I mercati agroalimentari all ingrosso dal monopolio pubblico alla promozione della qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I mercati agroalimentari all ingrosso dal monopolio pubblico alla promozione della qualità"

Transcript

1 I mercati agroalimentari all ingrosso dal monopolio pubblico alla promozione della qualità Sandro Amorosino 1.- I mercati all ingrosso: un pubblico servizio atipico : le configurazioni originarie Di mercati all ingrosso appartenenti alla sfera comunale si sono occupati, ex professo, Santi Romano 1, A.M. Sandulli 2 e M.S. Giannini 3. Una quarantina d anni fa fu dedicato al tema il XVI convegno degli amministrati visti a Varenna, con relazioni di Casetta, Chieppa, Alberto Romano 4. Ma se ne sono occupati anche commercialisti del calibro di Santini e Minervini 5. Le voci di enciclopedia 6 ancora attuali risalgono a anni fa e sono di G. Caia, da solo e con N. Aicardi. Dopo di allora si è avuta una ripresa recente di studi, prima economici 7 e da ultimo giuridici 8. ( ) Relazione al Convegno Il ruolo del diritto nella valorizzazione e nella promozione dei prodotti agroalimentari, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Pisa il 1-2 luglio L A. ringrazia vivamente il Prof. Marco Goldoni per l invito e l Avv. Monica Minelli per la preziosa documentazione fornita. ( 1 ) La libertà di commercio nei mercati municipali in Riv. Giur. Comm. 1925, II, 313 ss., ora in Scritti minori, II, Milano, rist ( 2 ) Osservazioni in materia di pubblici mercati in Giur. Civ. 1958, II, 137 ora in Scritti giuridici, vol. IV, Napoli 1990, 91 ss. ( 3 ) Sui mercati comunali in Riv. Trim. Dir. Pubbl. 1959, 3 ss. ora in Scritti, vol. IV, Milano 2004, 685 ss. ( 4 ) E. Casetta, Problemi giuridici dei mercati all ingrosso nell ambito della disciplina del commercio; R. Chieppa, Organi e competenze in materia di mercati all ingrosso; A. Romano, Le concessioni di posti di vendita nei mercati all ingrosso, tutti in AA. VV., L indennità di espropriazione I mercati all ingrosso (Atti del XVI Convegno di Studi di scienza dell amministrazione), Milano ( 5 ) G. Minervini, Il commercio nell attuazione della legge n Le linee essenziali di una riforma in Giur. Comm. 1978, I, 533 ss; G. Santini, Commercio e servizi. Due saggi di economia del diritto, Bologna ( 6 ) G. Caia, voce Mercati pubblici in Enc. Giur. Treccani, vol. XX, Roma 1990 e G. Caia e N. Aicardi, voce Mercati all ingrosso in Dig. Disc. Pubbl., vol. IX, Torino

2 Vien fatto di chiedersi perché tanti studiosi, protagonisti della dogmatica del diritto amministrativo e di quello commerciale siano stati attirati dal tema. La risposta è duplice: I) perché si tratta di un oggetto giuridicamente complesso; II) perché è un oggetto che nell ultimo secolo ha ripetutamente cambiato struttura e funzione. La complessità deriva dal fatto che pur essendo nominato nella Legge Giolitti sulle municipalizzazioni, n. 103/1903 e poi nel Testo Unico del 1925 è tuttora discusso se sia, o meno, un servizio pubblico in senso proprio. Ciò sin da quando Giannini 9 rilevava che la costruzione e gestione di mercati pubblici, anche con diritto di privativa, non era qualificabile come attività imprenditoriale, anche se dalla gestione il comune trae dei proventi e anche se l organizzazione medesima è di tipo aziendale, il profilo di servizio amministrativo si presenta come prevalente sul profilo di servizio commerciale municipalizzato, ossia la gestione appartiene alla figura delle municipalizzazioni improprie più che a quella delle municipalizzazioni pure. Concludeva Giannini richiamando le formulazioni di Sandulli che i mercati all ingrosso danno luogo ad organizzazioni complesse: essi cioè sono organizzazioni di mercato-luogo e di mercato-riunione alle quali si sovrappone l organizzazione del servizio. Difatti è stata proposta la locuzione di mercato-istituzione. I mercati all ingrosso, permanenti e con stabilimenti attrezzati, sono in funzione della concentrazione locale dell offerta, che si realizza al massimo grado allorché il mercato è «in privativa», vale a dire in esclusiva come luogo/funzione/organizzazione. La loro funzione e qualificazione originaria ha di recente formato oggetto di un attenta rilettura critica da parte di Cocco 10, alla quale, per brevità, si rinvia. Ci si limita a ricordare che la configurazione come mercato-istituzione confermata dal RD n. 2578/1925 (T.U. delle norme sulle municipalizzazioni, non casualmente coevo allo scritto di Santi Romano) si concretava in una complessa organizzazione di commissionari, astatori, banditori, concessionari di posti vendita, merceologi, veterinari etc., retta da una struttura amministrativa comunale e disciplinata da regolamenti appositi. ( 7 ) AA.VV., I mercati agroalimentari all ingrosso di terza generazione, a cura di A. Zanlari, R. Green, L. Lanini e M. Sibani, Rimini ( 8 ) AA.VV., Natura e regolamentazione dei mercati e centri agroalimentari all ingrosso, a cura di A. Marzanati e S. Zani, Rimini ( 9 ) Op. cit., p degli Scritti, vol. IV, cit. ( 10 ) G. Cocco, Profili pubblicistici e privatistici nella qualificazione dell attività svolta dai mercati all ingrosso in AA.VV., Natura e regolamentazione cit., 150 ss. 2

3 Come accadde, in forme variegate, anche in altri settori oggetto di normazione amministrativa di settore durante il fascismo 11 venne realizzato l innesto sul mercato istituzione di due elementi solo apparentemente contraddittori: un ulteriore dose di dirigismo del potere pubblico e l inserimento nei meccanismi gestionali delle organizzazioni delle svariate categorie che operano nei mercati stessi (una sorta di cogobierno, per usare una locuzione coniata dal peronismo, di cui è noto l originario ispirarsi al corporativismo). Il risultato fu un tipico ordinamento sezionale 12 per usare una nozione di teoria generale, elaborata all inizio degli anni 40 del 900 da Giannini caratterizzato da un amministrazione reggente, da una pluralità di soggetti abilitati ad operare nel settore, raggruppati in un organizzazione ad hoc e da una normazione specifica che ne disciplina i comportamenti (i regolamenti di mercato). Accadde, dunque, che lo strumento originariamente concepito dagli economisti per favorire il massimo afflusso e il rapido smercio all ingrosso (controllato, per motivi di sanità pubblica) delle derrate, ai fini della fissazione del prezzo di mercato sulla base dell offerta e della domanda venne trasformato in un organizzazione chiusa, anticoncorrenziale, con barriere all ingresso, il che ha favorito il fenomeno dei cartelli ed ha generato dure lotte per il controllo dei cartelli stessi. Un bellissimo film di Francesco Rosi, La sfida (1958), descrive meglio di tante analisi una vicenda storica: l ascesa e la caduta cruente di Pascalone e Nola nel mercato ortofrutticolo di Napoli. L organizzazione chiusa ha notoriamente favorito le commistioni clientelari tra classi amministrative locali e organizzazioni degli operatori dei mercati generali. 2.- I percorsi evolutivi della materia Negli ultimi decenni la normazione in tema di mercati all ingrosso ha registrato numerose novità, per quanto riguarda sia le competenze legislative ed amministrative, sia la disciplina sostanziale della materia. In estrema schematizzazione, scendendo dai profili organizzatori d apice a quelli operativi, i principali elementi giuridici che connotano attualmente il settore possono essere intavolati nel modo seguente: ( 11 ) V., ora, S. Cassese, Lo stato fascista, Bologna 2010, parte II. ( 12 ) Sulla quale sia consentito il rinvio a S. Amorosino, Gli ordinamenti sezionali: itinerari di una categoria giuridica in AA.VV., Il diritto amministrativo in trasformazione. Scritti degli allievi per gli 80 anni di Massimo Severo Giannini (a cura di S. Amorosino), Milano

4 I) l attribuzione alle Regioni delle competenze legislative e di quelle amministrative (per quanto riguarda la programmazione); tale attribuzione sembrerebbe divenuta esclusiva con la riforma del Titolo V della Costituzione, nel Si è usato il condizionale perché, com è stato giustamente rilevato 13, la materia presenta alcuni profili che attengono a competenze legislative esclusive statali: la tutela della concorrenza (in correlazione all organizzazione dei servizi di interesse generale) e la tutela della sicurezza nella specie: alimentare 14. E, dunque, da ritenere che, limitatamente ai profili accennati, la legislazione statale possa dettare disposizioni che impingono in subiecta materia; II) la previsione della programmazione, a scala regionale, dei mercati alimentari all ingrosso, nell ambito della più generale pianificazione del commercio. Tale programmazione nella forma di un piano mercati era prevista nella l. n. 41/1986, in funzione della creazione di centri serventi una pluralità di comuni, ma è rimasta in gran parte inelaborata e comunque sostanzialmente inattuata, benché nelle leggi regionali fosse piuttosto enfatizzata 15 ; III) l articolazione dei mercati in sede legislativa regionale e regolamentare nazionale in più tipi e in molti settori merceologici (con suddivisioni variabili delle funzioni tra Regioni e Comuni); IV) la liberalizzazione, invero assai frenata, dei soggetti legittimati a richiedere ed ottenere l autorizzazione ad istituire un mercato all ingrosso; frenata perché è venuta meno la privativa comunale, ma sono stati abilitati a promuovere, e poi a gestire, i mercati enti e consorzi prevalentemente pubblici ad esempio: con la partecipazione delle camere di commercio o anche misti, ma a prevalente connotazione pubblicistica. A ciò è seguita, nella legislazione regionale, anche una sorta di privatizzazione formale, con la possibilità di costituire società di gestione, anche miste (ad esempio: tra enti locali ed organizzazioni di categoria). La problematica che, semplificando oltre misura, possiamo chiamare della liberalizzazione/privatizzazione è strettamente intrecciata al riproporsi ora in termini del tutto mutati della questione apicale della natura dell attività dei mercati all ingrosso. La più recente e convincente ( 13 ) v. A. Marzanati nel Capitolo 1, di A. Marzanati e L. Salomoni, Le funzioni dei mercati e centri agroalimentari all ingrosso e il quadro normativo di riferimento in AA.VV., Natura e regolamentazione cit., ( 14 ) In tema sia consentito il rinvio a S. Amorosino, Sicurezze ed insicurezze in campo alimentare in AA.VV., Agricoltura e in-sicurezza alimentare tra crisi della PAC e mercato globale (Atti del Convegno organizzato a Siena il ottobre 2010 dalla cattedra di Diritto Agrario dell Università e dall Istituto IDAIC-CNR di Firenze), Milano ( 15 ) V. L. Salomoni nel capitolo 1, Le funzioni dei mercati cit. (con A. Marzanati) del volume Natura e regolamentazione cit. 4

5 rivisitazione 16 fa leva sulla sopravvenienza dei principi della costituzione economica europea e, da ultimo, della normazione interna in materia di servizi pubblici locali 17 per rilevare, in sintesi, che: già nella legge nazionale generale n. 125/1959 non si rinviene una qualificazione dei mercati all ingrosso come attività di servizio pubblico e le funzioni di interesse generale in essi svolte sono tipicamente amministrative, di tipo autoritativo, nettamente distinte da quelle commerciali, che riguardano gli operatori; l evoluzione della configurazione stessa e delle funzioni dei mercati può dar luogo ad attività economicamente rilevanti, suscettibili di rendere economicamente redditiva la gestione; ciò che ne comporterebbe la privatizzazione sostanziale, alla stregua della normazione nazionale sui servizi pubblici locali; viceversa l assunzione della gestione diretta del pubblico servizio è consentita nel caso in cui il mercato (qui inteso in senso economico generale) non produca il bene pubblico necessario, costituito dall organizzazione e gestione del mercato all ingrosso; V) la subordinazione dell istituzione a previa autorizzazione, regionale o provinciale 18 ; VI) l attribuzione ai Comuni delle funzioni relative all impianto ed all ampliamento, ivi compreso l affidamento della gestione, secondo le modalità prescritte dalla normazione nazionale in tema di servizi a rilevanza economica 19 ; VII) la qualificazione dei mercati strutture, come opere pubbliche, o di interesse pubblico, anche ai fini dell espropriabilità delle aree 20 ; VIII) la possibilità a proposito dei profili sub VI e sub VII di una variante al modello ordinario perché l ente locale, come referente istituzionale del mercato può mettere in gara la realizzazione e gestione del mercato stesso, secondo la tecnica della finanza di progetto (sempre che si tratti di un opera calda, o almeno tiepida, ( 16 ) V. G. Cocco, Profili pubblicistici e privatistici cit., 161. ( 17 ) V. G. Cocco, Appendice. L applicazione della riforma di cui all art. 23 bis (l. n. 133/2008 e s.m.i.) ai mercati globali generali all ingrosso. Questioni emergenti in AA.VV., Natura e regolamentazione cit., 243 ss. ( 18 ) V. G. Caia e N. Aicardi, Mercati all ingrosso.cit. ( 19 ) In tema si rinvia a F. Mattassoglio, La gestione dei servizi a rilevanza economica e a L.R. Perfetti e A. Rosi, Il modello organizzativo dei mercati generali nel rapporto tra ente locale e gestore, entrambi in AA.VV., Natura e regolamentazione cit. ( 20 ) V. A. Benedetti, I mercati comunali all ingrosso nel contesto evolutivo del regime del demanio pubblico in AA.VV., Natura e regolamentazione.. cit., 175 ss. 5

6 come si dice in gergo, cioè suscettibile di remunerare, anche parzialmente, con i proventi della gestione, i costi dell investimento da parte dei privati 21 ; ciò che si connette con l ormai necessario arricchimento delle funzioni dei mercati: v. infra); IX) la permanenza, comunque, delle funzioni amministrative sia tradizionali (ad esempio: sanitarie), che innovative (ad esempio: relative alla qualità ed all origine degli alimenti) in capo ad uffici comunali o comunque pubblici; X) l assoggettamento dell ammissione, prima, e dell attività, poi, degli operatori alla regolamentazione di mercato, cui s è già accennato. Questa rapida intavolazione consente di operare una tendenziale distinzione tra i mercati all ingrosso e le borse merci 22, le quali sono, ormai, piattaforme telematiche che hanno quotazioni ufficiali. La società di gestione di esse è la Meteora s.p.a., filiazione dell Unioncamere e gli intermediari non coincidono con i grossisti, ma sono i raccoglitori e gestori di ordini all interno della borsa merci telematica. Esistono, accanto al regolamento generale, dei regolamenti di borsa speciali relativi ai singoli prodotti, individuati mediante disciplinari specifici. Gli elementi differenziali tra mercati all ingrosso e borse merci (alimentari) sono quattro: - la diversità di figure e qualificazioni degli operatori; - la distanza dal prodotto: che è rappresentato nella borsa merci ed è il più delle volte, ancora, fisicamente negoziato nel mercato al ingrosso; - la conseguente rilevanza e cogenza del listino prezzi; - la possibilità di accertare in corpore vivo la qualità dei prodotti e di certificarla (funzioni di controllo e promozione: v. infra). 3.- I fattori di mutazione dei mercati agroalimentari e l urgenza della modernizzazione delle funzioni dei mercati all ingrosso Negli anni più recenti si è registrato un concorso di vari fattori economico-strutturali di mutazione delle funzioni dei mercati all ingrosso: I) l ampliamento dei mercati di provenienza dei prodotti alimentari: le infrastrutture di trasporto, i prezzi estremamente competitivi, le coltivazioni in serra, anche biotecnologiche, portano all evoluzione logistica e strutturale dei mercati: da grandi ( 21 ) Sia consentito il rinvio a S. Amorosino, La finanza di progetto nel quadro del partenariato pubblicoprivato: profili introduttivi in AA.VV., Il project financing, a cura di Mariani, Menaldi & Associati, Torino 2011, volume che costituisce il più aggiornato ed interdisciplinare inventario in materia. ( 22 ) In tema v. E. Bani, Le borse merci, Padova 2008, passim. 6

7 strutture presenti nei centri urbani (come le Halles di Parigi e i Mercati Generali di Roma), con funzioni essenzialmente di approvvigionamento della città, alla loro delocalizzazione negli snodi infrastrutturali periurbani, con la trasformazione in piattaforme logistiche 23 ; II) la compresenza e concorrenza di nuove organizzazioni di acquisto all ingrosso dei prodotti e di vendita al dettaglio, da parte delle catene di supermercati 24. La creazione di circuiti distributivi alternativi ha reso inani le risalenti protezioni corporative e rischia di mettere fuori mercato i mercati all ingrosso tradizionali, se non evolvono rapidamente; III) la determinante tecnologica: la telematica, che consente la partecipazione diretta, anche se non fisica, ai processi di vendita che si svolgono nei luoghi più remoti del mondo, ma al contempo consente di collegare direttamente produttori e consumatori organizzati in gruppi d acquisto 25. Anche qui un immagine questa volta televisiva rappresenta la vicenda meglio di tante descrizioni: tra le tante opere incompiute, o terminate ma inutilizzate, documentate da Striscia la notizia sono frequenti i casi di nuovi mercati ortofrutticoli, o ittici, all ingrosso promossi da enti locali e mai decollati. La ragione è che i mercati ormai scavalcano, per via telematica, e rendono superflue queste strutture fisiche, a meno che non acquistino una funzione specializzata; IV) la determinante europea, in ragione della funzione che i mercati all ingrosso svolgono per la sicurezza alimentare, che è uno dei perni della normazione dell Unione. Riassumendo: la tendenza generale è alla moltiplicazione dei mercati di domanda e di offerta, con la creazione di circuiti alternativi a quello tradizionale dei mercati all ingrosso come luoghi fisici e come mercati - istituzioni. Viene spontanea l analogia con i mercati finanziari: una volta esistevano solo le borse mobiliari a gestione pubblica, ora accanto alle borse privatizzate (ad esempio: Borsa italiana s.p.a.), nelle quali sono quotati gli strumenti finanziari, esistono altri tipi di mercati disciplinati 26 ed in più all esterno, nella galassia telematica, i mercati over the counter, che traggono il nome, in origine, dagli affari trattati, nel dopo borsa, sul bancone dei pub ove si riunivano gli operatori a bere. ( 23 ) V. AA.VV., I mercati agroalimentari all ingrosso di terza generazione cit. ( 24 ) V. da ultimo D. Tirelli, La promozione dei prodotti tradizionali attraverso la Grande Distribuzione Organizzata, relazione al Convegno Il ruolo del diritto cit. ( 25 ) I. Canfora, Le nuove forme di commercializzazione dei prodotti alimentari, dalle vendite in rete ai G.A.S.. Problemi di qualificazione e di disciplina, relazione al medesimo Convegno. ( 26 ) V. G. Federici, Mercati non regolamentati in AA.VV., Manuale di diritto del mercato finanziario, a cura di S. Amorosino, Milano 2008, 221 ss. 7

8 Le analogie sono spesso insidiose, ma nel nostro caso le somiglianze tra i mercati mobiliari e quelli alimentari sono almeno tre: a) la moltiplicazione dei luoghi fisici, ma anche delle reti telematiche di negoziazione; b) la moltiplicazione dei prodotti negoziati, quelli alimentari (creati dalla natura o dalle biotecnologie) e quelli finanziari (creati dalla fantasia combinatoria degli operatori); c) la difficoltà delle regolamentazioni nazionali di padroneggiare la fenomenologia dei mercati e l impossibilità, ormai, di avere un sistema regolatorio organico e coerente, in quanto è la stessa realtà economica ad essere frammentata e cangiante 27. Per fare un solo esempio: i farmers markets, in senso fisico, sono mercati al dettaglio, ma non appena associazioni di produttori entrano in rete con le catene commerciali o con i gruppi di acquisto si creano mercati all ingrosso, allo stato diffuso, che sono tali sotto il profilo economico, ma spesso sono privi di strutture fisiche come luoghi di scambio. Ovviamente la differenza fondamentale è che la dematerializzazione è possibile per gli strumenti finanziari e non per i prodotti alimentari. Nel nuovo scenario i mercati alimentari all ingrosso, intesi come strutture/organizzazioni permanenti caratterizzate dall afflusso e poi dallo smistamento, sotto controllo pubblico, di prodotti che devono essere avviati abbastanza rapidamente alla vendita al dettaglio ed al consumo conservano una funzione economica essenziale, pur se in via di progressiva erosione da parte delle forme di distribuzione alternativa (ad esempio: ad opera dei prodotti alimentari domestici delle catene commerciali). Nel diritto delle reti i mercati all ingrosso sono qualificabili come nodi materiali di più reti (tante quanti sono i prodotti alimentari) di produzione ed offerta dei vari alimenti, i quali in essi affluiscono per venire negoziati formando oggetto di contratti peculiari 28. Affluiscono ancora, in prevalenza, in senso materiale, ma la funzione di negoziazione può essere fisica ed, al contempo, in collegamento telematico. Ed ancora: le merci alimentari negoziate nel mercato all ingrosso possono essere in esso fisicamente presenti, ma anche solo visibili, sempre per via telematica, in luoghi di stoccaggio distinti. La telematica e la logistica 29 sono funzioni reciproche, in correlazione alla vendita/distribuzione. Sul piano sostanziale i mercati all ingrosso di prodotti alimentari freschi per non cedere alla concorrenza della grande distribuzione e dei mercati paralleli over the ( 27 ) Una lucida sintesi delle tendenze in atto è di L. Costato, Conclusioni del Convegno cit. ( 28 ) V. F. Di Porto, La disciplina delle reti nel diritto dell economia, Padova 2008, Parte V. ( 29 ) V. AA.VV., I mercati alimentari all ingrosso cit., p. 139 ss. 8

9 counter (ma anche nel nostro Paese under the counter, cioè in nero ) debbono qualificare ed arricchire le loro funzioni. Il perno di queste funzioni è ancora la certezza pubblica della qualità dei prodotti (oltre che della loro mera consumabilità) che essi possono fornire. I gestori dei mercati debbono sviluppare tutte le funzioni volte a certificare (in senso lato) la provenienza e la qualificazione dei prodotti, a partire dalla provenienza da territori ben determinati. Per fare questo debbono stabilire al loro interno strutture in comune tra gli offerenti e le organizzazioni di acquirenti, sempre sotto il controllo pubblico della autenticità e qualità dei prodotti. Ed alla funzione tradizionale di controllo si deve sommare una funzione di promozione dei prodotti di qualità; ciò nell interesse del mercato stesso, affinché diventi polo di attrazione specializzato delle negoziazioni di tali prodotti. Ad esempio: anche un aliquota dei prodotti alimentari di qualità, che attualmente passano per i market farmers e per gli acquisti di gruppi organizzati per via telematica, potrebbe passare per i mercati all ingrosso di terza generazione, compensando i costi della certificazione con il maggior pregio che in essi può esser loro giuridicamente riconosciuto. Ancora: si pensi alla tracciabilità, all attestazione dell origine o alla qualifica di specialità tradizionale. Sono tutte funzioni che possono esser svolte, per molti prodotti, all interno dei mercati, in attuazione dei regolamenti europei. Infine: il risvolto comune alle esemplificazioni fatte è la tutela dei consumatori ed al contempo delle comunità locali di produttori. E tutti questi profili possono costituire presupposti di legittimazione di ausili finanziari pubblici, consentiti per la promozione di produzioni di qualità Ricadute sui mercati all ingrosso della riforma dei servizi pubblici locali Accanto alle determinanti economiche specifiche, relative all evoluzione dei mercati agroalimentari è da considerare una determinante normativa generale, costituita come s è già accennato dalla riforma dei servizi pubblici locali. Il processo riformatore è stato giustamente rilevato 31 è caratterizzato da un percorso tortuoso verso la concorrenza, segnato da contraddizioni e battute d arresto molteplici. ( 30 ) V. A. Marzanati, op. cit., ( 31 ) V., per tutti, F.G. Albisinni, La liberalizzazione dei servizi pubblici in AA.VV., Lezioni di diritto amministrativo progredito, a cura di L. Torchia, Bologna 2010, p. 121 ss. 9

10 La tendenza generale è comunque in prospettiva nel senso di una completa apertura dei mercati dei servizi pubblici a scala locale 32. Si può ritenere, dunque, che pur essendo i mercati all ingrosso un servizio pubblico atipico l evoluzione necessitata della macromateria in cui sono tradizionalmente inseriti concorre, con le determinanti economiche analizzate nel paragrafo precedente, ad imporre una loro sostanziale mutazione. ABSTRACT Wholesale markets are dynamic entities within a rapidly changing operating environment and they are an essential component of the food marketing system. Their regulation has been largely modified during the last decades. The article examines the Italian reforms of this area of regulation, underlying that for a long time the governance of such markets has been strictly reserved to public functions and competences. The constitutional reform of 2001 moved the attention lo local regulation, strengthening the role of Regions and Local Authorities. New dynamic organisation of markets through modern technologies and a multilevel regulation on competition are introducing significant innovations and new actors in this area. ( 32 ) Sulla riforma avviata dall art. 23 bis della l. n. 133/2008 v. R. De Nictolis, La riforma dei servizi pubblici locali in Urb. e App. n. 10/2008, 1109 ss. e M. Dugato, I servizi pubblici locali (art. 23 bis) in Giorn. Dir. Amm. n. 12/2008, 1219 ss. 10

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Indice La Struttura Organizzativa Della Pubblica Amministrazione Alla Luce Dei Principi Costituzionali --------- 3

Indice La Struttura Organizzativa Della Pubblica Amministrazione Alla Luce Dei Principi Costituzionali --------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA GLI ENTI PUBBLICI PROF. IVANA MUSIO Indice 1 La Struttura Organizzativa Della Pubblica Amministrazione Alla Luce Dei Principi

Dettagli

documento I SERVIZI PUBBLICI LOCALI

documento I SERVIZI PUBBLICI LOCALI documento I SERVIZI PUBBLICI LOCALI maggio 2010 A cura delle Commissioni Servizi pubblici e Governance delle partecipate Presidenti Giuseppina Greco Davide Di Russo Componenti Giosuè Nicoletti Marcello

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni di Filippo Lacava 1.Premessa; 2. Definizioni; 2.1 Il potere di indirizzo 2.2 Il coordinamento;

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

I servizi pubblici locali e la concorrenza

I servizi pubblici locali e la concorrenza I servizi pubblici locali e la concorrenza Diego Agus Legge 20 novembre 2009, n. 166, recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante disposizioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE

CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE SOMMARIO: 1. Il sistema dell evidenza pubblica e i principi cardine. - 2. I sistemi di individuazione del contraente. - 2.1 Le procedure aperte. - 2.2

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato Relazione tenuta al Convegno Appalto pubblico: chance di sviluppo efficiente,

Dettagli

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra L'assunzione di partecipazioni in altre imprese, anche se prevista genericamente nello statuto, non è consentita, se per la misura e per l'oggetto della partecipazione ne risulta sostanzialmente modificato

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

CAPITOLO XI GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI

CAPITOLO XI GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI CAPITOLO XI GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. I settori-speciali di cui alla Parte III del Codice - 2. Ambito soggettivo ed oggettivo di applicazione della Parte III del Codice - 3. La normativa

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni

Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni di Nicoletta Torchio L intervento intende svolgere una panoramica sul pacchetto direttive appalti e concessioni, volta soprattutto

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Le sanzioni amministrative della CONSOB: procedura di irrogazione e controllo giudiziario. Ottobre 2002

Le sanzioni amministrative della CONSOB: procedura di irrogazione e controllo giudiziario. Ottobre 2002 Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Le sanzioni amministrative della CONSOB: procedura di irrogazione e controllo giudiziario

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli