Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità"

Transcript

1 Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità XIII Convegno dell NFP: «Salute e migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali» Istituto Superiore di Sanità, Roma,

2 Global summary of the AIDS epidemic 2013 Number of people living with HIV Total Adults Women Children (<15 years) 35.0 million [33.2 million 37.2 million] 31.8 million [30.1 million 33.7 million] 16.0 million [15.2 million 16.9 million] 3.2 million [2.9 million 3.5 million] 2014 epidemiology core slides People newly infected with HIV in 2013 Total Adults Children (<15 years) 2.1 million [1.9 million 2.4 million] 1.9 million [1.7 million 2.1 million] [ ] AIDS deaths in 2013 Total Adults Children (<15 years) 1.5 million [1.4 million 1.7 million] 1.3 million [1.2 million 1.5 million] [ ] Source: UNAIDS 2014

3 Adults and children estimated to be living with HIV 2013 North America and Western and Central Europe 2.3 million [2.0 million 3.0 million] Caribbean [ ] Latin America 1.6 million [1.4 million 2.1 million] Middle East & North Africa [ ] Sub-Saharan Africa 24.7 million [23.5 million 26.1 million] Eastern Europe & Central Asia 1.1 million [ million] Asia and the Pacific 4.8 million [4.1 million 5.5 million] Total: 35.0 million [33.2 million 37.2 million] Source: UNAIDS 2014

4 Causes of HIV variability and impact on the circulating virus High mutation rate: approximately 1-2 substitutions per genome per round Recombination: approximately 7-30 cross-overs per genome per round Rapid replication: approximately 10.3 x 10 virions per day 9 Quasispecies

5 Variabilità di HIV Genere: Tipi: Gruppi: Lentivirus HIV-1, HIV-2 trasmessi dalla scimmia (scimpanzé e orango per HIV-1 e macaco per HIV-2) HIV-1: M, N, O, P HIV-2: A, B, C, D, E, F, G, H Sottotipi (Limitatamente al gruppo M di HIV-1): Almeno 9 (A, B, C, D, F, G, H, J, K) Recombinants: Ceppi: Variants: Alto numero Alto numero (non stimato) Alto numero (non stimabile)

6 Il passaggio dell HIV in tempi successivi nelle popolazioni umane 3 approx 1980 Europa 4 approx approx USA Haiti 6 oggi 1 approx oggi 6 oggi Africa 6 oggi Asia e America Latina 5 approx 1990

7 Global distribution of HIV-1 subtypes

8 HIV epidemics in Italy Total AIDS cases from the beginning of epidemics (end 2013) Total deaths for AIDS from the beginning of epidemics (end of 2011) 66,336 42,369 Estimated number of persons living with HIV/AIDS in 2012 (0.28% prevalence) (1/4 of these individuals does not know to be HIV infected) 123,000 [115, ,000] Source: CoA ISS, 2014

9 Distribuzione percentuale delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per nazionalità e anno di diagnosi ( ) 24,0% Notiziario ISS. Volume 27 - Numero 9; Supplemento

10 Notiziario ISS. Volume 27 - Numero 9; Supplemento

11 Notiziario ISS. Volume 27 - Numero 9; Supplemento

12 Changing patterns in HIV 1 non B clade prevalence and diversity in Italy over three decades HIV Medicine Volume 11, Issue 9, pages , 19 APR 2010 DOI: /j x

13 Consequences of HIV variability - Screening assays and diagnosis of HIV infection - Patient monitoring - Disease progression - Sensitivity to ARV drugs - Presence of polymorphic mutations

14 A pilot study to investigate HIV genomic variability in populations of migrants in Italy Sanarico et al., in preparation

15 HIV genetic characterization in populations of migrants in Italy CRF11_CPX 2,9% CRF06_cpx 3,8% CRF09_cpx 1,0% CRF25_cpx 1,0% CRF35_ AD 1,0% URFs_BF1 1,0% A1 10,5% B 20,0% CRF02_ AG 29,5% C 6,7% G 15,2% CRF01_AE 2,9% F1 3,8% D 1,0% Sanarico et al., in preparation

16 Un esempio: Transfusion Transmitted Infection (TTI) dovuta a mutazioni multiple (da: Schmidt M et al. Transfusion 2009) Paziente sieronegativo sottoposto ad intervento chirurgico e trasfusione (63 anni) in Germania HIV+ dopo 10 gg dall intervento Indagini sulle donazioni di possibili fonti di infezione In minipool: NAT (Nucleic Acid Test) negativo Singolarmente: NAT debolmente positivo su un campione Evidenziate sul campione 3 mutazioni nella regione target del test commerciale

17 Un altro esempio: sieroconversione con HIV/RNA test negativo (da: Foglieni B et al. Transfusion 2010) Donatore abituale, Italia (46 aa) NAT negativo, WB positivo Follow-up ---- NAT debolmente positivo 5 mutazioni nel target del test commerciale Un analisi retrospettiva su pazienti con risultati discordanti ha rilevato che il 3,5% dei casi era dovuto alla presenza di mutazioni nelle regioni virali target del test CONCLUSIONE: «si auspica lo sviluppo ed il mantenimento di programmi di sorveglianza finalizzati alla rilevazione delle varianti di HIV»

18 Conclusioni L incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV negli stranieri residenti in Italia è circa 4 volte maggiore di quella negli italiani residenti. Il numero degli stranieri con infezione da HIV sul totale della popolazione italiana di individui infettati da HIV è in aumento. In molte regioni geografiche altamente endemiche per HIV, esiste un elevata eterogeneità dei sottotipi e delle forme ricombinanti (CRF) di HIV circolanti. Un elevata quota degli stranieri residenti in Italia proviene da regioni con un ampia variabilità di forme di HIV. I differenti sottotipi e CRF possono presentare differente sensibilità ai test di screening e diagnostici, differente sensibilità ai farmaci antiretrovirali, essere polimorfici per mutazioni di resistenza secondaria agli antiretrovirali, determinare differenti velocità di progressione della malattia. Il numero dei sottotipi non B nella popolazione generale italiana di individui infettati da HIV è in aumento. Uno studio pilota dimostra un elevata eterogeneità delle forme di HIV circolanti in differenti popolazioni di migranti sparse sul territorio italiano. Questi dati indicano che è necessario effettuare un monitoraggio delle forme di HIV in differenti popolazioni di individui HIV-infetti residenti in Italia per il controllo della diffusione e gestione dell infezione da HIV in Italia.

Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008. Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo

Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008. Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008 Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo Epidemiologia della infezione da HIV Diagnosi di infezione Terapia antiretrovirale Gravidanza

Dettagli

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Alba Carola Finarelli, Erika Massimiliani Servizio Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo 08/02/2011 L epidemia di HIV/AIDS nel mondo Gennaio 2011 Dipartimento di HIV/AIDS - OMS Dr. Antonio Gerbase L'infezione e la trasmissione 1 L'infezione, la malattia HIV (virus dell'immunodeficienza umana)

Dettagli

Donazioni di sangue e infezione da HIV. Barbara Suligoi Centro Operativo AIDS Istituto Superiore di Sanità

Donazioni di sangue e infezione da HIV. Barbara Suligoi Centro Operativo AIDS Istituto Superiore di Sanità Donazioni di sangue e infezione da HIV Barbara Suligoi Centro Operativo AIDS Istituto Superiore di Sanità Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di HIV, 2010 Attivo In via di attivazione Incidenza

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Il Test di Avidità nell infezione da HIV

Il Test di Avidità nell infezione da HIV Il Test di Avidità nell infezione da HIV 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia Diagnosi di infezione da

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Congresso SiBioc-SIMEL Rimini, 29 ottobre 2008 Workshop Siemens G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Trasmissione sessuale: OMO ETERO Scambio

Dettagli

Gruppi Immigrazione e Salute. Una rete in costruzione per la salute dei migranti Torino, 23 marzo 2010 Sermig Arsenale della Pace MALATTIE INFETTIVE

Gruppi Immigrazione e Salute. Una rete in costruzione per la salute dei migranti Torino, 23 marzo 2010 Sermig Arsenale della Pace MALATTIE INFETTIVE Gruppi Immigrazione e Salute Una rete in costruzione per la salute dei migranti Torino, 23 marzo 2010 Sermig Arsenale della Pace MALATTIE INFETTIVE Guido Raineri S.C. Malattie infettive e Tropicali A.S.O.

Dettagli

I Dossier Cesda 2014. CLOSE THE GAP per la lotta contro l'aids: ridurre la distanza GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS.

I Dossier Cesda 2014. CLOSE THE GAP per la lotta contro l'aids: ridurre la distanza GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS. GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS 1 Dicembre 2014 I Dossier Cesda 2014 CLOSE THE GAP per la lotta contro l'aids: ridurre la distanza a cura del CeSDA Azienda sanitaria di Firenze Dipartimento delle Dipendenze

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

Dott. Orlando Armignacco U.O. di Malattie Infettive. Viterbo Domus La Quercia 1 dicembre 2005

Dott. Orlando Armignacco U.O. di Malattie Infettive. Viterbo Domus La Quercia 1 dicembre 2005 Viterbo Domus La Quercia 1 dicembre 2005 Valutazione dell aderenza dei pazienti con malattia da HIV ai protocolli adottati dall Ambulatorio di Malattie Infettive basati sulle linee guida nazionali ed internazionali

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 SORVEGLIANZA DELL HIV IN TOSCANA: DATI EPIDEMIOLOGICI Monia Puglia Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale

Dettagli

Introduzione. Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it PATOLOGIA da HIV / AIDS Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 La trasmissione infettiva... 3 Vie e modalità di trasmissione...

Dettagli

World Bank Group. International Finance Corporation

World Bank Group. International Finance Corporation World Bank Group International Bank for Reconstruction and International Association International Finance Corporation Mutilateral Investment Guarantee Agency International Center for the Settlement of

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Malattie a trasmissione parenterale o sessuale Igiene nelle Scienze motorie Malattie a trasmissione parenterale Sono infezioni che si trasmettono per lo più per contatto diretto da uomo a uomo. Le più

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 2006-2011

Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 2006-2011 Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 26-211 Claudio Turchi Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica ASL Lanciano-Vasto-Chieti novembre 212 Riassunto La Regione

Dettagli

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C SOCIETA MEDICO-CHIRURGICA FERRARA Anastasio Grilli UO Malattie Infettive Universitaria Dipartimento Medico 19 settembre 2015 Epidemiologia e storia

Dettagli

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO:

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO: 40 miliardi di dollari 150 paesi OBIETTIVO: Sconfiggere l estrema povertà nel mondo Obiettivi TARGET: 1 Dimezzare la povertà assoluta e la fame nel mondo 2 Assicurare l istruzione elementare per tutti

Dettagli

Epidemiologia dell HIV

Epidemiologia dell HIV Epidemiologia dell HIV Laura Camoni Reparto di Epidemiologia Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Istituto Superiore di Sanità Diagnosi di AIDS e decessi AIDS-correlati

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Incidenza, prevalenza e rischio. Prof. Leonardo Palombi Epidemiologia 2013

Incidenza, prevalenza e rischio. Prof. Leonardo Palombi Epidemiologia 2013 Incidenza, prevalenza e rischio Prof. Leonardo Palombi Epidemiologia 2013 Rank L HIV/AIDS è una importante causa di morbosità/mortalità in Africa (dati in milioni di anni di vita persi) Milioni 1 HIV/AIDS

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V ex DGPREV - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale Relazione al Parlamento 2014 sullo stato di attuazione delle strategie

Dettagli

Prevenzione del tumore della cervice uterina in donne con HIV in Emilia-Romagna

Prevenzione del tumore della cervice uterina in donne con HIV in Emilia-Romagna A. C. Finarelli, M. Lise, S. Franceschi, P. Sassoli de Bianchi, J. Polesel, F. Falcini, F. Ghinelli, L. Dal Maso per Screening of HIV-infected women in Emilia-Romagna (SHER) Study Prevenzione del tumore

Dettagli

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte Infezione da HIV e AIDS in Piemonte anno 212 a cura di Chiara Pasqualini, Vittorio Demicheli si ringraziano i medici referenti del Sistema di Sorveglianza HIV/AIDS del Piemonte: O. Bargiacchi, S. Bonora,

Dettagli

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo Declich S a, Francesconi P a, Okwey R b, Ouma J b, Ochakachon R b, Dente MG a and Fabiani M a a Reparto Malattie Infettive, Laboratorio

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

L andamento e la diffusione dell infezione da HIV/AIDS nella popolazione dipendente da sostanze in Piemonte: bisogni, progetti, sviluppi, proposte

L andamento e la diffusione dell infezione da HIV/AIDS nella popolazione dipendente da sostanze in Piemonte: bisogni, progetti, sviluppi, proposte 4 maggio 2006, Torino - Vedette Piemonte Tavola rotonda L andamento e la diffusione dell infezione da HIV/AIDS nella popolazione dipendente da sostanze in Piemonte: bisogni, progetti, sviluppi, proposte

Dettagli

Camera dei Deputati ARRIVO 23 Febbraio 2016 Prot: 2016/0000242/TN

Camera dei Deputati ARRIVO 23 Febbraio 2016 Prot: 2016/0000242/TN 17 1.2 COMMISSIONE NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO L AIDS La Commissione Nazionale per la lotta contro l AIDS (CNA) ha svolto, su specifiche e contingenti questioni che sono state poste alla sua attenzione,

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013 HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV Firenze 21 ottobre 2014 Maria Grazia Colao VEQ 2013 2 7 54 4 1 1 2 17 5 3 2 4 1 2 4 3 112 partecipanti Metodi utilizzati Gruppi

Dettagli

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei VOL. 1, N. 1 GENNAIO Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei Introduzione Il sistema di sorveglianza

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

Sorveglianza retrospettiva dell infezione da HIV nell ASL di Brescia. - periodo 2003-2006 -

Sorveglianza retrospettiva dell infezione da HIV nell ASL di Brescia. - periodo 2003-2006 - Sorveglianza retrospettiva dell infezione da HIV nell ASL di Brescia - periodo 2003-2006 - INTRODUZIONE Fin dall inizio dell epidemia da HIV, Brescia ha rappresentato un territorio particolarmente e pesantemente

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

HPV-test: quale test e quando

HPV-test: quale test e quando Lugano 10 Settembre 2015 PAP-test, HPV e vaccino: cosa sta cambiando HPV-test: quale test e quando Francesca Molinari Istituto Cantonale di Patologia, Locarno Temi della presentazione Introduzione: virus

Dettagli

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Clinica Pediatrica Università degli Studi di Novara A.O.U. Maggiore della Carità di Novara Nel Mondo: 130-150 milioni di

Dettagli

Evoluzione della terapia antiretrovirale e nuove problematiche gestionali nel paziente HIV positivo

Evoluzione della terapia antiretrovirale e nuove problematiche gestionali nel paziente HIV positivo Patologia infettiva emergente e riemergente Ferrara, 5 maggio 2012 Evoluzione della terapia antiretrovirale e nuove problematiche gestionali nel paziente HIV positivo Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive

Dettagli

Registro HIV. Dati al 31 Dicembre 2014. Dott.ssa. Francesca Russo

Registro HIV. Dati al 31 Dicembre 2014. Dott.ssa. Francesca Russo Registro HIV Dati al 31 Dicembre 2014 REDAZIONE A CURA DI Dott. Filippo Da Re Dott.ssa. Francesca Russo Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

Scuola Diritti Umani 2005. Giovanni Foglia Manzillo

Scuola Diritti Umani 2005. Giovanni Foglia Manzillo Scuola Diritti Umani 2005 Giovanni Foglia Manzillo DIRITTO facoltà, tutelata dalla legge, di assumere un determinato comportamento in funzione dei propri interessi possibilità offerta e garantita ad una

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

MSF e salute del migrante: gli interventi su Tubercolosi e Chagas. Corso Simit, Verona 7/10/2012

MSF e salute del migrante: gli interventi su Tubercolosi e Chagas. Corso Simit, Verona 7/10/2012 MSF e salute del migrante: gli interventi su Tubercolosi e Chagas Corso Simit, Verona 7/10/2012 La realtà dei CIE italiani Nel 2011, gli ospiti transitati nei CIE sono stati 7735, di cui solo la metà

Dettagli

www.iss dell Istituto Superiore di Sanità ESTRATTO Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di emocomponenti, anno 2007

www.iss dell Istituto Superiore di Sanità ESTRATTO Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di emocomponenti, anno 2007 www.iss w.iss s.it ESTRATTO Volume 22 - Numero 10 Ottobre 2009 ISSN 0394-9303 dell Istituto Superiore di Sanità dell Istituto Superiore di Sanità Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di

Dettagli

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST VENTICINQUE ANNI DI ATTIVITÀ DEL TELEFONO VERDE AIDS E IST DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: DAL COUNSELLING TELEFONICO ALL INTERVENTO IN RETE Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

L infezione da virus dell immunodeficienza acquisita (HIV-1) Massimo Galli Istituto di Malattie Infettive e Tropicali, Università di Milano

L infezione da virus dell immunodeficienza acquisita (HIV-1) Massimo Galli Istituto di Malattie Infettive e Tropicali, Università di Milano L infezione da virus dell immunodeficienza acquisita (HIV-1) Massimo Galli Istituto di Malattie Infettive e Tropicali, Università di Milano Federica Tordato e Camilla Tincati MMWR June 5, 1981 / Vol. 30/

Dettagli

Malattie infettive a livello mondiale. Dr Leonardo Croci UO Pediatria Ospedale Misericordia Grosseto

Malattie infettive a livello mondiale. Dr Leonardo Croci UO Pediatria Ospedale Misericordia Grosseto Malattie infettive a livello mondiale Dr Leonardo Croci UO Pediatria Ospedale Misericordia Grosseto Nord e sud Siccità Cicloni e alluvioni Rifugiati 2010 Possibili scenari Cause di morte La transizione

Dettagli

Nel 1985 l Ufficio federale della sanità

Nel 1985 l Ufficio federale della sanità Malattie trasmissibili Il concetto svizzero per i test HIV compendio aggiornato sul concetto tecnico e sul concetto di laboratorio Nel 1985 l Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in collaborazione

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 23 Luglio 2010

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 23 Luglio 2010 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 23 Luglio 2010 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero della Salute Italiano, dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal Centro Europeo di

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

E indicato lo screening per l infezione da virus dell epatite C?

E indicato lo screening per l infezione da virus dell epatite C? E indicato lo screening per l infezione da virus dell epatite C? Loredana Simone Ferrara, 19/09/2015 Infezione da HCV: cosa sappiamo 120-170 milioni malati di HCV 4milioni malati di HCV 61.142.000 1 milione

Dettagli

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS)

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) in collaborazione con le Associazioni della Consulta per la Lotta contro l AIDS (Anlaids, Arché,Caritas Italiana,CICA, Comunità di S. Egidio,

Dettagli

Tatuaggio: rischio infettivo e misure di controllo. Anna Rita Ciccaglione. Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate

Tatuaggio: rischio infettivo e misure di controllo. Anna Rita Ciccaglione. Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate Tatuaggio: rischio infettivo e misure di controllo Anna Rita Ciccaglione Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate Istituto Superiore di Sanità Roma, 2 Dicembre, 2013 «THE BODY ART»

Dettagli

Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR

Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR Patrizia Billi 1 0547-394808 Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR Dott.ssa Patrizia Billi 0547-394807 Dott.ssa Mara Della Strada Dott.ssa Simona Semprini Sara Bertozzi Bonetti Barbara Ceccarelli Manuela

Dettagli

LE IDONEITÀ DIFFICILI

LE IDONEITÀ DIFFICILI LE IDONEITÀ DIFFICILI Il giudizio di idoneità in operatori sanitari HBV, HCV, HIV positivi Giantommaso Pagliaro - AO Ordine Mauriziano di Torino - APAMIL APAMIL - Associazione Piemontese e Aostana di Medicina

Dettagli

INDICE. Presentazione pag. 3. 2. L attività dell Istituto Superiore di Sanità (ISS) pag. 42

INDICE. Presentazione pag. 3. 2. L attività dell Istituto Superiore di Sanità (ISS) pag. 42 1 INDICE Presentazione pag. 3 1. L attività del Ministero della Salute pag. 14 1.1 Iniziative informativo-educative per la prevenzione e la lotta contro l HIV/AIDS pag. 14 1.2 Commissione Nazionale per

Dettagli

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS)

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) in collaborazione con le Associazioni della Consulta per la Lotta contro l AIDS (CNCA, LILA, Villa Maraini, I Ragazzi della Panchina, Dianova,

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Dott.ssa Cristina Matranga Coordinamento Regionale Rischio Clinico INCIDENZA DI PAZIENTI INFETTI 5,2% IN ITALIA

Dettagli

I tumori correlati all HPV e nuove tecniche di screening. Guglielmo Ronco CPO Piemonte

I tumori correlati all HPV e nuove tecniche di screening. Guglielmo Ronco CPO Piemonte I tumori correlati all HPV e nuove tecniche di screening Guglielmo Ronco CPO Piemonte Estimated number of new cancer cases occurring in 2008 attributable to HPV by anatomic site and gender, (de Martel

Dettagli

Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia

Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia Tanja Wolf WHO Regional Office for Europe Centre for Health and Environment, Roma Struttura della presentazione Clima e salute Eventi

Dettagli

Malattie a trasmissione parenterale

Malattie a trasmissione parenterale Malattie a trasmissione parenterale Malattie a trasmissione parenterale o sessuale Sono infezioni che si trasmettono per lo più per contatto diretto da uomo a uomo Le più frequenti modalità di contatto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

Geni che codificano per il CCR5

Geni che codificano per il CCR5 Geni che codificano per il CCR5 Gli individui con due copie normali del gene CCR5 sono predominanti nella popolazione generale e sono suscettibili d infezione da parte di HIV-1. 3,9 Gli eterozigoti Δ 32

Dettagli

italiana e di identificare l evoluzione di comportamenti a rischio di infezione da HIV nella popolazione migrante ed italiana.

italiana e di identificare l evoluzione di comportamenti a rischio di infezione da HIV nella popolazione migrante ed italiana. Camera dei Deputati 129 Senato della Repubblica italiana e di identificare l evoluzione di comportamenti a rischio di infezione da HIV nella popolazione migrante ed italiana. 3.2. P r o g r a m m i d i

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V ex DGPREV - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale Relazione al Parlamento

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG Versione approvata al 1marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

Dettagli

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM)

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) II Corso Nazionale Teorico Pratico Emergenze in Infettivologia Ferrara, 30 Settembre 2009 Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) Vittorio Sambri Laboratorio CRREM

Dettagli

NAT e controlli regionali sul sangue

NAT e controlli regionali sul sangue NAT e controlli regionali sul sangue Dott. Riccardo Serafini Direttore SIMT Ospedale Sandro Pertini ASL RM B 19 settembre 2014 NAT Nucleic acid Amplification Tecnology NAT HCV obbligatoria e centralizzata

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

AIDS. Virus Dell immunodeficienza Acquisita (HIV) Dott.. Roberto Broccoletti. Retrovirus Sottoclasse dei Lentivirus

AIDS. Virus Dell immunodeficienza Acquisita (HIV) Dott.. Roberto Broccoletti. Retrovirus Sottoclasse dei Lentivirus AIDS Dott.. Roberto Broccoletti Virus Dell immunodeficienza Acquisita (HIV) Retrovirus Sottoclasse dei Lentivirus Due sierotipi: : HIV1 1 e 2 5 CLADI (ceppi) principali Diametro 100120 120 nm Simmetria

Dettagli

ISS Istituto Superiore di Sanita' La Prevenzione nella Lotta Contro L'Infezione da HIV e AIDS Il Telefono Verde AIDS

ISS Istituto Superiore di Sanita' La Prevenzione nella Lotta Contro L'Infezione da HIV e AIDS Il Telefono Verde AIDS ISS - PREVENZIONE CONTRO HIV E AIDS 08/04/2002 ISS Istituto Superiore di Sanita' La Prevenzione nella Lotta Contro L'Infezione da HIV e AIDS Il Telefono Verde AIDS Documento file:///a /Telver0.htm [05/04/2002

Dettagli

Malattie a trasmissione. parenterale. Sorgenti e serbatoi. parenterale o sessuale. Tipi di malattie

Malattie a trasmissione. parenterale. Sorgenti e serbatoi. parenterale o sessuale. Tipi di malattie Malattie a trasmissione parenterale o sessuale Malattie a trasmissione parenterale Sono infezioni che si trasmettono per lo più per contatto diretto da uomo a uomo Le più frequenti modalità di contatto

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

Criticità e punti di forza del Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV

Criticità e punti di forza del Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV AT TO Volume 25 - Numero 12 Dicembre 2012 ES TR ISSN 0394-9303 dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità dell Istituto Criticità e punti di forza del Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

1.3.9 CASI DICHIARATI DI HIV (HUMAN IMMUNO-DEFICIENCY VIRUS)

1.3.9 CASI DICHIARATI DI HIV (HUMAN IMMUNO-DEFICIENCY VIRUS) Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del Medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.3.9 CASI DICHIARATI DI HIV (HUMAN IMMUNO-DEFICIENCY

Dettagli

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Legionelle e Legionellosi: mito e realtà Ferrara, 28 settembre 2012 Epidemiologia della Legionellosi in Europa e in Italia Christian Napoli Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE

Dettagli

Dati e Risorse per la Giornata del Pensiero (World Thinking Day) 2009 STOP ALLA DIFFUSIONE DI AIDS, MALARIA E ALTRE MALATTIE

Dati e Risorse per la Giornata del Pensiero (World Thinking Day) 2009 STOP ALLA DIFFUSIONE DI AIDS, MALARIA E ALTRE MALATTIE Dati e Risorse per la Giornata del Pensiero (World Thinking Day) 2009 STOP ALLA DIFFUSIONE DI AIDS, MALARIA E ALTRE MALATTIE Questo riassume le principali informazioni, lista di siti e risorse concernenti

Dettagli

LA TUBERCOLOSI IN PIEMONTE. Rapporto 2014

LA TUBERCOLOSI IN PIEMONTE. Rapporto 2014 LA TUBERCOLOSI IN PIEMONTE Rapporto 2014 Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria LA TUBERCOLOSI IN PIEMONTE Rapporto 2014 ed. 2015 Servizio di riferimento regionale di Epidemiologia per la sorveglianza

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Un approccio economico alla prevenzione, l HIV. Davide Croce 10 dicembre 2012

Un approccio economico alla prevenzione, l HIV. Davide Croce 10 dicembre 2012 Un approccio economico alla prevenzione, l HIV Davide Croce 10 dicembre 2012 Agenda Sostenibilità del servizio sanitario; Costi della malattia da HIV; L impatto economico della prevenzione sul trattamento

Dettagli

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi CNT Centro Nazionale Trapianti ISS 5 giugno 2012 Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi Francesco Procaccio ISS-CNT - Roma Neuro ICU University City Hospital - Verona CNT Centro

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy La sfida del futuro Il programma DREAM e la cura pediatrica Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italia Tel. +39.06.8992225 / Fax. +39.06.89922525

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Annapaola Callegaro Incarico Responsabile dell USSD Banca Biologica dell Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII

Dettagli

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015 Introduzione Dr. Marco Mela Obiettivo Sanità Pubblica Prevenzione primaria: Ridurre la frequenza di nuovi casi di malattia

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Telefono(i) Fax E-mail Cittadinanza PIETRO FILIPPINI Italiana Data di nascita 15 ottobre 1950 Sesso Occupazione /Settore

Dettagli

Versione aggiornata al 1 agosto 2003

Versione aggiornata al 1 agosto 2003 Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI FEGATO.

Dettagli

La diagnosi di infezione da HIV

La diagnosi di infezione da HIV La diagnosi di infezione da HIV Alessandra Amendola, Maria Rosaria Capobianchi Laboratorio di Virologia, Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, Roma Laboratory diagnosis of HIV

Dettagli