Una nuova fase storica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una nuova fase storica"

Transcript

1 Sintesi di storia altomedievale da: Cantarella-Guidorizzi, L eredità antica e medievale, 2 Bettini-Lentano-Puliga, Tempo e racconto, 2 Una nuova fase storica IL MEDIOEVO, TRA DECADENZA E RINASCITA "Medioevo" significa letteralmente «età di mezzo». Questo termine è tradizionalmente impiegato dagli storici per indicare il periodo di circa mille anni compreso tra la fine del mondo antico e l'inizio dell'età moderna. Il Medioevo è stato a lungo considerato un periodo di decadenza delle arti e delle lettere, di crisi della vita cittadina, di imbarbarimento e regresso complessivo dell'europa. La storiografia più recente tende invece a recuperare tutta la complessità e la ricchezza della vita culturale, economica e politica di quest'età e a sottolineare come fra la civiltà antica e quella medievale la frattura non sia stata poi cosi netta; infatti, se è indubbio che molti fenomeni storici furono tipici del Medioevo (per esempio, l'apporto demografico di popolazioni come i franchi, i normanni, gli slavi, l'importanza politica del papato oppure la nascita delle lingue moderne), è vero pure che nell'età di mezzo continuarono a svilupparsi fenomeni già in atto nell'ultima fase del mondo antico, come l'affermazione del cristianesimo, l'impoverimento delle campagne, la crisi della vita cittadina. Inoltre, se è vero che la prima fase del Medioevo (in particolare i secoli dal VI al X d.c, comunemente indicati come "Alto Medioevo") fu caratterizzata da una complessiva decadenza della vita civile, è vero anche che in seguito (durante il "Basso Medioevo", tra l'xi e il XV secolo) in Europa maturarono le condizioni di un grande sviluppo: vi furono notevoli innovazioni nell'agricoltura, che in alcune zone permisero di aumentare la produttività delle campagne, e anche l'arte e la cultura elaborarono forme originali ed elevate. Va poi detto che, se l'europa occidentale attraversò una lunga fase di regresso, durante questi secoli varie parti del mondo limitrofo conservarono o persino incrementarono la loro prosperità: fu infatti il periodo medievale che vide l'età d'oro della civiltà araba e di quella bizantina, che si svilupparono a stretto contatto con il mondo europeo e, anzi, in gran parte in territori che erano stati un tempo inclusi entro i confini dell'impero romano. La fine della centralità del Mediterraneo UNA NUOVA GEOGRAFIA STORICA Un primo aspetto che bisogna considerare, avvicinandosi allo studio dell'età medievale, è il cambiamento dei rapporti tra i vari territori che avevano fatto parte dell'impero romano. Intorno al Mediterraneo si erano sviluppate tutte le grandi civiltà del mondo antico. Nell'Atene del V secolo a.c. Socrate poteva dire: «Noi viviamo intorno a un mare come rane intorno a uno stagno», e mille anni più tardi - ha scritto lo storico inglese Peter Brown - il mondo classico era ancora abbarbicato attorno al medesimo «stagno», vale a dire il Mediterraneo. L'unità del mondo mediterraneo era una realtà già dai tempi in cui fenici, greci e cartaginesi vi intrecciavano i propri traffici commerciali. Successivamente si era creata anche un'unità politica, quando Roma aveva sottoposto le popolazioni della regione al proprio dominio. Le regioni Bell'Europa centrale e settentrionale si trovavano ancora oltre il limes, la frontiera bell'impero, oppure erano terre di confine, dove la vita era primitiva. Anche la maggioranza delle grandi città europee di oggi (come Londra, Parigi, Berlino, Mosca) non esistevano oppure risultavano marginali o estranee rispetto all'asse fondamentale della civiltà antica. La "vera" vita si svolgeva nelle città di impronta romana e greca, affacciate sul

2 Mediterraneo, da cui provenivano gli impulsi fondamentali della civiltà. Tra la fine del IV e l'inizio del VI secolo d.c. si assistette invece a una dinamica opposta: con l'ingresso nella storia di popolazioni che fino ad allora erano rimaste ai margini (germani, tra cui franchi e longobardi, slavi e, nel secolo successivo, arabi), le terre oltre il confine nord-occidentale entrarono a far parte di un'europa comune, mentre la storia di molte regioni fino a quel momento strettamente collegate a Roma come l'egitto, la Siria, l'africa e anche vaste aree della regione balcanica) procedette per vie proprie. LO SPOSTAMENTO DELL'ASSE POLITICO EUROPEO La conseguenza, anche se non immediata, di questo stato di cose fu lo spostamento dell'asse politico europeo verso nord. L'Italia, che si era trovata al centro delle grandi correnti del mondo mediterraneo, all'inizio dell'epoca medievale ne divenne la frontiera meridionale. La geografia politica d'europa mutò profondamente. Se all'epoca di Costantino (inizi del IV secolo d.c.) i confini del mondo civile erano il Reno e il Danubio, che separavano l'europa settentrionale e barbarica dal mondo mediterraneo, un secolo più tardi, e poi definitivamente a partire dall'invasione araba (inizi del VII secolo d.c), un rigido confine veniva fissato tra quelle che erano state le terre occidentali e orientali dell'impero romano. Il tentativo dell'impero romano d'oriente di riconquistare i territori occidentali, avvenuto all'epoca di Giustiniano (VI secolo), ebbe solo un successo effimero. Questi processi storici e politici ebbero profondi effetti anche a livello culturale: l'impero d'oriente restò per molti secoli un'area più avanzata rispetto all'europa occidentale. La crisi economica e il declino della città LO SPOPOLAMENTO DELLE CITTÀ E LA CRISI DEI COMMERCI I territori dell'europa occidentale che avevano fatto parte dell'impero romano conobbero durante il VI e il VII secolo una gravissima crisi demografica che condusse a un imponente regresso della vita cittadina. Questo fenomeno si era già manifestato durante gli ultimi due secoli dell'impero romano, ma si aggravò ulteriormente: in seguito alle enormi devastazioni causate da invasioni, guerre, carestie e pestilenze, le città sopravvissute si ridussero enormemente di estensione. Mentre l'impero romano era stato caratterizzato dalla presenza di un'intensa vita cittadina, durante l'alto Medioevo le città progressivamente si spopolarono. Ben presto le strade non furono più curate, i ponti crollarono, gli acquedotti andarono in rovina: le comunicazioni di conseguenza risultarono ovunque sempre più difficili. Inoltre, la moneta - che con la scomparsa dell'impero romano d'occidente non potè più essere garantita - venne usata progressivamente di meno, sicché gli scambi avvenivano perlopiù attraverso :1 primordiale sistema del baratto, generalmente in fiere e mercati di livello regionale. Tra le cause del declino delle città vi fu anche la stagnazione dei commerci e dell'artigianato. Anche il commercio internazionale andò riducendosi enormemente e con esso quella classe imprenditoriale che aveva movimentato la vita economica di epoca imperiale. Infetti, oltre alla grave crisi economica :che accompagnò l'insediarsi delle popolazioni germaniche, occorre tener conto che a :partire dal VII secolo d.c. gli arabi si impadronirono di buona parte delle coste mediterranee, rendendo impercorribili le rotte marittime: il Mediterraneo divenne un "lago" arabo, in cui le flotte islamiche dominavano incontrastate. L Europa dell'alto Medioevo fu, per cosi dire, "un'europa senza mare": i porti si insabbiarono, le città portuali erano semidistrutte e, a partire da un certo momento, si aggiunse il pericolo dei pirati arabi sempre in agguato; e del resto, che cosa mai si poteva : commerciare, in assenza di un mercato che consentisse lo scambio? Continuò a esistere, comunque, un commercio di lusso che trasportava in Europa merci preziose destinate alle corti o all'alta aristocrazia; esse provenivano dall'oriente per mezzo dei mercanti bizantini, i quali, come vedremo in seguito, mantennero la possibilità di servirsi di porti ancora sotto il loro diretto controllo (per esempio Ravenna e Bari, in Italia).

3 L'EUROPA DELLE FORESTE Il declino demografico fu un processo lungo e non riguardò solo le città. Sappiamo che, ormai in pieno Medioevo, al tempo di Carlo Magno ( ), l'intera Europa arrivò a contare meno di trenta milioni di abitanti. Durante l'alto Medioevo vaste porzioni di terra rimasero quindi incolte e i boschi tornarono a invadere le campagne; molte zone (specialmente nell'italia centro-meridionale) s'impaludarono e furono abbandonate, spopolandosi anche in seguito al flagello della malaria, malattia quasi sconosciuta in epoca antica, ma che andò sviluppandosi sino a diventare endemica in età successiva. Disboscare un terreno e dissodarlo era un lavoro assai lungo e difficile: richiedeva infatti strumenti di ferro che pochi possedevano e la possibilità di giovarsi di altre risorse per il periodo in cui il nuovo terreno non produceva frutto. In questa situazione, una risorsa fondamentale era offerta dai boschi e dagli specchi d'acqua (stagni, laghetti, paludi): il bosco rendeva disponi bile il legname, che era indispensabile per le costruzioni, per cucinare, riscaldarsi e alimentare le fucine dei fabbri; esso forniva inoltre ghiande per l'allevamento dei maiali (una delle principali risorse alimentari), cacciagione, bacche commestibili. Gli specchi d'acqua permettevano invece la pesca e la caccia di selvaggina palustre. La resa dei campi inselvatichiti era estremamente bassa: si calcola che fosse in genere nel rapporto di due o al massimo di tre semi a uno (vale a dire, per ogni seme piantato nel suolo ne venivano raccolti due o tre). A differenza che nel mondo antico, quella dell'alto Medioevo fu dunque un'economia di sussistenza: i prodotti dei campi, lavorati con tecniche primitive, fornivano a malapena quanto bastava per nutrire gli agricoltori stessi e quindi il numero di coloro che potevano dedicarsi ad attività diverse dall'agricoltura era inevitabilmente molto basso. I pochi artigiani producevano solo i manufatti che servivano a soddisfare le necessità locali. Ogni singola comunità tendeva quindi all'autarchia, ossia all'autosufficienza economica. I regni romano-germanici LA FUSIONE FRA SOCIETÀ GERMANICA E SOCIETÀ LATINA Alla fine del v secolo d.c. la parte occidentale dell'impero si trovava sotto il dominio dei "barbari", i quali iniziavano a organizzare in forme stabili il loro potere. Sul territorio dell'impero sorsero vari regni, posti sotto il dominio di sovrani germanici, i quali governavano utilizzando quel poco di struttura politica e amministrativa che ancora restava dell'impero romano. Per quanto elementari potessero essere le necessità di governo, un potere reale aveva infatti bisogno di una cancelleria, di funzionari addetti all'amministrazione, di architetti e tecnici per la manutenzione di palazzi e acquedotti; e queste persone non potevano essere che romane, le uniche a possedere le conoscenze necessarie per far fronte a tali esigenze. In pratica, la classe dirigente era barbarica per quanto riguardava l'esercito e il potere politico, romana per l'amministrazione dello stato e della vita cittadina, ragione per cui questi regni sono stati definiti "romano-germanici". LA COSTITUZIONE DI NUOVI REGNI I regni romano-germanici che nel corso del V e del VI secolo d.c. presero il posto dell'ormai decaduto impero romano d'occidente furono i seguenti: - nell'africa settentrionale, in Corsica e in Sardegna quello dei vandali; - nella Gallia centro-settentrionale quello dei franchi; - nella Gallia meridionale e in Spagna quello dei visigoti; - nella valle del Rodano quello dei burgundi; - nella Spagna nord-occidentale (parte dell'odierno Portogallo) quello degli svevi; - in Italia e in parte dell'illiria, della Dalmazia e della Gallia meridionale quello degli ostrogoti. Particolare fu, infine, il caso della Britannia, dove le popolazioni locali si diedero ordinamenti propri, ma dovettero poi fronteggiare le invasioni degli angli e dei sasso-ni. che a poco a poco

4 s'impadronirono di buona parte del paese. Molti degli antichi britanni decisero allora di emigrare sulle coste della Francia, nella regione che da loro prese il nome di Bretagna e in cui ancora oggi è diffuso il bretone, antico dialetto celtico derivato dalla loro lingua. LA SOCIETÀ E IL POTERE NEI REGNI ROMANO-GERMANICI All'interno di questi regni, tra germani e romani si instaurò un modus vivendi relativamente pacifico, tranne che nel caso del regno vandalo dove la classe dirigente romana venne sostanzialmente eliminata. I germani pretesero per il proprio popolo solamente una parte delle terre (la metà oppure un terzo, a seconda dei casi), lasciando all'aristocrazia romana la parte restante. Come ha scritto lo storico Peter Brown, «l aristocrazia romana si accorse con stupore che, dopo avere separato i suoi destini da quelli dell esercito romano che la difendeva, poteva benissimo farne a meno». Nel complesso, i dominatori non intervennero profondamente sulla struttura della società, cosicché per la popolazione poco o nulla cambiò: i contadini legati alla terra avevano solo cambiato i padroni, gli aristocratici potevano continuare a godere dei propri privilegi e ricavavano ulteriori vantaggi dal fatto di essere validamente protetti da quegli stessi barbari da cui, sino a pochi decenni prima, erano stati costretti a difendersi. Proseguendo anzi una tendenza che si era già manifestata nell'ultimo periodo dell'impero, la grande proprietà divenne sempre più il centro organizzativo della popolazione di coloni, liberi o schiavi che fossero, e l egemonia sociale dei grandi proprietari terrieri si fece ancora più schiacciante di fronte alla debolezza del potere centrale dei regni romano-germanici e al declino delle città. Il processo di integrazione tra la società germanica e quella latina non poteva essere indolore. In un primo momento si tentò di evitare i conflitti mantenendo separati i diritti e le comunità, ma con il procedere degli anni l'integrazione divenne inevitabile. un importante fattore di contrasto fu la diversità religiosa, poiché i barbari, pur essendo spesso già convertiti al cristianesimo, avevano perlopiù aderito all'arianesimo, mentre la popolazione romana era cattolica. Infine, un importante elemento accomunava i regni germanici (anche in questo caso con l'eccezione di quello vandalo in Africa). I sovrani "barbarici" d'occidente erano convinti che l'autorità ultima sui loro territori spettasse all'imperatore bizantino. Essi, cioè, si sentivano semplici delegati di quell'imperatore e dipendenti dalla sua approvazione. Di fatto i regni germanici si mossero il più delle volte in totale autonomia dalla volontà di Costantinopoli; la coscienza di questo fondamento ultimo del loro potere, però, non venne mai del tutto meno.

5 L'impero romano d'oriente COSTANTINOPOLI, "LA CITTÀ D'ORO E DI LUCE" Mentre la parte occidentale agonizzava, l'impero d'oriente riuscì a sopravvivere arroccato intorno alla sua capitale, Costantinopoli. Questa città, come abbiamo già detto, era sorta in riva al Bosforo, proprio all'incrocio tra Europa e Asia, là dove era prosperata la colonia greca di Bisanzio: per questo motivo la civiltà dell'impero romano d'oriente è nota con il nome di "civiltà bizantina". Quando l'impero d'occidente finì, ormai da centocinquant'anni Costantinopoli era la sede principale dell'impero ramano, e i suoi abitanti si erano abituati a considerare l'antica Roma con un misto di compatimento e di superiorità. A Roma - si diceva - erano restati solo palazzi cadenti e una popolazione inselvatichita: tutto ciò che era rimasto di veramente civile, di veramente romano si trovava sulle rive del Bosforo. Lì risiedevano l'imperatore e il senato della vera nobiltà; li c'erano scuole, università, cultura, arti, ricchezza. A questa città, "la città d oro e di luce", tutto il mondo guardava con ammirazione e invidia; essa era (e rimase a lungo nel Medioevo) il centro del mondo, "la New York dei secoli oscuri". Dopo la sconfitta di Attila, gli imperatori d'oriente riuscirono a liberarsi dell'elemento germanico, che si era infiltrato a corte e negli alti gradi dell'esercito. Poiché, inoltre, la pressione dei germani si era ormai riversata oltre i confini occidentali, la parte orientale nell'impero per alcuni decenni non fu minacciata da altre gravi invasioni. IL CONSOLIDAMENTO DEL POTERE IMPERIALE IN ORIENTE L'Impero romano d'oriente resistette per quasi mille anni alla caduta di quello d'occidente: solo nel 1453 i turchi riuscirono a conquistare la capitale Costantinopoli, che divenne - con il nome di Istanbul - la capitale del loro nuovo impero. Soprattutto durarono a lungo la convinzione secondo cui l'insediamento dei "barbari" in Occidente fosse una situazione temporanea e la percezione di quei territori come tuttora appartenenti all'impero. Le ragioni della sopravvivenza dell'impero d'oriente sono numerose: anzitutto, nel momento in cui l'onda d'urto delle popolazioni germaniche si abbatteva sull'europa, l'oriente si trovò geograficamente in posizione più defilata: le direttrici migratorie degli invasori puntavano perlopiù verso l'europa continentale (Gallia, Italia, Spagna), lasciando da parte i territori orientali. E quando questo non accadeva, i sovrani bizantini potevano sempre indurli a deviare più a ovest, in cambio del diritto di governare in loro nome questa o quella regione dell'antico Impero d'occidente. È quanto accadde per esempio con gli ostrogoti. L'assenza di gravi invasioni, inoltre, fece sì che non si verificasse, nel territorio bizantino, quello spopolamento delle città che aveva invece segnato gli ultimi due secoli dell'occidente: le strade di comunicazione si mantennero intatte e si conservò ancora molto attiva la vita cittadina, alimentata da un vivace commercio estero con Persia, India e Cina, con le quali si commerciavano la seta, le spezie e altri beni di lusso; tra l'altro, a Costantinopoli si mantenne costante l'uso della moneta, mentre in Occidente si tornava agli scambi in natura. Questa prosperità consentì al governo imperiale di reclutare eserciti efficienti per la propria difesa e di tenere in piedi una struttura burocratica che conservò le forme dello stato romano tardoantico. Il cuore di questa organizzazione era il palazzo imperiale (detto il "sacro palazzo"), costruito come una città nella città; qui, circondato da una corte fastosa, come un personaggio semidivino, risiedeva l'«imperatore» (basileus, in greco). A differenza dell'imperatore d'occidente, che negli ultimi tempi dell'impero era ormai un fantoccio nelle mani dei generali di stirpe barbara, quello di Costantinopoli riuscì a conservare saldamente il controllo sullo stato. Il potere del basileus era assoluto. Egli si proclamava difensore dello stato romano e nello stesso tempo protettore della religione cristiana; l'ideologia imperiale affermava che il suo potere promanava direttamente da Dio, motivo per cui la sua persona era considerata sacra. L'imperatore si riteneva perciò autorizzato a intervenire nelle questioni religiose e, tra l'altro, aveva l'autorità di nominare il patriarca (vale a dire il vescovo) di Costantinopoli. La sacralizzazione della figura imperiale era già emersa nell'occidente tardo-antico, ma a Costantinopoli fu portata molto più avanti; anche le funzioni religiose dell'imperatore si erano

6 affermate in Occidente, all'epoca di Costantino. In Occidente, però, con la nascita dei regni romanogermanici i vescovi (e tra loro quello di Roma) si svincolarono dal potere politico, mentre in Oriente l'imperatore nominava la più alta autorità religiosa, cioè il patriarca di Costantinopoli, presiedeva i concili, aveva la responsabilità ultima della dottrina, si batteva attivamente contro l'eresia. Questa somma di potere politico e religioso va sotto il nome di cesaropapismo e rimase a lungo caratteristica della cultura bizantina: autorità politica e autorità religiosa erano strettamente collegate nella figura dell'imperatore, che ne era il tutore: questo tipo di rapporto tra sfera civile e religiosa è noto con il nome di "cesaropapismo", in virtù del quale l autorità politica si riserva il diritto di intervenire nelle questioni religiose. LA FORTE ORGANIZZAZIONE STATALE E LA VIVACITÀ ECONOMICA In sostanza, l'impero d'oriente riuscì a conservare ciò che l'occidente andava perdendo: rimase cioè uno stato, e anzi l'unico stato organizzato in un modo che altrove non esisteva più. Solo nell'impero bizantino c'erano ancora tribunali, leggi, poste pubbliche e scuole dove si leggevano gli autori classici. Fu proprio l'organizzazione statale a dare all'impero d'oriente la supremazia decisiva contro gli avversari che dovette affrontare nel corso di tutto il Medioevo: esso possedeva finanze organizzate, un'economia monetaria (laddove nel resto dell'ex impero romano d'occidente si era molto spesso regrediti al baratto), una diplomazia abile e scaltra, la superiorità tecnologica che si manifestava nella capacità di costruire fortificazioni, acquedotti, navi e armi. La civiltà che vi si formò nel corso di questi secoli assunse dunque caratteristiche assai differenti da quelle dei regni romano-germanici d'occidente; l'impero d'oriente era popolato per la massima parte da genti di lingua greca, che divenne ben presto la lingua ufficiale dello stato: stato romano, cultura greca e religione cristiana furono dunque i tre pilastri della società bizantina medievale. Il regno degli ostrogoti in Italia L'ITALIA DI TEODERICO I goti, come tutte le stirpi germaniche, avevano migrato a lungo prima di giungere nel cuore dell'impero romano. La loro patria d'origine era nella lontana Scandinavia, dalla quale si erano mossi verso il centro dell'europa, giungendo più tardi sino ai confini dell'asia; si erano poi divisi in due gruppi, visigoti e ostrogoti, il secondo dei quali si era insediato nel territorio dell'attuale Bulgaria, premendo dunque direttamente sui confini dell'impero d'oriente. Nel 488 l'imperatore bizantino Zenone pensò di dirottare il loro re Teoderico, con tutta la sua gente, verso l'italia, con il compito di rovesciare il regime di Odoacre, insediatosi dopo la deposizione di Romolo Augustolo. In questo modo Zenone allentava la pressione sui confini e puntava a recuperare il controllo sia sull'italia sia sui territori occidentali: Teoderico, infatti, ricevette dall'imperatore il diritto di governare per suo conto un vasto territorio che comprendeva anche la Provenza, l'area a nord delle Alpi sino al Danubio e la parte settentrionale della penisola balcanica, sino al confine con l'impero d'oriente. Entrati in Italia da nord-est, gli ostrogoti ebbero facilmente ragione delle truppe di Odoacre, mentre la cattura di quest'ultimo - che si era asserragliato a Ravenna, circondata da paludi e per questo impossibile da assediare - richiese tre anni di combattimenti. Nel 493 anche quest'ultima resistenza fu superata, Odoacre venne eliminato e Teoderico divenne padrone del suo vasto regno, che avrebbe governato fino alla morte, avvenuta nel 526. Da bambino Teoderico era stato condotto a Costantinopoli come ostaggio, e i dieci anni che trascorse in quella città lo segnarono per sempre. Pur essendo analfabeta, Teoderico rimase infatti profondamente affascinato dalla cultura romana e si sentì sempre privilegiato rispetto agli altri sovrani germanici per il fatto di governare su territori che erano stati la culla della civiltà latina. Dal punto di vista di Teoderico, il sovrano ostrogoto era il legittimo continuatore degli imperatori romani. Non a caso, stabilì la capitale del suo regno a Ravenna, cioè nella città che era stata già capitale dell'occidente negli ultimi decenni della sua storia, e cercò sotto molti aspetti di imitare lo

7 stile dei principi romani, fino a farsi costruire un mausoleo (tuttora conservato a Ravenna) per la propria sepoltura, come già avevano fatto tanti imperatori. In questo spirito, Teoderico avviò una politica volta a ottenere il consenso di tutti i poteri forti presenti nella penisola: l'aristocrazia romana, che aveva il suo centro nel senato, e la chiesa di Roma. Le funzioni militari rimasero saldamente nelle mani dei conquistatori, ma Teoderico trasse dalle file dell'aristocrazia latina il personale necessario all'amministrazione statale. Boezio, per esempio, appartenente a una famiglia che da generazioni dava a Roma senatori, principi e uomini di cultura, fece una brillante carriera politica, culminata nell'incarico di responsabile unico dell'amministrazione ostrogota. Un altro collaboratore, Simmaco, era suocero di Boezio e discendeva a sua volta da una prestigiosa famiglia di politici e letterati. Cassiodoro, infine, divenne responsabile della cancelleria di corte, incaricata di redigere i testi dei provvedimenti giuridici e normativi e di stendere la corrispondenza ufficiale. LA TOLLERANZA RELIGIOSA E LE DIFFICOLTÀ DELL'INTEGRAZIONE. Gli ostrogoti erano ariani, ma anche con il papato romano i rapporti di Teoderico furono cordiali e improntati alla reciproca tolleranza. Nelle città le cattedrali ariane, riservate al culto della minoranza gota - come la bellissima struttura di Sant'Apollinare Nuovo a Ravenna, o il Battistero degli ariani, sempre a Ravenna -, si affiancarono alle chiese destinate alla ben più numerosa popolazione cattolica. Negli ultimi anni del regno di Teoderico, però, la coesistenza pacifica fra le due etnie iniziò a incrinarsi. Se l'unificazione politica dei due popoli in un unico stato poteva dirsi sostanzialmente riuscita, goti e romani rimanevano estranei gli uni agli altri, pur vivendo nelle stesse città. Come se non bastasse, il nuovo imperatore d'oriente Giustino avviò una politica religiosa volta a estirpare tutte le eresie o le dottrine estranee al cristianesimo "ortodosso": e tale era anche la fede ariana di Teoderico e dei goti. Non si trattava solo di una preoccupazione di tipo religioso: l'uniformità delle credenze era un obiettivo perseguito già a suo tempo da Costantino, in quanto eliminava una possibile fonte di tensione fra i sudditi e contribuiva a rafforzare il potere dell'imperatore, suprema autorità politica ma anche garante dell'autentica dottrina cattolica; era perciò importante che questa dottrina fosse definita in modo univoco e accettato da tutti. FALLISCE LA CONVIVENZA FRA GERMANI E ROMANI IN ITALIA. I riflessi della politica intollerante di Giustino si fecero sentire anche nel regno di Teoderico, che era pur sempre, nella concezione bizantina, una provincia dell'impero d'oriente; e in questo clima era inevitabile che le tensioni crescessero, intrecciandosi con il problema irrisolto della fusione fra conquistati e conquistatori. Teoderico temette che l'aristocrazia romana simpatizzasse per l'imperatore bizantino e preparasse complotti per rovesciarlo; l'incarcerazione e la successiva condanna a morte di Boezio e Simmaco, nel , segnarono la fine della politica di convivenza pacifica fra le due etnie. Nel 526 morì Teoderico, l'anno seguente Giustino. Il nuovo imperatore, Giustiniano, era deciso a proseguire la lotta all'eresia e, per di più, riteneva che la politica dei predecessori nei confronti dell'occidente - governare quei territori in maniera indiretta, con la mediazione di principi barbari formalmente dipendenti dal sovrano bizantino - avesse fatto il suo tempo. Secondo Giustiniano era giunto il momento di recuperare il controllo diretto sull'occidente. L impero bizantino da Giustiniano al VII secolo L UNIFICAZIONE RELIGIOSA E CULTURALE SOTTO GIUSTINIANO Giustiniano salì al potere nel 527 e vi rimase fino al 565. Un lungo regno, che il nuovo imperatore sembrò subito impostare nel segno di una tenace ricerca dell'unità a tutti i livelli della vita dello stato: unità dell'impero, unità della dottrina religiosa, unità del diritto e naturalmente, al

8 vertice di tutto questo, unità della direzione politica, saldamente nelle mani del sovrano. Sul piano religioso, si trattava di continuare la linea del predecessore Giustino, quella della lotta a ogni forma di credenza religiosa "deviante": dunque, non solo le eresie interne al cristianesimo, ma anche i residui di paganesimo, ancora diffusi, per esempio, negli ambienti filosofici e intellettuali: si inquadra in questa politica la decisione storica di chiudere l Accademia di Atene (529), la prestigiosa scuola di filosofia fondata da Platone dopo il 387 a.c. Il ruolo del sovrano come supremo garante della vera fede non si espresse solo nella persecuzione del dissenso religioso. Ebbe per esempio una manifestazione spettacolare nel grandioso progetto della basilica di Santa Sofia a Costantinopoli. Nel 528, quindi poco dopo l'ascesa al trono, Giustiniano nominò una speciale commissione di esperti giuristi, con l'incarico di procedere a un riordinamento complessivo del diritto romano. Nei secoli, le leggi e le norme romane si erano accumulate, sovrapposte, non di rado contraddicendosi fra loro e comunque dando origine a un edificio giuridico dalla struttura confusa, nella quale non si riusciva a rintracciare un ordine. Il risultato di sei anni di intenso lavoro della commissione fu il Codice di Giustiniano (Corpus iuris civilis), un'opera fondamentale, che sintetizzò organicamente tutta la tradizione giuridica romana. L UNIFICAZIONE TERRITORIALE E POLITICA La vocazione all'unità di Giustiniano si manifestò poi nell'ambizioso progetto di recuperare al controllo diretto di Costantinopoli i territori dell'ex Impero d'occidente, ponendo fine al compromesso di affidare questi territori a reggenti germanici in qualità di rappresentanti del sovrano bizantino. Un progetto al quale non era estranea, ancora una volta, una motivazione di carattere religioso, dato che i re germanici erano perlopiù ariani, dunque eretici. Per realizzare i suoi piani, Giustiniano aveva bisogno di avere le mani libere lungo la frontiera orientale, contro la quale premeva il Regno persiano; nel 532 il problema fu risolto attraverso un accordo con il sovrano persiano Cosroe, favorito dal versamento di una consistente indennità da parte bizantina. AFRICA. L'anno seguente (533) il progetto di riconquista prese il via dal Regno africano dei vandali, il più fragile tra i domini germanici. Fu sufficiente un anno di campagna militare perché le forze bizantine, guidate dall'abile generale Belisario, potessero entrare trionfalmente nella capitale Cartagine, nel 534. I vandali sopravvissuti si dispersero e scomparvero dalla scena della storia. ITALIA. Nel 535, con il pretesto di presunti atteggiamenti antibizantini della corte ostrogota, Giustiniano scatenò l'offensiva in Italia nella cosiddetta guerra greco-gotica, attaccando la penisola da nord e da sud, ancora una volta sotto la guida di Belisario. Appena cinque anni dopo, con l'occupazione di tutto il centro-sud (dove del resto la presenza ostrogota era sporadica), la conquista di Ravenna e la cattura del sovrano germanico Vitige, sembrava che la guerra si fosse conclusa a favore dei bizantini. I goti dimostrarono però un'imprevedibile capacità di resistenza. Il nuovo re Totila tenne testa a lungo alle forze di Giustiniano, ricorrendo anche a provvedimenti estremi come la concessione della libertà agli schiavi dei grandi latifondisti latini (considerati simpatizzanti dei bizantini), a patto che combattessero dalla parte dei goti. L'Italia venne percorsa in lungo e in largo dai due eserciti in uno stillicidio di devastazioni e violenze, dato che ognuno dei contendenti cercava di fare terra bruciata attorno all'altro. Nel 552 Totila fu ucciso e l'anno dopo anche l'ultima resistenza gota fu annientata. I bizantini avevano vinto la guerra, ma l'italia era prossima al collasso. Nel 554, un provvedimento di Giustiniano noto come Prammatica sanzione sancì ufficialmente il ricongiungimento dell'italia all'impero. Diciotto anni di guerra all'ultimo uomo avevano però avuto effetti devastanti sul tessuto economico e sociale della penisola. I campi erano sconvolti, l'antica aristocrazia latifondista decimata, e anche la popolazione urbana si era ridotta fortemente, per i massacri e per le epidemie provocati dalla guerra. Molte strade romane risultavano ormai inservibili, vaste aree rurali si erano impaludate o erano tornate all'incolto; nelle città spopolate interi quartieri rimasti deserti venivano adibiti a zone di pascolo o a serbatoio di mattoni e altri materiali da costruzione. Per di più, l'aristocrazia

9 romana, che i goti avevano rispettato e coinvolto nel governo, venne emarginata da Giustiniano, che amministrò i territori riconquistati con personale proveniente dall'oriente. L'aristocrazia fu anche mortificata da un prelievo fiscale esoso, che scaricava i costi altissimi della guerra proprio sulla classe che avrebbe dovuto trarne vantaggio. Si capisce bene come, in queste condizioni, il controllo bizantino dell'italia fosse durato appena quindici anni: nel 569 una nuova invasione condusse nella penisola i longobardi, la più selvaggia fra tutte le genti germaniche. Prima, però, Giustiniano fece in tempo ad abbellire Ravenna, ex capitale ostrogota e ora sede del comando militare bizantino, di splendide chiese, secondo un uso politico dell'architettura sacra che abbiamo già conosciuto a Costantinopoli. SPAGNA. Intanto, i costi umani ed economici della campagna d'italia non arrestarono il progetto di riconquista dell'occidente. Appena un anno dopo la fine delle ostilità in Italia, nel 554 l'esercito bizantino veniva diretto contro la Spagna visigota. L'attacco prese le mosse dall'africa, attraverso lo stretto di Gibilterra, e portò all'occupazione dei territori meridionali della penisola iberica. Anche in questo caso si trattò di un successo effimero: trent'anni dopo, nel 585, i visigoti avevano di nuovo riunificato sotto il loro controllo l'intera Spagna. L EFFIMERA RICONQUISTA DI GIUSTINIANO, ULTIMO DEI ROMANI La politica di riconquista di Giustiniano si risolse dunque in un insuccesso. Anzitutto, le guerre in Occidente drenarono immense risorse economiche, necessarie a pagare il soldo alle truppe (perlopiù mercenarie) e poi, a conquista ultimata, ad assicurare la ricostruzione e a mantenere le forze di occupazione. In secondo luogo, si trattò di conquiste effimere, durate solo pochi anni, in parte proprio per l'impossibilità strategica e finanziaria di garantire l'occupazione e la difesa dei nuovi territori. Infine, il massiccio concentramento dell'impegno militare sul fronte occidentale sguarnì inevitabilmente i confini orientali dell'impero bizantino, che conobbe ripetute invasioni sia nei suoi territori europei sia in quelli asiatici. Costantinopoli dunque sarebbe stata costretta a rinunciare al controllo di territori lontani ed economicamente poco redditizi e a concentrare le forze nella difesa dei propri confini storici. mani. Il fallimento della politica di Giustiniano ebbe un'altra conseguenza di lungo periodo: ai suoi successori non sarebbe rimasto che prendere atto del fatto che le terre d'occidente erano perdute per sempre e che anche il controllo indiretto di quei regni non era più possibile; da allora in avanti, le due metà dell antico Impero avrebbero avuto storie, protagonisti e culture sempre più distanti l una dall altra e dalla loro matrice comune. Il sogno di fermare la storia, o di riportarla indietro, era tramontato per sempre: ma proprio per avere cercato di realizzare quel sogno, Giustiniano può davvero essere definito l ultimo dei romani.

10 L IMPERO D'ORIENTE DOPO GIUSTINIANO Dopo la morte di Giustiniano (565), l'impero d'oriente andò incontro a una grave crisi. E la situazione si aggravò ulteriormente agli inizi del VII secolo, quando il re persiano Cosroe pensò che fosse giunto il momento di dare il colpo definitivo al traballante edificio dello stato bizantino. I suoi eserciti occuparono la Siria e l'egitto e giunsero sino alle porte di Costantinopoli: tra l'altro i persiani saccheggiarono Gerusalemme e s'impadronirono della Vera Croce, una teca in cui era conservata una scheggia della croce sulla quale si riteneva fosse stato giustiziato Gesù e che era perciò venerata dai cristiani come la più sacra delle reliquie. Per fronteggiare i persiani, i bizantini richiamarono in Oriente tutte le loro forze, cosicché le frontiere sguarnite del Danubio furono attaccate da popolazioni barbariche che fino a quel momento erano state trattenute al di fuori dei confini: grandi masse di slavi dilagarono per la penisola balcanica e vi si stabilirono. Tutta la regione subì una radicale trasformazione etnica: le popolazioni indigene, di lingua greca o romana, si rifugiarono verso la costa, mentre le regioni dell'entroterra furono da quel momento popolate da slavi. ERACLIO E LA VITTORIA DELL'IMPERO BIZANTINO Sembrava ormai che fosse giunto il momento del crollo, quando venne proclamato imperatore un abile generale proveniente dall'africa romanizzata, Eraclio ( ), che riuscì a risollevare l'impero dalla rovina in cui era precipitato. Eraclio riorganizzò l'esercito e con una serie di ardite operazioni militari arginò i persiani; giunse persino a espugnare la capitale nemica dove, per vendicare il saccheggio ii Gerusalemme, fece dare alle fiamme il tempio del fuoco di Zoroastro, luogo sacro per i persiani. A questo punto, nel 626, mentre Eraclio si trovava nel cuore del territorio nemico, i persiani passarono alla controffensiva e strinsero d'assedio Costantinopoli per terra e per mare, ma la città, protetta dalle sue formidabili fortificazioni, resistette grazie alla coraggiosa difesa condotta dalla popolazione. Lo stesso patriarca di Costantinopoli, Sergio, si esponeva tra i combattenti sulle mura, rianimando i difensori con prediche e solenni processioni religiose: la guerra contro i persiani, seguaci di Zoroastro, era infatti considerata dalla popolazione come una vera e propria guerra di religione. I persiani furono costretti a levare l'assedio; due anni più tardi, nel 628, presso le rovine di Ninive (l'antica capitale degli assiri) si combatté la battaglia decisiva, che terminò con la completa vittoria dell'esercito bizantino comandato personalmente da Eraclio. Il re persiano Cosroe fu deposto e ucciso, e il suo successore dovette implorare la pace dai bizantini. Tra le clausole del trattato di pace, Eraclio impose anche la restituzione della Vera Croce, che fu portata a Costantinopoli come segno del trionfo. IL RINNOVAMENTO DELL'IMPERO D'ORIENTE La guerra tra bizantini e persiani, protrattasi per più di vent'anni tra immense munizioni, fini con la vittoria dei primi, ma ebbe risvolti fatali per entrambi gli imperi; questi s'indebolirono al punto di non essere più in grado di opporsi all'invasione degli arabi, che già andava profilandosi e che di li a pochi anni avrebbe cambiato il volto di tutto il mondo mediterraneo. Ma l'importanza di Eraclio nella storia bizantina fu notevole anche per un altro aspetto: egli fu l'unico imperatore dell'epoca tarda che cercò di operare sulle cause profonde della crisi sociale. Infetti, per fare fronte alle necessità militari, Eraclio fece distribuire grandi estensioni di terre ai contadini, obbligandoli a prestare in cambio il servizio militare, e stabilì leggi severe per impedire che i grandi proprietari terrieri mettessero le mani sugli appezzamenti dei contadini-soldati; di conseguenza, i soldati dell'esercito bizantino non furono più mercenari, ma soldati-contadini direttamente interessati alla difesa del territorio da cui essi stessi traevano i mezzi di sostentamento. In questo modo Eraclio liberò l'impero dalla dipendenza dalle costose milizie mercenarie e favori lo sviluppo di una libera popolazione contadina, che formò il nerbo e la forza dello stato bizantino durante tutto il Medioevo. GLI SLAVI E I BULGARI Come abbiamo accennato sopra, nella parte orientale dell'impero andavano intanto maturando altri

11 eventi, di grandissima rilevanza storica: nei Balcani infatti s'insediarono due nuove popolazioni, gli slavi e i bulgari. Tra la fine del V e l'inizio del VI secolo d.c. gli slavi, una popolazione indoeuropea stanziata nelle pianure dell'europa orientale, iniziarono a espandersi verso occidente, occupando i territori abbandonati dalle popolazioni germaniche; successivamente tribù slave scesero nella penisola balcanica, sino alla Grecia. Alcuni di loro poi si stanziarono lungo il Volga, altri in Boemia e Moravia, mentre i serbi e i croati, anch'essi genti slave, in accordo con l'impero di Bisanzio, si stabilirono oltre il Danubio, nell'illirico. La prima conseguenza della definitiva trasformazione dei popoli slavi da nomadi in sedentari fu che essi vennero raggiunti con maggiore facilità dalle missioni di cristianizzazione. La maggioranza degli slavi (in particolare, serbi e russi) subirono l'influenza bizantina e si convertirono al cristianesimo orientale, entrando nell'orbita religiosa e culturale di Costantinopoli. Un altro popolo che in quest'epoca entrò prepotentemente nella storia furono i bulgari, in origine dei nomadi di razza turco-mongola. Essi penetrarono nei Balcani attorno al VII secolo e vi si insediarono, mescolandosi poi alla locale popolazione slava, da cui mutuarono la lingua. In un'alternanza di guerre e di alleanze, i bulgari furono il rivale storico di Bisanzio nei Balcani; ma dal punto di vista culturale anch'essi attinsero da Costantinopoli gli elementi fondamentali della loro civiltà. L'avere plasmato le basi delle civiltà slave fu dunque una delle missioni storiche fondamentali di Bisanzio, i cui effetti si sarebbero protratti sino all'età contemporanea. L Italia dei longobardi (VI VII secolo) L ARRIVO DEI LONGOBARDI Secondo lo storico latino Velleio Patercolo, i longobardi erano "più barbari della stessa barbarie germanica": erano infatti del tutto estranei alla civiltà dei latini. A quel tempo, nel I secolo d.c, i longobardi vivevano ancora nel cuore dei territori germanici, lungo il corso dell'elba; da lì si spostarono man mano verso sud ed è in Pannonia, cioè pressappoco nell'attuale Ungheria, che li troviamo qualche secolo dopo, prossimi a entrare nella storia dell'italia. Nel 568, a meno di vent'anni dalla drammatica guerra greco-gotica che aveva messo in ginocchio l'italia, questi "barbari fra i barbari" fecero il loro ingresso nella penisola dal Friuli, e questa regione rimase sempre un po' la loro culla; da lì dilagarono in tutta la pianura padana, in Toscana e nelle zone appenniniche dell'italia centrale, giungendo fino a Benevento: i longobardi erano pochi (centomila, forse centocinquantamila, comprese le donne e i bambini) e il loro scopo era di fare bottino, ma erano pronti a tornare indietro se avessero incontrato resistenza da parte dei bizantini. Le cose, invece, andarono molto diversamente e la scorreria si trasformò ben presto in un vero e proprio stanziamento, dato che l'imperatore bizantino, il quale avrebbe dovuto difendere l'italia da poco riconquistata, non riuscì a impedire l'invasione. L'amministrazione e il controllo militare dell'italia assorbivano immense risorse finanziarie, risorse che i bizantini, dopo Giustiniano, non furono più in grado di mobilitare, anche perché dovevano difendersi da pericoli ben più ravvicinati (i persiani e le popolazioni che dall'asia continuavano a sconfinare verso l'europa). La scelta dei comandi militari bizantini di stanza in Italia fu quindi di abbandonare al loro destino le aree meno importanti dal punto dì vista strategico e di concentrare le forze nel controllo di alcune zone-chiave e dei principali centri portuali, essenziali per mantenere i contatti con la madrepatria. II NUOVO EQUILIBRIO TERRITORIALE: FINE DELL UNITÀ POLITICA Rimasero nelle mani dei bizantini la Sicilia e la Sardegna, la Puglia e la Calabria, Napoli, Roma, Ravenna e il suo entroterra, e Venezia. Questo equilibrio si stabilizzò. Nei due secoli circa della loro permanenza in Italia i longobardi strapparono ai bizantini qualche altro lembo di territorio, ma in sostanza si limitarono a controllare le zone che avevano occupato al loro arrivo; a loro volta, i bizantini mantennero tenacemente le posizioni e non tentarono di riconquistare le terre perdute. L'invasione dei longobardi rappresentò una novità importante nella storia dell'italia, per almeno due motivi. Anzitutto, a seguito della spartizione del territorio fra bizantini e nuovi arrivati, la penisola

12 si ritrovò divisa in due aree con culture, lingue e religioni diverse; era la prima volta che accadeva da quando i romani, nove secoli prima, avevano unificato l'italia sotto il loro dominio. L'area occupata dai longobardi iniziò a essere chiamata Longobardìa (da qui l'attuale nome della Lombardia), mentre la zona intorno a Ravenna - il centro bizantino più importante, che ospitava la sede del governatore, o esarca - fu definita Romania, letteralmente "il paese dei romani" (da qui l'attuale nome della Romagna). LE DIFFICOLTÀ DELL INTEGRAZIONE In secondo luogo, l'invasione longobarda segnò la vera, drastica rottura con il passato romano: il Medioevo in Italia inizia davvero solo con i longobardi: gli ostrogoti erano giunti sotto la guida di un re, Teoderico, cresciuto a Costantinopoli, imbevuto di ammirazione verso la cultura classica, la cui massima aspirazione era di assomigliare a uno dei grandi imperatori romani; per non parlare poi del breve periodo di governo dei bizantini, giunti in Italia proprio con il sogno di riportare sotto il controllo dei "romani" (tali infatti si consideravano i bizantini) la metà occidentale dell'impero. Con i longobardi fu tutto diverso: i residui dell'antica aristocrazia romana vennero spazzati via, le terre passarono massicciamente nelle mani dei nuovi arrivati e i rapporti fra invasori e romani furono spesso ostili e violenti. Molte città vennero abbandonate o ridussero drasticamente le proprie dimensioni, e almeno in un primo momento ci fu un forte arretramento delle attività artigianali e commerciali. Nel difficile rapporto fra longobardi e romani pesava infine, come già con gli ostrogoti, la differenza religiosa, perché anche i longobardi erano ariani, se non pagani. A poco a poco i nuovi invasori si accostarono al cattolicesimo. Autari, re alla fine del VI secolo, proibì ai longobardi di battezzare i figli secondo il rito cattolico perché casi del genere già si verificavano fra i longobardi; per arrivare alla conversione generalizzata e all'integrazione religiosa con gli italici, però, ci volle ancora quasi un secolo. LA SOCIETÀ LONGOBARDA I longobardi erano giunti in Italia suddivisi in gruppi e bande, i cui membri erano legati fra loro da vincoli di parentela e obbedivano agli ordini di un capo, il duca. Era una struttura sociale che si ritrova anche presso altri popoli germanici e aveva finalità essenzialmente militari: fra i longobardi, infatti, solo gli uomini liberi in grado di portare le armi (detti arimanni) godevano di pieni diritti, fra cui assai importante era quello di partecipare alla spartizione del bottino conquistato. I singoli duchi

13 agivano autonomamente. L'usanza di eleggere un re dell'intero popolo si limitava ai momenti di emergenza, quando era strategicamente conveniente unificare il comando nelle mani di una sola autorità, ma veniva abbandonata una volta superato il pericolo. Così, in occasione della migrazione in Italia i duchi avevano scelto come re Alboino; ma una volta condotta a termine l'invasione, per parecchi anni il trono rimase vacante e i duchi si mossero in totale autonomia, insediandosi nelle aree di volta in volta occupate dai guerrieri del loro seguito. Quando la presenza longobarda in Italia si trasformò in un insediamento stabile, tuttavia, i duchi preferirono tornare alla nomina di un sovrano e la città di Pavia fu scelta come sede della monarchia. La presenza di un comando unificato si rendeva necessaria per affrontare la resistenza bizantina e portare a termine l'occupazione del territorio. Ma i ducati più lontani rimasero sempre indipendenti dal potere del re e resistettero a vari tentativi di ridurli all'obbedienza: fu il caso del Ducato di Spoleto, comprendente una vasta area dell'italia centrale, e del Ducato di Benevento. La struttura della monarchia longobarda si consolidò progressivamente nel corso del VII secolo. Durante il regno di Rotari ( ) la conquista della Liguria ridimensionò ancora la presenza bizantina nel Nord Italia. Ma, soprattutto, venne messo per la prima volta per iscritto, nel cosiddetto editto di Rotari, il diritto consuetudinario dei longobardi, tramandato fino a quel momento in forma orale. Scritto in latino, che rimaneva anche nell'italia longobarda la lingua ufficiale della cultura scritta, e in particolare del diritto, l'editto in origine si applicò ai soli longobardi, mentre per gli italici continuava a valere l'antico diritto romano. LA CONVERSIONE AL CATTOLICESIMO Sempre nel VII secolo avvenne il definitivo passaggio dei longobardi al cattolicesimo, che segnò un netto miglioramento nei loro rapporti con la chiesa e con la popolazione italica. I longobardi divennero grandi costruttori di monasteri. Abati e monaci provenivano spesso dall'aristocrazia longobarda, che aveva scoperto nella costruzione e direzione di monasteri una nuova forma di governo del territorio. Le abbazie avevano infatti spesso proprietà agricole molto estese, che si ampliavano ulteriormente attraverso le opere di disboscamento e messa a coltura di nuovi terreni da parte dei monaci; senza contare che molte di esse erano situate in zone politicamente e militarmente strategiche. La chiesa di Roma e il rafforzamento del cattolicesimo IL MONACHESIMO Il monachesimo (dal greco monos solo, unico ), nacque a partire dal III secolo nei territori orientali dell'impero romano, dove si doffuse nella variante eremitica, parola derivata dall'aggettivo greco héremos, che significa "deserto", "solitario". I monaci eremiti vivevano appunto in solitudine, scegliendo luoghi disabitati, spesso estremi dal punto di vista della disponibilità di risorse e delle possibilità di sopravvivenza, testimoniando così una volontà di rinuncia radicale alla vita mondana e ai suoi valori. Fondatore di questo tipo di monachesimo sarebbe stato l'egiziano Antonio, nato intorno al 270, un benestante cristiano che, secondo la tradizione, trascorse gli ultimi settant'anni della sua lunghissima vita nel deserto, in completa solitudine. In Europa, però, sul monachesimo di tipo eremitico prevalse nettamente il monachesimo cenobitico (dal greco koinòs bios vita comunitaria ), cioè praticato da gruppi più o meno numerosi di monaci all'interno di abbazie, nelle quali la vita comune era rigorosamente scandita da norme precise, della cui osservanza era garante un responsabile del monastero, l'abate. Scopo di queste comunità non era tanto di mortificare i desideri mondani o di sfidare condizioni di vita estreme, quanto di trascorrere una vita improntata alla meditazione e alla preghiera, non disgiunta però dal lavoro manuale e da un minimo di attività intellettuale, perlopiù limitata alla lettura dei testi sacri. Inizialmente ciascun monastero decideva con una certa autonomia le norme cui doveva ispirarsi la vita comune dei suoi appartenenti: chi fondava l'abbazia ne decideva anche le regole. Nel 529, l'anno in cui Giustiniano chiude d'autorità la scuola platonica di Atene ponendo fine a una

14 tradizione di pensiero e di cultura antica di mille anni, il monaco Benedetto, originario di Norcia in Umbria, fonda ai confini fra Lazio e Campania l'abbazia dì Montecassino, madre di un nuovo tipo di monachesimo, che si chiamerà appunto benedettino e si diffonderà in tutta l'europa cristiana. Mentre dunque in Oriente una tradizione culturale giungeva alla sua traumatica conclusione, in Italia si apriva un altro capitolo di storia, destinato a influenzare profondamente la vita, l'economia, l'immaginario e la cultura dell'occidente. La Regola benedettina era caratterizzata anzitutto da un'equilibrata alternanza, nel corso della giornata e nei vari periodi dell'anno, di preghiera, meditazione delle Sacre Scritture e lavoro manuale. La totale povertà, che era stata un tempo degli eremiti e degli stiliti, venne imposta da Benedetto anche ai suoi seguaci: ai monaci non era consentito possedere nulla di proprio, tutto doveva essere in comune fra loro e il "vizio della proprietà" - così lo definisce la Regola - andava eliminato alla radice. Assoluta era anche l'autorità dell'abate, chiamato a guidare la comunità del cenobio, alla quale il monaco doveva piegare la sua volontà in omaggio al supremo valore dell'obbedienza. Quella di Benedetto sarebbe forse rimasta un'esperienza fra le tante di quegli anni difficili ma fecondi se Gregorio I, papa dal 590 al 604, affascinato dalla figura di Benedetto e autore di una biografia del fondatore di Montecassino (alla quale dobbiamo quasi tutto quello che sappiamo di lui), non avesse cercato di promuovere l'adozione della Regola benedettina in tutti i monasteri di nuova fondazione. In breve tempo, le abbazie benedettine divennero il modello standard (anche se naturalmente non l'unico) di monachesimo in Europa occidentale mentre nuovi monasteri venivano fondati continuamente in Italia, in Francia, in Germania, e più tardi in Britannia e in Irlanda. Nell'Europa segnata dalle invasioni, dal diffondersi della foresta e dell'incolto e dal ristagno dell'economia, le abbazie benedettine contribuirono a garantire la prosecuzione dell'attività agricola, attraverso la messa a coltura di nuove terre. Ma furono anche luoghi di raccolta di manoscritti, sedi di biblioteche a volte consistenti e dotati quasi sempre di scriptoria, ovvero di ambienti riservati alla ricopiatura dei manoscritti stessi. Molte opere della cultura latina hanno transitato, in un qualche momento della loro lunga storia testuale, da un monastero europeo. Ai monaci siamo quindi debitori, tra l'altro, di numerosi testi classici che il potere laico non volle o non seppe proteggere e conservare. LA CHIESA DI ROMA DA VESCOVADO A PAPATO Cosa stava succedendo intanto, fra VI e VII secolo, alla chiesa di Roma? Sul piano formale, Roma apparteneva ancora ai bizantini e il suo vescovo era un suddito dell'imperatore d'oriente. Ma Roma non era una sede vescovile qualsiasi: intanto perché la città era l'antica capitale imperiale, poi perché sin dall'epoca delle prime invasioni barbariche il suo vescovo aveva svolto anche un importante ruolo politico-diplomatico, negoziando con i vari condottieri germanici e assicurando, per quanto possibile, la difesa della città e la tutela dei suoi abitanti. Il vescovo di Roma, insomma, era intervenuto laddove il potere in declino degli imperatori romani d'occidente non riusciva più ad arrivare. Ma c'erano anche altre ragioni che rendevano speciale la figura del vescovo di Roma. Anzitutto, la chiesa possedeva un patrimonio di beni e terre che si incrementava nel corso del tempo, a mano a mano che ricchi latifondisti entravano a far parte delle alte gerarchie ecclesiastiche, lasciando magari in eredità alla chiesa le loro proprietà; questo patrimonio faceva capo in ultima istanza al vescovo di Roma, che perciò assumeva le opportune iniziative per tutelarlo e renderlo redditizio. In secondo luogo, il prestigio di Roma era legato anche a ragioni più strettamente religiose. A Roma era morto Pietro, l'apostolo al quale Gesù, secondo il racconto dei Vangeli, aveva affidato il ruolo di capo supremo della chiesa; perciò, il vescovo di Roma si considerava in un certo senso come il successore di Pietro, depositario di un potere conferito da Cristo stesso. Per tutti questi motivi, l'autorità e il prestigio della chiesa di Roma erano in continua crescita e, soprattutto, sempre meno dipendenti dal controllo dell'imperatore d'oriente. RAFFORZAMENTO DELL AUTORITÀ POLITICA Quando i longobardi iniziarono la loro avanzata, fu subito chiaro che i bizantini non erano in grado di contrastarli e di garantire la difesa del territorio. La stessa Roma e il Lazio, dove si concentravano molte proprietà ecclesiastiche, furono così più volte attaccati dai longobardi, alla ricerca di un'ulteriore espansione. Per la chiesa divenne dunque urgente trovare nuovi e più potenti alleati: già alla fine del VI secolo, pochi anni dopo la discesa longobarda in Italia, il papa di

15 Roma prese contatti diplomatici con i sovrani franchi, chiedendo e ottenendo un loro intervento militare in Italia contro i longobardi. I contatti proseguirono nei decenni successivi e si rivelarono determinanti per il futuro del papato e dell'intera storia europea. La figura più importante fra i papi di età longobarda è quella di Gregorio I, detto Magno, pontefice tra il 590 e il 604. Gregorio dette impulso al processo di progressivo sganciamento dell'autorità pontificia dal controllo dell'imperatore bizantino e del patriarcato di Costantinopoli. Razionalizzò l'amministrazione delle vaste proprietà fondiarie che la chiesa possedeva in Italia centromeridionale e in diverse aree dell'europa, in modo da renderle redditizie. Le rendite servivano al mantenimento della chiesa di Roma, come pure ad assicurare lo svolgimento di attività caritative, il sostegno a chiese e monasteri, spesso l'approvvigionamento o perfino la difesa militare delle città, essendo venuto meno il sostegno bizantino. Al tempo stesso, Gregorio creò e tenne in vita una fitta rete di contatti diplomatici con i sovrani germanici italiani ed europei. Fu durante il suo pontificato che i longobardi avviarono alcune timide aperture nei confronti del cattolicesimo, favorite da Teodolinda, moglie del sovrano longobardo Agilulfo e figlia di un capo barbarico cattolico. LA FRATTURA CON COSTANTINOPOLI I rapporti fra papato e impero peggiorarono ulteriormente all'inizio dell'viii secolo, quando in Oriente prese piede il movimento degli iconoclasti. Secondo i seguaci di questa dottrina, il culto prestato alle immagini sacre (Cristo, la Madonna o i santi) doveva considerarsi un residuo di religiosità pagana e idolatra; pertanto, statue e icone di soggetto sacro dovevano essere distrutte. Gli imperatori bizantini, a partire da Leone III ( ) e fino all 842, fecero propria la dottrina dell'iconoclastia, da un lato per togliere un argomento alla propaganda musulmana, che accusava il cristianesimo di idolatria, dall altro per contrastare l ascendente presso la popolazione di cui godevano i monaci, pittori e custodi della icone, oggetto di vera e propria venerazione. L imperatore avrebbe preteso di imporre la dottrina iconoclasta anche alla chiesa occidentale, ma il papa di Roma, invece, la condannò come eretica. Era una scelta coraggiosa, considerando che il papa, come si è detto, era pur sempre un "suddito" dell'impero d'oriente. Dietro la disputa religiosa, però, la vera posta in gioco era politica: il papa intendeva infatti sottolineare la sua assoluta indipendenza dall'autorità orientale. La rottura tra Roma e Costantinopoli avvenne di fatto nel 711: fu l'ultimo anno in cui un papa si recò alla corte d'oriente. Da quel momento in poi, nessun pontefice romano avrebbe più preso ordini dall'imperatore bizantino. Pochi anni dopo, l'imperatore sottrasse la giurisdizione ecclesiastica della Grecia e della Macedonia al papa e la attribuì al patriarca di Costantinopoli, massima autorità religiosa dell'impero bizantino, la cui nomina dipendeva dallo stesso imperatore, alla stregua di quella di qualsiasi funzionario. Alla frattura politica fra i due poteri fece così seguito la separazione religiosa: si formarono due chiese cristiane indipendenti, quella latina e quella greca. I RAPPORTI CON I LONGOBARDI Nel 712 salì sul trono longobardo Liutprando, un sovrano che rilanciò in grande stile la politica aggressiva contro i territori della chiesa nel Lazio e quelli dell'impero nella regione di Ravenna. Liutprando non era un nemico della chiesa: era piuttosto fermamente intenzionato a riunire sotto il suo controllo i territori longobardi sparpagliati nella penisola, compresi i ducati di Spoleto e Benevento, che da sempre si comportavano come entità autonome e non riconoscevano l'autorità del re. I territori controllati dalla chiesa e dai bizantini in Italia centrale rappresentavano un oggettivo ostacolo per i progetti di Liutprando, perché interrompevano la continuità territoriale dei domini longobardi. Negli anni successivi la politica di Liutprando fallì, per l'opposizione del papa, dei bizantini e degli stessi duchi di Spoleto e Benevento. Prima di ritirarsi nel Nord Italia, nel 728, Liutprando compì però un gesto molto importante: donò alla chiesa il castello di Sutri, un piccolo centro, oggi in provincia di Viterbo, insieme ad altri villaggi della zona conquistati nel corso della sua campagna. Si trattava di territori che a rigore appartenevano all'impero bizantino, e dunque Liutprando avrebbe dovuto restituirli al sovrano d'oriente: donandoli al papa, il re longobardo mostrava di considerare ormai il papato come un potere autonomo, sganciato dal legame di subordinazione con Costantinopoli.

16 Con la ritirata di Liutprando, il pericolo di un'invasione del Lazio da parte dei longobardi era momentaneamente scongiurato. Ma una nuova, gravissima crisi nei precari equilibri della penisola si verificò nel 751, allorché il nuovo sovrano longobardo Astolfo riuscì a espugnare Ravenna, capitale fino a quel momento imprendibile dei domini bizantini in Italia. Si trattava di una vittoria di enorme significato simbolico: se i bizantini non erano riusciti a difendere la loro roccaforte più importante nella penisola, voleva dire che l'impero aveva deciso ormai di abbandonare l'italia al suo destino. E appariva chiaro che, dopo Ravenna, il prossimo obiettivo dell'espansione longobarda non poteva che essere Roma. L ALLEANZA CON I FRANCHI Al papa Stefano II, salito al trono pontificio nel 752, un. anno dopo la caduta di Ravenna, non restò che prendere atto della situazione: l'impero d'oriente non era più in grado di difendere Roma e occorreva mobilitare nuove forze. La strategia di Stefano II fu di riprendere e rafforzare i contatti con la monarchia franca, già avviati all'epoca dell'invasione longobarda e mai del tutto interrotti. I franchi erano cattolici, la chiesa era presente in modo capillare sul territorio di quel regno, e inoltre, fatto essenziale, i franchi erano in quel momento la maggiore potenza militare del continente. Perciò nel 753, primo papa nella storia della chiesa, Stefano si recò in viaggio da Roma a Parigi e l'anno dopo, in una solenne cerimonia religiosa, consacrò Pipino il Breve re dei franchi. In cambio di questo riconoscimento, il re si impegnava a scendere in Italia contro i longobardi. In due successive spedizioni, nello stesso 754 e nel 756, Pipino liberò Ravenna e il suo entroterra. Come già Liutprando trent anni prima con il castello di Sutri, anche Pipino non restituì i territori occupati all'imperatore bizantino: li donò invece al papa, che vide così notevolmente incrementati i suoi possedimenti nell'italia centrale. L'EMBRIONE DELLO STATO PAPALE E IL POTERE TEMPORALE DELLA CHIESA Grazie alle donazioni di Liutprando e Pipino, la chiesa controllava ormai una striscia di terra che si estendeva dal Lazio fino al litorale romagnolo: nasceva così, per aggiunte successive, il "Patrimonio di san Pietro, come lo si chiamava a quel tempo, ovvero il primo nucleo del futuro Stato della chiesa, un'entità politica che sarebbe sopravvissuta fino al 1870 e di cui l'attuale Città del Vaticano rappresenta l'ultimo, minuscolo residuo. La chiesa finalmente respirava: l'intervento dei franchi avrebbe ridimensionato per un po' l'espansionismo dei longobardi, e soprattutto il papa aveva definitivamente acquistato un nuovo e potente alleato in Occidente: all'asse Roma-Costantinopoli si sostituiva il rapporto privilegiato fra

17 Roma e Parigi, destinato a durare per secoli. Gli equilibri strategici dell'europa cambiavano, mentre Oriente e Occidente erano sempre più distanti. Del resto, anche i sovrani franchi avevano tutto da guadagnare dall'alleanza con la chiesa: grazie alla consacrazione papale il loro potere, sempre un po' traballante, riceveva il riconoscimento della più importante autorità religiosa d'europa. Ma chi dava al papa il diritto di incoronare i re? E quale autorità il vescovo di Roma governava città, castelli e campagne in Lazio, nelle Marche, in Romagna, tutti territori appartenenti, in linea di principio, all'impero bizantino? Più il ruolo e l'importanza del papa in Europa occidentale cresceva, più diventava urgente dare risposte credibili a queste domande. Fu probabilmente in questo contesto che venne elaborato nella cancelleria papale uno dei più clamorosi falsi della storia, la cosiddetta Donazione di Costantino: si trattava di un documento messo a punto dalla segreteria del papa e attribuito niente meno che a Costantino, il primo imperatore cristiano. Secondo quanto risultava dal falso documento, l'imperatore, in procinto di trasferirsi a Costantinopoli, avrebbe dato al vescovo di Roma e ai suoi successori l'intera parte occidentale dei domini romani, riconoscendo il papa come suprema autorità politica, oltre che religiosa. La Donazione di Costantino fu costruita per dare un fondamento giuridico alle iniziative del papato alla metà deli'viii secolo. Non per nulla, Costantino vi stabiliva, oltre alle concessioni territoriali, la superiorità del papa su tutte le altre autorità religiose, compreso il patriarca di Costantinopoli: una dichiarazione concepita dagli estensori della Donazione su misura per respingere qualsiasi pretesa dell'imperatore d'oriente di influenzare l'operato e la politica della chiesa di Roma. Ma la Donazione si rivelò preziosa anche nei secoli successivi. Basandosi sulle presunte concessioni dell'imperatore romano, infatti, i papi del Medioevo rivendicarono il proprio diritto a esercitare una specie di supervisione generale sulla politica europea, nonché il primato del potere "spirituale", quello appunto esercitato dalla chiesa, su quello "temporale" di re e imperatori. Il falso creato al tempo di Stefano II, insomma, condizionò un'intera epoca della storia europea. Ci vollero sette secoli per smascherare la clamorosa contraffazione: solo nel 1441 l'umanista italiano Lorenzo Valla dimostrò, attraverso una serrata analisi del testo, che si trattava, per l'appunto, di un falso di età longobarda. Il regno dei franchi (V VIIIsecolo) L'ARRIVO DEI FRANCHI IN GALLIA. I franchi erano già noti ai romani: dalla metà del IV secolo gruppi di germani di stirpe franca erano stati accolti al di qua del confine e insediati in Gallia, lungo l'alto corso del Reno. La tradizione vuole anzi che il loro re Meroveo, capostipite della dinastia merovingia, avesse combattuto a fianco dei romani contro il re unno Attila. Dopo la caduta dell'impero d'occidente i franchi si erano insediati nella Gallia settentrionale, che prenderà da loro il nome odierno di Francia, e avevano scelto come loro capitale Lutetia Parisiorum, cioè Parigi, antico centro celtico posto su un'isoletta della Senna. LA DINASTIA MEROVINGIA Un primo momento importante nella storia del regno franco venne con la riunificazione delle diverse tribù operata dal re Clodoveo ( ), appartenente alla dinastia dei Merovingi, il quale inoltre si convertì al cattolicesimo, trascinando con sé il suo popolo. Fu una scelta dettata non tanto da motivazioni religiose, ma da lungimiranza politica: attraverso il suo gesto, Clodoveo superava di colpo uno dei principali motivi di attrito con la maggioranza romana, di religione cattolica, e poneva le premesse per quella politica di buoni rapporti fra monarchia franca e chiesa di Roma che si svilupperà nei secoli successivi. La conversione al cattolicesimo e la lunga frequentazione tra franchi e romani, già prima del crollo dell'impero, fecero del Regno franco uno dei regimi romano-germanici in cui meglio funzionò l'integrazione fra antichi gruppi dirigenti romani, gerarchie ecclesiastiche e nuovo governo. Clodoveo ebbe anche l'intelligenza politica di conservare sempre rapporti eccellenti con il sovrano bizantino, presentandosi, secondo la

18 concezione dominante dell'epoca, come un rappresentante dell'imperatore d'oriente, che governava per conto di quest'ultimo un territorio dell'antico Impero d'occidente. Il re franco intraprese inoltre l'espansione verso la Gallia meridionale, controllata dai visigoti; essendo questi ariani, l'impresa ottenne il beneplacito del papato e dei vescovi della Gallia. Infine, estese la sua autorità sulle tribù di franchi stanziate sulla sponda destra del Reno. Lo sforzo di unificare sotto l'unico dominio franco tutto il territorio dell'antica Gallia proseguì comunque ben oltre la morte di Clodoveo: i suoi successori sottomisero i burgundi e tentarono, con parziale successo, di scacciare gli ostrogoti dalla fascia mediterranea della Francia. Tuttavia, tra la metà del VI e la metà dell'viii secolo il regno franco attraversò una fase di divisioni, dovute alla debolezza del potere centrale: l'usanza, infatti, di suddividere il regno tra tutti i figli del re defunto ne aveva causato un progressivo smembramento in vari staterelli, largamente autonomi l'uno dall'altro. Alla base di questa usanza c'era l'idea, propria della cultura germanica, che il sovrano è proprietario del territorio su cui governa, e che quindi ha il diritto di disporne, lasciandolo in eredità ai propri figli, esattamente come un qualsiasi privato cittadino divide per testamento i propri beni fra i suoi discendenti. A metà del VII secolo, la Francia risultava suddivisa in quattro regioni principali, nelle quali il potere effettivo era esercitato dai cosiddetti maggiordomi (o maestri di palazzo), cioè dagli amministratori delle proprietà reali, che si comportavano come dei veri e propri sovrani. I re della dinastia di Clodoveo, cioè i Merovingi, continuavano a esistere, ma il loro potere era poco più che formale, tanto da guadagnarsi l appellativo di re fannulloni. DAI MEROVINGI AI CAROLINGI La situazione iniziò a modificarsi nel 687, allorché Pipino di Héristal, maggiordomo di una delle quattro aree in cui il Regno era diviso, riuscì a portare sotto il proprio controllo anche i rimanenti territori franchi. A questo punto Pipino era un re di fatto ma non di diritto, perché il titolo continuava ad appartenere al legittimo discendente della dinastia merovingia. Il prestigio della famiglia di Pipino, del resto, crebbe ulteriormente con il figlio e successore Carlo Martello: nel 732 Carlo Martello guidò l'esercito che a Poitiers, nella Francia meridionale, sconfisse gli arabi, la nuova potenza mediterranea che pochi anni prima aveva spazzato via il Regno dei visigoti dalla penisola iberica. Erano anni in cui l'europa cristiana era attaccata da entrambi i fronti: mentre da un lato occupavano la Spagna e tentavano di penetrare in Francia, al lato opposto del Mediterraneo, gli arabi giungevano a minacciare la stessa Costantinopoli. E già alcuni fra i contemporanei ebbero l'impressione di un pericolo mortale, che rischiava di travolgere l'intera civiltà che aveva il suo punto di riferimento unificante nel cristianesimo. La posta in gioco nella battaglia non era solo la sconfitta o la vittoria di Carlo Martello, ma il destino di tutti gli europei, di cui i franchi erano in quel momento i rappresentanti: si profila per la prima volta, l'idea di Europa: non una semplice realtà geografica, una somma casuale dì territori e di genti, ma un insieme di valori e di tradizioni comuni; ma nasce qui anche quella contrapposizione fra Occidente e mondo arabo come realtà nemiche e inconciliabili, destinata a pesare sulla storia del mondo fino ai giorni nostri. Il figlio di Carlo Martello, Pipino il Breve, portò a compimento quel passaggio dei poteri dai Merovingi ai maggiordomi che nei fatti era avvenuto da un pezzo. Come il padre e il nonno prima di lui, Pipino agiva a tutti gli effetti da re e nel 751 decise di porre fine a questa situazione ambigua nel modo più drastico: quell'anno, l'ultimo rappresentante legittimo della dinastia merovingia fu destituito e Pipino assunse il titolo di re dei franchi. Da politico abile e spregiudicato quale era, Pipino si rivolse direttamente al papa per legittimare il suo potere: l'autorità e il prestigio del pontefice avrebbero fatto passare in secondo piano i modi non proprio limpidi in cui quel potere era stato ottenuto. Il momento era ben scelto, perché proprio nel 751 i longobardi strappavano Ravenna all'impero d'oriente e il papato aveva urgente bisogno del sostegno franco. Il pontefice, perciò, non si fece pregare: dichiarò legittimo il potere di Pipino e dei suoi discendenti e l'ultimo re merovingio finì i suoi giorni in un convento. Nel 754, come abbiamo visto, il papa Stefano II si recò addirittura a Parigi, per incoronare personalmente il nuovo sovrano franco e chiedergli quell'intervento in Italia ormai non più rinviabile. Iniziava così, all'insegna di un patto di ferro tra monarchia franca e papato, una nuova dinastia, detta carolingia dal nome del suo più illustre rappresentante, Carlo Magno, il figlio di Pipino il Breve.

19 L INTERVENTO DI CARLO MAGNO IN ITALIA Nel 768 Pipino il Breve morì. Il Regno passò nelle mani dei due figli, Carlo e Carlomanno, poi, alla morte di quest'ultimo, nel 771, al solo Carlo, uno dei sovrani più intelligenti e lungimiranti del Medioevo, tanto da meritarsi l'appellativo di Magno, cioè il Grande. In Italia, intanto, si apriva una crisi decisiva negli assetti di potere. Il nuovo re longobardo Desiderio aveva seguito dapprima una politica di buoni rapporti con i franchi, cementata dal doppio matrimonio fra due sue figlie e i due figli di Pipino il Breve. Ma quando, alla morte di Carlomanno, Carlo concentrò tutto il potere nelle sue mani, i rapporti fra il sovrano longobardo e quello franco si deteriorarono bruscamente, proprio mentre saliva al trono pontificio Adriano I, un papa fortemente ostile ai longobardi. Desiderio reagì aggredendo i domini pontifici e accadde allora l'inevitabile: il papa invocò l'aiuto di Carlo, che colse al volo l'occasione per liquidare il suo ex alleato. La formidabile cavalleria carolingia dilagò nella pianura padana spazzando via la resistenza longobarda; solo Pavia, l'antica capitale del Regno dove Desiderio si era asserragliato con le ultime forze, tenne testa per molto tempo alle truppe franche. Alla fine la città capitolò e lo stesso Desiderio venne preso prigioniero. Era il 774, il Regno longobardo era finito per sempre e Carlo Magno era il nuovo padrone dell'italia settentrionale. Carlo assunse il titolo di re dei franchi e dei longobardi. Il governo dell'italia del nord fu affidato da Carlo a uno dei suoi figli, mentre esponenti dell'aristocrazia franca sostituivano in tutti i posti di comando dell'amministrazione la classe dirigente longobarda. Al centro della penisola, ormai sicuri da ogni aggressione, c'erano i domini della chiesa, già grandi abbastanza da formare un vero e proprio stato, e il Ducato di Benevento, ultimo residuo del dominio longobardo, che resse per altri tre secoli. L'estremo sud e le isole rimanevano assoggettate a un controllo bizantino sempre più fragile e in costante balia delle incursioni arabe.

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Documenti. Adalbert De Vogüé

Documenti. Adalbert De Vogüé Documenti Adalbert De Vogüé Un paese devastato dai barbari La fine di un impero Dall'anno 410, quando Roma era stata conquistata per la prima volta dai Visigoti, l'impero romano d'occidente sopravviveva

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

L'intuizione e la sua difficile realizzazione

L'intuizione e la sua difficile realizzazione P. Maranesi - Facere misericordiam FRANCESCO, I LEBBROSI E I SUOI FRATI: L'intuizione e la sua difficile realizzazione FRANCESCO CI PARLA DELLA SUA CONVERSIONE Il Testamento di Francesco potrebbe essere

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche

Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche Haemimont Games Team Sofia, gennaio 2004 Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche 1.- IMPERIVM TI INVITA A SCOPRIRE IL CONCETTO RTC. Strategia in tempo reale orientata alla conquista militare, elementi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

CONOSCERE I TEMPLARI NON CAMBIA LA VITA, NON CONOSCERLI RENDE PIÙ DIFFICILE CAMBIARE VITA. Prologo

CONOSCERE I TEMPLARI NON CAMBIA LA VITA, NON CONOSCERLI RENDE PIÙ DIFFICILE CAMBIARE VITA. Prologo CONOSCERE I TEMPLARI NON CAMBIA LA VITA, NON CONOSCERLI RENDE PIÙ DIFFICILE CAMBIARE VITA. Prologo Cos'è un tesoro? Un sogno? Un desiderio? La convinzione dell'irrealizzabile? Forse tutto questo insieme.

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI. Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo

BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI. Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo Traduzione e integrazioni : Daiana Boller Stemma del Tirolo storico (Tirol-Südtirol-Trentino)

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Roma e il suo impero dal secolo di ferro all ingresso nella Tarda Antichità.

Roma e il suo impero dal secolo di ferro all ingresso nella Tarda Antichità. Roma e il suo impero dal secolo di ferro all ingresso nella Tarda Antichità. La morte di Commodo determinò un periodo estremamente difficile per l impero romano, durante il quale si verificò una situazione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli