Chioggia nel Medioevo Arti e Mestieri in Clugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chioggia nel Medioevo Arti e Mestieri in Clugia"

Transcript

1 Chioggia nel Medioevo Arti e Mestieri in Clugia Direzione Didattica 5 Circolo Chioggia Scuola Elementare "B. Caccin" a.s. 2001/2002 Progetto Marciliana Classi 4^ A-B-C-D La Marciliana, antica nave destinata al piccolo commercio, detta magna quando raggiungeva tonnellaggi considerevoli, è il simbolo della manifestazione e ne dà il nome. Costruita prevalentemente nei cantieri medievali della nostra città, divenne sinonimo del coraggio e dello spirito di adattamento dei nostri marinai. Centinaia di marciliane percorsero l'adriatico ed il Mediterraneo orientale per tutto il medioevo sino alla fine del 700. Per due giorni (il terzo sabato e la terza domenica di Giugno) viviamo e facciamo vivere un'atmosfera medioevale. La piazza si anima dei vari personaggi come se fossero ritornati in vita da un lontano passato: gli artigiani intenti alle loro occupazioni, le lavandaie a far bucato con la cenere per sbiancare i panni, il fornaio a cuocere il pane, le ricamatrici, gli osti con gli avventori rumorosi, i monelli intenti ai loro semplici giochi, gli armati a fare esercizio d'armi, i contadini ad accudire all'orto ed ai loro attrezzi. E' giorno di fiera, la fiera del sale, ed i salinai decantano la purezza del loro prodotto; i musici rallegrano i visitatori venuti dalle terre di Lombardia per acquistare il sale, il popolo festeggia con balli e musiche per la nuova ricchezza che arriva in città.il cerusico promette miracolose guarigioni e qualche ladruncolo approfitta della confusione, il precone informa ad alta voce cittadini e

2 forestieri sulle disposizioni per l'ordine pubblico, contro le sofisticazioni, sulla pulizia della piazza ma gli armati sono vigili perché i nemici sono sempre vicini ********** ********** ********** ********** ********** ********** ********** Arti e Mestieri FORNAIO PISTOR Il mestiere del fornaio o pistor era sicuramente diverso da quello degli attuali panettieri. Diverse erano le qualità di pane e diverso l impasto che, oltre al frumento, conteneva altri cereali come il miglio e il sorgo. Il pistor, cuoceva l impasto preparato dalle donne a casa, ma qualche volta, preparava egli stesso alcune pagnotte per i viaggiatori o per chi non poteva prepararsele da solo. L abilità del fornaio consisteva nel saper mantenere la giusta temperatura durante la cottura; non dimentichiamo che non aveva a disposizione né orologio né termometro. Possedeva quest arte solo chi aveva molta esperienza perché aveva fatto fin da giovane il putto di bottega. Il calore del forno era ottenuto bruciando fascine di canne palustri essiccate. I Tipici prodotti da forno erano i papini (le squisite ciambelline pasquali che ancor oggi si possono trovare in qualche forno), i bossolai, le roscane (grossi ciambellotti di pane secco a lunga conservazione). Nel Medioevo l impasto per il pane era preparato due volte il mese, preferibilmente di giovedì, e portato a cuocere il sabato in modo d avere, almeno per qualche domenica, del pane morbido. Il pane era solitamente secco e nero, quello bianco era solo per le grandi occasioni. Pochi erano i dolci e destinati solitamente alle famiglie ricche; erano a base di frutta e al posto dello zucchero che non esisteva si usava il miele o la zucca. Il dolce natalizio dei poveri era la smegiassa preparata con l economica melassa di barbabietola.

3 IL FALEGNAME MARANGON Uno dei mestieri più antichi è quello del falegname. Il legno, infatti è sempre stato un materiale facilmente reperibile e versatile. I falegnami, detti a Chioggia marangoni, producevano: imposte, porte, mobilia, suppellettili, attrezzi da lavoro e pesino mezzi di trasporto terrestre. Purtroppo non c'è rimasto niente degli oggetti di legno prodotti ai tempi della guerra con i Genovesi perché tutti i principali edifici furono rasi al suolo. Si suppone, però, che in quel periodo i falegnami avessero contribuito alla bellezza di molte chiese. Nella bottega dei marangoni lavoravano il maestro, alcuni operai specializzati e gli apprendisti detti putti. I maestri davano le direttive; i dipendenti, per ottenere la qualifica superiore, dovevano superare la prova d arte. I pochi attrezzi metallici del falegname medievale erano molto preziosi perché fatti a mano da abili fabbri. Come carta vetrata veniva usata la pelle essiccata di alcuni pesci come lo squalo smeriglio. IL RETAIO Nella bottega del falegname gli oggetti venivano progettati in relazione al materiale disponibile perché non venisse sprecato legno. Erano i segantini che sgrossavano i pezzi con delle grandi seghe dotate di manici contrapposti. La rete veniva realizzata filando e intrecciando fibre naturali come la canapa, usando la linguetta di legno per ottenere le maglie della rete, lavorando in modo simile a quello che si fa con l uncinetto. Poi veniva fatto un trattamento antiputrescente : la intenta, cioè la rete veniva trattata in un bagno di gemme di pino.le reti antiche non erano molto grandi perché pochi andavano a fare la pesca d altura e, visto che non si poteva conservare il pesce se non con il sale, non serviva pescarne grosse quantità.le reti erano fabbricate dalle donne, dagli anziani, da tutti quelli che, pur appartenendo a famiglie di pescatori, non potevano andare in mare. Alla produzione delle reti si dedicavano le persone più deboli e più povere. I retai godevano ingiustamente del minor prestigio e avevano basse retribuzioni. Ma con la crisi dell attività cantieristica e navale dell età napoleonica, ebbe un notevole calo anche l attività dei canevini che si ridusse di molto (nel1847 erano solo 11). L attività, comunque, si mantenne viva fino a pochi anni fa e gli ultimi canevini sono stati i fratelli Voltolina che ereditarono il mestiere nel 1927 dal padre. Le zone in cui si svolgeva l attività erano principalmente: Campo Marconi (chiamato Cava ), calle Cipolla, calle Forno

4 Filippini e il Fossò, la zona di fronte al cimitero di Chioggia. IL CORDAIO CANEVIN Uno degli antichi mestieri più interessanti dal punto di vista manifatturiero era l arte dei canevini (cordai). I filacanevi avvolgevano sottili fili di canapa fino a farli diventare robuste corde per l attracco dei bragozzi o reti da pesca. Per attorcigliare i fili venivano usate grandi ruote di legno o di ferro (fusolere) che venivano girate a mano o mediante un paio di masiole (manovelle) portatili, fissate al petto dei putti (ragazzini) che le manovravano allontanandosi sempre più dal padrone che lasciava sfilare lentamente il canapo.tutto questo avveniva mentre i fili scorrevano su rudimentali cavalletti di legno. Molti erano i ragazzini impegnati in questa attività, e la frase Te mando dai canevini se ti sta cativo, era diventata un detto popolare.fino al 700 i canevini erano un numero discreto, ma non tale da soddisfare tutte le richieste di cordame dell epoca SARTO SARTORE Chi ha detto che l abito non fa il monaco?a Chioggia l abito era una vera e propria carta d identità e nessuno avrebbe osato cambiare il vestiario usato dalla propria casta. Pochi, però potevano permettersi il sartore (sarto); inoltre i ricchi preferivano acquistare i propri abiti a Padova o a Venezia, snobbando i sarti clodiensi. Le donne chioggiotte, piuttosto che spendere soldi in vestiti, si davano da fare per rattoppare e riciclare i vestiti passandoli dal marito al figlio fino alla totale usura.gli ortolani si distinguevano per le calze azzurre, il saio lungo fino ai lombi e il berretto di colore diverso dagli altri. I marinai usavano il "giacheton" (giaccone pesante) più corto. I pescatori usavano vestiti di flanella o di Oltre ai vestiti da lavoro, c erano i vestiti da panno grezzo, calze grosse di lana fino a metà tera (da passeggio), ma spesso erano lo stesso coscia, fascia di lana al collo e berretto rosso con tipo di abiti. Le donne vestivano tutte allo stesso fiocco blu, come cintura una cordicella girata più modo: tonda (grembiule), polacca (busto), volte in vita. traverson e fazzoletto colorato. Il censimento del 1896 a Chioggia conta 12 sarti e 28 calegheri (calzolai).

5 Fino alla seconda guerra mondiale, il remero era un lavoro ancora in voga a Chioggia. L ultimo laboratorio è stato quello di Aldo Camuffo in calle Luccarini. REMAIO REMERO Gran parte delle attività artigianali a Chioggia erano incentrate sulla pesca. Lo scafo della barca veniva fatto in squero, mentre tutti gli accessori venivano fatti da artigiani appositi. Il remero (remaio) era l unico in grado di costruire i remi secondo regole ben precise e tecniche tramandate di generazione in generazione. Quella del remero era proprio un arte che affascinava i giovani garzoni che volevano apprendere il mestiere anche se malpagati.il legno usato poteva essere il rovere, il pino, il larice e l abete. Lo strumento più usato era la dalavora o sgheldura, una piccola scure per il taglio del legno; altri strumenti venivano usati per l intaglio.il remero costruiva anche le forcole (scalmi), i paternostri (corone che legavano l antenna all albero), le bigòte (bozzelli per tirar su con le corde le vele), gli scassadiavoli e i torcoli (aggeggi per spingere a fondo la rete). FABBRO FRAVO Si diceva a Chioggia: Arcùsene e martelo svele el bon fravo (l incudine e il martello svelano il buon fabbro). E infatti il fabbro, detto pestafero, lavorava piegando il ferro rovente usando esclusivamente incudine e martello. Il pestafero costruiva tutta la ferramenta necessaria per l interno delle imbarcazioni, inoltre faceva chiavi, chiavistelli, serrature, qualche spada e ferri da cavallo. Le botteghe dei fabbri erano soffocanti per il gran caldo provocato dai fuochi alimentati dal soffio della fòla (mantice), che servivano a surriscaldare il ferro. Nel 1896 a Chioggia si contano 18 fabbri.

6 CALEGHERO CALZOLAIO I calegheri, cioè i calzolai, facevano le calzature con legno e cuoio. Gli uomini portavano pesanti pantofole, le donne usavano le pianelline appuntite che coprivano solo la punta del piede. I calzolai di Chioggia erano riuniti nella confraternità di S.Marco con altare nella chiesa di S.Giacomo. CARPENTIERE SQUERARIOLO A Chioggia, in epoca medievale, una delle categorie che godeva maggior prestigio e potenza era quella dei costruttori navali, detti squerarioi. A Chioggia c erano molti cantieri navali dove carpentieri e CESTAIO SESTARO Il mestiere del cestaio, oggi praticamente scomparso,era un tempo assai diffuso. Il giunco intrecciato era, infatti, considerato la materia prima più duttile (cioè facilmente lavorabile) ed economica. La professione di cestaio è ricordata nei cognomi Cester e Cestari. Le fascine di giunco (detto venco, in dialetto) provenivano solitamente, dalle campagne circostanti. Le portavano in città i contadini che qui si recavano per vendere le loro cose. Grandi quantità ne arrivavano a Clugia, attraverso i canali, anche da Lauretum (Loreo) e da Caput Aggeris (Cavarzere).Questo materiale, che abili mani intrecciavano con gran rapidità nelle diverse forme, era utilizzato per la realizzazione di tutti i contenitori destinati all uso domestico, perché costavano molto meno di quelli in legno, e per i contenitori destinati ai lavori legati al mare e alla campagna. I cestari chioggiotti erano però specializzati nella produzione di vivai per pesci e crostacei e dei vieri in particolare. Quest attività è sopravvissuta fino agli anni sessanta. L ultimo intrecciatore di venchi lo si poteva ammirare fino a pochi anni fa davanti al suo magazzino in calle Malanni. I carpentieri, consapevoli della loro maestria e della loro importanza, ne approfittavano e costruivano imbarcazioni sotto casa e perfino in piazza, senza badare alle proteste dei vicini o ai danni causati alle proprietà altrui quando le barche venivano varate. Il Comune dovette

7 calafati (coloro che tappavano con la pece le fessure delle imbarcazioni per renderle impermeabili), lavoravano dall alba al tramonto.. intervenire e stabilire che i squeri (cantieri)venissero trasferiti sul Canal Vena. Ma i galafadi più orgogliosi trasgredivano volentieri la legge e portavano le loro barche in processione da Vigo a Santa Maria prima di vararle. Quello degli squerarioi era un arte e ognuno di loro possedeva proprie tecniche segrete e aste con annotate misure indecifrabili.una volta che i segantini avevano tagliato le tavole, i carpentieri, seguendo un preciso disegno, costruivano l imbarcazione usando per lo più un sistema di incastri e di uciture catramate, anche perché non era facile trovare i chiodi metallici. Alla fine della costruzione della struttura, l imbarcazione veniva resa impermeabile riempiendo le fessure di stoppa saturata di pece. La pegola nera veniva usata al posto della vernice. Molto importante era anche il lavoro di manutenzione del fondo e della struttura che i calafati facevano. Senza una buona manutenzione, le imbarcazioni, costruite senza chiodi, si sarebbero ben presto smembrate. O R A F O L oro era un simbolo di potere, di condizione sociale agiata, e spesso per i ceti più umili, era un modo per eguagliarsi ai ricchi. A Chioggia il culto dell oro è sempre stato ben radicato e le mogli dei pescatori non rinunciavano al passeggio al braccio del marito, con qualche anello e qualche collanina, anche se di poco valore. Naturalmente erano i nobili a far sfoggio per piazza, soprattutto nei giorni di festa, di gioielli preziosi. Gli orafi usavano varie tecniche per lavorare il prezioso metallo, ottenuto mediante fusione con altri metalli per migliorarne la consistenza. La tecnica della Filigrana consisteva nell intrecciare e schiacciare uno o più fili d oro per creare delle decorazioni: questa tecnica era usata in particolare per gli oggetti sacri; la Granulazione veniva ottenuta con minuscole perline saldate su una superficie liscia. Famosa era anche la tecnica della Cera persa con la quale il gioiello veniva realizzato all internodi uno stampino di cera, colando all interno l oro fuso. Tuttavia le tecniche più comuni erano quella classica dell Incisione ottenuta grazie al bulino, strumento che cambiava forma a seconda delle esigenze dell orafo, e quella dello Sbalzo e Cesello che permetteva di dare rilievo a gioielli e oggetti preziosi (calici, tabernacoli, candelabri) Insomma l arte orafa si presentava, fin dalle sue origini, anche a Clugia, in tutto il suo splendore e difficoltà di tecniche.

8 SCALPELLINO li mestiere dello scalpellino non era molto diffuso nella Chioggia medievale. La gente del luogo aveva difficoltà a procurarsi comodamente la pietra. La trachite dei Colli Euganei era molto cara perché i Padovani vi imponevano pesanti dazi, la candida pietra d Istria, invece, acquistata sull altra sponda dell Adriatico e trasportata, via mare, correva il rischio di essere rubata dai pirati che allora infestavano i mari in grande numero. I blocchi di pietra erano utilizzati solo per i lavori in cui non si poteva usare un altro materiale. I pochi scalpellini dovevano, perciò, lavorarlo con maestria per non sprecarlo. La preziosità della pietra e del marmo ne imponeva un uso parsimonioso e d altissima specializzazione. I pochi pezzi disponibili erano destinati alle chiese e al palazzo del Governo.Gli scalpellini dell epoca dovevano essere, così, dei veri e propri scultori. Tracce di realizzazioni d epoca medievale si trovano sparse per la città. Sono statuette e particolari decorativi. Ne sono esempio i piccoli simulacri di santi collocati in nicchie esterne sulla parete settentrionale della cattedrale. Sembra siano state salvate dalla distruzione, a causa di un incendio, del precedente duomo romanico. IL SALINAIO Chioggia divenne famosa nel medioevo grazie alla produzione del sale in laguna. L estrazione del sale richiedeva impianti idraulici complessi costruiti grazie alla collaborazione di un gran numero di lavoratori. Tali strutture si chiamavano fondamenti ed erano costituiti da decine di vasche di raccolta chiamate saline. Un fondamento era di forma rettangolare, molto grande (poteva essere lungo 700m. e largo 300m.) e la manutenzione degli argini esterni richiedeva forti spese che venivano ripartite fra i proprietari delle saline.la raccolta si svolgeva da giugno a settembre, poi la porta principale veniva aperta e le acque invadevano tutte le saline. I salinai, per raccogliere il sale, usavano un grande rastrello chiamato gavarro.

9 IL PESCATORE Il pescatore era uno dei lavori più diffusi a Chioggia. La pesca si svolgeva in due forme: vallicoltura e pesca vagantiva. Nei fondamenti di saline abbandonati si allevavano orate, anguille e molluschi. La pesca vagantiva (con le barche) si svolgeva in laguna e nelle acque costiere. I pescatori usavano piccole imbarcazioni nelle quali lavoravano due o tre persone. Venivano usate reti di vario tipo: ostregheri, tratte Dal 1400 si diffuse anche la pesca notturna e sulla prora della barca veniva posto un braciere con il fuoco acceso. L ORTOLANO Nel medioevo a Chioggia molti salinai si dedicavano anche al lavoro dei campi. Finita la stagione della raccolta del sale, molti uomini e donne coltivavano i terreni adiacenti alle loro case. Le proprietà erano divise in terreni rettangolari fra di loro paralleli e formavano una struttura simile a quella dei fondamenti.il territorio di Chioggia non si prestava alla coltivazione dei cereali,così si sviluppò l orticoltura e la viticoltura. VASAIO - CERAMISTA A Chioggia c erano molti vasai e ceramisti che lavoravano l argilla reperibile nei pressi dei fiumi che allora non avevano argini.una volta eliminate le impurità, il ceramista plasmava l argilla con le sue mani fino ad ottenere la forma voluta. Per fare vasi, ciotole, piatti e altri oggetti di forma cilindrica, si faceva girare la materia prima su di un tornio spinto a piede. Altre forme si ottenevano comprimendo l argilla dentro degli stampini di gesso. Una volta ottenuta la forma, si procedeva alla verniciatura con sostanze vetrificanti e infine alla cottura che doveva avvenire a temperatura elevatissima. Non essendoci strumenti per misurarla il vasaio esperto sapeva orientarsi osservando il colore che i minerali assumevano durante la cottura. Quando un lavoro non riusciva bene veniva gettato nei canali e, dai

10 cocci rinvenuti, abbiamo potuto constatare che i ceramisti di Chioggia erano proprio bravi. IL MONACO MURERO Nel Medioevo i muratori formavano una categoria potentissima in tutta Europa. Essi si spostavano da un luogo all altro per acquistare gli appalti delle grandi opere: cattedrali, palazzi, castelli e fortificazioni delle città-stato e non volevano assoggettarsi al potere politico. Non volevano lavorare come sudditi dei vari principi, ma prestare la loro opera come liberi imprenditori. A Chioggia una delle più importanti opere medioevali è la torre di S. Andrea, progettata secondo precisi calcoli. Ma altre torri di avvistamento erano state fatte costruire dal governo di Clugia un po dappertutto, per difendere le saline dalle aggressioni.tra le più importanti costruzioni sono da ricordare La Torre di Bebe lungo la strada che congiunge Chioggia a Cavarzere e il Castello della Lupa nella fortezza di San Felice. Tali opere testimoniano l abilità dei mureri chioggiotti specialmente nei calcoli delle fondamenta su terreni instabili. Questa loro esperienza le rese famosi e ricercati anche presso altre città. Il senso religioso a Chioggia era, in epoca medievale, molto forte anche a causa delle difficoltà della vita. Infatti carestie, epidemie, pestilenze, burrasche erano molto frequenti e la gente sentiva il bisogno di rivolgersi a Dio con la preghiera. Testimonianza della vita religiosa erano le numerose confraternite di laici e i monasteri e conventi che vi erano. Oltre al monastero benedettino di San Michele (anteriore al 727) di Brondolo,furono costruiti i seguenti conventi: San Giovanni Battista fuori mura (Camaldolesi); San Francesco fuori mura (Francescani); San Nicolo (Agostiniani); San Domenico (Domenicani).Esistevano anche due monasteri di monache cistercensi: Santa Caterina nell isola Saloni e Santa Caterina del deserto (nel luogo dove ora è situata la scuola elementare Caccin). Dopo la

11 guerra di Chioggia rimasero intatti solo i monasteri di San Domenico e San Nicolò.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

ABITARE E LAVORARE A CHIOGGIA NEL TRECENTO. classi 4^ A-B-C Scuola Elementare "B. Caccin"

ABITARE E LAVORARE A CHIOGGIA NEL TRECENTO. classi 4^ A-B-C Scuola Elementare B. Caccin ABITARE E LAVORARE A CHIOGGIA NEL TRECENTO classi 4^ A-B-C Scuola Elementare "B. Caccin" INTRODUZIONE ALLA MOSTRA STORICA Quella illustrata in questa mostra è una Chioggia ormai scomparsa, di cui vogliamo

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi

Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi Il monastero medievale La vita al monastero e l'abbigliamento dei religiosi Cova Ferrando Andrea, Ferraro Diego, Bianchi Armando, Corazza Denise, Gaggero Anna, Patrone Lisa, Parodi Alice, Parodi Elisa

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

I Macachi. Speciale Liguria IL PRESEPE SAVONESE E ALBISOLESE. Dalla creazione all allestimento nel Presepe delle figure tipiche savonesi e albisolesi

I Macachi. Speciale Liguria IL PRESEPE SAVONESE E ALBISOLESE. Dalla creazione all allestimento nel Presepe delle figure tipiche savonesi e albisolesi IL PRESEPE SAVONESE E ALBISOLESE Speciale Liguria I Macachi Dalla creazione all allestimento nel Presepe delle figure tipiche savonesi e albisolesi Figurinaie al lavoro. Anni 30 Nella tradizione popolare

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Attività/ settori economici

Attività/ settori economici 1 PRIMARIO SECONDARIO Attività/ settori economici TERZIARIO 2 ATTIVITA ECONOMICHE: Servono ad organizzare le risorse disponibili per soddisfare i BISOGNI dell uomo. BISOGNO: tutto ciò di cui l uomo ha

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo.

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo. Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005 C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo Nome e cognome Museo Storico Etnografico Sampeyre Percorsi didattici estate 2005

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com I FUNARI del Vesuvio 1 Parte seconda Di Aniello Langella La storia dei funari è sicuramente una storia comune a tanti luoghi di mare. Ma certamente le vicende che legano questo antico mestiere all uomo

Dettagli

I SETTORI DELL'ECONOMIA

I SETTORI DELL'ECONOMIA I SETTORI DELL'ECONOMIA L'ECONOMIA È L'INSIEME DELLE ATTIVITÀ CHE SERVONO A DARE BENI E SERVIZI ALLA POPOLAZIONE L'ECONOMIA HA TRE SETTORI: SETTORE PRIMARIO SONO LAVORI A CONTATTO CON L'AMBIENTE NATURALE:

Dettagli

a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO

a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO LA CIVILTÀ EGIZIA LUOGO SOCIETÀ TEMPO ASPETTI DI VITA QUOTIDIANA CLICCA SULL OVALE CHE PREFERISCI RELIGIONE ECONOMIA

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Bombardamenti a Brindisi

Bombardamenti a Brindisi BRINDISINI LA MIA GENTE Bombardamenti a Brindisi Giovanni Membola Via Cittadella, e al fondo Via Santa Aloy, all alba del 8 novembre 1941 Cosimo Guercia Le abitazioni bombardate Roberto Guadalupi Bombardamenti

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

Immagini dell autore.

Immagini dell autore. Sfida con la morte Immagini dell autore. Oscar Davila Toro SFIDA CON LA MORTE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato ai miei genitori, che

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Il Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia Il Carnevale di Venezia Adrienn Kádek 11/10/2011 Non sei tu che ti metti la maschera, ma è la maschera a mettersi te... (A. Scarsella) Punti principali Il Carnevale antico Le maschere Le feste Il Carnevale

Dettagli

IL MIO QUADERNO INVALSI

IL MIO QUADERNO INVALSI GABRIELLA PORINO LIBRO MISTO PROGETTO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO INFORMATIVO DI ARGOMENTO GEOGRAFICO GABRIELLA PORINO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

GLATI Federazione Associazioni Artigiani Ticino

GLATI Federazione Associazioni Artigiani Ticino GLATI Federazione Associazioni Artigiani Ticino Artigiano è colui che produce con lavorazione per lo più a mano o con l ausilio di macchinari semplici La Federazione delle Associazioni di Artigiani del

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

BAMBINI FULVIO BIANCONI ALLA VENINI 3.9.20 5 0..20 6 LE STANZE DEL VETRO. Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia

BAMBINI FULVIO BIANCONI ALLA VENINI 3.9.20 5 0..20 6 LE STANZE DEL VETRO. Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia MINI FULVIO INONI LL VENINI 3.9.20 5 0..20 6 LE STNZE EL VETRO Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia 10 19 hiuso il mercoledì informazioni: T +39 041 522913 Visite guidate: Numero verde 00 662 477 artsystem@artsystem.it

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Classi IV A e B Scuola primaria Don Milani a.s. 2007/08 1 Giuseppe Brollo è originario di un paesino vicino a Treviso. Regione Veneto 2 Nel lontano 1939, si trasferì a

Dettagli

LAPPONIA: Terra di contrasti

LAPPONIA: Terra di contrasti LAPPONIA: Terra di contrasti La Lapponia è la regione svedese più estesa. In Lapponia svedese l ambiente è davvero suggestivo: neve, silenzio, spazio - ma anche incontri bellissimi con i cani husky, le

Dettagli

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI LATERINA Guida turistica per bambini A cura della Scuola dell infanzia di Laterina, in collaborazione con il Comune di Laterina e l associazione culturale La Rocca

Dettagli

P:S. Questa piccola guida è pensata per i ragazzi che potranno così accompagnare i propri genitori alla scoperta di Saccolongo.

P:S. Questa piccola guida è pensata per i ragazzi che potranno così accompagnare i propri genitori alla scoperta di Saccolongo. Per conoscere un po della storia di Saccolongo, ma anche godere di bei paesaggi, tenersi in forma e divertirsi, si può fare una bella passeggiata sull argine del Bacchiglione. Noi ne avremmo una interessante

Dettagli

LA LAGUNA SCONOSCIUTA by Giorgio e Lucio

LA LAGUNA SCONOSCIUTA by Giorgio e Lucio LA LAGUNA SCONOSCIUTA by Giorgio e Lucio 30 Aprile 3 Maggio Programma Giovedì 30 aprile 2009 Arrivo individuale al Camping Union Lido del Cavallino e sistemazione in zona riservata (accesso max ore 22,00,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi. Anno scolastico 2005/2006. Dal progetto di Circolo Facciamo un gioco

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi. Anno scolastico 2005/2006. Dal progetto di Circolo Facciamo un gioco Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Anno scolastico 2005/2006 Dal progetto di Circolo Facciamo un gioco Musica in gioco!! I bambini e le bambine della sezione 4/B della scuola dell infanzia Albertario

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

GIOVANNI VERGA (1840-1922)

GIOVANNI VERGA (1840-1922) GIOVANNI VERGA (1840-1922) BIOGRAFIA NASCE A CATANIA LEGGE LA NARRATIVA FRANCESE IDEALI GARIBALDINI 1865: VA A FIRENZE, INIZIA AD AVERE SUC- CESSO IN LETTERATURA 1872: SI TRASFERISCE A MILANO (ROMANZI

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

E naturalmente il lavoro

E naturalmente il lavoro Finita l attivitò vulcanica, formati i suoli, prodotte le piante, ecco arrivare gli animali e, ovviamente, il più intelligente: l uomo, che, ormai, è Homo sapiens sapiens capace quindi, più dei suoi antenati,

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Corso Chierichetti Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Abiti liturgici Per le liturgie, i sacerdoti e coloro che prestano servizio all altare indossano abiti speciali perché si sta svolgendo

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

ARREDI, OGGETTI E PARAMENTI SACRI

ARREDI, OGGETTI E PARAMENTI SACRI ARREDI, OGGETTI E PARAMENTI SACRI Altare Mensa a forma rettangolare. Ambone Luogo apposito, soprelevato, ai lati del presbiterio, dal quale si proclama la parola di Dio. Non tutte le Chiesa hanno un ambone.

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione per GENERATORE IDROELETTRICO PER BASSE PREVALENZE

Istruzioni d uso e manutenzione per GENERATORE IDROELETTRICO PER BASSE PREVALENZE Istruzioni d uso e manutenzione per GENERATORE IDROELETTRICO PER BASSE PREVALENZE Modelli: ZD1.8-0.3DCT4-Z ZD2.0-0.5DCT4-Z ZD2.2-0.7DCT4-Z ZD2.5-1.0DCT4-Z Questo manuale contiene informazioni importanti

Dettagli

Nave da carico. Nave da guerra

Nave da carico. Nave da guerra I Fenici I commerci fenici L'espansione fenicia trasse origine dai commerci, che i Fenici praticavano su tutte le coste mediterranee. Si erano mossi sulle rotte aperte dai Micenei alla ricerca di metalli

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali.

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali. l territorio del Veneto Orientale è interessato da importanti fiumi e bacini idrici che hanno segnato il passo delle civiltà abitanti queste terre. La simbiosi tra l uomo e le acque è continuata nei secoli

Dettagli

Figura Professionale codice FP136 ADDETTO/A PRODUZIONE DI PIZZA TONDA

Figura Professionale codice FP136 ADDETTO/A PRODUZIONE DI PIZZA TONDA settore Comparto descrizione ALBERGHI E RISTORANTI ALBERGHI E RISTORANTI Persona che garantisce la preparazione e la cottura nel forno a legna dei vari tipi di pizze tonde proposte, nel rispetto delle

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa )

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa ) A spasso per le botteghe storiche del centro. Rintocchi di martello, forbici che tagliano, mani che lavorano: alla scoperta del vero artigianato fiorentino. Itinerario Libero non Guidato ( durata tour

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI facciamo il nostro lavoro con passione 2 bavarese al caffè - 250 ml di latte - 250 ml di caffè - 500 ml di panna montata - 120 g di zucchero - 8 gr di colla di pesce - 125 g di tuorli d uovo (ovvero 6

Dettagli

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1 NOME FILE: ITA_B_Le-mie-amiche_testo CODICE DOCUMENTO: S ITA B B S 9 DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B SCUOLA: secondaria di grado

Dettagli

Cosa farò da grande?

Cosa farò da grande? Scuola dell Infanzia Paritaria Maestre Pie Rimini Progetto educativo Cosa farò da grande? Anno Scolastico 2009/2010 Quest anno abbiamo voluto coinvolgere i bambini e le famiglie in una programmazione incentrata

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Le vetrine di Natale. ispira la tua attività

Le vetrine di Natale. ispira la tua attività Le vetrine di Natale Come ogni anno presi dall euforia di allestire le proprie vetrine per il Natale, si rischia di farsi prendere dal panico o dal timore di spendere troppo e non riuscire a fare nulla

Dettagli