RELAZIONE E PROGRAMMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE E PROGRAMMA"

Transcript

1 Guspini/Montevecchio Marzo/Aprile 2013 RELAZIONE E PROGRAMMA Era da questo mondo oscuro che usciva, come da un forno spento e tiepido, il pane ben lievitato che Proto tagliava appoggiandoselo al petto, con il suo coltello a forma di foglia.. Giuseppe Dessì Paese d ombre

2 Storia e tradizioni Note storiche ed etnografiche La Sardegna può essere senz altro definita terra di metalli e di coltelli: la storia del coltello è storia di arte, di cultura, di lavoro. Il boom del turismo, l'emergere del collezionismo, la rivalutazione dell'artigianato tipico come elemento di identificazione etnica e soprattutto la crescita qualitativa dei coltellinai hanno consentito l'affermazione e il rilancio del coltello sardo a livello internazionale. L area del GAL Monte Linas e in particolare i paesi di Arbus, Guspini e Gonnosfanàdiga confermano le tradizioni dell isola vantando l arte antica della manifattura dei coltelli a serramanico, chiamati in sardo arresojas. La presenza di questi coltelli nell'isola è certa a partire dal XVII secolo, dopo che i governi spagnolo e piemontese impongono pesanti sanzioni per la fabbricazione e l'uso del coltello a lama fissa. Tra Ottocento e Novecento questo coltello si diffonde rapidamente fra tutte le categorie sociali in particolare fra pastori, contadini e minatori come strumento indispensabile per le esigenze quotidiane. In tutto il territorio l'attività dei fabbri coltellinai è molto importante, con una gamma che spazia dalle falci ai coltelli. Un celebre coltello, fra i più particolari che storicamente si siano affermati, è la cosiddetta arburesa, detto anche gonnese o a foggia antica, con lama panciuta, manico ricurvo in un unico pezzo e due fascette metalliche alle estremità. Esiste anche il tipo guspinese, con una foggia un po' panciuta, perfetto per un uso di punta e taglio. Di quest ultimo esiste un modello senza punta, introdotto a seguito delle restrizioni del decreto Giolitti del 1908, che si affermò come coltello dei minatori. Così ebbe origine la guspinesa o coltello del minatore, in quanto l'uso maggiore lo fece proprio questa categoria. Sicuramente questo tipo di coltello era utile per tagliare e spalmare ma di certo, visto la sua forma mozza, non poteva essere usato come arma nei frequenti episodi litigiosi all'interno delle miniere. Una maggiore notorietà fu raggiunta durante la I guerra mondiale; la storia racconta che le forze armate sarde, nella fattispecie la Brigata Sassari, fecero retrocedere con grande maestria il nemico in una lotta corpo a corpo, utilizzando al posto delle armi in dotazione questo "inoffensivo" coltello. La Guspinesa, nella versione prodotta con la lama a punta leggermente panciuta, è chiamata anche a foglia di mirto. Di recente la regione Sardegna per tutelare la produzione artigianale, ha conferito il marchio DOC riconoscendo come "Sa Guspinesa" il coltello con queste caratteristiche e prodotto esclusivamente dagli artigiani di Guspini. 2

3 Arresojas A partire dal 1994 il Comune di Guspini organizza una manifestazione con cadenza biennale dedicata al coltello artigianale, consolidando nel tempo una nuova tradizione dell arte coltellinaia che, trascurata per anni, pone oggi Guspini tra i comuni d eccellenza nella produzione del coltello artigianale come utensile, come souvenir e come oggetto d arte. Arresojas è oggi la vetrina delle produzioni locali ma anche l occasione per il confronto con le produzioni di altri comuni sardi, nazionali e internazionali nonché l occasione per la valorizzazione e la promozione culturale del processo di sviluppo sociologico, tecnologico, economico che traspare anche dall evoluzione del coltello in tutte le sue accezioni. Nel corso degli anni, è diventata la manifestazione più importante in Sardegna, e tra le più significative in Europa, dedicate al mondo del coltello. La mostra si estenderà, su diversi edifici del territorio guspinese e si snoderà sulla sequenza di numerosi argomenti che illustrano le varie particolarità del coltello Arresojas. Ospitata per anni negli edifici recuperati della miniera di Montevecchio, si integra nello scenario di archeologia industriale in maniera appropriata. La storia del territorio, e più in generale della Sardegna, è contrassegnata dallo sfruttamento dei giacimenti metalliferi che ne hanno determinato la sua storia economica ma anche le conoscenze metallurgiche nella lavorazione dei metalli. Fin dalla notte dei tempi gli artigiani fabbri, forgiatori e coltellinai, produttori di strumenti e arnesi da taglio, hanno tratto da questo sapere locale, la loro abilità e perizia nella produzione dei ferri taglienti e in particolare dei coltelli. Oggi, anche grazie ad Arresojas, questo settore è stato rivalutato e rimesso al centro dell attenzione di un vasto pubblico e dei mezzi di comunicazione. Gli artigiani del coltello che durante la biennale esporranno e promuoveranno i loro prodotti saranno i veri protagonisti di una rassegna ormai di fama internazionale, che riesce a catturare con il suo fascino migliaia di visitatori e che sta permettendo di sviluppare un settore che fino a dodici anni fa rischiava di scomparire, e che, grazie all Amministrazione Comunale e all Associazione Turistica Pro Loco di Guspini (da sempre partner fondamentale nella realizzazione della manifestazione), appare in netta ripresa. Il dato trova conferma anche nei numeri: alla prima edizione non vi era infatti nessun coltellinaio guspinese mentre attualmente se ne contano almeno 6. Dal punto di vista culturale, Arresojas, racconta l antichissimo percorso storico delle lame sarde, dal neolitico antico alla dominazione punica e romana, dal medioevo alla rivoluzione industriale, proponendo interessanti parallelismi con altre culture. Storie di coltelli che raccontano di banditi, di lotte operaie del primo novecento, ma anche della vita comune dei pastori e contadini. La mostra mercato, rappresenta l opportunità di un importante ricaduta economica sul territorio, che coinvolge non solo l artigianato locale ma tutto l indotto generato nel 3

4 mercato delle materie prime, dei prodotti di packaging, dei servizi di promozione, che prosegue anche nei periodi lontani dalla biennale stessa. Intorno a un evento di tale portata infatti, si sviluppa un attività economica fatta di piccole realtà imprenditoriali che sono la base portante dell economia regionale e che spaziano dal commercio delle materie prime (metalli, corna, ottone, minuteria) a quello degli utensili (torni, piccole forge, strumenti vari) al commercio delle produzioni artigianali tipiche ma anche del maggior introito temporaneo generato dal maggior numero di persone che nei giorni della mostra transitano nel territorio. A questo si aggiungono i servizi forniti agli artigiani per la promozione dei loro prodotti e tutto il movimento relativo al flusso turistico ed escursionistico generato dalla manifestazione. Tale flusso non è infatti solo limitato ai numerosi visitatori in senso stretto ma deve essere valutato anche in funzione del numero di giorni di permanenza sul territorio e sommato numerosi coltellinai presenti spesso con le loro famiglie. Inutile aggiungere che al di là del beneficio economico diretto Arresojas veicola un sistema valoriale di eccellenza culturale e artistica del territorio con positive ricadute di immagine sulle politiche turistiche e di sviluppo locale. Considerando che ogni coltellinaio fa riferimento a un arte diversa, la maggiore vetrina del coltello sardo è pronta, anche stavolta ad accogliere, con gli oltre 4000 esemplari previsti, coltelli di una varietà incredibile. La X edizione della manifestazione, svoltasi nel 2011, e non nel 2010 per difficoltà logistiche, organizzative e finanziarie, ha apportato alcune significative novità rispetto alla tradizione ormai consolidata, novità che hanno permesso di rendere la manifestazione più accattivante e maggiormente efficace nell ambito della promozione turistica del territorio guspinese: per la prima volta la manifestazione è stata estesa all intero territorio comunale e dunque, oltre allo splendido scenario del borgo minerario di Montevecchio, è stato coinvolto anche il centro urbano con la predisposizione di allestimenti tematici nelle strutture Monte Tempo e Casa Murgia, afferenti al percorso culturale urbano Domus; ad ulteriore supporto dell indotto turistico si è aggiunta l iniziativa denominata Notti bianche per Arresojas alla realizzazione della quale ha collaborato la Proloco Guspini nella gestione logistica e finanziaria della manifestazione curando il coordinamento con il Centro Commerciale Naturale APICE, l'associazione Open Music e l'associazione AUSER, che hanno dato il proprio apporto all'amministrazione Comunale per la realizzazione dell'evento nella gestione logistica, per la realizzazione degli spettacoli e per l'apertura notturna delle chiese, con un programma di due giorni (venerdì 29 luglio e venerdì 5 agosto) ricco di attività. La fattiva partecipazione dei commercianti nell allestimento delle vetrine tematiche, testimonia quanto Arresojas sia amata dai guspinesi come patrimonio della propria identità culturale. 4

5 Arresojas 2013 L edizione 2013 farà tesoro dell esperienza maturata nelle edizioni precedenti e continuerà nell indirizzo della sperimentazione innovativa iniziata con la X edizione. La dislocazione della manifestazione, oltre a fornire un contenitore per le mostre composto da paesaggi naturalistici e architettonici di grande pregio, ha permesso di rafforzare l indotto economico e turistico grazie al coinvolgimento dell agglomerato urbano di Guspini movimentando così un certo numero di turisti anche all interno del centro abitato di Guspini. La manifestazione Notti bianche per Arresojas ha permesso di coinvolgere maggiormente i cittadini guspinesi e ha soprattutto consentito di introdurre il turista all interno del percorso urbano Domus avvicinandolo ad una maggiore e più consapevole conoscenza del territorio e della storia locali, offrendo l occasione di conoscere suggestivi luoghi di storia e cultura. Sono previste numerose sezioni, alcune consolidate e altre ancora in fase di elaborazione, riguardanti la riscoperta delle tipologie tradizionali del coltello sardo e le sue evoluzioni, il ruolo dell arte e delle incisioni nella produzione del coltello da collezione, un percorso su coltello e territorio in Sardegna e in Italia, un esposizione sui più grandi maestri a livello mondiale con la presenza di alcuni di loro e diverse altre esposizione tematiche. L edizione di Arresojas del 2013, come consuetudine, sarà arricchita da nuove proposte che rinnoveranno la manifestazione sia sull aspetto organizzativo che sul grado di coinvolgimento dei visitatori e del contesto socio-territoriale. Sul piano espositivo, la durata della mostra mercato del coltello sarà mantenuta su due fine settimana e sarà invece incrementata la durata delle mostre collaterali che saranno visitabili anche nei giorni infrasettimanali compatibilmente con gli orari di apertura dei locali che le ospitano. In affiancamento alle mostre tematiche allestite all interno delle strutture del percorso Domus Guspini, nel 2013 sarà valorizzata la tematica del lavoro artigianale sul coltello con la nascita della mostra Il fabbro dedicata a questa importante figura e ospitata in uno spazio rappresentativo come una tipica bottega artigiana di fabbro-maniscalco (in fase di individuazione). Dalle prime edizioni ad oggi Arresojas ha esplorato il mondo del coltello nella sua storia antica, nella sua evoluzione, nei suoi legami col quotidiano. Lo sguardo si è allargato alle lame del mondo e con La leppa, la lama dei sardi a tutta la società sarda dell Ottocento. In questa grande cornice è stata finora centrale la figura del coltellinaio che costituisce tuttavia una specializzazione recente di un mestiere che affonda le sue radici nella mitologia, si veste in certe culture di un aura di magia, è stato centrale in tutti gli aspetti della cultura materiale preindustriale: il fabbro. Mantenendo comunque una particolare attenzione sulle lame e i taglienti la mostra si propone di esplorare l officina del fabbro così come si presentava in Sardegna almeno 5

6 sino alla prima metà del 900: gli strumenti, le tecniche, i prodotti, il mercato di riferimento. E proprio attraverso i prodotti si intende esplorare, per giungere ad una visione unitaria, la cultura materiale dell intera comunità di riferimento. Emergono subito relazioni forti con altri artigiani (tessitori, cestinai, ceramisti, falegnami) ma soprattutto con il mondo della produzione alimentare nel suo fuori della coltivazione, dell allevamento e della raccolta e nel suo dentro della trasformazione per la conservazione e l alimentazione. La ricerca, di genere storico-etnografico, prenderà le mosse dalla consistente realtà delle officine ancora attive e per la ineguagliabile documentazione disponibile. Testimonianze orali, ricerche documentarie e iconografiche, campagne di ripresa fotografica e filmica costituiranno la base documentaria che sottoposta ad intervento grafico e redazionale costituirà il corpus della mostra. Il tema principale sarà affiancato da una premessa archeologica, storica e mitologica su metalli e fabbri e da spigolature di citazioni letterarie e artistiche e di riferimenti ad usi e consuetudini anche di carattere magico e apotropaico collegate all officina, al metallo, alle lame. Il progetto delle strutture e dell allestimento terrà conto anche della possibilità di prestiti della mostra ad altre realtà locali e della possibilità del suo allestimento in show specializzati e in fiere di settore sul territorio italiano ed estero. Inoltre, al fine di innalzare, qualora fosse ancora possibile, il livello culturale e scientifico delle esposizioni, nella prossima edizione sarà creato un Comitato Tecnico Scientifico con il coinvolgimento dell AIAP (Associazione Italiana Progettazione per la Comunicazione Visiva). Fase Strategica Di seguito vengono riportate le scelte strategiche preliminari alla fase esecutiva di realizzazione e gli strumenti che verranno utilizzati per pianificare e ottimizzare le scelte logistiche, organizzative e promozionali Individuazione degli obiettivi: Attraverso la biennale si vogliono raggiungere tre diversi obiettivi: Informare: sull esistenza e lo sviluppo di un settore dell artigianato che sempre più sta connotando la produzione artigianale artistica del Comune di Guspini. Coinvolgere: I produttori, i residenti e i turisti in una manifestazione che dia visibilità turistico-culturale al paese e funga nel contempo da stimolo per lo sviluppo economico nel settore turismo e delle attività artigianali creando economia di settore diretta, grazie alla componente commerciale dell evento, e indiretta grazie all indotto creato dall organizzazione e realizzazione dell evento stesso (attività di promozione, erogazione di servizi turistici, altre attività commerciali di diversa natura). 6

7 Sviluppare: La dislocazione urbana della biennale favorirà (come nella edizione 2011) un maggiore indotto economico alle realtà economiche del territorio dovute al flusso di visitatori che si troverebbe a transitare in prossimità delle stesse attività produttive del comparto turistico, agroalimentare, artigianale e altri beni e o servizi complementari (distributori carburante, edicole e giornali, farmacie e gli altri servizi solitamente riservati preminentemente ai residenti) Budget: L organizzazione dell evento inaugurale comporta costi di organizzazione e di gestione, il budget disponibile è alla base della realizzazione di qualsiasi evento e deve essere definito con estrema chiarezza. Il budget preventivo è allegato alla presente relazione e tutti i costi dovranno essere in ogni caso confermati da preventivi dettagliati con congruo anticipo sulla realizzazione dell evento per non incorrere in maggiori costi non preventivati. Di seguito riportiamo un elenco delle singole voci di spesa che dovranno essere sostenute per la promozione e l allestimento formale della mostra Materiale di comunicazione/promozione: n Manifesti per affissioni murali 100x140 cm n x3 (50 Cagliari 15 Oristano 10 Nuoro - 20 Sassari 5 Carbonia) n. 6 inserti 24 moduli Unione Sarda - la nuova Sardegna n inviti in cartoncino n. 1 spot 20 secondi su tv locali n. 10 passaggi da 10 al giorno per 10 gg su radio locali n. 2 inserti sulle riviste specializzate di settore n. 1 realizzazione pagina evento su web social network e acquisto inserzione a pagamento n. 1 Aggiornamento sito web istituzionale realizzazione e invio sms e promomail Materiale vario di comunicazione in loco e gadgettistica n. 10 stendardi da posizionare agli ingressi del centro abitato di Guspini e del borgo di Montevecchio Cartoline informative da lasciare nei locali e utilizzabili dai turisti per la spedizione postale 7

8 Cartine con la mappa della mostra e la descrizione analitica delle mostre tematiche da consegnare contestualmente al biglietto di ingresso T-shirt promozionali da consegnare allo staff, agli espositori e collaboratori Biglietti di ingresso Varie per allestimenti (didascalie, totem, stampa menù turistici, etc) Pubbliche relazioni (a cura del personale interno all Ente e/o del soggetto gestore dell evento) Contatti con gli artigiani e i collezionisti interessati a spazi di esposizione Contatti con gli organi della stampa locale e specializzata per la pubblicazione di articoli redazionali nel periodo precedente e successivo alla realizzazione dell evento Contatto con gli operatori turistici per le convenzioni dedicate alla ricettività e ristorazione che si rendessero utili per la sistemazione logistica degli espositori e per i servizi offerti ai visitatori Contatto con gli enti istituzionali che potrebbero intervenire nell organizzazione in qualità di sostenitori, patrocinatori, collaboratori (parco geominerario, provincia, regione, IGEA, protezione civile, associazioni volontari di soccorso) Contatto con le forze dell ordine per l espletamento delle pratiche relative alla pubblica sicurezza Hostess e stewart di terra per la gestione degli ingressi e dei parcheggi per le auto Logistica Spazi per espositori: gli spazi per i soli espositori devono prevedere vetrine illuminate un format base per la didascalizzazione coordinata, eventuale angolo relax per l espositore, n. due poltroncine e tavolino. Quando non sia prevista la presenza dell espositore potrebbe non essere presente l angolo relax Spazi ristoro: in funzione delle sedi individuate per la mostra saranno previsti i punti ristoro per i visitatori. Il punto ristoro, quando non individuato in una sede appositamente destinata dovrà essere composto da un gazebo caratterizzato arresojas e un adeguato numero di tavolini e sedie Mostre estemporanee tematiche Eventuali mostre tematiche potrebbero richiedere materiale di comunicazione specifico, in ogni caso devono essere previsti: 8

9 Attrezzature espositive (vetrine o altri supporti, cartellonistica didascalica, illuminazione, scenografia se richiesta) e apposita cartellonistica di segnalazione. Al fine di ridurre i costi sarà utilizzato, se possibile, prevalentemente il materiale espositivo già in possesso dell Amministrazione (teche e bacheche ecc..). Individuazione della sede: L undicesima edizione, come si evince dalla prima parte della relazione progettuale, prevede oltre all utilizzo di strutture minerarie, il coinvolgimento delle strutture del centro urbano. Per ogni locale o gruppo di locali dovranno essere valutati tutti gli aspetti indicati nello schema sottoriportato Raggiungibilità Estetica Attrezzatura audiovideo Spazio esposizioni Spazio informazioni Spazio per convegni Spazio Buffet Ricettività Parcheggi Attrezzatura expo insufficiente sufficiente discreto buono eccellente Schema di scheda di valutazione logistica da utilizzare i sede di progettazione esecutiva. Individuazione della data Il periodo di svolgimento della manifestazione è individuato nei i mesi di marzo/aprile 2013 e avrà una durata mensile per le mostre collaterali ( Sa leppa - La lama dei sardi, Dall ossidiana all Arresoja, Animali fantastici, Lame dal mondo, il fabbro ). Tempi di realizzazione Per la pianificazione delle fasi esecutive, a seguito di approvazione del progetto, verrà a breve stilata un piano attuativo che conterrà le azioni da porre in essere (fase esecutiva), i tempi richiesti per ogni singola azione e il responsabile della stessa. 9

10 Alla tabella verrà abbinato il grafico della programmazione reticolare dei tempi. I numeri in alto nei cerchi rappresenteranno l azione riportata in chiaro nelle pagine seguenti, il numero in basso a sinistra i giorni necessari alla realizzazione dell azione in basso a destra i giorni disponibili per la stessa, la linea in grassetto rappresenta il percorso critico Recupero risorse necessarie: Fondi di Bilancio Richiesta finanziamento a Enti e soggetti privati (Regione Sardegna, Provincia Medio Campidano, Parco Geominerario, IGEA, Fondazione Banco di Sardegna, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dip. Turismo, e altri) Proventi incassi Aspetti organizzativi: Ospitalità, accoglienza e trasporti Fase operativa È necessario provvedere tempestivamente all eventuale prenotazione alberghiera per relatori e ospiti di riguardo. Nel caso si individuino ospiti di riguardo che necessitino di un transfert aeroporto- Guspini-aeroporto o che si vogliano accompagnare gli stessi presso il compendio minerario di Montevecchio è necessario predisporre il relativo servizio. Calendarizzazione: Si prevede l apertura delle mostre dalle ore 9.30 alle e dalle ore fino alle ore Atti amministrativi Delibera della giunta a procedere, individuando i fondi necessari e il personale e i soggetti coinvolti. Determina di impegno dei fondi e individuazione delle modalità di affidamento delle forniture di beni e servizi. Eventuale espletamento delle gare e delle trattative di affidamento Espositori: Contatto espositori Redazione database espositori Invio modulo iscrizione Ricezione adesioni e redazione piano logistico esposizione in funzione della tipologia di esposizione e della dimensione della collezione in mostra 10

11 Predisposizione spazio espositivo, sistemazione delle vetrine in loco e delle attrezzature, pulizia dei locali di esposizione dove necessario Consegna Kit espositore (pass e t-shirt/polo) Mostre Individuazione tematiche Redazione relazione comitato scientifico Individuazione oggetti da esporre Reperimento oggetti Redazione progetto di allestimento Richiesta preventivi allestimento Atti amministrativi di impegno spesa (se a carico dell amministrazione) Realizzazione allestimento Catalogazione oggetti Didascalizzazione secondo progetto Luci Realizzazione scenografica Pubbliche relazioni Realizzazione cartella stampa Contatto con i soggetti finanziatori Predisposizione comunicato stampa preliminare in itinere ed ex post Campagna di comunicazione Progetto dell immagine base dell edizione 2013 Declinazione dell immagine su manifesti, spazi giornale, stendardi, pass, t-shirt Predisposizione bozze Approvazione bozze Realizzazione esecutivi Individuazione fornitori Invio file fornitori Invio Manifesti per affissione Progetto mappa delle mostre Azione Responsabile gg necessari gg disponibili 1 - Predisposizione sale mostra mercato 1a Verifica funzionamento attrezzature audio video dove richieste 1b Sistemazione vetrine in numero 11

12 adeguato 1c Predisposizione servizi ristoro 1d Allestimento esposizione 1e Selezione articoli in mostra 1g Scenografia e segnaletica: allestimento descriscrizione, segnaletica servizi, sale, mostra, ornamenti floreali 1h Pulizie 2 Pubbliche relazioni 2a Contatto Coltellinai 2b Servizi di segreteria: individuazione Hostess 2c Servizio videofotografico 2d Predisposizione materiale e contatto con organi di informazione: cartella stampa (scheda di presentazione di arresojas, sintesi delle precedenti edizioni, altri documenti correlati), 2e Contatto attività ricettive e ristorative per convenzioni 2f Richiesta protezione civile 2g Richiesta forza pubblica 2h Richiesta volontari del soccorso 3 Richiesta Contributi e Patrocini provincia, regione, Parco geominerario, ministero beni culturali, 4 Comunicazione 4a Progettazione concettuale campagna b Declinazione per i diversi media 4c Richiesta preventivi media (stampa manifesti, cartoline, pieghevoli, spot radio, affissione 4d Predisposizione atti di affidamento e impegno 12

13 4e Stampa materiale 4f Comunicato stampa 4g Predisposizione mailing list 4h Affissione 5 Contenuti mostre tematiche 5a Definizione generale mostre tematiche 5b Individuazione oggetti per la mostra 5c progetto di allestimento 5c1 individuazione locali 5c2 sistemazione oggetti 5c3 sistemazione scenografia e luci 6 Varie (gazebo) Schema da utilizzare in fase di progettazione esecutiva per la Programmazione Reticolare dei Tempi 13

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

La manifestazione lo scorso anno ha registrato 120mila presente.

La manifestazione lo scorso anno ha registrato 120mila presente. Da Venerdì 29 Aprile a Domenica 8 Maggio 2011 il Comune di Oria si prepara ad accogliere la V edizione di un grande evento fieristico denominato: "Oria in Fiera" - Fiera di San Cosimo. L'evento organizzato

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI VILLAGGI In questa azione il concetto di accesso a un bene patrimoniale viene esteso ad una più ampia valorizzazione della vita

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015. www.oasi.me

BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015. www.oasi.me BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015 www.oasi.me BARI fiera del levante 24 25 26 aprile 2015 OASI è un evento dedicato all Olivo e al suo legame con l Ambiente, con la Salute e con l Innovazione

Dettagli

- Il Congresso Teologico Pastorale che si terrà dal 30 maggio all 1 giugno

- Il Congresso Teologico Pastorale che si terrà dal 30 maggio all 1 giugno Il VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE ENTITA E QUALITA DELL INVESTIMENTO Milano 18.05.2012 Premessa La Fondazione Milano Famiglie 2012 è stata costituita dalla Diocesi Milano al fine di organizzare il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino Circ. Reg. n. 132 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n 5912/P Torino, 28/8/2002

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

You need the blue way to grow your business

You need the blue way to grow your business Per entrare in un nuovo mercato, e raggiungere nuovi obiettivi bisogna conoscere la strada migliore da seguire. Noi sappiamo come gestire al meglio la tua organizzazione, personalizzandola e aiutandoti

Dettagli

Salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero

Salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero Salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero Fiera Vicenza, 25 28 marzo 2010 Premessa Nel 2009 Fiera di Vicenza ha lanciato due nuove manifestazioni incluse nella fiera Gitando: Gitando.mystery

Dettagli

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti Regolamento comunale per la disciplina delle sagre, feste popolari e similari e per la concessione del patrocinio e di contributi. Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Salone del turismo rurale

Salone del turismo rurale Salone del turismo rurale 5-8 novembre 2015 Il Salone del Turismo Rurale E il primo evento in Italia interamente dedicato al turismo e allo stile di vita rurale. 1 edizione Palaexpo Veronafiere 5-8 novembre

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government N.B.: Per le Associate Assintel aderenti ad EuroP.A. 2008 sono previsti

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

SPAZIO ESPOSITIVO A ROTAZIONE, REGIONE E TERRITORI. Approccio e linee guida per l allestimento a cura della

SPAZIO ESPOSITIVO A ROTAZIONE, REGIONE E TERRITORI. Approccio e linee guida per l allestimento a cura della SPAZIO ESPOSITIVO A ROTAZIONE, REGIONE E TERRITORI Approccio e linee guida per l allestimento a cura della b Premessa Il concept di allestimento dello spazio espositivo a rotazione è già di per sé ben

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI LAINO CASTELLO Piazza I Maggio n 18

Dettagli

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari PROGETTO ANGHIARI SHOPPING Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari Progetto a valere sul Bando pubblico per l accesso ai cofinanziamenti

Dettagli

Lombardia e Veneto un abbinata vincente

Lombardia e Veneto un abbinata vincente 1 EDIZIONE 16-19 Novembre 2013 3 EDIZIONE NAZIONALE 8-11 Febbraio 2014 Lombardia e Veneto un abbinata vincente 1 EDIZIONE 16-19 Novembre 2013 wine beer food bio-vegan professional technology restaurant

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

ALLEGATO N.1 BRIEF DI PROGETTO

ALLEGATO N.1 BRIEF DI PROGETTO ALLEGATO N.1 BRIEF DI PROGETTO 1. Le origini della Fiera Ogni anno, la prima domenica di settembre, segna la ripresa dell anno pastorale della Parrocchia di Pieve di Cento. La Festa della Beata Vergine

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen.

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen. Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico Presentazione Franchising www.sargreen.com info@sargreen.com 1 Sommario Il Franchising... 2 Mission Franchising... 2 Il settore

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA

FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA...e della sua gente, delle tradizioni,della cultura e del turismo I Edizione 24-26 giugno 2011 Comitato organizzatore Ufficio stampa Segreteria organizzativa: Via Zelasco1-24122

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Galleria del Corso. nel cuore della città di MILANO. destinazione EXPO Campo russo. Crescente per il mondo. Coltivato per il futuro

Galleria del Corso. nel cuore della città di MILANO. destinazione EXPO Campo russo. Crescente per il mondo. Coltivato per il futuro Galleria del Corso FUORI EXPO in Galleria del Corso MILANO destinazione EXPO Campo russo. Crescente per il mondo. Coltivato per il futuro nel cuore della città di MILANO MILANO MILANO sede di EXPO 2015,

Dettagli

Caccia Pesca & Tiro Village Umbriafiere - Bastia Umbra (PG) 17 18-19 Maggio 2013. Media & Press Kit

Caccia Pesca & Tiro Village Umbriafiere - Bastia Umbra (PG) 17 18-19 Maggio 2013. Media & Press Kit Umbriafiere - Bastia Umbra (PG) 17 18-19 Maggio 2013 Media & Press Kit BIRRA VILLAGE Salone Nazionale della Umbriafiere Birra Bastia Artigianale Umbra (PG) di 17 Qualità 19 Maggio 2013 Dal 17 al 19 Maggio

Dettagli

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl CAPITOLATO TECNICO GARA D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE, ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI ANIMAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DEL PRODOTTO ITTICO E DELLA DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO

FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO FIERA MONDIALE DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 28-31 MAGGIO 2015 - FABBRICA DEL VAPORE - MILANO organizzato da World Fair Trade Organisation e Agices-Equo Garantito nell ambito della World Fair Trade Week

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

30 Aprile - 11 Maggio 2015

30 Aprile - 11 Maggio 2015 30 Aprile - 11 Maggio 2015 ESPOSIZIONE DI PIANTE E FIORI MADE IN ITALY www.florafirenze.com 30 aprile -11 maggio 2015 Dalle ore 8.30 alle ore18:30 Sin dalla sua prima edizione - in scena dal 30 aprile

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

DELIBERA. 2. SARA COMPITO del Responsabile del Servizio porre in essere tutti gli atti consequenziali, compreso l impegno di spesa;

DELIBERA. 2. SARA COMPITO del Responsabile del Servizio porre in essere tutti gli atti consequenziali, compreso l impegno di spesa; BOZZA DELIBERA Il Sindaco, constatato il numero legale degli interventi, dichiara aperta la riunione e li invita a deliberare sull oggetto sopraindicato, LA GIUNTA MUNICIPALE Ritenuto sulla base della

Dettagli

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA C O M U N E DI A S S E M I N I Provincia di Cagliari Procedura aperta per l affidamento del servizio, per la durata di anni due, prorogabili di anni uno, di organizzazione esposizione e commercializzazione,

Dettagli

AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho

AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho Il contesto AF L Artigiano in Fiera, 17ª Mostra Mercato Internazionale dell Artigianato, è il più grande villaggio mondiale dell artigianato

Dettagli

www.blitzcomunicazione.it

www.blitzcomunicazione.it www.blitzcomunicazione.it SERVIZI Quotidianamente siamo sottoposti a dinamiche di comunicazione pubblicitaria in continuo fermento e rapida mutazione. Nasce in noi l esigenza d interpretare il messaggio

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

La Fondazione Musica per Roma promuove la ottava edizione del premio «Equilibrio Roma».

La Fondazione Musica per Roma promuove la ottava edizione del premio «Equilibrio Roma». PREMIO EQUILIBRIO ROMA PER LA DANZA CONTEMPORANEA BANDO E REGOLAMENTO La Fondazione Musica per Roma promuove la ottava edizione del premio «Equilibrio Roma». 1 finalità Scopo del premio è di promuovere

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI SAN SEVERINO LUCANO (PROVINCIA DI POTENZA) ENTE PUBBLICO 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

EC0.3 BANDO DI PARTECIPAZIONE

EC0.3 BANDO DI PARTECIPAZIONE CARAVAGGIO CONTEMPORANEA CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI CARAVAGGIO EC0.3 BANDO DI PARTECIPAZIONE PRESENTAZIONE Il Gruppo Caravaggio Contemporanea, si fa nuovamente promotore di EC0.3, evento culturale

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Prendas de jerru. Sapori, suoni e tradizioni della Barbagia.. Ora Inizio 21.15 Presenti : n. 13. Oggetto : Verbale di riunione del 24.01.

Prendas de jerru. Sapori, suoni e tradizioni della Barbagia.. Ora Inizio 21.15 Presenti : n. 13. Oggetto : Verbale di riunione del 24.01. Prendas de jerru Sapori, suoni e tradizioni della Barbagia.. www.gadoni.info/prendasdejerru mail prendasdejerru@tiscali Oggetto : Verbale di riunione del 24.01.2014 Ora Inizio 21.15 Presenti : n. 13 Odg.

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011)

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Indice 1 Premessa 1 Definizioni 2 Sostenitore 2 Volontario 2 Socio 2 Settore 2 Gruppo di Lavoro 2 Gruppo Locale 2

Dettagli

RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA CAPITOLATO TECNICO

RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA CAPITOLATO TECNICO RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER ESPERIENZA ITALIA CAPITOLATO TECNICO PREMESSA Nel 2011 si terranno i festeggiamenti per il centocinquantesimo anniversario dell

Dettagli

BROCHURE ILLUSTRATIVA. &Servizi. Ricerca, strategia e soluzione! &Servizi Santarelli Giusi

BROCHURE ILLUSTRATIVA. &Servizi. Ricerca, strategia e soluzione! &Servizi Santarelli Giusi BROCHURE ILLUSTRATIVA &Servizi Ricerca, strategia e soluzione! &Servizi Santarelli Giusi Servizio Hostess e pubbliche relazioni La S.G. MARKETING & SERVIZI, è una Ditta di Marketing e pubbliche relazioni,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Immagimondo Festival di viaggi, luoghi e culture 2015 18esima edizione Scheda presentazione sponsor. 19 settembre 4 ottobre

Immagimondo Festival di viaggi, luoghi e culture 2015 18esima edizione Scheda presentazione sponsor. 19 settembre 4 ottobre Immagimondo Festival di viaggi, luoghi e culture 2015 18esima edizione Scheda presentazione sponsor 19 settembre 4 ottobre Patrocinato da L associazione Les Cultures Il progetto Immagimondo I numeri del

Dettagli

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it LIBERI DI VIAGGIARE 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it L associazione nata nel 2009 (è un marchio commerciale di Marco Grieco) rappresenta un circuito di circa 1800 cral, associazioni,

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI Città di Vignola seconda edizione INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE PROGETTI AL COMUNE DI VIGNOLA PER OSPITARE TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI A SUPPORTO DI ATTIVITA DI RICERCA SCIENTIFICA, TECNOLOGICA,

Dettagli

PROCEDURA PARTECIPAZIONI NAZIONALI

PROCEDURA PARTECIPAZIONI NAZIONALI 15. Mostra di Architettura PROCEDURA PARTECIPAZIONI NAZIONALI 15. 15. Mostra ART. 1 Articolazione della Mostra di Architettura La Biennale di Venezia (d ora in avanti denominata La Biennale ) promuove

Dettagli

Maggio Ottobre 2015 Milano, Via Tortona 32

Maggio Ottobre 2015 Milano, Via Tortona 32 Maggio Ottobre 2015 Milano, Via Tortona 32 www.italianmakersvillage.it L Italia nel mondo, il mondo in Italia Italian Makers Village Il Fuori Expo per gli artigiani Expo Milano 2015 Confartigianato in

Dettagli

PROGETTARE E GESTIRE UN EVENTO

PROGETTARE E GESTIRE UN EVENTO PROGETTARE E GESTIRE UN EVENTO Sabato 21 marzo 2015 A cura dell Ufficio Comunicazioni sociali Progettare e gestire un evento culturale L animatore e l Equipe parrocchiale comunicazioni sociali L evento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio - Servizio Turismo SECONDA FASE SYMPOSIUM 2008 ALLEGATO B)

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio - Servizio Turismo SECONDA FASE SYMPOSIUM 2008 ALLEGATO B) - Viale Trieste, 105-09123 CAGLIARI SECONDA FASE SYMPOSIUM 2008 ALLEGATO B) Documento: SPECIFICHE TECNICHE ALLEGATE ALL AVVISO PUBBLICO PER IL COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA INERENTI LA SECONDA FASE DELLA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA PER PER L IDEAZIONE DI UN IMMAGINE COORDINATA E PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E PROMOZIONE PIEMONTE AGRIQUALITA PREMESSA CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI MONZA CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DELLO SPAZIO ESPOSITIVO DENOMINATO PUNTO ARTE DI VIA BERGAMO

COMUNE DI MONZA CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DELLO SPAZIO ESPOSITIVO DENOMINATO PUNTO ARTE DI VIA BERGAMO COMUNE DI MONZA CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DELLO SPAZIO ESPOSITIVO DENOMINATO PUNTO ARTE DI VIA BERGAMO Approvato con Delibera G.C. n. 750 del 23/11/2007 e integrato con Delibera G.C. n. 398 del 3/7/2012

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

CONTRIBUTI AD AGGREGAZIONI DI IMPRESE PER PROGETTI D INTERNAZIONALIZZAZIONE IN OCCASIONE DI EXPO MILANO 2015

CONTRIBUTI AD AGGREGAZIONI DI IMPRESE PER PROGETTI D INTERNAZIONALIZZAZIONE IN OCCASIONE DI EXPO MILANO 2015 CONTRIBUTI AD AGGREGAZIONI DI IMPRESE PER PROGETTI D INTERNAZIONALIZZAZIONE IN OCCASIONE DI EXPO MILANO 2015 Domanda di agevolazione Allegato A All Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio Servizio

Dettagli

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un progetto artistico itinerante a cura di Marco Solari Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un iniziativa che, tramite

Dettagli

L AZIENDA PASSATO. la società nasce nel 1998 ed opera nel settore delle Pubbliche Relazioni PRESENTE

L AZIENDA PASSATO. la società nasce nel 1998 ed opera nel settore delle Pubbliche Relazioni PRESENTE L AZIENDA PASSATO la società nasce nel 1998 ed opera nel settore delle Pubbliche Relazioni PRESENTE FUTURO oggi la MP Congressi e Comunicazione è in grado di offrire ai clienti, una vasta gamma di servizi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: ZINZUL USAMI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore D 03 Valorizzazione storie e culture locali OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

Inoltre esposizione di pezzi unici realizzati per il Concorso premio Jacopo da Trezzo 2015 dal titolo La magia delle pietre, doni della Terra

Inoltre esposizione di pezzi unici realizzati per il Concorso premio Jacopo da Trezzo 2015 dal titolo La magia delle pietre, doni della Terra Con il Patrocinio di Con il Patrocinio di Un evento Evento promosso da Organizzazione e comunicazione con Con il Patrocinio di I Maestri del Gioiello presentano nel centro di Milano le nuove collezioni

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 PREMESSA L Associazione Maestro Martino ha lo scopo di promuovere il territorio lombardo e le sue eccellenze attraverso la Cucina d Autore. L

Dettagli

INSEGNA ITALIA THE BEST OF ITALY ITALIAN STYLE. Identità e cultura del mangiare italiano un modello di Ristorante e Concept Store

INSEGNA ITALIA THE BEST OF ITALY ITALIAN STYLE. Identità e cultura del mangiare italiano un modello di Ristorante e Concept Store INSEGNA ITALIA THE BEST OF ITALY ITALIAN STYLE Identità e cultura del mangiare italiano un modello di Ristorante e Concept Store tipicamente che nasce dall esperienza made in Italy dei Wigwam per il Club

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista ComuniCare nformazione Società di comunicazione ed organizzazione eventi del mondo ANCI ditoria Comunicazione eventi publicrelations Informazione Editoria - Anci Rivista omunicazione Public Relations Congressi

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

ADI PER EXPO. Le vie del Compasso d Oro

ADI PER EXPO. Le vie del Compasso d Oro ADI PER EXPO Le vie del Compasso d Oro 01 ADI Nata nel 1957 e con i suoi 60 anni di storia è l unica realtà mondiale organizzata per rappresentare la complessità del progetto di design. Oltre 1000 soci

Dettagli

BANDO DI CONCORSO E REGOLAMENTO 1 CONTEST DI TEATRO SCOLASTICO MOMOTÚ: il teatro che fai tu!

BANDO DI CONCORSO E REGOLAMENTO 1 CONTEST DI TEATRO SCOLASTICO MOMOTÚ: il teatro che fai tu! BANDO DI CONCORSO E REGOLAMENTO 1 CONTEST DI TEATRO SCOLASTICO MOMOTÚ: il teatro che fai tu! 1 - PREMESSA L Associazione Culturale MOMOTÚ, con lo scopo di incoraggiare l attività teatrale come strumento

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli