Il sistema operativo Android

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema operativo Android"

Transcript

1 Il sistema operativo Android Application Lifecycle Letture consigliate: Il sistema operativo Android A.A

2 Introduzione Un applicazione consiste di uno o più componenti che sono definiti all interno del file manifest.xml dell applicazione Ogni componente è un entry point per sistema e utenti Un componente può essere uno tra: Una Activity Un Service Un Broadcast Receiver Un Content Provider Ogni tipo di componente è associato ad uno scopo distinto e ha un proprio ciclo di vita (lifecycle) che definisce come viene creato e distrutto A.A

3 Activity Una Activity rappresenta una singola schermata di una applicazione interattiva (user entry point) tramite cui possono essere realizzate differenti azioni Una applicazione può avere diverse Activity Anche se le Activity collaborano tra loro per formare una interfaccia utente unica ed un esperienza coesa, ogni Activity è indipendente dalle altre Tipicamente una delle Activity è segnalata come la prima che deve essere mostrata all utente quando l applicazione viene lanciata Lo spostarsi da un Activity ad un altra avviene invocando all interno di essa i cosiddetti Intent Esempio: Un app di posta elettronica potrebbe avere un Activity che mostra l elenco delle nuove , un altra Activity per comporre un' e un'altra Activity per la lettura dei messaggi di posta elettronica A.A

4 Activity Stack Una sola Activity per volta può essere sullo schermo Le Activity presenti nel sistema sono gestite mediante una pila detta activity stack, una per ogni applicazione lanciata nella schermata Home Quando una nuova Activity è avviata, è posizionata in cima allo stack e diventa l Activity in esecuzione L Activity precedente viene messa in pausa e spostata al di sotto. Non ritornerà in foreground fino a quando la nuova Activity termina o l utente la riseleziona Se l utente preme il back button l Activity successiva nello stack viene spostata al di sopra e diventa attiva L'utente può quindi navigare avanti e indietro tra le schermate aperte nell'activity stack. A.A

5 Activity Lifecycle States (1) Una Activity possiede tre stati: attiva o in esecuzione in pausa terminata Pur essendo possibile avviare più applicazioni contemporaneamente soltanto una può occupare il display, mentre le altre saranno nascoste in background A.A

6 Activity Lifecycle States (2) È attiva o in esecuzione quando è in foreground sullo schermo (in cima all activity stack per il task corrente) L Activity possiede il focus per l interazione con l utente. È in pausa quando ha perso il focus, ovvero smette di essere in primo piano (foreground), messa in secondo piano da un altra Activity. Continua però ad essere visibile all utente. Un Activity in pausa è completamente viva (mantiene le informazioni di stato e rimane collegata al Window Manager) Può essere killata dal sistema in caso di situazioni con scarsa memoria È terminata quando viene sostituita da un altra (ma è ancora istanziata in memoria). E completamente oscurata da un altra Activity e non è più visibile all utente. Potrà sempre essere killata dal sistema quando è necessario recuperare della memoria. A.A

7 Visible Lifetime Il visible lifetime di una Activity avviene tra la chiamata al metodo onstart() e la chiamata al metodo onstop() In questa fase l utente può vedere l Activity sullo schermo, sebbene essa potrebbe non essere in foreground ed interagire con l utente I metodi onstart() e onstop() possono essere chiamati più volte, poiché l Activity si alterna nell essere visibile o nascosta all utente Tra questi due metodi è possibile conservare le risorse necessarie per visualizzare l Activity sullo schermo A.A

8 Foreground Lifetime Il foreground lifetime di una Activity si ha tra la chiamata al metodo onresume() e quella al metodo onpause() In questo periodo di tempo l Activity è al di sopra di tutte le altre, è visibile sullo schermo e sta interagendo con l utente Una Activity può transitare frequentemente tra gli stati resumed e paused, ad esempio: onpause() è chiamato quando il dispositivo entra in fase di riposo o quando una nuova Activity viene avviata onresume() è invocato quando il risultato di una Activity o un nuovo Intent vengono consegnati, nonché non appena l Activity inizia ad interagire con l utente A.A

9 Lifecycle Methods (1) oncreate() onstart() invocato quando l Activity è creata per la prima volta è il metodo in cui dovrebbe essere inserito tutto il codice per la fase di setup dell Activity a tale metodo è passato un oggetto Bundle per riportare l'activity nello stesso stato in cui si trovava la precedente istanza dell'activity terminata (se salvato) sempre seguito dal metodo onstart() invocato prima che l Activity sia resa visibile all utente seguito da onresume() se l Activity passa in foreground, oppure onstop() se diventa nascosta onresume() chiamato prima che l Activity cominci l interazione con l utente l Activity è in cima all activity stack, seguito da onpause() A.A

10 Lifecycle Methods (2) onpause() onstop() invocato quando il sistema sta per ripristinare un altra Activity è tipicamente adoperato per confermare cambiamenti a dati persistenti, fermare le animazioni e altre cose che possono consumare CPU e così via seguito da onresume() se l Activity ritorna visibile oppure da onstop() se diventa invisibile all utente l activity in questo stato è killabile da parte del sistema invocato quando l Activity non è più visibile all utente questo può accadere perché l Activity sta per essere distrutta o perché un altra Activity (già esistente o nuova) è stata ripristinata seguito dal metodo onrestart() se l Activity sta ritornando ad interagire con l utente, o dal metodo ondestroy() se l Activity sta per essere eliminata A.A

11 Lifecycle Methods (3) ondestroy() Eseguito alla chiusura e deallocazione dell activity è la chiamata finale che l Activity può ricevere può essere invocato o perché l Activity sta terminando (qualcuno ha chiamato il metodo finish() su di essa) oppure perché il sistema sta temporaneamente distruggendo questa istanza di Activity per recuperare spazio l Activity in questo stato è killabile da parte del sistema Le Activity negli stati killabili (onpause(), onstop(), ondestroy()) possono essere terminate dal sistema in qualsiasi momento, senza che venga eseguito altro codice dell activity onpause() è l unico metodo la cui chiamata è garantita prima che il processo venga terminato A.A

12 Service Un Service non ha un interfaccia utente visiva, ma piuttosto l operazione è eseguita in background per un periodo di tempo indefinito (general-purpose entry point) È possibile connettersi (bind to) ad un Service in esecuzione, oppure avviarlo se esso non è già in esecuzione. Mentre si è connessi è possibile comunicare con il servizio attraverso le API che esso mette a disposizione Esempio: un Service potrebbe riprodurre musica in background mentre l'utente sta utilizzando un applicazione diversa o potrebbe recuperare dati in rete senza bloccare l'interazione con un Activity A.A

13 Service Lifecycle (1) Così come un Activity, un Service ha dei metodi per la gestione del ciclo di vita che è possibile implementare per monitorare i suoi cambiamenti di stato: oncreate() onstartcommand() una data operazione deve essere eseguita in background onbind() stabilire una connessione tra l'applicazione richiedente ed il servizio richiesto ondestroy() A.A

14 Service Lifecycle (2) L intero ciclo di vita di un servizio si ha tra la chiamata al metodo oncreate() e quando il controllo viene restituito dal metodo ondestroy() Come l Activity, un servizio esegue le fasi di setup nel metodo oncreate() e rilascia tutte le risorse nel metodo ondestroy() Esempio: un Service per l ascolto di musica in playback potrebbe creare il servizio che esegue la musica nel metodo oncreate() e quindi stoppare il servizio nel metodo ondestroy() A.A

15 Broadcast Receiver Un Broadcast Receiver è un componente che non fa altro che ricevere e rispondere a messaggi inviati in broadcast, a prescindere dal normale user flow, ma in risposta ad un evento esterno Affinché un Broadcast Receiver venga chiamato non è necessario che la relativa applicazione sia in esecuzione Molti messaggi broadcast sono originati dal sistema (ad esempio hai ricevuto una ), ma una qualsiasi altra applicazione può generare dei broadcast I Broadcast Receiver non espongono un interfaccia utente Possono comunque avviare un Activity in risposta all informazione ricevuta, oppure possono adoperare il Notification Manager per avvertire l utente creando ad esempio una notifica nella barra di stato Più comunemente, però, un Broadcast Receiver è solo un gateway per altri componenti A.A

16 Broadcast Receiver Lifecycle Resta in ascolto di Intent che vengono inviati in broadcast, piuttosto che spediti a singole applicazioni/activity Il sistema consegna un broadcast Intent a tutti i Broadcast Receiver interessati, che lo gestiscono in maniera sequenziale Ha un singolo metodo di callback, onreceive() Quando arriva un messaggio broadcast destinato al Broadcast Receiver, Android chiama il suo metodo onreceive() passandogli l oggetto Intent che contiene il messaggio Il Broadcast Receiver è considerato attivo solo quando sta eseguendo il suo metodo Quando onreceive() restituisce il controllo esso è inattivo A.A

17 Content Provider (1) Un Content Provider rende un insieme specifico dei dati di un applicazione disponibile per le altre applicazioni (set condiviso dei dati di una app) I dati sono solitamente memorizzati nel file system, oppure in un database SQLite. Eventualmente può essere utilizzato anche il web o qualsiasi tipo di memorizzazione persistente. Il Content Provider implementa un insieme standard di metodi che consentono alle altre applicazioni di recuperare e memorizzare dati del tipo che esso gestisce Tuttavia, le applicazioni non chiamano direttamente tali metodi, ma usano i metodi di un oggetto chiamato Content Resolver. Un Content Resolver può comunicare con qualsiasi Content Provider; esso coopera con il provider per fornire le operazioni CRUD (create, retrieve, update, delete) Un Content Provider non è una banale astrazione di un database. E un entry point per un'applicazione che vuole pubblicare i suoi dati associandoli ad un URI. Tale URI viene distribuito ed altre entità possono utilizzarlo per accedere ai dati così condivisi Esempio: il sistema Android fornisce un Content Provider che gestisce le informazioni di contatto dell'utente. Qualsiasi applicazione con le autorizzazioni corrette può interrogarlo, per leggere e scrivere informazioni su una determinata persona. A.A

18 Content Provider (2) I Content Provider espongono i loro dati sottoforma di tabelle di un database, ogni riga è un record e ogni colonna è un dato di particolare tipo e significato Ogni riga ha un ID numerico che identifica univocamente il record all interno della tabella Una query restituisce un oggetto Cursor che può muoversi tra i record e le colonne di un dato record per leggere il contenuto di ciascun campo Ogni Content Provider espone un URI pubblico che identifica univocamente l insieme dei dati che intende condividere A.A

19 Content Provider (3) Un Content Provider che controlla più set di dati (più tabelle) espone un URI separato per ciascuno Tutti gli URI cominciano con la stringa content:// A: indica che i dati sono gestiti da un Content Provider B: la parte che identifica il Content Provider C: utilizzato dal Content Provider per determinare che tipo di dati sono stati richiesti. Se il content provider espone un solo tipo di dati può essere omesso; altrimenti può essere costituito da più segmenti. E il table path. D: l ID di un record specifico A.A

20 Intent (1) Un applicazione Android può includere un qualsiasi numero di Activity Un Activity utilizza il metodo setcontentview( ) per esporre una singola UI tramite cui possono essere realizzate una serie di azioni Le Activity sono indipendenti tra loro; ma in generale cooperano per lo scambio di dati ed eseguire delle azioni Tipicamente, una di esse è designata come principale (main) e quindi verrà mostrata all utente quando l applicazione viene lanciata La Activity interagiscono tra loro in maniera asincrona Lo spostamento da una Activity ad un altra è realizzato creando e passando un Intent Un oggetto corrispondente ad un messaggio col quale si richiede un'azione ad un altro componente dell'applicazione Esempio: l attivazione di una Activity (o anche un servizio o un receiver) A.A

21 Intent (2) La struttura dati dell'intent si compone dell'azione da effettuare e dei dati su cui agire. Gli elementi principali sono: Azioni: l azione built-in che deve essere realizzata (ACTION_VIEW, ACTION_EDIT, ACTION_MAIN, o una qualsiasi azione creata dall utente) Dati: i dati su cui operare, quali ad esempio un numero di telefono da chiamare (espresso come un URI) Ci sono anche altri elementi secondari che è possibile includere (ad esempio extras per i Bundle) A.A

22 Intent (3) Esempio: Possibili coppie azione/dati sono: ACTION_DIAL tel:123 visualizza la tastiera del telefono con il numero specificato inserito ACTION_VIEW visualizza la pagina di Google all interno di un browser. ACTION_EDIT content://contacts/people/2 consente di digitare informazioni circa la persona il cui identificativo è 2 ACTION_VIEW content://contacts/people/2 utilizzato per avviare una activity per la visualizzate informazioni circa la persona il cui identificativo è 2 ACTION_VIEW content://contacts/people/ visualizza una lista di persone, attraverso cui l utente può navigare. La selezione di un particolare contatto da visualizzare genererà un nuovo Intent (ACTION_VIEW content://contacts/people/n) per l avvio di una nuova Activity A.A

23 Intent (4) Il metodo startactivity(intent) avvia una nuova activity, che sarà posizionata in cima all activity stack. Il chiamante continua ad eseguire il suo thread A volte l utente vuole ottenere dei risultati dalla sub-activity richiamata una volta che essa termina Esempio: è possibile avviare un activity che consenta all utente di selezionare una persona da una lista di contatti e, quando essa termina, restituisce la persona che è stata selezionata. Per ottenere una risposta con dei risultati si utilizza il metodo startactivityforresult(intent, requestcodeid) : requestcodeid è un valore arbitrario che identifica la chiamata I risultati possono essere recuperati attraverso il metodo asincrono onactivityresult(requestcodeid, resultcode, Intent) dal nuovo oggetto Intent (separato dal precedente) A.A

24 Esempio 1 Editare un particolare contatto (ID = 8) A.A

25 Esempio 2 Visualizzare una pagina web In generale, potrebbe essere necessario richiedere specifici permission per eseguire un particolare Intent Tali permessi devono essere dichiarati nel manifest.xml A.A

26 Intent Resolution Gli Intent possono essere suddivisi in due gruppi: Espliciti: individuano direttamente il componente a cui sono destinati attraverso il suo nome Impliciti: non utilizzano un nome per il componente target, ma dichiarano un compito che deve essere eseguito, senza conoscere staticamente la classe che lo implementa Per gli Intent impliciti è necessaria una strategia differente, Android deve individuare il miglior componente (o componenti) per gestire l Intent Il contenuto dell oggetto Intent è confrontato con quello dei cosiddetti Intent Filter (strutture associate ai componenti che possono potenzialmente ricevere Intent) I filtri servono a definire le capacità di un componente e a delimitare gli Intent che esso può gestire Se un componente non possiede alcun Intent Filter, può ricevere solo Intent espliciti Esempio: Una Activity che è in grado di mostrare le informazioni di contatto per una persona pubblicherà nel file AndroidManifest.xml un Intent Filter nel quale dirà che sa come gestire l'azione VIEW quando essa è applicata a dati che rappresentano una persona. A.A

27 Bundle (1) Il concetto di Android Bundle è un semplice meccanismo utilizzato per passare dati tra Activity Un Bundle è una collezione di coppie <nome,valore> Esiste un insieme di metodi putxxx e getxxx adoperati per memorizzare e recuperare valori (singoli o vettoriali) di tipi di dato primitivi nei/dai bundle A.A

28 Bundle (2) A.A

Sistemi Mobili e Wireless Android - Intent

Sistemi Mobili e Wireless Android - Intent Sistemi Mobili e Wireless Android - Intent Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Intent Un Intent è sostanzialmente

Dettagli

Introduzione alla programmazione Android. Emanuel Di Nardo

Introduzione alla programmazione Android. Emanuel Di Nardo Introduzione alla programmazione Android 1 Emanuel Di Nardo emanuel.dinardo@gmail.com Architettura di base Insieme software composto da: Sistema operativo Middleware Applicazioni di base Utilizzo del linguaggio

Dettagli

Android. Anatomia di una applicazione

Android. Anatomia di una applicazione Android Anatomia di una applicazione Elementi di base Gli elementi di base per costruire una applicazione Android sono cinque: Activity Intent Broadcast Receiver Service Content Provider 2 Activity (1/3)

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Activity

Sistemi Mobili e Wireless Android Activity Sistemi Mobili e Wireless Android Activity Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Activity Tipicamente, un'activity

Dettagli

Android. Project, Activity, Layout e Toast

Android. Project, Activity, Layout e Toast Android Project, Activity, Layout e Toast ANDROID PROJET Un progetto android è composto da diverse cartelle, ogni cartella può contenere uno o più file. Android_20150310 : cartella principale, contiene

Dettagli

Programmazione. Android

Programmazione. Android Lezioni 4 e 5 Programmazione Android Componenti di un'applicazione AndroidManifest.xml Le Activity Definizione Ciclo di vita Layout & View Interazione Laboratorio 9 e 12 Ottobre 2012 2 Componenti di un'applicazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI ANDROID

SISTEMI OPERATIVI ANDROID SISTEMI OPERATIVI ANDROID Argomenti» Introduzione al sistema Android» Generalità sull architettura del sistema» Architettura a livello Kernel» Architettura a livello applicazione» Gestione dei permessi

Dettagli

Android. Ciclo di vita di Activity, Service e Processi

Android. Ciclo di vita di Activity, Service e Processi Android Ciclo di vita di Activity, Service e Processi Introduzione In questa lezione analizzeremo il ciclo di vita delle Activity e dei Service mettendo in evidenza i criteri utilizzati da Android nella

Dettagli

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Ciclo di vita delle aevità Ogni AcHvity ha dei metodi standard A(vità non esiste 1. oncreate() 2. onstart() 3. onresume() A(vità in esecuzione 4. onpause() 5. onstop() 6. ondestroy() A(vità non esiste

Dettagli

Laboratorio di Reti, Corsi A e B. Text-Twist. Progetto di Fine Corso A.A. 2016/17

Laboratorio di Reti, Corsi A e B. Text-Twist. Progetto di Fine Corso A.A. 2016/17 Laboratorio di Reti, Corsi A e B Text-Twist Progetto di Fine Corso A.A. 2016/17 1.Descrizione del problema Il progetto consiste nello sviluppo di un gioco multiplayer online. All inizio di una partita

Dettagli

@ ITT M. BUONARROTI, TRENTO ANDROID DEVELOPMENT ELEMENTI BASE. RAMAN KAZHAMIAKIN OSCAR GIOVANNI DE

@ ITT M. BUONARROTI, TRENTO ANDROID DEVELOPMENT ELEMENTI BASE. RAMAN KAZHAMIAKIN OSCAR GIOVANNI DE @ ITT M. BUONARROTI, TRENTO ANDROID DEVELOPMENT ELEMENTI BASE RAMAN KAZHAMIAKIN OSCAR ZAMBOTTI @oskarnrk GIOVANNI DE FRANCESCO @jibbolus Sommario 1. Permissions 2. Intent 3. Intent espliciti e impliciti

Dettagli

Introduzione ad Android. Lucidi del corso di Programmazione III A.A. 2015/16

Introduzione ad Android. Lucidi del corso di Programmazione III A.A. 2015/16 Introduzione ad Android Lucidi del corso di Programmazione III A.A. 2015/16 Indice Cellulari e mobile computing Android Applicazioni e loro componenti Activity e loro ciclo di vita Presentazione del tool

Dettagli

Close To Me manuale d'uso. 1. Introduzione.

Close To Me manuale d'uso. 1. Introduzione. Close To Me manuale d'uso 1. Introduzione. Close To Me è un'applicazione per Android l'obiettivo di trovare nuovi amici su Facebook utilizzando il Bluetooth. Si può usare per allargare il vostro "Graph".

Dettagli

WebDisk. TeamPortal - WebDisk

WebDisk. TeamPortal - WebDisk - INDICE Introduzione... 3 1.1 Funzioni disponibili... 4 1.2 Gestione e Consultazione... 4 1.3 Ricerca... 8 1.4 Amministrazione, direttori esterni... 10 2 Introduzione L'applicazione permette di gestire

Dettagli

Android. Android03: Ciclo di vita di una Activity. diegozabot@yahoo.it

Android. Android03: Ciclo di vita di una Activity. diegozabot@yahoo.it Android Android03: Ciclo di vita di una Activity diegozabot@yahoo.it Ciclo di vita Ciclo di vita La classe Activity gestisce i propri stati definendo una serie di eventi che ne governano il ciclo. Spetta

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola Sicurezza e Permission in Android

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola Sicurezza e Permission in Android Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sicurezza e Permission in Android La sicurezza al giorno d oggi è uno degli aspetti più importanti dell informatica!

Dettagli

Riferimento rapido dell'applicazione Novell Filr 2.0 Web

Riferimento rapido dell'applicazione Novell Filr 2.0 Web Riferimento rapido dell'applicazione Novell Filr 2.0 Web Febbraio 2016 Riferimento rapido Questo documento è utile per acquisire familiarità con Novell Filr e per comprendere rapidamente i concetti e i

Dettagli

14Ex-Cap11.qxd :20 Pagina Le macro

14Ex-Cap11.qxd :20 Pagina Le macro 14Ex-Cap11.qxd 21-12-2006 11:20 Pagina 203 11 Le macro Creare le macro Registrare una macro Eseguire una macro Riferimenti assoluti e relativi nelle macro Assegnare un pulsante a una macro Modificare una

Dettagli

Mobile Programming. Prova scritta del 07/04/2016. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica

Mobile Programming. Prova scritta del 07/04/2016. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica Corso di laurea in Informatica Mobile Prof. De Prisco Prova scritta del 07/04/2016 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Domande Punti 1 /10 2 /10 3 /10 4 /10 5 /10 6 /10 7 /10 8 /10 9 /10 10 /10 TOTALE /100 Quesito

Dettagli

Guida i-help App. IOS

Guida i-help App. IOS Guida i-help App. IOS Manuale d uso dell applicazione i-help per dispositivi con sistema operativo IOS Ufficio Tecnico ADiTech S.R.L. 28/09/2016 i-help MAN App IOS rev.02 ADITECH S.R.L INDIRIZZO: VIA GHINO

Dettagli

Architetture Client/Server. Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo

Architetture Client/Server. Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo Basi di Dati Architetture Client/Server D B M G Architettura centralizzata Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo Tutta l intelligenza

Dettagli

Portale ING Commercial Card. Scheda di guida rapida del titolare della carta

Portale ING Commercial Card. Scheda di guida rapida del titolare della carta Portale ING Commercial Card Scheda di guida rapida del titolare della carta Introduzione Questa guida rapida fornisce informazioni sull'utilizzo del portale di ING Commercial Card. Il portale consente

Dettagli

Manuale NoiPA. Modifica Dati Personali

Manuale NoiPA. Modifica Dati Personali Manuale NoiPA Modifica Dati Personali Versione 2.2 Agosto 2016 Indice 1 Introduzione... 3 2 I Dati personali (dati di profilo) su NoiPA... 3 3 L area Modifica dati personali... 4 3.1 Modifica recapiti...

Dettagli

Come aggiornare il firmware sulle stampanti largo formato

Come aggiornare il firmware sulle stampanti largo formato Come aggiornare il firmware sulle stampanti largo formato Canon imageprograf Introduzione Nella vita di una stampante ImagePrograf, possono essere rilasciati nuove versioni di firmware con l intento di

Dettagli

Dell Canvas Palettes. Guida dell'utente

Dell Canvas Palettes. Guida dell'utente Dell Canvas Palettes Guida dell'utente Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: un messaggio N.B. (Nota Bene) indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo del prodotto.

Dettagli

Portale di gestione Version 7.5

Portale di gestione Version 7.5 Portale di gestione Version 7.5 MANUALE DELL AMMINISTRATORE Revisione: 29/08/2017 Sommario 1 Informazioni sul documento...3 2 Informazioni sul portale di gestione...3 2.1 Account e unità... 3 2.2 Browser

Dettagli

Mobile Programming. Prova scritta del 22/01/2016. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica

Mobile Programming. Prova scritta del 22/01/2016. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica Corso di laurea in Informatica Mobile Prof. De Prisco Prova scritta del 22/01/2016 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Domande Punti 1 /10 2 /10 3 /10 4 /10 5 /10 6 /10 7 /10 8 /10 9 /10 10 /10 TOTALE /100 Quesito

Dettagli

Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori

Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori Per impostazione predefinita, i risultati dei moduli vengono salvati

Dettagli

Access 2007 Colonna di ricerca

Access 2007 Colonna di ricerca Pagina 1 di 7 Lezioni on line -> Gestire i dati Access 2007 Colonna di ricerca Quando si riempiono i campi dei record che formano una tabella, può essere utile e comodo poter scegliere, in un elenco dei

Dettagli

Eni S.p.A. Eni ICT. CA Strong Authentication Manuale Utente. CA Strong Authentication User Manual

Eni S.p.A. Eni ICT. CA Strong Authentication Manuale Utente. CA Strong Authentication User Manual Eni S.p.A. Eni ICT CA Strong Authentication CA Strong Authentication User Manual v1.0.b2b.it - 14/03/2017 CA Strong Authentication 2 Eni ICT CA Strong Authentication 3 CA Strong Authentication 4 Eni ICT

Dettagli

Componenti di un sistema operativo

Componenti di un sistema operativo Componenti di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Componenti di un S.O. Gestione dei processi Gestione della memoria primaria Gestione della memoria secondaria

Dettagli

Open Database Connectivity (ODBC)

Open Database Connectivity (ODBC) Open Database Connectivity (ODBC) Open Database Connectivity (ODBC), proposto dalla Microsoft nel 1991, fornisce un interfaccia applicativa standard che permette ad una generica applicazione di accedere

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE GUIDA D USO PER LA REGISTRAZIONE E L ACCESSO Ver 1.6 del 30/01/2009 Pag. 1 INDICE DEI CONTENUTI ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE... 1 GUIDA D USO PER LA REGISTRAZIONE E L

Dettagli

Android. Intent, ListView e Adapter. Corso di programmazione di sistemi mobile 1

Android. Intent, ListView e Adapter. Corso di programmazione di sistemi mobile 1 Android Intent, ListView e Adapter Corso di programmazione di sistemi mobile 1 Intent Uno degli argomenti di maggior interesse nell architettura di Android, è sicuramente costituito dalla possibilità delle

Dettagli

BCM. IP Phone 2001 Nortel Networks Guida per l'utente

BCM. IP Phone 2001 Nortel Networks Guida per l'utente BCM IP Phone 2001 Nortel Networks Guida per l'utente N. parte N0027308 01 21 marzo 2005 Operazioni preliminari 3 IP Phone 2001 di Nortel Networks consente di gestire messaggi vocali e dati dal desktop.

Dettagli

Lab 1: Java Multithreading

Lab 1: Java Multithreading Dept. of Computer Science Lab 1: Java Multithreading Matteo Camilli matteo.camilli@unimi.it Laboratorio di Sistemi Operativi a.a. 2015/16 Università degli Studi di Bergamo 1 Outline Programmazione multithreading

Dettagli

Per accedere alla funzione Interroga pagamenti di Bristol Myers- Squibb, avviare il browser di Internet normalmente utilizzato.

Per accedere alla funzione Interroga pagamenti di Bristol Myers- Squibb, avviare il browser di Internet normalmente utilizzato. Per accedere alla funzione Interroga pagamenti di Bristol Myers- Squibb, avviare il browser di Internet normalmente utilizzato. Nel campo indirizzo del browser, digitare http://supplierlink.bms.com/ quindi

Dettagli

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software:

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: Il Software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti

Dettagli

Il significato di (quasi) tutte le icone dei nuovi Lumia

Il significato di (quasi) tutte le icone dei nuovi Lumia Il significato di (quasi) tutte le icone dei nuovi Lumia La barra di stato Toccando la parte alta dello schermo compariranno le informazioni sulla connessione di rete, sulla forza del segnale, sul livello

Dettagli

Guida all accesso per gli ospiti

Guida all accesso per gli ospiti Guida all accesso per gli ospiti Ricerca della rete Wi-Fi e connessione Giunto nelle aree della location coperte da segnale Wi-Fi, l ospite dovrà per prima cosa connettere il proprio dispositivo alla rete

Dettagli

Windows. La prima realizzazione di un ambiente grafico si deve alla Apple (1984) per il suo Macintosh. La gestione dei file conserva la logica del DOS

Windows. La prima realizzazione di un ambiente grafico si deve alla Apple (1984) per il suo Macintosh. La gestione dei file conserva la logica del DOS Windows La prima realizzazione di un ambiente grafico si deve alla Apple (1984) per il suo Macintosh La gestione dei file conserva la logica del DOS Funzionalità di un S.O. Gestione dei file Gestione dei

Dettagli

Fiat Group Purchasing Supplier Quality SQP Manuale Utente Versione 1, Novembre 2008

Fiat Group Purchasing Supplier Quality SQP Manuale Utente Versione 1, Novembre 2008 SQP Riferimenti fornitore Versione 1, Novembre 2008 Indice argomenti 1. Versione documento... 2 2. Cosa si intende per Riferimento Fornitore... 3 3. Configurazione dei ruoli aziendali... 4 4. Ruoli aziendali

Dettagli

IL MIGLIORE AMICO DEL CAMERIERE

IL MIGLIORE AMICO DEL CAMERIERE IL MIGLIORE AMICO DEL CAMERIERE CHE COS È DAAVAJ Daavaj è l applicazione gratuita per dispositivi mobili che consente ai clienti di fare le ordinazioni dai tavoli con una piatta forma gratuita per la gestione

Dettagli

Uso del pannello operatore

Uso del pannello operatore Questa sezione fornisce informazioni sul pannello operatore della stampante, sulla modifica delle impostazioni e sui menu del pannello operatore. È possibile modificare la maggior parte delle impostazioni

Dettagli

SISTEMA GESTIONE TOMBINI

SISTEMA GESTIONE TOMBINI SISTEMA GESTIONE TOMBINI Il sistema offre funzionalità di rilievo sul campo e censimento dei tombini presenti sulle strade comunali per mezzo di una App dedicata. Il rilievo è basato sul posizionamento

Dettagli

Services. Servizi. Componen8 che avviano operazioni in background. Specializzazioni della classe Context

Services. Servizi. Componen8 che avviano operazioni in background. Specializzazioni della classe Context Services Programmazione di disposi8vi mobili - v1.0 1 Servizi Componen8 che avviano operazioni in background i loro thread sopravvivono di più di quelli delle ac8vity nascoste Specializzazioni della classe

Dettagli

Configurazione degli Avvisi di Sistema. Mike McBride Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione e revisione del documento: Luigi Toscano

Configurazione degli Avvisi di Sistema. Mike McBride Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione e revisione del documento: Luigi Toscano Configurazione degli Avvisi di Sistema Mike McBride Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione e revisione del documento: Luigi Toscano 2 Indice 1 Configurazione degli Avvisi di Sistema 4 1.1

Dettagli

Mobile Programming. Prova scritta del 10/02/2017. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica

Mobile Programming. Prova scritta del 10/02/2017. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica Corso di laurea in Informatica Mobile Prof. De Prisco Prova scritta del 10/02/2017 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Domande Punti 1 /10 2 /10 3 /10 4 /10 5 /10 6 /10 7 /10 8 /10 9 /10 10 /10 TOTALE /100 Quesito

Dettagli

Funzioni Principali dell APP ENTR

Funzioni Principali dell APP ENTR Funzioni Principali dell APP ENTR 1. Impostare il proprietario 2. Trovare la serratura 3. Chiudere/Riaprire 4. Menù 5. Aggiungere un utente 6. Gestione dell utente 7. Ottenere la chiave 8. Cancellare una

Dettagli

GENERA AMBIENTE MANUALE PER L'UTENTE

GENERA AMBIENTE MANUALE PER L'UTENTE GENERA AMBIENTE MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 17 Indice 1 Introduzione... 3 2 Genera chiavi... 4 3 Blocco chiavi... 9 4 Copia dispositivo di firma... 11 4.1 Messaggi di Errore in fase di Genera Chiave...

Dettagli

Il problema dello I/O e gli Interrupt. Appunti di Sistemi per la cl. 4 sez. D A cura del prof. Ing. Mario Catalano

Il problema dello I/O e gli Interrupt. Appunti di Sistemi per la cl. 4 sez. D A cura del prof. Ing. Mario Catalano Il problema dello I/O e gli Interrupt Appunti di Sistemi per la cl. 4 sez. D A cura del prof. Ing. Mario Catalano Il Calcolatore e le periferiche Periferica Decodifica Indirizzi Circuiti di Controllo Registri

Dettagli

La Back Office Console consente di costruire lo scheletro degli schema.

La Back Office Console consente di costruire lo scheletro degli schema. BACK OFFICE CONSOLE 1.1 Introduzione 3 1.2 Creazione di uno Schema 4 1.2.1 Struttura dello Schema 5 1.2.2 Caratteristiche dei campi 6 1.2.3 Traduzioni 8 1.3 Ricerca degli schema 8 1.4 Gestione delle Categorie

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione. Cursori. Cursori. L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi:

SQL e linguaggi di programmazione. Cursori. Cursori. L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi: SQL e linguaggi di programmazione L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi: in modo interattivo col server attraverso interfacce o linguaggi ad hoc legati a particolari DBMS attraverso i

Dettagli

Documento di Analisi. Mockup

Documento di Analisi. Mockup Documento di Analisi Studente: Marco Micera Matricola: 502797 Mockup Breve descrizione Questa semplice applicazione consente all utente di visualizzare le proprie spese finanziarie. A seconda del periodo

Dettagli

Esecuzione di chiamate vocali Esecuzione di una chiamata vocale utilizzando la tastiera 1.

Esecuzione di chiamate vocali Esecuzione di una chiamata vocale utilizzando la tastiera 1. Accensione di Avaya A175 Desktop Video Device Per accendere Avaya A175 Desktop Video Device, tenere premuto il pulsante di alimentazione situato sul lato del dispositivo, sino a quando viene visualizzato

Dettagli

IP150 (cod. PXDIP15)

IP150 (cod. PXDIP15) Modulo Internet IP150 (cod. PXDIP15) Manuale utente Distribuzione apparecchiature sicurezza Introduzione Il modulo internet IP150 è un modulo di comunicazione su Internet che Vi permette di controllare

Dettagli

Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A.

Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A. CONI SERVIZI S.P.A. Largo Lauro De Bosis n 15, 00135 Roma Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A. Istruzioni operative portale per la formulazione della risposta alla RDO on line Codice Gara_50_RdO_93

Dettagli

a) Strumento TOSHIBA HDD Recovery

a) Strumento TOSHIBA HDD Recovery 1 di 28 01/08/2011 13:09 TOSHIBA Procedura HTD1303440001R01 Come si ripristina un notebook Toshiba con la procedura HDD Recovery Dettagli del documento: - Sistema operativo: Windows 7-32 bit, Windows 7-64

Dettagli

OT Message Center per smartphone Android

OT Message Center per smartphone Android OT Message Center per smartphone Android Guida per l'utente OpenTouch Message Center OpenTouch Business Edition OpenTouch Mutimedia Services R2.2 1646 1. INTRODUZIONE 7-3 2. AVVIARE L'APPLICAZIONE 2-3

Dettagli

Business Communications Manager Telefono Internet i2002 Scheda per l'utente

Business Communications Manager Telefono Internet i2002 Scheda per l'utente N. parte P0995238 01 Business Communications Manager Telefono Internet i2002 Scheda per l'utente Operazioni preliminari 3 Il telefono Internet i2002 di Business Communications Manager consente di gestire

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA - CT0090 INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2016/2017 ARRIFORNISCETE. Documento di Analisi e Specifica 1.

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA - CT0090 INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2016/2017 ARRIFORNISCETE. Documento di Analisi e Specifica 1. UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA - CT0090 INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2016/2017 ARRIFORNISCETE Documento di Analisi e Specifica 1.1 TEAM CODROT 853540 BONOTTO MIRKO 854763 CERVELLIN GIULIO 853780 ROSSETTO MOSE

Dettagli

AREAS Accessi. Sistema Prenotazione Cittadino

AREAS Accessi. Sistema Prenotazione Cittadino AREAS Accessi Sistema Prenotazione Cittadino INDICE 1. Introduzione 2. Registrazione - Login 3. Menu - Scelta operazione Prenotazione ON-LINE con ricetta rossa Prenotazione ON-LINE con ricetta elettronica

Dettagli

Lettura da tastiera e scrittura su monitor

Lettura da tastiera e scrittura su monitor Lettura da tastiera e scrittura su monitor Per poter leggere UN SINGOLO CARATTERE dalla tastiera e visualizzare UN SINGOLO CARATTERE sul monitor si possono utilizzare le funzioni: int getchar (void) (per

Dettagli

Cosa sono i report. Prof. Emanuele Papotto 05/10/2010

Cosa sono i report. Prof. Emanuele Papotto 05/10/2010 Prof. Emanuele Papotto Cosa sono i report Nei database, gli elenchi di g informazioni pronti per essere stampati (nella figura a fianco l elenco dei cantanti), vengono chiamati report (rapporti) 1 A cosa

Dettagli

Guida Google Cloud Print

Guida Google Cloud Print Guida Google Cloud Print Versione 0 ITA Definizioni delle note Nella presente guida dell'utente viene utilizzato il seguente stile di note: La Nota spiega come rispondere a una situazione che potrebbe

Dettagli

WINKHOUSE Tutorial 7 Prospettiva Agenda

WINKHOUSE Tutorial 7 Prospettiva Agenda WINKHOUSE Tutorial 7 Prospettiva Agenda tutorials@winkhouse.org 1. Introduzione : La prospettiva Agenda consente di gestire ed archiviare gli appuntamenti durante le giornate di lavoro. Consente sia la

Dettagli

Indice generale. Prefazione...xiii. Introduzione...xv. Android e Java per Android...1

Indice generale. Prefazione...xiii. Introduzione...xv. Android e Java per Android...1 Indice generale Prefazione...xiii Introduzione...xv Ringraziamenti...xviii Capitolo 1 Capitolo 2 Android e Java per Android...1 Cos è Android... 2 Architettura di Android... 2 La Dalvik Virtual Machine...

Dettagli

Guida per l utilizzo della WEB COMMUNITY

Guida per l utilizzo della WEB COMMUNITY Guida per l utilizzo della WEB COMMUNITY Procedura informatica ESSE3 Versione 1.0 Autore Stato Revisore Gruppo di lavoro ESSE3 Rivisto Capo Ufficio Data 09/05/2011 Distribuito a: Docenti dell Ateneo Gruppo

Dettagli

Business Communications Manager Telefono Internet i2004 Scheda per l'utente

Business Communications Manager Telefono Internet i2004 Scheda per l'utente N. parte P0995226 01 Business Communications Manager Telefono Internet i2004 Scheda per l'utente Operazioni preliminari 3 Il Telefono Internet i2004 di Business Communications Manager consente di gestire

Dettagli

Capitolo 2: Strutture dei sistemi di calcolo

Capitolo 2: Strutture dei sistemi di calcolo Capitolo 2: Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento di un sistema di calcolo Struttura di I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Architetture di protezione Struttura delle reti di calcolatori

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 4.0 del 03/07/2015 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

INTEGRAZIONE CON COMUNICA STARWEB

INTEGRAZIONE CON COMUNICA STARWEB INTEGRAZIONE CON COMUNICA STARWEB COMUNICA STARWEB è lo strumento che consente, attraverso un unico processo amministrativo, di assolvere parte degli adempimenti amministrativi, fiscali, previdenziali

Dettagli

Capitolo 4: Tabelle. y(x) = x 3 ì 2x. Capitolo 4: Tabelle 67. Nota: le tabelle non sono disponibili nel modo di rappresentazione grafica 3D.

Capitolo 4: Tabelle. y(x) = x 3 ì 2x. Capitolo 4: Tabelle 67. Nota: le tabelle non sono disponibili nel modo di rappresentazione grafica 3D. Capitolo 4: Tabelle 4 Definizione di tabelle...68 Panoramica della procedura per generare una tabella...69 Impostazione dei parametri di tabella...70 Visualizzazione di una tabella in modo automatico...72

Dettagli

Valutazione del personale

Valutazione del personale VELA Valutazione del personale Pubblicazione: 17/09/2007 Pagine: 1/15 Indice 1. Descrizione generale interfaccia...3 2. Accesso al programma...5 3 Input...7 3.1 Input - Personale del CdR...7 3.2 Input

Dettagli

MANUALE UTENTE SERVIZIO. Metel CloudEDI. Attivazione relazioni

MANUALE UTENTE SERVIZIO. Metel CloudEDI. Attivazione relazioni MANUALE UTENTE SERVIZIO Metel CloudEDI Attivazione relazioni Pagina 1 di 9 Sommario MANUALE UTENTE... 1 1. Accesso al servizio... 3 1.1. Login... 3 2. FUNZIONI APPLICATIVE... 4 2.1 Profilo personale...

Dettagli

AiM Manuale Utente. Race Studio 3 Track Manager. Versione 1.00

AiM Manuale Utente. Race Studio 3 Track Manager. Versione 1.00 AiM Manuale Utente Race Studio 3 Track Manager Versione 1.00 1 Introduzione Track Manager è la sezione del software Race Studio 3 dedicata alla gestione delle piste. Qui è possibile creare nuove piste,

Dettagli

Scheda delle funzioni SWCA (System-wide Call Appearance)

Scheda delle funzioni SWCA (System-wide Call Appearance) Scheda delle funzioni SWCA (System-wide Call Appearance) N. parte N0069071 Novembre 2005 Informazioni sui tasti SWCA (System-wide Call Appearance) Linea 1 Linea 2 SWCA1 SWCA2 SWCA3 Utilizzare la funzione

Dettagli

Manuale NoiPA. Guida all accesso del Portale NoiPA

Manuale NoiPA. Guida all accesso del Portale NoiPA Manuale NoiPA Guida all accesso del Portale NoiPA Versione 1.0 Settembre 2016 Indice 1 Introduzione... 3 2 Modalità di primo accesso... 3 2.1 La convalida dell indirizzo e-mail... 3 2.2 Definizione e cambio

Dettagli

Utilizzo di Fiery WebSpooler

Utilizzo di Fiery WebSpooler 20 Utilizzo di Fiery WebSpooler Fiery WebSpooler duplica molte delle funzioni e delle caratteristiche di Command WorkStation. WebSpooler consente di controllare e gestire i lavori da più piattaforme su

Dettagli

Questo materiale è reperibile a questo indirizzo: PAS

Questo materiale è reperibile a questo indirizzo:  PAS Questo materiale è reperibile a questo indirizzo: http://diego72.altervista.org/ PAS Comunicazione elettronica - Libero Posta elettronica Libero Mail Accedere a Libero Mail Accedi da qui Link pagina Pagina

Dettagli

Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android

Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android Anno Accademico 2010\11 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato

Dettagli

Cosa sono le maschere

Cosa sono le maschere Prof. Emanuele Papotto Cosa sono le maschere La maschera è un oggetto di database che viene realizzato per mostrare, modificare e immettere i record in modo più chiaro rispetto alla visualizzazione foglio

Dettagli

PREMESSA... 3 ENTE 1.1 PERIODI... 5 ENTE 2.1 MISURAZIONI... 7 ENTE 3.1 GESTIONE STATI ENTE 4.1 REPORTISTICA... 22

PREMESSA... 3 ENTE 1.1 PERIODI... 5 ENTE 2.1 MISURAZIONI... 7 ENTE 3.1 GESTIONE STATI ENTE 4.1 REPORTISTICA... 22 Sommario PREMESSA... 3 ENTE 1.1 PERIODI... 5 ENTE 2.1 MISURAZIONI... 7 ENTE 3.1 GESTIONE STATI... 16 ENTE 4.1 REPORTISTICA... 22 VERIFICATORE 1.1 PERIODI... 24 VERIFICATORE 2.1 MISURAZIONI... 27 VERIFICATORE

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2016-17 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 25-10-2016 Definizione di processo Esiste una distinzione concettuale

Dettagli

Guida rapida Supercordless

Guida rapida Supercordless Guida rapida Supercordless Vodafone Power to you Indice Indice Introduzione 3 Panoramica del telefono 4 Gestione delle chiamate 6 Effettuare una chiamata 6 Risposta o rifiuto di una chiamata 6 Trasferimento

Dettagli

Stampa unione II: Utilizzare la barra multifunzione ed eseguire una stampa unione avanzata

Stampa unione II: Utilizzare la barra multifunzione ed eseguire una stampa unione avanzata Stampa unione II: Utilizzare la barra multifunzione ed eseguire una stampa unione avanzata Utilizzare la barra multifunzione per eseguire una stampa unione Utilizzare la scheda Lettere sulla barra multifunzione

Dettagli

Ogni PC, per iniziare a lavorare, ha bisogno di un sistema operativo. Infatti questo è il primo programma che viene eseguito e che permette

Ogni PC, per iniziare a lavorare, ha bisogno di un sistema operativo. Infatti questo è il primo programma che viene eseguito e che permette Ogni PC, per iniziare a lavorare, ha bisogno di un sistema operativo. Infatti questo è il primo programma che viene eseguito e che permette all'utente e ai programmi di gestire i dispositivi e le periferiche

Dettagli

Symantec IT Management Suite 8.0 powered by Altiris technology

Symantec IT Management Suite 8.0 powered by Altiris technology Symantec IT Management Suite 8.0 powered by Altiris technology Aggiungere un modulo di ServiceDesk Durante il processo di installazione iniziale, è possibile selezionare i moduli di ServiceDesk da installare.

Dettagli

Bootstrap. Bootstrap. Shutdown. Struttura di un SO. Elementi principali di un SO:

Bootstrap. Bootstrap. Shutdown. Struttura di un SO. Elementi principali di un SO: Bootstrap Bootstrap All accensione di un calcolatore vengono attivati programmi di diagnostica scritti nella ROM (Read Only Memory) che verificano l assenza di guasti Poi viene attivato il programma di

Dettagli

Sistemi Operativi. La gestione delle risorse

Sistemi Operativi. La gestione delle risorse Sistemi Operativi La gestione delle risorse Introduzione Il sistema operativo ha il compito di fornire la gestione dell hardware ai programmi dell utente. Utente utilizza i programmi applicativi Programmi

Dettagli

Architettura Applicativa

Architettura Applicativa Architettura Applicativa Architettura Applicativa... 1 Modello concettuale di una applicazione... 1 Realizzazione di una applicazione... 2 Architettura Applicativa... 2 Anatomia di un'applicazione... 2

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Programmazione I e Laboratorio Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7

Dettagli

Riproduzione multimediale in Windows Phone. Brando Mordenti Matricola

Riproduzione multimediale in Windows Phone. Brando Mordenti Matricola Riproduzione multimediale in Windows Phone Brando Mordenti Matricola 661278 INTRODUZIONE In questa tesina sarà sviluppato un discorso sulle linee guida per creare un app multimediale elaborata per Windows

Dettagli

Per capire cos è un oggetto prendiamo spunto dalla vita reale: un oggetto è un automobile, un computer, una casa, e così via

Per capire cos è un oggetto prendiamo spunto dalla vita reale: un oggetto è un automobile, un computer, una casa, e così via Introduzione alle Classi / Oggetti Per capire cos è un oggetto prendiamo spunto dalla vita reale: un oggetto è un automobile, un computer, una casa, e così via Un oggetto può essere definito elencando

Dettagli

Guida rapida. Versione 9.0. Moving expertise - not people

Guida rapida. Versione 9.0. Moving expertise - not people Guida rapida Versione 9.0 Moving expertise - not people Copyright 2006 Danware Data A/S. Parti utilizzate da terzi con licenza. Tutti i diritti riservati Revisione documento: 2006080 Inviare commenti a:

Dettagli

Plantview Usernames

Plantview Usernames Plantview 3.9.2 Usernames Come creare e gestire più username all'interno di un account Indice del documento Sommario Indice del documento 2 Prefazione 3 Utenti dell account 4 I contatti 4 Creare un contatto

Dettagli

Direzione Didattica e Servizi agli Studenti. Centro Linguistico e Risorse Digitali per la Didattica DIDATTICA ONLINE IL FORUM

Direzione Didattica e Servizi agli Studenti. Centro Linguistico e Risorse Digitali per la Didattica DIDATTICA ONLINE IL FORUM IL FORUM 1. Impostazioni generali Il forum è un ambiente per la comunicazione asincrona, permette cioè ai partecipanti di inviarsi messaggi in uno spazio condiviso senza necessariamente essere online nello

Dettagli

ITIS Morosini apunti sulle GoogleApps APPUNTI SU

ITIS Morosini apunti sulle GoogleApps APPUNTI SU APPUNTI SU Table of Contents PREMESSA...2 ATTIVAZIONE E PRIMO ACCESSO...2 UTILIZZO DELLE APPLICAZIONI...3 UTILIZZO DAL CELLULARE...3 POSTA ELETTRONICA...4 DRIVE...5 CONDIVISIONE DI UN FILE O UNA CARTELLA...5

Dettagli

Telefono analogico Guida per l'utente. N. parte P febbraio 2004

Telefono analogico Guida per l'utente. N. parte P febbraio 2004 Telefono analogico Guida per l'utente N. parte P0609356 01 25 febbraio 2004 2 Guida per l'utente del telefono analogico Copyright 2004 Nortel Networks Tutti i diritti riservati. 2004. Le informazioni contenute

Dettagli

Procedura aggiornamento firmware

Procedura aggiornamento firmware Procedura aggiornamento firmware Sommario Introduzione... 3 Caratteristiche versione firmware... 3 Strumentazione necessaria e requisiti di base... 3 Procedura aggiornamento... 4 Appendice... 6 Connessione

Dettagli