IL RESTAURO DELL ARCO DEL PALAZZO DEL VICARIO E IL RIPRISTINO DELLA CAMPANA CIVICA NEL SACRARIO DEI CADUTI. a cura di Claudia Massi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RESTAURO DELL ARCO DEL PALAZZO DEL VICARIO E IL RIPRISTINO DELLA CAMPANA CIVICA NEL SACRARIO DEI CADUTI. a cura di Claudia Massi"

Transcript

1 IL RESTAURO DELL ARCO DEL PALAZZO DEL VICARIO E IL RIPRISTINO DELLA CAMPANA CIVICA NEL SACRARIO DEI CADUTI a cura di Claudia Massi

2

3 SOMMARIO 5 Roberta Marchi Sindaco di Pescia 5 Lando Silvestrini Presidente Associazione Quelli con Pescia nel cuore 7 Il palazzo del Vicario a Pescia: vicende restaurative Claudia Massi 15 Il restauro del Sacrario dei Caduti Anna Maria Maraviglia 19 La campana del palazzo del Vicario Claudio Stefanelli 23 L intervento di restauro dell arco sulla scalinata del palazzo del Vicario Laura Conca 27 Il resoconto dei lavori e le fotografie dei volontari 3

4 I restauri, promossi dall associazione Quelli con Pescia nel cuore e finanziati dalla stessa, sono stati diretti e coordinati dalla Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici per le province di Firenze, Pistoia e Prato nelle persone della dott.ssa Maria Cristina Masdea e dell arch. Valerio Tesi. Tecnico incaricato dei lavori per il Comune di Pescia: Arch. Anna Maria Maraviglia Opere murarie: INCERPI s.r.l. Via Umbria 15/b Uzzano Opere di tinteggiatura: Ditta BARGHINI MAURO, Via delle Casette Pescia Recupero lapideo: Ditta NARDINI GERMANO di Nardini Marco Vellano di Pescia Si ringraziano per la collaborazione: Le ditte: Fattorini Franco, Frateschi Paolo, Nuova Metalpress, Anzilotti Natale e Figli, Ferramenta Cecchi Ottavio, Tabaccheria Pagni, Negozio Da Franca e Casa della Penna. I signori: Renzo Angeli, Lorenzo Bartolomei, Luca Bernardini, Paolo Brunelli, Giacomo Celli, Raffaello Giometti, Renzo Michelotti, Sergio Ricciarelli e Claudio Stefanelli. I soci: Mario Biagioni, Benedetto Bonazzi, Roberto Bottaini, Laura Conca, Paolo Corona, M.Paola Ghilardi, Mario Losi, Michele Nicastro, Domenico Scalcione e Amedeo Valbonesi. IL RESTAURO HA GODUTO DI UN CONTRIBUTO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE, ASSESSORATO ALL ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO. 4

5 L Arco del Palazzo del Vicario, porta di accesso alla Casa Comunale e appena restaurato, contribuisce a dare lustro al notevole patrimonio artistico comunale. L Amministrazione a nome di tutta la cittadinanza ringrazia l Associazione Quelli con Pescia nel cuore, che ha finanziato i lavori, dando ancora una volta dimostrazione del suo affetto nei confronti della città. Preme sottolineare la competenza dimostrata nella scelta dei restauratori a cui si è unita l opera di volontariato dei concittadini che hanno effettuato altri lavori minori, ma indispensabili per rendere decoroso l accesso al Palazzo del Vicario. Roberta Marchi Sindaco di Pescia Ogni città, piccola o grande che sia, conserva nel suo centro storico importanti testimonianze del passato che cerca gelosamente di conservare, sia per tramandarle alle future generazioni, sia perché rappresentano un richiamo turistico che porta benefici all intera comunità. La nostra Associazione nasce nel 2002 proprio con il medesimo obiettivo, quello di collaborare con enti e istituzioni allo scopo di rimediare allo stato di degrado di certi monumenti un tempo orgoglio e vanto della città. Ecco che nel 2004 interviene sulla Fontana di Viale Fiume, nel 2007 è la volta della Cappella del Rio del Giocatolo e successivamente della Margine di San Michele, per terminare con l'odierno intervento con cui viene completato il recupero architettonico dell'area compresa fra il Palazzo del Vicario e la Cancelleria. Molto altro rimane da fare e, con calma, cercheremo di farlo. Importante è che i nostri soci non facciano mai mancare l apporto economico e diano la loro approvazione alle nostre scelte. La conferma della fiducia di cui godiamo si è materializzata proprio in occasione di quest ultimo intervento, durante il quale hanno offerto la loro opera gratuita diversi dei nostri iscritti. Termino ricordando, con un pizzico d orgoglio che, in collaborazione con l Amministrazione Comunale, siamo riusciti a far sentire nuovamente la voce della quattrocentesca campana, un tempo sulla sommità del Palazzo del Vicario, e ora conservata all interno del Sacrario. Quale suono più solenne potrebbe riportare alla mente il sacrificio dei nostri caduti? Lando Silvestrini Presidente Quelli con Pescia nel cuore 5

6 6

7 IL PALAZZO DEL VICARIO A PESCIA: VICENDE RESTAURATIVE Claudia Massi Le campane annunciavano coi loro rintocchi festosi il tanto atteso avvenimento; dal balcone della pretura, dalle finestre del palazzo del Vicario mutilato, nei cui uffici rinvenute delle granate inesplose, garriva al vento il tricolore unitamente alle bandiere degli alleati 1. Era l otto settembre del 1944 quando dalle finestre del mutilato palazzo del Vicario, lo sventolamento delle bandiere annunciava la fine dell occupazione tedesca a Pescia. Proprio in quel palazzo, uno dei più rappresentativi della città, da un lato si mostravano le ferite della guerra, documentate dalla fotografia scattata in quegli istanti con le macerie sul fronte principale, dall altro si annunciava a tutta la cittadinanza l avvenuta Liberazione. Assurgendo a emblema di un particolare evento storico, il monumento riusciva così a svolgere contemporaneamente un doppio ruolo, segnato dalla distruzione e dalla rinascita. Ubicato in una posizione privilegiata, il palazzo del Vicario chiude a nord la lunga piazza Mazzini, come se la sua facciata fosse il fondale di un teatro, un luogo civico in costante dialogo con quello sacro, rappresentato dall oratorio dei Santi Pietro e Paolo, sul lato opposto dello spazio pubblico. D altronde è da questo lato che il palazzo si percepisce in tutta la sua austerità anche da una certa lontananza, così come il suo prospetto est spicca sul fiume Pescia, quando lo si intravede attraversando il ponte del Duomo, all imbocco del lato civile della città. In questa area già dai primi anni del Quattrocento si trovavano tre palazzi concepiti per la gestione del bene pubblico e per l amministrazione della comunità, il palazzo del Podestà 2, la Cancelleria e il palazzo del Vicario. Quest ultimo è comunicante a est con la Cancelleria, mentre a ovest è in prossimità, separato da due strade parallele, dal palazzo del Podestà, sul versante occidentale del colle dei Fabbri. 7

8 Dal 1345 in poi a Pescia il Vicario fu insediato stabilmente. Il suo compito era quello di soprintendere alle Milizie delle Valli di Nievole e Arriana, aveva superiorità sui Potestà delle dette valli, giudicava in cause criminali e stava in ufficio sei mesi. Ma nel 1424, a istanza del comune di Pescia, fu riunito l ufficio di Potestà a quello del Vicario 3 e da questa data il palazzo del Vicario divenne l unica sede del potere pubblico. Il modello tipologico di questo palazzo è simile a quello di altri edifici pubblici di comunità vicine, come Uzzano 4, o più lontane, come Pistoia e Prato. Privo di torre, compatto di volume, ha planimetria quadrangolare, scarse aperture a forma di bifora o di trifora. Il fabbricato comprende inoltre elementi che caratterizzavano tutti i palazzi pubblici in Toscana: il cortile, la loggia e l arengo 5. Il cortile accoglieva una scalinata monumentale, dalla quale gli oratori sentenziavano le condanne e amministravano la giustizia verso la popolazione riunita nello spazio circostante (arengo), oltre ad essere utilizzata per accedere alle prigioni. La loggia era uno spazio di sosta, in cui si decidevano le sentenze giudiziarie o si assegnavano le investiture. 8

9 A Pescia, il cortile rappresentava una sorta di prolungamento tra lo spazio interno e quello esterno. Il sistema palazzo-piazza diventava così il fulcro civile della città contrapposto a quello religioso, rappresentato dalla cattedrale, dall altra parte del fiume. Anche la pianta del 1621, redatta da Michele Ciochi, evidenzia lo spazio di fronte al palazzo, in cui il disegno geometrico degli elementi pavimentali, delineato da fasce di pietra e da lastricato di laterizio, rimanda quasi a una piazza in una piazza più grande, una soluzione forse tesa a sottolineare il potere civile attinente ai due edifici, il palazzo del Vicario e la Cancelleria. Secondo un attenta ricostruzione storica redatta da Alessandro Merlo 6, restituita anche graficamente, vengono ripercorse le vicende costruttive del palazzo del Vicario, dotato di una loggia negli anni Settanta del Trecento al piano terra del fabbricato, nella porzione orientata verso l attuale piazza degli Obizzi. All epoca l edificio era però in un tale stato di degrado che nel 1374 si volle consolidarlo attraverso la chiusura delle arcate, a esclusione di quella prospiciente la piazza del mercato. Negli stessi anni venne anche rinnovata la copertura 7. 9

10 A partire dal XV secolo nel palazzo erano presenti al piano terra, nell ala che guarda la Pescia, i locali adibiti a prigione; sempre nella stessa parte terrena vi erano la stalla con il magazzino, gli alloggi dei meno titolati componenti della famiglia e la cucina. Al piano superiore trovava posto la sala dove si celebravano i consigli, che poteva avere molteplici funzioni, come ad esempio quella di aula di giustizia e sala d armi. Affreschi con temi sacri e profani dovevano adornare le sale interne. Altro locale presente, come in tutti gli edifici pubblici di una certa importanza, era la cappella posta, nel nostro caso nel cortile. Le stanze private del Vicario si trovavano nella zona più recondita dell edificio 8. Nel 1584 venne elaborato un progetto di sistemazione e ampliamento delle prigioni verso il fiume, ma per evitare inopportune manomissioni alle mura cittadine, si preferì restaurare le carceri esistenti e soltanto nel 1698 venne concessa la torre civica per impiantarvi le prigioni 9. Nella già citata pianta seicentesca, il palazzo viene raffigurato con le mura merlate di delimitazione del cortile, al quale si accede tramite un apertura, sottolineata dal disegno dell ammattonato della pavimentazione. In facciata, in alto, è visibile un frontone a vela con la campana. L edificio sul lato est è addossato alle mura cittadine e, per consentire l entrata o l uscita sul lungofiume in caso di pericolo, ha nell immediate vicinanze la porta del soccorso, che agli inizi del Novecento fu spostata nella posizione attuale, per dar vita a un cantino o chiasso. Nel 1719 vennero eseguiti interventi di restauro, diretti dall ingegnere Stefano Zocchi di Firenze, alla facciata, al salone e all appartamento del vicario 10. Osservando una fotografia risalente ai primi anni del Novecento, è chiaro che la facciata del palazzo presentava ai primi due piani un paramento di pietra a filaretto, mentre agli altri due un intonaco. All ultimo piano svettava un complesso fastigio a coronamento di stile barocco, comprendente un campanile di piccole dimensioni a vela. Il piano terra, un portico, coperto a terrazza, aveva pareti laterali e pilastri di finto bozzato. Quando l ultimo vicario che governò a Pescia, Ferdinando Corbelli, consegnò in data 31 dicembre 1849 l ufficio a Luciano del Chiaro, primo pretore della città 11, l edificio aveva bisogno di ingenti lavori di restauro. Solo nel 1886 però furono invitati i tecnici a presentare solu- 10

11 zioni progettuali indirizzate verso un restauro stilistico, per riportare il palazzo alle sue primitive condizioni, seconda la moda del tempo. Due furono i progetti vagliati dal sindaco Franco Sainati, l uno redatto dal pesciatino Giulio Bernardini e l altro dall ingegnere del Genio Civile di Lucca. Erano questi i cinque punti essenziali dell intervento del primo progettista: demolizione dell avancorpo di fabbrica coperto da terrazza e attualmente destinato a magazzino per i cantonieri, nonché alla fontana pubblica prospiciente sulla piazza e del portone di ingresso al cortile; numero quattro di aperture da praticarsi nei vani degli archi a sesto acuto del muro del palazzo corrispondente sulla via dell Arancio; demolizione di alcune pareti interne di divisione al piano terreno e costruzione di altro; costruzione di un muro di cinta al terreno comunale sulla via Francesco Forti con cancello in ferro sostenuto da pilastri di materiale laterizio; demolizione delle sporgenze inutili alla facciata del palazzo pretorio sulla via Francesco Forti e arriccio e intonaco e coloritura della medesima 12. Il secondo progettista invece indicava solo tre punti sostanziali: nella demolizione di quella parte della terrazza-coperta che ricorre lungo la via dell Arancio per il fronte principale del palazzo pretorio e il limite attuale della piazza Vittorio Emanuele; nella apertura di una porta nel muro che chiude gli archi a sesto acuto lungo la via dell Arancio; nella chiusura infine di alcune porte nei muri interni del piano terreno, e nella costruzione di vari divisori in muramento, riconosciuti indispensabili per dare ai magazzini in progetto la migliore distribuzione, ed un cancello indipendente l uno dall altro 13. In entrambi i progetti si prevede di demolire il portico-terrazza e di eliminare il muro del cortile, compresa la fontana pubblica, così da ampliare la piazza Vittorio Emanuele e trasformare i locali del piano terreno. Ma i lavori procedettero con lentezza e in quella circostanza fu tolto solamente il muro di cinta. Dal 1907 al 1909 alcuni locali del piano terra accolsero il cinema Marconi 14. Soltanto nel 1916 i prospetti del palazzo furono riportati alle condizioni originarie, ripristinando l apparecchio murario di pietra arenaria a faccia a vista 15. Attraverso l ufficio comunale, rappresentato dal geometra Guido Michelotti, sotto la sorveglianza della Soprintendenza all Arte Medioevale e Moderna della Toscana, rappresentata dal professore Alfredo Barlacci, gli interventi restaurativi furono ultimati negli anni Trenta. 11

12 Secondo la relazione, attribuibile a Carlo Magnani, i lavori di restauro da svolgere sarebbero stati: rimozione terrazza di levante per la costruzione del nuovo accesso. Rimozione e rimontatura porta ingresso a levante. Chiusura porta, rinsaldamento dell angolo mezzogiorno a levante e costruzione finestra. Smontatura e rimontatura porta scala esterna e sistemazione del corrimano. Chiusura porta di mezzogiorno-riattamento finestra. Demolizione vecchia terrazza, costruzione del terrazzino a capo scala. Sistemazione di tre finestre al primo piano nella facciata di ponente. Sistemazione di qualche parte della facciata di mezzogiorno, saldatura archi a terreno etc. travi in cemento armato e consolidamento fabbricato. Saldatura mura esterne. Costruzione Sacrario. Rifondazione pilastro dell angolo mezzogiorno ponente. Rimozione e abbassamento del tetto e costruzione merlatura. Apertura due finestre, ripristino del terrazzo e sistemazione della facciata di ponente 16. Accanto alla vicenda dei restauri al palazzo si colloca la storia del nuovo sacrario dedicato ai caduti della Grande guerra. A Pescia il monumento ai caduti ebbe un percorso abbastanza difficile, tanto che si concluse con la collocazione al cimitero comunale di un opera bronzea plasmata da Agostino Giovannini, già autore di analoghi monumenti a Collodi e a Veneri, su un basamento disegnato da Giulio Bernardini. Anche in città tuttavia si volevano onorare i caduti dell ultima guerra, per cui Bernardo Fabbri, nuovo podestà, il 17 agosto 1935 riunì varie personalità, sottoforma di comitato, interessate alla realizzazione di una cappella, da collocare all interno del palazzo del Vicario, sottoposto all intervento di restauro 17. La parte più importante e preziosa di questi lavori deve essere il Sacrario; il quale, disegnato da un architetto di fiducia del Comitato, deve essere eseguito senza lesina e senza miseria; semplice sì, nudo, austero, ma senza appiccicature, senza surrogati, senza brutture 18. Come finanziamento, il comitato si fece carico del reperimento di fondi. Il progetto fu redatto dall ufficio tecnico comunale sotto la tutela della Soprintendenza all Arte Medioevale e Moderna di Firenze, che delegò la Sezione di Pisa, le cui indicazioni vennero recepite dal Comitato. Per le decorazioni pittoriche si fece ricorso a un importante pittore fiorentino, Giuseppe Dini, mentre a Libero Andreotti si chiese la Vittoria Alata, destinata ad altro monumento non realizzato, acquistata nel 1935 con le risorse finanziarie raccolte 19. A proposito del progetto di restauro, non si può dimenticare il parere negativo di Piero Sanpaolesi, funzionario della Soprintendenza pisana, circa l inserimento di merlature, non giustificabili culturalmente e, sotto il profilo strutturale, troppo gravose per l assetto dell edificio 20. I lavori di sistemazione del palazzo vicariale per essere adibito a sede comunale furono affidati alla ditta Giovanni Michele Massagli nel 1937, quelli per l impianto del riscaldamento furono assegnati alla ditta Luigi Bartoli e figli e quelli per la realizzazione di nuovi infissi per gli uffici dell anagrafe e igiene furono commissionati alla ditta Mario Maraviglia di Galileo 21. Il 27 novembre del 1937, il gabinetto del podestà e del segretario capo, la segreteria, la ragioneria e l ufficio delle tasse furono trasferiti nella nuova sede del palazzo del Vicario. Sempre nel 1937 si deliberò che l ufficio di Stato Civile Leva e Anagrafe, sarebbe stato collocato in un corpo aggiunto, sul lato ovest di via Forti, con un ingresso autonomo 22. E finalmente il 27 settembre 1938, con il collaudo dei lavori di muratura, il nuovo palazzo del Vicario si può considerare completato. 1 Nel X anniversario della Liberazione, 8 settembre settembre 1954, a cura dell Amministrazione Comunale di Pescia, Stamperia A. Benedetti, Pescia. 2 Cfr. AA.VV., Un palagio per la città. Note e contributi sul Palazzo del Podestà di Pescia in occasione del restauro del monumento e della sistemazione della Gipsoteca di Libero Andreotti, Casa Editrice EDAM, Firenze, G. Bernardini, Memorie sparse della Città di Pescia, Tipografia Nucci, Pescia, 1899, p

13 4 P. Vitali, Castello chiese e ville nel Comune di Uzzano in Valdinievole, in Uzzano percorsi nella storia, a cura di Alberto Maria Onori, Edimedia edizioni, Pescia, 2004, pp F. Cardini, S. Raveggi, Palazzi pubblici di Toscana. I centri minori, Sansoni, Firenze, 1983, pp A. Merlo, La loggia nella città medioevale. Genesi, rilievo e ricostruzione dei processi di trasformazione: l esempio di Pescia, Tesi di dottorato, Sezione Architettura e Disegno, Firenze, dicembre 2001, pp G. Salvagnini, Pescia, una città. Proposta metodologica per la lettura di un centro antico, La Valdera, Firenze, 1975, p A. Merlo, La loggia cit., p G. Salvagnini, Pescia, una comunità nel Seicento ( ), Firenze, Granducato, 1989, pp Ibidem, p G. Bernardini, Memorie sparse cit., p Relazione di Giulio Bernardini, architetto costruttore al sindaco di Pescia, 15 febbraio, 1888, in Fondo Nardini, c. 7, fascicolo 195, Biblioteca comunale di Pescia. 13 Relazione circa ai lavori che il Comune di Pescia si è proposto di eseguire per la riduzione dei locali terreni a quel palazzo pretorio, in Fondo Nardini, c. 7, fascicolo 195, Biblioteca comunale di Pescia. 14 G. Magnani, Pescia il volto di ieri, Litografia IP, Firenze, p A. Merlo, La loggia cit., p Relazione senza firma anche se è riconoscibile la calligrafia di Carlo Magnani, in Fondo Nardini, c. 7, fascicolo 195, Biblioteca comunale di Pescia. 17 SASPe, Postunitario, Beni comunali, Ibidem. 19 Senza autore, Per il monumento ai caduti, in Il Popolo della Valdinievole, 24 agosto SASPe, Postunitario, Comitato per il monumento ai Caduti, SASPe, Postunitario, Beni comunali, Ibidem. 13

14 14

15 IL RESTAURO DEL SACRARIO DEI CADUTI Anna Maria Maraviglia Il restauro dell arco del Palazzo del Vicario ad opera di Quelli con Pescia nel cuore, si aggiunge al recente intervento nel Sacrario dei Caduti, eseguito a cura del Lions Club di Pescia nella primavera di quest anno e curato dal restauratore e scultore Giuseppe Gavazzi di Firenze. L intervento ha riportato a nuovo splendore il locale, che si trova a piano terreno dell'antico fabbricato, ed era stato ricavato nel 1936 da un antica cappella già decorata con affreschi, databili fra il 1480 e il 1510, relativi a diversi Vicari di Pescia, tutti appartenenti a famiglie nobili fiorentine. Fra questi, possiamo ricordare il più antico, quello dei Pitti del 1481, poi dei Lucalberti del 1487, dei De Nobili 1497 e ancora dei Davanzati, degli Ubaldini, dei Paganelli, dei Federighi ecc. La fascia in basso con specchiature a finto marmo risale al momento in cui il locale venne destinato a Sacrario nel A destra dell ingresso nel 1937 fu ricavata un ampia nicchia in cui successivamente prese posto la Vittoria Alata, un bronzo dell artista pesciatino Libero Andreotti (Pescia Firenze 1933), uno dei massimi scultori italiani del suo tempo. L opera è collocata su un capitello medioevale di provenienza sconosciuta. Grazie al recentissimo interessamento dell associazione Quelli con Pescia nel cuore all'interno del Sacrario è ora custodita la medievale Campana Comunale (1472), un tempo sulla sommità del Palazzo. 15

16 16

17 17 Al centro della parete, di fronte all ingresso, si trova un piccolo altare, nell incavo sovrastante è collocato un affresco, proveniente dalla Torre del Seminario, Madonna col Bambino e Santi, databile al XVII secolo. Per lungo tempo, al suo posto era custodito un trittico trecentesco attribuito a Lorenzo Monaco, ora esposto nel Museo Civico. Nel 1998 venne aggiunta una scultura del collodese Agostino Giovannini: il Monumento ai Caduti, opera eseguita nel 1920 per il cimitero urbano di Pescia. Dato il continuo degrado del bronzo e la riconosciuta importanza artistica dell opera, il Comune ritenne opportuno sostituirla con una copia e collocare l originale nel Sacrario. Il locale, pur così importante e prezioso per la realtà locale, è rimasto trascurato per numerosi decenni, ma per fortuna, nella primavera del 2010, grazie al Lions Club Pescia, è arrivato l intervento restaurativo delle decorazioni, che ha riportato a nuova luce l intera Cappella.

18 18

19 LA CAMPANA DEL PALAZZO DEL VICARIO Claudio Stefanelli Fra le opere d arte appartenenti al Museo Civico gode di notevole rilievo una campana medievale, che fino a pochi anni fa, prima dell inizio dei lavori di restauro della sede museale, era collocata nell ingresso di Palazzo Galeotti sopra una pedana in legno. La campana è alta cm. 80 ed ha un diametro di cm. 66 nella parte inferiore (labbro), la parte superiore è dotata di un maniglione a sei anse (corona). La sua forma è tardo gotica ed è datata in caratteri romani e stile gotico

20 20

21 La decorazione esterna è costituita da alcune linee a rilievo, che l attraversano nella sua circonferenza in numero di quattro appena sopra il labbro e di sei nella parte superiore. Queste linee racchiudono vari elementi decorativi a rilievo compresa la data. I nove rilievi decorativi rappresentano e seguono questo ordine: Crocifissione fra Maria e S. Giovanni entro un tabernacolo; sigillo rappresentante un Leone passante su seminato di Francia sul cui capo c è il giglio fiorentino. Nel suo contorno c è una iscrizione poco leggibile, ma che si può presumere in TERRE DI PARTI GUELFE ; segue una Madonna col Bambino entro una edicola gotica; due sigilli di diverse dimensioni con Delfino in palo su seminato di Francia, nel suo contorno c è un iscrizione che recita SIGILLUM COMUNIS PISCIE. Inoltre, una Croce patente su sostegno, o ostensorio, entro cornice rettangolare decorata con motivi vegetali; un altro sigillo di Pescia; S. Antonio Abate entro un tabernacolo; un quarto sigillo di Pescia, di misura più grande. La data, MCCCCLXXII, è rappresentata da lettere rettangolari ognuna delle quali è decorata con motivi vegetali e animali ed è preceduta dalla medesima Croce patente, che riporta le solite caratteristiche decorative della data stessa. Con certezza sappiamo che fino al 1936 la campana era collocata in un magazzino al piano terra del palazzo del Vicario come testimoniato da una lettera del Podestà di Pescia datata 11 aprile dello stesso anno con cui veniva richiesto di riposizionare la campana, perché costituisce il più vivo desiderio della popolazione, il risultato tuttavia fu il trasferimento della stessa dal magazzino al Museo. Infatti la campana fu collocata a terra, all inizio del Novecento, dopo la sua rimozione dal campanile a vela che sovrastava la facciata del palazzo, a seguito dei tanto attesi lavori di restauro stilistico dell intero immobile, che l Arch. Giulio Bernardini aveva progettato nel 1888 per eliminare le numerose trasformazioni che la struttura aveva subito in epoca barocca. Oltre alle vecchie foto che dimostrano la precedente e funzionale collocazione della campana, un altro significativo elemento ci indica il punto esatto da cui la campana veniva azionata dal campanaro, ossia il foro attraverso il quale scorreva la fune, ancora oggi visibile in alto, a sinistra dell ingresso del Sacrario dei Caduti. Non abbiamo notizie in merito alla collocazione della campana nel periodo antecedente il 600, quasi certamente è da correlare a quei lavori lunghi e costosi deliberati il 13 marzo 1457, che prevedevano la riparazione e successiva espansione del palazzo. 21

22 22

23 L INTERVENTO DI RESTAURO DELL ARCO SULLA SCALINATA DEL PALAZZO DEL VICARIO Laura Conca Osservazioni preliminari La superficie in pietra serena dell arco e degli stemmi annessi si presentava coperta da una pellicola di sporco atmosferico e polverulento che raggiungeva uno spessore consistente (croste nere) nelle zone non sottoposte al dilavamento diretto della pioggia e nei sottosquadri del modellato. La microflora (muschi) era presente un po ovunque e sul margine di alcune commettiture vi erano tracce di calcare formatosi a causa dell infiltrazione dell acqua piovana. Inoltre si osservava il forte degrado a cui era sottoposta la pietra soggetta sia al fenomeno di esfoliazione che di sfarinamento. Si evidenziava inoltre una serie di fratture e microfratture più o meno profonde che avevano provocato il distacco totale di alcuni pezzi di modellato. Si sono notate anche vecchie stuccature di malta cementizia eseguite probabilmente in precedenti interventi di restauro. 23

24 24

25 Intervento di restauro Spolveratura dei depositi di polvere con pennelli di setola naturale. Pulitura della superficie della pietra mediante piccole spazzole e acqua demineralizzata. Dove lo sporco risultava più tenace e dove erano presenti le croste nere sono stati eseguiti degli impacchi di carbonato di ammonio disciolto in acqua demineralizzata supportato da polpa di carta. Stesura di un opportuno biocida nei punti con presenza di microflora. Rimozione con bisturi o resine a scambio ionico desolfatanti del calcare formatosi per infiltrazioni di acqua piovana. Rimozione meccanica a bisturi e per mezzo di piccoli scalpelli in widia di alcune vecchie stuccature in malta cementizia. Consolidamento della pietra serena con silicato di etile. Iniezioni di resina epossidica ad alta fluidità dove erano presenti profonde fratture, sigillate temporaneamente con una membrana di gomma facilmente rimovibile. Nelle fratture più profonde la resina iniettata è stata addensata con della silice micronizzata. Integrazione volumetrica delle lacune del modellato che risultavano più deturpanti con malta a base di calce e legante acrilico. Stuccatura delle commettiture con malta a base di calce, sabbia, terre naturali e legante acrilico. Stuccatura e microstuccatura della pietra con stucco cellulosico addizionato a polvere di pietra e pigmenti minerali. Creazione, sulla parte superiore dell arco, di una mantellina di malta impermeabilizzante per evitare infiltrazioni di acqua piovana. Patinature diverse con terre naturali disciolte in acetone con aggiunta di resina fluororata al 3%. Stesura finale a pennello di un protettivo a base siliconica. 25

26 26

27 RESOCONTO DEI LAVORI E LE FOTOGRAFIE DEI VOLONTARI Restauro dell Arco del Palazzo del Vicario. Pulizia della cimasa del muretto esterno della scala. Nuova intonacatura e tinteggiatura muretto esterno della scala. Nuova intonacatura e tinteggiatura della parete a retta del ballatoio. Nuova tinteggiatura di porta, finestre e inferriate della stanza ai piedi della scala. Sostituzione della malta del muro a faccia vista a sostegno del ballatoio. Collocazione di una piccola mantovana in piombo al cordolo del ballatoio. Nuova commettitura degli scalini. Nuova tinteggiatura del corrimano della scala e della ringhiera del ballatoio. Nuova tinteggiatura della inferriata a ventaglio della terrazza comunale. Restauro e ripristino delle parti mancanti di due torciere a muro Palazzo del Vicario. Nuova tinteggiatura e sistemazione del portone a sinistra del Palazzo del Vicario. Ripristino di alcune pietre mancanti della facciata del Palazzo del Vicario. Nuova tinteggiatura della cancellata del Sacrario dei Caduti. Dono di un telaio in ferro battuto a sostegno della campana comunale. Dono di un leggio in plexiglas con descrizione del Sacrario dei Caduti. Dono di un portabandiera per il Sacrario dei Caduti. 27

28 28

29 29

30 30

31 31

32 32

33 33

34 34

35 35

36 Finito di stampare nel novembre 2010 dalla Casa della Penna di Enrico Gobbi & C. Pescia

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58 COMUNE DI ARIZZANO inventario dei disegni anni 1826-1927 schede 58 Archivio di Stato di Verbania luglio 2012 1 Planimetria di proprietà in frazione Biganzolo di Arizzano raffigurante la derivazione d'acqua

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Opera d Arte società cooperativa, è

Opera d Arte società cooperativa, è LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli