Il signore comanda. laboratorio. Come Carlo Magno amministrava le sue terre. Maria Angioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il signore comanda. laboratorio. Come Carlo Magno amministrava le sue terre. Maria Angioni"

Transcript

1 laboratorio 16 Prerequisiti conoscere la storia del regno dei Franchi e dell impero carolingio conoscere l organizzazione politica e amministrativa del regno franco sapere che cos è la curtis Obiettivi sapere che cos è un capitolare capire quali erano le principali risorse economiche nell Alto Medioevo approfondire la conoscenza della struttura amministrativa dell impero carolingio sapere quali erano gli incarichi dei funzionari di Carlo Magno capire come viveva gran parte della popolazione ai tempi di Carlo Magno Maria Angioni Il signore comanda Come Carlo Magno amministrava le sue terre Il tema: l analisi di un documento per scoprire la vita nella curtis Ogni anno in primavera Carlo Magno riuniva intorno a sé conti, marchesi, vescovi e abati in grandi assemblee chiamate «campi di maggio». Dopo aver discusso sui problemi principali del regno, alla fine l imperatore emanava una o più leggi che potessero regolare il difficile governo di un territorio tanto vasto e con tante differenze culturali, linguistiche e giuridiche. Le leggi dettate dall imperatore erano raccolte nei capitolari (dal latino capitularia, testi divisi in capitula o paragrafi). Attraverso i capitolari Carlo regolò tutti i settori del suo impero o con leggi completamente nuove o con norme che integravano le leggi già in uso presso il popolo franco. Nell 800 Carlo Magno emanò il Capitulare de villis (cioè un capitolare relativo alle villae, le aziende agricole), con cui regolò l amministrazione delle sue proprietà fondiarie e di quelle date in beneficio ai conti e ai vescovi. Il capitolare dà istruzioni sulla disposizione delle diverse colture, i tempi della semina, dell aratura, della mietitura e della vendemmia, la gestione degli animali, il trattamento dei servi e dei coloni, il ruolo dei funzionari. In questo laboratorio la lettura di alcuni articoli del Capitulare de villis ti permetterà di scoprire quante informazioni è possibile ricavare da questo documento. Grazie alla sorprendente accuratezza e precisione con cui Carlo amministrò le sue terre, oggi possiamo avere un quadro completo di come funzionava l economia curtense e conoscere alcuni aspetti della vita quotidiana delle persone che lavoravano nelle curtes. Carlo Magno, con a fianco il figlio Pipino, detta un capitolare a uno scriba. Miniatura del IX secolo (Modena, Biblioteca Estense).

2 2 Studente... Classe... Data... laboratorio 16 1 Per leggere e capire il Capitulare de villis Il territorio descritto nel Capitulare de villis ha al centro il palazzo dell imperatore (il palatium) ed è suddiviso in parti di territorio (ognuna delle quali è chiamata ministerium) amministrate e regolate da funzionari dell imperatore (chiamati iudices), da lui severamente controllati. Ogni ministerium è a sua volta suddiviso in curtes, centri amministrativi più piccoli che ruotano intorno alle villae, le aziende agricole dove risiede la familia (i servi, agricoltori o pastori, dell imperatore). Qui di seguito riportiamo la maggior parte degli articoli del capitolare. Alcuni sono radunati in uno stesso riquadro perché trattano argomenti simili. Il testo è un po lungo, quindi chiediamo a te di migliorarne l esposizione e renderlo più «leggibile» svolgendo le seguenti operazioni: leggi gli articoli presenti in ciascun riquadro e sottolinea le parole secondo te più importanti; in ogni riquadro, a destra, scrivi un possibile titolo per gli articoli in questione e crea un glossario con il significato delle parole secondo te troppo difficili. 1. Vogliamo che le nostre villae, che abbiamo impiantato perché servano ai nostri bisogni, Titolo siano totalmente al nostro servizio e non di altri uomini. 2. Vogliamo che la nostra familia sia ben trattata e non ridotta in miseria da nessuno. 3. Gli iudices non devono porre la nostra familia al proprio servizio, non la devono obbligare a corvées, a tagliare legna per loro o ad altri lavori, né accettino alcun dono da essi, non cavallo, bue, maiale, montone, maialino da latte, anello, né altra cosa, a meno che non si tratti di bottiglie, verdura, frutta, polli, uova. 4. Se nella nostra familia qualcuno si rende colpevole di furto o trascura i suoi doveri, risarcisca il danno personalmente; per altre colpe sia punito con frustate secondo la legge, a meno che non si tratti di omicidio e incendio risarcibili con ammenda. 5. Quando i nostri iudices devono occuparsi di lavori sui nostri campi, come seminare, Titolo arare, raccogliere messi, falciare il fieno o vendemmiare, ciascuno di essi provveda ai singoli settori e faccia eseguire ogni cosa in modo che tutto sia ben fatto. 6. Vogliamo che i nostri iudices versino l intera decima [tassa] di ogni raccolto alle chiese che sorgono sulle nostre terre e che la nostra decima non sia versata alla chiesa di un altro, a meno che non si debba rispettare un antica consuetudine. 8. I nostri iudices si interessino delle nostre vigne che fanno parte del loro ministerium, Titolo le curino bene e il vino lo mettano in buoni recipienti e stiano ben attenti che in nessun modo si guasti, acquistino ulteriore vino procurandoselo con scambi in natura di animali da inviare alle villae del re. [ ] Ricavino dalle nostre vigne ceppi di vite e ce li inviino per impiantare altrove altre coltivazioni a nostro vantaggio. 10. Gli addetti alle foreste, ai puledri, alle cantine e gli altri ministeriales collaborino Titolo ai lavori dei campi, diano in tributo maiali dai loro mansi, provvedano di manodopera i loro ministeria.

3 Studente... Classe... Data... laboratorio Gli iudices custodiscano bene i cavalli da riproduzione [ ] e se qualcuno non è più buono Titolo o è morto, ce lo facciano sapere per tempo, prima che venga il momento di essere inviati tra le giumente. 14. Custodiscano bene le nostre giumente e separino i puledri quando è tempo di farlo; se le puledre si saranno moltiplicate vengano separate e se ne faccia un branco a parte. 16. Vogliamo che tutto ciò che noi o la regina abbiamo ordinato a ciascun iudex o Titolo lo abbiano ordinato a nome nostro i nostri ministeriales lo eseguano esattamente come è stato loro ordinato: chiunque trascuri di farlo per negligenza, si astenga dal bere dal momento in cui gli giunge il richiamo fino a quando non si presenta al cospetto nostro o della regina e chieda perdono. 17. Quante sono le ville presenti nel ministerium, altrettanti siano gli uomini Titolo che si occupino delle api a nostro profitto. 19. Nei nostri granai delle ville più grandi allevino non meno di cento polli e non meno di trenta oche, nelle ville più piccole non meno di cinquanta polli e dodici oche. 20. Ogni iudex faccia pervenire per tutto l anno alla curtis prodotti in abbondanza Titolo e faccia effettuare controlli tre, quattro o più volte. 23. In ogni nostra villa gli iudices abbiano stalle per mucche, porcili, ovili per pecore, capre e montoni nel maggior numero possibile e non devono assolutamente esserne privi. E quando tocca loro il turno della fornitura della carne, forniscano buoi zoppi non malati, vacche e cavalli non rognosi o altri animali non malati. 24. Rientra nei compiti di ciascun iudex quel che va fornito nella nostra mensa e quanto fornirà sia buono e di ottima qualità. 27. Quando messi o ambascerie vanno e vengono dal palatium non alloggino nelle curtes Titolo del re senza uno speciale ordine nostro o della regina. 30. Vogliamo che da tutto quel che è stato prodotto venga accantonata la parte destinata a nostro uso. Ugualmente ciascun iudex accantoni quanto deve essere caricato sui carri per le spedizioni militari, procurandoselo sia nell abitato che presso i pastori. 33. Dopo che si sono fatti gli accantonamenti, si sono effettuate le semine e si è provveduto a tutto, la produzione avanzata sia conservata finché non facciamo conoscere le nostre disposizioni se venderla o tenerla. 34. Occorre dedicare molta attenzione perché i prodotti alimentari lavorati e confezionati Titolo a mano siano tutti fatti o preparati con pulizia somma: il lardo, la carne secca o insaccata o salata, il vino, l aceto, il vino di more, il vin cotto, la salsa di pesce, la senape, il burro, il malto, la birra, l aceto di mele, il miele, la cera, la farina.

4 4 Studente... Classe... Data... laboratorio I boschi e le foreste nostre siano ben custodite; dove è necessario il disboscamento Titolo lo si faccia e non si permetta al bosco di invadere i campi; dove invece devono esserci i boschi se ne impedisca uno sfruttamento che ne comprometta l esistenza; tutelino la selvaggina presente nelle nostre foreste; si occupino anche degli avvoltoi e sparvieri per le nostre cacce; riscuotano con diligenza le tasse sui boschi a noi dovute. 37. I nostri campi e le culture siano ben curati e ci si occupi dei nostri prati quando è il momento. 39. Vogliamo che gli iudices accettino i polli e le uova che i servi e i coloni consegnano Titolo ogni anno. Quando non servono, li facciano vendere. 40. Ogni iudex faccia allevare nelle nostre ville sempre, senza eccezioni, uccelli caratteristici come pavoni, fagiani, anatre, colombe, pernici, tortore a scopo ornamentale. 41. Gli edifici delle nostre curtes e le siepi di recinzione siano ben curati e siano ben tenute Titolo le stalle, le cucine, i forni e i frantoi in modo che i ministeriales possano attendere ai loro lavori con decoro e pulizia. 42. In ciascuna villa negli alloggi ci siano a disposizione letti, materassi, cuscini, lenzuola, tovaglie, tappeti, recipienti di rame [ ] ganci per paioli, scalpelli e ogni tipo di utensile in modo che non sia necessario cercarli altrove. Li arnesi di ferro da impiegare nelle spedizioni militari siano in buono stato e quando si rientra dalla spedizione siano conservati a casa. 43. A tempo opportuno facciano distribuire ai nostri ginecei, come prescritto, il materiale necessario, cioè lino, lana, ingredienti o piante utili per tingere stoffe, pettini da lana [ ] 44. Ogni anno vengano inviati per nostro uso due terzi degli alimenti adatti al digiuno Titolo quaresimale: legumi, pesce, formaggio, burro, miele, senape, aceto, miglio, ortaggi freschi e secchi e inoltre cera e sapone. Di quel che avanza stendano una relazione e per nessuna ragione la tralascino, come hanno fatto finora, perché vogliamo confrontare i due terzi con la terza parte rimasta. 45. Ogni iudex abbia nel suo ministerium buoni artigiani cioè fabbri ferrai, orefici Titolo o argentieri, calzolai o tornitori, carpentieri, fabbricanti di scudi, pescatori, uccellatori, fabbricanti di sapone, di birra, di sidro [ ] fornai che ci forniscano pane di semola, fabbricanti di reti che sappiano fare delle reti buone sia per la caccia che per la pesca che per catturare uccelli. 48. I torchi nelle nostre ville siano efficienti e funzionali. I nostri iudices provvedano che nessuno si permetta di pigiare la nostra uva con i piedi, ma tutto si faccia con decoro e pulizia. 49. I nostri ginecei siano ben strutturati, con alloggi, ambienti riscaldati, locali in cui le donne possano trascorrere le serate invernali; siano circondati da steccati ben saldi e muniti di solide porte, in modo che con tranquillità lavorino per noi.

5 Studente... Classe... Data... laboratorio Ciascun iudex vigili perché nel proprio ministerium non ci siano uomini ladri Titolo o delinquenti. 54. Ciascun iudex badi che i nostri servi si applichino con impegno nel proprio lavoro e non perdano tempo gironzolando per i mercati. 56. Ciascun iudex nel proprio ministerium tenga frequenti udienze, amministri la giustizia e provveda che i nostri servi vivano onestamente. 57. Se qualcuno dei nostri servi volesse dirci qualcosa che ci riguarda a proposito del suo magister [il capo dei servi] non gli si impedisca di venire da noi. E se lo iudex venisse a sapere che i suoi aiutanti vogliono venire a palazzo a lamentarsi di lui, allora lo stesso iudex faccia pervenire a palazzo le lamentele suscitate contro di lui, in modo che i loro reclami non ingenerino fastidio alle nostre orecchie. 62. Ciascun iudex ogni anno per Natale ci sottoponga un elenco particolareggiato, chiaro Titolo e completo, che precisi l ammontare complessivo e particolareggiato di quanto viene prodotto dal lavoro effettuato dai buoi custoditi dai nostri bovari, quanto rendono i mansi che debbono arare, il reddito derivante dai maiali, dalle tasse e dai prestiti effettuati, [ ] dalla selvaggina catturata nei nostri mansi senza il nostro permesso, dai mulini, dalle riserva di caccia, dai campi, [ ] dai mercati, dalle vigne, da chi vende vino, dal fieno, dalla legna da ardere e da illuminazione, dalle tavole o altro legname da lavorare, dai legumi, dal miglio, dalla lana, dal lino, dalla canapa, dai frutti degli alberi, dalle noci e dalle nocciole, dagli alberi innestati, dagli orti, dai vivai, dal cuoio, dalle pelli, dalle corna, dal miele e dalla cera, dal grasso, dal sapone, dal vino di more, dal vin cotto, dall aceto di mele e di vino, dalla birra, dal vino nuovo e da quello stagionato, dall ultimo raccolto di grano e da quello vecchio, dai polli, dalle uova, dalle oche, dai pescatori, dai fabbri, dai fabbricanti di scudi e dai calzolai, dai tornitori, dai sellai, [ ] dai fonditori di ferro e piombo, dai puledri e dalle puledre. 64. I nostri carri che noi utilizziamo in guerra siano ben fatti e le loro aperture siano ben Titolo chiuse col cuoio, così ben cuciti che se si presentasse la necessità di dover attraversare l acqua a nuoto, possano valicare i fiumi con le derrate in essi contenute. [ ] E vogliamo che ogni carro sia carico della farina occorrente al nostro sostentamento, cioè dodici moggi di farina; su quelli che trasportano vino carichino dodici moggi [ ]; ogni carro sia provvisto di scudo e lancia, faretra e arco. 65. Gli iudices ci tengano informati sui mansi incolti e sui servi da poco acquisiti di cui dispongano, che non si sappia dove collocare. 68. Vogliamo che ogni singolo iudex abbia sempre pronti dei buoni barili cerchiati di ferro, che possano essere utilizzati nelle spedizioni militari o inviati a palazzo, e non faccia mai otri di cuoio. 69. Ci tengano sempre informati sulla presenza dei lupi, su quanti ciascuno ne ha catturati e ci facciano presentare le loro pelli.

6 6 Studente... Classe... Data... laboratorio Vogliamo che nell orto sia coltivata ogni possibile pianta: il giglio, le rose, la trigonella, Titolo la balsarnita, la salvia, la ruta, [ ] i cetrioli, i meloni, le zucche, il fagiolo, [ ] il rosmarino, il cumino, il cece, il gladiolo, l artemisia, l anice, l indivia, [ ] la lattuga, [ ] il ginepro, l aneto, il finocchio, la senape, [ ] la menta, il cavolo-rapa, i cavoli, le cipolle, i porri, il rafano, lo scalogno, l aglio, i cardi, le fave, i piselli, il coriandolo, il cerfoglio [ ]. Quanto agli alberi vogliamo che ci siano frutteti di vario genere: meli cotogni, noccioli, mandorli, gelsi, lauri, pini, fichi, noci, ciliegi di vari tipi. Nomi di mela: gozmaringa, geroldinga, crevedella, spiranca, dolci, acri, tutte quelle di lunga durata e quelle da consumare subito e le primaticce. Tre o quattro tipi di pere a lunga durata, quelle dolci, quelle da cuocere e quelle tardive. 2 Per capire chi lavorava nelle terre di Carlo Magno Individua negli articoli le persone che lavoravano all interno dei ministeria ed elencale in ordine di importanza Completa le frasi seguenti con l aiuto delle informazioni fornite dagli articoli del capitolare. 1. Gli iudices erano... avevano il compito di... non dovevano assolutamente Le donne vivevano in... avevano il compito di La familia era formata da... lavorava alle dipendenze di... doveva... poteva I ministeriales erano... avevano il compito di... Tra i ministeriales vi erano molti artigiani come... Osserva queste immagini tratte da miniature medievali: riconosci alcune categorie di lavoratori descritte nel capitolare? Scrivi per ciascuna illustrazione l attività svolta dai personaggi che vi sono raffigurati. a b c a b c

7 Studente... Classe... Data... laboratorio Per capire come era suddiviso il territorio descritto nel Capitulare de villis In alcuni articoli del Capitulare de villis si fa riferimento alle diverse parti in cui era divisa la proprietà fondiaria, alla presenza di terreno coltivato e terreno non coltivato, agli edifici presenti sul territorio. Ritrova nel capitolare gli articoli da cui puoi ricavare queste informazioni, poi riporta in una tabella il numero dell articolo e il tipo di informazione che fornisce, come indicato nell esempio. Articolo Tipo di informazione n. 5 Presenza di campi coltivati Ritrova nel capitolare gli articoli in cui si parla di villa, di curtis e di ministerium e scrivi la definizione dei tre termini, aiutandoti con quanto hai letto nella breve introduzione alla prima attività (p. 2) e nel libro di testo (vol. 2, pp ). La villa è... La curtis è... Il ministerium è. 4 Per capire che cosa arrivava in tavola nel Medioevo Molti articoli del capitolare ci forniscono importanti informazioni sugli alimenti più comuni prodotti e lavorati all interno della curtis. Ritrova gli articoli secondo te più significativi e completa l elenco indicando i diversi tipi di cibi divisi per categorie alimentari. Ortaggi.. Frutta... Carne o altre proteine... Bevande Condimenti... Osserva ora questa immagine e rispondi alle domande. Quali prodotti da te elencati sono raffigurati? Quali invece non sono presenti? Sapresti dire perché? Anonimo, Ultima cena, 1466.

8 8 Studente... Classe... Data... laboratorio 16 5 Per concludere Come conclusione del tuo lavoro completa la tabella seguente. Nella prima colonna abbiamo riportato le informazioni più importanti che possono essere ricavate dal Capitulare de villis; segna a fianco di ciascuna di esse il numero dell articolo o degli articoli da cui l abbiamo tratta (ricorda che un informazione può essere presente in più articoli e che uno stesso articolo può fornire diverse informazioni). Infine prova a completare la tabella aggiungendo altre informazioni, secondo te importanti e da noi tralasciate, e indicando gli articoli da cui le hai ricavate. Informazione Articoli 1. Carlo Magno controllava personalmente e costantemente il lavoro degli iudices 2. Gli iudices esercitavano tanto il potere amministrativo quanto quello giudiziario e ne rispondevano direttamente a Carlo 3. Gli iudices controllavano di persona il lavoro dei ministeriales 4. Gli iudices dovevano preoccuparsi di riscuotere le tasse in natura e di farle pervenire a chi di dovere 5. Il territorio era diviso in tre parti: una destinata al pascolo, una ai campi coltivati e una al bosco, che forniva legname e selvaggina 6. In ogni curtis dovevano esserci animali utili e animali ornamentali; particolare importanza avevano i cavalli 7. La curtis produceva anche tutto ciò che era necessario per le spedizioni militari 8. Ogni curtis era munita di mulini, frantoi, stalle, cucine e forni e gli spazi erano divisi da siepi di recinzione 9. Nella curtis lavoravano diversi tipi di artigiani 10. La curtis non produceva solo per la propria sussistenza: i prodotti in eccedenza venivano venduti al mercato

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

Lavoro cooperativo della classe 2^B TURISTICO a.s.2012/2013

Lavoro cooperativo della classe 2^B TURISTICO a.s.2012/2013 Lavoro cooperativo della classe 2^B TURISTICO a.s.2012/2013 Gli uomini e l ambiente La distribuzione della terra Una società immobile Gli strumenti della fatica: il lavoro nella curtis Lavoro cooperativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO ART. 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO COLLETTIVO ORIGINE NEL COMUNE CARAGLIO Il Comune di Caraglio, nell intento di promuovere i beni ed i servizi prodotti sul territorio comunale, adotta un marchio

Dettagli

I CIBI DELL ANTICA ROMA

I CIBI DELL ANTICA ROMA I CIBI DELL ANTICA ROMA I Romani primitivi erano frugalissimi, ma i loro discendenti dell età imperiale non badavano a spese per la buona tavola. Nelle villae si allevavano pesci, selvaggina, uccelli e,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013

Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013 Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013 Fascia altimetrica Colture vegetali MEDIA REGIONALE ettaro/coltura Pianura ACTINIDIA 300,00 Collina ACTINIDIA 275,00 Pianura ACTINIDIA SOTTO RETE ANTIGRANDINE

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE - MOLISE 2014-2020 BANDO

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Cambiamenti nei consumi alimentari

Cambiamenti nei consumi alimentari Cambiamenti nei consumi alimentari Evoluzione nel tempo Per lo studio dei consumi alimentari degli italiani è ovviamente necessario avvalersi di dati statistici, che pur con tutti i loro limiti consentono

Dettagli

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Tipo D.I.A. 01. 11. 10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01. 11.

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300

I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300 476 d.c. 1000 1492 I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300 Finiscono le ultime invasioni Migliora il clima Cresce la produzione Rinascono i mercati e le città Intanto l amicizia tra Chiesa e Impero si trasforma

Dettagli

il cibo nella storia

il cibo nella storia il cibo nella storia preistoria l uomo si nutriva di ciò che trovava nell era era Neolitica l uomo sperimentò l agricoltura e l allevamentol con la scoperta del fuoco il cibo veniva cotto 4000 a C. Gli

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

DIMAGRITE COME LE STAR

DIMAGRITE COME LE STAR DIMAGRITE COME LE STAR APPETITE STOP FAT BURNER METABOLISM BOOST COME DEVE ESSERE LA MIA ALIMENTAZIONE? LISTA DEGLI ALIMENTI COSA POSSO MANGIARE? PERCHÉ NON POSSO CONSUMARE INDICAZIONI PER 30 GIORNI

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

L evoluzione dei sapori

L evoluzione dei sapori Cosa mangiavano i nostri bisnonni? La preparazione del cibo allora e oggi Il ruolo della tecnologia in cucina L evoluzione dei sapori OGM e conservazione alimentare Cosa mangiavano i nostri bisnonni..

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Attivi per il clima FOGLIO DI LAVORO CONSUMO 1

Attivi per il clima FOGLIO DI LAVORO CONSUMO 1 Attivi per il clima FOGLIO DI LAVORO CONSUMO 1 Acquisti eco-sostenibili Facendo acquisti in un supermercato bisogna considerare diversi aspetti: Come sono i prodotti?: Regionali? Provengono dall Alto Adige

Dettagli

AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio)

AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio) AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio) La classe si è recata al mercato delle erbe per vedere gli ortaggi della stagione invernale. Gli ortaggi sono venduti dagli stessi produttori. Oltre agli

Dettagli

Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia. Obbligo dei contadini. La signoria fondiaria. Un economia aperta

Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia. Obbligo dei contadini. La signoria fondiaria. Un economia aperta Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia Obbligo dei contadini Residenza del signore: il castello Giornata tipo del contadino La signoria fondiaria Un economia aperta Il mondo

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro)

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro) Sommario 1. Interscambio commerciale Italia - Federazione Russa 1 2. Interscambio commerciale agroalimentare Italia - Federazione Russa 3 3. I principali prodotti agroalimentari importati ed esportati

Dettagli

Copertina. L Orto delle lune

Copertina. L Orto delle lune Copertina L Orto delle lune 1 Rosa dei Venti Gobba a ponente Luna Crescente Gobba a levante 2 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Preparazione Semina Trapianto Piantagione Potatura Raccolta Luna

Dettagli

Scopri le fattorie didattiche su. www.piemonteagri.it

Scopri le fattorie didattiche su. www.piemonteagri.it Scopri le fattorie didattiche su www.piemonteagri.it benvenuti in fattoria! Vi siete mai chiesti come si ottiene la farina dal grano? Oppure come si fa un formaggio partendo dal latte appena munto? E come

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura. Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura. Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 Sottomisura 6.1 Aiuto all avviamento di imprese per giovani

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Fattoria didattica La Fonte per la scuola.

Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Le giornate che proponiamo offrono la possibilità di approfondire il legame che unisce il cibo, l'ambiente e la salute e di riflettere su una più consapevole

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Cipolle e Mela Verde. PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Carciofo

PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Cipolle e Mela Verde. PRODOTTO Le Masserie del Duca,Crema di Carciofo Le Masserie del Duca,Crema di Carciofo Carciofo 45%, Patate, Olio agrumato al Limone, aceto di vino,sale, erbe aromatiche, aglio e senape. NOTIZIE SULLA PREPARAZIONE E CON I carciofi vengono trasformati

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 SALSA AL POMODORO E BASILICO sedano, carota, cipolla, pomodoro, basilico, olio extra vergine di oliva,, parmigiano SALSA X RISOTTO AL POMODORO E BASILICO

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Indice Ricette di Buona Cucina

Indice Ricette di Buona Cucina Indice Ricette di Buona Cucina Stuzzichini Bruschetta semplice... 66 Bruschetta al pomodoro... 67 Bruschetta ricca... 68 Formaggio greco con olive e basilico... 70 Pomodorini alla mozzarella e pesto...

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Cereali. Frumento-Grano Mais-Granturco Farro. Grano Saraceno Segale Avena. Fagiolo Bianco. Soia: Germogli Lenticchia Lenticchia Rossa. Fava.

Cereali. Frumento-Grano Mais-Granturco Farro. Grano Saraceno Segale Avena. Fagiolo Bianco. Soia: Germogli Lenticchia Lenticchia Rossa. Fava. Cereali Orzo Riso Frumento-Grano Mais-Granturco Farro Grano Saraceno Segale Avena Miglio Sorgo Legumi e Semi Tofu o Formaggio di Soia Fagiolo comune Fagiolo nero Miso o Pasta di Soia Fagiolo Bianco Soia:

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7

ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7 TAB. 1 Tabella valori medi unitari convenzionali standard di tempo di lavoro e reddito da lavoro ai fini delle qualifiche

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni LC 1

Menù espresso per 14 giorni LC 1 Menù espresso per 14 giorni LC 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

INDICE. Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Olio Extravergine di Oliva, 100% Unione Europea: Condimenti a base di Olio Extravergine di Oliva:

INDICE. Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Olio Extravergine di Oliva, 100% Unione Europea: Condimenti a base di Olio Extravergine di Oliva: INDICE Olio Extravergine di Oliva IGP, Toscana: Privilegio Privilegio BIO Cento Ulivi Pagina: 3 3 4 Olio Extravergine di Oliva, Toscana: La Casaccia 4 Olio Extravergine di Oliva, 100% Italiano: Filo d'oro

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

AGRICOLA PRIMA RISTAMPA - ERRATA v1.0 by WoodY TdG

AGRICOLA PRIMA RISTAMPA - ERRATA v1.0 by WoodY TdG AGRICOLA PRIMA RISTAMPA - ERRATA v1.0 by WoodY TdG Premessa: la ricerca degli errori è stata fatta mediante un controllo incrociato fra le carte della prima ristampa Stratelibri e il file Agricole 1 edizione

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

DOVE SI TROVA L EGITTO? IL NILO

DOVE SI TROVA L EGITTO? IL NILO Scuola dell infanzia G. Rodari Anno scolastico 2009/2010 IL GIORNO 4 NOVEMBRE 2009 SIAMO STATI AL MUSEO EGIZIO DI TORINO E CLAUDIA, LA NOSTRA GUIDA, CI HA SPIEGATO TANTE COSE SUGLI ANTICHI EGIZI E STATO

Dettagli

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA CUCINA CENTRALIZZATA ASP- SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA A cura della Dietista Dott.ssa Giulia De Nicola e in collaborazione con i Coordinatori Emiliano Papini

Dettagli

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE.

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DEI TERMINI IMMOBILIARI SEZIONE I: FABBRICATI ED AREE EDIFICABILI SEZIONE II: TERRENI AGRICOLI SEZIONE III: COLTURE

Dettagli

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai?

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? Nel periodo del Neolitico gli uomini hanno cambiato il loro modo di vivere: da cacciatori e raccoglitori sono diventati agricoltori e allevatori. Che cosa sai già? Dove abitavano gli uomini nel Neolitico?

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato 1 alla Determinazione n. 15737/706 DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI del 04.08.2009 Si ricorda che

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Michele D Agostino Maestro di Cucina ed Executive chef la pasta all uovo dall archivio dell Ateneo della Cucina Italiana PASTA ALL UOVO

Michele D Agostino Maestro di Cucina ed Executive chef la pasta all uovo dall archivio dell Ateneo della Cucina Italiana PASTA ALL UOVO Michele D Agostino Maestro di Cucina ed Executive chef la pasta all uovo dall archivio dell Ateneo della Cucina Italiana PASTA ALL UOVO INGREDIENTI: Gr. 800 farina tipo 00 Gr. 200 semola di grano Gr. 10

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Asilo Infantile di Chiavari PROGETTO FATTORIA

Asilo Infantile di Chiavari PROGETTO FATTORIA Asilo Infantile di Chiavari PROGETTO FATTORIA SCUOLA DELL INFANZIA DELLA TORRE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 31/08/2011 1 Il progetto nasce prima di tutto dalla consapevolezza che l ambiente, sia naturale

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA

NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA ALLEGATO 1 NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA COLTURE giornate/ettaro A) Erbacee 1) Grano 6 2)

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

MENU AUTUNNO INVERNO 2015/2016. Crema di verdure con crostini Polpettone di tacchino Insalata verde

MENU AUTUNNO INVERNO 2015/2016. Crema di verdure con crostini Polpettone di tacchino Insalata verde MENU AUTUNNO INVERNO 2015/2016 Coscetta di pollo Polpettone di tacchino Croccopollo e carote Tacchino al forno Scaloppina pizzaiola Vitello al forno e grana cotta Lonza agli aromi Polenta e spezzatino

Dettagli

Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna

Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna L azienda agricola Sassi della Luna è a Cenate, in provincia di Bergamo nella zona viticola della Valcalepio. L abbiamo pensata e creata quale

Dettagli

presso gli Orti Urbani Garbatella

presso gli Orti Urbani Garbatella Progetto Laboratorio Didattico di Permacultura Sommario Scopo del progetto...2 Situazione attuale...3 Il Laboratorio di Permacultura in dettaglio...6 Corso di Introduzione alla Permacultura...7 Schema

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

ALIMENTAZIONE ALIMENTI

ALIMENTAZIONE ALIMENTI ALIMENTAZIONE ALIMENTI 1 Cos è un alimento zink.to/alimento Prodotti alimentari (classificazione) Facciamo la pasta fresca Facciamo una confettura 2 Prodotti alimentari (classificazione) Derivati dai cereali:

Dettagli

Indice del volume. Prefazione di Georges Duby Ringraziamenti Premessa 3. Zuppe e pasta in brodo. Porrate e verdure STORIE DI CUCINA 7

Indice del volume. Prefazione di Georges Duby Ringraziamenti Premessa 3. Zuppe e pasta in brodo. Porrate e verdure STORIE DI CUCINA 7 Indice del volume Prefazione di Georges Duby Ringraziamenti Premessa 3 VII XI STORIE DI CUCINA 7 LA CUCINA MEDIEVALE OGGI 45 ALCUNI MENÙ 59 BRODETTI Zuppe e pasta in brodo 1. Cretonnée di piselli freschi

Dettagli

L ARTE DA ASSAGGIARE progetto realizzato da Silvia Bosio per la manifestazione «E se... la storia fosse cibo» progettata da Francesco Marino

L ARTE DA ASSAGGIARE progetto realizzato da Silvia Bosio per la manifestazione «E se... la storia fosse cibo» progettata da Francesco Marino L ARTE DA ASSAGGIARE progetto realizzato da Silvia Bosio per la manifestazione «E se... la storia fosse cibo» progettata da Francesco Marino ANTICA GRECIA Nella Grecia antica (circa IX sec. a.c.) la cucina

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

1 approfondimento. L imprenditore agricolo e le società agricole. (di Bobbio, Gliozzi e Lenti)

1 approfondimento. L imprenditore agricolo e le società agricole. (di Bobbio, Gliozzi e Lenti) 1 approfondimento L imprenditore agricolo e le società agricole (di Bobbio, Gliozzi e Lenti) Il nuovo testo dell art. 2135 del codice civile (introdotto dall art. 1 del d.lgs. 228/2001) ha ampliato la

Dettagli

PROGETTO DI AGRI-CULTURA

PROGETTO DI AGRI-CULTURA Azienda Agricola Fattoria Didattica Cascina Castellazzo Via Manzoni 16 20060 Basiano MI Partita IVA O4621120965 Fax 02 95761942 Paolo Panzeri 02 95761930 Dott. Barbara Grazia 02 95763021 PROGETTO DI AGRI-CULTURA

Dettagli

THE FORMER WOMEN FUELWOOD CARRIERS ASSOCIATION

THE FORMER WOMEN FUELWOOD CARRIERS ASSOCIATION ANBESA & ASS.EXODUS-E.C.S. E.C.S. PRESENTANO THE FORMER WOMEN FUELWOOD CARRIERS ASSOCIATION ADDIS ABEBA ETIOPIA WOMEN FUELWOOD CARRIERS ASSOCIATION Questo organismo viene fondato nel 1996 da alcuni gruppi

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

Dalla campagna a casa tua

Dalla campagna a casa tua Prodotti di agricoltura locale Dalla campagna a casa tua Ricevi a casa prodotti freschissimi di agricoltura locale a poche ore dal raccolto! Esci dal supermercato, entra in agricoltura Prodotti di agricoltura

Dettagli

L AMORE. Con la nostra Cucina, con la nostra Ospitalità vogliamo raccontare questa terra, i nostri valori e le nostre passioni. Buon Viaggio!

L AMORE. Con la nostra Cucina, con la nostra Ospitalità vogliamo raccontare questa terra, i nostri valori e le nostre passioni. Buon Viaggio! L AMORE E L Amore per il bello e per il buono che segna tutte le nostre scelte qui al Vespasia, che racconta la nostra storia e che ci aiuta a progettare il futuro. Cerchiamo le migliori materie prime

Dettagli

presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA

presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA Una fattoria didattica è l ambiente ideale per consentire al bambino di stabilire un contatto vero con la natura e il mondo agricolo. Trascorrere una giornata in

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli