LA TABLATURA NELLA METODOLOGIA MODERNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TABLATURA NELLA METODOLOGIA MODERNA"

Transcript

1 ISIUO MUSICLE VINCENZO ELLINI CNI iennio di II livello per la formazione dei docenti nella classe di concorso di strumento musicale () Strumento: Chitarra () GIUSEPPE ORRISI L LUR NELL MEODOLOGI MODERN esi di laurea Relatore: Prof. gatino Scuderi nno ccademico /8

2

3 INDICE PREMESS pag. CPIOLO I INVOLUR: ORIGINI E CRERISICHE pag. CPIOLO II NEI PRIMI NNI pag. CPIOLO III L LUR DIGILE pag. CPIOLO IV L UILIZZO CORREO pag. CPIOLO V I VNGGI DELL LUR DIGILE pag. CPIOLO VI CONCLUSIONI pag. 6 ILIOGRFI pag.

4

5 PREMESS Esiste un legame tra le antiche intavolature liutistiche e degli strumenti similari (vihuela, tiorba, chitarrone, etc.) sviluppatesi tra il XVI e il XVII secolo e le attuali tablature per chitarra? d una prima osservazione potrebbe sembrare azzardato, o per alcuni persino sacrilego, un tale accostamento. In italiano il termine tablatura (o tabulatura ) è ormai di uso comune e sta ad indicare le moderne intavolature chitarristiche per distinguerle da quelle antiche proprie degli strumenti a pizzico e a tastiera. «Una intavolatura è un metodo alternativo al pentagramma per scrivere la musica. nche se non è il termine italiano corretto, spesso si utilizza la dicitura tablatura o tabulatura (dal lat. tabula, tavola ).» (it.wikipedia.org/wiki/intavolatura). Le origini delle intavolature (risalenti al periodo tardo medioevale) trovarono concreta affermazione in una enorme quantità di musica, molta della quale di straordinario valore storico e musicale, e la loro esistenza era funzionale alla pratica esecutiva rappresentando una ingegnosa alternativa (più semplice ed immediata) alla notazione diastematica già in uso da qualche secolo. Le attuali tablature per chitarra, con l avvento della notazione moderna e la conseguente evoluzione verso una scrittura musicale sempre più completa di indicazioni per l esecutore (), secondo il parere di molti oggi non avrebbero ragione di esistere e difatti non sono pochi i detrattori che le considerano non solo inutili ma addirittura dannose. Il fil rouge che lega l antica intavolatura con la moderna tablatura è rappresentato dalla diretta e immediata percezione grafico-visiva che l esecutore viene ad avere del brano, byapassando tutte quelle componenti ( complicate ) della notazione su pentagramma, non indispensabili ai fini pratico-esecutivi. Naturalmente, come vedremo, la lettura su tablatura non è priva di controindicazioni ma, da un punto di vista metodologico, il ricorso ad essa come strumento didattico, è giustificato da una forte valenza positiva, soprattutto nella delicata fase propedeutica.

6 Il tutto si inquadra nella ricerca, confortata dai più moderni orientamenti metodologici, di un approccio all insegnamento strumentale che cominci dal suono e non da informazioni astratte di eoria musicale o di Solfeggio. ttraverso l uso della tablatura, ossia della rappresentazione grafico-visiva della posizione delle corde e dei tasti da premere con le dita sulla chitarra, l allievo principiante di Scuola Media ha la possibilità di un rapporto immediato con lo strumento attraverso una lettura musicale che è decisamente più intuitiva rispetto a quella legata alla canonica notazione sul pentagramma. nche se il contesto storico-musicale che vide l affermazione delle antiche intavolature era diverso da quello attuale, fondamentalmente il principio è lo stesso: l antica intavolatura e la moderna tablatura hanno in comune un sistema di rappresentazione grafico-visiva che comunica all esecutore (in maniera analogica) le posizioni da realizzare sullo strumento nella combinazione tra corda da pizzicare con la mano destra e tasto da pressare con la mano sinistra. Ma, per concludere questa breve premessa, la tablatura moderna ha sicuramente molte più frecce al proprio arco di quante non ne avesse la sua antica progenitrice: l uso delle moderne tecnologie (attraverso il computer) ne permette un utilizzo che va ben al di là della semplice visualizzazione grafica delle posizioni strumentali ampliandone enormemente la valenza didattica; di questo mi occuperò nei capitoli successivi, dedicati all esperienza maturata in tanti anni di insegnamento direttamente sul campo (di battaglia) : la Scuola! () La tendenza a precisare nella partitura le istruzioni per l esecuzione si rafforzò durante il XIX sec. e all inizio del XX, al punto che, in alcuni pezzi di rnold Schoenberg, si trovano istruzioni precise per l esecutore, si può dire di ogni singola nota; lo stesso Stravinskij pare abbia detto una volta, come gli fosse sufficiente che l esecutore suonasse le note esattamente come egli aveva indicato, piuttosto che le interpretasse. Secondo alcuni compositori del XX sec., il passo ulteriore da compiere per aderire alla logica, sarà l eliminazione dell esecutore, l intermediario fra il compositore e il suo pubblico.[howrd MYER ROWN, Notazione in DEUMM, il Lessico III, orino, UE, (ª ed. 8), p. 8]. 6

7 INVOLUR: ORIGINI E CRERISICHE Sappiamo bene quanto la scrittura sia stata importante e fondamentale nell evoluzione umana. Scrivere non rappresenta solo un mezzo per evitare una trasmissione orale meno precisa e meno sicura. nche se la motivazione a segnare nelle varie civiltà è scaturita, quasi sempre, dall esigenza a memorizzare meglio, tale gesto grafico si è sempre poi trasformato (nei vari linguaggi) in qualcosa di più profondo. Nell ambito musicale la notazione (da quella alfabetica sino ai nostri giorni) ha permesso non solo di tramandare/diffondere/eseguire con una relativa certezza ed efficacia dei messaggi culturali, ma via via ha cambiato il modo stesso di pensare/vedere (e di conseguenza di comporre/eseguire) la musica. La nostra indagine sulla tablatura, si fonda proprio su questa considerazione. Capire e scoprire come un procedimento di semplice scrittura si possa in realtà trasformare in un grande aiuto per la mente di chi si incammina (educatori e allievi) nel complesso iter dell apprendimento. «Normalmente i principianti iniziano a studiare la notazione musicale fin dalle loro primissime lezioni. Ci sono però convincenti argomentazioni di musicisti ed educatori musicali, nonché una notevole quantità di ricerche psicologiche, che suggeriscono che forse questo non è il modo migliore per sviluppare l alfabetizzazione musicale nei giovani discenti. l cuore di tali argomentazioni c è l idea che introdurre la notazione in una fase più avanzata degli studi, permette agli allievi di concentrarsi sullo sviluppo delle immagini uditive e delle abilità fisiche richieste per suonare lo strumento. Le ricerche suggeriscono inoltre che introdurre precocemente la notazione potrebbe di fatto essere dannoso per le intuizioni musicali spontanee dei bambini, poiché non li metterebbe nelle condizioni di comprendere la relazione tra le proprie conoscenze percettive e il sapere concettuale utilizzato per descriverle.» ()

8 L uso della tablatura per i principianti come grafia notazionale alternativa al pentagramma, si inquadra perfettamente in tali orientamenti metodologici in quanto, a mio parere, rappresenta una ideale via di mezzo tra la pratica musicale totalmente avulsa da ogni riferimento grafico-analogico e la complicata decodifica della notazione astratta tradizionale. ale via di mezzo infatti non comporta particolari sforzi di lettura e di memorizzazione al neofita, ma nello stesso tempo gli consente di avere un importante riferimento pratico di supporto allo sviluppo delle abilità strumentali. «La partitura è una riduzione grafica, una stesura sulla carta di un fenomeno che si svolge nel tempo e nello spazio. [ ] Una breve scorsa alla storia della notazione ci permetterà di cogliere meglio la relatività dei simboli legati alla descrizione del fenomeno musicale. abilonia, a partire dal XVI secolo a.c., sono annotati con un alfabeto i suoni strumentali; del resto, nella musica sumerobabilonese, la notazione della scala eptatonica si fa sotto forma di cifre. In Grecia, nel a.c., le lettere indicano le altezze delle note e i segni messi sulle lettere ne indicano la durata. isanzio i segni principali indicano soprattutto il movimento della voce. In Siria la trasmissione dei canti si fa oralmente. In rmenia i manoscritti dal IX a XVII secolo mostrano più di 8 segni che indicano melodia, durata, punteggiatura musicale, fatto che non impedisce anche la trasmissione orale. In Etiopia c è una grande diversità di segni: punti, tratti orizzontali, lettere per notare i suoni. Quanto ai Copti, per la preoccupazione di non «rivelare agli stranieri il patrimonio sacro della liturgia», preferiscono la tradizione orale. Dopo l uso della chironomia (semplice indicazione gestuale della mano che precisa al cantore il movimento del suono nello spazio e nel tempo), il Medio Evo occidentale vede la fioritura dei neumi segni musicali sempre legati ai testi liturgici. Questi segni danno delle indicazioni di movimenti e di pendenze, perché i movimenti delle altezze vocali sono tradotti con una rappresentazione spaziale.» () 8

9 Dunque si evince come la partitura abbia assunto in varie epoche e contesti storico-geografici diversi, differenti connotazioni ed è in tale ambito che possiamo inquadrare in Europa (verso la fine del ) la nascita delle prime intavolature. La caratteristica generale intrinseca delle antiche intavolature (così come delle attuali tablature) è una impostazione grafica che imita le caratteristiche fisiche dello strumento a cui si riferisce. «L Intavolatura è sistema di notazione per strumenti a corde e a tastiera (liuto, organo, cembalo e simili), adottato in Europa nel e 6, con cui si solevano trascrivere (intavolare), a uso di uno solo, composizioni destinate in origine a più esecutori. Si ebbero vari tipi di intavolatura a seconda dell epoca e del paese e a seconda che lo strumento fosse a tastiera (intavolatura detta d organo) o a corde (intavolatura detta di liuto). Nelle intavolature d organo le singole voci di una composizione polifonica venivano scritte parallelamente, una sotto l altra, ora mediante note su due righi musicali per la mano destra e la mano sinistra in modo analogo alla moderna scrittura per pianoforte (Italia, Francia, Inghilterra), ora per mezzo di semplici numeri, corrispondenti a determinati suoni (Spagna), ora mediante note su rigo musicale per la voce superiore, e semplici lettere dell alfabeto per le voci sottostanti, o addirittura (dopo il ) mediante sole lettere alfabetiche, per tutte le voci (intavolatura d organo tedesca). Per le intavolature di liuto, in Italia, Spagna e Francia si adottò un sistema di linee parallele orizzontali, ciascuna rappresentante una corda, sopra le quali venivano segnati i gradi progressivamente più acuti, a partire da quello della corda senza applicazione di dito (corda vuota): in Italia e Spagna, con la serie successiva dei numeri (, corda vuota,,, ecc.); in Francia, mediante la serie ordinata delle lettere alfabetiche (a corrispondente a corda vuota, b, c, d, ecc. corrispondenti ai gradi superiori). Più complicata di tutte, la intavolatura di liuto tedesca prescindeva dalla raffigurazione delle corde, valendosi di una quantità di segni particolari, fra le lettere, numeri e altri simboli, ciascuno indicante una determinata nota dello strumento. In tutte le intavolature le indicazioni di altezza erano accompagnate da quelle dei valori

10 ritmici, ora rappresentate dai normali segni musicali di durata, ora da segni speciali.» () Da una immediata analisi di quanto sopra scritto e dalla visualizzazione del relativo schema si possono trarre alcune interessanti considerazioni. I sistemi di intavolatura che maggiormente si avvicinano a quello della moderna tablatura sono quelli italiano e spagnolo che indicano i tasti da pressare attraverso dei numeri disposti sulle linee orizzontali che rappresentano le corde dello strumento.

11 Di contro, però, la disposizione delle corde stesse è diversa ossia la prima corda (il cosiddetto cantino e che è la più acuta) non è disposta in alto così come avviene nella attuale, ma esattamente al contrario (cioè a specchio rispetto ad essa). ale particolare disposizione si evince anche dall esempio successivo relativo alle trascrizioni in notazione moderna di due intavolature entrambe per chitarra a cinque ordini o cori (corde): una spagnola di Gaspar Sanz (con i numeri sulle corde a indicare i tasti come quella italiana) e l altra francese di Robert De Visée (con le lettere invece dei numeri). Si noti come le note più acute prodotte dal cantino siano segnate in basso nella intavolatura spagnola e in alto in quella francese: in pratica, dalla combinazione dei due sistemi, si ottiene la moderna tablatura.

12 Gaspar SNZ (6-) CNRIOS EN RE MJEUR de "Instruccion de musica sobre la guitarra española" (Zaragoça, 6) Révision pour guitare de Jean-François Delcamp qk» Ÿ V # # 6 8. Œ J. Œ J V # # j.... V # j #. j j j j. j J. J V # j #.. j j j Ó.. V # j j #. j j..... Œ.. V # #. j.. [ [.] Ó..] [..] V # j #. j. j.. [.] [.] [.] [..] Gaspar SNZ : CNRIOS EN RE MJEUR

13 V # j j j #... Œ. j j V # # # j j j j V # #. Œ.. j. J J j j V # #... j j j j. Œ J J V # j #... j j j j j. Œ J J V # #.. n j... Ó. Ó. J J. Œ J V # j C II j j #.... [ g g...]. Œ J V #. U #.. j... J.... u Gaspar SNZ : CNRIOS EN RE MJEUR C II

14

15 Robert de VISEE (66-) PRELUDE de la SUIE VIII en ré mineur de "Livre de Pièces pour la guittarre" (Paris 686) daptation pour guitare de Jean-François Delcamp q» V b c J Ÿ Ÿ n b V b c II # Ÿ J j c II Ÿ. # Ÿ C III Ÿ. ^ # g C II C # Ÿ II n # V b n Œ Ÿ Ÿ J C I Ÿ j j g v J ^ g ^ g C III V b Ÿ. # g c II Ÿ # ^#. g j w w Robert de VISEE : PRELUDE de la SUIE VIII en ré mineur

16 «Le musiche per gli strumenti a corde erano generalmente scritti in intavolatura. Questo sistema si differenzia dalla normale notazione mensurale, perché indica esattamente quali tasti il suonatore deve premere e quali corde deve pizzicare o toccare con l arco per ottenere una certa successione di note o di accordi. In pratica l intavolatura è un sistema grafico legato strettamente a un determinato strumento e funzionante solo su quello. Questo sistema ha enormi vantaggi ed è molto più funzionale della normale notazione, soprattutto per la lettura dei brani polifonici: non occorre conoscere la reale intonazione dello strumento che si sta suonando e non esistono problemi nel suonare le alterazioni accidentali che sono tutte ovviamente annotate. Per quanto riguarda gli strumenti a corda, erano in uso vari tipi di intavolatura. Esse possono essere suddivise a grandi linee in tre tipi, l intavolatura italiana, la tedesca e la francese. Il tipo italiano, così come quello francese, segnava sulla carta un certo numero di righe, poste come un rigo musicale, che indicavano le corde dei liuto, della viola da gamba, o di un altro strumento; su ognuna delle righe erano annotati i simboli che indicavano il tasto da premere. ra i due sistemi esistevano però delle differenze: nell intavolatura italiana lo strumento era visto «a specchio», cioè la corda più acuta era la più bassa sulla carta, in quella francese avveniva il contrario. questo proposito scrive Mersenne: "isogna notare che gli italiani cominciano a contare i cori delle corde dalla più grossa, in modo tale che finiscono col cantino, dal quale invece noi partiamo, altrimenti non si potrebbero comprendere le loro intavolature". Gli italiani indicavano i tasti con numeri progressivi: indicava la corda vuota, il primo tasto e così via; i francesi usavano invece le lettere dell alfabeto, usando la «a» per indicare la corda vuota e le altre a seguire. Il ritmo del brano era segnato al di sopra del sistema, mediante valori mensurali o più comunemente con staffe a imitazione delle gambette delle note. Se la staffa non veniva ripetuta, significava che il valore ritmico rimaneva invariato fino all apparire di una staffa diversa. L intavolatura tedesca aveva un organizzazione del tutto differente dalle due precedenti; il primo a parlarne diffusamente è Virdung (), sebbene essa fosse in uso in Germania da almeno cinquant anni. Esiste infatti una raccolta 6

17 manoscritta, il Konigsteiner Liederbuch ( ca.) attualmente conservata nella biblioteca di erlino che riporta quattro brani annotati in intavolatura tedesca scritti per uno strumento a cinque cori. Il sistema tedesco è puramente simbolico, non legato alla raffigurazione dello strumento che accomuna l intavolatura italiana e la francese; ogni suono producibile è indicato da un simbolo grafico unico: le corde vuote sono simbolizzate da un numero progressivo dal grave verso l acuto (,,,, ) e ogni tasto è indicato con lettere diverse, che non si ripetono mai due volte. In questo modo la notazione consiste solo in una successione di simboli grafici che vengono annotati in colonna quando più suoni vanno prodotti contemporaneamente. Il ritmo è dato dalla notazione a staffa, ma a differenza dell intavolatura italiana l indicazione è ripetuta per ogni valore. Il sistema tedesco è più difficile da memorizzare, ma una volta imparato è di lettura molto agevole. La sua concezione, così avulsa dal fatto «visivo», è una prova a favore dell attribuzione da parte di Virdung della sua invenzione al musicista cieco Conrad Paumann (? ), nato a Norimberga e naturalizzato a Monaco. Virdung ipotizza che il liuto per il quale era stata concepita l intavolatura tedesca non avesse più di undici corde, distribuite su cinque cori, mentre al suo tempo era già di uso normale lo strumento a sei cori. Infatti il simbolo della corda più grave è stato sicuramente aggiunto in seguito. questa struttura di base, i vari autori aggiungevano nelle loro intavolature altre indicazioni utili per l esecutore: per esempio potevano essere notate le dita da utilizzare nel pizzicare le corde, oppure il verso delle arcate nelle composizioni per viola. Quando incominciò a prendere piede la tecnica di suonare la chitarra per accordi «strappati», quella che gli spagnoli chiamavano rasgueado, fu inventato un sistema di notazione che indicava con delle lettere gli accordi pieni da suonare ritmicamente. Una serie di linee verticali poste sotto o sopra una lunga linea orizzontale indicava la direzione delle «strappate», e a queste si aggiungeva la solita annotazione a staffa. L intavolatura per chitarra strappata fu usata per la prima volta in una pubblicazione del 86 intitolata Guitarra Espanola y Vandola di Juan Carlos y mat; venne ripresa durante il XVII sec. dagli italiani e denominata «alfabeto per chitarra spagnola». ()

18 Possiamo notare come, diversamente da quanto evidenziato precedentemente, il sistema che più si discosta da quello attuale è sicuramente quello tedesco che in pratica condivide ben poco con i suoi antichi parenti neolatini (nonché con la moderna tablatura); non essendo basato su un sistema di visualizzazione delle posizioni strumentali impiega semplicemente un sistema di notazione alternativa a quella convezionale su pentagramma. Nello stesso tempo è interessante la considerazione del matematico francese (scopritore dei numeri primi) Marin Mersenne (88-68) che osservava come il sistema italiano fosse speculare rispetto a quello francese riguardo la disposizione grafica delle corde nella intavolatura, e che la cosa avrebbe potuto generare una certa confusione. () GRY E. MCPHERSON e PUL EVNS, Il suono prima del segno in. VV. Orientamenti per la didattica strumentale, Lucca, LIM,, p. () CLIRE RENRD, Il gesto musicale, Milano, Ricordi, 88 (ed. orig. Parigi 8), pp. - (). VV., Intavolatura in Enciclopedia della musica, Milano, Garzanti, 6 (ª ed. 8), pp. - () <www.musica-antica.info/strumenti/strumenti_paragrafi/8.html> 8

19 NEI PRIMI NNI Nei primi anni, con la nuova legge sull autonomia scolastica, cominciarono ad attivarsi molti laboratori su iniziativa del Consiglio di Istituto delle varie Istituzioni Scolastiche nell ambito del nuovo cosiddetto Piano della Offerta Formativa (P.O.F.). I Presidi si rivolsero per le docenze a degli Esperti anche esterni alla scuola stessa soprattutto per quelle discipline che non erano previste nelle materie curriculari; nacquero così i primi Laboratori Musicali e naturalmente uno degli strumenti più richiesti dai ragazzi, data la sua popolarità, fu la Chitarra. quel tempo erano ancora poche le Scuole ad Indirizzo Musicale nel territorio nazionale e ancor meno nella provincia di Catania (soltanto una!). Per cui, finalmente, la chitarra (sia pure non ancora dalla porta principale ) fece il suo ingresso nell ambito scolastico e molti Diplomati furono chiamati a svolgere il compito di insegnare lo strumento a scuola. Cominciai così, nel 6 presso il Liceo Scientifico Ettore Majorana di Scordia, la mia carriera scolastica e subito dovetti scontrarmi con tutta una serie di nuove problematiche cui non ero abituato dal momento che la mia attività di insegnamento si limitava, fino ad allora, alle sole lezioni frontali e individuali. I Laboratori, spesso autofinanziati in toto o in parte dagli stessi allievi, invece erano strutturati in maniera diversa: il corso comprendeva (per ovvie ragioni) un numero considerevole di ragazzi cui fare lezione simultaneamente (da un minimo di cinque fino addirittura a quindici!). I contratti di collaborazione con la Scuola prevedevano un monte ore di lezioni già prefissato e solitamente, per motivi economici, non si andava oltre le - ore complessive. In tale contesto bisognava arrangiarsi per riuscire ad ottenere un minimo di risultato che potesse soddisfare le aspettative di

20 Docente, llievi e Presidi (le quali, peraltro, non sempre erano necessariamente coincidenti ). Il Preside, solitamente, misurava il successo dell iniziativa dal numero degli iscritti e da quanti alla fine terminavano il corso mentre l obiettivo dei ragazzi era generalmente quello, alla fine del corso, di sapere strimpellare qualche accordo per accompagnare le canzoni preferite. Il Docente si trovava di fronte a due possibilità: la prima (la più comoda) era quella di fare di necessità virtù escludendo a priori obiettivi più ambiziosi e limitandosi ad insegnare ai ragazzi semplicemente gli accordi più semplici senza badare troppo a problematiche quali la corretta impostazione, la postura, etc. Del resto il limitato numero di ore previste e viceversa quello elevato di allievi inevitabilmente abbassava in maniera inversamente proporzionale la qualità della docenza. Scegliendo questo percorso didattico di fatto però il Docente diplomato in chitarra era costretto a limitare molto il proprio raggio d azione e soprattutto ad insegnare lo strumento in maniera molto più riduttiva rispetto alle proprie competenze; per farla breve non era più un corso di chitarra classica nel senso di impostazione classica (per intenderci la chitarra suonata con le dita della mano destra) ma diventava automaticamente un corso di chitarra a plettro per aspiranti, usando una denominazione oggi molto in uso, chitarristi da spiaggia! Premesso che personalmente ritengo lo studio degli accordi realizzati col plettro importantissimo sia a livello pratico che propedeutico (se svolto in maniera corretta), sicuramente un percorso che si limitasse solo a trasmettere quelle poche nozioni personalmente non mi allettava molto. La seconda possibilità era, invece, quella di tentare di riuscire nel poco tempo a disposizione (e coi tanti allievi) ad insegnare ai ragazzi, oltre alle canzonette e agli accordi eseguiti col plettro, almeno i primi elementi di base tecnica per potere suonare qualche semplice brano di chitarra classica (è bene ribadire che per chitarra classica non si intende solo esecuzione di musica classica ma

21 piuttosto un modo classico di suonare, diverso per esempio da quello della chitarra elettrica, acustica, jazz, folk o, come appunto si diceva, a plettro ). Decisi di seguire la seconda possibilità e subito nacque l esigenza di trovare un metodo/sistema che potesse scavalcare tutta la parte teorica e il solfeggio in modo da potere mettere rapidamente i ragazzi nelle condizioni di suonare delle facili composizioni. Potrà apparire paradossale, ma proprio il tipico approccio che generalmente si ha da principiante autodidatta con gli accordi sulla chitarra mi venne in aiuto! Mi procurai un prontuario di accordi dal titolo significativo Chitarristi in ore e cominciai a riflettere sull ingegnoso sistema che questi manuali adottavano per schematizzare graficamente le posizioni degli accordi sulla tastiera. Ecco il classico giro di Do tratto dal suddetto prontuario:

22 In questo schema sono riportati tutti gli elementi essenziali per realizzare le posizioni corrispondenti: i punti neri indicano la corrispondenza esatta tra tasto e corda dove pigiare il dito della mano sinistra e a margine sono segnate esattamente quali dita della mano sinistra devono essere utilizzate: = corda vuota; = indice; = medio; = anulare; = mignolo. Per la mano destra-plettro non occorrevano chiaramente indicazioni. Perché non adottare lo stesso sistema anche per rappresentare ed indicare le varie posizioni della mano sinistra (e anche le corde da pizzicare con la destra) per eseguire delle composizioni per chitarra? Mi resi conto che quel modo di visualizzare gli accordi di accompagnamento, in fondo era assai simile a quello usato anticamente dai liutisti nelle intavolature! ll epoca l uso del PC era ancora estremamente limitato rispetto alla larghissima diffusione odierna e dunque, non conoscendone l uso, dovetti io stesso costruirmi a mano il materiale di cui avevo bisogno. Il mio approccio diretto con le tablature si limitava del resto ai primissimi rudimenti appresi da autodidatta e comunque (come abbiamo visto) relativo esclusivamente agli accordi; provenendo da una impostazione accademica (che si basa sulla notazione tradizionale), non avevo mai studiato un brano di chitarra classica scritto su tablatura. Ero, però, a conoscenza dell impiego di queste tablature in altri ambiti chitarristici, ad esempio negli assolo di chitarra elettrica o per rappresentare graficamente moltissimi brani del cosiddetto stile fingerpicking ().

23 «( Stile del dito, o pizzicare con le dita ) è una tecnica usata per suonare la chitarra, il basso o altri strumenti a corda, eseguita usando le punte delle dita o le unghie al posto del plettro.[ ] La tecnica è stata ideata dai chitarristi neri di blues acustico di inizio» (it.wikipedia.org/wiki/fingerstyle). Nel fingerstyle o fingerpicking (a differenza degli assolo di chitarra elettrica) si tratta di brani polifonici non di accompagnamento. Cercai allora di reperire qualcuna di queste tablature per poterle visionare e trarne spunti per il mio progetto notazionale. Un vecchio amico, dilettante e grande appassionato di chitarra fingerstyle, mi spedì alcune tablature di arrangiamenti di brani di vari autori e diversi brani del celebre chitarrista compositore francese Marcel Dadi (-6). Riportiamo qui sotto la prima pagina di un arrangiamento chitarristico in fingerstyle di un noto brano di George Gershwin (88-): I Got Rhythm.

24

25 Si noti come il principio sia simile a quello che abbiamo osservato nel giro di Do, ma con una sostanziale e importante differenza: non viene riportata la diteggiatura da utilizzare con la mano sinistra! La diversa struttura grafica del brano (rispetto a quella del giro di Do) con le continue ripetizioni e sovrapposizioni di numeri indicanti i tasti da premere sulle sei corde orizzontalmente rappresentate sulla (abbreviazione di uso corrente del termine tablatura) impediscono di fatto l indicazione delle dita della mano sinistra da utilizzare giacché l eventuale utilizzo sovrapposto e/o affiancato di altri numeri (---) associati a ciascun dito della mano sinistra creerebbe confusione e una difficile lettura. Evidentemente questo tipo di tablatura non si rivolge a dei principianti bensì ad esecutori già in grado di realizzare autonomamente una loro diteggiatura. Inoltre l esecutore deve già conoscere il brano in oggetto altrimenti, non essendo segnato alcun riferimento relativo alla divisione musicale, è praticamente impossibile risalire ad una certa distribuzione metrica/ritmica. Il primo aspetto (diteggiatura non segnata) era, per il mio obiettivo, quello più debole : dovevo insegnare a dei ragazzi che non avevano mai imbracciato una chitarra e l indicazione della diteggiatura da utilizzare per entrambe le mani era fondamentale! Per quanto riguarda invece il secondo aspetto (assenza di riferimenti metrici/ritmici) mi fu molto utile un brano dello stesso Dadi Song for Kathy (vedi sotto), dove la durata dei suoni viene rappresentata graficamente in maniera abbastanza precisa (l unico inconveniente è che si presuppone comunque la conoscenza della notazione tradizionale dei valori ritmici).

26 6

27 La strada era tracciata, ma dovevo trovare una possibile soluzione grafica soprattutto per il problema della diteggiatura. Cominciai allora la ricerca di testi musicali che associassero alla tablatura anche la notazione sul pentagramma, con tutte le relative indicazioni per le diteggiature. nche in questo caso, l aiuto non mi venne da testi e pubblicazioni classiche ; l editoria musicale accademica non prevedeva nulla del genere, tutte le opere erano scritte in notazione tradizionale e i miglioramenti degli ultimi anni erano volti semmai a una maggiore cura grafica, a una più opportuna impaginazione e alla minuziosa indicazione di diteggiature e realizzazione di particolari effetti chitarristici: insomma di tablature neppure l ombra! Chi cerca trova e fu così che, poco tempo dopo, in edicola(!) trovai la ristampa completa della prima edizione (8) di un opera che a mio parere potrebbe entrare nella storia delle pubblicazioni didatticostrumentali per la Chitarra (e non solo di quella classica): il Corso di Chitarra di Franco Cerri (Milano, 6) e Mario Gangi (Roma, ) edito dalla Fabbri Editori. Franco Cerri, grande chitarrista jazz, si occupò della parte relativa alla chitarra moderna ( a plettro ), mentre Mario Gangi (docente di Chitarra al Conservatorio di S. Cecilia in Roma nonché illustre rappresentante e decano dei concertisti italiani) della parte relativa alla chitarra classica. Il corso si rivolgeva essenzialmente agli autodidatti aspiranti chitarristi, ma per me rappresentò una straordinaria fonte di preziosi suggerimenti: di seguito riporto alcuni esempi tratti dall opera sopra citata:

LA TABLATURA DIGITALE

LA TABLATURA DIGITALE LA TABLATURA DIGITALE Nell anno scolastico 2001-2002 furono istituite nella Provincia di Catania, dopo anni di quasi totale immobilismo, numerose nuove Scuole ad Indirizzo Musicale. Fra queste c era anche

Dettagli

INTAVOLATURA: ORIGINI E CARATTERISTICHE

INTAVOLATURA: ORIGINI E CARATTERISTICHE INTAVOLATURA: ORIGINI E CARATTERISTICHE Sappiamo bene quanto la scrittura sia stata importante e fondamentale nell evoluzione umana Scrivere non rappresenta solo un mezzo per evitare una trasmissione orale

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

Programmazione annuale Violoncello

Programmazione annuale Violoncello I.C. Boville Ernica Corso ad indirizzo musicale a.s. 2015/2016 Programmazione annuale Violoncello Docente: Gabriele Bassi CLASSE: II A CLASSE: II B CLASSE: II C 1. Analisi della situazione di partenza

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ITALO CALVINO Progetto musicale a cura di Sonia Spirito L Associazione L Albero della Musica, operante da diversi anni nel settore della didattica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI STRUMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI STRUMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI STRUMENTO ASPETTI FORMATIVI L'insegnamento strumentale costituisce integrazione interdisciplinare ed arricchimento dell'insegnamento obbligatorio dell'educazione

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro Pag. 1 di ANNO SCOLASTICO 201/201 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Marco Pavin CL. 3 SEZ. BM MATERIA Chitarra 1 strumento 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento partecipazione Il gruppo che

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

Guida. dello. Studente

Guida. dello. Studente Guida dello Studente L ACCADEMIA Centro Studi Musicali L Associazione culturale Accademia C.S.M. ha come finalità l insegnamento delle discipline musicali e la diffusione della cultura musicale mediante

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA 1 MATEMATICA in MUSICA PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA INTRODUZIONE PERCHÉ MATEMATICA E MUSICA? La maggior parte degli adulti ha rimosso da lungo tempo i ricordi relativi al

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Progetto MUSICA 2020. I.C. Mazzini Castelfidardo

Progetto MUSICA 2020. I.C. Mazzini Castelfidardo Progetto MUSICA 2020 I.C. Castelfidardo Nel Comune di Castelfidardo è radicata la motivazione all educazione musicale, visto che la produzione degli strumenti musicali, costituisce una colonna portante

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO 1 UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO Ad opera di: Waldir Cury Stenografo-revisore in pensione dell Assemblea Legislativa dello Stato di Rio de Janeiro Professore di Stenografia

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) Ascoltare in modo consapevole eventi sonori e brani musicali. Produrre e rappresentare eventi sonori con la voce, il corpo, strumenti musicali e tecnologici. Individuare

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 Istituto Comprensivo SOLARI Albino (BG) Scuola Secondario di I grado Materia: Pianoforte Docente: Maestro Paolo Rinaldi PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

CLASSE I -II. Conoscenza delle posizioni/diteggiature e sviluppo di una funzionale tecnica digitale. Saper eseguire esercizi tecnici (colpi

CLASSE I -II. Conoscenza delle posizioni/diteggiature e sviluppo di una funzionale tecnica digitale. Saper eseguire esercizi tecnici (colpi Tecnica -Il braccio e la mano destra -La produzione del suono -I colpi d arco chiave -La mano sinistra ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI ALESSANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DEL CORSO DI VIOLINO (I II III

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ Nucleo fondante: COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO MUSICALE E PRATICA STRUMENTALE Conoscenze L insegnamento strumentale

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

CORSO ELEMENTARE DI TAMBURELLO

CORSO ELEMENTARE DI TAMBURELLO CORSO ELEMENTARE DI TAMBURELLO Iniziamo questo corso elementare di tamburello dicendo che chi vi parla non conosce la musica e tutto quello che sentirete è il prodotto della sua esperienza personale, della

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva matematica e musica Questo argomento nasce da una riflessione sull oggettiva difficoltà a lavorare nella scuola in modo interdisciplinare.

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

Lettura musicale e sviluppo della musicalità

Lettura musicale e sviluppo della musicalità Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Copyright

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

materiali Per il docente competenze clil multimediale

materiali Per il docente competenze clil multimediale demo del LIBRo digitale BeS e dsa competenze clil materiali Per il docente multimediale LŒscher editore Divisione di Zanichelli editore S.p.A. Via Vittorio Amedeo II, 18 10121 Torino (TO) Italia T. +39

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

Curricolo verticale di Musica scuola primaria

Curricolo verticale di Musica scuola primaria Curricolo verticale di Musica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (1) L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,

Dettagli

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO USO DEL MANUALE "SCRIVERE CON DIECI DITA" E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO PRIME LEZIONI Senza alcuna pretesa di volersi sostituire all abilità di ogni insegnante nel presentare l approccio alla scrittura

Dettagli

LABORATORI AFFERENTI AL DIPARTIMENTO DI MUSICA ANTICA - PROGRAMMI (in collaborazione con l Associazione Schola Palatina )

LABORATORI AFFERENTI AL DIPARTIMENTO DI MUSICA ANTICA - PROGRAMMI (in collaborazione con l Associazione Schola Palatina ) LABORATORI AFFERENTI AL DIPARTIMENTO DI MUSICA ANTICA - PROGRAMMI (in collaborazione con l Associazione Schola Palatina ) Junior (per bambini da quattro a sei anni) CLAVICEMBALO E BASSO CONTINUO Musica,

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

musica per i ragazzi

musica per i ragazzi musica per i ragazzi concerti lezione per la scuola materna, primaria, media inferiore Musica per i ragazzi è una rassegna didattica indirizzata alle scuole dell obbligo (materna, primaria e secondaria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori, dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte. L alunno esplora diverse

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 Programmazione annuale per l insegnamento di strumento musicale Corso di Sassofono Disciplina:

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE I D A. S. 2014/15

PROGRAMMAZIONE CLASSE I D A. S. 2014/15 Daniela Laura Rosa Flauto Traverso PROGRAMMAZIONE CLASSE I D A. S. 2014/15 La classe è formata da due alunne : F. Berto e V. De Nonno Il primo approccio con il flauto è stato mediamente positivo anche

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

PROPEDEUTICA MUSICALE

PROPEDEUTICA MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI VILLAPIANA (CS) SCUOLA PRIMARIA PLESSI VILLAPIANA, CENTRO, LIDO E SCALO PROGETTO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Anno scolastico 2015/2016 COSA È LA PROPEDEUTICA MUSICALE? Una

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Scuola PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III MUSICA Docente: Milena Giannoni Preliminarmente alla presentazione

Dettagli

Il Volo del Calabrone ed altri classici per basso elettrico a 6 e 4 corde Trascrizioni di Alberto De Bortoli

Il Volo del Calabrone ed altri classici per basso elettrico a 6 e 4 corde Trascrizioni di Alberto De Bortoli Il Volo del Calabrone ed altri classici per basso elettrico a 6 e 4 corde Trascrizioni di Alberto De Bortoli Allegato un CD con tracce audio e basi Il Volo del Calabrone ed altri classici per basso elettrico

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Le cose fondamentali che dobbiamo conoscere per poter accedere al corso specifico di tastiere elettroniche e di pianoforte li vado ad elencare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA DELLA CLASSE PRIMA Percepisce il paesaggio sonoro in cui vive Usa la voce nelle più svariate forme di espressione

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Scaricare la versione 7.1 di TutoreDattilo per tastiera italiana dal sito. http://www.maurorossi.net/pagine/programmi/tutoredattilo.

Scaricare la versione 7.1 di TutoreDattilo per tastiera italiana dal sito. http://www.maurorossi.net/pagine/programmi/tutoredattilo. TUTOREDATTILO 7.1 GUIDA PER L INSEGNANTE Scaricare la versione 7.1 di TutoreDattilo per tastiera italiana dal sito http://www.maurorossi.net/pagine/programmi/tutoredattilo.htm e installarla sui PC utilizzati

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Musica - Classe Prima COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Profilo dello studente al termine del Primo ciclo

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO Usa la voce, il proprio corpo e oggetti vari,a partire da stimoli musicali, motori, ambientali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Padroneggia le potenzialità musicali del proprio corpo. 2. Discrimina l alternanza suono silenzio per imitazione. 3. Esegue semplici

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : La consapevolezza ed espressione culturale è la competenza che più contribuisce a costruire l identità sociale e culturale, attraverso la capacità di fruire dei

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale L ora di Musica Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il corso è indirizzato a musicisti, insegnanti di educazione musicale nella scuola

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO La realizzazione delle tastiere virtuali didattiche - 3 a parte Prosegue l articolo in cui l autore chiarisce che l individuazione o l impostazione della struttura logica

Dettagli