IL RESTAURO DELL ARCO DEL PALAZZO DEL VICARIO E IL RIPRISTINO DELLA CAMPANA CIVICA NEL SACRARIO DEI CADUTI. a cura di Claudia Massi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RESTAURO DELL ARCO DEL PALAZZO DEL VICARIO E IL RIPRISTINO DELLA CAMPANA CIVICA NEL SACRARIO DEI CADUTI. a cura di Claudia Massi"

Transcript

1 IL RESTAURO DELL ARCO DEL PALAZZO DEL VICARIO E IL RIPRISTINO DELLA CAMPANA CIVICA NEL SACRARIO DEI CADUTI a cura di Claudia Massi

2

3 SOMMARIO 5 Roberta Marchi Sindaco di Pescia 5 Lando Silvestrini Presidente Associazione Quelli con Pescia nel cuore 7 Il palazzo del Vicario a Pescia: vicende restaurative Claudia Massi 15 Il restauro del Sacrario dei Caduti Anna Maria Maraviglia 19 La campana del palazzo del Vicario Claudio Stefanelli 23 L intervento di restauro dell arco sulla scalinata del palazzo del Vicario Laura Conca 27 Il resoconto dei lavori e le fotografie dei volontari 3

4 I restauri, promossi dall associazione Quelli con Pescia nel cuore e finanziati dalla stessa, sono stati diretti e coordinati dalla Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici per le province di Firenze, Pistoia e Prato nelle persone della dott.ssa Maria Cristina Masdea e dell arch. Valerio Tesi. Tecnico incaricato dei lavori per il Comune di Pescia: Arch. Anna Maria Maraviglia Opere murarie: INCERPI s.r.l. Via Umbria 15/b Uzzano Opere di tinteggiatura: Ditta BARGHINI MAURO, Via delle Casette Pescia Recupero lapideo: Ditta NARDINI GERMANO di Nardini Marco Vellano di Pescia Si ringraziano per la collaborazione: Le ditte: Fattorini Franco, Frateschi Paolo, Nuova Metalpress, Anzilotti Natale e Figli, Ferramenta Cecchi Ottavio, Tabaccheria Pagni, Negozio Da Franca e Casa della Penna. I signori: Renzo Angeli, Lorenzo Bartolomei, Luca Bernardini, Paolo Brunelli, Giacomo Celli, Raffaello Giometti, Renzo Michelotti, Sergio Ricciarelli e Claudio Stefanelli. I soci: Mario Biagioni, Benedetto Bonazzi, Roberto Bottaini, Laura Conca, Paolo Corona, M.Paola Ghilardi, Mario Losi, Michele Nicastro, Domenico Scalcione e Amedeo Valbonesi. IL RESTAURO HA GODUTO DI UN CONTRIBUTO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE, ASSESSORATO ALL ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO. 4

5 L Arco del Palazzo del Vicario, porta di accesso alla Casa Comunale e appena restaurato, contribuisce a dare lustro al notevole patrimonio artistico comunale. L Amministrazione a nome di tutta la cittadinanza ringrazia l Associazione Quelli con Pescia nel cuore, che ha finanziato i lavori, dando ancora una volta dimostrazione del suo affetto nei confronti della città. Preme sottolineare la competenza dimostrata nella scelta dei restauratori a cui si è unita l opera di volontariato dei concittadini che hanno effettuato altri lavori minori, ma indispensabili per rendere decoroso l accesso al Palazzo del Vicario. Roberta Marchi Sindaco di Pescia Ogni città, piccola o grande che sia, conserva nel suo centro storico importanti testimonianze del passato che cerca gelosamente di conservare, sia per tramandarle alle future generazioni, sia perché rappresentano un richiamo turistico che porta benefici all intera comunità. La nostra Associazione nasce nel 2002 proprio con il medesimo obiettivo, quello di collaborare con enti e istituzioni allo scopo di rimediare allo stato di degrado di certi monumenti un tempo orgoglio e vanto della città. Ecco che nel 2004 interviene sulla Fontana di Viale Fiume, nel 2007 è la volta della Cappella del Rio del Giocatolo e successivamente della Margine di San Michele, per terminare con l'odierno intervento con cui viene completato il recupero architettonico dell'area compresa fra il Palazzo del Vicario e la Cancelleria. Molto altro rimane da fare e, con calma, cercheremo di farlo. Importante è che i nostri soci non facciano mai mancare l apporto economico e diano la loro approvazione alle nostre scelte. La conferma della fiducia di cui godiamo si è materializzata proprio in occasione di quest ultimo intervento, durante il quale hanno offerto la loro opera gratuita diversi dei nostri iscritti. Termino ricordando, con un pizzico d orgoglio che, in collaborazione con l Amministrazione Comunale, siamo riusciti a far sentire nuovamente la voce della quattrocentesca campana, un tempo sulla sommità del Palazzo del Vicario, e ora conservata all interno del Sacrario. Quale suono più solenne potrebbe riportare alla mente il sacrificio dei nostri caduti? Lando Silvestrini Presidente Quelli con Pescia nel cuore 5

6 6

7 IL PALAZZO DEL VICARIO A PESCIA: VICENDE RESTAURATIVE Claudia Massi Le campane annunciavano coi loro rintocchi festosi il tanto atteso avvenimento; dal balcone della pretura, dalle finestre del palazzo del Vicario mutilato, nei cui uffici rinvenute delle granate inesplose, garriva al vento il tricolore unitamente alle bandiere degli alleati 1. Era l otto settembre del 1944 quando dalle finestre del mutilato palazzo del Vicario, lo sventolamento delle bandiere annunciava la fine dell occupazione tedesca a Pescia. Proprio in quel palazzo, uno dei più rappresentativi della città, da un lato si mostravano le ferite della guerra, documentate dalla fotografia scattata in quegli istanti con le macerie sul fronte principale, dall altro si annunciava a tutta la cittadinanza l avvenuta Liberazione. Assurgendo a emblema di un particolare evento storico, il monumento riusciva così a svolgere contemporaneamente un doppio ruolo, segnato dalla distruzione e dalla rinascita. Ubicato in una posizione privilegiata, il palazzo del Vicario chiude a nord la lunga piazza Mazzini, come se la sua facciata fosse il fondale di un teatro, un luogo civico in costante dialogo con quello sacro, rappresentato dall oratorio dei Santi Pietro e Paolo, sul lato opposto dello spazio pubblico. D altronde è da questo lato che il palazzo si percepisce in tutta la sua austerità anche da una certa lontananza, così come il suo prospetto est spicca sul fiume Pescia, quando lo si intravede attraversando il ponte del Duomo, all imbocco del lato civile della città. In questa area già dai primi anni del Quattrocento si trovavano tre palazzi concepiti per la gestione del bene pubblico e per l amministrazione della comunità, il palazzo del Podestà 2, la Cancelleria e il palazzo del Vicario. Quest ultimo è comunicante a est con la Cancelleria, mentre a ovest è in prossimità, separato da due strade parallele, dal palazzo del Podestà, sul versante occidentale del colle dei Fabbri. 7

8 Dal 1345 in poi a Pescia il Vicario fu insediato stabilmente. Il suo compito era quello di soprintendere alle Milizie delle Valli di Nievole e Arriana, aveva superiorità sui Potestà delle dette valli, giudicava in cause criminali e stava in ufficio sei mesi. Ma nel 1424, a istanza del comune di Pescia, fu riunito l ufficio di Potestà a quello del Vicario 3 e da questa data il palazzo del Vicario divenne l unica sede del potere pubblico. Il modello tipologico di questo palazzo è simile a quello di altri edifici pubblici di comunità vicine, come Uzzano 4, o più lontane, come Pistoia e Prato. Privo di torre, compatto di volume, ha planimetria quadrangolare, scarse aperture a forma di bifora o di trifora. Il fabbricato comprende inoltre elementi che caratterizzavano tutti i palazzi pubblici in Toscana: il cortile, la loggia e l arengo 5. Il cortile accoglieva una scalinata monumentale, dalla quale gli oratori sentenziavano le condanne e amministravano la giustizia verso la popolazione riunita nello spazio circostante (arengo), oltre ad essere utilizzata per accedere alle prigioni. La loggia era uno spazio di sosta, in cui si decidevano le sentenze giudiziarie o si assegnavano le investiture. 8

9 A Pescia, il cortile rappresentava una sorta di prolungamento tra lo spazio interno e quello esterno. Il sistema palazzo-piazza diventava così il fulcro civile della città contrapposto a quello religioso, rappresentato dalla cattedrale, dall altra parte del fiume. Anche la pianta del 1621, redatta da Michele Ciochi, evidenzia lo spazio di fronte al palazzo, in cui il disegno geometrico degli elementi pavimentali, delineato da fasce di pietra e da lastricato di laterizio, rimanda quasi a una piazza in una piazza più grande, una soluzione forse tesa a sottolineare il potere civile attinente ai due edifici, il palazzo del Vicario e la Cancelleria. Secondo un attenta ricostruzione storica redatta da Alessandro Merlo 6, restituita anche graficamente, vengono ripercorse le vicende costruttive del palazzo del Vicario, dotato di una loggia negli anni Settanta del Trecento al piano terra del fabbricato, nella porzione orientata verso l attuale piazza degli Obizzi. All epoca l edificio era però in un tale stato di degrado che nel 1374 si volle consolidarlo attraverso la chiusura delle arcate, a esclusione di quella prospiciente la piazza del mercato. Negli stessi anni venne anche rinnovata la copertura 7. 9

10 A partire dal XV secolo nel palazzo erano presenti al piano terra, nell ala che guarda la Pescia, i locali adibiti a prigione; sempre nella stessa parte terrena vi erano la stalla con il magazzino, gli alloggi dei meno titolati componenti della famiglia e la cucina. Al piano superiore trovava posto la sala dove si celebravano i consigli, che poteva avere molteplici funzioni, come ad esempio quella di aula di giustizia e sala d armi. Affreschi con temi sacri e profani dovevano adornare le sale interne. Altro locale presente, come in tutti gli edifici pubblici di una certa importanza, era la cappella posta, nel nostro caso nel cortile. Le stanze private del Vicario si trovavano nella zona più recondita dell edificio 8. Nel 1584 venne elaborato un progetto di sistemazione e ampliamento delle prigioni verso il fiume, ma per evitare inopportune manomissioni alle mura cittadine, si preferì restaurare le carceri esistenti e soltanto nel 1698 venne concessa la torre civica per impiantarvi le prigioni 9. Nella già citata pianta seicentesca, il palazzo viene raffigurato con le mura merlate di delimitazione del cortile, al quale si accede tramite un apertura, sottolineata dal disegno dell ammattonato della pavimentazione. In facciata, in alto, è visibile un frontone a vela con la campana. L edificio sul lato est è addossato alle mura cittadine e, per consentire l entrata o l uscita sul lungofiume in caso di pericolo, ha nell immediate vicinanze la porta del soccorso, che agli inizi del Novecento fu spostata nella posizione attuale, per dar vita a un cantino o chiasso. Nel 1719 vennero eseguiti interventi di restauro, diretti dall ingegnere Stefano Zocchi di Firenze, alla facciata, al salone e all appartamento del vicario 10. Osservando una fotografia risalente ai primi anni del Novecento, è chiaro che la facciata del palazzo presentava ai primi due piani un paramento di pietra a filaretto, mentre agli altri due un intonaco. All ultimo piano svettava un complesso fastigio a coronamento di stile barocco, comprendente un campanile di piccole dimensioni a vela. Il piano terra, un portico, coperto a terrazza, aveva pareti laterali e pilastri di finto bozzato. Quando l ultimo vicario che governò a Pescia, Ferdinando Corbelli, consegnò in data 31 dicembre 1849 l ufficio a Luciano del Chiaro, primo pretore della città 11, l edificio aveva bisogno di ingenti lavori di restauro. Solo nel 1886 però furono invitati i tecnici a presentare solu- 10

11 zioni progettuali indirizzate verso un restauro stilistico, per riportare il palazzo alle sue primitive condizioni, seconda la moda del tempo. Due furono i progetti vagliati dal sindaco Franco Sainati, l uno redatto dal pesciatino Giulio Bernardini e l altro dall ingegnere del Genio Civile di Lucca. Erano questi i cinque punti essenziali dell intervento del primo progettista: demolizione dell avancorpo di fabbrica coperto da terrazza e attualmente destinato a magazzino per i cantonieri, nonché alla fontana pubblica prospiciente sulla piazza e del portone di ingresso al cortile; numero quattro di aperture da praticarsi nei vani degli archi a sesto acuto del muro del palazzo corrispondente sulla via dell Arancio; demolizione di alcune pareti interne di divisione al piano terreno e costruzione di altro; costruzione di un muro di cinta al terreno comunale sulla via Francesco Forti con cancello in ferro sostenuto da pilastri di materiale laterizio; demolizione delle sporgenze inutili alla facciata del palazzo pretorio sulla via Francesco Forti e arriccio e intonaco e coloritura della medesima 12. Il secondo progettista invece indicava solo tre punti sostanziali: nella demolizione di quella parte della terrazza-coperta che ricorre lungo la via dell Arancio per il fronte principale del palazzo pretorio e il limite attuale della piazza Vittorio Emanuele; nella apertura di una porta nel muro che chiude gli archi a sesto acuto lungo la via dell Arancio; nella chiusura infine di alcune porte nei muri interni del piano terreno, e nella costruzione di vari divisori in muramento, riconosciuti indispensabili per dare ai magazzini in progetto la migliore distribuzione, ed un cancello indipendente l uno dall altro 13. In entrambi i progetti si prevede di demolire il portico-terrazza e di eliminare il muro del cortile, compresa la fontana pubblica, così da ampliare la piazza Vittorio Emanuele e trasformare i locali del piano terreno. Ma i lavori procedettero con lentezza e in quella circostanza fu tolto solamente il muro di cinta. Dal 1907 al 1909 alcuni locali del piano terra accolsero il cinema Marconi 14. Soltanto nel 1916 i prospetti del palazzo furono riportati alle condizioni originarie, ripristinando l apparecchio murario di pietra arenaria a faccia a vista 15. Attraverso l ufficio comunale, rappresentato dal geometra Guido Michelotti, sotto la sorveglianza della Soprintendenza all Arte Medioevale e Moderna della Toscana, rappresentata dal professore Alfredo Barlacci, gli interventi restaurativi furono ultimati negli anni Trenta. 11

12 Secondo la relazione, attribuibile a Carlo Magnani, i lavori di restauro da svolgere sarebbero stati: rimozione terrazza di levante per la costruzione del nuovo accesso. Rimozione e rimontatura porta ingresso a levante. Chiusura porta, rinsaldamento dell angolo mezzogiorno a levante e costruzione finestra. Smontatura e rimontatura porta scala esterna e sistemazione del corrimano. Chiusura porta di mezzogiorno-riattamento finestra. Demolizione vecchia terrazza, costruzione del terrazzino a capo scala. Sistemazione di tre finestre al primo piano nella facciata di ponente. Sistemazione di qualche parte della facciata di mezzogiorno, saldatura archi a terreno etc. travi in cemento armato e consolidamento fabbricato. Saldatura mura esterne. Costruzione Sacrario. Rifondazione pilastro dell angolo mezzogiorno ponente. Rimozione e abbassamento del tetto e costruzione merlatura. Apertura due finestre, ripristino del terrazzo e sistemazione della facciata di ponente 16. Accanto alla vicenda dei restauri al palazzo si colloca la storia del nuovo sacrario dedicato ai caduti della Grande guerra. A Pescia il monumento ai caduti ebbe un percorso abbastanza difficile, tanto che si concluse con la collocazione al cimitero comunale di un opera bronzea plasmata da Agostino Giovannini, già autore di analoghi monumenti a Collodi e a Veneri, su un basamento disegnato da Giulio Bernardini. Anche in città tuttavia si volevano onorare i caduti dell ultima guerra, per cui Bernardo Fabbri, nuovo podestà, il 17 agosto 1935 riunì varie personalità, sottoforma di comitato, interessate alla realizzazione di una cappella, da collocare all interno del palazzo del Vicario, sottoposto all intervento di restauro 17. La parte più importante e preziosa di questi lavori deve essere il Sacrario; il quale, disegnato da un architetto di fiducia del Comitato, deve essere eseguito senza lesina e senza miseria; semplice sì, nudo, austero, ma senza appiccicature, senza surrogati, senza brutture 18. Come finanziamento, il comitato si fece carico del reperimento di fondi. Il progetto fu redatto dall ufficio tecnico comunale sotto la tutela della Soprintendenza all Arte Medioevale e Moderna di Firenze, che delegò la Sezione di Pisa, le cui indicazioni vennero recepite dal Comitato. Per le decorazioni pittoriche si fece ricorso a un importante pittore fiorentino, Giuseppe Dini, mentre a Libero Andreotti si chiese la Vittoria Alata, destinata ad altro monumento non realizzato, acquistata nel 1935 con le risorse finanziarie raccolte 19. A proposito del progetto di restauro, non si può dimenticare il parere negativo di Piero Sanpaolesi, funzionario della Soprintendenza pisana, circa l inserimento di merlature, non giustificabili culturalmente e, sotto il profilo strutturale, troppo gravose per l assetto dell edificio 20. I lavori di sistemazione del palazzo vicariale per essere adibito a sede comunale furono affidati alla ditta Giovanni Michele Massagli nel 1937, quelli per l impianto del riscaldamento furono assegnati alla ditta Luigi Bartoli e figli e quelli per la realizzazione di nuovi infissi per gli uffici dell anagrafe e igiene furono commissionati alla ditta Mario Maraviglia di Galileo 21. Il 27 novembre del 1937, il gabinetto del podestà e del segretario capo, la segreteria, la ragioneria e l ufficio delle tasse furono trasferiti nella nuova sede del palazzo del Vicario. Sempre nel 1937 si deliberò che l ufficio di Stato Civile Leva e Anagrafe, sarebbe stato collocato in un corpo aggiunto, sul lato ovest di via Forti, con un ingresso autonomo 22. E finalmente il 27 settembre 1938, con il collaudo dei lavori di muratura, il nuovo palazzo del Vicario si può considerare completato. 1 Nel X anniversario della Liberazione, 8 settembre settembre 1954, a cura dell Amministrazione Comunale di Pescia, Stamperia A. Benedetti, Pescia. 2 Cfr. AA.VV., Un palagio per la città. Note e contributi sul Palazzo del Podestà di Pescia in occasione del restauro del monumento e della sistemazione della Gipsoteca di Libero Andreotti, Casa Editrice EDAM, Firenze, G. Bernardini, Memorie sparse della Città di Pescia, Tipografia Nucci, Pescia, 1899, p

13 4 P. Vitali, Castello chiese e ville nel Comune di Uzzano in Valdinievole, in Uzzano percorsi nella storia, a cura di Alberto Maria Onori, Edimedia edizioni, Pescia, 2004, pp F. Cardini, S. Raveggi, Palazzi pubblici di Toscana. I centri minori, Sansoni, Firenze, 1983, pp A. Merlo, La loggia nella città medioevale. Genesi, rilievo e ricostruzione dei processi di trasformazione: l esempio di Pescia, Tesi di dottorato, Sezione Architettura e Disegno, Firenze, dicembre 2001, pp G. Salvagnini, Pescia, una città. Proposta metodologica per la lettura di un centro antico, La Valdera, Firenze, 1975, p A. Merlo, La loggia cit., p G. Salvagnini, Pescia, una comunità nel Seicento ( ), Firenze, Granducato, 1989, pp Ibidem, p G. Bernardini, Memorie sparse cit., p Relazione di Giulio Bernardini, architetto costruttore al sindaco di Pescia, 15 febbraio, 1888, in Fondo Nardini, c. 7, fascicolo 195, Biblioteca comunale di Pescia. 13 Relazione circa ai lavori che il Comune di Pescia si è proposto di eseguire per la riduzione dei locali terreni a quel palazzo pretorio, in Fondo Nardini, c. 7, fascicolo 195, Biblioteca comunale di Pescia. 14 G. Magnani, Pescia il volto di ieri, Litografia IP, Firenze, p A. Merlo, La loggia cit., p Relazione senza firma anche se è riconoscibile la calligrafia di Carlo Magnani, in Fondo Nardini, c. 7, fascicolo 195, Biblioteca comunale di Pescia. 17 SASPe, Postunitario, Beni comunali, Ibidem. 19 Senza autore, Per il monumento ai caduti, in Il Popolo della Valdinievole, 24 agosto SASPe, Postunitario, Comitato per il monumento ai Caduti, SASPe, Postunitario, Beni comunali, Ibidem. 13

14 14

15 IL RESTAURO DEL SACRARIO DEI CADUTI Anna Maria Maraviglia Il restauro dell arco del Palazzo del Vicario ad opera di Quelli con Pescia nel cuore, si aggiunge al recente intervento nel Sacrario dei Caduti, eseguito a cura del Lions Club di Pescia nella primavera di quest anno e curato dal restauratore e scultore Giuseppe Gavazzi di Firenze. L intervento ha riportato a nuovo splendore il locale, che si trova a piano terreno dell'antico fabbricato, ed era stato ricavato nel 1936 da un antica cappella già decorata con affreschi, databili fra il 1480 e il 1510, relativi a diversi Vicari di Pescia, tutti appartenenti a famiglie nobili fiorentine. Fra questi, possiamo ricordare il più antico, quello dei Pitti del 1481, poi dei Lucalberti del 1487, dei De Nobili 1497 e ancora dei Davanzati, degli Ubaldini, dei Paganelli, dei Federighi ecc. La fascia in basso con specchiature a finto marmo risale al momento in cui il locale venne destinato a Sacrario nel A destra dell ingresso nel 1937 fu ricavata un ampia nicchia in cui successivamente prese posto la Vittoria Alata, un bronzo dell artista pesciatino Libero Andreotti (Pescia Firenze 1933), uno dei massimi scultori italiani del suo tempo. L opera è collocata su un capitello medioevale di provenienza sconosciuta. Grazie al recentissimo interessamento dell associazione Quelli con Pescia nel cuore all'interno del Sacrario è ora custodita la medievale Campana Comunale (1472), un tempo sulla sommità del Palazzo. 15

16 16

17 17 Al centro della parete, di fronte all ingresso, si trova un piccolo altare, nell incavo sovrastante è collocato un affresco, proveniente dalla Torre del Seminario, Madonna col Bambino e Santi, databile al XVII secolo. Per lungo tempo, al suo posto era custodito un trittico trecentesco attribuito a Lorenzo Monaco, ora esposto nel Museo Civico. Nel 1998 venne aggiunta una scultura del collodese Agostino Giovannini: il Monumento ai Caduti, opera eseguita nel 1920 per il cimitero urbano di Pescia. Dato il continuo degrado del bronzo e la riconosciuta importanza artistica dell opera, il Comune ritenne opportuno sostituirla con una copia e collocare l originale nel Sacrario. Il locale, pur così importante e prezioso per la realtà locale, è rimasto trascurato per numerosi decenni, ma per fortuna, nella primavera del 2010, grazie al Lions Club Pescia, è arrivato l intervento restaurativo delle decorazioni, che ha riportato a nuova luce l intera Cappella.

18 18

19 LA CAMPANA DEL PALAZZO DEL VICARIO Claudio Stefanelli Fra le opere d arte appartenenti al Museo Civico gode di notevole rilievo una campana medievale, che fino a pochi anni fa, prima dell inizio dei lavori di restauro della sede museale, era collocata nell ingresso di Palazzo Galeotti sopra una pedana in legno. La campana è alta cm. 80 ed ha un diametro di cm. 66 nella parte inferiore (labbro), la parte superiore è dotata di un maniglione a sei anse (corona). La sua forma è tardo gotica ed è datata in caratteri romani e stile gotico

20 20

21 La decorazione esterna è costituita da alcune linee a rilievo, che l attraversano nella sua circonferenza in numero di quattro appena sopra il labbro e di sei nella parte superiore. Queste linee racchiudono vari elementi decorativi a rilievo compresa la data. I nove rilievi decorativi rappresentano e seguono questo ordine: Crocifissione fra Maria e S. Giovanni entro un tabernacolo; sigillo rappresentante un Leone passante su seminato di Francia sul cui capo c è il giglio fiorentino. Nel suo contorno c è una iscrizione poco leggibile, ma che si può presumere in TERRE DI PARTI GUELFE ; segue una Madonna col Bambino entro una edicola gotica; due sigilli di diverse dimensioni con Delfino in palo su seminato di Francia, nel suo contorno c è un iscrizione che recita SIGILLUM COMUNIS PISCIE. Inoltre, una Croce patente su sostegno, o ostensorio, entro cornice rettangolare decorata con motivi vegetali; un altro sigillo di Pescia; S. Antonio Abate entro un tabernacolo; un quarto sigillo di Pescia, di misura più grande. La data, MCCCCLXXII, è rappresentata da lettere rettangolari ognuna delle quali è decorata con motivi vegetali e animali ed è preceduta dalla medesima Croce patente, che riporta le solite caratteristiche decorative della data stessa. Con certezza sappiamo che fino al 1936 la campana era collocata in un magazzino al piano terra del palazzo del Vicario come testimoniato da una lettera del Podestà di Pescia datata 11 aprile dello stesso anno con cui veniva richiesto di riposizionare la campana, perché costituisce il più vivo desiderio della popolazione, il risultato tuttavia fu il trasferimento della stessa dal magazzino al Museo. Infatti la campana fu collocata a terra, all inizio del Novecento, dopo la sua rimozione dal campanile a vela che sovrastava la facciata del palazzo, a seguito dei tanto attesi lavori di restauro stilistico dell intero immobile, che l Arch. Giulio Bernardini aveva progettato nel 1888 per eliminare le numerose trasformazioni che la struttura aveva subito in epoca barocca. Oltre alle vecchie foto che dimostrano la precedente e funzionale collocazione della campana, un altro significativo elemento ci indica il punto esatto da cui la campana veniva azionata dal campanaro, ossia il foro attraverso il quale scorreva la fune, ancora oggi visibile in alto, a sinistra dell ingresso del Sacrario dei Caduti. Non abbiamo notizie in merito alla collocazione della campana nel periodo antecedente il 600, quasi certamente è da correlare a quei lavori lunghi e costosi deliberati il 13 marzo 1457, che prevedevano la riparazione e successiva espansione del palazzo. 21

22 22

23 L INTERVENTO DI RESTAURO DELL ARCO SULLA SCALINATA DEL PALAZZO DEL VICARIO Laura Conca Osservazioni preliminari La superficie in pietra serena dell arco e degli stemmi annessi si presentava coperta da una pellicola di sporco atmosferico e polverulento che raggiungeva uno spessore consistente (croste nere) nelle zone non sottoposte al dilavamento diretto della pioggia e nei sottosquadri del modellato. La microflora (muschi) era presente un po ovunque e sul margine di alcune commettiture vi erano tracce di calcare formatosi a causa dell infiltrazione dell acqua piovana. Inoltre si osservava il forte degrado a cui era sottoposta la pietra soggetta sia al fenomeno di esfoliazione che di sfarinamento. Si evidenziava inoltre una serie di fratture e microfratture più o meno profonde che avevano provocato il distacco totale di alcuni pezzi di modellato. Si sono notate anche vecchie stuccature di malta cementizia eseguite probabilmente in precedenti interventi di restauro. 23

24 24

25 Intervento di restauro Spolveratura dei depositi di polvere con pennelli di setola naturale. Pulitura della superficie della pietra mediante piccole spazzole e acqua demineralizzata. Dove lo sporco risultava più tenace e dove erano presenti le croste nere sono stati eseguiti degli impacchi di carbonato di ammonio disciolto in acqua demineralizzata supportato da polpa di carta. Stesura di un opportuno biocida nei punti con presenza di microflora. Rimozione con bisturi o resine a scambio ionico desolfatanti del calcare formatosi per infiltrazioni di acqua piovana. Rimozione meccanica a bisturi e per mezzo di piccoli scalpelli in widia di alcune vecchie stuccature in malta cementizia. Consolidamento della pietra serena con silicato di etile. Iniezioni di resina epossidica ad alta fluidità dove erano presenti profonde fratture, sigillate temporaneamente con una membrana di gomma facilmente rimovibile. Nelle fratture più profonde la resina iniettata è stata addensata con della silice micronizzata. Integrazione volumetrica delle lacune del modellato che risultavano più deturpanti con malta a base di calce e legante acrilico. Stuccatura delle commettiture con malta a base di calce, sabbia, terre naturali e legante acrilico. Stuccatura e microstuccatura della pietra con stucco cellulosico addizionato a polvere di pietra e pigmenti minerali. Creazione, sulla parte superiore dell arco, di una mantellina di malta impermeabilizzante per evitare infiltrazioni di acqua piovana. Patinature diverse con terre naturali disciolte in acetone con aggiunta di resina fluororata al 3%. Stesura finale a pennello di un protettivo a base siliconica. 25

26 26

27 RESOCONTO DEI LAVORI E LE FOTOGRAFIE DEI VOLONTARI Restauro dell Arco del Palazzo del Vicario. Pulizia della cimasa del muretto esterno della scala. Nuova intonacatura e tinteggiatura muretto esterno della scala. Nuova intonacatura e tinteggiatura della parete a retta del ballatoio. Nuova tinteggiatura di porta, finestre e inferriate della stanza ai piedi della scala. Sostituzione della malta del muro a faccia vista a sostegno del ballatoio. Collocazione di una piccola mantovana in piombo al cordolo del ballatoio. Nuova commettitura degli scalini. Nuova tinteggiatura del corrimano della scala e della ringhiera del ballatoio. Nuova tinteggiatura della inferriata a ventaglio della terrazza comunale. Restauro e ripristino delle parti mancanti di due torciere a muro Palazzo del Vicario. Nuova tinteggiatura e sistemazione del portone a sinistra del Palazzo del Vicario. Ripristino di alcune pietre mancanti della facciata del Palazzo del Vicario. Nuova tinteggiatura della cancellata del Sacrario dei Caduti. Dono di un telaio in ferro battuto a sostegno della campana comunale. Dono di un leggio in plexiglas con descrizione del Sacrario dei Caduti. Dono di un portabandiera per il Sacrario dei Caduti. 27

28 28

29 29

30 30

31 31

32 32

33 33

34 34

35 35

36 Finito di stampare nel novembre 2010 dalla Casa della Penna di Enrico Gobbi & C. Pescia

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI CINCOTTO ADRIANO RESTAURO CONSERVATIVO Cannaregio, 1333/c 30121 VENEZIA PALAZZO COLOMBO VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI 1 RELAZIONE DI INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

IL RESTAURO. Da monumento ad abitazione. 88 RISTRUTTURA Case e Casali

IL RESTAURO. Da monumento ad abitazione. 88 RISTRUTTURA Case e Casali Da monumento ad abitazione 88 RISTRUTTURA Case e Casali Il recupero della Badia di Santa Maria a Vigesimo nel Mugello trasformata in una serie di abitazioni che la ditta Gecof ha saputo rinnovare ed adeguare

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA ORATORIO BIONDETTI VENEZIA Restauro conservativo elementi lapidei facciate RELAZIONE DI INTERVENTO 1 Descrizione dell opera da restaurare L Oratorio Biondetti è sito in Campo San Vio a Venezia. La sua

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo)

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo) DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI 24030 ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) / VIA G. FALCONE, 1 / TEL./ FAX 035/540020 E-MAIL: crnarch@tiscalinet.it / COD. FISC. : RTN CSR 35D11 A216P / PARTITA IVA 00041690165

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Città di Castano Primo

Città di Castano Primo Città di Castano Primo Variante Piano delle Regole 2012 Nucleo di Antica Formazione Doc C02 Catalogo Elementi decorativi e di interesse artistico Sindaco Franco Rudoni Città di Castano Primo Assessorato

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE 01 Materiale: marmo bianco di Carrara e pietra di Bellona (calcare bianco compatto proveniente dalle cave di Santo Iorio presso Capua denominato impropriamente

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

Il gravoso impegnativo compito

Il gravoso impegnativo compito IRSINA: UN CASO EMBLEMATICO DELLE COMPLESSE PROBLEMATICHE DEL RESTAURO di Benedetta Di Mase BASILICATA REGIONE Notizie Il gravoso impegnativo compito della tutela, conservazione e valorizzazione di ogni

Dettagli

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

CAMPO VALLEMAGGIA. chiesa parrocchiale di san Bernardo

CAMPO VALLEMAGGIA. chiesa parrocchiale di san Bernardo CAMPO VALLEMAGGIA chiesa parrocchiale di san Bernardo Campagna di restauro 2010-2012 Cappella della Madonna del Carmelo Muralto, dicembre 2012 Gabriele Vittorio Grimbühler Conservatore-restauratore SKR

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE)

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Tesi di Specializzazione in Restauro dei Monumenti Anno Accademico 2006-2007 Andreea Enache Caterina Zanone La Chiesa

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE 413 ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE Chiostro di S. Pietro Martire trasformato in manifattura tabacchi,

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNAAFFRESCHI INTERNO UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI LOGGIA ESTERNA Nel soffitto della loggia esterna sono posti

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita Rif 0348 Vecchia Cantina in vendita www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita 150.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Torrita di Siena Siena Toscana Italia Superficie

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Adele Mormino Lina Bellanca Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Cantieri oggetto di applicazione del programma SICAR: Albergo dei Poveri Arsenale della Real Marina

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI.

LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI. LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI. 1. Palazzo Agucchi Uno degli interventi di restauro che ci ha permesso di fare

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo.

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. 1 Descrizione morfologica e tipologica Villa de Bellat è posizionata all interno di una vasta area agricola, situata in destra

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA

LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA Le condizioni della copertura al momento dell intervento, con la croce, mutila del braccio verticale superiore, ancora in sito. La copertura,

Dettagli

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA CINCOTTO ADRIANO Restauro conservativo Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA 1 RELAZIONE D INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA INDICE 1. STATO CONSERVATIVO ANTECEDENTE INTERVENTO.

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA Diocesi di Adria-Rovigo LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA restauro Committente: PARROCCHIA DI SANTA MARGHERITA V.M. SARZANO,

Dettagli

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 - Sommario Mappa dell area

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI Gli abachi degli elementi ricorsivi allegati raccoglie le norme ed il repertorio degli esempi a cui si dovrà fare riferimento nella progettazione dei singoli interventi sugli

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Stazione di Santa Maria Novella

Stazione di Santa Maria Novella CONCORSO CONOSCERE LA PROPRIA CULTURA ITINERARIO NELLA FIRENZE DELLA GUERRA Stazione di Santa Maria Novella Il progetto per il potenziamento della stazione di Santa Maria Novella ricevette l approvazione

Dettagli

CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE. Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch.

CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE. Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch. Comune di Brescia Provincia di Brescia CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch. Carlo Ivan Serino Luglio 2007 Note

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

PIAZZA ACHILLI RAOUL ang. Via MADONNA DELLE GRAZIE

PIAZZA ACHILLI RAOUL ang. Via MADONNA DELLE GRAZIE INDICE Esistenti PIAZZA ACHILLI RAOUL ang. Via MADONNA DELLE GRAZIE... 2 VIA CANAZZA 37... 3 VIA CANAZZA 46 angolo Via Trivulzio... 4 VIA CANAZZA 65... 5 VIA CANOVA angolo VIA S.TERESA DEL B.GESU'... 6

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia.

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il XV secolo a Pescia e in Valleriana. Fig. 1. Giovanni di Bartolomeo Cristiani?, Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista, Giovanni

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo Con l obiettivo di restituire all antico edificio le riserve di duttilità e di stabilità che i danni allora subiti le avevano fatto

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE Consegna dei lavori: i lavori sono stati consegnati il 21/05/2003 Data di ultimazione

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

L immobile si presenta in buone condizioni generali, con le coperture rifatte di recente, insieme ai canali di gronda ed ai discendenti.

L immobile si presenta in buone condizioni generali, con le coperture rifatte di recente, insieme ai canali di gronda ed ai discendenti. RELAZIONE SULLO STATO DI CONSERVAZIONE DELL IMMOBILE DI COGGIOLA DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ITALIANA PER L AUTISMO L immobile si presenta in buone condizioni generali, con le coperture rifatte di recente,

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci

I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci E controverso se il primitivo Palazzo Arcivescovile si trovasse ove si trova l attuale oppure fosse presso il chiostro di S. Lorenzo in corrispondenza

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

Cenni storici. PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII

Cenni storici. PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII Eseguito dall impresa Arte Restauro Conservazione di Arlotto Cristina Maria e C. S.a.s. Lavori di restauro in OS. Cenni storici Soprintendenza

Dettagli

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00 CIMITERO URBANO L elenco delle opere di investimento da eseguire nell arco della temporalità del project financing e nella tempistica che sarà indicata nelle successive fasi progettuali si possono così

Dettagli

RESTAURO. filologico IL RUSTICO RESTITUITO ALLA STORIA GRAZIE ALL INTERVENTO DELL ACHITETTO LEONARDO TOGNI. PROGETTO ARCH.

RESTAURO. filologico IL RUSTICO RESTITUITO ALLA STORIA GRAZIE ALL INTERVENTO DELL ACHITETTO LEONARDO TOGNI. PROGETTO ARCH. arch. togni imp.10pag_layout 1 26/09/11 09:11 Pagina 1 PROGETTO ARCH. LEONARDO TOGNI IL RUSTICO RESTITUITO ALLA STORIA GRAZIE ALL INTERVENTO DELL ACHITETTO LEONARDO TOGNI. arch. togni imp.10pag_layout

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICA 1.1 PREMESSA Il lavoro oggetto della presente relazione è relativo ai lavori di rifacimento della copertura dell edificio destinato a Laboratorio di Analisi del Presidio

Dettagli

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012 DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO CRISTO CROCIFISSO, Maestro di Camaiore, scultura lignea policroma

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli