Capitolo sesto L'ARTE DI COSTRUIRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo sesto L'ARTE DI COSTRUIRE"

Transcript

1 Capitolo sesto L'ARTE DI COSTRUIRE Lo studio delle tecniche costruttive è scaturito dalle esplorazioni sistematiche nella zona del Vulture, soprattutto l area che viene occupata dai castelli e dai casali abbandonati, nei quali affiorano diverse strutture: si pensi alla Valle di Vitalba. Fra le invenzioni medievali riscontrabili quindi in Basilicata è certamente il mulino ad acqua, già conosciuto in Illiria fin dal II secolo a.c. e in Asia Minore dal I a.c., esiste nella Basilicata romana come a Pietragalla con il suo castellum aquae, o i resti di un canale di acquedotto presso l Abbazia di S. Pietro a Cellaria presso Calvello, che recuperava l acqua dalle vicine sorgenti non perenni di Fonte Marinella. La mola a mano girata dagli schiavi o dagli animali dura nel tempo: nel IX secolo il mulino è già diffuso in Occidente, come anche l aratro medievale deriva pressoché certamente dall aratro a ruote descritto da Plinio il Vecchio, nel I secolo, che si diffonde e si perfeziona lentamente durante l Alto Medioevo, anche se una certa diffusione è più documentata nei paesi slavi come la Moravia prima dell invasione ungherese (all inizio del X secolo), e anche nel complesso dei paesi slavi prima dell invasione degli Avari del 568. Nel campo degli arnesi quotidiani, la pialla, per esempio, la cui invenzione si è spesso attribuita al Medioevo, era conosciuta fin dal I secolo: è probabile, quindi, che un buon numero di invenzioni medievali non sono altro che un eredità greco-romana trasmessa dall Oriente. Senza essere dimostrato, il fatto è verosimile per il mulino a vento, conosciuto in Cina, poi in Persia, nel VII secolo, segna lato in Spagna nel X, e apparso nella Cristianità solo alla fine del XII. 113

2 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Tuttavia, la localizzazione dei primi mulini a vento, rinvenuti finora in una zona limitata intorno alla Manica (Normandia, Ponthieu, Inghilterra) e la differenza tipologica fra il mulino orientale, munito di alte feritoie che concentrano l azione dei venti su grandi ruote verticali, e il mulino occidentale con quattro grandi lunghe ali, e il mulino mediterraneo con numerose tele triangolari tese da un insieme di cordami, è davvero minima per gli usi della Basilicata. Non abbiamo alcun esempio di mulini antichissimi e soprattutto a vento, ma abbiamo quelli ad acqua, come quelli quattrocenteschi di San Cataldo di Avigliano e quelli sei-settecenteschi di Atella. In una mappa del 1827 relativa al Comune di Lagonegro (Archivio di Stato di Potenza, Intendenza di Basilicata, b. 622, f. 548) è visibile un complesso di strutture riferibili ad un mulino. Vi sono però notizie antiche, come quella relativa al 1004, quando il sacerdote Savino, insieme a sua madre Gemma del castello di Montemilone donano un mulino con un orto nella contrada de fugardi a Giovanni, abate del Monastero di Morbano. Nel 1053 sarà addirittura Unfredo, comes et dux Apulie et Calabrie, ad offrire alla Trinità di Venosa il mulino di Radicisio. Che quest ultimo luogo sia stato importante dal punto di vista economico si nota da un altro documento del 25 agosto del 1059, quando Il pontefice Niccolò II, dopo aver consacrato il 17 agosto dello stesso anno l abate Ingilberto a guida della Trinità, conferma il Atella. Resti di un mulino quattrocentesco a Santa Maria di Vitalba. Mentre il mulino a vento dipendeva dalle forze eoliche, a volte assenti, il mulino ad acqua fu sempre maggiormente preferito nel Medioevo 114

3 L arte di costruire possesso di Santa Maria juxsta civitatem nominatam Monspilosus (Irsina), la cella di San Pietro in castro Senensi (Senise), di altre zone fuori regione e di due molendina super fluvium Deolivente, unum vocatur De radicisi alterum Condeacupito. Nel gennaio del 1146 Manfredi, signore di Forenza, dona un mulino posto presso il fiume Signone, nelle terre un tempo appartenute a Leone Gualardo. Altre notizie più tarde ne attestano la continuità d uso dei mulini: quella relativa al 6 dicembre 1546 rammenta Donna Altabella Petitti di Saponara che vende a Giovanni Parisano di Moliterno una parte del mulino con tanto di ruote, canale, mole e acquedotto posto in contrada Sciaura presso Moliterno. La presenza dei mulini fece in modo che si sviluppasse, certamente, una categoria di costruttori-restauratori di cui rimane memoria. Nel 1281, periodo in cui un certo Leone Strigaticio appalta a Boemondo di San Fele alcune riparazioni ai mulini di Vitalba. Abbiamo però qualcosa che ci riconduce all architettura in genere, quella delle chiese e dei castelli. Di esempi ve ne sono tantissimi, ma pochi sono stati veramente studiati: per quanto riguarda notizie concrete, si rammentano quelle relative al castello di Lagopesole, che la critica delle origini ha ritenuto possibile trattarsi di una costruzione unitaria di Federico II, ma considerando la struttura nel suo complesso, compreso il battifredo o battifolle, sembrerebbe un intervento tardo dello stesso imperato- Ripacandida. Chiesa di San Donato 115

4 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Ripacandida. Chiesa di San Donato. Impalcati e sollevamenti 116

5 L arte di costruire Il campanile della Cattedrale di Melfi, esempio della presenza normanna in Basilicata Satrianum. Torrione normanno re. Considerato come domus nel 1242, la fortezza doveva essere in via di ristrutturazione, poiché nel 1269 furono richiesti dall imperatore Carlo I dei manovali; lo stesso, nel 1270, ordina al Giustiziere e all Erario di Basilicata di pagare a richiesta del Giudice De Grisa di Melfi le spese per i restauri dei tetti, secondo la stima degli architetti. Così avviene anche negli anni 1271, 1275 e Con quest ultima data coincide una certa vitalità del castello che è spesso abitato dall imperatore, che utilizzò con la sua corte vasellame fine da mensa ritrovata nel cortile minore. L imperatore soggiornò spesso anche a Melfi, dove non si sa quasi nulla del castello in età sveva. Solo dal 1269 fortezza fu restaurata Ricostruzione di una tipica motta, simile a quella presente a Gaudiano di Lavello in parte ad opera del carpentiere Jean de Toul. Ma si vede che i denari non bastarono, così Carlo I nomina, nel 1271, quei luoghi tenuti alla sua manutenzione: le località designate furono Melfi, Monticchio, S. Andrea e Venosa. I1 4 agosto 1277 la 117

6 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Curia Regia, ritenendo che dovessero essere completate la stalla, la torre e i muri, nomina Riccardo da Foggia con l incarico di magister affinché provveda di procurare manovali (manipuli) ed asini (somerii) per il trasporto del materiale necessario. Oltre alle note successive che riguardano la richiesta di altri cavatori, sterratori (scappatores lapidum) e muratori (magistros muratores) nonché, travi di legno richieste dal magister carpenterius Giovanni de Tullo, e modalità di costruzione dei muri altrimenti essi risulterebbero non fortes et boni. Pierre de Angicourt, cui sono affidati i lavori, è violento e autoritario e Carlo I gli chiede di non molestare gli operai. Egli inoltre modifica l intero progetto costruendo le torri pentagonali (duplices) che non furono richieste dall Imperatore ma provocarono le proteste del costruttore Franciscus de Melfia. Tra il 1277 e il 1280 una massa imponente di forze e lavori sono concentrati a Lucera e a Melfi: nel 1288 sono qui presenti ventiquattro maestri fabbricatori, centoventi manovali, sedici scalpellini, dodici tagliato- Grottole. Torre normannosveva 118

7 L arte di costruire ri più i conduttori di animali e restauratori degli attrezzi: tutti venivano pagati per quindici grani al giorno (fabbricatori, scalpellini e tagliatori), mentre sette grani solo per i manovali, quindici ed undici grani a seconda che i conduttori di animali ne portassero due od uno a testa. Per il nostro castello i lavori compresero la realizzazione del profondo fossato, che servì anche da cava di estrazione; costruzione di tutta l ala nord est con la cinta e tre cortili (della Cisterna, del Mortorio e degli Armigeri) e della sala dell Imperatore, e fu concesso che il materiale ligneo, soprattutto castagni non fruttiferi, provenisse dai territori di Melfi e Rapolla. Questi pochissimi dati sulle tecniche costruttive inducono ad ipotizzare, insieme ad altri monumenti, che sul finire dell XI sec. erano già di uso corrente il martello a penna, la martellina a doppia punta e la gradina. La martellina a doppia punta si trova documentata nelle abitazioni della fine dell XI sec. rinvenute nel castello di Lagopesole. Bifora del Castello. 119

8 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Ricostruzione di un impalcato dipendente ad un afila di montanti. (disegno arch. Lia Gaetani). Ricostruzione di un impalcato ottenuto con fori per travicelli passanti. (disegno arch. Lia Gaetani). 120

9 L arte di costruire Le mura angioine del castello di Uggiano Monticchio, in numerosi monumenti di età romanica ed in alcune strutture della Valle di Vitalba. Per quanto riguarda le cave, sembra interessante far notare che sia in Puglia che in Basilicata, sino a tutto il XIV sec., non furono mai scavati banchi rocciosi ipogei, bensì subdivo, sfruttando nella maggior parte dei casi fronti di attacco a varie altezze. Tale situazione sembra molto diversa da quella rintracciata, per esempio, in Normandia, dove nello stesso periodo troviamo anche cave ipogee. Con lo studio combinato e sistematico delle tecniche costruttive delle strutture fortificate non potevano mancare Valle di Vitalba 121

10 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo quei dati ai quali si può pervenire con l analisi degli elevati. Un contributo in questo senso, fornito ha spinto la ricerca proprio sulle strutture pertinenti i secoli XI-XIII, spingendosi spesso anche oltre questa cronologia. Lungo i muri furono a volte lasciati dei fori che riconducono alla realizzazione di impalcati. Tre sono le tipologie-tipo classificabili: impalcato dipendente ad una fila di montanti o pertiche; impalcato indipendente a due file di montanti; impalcato dipendente a sbalzo. Raramente, sulle fortezze sveve, si trova l impalcato dipendente ad una fila di montanti, ma è possibile rintracciarlo dai fori per travicelli del castello di Monticchio, nella torre medievale di Craco. A proposito dei fori lungo i muri, essi sono classificabili in quadrangolari e rettangolari e verticali. Diversi per tipologia, invece, sono i fori per travicelli del castello di Laurenzana, da attribuire, a quanto sembra, ad interventi in opere murarie ascrivibili alla metà del XVI secolo, quando la fortezza diventa palazzo. Mentre qui i fori sono per lo più quadrangolari, nelle mura di Rapolla si conservano rettangolari-verticali e si avvicinano, tipologicamente, ad alcuni monumenti romanici quali la Basilica di S. Nicola e la Cattedrale di Bari. Le mura di Rapolla porterebbero ad un altra interessante considerazione. La presenza dei fori rettangolari consente l inserimento di una trave di legno più piccola di un palo intero proveniente da un tronco d albero. Al di là della considerazione ingegneristica, sappiamo che questa ultima scelta di un prodotto più elaborato potrebbe essere la conseguenza che verso la fine del XIII sec. le risorse forestali rischiavano di essere sempre Elementi architettonici di ascendenza cistercense nel castello di Uggiano minori rispetto ai periodi precedenti, cioè il manto boschivo 122

11 L arte di costruire Uggiano. Iscrizione di Masseria già Lisanti proveniente dal castello Uggiano. Muro d'ambito restaurato più volte durante le evoluzioni della frana del XIV- XV sec. La collina di Monteserico 123

12 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo veniva via via scomparendo. Ora, non sappiamo se questa ipotesi è valida, ma è certo che in alcune strutture murarie la presenza dei fori per travicelli rettangolari sono il prodotto di una scelta costruttiva non dovuta al caso, ma per un esigenza a noi ancora sconosciuta. La tipologia del castello di Laurenzana ripropone la problematica concernente i castelli e la loro costruzione nel corso dei secoli. Torri cilindriche furono costruite a Rapolla, Brienza, S. Mauro Forte e Tricarico. Una ulteriore pista per ricercare la storia e l archeologia costruttiva è certamente la documentazione iconografica. L importante affresco della Chiesa di S. Donato di Ripacandida riporta anche alla chiesa rupestre di S. Lucia presso Melfi i cui temi, più antichi di quelli di Ripacandida, riproducono i motivi più colti delle chiese rupestri di Matera del XIII e XIV sec. Monteserico. Il castello, preceduto da un fossato, si raggiungeva solo dopo aver attraversato parte dell'abitato 124

13 L arte di costruire Castello di Monteserico. Interno Il ciclo, che raffigura alcune scene di vita della Santa, riporta la presenza di una fortificazione merlata, probabilmente le mura di una città molto simile ai resti, forse unici nell interezza di tipo documentario del castello di Uggiano. Anche la Cattedrale di Anglona, con i Castello di Monteserico. Scala a chiocciola di età sveva 125

14 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Castello di Monteserico. Superfetazioni del XVI sec. 126

15 L arte di costruire Castelmezzano. Ingresso del castello suoi celebri affreschi, che documenta la scena della costruzione della Torre di Babele. Con i Normanni l evoluzione delle armi e dell arte militare, essenziali per un aristocrazia di guerrieri, porta con sé progressi della metallurgia e della balistica. La Chiesa fa progredire la misura del tempo, e la costruzione delle chiese, i primi grandi edifici del Medioevo, dà un grosso stimolo al progresso tecnico, non solo alle tecniche di costruzione, ma all attrezzatura, ai trasporti, alle arti minori, come la fabbricazione di vetrate. Pietrapertosa. Durante la costruzione del castello, i blocchi vennero accuratamente disposti a scarpa 127

16 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Pietrapertosa. Castello. Tracce di palizzata in legno Nessuna meraviglia dunque che il ferro, come si è visto, sia oggetto di attenzioni che. Niente di strano se il fabbro è fin dal Medioevo un personaggio straordinario, paragonabile allo stregone. Indubbiamente egli deve questa aureola soprattutto alla sua attività di forgiatore di armi, di fabbricante di spade, e a una tradizione che ne fa, insieme con l orefice, un essere sacro trasmesso dalla tradizione barbarica e scandinava e germanica all Occidente medievale. Mentre, però, di queste fortificazioni lignee non rimane alcuna traccia (basti pensare che in alcune torri duecentesche anche le travature dei solai sono state sostituite da volte in muratura). Tricarico. Ingresso al centro storico 128

17 L arte di costruire Il castello di Laurenzana Probabilmente quando i Normanni giunsero in Basilicata trovarono un territorio ricco di banchi calcarei, come del resto possiamo constatare ancora oggi, particolarmente adatto alla costruzione delle proprie opere di difesa e soprattutto in una regione dove già si conoscevano consolidate tecniche costruttive. Sappiamo che, per comodità, le cave venivano aperte molto spesso vicino ai futuri castelli e, comunque, nei pressi o all interno dei centri abitati; talvolta, queste diventavano i piani interrati e i profondi fossati, assicurando efficaci rampari alle fortezze stesse; nell area di Matera, per esempio, le antiche cave di pietra vennero utilizzate suc- Brienza. Castello e borgo medioevale 129

18 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo cessivamente come abitazioni rupestri prendendo il nome di vicinanze (si veda anche Massafra). Prendendo in considerazione i castelli di Lagopesole, Melfi o Laurenzana, il materiale utilizzato per costruire le torri e la cortina muraria è lo stesso della roccia calcarea sul quale poggiano le sue fondazioni. Il fossato, quindi, è stato scavato nella roccia, fornendo sia la materia prima della costruzione stessa, sia l inerte presente nell abbondante malta utilizzata. Si può, inoltre, aggiungere come in questo fossato Probabilmente, gli antichi costruttori dei castelli si accorsero dell evidenza geologica, ossia della differente consistenza granulometrica del banco roccioso ed utilizzarono il materiale più compatto soprattutto nelle torri, dove si presenta perfettamente squadrato, a differenza delle cortine. Questa precisazione va fatta per dimostrare il perché non sia stato necessario scavare delle gallerie sotterranee per cercare materiale duro e compatto, dal momento che questo, in alcuni casi, si trovava addirittura in superficie, ribaltando la tipologia più frequente secondo la quale i banchi più teneri dovevano situarsi negli strati più esterni e meno profondi. Riguardo ai criteri di realizzazione, sappiamo che i costruttori dell XI-XIII sec., ripetendo tecniche usate dai Romani, si potevano avvalere, per ogni tipo di muratura ( a sacco od anche perfettamente squadrata od isodoma), anche di materiale di spoglio o di scarsa consistenza (schegge, pietre non squadrate, ecc.), mentre per le murature esterne di rivestimento si adoperava un accortezza maggiore sia nella scelta del tipo di calcare, sia nella squadratura o nel trattamento superficiale dei conci. In questo senso si spiega la tipologia costruttiva di molti edifici e fortezze, dove si può notare come i conci disposti sulla parte superiore della cortina muraria siano di colore e composizione diversi essendo stati estratti da strati meno compatti rispetto a quelli utilizzati nella parte inferiore, che, costruita per prima, doveva essere più adatta alla difesa e quindi più tenace. Potrebbe trattarsi di un accorgimento puntualmente pianificato o di banchi diversi di una medesima cava. Anche nel caso di Melfi, come dimostra la roccia affiorante in più punti sotto la cortina, la cava dovette essere lo stesso fossato, scavato intorno al futuro castello ed in tempi moderni colmato da terra. Un attenta osservazione dei materiali adoperati per le cortine murarie e le cave sfruttate a cielo aperto (ossia gli stessi fossati) è 130

19 L arte di costruire stata possibile una indagine più puntuale, ma dove, invece, l edilizia ha preso il sopravvento (interessando maggiormente i centri storici), i castelli sono divenuti dimore baronali (anche se molti lo erano già in origine), subendo nel corso dei secoli trasformazioni tali da non consentire, nella gran parte dei casi, di leggere la struttura ed i nuclei originari. In conclusione, è possibile ipotizzare una sequenza di lavori durante i quali le maestranze utilizzarono certamente la cava del fossato, consentendo di ottenere, a seconda degli spessori disponibili durante l estrazione, conci compatti e squadrati o subarrotondati ed angolari. Nel primo caso i conci vennero utilizzati per i cantonali e per i lati a vista delle torri, nel secondo Venosa. Castello. Strutture tardoromane ed altomedievali demolite nella fortezza 131

20 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo caso i blocchi non squadrati vennero utilizzati per le cortine di raccordo, secondo una sequenza piuttosto complessa: su letti di posa perfettamente orizzontali venivano posti almeno quattro corsi di pietra su abbondante malta; si formava così un muro a scarpa di raccordo alle torri, che solo in un momento successivo venivano completate. In epoca federiciana, poi, sussiste un altro problema interpretativo, poiché Federico II si interessò, ovviamente, dei centri strategicamente rilevanti ed appartenenti al Demanio imperiale. Ne consegue che i molti centri salentini non citati nello Statutum de reparatione castrorum -che ovviamente sopravvissero- forse realizzarono delle fortificazioni al di là dei canoni federiciani, senza contare la probabile distruzione di alcune fortezze costruite prima delle Costituzioni Melfitane, quando Federico II pose gli edifici fortificati a guardia delle città e a difesa dei luoghi di importanza strategica nel Regno. Le fortezze, governate dal castellano e presidiate dai servienti, diventavano di esclusivo dominio del sovrano, per cui quelli costruiti dopo la morte di re Guglielmo dovevano essere abbattuti; infatti l art. 191, del Libro III, al titolo XXXIII, così recita: «I castelli, le fortificazioni e le torri costruite dopo la morte della divina memoria di Re Guglielmo, Nostro Cugino, a proposito dei quali la nostra licenza di abbattimento non fu rispettata come è stato stabilito da Guardia Perticara. Torrione angioino inglobato in un palazzo 132

21 L arte di costruire Noi nella Curia di Capua, ora, con rinnovata costituzione ordiniamo di nuovo che debbano essere demoliti, gravando sui trasgressori della Nostra costituzione la pena della confisca dello stesso castello o della nuova costruzione, se non avranno abbattuto gli edifici entro la prossima Natività del Signore. Al presente articolo aggiungiamo che anche se a nessuno sia consentito di ricostruire fortificazioni distrutte senza ordine della Nostra Altezza»; e l art. 192: «Vietiamo che nelle terre del Nostro demanio siano costruiti d ora in poi edifici Monticchio. Arco acuto del XIII sec. nel castello 133

22 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo attraverso i quali possano essere impedite la difesa o la fortificazione dei luoghi o il libero transito. Proibiamo più espressamente che d ora innanzi siano erette torri dai privati in quei luoghi. Infatti crediamo che per la tutela di tutti i sudditi del Nostro Regno siano pienamente sufficienti le Nostre fortezze e, ciò che è più sicuro, il baluardo della Nostra protezione». Dopo la morte di Guglielmo, quindi, il sovrano non vuole che esistano nel Regno fortificazioni e castelli al di fuori del suo dominio, il che indicava come prassi la costruzione di castelli comitali. Ammettendo che il momento di passaggio dalla dinastia normanna a quella sveva non sia stato traumatico, ma piuttosto di una graduale sovrapposizione si può supporre un momento normannosvevo. È in questa continuità insediativa e costruttiva che bisogna rintracciarne l impronta, là dove si è conservata inalterata dall uomo e dal tempo. Questo tipo di considerazioni non ha la pretesa di dare certezze in merito alla data in cui tali castelli o nuclei originari furono realizzati, ma solo di sfatare valutazioni troppo frettolose, e spesso prive di fondamenti storici dettati dalla fantasia di alcuni autori locali, che per anni hanno continuato a definire normanna o sveva un opera senza neanche azzardare un solo confronto diretto con una struttura sicuramente databile al XII e XIII sec.; in questo modo la poca o nulla conoscenza riguardo all architettura militare realizzata dai Normanni e dagli Svevi, per cui si spera che i monumenti possano essere oggetto di un accurata lettura stratigrafica e di un attento restauro. In riferimento alle tecniche costruttive dei castelli, neanche il principio ispiratore degli scavi archeologici trova fondamento. Ciò significa che non è ancora possibile uno studio sistematico delle tecniche costruttive combinate con fossili-guida come ceramiche e monete. Il risultato ottenuto è stato quello di guardare il fenomeno costruttivo nel suo complesso: la Basilicata, frontiera della Puglia, quest ultima protesa come un molo verso l Oriente e ambita per la sua posizione geografica, è stata un territorio deputato all incontro e allo scontro delle più diversificate culture ed etnie, che ne hanno inevitabilmente mutato di volta in volta la propria fisionomia. Le varie dominazioni hanno caratterizzato l assetto territoriale, sovrapponendo spesso la propria impronta a quella preesistente o talvolta sconvolgendola. 134

23 L arte di costruire L imponente castello di Brindisi di Montagna 135

24 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo Soprattutto nelle fortificazioni, la struttura, il più delle volte, è stata oggetto di rifacimenti soprattutto ad opera degli Angioini, i quali, con prevalenti localizzazioni lungo le coste e con opere eseguite direttamente dalla Corona o autonomamente dai singoli proprietari, ne hanno compromesso inevitabilmente l aspetto originario. Anche gli interventi aragonesi non sono stati meno influenti, con la conseguenza che molti dei nuclei attribuibili al XII o XIII sec. risultano inglobati attualmente in strutture del tutto estranee all impianto antico. Né sono passate inosservate le dominazioni successive, che con restauri o rifacimenti hanno contribuito a snaturare interi complessi. Ora il rischio a cui vanno incontro questi siti è che lo stato di abbandono in cui versano o, al contrario, il continuo riuso, legato in molti casi ad esigenze abitative, facciano perdere del tutto le uniche e preziosissime tracce di quel momento che, all inizio della nostra ricerca, abbiamo definito normanno-svevo. Pochi periodi e aree culturali nell ambito della storia dell armamento medievale sono documentati da una così ampia gamma di testimonianze iconografiche come nel caso dell età dell espansione normanna in Europa ed in Italia meridionale. Nell arazzo di Bayeux, ma anche numerose illustrazioni di manoscritti di area anglofrancese, soprattutto della seconda metà del XII secolo così come pure qualche pittura murale e qualche scultura in pietra o legno, forniscono interessanti indicazioni sulle fogge e tipologie del corredo militare dei guerrieri normanni. Ben settantanove dei duecentouno uomini in arme raffigurati nell Arazzo di Bayeux indossano una protezione in metallo del capo, del tronco e delle gambe: si tratta, del cosiddetto usbergo, realizzato con anelli di ferro intrecciato. È da notare che sia i guerrieri normanni sia quelli sassoni indossano un tipo di usbergo praticamente identico. La maglia di ferro, che in origine era costituita da brattee o squame in ferro o acciaio cucite su una veste in pelle o tessuto pesante, fu in uso nell Europa settentrionale almeno sin dal III secolo a.c., come testimoniano alcuni ritrovamenti in Danimarca. In seguito in tutto il continente si diffuse la struttura di anelli in ferro o acciaio cuciti sulla veste o intrecciati a formare un vero e proprio tessuto metallico. L arazzo di Bayeux sembra mostrare diversi tipi di maglia: ad anelli, a brattee e a losanghe. Anche la tipologia stessa degli usberghi, quale appare nel ricamo, presenta diversi aspetti di controversa interpretazione; in particolare 136

25 L arte di costruire Ripacandida. Chiesa di San Donato. La costruzione dell'arca di Noé, con la rappresentazione del saltus. Gli operai al centro usano l'ascia piana, la sega e l'accetta 137

26 La vita quotidiana in Basilicata nel Medioevo alcuni guerrieri normanni indossano protezioni che nella parte inferiore sembrerebbero essere sagomate come veri e propri calzoni ricoperti dagli anelli di ferro; ma è evidente che una foggia di questo tipo avrebbe reso particolarmente scomodo il cavalcare. Il cranio del combattente era protetto da un caratteristico casco (si preferisce usare questo termine a quello di elmetto). Elemento caratteristico e fondamentale della combinazione difensiva del guerriero normanno è il famoso scudo di forma allungata, detto appunto alla normanna, con il margine superiore arrotondato e in basso terminante a punta. Esso proteggeva il corpo del guerriero, soprattutto dei cavalieri, dalla spalla fin sotto il ginocchio ed era, come la maggior parte degli scudi medievali, formato da, materiali deperibili come cuoio e legno. Ricostruzione del castello di Pietrapertosa 138

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

COMUNE DI TONADICO PROVINCIA DI TRENTO MANUALE PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO

COMUNE DI TONADICO PROVINCIA DI TRENTO MANUALE PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO COMUNE DI TONADICO PROVINCIA DI TRENTO MANUALE PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO progettista ing. arch. Henry Zilio con arch. Michele Baggio geom. Ilaria Bettega VERSIONE AGGIORNATA

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

6) I LUOGHI DEL SACRO

6) I LUOGHI DEL SACRO 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli