(il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE"

Transcript

1 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 32 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre Numero progressivo _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ (il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE Denominazione Codice ISTAT Regione LOMBARDIA 03 Provincia MILANO 015 Comune SAN DONATO MILANESE 192 N. Protocollo Dati relativi al richiedente Cognome o denominazione _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Nome _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Codice Fiscale _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Residenza anagrafica Comune _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Via e numero civico _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ N. _ _ _ Dati relativi all illecito edilizio Localizzazione Comune Via e numero civico (in mancanza) Catasto terreni Catasto fabbricati _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ foglio di mappa _ _ _ numeri mappa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ foglio di mappa _ _ _ numeri mappa _ _ _ _ sub. _ _ _ _ Immobile soggetto a vincoli di tutela Si _ No _ Area demaniale Si _ No _ Descrizione sintetica dell illecito edilizio: Destinazione d uso (barrare la dizione che interessa) Residenziale _ Non residenziale _ Destinazione _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Data di ultimazione Tipologia di abuso _ _ / _ _ / _ _ _ _ _ _ Stato dei lavori alla data del _ _ / _ _ / _ _ _ _ ultimato Si _ No _ parziale _ (modulo redatto sulla base dell allegato pubblicato sulla G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.1 di 4

2 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 32 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre Calcolo dell oblazione Tabella 1.a tipologie di abuso con misure dell oblazione espresse in valori al mq. Immobili residenziali 1. Superficie utile residenziale 2. Superficie non residenziale 3. Superficie complessiva 4. Tipologia dell abuso 5. Misura oblazione ( /mq) 6. Importo totale dell oblazione ( ) _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ 1 _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ 2 _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ 3 _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ La superficie non residenziale (n. 2) deve essere moltiplicata per il coefficiente 0,60 La superficie complessiva (n. 3) è data dalla somma della superficie utile abitabile (n. 1) e dalla Superficie non residenziale (n. 2) Tabella 1.b tipologie di abuso con misure dell oblazione espresse in valori al mq. Immobili non residenziali 1. Superficie utile 2. Superficie pertinenze 3. Superficie complessiva 4. Tipologia dell abuso 5. Misura oblazione ( /mq) 6. Importo totale dell oblazione ( ) _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ 1 _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ 2 _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ 3 _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Tabella 2 Tipologie di abusi con valore fisso dell oblazione. 1. Tipologia dell abuso Totale 6. Importo dell oblazione ( ) 4 _ _ _ _, _ _ 5 _ _ _ _, _ _ 6 _ _ _ _, _ _ _ _ _ _, _ _ (modulo redatto sulla base dell allegato pubblicato sulla G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.2 di 4

3 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 32 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre Calcolo dell anticipazione degli oneri concessori Tabella 3 Nuove costruzioni, ampliamenti 1. Numero abitanti 2. Misura dell anticipazione ( /mq) 3. Superficie complessiva 4. Importo totale dell anticipazione ( ) Fino a _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Da a _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Da a _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Oltre _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Tabella 4 Ristrutturazioni, modifiche e ampliamenti 1. Numero abitanti 2. Misura dell anticipazione ( /mq) 3. Superficie complessiva 4. Importo totale dell anticipazione ( ) Fino a _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Da a _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Da a _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Oltre _ _, _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ (modulo redatto sulla base dell allegato pubblicato sulla G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.3 di 4

4 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 32 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre Dati relativi al versamento Oblazione Tabella 1.a/b Totale da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ x 0,30 = _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale versato _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Resta da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ /2 Importo rate _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ seconda rata _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ terza rata Tabella 2 Totale da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale versato _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Oneri concessori Tabella 3 Totale da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ x 0,30 = _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale versato _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Resta da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ /2 Importo rate _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ seconda rata _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ terza rata Tabella 4 Totale da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ x 0,30 = _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Totale versato _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ Resta da versare _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ /2 Importo rate _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ seconda rata _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, _ _ terza rata Allegati: 1. Attestazione del versamento dell oblazione _ 2. Attestazione dell anticipazione degli oneri concessori _ 3. Dichiarazione ai sensi dell art. 46, del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 _ 4. Dichiarazione ai sensi dell art. 47, del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 _ 5. Documentazione fotografica a colori formato min. 20 x 25 _ 6. Perizia giurata sulle dimensioni e sullo stato delle opere e la certificazione attestante la loro idoneità statica qualora l'opera abusiva supera i 450 metri cubi 7. Disegni e Altro (specificare) _ Data _ _ / _ _ / _ _ _ _ Firma del richiedente (leggibile) _ (modulo redatto sulla base dell allegato pubblicato sulla G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.4 di 4

5 ALLEGATO 3 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 35 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (ai sensi dell art. 46 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Il sottoscritto...nato il. a.. ( ), residente a.... (..) Via... n. tel../. e.mail. in qualità di: proprietario comproprietario erede coerede socio amministratore usufruttuario altro.. sotto la propria responsabilità, ai sensi e per gli effetti dell art. 46 D.P.R. 28/12/2000 n. 445, al fine di non incorrere nelle esclusioni disposte dal primo comma dell art. 39 Legge 724/94, DICHIARA in riferimento alla domanda di Condono Edilizio presentata in data registrata con Numero progressivo _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ per l immobile/l unità immobiliare ubicato/a in Via civ..., di proprietà di/del/della.. con residenza e/o sede a. in via. civ... tel../.. e.mail..: di non essere sottoposto a procedimento penale per gli artt 416bis Associazione di tipo mafioso, 648bis Riciclaggio e 648ter del Codice Penale. di non aver subito condanne con sentenza passata in giudicato per i reati di cui agli artt. 416 bis e 648 bis del Codice Penale. di essere consapevole delle sanzioni penali cui può andare incontro in caso di falsità e di dichiarazioni mendaci, come previsto dall art. 76 D.P.R. 28/12/2000 n. 445; di essere consapevole che in caso di dichiarazioni non veritiere il sottoscritto decade dai benefici conseguenti al provvedimento eventualmente emanato sulla base della presente dichiarazione, come previsto dall art. 75 D.P.R. 28/12/2000 n. 445; Si avverte che in caso di dichiarazione mendace, il dichiarato sarà perseguito ai sensi e per gli effetti dell art. 483 del Codice Penale., lì Si allega copia di documento di riconoscimento in corso di validità. Il dichiarante (firma leggibile) (modulo redatto sulla base dell allegato pubblicato sulla G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.1 di 1

6 ALLEGATO 4 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 35 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI SENSI DEL D.P.R. 445/2000 (Esente da imposta di bollo ai sensi dell art. 37 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il sottoscritto...nato il. a.. ( ), residente a.... (..) Via... n. tel../. e.mail. COD. FISC. N. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ in qualità di: proprietario comproprietario erede coerede socio amministratore usufruttuario altro.. consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, in caso di dichiarazioni mendaci e della decadenza dei benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base di dichiarazioni non veritiere, di cui all art. 75 del richiamato D.P.R. ; ai sensi e per gli effetti dell art. 47 del D.P.R. n. 445/2000 sotto la propria responsabilità, DICHIARA CHE in riferimento alla domanda di Condono Edilizio presentata in data registrata con Numero progressivo _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ per l immobile/l unità immobiliare ubicato/a in Via civ..., di proprietà di/del/della.. con residenza e/o sede a. in via. civ... tel../.. e.mail..: l opera oggetto della richiesta di titolo abilitativo consiste nell aver realizzato ; l opera oggetto della richiesta di titolo abilitativo in sanatoria è stata ultimata prima del 31 marzo 2003; è stata ultimata al rustico prima del 31 marzo 2003, insiste su di un area riportata al N.C.T. del Comune di San Donato Milanese (MI) al foglio n., particella n. e pervenne al sottoscritto per atto di fu costruita in proprio; (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.1 di 2

7 ALLEGATO 4 Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 35 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre la zona urbanistica in cui ricade l immobile alla data di inizio dei lavori era inquadrata quale zona omogenea da P.R.G., mentre alla data di fine dei lavori è divenuta zona omogenea da P.R.G.; la situazione di zona urbanistica è rimasta immutata; l area sulla quale sorge l opera realizzata non è soggetta a vincoli; è soggetta ai seguenti vincoli, e ha la superficie complessiva di mq. ; l immobile abusivo: è attualmente abitato non è ancora abitato; la parte di immobile abusiva: è attualmente abitato non è ancora abitato; l immobile si compone di n. piani fuori terra e di n. piani entro terra per un volume totale di mc. ed è interamente abusivo; l immobile si compone di n. piani fuori terra e di n. piani entro terra di cui mc. realizzati abusivamente per ampliamento; il volume dell unità immobiliare per la quale si presenta l istanza di titolo abilitativo in sanatoria è di mc ed è interamente abusivo; il volume dell unità immobiliare per la quale si presenta l istanza di titolo abilitativo in sanatoria è di mc di cui mc realizzati abusivamente per ampliamento; le unità immobiliari dell edificio sono già state accatastate al N.C.E.U. Foglio mapp. sub. denuncia n. presentata il e risultano comprese nella categoria ; le unità immobiliari dell edificio non sono ancora accatastate; i servizi a uso diretto del fabbricato sono ; le aree di pertinenza vengono utilizzate per ; (altro) ; Per ogni ulteriore dettaglio, il sottoscritto rinvia all istanza compilata sul modulo ministeriale e alla documentazione allegata alla stessa. Allega, infine, alla presente il rilievo fotografico delle opere abusivamente realizzate, costituito da n. foto a colori formato min. 20x25;, lì Firma del dichiarante (firma leggibile) Si allega copia di documento di riconoscimento in corso di validità. (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.2 di 2

8 Regolarizzazione delle opere eseguite su aree di proprietà dello Stato (ai sensi dell art. 32 comma 15 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre TABELLA A Valori unitari degli indennizzi Classi dimensionali Comuni Zone Territoriali Omogenee A B C D E F 1 Fino a ,00 10,00 7,50 10,00 2 Da a ,00 20,00 15,00 20,00 3 Da a ,00 40,00 30,00 40,00 4 Oltre ,00 60,00 45,00 60,00 5,00 7,50 I valori sono espressi in. / mq / anno TABELLA B Valori unitari delle aree Classi dimensionali Comuni Zone Territoriali Omogenee A B C D E F 1 Fino a ,00 30,00 22,50 30,00 2 Da a ,00 60,00 45,00 60,00 3 Da a ,00 120,00 90,00 120,00 4 Oltre ,00 180,00 135,00 180,00 15,00 22,50 (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.1 di 1

9 Definizione degli illeciti edilizi misura dell oblazione e dell anticipazione degli oneri concessori. (ai sensi dell art. 32 comma 33 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre TABELLA C Tipologia dell abuso Misura dell oblazione 1 Opere realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici 2 Opere realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio, ma conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici alla data di entrata in vigore del presente provvedimento 3 Opere di ristrutturazione edilizia come definite dall articolo 3, comma 1, lettera d), D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio Tipologia dell abuso 4 Opere di restauro e risanamento conservativo come definite dall articolo 3, comma 1, lettera c), D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio, nelle zone omogenee A di cui all articolo 2 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n Opere di restauro e risanamento conservativo come definite dall articolo 3, comma 1, lettera c), D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio 6 Opere di manutenzione straordinaria, come definite all articolo 3, comma 1, lettera b), D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 e dalla normativa regionale, realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio; opere o modalità di esecuzione non valutabili in termini di superficie o di volume./mq Immobili non residenziali./mq Immobili residenziali 150,00 100,00 100,00 80,00 80,00 60,00 Misura dell oblazione Forfait , ,00 516,00 TABELLA D Misura dell anticipazione degli oneri di concessione 1. Numero abitanti 2. Nuove costruzioni e ampliamenti (./mq) 3. Ristrutturazioni e modifiche della destinazione d uso (./mq) 1 Fino a ,00 18,00 2 Da a ,00 27,00 3 Da a ,00 36,00 4 Oltre ,00 45,00 (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.1 di 1

10 TIPOLOGIA DI OPERE ABUSIVE SUSCETTIBILI DI SANATORIA E PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLA SANATORIA EDILIZIA (ai sensi dell art. 32 comma 26 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre TIPOLOGIA DI OPERE ABUSIVE SUSCETTIBILI DI SANATORIA ALLE CONDIZIONI DI CUI ALL ARTICOLO 32, COMMA 26. Tipologia 1. Opere realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici; Tipologia 2. Opere realizzate in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio, ma conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici alla data di entrata in vigore del presente provvedimento; Tipologia 3. Opere di ristrutturazione edilizia come definite dall articolo 3, comma 1, lettera d) del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio; Tipologia 4. Opere di restauro e risanamento conservativo come definite dall articolo 3, comma 1, lettera c) del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio, nelle zone omogenee A di cui all articolo 2 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444; Tipologia 5. Opere di restauro e risanamento conservativo come definite dall articolo 3, comma 1, lettera c) del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio; Tipologia 6. Opere di manutenzione straordinaria, come definite all articolo 3, comma 1, lettera b) del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio; opere o modalità di esecuzione non valutabili in termini di superficie o di volume. PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLA SANATORIA EDILIZIA La domanda di definizione degli illeciti edilizi da presentare al Comune dall 11 novembre 2004 ed entro il 10 dicembre 2004, ai sensi dell art. 5, comma 1 lettera c) del D.L. 12 luglio 2004, n. 168, nonché ai sensi della Legge Regione Lombardia n. 31 del 03 novembre 2004 pubblicata sul B.u.r.l. 1 supplemento ordinario, n. 45 del 05 novembre 2004 e s.m.i., deve essere compilata utilizzando esclusivamente il modello di domanda allegato. Alla domanda deve essere allegato: a) l attestazione del versamento del 30 per cento dell oblazione, calcolata utilizzando la tabella 1 del modello allegato e in base a quanto indicato nella tabella A. Nel caso di oblazione di importo fisso o comunque inferiore a tali importi, l oblazione va versata per intero. Il versamento deve comunque essere effettuato nella misura minima di 1.700,00., qualora l importo complessivo sia superiore a tale cifra, ovvero per intero qualora l importo dell oblazione sia inferiore a tale cifra; b) l attestazione del versamento del 30 per cento dell anticipazione degli oneri concessori, calcolata utilizzando le tabelle 3 e 4 del modello allegato e in base a quanto indicato nella tabella B. Il versamento deve comunque essere effettuato nella misura minima di 500,00., qualora l importo complessivo sia superiore a tale cifra, ovvero per intero qualora l importo dell anticipazione degli oneri concessori sia inferiore a tale cifra; L importo restante dell oblazione deve essere versato per importi uguali, entro: seconda rata 20 dicembre 2004 ai sensi dell art. 1 lettera b) del D.L. 12 luglio 2004, n. 168 terza rata 30 dicembre 2004 ai sensi dell art. 1 lettera b) del D.L. 12 luglio 2004, n. 168 L importo restante dell anticipazione degli oneri di concessione deve essere versato per importi uguali, entro: seconda rata 20 dicembre 2004 ai sensi dell art. 1 lettera b) del D.L. 12 luglio 2004, n. 168 (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.1 di 5

11 TIPOLOGIA DI OPERE ABUSIVE SUSCETTIBILI DI SANATORIA E PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLA SANATORIA EDILIZIA (ai sensi dell art. 32 comma 26 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre terza rata 30 dicembre 2004 ai sensi dell art. 1 lettera b) del D.L. 12 luglio 2004, n. 168 CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ai sensi della Legge Regione Lombardia n. 31 del 03 novembre 2004 pubblicata sul B.u.r.l. 1 supplemento ordinario, n. 45 del 05 novembre ) termini e modalità di versamento degli oneri concessori sono deliberati dal Comune per mezzo di provvedimento da assumere entro trenta giorni dall entrata in vigore della legge regionale; 2) con la stessa delibera il Comune può decidere che gli oneri di urbanizzazione siano incrementati del 50, 30, 20 per cento massimo a seconda della gravità dell abuso; 3) gli oneri concessori e il contributo sul costo di costruzione (se dovuto) si calcolano, anche per le domande pregresse, applicando le tariffe vigenti all atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria (rilascio del titolo in sanatoria o decorso di ventiquattro mesi dal 30 giugno 2005 senza l adozione di un provvedimento negativo da parte del Comune questo termine potrebbe spostarsi nel caso di valutazione di incidenza) 4) in assenza della delibera comunale, il contributo di costruzione è corrisposto per intero all atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria. L importo definitivo degli oneri concessori dovuti deve essere versato entro il 31 dicembre 2006, secondo le indicazioni fornite dall amministrazione comunale con apposita deliberazione. La domanda di definizione degli illeciti edilizi deve essere accompagnata dalla seguente documentazione: a) dichiarazione del richiedente resa ai sensi dell'art. 4 della legge 4 gennaio 1968, n. 15 (ora articolo 47 del D.P.R. n. 445 del 2000 n.d.r.), corredata dalla documentazione fotografica, nella quale risulti la descrizione delle opere per le quali si chiede il titolo abilitativo edilizio in sanatoria e lo stato dei lavori relativo; b) quando l'opera abusiva supera i 450 metri cubi una perizia giurata sulle dimensioni e sullo stato delle opere e una certificazione redatta da un tecnico abilitato all'esercizio della professione attestante l'idoneità statica delle opere eseguite. Qualora l'opera per la quale viene presentata istanza di sanatoria sia stata in precedenza collaudata, tale certificazione non è necessaria se non è oggetto di richiesta motivata da parte del sindaco; c) ulteriore documentazione eventualmente prescritta con norma regionale. La domanda di definizione degli illeciti edilizi deve essere integrata entro il 30 giugno 2005, ai sensi dell art. 5, comma 2 del D.L. 12 luglio 2004, n. 168, nonché secondo le modalità stabilite dalla L.R. n. 31 del 03/11/2004 e s.m.i. dalla: a) denuncia in catasto dell immobile oggetto di illecito edilizio e della documentazione relativa all attribuzione della rendita catastale e del relativo frazionamento; b) denuncia ai fini dell imposta comunale degli immobili di cui al D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504; c) ove dovuto, delle denunce ai fini della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e per l occupazione del suolo pubblico. (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.2 di 5

12 TIPOLOGIA DI OPERE ABUSIVE SUSCETTIBILI DI SANATORIA E PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLA SANATORIA EDILIZIA (ai sensi dell art. 32 comma 26 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre OPERE CHE NON RIENTRANO NELLA SANATORIA in quanto sono considerate non suscettibili di sanatoria. (ex art. 33 della legge 47/85, integrata dal D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre 2003, n. 326 nonché ai sensi della Legge Regione Lombardia n. 31 del 03 novembre 2004 pubblicata sul B.u.r.l. 1 supplemento ordinario, n. 45 del 05 novembre 2004 e s.m.i.): edifici dove non è possibile effettuare interventi per l'adeguamento antisismico; quando l'ente Pubblico non è disposto a cedere l'area dove è stato compiuto l'abuso; quando esiste un vincolo idrogeologico, ambientale e paesistico o per costruzioni su zone protette; interventi su immobili monumentali (D.Lgs 490/99); quando le opere abusive non esistevano o sono state demolite prima del 31 marzo 2003; scavi e realizzazioni di plinti di fondazione in quanto non definibili urbanisticamente; opere abusive relative a nuove costruzioni, residenziali e non, realizzate in assenza del titolo abilitativo edilizio (permesso di costruire o denuncia di inizio attività) e non conformi agli strumenti urbanistici vigenti alla data di entrata in vigore della legge regionale (l esclusione non opera per le pertinenze prive di funzionalità autonoma); ampliamenti superiori al 20 per cento della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa, a 500 mc.; mutamenti di destinazione d uso, qualora superiori a 500 mc. per singola unità immobiliare e non conformi alle previsioni urbanistiche comunali vigenti alla data di entrata in vigore della legge regionale; opere abusive nelle aree demaniali, nelle aree a parco regionale, fatte salve le zone di rinvio alla pianificazione comunale, ad eccezione degli interventi di manutenzione straordinaria realizzati in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio, ovvero delle opere o modalità di esecuzione non valutabili in termini di superficie e di volume; opere abusive nelle aree a parco naturale, nelle riserve naturali e nei monumenti naturali, ad eccezione degli interventi di manutenzione straordinaria; opere abusive nelle zone vincolate (vincoli idrogeologici e paesaggistici), qualora il vincolo comporti inedificabilità e sia stato imposto prima dell esecuzione delle opere. In tutti gli altri casi, si potrà ottenere la sanatoria, previo parere favorevole dell amministrazione preposta alla tutela del vincolo. Per le opere realizzate nei siti di importanza comunitaria occorre allegare alla domanda di condono la valutazione di incidenza, ovvero produrla, ad integrazione della domanda, entro il 30 settembre (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.3 di 5

13 TIPOLOGIA DI OPERE ABUSIVE SUSCETTIBILI DI SANATORIA E PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLA SANATORIA EDILIZIA (ai sensi dell art. 32 comma 26 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre Legge Regione Lombardia n. 31 del 03 novembre 2004 Pubblicata sul B.u.r.l. 1 supplemento ordinario n. 45 del 5 novembre 2004 DISPOSIZIONI REGIONALI IN MATERIA DI ILLECITI EDILIZI Approvata nella seduta del Consiglio Regionale del 27 ottobre 2004 Art. 1 (Applicazione della sanatoria edilizia) 1. La sanatoria degli abusi edilizi prevista dall articolo 32 del decretolegge 30 settembre 2003, n. 269 (Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell andamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, come ulteriormente modificato dall articolo 5 del decretolegge 12 luglio 2004, n. 168 (Interventi urgenti per il contenimento della spesa pubblica), convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2004, n. 191, si applica nella Regione Lombardia secondo la disciplina sostanziale e procedurale contenuta nel medesimo articolo 32, nonché nei relativi allegati, salvo quanto disposto dalla presente legge. 2. Sono ammesse alla sanatoria di cui al comma 1 anche le tipologie di illecito numeri 4, 5, 6 dell allegato 1 al d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/2003, relative ad immobili ricadenti in aree non soggette ai vincoli di cui all articolo 32 della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell'attività urbanisticoedilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie). 3. Le domande di sanatoria già presentate alla data di entrata in vigore della l. 191/2004 di conversione del d.l. 168/2004 restano valide anche per quanto concerne l anticipazione degli oneri concessori e ai fini della relativa definizione non si applicano le disposizioni di cui all articolo 2 della presente legge. L ammontare complessivo degli oneri concessori è determinato secondo le modalità di cui all articolo 4, comma 6. Art. 2 (Casi di esclusione e limiti alla sanatoria edilizia) 1. Fatti salvi gli ampliamenti entro i limiti massimi del 20 per cento della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa, di 500 metri cubi, non sono suscettibili di sanatoria le opere abusive relative a nuove costruzioni, residenziali e non, qualora realizzate in assenza del titolo abilitativo edilizio e non conformi agli strumenti urbanistici generali vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge. L esclusione non opera per le strutture pertinenziali degli edifici prive di funzionalità autonoma. 2. Non sono suscettibili di sanatoria i mutamenti di destinazione d uso, qualora superiori a 500 metri cubi per singola unità immobiliare e non conformi alle previsioni urbanistiche comunali vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge. 3. Nelle aree demaniali, nelle aree a parco regionale, fatte salve le zone di rinvio alla pianificazione comunale, sono suscettibili di sanatoria le sole opere abusive riconducibili alla tipologia di illecito numero 6 di cui all allegato 1 al d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/ Nelle aree a parco naturale, nelle riserve naturali e nei monumenti naturali sono suscettibili di sanatoria le sole opere abusive riconducibili alla tipologia di illecito numero 6 di cui all allegato 1 al d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/2003, limitatamente alle opere di manutenzione straordinaria, come definite all articolo 3, comma 1, lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia), realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio. 5. Nell ambito dei complessi ricettivi all aria aperta, non sono suscettibili di sanatoria i preingressi e gli allestimenti di pernottamento mobili di cui agli articoli 2 e 5 della legge regionale 13 aprile 2001, n. 7 (Norme in materia di disciplina e classificazione delle aziende ricettive all aria aperta), nell eventualità di perdita dei requisiti di mobilità fissati dalla normativa suddetta e dal regolamento regionale 4 marzo 2003, n. 2 (Regolamento in attuazione della legge 13 aprile 2001, n. 7 Norme in materia di disciplina e classificazione delle aziende ricettive all aria aperta ). (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.4 di 5

14 TIPOLOGIA DI OPERE ABUSIVE SUSCETTIBILI DI SANATORIA E PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLA SANATORIA EDILIZIA (ai sensi dell art. 32 comma 26 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre Art. 3 (Sanatoria nelle aree soggette a vincoli e nei siti di Rete Natura 2000) 1. Nelle aree soggette a vincoli imposti sulla base di leggi statali e regionali a tutela degli interessi idrogeologici e delle falde acquifere, nonché dei beni ambientali e paesaggistici, le opere abusive non sono comunque suscettibili di sanatoria, qualora il vincolo comporti inedificabilità assoluta e sia stato imposto prima dell esecuzione delle opere. 2. Ai fini della sanatoria delle opere abusive realizzate nelle aree di cui al comma 1, fatte salve le fattispecie di esclusione ivi contemplate, si applica la disciplina prevista dall articolo 32 della l. 47/ La sanatoria delle opere abusive realizzate nelle aree soggette alla disciplina del decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357 (Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche), è subordinata all esito positivo della valutazione di incidenza prevista dall articolo 5 del predetto d.p.r. A tal fine la valutazione di incidenza è allegata alla domanda di rilascio del titolo abilitativo in sanatoria, ovvero è prodotta, ad integrazione della medesima, entro il 30 settembre Qualora la valutazione di incidenza sia comunicata al comune successivamente al 30 giugno 2005, il termine previsto dal comma 37 dell articolo 32 del d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/2003, decorre dalla comunicazione medesima. Art. 4 (Contributo di costruzione) 1. Con apposita deliberazione, da assumersi entro il termine perentorio di trenta giorni dall entrata in vigore della presente legge, il comune definisce i termini e le modalità di versamento degli oneri di urbanizzazione connessi alla sanatoria delle opere abusive, nonché del contributo sul costo di costruzione nei casi di cui al comma 5. Inoltre, può disporre che gli oneri di urbanizzazione relativi alla realizzazione di opere abusive riconducibili alle tipologie di illecito numeri 1, 2 e 3, di cui all allegato 1 al d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/2003, siano incrementati, rispettivamente, fino al massimo del 50, 30 e 20 per cento. 2. Nella stessa deliberazione di cui al comma 1, il comune può stabilire che una quota non superiore al 50 per cento degli oneri di urbanizzazione, calcolati in via presuntiva dai richiedenti la sanatoria, sia versata, a titolo di anticipazione, all atto della presentazione della domanda di sanatoria. 3. Per le domande presentate anteriormente alla deliberazione comunale di cui al comma 1, l eventuale conguaglio degli oneri dovuti a titolo di anticipazione deve essere versato entro venti giorni dalla deliberazione stessa. 4. L importo definitivo degli oneri di urbanizzazione dovuti è determinato dal comune nel titolo abilitativo edilizio in sanatoria, ovvero direttamente dal richiedente la sanatoria in caso di applicazione della disciplina di cui al comma 37 dell articolo 32 del d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/2003, fatta salva la possibilità per il comune di richiedere successivamente l eventuale conguaglio. 5. Il contributo sul costo di costruzione è dovuto ai fini della sanatoria delle sole opere abusive riconducibili alle tipologie di illecito numeri 1, 2 e 3, di cui all allegato 1 al d.l. 269/2003, convertito dalla l. 326/2003, qualora realizzate dopo il 29 gennaio Gli oneri di urbanizzazione e il contributo sul costo di costruzione dovuti ai fini della sanatoria sono determinati applicando le tariffe vigenti all atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria. 7. In assenza della deliberazione di cui al comma 1, il contributo di costruzione è corrisposto per intero all atto del perfezionamento del procedimento di sanatoria. Art. 5 (Entrata in vigore) 1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione. (leggi 06/11/2004). (modulo redatto sulla base dell allegato 1 alla L. 326/2003 G.U. serie generale suppl. ord. n. 274 del 25/11/2003) Pag.5 di 5

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

DOMANDA RELATIVA ALLA DEFINIZIONE DEGLI ILLECITI EDILIZI

DOMANDA RELATIVA ALLA DEFINIZIONE DEGLI ILLECITI EDILIZI da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE CENTRALE SPORTELLO UNICO Marca da bollo 11,00 DOMANDA RELATIVA ALLA DEFINIZIONE DEGLI ILLECITI EDILIZI ai sensi dell art. 32 del D.L. 30-9-2003

Dettagli

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO ESEMPIO N. 1 - Opera realizzata in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conforme alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici (tipologia 1) Il sig.

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA

CITTA DI VENTIMIGLIA Imposta di bollo CITTA DI VENTIMIGLIA PROVINCIA DI IMPERIA Ufficio Edilizia Privata & Urbanistica Numero progressivo (1) (1) il soggetto richiedente dovrà numerare (segnare con numeri progressivi) le domande

Dettagli

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre 2004 - Morbegno Quesito - n. 8 - Relatore Ambito Riferimento legislativo Il condono edilizio dopo la sentenza della corte costituzionale. Analisi comparata delle proposte

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n.

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n. ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA UFFICIO CONDONO EDILIZIO Via Edolo,19-20125 Milano PROTOCOLLO GENERALE Imposta di bollo PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del

Dettagli

Comune di Provincia di. Domanda di condono edilizio

Comune di Provincia di. Domanda di condono edilizio stemma comune Comune di Provincia di Domanda di condono edilizio ai sensi dell art. 32 del D.L. 269/2003 (conv. L. 326/2003 e mod. L. 191/2004) e ai sensi della Legge Regionale n. 23/2004 marca da bollo

Dettagli

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Comune di S. Maria la Carità Riservato al Protocollo Generale del Comune Prot. n. del Riservato all ufficio ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Pratica: N. prot. n. del / / IV Settore Urbanistica - PROGETTO CONDONO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIUSEPPE VESUVIANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI SAN GIUSEPPE VESUVIANO PROVINCIA DI NAPOLI MOD 01 PARTE PRIMA PARTE GENERALE DA COMPILARE PER SINGOLA PRATICA IL SOTTOSCRITTO COGNOME NOME NATO A IL RESIDENTE IN ALLA VIA N. IS. LETT. CAP. TEL./FAX INDIRIZZO E-MAIL: CODICE FISCALE: PARTITA I.V.A.:

Dettagli

A V V I S O CON DELIBERA DI C.S.G. N 157 DEL 9/4/2010 I DIRITTI DI SEGRETERIA PER INTERVENTI DI NATURA EDILIZIO-URBANISTICA

A V V I S O CON DELIBERA DI C.S.G. N 157 DEL 9/4/2010 I DIRITTI DI SEGRETERIA PER INTERVENTI DI NATURA EDILIZIO-URBANISTICA A V V I S O CON DELIBERA DI C.S.G. N 157 DEL 9/4/2010 I DIRITTI DI SEGRETERIA PER INTERVENTI DI NATURA EDILIZIO-URBANISTICA SONO STATI RIMODULATI COME DA TABELLA SEGUENTE: DIRITTI DI SEGRETRERIA (TABELLA

Dettagli

DOMANDA DI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA

DOMANDA DI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA Spazio per la Marca da Bollo (importo 16,00 Euro) Spazio per il protocollo AL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA Ufficio Gestione e Attuazione della Strumentazione

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE * * * * *

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE * * * * * COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO SANATORIA ABUSIVISMO E CONTROLLO DEL TERRITORIO CONCESSIONE EDILIZIA IN SANATORIA N 24 DEL 13 Novembre 2009 Trascritta alla Conservatoria ai RR.II.. di

Dettagli

Il nuovo condono edilizio

Il nuovo condono edilizio Il nuovo condono edilizio Legge provinciale 8 marzo 2004, n. 3 Disposizioni in materia di definizione degli illeciti edilizi (condono edilizio) entrata in vigore il 10 marzo 2004 Piergiorgio Mattei Direttore

Dettagli

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI Comune di Giba (C.A.P. 09010) Tel. (0781) 964023-964057 - Fax 964470 REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 04/03/2013)

Dettagli

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE Pag. 1 di 6 Spazio riservato all'ufficio COMUNE DI PIAZZA MARCONI 51 58053 2 copie in carta semplice originale copia I PARTE sottoscritt_...... (C.F.......) nat_ a...... il...... e residente in (1)........

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001- s.o. n. 239) TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI

Dettagli

sull edificio riportato nel N.C.E.U: al foglio particella sub ed ubicato in Via n SEGNALA

sull edificio riportato nel N.C.E.U: al foglio particella sub ed ubicato in Via n SEGNALA Allo Sportello Unico Edilizia Comune di Atripalda Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) PER IL SEGUENTE INTERVENTO EDILIZIO, RICADENTE NEI CASI DI CUI ALL'ART. 22 (commi 1 e 2) DEL

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015 COMUNE DI BORGO PRIOLO PROVINCIA DI PAVIA C.A.P. 27040 TEL. (0383) 872214 872265 FAX. (0383) 871371 COD. FISC. 00468890181 ****** Ufficio Tecnico Comunale CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO. Provincia di Catania PERIZIA GIURATA. sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria

REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO. Provincia di Catania PERIZIA GIURATA. sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania PERIZIA GIURATA sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria ai sensi dell art.17 comma 1 della L.R. 16 aprile 2003, n. 4 e ss.mm. ed ii. ***********

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITA (art. 8 Regolamento Edilizio e D.p.r.380/2001)

DOMANDA DI AGIBILITA (art. 8 Regolamento Edilizio e D.p.r.380/2001) AREA 3 PIANIFICAZIONE, GESTIONE, TUTELA DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO : Sportello Unico Edilizia ed Attività Produttive Il Responsabile TITOLO VI CLASS 3 Aggiornato il 05/05/14 Marca da bollo

Dettagli

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA Prroviinciia dii Roma) Marca da bollo 14.62 - SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO - DA CONSEGNARE A: ===================================================================================== Ufficio Tecnico

Dettagli

Regione Marche Legge regionale del 29 ottobre 2004, n. 23 Bollettino Ufficiale Regionale del 4 novembre 2004, n. 116

Regione Marche Legge regionale del 29 ottobre 2004, n. 23 Bollettino Ufficiale Regionale del 4 novembre 2004, n. 116 Regione Marche Legge regionale del 29 ottobre 2004, n. 23 Bollettino Ufficiale Regionale del 4 novembre 2004, n. 116 Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi. Preambolo / IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato;

Dettagli

COMUNE DI ORTONOVO PROVINCIA DELLA SPEZIA Ufficio Tecnico Gestione del Territorio

COMUNE DI ORTONOVO PROVINCIA DELLA SPEZIA Ufficio Tecnico Gestione del Territorio COMUNE DI ORTONOVO PROVINCIA DELLA SPEZIA Ufficio Tecnico Gestione del Territorio PROTOCOLLO GENERALE UFFICIO TECNICO Gestione del territorio Pratica Edilizia n Responsabile del procedimento Anno. Il Capo

Dettagli

Al Comune di Sospirolo

Al Comune di Sospirolo MARCA DA BOLLO DI VALORE LEGALE Al Comune di Sospirolo ISTANZA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi dell art.36 del D.P.R. 06.06.2001 n.380 e ss.mm.ii. IL/LA SOTTOSCRITTO/A richiedente avente

Dettagli

CHIEDE l autorizzazione edilizia per l esecuzione dei lavori di cui alla seguente categoria: Impianti tecnologici (al servizio di edifici esistenti)

CHIEDE l autorizzazione edilizia per l esecuzione dei lavori di cui alla seguente categoria: Impianti tecnologici (al servizio di edifici esistenti) Marca da Bollo 16,00 Al Sindaco del Comune di Quartu Sant Elena Al Dirigente del Settore Pianificazione e Edilizia Privata OGGETTO: Richiesta di autorizzazione edilizia (art. 39 del Regolamento Edilizio)

Dettagli

D.I.A. - DENUNCIA D INIZIO DI ATTIVITÀ

D.I.A. - DENUNCIA D INIZIO DI ATTIVITÀ COMUNE DI VOLANO SERVIZIO TECNICO COMUNALE SPAZIO RISERVATO AL COMUNE Via Santa Maria, 36 38060 VOLANO (TN) Tel. 0464 419312 - Fax 0464 413427 e-mail: info@comune.volano.tit e-mail PEC: comune@pec.comune.volano.tit

Dettagli

Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG)

Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG) PROTOCOLLO GENERALE 1 MARCA DA BOLLO DA EURO 14,62 PRATICA EDILIZIA N. (riservato all'ufficio) Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di 24020 Scanzorosciate (BG) RICHIESTA DEL

Dettagli

Città di POMPEI Provincia di Napoli

Città di POMPEI Provincia di Napoli Città di POMPEI Provincia di Napoli V Settore Tecnico P.G. Marca da bollo Comunicazione di interventi di manutenzione straordinaria ex art. 6, comma 2, DPR 380/2001 come modificato dalla L. 73 del 22 maggio

Dettagli

TESTO UNICO DELL EDILIZIA

TESTO UNICO DELL EDILIZIA TESTO UNICO DELL EDILIZIA Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo aggiornato con le modifiche introdotte da: D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164) D.L. 28/03/2014,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PIANO ATTUATIVO (Allegato 1 Suppl. ordinario BUR n. 10 del )

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PIANO ATTUATIVO (Allegato 1 Suppl. ordinario BUR n. 10 del ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PIANO ATTUATIVO (Allegato 1 Suppl. ordinario BUR n. 10 del 7.3.2012) Il sottoscritto Cognome Nome Volpi Luca Nato a Terni Il 29/07/1967 Codice fiscale/ P.IVA Residente in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA. ex-art. 16 D.L. n. 289/

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA. ex-art. 16 D.L. n. 289/ COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di VITERBO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA ex-art. 16 D.L. n. 289/20.05.1992 * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 158

Dettagli

Segnalazione certificata di agibilità

Segnalazione certificata di agibilità Al Comune di Codice ISTAT Ufficio destinatario Segnalazione certificata di agibilità Ai sensi dell'articolo 24 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380 Il sottoscritto Cognome Nome

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE

PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE Allegato 2 GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE MODULO A: URBANISTICA E PRATICHE EDILIZIE Cenni generali sul quadro normativo in

Dettagli

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R.

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R. Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO "Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale n. 12 del 11 marzo 2005 e s.m.i.

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale n. 12 del 11 marzo 2005 e s.m.i. Spett.le Responsabile del Settore Territorio e Ambiente presso COMUNE DI BREMBATE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA MARCA DA BOLLO 16,00 Diritti di Segreteria da assolvere come da Prospetto Allegato B Regione Lombardia Provincia di Monza e Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e

Dettagli

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA)

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) timbro e data di arrivo AREA 3 PIANIFICAZIONE E ASSETTO DEL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA (SUE) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP)

Dettagli

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A S.U.E. - Modello F.1.0 AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A bollo OPERE IN PARZIALE DIFFORMITA DAL TITOLO ABILITATIVO

Dettagli

Città di Palermo. Ufficio Statistica Unità Organizzativa Toponomastica Sistema Statistico Nazionale

Città di Palermo. Ufficio Statistica Unità Organizzativa Toponomastica Sistema Statistico Nazionale Città di Palermo Ufficio Statistica Unità Organizzativa Toponomastica Sistema Statistico Nazionale Richiesta assegnazione numeri civici (Modello AP/7b) L assegnazione dei numeri civici si può richiedere

Dettagli

Comune di Santa Maria la Carità (NA) PARTE RISERVATA AL TECNICO

Comune di Santa Maria la Carità (NA) PARTE RISERVATA AL TECNICO Comune di Santa Maria la Carità (NA) Riservato all ufficio Pratica N. prot. n. del / / IV Settore Urbanistica - PROGETTO CONDONO EDILIZIO Modello contenente autocertificazioni e autodichiarazioni ai sensi

Dettagli

AL COMUNE DI MONSANO Servizio Urbanistica Sportello Unico Edilizia

AL COMUNE DI MONSANO Servizio Urbanistica Sportello Unico Edilizia Protocollo Pratica edilizia PERM.COST. n anno AL COMUNE DI MONSANO Servizio Urbanistica Sportello Unico Edilizia Oggetto: pratica edilizia. Richiesta PERMESSO DI COSTRUIRE ai sensi dell art. 10 del DPR

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall art. 49 della L.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall art. 49 della L. 1 COMUNE DI BONIFATI Piazza D. Ferrante, 33 87020 BONIFATI (CS) Spazio per Ufficio Protocollo AL DIRIGENTE DEL SETTORE URBANISTICA DEL COMUNE DI BONIFATI Il sottoscritto Nato a Codice fiscale Residente

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. con residenza anagrafica nel Comune di prov. via/loc. codice fiscale/partitaiva

Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. con residenza anagrafica nel Comune di prov. via/loc. codice fiscale/partitaiva Al Comune di Piombino Via Ferruccio n 4 57025 PIOMBINO (LI) FASCICOLO N OGGETTO: Istanza di deposito di frazionamento catastale (articolo 30 5 comma DPR 6 giugno 2001 n 380) Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore 1 Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia Il Dirigente Responsabile del Settore Modena, 15/10/2007 Protocollo generale n. 133038/2007 Protocollo di settore n. 16539/2007 DO/do

Dettagli

Al Comune di Piombino Via Ferruccio n PIOMBINO (LI) Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. con residenza anagrafica nel Comune di prov.

Al Comune di Piombino Via Ferruccio n PIOMBINO (LI) Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. con residenza anagrafica nel Comune di prov. Al Comune di Piombino Via Ferruccio n 4 57025 PIOMBINO (LI) FASCICOLO N OGGETTO: Istanza di deposito di frazionamento catastale (articolo 30 5 comma DPR 6 giugno 2001 n 380) Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

DOMANDA PER CERTIFICATO DI AGIBILITA Art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i.

DOMANDA PER CERTIFICATO DI AGIBILITA Art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i. Marca da bollo PROTOCOLLO GENERALE ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI SORSO DOMANDA PER CERTIFICATO DI AGIBILITA Art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i. Pratica Edilizia n del sottoscritt_ 1)

Dettagli

N. PRATICA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE LAVORI

N. PRATICA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE LAVORI COMUNE DI SAN QUIRINO N. PRATICA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE LAVORI (DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI AGIBILITA ) Il/La sottoscritto/a nato/a a prov. il con studio a CAP in via/piazza/località n. telefono

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA COMUNE DI PISA apple apple Allo Sportello unico dell Edilizia Allo Sportello unico delle Attività Produttive AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA ai sensi dell art. 152 della LRT 10 Novembre 2014 n 65 Dati relativi

Dettagli

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI.

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI. Comune di Saletto Provincia di Padova --ooooo ooooo-- REGOLAMENTO COMUNALE CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE

Dettagli

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA COMUNE DI PISA apple apple Allo Sportello unico dell Edilizia Allo Sportello unico delle Attività Produttive ACCERTAMENTO DI CONFORMITA ai sensi dell art. 209 della LRT 10 Novembre 2014 n 65 Dati relativi

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 26 luglio 2012 Individuazione delle modalita di inserimento negli atti catastali della sussistenza del requisito della ruralita. (12 08730) (GU n. 185 del

Dettagli

AL COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI

AL COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI AL COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI Settore Gestione e Assetto del Territorio Allegato alla D.I.A. n del (Riservato all Ufficio) RELAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER D.I.A. (ai sensi degli artt. 22 e 23 del

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) SEGNALA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) SEGNALA Comune di Cantalice Area Tecnica Edilizia Privata ed Urbanistica Sportello Unico per l Edilizia Piazza della Repubblica 1, 02014 Cantalice SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) Per interventi

Dettagli

P r o v i n c i a d i P i s t o i a C O M U N E D I Q U A R R A T A S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a

P r o v i n c i a d i P i s t o i a C O M U N E D I Q U A R R A T A S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a Marca da bollo P r o v i n c i a d i P i s t o i a C O M U N E D I Q U A R R A T A S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a Pratica N. (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato al

Dettagli

Dichiarazione esenzione contributo di concessione

Dichiarazione esenzione contributo di concessione SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO Dichiarazione esenzione contributo di concessione COMUNE DI SAMONE Via Nuova Superiore, 11 Ufficio Tecnico Tel. 0461 762033 Fax 0461 762944 COMUNI DI STRIGNO, SAMONE E IVANO

Dettagli

Misure di razionalizzazione della finanza pubblica

Misure di razionalizzazione della finanza pubblica LEGGI NAZIONALI 1 LEGGE 23 DICEMBRE 1994, N. 724 Misure di razionalizzazione della finanza pubblica (G.U. 30.12.1994, S.O. n. 304) omissis 39. Definizione agevolata delle violazioni edilizie 1. Le disposizioni

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Al Comune di Codice ISTAT Ufficio destinatario Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi dell'articolo 24, dell'articolo 25 e dell'articolo 26 del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

MOD.E060 rev. 01. Il/La sottoscritto/a nato/a a ( ) il CF residente a, Via, n

MOD.E060 rev. 01. Il/La sottoscritto/a nato/a a ( ) il CF residente a, Via, n MOD.E060 rev. 01 Marca da bollo A - Dichiarazione di fine lavori B - Richiesta Certificato di Agibilità (Art. 24 e 25 del D.P.R. n 380 del 6 Giugno 2001, e successive modifiche ed integrazioni) Permesso

Dettagli

PERIZIA GIURATA. ai sensi dell art. 17 della L.R. 04 del 16 aprile 2003

PERIZIA GIURATA. ai sensi dell art. 17 della L.R. 04 del 16 aprile 2003 PERIZIA GIURATA ai sensi dell art. 17 della L.R. 04 del 16 aprile 2003 Il sottoscritto, nato a.. il ed abilitato all esercizio della professione ed iscritto all Albo degli della Provincia di al n., con

Dettagli

COMUNE DI SAN VERO MILIS Provincia di Oristano UFFICIO TECNICO Area Gestione del Territorio

COMUNE DI SAN VERO MILIS Provincia di Oristano UFFICIO TECNICO Area Gestione del Territorio Spazio Riservato all Ufficio Protocollo COMUNE DI SAN VERO MILIS Provincia di Oristano UFFICIO TECNICO Area Gestione del Territorio Via Eleonora d Arborea n.5 09070 San Vero Milis tel. 0783460-110 -125

Dettagli

CHIEDE IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA. Relativo ALL IMMOBILE O ALLE PORZIONI D IMMOBILE identificati nella tabella che segue:

CHIEDE IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA. Relativo ALL IMMOBILE O ALLE PORZIONI D IMMOBILE identificati nella tabella che segue: RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO 14,62 GESTIONE DEL TERRITORIO EP AL COMUNE DI CONEGLIANO AREA SERVIZI AL TERRITORIO Sportello Unico per l Impresa e l Edilizia I sottoscritt (1) 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE ART. 1 DEFINIZIONI Il presente Regolamento intende determinare le modalità e le procedure per la

Dettagli

COMUNE DI MISILMERI (Provincia di Palermo) AREA 4 URBANISTICA

COMUNE DI MISILMERI (Provincia di Palermo) AREA 4 URBANISTICA A - Modulo di comunicazione Al Responsabile dell Area 4 Urbanistica Arch. Giuseppe Lo Bocchiaro Oggetto: Abitabilità/agibilità di immobile - Comunicazione del proprietario ai sensi dell'art. 3, comma 5

Dettagli

Dichiarazione di agibilità

Dichiarazione di agibilità Al Comune di Codice ISTAT Ufficio destinatario Dichiarazione di agibilità Ai sensi dell'articolo 25 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380 Il sottoscritto Cognome Nome Codice Fiscale

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell economia Unita Operativa Edilizia Privata

COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell economia Unita Operativa Edilizia Privata RISERVATO ALL UFFICIO NUMERO PRATICA COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell economia Unita Operativa Edilizia Privata CERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IN MATERIA IDROGEOLOGICA (art.

Dettagli

UFFICIO COMUNE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA U.O. EDILIZIA PRIVATA

UFFICIO COMUNE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA U.O. EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI GAMBASSI TERME Provincia di Firenze http.//www.comune.gambassi-terme.fi.it COMUNE DI MONTAIONE Provincia di Firenze http.//www.comune.montaione.fi.it UFFICIO COMUNE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

Dettagli

PERIZIA GIURATA. ai sensi dell art. 17 della L.R. 04 del 16 aprile 2003

PERIZIA GIURATA. ai sensi dell art. 17 della L.R. 04 del 16 aprile 2003 PERIZIA GIURATA ai sensi dell art. 17 della L.R. 04 del 16 aprile 2003 Il sottoscritto, nato a.. il ed abilitato all esercizio della professione ed iscritto all Albo degli della Provincia di al n., con

Dettagli

PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA P.A.S. (ai sensi dell art. 6 del D. Lgs. 28/2011) Luogo e data di nascita COMUNE PROVINCIA DATA

PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA P.A.S. (ai sensi dell art. 6 del D. Lgs. 28/2011) Luogo e data di nascita COMUNE PROVINCIA DATA Numero di protocollo COMUNE DI PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA P.A.S. (ai sensi dell art. 6 del D. Lgs. 28/2011) Il/La sottoscritto/a Luogo e data di nascita COMUNE PROVINCIA DATA Residenza Altri dati

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA COMUNICAZIONE FINE LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA COMUNICAZIONE FINE LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante e del direttore dei lavori COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA Sportello per: Edilizia sede di: Venezia - San Marco 4023 Campo Manin

Dettagli

AGGIORNAMENTO TARIFFE DIRITTI DI SEGRETERIA IN AMBITO EDILIZIO-URBANISTICO LA GIUNTA COMUNALE

AGGIORNAMENTO TARIFFE DIRITTI DI SEGRETERIA IN AMBITO EDILIZIO-URBANISTICO LA GIUNTA COMUNALE Oggetto: AGGIORNAMENTO TARIFFE DIRITTI DI SEGRETERIA IN AMBITO EDILIZIO-URBANISTICO LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: -l art. 10, comma 10 della Legge 19.03.1993 n. 68 così come modificato dall art.2, comma

Dettagli

Comune di Sabaudia Provincia di Latina

Comune di Sabaudia Provincia di Latina Protocollo generale Comune di Sabaudia Provincia di Latina N del Sportello Unico Attività Produttive SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI SABAUDIA Piazza del Comune 04016 Sabaudia (LT) OGGETTO:

Dettagli

CHIEDE. Prat. N. / Al Sig. SINDACO Marca da bollo OGGETTO: Sett. Suap, Attività economiche ed Edilizia Privata del COMUNE di EMPOLI 14.

CHIEDE. Prat. N. / Al Sig. SINDACO Marca da bollo OGGETTO: Sett. Suap, Attività economiche ed Edilizia Privata del COMUNE di EMPOLI 14. Prat. N. / Al Sig. SINDACO Marca da bollo Sett. Suap, Attività economiche ed Edilizia Privata del COMUNE di EMPOLI 14.62 spazio riservato all ufficio protocollo OGGETTO: - Istanza di ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITA

Dettagli

RETE NATURA 2000 PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA

RETE NATURA 2000 PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA RETE NATURA 2000 PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA DICHIARAZIONE DI NON NECESSITÀ DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA AI SENSI DELLA D.G.R. 3173 DEL 10 OTTOBRE 2006 Il sottoscritto Arch. Paolo

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres.

L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres. L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione e l erogazione dei contributi

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Spett.le UFFICIO EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO VIA G. VACCARI 2 31053 PIEVE DI SOLIGO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) La sottoscritta Ditta: (nel caso di

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO ACQUA. Il/la sottoscritto/a. nato/a il a. residente in via. titolare del codice fiscale tel. in qualità di dell immobile sito nella

DOMANDA ALLACCIO ACQUA. Il/la sottoscritto/a. nato/a il a. residente in via. titolare del codice fiscale tel. in qualità di dell immobile sito nella DOMANDA ALLACCIO ACQUA Registrata al. N. In data Al Sig. Sindaco del Comune di San Pietro in Guarano (CS) Il/la sottoscritto/a nato/a il a residente in via titolare del codice fiscale tel. in qualità di

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Attività Produttive - S.U.A.P. del Comune di Genzano di Roma Via Italo Belardi, Genzano di Roma RM

Al Responsabile del Servizio Attività Produttive - S.U.A.P. del Comune di Genzano di Roma Via Italo Belardi, Genzano di Roma RM Al Responsabile del Servizio Attività Produttive - S.U.A.P. del Comune di Genzano di Roma Via Italo Belardi, 81 00045 Genzano di Roma RM ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE SANITARIE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA (ai sensi del D.P.R n 380 e s.m.i. Titolo III art. 24 in vigore dal )

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA (ai sensi del D.P.R n 380 e s.m.i. Titolo III art. 24 in vigore dal ) Protocollo di presentazione CITTA di GIAVENO Area Urbanistica e Gestione del Territorio Ufficio Edilizia Privata Diritti di segreteria 30,00 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA (ai sensi del D.P.R. 06.06.2001

Dettagli

(conseguente l applicazione dei commi 336 e 337, art. 1, della Legge , n. 311)

(conseguente l applicazione dei commi 336 e 337, art. 1, della Legge , n. 311) SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI Regolamento per la definizione agevolata dell Imposta Comunale sugli Immobili (I.C.I.) (conseguente l applicazione dei commi 336 e 337, art. 1, della Legge 30.12.2004,

Dettagli

Timbro del Protocollo Generale Posizione Edilizia. n /

Timbro del Protocollo Generale Posizione Edilizia. n / Timbro del Protocollo Generale Posizione Edilizia n / numero anno Marca da bollo da Euro 1100 Numero progressivo:. Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di 35028 PIOVE DI SACCO PADOVA (indicativo

Dettagli

CHIEDE Il rilascio del certificato di agibilità

CHIEDE Il rilascio del certificato di agibilità Opere per le quali si chiede l agibilità Titolarità Richiedente Dati Richiedente RICHIESTA AGIBILITÀ AI SENSI ART. 37) L.R. 16/08 ART. 27 L.R. 9/12 Al COMUNE DI BARGAGLI EDILIZIA PRIVATA Via A.Martini,

Dettagli

Segnalazione certificata di agibilità

Segnalazione certificata di agibilità Al Comune di Codice ISTAT Ufficio destinatario Segnalazione certificata di agibilità Ai sensi dell'articolo 24 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380 Il sottoscritto Cognome Nome

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITA

COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITA COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITA AI SENSI DELL ART. 41 COMMA 2 DELLA L.R. 12/2005 COME MODIFICATA DALL ART. 12 COMMA 1 LETT. J DELLA L.R. 3/2011 Il/la sottoscritto 1 nato/a a Prov. il Cod. Fisc./P. I.V.A

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI

Dettagli

Il sottoscritto Geometra Antonino Cruciata debitamente iscritto all albo dei geometri della provincia di Trapani al n. 1184

Il sottoscritto Geometra Antonino Cruciata debitamente iscritto all albo dei geometri della provincia di Trapani al n. 1184 STUDIO TECNICO GEOMETRA ANTONINO CRUCIATA VIA S. CORLEO 49 51 91011 - ALCAMO - TRAPANI P.IVA 021097300818 C.F. CRCNNN60T20A176X TEL TEL.CELL. 3339160561 e-mail : acruciata@alice.it Web : http//www.webtecnico.altervista.org

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI

CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI Opere sanabili Emilia Romagna Per ampliamenti e sopraelevazioni (conformi alla normativa urbanistica ma che contrastino con le prescrizioni degli strumenti urbanistici)

Dettagli

Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA

Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA Servizio Edilizia Privata Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA DEPOSITO DI VARIANTE IN CORSO D OPERA E COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI (ai sensi dell art. 142 L.R. n. 1/2005 e s.m.i.) CON CERTIFICAZIONE

Dettagli

Il sottoscritto Codice fiscale Data di nascita / / Cittadinanza Italiana Luogo di nascita: Provincia Comune Residenza: Comune via C.A.P.

Il sottoscritto Codice fiscale Data di nascita / / Cittadinanza Italiana Luogo di nascita: Provincia Comune Residenza: Comune via C.A.P. Sportello Unico per le attività produttive di Allo Sportello Unico per le attività produttive di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA PER ALBERGO Il sottoscritto Codice fiscale Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

Copia per: Comune Denunciante PRATICA EDILIZIA INTESTATA A: ... (ai sensi della L.R. n.1/05)

Copia per: Comune Denunciante PRATICA EDILIZIA INTESTATA A: ... (ai sensi della L.R. n.1/05) Al Comune di... Provincia di... Sportello unico per l Edilizia o Servizio Edilizia Pubblica e Privata (n.1 copia in carta bollata e n.1 copia in carta semplice) Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

COMUNE DI OSTIGLIA Via XX Settembre, Ostiglia (Mn) Tel./ fax:

COMUNE DI OSTIGLIA Via XX Settembre, Ostiglia (Mn) Tel./ fax: Oggetto: informativa relativa alle modalità di calcolo del contributo concessorio previsto dall'art.3 della Legge n.10/77. La presente informativa viene formulata allo scopo di rendere note le modalità

Dettagli

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

con sede in via/piazza n. che rappresenta in qualità di

con sede in via/piazza n. che rappresenta in qualità di Comune di Villata Provincia di Vercelli Sportello Unico edilizia P.G. Marca da bollo da euro 10,33 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (articoli da 11 a 15 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinario per interventi

Dettagli

Il sottoscritto Nato a Prov. Stato residente in Via /Piazza n. Cod. Fisc. C H I E D E. Scadenza 27 ottobre2014

Il sottoscritto Nato a Prov. Stato residente in Via /Piazza n. Cod. Fisc. C H I E D E. Scadenza 27 ottobre2014 Scadenza 27 ottobre2014 AL COMUNE DI TIVOLI Settore IV WELFARE Piazza del Governo 1 00019 TIVOLI ANNUALITA 2013 Il sottoscritto Nato a Prov. Stato il residente in Via /Piazza n. Cod. Fisc. *Telefono *Cellulare

Dettagli

Oneri di urbanizzazione Costo di costruzione

Oneri di urbanizzazione Costo di costruzione Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia agosto 2013 Oneri di urbanizzazione Costo di costruzione Modifiche apportate dalla Legge regionale 12 agosto 2013, n.

Dettagli

residente in PIEVE FOSCIANA (LU) Via n. Tel. Dati dell intestatario del contratto di locazione (N.B. da dichiarare se diverso dal richiedente).

residente in PIEVE FOSCIANA (LU) Via n. Tel. Dati dell intestatario del contratto di locazione (N.B. da dichiarare se diverso dal richiedente). Timbro Protocollo Al Sig. Sindaco del Comune di Pieve Fosciana Ufficio Casa Oggetto: Domanda di partecipazione al Bando per l'assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione ai sensi

Dettagli

... UBICAZIONE DELL IMMOBILE ... ESTREMI CA- TASTALI IMPRESA ESE- CUTRICE DEI LAVORI

... UBICAZIONE DELL IMMOBILE ... ESTREMI CA- TASTALI IMPRESA ESE- CUTRICE DEI LAVORI Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante OGGETTO: Trasmissione della dichiarazione del Direttore dei Lavori - del professionista

Dettagli