Portobuffolè Storia di Portobuffolè Nel primo secolo d.c., lo scrittore Tito Livio, informa che sulla sinistra del fiume Livenza, si trovava un villaggio di pescatori e agricoltori (chiamato Portus Liquentiae ), un

Dettagli

Ripasso per immagini. Il basso medioevo. (Istituto Lussu - A.S. 2010/11)

Ripasso per immagini. Il basso medioevo. (Istituto Lussu - A.S. 2010/11) Ripasso per immagini Il basso medioevo (Istituto Lussu - A.S. 2010/11) Le cattedrali gotiche Abbazia di Saint-Denis, Parigi (XII-XIII sec.) Le cattedrali gotiche Abbazia di Saint-Denis, Parigi (XII-XIII

Dettagli

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana FOTO Panorama di Torino Capoluogo dell'omonima provincia, con 2,3 milioni di abitanti. È una delle province più estese d'italia oltre ad essere la provincia con il più alto numero di comuni (315). Torino

Dettagli

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE Uscito dalle caverne l uomo iniziò a costruire. E probabile che da nomade usò le tende. Una volta divenuto stanziale

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013

Descrizione dettagliata del Programma delle Visite Guidate. Maggio-Giugno 2013 dettagliata del Programma delle Visite Guidate Maggio-Giugno 2013 12-5-13: La necropoli Etrusca di Cerveteri La necropoli etrusca di Cerveteri è sicuramente una delle antiche necropoli più estese al mondo.

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO un viaggio a piedi di 7 giorni Nelle ombre delle dolomiti a sud delle Alpi si cammina nel centro dell Alto Adige. Tra Bressanone,

Dettagli

POR SARDEGNA 2000-2006 COMITATO DI SORVEGLIANZA

POR SARDEGNA 2000-2006 COMITATO DI SORVEGLIANZA POR SARDEGNA 2000-2006 COMITATO DI SORVEGLIANZA Visita guidata Cagliari, 15 febbraio 2008 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA 1. LA CITTÀ DI CAGLIARI: CENNI STORICI Fondata probabilmente già nell'viii secolo

Dettagli

pag. 2 Contenti e felici, passeggiamo lungo il porto, in una serena mattinata riscaldata da un sole quasi primaverile.

pag. 2 Contenti e felici, passeggiamo lungo il porto, in una serena mattinata riscaldata da un sole quasi primaverile. pag. 2 Quest anno, alla scuola media Dante- Carducci, c è stata una grande novità: gli insegnanti di lingue delle classi 3 e hanno organizzato, oltre alle vacanze-studio in Inghilterra e in Francia, anche

Dettagli

Vincolo n. 30 Porta Sant'Alessandro Estratto foto prospettica

Vincolo n. 30 Porta Sant'Alessandro Estratto foto prospettica Vincolo n. 30 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 30 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

NOME CLASSE DATA.. PROVA ESPERTA

NOME CLASSE DATA.. PROVA ESPERTA NOME CLASSE DATA.. PROVA ESPERTA Una famiglia, composta da 2 adulti e 2 bambini, uno di 5 e l altro di 11 anni, ha deciso di visitare la città di Verona il giorno 2 giugno, per approfondire gli argomenti

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

torri, castelli, borghi murati del nostro territorio

torri, castelli, borghi murati del nostro territorio a cura di Simonetta Carizzoni in collaborazione con Archivio Comunale Memoria Locale per ics A. Volta, obiettivo curriculum locale torri, castelli, borghi murati del nostro territorio 1. Il CASTELLO DI

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

www.welcomepadova.it www.welcomepadova.it

www.welcomepadova.it www.welcomepadova.it Welcome Padova Dov è Padova? Nel cuore del Veneto! a 30 minuti d auto da Venezia a 30 minuti d auto da Vicenza a 50 minuti d auto da Verona a 50 minuti d auto da Treviso Venezia Venezia, a 30 minuti da

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli