ARIMINUM. Borgo Marina Il Porto antico e medievale. Storia, arte e cultura della Provincia di Rimini Le onoranze al Milite Ignoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARIMINUM. Borgo Marina Il Porto antico e medievale. Storia, arte e cultura della Provincia di Rimini. 1921. Le onoranze al Milite Ignoto"

Transcript

1 ARIMINUM Storia, arte e cultura della Provincia di Rimini Anno XIX - N. 5 - Settembre/Ottobre 2012 Periodico bimestrale fondato dal Rotary Club Rimini Le onoranze al Milite Ignoto Roberto Rossi: Il trombone di Viserbella L isola e le rose di Walter Veltroni Borgo Marina Il Porto antico e medievale

2

3

4

5 EDITORIALE SOMMARIO IN COPERTINA Ombre sul Porto di Rimini di Gianluca Casoni TRA CRONACA E STORIA Anni Venti/4 novembre 1921: le onoranze al Milite ignoto pag. 6-8 Novecento riccionese La Cucina economica pag. 11 PAGINE DI VITA Corrado Ghini Il calvario della prigionia pag DENTRO LA STORIA Alle origini del traffico cittadino pag VISERBA La cronaca in pillole pag STORIA DELL ARCHITETTURA Borgo Marina pag ARTE Le piccole Madonne della Ghiara pag L adorazione dei Magi, di Giorgio Vasari pag. 26 FOTOGRAFIA Riccardo Varini pag. 31 MOSTRE Enzo Maneglia a Fighille pag Luciano Filippi a Villa Verucchio pag Fuori onda VELTRONI E LE ROSE Ho letto L isola e le rose di Walter Veltroni e mi è piaciuto. Un bel romanzo. Brioso e vero. Vero anche nelle parti di pura fantasia. Non pensavo mai che un esterno riuscisse a penetrare così bene nel genius loci di questa città e cogliere quel sentimento di orgogliosa leggerezza che si annida nell animo del riminese, sempre pronto a rincorrere i propri sogni con quella sana incoscienza che lo spinge a credere di cambiare il mondo stando seduto al bar. Non pensavo mai, insomma, che un forestiero, per quanto scrittore talentuoso, fosse in grado di intingere l ispirazione negli effetti sorprendenti del nostro Garbino. Ma non sono qui a parlare del libro il compito, su queste colonne, spetta a Nando Piccari, bensì dell autore. E lo faccio tornando con la mente a lunedì 16 gennaio, quando mi trovai a tu per tu con Walter Veltroni al Grand Hotel. Dei politici ho un opinione pessima; l ho scritta chiaramente nel precedente Fuori onda, e Veltroni è un politico. Quel pomeriggio, tuttavia, non aveva indosso quel genere di casacca. Nella grande hall del fascinoso albergo, sprofondati su due comodissime poltrone, abbiamo fatto una passeggiata nel tempo per più di un ora come due vecchi amici; una chiacchierata a ritroso su Rimini, centro di gravità dei suoi pensieri, dagli anni del secondo dopoguerra a quelli della Bella époque. Lo avevo al mio fianco con carta e penna, come uno studentello voglioso di arricchire la propria preparazione. Mi pressava di domande; collezionava aneddoti, date, umori, stranezze, tuffandosi tra le onde di quel sogno di libertà che è nel dna di questo borgo gratificato dal sole e dalla nebbia. Ed io che tenevo le briglie di quel colloquio esaudendo richieste e colmando dubbi, mi stupivo di volta in volta della sua brama di ricerca e di approfondimento. Beh, quella disponibilità all ascolto, addolcita di gentilezza e garbata semplicità, mi ha lasciato un piacevolissimo ricordo. Di quella conversazione al Grand Hotel avrei voluto serbare il silenzio; se lo infrango, rendendo note queste impressioni, è perché Walter Veltroni, ringraziandomi pubblicamente sul libro, ha voluto divulgare il nostro incontro. E di questo gliene sono grato. MUSICA Roberto Rossi Trombonista jazz pag ALBUM A spasso per la città I fornai pag. 41 LIBRI L Isola e le rose pag John Lindsay Opie pag Partigiane pag DIALETTALE Compagnie e personaggi della ribalta riminese. Valeria Parri pag. 48 NUMISMATICA La medaglia del Rotary Club Rimini Riviera pag. 51 ARIMINUM Le bagnanti di Maneglia pag. 52 A PESCA DI LETTORI M. M. La cartolina di Giuma ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE

6 TRA CRONACA E STORIA Anni Venti / 4 novembre 1921 Le solenni onoranze Al Milite Ignoto Il Tricolore torna a sventolare in città e fin dalle prime ore del mattino una folla enorme invade il corso d Augusto e le due piazze di Alessandro Catrani Volantino del Comitato riminese per le Onoranze al Soldato Ignoto del 28 ottobre 1921 Venerdì 4 novembre 1921, San Borromeo, «tempo discreto, ma nebbioso» (1) : la nostra città vive alcune ore di insolita commozione per le programmate solenni onoranze alla salma del Milite Ignoto la quale, nelle stesse ore, sta giungendo a Roma per essere tumulata nell Altare della Patria. Fin dalle prime ore del mattino Rimini assume un aspetto speciale: quello dei grandi avvenimenti. Ovunque sventola il tricolore. Dalle finestre delle vie principali pendono i più caratteristici e variopinti addobbi inneggianti alla Patria. La cerimonia d apertura è prevista in Duomo per le 9,30. Il Tempio è gremito di gente, di ufficiali del Regio Esercito, di autorità e di rappresentanze. Il colpo d occhio è magnifico. Al centro rifulge il Catafalco artisticamente addobbato con ai lati bandiere e corone: vegliano su di esso, tutt intorno in cerchio, le truppe del 27 Reggimento Fanteria, un plotone dei Regi Carabinieri in alta uniforme, un plotone di Guardie Regie, un altro della Guardia di Finanza ed i Giovani Esploratori (sia quelli di terra che di mare). Alle 10 circa ha inizio la funzione religiosa. La messa è celebrata da S.E. il Vescovo Scozzoli assistito dal Capitolo e dal Collegio dei Parroci. Una valente schola cantorum, egregiamente diretta da don Angelo Renzi, col concorso della società corale Amintore Galli e di aggregati forestieri, fra i quali il tenore Rossi di Bologna ed il baritono Grotti di Urbino, esegue, con accompagnamento di organo ed archi, la Messa da Requiem di Perosi. Alle 10,30 uno squillo di tromba annunzia l Elevazione. Si forma un silenzio assoluto, rotto appena dai rintocchi della campana e «dal sincronico e caratteristico rumore delle armi manovrate per il Present arm. La commozione è intensa e generale: è l attimo della Consacrazione, del raccoglimento, della preghiera ardente» (2). Terminata la funzione religiosa, un gruppo di ragazze, sotto «Commemorando il soldato sconosciuto, la Patria ha commemorato un autentico figlio del popolo l egida del maestro Savioli, intona la toccante Canzone del Piave, mentre la fiumana di gente, uscendo dal Tempio, si compone in corteo per recarsi a piedi al Cimitero. È un corteo di proporzioni gigantesche, lungo almeno due chilometri (numerosissime le corone di fiori). L ordine del corteo è, annota il cronista del settimanale cattolico L Ausa, il seguente: «precedeva una lunga rappresentanza dell Associazione Madri e Vedove dei Caduti in Guerra; seguivano: gli Orfani di guerra ricoverati nell Istituto Salesiano, gli Orfani di guerra del Ricreatorio Asilo, il gonfalone del Comune portato e scortato da due donzelli comunali, Associazione Combattenti e Mutilati, Giovani Esploratori, Fascio Riminese di Combattimento, operaie DAL SETTIMANALE CATTOLICO L AUSA «DOVE SONO I SOCIALISTI?» Scrive il cronista de L Ausa il 5 novembre 1921: «Dove sono i socialisti? Boh?! Se i socialisti non parteciparono alle solenni manifestazioni di ieri, bisogna dire che a Rimini di socialisti non ce ne siano più o che siano ben molto pochi, perché noi abbiamo riportato l impressione che tutta Rimini, come un sol uomo, abbia vibrata nella stessa commozione, nello stesso atto di fede e di pietà. Il contegno dell Amministrazione Comunale socialista fu poi semplicemente assurdo, ridicolo, illogico, incoerente, per non dir di peggio. Il Comune lanciava un manifesto (nel riquadro, n.d.r.) dichiarando di non poter partecipare alle onoranze del Milite Ignoto, riservandosi di ammanirgli una manifestazione popolare 6 ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

7 4 novembre Il corteo in corso d Augusto verso il ponte di Tiberio e, sotto, all imbocco della piazza Cavour. della manifattura tabacchi aderenti al sindacato cristiano, Opera Biasini Belisardi, ufficiali ed autorità, Istituto Tecnico Valturio, Scuole Elementari Tonini, Tiro a Segno, Regia Scuola Tecnica, Regia Scuola Arti e Mestieri, Regio Ginnasio, Collegio San Luigi, associazioni liberali, Croce Verde, Società Sportiva Libertas, Circolo della Filodrammatica, Regie Scuole Magistrali, Regia Scuola di Tirocinio, rappresentanza del Capitolo e del Collegio Parrocchiale, banda del Circolo Giovanile Cattolico dal Maestro Cavalier Parmeggiani con rappresentanza del Circolo, Unione Nazionale dei Reduci di Guerra, Partito Popolare Italiano, Società Cattolica di Mutuo Soccorso, Circolo Salesiano, Circolo Don Bosco, Istituto Fanciulle Abbandonate» (3). di quel popolo che nel silenzio seppe sopportare enormi disagi, incalcolabili sacrifici per la salvezza del Paese» Attraversando le vie principali della città (via Serpieri, corso d Augusto), in composto ordine e al suono della banda del Circolo Giovanile Cattolico e della musica del 27 Reggimento, il corteo interminabile raggiunge a piedi il civico cimitero. Lì, fra le croci e le tombe, la sfilata si snoda silenziosamente e i partecipanti vanno a deporre fiori e corone sul monumento ai caduti riminesi eretto a cura dei fanti del 27 Reggimento. Chiosa il cronista de L Ausa : «Le onoranze al Milite Ignoto costituirono a Rimini, come del resto anche altrove, una manifestazione squisitamente popolare, democratica. Questa, secondo noi, fu la loro principale caratteristica, la loro impronta, la loro fisionomia. E non poteva essere altrimenti. Perché commemorando il soldato sconosciuto, la Patria ha commemorato un autentico figlio del popolo, una creatura di popolo, di quel popolo che nel silenzio dei veri eroi, seppe sopportare enormi disagi, incalcolabili sacrifici per la salvezza del Paese» (4). Note 1) Cfr. Diario del generale Ferrucci, sub 4 novembre 1921, Archivio dell Autore. 2) L Ausa del 5 novembre ) L Ausa, cit. 4) L Ausa, cit. per il giorno 13 corr. (più popolare, più democratica, più proletaria di quella di ieri non sarà possibile!) e poi, con sublime incoerenza, mandava al Corteo il suo Gonfalone portato da due valletti comunali Chi ci capisce qualcosa è bravo! È il caso di dire ai signori Amministratori del Comune che si decidano una buona volta: o per la Patria o contro la Patria! O si voleva da loro onorare la memoria del soldato sconosciuto e allora non vi era occasione migliore per far ciò di quella che ieri presentava il grandioso Corteo di popolo, in cui uomini di tutti i partiti erano presenti. O non si voleva partecipare alla glorificazione del Milite Ignoto e, in questo caso, era perfettamente inutile pubblicare dei manifesti commemorativi e mandare al Corteo il Gonfalone del Comune. Perché così facendo, i socialisti di Rimini hanno dimostrato ancora una volta che essi antepongono il sentimento della disciplina del Partito al sentimento dell amor Patrio. Tale bassezza di sentimento fa semplicemente schifo!». (Per ulteriori approfondimenti sulla querelle si veda la risposta polemica apparsa sul settimanale socialista Germinal nel numero del 12 novembre 1921) ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE

8 TRA CRONACA E STORIA IL MANIFESTO DEI SOCIALISTI Un invito a non partecipare alle onoranze Municipio di Rimini. Cittadini. Da ogni parte d Italia, dai più umili borghi alle cospicue città, per ogni casa, per ogni via, per l ampia solitudine dei campi, oggi si ripercuotono mille echi di tristi ricordi, di strazi infiniti, di sacrifizi inauditi, e nella pallida luce di questo melanconico inizio di Novembre s inchina riverente l omaggio di tutto un popolo, alla memoria di quanti nell immane tragedia della guerra fecero olocausto della loro vita per l adempimento di un supremo dovere. I nostri cuori di uomini e di socialisti non possono rimanere indifferenti in questo coro di universale compianto e non sentirsi profondamente commossi al ricordo di tante vittime che hanno incontrato una morte gloriosa ma oscura, e giacciono senza nemmeno il conforto di una lacrima e di un fiore sulla loro tomba. Quest Amministrazione Comunale ha votato per la circostanza un fondo in favore delle vedove e degli orfani di guerra; ma ha deciso di non partecipare alla dimostrazione ufficiale di oggi, per non confondersi con coloro che dalla unanime vibrazione di cordoglio traggono ancora motivo di rinnovati osanna al terribile massacro di cui piangiamo le vittime: vittime ignote che sdegnano l incomposta coreografia degli sbandieramenti e delle fanfare, per placarsi soltanto nell austero silenzio espressione del loro vero dolore. La Giunta ha stabilito inoltre di indire per il giorno 13 corr. un corteo, senza carattere di parte, ma schiettamente popolare, il quale in un tacito solenne raccoglimento si rechi al Cimitero per rendere il dovuto omaggio ai caduti e cospargere di fiori le loro tombe e la loro memoria. Tra quei tumuli sorga dalla grandiosità del dolore, la visione ammonitrice della mostruosità del male che non abbiamo saputo evitare, e ciascuno di noi, ritraendosi da quel rito di morte, giuri a se stesso che nessun sacrificio gli sarà grave, nessuno sforzo impossibile pur d impedire che altri lutti, altre stragi, altre devastazioni trattengano più oltre l ascesa dell Umanità verso i suoi nuovi destini di pace, di amore, di fratellanza universale. Rimini 4 novembre La Giunta Municipale: A. Clari, Sindaco, B. Pedrizzi, A. Porcellini, M. Macina, G. Bordoni, C. Giannoni, V. Belli, U. Lugli, B. Montefameglio». NEL RICORDO DI ETTORE TOSI BRANDI L ultimo caduto della grande guerra Tempo fa, mentre stava coraggiosamente combattendo contro un nemico invincibile, proprio come quei soldati che spesso ricordava, per incoraggiarlo gli dissi che tanto lui era un duro e da duro doveva reagire. Mi disse: Sapessi quanto mi costa farlo!. Questo era Ettore: Una scorza da burbero, ma in realtà un uomo fondamentalmente buono di cuore e di animo, che però non voleva che altri scoprissero il lato tenero del suo carattere. Ma nonostante quella sorta di barriera difensiva che s era costruito intorno, lo stimavamo e gli volevamo bene. Ettore era un Italiano che amava l Italia e si era sempre adoperato, nelle mostre e nelle manifestazioni storiche, ad esaltare il valore del soldato italiano. E noi di ARIES, che lo abbiamo avuto accanto come un fratello, lo abbiamo voluto onorare come un Caduto della Grande Guerra, una pagina di storia che tanto lo appassionava e lo coinvolgeva. A me viene a mancare una colonna portante, un insostituibile supporto. Ciao Ettore ti ricorderemo sempre con stima ed affetto. Il tuo amico GAIO Ettore Tosi Brandi, morto il 14 settembre 2012 (nato nel 1943), era sabotatore parà del IX Col Moschin e decano della rievocazione storica 1 a e 2 a guerra mondiale italiana e dei suoi materiali. 8 ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

9

10

11 TRA CRONACA E STORIA Novecento Riccionese / La Cucina Economica. La fascia della miseria «Nell elenco dei poveri, vale a dire di coloro che ricevono il sussidio pubblico e l assistenza gratuita, 245 famiglie per un totale di 750 persone» Nei primi mesi del 1929 è operativa su tutto il comune di Riccione la Cucina economica. Promossa dalla Congregazione di carità e dal Fascio questa istituzione, dal 15 gennaio al 10 marzo, distribuisce ai poveri e alla «categoria dei braccianti, costretti alla disoccupazione a causa della terribile stagione invernale», pasti caldi: elargiti direttamente sul posto (400 al giorno), mentre gli altri a 22 famiglie dimoranti in campagna. Queste ultime, «data la distanza e l imperversare del cattivo tempo non poterono ritirare le minestre», di modo che, al posto dei pasti, beneficiarono di alimenti per un valore equipollente (1). Tra i benemeriti della Cucina economica figurano i seguenti riccionesi: Amati Amato (L. 10), Amati Lucio (L. 25), Bagli Attilio (L. 10), Bagli Giovanni (L. 20), Basigli Michele (L. 50), Bedeschi Roberto (L. 20), Bernardini Guglielmo (L. 10), Bianchini Gaetano (L. 50), Bonazzi Alberto (L. 20), Campana Cesare (L. 5), Campanini Erminio (L. 20), Casali Elviro (L. 100), Casali Nicola (L. 20), Ceccarelli Giuseppe (L. 15), Cecchini Giovanni (L. 25), Cesarini Battista (L. 10), Ceschina Gaetano (L. 500), Cicchetti Vittorio (L. 10), Conti Lucio (L. 20), Copioli Giuseppe (L. 20), Corazza Maria (L. 3), Del Bianco Ernesto (L. 10), Del Bianco Romeo (L. 25), Del Bianco Serafino (L. 25), Fabbri Girolamo (L. 40), Fabbri Matteo (L. 5), Fabbri Vittorio (L. 10), Fascioli Mario (L. 20), Franciosi Elio (L. 15), Galavotti Ribelle (L. 100), Geminiani Giuseppe (L. «Tutti i Riccionesi benemeriti della Cucina economica» 15), Graziani Alessandrina (L. 25), Graziosi Pier Giacomo (L. 50), Leardini Antonio e figli (L. 10), Maioli Adamo (L. 5), Mancini Adolfo (L. 10), Mancini Lorenzo (L. 100), Mancini Silvio (L. 15), Manzi Martino (L. 25), Marchetti Alessandro (L. 20), Massani Archimede (L. 10), Matteoni Giuseppe (L. 5), Metalli Francesco (L. 10), Mignanelli Giorgetti Guido (L. 10), Montali don Giovanni (L. 50), Mordacchini Annibale (L. 100), Nandi Guido (L. 50), Nicolini Sisto (L. 10), Panigali Nicola (L. 5), Papini Giuseppe (L. 20), Pari Ferdinando (L. 30), Pari Giovanni (L. 20), Pasolini Guglielmo (L. 25), Passerini Arnaldo (L. 40), Petrucci Giuseppe (L. 15), Pullè Felice (L. 50), Raspi Ester (L. 10), Riccioni Federico (L. 50), Rinaldi Giuseppe (L. 15), Rinaldi Luigi (L. 10), Rinaldi Mauro (L. 10), Romagnoli Arturo (L. 10), Romussi Carlo (L. 50), Semprini Paolo (L. 50), Serafini Sanzio (L. 100), Sirocchi Francesco (L. 20), Sorci Lazzaro (L. 20), Tirincanti Armando (L. 15), Tonini Attilio (L. 10), Tontini Pietro (L. 100), Uneddu Gian Francesco (L. 2), Zanni Carlo (L. 100), Zannoni Mariano (L. 25); inoltre: Cassa di Risparmio di Rimini (L. 500), Comitato di cura (L. 500), Cooperativa birocciai (L. 50), Direttorio del fascio (L. 500), Ditta Calza e Manzi (L. 50), Ditta Cesare e Ugo Villa (L. 100), Pensione Mazzoni (L. 25). A favore della Cucina economica offrono generi alimentari: Bar Sport di Cesare Del Bianco: kg. 10 di pasta alimentare; Canducci Giovanni: kg. 1,900 di lardo; Cicchetti Oreste: kg. 20 di fagioli; Clementoni Igino: due fiaschi di olio d oliva; Fabbri Alfonso: kg. 14 di olio d oliva; Papini Dario: kg. 50 di fagioli; Patrignani Guerrino: kg. 15 di fagioli; Saponi Aldo: kg. 24 di pasta alimentare (2). Per completare l argomento della indigenza, ancora due parole sull elenco dei poveri, ovvero il registro dei derelitti ai quali è concesso un sussidio pubblico e l assistenza gratuita. All inizio del 1929 in questa lista, approvata dal comune di Riccione, figurano 245 famiglie per un totale di 750 persone; nell anno precedente le famiglie bisognose erano 209 per un totale di 672 persone (3). Il dato accerta l aumento della fascia della miseria. di Manlio Masini La stazione ferroviaria di Riccione. Note 1) Cfr. Il Popolo di Romagna, 19 marzo ) Ibidem. 3) Cfr. Il Popolo di Romagna, 16 marzo 1929 e VDP, in data 20 gennaio 1928, in ASCRC. L articolo, qui riprodotto, è tratto dal mio libro Dall Internazionale a Giovinezza. Riccione Gli anni della svolta, uscito nel 2009 per i tipi della Panozzo Editore. ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE

12 PAGINE DI VITA Corrado Ghini / Il calvario della prigionia Nei lager ho imparato a conoscere gli uomini «Non firmai la lettera di adesione alla Repubblica Sociale Italiana pur sapendo che quell atto mi avrebbe permesso di tornare in libertà» di Corrado Ghini Attestato di permanenza al campo di Corrado Ghini Particolare della lettera ai genitori di Corrado Ghini dal campo di concentramento Nel tempo in cui mi trovavo prigioniero dei tedeschi, i miei genitori si adoperarono in ogni maniera, presso il Comando Tedesco e la Direzione Compartimentale delle ferrovie dello Stato a Bologna, per ottenere il mio rientro in Italia, essendo le ferrovie militarizzate. Proprio su loro pressione, sul finire del 1944, mentre ero al campo di Sandbostel, fui chiamato al Comando Tedesco per firmare la formula di adesione al lavoro che mi avrebbe permesso di essere posto subito in libertà. Il documento da sottoscrivere era così formulato: Aderisco all idea repubblicana fascista e mi dichiaro pronto a prestare la mia opera di lavoratore, senza riserve nella lotta contro il comune nemico dell Italia repubblicana fascista del Duce e del Grande Reich Germanico fino alla vittoria. Non condividendo le premesse della liberazione, rifiutai di firmare e ai miei genitori scrissi queste testuali parole (ho recuperato la lettera al mio ritorno): «Vi ringrazio molto per il vostro interessamento presso il mio ufficio, ma non ne ho accettato le condizioni. Cercate di comprendermi e state tranquilli». Negli ultimi sei mesi di prigionia, nel campo di Wietzendorf, fummo tormentati dalla tragedia del lavoro obbligatorio. Sempre più frequentemente impresari e contadini venivano a palparci i muscoli: ci guardavano in bocca e, come fossimo degli schiavi, sceglievano i più idonei alle varie faccende. In tal caso i malcapitati passavano alla condizione di civili e portati via a forza. Il fatto di essere ritenuto di scarso rendimento è stato per me la salvezza. Altri momenti angosciosi si verificarono a Sandbostel e a Wietzendorf quando più volte le sentinelle dalla torrette, «I tedeschi ci consideravano dei traditori e come tali eravamo trattati con disprezzo» senza motivi evidenti, mirarono ad ufficiali singoli o a gruppi ferendone ed uccidendone alcuni. La notte dal 6 al 7 aprile 1944, dopo averlo convocato con un inganno, venne vigliaccamente ucciso da una sentinella a Sandbostel il Cap. Thun Von Hohenstein trentino di origine boema, che aveva decisamente rifiutato di optare per la Germania. I tedeschi ci consideravano dei traditori e come tali, eravamo trattati con disprezzo. Essi non tennero mai in considerazione la Convenzione di Ginevra per i prigionieri di guerra e ci declassarono ad Internati escludendoci in tal modo da qualsiasi aiuto materiale e morale della Croce Rossa Internazionale ed anche di quella Italiana. Più volte fummo radunati per ascoltare gerarchi fascisti che venivano a proporci di aderire al nuovo esercito della R.S.I. o in alternativa, a collaborare come lavoratori volontari per 12 ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

13 PAGINE DI VITA La cartolina di Alberto Marvelli Caro Corrado grazie delle notizie e del tuo ricordo per noi e per Lello. Anche noi ti ricordiamo spesso e rimpiangiamo la tua assenza. Carlo non scrive dal 4 novembre, ma dovrebbe star bene. Noi siamo a Vergiano, Villa Ugolini; è Fornasari a S. Mama (Arezzo) essendo la loro casa crollata completamente. Anche a Rimini poche sono rimaste in piedi. Tutti i nostri giovani di A. C. sono sfollati. Saluti dalla mamma e fratelli. Da me un abbraccio. Alberto (Cartolina spedita il 26 febbraio 1944) il Grande Reich. Dopo la liberazione, da elementi raccolti tra il personale germanico già in servizio al campo, risultò con fondatezza, che nella prima decade di aprile era arrivato l ordine tassativo di Hitler di uccidere gli ufficiali italiani mediante azione di mitragliamento o bombardamento del campo. Le predisposizioni necessarie per l attuazione erano già in corso ma il piano non venne attuato probabilmente perché gli avvenimenti precipitarono ed i tedeschi si trovarono di fronte alla certezza di dover rispondere di tale infame «In occasione del Natale 1944 nel lager di Wietzendorf realizzammo un magnifico presepe» crimine. In occasione del Natale 1944 nel Lager di Wietzendorf realizzammo un magnifico presepe. I personaggi furono creati con mezzi di fortuna, ad esempio il manto azzurro della Madonna venne confezionato con la fascia di un ufficiale. Una volta ritornato in Italia appresi che quest opera natalizia fu trasportato a Milano, nella basilica di Sant Ambrogio. Solo il bue con un grande collare ed una grossa campana rimase nel campo per tenere compagnia a quanti lo hanno visto e non sono più tornati. Degli oggetti personali son riuscito a salvare l orologio da tasca, che mi fu compagno per tutta la prigionia. Durante le perquisizioni poche volte mi fecero togliere le scarpe e quando lo fecero non si accorsero che nella punta di uno scarponcino del N 43 (io ho sempre portato il 40) era nascosto il mio Zenith. Durante uno spostamento in treno, appena risaliti dopo una sosta, avevo trovato il modo di appisolarmi nel carro con uno scarponcino appoggiato alla stufetta spenta. Di notte la stufa venne accesa senza che me ne accorgessi e svegliandomi mi trovai con la punta della scarpa tutta bruciata. Meno male che il piede non arrivava fino in fondo e l orologio era nascosto nella punta dell altra calzatura. Nei vari Lager ho incontrato diversi riminesi. Ricordo con viva simpatia: Leopoldo Bellagamba, Nicola De Nittis, Renato Brioli, Vittorio Voltolini, Guido Giorgi, Pietro Foschi, Edmondo Della Casa, Pietro Para, Manuel De Sarno e tanti altri di cui conservo gli indirizzi che ci scambiammo. A distanza di oltre 65 anni, ripensando alla mia prigionia provo un sentimento di vivissimo, continuo ringraziamento al Signore per il sostegno, i benefici e le tante grazie ricevute. Nei lager tedeschi ho imparato a conoscere gli uomini nelle loro manifestazioni più ignobili e più sublimi ed a considerare le idee ed i valori che riuscivano ad esprimere indipendentemente dal grado, dal titolo di studio e dal ruolo rivestito. Più che le sofferenze, ricordo i frutti che ne sono derivati che hanno fatto crescere in me la disponibilità, la generosità, una più limpida lealtà, il senso dell onore, dell onestà e della verità. Oggi che il tempo ha fatto giustizia di tante cose malfatte, mi viene sempre più il fatto di pensare al periodo trascorso in prigionia come a un austero, intenso periodo di esercizi spirituali, dove l anima si è forgiata al bene non virtuale, ma secondo coscienza dopo una catarsi che, superato il mezzo secolo, non posso che ritenere provvidenziale. ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE

14 PAGINE DI VITA Corrado Ghini Corrado Ghini, al ritorno dalla prigionia, ha ripreso il suo lavoro presso le Ferrovie dello Stato a Bologna. Si é sposato nel 1948 a Rimini nella Parrocchia di San Giovanni Battista con Giovanna Fabbri, maestra elementare, insegnante presso la Scuola Comunale di Passano di Coriano. Nel 1950 la sua nuova famiglia si é trasferita a Bologna ove abita tuttora. È stato alle dipendenze delle Ferrovie dello Stato sino al La famiglia di Corrado attualmente é composta, oltre che dalla moglie, da tre figlie con i rispettivi coniugi, 7 nipoti e 6 bisnipoti. «Quando penso al periodo trascorso in prigionia lo avverto come a un austero, intenso periodo di esercizi spirituali» Don Luigi Francesco Pasa Don Luigi Francesco Pasa, instancabile e indimenticabile cappellano salesiano, condivise la sorte degli internati Militari nei lager di Beniaminowo, Sandbostel e Wietzendorf, finì suoi giorni a Rimini, ospite di una parente, il 27 agosto Dal 1994 i suoi resti mortali sono custoditi nella Cappella Votiva del Cimitero dedicata ai Caduti di tutte le guerre, a fianco della lapide a muro che ricorda i tre martiri riminesi caduti per la libertà. Il mio «buon compagno di prigionia» (opera di Don Pasa per gli Internati Militari Italiani nei lager del Terzo Reich) era nato ad Agordo di Cadore il 17 marzo 1899, aveva combattuto nella Grande Guerra tra i «ragazzi del 99» ed era stato poi legionario con D Annunzio a Fiume. Il 7 luglio 1929 fu ordinato sacerdote salesiano. Divenne Cappellano Militare nella Regia Aeronautica e in tale ruolo prestò la sua attività all Aeroporto di Aviano. Nel settembre 1943, in seguito alla violenta reazione dei tedeschi dopo l annuncio dell armistizio, per non abbandonare i suoi avieri subì la deportazione nei lager del terzo Reich, dove rimase internato per oltre due anni nei campi di Benjaminowo, Sandbostel e Wietzendorf. Il nome di don Pasa per migliaia e migliaia di internati nei lager fu sinonimo di speranza e di coraggio. La chiesa di San Girolamo dopo i bombardamenti del ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

15

16 DENTRO LA STORIA Le prime norme del traffico cittadino Dal senso unico ai semafori Le regole del 1865 fissano i parcheggi, impongono i divieti e stabiliscono le contravvenzioni di Manlio Masini Comunicazioni del sindaco di Rimini, Pietro Fagnani, del 16 giugno 1865 sui luoghi di parcheggio dei carri e delle bestie e sulle prime norme che regolamentano il traffico cittadino (Cart. Gen. in ASCR-ASR.). Via Principe Umberto con transito a senso unico, dalla città al mare. Con l arrivo degli anni Sessanta dell Ottocento, Rimini avverte l esigenza di regolamentare il traffico della via Principe Umberto (oggi Giovanni XXIII). L arteria, pur essendo grande e rettilinea, nella stagione dei bagni comincia a non reggere più il viavai di persone, veicoli e merci che procede in direzione dello Stabilimento balneare e della Stazione ferroviaria (1). Soprattutto nei giorni di mercato il movimento delle vetture, che fanno la spola dal centro storico ai due luoghi di riferimento, crea notevoli ostacoli alla circolazione e provoca non pochi incidenti: cavalli imbizzarriti che se ne vanno a briglie sciolte per la carreggiata, derrate alimentari che stramazzano a terra, litigi tra vetturali, urla, imprecazioni.... Proprio per queste scene di ordinario quotidiano, nell estate del 1865 il municipio istituisce su quel tratto di strada il transito a senso unico. Tutte le vetture e i mezzi di trasporto che marciano in direzione del mare e della ferrovia sono obbligati a «battere», specifica l ordinanza del sindaco, il corso Umberto, mentre quelli che ritornano in città devono procedere per le vie Clodia e Gambalunga (2). Contemporaneamente all istituzione del senso unico lungo la via Principe Umberto, il primo in assoluto nella storia di Rimini, si dettano le disposizioni anche per i parcheggi dei mezzi di locomozione che, da tempo, nei giorni di mercato creano notevoli inconvenienti ai cittadini. Gli esercenti, infatti, in assenza di precise norme, sono soliti abbandonare i carri e le bestie dove capita, per poi andarli a riprendere a mercato concluso. Le nuove regole del 65 fissano i parcheggi, impongono i divieti e stabiliscono le contravvenzioni. Dal quell anno nessuno potrà più fare il proprio comodo: qualsiasi veicolo, con o senza animali, dovrà essere lasciato sul piazzale della Rocca (piazza Malatesta) e nei piazzali delle chiese dei Teatini e di Santa Innocenza. I mezzi di trasporto che occuperanno altri spazi saranno multati (3). Nei giorni di mercato la viabilità cittadina è completamente stravolta. La folla che cala a Rimini in quelle canoniche giornate crea un susseguirsi di ingorghi, ostruzioni e infortuni. La strada che risente maggiormente di questa baraonda è il corso d Augusto e precisamente quel segmento compreso tra le due piazze: un «budello» sempre intasato 16 ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

17 DENTRO LA STORIA di veicoli, che impediscono il normale cammino dei passanti. Tanto che in alcuni momenti della giornata attraversare quella strettoia diventa un impresa. Col tempo, inoltre, ai carri, ai barrocci e alle carrozze si aggiungono le biciclette, le motociclette e le automobili. Intorno alla fine degli anni Dieci il disordine su quella strada è talmente indescrivibile che qualcuno avanza l ipotesi di istituire addirittura un isola pedonale ; in mancanza di questa, c è chi invoca più rigore nell applicazione delle norme di circolazione ed in particolare di quelle che impongono l utilizzo della circonvallazione per carri e carrette di passaggio. Norme, queste, che a detta dei giornali nessuno rispetta, perché manca chi, codice alla mano, provveda a stilare contravvenzioni (4). Scrive Germinal il 23 agosto 1919: «Il transito di quel tratto del corso d Augusto che va da piazza Giulio Cesare a piazza Cavour è davvero impossibile sia per l eccessivo agglomerato di persone, che specialmente nei giorni di mercato ostacolano il passaggio, sia per l andirivieni continuo di veicoli d ogni genere». Negli anni Venti su quel caotico tragitto si insediano addirittura i binari del tram elettrico e il mastodontico mezzo di trasporto pubblico, che dalla piazza Cavour raggiungerà l affollata piazza Giulio Cesare e viceversa, non farà che aumentarne di gran lunga l intasamento (5). Un po di respiro, si avrà a partire dagli anni Trenta, quando il mercato traslocherà nell ex caserma di San Francesco. Ma poi, con l aumento sempre più frenetico del traffico motorizzato, tutto tornerà come prima, se non peggio, e s imporranno nuove regole. E tra queste, le innovative «segnalazione di viabilità elettrica», cioè i semafori. Il primo rivoluzionario aggeggio a tre luminosità viene installato nell incrocio di via Tripoli con le vie Flaminia e XX Settembre. È il Diario Cattolico del 23 settembre 1933 che ne dà l annuncio: «dal 3 corr. in avanti (nei crocevia ) la circolazione dei veicoli e dei pedoni è disciplinata da semafori a tre colori: verde, giallo, rosso. Il vede è segnale di via libera; il giallo è segnale di avvertimento e di sgombro; il rosso è segnale di arresto». Il binario del tram in Corso d Augusto. Il mercato di piazza Giulio Cesare ingolfato di traffico e attraversato dal tram elettrico su rotaie. Note 1) Lo Stabilimento balneare viene inaugurato nel 1843, mentre la linea ferrata Bologna-Ancona è del 1861/62 2) La vigilanza della normativa spetta alle guardie municipali. Si veda il Regolamento di Polizia Urbana del 9 settembre 1864 e l articolo 101 della Legge municipale 23 ottobre Questa norma è la prima regolamentazione del traffico cittadino. C è da dire, tuttavia, che alla fine degli anni Trenta dell Ottocento una «disposizione» indirizzava il traffico esterno o extra urbano, sulla nuova circonvallazione proprio per evitargli la strettoia della strada Maestra (corso d Augusto). 3) Cfr. Avviso n Regno d Italia / Municipio di Rimini - del sindaco Cav. P. Fagnani (segretario capo municipale Francesco Turchi) datato 16 giugno 1865, in Carteggio Generale 1865 B. 900, presso ASCR-ASR. 4) Cfr. Elia Testa, Relazione sui vari servizi dipendenti dall Ufficio di Polizia Municipale, Tipografia Artigianelli, Rimini 1908, Allegato n 64, in ACCR,. 5) Il passaggio del tram in piazza Giulio Cesare è motivato dall esigenza di servire la stazione. Il mezzo pubblico, dopo aver attraversato la strettoia del corso d Augusto prosegue lungo la via IV Novembre. I lavori di sistemazione dei binari tranviari lungo il corso iniziano nell aprile del 1926 e nel giugno di quell anno è inaugurata la linea. Il primo luglio 1939 con l arrivo della filovia il capolinea urbano verrà trasportato in piazza Giulio Cesare (cfr. Manlio Masini, Rimini in tram, Maggioli, Rimini, 1985). ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE

18 VISERBA Dalla stampa ( ) La cronaca in pillole «Tra le richieste del Comitato: la stazione dei carabinieri, il servizio medico notturno, la strada litoranea e le stufe negli ambienti scolastici» 1914 / I soliti impuniti Viserba, 13 gennaio. Furto. I soliti ignoti, hanno rubato da un terreno del sig. Gamberini un palo appartenente alla Società dei telefoni. Come gli autori dei precedenti furti sono rimasti sconosciuti, così rimarranno anche questi ultimi. Il Comitato Pro Via cura di Manlio Masini 1913 / Mariuoli da spiaggia «Viserba, 16 luglio. La scorsa settimana diversissimi capanni vennero visitati dai ladri che asportarono lenzuoli, accappatoi e costumi. Uno solo dei mariuoli venne tratto in arresto. È bene si sappia che non è di qui. Quanto sarebbe necessaria una stabile stazione di carabinieri!». Il Momento, 17 luglio / I soliti ignoti «Furti. - A Viserba nella Villa Maccaferri di notte ad ora imprecisata ignoti involarono in un comò L appartenenti ad una signora forastiera che trovasi colà ai bagni. Dei lestofanti si fa attiva ricerca». Corriere Riminese, 20 agosto dal Sig. Maccaferri abbiamo avuto altri tre furtarelli. L altra notte a Viserba, forzando una finestra verso il mare, penetrarono nella calzoleria di Melandri Archimede asportando scarpe e sandali e arrecando un danno di circa 200 lire. S intende che i cavalieri di destrezza possono commettere a loro bell agio le loro gesta, perché la spiaggia di giorno e di notte è lasciata in un deplorevole abbandono. Una stazione di carabinieri è una necessità urgente. Speriamo che il Comitato Pro Viserba saprà comprendere tra i bisogni del paese anche questo, della presenza della forza pubblica». Il Momento, 25 settembre / Eroi delle tenebre «Viserba, 8 ottobre. Vandalismo - Domenica notte alcuni eroi delle tenebre fracassarono parecchie lampadine elettriche di quelle che illuminano il viale. Questi atti teppistici si vanno moltiplicando e impressionano. E ancora non ci si accorda una stazione di RR. Carabinieri!». Il Momento, 9 ottobre / La notte senza medico Viserba, 8 ottobre. Condotta medica - Il nostro medico è in permesso regolare ed è stato sostituito da un altro sanitario che disimpegna con premura il suo interinato, ma è doloroso che per esigenze professionali egli non possa pernottare in paese. Così gli abitanti, in caso di bisogno si troveranno senza medico. Non è il caso di provvedere, signor R. Commissario?». Il Momento, 9 ottobre / Hanno rubato un cavallo Viserba, Furto. La notte scorsa è stato rubato dalle stalle del vetturale Enrico Bernardi un cavallo del valore di circa L La frequenza dei furti impressiona questa popolazione che reclama una stazione di RR. Carabinieri. Il Momento, 1 gennaio / Un crescendo impressionante di furti «Viserba, 21 sett. Furti. È impressionante il crescendo dei furti che si commettono lungo la spiaggia tra Viserba e Viserbella. Dopo il furto patito 18 ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

19 serba intanto inizia pratiche direttamente a Roma presso il Ministero dell Interno per ottenere una stazione di RR. Carabinieri. Il Momento, 15 gennaio / Una strada per dare lavoro ai disoccupati Viserba, 8 settembre. Per provvedere alla disoccupazione, giovedì il Sindaco ricevette il Comitato Pro Viserba al quale fece promessa formale che per dare lavoro agli operai si sarebbe provveduto alla completa esecuzione del progetto, da tempo preparato e approvato, della strada litoranea che deve unire Viserba a Viserbella, non solo ma anche del ponte. Così il desiderio degli abitanti e dei forestieri sarà, speriamo, un fatto compiuto. Il Momento, 13 settembre / Scolari che marinano la scuola Viserba. Istruzione pubblica. - Se esiste una legge sulla istruzione obbligatoria; vi saranno anche delle pene per i trasgressori. Perché non si esercita, da chi ne ha l obbligo, una maggiore sorveglianza sui genitori che trascurano di far frequentare le scuole ai loro figli? Si vedrebbero per le strade meno monelli e si registrerebbero meno atti vandalici, perché la scuola istruisce, educa e ingentilisce l animo. Il Momento, 31 dicembre / Sia imparziale, per l avvenire! Al Capo Stazione. - È vero che l Art. 320 della legge sui lavori pubblici vieta agli estranei alla ferrovia di introdursi, di circolare e fermarsi nel recinto di essa, ma è anche vero che tale divieto è generale e non secondo il capriccio di chi avrebbe il dovere di far osservare a tutti indistintamente tale divieto. Ora si domanda al nostro Sig. Capo Stazione perché solo a qualcuno richiede il rispetto della legge, mentre alla maggior parte, non esclusi i bimbi, lascia libero il passaggio? Lungo il binario è un continuo transito persino di biciclette! Sia imparziale, per l avvenire. Il Momento, 13 febbraio / Imparziale sì, ma solo con quelli che hanno più criterio! Il Capostazione di Viserba ci scrive a proposito della corrispondenza pubblicata nell ultimo numero, avvertendo che gli è spesso impossibile impedire il transito in luoghi vietati e che, perciò, redarguisce a preferenza coloro che hanno più criterio. Prendiamo atto delle sue dichiarazioni, notando però che il sistema da lui adottato si presta agli equivoci; meglio sarebbe chiedere alla Direzione Compartimentale se non una guardia fissa un cancello; in ogni caso far procedere per tutti alle contravvenzioni del caso. Il Momento, 27 febbraio / Arrestato un bruto Atti di libidine a Viserba: la chiusura delle scuole. Lunedì scorso è stato tratto in arresto e deferito all autorità giudiziaria V. M. per atti di libidine consumati su una diecina di bambine, alunne delle scuole elementari. Il V. -che è proprietario dello stabile e in esso ha la sua abitazione- approfittava di tale circostanza per i suoi scopi immondi. Il fermento della popolazione perdurò vivissimo anche dopo l arresto, tanto che si credette opportuno chiudere senz altro le scuole. Ci auguriamo che possano essere quanto prima riaperte in più... sicura sede. Il Momento, 1 maggio / In piazza a reclamare lavoro Viserba. Disoccupazione. - Martedì una numerosa schiera di lavoratori disoccupati si recarono a Rimini in Comune per reclamare l inizio di lavori già approvati, poiché il bisogno della classe operaia è tale da non ammettere ulteriori dilazioni. Venne nominata una commissione... La commissione, ricevuta con molta cortesia dal Sindaco e dagli Assessori... si portò poi dal Sotto Prefetto... Avuta assicurazione del suo interessamento, la Commissione ringraziò e scese in piazza a riferire agli operai che con calma dignitosa attendevano l esito dei due colloqui avuti. Conosciute le risposte e le assicurazioni avute, si sciolsero pacificamente dando prova di educazione civile. Il Momento, 8 maggio / Viserba. Scuole. - Nelle nostre scuole, a tutt oggi, non sono state accese le stufe per riscaldare gli ambienti che raccolgono i nostri piccoli scolari. E così i bambini se ne tornano a casa piagnucolando e intirizziti dal freddo. Richiamiamo l attenzione di chi dovrebbe già aver provveduto a meno che non si attenda il mese delle rose. Il Momento, 23 dicembre ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE

20 STORIA DELL ARCHITETTURA I siti sopra e di fianco al Borgo di Marina Il porto e i sobborghi tra le mura e il mare Un patrimonio storico di mura e torri malatestiane e medicee distrutto per l attuazione di uno dei primi piani regolatori di Rimini romano del 268 a.c, con due torri, dall uscita della fossa Patara dalle mura antiche fino all Anfiteatro. Espongo dei fatti osservati da studiosi importanti e non recepiti dagli addetti ai lavori. Fordi Giovanni Rimondini Agostino di Duccio, formella del Cancro, Cappella dei Pianeti, Tempio Malatestiano. L immagine del porto e delle sue fortificazioni e del Borgo di Marina dovrebbe essere abbastanza realistica. L ipotesi sostenuta nell articolo è che questa immagine riproduca l antico porto romano e quello medievale. Il porto antico nella parte destra del fiume apparso durante gli scavi della ghiaia. La banchina primitiva sporge in basso, con un probabile masso bucato per assicurare le barche con corde. Sopra questa banchina ve n è un altra antica sempre di pietre squadrate, segno forse dell incipiente fenomeno di subsidenza. (Foto Emilio Salvatori) Non pretendo di formulare verità indiscutibili ma ipotesi fondate e ragionevoli su due aree urbane dalla storia assai complessa se non intricata: l area portuale tra il ponte d Augusto e Tiberio e porta Galliana, e il fora da mare tra il Borgo di Marina e l anfiteatro. Anche per la conoscenza di queste aree si deve attingere alle pubblicazioni di Oreste Delucca che ha ampliato a dismisura le nostre fonti di conoscenza (1). Tuttavia è possibile, a mio avviso, proporre ipotesi alternative plausibili alle tradizionali affermazioni storiografiche sia sull area portuale del Marecchia sia sul sito del presunto secondo porto antico di Ariminum. Scavi ben diretti e relazioni di scavo pubblicate in tempi ragionevoli confermeranno o meno le seguenti ipotesi che mi sembrano più promettenti. Partiamo dalla veduta di Rimini di Agostino di Duccio, la formella del Cancro, senza la pretesa che sia una fotografia del porto di Rimini dei suoi tempi, potrebbe però rappresentare la scena del porto sia antico che medievale fino alla metà del 400. Tra la torre portaia sul ponte e la porta Galliana, sono rappresentati: a) il bordo del fiume possibile banchina naturale o molo di attracco delle barche ; b) un telo di mura merlate ma senza beccatelli; c) un altro telo di mura merlate senza beccatelli più alte. Malgrado le numerose vicende testimoniate dagli atti superstiti di una storia più che millenaria del fiume e del porto, avanzo l ipotesi che questa sia la scena reale unica del porto a cui riferirsi per tutta la storia dal 268 avanti Cristo il porto romano comprendente anche le banchine di pietra scoperte sull altra sponda agli anni di Sigismondo Pandolfo ( ). Vediamo qui raffigurato tutto lo spazio del porto antico e di quello medievale. Si noti che la prima mura merlata va dal fianco della porta Galliana alla metà circa della porta sul ponte. È dunque il muro che esiste tuttora e che contiene, con grossi rappezzi, il canale del porto nella parte destra. L altro muro è scomparso senza lasciare traccia visibile. Nel muro superstite, come hanno rilevato Marcello Cartoceti e Luca Mandolesi, che hanno condotto parziali scavi nell area, si aprono due porte, una quasi a sesto acuto e una a tutto sesto, probabilmente di epoca sigismondea di una terza c è una traccia ; davano accesso dalla città alle banchine del porto. Dietro queste porte sono stati ritrovati frammenti di ceramiche dei primi del 500, epoca in cui presumibilmente queste aperture e la porta Galliana vennero terrapienate. La parte del muro sul canale che vediamo oggi tra le porte murate e il ponte risale al 700. Nel bassorilevo, la porta Galliana ha davanti due piccole false braghe merlate, oggi scomparse, e le banchine continuano nell area portuale del Borgo di Marina. Nell area alla destra della via del mare (attuale via Giovanni XXIII) usciti dalla Porta di Marina la trecentesca porta di san Giorgio o dei Cavalieri, che forse prendeva il nome da un Collegio dei Cavalieri di San Giorgio che decadde o non riuscì a decollare nel 1551 (2), sulla destra si stendevano gli orti dei Sobborghi di Marina: li divido in tre parti: l addizione di Carlo presso la chiesa dei Domenicani; le fortificazioni malatestiane e cinquecentesche, spacciate dal Clementini come il molo e il faro del presunto secondo porto di Ariminum; il muro 20 ARIMINUM SETTEMBRE OTTOBRE 2012

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Era un treno di carne umana matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Diego Fortunati ERA UN TRENO DI CARNE UMANA matricola 80581 diario di un soldato italiano durante

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO *** Su concessione dell Archivio storico del Comune di Cortina d Ampezzo 1915 2015 CENTENARIO GRANDE

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Discorso sulla bomba e sua parafrasi

Discorso sulla bomba e sua parafrasi Discorso sulla bomba e sua parafrasi Pubblichiamo un recente discorso che Francesco ha tenuto alla Gendarmeria vaticana (Osservatore Romano, 29/09/2014). Il sermone è espresso con la semplicità e chiarezza

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE..

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE.. I FATTI DI BESLAN : EMOZIONI E PENSIERI DI BAMBINI E RAGAZZI Quel giorno qualcuno mi raccontò della morte di più di 180 bambini ed io pensai per tanto tempo alla strage. Poi decisi di non pensarci per

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Al Papa il 10 maggio ho portato la mia gratitudine per i 35 anni di insegnamento all Istituto San Giuseppe Andare dal Papa

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi.

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi. Santo Padre, ho il grande privilegio di presentarle gli ospiti che oggi affollano quest aula, venuti da ogni parte d Italia per incontrarla, ascoltarla e ricevere la Sua benedizione. Sono i volontari di

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA BEATIFICAZIONE. Milano, domenica 25 ottobre 2009

LA BEATIFICAZIONE. Milano, domenica 25 ottobre 2009 LA BEATIFICAZIONE Milano, domenica 25 ottobre 2009 79 «C è una bella Italia in piazza Duomo davanti all urna del beato don Gnocchi, un Italia che non sempre vediamo, che si ritrova nel bene e nel coraggio

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PER ALEMANNO SINDACO

PER ALEMANNO SINDACO www.guidifederico.it lettera informativa n. 4 del 2 APRILE 2008 DI FEDERICO GUIDI CANDIDATO AL CONSIGLIO COMUNALE DI ROMA NELLA LISTA DEL POPOLO DELLA LIBERTA. Gentile amica, caro amico, PER ALEMANNO SINDACO

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE

PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE TOUR 3 GIORNI 2 NOTTI: Primo giorno: Rimini / Urbino Arrivo a Rimini con mezzi propri. Nel primo pomeriggio, incontro con guida locale parlante

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con delibera di C.C. n. 32 del 14/07/2005 ART.1 FINALITA E CONTENUTO Il cerimoniale contiene l insieme

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Speciale Romagna CAPODANNO

Speciale Romagna CAPODANNO Speciale Romagna CAPODANNO I nostri pacchetti in Romagna sono l ideale per coloro che viaggiano in autonomia e desiderano una breve vacanza per Capodanno a prezzi convenienti. Le escursioni che proponiamo

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli