press/tmagazine n.09 anno 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "press/tmagazine n.09 anno 2007"

Transcript

1 press/tmagazine n.09 anno 2007 press/tarticle ANTONINO CARDILLO Barcellona. Percorsi in una Città Contemporanea press/tmostre VALERIO PAOLO MOSCO Jean Prouvé: la fortuna del più grande degli architetti disinteressati allo spazio press/tcomics le vignette di roberto malfatti Anche press/tmagazine è sul web! Lo potrete trovare su <http://www.presstletter,com>, oltre all archivio delle press/tletter, articoli e segnalazioni di eventi.

2

3 press/tarticle ANTONINO CARDILLO Barcellona. Percorsi in una Città Contemporanea per gentile concessione di Ulisse Seppur poco considerati dalle guide turistiche più diffuse, il distretto di Pouble Nou, il Forum 2004, la Cittadella Olimpica con il suo Porto e la collinetta di Montjuïc, offrono al viaggiatore curioso interessanti chiavi di lettura della Città. La contemporaneità in Barcellona è un valore diffuso, lo si avverte per strade, negozi, locali, è attitudine mentale dei suoi abitanti. Eppure questi luoghi sono emblematici della fervente partecipazione collettiva che ha reinventato la Città a seguito del ripristino della democrazia nel La fiducia verso il futuro ha origini lontane, la si può già leggere nell Eixample, il piano urbano ideato da Idefonso Cerdà nel 1859, generatore della città nuova. I nomi delle sue vie principali sorprendono per l inconsueta modernità. Non re, notabili, santi o luoghi ma, fatta eccezione per la Gran Via de les Cortes Catalanes, nomi astratti: Paral-lel, Meridiana, Diagonal. Interferiscono, attraversandola, con una griglia di isolati quadrati, ciascuno avente lato di 113,33 metri, ed estesa dalle pendici del monte Tibidabo (512 m) al mare e dalla collinetta di Montjuïc (173 m) al fiume Besòs. Affascina l origine astronomica delle due grandi arterie orientate sul parallelo e il meridiano terrestre, convergenti, dal territorio, sul fronte a mare della città medievale. Ma è l asse della Diagonal che libera definitivamente la città dal concetto di centro unico generalmente identificato con il cosiddetto centro storico. Con straordinaria precisione e lungimiranza, dalle pendici del monte Tibidabo alla foce del fiume Besòs, la Diagonal taglia obliquamente la piana, affermando una direzione indipendente dalla città storica. Nell incidere gli isolati ortogonali, genera così una sequenza di vistose eccezioni alla griglia: angoli, scarti e zone residuali diventano potenziali luoghi strategici per la città futura. Inoltre, in una triplice intersezione con la Gran Via e la Meridiana, la Diagonal individua un nuovo baricentro: Plaça De Les Glories Catalanes. Lì, quando scende la notte, i 4500 leds della fallica Torre Agbar ( ) accendono la nuova Barcellona. Impressionista, caleidoscopica, psichedelica. La sua superficie evoca l acqua, che sale, dimentica della gravità, per 142 metri dalla terra. La ribollente miscela astratta di tessere policrome sembra echeggiare le stesure ceramiche di casa Batlló sul Passeig de Gràcia. Ma la città

4 odierna non è costruita dai soli palazzi residenziali come negli eleganti boulevard dell Eixample. All interno dell edificio, progettato dall Atelier di Jean Nouvel, in gran parte dei metri quadri ha sede la compagnia Aguas de Barcelona. E l inizio simbolico, geografico e concettuale di un ambizioso progetto urbano che trasformerà 200 ettari dell ex zona industriale di Pouble Nou in un innovativo distretto economico. Tangente alla circonvallazione esterna, distante soli sei minuti dal futuro terminal della TAV e a tre stazioni di metrò dal centro antico, sta cambiando la geografia della città. Il Progetto emancipa la zona dall esclusivo uso industriale previsto dal piano regolatore del 1976, incentivando la coesistenza di uffici, residenze, lofts, industrie ad alta tecnologia non inquinanti, alberghi, attività commerciali, infrastrutture e servizi. Innesca così una concentrazione di attività interagenti capaci di garantire vitalità durante il giorno e la notte. Il piano non prescrive una forma ordinata a priori ma coordina un sistema di trasformazioni flessibili in cui ogni singolo attore/progetto può sviluppare molteplici forme, obiettivi e relazioni. L alta densità, infine, contribuisce ad attirare gli investimenti necessari alla trasformazione. La comunità economica internazionale ha già reagito positivamente insediando le più importanti compagnie. Sei nuovi grandi complessi edilizi sono motori della trasformazione del tessuto edilizio: università, centri di innovazione scientifica e tecnologica, laboratori, dipartimenti di progettazione. La città diventa così il luogo di scambio delle idee. Obiettivo? Fare di Barcellona La Città della Conoscenza. All interno di questa strategia si pongono i centoquarantun giorni del Forum Universale per le Culture nel Un viaggio attraverso le differenze culturali, lo sviluppo sostenibile e le condizioni per la pace nel Mondo. Eventi di strada, concerti, opere, danza, teatro e mostre hanno reinventato la Città tutta, ma è alla foce del fiume Besòs che la manifestazione ha avuto il suo centro direzionale. L area del Forum integra grandi infrastrutture ambientali (centrale termica a gas naturale, parco ecologico e centrale di trattamento delle acque) e spazi adibiti alla pubblica fruizione (spiagge artificiali, porto turistico e nuovo campus universitario). Interfaccia simbolica e mediatica del complesso è l edificio del Forum (progettato dallo studio svizzero Herzog De Meuron. Appare al passante come una gigante fetta di torta blu levitante, espressionista, scultorea e minimale, rigata sui lati da veloci tagli vitrei verticali. Sviluppato su soli due livelli, accoglie al piano superiore un auditorium per persone assieme ad una vasta e fluida area espositiva. Oscura e porosa, la sua cavità, è punteggiata da

5 improvvisi e giganteschi vuoti, condensatori di luce naturale. Al piano inferiore altrettante strombature a soffitto illuminano lo spazio sottostante, sulla strada. La massa dell edificio, sospesa su pochi pilastri, raccoglie lo spazio urbano nel seno dell edificio. Alcuni volumi sghembi direzionano il passante verso gli accessi al piano superiore. Argentee lamine martellate rivestono la superficie dell immenso soffitto, generando imprevedibili riverberi di luce naturale. A seguito del Congresso sulle culture, la costruzione è divenuta contenitore di un brillante allestimento sullo studio e la comunicazione delle trasformazioni urbane dell'area metropolitana di Barcellona con uno straordinario plastico della Città di 200 metri quadrati. Oltre ad essere motore attivo del progetto rigenerativo del quartiere di Pouble Nou, l area del Forum completa quella ristrutturazione di quattordici chilometri del fronte costiero di Barcellona, esteso tra l area logistica presso il fiume Llobregat (porto mercantile + aeroporto) ad ovest ed il nuovo distretto economico di Pouble Nou ad est, iniziata nel 1986, con la nomina della Città a sede delle Olimpiadi. Due sono le principali aree coinvolte, gravitanti nell odierna Città Olimpica e nella cittadella dell Esposizione Internazionale del 1929, sulla collina di Montjuïc. Il viale Avinguda D Icària è asse portante della Città Olimpica. Su ciascun lato sei isolati ricalcano approssimativamente la griglia di Cerdà. Ciascun edificio residenziale è legato nei piani alti al successivo, nell intenzione di trasformare il viale in uno spazio unico. La composizione del piano, seppur stemperata dalla diversità di ciascun edificio e dall intrigante sequenza di alberi artificiali ( ) di Enric Miralles e Carme Pinòs, tradisce intenzioni auto celebrative e a volte persino monumentali. Sembra chiudersi rispetto alle sfide della contemporaneità. L intelligenza dell intervento occorre trovarla nel nuovo rapporto con il mare, non tanto nei due grattacieli (153 m) architettonicamente poco rilevanti, neppure per la loro collocazione che riecheggia pesantezze di altri tempi, ma per quell affascinante groviglio di percorsi, terrazze sul mare, negozi, ristoranti, piscine, pub ed attrezzature alberghiere fuse in un brano di città complesso ed esaltante, che si dissolve lungo le spiagge, i parchi sul mare e le banchine del Porto Olimpico (oggi turistico). Trasformato in icona dalla profetica scultura il Peix ( ) di Frank Owen Gehry, il Porto è riuscito nell arduo compito di reinventare la relazione, un tempo negata dal degrado, della città con il suo mare. Dall altra parte, ad ovest della città medievale, sulla boscosa collina di Montjuïc, l Anello Olimpico ha avuto certamente il pregio di creare

6 moderne infrastrutture, ma gran parte degli interventi appaiono datati o persino poco colti, come il triste Istituto Nazionale di Educazione Fisica della Catalogna. Si distinguono l elastica Torre delle Comunicazioni ( ) di Santiago Calatrava, la paesistica organica del Giardino Botanico ( ) di Carlos Ferrater, e la luminosa Fondazione Mirò ( ) di Josep Lluìs Sert. Ma occorre scendere a valle per trovare il vero gioiello della collina e probabilmente di Barcellona tutta. In fondo ad una radura lambita da platani ed al di là di un tranquillo specchio d acqua, si profila orizzontale e silente l emblematico Padiglione Tedesco (1929) di Mies Van Der Rhoe. Visione surreale, quasi magica, dopo la mastodontica e fatua sequela neobarocca costruita tra il 1894 il 1929 per ospitare l Esposizione Internazionale di Barcellona. Finanziato dall audace industriale Freiherr Von Schnitzler e donato alla nazione tedesca come sede di rappresentanza, è testimone del valore della cultura tedesca prima dell involgarimento nazista. Il suo valore va al di là della contingenza storica. E una delle rare opere d arte che riescono a comunicare contenuti sempre nuovi. La straordinaria attualità del contenitore è confermata dalla capacità di andare al di là di una specifica funzione. I suoi spazi fluenti ed enigmatici, oltre ad essere fruibili quotidianamente, non di rado si offrono a cocktail parties, sfilate di moda, mostre di fotografia, conferenze e piccoli concerti. L edificio originale, smontato dopo l esposizione, è stato diligentemente ricostruito tra il 1984 al 1986 su incarico di Oriol Bohigas, architetto capo del Comune. Da oriente ad occidente questi luoghi apparentemente marginali, sia pure nelle loro legittime contraddizioni, raccontano di come la Città ha fondato coraggiosamente la sua rinascita sul progetto d architettura contemporanea. O viceversa di come l architettura del presente è termometro della condizione umana e culturale degli abitanti di una comunità.

7 press/tmostre VALERIO PAOLO MOSCO: Jean Prouvé: la fortuna del più grande degli architetti disinteressati allo spazio Jean Prouvé di fronte alla propria casa, 1955 circa. Famiglia Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Jean Prouvé al CNAM, Parigi, Foto di E. Remondino. Collezione Privata. VG Bildkunst, Bonn Se è vero quello che diceva Nietzsche (ed è vero) che un uomo non può dirsi tale se non si esprime almeno attraverso quattro attività dove riconoscere sempre se stesso, Prouvé lo era. Architetto, designer, fabbro, imprenditore, insegnante, Prouvé ha attraversato buona parte dello scorso secolo tracciando un percorso eterogeneo tenuto insieme da un'unica vertenza umanista, la stessa poi del Werkbund: il superamento della dicotomia tra artigianato creativo e produzione industriale di serie. La mostra itinerante approdata a Palazzo Te a Mantova a lui dedicata ( Jean Prouvé: la Poetica dell Oggetto Tecnico ), voluta dal Vitra Design Museum e curata con acribia da Bruno Reichlin e Franz Graf e corredata da un monumentale catalogo (Electa edizioni), offre oggi l occasione non solo di assaporare il complesso dell opera di Prouvé, ma anche di ragionare sulla fortuna critica di un architetto oggi non solo rivalutato, ma esaltato. Ci si conceda una boutade: Jean Prouvé è stato il migliore tra gli architetti disinteressati sul tema principe dell architettura: lo spazio. Persino Buckminster Fuller, architetto a-spaziale per eccellenza, risulta più spaziale del fabbro parigino. A questo punto ci si conceda anche una seconda boutade: senza Prouvé, senza il migliore degli architetti a-spaziali, non ci sarebbe gran parte dell architettura contemporanea, quella per intenderci dagli anni novanta in poi. Le due boutade sembrerebbero non avere una chiara relazione tra loro, eppure la relazione c è, sottile e significativa. Per capire Prouvé bisogna innanzitutto seguire la sua biografia. Nato all inizio dello scorso secolo ha una formazione a cerniera tra il declinante Art Nouveau, il Decò e lo straripante Modernismo di Le Corbusier. Dalla sua un etica socialista, alla Ruskin, ed un fine ben preciso: la ricerca di una via alternativa alla scissione del lavoro, alla alienazione dell operaio messa a nudo dal pensiero marxista. Negli anni venti inizia con gli oggetti di arredo, a trenta apre un grande atelier a Nancy mentre collabora con architetti come Garnier, Beaudouin, Lods. Tra le prime opere di successo l Aéro-Club Roland Garros del 1935, una delle prime e più convincenti opere totalmente montate a secco e l ancor più convincente Casa del Popolo ed il mercato coperto a Clichy, opere entrambe

8 Poltrona da Auditorium, Bergère, Università di Aix-Marseille, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Catalogo di mobili degli Ateliers Jean Prouvé, Collezione Alexander von Vegesack. VG Bildkunst, Bonn realizzate con Beaudouin e Lods. La ricerca sull edilizia per componenti in metallo continua con intensità fino alla guerra che vede Prouvé partecipare alla resistenza. Proprio durante la guerra progetta con Le Corbusier le Ecoles volantes e subito dopo viene eletto sindaco a Nancy. L attività dopo la guerra è ancora più intensa di prima: realizza delle case di prima accoglienza, collabora ancora con Le Corbusier per le Unité di Marsiglia, costruisce uno dei più maturi primi esempi di curtain wall per la Féderation Nazionale du Batiment a Parigi (1949/51), a cui si aggiungono le prime case a guscio e le coperture a shed prefabbricate. Proprio negli anni cinquanta il suo atelier a Maxéville è sempre più impegnato nella concezione e nella realizzazione di componentistica leggera applicata all edilizia. I risultati sono ampi e soddisfacenti, ma il momento storico non è quello adeguato. L ipotesi Prouvé si infrange infatti contro il deleterio successo della prefabbricazione pesante in calcestruzzo. A dispetto di opere di eccellenza come la facciata dell edificio di Square Mozart a Parigi del 1953 (con L. Mirabeau), l atelier di Prouvè fallisce. Seguono rabbia e sconforto ma il fallimento è anche la sua fortuna; sgravato dalle responsabilità imprenditoriali (in cui il nostro non si trova di certo a suo agio), Prouvé riesce a dedicarsi come consulente ad altissimo livello nel campo in cui eccelle: la componentistica a secco. E questa la sua stagione d oro: la propria casa a Nancy (1954), il Pavillon du Centenarie d Aluminium (1954), la Maison des jours meilleurs per la mitica e controversa figura dell abbé Pierre, la Buvette di Evian (1956/7). Dal 1958 in poi si dedica all insegnamento al CNAM di Parigi e negli anni sessanta collabora a progetti importanti ancora con Le Corbusier, ma anche con Pierre Jeanneret, con Candilis, Josic e Woods (Frei Universitat di Berlino) e Niemeyer (Sede del Partito Comunista Francese a Parigi). Nel 1971 è il presidente della giuria per il Concorso del Centre Pompidou e fino al 1984, anno della sua morte, continua ad insegnare e progettare. Più di sessanta anni di attività quindi, in cui progetti, brevetti, consulenze, schizzi e lezioni, appaiono tutti come organismi coesi, in cui la tensione tra e parti in equilibrio è meccanismo esibito. La felice intuizione critica è di Diego Nardi ( Jean Prouvé : idee costruttive, Testo & Immagine n.80, Roma,2000) e pone l accento sul principio primo del metodo Prouvé: il meccanicismo. Prouvé infatti è sempre stato ortodosso al principio meccanico; mentre infatti altri architetti (primi tra tutti Gropius) professavano con accanito fideismo il culto meccanico, Prouvé semplicemente lo applicava, per di più con laico e navigato disincanto. Rispetto agli altri infatti aveva la conoscenza applicata

9 Maison du Peuple, Clichy, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Casa di Jean Prouvé, Nancy, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Edificio a Square Mozart, dettaglio della facciata, Parigi, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn agli altri infatti aveva la conoscenza applicata dell uomo da officina, con tutte le sue implicazioni di certo non intellettuali. Ciò dava la possibilità a Prouvé di applicare un metodo edilizio lineare e deduttivo, che parte dal particolare (la singola componente) per giungere per sommatoria critica al generale (la configurazione totale), un metodo a ben vedere antitetico a quello dei maestri del Movimento Moderno. Effetto primo del metodo è allora ( e non poteva essere diversamente) il disinteresse per lo spazio, ovvero per la configurazione generale a priori. Attenzione, il disinteresse per lo spazio non vuole dire che Prouvé fosse disinteressato all immagine dell edificio, anzi esiste un vero e proprio branding Prouvé che si esprime attraverso figure ben precise, se non ricorrenti. Ciò che distingue allora Prouvé dagli altri è semplicemente il fatto che le figure non sono applicati alla configurazione generale, ma alle singole componenti. E chiaro allora che quanto andava a dire Prouvé con dissimulato snobbismo io non ho stile, è palesemente falso, lo dimostra se non altro il fatto che i suoi arredi e le sue architetture sono oggi oggetti di culto di quel modernariato vintage che inonda i salotti bene. Stile quindi ed anche immagine, ma non spazio, scelta a dire il vero pagata con la difficoltà a gestire opere di una certa dimensione, dove lo spazio non è certo emendabile. Eppure sta qui la ragione della attuale fortuna critica di Prouvé. L architettura contemporanea infatti sembra disinteressata ormai da anni al problema spaziale, vuoi per ragioni che riguardano la prevalenza dell immagine, vuoi per l imperante paradigma della comunicazione. Ciò non vuol dire che le opere di alcuni determinati architetti contemporanei non abbiano delle chiare valenze spaziali, ma queste ultime non strutturano mai il significato della loro architettura, caso mai lo aggettivano. Pensiamo a quanto siamo oggi distanti da Zevi, ma anche da Kahn e quanto Prouvé tutto ciò, forse inconsciamente, lo avesse compreso in anticipo. Ma c è dell altro. Prouvè infatti tra i primi ad aver capito che l architettura si sarebbe fatta fuori opera, per componenti assemblate, anzi ad aver capito ciò che oggi va di moda, ovvero che sono proprio le componenti che determinano l immagine dell edificio. Per capire dunque Jean Nouvel, Dominique Perrault, Herzog e de Meuron e specialmente Renzo Piano e tanti altri, bisogna dunque necessariamente passare per Prouvé e certo non è poco. L attuale fortuna critica poi del poliedrico fabbro parigino ha poi una ragione ancor più sottile, quasi inconscia. Le sue opere infatti ci raccontano di un mondo dove ancora la tecnologia è semplice, intuitiva, palpabile e come tale consolatoria, quasi innocente; qualità

10 evocative su cui il pupillo di Prouvé Renzo Piano ha fondato la sua meritata fortuna. Ma la tecnica, come ci ha insegnato ancora una volta Nietzsche, non è mai innocente, vende la sua presunta innocenza ma è pur sempre volontà di forma, forse la meno innocente e probabilmente la più rischiosa. Detto ciò azzardiamo un ultima boutade: che la fortuna critica di Prouvé verrà ridimensionata, in quanto la maschera dell innocenza col tempo cade e in architettura ciò che rimane, volenti o nolenti, è lo spazio. Padiglione per il centenario dell alluminio, Parigi, Centre Pompidou, Parigi, Bibliothèque Kandinsky, Fonds Jean Prouvé. VG Bildkunst, Bonn Lettera di critica dell architettura che affianca press/tletter. Per cancellarsi basta mandare una mail al mittente con scritto: remove. Per iscriversi basta farne richiesta al sito I giudizi espressi negli articoli non esprimono l opinione della redazione ma dello scrivente. Si ringraziano i progettisti per le informazioni relative ai credits e per il materiale iconografico che viene concesso gratuitamente, libero da diritti relativamente alla circolazione di questa newsletter. REDAZIONE: Anna Baldini, Gianpaolo Buccino, Diego Caramma, Diego Barbarelli, Massimo Locci, Roberto Malfatti, Valerio Paolo Mosco, Luigi Prestinenza Puglisi, Paolo Raimondo, Monica Zerboni.

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 26. L ORGANICISMO L ARCHITETTURA ORGANICA In apparente contrasto con l architettura funzionalista, l architettura organica è legata indissolubilmente al nome dell architetto americano Frank Lloyd Wright

Dettagli

Padiglione di Barcellona 1929

Padiglione di Barcellona 1929 Mies van der Rohe Ludwig Mies van der Rohe è il padre dell'estetica architettonica contemporanea. Se Le Corbusier incarna l'anima più poetica del Movimento Moderno, l'architetto tedesco ne rappresenta

Dettagli

Situazione attuale degli accessi

Situazione attuale degli accessi Situazione attuale degli accessi Attualmente gli accessi al quartiere fieristico si rivolgono prevalentemente verso la città per il naturale effetto delle dinamiche di traffico fino ad ora esistite nel

Dettagli

Il fascino di una villa d autore 1.050.000. Cusago, Milano

Il fascino di una villa d autore 1.050.000. Cusago, Milano Il fascino di una villa d autore 1.050.000 Cusago, Milano Descrizione Villa dal design particolare grazie ad un progetto del celeberrimo architetto Renzo Piano. La sua figura professionale si rifà al cosiddetto

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

EDOARDO GELLNER 100 ANNI DI ARCHITETTURA INTERNI / INTERIORS

EDOARDO GELLNER 100 ANNI DI ARCHITETTURA INTERNI / INTERIORS EDOARDO GELLNER 100 ANNI DI ARCHITETTURA INTERNI / INTERIORS 18 luglio 19 settembre 2009 Alexander Girardi Hall, Cortina d Ampezzo (BL) Inaugurazione sabato 18 luglio ore 16.00 Nuove immagini in alta risoluzione

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

SALONE DEL MOBILE L esordio di Pierre Cardin CINQUE NUOVI ARTIGIANI TRA RETE E BOTTEGA INTERNI ESOTICI Da Mumbai a Marrakech

SALONE DEL MOBILE L esordio di Pierre Cardin CINQUE NUOVI ARTIGIANI TRA RETE E BOTTEGA INTERNI ESOTICI Da Mumbai a Marrakech N. 04 2014 Prezzo speciale 5 3,50. Il 1 aprile con il Corriere della Sera 1,40 (Corriere della Sera 1,30 + Living 0,10). Non vendibile separatamente. Nei giorni successivi a richiesta con il Corriere della

Dettagli

2.1. Le Corbusier - Villa Savoye. Autore. figura 00

2.1. Le Corbusier - Villa Savoye. Autore. figura 00 Nico Bolla Architetture: 2.1. Le Corbusier - villa Savoye pag 1 2.1. Le Corbusier - Villa Savoye Autore figura 00 Charles-Edouard Jeanneret-Gris assumerà il nome d arte di Le Corbusier (storpiando un poco

Dettagli

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Voli : Malpensa / Madrid Madrid / Siviglia Siviglia / Barcellona Barcellona / Malpensa Viaggio di Nozze Mariella & Roberto

Dettagli

Costruire il margine:

Costruire il margine: Costruire il margine: un nuovo approdo per l isola di Manhattan Relatore: Prof. ssa Guya Bertelli Correlatore: Prof. Juan Carlos Dall Asta Laureandi: Mattia Fornara 750322 Paolo Nordi 751911 POLITECNICO

Dettagli

LA NUOVA DEUTSCHE BANK DI MARIO BELLINI

LA NUOVA DEUTSCHE BANK DI MARIO BELLINI LA NUOVA DEUTSCHE BANK DI MARIO BELLINI La Deutsche Bank ha un nuovo quartier generale nella sua sede storica di Francoforte. A firmarlo è l architetto milanese Mario Bellini che ha radicalmente rinnovato

Dettagli

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI HOTEL RISTORANTI SALE RICEVIMENTO BANCHE - UFFICI CENTRI CONGRESSUALI BAR - NEGOZI MADE IN LONGIANO Borgo storico dall aspetto tipicamente

Dettagli

CULTURA E CREATIVITA COME MOTORI DI TRASFORMAZIONE URBANA COINVOLGIMENTO: CHI? COME? PERCHE? Leveramo 18 luglio2013

CULTURA E CREATIVITA COME MOTORI DI TRASFORMAZIONE URBANA COINVOLGIMENTO: CHI? COME? PERCHE? Leveramo 18 luglio2013 CULTURA E CREATIVITA COME MOTORI DI TRASFORMAZIONE URBANA COINVOLGIMENTO: CHI? COME? PERCHE? Leveramo 18 luglio2013 Paola Pierotti architetto e giornalista Il Sole 24 Ore Progetti e Concorsi La cultura

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

Prof. Richard Vincent Moore

Prof. Richard Vincent Moore CLIMA e MORFOLOGIA ARCHITETTONICA ARCHITETTURE ATTENTE AGLI ASPETTI CLIMATICI ED ENERGETICI 2008 Prof. Richard Vincent Moore Prof. Richard Vincent Moore, Facoltà di Architettura Valle Giulia A file Le

Dettagli

CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo

CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo Perché Cantiere? L immagine del cantiere è stata scelta, per le sue molteplici proprietà e significati, come filo conduttore dell allestimento con

Dettagli

M4 /WORKSHOP «Idee in cantiere» 2 appuntamento

M4 /WORKSHOP «Idee in cantiere» 2 appuntamento M4 /WORKSHOP «Idee in cantiere» 2 appuntamento 3 luglio 2015 2 Premessa Il primo workshop si poneva almeno due obiettivi: raccogliere idee e proposte per far vivere i cantieri M4 ; capire quali fossero

Dettagli

URBAN LIGHTSCAPE PAESAGGI DELLA CITTA CONTEMPORANEA: LA LUCE COME ELEMENTO DI CONNESSIONE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO

URBAN LIGHTSCAPE PAESAGGI DELLA CITTA CONTEMPORANEA: LA LUCE COME ELEMENTO DI CONNESSIONE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO URBAN LIGHTSCAPE PAESAGGI DELLA CITTA CONTEMPORANEA: LA LUCE COME ELEMENTO DI CONNESSIONE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO concorso internazionale di idee maggio ottobre 2015 promosso da organizzato da DIPARTIMENTO

Dettagli

PARCHEGGIO AUTO METROPOLITANA INGRESSI VISITATORI STAZIONE METROPOLITANA CON INGRESSI MERCI

PARCHEGGIO AUTO METROPOLITANA INGRESSI VISITATORI STAZIONE METROPOLITANA CON INGRESSI MERCI LivinLuce Nuovo Quartiere Rho, 6-10 febbraio 2007 La luce, figlia primogenita di Dio, è una delle principali bellezze di un edificio. Thomas Fuller Anime, animatrici e protagoniste di ogni ambiente. Luce,

Dettagli

Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga

Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga Committente Architetti: Francisco Javier Pérez de la Fuente Juan Antonio Marín Malavé Sito: Lo spazio espositivo si trova all angolo tra

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Protezione solare innovativa 2

Protezione solare innovativa 2 Novità 2014 Protezione solare innovativa 2 Prodotti 4 / 5 Square Module 6 / 7 Sunshade 8 / 9 Lamelle a ventaglio FL 200 10 / 11 Tenda per grandi superfici GFM 3 12 / 13 Tenda per terrazza TM 3 14 / 15

Dettagli

La progettazione grafica può essere esemplificata in due categorie di elaborati grafici:

La progettazione grafica può essere esemplificata in due categorie di elaborati grafici: La progettazione grafica può essere esemplificata in due categorie di elaborati grafici: Il progetto di massima È redatto dal progettista, spesso a mano libera ed integrato da appunti. Non è in una fase

Dettagli

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014 Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello Milano / 12 dicembre 2014 INDICE 3 / TRE 4 / QUATTRO 6 / SEI 9 / NOVE 10 / DIECI 12 / DODICI 13 / TREDICI 14 / QUATTORDICI Storia

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

swissfineline le vetrate prive di telaio La trasparenza nella sua forma più bella

swissfineline le vetrate prive di telaio La trasparenza nella sua forma più bella swissfineline le vetrate prive di telaio La trasparenza nella sua forma più bella Prospettive visionarie Berger Metallbau AG è un impresa familiare indipendente che vanta oltre 120 anni di storia aziendale.

Dettagli

09/03/2011. Vedremo la questione del turismo in relazione all architettura e, di

09/03/2011. Vedremo la questione del turismo in relazione all architettura e, di Università di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Scienze del Turismo e delle comunità locali AA 2010-11 07/03/2011 Temi del corso Vedremo la questione del turismo in relazione all

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Il Progetto educativo e formativo del Liceo Artistico G. de Chirico è finalizzato alla crescita globale

Dettagli

Affascinante Lisbona,

Affascinante Lisbona, Un libro una città: Lisbona Lisbona di Lorenzo Pini (Odoya) Affascinante Lisbona, tesoro urbano sul Tago di Bruga Nella bellissima collana dedicata ai Ritratti di città è appena uscito per le Edizioni

Dettagli

progettare lo spazio architettonico e l arredo della cucina

progettare lo spazio architettonico e l arredo della cucina SEMINARIO FORMATIVO TECNICO progettare lo spazio architettonico e l arredo della cucina RO FERRARESE, GIOVEDì 24 SETTEMBRE 2015 10-17.30 Presso Spazio Cucinaviva c/o Menegatti Lab. Ro (FE), via Po, 21.

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione

Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Bando per la Realizzazione del nuovo Palazzo dell Innovazione Scheda Tecnica 1. Che cos è il Palazzo dell Innovazione La realizzazione del Palazzo dell Innovazione è indicata tra gli interventi prioritari

Dettagli

Posizione. Descrizione

Posizione. Descrizione Rambla Catalunya, 7-9 08007 Barcellona Spagna Tel.: +34 93 214 07 20 Fax +34 93 214 07 24 h10.metropolitan@h10hotels.com www.hotelh10metropolitan.com Informazioni e prenotazioni Tel.: +34 902 100 906 reservas@h10hotels.com

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali e seminari, sopralluoghi di studio. Prova Orale, Prova Scritta, Presentazione di una Tesina

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali e seminari, sopralluoghi di studio. Prova Orale, Prova Scritta, Presentazione di una Tesina FACOLTÀ Architettura ANNO ACCADEMICO 2012-2013 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Architettura LM4 INSEGNAMENTO Storia dell Architettura Contemporanea, C.I. con Storia dell Arte Moderna e Contemporanea TIPO DI

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone RELAZIONE TECNICA Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone PO FESR SICILIA 2007-2013 DELL OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3 LINEA D'INTERVENTO 3.1.3.3 PROGETTO BIENNALE

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

Torino: la grande trasformazione urbana e l opportunità Olimpica.

Torino: la grande trasformazione urbana e l opportunità Olimpica. Torino: la grande trasformazione urbana e l opportunità Olimpica. Una città che sta cambiando, un grande evento sportivo che non è un punto d arrivo, ma una tappa importante nel processo di trasformazione

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia. 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana

I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia. 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia Il Bando prevedeva sei sezioni: 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana 2) Restauro o recupero

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

La Cité Industrielle di Tony Garnier

La Cité Industrielle di Tony Garnier Prof. Paolo Fusero corso di Fondamenti di urbanistica Facoltà di Architettura Università degli Studi G. D Annunzio - Pescara Modelli 6: città industriale La Cité Industrielle di Tony Garnier Riferimenti

Dettagli

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA Progetto del Centro Italiano della fotografia d'autore Il Centro Italiano della Fotografia d Autore è stato inaugurato il 28 maggio del 2005 su iniziativa del Comune di

Dettagli

Corso di Fondamenti di Architettura degli Interni Concetti chiave e Opere

Corso di Fondamenti di Architettura degli Interni Concetti chiave e Opere ARTE BELLO ARCHITETTURA ARCHITETTURA DEGLI INTERNI RAPPORTO FRA L ARCHITETTURA E LE ALTRE ARTI SPAZIO ARCHITETTONICO STANZA ELEMENTI DI CIRCOSCRIZIONE SPAZIALE ATTREZZATURE FORMA CARATTERISTICHE DELLA

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

Barcellona Monumenti ed edifici storici

Barcellona Monumenti ed edifici storici Barcellona Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Palazzo della Musica Catalana Calle Sant Pere Més Alt Il Palazzo della Musica Catalana è un progetto del grande architetto

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

SOLUZIONI ANTI RUMORE A PARIGI

SOLUZIONI ANTI RUMORE A PARIGI NODI URBANI PARIGI SOLUZIONI ANTI RUMORE A PARIGI L attività di ricerca e la sperimentazione sull inquinamento acustico sviluppata dal comune di Parigi ha oggi un banco di prova rilevante negli interventi

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: DISEGNO e PROGETTAZIONE CAD CLASSI: QUINTE I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI DESIGN INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE A.S. 2015-2016

DIPARTIMENTO DI DESIGN INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE A.S. 2015-2016 DIPARTIMENTO DI DESIGN INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE A.S. 2015-2016 DIPARTIMENTO: DISCIPLINA: CLASSI: DESIGN INDUSTRIALE PROGETTAZIONE e LABORATORIO TERZE QUARTE QUINTE FINALITÀ DA RAGGIUNGERE A FINE CURRICOLO

Dettagli

1944 Gabriele Basilico nasce a Milano. Nei primi anni 70, dopo la laurea in Architettura, inizia a fotografare la città e il paesaggio urbano.

1944 Gabriele Basilico nasce a Milano. Nei primi anni 70, dopo la laurea in Architettura, inizia a fotografare la città e il paesaggio urbano. S i n t e s i b i o g r a f i c a 1944 Gabriele Basilico nasce a Milano. Nei primi anni 70, dopo la laurea in Architettura, inizia a fotografare la città e il paesaggio urbano. 1983 realizza la sua prima

Dettagli

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA CITTÀ DEL SOLE È UN INNOVATIVO PROGETTO URBANO ED ARCHITETTONICO NATO CON L INTENTO DI CREARE UN LUOGO CAPACE DI CONCILIARE LA MISURA E LA VIVIBILITÀ DI QUARTIERE CON I CANONI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Il Piano Attuativo in progetto concerne gli immobili situati in Tavernerio Via Giovanni XXIII contraddistinti al Catasto Terreni Foglio 9 dai mapp. n. 668 (parte), 1329, 1327,

Dettagli

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Macerata 2002 Massimo e Gabriella Carmassi L area demaniale Di Tullio di forma rettangolare occupa il margine

Dettagli

Appartamenti in rue Kafka, Parigi

Appartamenti in rue Kafka, Parigi Progetti Elisabetta Pieri olivier brenac & xavier gonzalez Appartamenti in rue Kafka, Parigi cio secondo due diverse direttrici: ai primi tre livelli, i volumi si distendono in orizzontale a definire un

Dettagli

Salute e sicurezza nella città contemporanea

Salute e sicurezza nella città contemporanea Ambiente costruito e città sane: Salute e sicurezza un binomio possibile? 7 meeting italiano Città Sane - OMS Salute e sicurezza nella città contemporanea Federico Oliva Modena, 3 dicembre 2008 1. La città

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Progetto di restauro dell'ospedale di S. Maria della Scala Concorso a inviti Siena 1992 Massimo e Gabriella Carmassi

Progetto di restauro dell'ospedale di S. Maria della Scala Concorso a inviti Siena 1992 Massimo e Gabriella Carmassi Progetto di restauro dell'ospedale di S. Maria della Scala Concorso a inviti Siena 1992 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto di restauro di un complesso monumentale quale è lo Spedale di Siena si legge

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Abitare il Calcestruzzo

Abitare il Calcestruzzo AbitareilCalcestruzzo PietroMencagli,Architetto,DottorediricercainTecnologiadell Architettura Troppo spesso, e per troppo tempo, il calcestruzzo è sempre stato visto come materiale strutturale,utilizzatoesclusivamenteperlarealizzazionedipilastri,traviearchi,rinunciando

Dettagli

Ventennale del Museo Barovier&Toso

Ventennale del Museo Barovier&Toso Ventennale del Museo Barovier&Toso IL PRIMO MUSEO VETRARIO PRIVATO A VENEZIA FESTEGGIA VENTI ANNI Giugno 2015 S ono ormai trascorsi venti anni dall inaugurazione del Museo Barovier&Toso, unico museo privato

Dettagli

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Promosso da: Fondazione Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis Unesco Rete del patrimonio geologico (Provincia Autonoma

Dettagli

[CONCORSO PER IL RECUPERO ATTRAVERSO IL COLORE DELL EX MERCATO COPERTO DI SANTA RITA A CARBONARA] Data scadenza bando: 6 Ottobre 2014, h13:00.

[CONCORSO PER IL RECUPERO ATTRAVERSO IL COLORE DELL EX MERCATO COPERTO DI SANTA RITA A CARBONARA] Data scadenza bando: 6 Ottobre 2014, h13:00. [CONCORSO PER IL RECUPERO ATTRAVERSO IL COLORE DELL EX MERCATO COPERTO DI SANTA RITA A CARBONARA] Data scadenza bando: 6 Ottobre 2014, h13:00. CALL FOR ARTIST PER IL RECUPERO DELL EX MERCATO COPERTO DI

Dettagli

sabato 19 novembre Settimana 47 di 2005 BASILEA Eventi tutto-il-giorno 19/11 BASILEA

sabato 19 novembre Settimana 47 di 2005 BASILEA Eventi tutto-il-giorno 19/11 BASILEA sabato 19 novembre Settimana 47 di 2005 BASILEA Eventi tutto-il-giorno 19/11 BASILEA 07 08 09 07:00 Partenza dal Poli 07:15 Milano - Bern Eventi programmati 07:00 a 07:15 Partenza dal Poli 07:15 a 10:30

Dettagli

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO Libro testo: 1) Elementi di disegno tecnico Piante, sezioni, prospetti, quote, convenzioni UNI di rappresentazione dell architettura; 2) Il rilievo a vista,

Dettagli

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Durazzo/Revitalization Freedom square International Competition in

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO CONFERENZA STAMPA IL FUTURO DI QUARTO, A CHE PUNTO SIAMO 6 FEBBRAIO 2015, ORE 12:00, SALA GIUNTA NUOVA RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO UN DIALOGO INTER-ISTITUZIONALE APERTO ALLA

Dettagli

PROGRAMMA CONFERENZE

PROGRAMMA CONFERENZE PROGRAMMA CONFERENZE Venerdì 16/10 ore 16.00 BASTIONE SANGALLO Verso la qualità diffusa. Quality, not quantity Moderatore Fabrizio Sainati 16.00-16.10 Marco Filippeschi Sindaco di Pisa 16.10-16.20 Ylenia

Dettagli

Saper ve(n)dere l architettura: lo spazio in vetrina

Saper ve(n)dere l architettura: lo spazio in vetrina Saper ve(n)dere l architettura: lo spazio in vetrina di Alessandro Villa Le vetrine della moda sono l avanguardia di alcune trasformazioni che riguardano la progettazione degli spazi commerciali. Gli showroom

Dettagli

UNA COMETA SU MILANO

UNA COMETA SU MILANO UNA COMETA SU MILANO Domani, mercoledì 5 dicembre vede la luce la cometa progettata dall architetto Mario Bellini, che così ha voluto definire la sua creazione per il MiCo, il nuovo Centro congressi di

Dettagli

Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN

Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN DCASA Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN Musei multifunzione A CENA CON PICASSO Shopping IN QUALE LETTO VORRESTI DORMIRE? SUPPLEMENTO A D LA REPUBBLICA N. 813 DEL 20 OTTOBRE 2012 2012/n.4 N.1/IN UNA EX FABBRICA,

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

KONE design COLLECTiON. Temi di design per il vostro ascensore

KONE design COLLECTiON. Temi di design per il vostro ascensore KONE design COLLECTiON Temi di design per il vostro ascensore 2 3 Una collezione creata per affascinare Motivi che catturano lo sguardo. Finiture che arricchiscono l estetica di un ediicio. soluzioni d

Dettagli

Cap. 10 LE PORTE URBANE

Cap. 10 LE PORTE URBANE Cap. 10 LE PORTE URBANE 100 LE PORTE URBANE LO SCENARIO DEGLI ABITANTI 101 LE PORTE URBANE La città di oggi è un ecosistema complesso che trae significato dalle relazioni che si stabiliscono tra le parti

Dettagli

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Concorso, 2 classificato Perugia 2001 Massimo e Gabriella Carmassi con Paolo Vinti Il nostro progetto si propone

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

di Paolo Enzo Mazzanti

di Paolo Enzo Mazzanti 8 Una famiglia di imprenditori edili di particolare ingegno. E l erede, Michele Vona, si inventa un modello residenziale per la casa flessibile. Con un appello a fondi e grandi investitori: ecco la soluzione

Dettagli

5+1aa alfonso femia gianluca peluffo IULM Knowledge Transfer Centre a Milano

5+1aa alfonso femia gianluca peluffo IULM Knowledge Transfer Centre a Milano Progetti Chiara Testoni* L Università è luogo di ricerca, ricchezza intellettuale, sperimentazione e dunque il suo involucro, come tutte le architetture di valenza civica e istituzionale, deve presentare

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

a) Città a scacchiera: intreccio ortogonale di strade che delimitano isolatri di forma quadrata. Si sono sviluppate su terreno pianeggiante.

a) Città a scacchiera: intreccio ortogonale di strade che delimitano isolatri di forma quadrata. Si sono sviluppate su terreno pianeggiante. La città a) Città a scacchiera: intreccio ortogonale di strade che delimitano isolatri di forma quadrata. Si sono sviluppate su terreno pianeggiante. Le direttrici di traffico sono due, perpendicolari

Dettagli

Il restyling del palaeib dovrà costituire un segno urbano destinato a stupire filosofia del progetto Stadio Olimpico di Pechino

Il restyling del palaeib dovrà costituire un segno urbano destinato a stupire filosofia del progetto Stadio Olimpico di Pechino La riqualificazione ed il restyling del padiglione fieristico EIB sarà il primo e significativo passo per la rigenerazione di tutto il quartiere Fiera, in modo che esso possa diventare una specie di portale

Dettagli

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini La storia delle città è molto spesso una storia di lente stratificazioni e l immagine che oggi abbiamo di esse non è altro che l ultima, provvisoria, tappa di un lungo lavoro di costruzione e ricostruzione.

Dettagli

Lo spazio dove le idee diventano valore

Lo spazio dove le idee diventano valore Lo spazio dove le idee diventano valore Lo spazio dove le idee diventano valore. Eventiquattro mette a disposizione gli spazi della sede milanese del Gruppo 24 ORE offrendo alle imprese la possibilità

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

[ANALISI : NARKONFIM - QUARTIERE. MATTEOTTI RESIDENZA IVRY-SUR-SEINE ] [Analisi critica delle 3 opere con relativi schemi distributivi]

[ANALISI : NARKONFIM - QUARTIERE. MATTEOTTI RESIDENZA IVRY-SUR-SEINE ] [Analisi critica delle 3 opere con relativi schemi distributivi] Politecnico di Torino Interfacoltà di Architettura Prof : C. Olmo M. Robiglio Nicastro G. 185277 Atelier - Composizione e Storia dell Architettura II anno A.A 2012-2013 [ANALISI : NARKONFIM - QUARTIERE

Dettagli