Il calcestruzzo in opera

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il calcestruzzo in opera"

Transcript

1 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/26 Il calcestruzzo in opera 1. GENERALITÀ - Il soddisfacimento delle specifiche progettuali richiede uno studio accurato del ciclo di produzione, posa, cura e mantenimento del calcestruzzo. Il mix design fornisce i principali riferimenti prestazionali a cui la pianificazione dei processi si deve riferire In particolare durante l avvio del cantiere è richiesto uno studio attento del ciclo di produzione, al fine di assicurare due requisiti generali che riguardano la durabilità e la manutenibilità del calcestruzzo in opera. La conformità e la correttezza della messa in opera influenza significativamente la durabilità dei calcestruzzi per i quali ad esempio risultano essere determinanti l omogeneità e la compattezza dell impasto posato in opera. Una vibrazione errata o una distribuzione non omogenea all interno del cassero influenza la durabilità del materiale in opera e la vita utile delle strutture. Alle prestazioni finali del prodotto maturo contribuiscono il betonaggio ed il trasporto del materiale fresco che devono rispettare le prescrizioni delle ricette di laboratorio e mantenere le caratteristiche per la durata richiesta. Il dosaggio e il controllo della consistenza del carico, devono essere effettuate tenendo conto della durata, variabile, del viaggio e prevenire manipolazioni e/o alterazioni quali aggiunte di acqua in cantiere. La corretta pianificazione delle operazioni di getto e stagionatura del calcestruzzo in relazione alle condizioni ambientali, tecniche e organizzative è quindi necessaria per il soddisfacimento delle prestazioni finali del prodotto. In relazione all importanza del cantiere, è necessario che l esecutore integri le prescrizioni progettuali fornendo all avvio del cantiere un documento di studio dei calcestruzzi per mezzo del quale siano descritte le modalità esecutive conformemente alle prescrizioni ed alle richieste di prestazione progettuali. 1.1 PREPARAZIONE DEL CANTIERE La preparazione del cantiere comporta la raccolta di test e di altri elementi di informazione provenienti da cantieri precedenti e comparabili con il cantiere in esame. Fra i criteri di graduazione della pianificazione e gestione della qualità dell intervento sono contemplati: - il volume dei lavori; - l incidenza che l esecuzione delle opere può avere sulle caratteristiche finali delle opere progettate (livello di sollecitazioni, procedure di esecuzione ed esigenze di durabilità); Lo studio della composizione del calcestruzzo e la pianificazione delle attività di produzione è basato su dati relativi: - al progetto: caratteristiche meccaniche, dimensioni delle opere, armature; - al cantiere: equipaggiamenti per la messa in opera e condizioni climatiche; - alle proprietà del calcestruzzo: maneggevolezza, compattezza, durabilità, aspetto del paramento, lavorabilità. Il piano di costruzione richiede quindi il bilanciamento di tre obiettivi principali:

2 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 2/26 - una lavorabilità data (condizionata dalla cassaforma da riempire, l ottenimento di una buona compattezza ed il ricoprimento corretto delle armature) ed adatta ai mezzi di posa utilizzati in cantiere; - una resistenza meccanica, in particolare rispetto alla compressione; - una corretta durabilità legata alla resistenza alle aggressioni fisico chimiche del contesto ambientale (effetto del gelo, emissioni inquinanti, acque aggressive, ecc.) 1.2 CRITERI DI GESTIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ DEL PROCESSO Rispetto all organizzazione delle attività produttive i fattori che influenzano principalmente la qualità del calcestruzzo sono: - prima del confezionamento è di particolare importanza lo stato di conservazione del cemento, il controllo dell assorbimento dell umidità ambientale e la conservazione in un ambiente chiuso e secco; - in fase di confezionamento: la scelta del cemento; - il dosaggio in cemento (le eccedenze provocano una tendenza alla fessurazione, le carenze provocano carenze nella resistenza e nella durabilità; - la natura e le proprietà dei granulati; - la quantità e la qualità dell acqua di idratazione; - l intensità e la durata dell impastatura; - la temperatura di betonaggio; - le eventuali aggiunte; - in fase di getto: la messa in opera ed il costipamento del calcestruzzo; - l omogeneità del calcestruzzo; - la qualità delle superfici di casseratura; - la temperatura esterna; - in fase di maturazione: la ritenzione dell umidità assicurata mediante l impiego di prodotti per la cura della maturazione in relazione a fattori quali la temperatura esterna, la velocità dell aria e l umidità relativa. 2. MATERIALI Le caratteristiche prestazionali dei materiali impiegate nel processo di produzione del calcestruzzo sono ampiamente regolate da norme. Il mix design del calcestruzzo specifica le caratteristiche di prestazione dei prodotti e delle opere in esercizio sia le caratteristiche intermedie dei materiali e dei processi che sono oggetto della pianificazione e del controllo della qualità. L esigenza di ottenere un impasto lavorabile è finalizzata alla dimensione economica e produttiva dei processi e dei prodotti intermedi utilizzati nel confezionamento del calcestruzzo armato. L impasto gettato in opera è quindi il risultato di decisioni che devono tendere ad un bilanciamento delle caratteristiche che influenzano la lavorabilità, mantenendo sotto controllo i parametri economici dei processi, e delle caratteristiche che assicurano la qualità finale del prodotto in accordo con la qualità richiesta in opera per i manufatti. Si mettono in evidenza quelle dei materiali che risultano più sensibili alle alterazioni del processo che possono influenzare le prestazioni di esercizio del calcestruzzo. 3 CEMENTO Mescolato con l acqua il cemento forma una pasta che si solidifica a contatto con l aria o sott acqua, da cui proviene la definizione come legante idraulico. Questo

3 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 3/26 fenomeno risulta dall idratazione del cemento che necessita del 25% dell acqua in peso. Con l aggiunta di sabbia e granulati è necessaria una quantità supplementare di acqua per permettere una posa ed un compattamento corretti. I leganti idraulici non si idratano immediatamente a contatto con l acqua. Un eccesso di acqua, il freddo, le impurità della sabbia e gli eventuali additivi ritardano la presa. Per contro la presa viene accelerata in presenza di calore e di additivi acceleranti. L accrescimento della resistenza meccanica nel calcestruzzo indurito è la principale conseguenza del controllo delle reazioni di idratazione attraverso il dosaggio in cemento, la temperatura i tempi. L utilizzo di certi tipi di additivi permette di ridurre il tenore d acqua per una lavorabilità data e di aumentare la resistenza. Il calore di idratazione è correlato alle reazioni chimiche prodotte dal processo di idratazione. Aumenta tendenzialmente con la classe di resistenza del cemento, il dosaggio e la temperatura iniziale. Provoca inoltre un accelerazione dell idratazione nelle fasi iniziali di presa. Il calcestruzzo è soggetto a differenti tipi di ritiro: - il ritiro di idratazione si realizza in assenza di variazione di temperatura e senza migrazione di acqua; - il ritiro igrometrico è dovuto ad una separazione dell acqua prima della presa. Ci si limiterà a bagnare le casseforme ed a dispositivi di cura del calcestruzzo; - il ritiro idraulico o di essicazione; - il ritiro termico (contrazione seguente alla dilatazione dovuto al riscaldamento del calcestruzzo sotto l effetto del calore sviluppato dall idratazione del cemento) è troppo spesso trascurato. La riduzione del ritiro termico avviene attraverso una scelta opportuna del cemento che risulta tanto più importante quanto più l opera è massiva. L utilizzo di casseforme metalliche riduce la temperatura di contatto dei costituenti attraverso la riduzione degli spessori dei getti e quando è necessario eliminando il calore in eccesso attraverso l utilizzo di tubazioni di refrigerazione immerse nel calcestruzzo. L uso dei cementi di più largo impiego è regolato dalla ENV UNI 197/1, che definisce la composizione, le specifiche e i criteri di conformità dei correnti. I D.M. 3/6/1968 e 20/11/1984 restano validi per i cementi alluminosi, per i cementi per sbarramenti di ritenuta, gli agglomerati cementizi e le calci idrauliche non oggetto delle ENV 197. La scelta del cemento (tipo e classe di resistenza in funzione della classe di esposizione alla pioggia e delle caratteristiche della costruzione per la quale viene utilizzato deve essere conforme alle norme nazionali in vigore. Le principali caratteristiche della polvere di cemento per le quali le norme prevedono prove di controllo sono: - la superficie specifica (la superficie totale di sviluppo di tutti i grani contenuti in un grammo di cemento) caratterizza la finezza di macinatura del cemento. Secondo i tipi di cemento viene compresa fra i 2000 ed i 4000 cm 2 /g (da 6000 a 7000 cm 2 /g per il cemento pronto). - massa volumica apparente: circa 1000 kg/m 3 ; - massa volumica assoluta: da 2900 a 3150 kg/m 3 - la resistenza meccanica, normale a compressione determinata a 28 giorni. - altre caratteristiche fisico chimiche Classe Resistenza a compressione Misurazioni precoci normale Limite inferiore garantito

4 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 4/26 2g 7g 28g 2g 7g 28g Li Li Li Ls R R R Li limite inferiore Ls Limite superiore Tabella 1 Resistenza meccanica normale Fisiche Classe R R R Ritiro a 28 gg (m/m) CPA-CEM I e CPJ-CEM II Tempo di attesa prima della presa (min) Stabilità (mm) 10 Tabella 2 Specifiche e caratteristiche fisiche in relazione alle classi di resistenza Chimiche Proprietà Perdita al fuoco Saggi di riferimento Tipo di cemento CPA-CEM I CHF-CEM III CLK-CEM III Classe di resistenza Esigenze (1) (a) Tutte le classi 5 - Mgo CPA-CEM I Tutte le classi 5 - CPA-CEM I Residuo CHF-CEM III Tutte le classi insolubile 5 - CLK-CEM III Solfato (SO 3) NF EN CPA-CEM I CPJ-CEM II (2) CPZ-CEM IV CLC-CEM V R R R 3.5 (5) 4 4 (5) 4.5 CHF-CEM III (3) Tutte le classi - 5 CLK-CEM III/C Cloruri Tutte tranne 52.5R NF EN Tutti I tipi (4) 52.5R Soddisfatta Pozzolanicità NF EN CPZ-CEM IV Tutte le classi prova (1) Dati in % di massa (2) Questa indicazione copre tutti i tipi di cemento CPJ-CEM II/A e CPJ-CEM II/B con l eccezione dei cementi non contenenti che scisti calcinati come costituenti principali oltre ai clinker per i quali il limite superiore è in SO 3 il 4.5% per tutte le classi (3) Il tipo CLK-CEM III/C può contenere un massimo di 4.5% in SO 3. (4) I cementi di tipo CHF-CEM III/A e B e i CLK-CEM III/C possono contenere più del o.1% di cloruri, in questo caso i tenore di cloruro deve essere dichiarato. (5) Limite superiore. da

5 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 5/26 Tabella 3 Specifiche e caratteristiche chimiche in relazione ai tipi di cemento. I principali requisiti che devono essere rispettati in cantiere sono rivolti alla conservazione delle prestazioni nominali garantite all uscita della fabbrica. In generale per ogni struttura deve essere impiegato cemento di un unico tipo e classe. Occorre quindi impedire il mescolamento di cementi di diversa classe, tipo e provenienza; ciascun silos deve contenere un cemento di un unico tipo e unica classe e deve essere identificato da appositi contrassegni. I silos devono assicurare la tenuta all umidità atmosferica. I cementi utilizzati devono essere controllati e certificati come previsto per legge dal D.M. 9 marzo 1988, n Regolamento del servizio di controllo e certificazione di qualità dei cementi e dal D.M. 13 settembre G.U. 22/9/93 - Nuove norme sui requisiti di accettazione e modalità di prova dei cementi. In caso di ambienti chimicamente aggressivi si dovrà far riferimento a quanto previsto nelle norme UNI 9156 Cementi resistenti ai solfati - classificazione e composizione e UNI Cementi resistenti ai solfati - Metodi di controllo della composizione. 4 AGGREGATI Un aggregato è costituito da un insieme di granelli minerali etichettati in relazione alla loro dimensione che va da 0 ad 80 mm di diametro come, sabbie, ghiaie, pietre. Gli aggregati costituiscono lo scheletro del calcestruzzo. Poco deformabile migliora la resistenza del cemento e si oppone alla propagazione della microfessurrazione nella pasta a causa del ritiro. Gli aggregati costituiscono in volume una quota che va dal 60 al 80% del prodotto fresco utilizzato nei getti. I materiali che entrano nel processo di produzione del calcestruzzo fresco sono in genere aggregati naturali di origine alluvionale (sabbia, ghiaino, ghiaia, ciottoli, pietrame per citare alcune accezioni relative ad aggregati fini e grossi di origine alluvionale), aggregati ottenuti per frantumazione (a cui ci si riferisce con termini quali sabbia, graniglia, pietrisco), aggregati risultanti da trattamenti termici quali l argilla espansa, la perlite e la vermiculite, aggregati artificiali quali le loppe d altoforno o sintetici quali il polistirolo espanso. Riferimenti principali per le caratteristiche degli aggregati impiegati nel il confezionamento del calcestruzzo sono le norme tecniche UNI EN 932 la UNI EN 933 e la UNI 8520 che tratta gli aggregati per confezionamento di calcestruzzi. Si distinguono due classi di caratteristiche rilevanti per la descrizione di un calcestruzzo: - caratteristiche geometriche; - caratteristiche fisiche e fisico chimiche: fra queste si distinguono in particolare le caratteristiche meccaniche. Le principali caratteristiche geometriche dei granulati riguardano: - la granulometria: permette per mezzo di vagliatura dei granulati su crivelli o setacci a maglie quadrate, con aperture di dimensione decrescente e pesatura a rifiuto su ciascun vaglio, di determinare il frazionamento delle dimensioni dei grani contenuti nel granulato; - la classe di granulato: rappresentata dal rapporto d/d con d e D rispettivamente la minore e la maggiore dimensione dei grani del granulato. Se d < 0,5 mm il granulato è descritto come 0/D. Una granulometria discontinua a partire da due classi granulometriche facilita la ricerca della distribuzione dei granulati (ad esempio sabbie 0/5 e ghiaia 15/25). La distribuzione granulometrica del calcestruzzo influisce direttamente sulla lavorabilità. Il bilanciamento delle frazioni granulometriche degli aggregati prende in considerazione il

6 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 6/26 diverso comportamento degli aggregati di dimensioni differenti. In termini qualitativi granuli di dimensione maggiore tendono ad aumentare l attrito quindi a ridurre la lavorabilità, i granuli di dimensione minore (sabbia) presentano più superficie da bagnare quindi assorbono acqua e riducono di conseguenza la lavorabilità. Sabbia fine Sabbia Ghiaietto Ciottoli sassi d (mm) - < D (mm) 0,008 da 0,08 a 6,3 incluso 31,5 80 Tabella 4 Terminologia indicativa per gli aggregati naturali in base al diametro - il modulo di finezza di una sabbia: caratterizza la granularità; - la forma dei grani: è caratterizzata da un coefficiente di appiattimento che deve risultare inferiore al 30%: gli aggregati possono essere spigolosi o avere spigoli arrotondati, avere forma sferoidale o piatta ed allungata. Forme spigolose e non sferoidali riducono la lavorabilità. La tessitura superficiale può presentarsi scabra o rugosa. La prima influenza positivamente lo sviluppo delle resistenze meccaniche la seconda influenza positivamente la lavorabilità. Il coefficiente di forma trattato dalla UNI 8520/18. - Le principali caratteristiche fisiche e fisico-chimiche che occorre tenere in considerazione sono: - la massa volumica apparente; cioè la massa di granulato che occupa l unità di volume dipendente dalla pezzatura dei grani. Spesso gli aggregati staccati in cantiere contengono umidità. Il loro tenore di acqua in percentuale può essere determinato per asciugamento e pesatura e deve essere conosciuto al fine di dedurre la quantità di acqua apportata al momento del dosaggio del calcestruzzo; - la porosità; la porosità dell aggregato, viene misurata mediante pesata prima e dopo l assorbimento di acqua secondo la UNI 8520/13 e /16, influenza il dosaggio del rapporto acqua cemento; se l aggregato non è saturo sottrae acqua se è presente acqua libera viene ceduta al legante. Solo l accurata determinazione della porosità dell aggregato permette di controllare il rapporto a/c. - la pulizia dei granulati; - aggregati quali ghiaie e pietrami: è la percentuale passante al vaglio da 0,5 mm (vaglio eseguito sotto l acqua); il residuo deve risultare inferiore al 2% o al 5% nel caso di granulati frantumati; - aggregati fini, sabbie: definito dal saggio equivalente di sabbia separata da materiali argillosi per lavaggio sulla frazione 0/5 mm; la percentuale richiesta di sabbia risultante sul totale varia in relazione alla natura della sabbia ed all utilizzo previsto. La presenza di particolari argille nelle sabbie, che riducono l aderenza fra la pasta di cemento e gli aggregati, è sfavorevole alla messa in opera o alle prestazioni finali del calcestruzzo. Allo stesso modo sono sfavorevoli concentrazioni in varia misura di altre impurità quali materie organiche solfati o solforosi, cloruri, lignite, gusci o scorie). Ai fini della conformità degli aggregati la UNI 8520 stabilisce le percentuali ammissibili di sostanze di varia natura che influenzano negativamente le proprietà del calcestruzzo. Le principali caratteristiche meccaniche che occorre tenere in considerazione sono: - la resistenza a compressione, a trazione; La resistenza a compressione ed a trazione influiscono sul comportamento meccanico del calcestruzzo in opera. Specie per valori di

7 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 7/26 resistenza a compressione degli aggregati, i grossi in particolare, inferiori alla resistenza pasta di cemento, la rottura a compressione viene presa in considerazione nell esame dei provini di calcestruzzo - la resistenza all abrasione, non sfaldabilità e resistenza all urto. Viene valutata per mezzo dei saggi Deval e Micro Deval che riproducono i fenomeni di usura sui granulati utilizzati in particolare per le opere stradali. La determinazione della resistenza alla frammentazione per urto e l usura per sfregamento reciproco. Il coefficiente Los Angeles calcolato a partire dal passante al crivello da 1,6 mm, caratterizza il granulato. Per dei granulati suscettibili di essere sottoposti agli effetti del gelo si può misurare il coefficiente Los Angeles dopo una serie di 25 cicli gelo disgelo (-25 C, + 25 C) e lo compara con il coefficiente di riferimento. La scelta dei granulati può essere ricondotta a tre criteri principali - Adeguatezza dei granulati al calcestruzzo; in sintesi nella tabella 5 - Attitudine all uso rispetto alla roccia di origine; in sintesi nella tabella 6 - Scelta secondo le caratteristiche d uso del calcestruzzo. in sintesi nella tabella 7 Caratteristica Influenza sul calcestruzzo Natura mineralogica La maggior parte dei granulati risulta adatto al calcestruzzo. L influenza sfavorevole proviene dalle argille, dai calcari marnosi, che provocano rigonfiamenti e alterazioni nella tessitura del calcestruzzo. Presenza di materie Influenza sfavorevole sulla presa e sull indurimento. Caduta di resistenza. organiche Tenore elevato di solfati, Reazione con il cemento, fessurazione, corrosione delle armature solforati, cloruri Pulizia degli aggregati Le impurità perturbano l idratazione del cemento e determinano un difetto di aderenza fra pasta ed aggregati Forma dei grani ed Poco significativo in generale: alcune sabbie da frantumazione possono appiattimento risultare qualche volta sfavorevoli per la messa in opera e per la compattezza finale. Granulometria La granulometria risulta determinante per una buona composizione del calcestruzzo. Tabella 5 Criteri di valutazione di adeguatezza degli aggregati. Roccia di origine Durezza Deval Dilatazione µm/m C Eruttiva Graniti Da 15 a 19 Da 8 a 12 Dioriti 16 Porfirica 16/17 Basalti 20 Metamorfica Quarzite Da 17 a Proprietà Dure e compatte, buona resistenza al gelo Difficoltà riscontrate Possibilità di impiego nel calcestruzzo Si nella maggior parte dei casi Dure e compatte Granulati di inattaccabili qualità utilizzati chimicamente per le pavimentazioni Marmi Da 15 a 20 10/12 Si Scisti Sensibili al gelo Presenza Unicamente gli

8 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 8/26 Gneiss di scisti duri granulati friabili Sedimentarie Da 12 a 15 Da 6 a 8 Buona aderenza alla Si Calcarea malta Dolomitica Da 10 a 12 Richiesti saggi preliminari Tabella 6 Attitudine all impiego degli aggregati nei calcestruzzi da costruzione Impiego Densità Granulati Calcestruzzo Da 2,2 a 2,4 Tutti granulati alluvionali o frantumati con preferenza per i silicei i calcari o i calcari silicei Calcestruzzo facciavista Come sopra + porfirici, basalti, graniti, dioriti che offrono una gamma varia di tessiture e di tinte Calcestruzzi Strutturali Da 1,5 a 1,8 Argille o scisti espansi, loppe espanse leggeri Semi isolanti Da 1 a 1,5 Argilla espansa, pozzolane, pietra pomice semi strutturali Isolanti Da 0,3 a 0,8 Vermiculite, sughero, legno, polistirene espanso, vetro espanso Calcestruzzi pesanti Da 3 a 5 Corindone, magnetite Calcestruzzo refrattario Da 2,2 a 2,5 Corindone, residui di prodotti refrattari, laterizi, silico-alluminati, loppe, granulati speciali Calcestruzzi o cappe per pavimenti industriali (significativa la resistenza all abrasione) Da 2,4 a 3 Corindone, Carborundum, granulati metallici Tabella 7 Adeguatezza dei granualati in relazione all impiego previsto nelle costruzioni. 5 ACQUA L acqua utilizzata nelle preparazione del calcestruzzo fresco deve soddisfare al requisito di non condizionare negativamente il processo di idratazione della pasta cementizia. Elementi capaci di interferire con la presa e l indurimento del calcestruzzo quali impurità, sali, oli, zuccheri, carbonati e bicarbonati, nonché il livello di acidità dell acqua, vanno controllati affinché la loro presenza sia ridotta in percentuali accettabili. Il D.M. del 14/2/92 stabilisce che l acqua per gli impasti deve essere limpida, priva di sali (particolarmente solfati e cloruri) in percentuali dannose e non essere aggressiva. Nelle condizioni correnti in cui si utilizza spesso acqua potabile i principali requisiti non costituiscono un problema. In mancanza di condizioni di fidatezza il controllo visivo/olfattivo non consente tuttavia una valutazione accurata. Le prove più frequenti per valori di soglia riscontrabili in letteratura riguardano ad esempio: - la misura del PH (non inferiore a 5); - la percentuale di sali (ad esempio cloruro di sodio inferiore al 2%, solfato di sodio inferiore a 1%, sali inorganici diversi non maggiori dello 0.05%, solfuro di sodio inferiore allo 0.01%); - la percentuale di carbonati e bicarbonato alcalini (non superiori al 0.2%). I metodi di prova sono di semplice applicazione e permettono in caso di esito negativo quantomeno di rilevare l esigenza di analisi accurate di laboratorio per determinare le quantità di agenti dannosi presenti nell acqua. Un criterio utilizzato per determinare l accettabilità consiste nel confronto delle caratteristiche di campioni di calcestruzzo confezionati con acqua sottoposta a verifica con campioni di calcestruzzo di riferimento confezionati con acqua di qualità idonea e misurare gli eventuali scostamenti stabilendo dei valori di accettabilità degli scarti.

9 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 9/26 6 ADDITIVI Un additivo è un prodotto incorporato nei calcestruzzi, malte o boiacche, in fase di mescolamento o prima della messa in opera, tale che modifica alcune proprietà del composto fresco o le caratteristiche del composto indurito. Ciascun additivo ha una funzione principale, caratterizzata dalle modificazioni, dai miglioramenti apportati e delle funzioni secondarie che possono produrre effetti non desiderarti. L impiego di un additivo, dosato normalmente (<5% della massa di cemento) non deve alterare le prestazioni nominali richieste al composto indurito ne il disegno delle armature previste nel progetto esecutivo. Si possono distinguere in: - additivi che modificano la lavorabilità (fluidificanti, fluidificanti e riduttori del tenore di acqua, superfluidificanti); aumentano la lavorabilità senza ridurre la resistenza meccanica, o aumentando la resistenza meccanica, mantengono il tenore di acqua costante o lo riducono l apporto di acqua richiesto (da 10 a 35 l/m 3 di calcestruzzo).la riduzione di acqua a parità di lavorabilità migliora la compattezza del calcestruzzo e ne aumenta di conseguenza la durabilità. I superfluidificanti producono un aumento consistente della lavorabilità in funzione del tempo (da 30 a 60 minuti) a parità di apporto in acqua al composto fresco. - additivi che modificano la presa e l indurimento (acceleranti e ritardanti); sono prodotti chimici solubili in acqua che modificano la solubilità dei differenti costituenti e la loro velocità dissoluzione; - additivi che modificano alcune proprietà del calcestruzzo. Si tratta di: - additivi aeranti che producono microbolle di aria che si distribuiscono uniformemente nella massa di composto fresco. Le microbolle frammentano il reticolo dei capillari e limitano lo sviluppo di sollecitazioni dovute al gelo dell acqua interstiziale, in particolar modo quando la distanza fra le microbolle non supera 200 µm. - utilizzati per opere idrauliche, tunnel, fondazioni, gli additivi idrofughi diminuiscono l assorbimento capillare del calcestruzzo o delle malte induriti e conferiscono, se la composizione è corretta, una buona tenuta all acqua. La loro efficacia dipende dalla natura del cemento ed i tempi di presa possono essere aumentati. Additivi Proprietà modificate Riduttori d acqua Fluidificanti Superfluidificanti Acceleranti di indurimento Acceleranti di presa Ritardanti di presa Areanti Idrofughi Lavorabilità + + Tempi di presa - + Resistenza a 3 g Resistenza a maturazione ( 28g) + + Occlusione mediante aria + Permeabilità sotto pressione idraulica - - Resistenza al gelo del cls indurito +

10 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 10/26 Compattezza Caratteristiche superficiali + + Tabella 9 Caratteristiche principali di impiego degli additivi 6.1 Additivi che modificano la lavorabilità Gli additivi particolarmente implicati nelle fasi di lavorazione del calcestruzzo interessano alcune prestazioni di processo significative (lavorabilità, pompabilità, coesività) senza alterare le prestazioni di esercizio richieste dal mix design. Si tratta tipicamente di diluizioni in acqua del principio attivo con l aggiunta di componenti accessori (antischiumogeni, stabilizzanti, antibatterici ecc.). La UNI 7101 classifica le funzioni principali e secondarie degli additivi e disciplina le prove che possono essere svolte sia in pasta ed in malta del calcestruzzo sia direttamente sull additivo. La UNI 7101, richiamata anche dalla UNI 9858, stabilisce un limite del 2% della quantità di fluidificanti immessi nell impasto rispetto alla massa del legante, limite che si riconosce viene oltrepassato dai superfluidificanti senza che ne sia indicata una misura di riferimento. Fludificanti Fluidificanti e riduttori Superfluidificanti d acqua Dosaggio < 0,5% < 0,5% Da < 0,5% a 3% Introduzione Nell acqua di miscelazione Nel calcestruzzo prima della messa in opera Effetti sulla Miglioramento della A maneggevolezza Con a/c costante messa in opera maneggevolezza con costante riduzione di acqua importante fluidificazione del calcestruzzo rapporto a/c costante superiore al 6,5% del calcestruzzo: A = 8 cm Estensione Mantenimento e Superiore almeno del 10% Possibile leggera della scadenza miglioramento di fatto diminuizione della migliore messa in opera Possibilità un accelerazione dell indurimento Possibilità di ottenere calcestruzzo ad alta prestazione utilizzando un rapporto a/c affidabile Effetti secondari favorevoli di Aumento compattezza. Miglioramento della possibile della resistenza del calcestruzzo agli agenti chimici aggressivi Altri effetti Possibilità di un leggero aumento del ritiro Componenti Emulsionanti anionici, Ligninsolfonati, resine principali ligninsolfonati, detergenti melammine solforate ecc sintetici non ionici Utilizzazione Calcestruzzo per Fondazioni, prefabbricati, opere che pavimentazioni, richiedono resistenze pavimenti elevato, calcestruzzo facciavista Tabella 10 Additivi che modificano la lavorabilità Derivati di melammine o di naftaline ligninsolfonato platee, industriali, calcestruzzi ad alte prestazioni. Fluidificanti (composti a base di ligninsolfonati, acidi idrossi-carbossilici e polimeri idrossilati) e superfluidificanti (composti da polimeri di sintesi a base di naftalene o di melammina solfonate polimerizzate con formaldeide) agiscono principalmente sull incremento della dispersione delle particelle di cemento nell impasto e ne migliorano la mobilità. Sono utilizzati principalmente in tre condizioni differenti:

11 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 11/26 - per aumentare la lavorabilità a parità di dosaggio di cemento, acqua e aggregati; - per ridurre il contenuto d acqua del calcestruzzo fresco a parità di lavorabilità; particolarmente impiegati sono i superfluidificanti che consentono maggiori riduzioni di acqua rispetto ai fluidificanti in percentuali che vanno dal 10-15% (per i naftalen solfonati) fino al 20% (per i melamminici); - per ridurre il contenuto di cemento a parità di lavorabilità e di rapporto acqua/cemento. Secondo la UNI 7102/72 i fluidificanti devono ridurre l acqua almeno del 5% a parità di slump e aumentare la consistenza del calcestruzzo superiore al 10%. a parità di acqua impasto. A parità di consistenza viene richiesto un incremento della resistenza a compressione di almeno il 5% a 24 ore, del 10% a 7 giorni, del 15% a 28 giorni. Secondo la UNI 8145/89 i superfluidificanti devono ridurre l acqua almeno del 10% a parità di slump e fornire calcestruzzi con un aumento dello spandimento di almeno il 100% a parità di acqua di impasto. A parità di consistenza viene richiesto un incremento della resistenza a compressione di almeno il 30% a 24 ore, del 20% a 7 giorni, del 15% a 28 giorni. I requisiti per il corretto utilizzo riguardano principalmente i rischi che riguardano l omogeneità della dispersione dell additivo nell impasto; la modifica del rapporto a/c non deve influire sull attitudine al pompaggio. 6.2 Additivi che modificano la presa e l indurimento - Gli acceleranti (formiato di calcio, trietanolammina ed altri) sono additivi che incrementano la velocità di indurimento della pasta di cemento e dei conglomerati e che permettono di ottenere più rapidamente le resistenze richieste durante il processo di stagionatura. L incremento di velocità viene messo in relazione alla velocità di idratazione del cemento e quindi di una più rapida formazione del gelo e di aumento delle resistenza. A tale incremento corrisponde una diminuzione della lavorabilità dell impasto. La variazione di velocità di indurimento inoltre tende a diminuire nel tempo fino risultare inferiore alla velocità di indurimento di calcestruzzi non additivati (oltre i 28 gg) Fra i requisiti per il corretto utilizzo sono richiesti: - il controllo del calore di idratazione la cui accelerata dispersione può facilitare i fenomeni di fessurazione; - il controllo del ritiro. I ritardanti producono l effetto di ritardare la presa del cemento per conservare più a lungo la lavorabilità del calcestruzzo. Sono impiegati in combinazione con fluidificanti e permettono di ottenere resistenze superiori a calcestruzzi non additivati a causa della maggiore compattezza risultante da un processo di maturazione più prolungato. I ritardanti sono impiegati: - per tenere sotto controllo la presa del calcestruzzo durante il trasporto e per tempi di trasporto prolungati; - per facilitare i getti mediante l uso di pompe; - in condizioni ambientali di alte temperature; - per ridurre il calore di idratazione in getti di massa considerevole. Altre condizioni operative per l uso di ritardanti riguardano l esecuzione di strati terminali dei getti o delle superfici di ripresa, sia per ritardare la presa in attesa del getto successivo sia, se distribuiti in dosi elevate sulla superficie, per impedire la presa e creare successivamente una superficie scabra mediante l asportazione dello strato superficiale incoerente.

12 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 12/26 Acceleranti di presa Acceleranti di Ritardanti di presa indurimento Dosaggio Da 1 a 3% Da 0,2 a 3% Da 0,1 a 0,5 % Introduzione Nell acqua di miscelazione Effetti sulla Molto variabile secondo il dosaggio, il cemento e la temperatura presa Resistenza Aumentata di 1 o 2 giorni Aumentata Diminuita da 1 a 2 giorni entro 3 gg Resistenza Leggermente diminuita Immodificata o Leggermente aumentata finale dopo 28 gg leggermente diminuita Effetti secondari Altri effetti Possibilità di un leggero aumento del ritiro Tabella 11 Modifica della presa e dell indurimento mediante l uso di additivi Miglioramento della maneggevolezza con possibilità di riduzione dell apporto di acqua 6.3 Additivi che modificano alcune proprietà del calcestruzzo Gli areanti sono utilizzati per migliorare il comportamento dei calcestruzzi ai cicli di gelo e disgelo. In fase di posa del calcestruzzo sono utilizzati anche per l azione fluidificante sull impasto. Sono utilizzati in combinazione con i superfluidificanti. Gli additivi in polvere (resine solubili), mediante la riduzione degli attriti interni alla massa di impasto fresco, sono utilizzati per pompaggi difficili per la composizione del calcestruzzo e per l altezza da raggiungere. Vengono inoltre utilizzati per ridurre la segregabilità dell impasto e migliorare la consistenza dell impasto. Additivi Areanti Idrofughi Dosaggio Da 0,01 a 0,1% Da 1 a 3 % Cicli di gelo e disgelo Impiego necessario buon miglioramento Aggressione atmosferica: CO 2, atmosfera marittima Effetto variabile Miglioramento della resistenza grazia alla diminuzione della permeabilità all aria Agenti chimici aggressivi (acque selenitiche, acque solforose) Possibile miglioramento Miglioramento grazie alla diminuzione della permeabilità del calcestruzzo Effetti secondari Miglioramento dei paramenti Tabella 12 Additivi che modificano alcune proprietà del calcestruzzo. 7. CRITERI DI PIANIFICAZIONE DEL CANTIERE - La progettazione, la produzione, il trasporto, la consegna, la messa in opera e la stagionatura del calcestruzzo preconfezionato sono regolati dalla UNI 9858/91, versione italiana della norma europea ENV 206. Relativamente a ciascuna di queste fasi, la norma individua i compiti e responsabilità dei progettisti, dei produttori di calcestruzzo, degli addetti al trasporto e delle imprese. Le principali operazioni che interessano la produzione, confezionamento e messa in opera del calcestruzzo, sono le seguenti: - stoccaggio; - dosaggio; - miscelazione; - trasporto o movimentazione: Resistenza a

13 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 13/26 - consegna in cantiere; - getto; - vibrazione e compattamento; - maturazione del getto; è una attività di processo che individua i tempi di attesa per scasseratura e messa in esercizio e le operazioni di protezione e cura del getto in opera. Il processo di dosaggio e miscelazione localizzato in impianto fisso esternamente al cantiere con successivo trasporto e consegna è di gran lunga in processo attualmente più diffuso e per il quale sono previste le procedure correnti di minor rischio per la qualità di processo. In alternativa sono presi in considerazione processi di dosaggio e miscelazione in situ in ragione ad esempio di fattori di scala quali: - la disponibilità di aggregati nel sito o in prossimità al cantiere; - le dimensioni della fornitura tale da giustificare economicamente l allestimento in cantiere di un impianto di betonaggio contro il costo del trasporto da un impianto fisso; - al contrario le dimensioni ridotte della fornitura, in termini assoluti o relativi alla segmentazione di volumi di getto, tale da consigliare l impiego di attrezzature leggere in cantiere. In generale in presenza di alternative che non siano nettamente prevalenti, il criterio di decisione privilegia più frequentemente il processo di fornitura esterna tendenzialmente più stabile nella qualità e nella formazione dei costi. In questo caso non vanno comunque trascurati i principali fattori di rischio che riguardano da un punto di vista tecnico l accettazione, il trasporto e la posa e da un punto di vista organizzativo la gestione del rapporto di fornitura. 8 STOCCAGGIO Viene organizzato in funzione delle esigenze del cantiere o dei cantieri e deve assicurare il flusso regolare dei componenti. Le prescrizioni generali riguardano: - per i cementi: - se stoccati in sacchi devono essere tenuti su pallet posizionati su un suolo secco e asciutto; i sacchi devono essere protetti dalla pioggia e dall umidità ambientale, dall umidità di risalita dal suolo, quindi è richiesto d i preferenza un ambiente chiuso. Occorre mantenere inoltre una ordinata separazione dei cementi con caratteristiche differenti per evitare errori di composizione; - se consegnato in camion cisterna il cemento viene scaricato con pompe pneumatiche e stoccato in silos verticali di forma cilindrica con capacità superiore alle 30 tonnellate; - per i granulati: occorre curare la separazione di granulati differenti per origine e per classe. Il loro stoccaggio richiede un area meglio se leggermente inclinata, drenata e non a diretto contatto con il terreno circostante. Può essere richiesto un sistema di distribuzione di vapore per il riscaldamento degli aggregati nei periodi freddi preliminarmente al dosaggio ed alla miscelazione; - additivi: i contenitori devono sempre essere riconoscibili e non esposti ad agenti ambientali, quali calore umidità ecc. Le precauzioni riguardano lo stoccaggio nei periodi freddi ed i tempi di scadenza dei preparati che vanno rigorosamente rispettate - per l acqua: le precauzioni riguardano in caso di stoccaggio, la non esposizione ad agenti inquinanti (materie organiche, cloruri, solfati ecc.) ed il controllo della temperatura di utilizzo che può rallentare o accelerare il la presa dell impasto.

14 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 14/26 9 DOSAGGIO Il dosaggio dei componenti avviene secondo i casi: sulla base di ricette empiriche o artigianali che si avvalgono di tabelle ed abachi e dell esperienza individuale, sulla base di una rigorosa analisi teorica utilizzando le metodiche specifiche e sulla base di saggi di laboratorio finalizzati fornire dati per l elaborazione teorica e per i necessari aggiustamenti. La dosatura dei componenti nella centrale di betonaggio può avvenire in due modi: - per pesatura o; - per misura in volume. Nella tabella esemplificativa si nota che nel proporzionamento in volume occorre prendere in considerazione fra i costituenti la percentuale di aria. Elemento di incertezza, sia in peso che in volume, è la quantità di acqua contenuta dagli inerti, tanto più sensibile quanto più è fine la sabbia. La presenza di umidità negli aggregati crea difficoltà alle centrali che dosano gli ingredienti in peso. La causa è riscontrabile nella provenienza dell aggregato per materiali cavati in prossimità di corsi d acqua e in materiali stoccati all aperto. Proporzioni Acqua Aria Cemento Granulati Volume (%) Peso (%) Tabella 13 Esempio di costituenti di un calcestruzzo equivalenti in peso e volume. Gli idrati di cemento hanno la funzione di chiusura dei capillari del calcestruzzo. La riduzione della porosità complessiva del calcestruzzo indurito è un fattore di miglioramento notevole della durabilità. La pasta di cemento svolge una funzione attiva come legante dei grani, ingloba gli aggregatati, riempie i vuoti. Gli abachi costruiti per il dosaggio del cemento e degli altri componenti sono messi a punto in considerazione dell insieme delle caratteristiche attese. Le principali, f c28 resistenza a 28 g compresa fra 15 e 40 Mpa e lavorabilità misurata al cono di Abrams (A in cm), e le accessorie costituiscono la base per la determinazione della ricetta di dosaggio elaborata in funzione dei saggi e delle prove previste. Le determinazioni assunte in funzione dei dati obiettivo riguardano: - gli aggregati: classe d/d relativa alla sabbia (ad esempio 0/5), relativa alla ghiaia (ad esempio 5/12,5 o 5/20). La scelta del diametro D dell aggregato è condizionata dalle dimensioni degli spazi che l impasto deve saturare deve tenere conto fra l altro della distanza fra le armature orizzontali, del copriferro, del raggio medio delle armature, delle distanze fra le superfici dello stampo, dello spessore minimo da gettare. - il grado di umidità degli aggregati: classificabile a vista sia per le ghiaie che per le sabbie in base alla percentuale di acqua contenuta; Secco Umido Bagnato Saturo L umidità lascia acqua sulle mani Aspetto Opaco, polveroso Brillante, leggere aderenza alle mani L acqua scorre sui granulati che sono inzuppati % di Sabbie Da 0 a 3 Da 4 a 7 Da 8 a 11 da 12 a 15 acqua Ghiaie Tabella 14 Descrizione a vista del tenore idrico degli aggregati

15 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 15/26 - classe relativa al cemento; determinata in base alla resistenze meccaniche richieste ed alle specifiche aggiuntive; - additivi; ad esempio fluidificanti che riducono l apporto in acqua a parità di plasticità richiesta. In particolare per i dosaggi in cemento superiori a 400 kg/m 3 è necessario ricorrere ad additivi fluidificanti. - la consistenza: definita come fluida, molto plastica, plastica, ferma in rapporto a valori corrispondenti di abbassamento al cono di Abrams. Il dosaggio dell acqua è determinante per la porosità tenuto conto dei vuoti che si creano nel calcestruzzo al momento dell evaporazione dell acqua, all assorbimento chimico o all assorbimento da parte dei granulati. L impiego diffuso degli additivi per migliorare la plasticità del composto sopprime la presenza di acqua in eccesso nociva alle caratteristiche finali del calcestruzzo indurito. Il dosaggio dell acqua di impasto viene eseguito mediante dispositivi che non danno luogo a problemi di misurazione. Gli additivi sono aggiunti mediante misuratori volumetrici, o come ultimo ingrediente o diluiti in acqua. Il controllo in uscita si basa frequentemente sulla misura dell abbassamento al cono o slump che permette di valutare opportunamente la consistenza dell impasto. 10. MISCELAZIONE La miscelazione ha come obiettivo principale la dispersione delle particelle di cemento per facilitarne il contatto con l acqua, per avvolgere l aggregato nella pasta di cemento e per mescolare tutti gli ingredienti del calcestruzzo e ottenere un composto omogeneo. La classificazione delle betoniere dipende dalle modalità di svuotamento della betoniera. Le betoniere a bicchiere o inclinabili sono ribaltate verso il basso durante lo svuotamento. In altri tipi di betoniera l asse è orizzontale e vengono svuotate inserendo una tramoggia di scarico nel tamburo o invertendo il senso di rotazione. La miscelazione si ottiene dalla caduta del calcestruzzo sollevato dalla rotazione delle pale elicoidali solidali al tamburo. Nei tipi a miscelazione forzata, come per i miscelatori fissi utilizzati soprattutto negli impianti di prefabbricazione, la miscelazione deriva da pale ruotanti attorno ad un asse, mentre il tamburo è fisso o a sua volta ruotante. Alcune lame provvedono a staccare il composto che tende ad aderire alle pareti. Le caratteristiche prestazionali dei miscelatori fissi sono enfatizzate dalla richiesta di calcestruzzi facciavista o da calcestruzzi pregiati in genere per l omogeneità di impasto che permetto di ottenere. I risultati che si ottengono con impianti di miscelazione fissi sono in generale migliori di quelli che si ottengono mediante le autobetoniere alle quali compete principalmente il rimescolamento del calcestruzzo durante il trasporto. Fattori che incidono sulla qualità del conglomerato sono la formazione di incrostazioni nel tamburo o sulle pale e la segregazione dell inerte o la formazione di grumi. Una delle cause che si riscontrano è relativa al carico eccessivo della betoniera oltre ai limiti fissati dal costruttore Durata della miscelazione la durata della miscelazione deve soddisfare il requisito di omogeneità dell impasto e può essere espressa in numero di rotazioni della betoniera. All aumentare dei tempi di miscelazione si riducono gli scarti rispetto ai valori medi di resistenza, valore medio che tende ad aumentare. Dati sperimentale mostrano inoltre che la durata di miscelazione influisce sulla resistenza a compressione che aumenta all aumentare della durata della miscelazione, mentre si osserva una perdita di lavorabilità e nel caso della presenza

16 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 16/26 di areanti una riduzione del volume d aria inglobata. La ripetizione intermittente della miscelazione fino a tre e più ore non modifica la resistenza mentre riduce la lavorabilità. La variazione del rapporto acqua/cemento al fine di mantenere costante la lavorabilità altera la struttura del gel di cemento e riduce la resistenza caratteristica a compressione successivamente alle due ore di miscelazione Controllo di qualità delle miscele l obiettivo riguarda il controllo delle caratteristiche del prodotto miscelato per quanto riguarda la costanza e l omogeneità degli impasti ed in particolare l efficienza della betoniera. La prova ASTM C94 misura e confronta alcuni parametri di due campioni prelevati all inizio dello scarico del calcestruzzo (a 1/5 del contenuto totale della betoniera) ed alla fine (a 5/6 del totale). Le differenze fra le proprietà dei due campioni non devono superare i valori in tabella. Caratteristica <? Densità del calcestruzzo 16 kg/m 3 Contenuto d aria 1 % Slump (se la media è inferiore a 100 mm) 25 mm Slump (se la media è superiore a 100 mm) 40 mm Percentuale di aggregato trattenuto su un vaglio da 4.8 mm 6 % Densità della malta passante a tale vaglio 1.6 % Resistenza a compressione a 7 gg 7.5 % Tabella 15 Tabella delle caratteristiche del calcestruzzo secondo la prova ASTM C Dosaggio di cemento del calcestruzzo fresco il controllo del dosaggio di cemento nel conglomerato viene richiesto allo scopo di verificare l omogeneità. Non esiste un metodo di prova che attualmente sia sufficientemente affidabile a tal scopo poiché i metodi di vagliatura non distinguono fra cemento e frazione fine dell aggregato. La UNI 6393 relativamente al controllo della composizione del calcestruzzo fresco stabilisce le modalità per dosare l acqua, l acqua e il legante e la distribuzione granulometrica dell aggregato. La prova prevede la disidratazione rapida di un campione di calcestruzzo fresco, mediante la miscelazione di alcool denaturato e successiva decantazione ed essiccamento. Così viene stabilito per pesata il dosaggio dell acqua. Il residuo secco viene vagliato a 0.25 mm passante tutto il cemento oltre ad una parte dell aggregato fine. Successivamente si vagliano tutte le frazioni granulometriche per determinare la distribuzione granulometrica dell aggregato. La precisione del test è pari al 3% con un errore totale di circa il 6% della valutazione del rapporto acqua/cemento. Ove si conoscano le proporzioni del cemento e dell aggregato alla centrale di betonaggio può essere utilizzata la prova picnometrica di Von Thaulow con pesatura del calcestruzzo immerso in acqua. 11 TRASPORTO DEL CALCESTRUZZO Molto frequentemente i cantieri non sono dotati di centrali di betonaggio e viene utilizzato calcestruzzo preconfezionato. Il trasporto influenza in particolare la lavorabilità del calcestruzzo; fattori che contribuiscono a modificare la lavorabilità sono le modalità di trasporto in generale, le condizioni ambientali, i costituenti e le proporzioni dell impasto e dalla durata del trasporto. I rischi principali riguardano: - il rischio di segregazione del calcestruzzo dovuto alle vibrazioni e alle scosse durante il trasporto;

17 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 17/26 - l indurimento del calcestruzzo a causa dell avvio della presa; - il rischio di esposizione agli agenti atmosferici durante lo scarico (disidratazione a causa di vento e sole, dilavamento a causa di pioggia; - il rischio relativo alle variazioni della temperatura ambientale in relazione ai tempi di trasporto. Indicativamente un aumento di 10 C può dimezzare il tempo di inizio della presa. L aumento dei tempi di trasporto, i tempi di attesa a piè d opera è dell ordine di 1h30 per una temperatura ambientale inferiore o uguale a 20 C. Per una temperatura dell ordine dei 30 C i tempi di avvio della presa si riducono fino alla metà del tempo orientativo di 1h30. Non più tardi delle due ore successive alla composizione il calcestruzzo deve aver preso la sua forma (t = 20 C). La posa in opera nelle casseforme non dovrebbe in generale oltrepassare il 30 dall arrivo dall autobetoniera in cantiere. Le caratteristiche che influenzano la lavorabilità sono principalmente il tempo di trasporto, la temperatura iniziale dell impasto, il tipo di cemento, il tipo di aggregato, la composizione del calcestruzzo ossia la quantità d acqua contenuta nell impasto, l eventuale presenza di ritardanti o acceleranti: - L aumento della durata del trasporto riduce la lavorabilità degli impasti; un'agitazione troppo accentuata del calcestruzzo durante il trasporto favorisce le reazioni di idratazione e accentua la riduzione della lavorabilità; - L incremento della temperatura e la riduzione del tasso di umidità nell aria riducono progressivamente la lavorabilità facilitando l'evaporazione dell'acqua e accelerando i tempi di presa del cemento. In climi caldi e asciutti, si può ricorrere all'uso di additivi che ritardano la presa del cemento; questi prodotti non impediscono tuttavia l'evaporazione e/o l'assorbimento dell'acqua; - All incremento della velocità di idratazione, dipendente dal tipo di cemento utilizzato, corrisponde una perdita di lavorabilità favorita dall utilizzo di cementi portland ad alto contenuto di clinker e caratterizzati da una elevata classe di resistenza; - La perdita di lavorabilità è favorita dall'utilizzo di aggregati porosi e comunque insaturi. La perdita di lavorabilità è influenzata anche dalla forma e dalla tessitura dell'aggregato. Gli aggregati di frantoio, spigolosi e ruvidi, penalizzano la lavorabilità degli impasti mentre aggregati di fiume, lisci e tondeggianti, facilitano la posa del calcestruzzo e possono compensare piccole riduzioni di lavorabilità dovute alla perdita di acqua; - La composizione del calcestruzzo può influenzare la perdita di lavorabilità che è più rapida negli impasti con basso rapporto acqua/cemento. La perdita di lavorabilità è favorita da un elevato dosaggio di cemento. La perdita di lavorabilità è tanto maggiore quanto minore è lo slump iniziale del calcestruzzo. Il dosaggio dell acqua avviene in funzione della lavorabilità richiesta al momento dello scarico dall autobetoniera. Per tempi di trasporto superiori al previsto viene aggiunta acqua in cantiere per compensare le perdite causate dall idratazione, dall evaporazione e dall assorbimento. L aggiunta di acqua non deve eccedere il rapporto acqua/cemento che permette di ottenere la resistenza progettata. Tale vincolo può essere rispettato più correttamente in centrale di betonaggio che non direttamente in cantiere nei quali è più facile eccedere nel dosaggio. Per il trasporto si utilizzano correntemente autobetoniere con capacità media compresa fra i 6 m 3 ed i 9-10 m 3. Il raggio di azione medio per un trasporto agevole è attorno ai 30 km e non può superare i 50 km. Il compito dell autobetoniera è specificatamente relativo al trasporto, essendo la miscelazione realizzata nella maggior parte degli impianti attuali direttamente nello stabilimento di

18 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 18/26 produzione. Una eventuale miscelazione nell autobetoniera è da considerare in ogni caso un fattore di peggiore qualità del composto fresco. 12 CONSEGNA DEL CALCESTRUZZO IN CANTIERE La consegna del calcestruzzo in cantiere copre il lasso temporale che va dall ingresso in cantiere dell autobetoniera all esecuzione del getto. La consegna è fase delicata del processo: vi è un controllo di accettazione delle prestazioni risultanti dal processo ed un passaggio di responsabilità, nel controllo della qualità del materiale. Vi possono essere inoltre alcune operazioni contestuali alla consegna ed all avvio della fase di getto. Nel caso dell aggiunta di fluidificanti questi possono essere introdotti nell impasto previa diluizione in acqua pochi minuti prima del getto e preliminarmente all avvio della nuova omogeneizzazione dell impasto, ottenuta mediante l aumento della velocità del tamburo. Va sempre esclusa per contro l aggiunta di acqua al momento dell esecuzione del getto. È inoltre una utile precauzione scartare i primi 50 litri di impasto che fuoriescono dal tamburo. Dal punto di vista della gestione del processo le prestazioni critiche di accettazione del prodotto riguardano: - la lavorabilità del materiale, nel caso sia inferiore alla lavorabilità attesa; - la tempestività della consegna rispetto allo svolgimento delle operazioni di getto, nel caso la consegna avvenga anticipatamente e richieda una aggiunta di acqua nel dosaggio. Figura 1 Betoniera per il trasporto del calcestruzzo Contestualmente alle operazioni di getto viene effettuato il controllo di qualità (in particolare della resistenza a compressione) ai fini della conformità alle specifiche di progetto e ai fini della conformità alle norme di accettazione previste per il cemento armato. La bolla di consegna documenta il processo a partire dall inizio del trasporto fino alla consegna registrando le principali caratteristiche del conglomerato in uscita dalla centrale di betonaggio (requisiti informativi minimi sono la resistenza, consistenza, diametro massimo dell aggregato, tipo di cemento e ora di uscita dalla centrale) e dovrebbe descrivere l esecuzione corretta della procedura di consegna registrando fra l altro: - l ora di arrivo in cantiere della betoniera; - il controllo dello slump di arrivo rispetto allo slump dichiarato in bolla; - la decisione di un eventuale rifiuto della fornitura a fronte di uno slump non soddisfacente; - la decisione di aggiungere acqua per modificare lo slump del calcestruzzo;

19 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 19/26 - il dosaggio dell acqua aggiunta; - nei casi previsti i prelievi, successivi all aggiunta di acqua, secondo la normativa vigente ed alla presenza del direttore dei lavori ed il confezionamento dei provini come indicato dalla UNI 6127, in particolare per quanto riguarda la siglatura ed il mantenimento della temperatura nell intervallo previsto fino al momento della prova; - l ora di inizio e di fine dell operazione di getto. Figura 2 Camion pompa con torre di distribuzione 13 POSA IN OPERA DEL CALCESTRUZZO è l attività che ha inizio con il trasferimento del calcestruzzo nella sede del getto e termina con il compattamento. I principali requisiti che devono essere soddisfatti riguardano il riempimento omogeneo delle casseforme evitando la segregazione dell impasto. La vagliatura accidentale ossia la separazione dell aggregato produce vespai o nidi di ghiaia. La principale prescrizione riguarda la modalità di deposito del conglomerato nella cassaforma da distribuire omogeneamente sul fondo senza urtare in caduta le armature o le pareti della cassaforma e senza dovere spostare successivamente il materiale depositato (ad esempio attraverso l impiego non corretto di vibratori che facilitano la segregazione. Figura 3 Abaco di movimentazione della torre di pompaggio II calcestruzzo preconfezionato può essere gettato in opera direttamente o essere convogliato dall autobetoniera direttamente nelle casseforme mediante il pompaggio in tubi di distribuzione, rigidi o flessibili. I maggiori vantaggi del calcestruzzo pompato derivano dalla riduzione dei tempi di posa del calcestruzzo in cantiere e dalla possibilità di raggiungere altezze

20 Il calcestruzzo in opera - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 20/26 e posizioni difficili come solai, volte di gallerie,ecc. I requisiti di qualità riguardano nel caso del pompaggio le operazioni di trasporto in pressione regolarità del flusso, interruzione del flusso, svuotamento dei tubi ecc. e la granulometria dell impasto la cui consistenza e coesione deve rispondere ai requisiti del trasporto in pressione. La lavorabilità viene in questo caso declinata sotto specie di pompabilità. Al fine del pompaggio il calcestruzzo è un sistema costituito da un fluido trasportatore, la pasta di cemento, e da una parte trasportata. Fanno parte del fluido trasportatore l'acqua, il cemento e la frazione di sabbia inferiore a 0.3 mm, assimilabile dal punto di vista granulometrico alle dimensioni del cemento. Facilita quindi il pompaggio la disponibilità di una sabbia sufficientemente ricca nella frazione fine indipendentemente dal contenuto di cemento calcolato. Quanto maggiore è il rapporto tra il volume di pasta cementizia e quello di aggregato, tanto più è facile pompare il calcestruzzo. La facilità di pompaggio è problematica in particolare per i calcestruzzi magri con un basso rapporto in volume pasta/aggregato e cioè con un basso dosaggio di cemento, come nel caso in cui si debba contenere il calore di idratazione nei getti massivi. Criteri generalmente seguiti per ottenere un calcestruzzo pompabile sono: - lo slump deve essere non inferiore a cm (consistenza semifluida); - il diametro massimo dell'aggregato non deve superare 1/3 del diametro interno del tubo della pompa; - il peso dell'aggregato grosso non deve superare un certo valore limite che dipende dal diametro massimo, dello stesso, e dalla granulometria della sabbia; - la sabbia deve possedere un modulo di finezza M f fra 2,4 e 3, Classificazione delle pompe II trasporto del calcestruzzo in tubazioni a mezzo di pompe si può suddividere in tre classi in relazione alle caratteristiche del mezzo di sollevamento utilizzato. Si utilizzano infatti: 1) pompe "a rotore che possono trasportare calcestruzzo con aggregato avente diametro massimo inferiore a 15 mm. 2) pompe a pistone, a loro volta distinguibili in pompe a funzionamento meccanico oppure a funzionamento idraulico; servono di solito a pompare calcestruzzo con aggregato avente diametro compreso fra i 15 e i 40 mm. A questo scopo occorre impiegare dei tubi di riduzione, ossia innestando nella pompa una tubazione di distribuzione a diametro inferiore a quello del condotto di mandata della pompa. All'uscita della pompa (o al condotto di confluenza per le pompe a due pistoni) il diametro utilizzato è di solito di 150 mm. Esso viene ridotto mediamente a: mm per il calcestruzzo con diametro massimo dell'aggregato compreso tra 30 e 40 mm (anche se si riesce a pompare anche calcestruzzo con diametro massimo 50 mm);

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R Giusto CEM II/B-LL 32,5 R CEMENTO PER APPLICAZIONI STRUTTURALI Come si utilizza Giusto è un prodotto che si consiglia per la confezione di calcestruzzi con resistenza caratteristica inferiore a 30 C25/30

Dettagli

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara)

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) RELAZIONE TECNICA STUDIO TECNICO MP MATTEO FELITTI Architetto Strutturista (Scuola F.lli Pesenti) e Tecnologo del

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE Prescrizioni e schemi da evidenziare sin dalle prime fasi progettuali e per inserimento nei disegni esecutivi 1) Approntamento del cantiere

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli

PRODUZIONE 3.1 3.2 3.3 INDICE. Produzione PRODUZIONE IMPIANTI PER LA PRODUZIONE E IL DOSAGGIO FUNZIONAMENTO DELLE CENTRALI DI BETONAGGIO

PRODUZIONE 3.1 3.2 3.3 INDICE. Produzione PRODUZIONE IMPIANTI PER LA PRODUZIONE E IL DOSAGGIO FUNZIONAMENTO DELLE CENTRALI DI BETONAGGIO INDICE 3 3.1 IMPIANTI PER LA E IL DOSAGGIO 3.2 FUNZIONAMENTO DELLE CENTRALI DI BETONAGGIO 3.3 MINI BETONIERE DA CANTIERE 3 Volendo produrre un calcestruzzo durevole, con buone caratteristiche di resistenza,

Dettagli

MIX DESIGN. b) Esigenze esecutive (lavorabilità, organizzazione del cantiere, modalità di getto, ecc;

MIX DESIGN. b) Esigenze esecutive (lavorabilità, organizzazione del cantiere, modalità di getto, ecc; MIX DESIGN PROCEDIMENTO PER IL CALCOLO DELLA COMPOSIZIONE DEL CLS IN TERMINI DI QUANTITA DI CEMENTO, DI ACQUA, E DI INERTI (SABBIA, GHIAIA, GHIAINO, ETC) PER m 3 CI CLS, A PARTIRE DA: a) Proprietà ingegneristiche

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

https://bioslab.unile.it/courses.html

https://bioslab.unile.it/courses.html https://bioslab.unile.it/courses.html dal Brisi-Borlera (pg. 172-267) LEGANTI: Conglomerati Cementizi CONGLOMERATI CEMENTIZI LEGANTI: Conglomerati Cementizi CALCESTRUZZO (CLS) ARMATO L unione di questi

Dettagli

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Mario Collepardi, Silvia Collepardi, Jean Jacob Ogoumah Olagot, Roberto Troli Enco srl (info@encosrl.it) 1. INTRODUZIONE

Dettagli

CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO

CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO La confezione del calcestruzzo, cioè l esecuzione dell impasto dei vari elementi, è una operazione molto importante, dalla quale dipende l omogeneitl omogeneità del calcestruzzo

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

INDICE. Un cls di qualità 1/6

INDICE. Un cls di qualità 1/6 INDICE,OFDOFHVWUX]]RIUHVFR 7UDVSRUWR /DYRUDELOLWj 0HVVDLQRSHUDSHUYLEUD]LRQH 6HJUHJD]LRQHHFRHVLRQH %OHHGLQJ GHOFOV 3RPSDJJLRGHOFOV 0L['HVLJQRSURSRU]LRQDPHQWR GHO FDOFHVWUX]]R 1 Un cls di qualità 1/6 I fenomeni

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE MISCELAZIONE E POSA IN OPERA CARNIVAL è un massetto minerale

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 547 Analisi E.07.10.10.a con malta fine di calce e pozzolana, su superfici orizzontali m² 1,00 1) Regione Campania al 02/11/08 - Operaio comune o 1 livello - ora 0,130000 21,50 2,80 27,26 2) Regione Campania

Dettagli

Il valore della qualità

Il valore della qualità Forza. Azione.Passione. Il valore della qualità Listino calcestruzzo PER UNA SCELTA DI QUALITÀ La scelta dei materiali da costruzione deve essere effettuata in base alla qualità e alle caratteristiche

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Calibro Plus Evaporation

Calibro Plus Evaporation Calibro Plus Evaporation Il prodotto CALIBRO P. E., è un sistema specificatamente formulato per realizzare intonaci antiumidità, antisale ed anticondensa su murature umide. È costituito dalla combinazione

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari Giornate aicap 2014 Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari 1 Percentuali dei volumi tra i vari costituenti del calcestruzzo

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura Levostab 99 stabilizzante naturale per la realizzazione di: piste ciclabili, viabilità rurale, viabilità in zone di vincolo Funzione Levostab 99 è un prodotto ecocompatibile, stabilizzante e consolidante,

Dettagli

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento.

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento. CONGLOMERATI CEMENTIZI CONGLOMERATI CEMENTIZI INDURITI Prova di resistenza a compressione semplice - UNI EN 12390/3.03 - Prova di compressione su blocco forato di calcestruzzo - UNI 8942/3.86 - Prova di

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

Pavimentazione aeroportuale in calcestruzzo

Pavimentazione aeroportuale in calcestruzzo Pavimentazione aeroportuale in calcestruzzo Fornitura di calcestruzzo per piazzali di sosta aeromobili Giampietro Boldrini, Componente commissione tecnologica Atecap COME GESTIRE LA PRODUZIONE DI CALCESTRUZZO

Dettagli

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni.

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni. ALBARIA INIEZIONE Boiacca di calce pozzolanica, priva di cemento, di colore bianco, per le iniezioni di consolidamento delle murature. Non rilascia sali idrosolubili e non induce formazione di efflorescenze

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Architettura Tecnica I. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Architettura Tecnica I. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I IL CALCESTRUZZO (CLS) prof. ing. Vincenzo Sapienza Composizione dei calcestruzzi BOIACCA = legante + acqua MALTA = legante + acqua + sabbia CALCESTRUZZI

Dettagli

La marcature CE della Calce da Costruzione

La marcature CE della Calce da Costruzione La marcature CE della Calce da Costruzione Andrea Rattazzi In Italia la marcatura CE per la calce da costruzione di calce è obbligatoria. Questo articolo presenta una panoramica della norma UN EN 459-1:2002

Dettagli

Una unione del ferro e del conglomerato cementizio tale che i. esercitino una azione comune contro le forze esterne

Una unione del ferro e del conglomerato cementizio tale che i. esercitino una azione comune contro le forze esterne Hennebique brevetta "CEMENTO ARMATO" (1892) avvia la stagione della struttura in conglomerato armato che Morsch, a cavallo del secolo, definirà come "materiale in cui ai due componenti (il calcestruzzo

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 6 da INDICE: 1) Scopo 2) Campo di applicazione 3) Norma di riferimento 4) Definizioni e simboli 5) Responsabilità 6) Apparecchiature 7) Modalità esecutive 8) Esposizione dei risultati 1. Scopo

Dettagli

Unità 4. I materiali edili. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena B1 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 4. I materiali edili. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena B1 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 4 I materiali edili CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che descrive alcuni materiali usati in edilizia. a comprendere una scheda tecnica. a comprendere un testo che dà istruzioni

Dettagli

0-4. Campi di applicazione. Caratteristiche tecniche

0-4. Campi di applicazione. Caratteristiche tecniche Fugamagica 0-4 Stucco cementizio ad alte prestazioni a granulometria finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm 2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere a base di cemento,

Dettagli

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione FUGAMAGICA WOOD Stucco cementizio idrorepellente, ad alte prestazioni e granulometria finissima per la fugatura di piastrelle in legno ceramico. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere

Dettagli

L impiego di fibre monofilamento da 6 mm è necessaria per migliorare le seguenti caratteristiche

L impiego di fibre monofilamento da 6 mm è necessaria per migliorare le seguenti caratteristiche Voce di capitolato Fibermesh 150 6 mm Fornitura, trasporto e posa in opera di malte fibro-rinforzate, da applicare con intonacatrice, realizzate con l aggiunta di fibre in fascetti monofilamento in polipropilene

Dettagli

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza Pavimentazioni in calcestruzzo Sommario 04. Recodi, innovazione e qualità nelle pavimentazioni

Dettagli

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI Comune di Villa Castelli Provincia di Brindisi RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI (ai sensi dell art. 4 della legge n 1086 del 5/11/1971) OGGETTO: ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ED IGIENE

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

CALCESTRUZZI CIPICCIA SPA UNITÀ PRODUTTIVA DI MARATTA NARNI (TR)

CALCESTRUZZI CIPICCIA SPA UNITÀ PRODUTTIVA DI MARATTA NARNI (TR) Pag. 1 di 6 CALCESTRUZZI CIPICCIA SPA UNITÀ PRODUTTIVA DI MARATTA NARNI (TR) DESCRIZIONE DEL LABORATORIO: PROVE EFFETTUATE ED SOMMARIO 1. LABORATORIO CALCESTRUZZI ED INERTI 3 2. PROVE EFFETTUATE 4 2.1.

Dettagli

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione M. Collepardi Politecnico di Milano E-mail: mario.collepardi@polimi.it In un precedente articolo (Parte

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

CALCESTRUZZI SPECIALI: I CALCESTRUZZI AUTOCOMPATTANTI (SELF-COMPACTING CONCRETE: SCC)

CALCESTRUZZI SPECIALI: I CALCESTRUZZI AUTOCOMPATTANTI (SELF-COMPACTING CONCRETE: SCC) 11 CALCESTRUZZI SPECIALI: I CALCESTRUZZI AUTOCOMPATTANTI (SELF-COMPACTING CONCRETE: SCC) Questa sezione è dedicata ai calcestruzzi autocompattanti (Self-Compacting Concrete: SCC). I calcestruzzi autocompattanti

Dettagli

Calcestruzzo Specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1

Calcestruzzo Specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1 NORMA ITALIANA Calcestruzzo Specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1 UNI 11104 Concrete Specification, performance, production and

Dettagli

699. Classificazione.

699. Classificazione. C) CALCE, CEMENTI E GESSO 699. Classificazione. LEGANTI IDRAULICI La legge 26 maggio 1965, n. 595 dà la classificazione e la definizione di tutti i tipi di leganti idraulici (cementi, agglomeranti cementizi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI CORPO STRADALE E PAVIMENTAZIONE Tappeto di usura Binder Conglomerato bituminoso

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero delle infrastrutture 11 aprile 2007 Applicazione della direttiva n 89/106/CEE sui prodotti da costruzione recepita con D.P.R. 21/04/1993, n 246, relativa alla individuazione dei prodotti

Dettagli

Per ogni Produttore e Stabilimento di produzione dell acciaio viene fornita copia dell ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE del Servizio Tecnico Centrale

Per ogni Produttore e Stabilimento di produzione dell acciaio viene fornita copia dell ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE del Servizio Tecnico Centrale INTESTAZIONE CERTIFICATI INTESTAZIONE FATTURA LUOGO RITIRO CAMPIONI (se richiesto) Al Laboratorio SGM Ingegneria Sperimentale... lì... RICHIESTA ESECUZIONE PROVE DI LABORATORIO (D.M. 14/01/08) DESCRIZIONE

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC

THORO ACTIVE INTONACO BC THORO ACTIVE INTONACO BC Intonaco da risanamento per applicazioni a cazzuola, di colore BIANCO, per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali.

Dettagli

Marca Articolo Note Manfredini S.a.s. Plinto prefabb. 100x100x100 Scheda tecnica prodotto Manfredini S.a.s. Plinto prefabb. 100x100x100 Disegno

Marca Articolo Note Manfredini S.a.s. Plinto prefabb. 100x100x100 Scheda tecnica prodotto Manfredini S.a.s. Plinto prefabb. 100x100x100 Disegno VIABILITA PUBBLICA - SCHEDE TECNICHE PLINTI PREFABBRICATI Marca Articolo Note Manfredini S.a.s. Plinto prefabb. 100x100x100 Scheda tecnica prodotto Manfredini S.a.s. Plinto prefabb. 100x100x100 Disegno

Dettagli

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 0-0 BELLINZONA PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO Pagina di 0 Edizione: 0.09.0 DIPARTIMENTO

Dettagli

Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE

Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE Il conglomerato bituminoso riciclato a freddo, direttamente in sito o in impianto (fisso o mobile) viene realizzato

Dettagli

EDILIZIA 12. Dosare. malta e cemento

EDILIZIA 12. Dosare. malta e cemento EDILIZIA 12 Dosare malta e cemento 1 La composizione della malta La malta si usa per assemblare mattoni e blocchi di calcestruzzo, per preparare l'intonaco per le facciate e preparare le solette,... CALCE

Dettagli

Unical I prelievi di calcestruzzo

Unical I prelievi di calcestruzzo Unical I prelievi di calcestruzzo Argomenti trattati I prelievi di calcestruzzo Il controllo di accettazione Il prelievo di conformità eseguito in contraddittorio Domande frequenti I p re l i e v i d i

Dettagli

Calcestruzzi leggeri confezionati con polistirene espanso caratteristiche e destinazioni d uso: facciamo chiarezza

Calcestruzzi leggeri confezionati con polistirene espanso caratteristiche e destinazioni d uso: facciamo chiarezza Calcestruzzi leggeri confezionati con polistirene espanso caratteristiche e destinazioni d uso: facciamo chiarezza Seriate, 17 aprile 2015 Premessa La crescente richiesta da parte dei normatori, dei prescrittori

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA

MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA FIBROFIN BIO NO POLVERE MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA PRODOTTO COMPOSTO DA GRASSELLO DI CALCE, AGGREGATI SILICEI

Dettagli

ADESIT SF. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione. Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm.

ADESIT SF. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione. Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm. STUCCATURA DELLE FUGHE E SIGILLATURE ELASTICHE Stucco cementizio a grana finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere a base

Dettagli

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC 2 la posa in opera - 1. operazioni preliminari 1 Operazioni preliminari 1.1 deposito in cantiere Il materiale deve essere stoccato in un area predisposta, in modo da evitare

Dettagli

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7 Scheda Tecnica EXT/ia/04 SCHEDA TECNICA ---------------------------------------- Exterior -------------------------------------- Intonaco Antico Qualità tecniche sez. 1 INTONACO ANTICO by OIKOS è un rivestimento

Dettagli

Principali parti di un fabbricato

Principali parti di un fabbricato Principali parti di un fabbricato Un fabbricato industriale risulta essenzialmente costituito dalle seguenti parti: Fondazioni (del fabbricato e dei macchinari) Struttura portante; Copertura e pareti (complete

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC-M

THORO ACTIVE INTONACO BC-M THORO ACTIVE INTONACO BC-M Intonaco da risanamento BIANCO per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali. Applicabile a cazzuola e a spruzzo.

Dettagli

SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI

SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI SCHEDA TECNICA EXT/ma/02 SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI Qualità tecniche MONOSTRATO AMALFI è un rivestimento continuo per esterni, tipo intonachino, ad effetto frattazzato o spugnato. Grazie alla sua

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

Composizione: Sabbia silicea naturale, lavata, ciclonata, vagliata, essiccata e selezionata del fiume Po. Impiego:

Composizione: Sabbia silicea naturale, lavata, ciclonata, vagliata, essiccata e selezionata del fiume Po. Impiego: SABBIA ESSICCATA SILICEA TIPO 503 DEL FIUME PO Produzione di malte da finitura; Produzione di collanti; Produzione d intonaci. - 0 0,3 mm - in mucchio: 1380 kg/m³ SABBIA ESSICCATA SILICEA TIPO 504 DEL

Dettagli

PROGETTO CONCRETE: LA DURABILITÀ NON E UN COSTO!

PROGETTO CONCRETE: LA DURABILITÀ NON E UN COSTO! PROGETTO CONCRETE: LA DURABILITÀ NON E UN COSTO! Si chiama Progetto Concrete l iniziativa promossa da ATECAP, AITEC, ANCE, SISMIC, ASSOBETON (Sezione Tubi), ASSIAD ed ASFER per sostenere la crescita qualitativa

Dettagli

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA PREMESSA La presente relazione riguarda il dimensionamento della sovrastruttura che andrà a costituire la pavimentazione del piazzale da adibire a deposito dei mezzi ARST. S.p.A da realizzare nella zona

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A.

BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A. BERNARDI IMPIANTI INTERNATIONAL S.p.A. RELAZIONE TECNICA DELLA MACCHINA TIPO MCCF 200 TRASPORTABILE Firmato LA DIREZIONE TECNICA Zibido S. Giacomo, 09 set 09 Pagina 1 di 7 RELAZIONE DESCRITTIVA D UN IMPIANTO

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

Rasato Fino. Scheda Tecnica. Rivestimento Plastico Spatolato. Caratteristiche. Impiego. Norme d uso. Voce di Capitolato CODICE ARTICOLO 81RA25

Rasato Fino. Scheda Tecnica. Rivestimento Plastico Spatolato. Caratteristiche. Impiego. Norme d uso. Voce di Capitolato CODICE ARTICOLO 81RA25 Rasato Fino CODICE ARTICOLO 81RA25 Rivestimento Plastico Spatolato Scheda Tecnica Caratteristiche Impiego Rivestimento plastico continuo a spessore per finiture rasate ideale per muri esterni. E traspirante,

Dettagli

STRUTTURE DI FONDAZIONE E INTERRATE

STRUTTURE DI FONDAZIONE E INTERRATE 1 STRUTTURE DI FONDAZIONE E INTERRATE Questa sezione è dedicata alle opere di fondazione quali plinti e cordoli di collegamento, travi rovesce, pali, paratie e platee. Inoltre, in questa sezione vengono

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

STRUTTURE DI GRANDI DIMENSIONI (MASSIVE)

STRUTTURE DI GRANDI DIMENSIONI (MASSIVE) 7 STRUTTURE DI GRANDI DIMENSIONI (MASSIVE) Questa sezione è dedicata alle strutture massive di grande dimensione ed è relativa ai plinti di spessore maggiore di 1.5 metri, alle fondazioni a platea di spessore

Dettagli

Leganti/malte pronte/colle/sabbie COLLE INDEX

Leganti/malte pronte/colle/sabbie COLLE INDEX Scheda Prodotto: ST01.200.04 Data ultimo agg.: 18 settembre 2013 Leganti/malte pronte/colle/sabbie COLLE INDEX Classificazione 01 Leganti/malte pronte/colle/sabbie 01.200 Colle per piastrelle 01.200.04

Dettagli

COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO

COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Come si sceglie il calcestruzzo INDICE 2 COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO 2.2 2.4 2.6 CLASSE DI RESISTENZA RAPPORTO ACQUA/CEMENTO DIMENSIONE MASSIMA CLASSE NOMINALE

Dettagli

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Stand: 23.10.2007 Construction Birocoat Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Biromix Con impiego di rete di supporto Esecuzione di

Dettagli

Piano controllo qualità calcestruzzo

Piano controllo qualità calcestruzzo DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 4-650 BELLINZONA Piano controllo qualità calcestruzzo Manufatto: Coittente: Progettista: Impresa:

Dettagli

SISTEMA BREVETTATO NUOVA TECNOLOGIA PER LA PRODUZIONE DI CALCESTRUZZO DI QUALITA

SISTEMA BREVETTATO NUOVA TECNOLOGIA PER LA PRODUZIONE DI CALCESTRUZZO DI QUALITA SISTEMA BREVETTATO NUOVA TECNOLOGIA PER LA PRODUZIONE DI CALCESTRUZZO DI QUALITA COSA È IL SISTEMA CHTT? Il CHTT (Concrete High-Tech Turbomixer) è un SISTEMA per la produzione della Pasta di Cemento. La

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

level 1 n Scheda tecnica Applicazioni consigliate Materiali Supporti Caratteristiche

level 1 n Scheda tecnica Applicazioni consigliate Materiali Supporti Caratteristiche Scheda tecnica level 1 n level 1 n è una malta autolivellante a indurimento rapido per il livellamento e la regolarizzazione di fondi di posa di ogni genere di pavimenti interni. Da 1 a 10 mm di spessore.

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE 1 Al fine di ottenere la certificazione del controllo del processo del calcestruzzo,

Dettagli

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia La verifica termoigrometrica Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia 1 - Igrometria: l aria umida - Temperatura di rugiada, umidità specifica e umidità relativa - Il controllo dell umidità: requisiti

Dettagli

VICRete Plus EN 1504-3

VICRete Plus EN 1504-3 VICRete Plus Prodotto di riparazione strutturale del calcestruzzo per mezzo di malte CC di riparazione (a base di cemento idraulico) Bettoncino per applicazione meccanizzata. Appositamente studiato per

Dettagli

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI INDICE creatività FINITURE esclusività 1. IL MICROCEMENTO 4 1.1. VANTAGGI E APPLICAZIONI DEL SISTEMA SikaDecor Nature 6 1.2. STRUTTURA DEL

Dettagli