Chioggia nel Medioevo Arti e Mestieri in Clugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chioggia nel Medioevo Arti e Mestieri in Clugia"

Transcript

1 Chioggia nel Medioevo Arti e Mestieri in Clugia Direzione Didattica 5 Circolo Chioggia Scuola Elementare "B. Caccin" a.s. 2001/2002 Progetto Marciliana Classi 4^ A-B-C-D La Marciliana, antica nave destinata al piccolo commercio, detta magna quando raggiungeva tonnellaggi considerevoli, è il simbolo della manifestazione e ne dà il nome. Costruita prevalentemente nei cantieri medievali della nostra città, divenne sinonimo del coraggio e dello spirito di adattamento dei nostri marinai. Centinaia di marciliane percorsero l'adriatico ed il Mediterraneo orientale per tutto il medioevo sino alla fine del 700. Per due giorni (il terzo sabato e la terza domenica di Giugno) viviamo e facciamo vivere un'atmosfera medioevale. La piazza si anima dei vari personaggi come se fossero ritornati in vita da un lontano passato: gli artigiani intenti alle loro occupazioni, le lavandaie a far bucato con la cenere per sbiancare i panni, il fornaio a cuocere il pane, le ricamatrici, gli osti con gli avventori rumorosi, i monelli intenti ai loro semplici giochi, gli armati a fare esercizio d'armi, i contadini ad accudire all'orto ed ai loro attrezzi. E' giorno di fiera, la fiera del sale, ed i salinai decantano la purezza del loro prodotto; i musici rallegrano i visitatori venuti dalle terre di Lombardia per acquistare il sale, il popolo festeggia con balli e musiche per la nuova ricchezza che arriva in città.il cerusico promette miracolose guarigioni e qualche ladruncolo approfitta della confusione, il precone informa ad alta voce cittadini e

2 forestieri sulle disposizioni per l'ordine pubblico, contro le sofisticazioni, sulla pulizia della piazza ma gli armati sono vigili perché i nemici sono sempre vicini ********** ********** ********** ********** ********** ********** ********** Arti e Mestieri FORNAIO PISTOR Il mestiere del fornaio o pistor era sicuramente diverso da quello degli attuali panettieri. Diverse erano le qualità di pane e diverso l impasto che, oltre al frumento, conteneva altri cereali come il miglio e il sorgo. Il pistor, cuoceva l impasto preparato dalle donne a casa, ma qualche volta, preparava egli stesso alcune pagnotte per i viaggiatori o per chi non poteva prepararsele da solo. L abilità del fornaio consisteva nel saper mantenere la giusta temperatura durante la cottura; non dimentichiamo che non aveva a disposizione né orologio né termometro. Possedeva quest arte solo chi aveva molta esperienza perché aveva fatto fin da giovane il putto di bottega. Il calore del forno era ottenuto bruciando fascine di canne palustri essiccate. I Tipici prodotti da forno erano i papini (le squisite ciambelline pasquali che ancor oggi si possono trovare in qualche forno), i bossolai, le roscane (grossi ciambellotti di pane secco a lunga conservazione). Nel Medioevo l impasto per il pane era preparato due volte il mese, preferibilmente di giovedì, e portato a cuocere il sabato in modo d avere, almeno per qualche domenica, del pane morbido. Il pane era solitamente secco e nero, quello bianco era solo per le grandi occasioni. Pochi erano i dolci e destinati solitamente alle famiglie ricche; erano a base di frutta e al posto dello zucchero che non esisteva si usava il miele o la zucca. Il dolce natalizio dei poveri era la smegiassa preparata con l economica melassa di barbabietola.

3 IL FALEGNAME MARANGON Uno dei mestieri più antichi è quello del falegname. Il legno, infatti è sempre stato un materiale facilmente reperibile e versatile. I falegnami, detti a Chioggia marangoni, producevano: imposte, porte, mobilia, suppellettili, attrezzi da lavoro e pesino mezzi di trasporto terrestre. Purtroppo non c'è rimasto niente degli oggetti di legno prodotti ai tempi della guerra con i Genovesi perché tutti i principali edifici furono rasi al suolo. Si suppone, però, che in quel periodo i falegnami avessero contribuito alla bellezza di molte chiese. Nella bottega dei marangoni lavoravano il maestro, alcuni operai specializzati e gli apprendisti detti putti. I maestri davano le direttive; i dipendenti, per ottenere la qualifica superiore, dovevano superare la prova d arte. I pochi attrezzi metallici del falegname medievale erano molto preziosi perché fatti a mano da abili fabbri. Come carta vetrata veniva usata la pelle essiccata di alcuni pesci come lo squalo smeriglio. IL RETAIO Nella bottega del falegname gli oggetti venivano progettati in relazione al materiale disponibile perché non venisse sprecato legno. Erano i segantini che sgrossavano i pezzi con delle grandi seghe dotate di manici contrapposti. La rete veniva realizzata filando e intrecciando fibre naturali come la canapa, usando la linguetta di legno per ottenere le maglie della rete, lavorando in modo simile a quello che si fa con l uncinetto. Poi veniva fatto un trattamento antiputrescente : la intenta, cioè la rete veniva trattata in un bagno di gemme di pino.le reti antiche non erano molto grandi perché pochi andavano a fare la pesca d altura e, visto che non si poteva conservare il pesce se non con il sale, non serviva pescarne grosse quantità.le reti erano fabbricate dalle donne, dagli anziani, da tutti quelli che, pur appartenendo a famiglie di pescatori, non potevano andare in mare. Alla produzione delle reti si dedicavano le persone più deboli e più povere. I retai godevano ingiustamente del minor prestigio e avevano basse retribuzioni. Ma con la crisi dell attività cantieristica e navale dell età napoleonica, ebbe un notevole calo anche l attività dei canevini che si ridusse di molto (nel1847 erano solo 11). L attività, comunque, si mantenne viva fino a pochi anni fa e gli ultimi canevini sono stati i fratelli Voltolina che ereditarono il mestiere nel 1927 dal padre. Le zone in cui si svolgeva l attività erano principalmente: Campo Marconi (chiamato Cava ), calle Cipolla, calle Forno

4 Filippini e il Fossò, la zona di fronte al cimitero di Chioggia. IL CORDAIO CANEVIN Uno degli antichi mestieri più interessanti dal punto di vista manifatturiero era l arte dei canevini (cordai). I filacanevi avvolgevano sottili fili di canapa fino a farli diventare robuste corde per l attracco dei bragozzi o reti da pesca. Per attorcigliare i fili venivano usate grandi ruote di legno o di ferro (fusolere) che venivano girate a mano o mediante un paio di masiole (manovelle) portatili, fissate al petto dei putti (ragazzini) che le manovravano allontanandosi sempre più dal padrone che lasciava sfilare lentamente il canapo.tutto questo avveniva mentre i fili scorrevano su rudimentali cavalletti di legno. Molti erano i ragazzini impegnati in questa attività, e la frase Te mando dai canevini se ti sta cativo, era diventata un detto popolare.fino al 700 i canevini erano un numero discreto, ma non tale da soddisfare tutte le richieste di cordame dell epoca SARTO SARTORE Chi ha detto che l abito non fa il monaco?a Chioggia l abito era una vera e propria carta d identità e nessuno avrebbe osato cambiare il vestiario usato dalla propria casta. Pochi, però potevano permettersi il sartore (sarto); inoltre i ricchi preferivano acquistare i propri abiti a Padova o a Venezia, snobbando i sarti clodiensi. Le donne chioggiotte, piuttosto che spendere soldi in vestiti, si davano da fare per rattoppare e riciclare i vestiti passandoli dal marito al figlio fino alla totale usura.gli ortolani si distinguevano per le calze azzurre, il saio lungo fino ai lombi e il berretto di colore diverso dagli altri. I marinai usavano il "giacheton" (giaccone pesante) più corto. I pescatori usavano vestiti di flanella o di Oltre ai vestiti da lavoro, c erano i vestiti da panno grezzo, calze grosse di lana fino a metà tera (da passeggio), ma spesso erano lo stesso coscia, fascia di lana al collo e berretto rosso con tipo di abiti. Le donne vestivano tutte allo stesso fiocco blu, come cintura una cordicella girata più modo: tonda (grembiule), polacca (busto), volte in vita. traverson e fazzoletto colorato. Il censimento del 1896 a Chioggia conta 12 sarti e 28 calegheri (calzolai).

5 Fino alla seconda guerra mondiale, il remero era un lavoro ancora in voga a Chioggia. L ultimo laboratorio è stato quello di Aldo Camuffo in calle Luccarini. REMAIO REMERO Gran parte delle attività artigianali a Chioggia erano incentrate sulla pesca. Lo scafo della barca veniva fatto in squero, mentre tutti gli accessori venivano fatti da artigiani appositi. Il remero (remaio) era l unico in grado di costruire i remi secondo regole ben precise e tecniche tramandate di generazione in generazione. Quella del remero era proprio un arte che affascinava i giovani garzoni che volevano apprendere il mestiere anche se malpagati.il legno usato poteva essere il rovere, il pino, il larice e l abete. Lo strumento più usato era la dalavora o sgheldura, una piccola scure per il taglio del legno; altri strumenti venivano usati per l intaglio.il remero costruiva anche le forcole (scalmi), i paternostri (corone che legavano l antenna all albero), le bigòte (bozzelli per tirar su con le corde le vele), gli scassadiavoli e i torcoli (aggeggi per spingere a fondo la rete). FABBRO FRAVO Si diceva a Chioggia: Arcùsene e martelo svele el bon fravo (l incudine e il martello svelano il buon fabbro). E infatti il fabbro, detto pestafero, lavorava piegando il ferro rovente usando esclusivamente incudine e martello. Il pestafero costruiva tutta la ferramenta necessaria per l interno delle imbarcazioni, inoltre faceva chiavi, chiavistelli, serrature, qualche spada e ferri da cavallo. Le botteghe dei fabbri erano soffocanti per il gran caldo provocato dai fuochi alimentati dal soffio della fòla (mantice), che servivano a surriscaldare il ferro. Nel 1896 a Chioggia si contano 18 fabbri.

6 CALEGHERO CALZOLAIO I calegheri, cioè i calzolai, facevano le calzature con legno e cuoio. Gli uomini portavano pesanti pantofole, le donne usavano le pianelline appuntite che coprivano solo la punta del piede. I calzolai di Chioggia erano riuniti nella confraternità di S.Marco con altare nella chiesa di S.Giacomo. CARPENTIERE SQUERARIOLO A Chioggia, in epoca medievale, una delle categorie che godeva maggior prestigio e potenza era quella dei costruttori navali, detti squerarioi. A Chioggia c erano molti cantieri navali dove carpentieri e CESTAIO SESTARO Il mestiere del cestaio, oggi praticamente scomparso,era un tempo assai diffuso. Il giunco intrecciato era, infatti, considerato la materia prima più duttile (cioè facilmente lavorabile) ed economica. La professione di cestaio è ricordata nei cognomi Cester e Cestari. Le fascine di giunco (detto venco, in dialetto) provenivano solitamente, dalle campagne circostanti. Le portavano in città i contadini che qui si recavano per vendere le loro cose. Grandi quantità ne arrivavano a Clugia, attraverso i canali, anche da Lauretum (Loreo) e da Caput Aggeris (Cavarzere).Questo materiale, che abili mani intrecciavano con gran rapidità nelle diverse forme, era utilizzato per la realizzazione di tutti i contenitori destinati all uso domestico, perché costavano molto meno di quelli in legno, e per i contenitori destinati ai lavori legati al mare e alla campagna. I cestari chioggiotti erano però specializzati nella produzione di vivai per pesci e crostacei e dei vieri in particolare. Quest attività è sopravvissuta fino agli anni sessanta. L ultimo intrecciatore di venchi lo si poteva ammirare fino a pochi anni fa davanti al suo magazzino in calle Malanni. I carpentieri, consapevoli della loro maestria e della loro importanza, ne approfittavano e costruivano imbarcazioni sotto casa e perfino in piazza, senza badare alle proteste dei vicini o ai danni causati alle proprietà altrui quando le barche venivano varate. Il Comune dovette

7 calafati (coloro che tappavano con la pece le fessure delle imbarcazioni per renderle impermeabili), lavoravano dall alba al tramonto.. intervenire e stabilire che i squeri (cantieri)venissero trasferiti sul Canal Vena. Ma i galafadi più orgogliosi trasgredivano volentieri la legge e portavano le loro barche in processione da Vigo a Santa Maria prima di vararle. Quello degli squerarioi era un arte e ognuno di loro possedeva proprie tecniche segrete e aste con annotate misure indecifrabili.una volta che i segantini avevano tagliato le tavole, i carpentieri, seguendo un preciso disegno, costruivano l imbarcazione usando per lo più un sistema di incastri e di uciture catramate, anche perché non era facile trovare i chiodi metallici. Alla fine della costruzione della struttura, l imbarcazione veniva resa impermeabile riempiendo le fessure di stoppa saturata di pece. La pegola nera veniva usata al posto della vernice. Molto importante era anche il lavoro di manutenzione del fondo e della struttura che i calafati facevano. Senza una buona manutenzione, le imbarcazioni, costruite senza chiodi, si sarebbero ben presto smembrate. O R A F O L oro era un simbolo di potere, di condizione sociale agiata, e spesso per i ceti più umili, era un modo per eguagliarsi ai ricchi. A Chioggia il culto dell oro è sempre stato ben radicato e le mogli dei pescatori non rinunciavano al passeggio al braccio del marito, con qualche anello e qualche collanina, anche se di poco valore. Naturalmente erano i nobili a far sfoggio per piazza, soprattutto nei giorni di festa, di gioielli preziosi. Gli orafi usavano varie tecniche per lavorare il prezioso metallo, ottenuto mediante fusione con altri metalli per migliorarne la consistenza. La tecnica della Filigrana consisteva nell intrecciare e schiacciare uno o più fili d oro per creare delle decorazioni: questa tecnica era usata in particolare per gli oggetti sacri; la Granulazione veniva ottenuta con minuscole perline saldate su una superficie liscia. Famosa era anche la tecnica della Cera persa con la quale il gioiello veniva realizzato all internodi uno stampino di cera, colando all interno l oro fuso. Tuttavia le tecniche più comuni erano quella classica dell Incisione ottenuta grazie al bulino, strumento che cambiava forma a seconda delle esigenze dell orafo, e quella dello Sbalzo e Cesello che permetteva di dare rilievo a gioielli e oggetti preziosi (calici, tabernacoli, candelabri) Insomma l arte orafa si presentava, fin dalle sue origini, anche a Clugia, in tutto il suo splendore e difficoltà di tecniche.

8 SCALPELLINO li mestiere dello scalpellino non era molto diffuso nella Chioggia medievale. La gente del luogo aveva difficoltà a procurarsi comodamente la pietra. La trachite dei Colli Euganei era molto cara perché i Padovani vi imponevano pesanti dazi, la candida pietra d Istria, invece, acquistata sull altra sponda dell Adriatico e trasportata, via mare, correva il rischio di essere rubata dai pirati che allora infestavano i mari in grande numero. I blocchi di pietra erano utilizzati solo per i lavori in cui non si poteva usare un altro materiale. I pochi scalpellini dovevano, perciò, lavorarlo con maestria per non sprecarlo. La preziosità della pietra e del marmo ne imponeva un uso parsimonioso e d altissima specializzazione. I pochi pezzi disponibili erano destinati alle chiese e al palazzo del Governo.Gli scalpellini dell epoca dovevano essere, così, dei veri e propri scultori. Tracce di realizzazioni d epoca medievale si trovano sparse per la città. Sono statuette e particolari decorativi. Ne sono esempio i piccoli simulacri di santi collocati in nicchie esterne sulla parete settentrionale della cattedrale. Sembra siano state salvate dalla distruzione, a causa di un incendio, del precedente duomo romanico. IL SALINAIO Chioggia divenne famosa nel medioevo grazie alla produzione del sale in laguna. L estrazione del sale richiedeva impianti idraulici complessi costruiti grazie alla collaborazione di un gran numero di lavoratori. Tali strutture si chiamavano fondamenti ed erano costituiti da decine di vasche di raccolta chiamate saline. Un fondamento era di forma rettangolare, molto grande (poteva essere lungo 700m. e largo 300m.) e la manutenzione degli argini esterni richiedeva forti spese che venivano ripartite fra i proprietari delle saline.la raccolta si svolgeva da giugno a settembre, poi la porta principale veniva aperta e le acque invadevano tutte le saline. I salinai, per raccogliere il sale, usavano un grande rastrello chiamato gavarro.

9 IL PESCATORE Il pescatore era uno dei lavori più diffusi a Chioggia. La pesca si svolgeva in due forme: vallicoltura e pesca vagantiva. Nei fondamenti di saline abbandonati si allevavano orate, anguille e molluschi. La pesca vagantiva (con le barche) si svolgeva in laguna e nelle acque costiere. I pescatori usavano piccole imbarcazioni nelle quali lavoravano due o tre persone. Venivano usate reti di vario tipo: ostregheri, tratte Dal 1400 si diffuse anche la pesca notturna e sulla prora della barca veniva posto un braciere con il fuoco acceso. L ORTOLANO Nel medioevo a Chioggia molti salinai si dedicavano anche al lavoro dei campi. Finita la stagione della raccolta del sale, molti uomini e donne coltivavano i terreni adiacenti alle loro case. Le proprietà erano divise in terreni rettangolari fra di loro paralleli e formavano una struttura simile a quella dei fondamenti.il territorio di Chioggia non si prestava alla coltivazione dei cereali,così si sviluppò l orticoltura e la viticoltura. VASAIO - CERAMISTA A Chioggia c erano molti vasai e ceramisti che lavoravano l argilla reperibile nei pressi dei fiumi che allora non avevano argini.una volta eliminate le impurità, il ceramista plasmava l argilla con le sue mani fino ad ottenere la forma voluta. Per fare vasi, ciotole, piatti e altri oggetti di forma cilindrica, si faceva girare la materia prima su di un tornio spinto a piede. Altre forme si ottenevano comprimendo l argilla dentro degli stampini di gesso. Una volta ottenuta la forma, si procedeva alla verniciatura con sostanze vetrificanti e infine alla cottura che doveva avvenire a temperatura elevatissima. Non essendoci strumenti per misurarla il vasaio esperto sapeva orientarsi osservando il colore che i minerali assumevano durante la cottura. Quando un lavoro non riusciva bene veniva gettato nei canali e, dai

10 cocci rinvenuti, abbiamo potuto constatare che i ceramisti di Chioggia erano proprio bravi. IL MONACO MURERO Nel Medioevo i muratori formavano una categoria potentissima in tutta Europa. Essi si spostavano da un luogo all altro per acquistare gli appalti delle grandi opere: cattedrali, palazzi, castelli e fortificazioni delle città-stato e non volevano assoggettarsi al potere politico. Non volevano lavorare come sudditi dei vari principi, ma prestare la loro opera come liberi imprenditori. A Chioggia una delle più importanti opere medioevali è la torre di S. Andrea, progettata secondo precisi calcoli. Ma altre torri di avvistamento erano state fatte costruire dal governo di Clugia un po dappertutto, per difendere le saline dalle aggressioni.tra le più importanti costruzioni sono da ricordare La Torre di Bebe lungo la strada che congiunge Chioggia a Cavarzere e il Castello della Lupa nella fortezza di San Felice. Tali opere testimoniano l abilità dei mureri chioggiotti specialmente nei calcoli delle fondamenta su terreni instabili. Questa loro esperienza le rese famosi e ricercati anche presso altre città. Il senso religioso a Chioggia era, in epoca medievale, molto forte anche a causa delle difficoltà della vita. Infatti carestie, epidemie, pestilenze, burrasche erano molto frequenti e la gente sentiva il bisogno di rivolgersi a Dio con la preghiera. Testimonianza della vita religiosa erano le numerose confraternite di laici e i monasteri e conventi che vi erano. Oltre al monastero benedettino di San Michele (anteriore al 727) di Brondolo,furono costruiti i seguenti conventi: San Giovanni Battista fuori mura (Camaldolesi); San Francesco fuori mura (Francescani); San Nicolo (Agostiniani); San Domenico (Domenicani).Esistevano anche due monasteri di monache cistercensi: Santa Caterina nell isola Saloni e Santa Caterina del deserto (nel luogo dove ora è situata la scuola elementare Caccin). Dopo la

11 guerra di Chioggia rimasero intatti solo i monasteri di San Domenico e San Nicolò.

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

CORALLO: COME SI LAVORA

CORALLO: COME SI LAVORA CORALLO: COME SI LAVORA di Giuseppe Rajola Edizioni vesuvioweb La lavorazione del corallo si divide in due differenti grosse famiglie: il liscio e l inciso. Cosa si intende per liscio? La lavorazione del

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t BOCCALE 4 STAGIONI Senza capsula 41,5 cl Quattro stagioni bottiglia 20 CL bottiglia 40 CL SAGITTA VINO BIANCO Calice 44 cl SWING Bottiglia 25 cl Bottiglia 50 cl OFFICINA 1825 Bicchiere 30 cl ROCKBAR Bicchiere

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Testo originale Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Concluso il 20 ottobre 2006 Entrato in vigore mediante

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi 1 Proverbi, adagi, motti e detti milanesi Fra le varie scartoffie che arricchiscono la mia biblioteca, ho rinvenuto un volumetto, ormai datato in cui sono elencati i modi dire, gli adagi e quant altro,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli