press/tmagazine n.09 anno 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "press/tmagazine n.09 anno 2007"

Transcript

1 press/tmagazine n.09 anno 2007 press/tarticle ANTONINO CARDILLO Barcellona. Percorsi in una Città Contemporanea press/tmostre VALERIO PAOLO MOSCO Jean Prouvé: la fortuna del più grande degli architetti disinteressati allo spazio press/tcomics le vignette di roberto malfatti Anche press/tmagazine è sul web! Lo potrete trovare su <http://www.presstletter,com>, oltre all archivio delle press/tletter, articoli e segnalazioni di eventi.

2

3 press/tarticle ANTONINO CARDILLO Barcellona. Percorsi in una Città Contemporanea per gentile concessione di Ulisse Seppur poco considerati dalle guide turistiche più diffuse, il distretto di Pouble Nou, il Forum 2004, la Cittadella Olimpica con il suo Porto e la collinetta di Montjuïc, offrono al viaggiatore curioso interessanti chiavi di lettura della Città. La contemporaneità in Barcellona è un valore diffuso, lo si avverte per strade, negozi, locali, è attitudine mentale dei suoi abitanti. Eppure questi luoghi sono emblematici della fervente partecipazione collettiva che ha reinventato la Città a seguito del ripristino della democrazia nel La fiducia verso il futuro ha origini lontane, la si può già leggere nell Eixample, il piano urbano ideato da Idefonso Cerdà nel 1859, generatore della città nuova. I nomi delle sue vie principali sorprendono per l inconsueta modernità. Non re, notabili, santi o luoghi ma, fatta eccezione per la Gran Via de les Cortes Catalanes, nomi astratti: Paral-lel, Meridiana, Diagonal. Interferiscono, attraversandola, con una griglia di isolati quadrati, ciascuno avente lato di 113,33 metri, ed estesa dalle pendici del monte Tibidabo (512 m) al mare e dalla collinetta di Montjuïc (173 m) al fiume Besòs. Affascina l origine astronomica delle due grandi arterie orientate sul parallelo e il meridiano terrestre, convergenti, dal territorio, sul fronte a mare della città medievale. Ma è l asse della Diagonal che libera definitivamente la città dal concetto di centro unico generalmente identificato con il cosiddetto centro storico. Con straordinaria precisione e lungimiranza, dalle pendici del monte Tibidabo alla foce del fiume Besòs, la Diagonal taglia obliquamente la piana, affermando una direzione indipendente dalla città storica. Nell incidere gli isolati ortogonali, genera così una sequenza di vistose eccezioni alla griglia: angoli, scarti e zone residuali diventano potenziali luoghi strategici per la città futura. Inoltre, in una triplice intersezione con la Gran Via e la Meridiana, la Diagonal individua un nuovo baricentro: Plaça De Les Glories Catalanes. Lì, quando scende la notte, i 4500 leds della fallica Torre Agbar ( ) accendono la nuova Barcellona. Impressionista, caleidoscopica, psichedelica. La sua superficie evoca l acqua, che sale, dimentica della gravità, per 142 metri dalla terra. La ribollente miscela astratta di tessere policrome sembra echeggiare le stesure ceramiche di casa Batlló sul Passeig de Gràcia. Ma la città

4 odierna non è costruita dai soli palazzi residenziali come negli eleganti boulevard dell Eixample. All interno dell edificio, progettato dall Atelier di Jean Nouvel, in gran parte dei metri quadri ha sede la compagnia Aguas de Barcelona. E l inizio simbolico, geografico e concettuale di un ambizioso progetto urbano che trasformerà 200 ettari dell ex zona industriale di Pouble Nou in un innovativo distretto economico. Tangente alla circonvallazione esterna, distante soli sei minuti dal futuro terminal della TAV e a tre stazioni di metrò dal centro antico, sta cambiando la geografia della città. Il Progetto emancipa la zona dall esclusivo uso industriale previsto dal piano regolatore del 1976, incentivando la coesistenza di uffici, residenze, lofts, industrie ad alta tecnologia non inquinanti, alberghi, attività commerciali, infrastrutture e servizi. Innesca così una concentrazione di attività interagenti capaci di garantire vitalità durante il giorno e la notte. Il piano non prescrive una forma ordinata a priori ma coordina un sistema di trasformazioni flessibili in cui ogni singolo attore/progetto può sviluppare molteplici forme, obiettivi e relazioni. L alta densità, infine, contribuisce ad attirare gli investimenti necessari alla trasformazione. La comunità economica internazionale ha già reagito positivamente insediando le più importanti compagnie. Sei nuovi grandi complessi edilizi sono motori della trasformazione del tessuto edilizio: università, centri di innovazione scientifica e tecnologica, laboratori, dipartimenti di progettazione. La città diventa così il luogo di scambio delle idee. Obiettivo? Fare di Barcellona La Città della Conoscenza. All interno di questa strategia si pongono i centoquarantun giorni del Forum Universale per le Culture nel Un viaggio attraverso le differenze culturali, lo sviluppo sostenibile e le condizioni per la pace nel Mondo. Eventi di strada, concerti, opere, danza, teatro e mostre hanno reinventato la Città tutta, ma è alla foce del fiume Besòs che la manifestazione ha avuto il suo centro direzionale. L area del Forum integra grandi infrastrutture ambientali (centrale termica a gas naturale, parco ecologico e centrale di trattamento delle acque) e spazi adibiti alla pubblica fruizione (spiagge artificiali, porto turistico e nuovo campus universitario). Interfaccia simbolica e mediatica del complesso è l edificio del Forum (progettato dallo studio svizzero Herzog De Meuron. Appare al passante come una gigante fetta di torta blu levitante, espressionista, scultorea e minimale, rigata sui lati da veloci tagli vitrei verticali. Sviluppato su soli due livelli, accoglie al piano superiore un auditorium per persone assieme ad una vasta e fluida area espositiva. Oscura e porosa, la sua cavità, è punteggiata da

5 improvvisi e giganteschi vuoti, condensatori di luce naturale. Al piano inferiore altrettante strombature a soffitto illuminano lo spazio sottostante, sulla strada. La massa dell edificio, sospesa su pochi pilastri, raccoglie lo spazio urbano nel seno dell edificio. Alcuni volumi sghembi direzionano il passante verso gli accessi al piano superiore. Argentee lamine martellate rivestono la superficie dell immenso soffitto, generando imprevedibili riverberi di luce naturale. A seguito del Congresso sulle culture, la costruzione è divenuta contenitore di un brillante allestimento sullo studio e la comunicazione delle trasformazioni urbane dell'area metropolitana di Barcellona con uno straordinario plastico della Città di 200 metri quadrati. Oltre ad essere motore attivo del progetto rigenerativo del quartiere di Pouble Nou, l area del Forum completa quella ristrutturazione di quattordici chilometri del fronte costiero di Barcellona, esteso tra l area logistica presso il fiume Llobregat (porto mercantile + aeroporto) ad ovest ed il nuovo distretto economico di Pouble Nou ad est, iniziata nel 1986, con la nomina della Città a sede delle Olimpiadi. Due sono le principali aree coinvolte, gravitanti nell odierna Città Olimpica e nella cittadella dell Esposizione Internazionale del 1929, sulla collina di Montjuïc. Il viale Avinguda D Icària è asse portante della Città Olimpica. Su ciascun lato sei isolati ricalcano approssimativamente la griglia di Cerdà. Ciascun edificio residenziale è legato nei piani alti al successivo, nell intenzione di trasformare il viale in uno spazio unico. La composizione del piano, seppur stemperata dalla diversità di ciascun edificio e dall intrigante sequenza di alberi artificiali ( ) di Enric Miralles e Carme Pinòs, tradisce intenzioni auto celebrative e a volte persino monumentali. Sembra chiudersi rispetto alle sfide della contemporaneità. L intelligenza dell intervento occorre trovarla nel nuovo rapporto con il mare, non tanto nei due grattacieli (153 m) architettonicamente poco rilevanti, neppure per la loro collocazione che riecheggia pesantezze di altri tempi, ma per quell affascinante groviglio di percorsi, terrazze sul mare, negozi, ristoranti, piscine, pub ed attrezzature alberghiere fuse in un brano di città complesso ed esaltante, che si dissolve lungo le spiagge, i parchi sul mare e le banchine del Porto Olimpico (oggi turistico). Trasformato in icona dalla profetica scultura il Peix ( ) di Frank Owen Gehry, il Porto è riuscito nell arduo compito di reinventare la relazione, un tempo negata dal degrado, della città con il suo mare. Dall altra parte, ad ovest della città medievale, sulla boscosa collina di Montjuïc, l Anello Olimpico ha avuto certamente il pregio di creare

6 moderne infrastrutture, ma gran parte degli interventi appaiono datati o persino poco colti, come il triste Istituto Nazionale di Educazione Fisica della Catalogna. Si distinguono l elastica Torre delle Comunicazioni ( ) di Santiago Calatrava, la paesistica organica del Giardino Botanico ( ) di Carlos Ferrater, e la luminosa Fondazione Mirò ( ) di Josep Lluìs Sert. Ma occorre scendere a valle per trovare il vero gioiello della collina e probabilmente di Barcellona tutta. In fondo ad una radura lambita da platani ed al di là di un tranquillo specchio d acqua, si profila orizzontale e silente l emblematico Padiglione Tedesco (1929) di Mies Van Der Rhoe. Visione surreale, quasi magica, dopo la mastodontica e fatua sequela neobarocca costruita tra il 1894 il 1929 per ospitare l Esposizione Internazionale di Barcellona. Finanziato dall audace industriale Freiherr Von Schnitzler e donato alla nazione tedesca come sede di rappresentanza, è testimone del valore della cultura tedesca prima dell involgarimento nazista. Il suo valore va al di là della contingenza storica. E una delle rare opere d arte che riescono a comunicare contenuti sempre nuovi. La straordinaria attualità del contenitore è confermata dalla capacità di andare al di là di una specifica funzione. I suoi spazi fluenti ed enigmatici, oltre ad essere fruibili quotidianamente, non di rado si offrono a cocktail parties, sfilate di moda, mostre di fotografia, conferenze e piccoli concerti. L edificio originale, smontato dopo l esposizione, è stato diligentemente ricostruito tra il 1984 al 1986 su incarico di Oriol Bohigas, architetto capo del Comune. Da oriente ad occidente questi luoghi apparentemente marginali, sia pure nelle loro legittime contraddizioni, raccontano di come la Città ha fondato coraggiosamente la sua rinascita sul progetto d architettura contemporanea. O viceversa di come l architettura del presente è termometro della condizione umana e culturale degli abitanti di una comunità.

7 press/tmostre VALERIO PAOLO MOSCO: Jean Prouvé: la fortuna del più grande degli architetti disinteressati allo spazio Jean Prouvé di fronte alla propria casa, 1955 circa. Famiglia Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Jean Prouvé al CNAM, Parigi, Foto di E. Remondino. Collezione Privata. VG Bildkunst, Bonn Se è vero quello che diceva Nietzsche (ed è vero) che un uomo non può dirsi tale se non si esprime almeno attraverso quattro attività dove riconoscere sempre se stesso, Prouvé lo era. Architetto, designer, fabbro, imprenditore, insegnante, Prouvé ha attraversato buona parte dello scorso secolo tracciando un percorso eterogeneo tenuto insieme da un'unica vertenza umanista, la stessa poi del Werkbund: il superamento della dicotomia tra artigianato creativo e produzione industriale di serie. La mostra itinerante approdata a Palazzo Te a Mantova a lui dedicata ( Jean Prouvé: la Poetica dell Oggetto Tecnico ), voluta dal Vitra Design Museum e curata con acribia da Bruno Reichlin e Franz Graf e corredata da un monumentale catalogo (Electa edizioni), offre oggi l occasione non solo di assaporare il complesso dell opera di Prouvé, ma anche di ragionare sulla fortuna critica di un architetto oggi non solo rivalutato, ma esaltato. Ci si conceda una boutade: Jean Prouvé è stato il migliore tra gli architetti disinteressati sul tema principe dell architettura: lo spazio. Persino Buckminster Fuller, architetto a-spaziale per eccellenza, risulta più spaziale del fabbro parigino. A questo punto ci si conceda anche una seconda boutade: senza Prouvé, senza il migliore degli architetti a-spaziali, non ci sarebbe gran parte dell architettura contemporanea, quella per intenderci dagli anni novanta in poi. Le due boutade sembrerebbero non avere una chiara relazione tra loro, eppure la relazione c è, sottile e significativa. Per capire Prouvé bisogna innanzitutto seguire la sua biografia. Nato all inizio dello scorso secolo ha una formazione a cerniera tra il declinante Art Nouveau, il Decò e lo straripante Modernismo di Le Corbusier. Dalla sua un etica socialista, alla Ruskin, ed un fine ben preciso: la ricerca di una via alternativa alla scissione del lavoro, alla alienazione dell operaio messa a nudo dal pensiero marxista. Negli anni venti inizia con gli oggetti di arredo, a trenta apre un grande atelier a Nancy mentre collabora con architetti come Garnier, Beaudouin, Lods. Tra le prime opere di successo l Aéro-Club Roland Garros del 1935, una delle prime e più convincenti opere totalmente montate a secco e l ancor più convincente Casa del Popolo ed il mercato coperto a Clichy, opere entrambe

8 Poltrona da Auditorium, Bergère, Università di Aix-Marseille, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Catalogo di mobili degli Ateliers Jean Prouvé, Collezione Alexander von Vegesack. VG Bildkunst, Bonn realizzate con Beaudouin e Lods. La ricerca sull edilizia per componenti in metallo continua con intensità fino alla guerra che vede Prouvé partecipare alla resistenza. Proprio durante la guerra progetta con Le Corbusier le Ecoles volantes e subito dopo viene eletto sindaco a Nancy. L attività dopo la guerra è ancora più intensa di prima: realizza delle case di prima accoglienza, collabora ancora con Le Corbusier per le Unité di Marsiglia, costruisce uno dei più maturi primi esempi di curtain wall per la Féderation Nazionale du Batiment a Parigi (1949/51), a cui si aggiungono le prime case a guscio e le coperture a shed prefabbricate. Proprio negli anni cinquanta il suo atelier a Maxéville è sempre più impegnato nella concezione e nella realizzazione di componentistica leggera applicata all edilizia. I risultati sono ampi e soddisfacenti, ma il momento storico non è quello adeguato. L ipotesi Prouvé si infrange infatti contro il deleterio successo della prefabbricazione pesante in calcestruzzo. A dispetto di opere di eccellenza come la facciata dell edificio di Square Mozart a Parigi del 1953 (con L. Mirabeau), l atelier di Prouvè fallisce. Seguono rabbia e sconforto ma il fallimento è anche la sua fortuna; sgravato dalle responsabilità imprenditoriali (in cui il nostro non si trova di certo a suo agio), Prouvé riesce a dedicarsi come consulente ad altissimo livello nel campo in cui eccelle: la componentistica a secco. E questa la sua stagione d oro: la propria casa a Nancy (1954), il Pavillon du Centenarie d Aluminium (1954), la Maison des jours meilleurs per la mitica e controversa figura dell abbé Pierre, la Buvette di Evian (1956/7). Dal 1958 in poi si dedica all insegnamento al CNAM di Parigi e negli anni sessanta collabora a progetti importanti ancora con Le Corbusier, ma anche con Pierre Jeanneret, con Candilis, Josic e Woods (Frei Universitat di Berlino) e Niemeyer (Sede del Partito Comunista Francese a Parigi). Nel 1971 è il presidente della giuria per il Concorso del Centre Pompidou e fino al 1984, anno della sua morte, continua ad insegnare e progettare. Più di sessanta anni di attività quindi, in cui progetti, brevetti, consulenze, schizzi e lezioni, appaiono tutti come organismi coesi, in cui la tensione tra e parti in equilibrio è meccanismo esibito. La felice intuizione critica è di Diego Nardi ( Jean Prouvé : idee costruttive, Testo & Immagine n.80, Roma,2000) e pone l accento sul principio primo del metodo Prouvé: il meccanicismo. Prouvé infatti è sempre stato ortodosso al principio meccanico; mentre infatti altri architetti (primi tra tutti Gropius) professavano con accanito fideismo il culto meccanico, Prouvé semplicemente lo applicava, per di più con laico e navigato disincanto. Rispetto agli altri infatti aveva la conoscenza applicata

9 Maison du Peuple, Clichy, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Casa di Jean Prouvé, Nancy, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Edificio a Square Mozart, dettaglio della facciata, Parigi, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn agli altri infatti aveva la conoscenza applicata dell uomo da officina, con tutte le sue implicazioni di certo non intellettuali. Ciò dava la possibilità a Prouvé di applicare un metodo edilizio lineare e deduttivo, che parte dal particolare (la singola componente) per giungere per sommatoria critica al generale (la configurazione totale), un metodo a ben vedere antitetico a quello dei maestri del Movimento Moderno. Effetto primo del metodo è allora ( e non poteva essere diversamente) il disinteresse per lo spazio, ovvero per la configurazione generale a priori. Attenzione, il disinteresse per lo spazio non vuole dire che Prouvé fosse disinteressato all immagine dell edificio, anzi esiste un vero e proprio branding Prouvé che si esprime attraverso figure ben precise, se non ricorrenti. Ciò che distingue allora Prouvé dagli altri è semplicemente il fatto che le figure non sono applicati alla configurazione generale, ma alle singole componenti. E chiaro allora che quanto andava a dire Prouvé con dissimulato snobbismo io non ho stile, è palesemente falso, lo dimostra se non altro il fatto che i suoi arredi e le sue architetture sono oggi oggetti di culto di quel modernariato vintage che inonda i salotti bene. Stile quindi ed anche immagine, ma non spazio, scelta a dire il vero pagata con la difficoltà a gestire opere di una certa dimensione, dove lo spazio non è certo emendabile. Eppure sta qui la ragione della attuale fortuna critica di Prouvé. L architettura contemporanea infatti sembra disinteressata ormai da anni al problema spaziale, vuoi per ragioni che riguardano la prevalenza dell immagine, vuoi per l imperante paradigma della comunicazione. Ciò non vuol dire che le opere di alcuni determinati architetti contemporanei non abbiano delle chiare valenze spaziali, ma queste ultime non strutturano mai il significato della loro architettura, caso mai lo aggettivano. Pensiamo a quanto siamo oggi distanti da Zevi, ma anche da Kahn e quanto Prouvé tutto ciò, forse inconsciamente, lo avesse compreso in anticipo. Ma c è dell altro. Prouvè infatti tra i primi ad aver capito che l architettura si sarebbe fatta fuori opera, per componenti assemblate, anzi ad aver capito ciò che oggi va di moda, ovvero che sono proprio le componenti che determinano l immagine dell edificio. Per capire dunque Jean Nouvel, Dominique Perrault, Herzog e de Meuron e specialmente Renzo Piano e tanti altri, bisogna dunque necessariamente passare per Prouvé e certo non è poco. L attuale fortuna critica poi del poliedrico fabbro parigino ha poi una ragione ancor più sottile, quasi inconscia. Le sue opere infatti ci raccontano di un mondo dove ancora la tecnologia è semplice, intuitiva, palpabile e come tale consolatoria, quasi innocente; qualità

10 evocative su cui il pupillo di Prouvé Renzo Piano ha fondato la sua meritata fortuna. Ma la tecnica, come ci ha insegnato ancora una volta Nietzsche, non è mai innocente, vende la sua presunta innocenza ma è pur sempre volontà di forma, forse la meno innocente e probabilmente la più rischiosa. Detto ciò azzardiamo un ultima boutade: che la fortuna critica di Prouvé verrà ridimensionata, in quanto la maschera dell innocenza col tempo cade e in architettura ciò che rimane, volenti o nolenti, è lo spazio. Padiglione per il centenario dell alluminio, Parigi, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Lettera di critica dell architettura che affianca press/tletter. Per cancellarsi basta mandare una mail al mittente con scritto: remove. Per iscriversi basta farne richiesta al sito I giudizi espressi negli articoli non esprimono l opinione della redazione ma dello scrivente. Si ringraziano i progettisti per le informazioni relative ai credits e per il materiale iconografico che viene concesso gratuitamente, libero da diritti relativamente alla circolazione di questa newsletter. REDAZIONE: Anna Baldini, Gianpaolo Buccino, Diego Caramma, Diego Barbarelli, Massimo Locci, Roberto Malfatti, Valerio Paolo Mosco, Luigi Prestinenza Puglisi, Paolo Raimondo, Monica Zerboni.

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti Rigips Trophy 2016 Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti I costruttori dell opera vincitrice 2016 riceveranno : il Gold-Trophy, tanta pubblicità sui media specializzati e l invito

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Archivio Opera Piero Manzoni. Le Linee di Piero Manzoni

Archivio Opera Piero Manzoni. Le Linee di Piero Manzoni Stefano Cappelli Le Linee di Piero Manzoni L'opera nascosta Molti lavori di Piero Manzoni esigono il nascondimento dell opera d arte. E il caso delle Linee, che l artista realizzò in esemplari di diversa

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins Tom Wright and Atkins Esterni e dettagli costruttivi L esterno della struttura è caratterizzato da tre elementi: la pianta triangolare; l esoscheletro in acciaio; la tenda in teflon. La sagoma è poi interrotta

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

Luce di prim ordine e massima flessibilità

Luce di prim ordine e massima flessibilità Comunicato stampa Dornbirn, settembre 2010 Luce di prim ordine e massima flessibilità I magazzini Globus puntano sull illuminazione Zumtobel e risparmiano il 30% di energia B1 I La prima impressione è

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli