STRUTTURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO. per. Franca Leverotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUTTURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO. per. Franca Leverotti"

Transcript

1 STRUTTURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO per Franca Leverotti (UNIVERSITA' DI TORINo) Il problema delle Jonti. Un primo problema ehe si presenta a ehi studia la struttura familiare del basso medioevo italiano sembra la searsita delle fonti, una searsita originaria, ehe non dipende semplieemente da problemi di eonservazione; un seeondo problema e legato ad un loro eongruo utilizzo: essendo fonti di origine fiseale il plafond di popolazione ehe esse registrano e quello minimo, e le alterazioni delle eta, soprattutto in particolari fasee, un dato pressocehe eomune. Le fonti eomunemente usate sono estimi e eatasti, giuramenti della popolazione masehile, eensimenti della popolazione indetti al fine di ripartire le tasse del sale e dei eavalli (eioe per la distribuzione delle truppe nel territorio) o per valutare l' autosufficienza granaria, registrazioni degli uomini abili atti alle armi o da utilizzare per i lavori pubblici (turni di guardia, fortifieazioni, manutenzione delle strade). Si tratta pereio di fonti fiseali ehe eontengono dati demografiei diversi: ora unieamente i eapofarniglia, ora gli uomini abili dai 16 ai 70 anni, ora le singole famiglie senza i bambini di eta inferiore ai quattro anni, e, solo a partire dall'inizio del Quattrocento, troviamo i primi dettagliati eensimenti ehe riportano la eomposizione dei nuclei familiari eon le eta di tutti i membri e i rapporti di parentela. Fonti non fiseali, quali le visite pastorali, ehe eensiseono le sole anime da eomunione, sono eonservate in Toseana a partire dalla fine del Trecento, ma limitatamente alle zone di Lueea e di Fiesole. Revista d'historia Medieval lo, pp

2 STRUTIURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO Sembra pero di poter affermare, in base a sondaggi condotti su fonti demografiche di ambito padano, che la mancanza di rilevamenti, contenenti descrizioni di nuclei farniliari, e solo apparente, ed e legata ad un fattore storiografico: essendo inconcepibile fino a un trentennio fa una ricerca sulle strutture familiari, le indagini condotte dagli storici non si sono orientate in questa direzione, limitandosi a rilevare i1numero medio dei componenti la farniglia, a costruire pirarnidi delle eta ripartite per sesso, ad analizzare la distribuzione degli artigiani nel territorio e le relazioni tra ampiezza della proprieta e tipo di coltivatori (braccianti, mezzadri). L'ignoranza delle potenzialita di alcune fonti fiscali quanto alla storia delle strutture farniliari ha fatto SI che un' importante iniziativa diretta a censire le fonti demografiche italiane, degli anni trenta di questo secolo, non le segnali, né le descriva.1 Se una attenta ricognizione sulle fonti demografiche gia note rivelasse, anche per altre zone italiane, elementi utilizzabili per lo studio delle farniglie, si intravvede allora la possibilita di nuove ricerche fondate su tante piccole campionature, che porterebbero modeste integrazioni rispetto ai dati presentati in queste pagine e limitati alla Toscana, ma consentirebbero utili confronti in grado di estendere o circoscrivere i1 modello toscano della farniglia. Tra Tre e Quattrocento:la famiglia alla prova delle ondate di mortalita. Fonti fiscali, cronistiche, pubbliche, provvedimenti amministrativi e finanziari, variazioni dei prezzi, date delle vendemmie e delle mietiture permettono di seguire passo passo la grave congiuntura di inizio Trecento e le ricorrenti ondate di carestie e mortalita che mettono a dura prova la tenuta demografica dell'italia. Limitatamente all'area della Toscana fiorentina e del contado lucchese, particolarmente ricca di fonti, possiamo stabilire queste percentuali di crollo 1 Si fa riferimento in particolare all' opera tuttora insostituibile: Fonti archivistiche per lo studio dei problemi delta popolazione fino al 1848, Roma sgg.; ma si veda anche Atti del congresso intemazionale per gli studi sulta popolazione (Roma settembre 1931), Roma

3 FRANCA LEVEROITI della popolazione rurale: 9,9 TAB. 1 -Fuochi Andamento Teste Periodo ( ) ,8-47,2 ( ) dibocche -38,7 bocche, teste ,8-73,39 e fuochi -70,6-79,9 nei contadi toscani. LocalitA Nota () = dati non omogenei nell'areo eronologieo ex LEVERam, Popolazione,famiglie, insediamento, p dati qui elaborati sono tratti da studi diversi,2 che abbracciano, proprio per la diversa conservazione e produzione di fonti, periodi cronologici non perfettamente coincidenti e riguardano popolazioni di aree rurali di diversa consistenza. Per un piu immediato raffronto si e preferito percio fare riferimento non ai valori assoluti, ma alle percentuali di calo. La domanda che ci si pone a questo punto e come ha reagito la farniglia toscana alle crisi di mortalita legate alle ricorrenti pestilenze e carestie; e soprattutto come reagisce alla crisi economica connessa, in Toscana in particolare accentuata e aggravata nel Trecento dall'aumento dei prezzi e dalla pressione fiscale determínate da una serie ininterrotta di guerre che ridisegneranno le circoscrizioni degli stati comunali e porteranno alla meta del Quattrocento alla costituzione nell'italia centro-settentrionale di pochi stati regionali. Prendiamo in esame il contado lucchese delle Sei Miglia, cioe il territorio che cinge a forma di anello la citta di Lucca,una zona particolarmente 2 Per le Sei Miglia e il Valdiserehio pisano F. LEVERam, Popolazione,famiglie, insediamento. Le Sei Miglia lucchesi nel XIV e XV secolo, Pisa, Paeini, 1992 (Percorsi, 2), p. 47; e C.M. DE LA RONC!ERE,Prix et salaires ii Florence au XIV siecie, Rome, Ecole franeaise de Rome, 1982, pp , ehe rielabora i dati di FiumÍ per Prato, Volterra e San Gimignano e di Herlihy per Pistoia. 235

4 STRUTIURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO ferti1e di pianura e media co1lina, estesa circa 250 kmq, abitata nel da famiglie. Le fonti registrano, fino alla meta del XV seco10, carestie negli anni: , , , , 1353, 1369, 1409, , 1420, 1423; carestie che accompagnano, seguono o precedono numerose epidemie: 1340,1348,1362-3, ,1383-4, , , 1418, , territorio nei primi decenni del Trecento e devastato dal1e scorrerie pisane, che cessano solo ne quando Pisa riesce a piegare la resistenza di Lucca. f i _, 50 ii L_, "-'--"L_,.~ ~ _ 10 \ dul" 1353,,~ ClCÑnpoDulti do';" 1411./) _ Grazie ad un censimento della popo1azione effettuato in occasione delle cerche di vino nel novembre 1353 e riguardante una parte del1e Sei miglia 1ucchesi, e all'estimo del , si e potuto ricostruire la media dei componenti per nucleo fami1iare a meta Trecento e all'inizio del Quattrocento; il campione e costituito rispettivamente da 941 e 1089 famiglie. La media risu1ta rispettivamente 4,2 a meta Trecento e 4,4 all'inizio del Quattrocento; apparentemente nulla sembra cambiato nell' arco di un seco10: la famiglia rurale-tipo del1e Sei Miglia sembrerebbe composta da una coppia 236

5 FRANCA LEVERaITI con un paio di figli. Ma, se passiamo a considerare non il numero medio di componenti per famiglia, benslla struttura delle singole famiglie, riportata nel precedente grafico, e evidente che le cose sono assai diverse. Ad una famiglia numericamente piu ricca, ma a struttura semplificata, succede una famiglia ancora di modeste dimensioni, ma articolata e complessa. Ai molti isolati si contrappone infatti la rilevante presenza delle famiglie che hanno da cinque a sei componenti, in un momento, questo del primo Quattrocento, che presenta ancora gravi episodi epidemíci. Se organizziamo i dati fomiti dalle fonti fiscali toscane secondo il metodo Laslett, con qualche mínimo correttivo, e confermato, in tutta la regione, il progressivo passaggio da una famiglia nucleare a una famiglia tendenzialmente allargata che solo le ricorrenti ondate di mortalita e di carestia impediscono di vedere compiutamente realizzata, come mostra la seguente tabella. TAB. 2 - Struttura dellefamiglie in aleuni eontadi toseani (in %). - 0,5 12,7 18,1 13, ,7 55,8 4,6 69,7 6, ,9 90,9 0,1 4,9 0,8 7,82 1,2 13,7 53, ,2 72,5 84, ,7 5,7 84, ,8 0,2 6,9 6,2 12,4 64,8 16, ,8 11, ,7 8,2 19,5 27, ,3 59,3 8, Contado Contado lucchese Contado ,1 79,3 14,3 10,2 4,9 6,4 9,4 Tipo di famiglia orizzontali senza legami noti - pralese Fonti: ASL, Estimi e tableau 83 in D. HERLIHY - CH. KLAPISCH, Les Toscans et leursjamilles.une étude du catasto florentin de 1427, Paris 1978, trad. it., Bologna il Mulino 1988, p ex LEVERanl, Popolazione,jamiglie, insediamento, p

6 ~ ~ ti) 1:l ,6 11, ,2 22,8 1,22 56,3 24,4 14,7 12,4 11,0 64,8 64,5 9,7 53,1 10,9 1,16 1,5 20,316,2 25,1 8,2 8,8 0,84 4,86, ,14,6 67,1 7,47,0 59,7 12,7 19,5 11,4 27,9 1480* ,99 65,7 1470* 14,8 12,3 14, ,3 8,5 1,23 59,3 59,4 7,8 19,6 26,0 1458* 1,0 1,52 59,9 9,8 52,3 35,8 12,5 0,93 2,91,2 20,1 1427Contado 68,3 1,84,6 17,2 7,6 9,912,8 3,3 64,5 4,9 23,0 79,3 10,2 57,5 58,4 69,1 14,3 0, , ,4 5,2 1470* 20,9 54,7 10,4 0,95 22,1 67, ,5 flor. * 8~ ~9,8 o ~ CittA di Prato TAB ,9 0,86 20,6 74, ,1 9,1 1,9 3 -Contado Composizione 11,6 Firenze di Prato degli aggregati toscani (XN-XV secolo) in %. ~ Numero ex Insieme * Sondaggio IIERuJ y KwISCH, mediosudei un decimo 1 Toscani degli eaggregati le loro p o ~

7 FRANCA LEVEROITI TI fenomeno sembra estendersi a tutta la seconda meta del secolo come e evidente dalla tabella 3 elaborata da Herlihy e Klapisch. Limitatamente alla Toscana e evidente che tra Tre e Quattrocento la famiglia ha perso la sua individualita incentrata su! semplice nucleo coniugale per aprirsi verso il basso oltre che lateralmente. TI fenomeno appare ancora piu accentuato se ricordiamo, insieme allo sfilacciamento e alla semplificazione legata alla mortalita, la forte mobilita contadina di questo periodo, una mobilita a carattere assai diverso in citta e nelle zone agrarie. Come e ben rilevabile per le realta cittadine di Firenze e Prato (v. tabella precedente), sono i senza famiglia che arrivano in cittli. Viceversa nei contadi e presente anche una forte mobilita circolare di singoli o di famiglie nucleari, che si spostano da un contado all' altro; mobilita, incentivata e promossa da esenzioni fiscali quinquennali o decennali, che spesso ha esiti di ritorno nel luogo di origine, si che gli estimi fiorentini, a fianco degli stanti e degli usciti, individueranno anche le categorie dei tornati, cioe dei nuovi venuti, e dei ritrovati, ovvero di quegli "originari" emigrati, che, essendo rientrati, tentavano fraudolentemente di spacciarsi per forestieri, per godere dei privilegi fiscali concessi aijorenses. Questa mobilita, che ovviamente coinvolgeva di preferenza le singole persone, o i nuclei familiari semplificati, o numericamente ridotti, e presenta anche caratteristiche sociali diverse, nel senso che i grossi borghi sembrano attirare le persone agiate e respingere i poveri, come ha mostrato C. De la Ronciere, ha l' effetto di conservare un plafond demografico minimo, ma solido nelle zone a intensa mezzadria come il pratese (vedi tabella 1), dove le nostre fonti registrano percio percentuali di calo molto ridotte. Non tanto la vicinanza col mercato urbano, ma la penetrazione della proprieta fondiaria fiorentina, organizzata in poderi, affidati a famiglie di lavoratori con contratto mezzadrile, insieme a condizioni fiscali privilegiate,3 sembra ayer favorito la tenuta demografica del pratese e promosso un secolo dopo, da quest' area satura, un intenso flusso migratorio verso il pisano, contemporanemente alla diffusione in questa zona della proprieta fiorentina. L'uniformita di un calo demografico, che si presupporrebbe omogeneo in tutta la Toscana, avrebbe avuto esiti differenti nei diversi contadi in 3 S.K.COHN JR., «Insurrezioni contadine e demografia: il mito della poverta nelle montagne toscane ( »>, Studi Stand, 36 (1995), pp

8 STRUITURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO relazione all' organizzazione agraria, alla presenza del contratto mezzadrile, alla fiscalita. L' altro elemento che si individua in queste tabelle, per quanto offuscato dai vuoti provocati dalla mortalita e dal disordine legato alla mobilita, e il passaggio da una famiglia nucleare a una famiglia tendenzialmente allargata, con un costante aumento delle famiglie multiple a struttura verticale, che suggerisce una tendenza della famiglia a comporsi agnaticamente. Se questo e l' esito, certamente influenzato o comunque intrecciato alle vicende economiche e al crollo della popolazione, sembra opportuno tomare a riflettere su questo cambiamento per cercare di capire che cosa c'e dietro a questa trasformazione, e per valutare l'incidenza di fattori culturali e demografici, legati al tipo di lavoro, alla ricchezza, all' organizzazione del potere, anche perche questo processo di "complicazione" della famiglia corre ininterrotto per tutto il Quattrocento, come mostra la tabella 3. La verticalizzazione delle famiglie e la loro maggiore complessita, che si va rafforzando nella seconda meta del Quattrocento, presente sia nel contadodi Firenze che in quello pratese, e stata individuata anche nel pisano, come mostra la seguente tabella.4 TAB. 4 - Ampiezza media del fuoco. 7,8 6,1 7,1 7,3 5,5 6, ,6 4,8 4,7 5,2 5,6 * I 10 popoli o comunelli qui considerati sono: Casciavola, Marciana minore, Montione, Navacchio, Pettori, Ripoli, S. Casciano, S. Prospero, Titignano, Visignano. (Per ii , Ch. KLAPISH-ZUBERUna carta del popolamento toscano negli anni , Milano 1983) 4 A. MENZIONE,Tendenze della famiglia contadina nella Toscana nord-occidentale del Quattrocento, in G. DA MOLIN(a cura di), Lafamiglia ieri e oggi. Trasformazioni demografiche e sociali dal XV al XX secolo, Bari, Cacucci, 1992, vol. 1, pp , pp. 60 e

9 FRANCA LEVERaITI Le fonti a nostra disposizione, poche e scarsamente omogenee, non permettono risposte certe, anche perche fotografano le famiglie in un dato momento di un ciclo di sviluppo, ciclo che possiamo solo ipotizzare; d' altra parte la scelta di alcuni singoli casi da studiare in un arco di tempo lungo almeno quattro-cinque generazioni non appare inficiata soltanto dalla possibilita di disporre delle fonti opportune, ma in particolare dal fatto che le vicende familiari del campione potrebbero essere anomale rispetto al gruppo o al ceto in cui queste famiglie si collocano. Ovviamente non esistono tra strutture familiari e i fattori gia richiamati (mentali, economici, demografici, politici...) rigide relazioni di causa-effetto, ma convergenze che forse possono spiegare in parte i cambiamenti; le ripercorremo piu come avvio alla ricerca, che per un tentativo di risposta. Aspetti demografici. C. Klapisch, in una ricerca che aveva per oggetto la citta di Prato e il suo contado tra 1371 e 1427, richiamava tra le cause della "patriarcalizzazione" della famiglia pratese motivi psicologici: i1terrore provocato dalle mortalita sembra favorire la permanenza in famiglia;5 economici: in un momento di scarsita di braccia e salari elevati non si poteva allontanare preziosa manodopera; ma individuava anche cause di carattere demografico, in particolare l' abbassamento dell' eta al matrimonio: per riempire i vuoti demografici ci si sposava tutti e ci si sposava presto (nell371le donne a 16 e gli uomini a 24 anni), realizzando la formazione di famiglie larghe, anche nellivello economico piu basso: la nuova coppia non metteva su casa per conto proprio, ma restava a vivere con i genitori. TIfenomeno era evidente nell'invecchiamento e mascolizzazione dei capojamiglia, incremento del numero medio dei componenti proprio mentre la popolazione subiva ancora un declino, stabilita del numero medio dei bambini per nucleo domesti-. co, integrazione delle vedove nei nuclei domestici dei lorofigli, raddoppio dei nuclei domestici comprendenti tre, quattro generazioni.6 Riduzione s Su questo tema ha scritto pagine molto significative E. LE Roy LADURIE,/ contadini di Linguadoca, Bari, Laterza, 1970, a proposito della ricostituzione delle stirpi nel sud della Francia. 6 COSICH. ICLAPIsCH-ZUBER, Declino demografico e struttura dellafamiglia:l'esempio di Prato (jine XIV sec.-.fine XV sec.), in G. DUBY - J. LE GoFF, Famiglia e parentela nell'/talia medievale, Bologna, il Mulino, 1981, pp , p

10 SlRUTIURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO dell' etaal primo matrimonio e sviluppo del patrilocalismo avrebbero percio favorito il costituirsi nel pratese di famiglie complesse. Nel volume sul catasto toscano del Herlihy e Klapisch mettevano in relazione la precoce etadella donna al matrimonio (18 anni) non solo con un naturale bisogno di riempire i vuoti creati dalle epidemie -1' etasi sarebbe alzata per entrambi i sessi nel corso del secolo a seguito della ripresa demografica-,7 ma anche con variazioni del tasso di mascolinita, legate a una mortalita differenziata durante la peste.8 Nel corso del Quattrocento, viceversa, la differenza di eta tra coniugi si sarebbe ridotta a causa del sensibile ritardo alle nozze delle donne; anzi, con il cessare della mortalita, si sarebbe rallentata la spinta a matrimoni precoci in entrambi i sessi, come mostra la seguente tabella.9 TAB. sec.xv. 5 - Eta stimata al matrimonio in diverse parti della Toscana nel ne 21,8 24,4 28,5 21,0 19,5 27,7 27,218,4 22,2 25,6 24,0 17,3 26,4 17,9 25, centri 1427 ecampagn di Thttele Piccoli Prato florentino Contado Campagne di Prato nord-occid. Toscana Campagne di Prato 7 Confenna il consistente rialzo delle eta al primo matrimonio, nella Toscana rurale nordoccidentale, nel1481 (rispettivamente 22 anni le donne e 28 gli uornini) la ricerca di A. MENZIONE, Tendenze dellafamiglia contadina nella Toscana nord-occidentale del '400, in G. DA MOLIN(a cura di), Lafamiglia..., cit., vol.i, pp Per una lucida critica di questa ipotesi rimandiamo a A. M!!NzIONE,«Scherni di matrimonio e moratlita dei sessi :una transizione fra Medioevo ed eta moderna», Societií e Storia, 12 (1981), pp E' da rilevare che l' eta al primo matrimonio di uornini e donne (rispettivamente 29 e 22), rilevata da Menzione ( campione di 200 unita), e un' eta rea1e, perche ricostmita attraverso lo spoglio dei rogiti notarili e della gabella dei contratti. TI matrimonio aliora non era un avvenirnento temporalmente definito, ma un processo in piu tappe e questo rende difficile deterrninare l' esatta etaal matrimonio (il campione utilizzato da Herlihy-Klapisch per tutta la Toscana soggetta a Firenze e di sole 600 unita). 242

11 FRANCA LEVEROITI TAB. 6 - Capifamiglia uomini e capifamiglia sposati o vedovi e proporzioni sul totale degli uomini e sul totale degli uomini sposati o vedovi, secondo ['eta (Toscana nord-occidentale, 1481). e , uomini 41,0 52,0 75,7 30,2 91,7 13, ,5 31,1 53,5 78,6 37,1 78,0 7,6 91, ,316 93,6 96, ,652 90,985 84,956 96, Uomini sposati Capifamiglia o ved. sposatio o Capifamiglia della o ved. loro eta(2) della (3) ved. e (4) loro uomini eeta(3) uomini dellasposati loro uomini (1) ex MENziONE. Tendenze dellafamiglia contadina. p procrastinare le nozze non sembra pero 1egato alla volonta di raggiungere l'indipendenza economica, secondo l'ipotesi sostenuta da molti storici della famiglia, da! momento che, come evidenzia anche una ricerca sulla Toscana nord-occidentale, una larga parte degli uomini sposati di questa regione non riveste i1 ruolo di capofamiglia. TI matrimonio ritardato non porterebbe qui alla costituzione di famiglie neolocali. 243

12 STRUTruRE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO TAB. 7 - Proporzioni degli uomini capifamiglia e proporzioni degli uomini sposati nelle diverse eta: e ,095,2 41,085,0 85,093,4 52,093,3 75,796,0 13,452,9 1427' 7,615,3 (30,2) 47,1 70,3 82,5 93,5 94,5 92,9 14,6 70,5 89,6 56,5 29,9 85,8 74,1 83,9 13,7 41,5 90,9 84,9 84,2 96,5 27,3 60,1 53,5 95,0 78,6 91,6 37, ' 19,3 73,8 48,9 56,7 71,4 75,0 85,1 30,0 88,3 31, ' 1427" % vedovi degli uomini sugli uomini % eta (37,5) uomini sposati sposati dei o ved. capüamiglia della o ved. loro sugli 1427" 1427 % dei 1481 Toscana nord-occidentale 1481 della loro eta ex MENZIONE, Tendenze dellafamiglia contadina, p. 73. Come spiegare dunque questa complessita della famiglia quattrocentesca? Possiamo concludere con Herlihy e Klapisch «il existe donc une conjoncture favorable au renforcemente ou al' expression des solidarites verticales a l'interieur du groupe domestique», certamente piu evidente nel momento in cui si veniva allungando la speranza di vita con il cessare delle ondate epidemiche, o in situazioni, come quella della Toscana fiorentina descritta nel catasto del , dove erano molti vecchi ed era praticato un matrimonio precoce? La spiegazione legata alla congiuntura demografica e alla struttura per eta della popolazione non sembra esaustiva, anche perche la famiglia complessa e numerosa persiste nei momenti di rialzo dell'eta al primo matrimonio. Altre sembrano essere le motivazioni che spingono le famiglie di nuova formazione a non separarsi dalla famiglia di origine. 244

13 FRANCA LEVEROITI La proprieta della terra. Certamente in un momento di penuria di braccia e di salari particolarmente alti trattenere i figli in casa voleva dire garantire un adeguato sfruttamento della terra e un' oculata gestione delle botteghe. Certamente vi e correlazione tra famiglie, numerase e complesse, e ricchezza.1o Ma la struttura familiare e rigidamente correlata alla ricchezza? Che relazione c'e tra complessita delle famiglie rurali e proprieta della terra? In base ai dati catastali del la struttura della famiglia contadina sembrerebbe omogenea nelle diverse categorie di mezzadri, piccoli proprietari, affittuari, artigiani e senza professione dichiarata, anche se le famiglie di mezzadri erano piu ricche di figli rispetto alle altre. TAB. 8 - Tipologia del gruppo domestico rurale secondo la categoria sociale. Insieme Affituari dichiar. Propr. Artigiani Comm. 16, , ,4 53,1 12, ,8 52, ,25,0 13,9 4, ,5 21, ,4 52,0 7,5 56,0 12,5 21,1 100, ,7 12,1 2,9 19,6 52, ,0 Mezzadri prof. 22,8 12, , Senza Fonte: Catasto del ; soltanto la popolazione rurale, escluse le citta. Gli aggregati senza abitanti, semplici dichiarazione di beni, non sono inclusi in questi totali ex HE1u.mY-KLAPIsCH, 1 Toscani e le loro famiglie, p Sono le conclusioni di R. DoNDARINI, «La famiglia contadina in alcune zone del contado bolognese alla fine del Trecento», in Strutturefamiliari, epidemie, migrazioni nell'italia medievale 245

14 SlRUTIURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO La complessita e l' estensione della famiglia rurale lucchese e pisana,l1 zone oye la mezzadria e assente, o arriva piu tardi, comune anche a nuclei familiari nullatenenti, e stata messa in relazione con la complessita dei rapporti di conduzione che i contadini stringevano con le famiglie proprietarie. Si tratta di situazioni economiche che non emergono dalle fonti estimali e catastali, ma sono ben rappresentate nei ricchi archivi notarili della Toscana, e fortemente radicate, se nel Valdarno del XVII secolo si ritrovano famiglie di mezzadri e di proprietari coltivatori con la stessa ampiezza, seppure non con la stessa struttura: tra i mezzadri prevalgono i legami orizzontali e tra i contadini, proprietari o fittabili, quelli verticali. L' esempio della Toscana nord-occidentale suggerisce che non e tanto la proprieta della terra a influire sulla dimensione e sulla struttura della famiglia rurale; spesso sono i contratti agrari stipulati con il proprietario della terra, o con piu proprietari, che la plasmano, basta pensare alla famiglia mezzadrile costretta a modellarsi su! podere, pena l' espulsione, o alla famiglia contadina lucchese e pisana, le cui dimensioni sembrano trovare alimento nella combinazione di contratti di affitto molteplici, con i quali la famiglia si legava a tanti proprietari diversi. In altri casi il numero degli animali sembra costituire lo spartiacque nel mondo contadino, come rivela un'indagine sul Polesine di Ferrara nel1476 che mostra "una stretta connessione tra la dimensione della famiglia colonica e l' ampiezza del seminativo", ma anche una sostanziale differenza tra le famiglie dei labor atores, ovvero coloni con contratto parziario, ma proprietari di attrezzi e animali, e i bracenti, lavoratori senza animali e attrezzi: gli uni vivevano in aggregati multipli, gli altri in aggregati semplici. 12 La varieta dei contratti toscani che legano gli uomini alla terra e stata oggetto di studi piu e meno recenti, studi che attendono ora di essere messi (a cura di R. Comba, G. Piccinni, G. Pinto), Esi, Napoli, 1984, pp , p. 214, che parla di "stretto legame Ira dimensioni fami1iari e risorse disponibili". Anche nella lucchesia, ove farniglie numerosi sono presenti un tutte le fasce sociali, nelle c1assi con reddito piu alto le farniglie hanno un numero di componenti superiore a dodici. 11 Ollre a Leverotti e Menzione si veda CH. KJ..ApISCH-ZUBER - M.DEMONET,«"A uno pane e uno vino". La farnille rurale toscane au début du XV siecle», Annales, 27 (1972), pp E. GUlDOBONl,«Aggregati domestici nei villaggi del basso Po alla fine del Quattrocento: i1 Polesine di Ferrara», in Strutturefamiliari. epidemie..., cito, pp

15 FRANCA LEVEROITI in relazione con le diverse realta familiari.13 Resta invece sconosciuta la comunita contadina. con le sue regole, le sue tradizioni di vita comunitaria, il complesso dei beni comunali, le solidarieta tra vicini; di essa e del suo contributo all' economía della famiglia rurale non possiamo non tenere conto nello studio dei nuclei contadini. Doti, emancijjazioni, norme di trasmissione della terra: l' esempio lucchese. Nel caso delle Sei Miglia lucchesi, che presentano le medesime tendenze della Toscana fiorentina verso una complessita della famiglia, matrimoni precoci per i due sessi erano prevalenti tra le famiglie dell'inizio del Trecento (tab.2); questo vuol dire che 1'aumento di famiglie complesse nel corso del Tre-quattrocento non dipende soltanto dal fatto che si anticipano le nozze per riempire i vuoti creati dalle pestilenze. Anche 1'ipotesi che la precocitao il ritardo alle nozze fosse favorito dal vivere in una certa struttura familiare sembra smentito dal confronto dell' eta alla prima paternitaelaborata sulla base dell'estimo del A 24 anni di etaera padre il35% degli uomini viventi in famiglie multiple e allargate, a 25 anni il35% dei maschi che vivevano in fraternite (ovvero residue di famiglie multiple) e il 29% di coloro che erano a capo di una famiglia coniugale. Tra i 32 e i 34 anni di etadiventavano padri il 38% delle nucleari, il39% delle allargate e il44% delle multiple, ma solo il17% delle fraternite. L' omogeneita dei comportamenti familiari presenta un secondo scarto se consideriamo il primo nipote sposato in famiglie multiple: l' 11% si sposava a 17 anni, il 65% a 23 e il22% a 34 anni. Possiamo allora concludere che, se ci si sposa e si fa figli alla stessa eta indipendentemente dal tipo di famiglia in cuí si vive, la complessitafamiliare sembra pero favorire modelli matrimoniali piu precoci. Inoltre, il confronto tra numero dei figli e classe di ricchezza di queste famiglie conferma che 13 Ci riferiamo in particolare a M. LUZZATI, «Contratti agrari e rapporti di produzione nelle campagne pisane <!alxm al XVI secolo», in Studi in memoria di Federigo Melis. Giannini, 1978, vol.i, pp ; e 11contratto di mezzadria nella Toscana medievale, vol. 1, Contado di Siena, secc.xili-/348. a cura di G. Pinto - P. Pirillo, Firenze, 1987; vol. n, Contado di Firenze. sec.xili, a cura di O. Muzzi e M.O. Nenci, Firenze, 1988; e vol. m, Contado di Siena. / , a cura di G. Piccinni, Firenze

16 STRUlTURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO nuclei numerosi (9-11 membri) sono presenti in tutte le fasce di reddito, ma nelle classi di reddito piu alte sono dominanti le famiglie composte da 6-8 componenti e sono numerose anche quelle che superano i 12 membri. Questo sembrerebbe evidenziare l' esistenza di una correlazione tra reddito e dimensione della famiglia. TAB. 9 - Eta alla prima paternita nel contado lucchese secondo il tipo difamiglia (Estimo, ). - eta%eta 44 % , , , ,5 % 4 fratellanze classidi 23 multiple sposatoin media allargate nucleari famiglie casi famiglie fam. multiple primonipote ex LEVERam, Popolazione,jamiglie, insediamento, p Fonti amministrative toscane testimoniano la tendenza, gia nel primo Quattrocento, a ritardare le nozze, tendenza inutilmente contrastata dai governi che consideravano la crescita della popolazione un aumento di ricchezza. Disposizioni senesi (1404 e 1411) e fiorentine (1421), ad esempio, limitavano ai soli sposati l' accesso alle cariche pubbliche; nel1454 il comune lucchese emanava un bando in cui vietava l' accesso alle cariche pubbliche ai maschi non sposati di eta compresa tra i 27 e i 50 anni. Durante i1 248

17 FRANCA LEVEROITI Quattrocento si nominano commissioni con l' incarico di favofíre nuovi matrimoni, si promulgano leggi suntuarie volte a contenerne le spese; Firenze istituisce anche un Monte delle doti, nel 1425, allo scopo di facilitare la dotazione delle figlie.14 Questo ritardo alle nozze convive pero nel Quattrocento con l' abitudine a rimanere nella casa paterna anche dopo il matrimonio, dando vita a famiglie ampie e complesse, completamente diverse da quelle del primo Trecento marcatamente neo-iocali. «Ogni volta che si sono verificate trasjormazioni projonde delle strutture economiche e sociali vi e stato parallelamente un processo di adattamento delle strutture della parentela e quando un gfuppo sociale ha tentato di modificar e realtil e situazione economica, ha dovuto per riuscirci mutare anche i meccanismi della parentela». Queste considerazioni di G. Delille possono essere un punto di partenza per alcune osservazioni, che vogliono rispondere alla domanda: come la farniglia risponde alla congiuntura economica tardomedievale per tutelare la propria sopravvivenza; ovvero con quali mezzi le famiglie sono riuscite a ritardare il matrimonio dei figli, garantendosi in questo modo manodopera gratis, e a trattenere in casa le coppie sposate evitando cosl di frazionare il patrimonio? Si entra qui nel campo del diritto, un campo a nostro avviso che merita ulteriori approfondite ricerche, soprattutto per il tardo Medioevo. Quando si parla di diritto familiare si insiste in genere sulle norme di successione, norme comuni a gran parte dell'italia centro-settentrionale, oye vige il principio che le figlie siano dotate al momento delle nozze o dell' ingresso in convento, e il patrimonio venga diviso tra tutti i figli maschi legittimi in uguali porzioni ( lasciti di consistenza di gran lunga inferiore vengono fatti ai figli naturali riconosciuti). In realta le cose non sono cosl semplici e le numerose redazioni statutarie che si succedono nel Tre e Quattrocento, insieme ai trattati sulle doti elaborati a fine Quattrocento, meriterebbero studi piu accurati, anche per illoro pregnante contenuto economico. Nella sezione civilia degli Statuti decine di rubriche sono dedícate al diritto successorio, alle doti, alla legittima che la moglie poteva rivendicare sul patrimonio del marito, fino alla quarta parte, ma non si sono finora confrontate sistematicamente le diverse stesure Tre-quattr'ocentesche per G. PINTo, «La politica demografica delle cittid>,in Strutturefamiliari. epidemie..., cit., p

18 STRUTIURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO individuare eventuali modificazioni. Le stesse norme suntuarie meriterebbero, nell'ottica sia di uno studio del disciplinamento sociale, sia del contenimento delle spese familiari, un'indagine, anche comparativa, che non fosse semplicemente una esteriore descrizione dell'abbigliamento, ma ne tracciasse le trasformazioni, ancorandole allo sviluppo politico, econornico e sociale dei singoli stati. Esiste poi, sempre nel campo del diritto familiare, un istituto, l' emancipazione, che e stato del tutto trascurato, se si eccettua il tema noto delle emancipazioni dei figli dei mercanti e un libro di vent' anni fa di uno storico americano, T. Kuehn, su Firenze e il suo contado. Sarebbe invece opportuna una ricerca incentrata sulle singole re alta cittadine, che confrontas se le norme sulle emancipazioni contenute negli statuti e quelle previste dallo jus mercantile: norme ovviamente divergenti, anche perche l' emancipazione mercantile aveva lo scopo di tutelare i figli e, attraverso i figli, mettere la famiglia al riparo dai rivolgimenti econornici; non solo: estremamente utile sarebbe individuare le modificazioni e le integrazioni presenti nelle diverse redazioni statutarie. Nelle Sei Miglia lucchesi, ad esempio, le modifiche della struttura familiare si accompagnano a cambiamenti nelle regole di emancipazione dei figli. In un momento di notevoli e imprevedibili alterazioni econorniche, essendo la riproduzione sociale della famiglia legata in particolare alla conservazione del suo patrimonio, si interviene proprio sul diritto civile. A Lucca pero non si cambiano le regole di successione: le donne sono dotate al momento di entrare in convento o quando si sposano, i figli maschi ereditano il patrimonio in parti uguali alla morte del padre; cambiano invece le regole di emancipazione dei figli: proprio a queste si accompagnano o fanno seguito le trasformazioni della famiglia contadina in Lucchesia. A 25 anni, raggiunta la maggiore em, il giovane, ormai emancipato, poteva lasciare la casa del padre avendo diritto ad una quota del patrimonio, che gli Statuti lucchesi del 1308 stabilivano pari alla meta dei beni del padre, da dividersi ovviamente in ragione del numero dei fratelli. L'itidipendenza econornica cosi raggiunta, per quanto minima, favoriva il costituirsi di famiglie nucleari indipendenti, predominanti ne11335, come mostra la tabella 2. Ai problerni econornici legati alle guerre, alle pestilenze, alle carestie si sarebbe risposto cambiando le regole sull'emancipazione; negli Statuti del 1372 infatti si precisa che un figlio, che richiedesse l' emancipazione in 250

19 FRANCA LEVERarn disaccordo col padre, avrebbe avuto solo aliquid de bonis. Negli statuti del 1446 la quota a favore del figlio emancipato si riduceva ancora, perche al padre, indipendentemente dal numero dei figli, veniva riconosciuto il diritto a un terzo del patrimonio, e la possibilita, se contrario all' emancipazione, di non dare beni. Impossibilitati a mettere famiglia per conto proprio i figli erano costretti a vivere insieme con il padre o a ritardare il matrimonio, dando luogo a quelle famiglie numero se e complesse che costituiscono la caratteristica del XV secolo. Se leggiamo illibro di Kuehn,15 tenendo presente questo cambiamento rilevato nel contado lucchese, si vedono le stesse tendenze nell'area fiorentina. Le fonti usate dallo storico del diritto americano sono i registri tenuti dal giudice della Mercanzia, presso il quale venivano registrate le emancipazioni a partire dal1355, e dall4211e stesse registrazioni conservate presso i Priori. Kuhen, che non riscontra nessi causali costanti tra pestilenze e atti di emancipazione (alcune sembrano favorirle, altre no), rileva nel Quattrocento un calo nel1e registrazioni di emancipazione degli abitanti in contado,16 che collega all' aumento della tassa corrispondente. Nello stesso periodo individua una crescita nel1'eta degli emancipati residenti nel contado e ñel distretto di Firenze, e un calo dei praemia che imputa all' "exclusion of contadini from various public-debt funds and the private and public exploitation of the rural area by predominantly urban forces".17 L' emancipazione differita, conclude Kuhen, porta a una crescita numerica del1a famiglia, al rafforzamento del control1o paterno sul1a proprieta, con conseguenti mutamenti nei meccanismi ereditari che sfociano nel fedecommesso.18 11diritto come onte. In Toscana il diritto familiare, che abbiamo preso in esame limitatamente alle emancipazioni, ha subito, a partire dal tardo Trecento, importanti modificazioni che sembrano ayer condizionato in maniera sensibile la l' T. KUEIlN, Emancipation in late medieval Florence, Rutgers University press Ibidem, p.so sg. 17 Ibidem, p Ibidem, pp. 160 sg. 251

20 STRUTIURE FAMILIARI NEL TARDO MEDIOEVO ITALIANO struttura familiare, favorendo la diffusione di famiglie rurali complesse, strutturate agnaticamente, sconosciute prima della peste Nera. L' esempio toscano suggerisce una pista di ricerca da percorrere, allargata ovviamente allo studio cronologico dei capitoli statutari, concementi doti, testamenti, retratti, sostituzioni, disposizioni suntuarie, che possono aprire prospettive e conoscenze nuove lirnitatamente alle strutture familiari. Anzi lo stesso diritto farniliare puo diventare una fonte importante per la storia della famiglia anche laddove non esistono fonti demogr~che specifiche. Prendiamo ad esempio l' Italia del sud, una zona che presenta situazioni particolari quanto alla successione e ai rapporti patrimoniali tra i coniugi, probabilmente a seguito dell'ecloga di Leone Isaurico e Costantino del 739 che prevedeva la comunione di beni tra i coniugi; qui un regime di comunione, che presenta differenze nelle due isole (in Sicilia troviamo la tripartizione del patrimonio tra marito, moglie e figli,19mentre in Sardegna i beni erano in comune alla sola coppia), convive con il sistema dotale di origine 10ngobarda.2O 1 due diversi diritti, longobardo e tripartito, avendo risvolti econornici diversi venivano usati, come lucidamente ha scritto A. Romano, da ceti sociali diversi. Burgenses e ceti medio-bassi, ovvero mercanti e piccoli e piccolissirni proprietari trovavano conveniente la comunione di beni, secondo quanto aveva gia rilevato per i ceti artigiani di Genova la Hughes;21 nobili e ottimati invece preferivano lasciare il patrimonio ai soli figli escludendo le femrnine dotate. Ovviamente non si deve pensare a sisterni rigidi: non solo le due tradizioni giuridiche potevano essere utilizzate da una stessa famiglia, a seconda delle diverse esigenze; non solo generalmente non si applica ai beni feudali il sistema della comunione, roa si possono trovare attuate pratiche compensative anche in regime di comunione, tramite ad esempio il testamento o le sostituzioni, pratiche che possono modificare il sistema paritario. 19 Ma con notevoli varianti locali illustrate da A. ROMANO,«Successioni "mortis causa" e patrimoni familiari nel regno di Sicilia (secoli XIll-XVI)>>, in La transmission du pafrimoine, Byzance et ['aire méditerranéenne, Paris, De Boccard, 1998 (College de France, Monographies 11), pp ; e dello stesso, Famiglia, successioni e patrimonio familiare nell'italia medievale e moderna, Tocino, Giappichelli, Per la compresenza dei vari diritti nell'italia del sud si veda J.M. MARTIN,«Pratiques successorales en ltalie méridionale (X-XII siécle): Romains, Grecs et Lombards», in J. BEAUCAMP G. OAGRON,La transmission du patrimoine..., cit., pp HUGHES,«Sviluppo urbano e struttura familiare a Genova nel Medioevo», in P. ABRAMS - E.A. WRlGLEY,Citta, storia, societii, Bologna, il Mulino, 1983, pp

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli