Fonti per una storia della Borsa di Napoli nel periodo preunitario di Maria Carmela Schisani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fonti per una storia della Borsa di Napoli nel periodo preunitario di Maria Carmela Schisani"

Transcript

1 III. DAGLI ARCHIVI Fonti per una storia della Borsa di Napoli nel periodo preunitario di Maria Carmela Schisani Cosa si intende per fonte storica e come si eá evoluto il significato della stessa per lo studioso di storia dell'economia? Nel senso piuá ampio del termine, ogni prodotto ``culturale'' del passato conservato fino ai giorni nostri puoá essere definito fonte storica. Lo studio della storia, dunque, riguarderaá ± a seconda del passato piuá o meno remoto ± tracce materiali che andranno dai monumenti (di cui si occupa l'archeologia, che tende a trasformarli in documenti facendoli parlare) ai documenti (oggetto di interesse delle discipline storiche piuá recenti). Secondo un efficace passaggio di Jacques Le Goff, l'evoluzione del significato di fonte storica puoá essere rintracciato giaá nel significato etimologico dei due termini. Monumentum, dal verbo latino monere ± che significa far ricordare ± eá collegato alla radice men che esprime la funzione mentale della memoria; documentum ± dal verbo latino docere, che significa insegnare ± il cui significato si eá evoluto progressivamente verso quello di prova 1. Evoluzione della fonte da memoria a prova, dunque, da traccia data a traccia da ricercare, scegliere e interpretare. Restando ancora brevemente su un livello di tipo generale e teorico, analizziamo le tre fasi appena accennate: ricerca, selezione e interpretazione del documento. Riguardo alla ricerca, particolarmente orientativo eá quanto scriveva Marc Blochnella sua Apologia della Storia o Mestiere di storico, in cui affermava: ``Sarebbe una grande illusione immaginare che a ciascun problema storico corrisponda un unico tipo di documenti, specializzati per quell'uso. Al contrario, quanto piuá la ricerca si sforza di cogliere i fatti profondi tanto meno puoá sperare luce da altra fonte che dai raggi convergenti di testimonianze di natura assai diversa'' 2. 1 J. Le Goff, Documento/monumento, in ``Enciclopedia Einaudi (lett. D)'', Torino, 1978, p M. Bloch, Apologia delta Storia o Mestiere di storico, Torino, ristampa, 1991, p

2 Seconda e terza fase, in realtaá, non possono essere considerate singolarmente e separatamente, confluendo piuttosto in un unico processo di trasformazione di documento in monumento. Quella fase, cioeá, che ± con l'applicazione del metodo storico ± consente di mettere in serie i documenti e trattarli in modo generale e quantitativo e che consente di enucleare una massa di elementi da ``isolare, raggruppare, rendere pertinenti, mettere in relazione'' al fine di costruire un insieme che non tenga piuá conto del singolo oggetto di studio ma che lo inserisca in un contesto possibilmente veritiero di cultura, societaá, sistema economico e che, soprattutto, arrivi preliminarmente a mostrare in che misura i documenti siano espressione del condizionamento di un potere o autoritaá costituita. Queste brevissime nozioni di metodo, in realtaá, servono ad introdurre il percorso che normalmente uno studioso segue, o dovrebbe seguire, nel proprio lavoro di ricerca. La fase della ricerca delle fonti documentali per la ricostruzione della storia della Borsa di Napoli eá stata molto complessa a causa della mancanza di documenti presso l'archivio della Camera di Commercio di Napoli che, istituzionalmente, doveva costituire la fondamentale base della ricerca, essendo l'organo camerale deputato al diretto controllo dell'istituzione borsistica e dunque normalmente deputato a fungere da collettore di tutti i documenti riguardanti la stessa. In mancanza della fonte privilegiata, il primo passo eá stato quello della consultazione di una bibliografia generale economica e non sul Regno di Napoli che, oltre a fornire, in pochissimi testi coevi, cenni sulla costituzione della Borsa a Napoli ± per tutti si citano i volumi di Galanti 3, Bianchini 4 ele cronache sul regno di Carlo De Cesare 5 ± costituiva comunque l'immediato indispensabile ausilio per un'analisi del contesto epocale politico, economico e finanziario in cui l'istituzione borsistica andava ad inserirsi. Contemporaneamente, si eá proceduto ad una ricostruzione cronologica di tutte le leggi e decreti che avevano riguardato la Borsa dalla sua nascita fino all'unitaá enucleando, allo stesso tempo, l'organigramma di tutte le istituzioni ad essa collegate per vie diverse. Una prima analisi ha riguardato la gerarchia dei controlli; una seconda analisi ha riguardato gli organi direttamente coin- 3 G.M. Galanti, Della descrizione geografica e politica delle Sicilie (a cura di F. Assante e D. Demarco), Napoli, 1969; G.M. Galanti, Descrizione dello stato antico ed attuale del Contado di Molise, con un saggio storico sulla costituzione del regno, Napoli, L. Bianchini, Della storia delle finanze del Regno di Napoli, III edizione, Napoli, C. De Cesare, Delle condizioni economiche e morali delle classi agricole nella tre province di Puglia, Napoli,

3 volti nei settori di attivitaá. Tale processo eá servito a circoscrivere il campo di indagine sui fondi archivistici relativi alle singole istituzioni. Partendo, dunque, dalla gerarchia dei controlli si sono individuati i seguenti fondi esistenti presso l'archivio di Stato di Napoli: 1) Ministero della Finanze ± che era la massima autoritaá competente In materia di Borsa; 2) In tendenza di Napoli (composto a sua volta di due fondi) ± l'intendente, infatti, rappresentava la massima autoritaá della Camera di Commercio; 3) Prefettura di Polizia ± un delegato di Polizia sorvegliava quotidianamente l'attivitaá della Sala di Borsa stilando un rapporto per il Prefetto; 4) Tribunale di Commercio ± che era l'organo giurisdizionale competente a giudicare tutte le questioni riguardanti la Borsa e, maggiormente, organo deputato (insieme con la Camera di Commercio) a ricevere copia dei libri degli agenti di cambio. Passando, poi, agli organi coinvolti nei settori di attivitaá della Borsa: 5) Cassa di Ammortizzazione del Debito Pubblico ± che con il Banco del Regno delle Due Sicilie si occupava dell'estinzione a sorteggio del capitale noncheâ della liquidazione semestrale delle cedole di interesse della Rendita pubblica; 6) Ministero di Agricoltura e Commercio ± che era deputato a ricevere ed autorizzare tutti gli atti relativi alle societaá per azioni del Regno; 7) Regia Zecca ± che aveva competenza in tutte le problematiche inerenti la moneta e il cambio; 8) Giunta dei contratti militari ± istituzione sui cui documenti di appalto di fornitura alimentare, si snoda e trova soluzione la questione fondamentale della speculazione sul grano e sulle avene presso la Borsa merci. Procedendo nella ricerca, si sono consultati anche fondi archivistici di carattere molto generale, la cui documentazione si eá rivelata fonte ricchissima e utilissima alla ricostruzione delle vicende dell'istituzione borsistica: 9) Casa Borbone ± in questo fondo confluivano documenti indirizzati direttamente al Re, tra cui memorie segrete e carteggi riservati delle massime autoritaá in materia di Borsa, noncheâ denunce di abusi perpetrati nella sala di Borsa sia riguardo alle contrattazioni di valori che di merci; 10) Consulta di Stato ± che era l'organo incaricato della discussione e del vaglio di tutte le leggi dello Stato. I verbali delle sedute di quest'organo ± una sorta di moderni atti parlamentari ± hanno portato alla luce tutte le questioni sottese all'emanazione di un provvedimento centrale prospettando soluzioni alternative. Altri fondi archivistici sono stati inoltre consultati a fini specifici. La necessitaá, ad esempio, di ricostruire delle note biografiche sugli agenti di cambio e sui sensali di commercio ha richiesto l'esame ± oltre che degli Alma- 95

4 nacchi Reali del Regno, da cui si eá desunta la lista completa di tali operatori anno per anno ± anche i seguenti fondi archivistici: 11) Ministero della Polizia e 12) Alta Polizia ± nella cui documentazione erano reperibili le cosiddette Giunte di Scrutinio che consistevano nella raccolta di notizie su tutti gli impiegati statali (e su tutti coloro che facevano domanda di poter entrare a servizio dello Stato) all'indomani dei moti rivoluzionari del Laddove queste fonti particolari non coprivano tutto l'arco cronologico preso in esame dalla ricerca si eá supplito ± per la stessa tipologia di notizie ± con la consultazione del seguente fondo presente presso l'archivio Storico del Banco di Napoli: 13) Fondo patrimoniale - Affari diversi. Tutta la serie di fonti documentali consultata eá stata poi incrociata con le fonti quantitative, cioeá con i prezzi dei listini rilevati dalla pubblicazione quotidiana degli stessi sul Giornale Ufficiale del Regno delle Due Sicilie. A conclusione dell'analisi del complesso percorso di ricerca documentale condotto per la ricostruzione delle vicende della Borsa di Napoli, eá opportuno soffermarsi su un esempio dei risultati ottenibili mediante un uso comparato e un tentativo interpretativo della diversa tipologia di fonti a disposizione. Restringendo il campo di analisi al ceto degli intermediari di Borsa, il processo di analisi della documentazione ha mirato a definirne la caratterizzazione sociale ± superando la caratterizzazione esclusivamente normativa ± e a inserirne l'attivitaá tipica nel piuá generale contesto dell'attivitaá mercantile della piazza e della cultura del tempo. L'approccio istituzionale allo studio del ceto suggerisce, come punto nodale della definizione delle regole e della tipizzazione del ceto a livello normativo, il periodo francese. L'adozione del Code de Commerce e, di conseguenza, del modello di Borsa francese definisce l'identitaá degli intermediari attraverso tre caratteri ± specializzazione (rottura con il modello del mezzano settecentesco), monofunzionalitaá e neutralitaá dell'attivitaá ± al fine di tutelare la trasparenza del mercato e allo stesso tempo instaura un sistema garantista rispetto alla sicurezza degli investitori mediante la fissazione di una cauzione elevata per l'accesso alla professione di agente e sensale, sancendone ± al contempo ± una caratterizzazione oligo-monopolistica rispetto ad una massa popolosa di intermediari non autorizzati, i cosiddetti marroni. Il modello istituzionale appena accennato resta insuperato fino all'unitaá. La successiva normativa borbonica, infatti, si caratterizza come continuazione dell'opera riformatrice dei francesi con interventi di adattamento alla realtaá locale (comporta solo variazioni numeriche all'interno del ceto e nell'ammontare della cauzione, contribuisce ad una maggiore specificazione degli obblighi degli intermediari, etc.). 96

5 La formazione della figura istituzionale degli agenti e sensali ± per assumere la sua reale portata ± va peroá contestualizzata nel piuá ampio processo innovativo che, sempre nel periodo francese, investe l'intero mercato. Si tratta della ``rivoluzione'' del ruolo operativo degli intermediari operata per mezzo di una ``rivoluzione'' dei prodotti del mercato finanziario, mediante l'introduzione del Gran Libro del Debito Pubblico ± con la conseguente negoziabilitaá dei titoli di rendita in Borsa ± noncheâ l'introduzione della pratica delle vendite a vuoto in particolare sugli ordini in derrate. A questo punto incrociando le due tipologie di osservazioni ricavate dallo studio delle fonti normative e bibliografiche con la ricostruzione documentale dei componenti del ceto degli intermediari e con le note biografiche degli stessi si arriva a dare fondamento alla caratterizzazione sociale del ceto. In particolare, la longevitaá di un gruppo ristretto di agenti e sensali e l'ereditarietaá della carica sono riconducibili al carattere di privilegio attribuito alla nomina di agente o sensale e al conseguente legame fiduciario che si instaurava tra intermediari e ceto mercantile mediante le disposizioni normative che privilegiavano coloro che accompagnavano la candidatura con lettere di presentazione dei maggiori negozianti del Regno e che fissavano cauzioni altissime che, generalmente, erano per la maggior parte anticipate dai negozianti stessi. La rivoluzione dei prodotti finanziari sul mercato napoletano daá invece ragione di altre due caratteristiche riscontrate nella ricostruzione del ceto degli intermediari: l'accesso laterale al sistema, da parte di una cospicua componente straniera (inglesi, francesi, olandesi) che beneficiava di una rendita di posizione data dal vantaggio informativo sulle tecniche di negoziazione mobiliare giaá a lungo praticata sui mercati esteri; l'accesso interno al sistema, da parte cioeá di ex negozianti settecenteschi falliti con il tramonto delle istituzioni annonarie, che godevano di una rendita di posizione dovuta alla pratica nelle negoziazioni sul mercato delle derrate. A conclusione del processo di raccolta ed elaborazione delle fonti su agenti e sensali, dunque, si desume che la specificitaá del sistema di intermediazione napoletana si compone testando la capacitaá degli operatori stessi a confrontarsi e a recepire regole e strumenti che li caratterizzano come agenti di un mercato regolato e come agenti di distribuzione di strumenti finanziari particolari. 97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 1) Banca dati dei progetti annualità 2012 2) Analisi dei piani di zona delle città riservatarie e dei piani regionali socio-sanitari 2012 STATO d IMPLEMENTAZIONE della

Dettagli

LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003)

LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003) FRANCO BELLI LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003) G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO pag. Awertenza e istruzioni per l'uso XI Introduzione Contenuti, limiti ed articolazione del presente volume 1.

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle.

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle. Workshop di approfondimento in merito alla creazione di uno standard di riferimento per l'implementazione delle metodologie di raccolta dati e di informazioni da parte degli organismi deputati alla vigilanza

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione Sommario Premessa 11 Elenco degli acronimi 15 Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione internazionale 1. Nozione e sviluppo storico delle

Dettagli

Dottorato di Ricerca in Diritto degli Affari XXIV Ciclo

Dottorato di Ricerca in Diritto degli Affari XXIV Ciclo Dottorato di Ricerca in Diritto degli Affari XXIV Ciclo BANCOPOSTA E CASSA DEPOSITI E PRESTITI Il circuito storico del risparmio postale e prospettive evolutive SINTESI Relatore Chiar.mo Prof. Francesco

Dettagli

IL DIRITTO ALL OBLIO

IL DIRITTO ALL OBLIO IL DIRITTO ALL OBLIO A cura dell Avv. Laura Benedetta Giachino - Assoutenti E' legittimo che una sanzione, una condanna o, più in generale, una notizia diffusa in passato siano per sempre conoscibili e

Dettagli

DESTINAZIONE PREVIDENZIALE E PRELIEVO TRIBUTARIO

DESTINAZIONE PREVIDENZIALE E PRELIEVO TRIBUTARIO L'ORDINAMENTO TRIBUTARIO ITALIANO Collana diretta da G. FALSITTA e A. FANTOZZI PAOLO PURI DESTINAZIONE PREVIDENZIALE E PRELIEVO TRIBUTARIO DALLA PARAFISCALITÅ ALLA FISCALIZZAZIONE DEL SISTEMA PREVIDENZIALE

Dettagli

COMUNE DI BOSCOREALE Provincia di Napoli. Terra della pietra lavica REGOLAMENTO

COMUNE DI BOSCOREALE Provincia di Napoli. Terra della pietra lavica REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI SULLA VERIDICITÀ DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE E DEI CONTENUTI DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE UNICHE RIFERITE ALL'ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Ministero dell Economia e delle Finanze: al via la piattaforma per la certificazione dei crediti verso le P.A. Ministero dello Sviluppo Economico:

Dettagli

ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva

ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva U-GOV Conserva Il servizio di conservazione dei documenti informatici di CINECA White Paper Settembre 2013 CINECA Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Sulla descrizione e rappresentazione degli archivi storici: dall inventario alle basi dati on line

Sulla descrizione e rappresentazione degli archivi storici: dall inventario alle basi dati on line Sulla descrizione e rappresentazione degli archivi storici: dall inventario alle basi dati on line Ingrid Germani Corso di formazione per l apprendimento e l utilizzo della piattaforma IBC-xDams Bologna,

Dettagli

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici A13 Valerio Cellini Il falso in bilancio Aspetti economico-aziendali e giuridici Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE Il Codice napoleonico (il Code) esercitò un influenza diretta sulla legislazione di molti Stati preunitari, ponendo le premesse della loro successiva integrazione

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Manuale Relaxbanking Funzione INFO IMPRESA

Manuale Relaxbanking Funzione INFO IMPRESA Manuale Relaxbanking Funzione INFO IMPRESA Manuale Relaxbanking.it Versione Impresa Dispositivo 1 SOMMARIO 1 INFO IMPRESA... 3 1.1 Descrizione dei servizi...3 1.1.1 Servizio INFO CAMERALI (Provider - CRIF

Dettagli

CURRICULUM AZIENDALE

CURRICULUM AZIENDALE CURRICULUM AZIENDALE Competenza e professionalità sono la garanzia per assicurare ai nostri clienti un servizio eccellente D & R Investigazioni Assicurative Sas di Raffaella Di Maso & C. Centro Direzionale

Dettagli

I SERVIZI DELLA BORSA IMMOBILIARE

I SERVIZI DELLA BORSA IMMOBILIARE I SERVIZI DELLA BORSA IMMOBILIARE Premessa Pro Brixia - Finalità L articolo 2 della legge n 580/93 di riforma delle Camere di Commercio ha previsto la costituzione di strutture -definite AZIENDE SPECIALI-

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

Tel. +39 010 9643790 +39 010 9443796 Fax +39 010 9643860 e-mail: info@agenzialberti.it Sito Internet: www.agenzialberti.it Siamo presenti anche su

Tel. +39 010 9643790 +39 010 9443796 Fax +39 010 9643860 e-mail: info@agenzialberti.it Sito Internet: www.agenzialberti.it Siamo presenti anche su Via Vittorio Veneto 27/1 C. A.P. 16012 Busalla (GE) P. IVA: 01579410992 Tel. +39 010 9643790 +39 010 9443796 Fax +39 010 9643860 e-mail: info@agenzialberti.it Sito Internet: www.agenzialberti.it Siamo

Dettagli

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Caprera, 16 dicembre 1877 "Desidero che l utilissima scoperta del professor Michela sia messa in opera." Giuseppe Garibaldi Questa lettera è uno dei tanti

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO INDICE INTRODUZIONE 01. Premessa... p. XVII 02. Finalità della ricerca e questioni metodologiche...» XX

Dettagli

Albero delle strutture

Albero delle strutture Albero delle strutture Comune di Valfloriana, 1522-1994 Comune di Valfloriana, 1522-1962 (con doc. fino al 1994) 1934) Documentazione della comunità e del comune di Valfloriana ordinata nel 1908, 1522-1908

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Il ruolo degli archivi di Stato sul territorio. LUCIANO SCALA Direttore Generale per gli Archivi

Il ruolo degli archivi di Stato sul territorio. LUCIANO SCALA Direttore Generale per gli Archivi Il ruolo degli archivi di Stato sul territorio LUCIANO SCALA Direttore Generale per gli Archivi Vorrei ringraziare i Vigili del fuoco dei quali ho avuto modo di apprezzare da vicino l impegno, la passione

Dettagli

Elisabetta Midena. Dirigente dell Ufficio Regolazione in materia di Anticorruzione, trasparenza e PNA.

Elisabetta Midena. Dirigente dell Ufficio Regolazione in materia di Anticorruzione, trasparenza e PNA. \INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita Roma,11 ottobre 1964 Nazionalità Italiana POSIZIONE RICOPERTA Dirigente dell Ufficio Regolazione in materia di Anticorruzione, trasparenza e PNA. ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO D AUTORE

CODICE DEL DIRITTO D AUTORE 461. Regio decreto 10 agosto 1875 n. 2680 che approva il regolamento per l esecuzione delle leggi sui diritti spettanti agli autori delle opere dell ingegno. Questo decreto è stato pubblicato in Raccolta

Dettagli

PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE

PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE La Riforma delle procedure esecutive e i piani di riparto 30 Marzo 2006 PROBLEMATICHE ED ASPETTI PRATICI DEL RENDICONTO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE IL RENDICONTO DEL CUSTODE

Dettagli

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014.

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014. Direttive inerenti al regolamento d esame per l esame professionale federale di mentore aziendale Versione del 14 luglio 2014 Indice Indice 1 1. Introduzione 2 1.1 Scopo delle direttive 2 1.2 Profilo professionale

Dettagli

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI La tutela sul patrimonio archivistico italiano viene esercitata dallo Stato. Essa assume diverse forme e intensità in relazione alla natura giuridica

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

ACCORDO. I sottofirmatari riunitisi in Desio presso il Dipartimento di Prevenzione della ASLMI3 hanno approvato il seguente documento.

ACCORDO. I sottofirmatari riunitisi in Desio presso il Dipartimento di Prevenzione della ASLMI3 hanno approvato il seguente documento. ACCORDO PER LA REGOLARITA E LA SICUREZZA DEL LAVORO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI NEL TERRITORIO DI COMPETENZA DELLA ASL PROVINCIA DI MILANO 3 ( futura PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA) Oggi, 19.06.2008 I

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni APPALTI &CONCESSIONI Piano della Commissione Europea per soddisfare le esigenze di finanziamento a lungo termine dell'economia La Commissione europea ha adottato lo scorso 27 marzo un pacchetto di misure

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Curriculum Elisabetta Midena aggiornato ad aprile 2012

Curriculum Elisabetta Midena aggiornato ad aprile 2012 Curriculum Elisabetta Midena aggiornato ad aprile 2012 Documento realizzato da CiVIT Commissione indipendente per la Valutazione, l Integrità e la Trasparenza delle Amministrazioni Pubbliche data inserimento:

Dettagli

LOCALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA:

LOCALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA: MODELLO SCHEDA (da inviare o compilare sul campo) - I campi evidenziati indicano i dati fondamentali per la compilazione della scheda OAC - LOCALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA: Denominazione della raccolta (oppure

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Oggetto: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

Oggetto: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Borsa Italiana S.p.A. Sede Legale Piazza degli Affari, 6 20123 Milano Italia Telefono +39 02 72426 1 Fax +39 02 72004333 www.borsaitaliana.it Oggetto: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI

Dettagli

NUOVO TESTO BASE SUL DISEGNO DI LEGGE N. 1678 PROPOSTO DAI RELATORI. Art. 1.

NUOVO TESTO BASE SUL DISEGNO DI LEGGE N. 1678 PROPOSTO DAI RELATORI. Art. 1. NUOVO TESTO BASE SUL DISEGNO DI LEGGE N. 1678 PROPOSTO DAI RELATORI Art. 1. 1. Il Governo è delegato ad adottare un decreto legislativo per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente CONSIGLIO DI STATO SEZIONE IV, 19 novembre 2015 n. 5280 Appalto di servizi-cauzione provvisoria Decisum: sulla riforma della sentenza TAR Lazio Roma n. 10167/2015 concernente affidamento del servizio di

Dettagli

PROTOCOLLO DI LEGALITÀ TRA MINISTERO DELL INTERNO E CONFINDUSTRIA DOCUMENTO DELLA COMMISSIONE PER LA LEGALITÀ

PROTOCOLLO DI LEGALITÀ TRA MINISTERO DELL INTERNO E CONFINDUSTRIA DOCUMENTO DELLA COMMISSIONE PER LA LEGALITÀ PROTOCOLLO DI LEGALITÀ TRA MINISTERO DELL INTERNO E CONFINDUSTRIA DOCUMENTO DELLA COMMISSIONE PER LA LEGALITÀ 1. Il Protocollo di Legalità e le Linee Guida di attuazione Il 10 maggio 2010 il Ministero

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

DIGITALIZZAZIONE. Documento di lavoro, versione 1.3, 5 maggio. Aggiornamento: 23 luglio 2001 POLITICHE DI DIGITALIZZAZIONE

DIGITALIZZAZIONE. Documento di lavoro, versione 1.3, 5 maggio. Aggiornamento: 23 luglio 2001 POLITICHE DI DIGITALIZZAZIONE CONTENUTI EUROPEI NELLE RETI GLOBALI MECCANISMI DI COORDINAMENTO PER I PROGRAMMI DI DIGITALIZZAZIONE Documento di lavoro, versione 1.3, 5 maggio Aggiornamento: 23 luglio 2001 PIANO D'AZIONE PER IL COORDINAMENTO

Dettagli

Commissione per i problemi dell università

Commissione per i problemi dell università Accademia Nazionale dei Lincei Commissione per i problemi dell università Inventario a cura di Luca Tosin con il coordinamento tecnico-scientifico di Paola Cagiano de Azevedo Roma 2015 Commissione per

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera

Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera Irene Canfora 1.- La costruzione del sistema europeo della sicurezza alimentare è avvenuta con il reg. 178/02 che ha definito i principi

Dettagli

La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura

La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura Published on Linkiesta.it (http://www.linkiesta.it) Home > La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura 6/04/2014 Oltre le critiche La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura Cambiare

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche.

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche. La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche Barbara Sardella Premessa Gli aspetti procedurali La Regione Marche è stata tra le prime

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO GABINETTO PRIMA SERIE Vol. II (bb. 754-1126)

PREFETTURA DI MILANO GABINETTO PRIMA SERIE Vol. II (bb. 754-1126) Inventario PU 2 Archivio di Stato di Milano PREFETTURA DI MILANO GABINETTO PRIMA SERIE Vol. II (bb. 754-1126) Per la richiesta indicare: Fondo: Prefettura di Milano Serie: Gabinetto Sottoserie: I serie

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it NUOVO TESTO PROPOSTO DAI RELATORI PER IL DISEGNO DI LEGGE N. 1678 NT Stefano Esposito, Pagnoncelli, relatori N.B.: In grassetto le modifiche inserite dai relatori Art. 1 1. Il Governo è delegato ad adottare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A.

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. Premesso - che la Borsa Merci Telematica Italiana Società Consortile per azioni (in appresso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa

Dettagli

All Operatore economico (soggetto segnalato) All Operatore economico (soggetto segnalato)

All Operatore economico (soggetto segnalato) All Operatore economico (soggetto segnalato) MODULO B (per la segnalazione, ai fini dell inserimento nel casellario informatico, dei fatti riguardanti la fase di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture) a) PER LAVORI: b)

Dettagli

LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI

LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI INDICE Le tipologie di gruppo Le strutture dei gruppi LE TIPOLOGIE DI GRUPPI I gruppi aziendali possono essere classificati in relazione a diverse variabili prese come

Dettagli

Livello I Livello II Livello III

Livello I Livello II Livello III Il corso si rivolge ai docenti della scuola che intendono partecipare al concorso per il reclutamento dei dirigenti scolastici delle scuole statali. Nel corso verranno trattati i temi giuridici su cui

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE...

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 3 Il Registro di contabilità... 4 Il Riepilogo Finanziario... 4 La nota

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE L ABBATE, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, GALLINELLA, LUPO, PARENTELA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE L ABBATE, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, GALLINELLA, LUPO, PARENTELA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2730 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI L ABBATE, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, GALLINELLA, LUPO, PARENTELA Istituzione

Dettagli

I S V A P. 24 ottobre 2002. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

I S V A P. 24 ottobre 2002. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo 24 ottobre 2002 227222 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia Alle Rappresentanze Generali di

Dettagli

Responsabile - Archivio di Stato di Perugia

Responsabile - Archivio di Stato di Perugia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Franzese Paolo Data di nascita 28/08/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA Responsabile

Dettagli

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui Articolo Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui (di Giuseppe Pompella Ministero dell Interno Dipartimento per le Politiche del Personale e per le Risorse

Dettagli

Informatica giuridica e disabilità. A proposito de La non discriminazione dei disabili e la legge n. 67 del 2006 di Raffaello Belli

Informatica giuridica e disabilità. A proposito de La non discriminazione dei disabili e la legge n. 67 del 2006 di Raffaello Belli Informatica e diritto, Vol. XV, 2006, n. 2, pp. 275-280 Informatica giuridica e disabilità. A proposito de La non discriminazione dei disabili e la legge n. 67 del 2006 di Raffaello Belli MARIO RAGONA

Dettagli

COMPETENZA 1 - LA STORIA DEL MONDO CLASSE PRIMA CLASSE SECONDA

COMPETENZA 1 - LA STORIA DEL MONDO CLASSE PRIMA CLASSE SECONDA COMPETENZA 1 - LA STORIA DEL MONDO Comprendere, utilizzando le conoscenze e le abilità acquisite, la complessità delle strutture e dei processi di trasformazione del mondo passato in una dimensione diacronica,

Dettagli

Foglio informativo DEPOSITO TITOLI 1 ottobre 2011

Foglio informativo DEPOSITO TITOLI 1 ottobre 2011 Foglio informativo DEPOSITO TITOLI 1 ottobre 2011 (D.Lgs. 385/1993 e successive modifiche Deliberazione CICR del 04.03.03) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA

GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA PREFAZIONE 1 Mi sono sforzato di fare un quadro generale della situazione attuale delle strutture d intermediazione finanziaria in Albania. Il materiale consultato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze.

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze. Allegato 1 Estratto dal capitolo Attività contrattuale della Relazione al Parlamento sul Rendiconto generale dello Stato per l esercizio 2009 (Sezioni Riunite in sede di controllo, decisione del 24 giugno

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a.

Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a. Roma, 25.02.1015 Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a. Ingegnere può tracciarci un quadro generale dell attività di BUSITALIA e della sua evoluzione nel corso degli ultimi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI dell Istituto Comprensivo A. Testore di Santa Maria Maggiore (VB)

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI dell Istituto Comprensivo A. Testore di Santa Maria Maggiore (VB) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "A. TESTORE" Via Torino,11 28857 SANTA MARIA MAGGIORE (VB) C.M. VBIC804007 vbic804007@istruzione.it Tel. 0324 94965 - Fax 0324 95404082 www.icandreatestore.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno

Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno La Biblioteca del Ministero dell Interno CULTURA La Biblioteca del Ministero dell Interno fu istituita nel 1859 a Torino con fondi librari relativi alla Casa Savoia ed al Consiglio del Commercio, ampliati

Dettagli

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione è l insieme di regole necessarie per la gestione ed il corretto funzionamento del sistema di protocollo, dei procedimenti amministrativi informatici e del sistema

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati

Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati Premessa Il Decreto del 18 dicembre 2012 del Ministero

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Ordinanza 25 febbraio 2014, n. 4458

CORTE DI CASSAZIONE - Ordinanza 25 febbraio 2014, n. 4458 CORTE DI CASSAZIONE - Ordinanza 25 febbraio 2014, n. 4458 Ritenuto in fatto Con sentenza n. 696/2010, pubblicata il 12/7/2010, la Corte di appello di Palermo rigettava il gravame interposto dall Ente Autonomo

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

BANDO DI BORSE DI STUDIO OFFERTE A STUDENTI TURCHI DAL GOVERNO ITALIANO Anno Accademico 2014/2015

BANDO DI BORSE DI STUDIO OFFERTE A STUDENTI TURCHI DAL GOVERNO ITALIANO Anno Accademico 2014/2015 BANDO DI BORSE DI STUDIO OFFERTE A STUDENTI TURCHI DAL GOVERNO ITALIANO Anno Accademico 2014/2015 Introduzione Le borse di studio sono concesse ai cittadini turchi, e mirano a favorire la cooperazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11. Parte prima

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11. Parte prima Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Parte prima Codice civile Codice civile 1. R.D. 16 marzo 1942, n. 262. Approvazione del testo del Codice civile...» 25 2. R.D. 30 marzo 1942,

Dettagli

Archivio di stato di Torino. Giuseppe Pomba. da libraio a editore. Documenti e analisi storiche

Archivio di stato di Torino. Giuseppe Pomba. da libraio a editore. Documenti e analisi storiche UCIIM Sezione di Torino Archivio di stato di Torino Sezione didattica Giuseppe Pomba da libraio a editore Documenti e analisi storiche Percorsi didattici per la Scuola Secondaria di secondo grado di Gian

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

FOPPA IN PISTA. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

FOPPA IN PISTA. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione FOPPA IN PISTA La seconda fase del progetto si è concentrata sull evoluzione dei metodi di catalogazione dei beni culturali di interesse archeologico, storico-artistico ed ambientale, che consentono la

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA N. prot.: 17400/22.2 Uff. Registro delle Imprese Sigla: Rif: Data 22.06.2010 Spett.li ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO A tutti gli iscritti Loro

Dettagli

Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni

Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni Milano, 21 giugno 2013 Sede del FPMCI Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione internazionale Spazio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DEL FONDO AZIONI PROPRIE SUL MERCATO AZIONI BANCAMARCHE

REGOLAMENTO INTERVENTI DEL FONDO AZIONI PROPRIE SUL MERCATO AZIONI BANCAMARCHE REGOLAMENTO INTERVENTI DEL FONDO AZIONI PROPRIE SUL MERCATO AZIONI BANCAMARCHE Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 luglio 2010 Data di entrata in vigore: 10 agosto 2010 Pagina 1 di 11

Dettagli

Versione del 29 gennaio 2013

Versione del 29 gennaio 2013 Versione del 29 gennaio 2013 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI Pagina 1 di 8 PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA 00 - - Emissione documento 31.05.2013 Responsabile Area Servizi per la Didattica

Dettagli