SAVENA SETTA SAMBRO 8,50 RIVISTA SEMESTRALE DI STORIA, CULTURA E AMBIENTE A CURA DEL GRUPPO DI STUDI DELLE VALLI SAVENA, SETTA, SAMBRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAVENA SETTA SAMBRO 8,50 RIVISTA SEMESTRALE DI STORIA, CULTURA E AMBIENTE A CURA DEL GRUPPO DI STUDI DELLE VALLI SAVENA, SETTA, SAMBRO"

Transcript

1 8,50 RIVISTA SEMESTRALE DI STORIA, CULTURA E AMBIENTE A CURA DEL GRUPPO DI STUDI DELLE VALLI SAVENA, SETTA, SAMBRO Anno XV - N II Semestre SAVENA SETTA SAMBRO RIVISTA SEMESTRALE DI STORIA, CULTURA E AMBIENTE A CURA DEL GRUPPO DI STUDI DELLE VALLI SAVENA, SETTA, SAMBRO CONTIENE I.P. 29 Spedizione in A.P. - 45% - Art. 2 comma 20b - Legge 662/96 - Anno XV - N II Semestre Bologna

2 L arte di assicurarsi Presenti ai principali eventi dell arte per sostenere la cultura. Presenti dal 1838 per assicurare al meglio l uomo, i suoi valori e le sue espressioni artistiche. Anche assicurarsi è un arte. ASSICURAZIONI G. BRUSORI & C. AGENZIA PRINCIPALE E UFFICIO SINISTRI Via Bolognese, 36 Castiglione dei Pepoli, Bologna Telefono 0534/92039 (4 linee r.a.) Fax 0534/92309 Vado Cardi Anna in Fabbri, tel. 051/ Monzuno Antonelli, tel. 051/ Castiglione dei Pepoli Baragazza, tel. 0534/92039 Lagaro Brusori Laura, tel. 0534/96116 Sparvo Antonelli Maurizio, tel. 0534/98205 San Benedetto Val di Sambro Rossi Luca, tel. 0534/95476 Piano del Voglio Nora Agnese in Cumoli, tel. 0534/98128 SAVENA, SETTA, SAMBRO periodico semestrale a cura del Gruppo di Studi delle valli Savena, Setta, Sambro. S Direttore responsabile: Daniele Ravaglia Direzione e redazione: c/o Biblioteca Comunale di Monzuno Via Casaglia, Monzuno tel. 051/ web: S Anno XV, numero 29 Secondo semestre 2005 Autorizzazione del Tribunale di Bologna N del 28/10/91 Condirettore: Segretaria di Redazione: Adriano Simoncini Serena Bertini Progetto grafico: Impaginazione: Videoimpaginazione: Fabio Pellizotti Michelangelo Abatantuono ASLAY - Rastignano, (BO) tel. 051/ fax 051/ Comitato di redazione: Michelangelo Abatantuono, Mauro Bacci, Domenico Benni, Daniela Bernardi Claudio Cappelletti, Romeo Casarini, Fausto Desalvo, Fabrizio Monari, Eugenio Nascetti, Anna Maria Pericolini, Giorgio Pratellini, Giancarlo Rivelli, Antonio Santi, Terziglio Santi. Stampa: LITOSEI srl - via Rossini 10 Sesto di Rastignano, Bologna tel. 051/ fax 051/ L iscrizione al Gruppo di Studi Savena Setta Sambro dà diritto a ricevere anche la rivista. La quota per il 2006 è fissata in euro 16,00. È possibile effettuare il pagamento tramite conto corrente postale n , o tramite bonifico bancario sul conto corrente n acceso presso Emilbanca Credito Cooperativo. Il prezzo di ogni singolo numero è di euro 8,50. Sono ancora disponibili i seguenti numeri arretrati: 4, 6, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28. La rivista si trova in vendita presso le edicole degli otto comuni interessati, e, a Bologna, nelle seguenti librerie: Minerva (Via Castiglione, 13); Feltrinelli (Piazza di Porta Ravegnana); Veronese (Via Foscherari, 19), Tempo Libro (Via Mazzini 27/e), Libreria Bolognina (Via Matteotti 32/a), Feltrinelli (P.zza Galvani 14), Libreria Cappelli (Via Farini 6), Libreria Nanni (Via de Musei 8), Libreria Ulisse (Via degli Orti 8/A). A Prato: Libreria Free-Time (Via Settesoldi 36). L iscrizione e il pagamento della quota annuale si può effettuare anche presso i seguenti responsabili di zona, presso i quali è possibile ottenere ogni informazione circa le iniziative del Gruppo e formulare quesiti, proposte, suggerimenti, ecc. Castiglione dei Pepoli Romeo Casarini tel. 051/ /91175 Grizzana Morandi Daniela Bernardi tel. 051/ Loiano Eugenio Nascetti tel. 051/ Monghidoro Fabrizio Monari tel. 051/ Monzuno Serena Bertini tel. 051/ Pianoro Adriano Simoncini tel. 051/ S. Benedetto Val di Sambro Mauro Bacci tel. 0534/95318 Adriano Simoncini tel. 051/ Sasso Marconi Giorgio Pratellini tel. 051/ Passaggi di proprietà - Patenti Revisioni - Immatricolazioni via Bolognese, 37 Castiglione dei Pepoli (Bo) Tel. 0534/ Fax 0534/ Particolare della statua di Marco Aurelio: restauro sponsorizzato da RAS Gli autori degli articoli firmati si assumono la responsabilità delle opinioni espresse, che non necessariamente coincidono con quelle della redazione e della direzione. In copertina: Il castello di Montorio (Monzuno), foto di M. Bacci.

3 SOMMARIO Fondovalle Savena e altre cose loianesi intervista di Eugenio Nascetti Le pietre di Poggio Moreccio di Vittorio Lenzi TOPONOMASTICA Scanello tra Longobardi e Bizantini di Eugenio Nascetti La curtis di Scanello di Paolo Bacchi Primordi dell illuminazione pubblica a Castiglione dei Pepoli di Michelangelo Abatantuono Gorgognano: è rimasto solo il ricordo di Roberto Nanni La Torre Orologio di Castiglione dei Pepoli di Michele T. Mazzucato Autunno 1944: ordine di sfollamento a Castiglione dei Pepoli di Giulia Nicoletti Ennio Marchi. Breve storia di una grande vita di Giovanni Marchi Padre Bernardino Maria Piccinelli di Angelo Naldi La scomparsa di tre pittori dell Appennino tra ricordo e memoria di Gian Luigi Zucchini Alimentazione e gastronomia nell Appennino bolognese di Cristina Bignardi Gli agriturismi del nostro Appennino (5) di Daniela Bernardi FÒIA TONDA Il montanaro della foglia tonda di Adriano Simoncini Dialetto e linguaggio giovanile (2) di Annarita Degli Esposti OBIETTIVO NATURA Una stagione col falco pellegrino di Umberto Fusini, foto di William Vivarelli Colti al volo di William Vivarelli Gita autunnale nel bosco di Scascoli a cura della classe 3 a della Scuola Elementare di Pianoro V. Pag

4 Sante vocazioni nell alta valle del Sambro di Rosina Calzolari Gabrielli Matrimonio in montagna di Milla Arisi Madonna dei Fornelli 15 maggio 1945: strage di operai di C. dell Alpi di Terziglio Santi Nella memoria e nel cuore: la mia chiesa di Serena Bertini Un campo di grano di Gianluca Boninsegni Il ponte sul Savena di Orsola Bianconcini Brizzi Tragica sorte di una famiglia grizzanese avvelenata dai funghi di Claudio Cappelletti Non ti scordar di me di Giancarlo Rivelli Tra il Pilastrino, la Crocetta e la Salgataccia di Beppe Lucchi Nuvola di Fabrizio Monari Medaglia d oro a Monzuno di Renato Mazzanti Analisi dei residenti stranieri nei comuni delle valli Savena, Setta, Sambro di Fausto Desalvo Valli di Zena, Idice e Sillaro. Percorsi nel tempo tra storia e realtà di Matteo Benni NOVITÀ IN LIBRERIA LETTERE AL DIRETTORE AI SOCI Indice degli inserzionisti

5 Fondovalle Savena e altre cose loianesi intervista di Eugenio Nascetti Una semestrale che si occupa di storia, tradizioni, cultura e ambiente dell Appennino non ha tra i suoi fini quello di trattare argomenti di cronaca quotidiana, ma non può neppure esimersi dall affrontare temi che, per la loro importanza, incidono sulla vita delle nostre comunità pregiudicandone lo sviluppo. Per questo motivo abbiamo deciso di realizzare una serie di interviste ai sindaci della zona sui problemi principali delle comunità che amministrano, correndo il rischio di fornire informazioni che la nostra cadenza semestrale può rendere facilmente superate, ma con la certezza di rendere un servizio ai lettori che, conservando la rivista, avranno una memoria scritta di alcuni avvenimenti destinati a essere dimenticati. Iniziamo col sindaco di Loiano, Giovanni Maestrami, nel comune del quale si è verificata, nel corso del 2005, una grave emergenza che intendiamo trattare perché i suoi effetti vanno ben oltre la sfera degli interessi degli abitanti della Valle del Savena. Il tono confidenziale con cui mi rivolgo al sindaco è dovuto, oltre che ad un antica frequentazione, dal mio incarico di consigliere al Comune di Loiano. Quali sono i problemi più avvertiti nel tuo comune? I problemi che stanno a cuore ai loianesi sono molti, ma quelli di maggiore interesse collettivo per i quali vengo più frequentemente interpellato sono la viabilità, in particolare il pendolarismo di tutti coloro che lavorano nei comuni vicini o in città e i collegamenti per le aziende che operano in loco, la possibilità di usufruire di buoni servizi sociali, didattici, sanitari e la sicurezza in tutti i suoi aspetti. E qual è la situazione contingente che preoccupa in maggior misura l amministrazione? Attualmente ci preoccupa molto la riapertura della strada di fondovalle Savena, bloccata da una grande frana, e la riorganizzazione dei servizi comunali per migliorarne la qualità, dare maggiori servizi ai cittadini razionalizzando, dove si può, e ridurne il costo. 3

6 La frana è appena precipitata nel Savena e sulla fondovalle. (La foto è stata scattata dai vigili del fuoco) Da quando la fondovalle è interrotta e cosa è successo esattamente? La strada è stata interessata il 12 marzo 2005 da una grande frana da crollo nella zona delle Gole di Scascoli: il materiale staccatosi dal costone che incombe sulla riva sinistra del Savena è stato stimato in circa cinquantamila metri cubi di roccia; alcuni dei massi precipitati sulla sede stradale hanno le dimensioni di una casa di tre piani; il tratto interessato misura circa cento metri. L evento avrebbe potuto avere conseguenze fatali per alcuni automobilisti in transito che si sono salvati per pochi secondi. Gli agenti della polizia municipale, i carabinieri e i vigili del fuoco sono intervenuti prontamente per bloccare il traffico, verificare la situazione ed impedire il formarsi di un lago di grandi dimensioni che avrebbe messo a rischio le zone abitate più a valle. Anche costoro hanno corso un rischio grave ma calcolato: il Savena, reso impetuoso dallo scioglimento della neve, si è subito cercato un passaggio e l ha trovato sopra le barriere paramassi poste a monte della 4

7 strada, spazzandole via pochi minuti dopo il loro intervento, mentre si verificavano altri piccoli crolli. Quali sono le cause della frana? Sin dai primi sopraluoghi si è visto che il vero problema delle Gole di Scascoli non era il lato sinistro che è franato ma il lato in destra del fiume che fa parte di una grande frana millenaria. Infatti, i geologi intervenuti a seguito dell attivazione dell unità di crisi costituita dalla prefettura, dalla regione, dalla provincia e dal nostro comune, hanno spiegato che tutto il lato destro della valle è interessato da una enorme frana che scende dal limite dall abitato della valle fino al fiume: venti milioni di metri cubi di terreno calano alla velocità di qualche centimetro l anno. Nei secoli il fondo della vallata si è ristretto fino alle attuali dimensioni di un angusto passaggio per il corso d acqua e per la strada tra pareti rocciose a ovest e un ripido scivolo di terreno instabile a est. Si sono verificate altre frane in quella zona? Abbiamo la testimonianza di un crollo verificatosi nel 1954, ma è probabile che ve ne siano stati altri di cui non è rimasta memoria anche perché quella zona, impervia e disabitata, era frequentata nel passato solo da pochi bagnanti estivi e da qualche pescatore. Da quando la strada è percorribile si sono verificati nel 1990 il crollo di una parete rocciosa che ha ostacolato il corso del fiume ed eroso la strada, e nel 2002 una frana di grosse dimensioni che ha interrotto la fondovalle per molti mesi, il tutto a pochi metri dall attuale disastro. Si sono poi verificate numerose altre piccole frane e cadute di massi in quel punto e nel limitrofo territorio del comune di Pianoro. Dopo questi eventi non si temevano altre frane e non sono stati effettuati controlli periodici? La possibilità di nuovi crolli non era mai stata completamente esclusa e probabilmente non lo sarà del tutto neanche in futuro. La preoccupazione attuale è quella di modificare il percorso in modo da evitare in assoluto che eventuali prossime cadute di materiale possano di nuovo interessare la sede stradale, vista l instabilità della valle. Il versante crollato era monitorato con un sistema di sensori e di laser in grado di rilevare costantemente ogni minimo movimento della parete. Nella giornata precedente era stato riportato uno spostamento negativo di circa due millimetri, ovvero la fenditura lungo la quale è avvenuto il distacco si era leggermente chiusa. La sequenza degli eventi e la loro relativa imprevedibilità fa pen- 5

8 sare che il tracciato della strada sia sbagliato. La nostra amministrazione ha un grande interesse a ottenere la riapertura della strada nel minor tempo possibile e con le più ampie garanzie di sicurezza, e riteniamo inutile la ricerca di eventuali errori compiuti nel passato, sulla progettazione e nella realizzazione del tracciato. Evidentemente le informazioni geologiche a disposizione dei tecnici e degli amministratori dell epoca non inibirono la realizzazione dell opera: il motivo per cui non si optò per un altra soluzione strutturale per superare le Gole di Scascoli fu di natura essenzialmente economica, come lo è tutt ora. Sarà possibile riattivare la strada, in che modo e con quali tempi? Alle ultime due domande nessuno ha purtroppo risposte precise, si prevedono comunque tempi lunghi perché la situazione attuale è molto grave, soprattutto in destra del fiume e la mole di lavoro da fare è grande. Si deve considerare inoltre che in futuro rischi simili a quelli corsi negli ultimi due crolli non si devono più ripetere. Scartata definitivamente, per problemi economici di alti costi e tempi lunghi, l ipotesi di una galleria sul versante sinistro del fiume che avrebbe dovuto tagliare tutto il tratto delle gole, attualmente si sta terminando lo sgombero del materiale crollato e provvedendo alla rimodellazione del versante, poi si inizierà la preparazione del versante destro per la realizzazione del nuovo tracciato. L apertura di una pista provvisoria prima della cattiva stagione non potrà essere realizzata perché tecnicamente non è possibile, considerata l instabilità del versante. La soluzione proposta dai tecnici è quella di alzare l attuale tracciato e spostarlo sul lato destro per allontanarlo dal fiume, asportando le frazioni di pareti maggiormente soggette al pericolo di crollo. Nei 300 metri successivi saranno necessari due piccoli viadotti, per rendere sicuro il percorso. A una prima impressione questa soluzione sembrerebbe non essere definitiva. Vista la situazione a oggi, è difficile pensare che in futuro ci possa essere un percorso diverso da quello proposto, sicuramente sarà necessario prevedere costi di manutenzione più alti perché la strada correrebbe, come ora, sulla grande frana lenta e potrebbe progressivamente deteriorarsi, ma sarebbe al sicuro dal rischio di crolli. Chi ha la responsabilità della situazione? La responsabilità formale è del presidente della Regione Emilia- Romagna che è stato nominato Commissario Straordinario per l emergenza, ma evidentemente sono i tecnici a proporre le soluzioni da attuare. 6

9 Quali sono i danni? I danni complessivi sul territorio montano sono difficilmente quantificabili ma certamente ingenti e interessano, oltre agli abitanti del comune di Loiano, quelli dei comuni vicini, in particolare di Monghidoro, Monzuno e San Benedetto Val di Sambro. Un gruppo di cittadini e di imprenditori ha costituito un comitato per evidenziare i disagi, rivolgere proposte agli amministratori e sollecitare la riapertura. Le attività economiche della media e alta valle hanno registrato i danni più gravi ma l area colpita è molto più vasta. Sul piano della viabilità occorre notare che la nostra è una zona di pendolari e il traffico è attualmente concentrato sulla strada della Futa con effetti che ognuno può immaginare. I collegamenti con la città e le autostrade erano particolarmente difficili già prima della chiusura e il traffico è destinato ad aumentare anche per la crescita continua del numero dei residenti. Cosa sta facendo la tua amministrazione? Abbiamo migliorato la piccola viabilità alternativa utilizzata da chi abita nella zona, studiato alcune misure per attenuare il danno alle realtà imprenditoriali più colpite, cercato di fornire informazioni complete e corrette alla popolazione, collaborato proficuamente con gli enti e le amministrazioni interessate, richiesti e ottenuti finanziamenti per la sistemazione dell area, e ora stiamo seguendo i lavori con assiduità. Ritieni quello della fondovalle Savena un caso isolato? No, purtroppo non è un caso isolato, il dissesto idrogeologico è uno dei problemi più vasti e complessi per tutte le amministrazioni montane e se in futuro Stato e Regione non investiranno in modo consistente, i danni per frane o smottamenti su tutto il territorio saranno gravi con ripercussioni anche sulla pianura. Le competenze e le autorità interessate sono molte, da quella del ServizioTecnico di bacino ai Consorzi di Bonifica, dalla Regione alla Provincia e alla Comunità Montana, ma gli interventi di prevenzione sono sempre insufficienti e la situazione molto degradata. Quando mi sono insediato la strada di fondovalle Zena era interrotta nel comune di Monterenzio, a pochi metri dal confine col comune di Loiano, per una frana da crollo: siamo riusciti a riattivarla in tempi brevi e con costi abbastanza contenuti, ma la situazione di cui stiamo parlando è molto più complessa. Di fronte agli eventi che si verificano frequentemente non ci si può sempre giustificare con le precipitazioni straordinarie e con le piene decennali o centenarie, ma è necessario agire tempestivamen- 7

10 Sono iniziati i lavori sul fronte della frana: si innescano mine per frantumare gli enormi macigni. (La foto è stata scattata dal personale della Protezione Civile). te per rafforzare un sistema che si sta rivelando troppo fragile. Occorre partire da interventi piccoli ma importanti: stiamo mantenendo efficiente il sistema di raccolta delle acque ai bordi delle strade comunali con la pulizia delle cunette e la riattivazione e la sostituzione dei tombini; cerchiamo di stimolare gli agricoltori a una corretta regimazione delle acque che defluiscono dalle coltivazioni; prestiamo un attenzione particolare alle situazioni di potenziale pericolo come i cantieri e le cave. In diversi punti del comune le strade mostrano problemi perché sono poste su terreni cedevoli: abbiamo un programma interventi strutturali. Tuttavia i nostri progetti devono fare i conti con un bilancio che non ci permette di realizzare tutto subito: credo che i colleghi degli altri comuni abbiano gli stessi problemi e siano impegnati come noi ogni giorno per risolverli. Per la zona interessata dal crollo sulla Fondovalle Savena abbiamo ottenuto un consistente finanziamento dal Ministero 8

11 dell Ambiente finalizzato alla riduzione del rischio derivante dal dissesto e alla stabilizzazione della grande frana di Scascoli. Abbiamo ancora poco spazio per tutto il resto. Gli argomenti a cui abbiamo accennato necessitano di spazi ben più ampi della fondovalle. Il nostro paese sta vivendo una situazione simile e opposta a quella che si verificò negli anni Sessanta e Settanta quando, a causa dell abbandono delle campagne, il numero dei residenti scese al minimo storico di poco più di milleottocento. Ora siamo in quattromilaseicentocinquanta abitanti, continuiamo a crescere e, pur avendo molti anziani, ci stiamo svecchiando in virtù di un saldo naturale attivo: da questo dato si possono desumere le esigenze a cui l amministrazione deve offrire risposte. Per questo motivo dobbiamo ricordare quanto accadde nel tempo dello spopolamento e affrontare la situazione attuale con sensibilità e senso pratico. Il tessuto sociale della nostra comunità risente della provenienza recente e disparata di tante famiglie insediatesi negli ultimi anni, prive di quella ragnatela sociale di parentele, amicizie e conoscenze che fa sentire a proprio agio chi vive da sempre in paese. L integrazione e la creazione di una coscienza paesana sono la sfida per il futuro, assieme al rafforzamento di un tessuto imprenditoriale e commerciale ancora troppo debole, al potenziamento dei servizi alle famiglie e alle imprese, e alla tutela dell ambiente che si realizza anche attraverso gli interventi di riduzione del dissesto idrogeologico e soprattutto migliorando la viabilità. Buon lavoro. Grazie e buon lavoro anche a voi che con la vostra rivista tenete sempre vive le nostre tradizioni e vi occupate delle problematiche di questo territorio montano. Arrivederci. 9

12 Sicurezza Ambiente Qualità AREA CERTIFICAZIONI Organismo notificato per collaudo e verifica ascensori Abilitazione Ministeriale verifiche impianti elettrici e messe a terra Marchio CE Direttiva Macchine Controllo metodo di Prod. Biologico, G.U. n. 137/04 Certificazione CE per Emissioni Acustiche Ambientali Consulenza per Certificazione di Qualità - ISO/ VISION 2000 AREA SICUREZZA Sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (DLgs 626/94) Sicurezza negli alimenti (sistema HACCP - DLgs 155/97) Protezione ambientale e Piani di emergenza AREA AMBIENTALE E DI LABORATORIO Valutazioni strumentali di agenti chimici, rumore, amianto, ecc. Gestione rifiuti, acque di scarico, emissioni in atmosfera AREA EDILE Progettazione edile ed ambientale Direttiva Cantieri (DLgs 494/96 e DLgs 528/99) AREA FORMAZIONE Corsi di formazione e per Responsabile Sicurezza Prev. e Protezione (RSPP), Rappresentante dei lavoratori (RLS); Pronto Soccorso, Rischio incendio basso-medio-elevato, per carrellisti, rischio chimico, ecc. SIDEL S.p.A. Via Larga 34/ Bologna Tel Fax Casella Postale: Succursale BO

13 Le pietre di Poggio Moreccio di Vittorio Lenzi La misteriosa epigrafe a Poggio Moreccio di Badi ha suscitato l interesse di un altro valente studioso L epigrafe e un altro manufatto in pietra rivenuti a Poggio Moreccio di Badi aprono un interessante capitolo di ricerche e di ipotesi sulla storia alto-medioevale della Valle del Limentra. Lo scritto di Paolo Bacchi, che ha ufficializzato e messo a fuoco la scoperta di Paolo Petazzoni, fissa già gli aspetti salienti del rinvenimento e ne ricava alcune fondamentali conclusioni (1). Si delinea la presenza nella zona, intorno al 1036, di un edificio religioso, una chiesa con ospitale, situato a lato della via che collegava il comitato pistoiese alla pianura padana e a Bologna. Il lavoro di Bacchi ha già acquisito due punti importanti: la data dell epigrafe (1036) ed il profilo del donatore, Guglielmo dei conti Cadolingi detto il Bulgaro, appartenente alla dinastia che a quel tempo signoreggiava sul contado di Pistoia (mentre la città era passata in potere del vescovo) e sul Valdarno fiorentino. Guglielmo dedicava molto impegno alle strutture viarie e ospitaliere, che apparivano un eccellente strumento per il controllo del territorio. L esame dell epigrafe, zeppa di abbreviazioni, deve procedere di pari passo con la ricostruzione della topografia medioevale, utilizzando alcuni significativi toponimi esistenti o esistiti nell area. Per dare maggiore chiarezza alla mia ipotesi di lettura, preferisco esporne prima il risultato finale, cioè lo scritto che ritengo di intravedere nella pietra incisa di Poggio Moreccio, riservandomi di esporre nel seguito il ragionamento da me seguito: WELL CO M AD L. F MXXXVI IACOMOMAT. Sono partito dal presupposto che i circoletti (una sorta di o piccole) corrispondano a punti. La O finale di IACOMO, piuttosto grande, sembra assolvere la doppia funzione di punto e del dativo cor- 11

14 L epigrafe di Poggio Moreccio di Badi, risalente all XI secolo. rispondente alla dedicazione. Trascrivo ora la mia proposta completa di lettura e la relativa traduzione italiana: WELLIGELMUS COMES MONTIS AD LUCUM FLORENTINI 1036 S. IACOMO MATIE (Guglielmo conte di Montelupo Fiorentino, 1036, a S.Giacomo della Massa) Lo studioso L. Chiappelli (2) ha sottolineato l estrema diffusione del potere cadolingio nel comitato pistoiese e fiorentino, isolando alcune località (in genere luoghi impervi e selvaggi) dove questi nobili di dura stirpe longobarda avevano castelli e case forti: Ripalta presso le mura di Pistoia, Monte Orlandi, Montemagno (presso Quarrata) e soprattutto Montecascioli e Salamarzana di Fucecchio (nel Valdarno fiorentino). Nel 1034, anno assai prossimo a quello della nostra epigrafe, il centro di potere della dinastia cadolingia si collocava appunto nel castello di Salamarzana (3). Nel 1096 il conte Uguccione figlio di Guglielmo risiedeva invece nel castello di Montecascioli (4). Alcuni dei monti sopra nominati potrebbero offrire una alternativa alla mia ipo- 12

15 tesi, ma essi non sembrano purtroppo presentare un aggancio plausibile con le successive lettere AD L.F dell epigrafe. Questo aggancio appare invece realizzabile con la località di Montelupo (5), situata nello stesso Valdarno fiorentino che sappiamo aver ospitato gli importanti castelli cadolingi di Montecascioli e Salamarzana di Fucecchio.. A onor del vero nessuna fonte storica attribuisce a Guglielmo detto il Bulgaro la contea di Montelupo, così come nessuna fonte ci segnala quale fosse la sua contea (doveva pur averla). Tra i Cadolingi e Montelupo è comunque esistito un possibile collegamento. Fra i secoli IX e XI, infatti, la zona di Montelupo, strategicamente importante per la presenza da tempo immemorabile di un ponte sull Arno, fu zona di confine e di conflitti tra i Cadolingi di Fucecchio, i conti Guidi di Pistoia e i conti Alberti che tenevano il castello di Capraia, di fronte a Montelupo (6). Nel 1203 i Fiorentini eressero a Montelupo un forte castello, per contrastare i Pistoiesi e i signori di Capraia, che erano consorti dei conti Alberti. Sembra che prima del 1203 il castello inferiore di Malborghetto, detto Montelupo, appartenesse anch esso ai signori di Capraia per cui i Fiorentini lo disfeciono perché non voleva ubbidire al Comune (7). Secondo una diceria popolare, il nome di Montelupo avrebbe avuto origine dalla sua funzione di soggiogare il castello di Capraia (come dire: il lupo sbranerà la capra). Passiamo all ultima riga della scritta, dove appare una successione di lettere ( ACOMOMAT ) che non ha alcun significato senza una interpunzione; la quale, a mio avviso, va posta dopo ACOMO, tenendo presente la quasi certa origine ospitaliera dell epigrafe e il suo probabile riferimento a San Giacomo. Resta l abbreviazione MAT, riferibile al genitivo Matie, da pronunciarsi Mazie, corrispondente al vocabolo Massa (8), largamente usato nell alto medioevo per indicare una tenuta, un agglomerato di poderi appartenenti a uno stesso proprietario, che in questo caso non poteva essere che lo stesso Guglielmo. Secondo Leonello Bertacci (9), estintasi la dinastia dei Cadolingi dopo la morte di Ugo (Uguccione) figlio di Guglielmo, la sua vedova Cecilia sposò in seconde nozze un conte Alberti, determinando il passaggio a questa famiglia di gran parte dei possedimenti già cadolingi. Ma una circoscrizione territoriale formata da Suviana, Badi, Stagno, Moscaccia, Casio, Granaglione, Succida, Capugnano e Monteluco (Montelocco di Gaggio Montano), in conformità alle disposizioni testamentarie di Ugo, finì ai Lombardi di Stagno, suoi vassalli. Appaiono in tal modo dimostrati i legami tra Guglielmo ed il territorio di Badi e Suviana. Per una interpretazione dell epigrafe del 1036 ed in particolare dell abbreviazione MAT appaiono molto significativi due toponimi conservatisi in zona, vale a dire Massovrana e La Maccia. Qui in epoca altomedioevale le masse dovevano essere due: la Massa sopra- 13

16 na o superiore (10) corrispondente a Badi e la subtana, quella di sotto, che ha dato il nome alla successiva Suviana (11). Tra le due masse, come elemento divisorio, si ergeva il crinale della Serra mezzana (12) (oggi la località Serra, in riva al lago). Va premesso che in questa area, lungo la strada che costeggiava la riva sinistra della Limentra, sono stati in funzione almeno due antichi ospitali. Il primo, situato presso la chiesa di Sant Ilario del Monte di Badi e ricordato nel 1103, venne acquisito più tardi dall abbazia di San Salvatore in Agna; e Sant Ilario mantenne pertanto una funzione ospitaliera nel territorio della Limentra orientale (13). Non sappiamo se la sua struttura ospitaliera avesse la stessa dedicazione della chiesa o se fosse invece dedicata a San Giacomo o ad altro Santo. Più in basso, poco a nord di Sant Ilario è esistito in epoca imprecisata l ospedale di Suviana, sul quale Serafino Calindri ci fornisce uno schematico ragguaglio (14) : Avea un Ospedale probabilmente dentro il suo Castello, che era nel luogo dove è ora la parrocchiale, dalle di cui rovine avvanzate vedesi, che era cinto di grosse mura, guarnito di una torre e di un baluardo, con una sola porta, ed in sito assai forte almeno da tre parti Come si vede, il Calindri non ha riconosciuto nella sua visita a Suviana l ospedale, che doveva essere scomparso da secoli e comunque non era riconoscibile come edificio. La congettura dell Abate, secondo la quale questa struttura poteva essere stata racchiusa all interno del castello, è invece da escludersi, poiché l attività ospitaliera era completamente differenziata da quella militare e proseguiva anche di notte, quando le porte dei castelli erano rigorosamente chiuse. L Ospitale del Pratum Episcopi (Pistoia) suonava la campana ininterrottamente da compieta a mezzanotte, per orientare e richiamare i viandanti sperduti (15) ; e forse questa consuetudine era generalizzata, per lo meno nelle zone più insidiose. In taluni casi, come a Bazzano, l edificio ospitaliero si appoggiava per maggior sicurezza all esterno delle mura castellane, a fianco di una porta. L ospedale di Suviana doveva aver cessato l attività ben prima del 1570, quando la Curia bolognese fece compilare un atlante illustrato delle singole pievi, raffigurante le chiese, gli oratori, qualche castello e anche gli ospedali e ospedaletti (16). Nella zona che ci interessa, corrispondente alla pieve di Capanne, vengono disegnate solo tre chiese (Sant Ilario e le parrocchiali di Badi e Suviana) e nessun ospedale. Gli estimi hanno conservato invece alcuni interessanti toponimi. Il Castagnedo di Giacomo (Estimi di Suviana del 1725 e del 1775) confinava coi beni della chiesa parrocchiale e doveva essere piuttosto esteso, appartenendo a tre proprietari (nel 1775 Bartolomeo Tonali, Andrea Biasoli e 14

17 G.B.Marchetti); si può pensare che non si trattasse di un Giacomo qualsiasi, ma proprio del Santo dedicatario dell epigrafe di Poggio Moreccio e dell ospedale. Anche l antica borgata Pida (17), non lungi dalla chiesa, potrebbe far pensare a una storpiatura popolare di ospedale ; ma l ipotesi appare un po forzata e richiederebbe maggiori elementi di prova. Gli Estimi del 1700 riportano anche le località Il Prà dell Opera e Li Beni dell Opera, denominazioni che sembrano differenziarle dai comuni beni della chiesa (18). Note (1) P. Bacchi, L epigrafe di Poggio Moreccio presso Badi, in Savena Setta Sambro n. 27 / 2 semestre (2) L. Chiappelli, I conti Cadolingi, i conti Guidi ed il Comitatus pistoiese in Bullettino storico Pistoiese, XXIV, 1932, pagg (3) N.Rauty, Comunità rurali e signorie feudali nel contado e nella montagna pistoiesi tra XII e XIII secolo, in Signori feudali e comunità appenniniche nel medioevo, Centro Studi Valle del Reno e Società Pistoiese di Storia Patria, 1995, pag.22. (4) Regesta Chartarum Italiae; Le carte del Monastero di S. Maria in Montepiano ( ) n. 30, a cura di R. Piattoli, Roma 1942, pag.vii. (5) Per l etimologia di Montelupo ho considerato la derivazione da Mons ad lucum, situato cioè presso un bosco (sacro?). (6) (7) G.Villani, Cronaca, libro V cap. 31; citato nel Dizionario Corografico Universale dell Italia (Toscana) 1855 pag (8) Nota agli studiosi è la massa di Lizzano. (9) L. Bertacci, La montagna bolognese nell alto medioevo, in Nuèter-ricerche n.5 / 1995, pagg (10) ASBo, Estimi del Contado Serie I busta 2 Badi e Suviana 1540: A Mà soprana (Antonio e Carlo Giusti); A Mà sovrana (Aymerico del fu Bartolomeo Carini). (11) Le denominazioni documentali due-trecentesche di Suvigliana e Sivigliana appaiono meno antiche della forma popolare e dialettale Suviana oggi conservata. E un caso non infrequente nel nostro Appennino. (12) ASBo, Estimi del Contado Serie II Busta 164 Suviana 1700: Serra Mezzana (Heredi di Domenico Gianotti). (13) R.Zagnoni, (Antilopi-Holmes), Il romanico appenninico bolognese pistoiese e pratese, Gruppo Studi Alta Valle del Reno, 2000, pag (14) S.Calindri, Dizionario Corografico, vol. V, pag (15) R. Zagnoni, Il romanico appenninico, op. cit. pag (16) M. Fanti, Una cartografia cinquecentesca delle pievi del territorio bolognese, ne Il Carrobbio, Anno XVI, 1990, pag (17) È esistita anche la forma A Pita. Cfr. ASBo, Estimi del Contado Serie II, busta 164, anno 1578 (Un terreno di Pellegrino di Batista). (18) ASBo, Estimi del Contado Serie II busta 164, Suviana anno

18 Nato dal recupero e dal restauro di una caratteristica dimora del 1600, il Bed & Breakfast Lodole trasmette intatto il fascino della tradizione: camere dotate di bagno, un ampio salone con camino, soffitti con travi a vista, muri e pavimenti in pietra originale. Il Bed & Breakfast Lodole è un ambiente magico, dove respirare l atmosfera di una volta avendo la sensazione di sentirsi in una grande famiglia. Un luogo dal panorama incantevole, riservato, confortevole e vicino a tutti i servizi del Golf Club Molino del Pero. Località Lodole, Monzuno (Bologna) Italy Tel Mob

19 Scanello fra Longobardi e Bizantini di Eugenio Nascetti Due documenti medievali attestano nei toponimi tracce germaniche su base latina L amico Paolo Bacchi sta svolgendo un ottimo lavoro di ricerca su un presunto insediamento longobardo nei pressi di Scanello: spero che qualche riflessione sulla toponomastica della zona possa essergli d aiuto. Una volta deciso l argomento, per trarre il massimo beneficio dall indagine, occorre reperire una documentazione quanto più possibi- TOPONOMASTICA Vignale è un piccolo nucleo abitato, posto in prossimità di Scanello, di cui si trova traccia in documenti del XIII secolo. Nei dintorni non si conservano né si coltivano le vigne da cui trae il nome. 17

20 TOPONOMASTICA le antica e completa sui nomi dei luoghi del territorio in esame. In questo caso mi sono stati forniti due documenti di grande valore storico, sui quali potranno essere svolti approfondimenti che vanno bene al di là della toponomastica. Il più antico, non datato ma riferibile all anno 1135, è stato regestato da uno studioso tedesco un secolo fa e si presenta quindi in una forma perfettamente leggibile; proviene dall archivio capitolare del Duomo di Pisa e consiste in una breve descrizione dei rapporti economici, degli usi e dei servizi intercorsi tra alcuni abitanti di Scanello e dei paesi vicini e la grande contessa Matilde di Canossa al tempo in cui deteneva l intera curia, con lo scopo palese di conservarli a favore del clero pisano al quale era stata ceduta. Ho avuto il secondo in fotocopia dell originale, depositato all Archivio di Stato di Bologna, e dopo una lunga e faticosa attività di interpretazione e traduzione, per me inusuale, ho potuto decifrarlo quasi completamente: il lavoro sarà utile per il futuro perché contiene qualche interessante e utile informazione. Si tratta di un estimo dei fumanti redatto nel 1315 al fine di determinare il patrimonio che fungeva da base imponibile per il calcolo e l esazione delle imposte. Nella carta del XII secolo compaiono una ventina di toponimi di cui solo sette attengono sicuramente alla zona investigata, mentre l estimo del XIV secolo, pur molto posteriore al periodo longobardo, è una vera e propria miniera di microtoponimi e include un centinaio di nomi di località comprese nella curia e una ventina poste nel versante bolognese e fiorentino dell Appennino. La prima osservazione è la verifica della presenza, in forma pressoché invariata, nel documento del 1315 dei sette toponimi rilevati in quello del 1135, come Scanellum, Braila, Cafagiti, Vethianum, Quinthianum, Niathianum e Monte. Ciò che caratterizza i due documenti è la predominanza dell elemento latino. Scanello è al centro di una zona in cui sono particolarmente numerosi i toponimi prediali, ovvero i luoghi il cui nome trae origine dall antico proprietario del fondo che ne costituì il primitivo centro di aggregazione: Quinzano, Vezzano, Gragnano e Gnazzano sono i centri più antichi e relativamente più popolati dell area. Di origine prettamente latina sono i toponimi che descrivono le caratteristiche del terreno: le Lagune, la Valle, la Plana, la Lama Arcipreti, la Ruvina, il Pozolum de Favula, Bedostacium, Planum, Toletum, Tola de la Lama, Lagoxellum, la Planella, Fossa Cecha, Monte, Podium Sancti Martini illustrano la presenza di acquitrini, laghetti, zone pianeggianti più o meno estese, piccoli rilievi. Dal latino vengono i toponimi legati alla flora spontanea e alla coltivazione di piante, cereali e foraggio: Vignale, Panigale, Pratexellus, Culore di Merticho, Quarzedinum, Campedellus longus, Castanueus 18

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli