A NUMERAZIONE DEI SENTIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A NUMERAZIONE DEI SENTIERI"

Transcript

1 ALLEGATI ALLA LEGGE SUI SENTIERI Allegato A NUMERAZIONE DEI SENTIERI Cartografia della Regione Calabria in scala 1: con indicazione dei settori relativi alla pianificazione numerale dei sentieri e la codifica dei gruppi montuosi Per la numerazione dei sentieri viene adottata la pianificazione nazionale e la codifica dei gruppi montuosi redatti dalla Commissione Centrale Escursionismo del Club Alpino Italiano, recepiti dal CAI Calabria e diramati agli EE.LL. interessati nel marzo La pianificazione è basata sulla divisione del territorio regionale in 9 (nove) settori indicati nella cartografia allegata e corrispondenti ad altrettanti gruppi montuosi. Ai sentieri inseriti nel Catasto Regionale è assegnato un numero a tre cifre. La prima delle quali individua il settore di appartenenza e le altre due il numero del sentiero di quel settore. Ad esempio nel settore n. 1 saranno presenti i sentieri numerati dal 101 al 199 pertanto ogni settore dispone potenzialmente di 100 itinerari. 9 POLLINO 6 ORSOMARSO 8 CATENA COSTIERA 5 SILA GRECA 4 SILA GRANDE 3 SILA PICCOLA 7 SERRE 2 DOSSONE DELLA MELIA 1 ASPROMONTE Allegato B SEGNALETICA L insieme delle tabelle e segnavia di segnalazione riveste sui sentieri un ruolo paritetico alla segnaletica viaria sulle strade; dalle indicazioni ivi riportate dipendono spesso le decisioni degli escursionisti, specialmente quando non hanno familiarità con i luoghi attraversati. Indicando le prossime mete di destinazione del percorso escursionistico, le tabelle donano a chi le consulta la necessaria certezza, soprattutto quando si è preda del dubbio, del sospetto di essere fuori rotta. La pubblica utilità della segnaletica è dunque palese, perciò va adeguatamente affissa, mantenuta, protetta e difesa. Inoltre, diventa anche strumento di pianificazione del territorio soprattutto nelle aree protette poiché è sui sentieri segnati che vengono indirizzati gli escursionisti a frequentare quello specifico territorio, valorizzandolo e tutelandolo al tempo stesso. La segnaletica è di due tipi: segnaletica verticale (o principale) è generalmente costituita dalle tabelle direzionali poste all inizio del percorso e agli incroci con altri itinerari o con altra viabilità. Contiene informazioni sulle località di posa con nome e quota del luogo e sulle destinazioni (meta ravvicinata, intermedia e di itinerario) con i relativi tempi di percorrenza (facoltativi) e numero di sentiero. 1

2 Altri tipi di tabelle posso recare informazioni di varia natura per sentieri tematici, di avvertenza ( non uscire dal sentiero ) segnaletica orizzontale (o secondaria) è costituita da segnavia a vernice di colore bianco rosso (detta fettuccia ) o rosso bianco rosso (detta bandierina contente il numero del sentiero) posti all inizio e lungo il percorso, su sassi o piante, utilizzati per fornire informazione di continuità e conferma del tracciato. B.2 LA SEGNALETICA VERTICALE B.2.1 TABELLA DIREZIONALE Questo segnale, posto all inizio e al termine degli itinerari e agli snodi più importanti, può essere destro o sinistro e contiene all interno le seguenti informazioni: A) nel retro: - bandiera tripartita orizzontale dall alto rosso-bianco-rosso che rappresenta cromaticamente i percorsi escursionistici (richiamano il segnale orizzontale a bandiera ), - nella ripartizione centrale bianca il numero dell itinerario che si sta percorrendo; B) nella parte centrale: - l indicazione delle località che si raggiungeranno (3 opportunità: meta ravvicinata, meta intermedia e meta d itinerario); - i rispettivi tempi di percorrenza; C) nella punta (di colore rosso): - opzionale - l eventuale indicazione di cifra o logo per i percorsi di lunga percorrenza; tale logo può avere come rappresentazione un grafo (es. il logo di un area protetta) oppure una sigla (es. SI per Sentiero Italia) 2

3 Dimensioni: 15 cm x 55 cm x 2 cm (spessore) Materiale: può essere plastico (es. Forex), legno, metallo o la combinazione di questi. Colorazione: - fondo: bianco (preferibile), tinta legno, materiale metallico. - bandiera e punta: rosso (RAL 3000) Scritte: in nero incise o stampate in carattere Arial. B.2.2 TABELLA DI LOCALITA Le informazioni affisse al palo che regge le frecce direzionali possono essere integrate da tabelle che contengono il toponimo e la quota delle località in cui è collocato il luogo di posa. Questa informazione, tuttavia, per avere uno uso pratico e di importanza fondamentale in caso di smarrimento o di pessime condizioni meteo, deve avere un identico riscontro nella cartografia di riferimento. Dimensioni: 15 cm x 25 cm x 2 cm (spessore) Materiale: può essere plastico (es. Forex), legno, metallo o la combinazione di questi. Colorazione: tinta legno, materiale metallico oppure bianca. Scritte: in nero incise o stampate in carattere Arial. 3

4 B.2.3 TABELLA INFORMATIVA Questa tabella può recare vari tipi di informazioni a seconda dell uso che se ne vuol fare. Quindi può dare semplici suggerimenti per esempio in prossimità di scorciatoie per evitare la fastidiosa abitudine degli escursionisti a rovinare il tracciato con il taglio di tornanti, oppure informazioni di natura ambientale per invitare all osservazione, a stimolare lo studio, la conoscenza, la valorizzazione, la tutela dei luoghi visitati. Anch esso può recare un logo ed indicare il numero di sentiero che si sta percorrendo. Dimensioni: 15 cm x 25 cm x 2 cm (spessore) Materiale: può essere plastico (es. Forex), legno, metallo o la combinazione di questi. Colorazione: tinta legno, materiale metallico oppure bianca. Scritte: in nero incise o stampate in carattere Arial. B.2.4 CRITERI DI COLLOCAZIONE DEI LUOGHI DI POSA Nel momento in cui si stabilisce la necessità di collocazione di un luogo di posa, diventa molto importante rispettare i seguenti tre criteri fondamentali: 1. la collocazione nei posti indispensabili Si inizia da dove parte il sentiero, che solitamente coincide con una fermata dei mezzi pubblici, un parcheggio del paese e qui serve per dare la giusta direzione. Proseguendo, è necessaria sugli incroci principali con altri itinerari ed infine ci vuole anche alla meta di destinazione per indicare la direzione di ritorno. Le tabelle non vanno affisse sugli alberi. Qualora già sussistano sul posto supporti per la possibile affissione (pali), è buona norma contattare il rispettivo titolare 4

5 ed ottenere la preliminare autorizzazione. In caso di pascoli o zone di transito di animali di grossa taglia (cavalli, bovini) occorre proteggere il palo con una corona di massi alla base sufficientemente larga da impedire l avvicinarsi dell animale. È sempre doveroso predisporre che il palo sia ben piantato e non possa ruotare su se stesso, magari con l inserimento di un chiodo trasversale da affogare nel buco con il materiale di riempimento. 2. la visibilità immediata La scelta della posizione è fondamentale: la segnaletica deve essere visibile a colpo d occhio, non la si deve cercare. Tuttavia, occorre tenere presente che non deve essere di intralcio al cammino, ne in posizione esposta o, laddove non è necessario, particolarmente impattante visivamente. È buona norma non addossarla a manufatti della cultura materiale (cappelle votive, maestà, cippi confinari, ecc.) presenti sul posto e generalmente collocati strategicamente sul percorso, ma discretamente collocati nelle vicinanze. 3. la facilità di lettura. Dimensioni, colori, caratteri della tabella sono definiti e condivisi. Rimane facoltà dell installatore stabilire l ordine di collocazione sul palo. La praticità di consultazione da parte degli escursionisti, la sicurezza e la prevenzione da danni da intemperie suggeriscono una determinata strategia di affissione. Le indicazioni, inoltre, devono essere visibili all escursionista stando sul percorso, senza costringerlo a trotterellare attorno la palo. I tre accorgimenti tecnici da tenere sempre presenti sono: a) la distanza tra una tabella e l altra deve essere pari allo spessore della tabella stessa (per evitare l effetto vela in caso di forte vento); b) la eventuale tabella di località va affissa per ultima e sempre in basso; c) la tabella che maggiormente sporge verso il tracciato deve essere collocata all apice del palo (per evitare urti da parte di coloro che percorrono l itinerario). d) la tabella che maggiormente sporge verso il tracciato deve essere collocata all apice del palo (per evitare urti da parte di coloro che percorrono l itinerario). Inoltre, se le condizioni ambientali lo permettono, il palo va collocato in modo che il massimo ingombro dello stesso sporga a non meno di 50 cm dal bordo del sentiero. 5

6 Ulteriori suggerimenti: - potrebbe essere utile collocare in testata al palo un coperchietto metallico o di plastica per evitare la infiltrazione di acqua, soprattutto durante lo scioglimento della neve, all interno del palo stesso. - potrebbe essere utile apporre sul palo il numero del luogo di posa (inciso oppure scritto a vernice oppure collocando una piastrina recante il numero) in modo da identificarlo in caso di manutenzione. Questo aspetto sarà chiarito più avanti quando si parlerà di registrazione del luogo di posa. B.3 LA SEGNALETICA ORIZZONTALE B.3.1 SEGNAVIA SEMPLICE (FETTUCCIA) È usato per indicare la continuità del sentiero; va posto nelle immediate vicinanze dei bivi e ogni metri se il sentiero è evidente e senza possibili dubbi di incroci secondari, altrimenti a distanza più ravvicinata, tenendo in considerazione le caratteristiche ambientali e l inserimento rispettoso del luogo, pur non sacrificandone la visibilità. Dimensioni: 8 cm x 15 cm 6

7 Colorazione: bianco sopra, rosso sotto Materiali: vernice bianco tipo smalto lucido ad olio o nitro per esterni rosso codice RAL 3000 B.3.2 SEGNAVIA A BANDIERA Va posto all inizio del sentiero e lungo il percorso dove è utile confermare la giusta continuità dell itinerario numerato (per esempio in presenza di altra viabilità oppure nei lunghi tracciati in assenza di frecce direzionali). Negli incroci va posto nell immediatezza del palo all imbocco del sentiero, tenendo presente che, in caso di danneggiamento o asportazione della freccia direzionale, sarà il segnavia ad indicare la direzione. Lo spazio bianco recherà la numerazione ovviamente del sentiero che si percorre e, in caso di sovrapposizione di più sentieri, la numerazione degli stessi. Dimensioni: 8 cm x 15 cm Colorazione: bianco al centro, rosso ai lati, numerazione in nero Materiali: vernice bianco tipo smalto lucido ad olio o nitro per esterni rosso codice RAL 3000 numero in nero con pennarelli a vernice alla nitro B.3.3 PICCHETTO SEGNAVIA Nelle radure, terreni aperti e pascolivi privi di elementi naturali di riferimento sui quali è possibile apporre i tradizionali segnavia a pennello e dove possa risultare difficile l orientamento, è possibile collocare i picchetti segnavia. Si tratta di picchetti di legno che recano nella parte superiore la colorazione bianco rossa a simulare una fettuccia oppure rosso bianco rossa. Nella parte bianca può recare la numerazione del percorso. Nella parte sommitale è bene collocare un coperchietto di metallico o di plastica per evitare infiltrazioni di acqua. 7

8 Dimensioni: 6-8 cm di diametro; altezza cm (interrato per circa cm e trattato con catramino o con punta bruciata). Colorazione: bianco sopra, rosso sotto oppure, dall alto, rosso bianco rosso. Materiali: paletto: legno vernice: bianco tipo smalto lucido ad olio o nitro per esterni rosso codice RAL 3000 numero in nero con pennarelli a vernice alla nitro 8

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco;

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco; ALLEGATO 2 Criteri standard per la Segnaletica Verticale previsti dalla Commissione Centrale per l'escursionismo del CAI fatti propri dal DPGRT 61/R/2006 (Regolamento di attuazione della LR 17/1998 RET

Dettagli

MODELLI PER LA SEGNALETICA DA UTILIZZARE SUI SENTIERI INTERESSATI DALL INIZIATIVA MANUTENZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA MONTAGNA LOMBARDA

MODELLI PER LA SEGNALETICA DA UTILIZZARE SUI SENTIERI INTERESSATI DALL INIZIATIVA MANUTENZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA MONTAGNA LOMBARDA MODELLI PER LA SEGNALETICA DA UTILIZZARE SUI SENTIERI INTERESSATI DALL INIZIATIVA MANUTENZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA MONTAGNA LOMBARDA 1 SEGNALETICA ESCURSIONISTICA La segnaletica escursionistica è

Dettagli

Segnaletica Aree Protette

Segnaletica Aree Protette PREMESSA Gli elementi di individuazione e segnalazione nella rete escursionistica di un area protetta, riportati nel presente elaborato, sono stati estrapolati dall abaco dell Ente e rappresentano il punto

Dettagli

TABELLE SEGNAVIA - preparazione e posizionamento

TABELLE SEGNAVIA - preparazione e posizionamento TABELLE SEGNAVIA - preparazione e posizionamento La collocazione delle tabelle segnavia va fatta su appositi pali di sostegno di altezza variabile fra i 2 e i 3 metri (med. 2,5 metri). Il palo sarà dello

Dettagli

MODELLO A SEGNALETICA DEI PERCORSI ESCURSIONISTICI E STRUMENTI DI PROMOZIONE DELLA RETE

MODELLO A SEGNALETICA DEI PERCORSI ESCURSIONISTICI E STRUMENTI DI PROMOZIONE DELLA RETE MODELLO A SEGNALETICA DEI PERCORSI ESCURSIONISTICI E STRUMENTI DI PROMOZIONE DELLA RETE La Regione Piemonte stabilisce all articolo 15 dellla LR 12/10 Recupero e valorizzazione del patrimonio escursionistico

Dettagli

LINEE GUIDA E STANDARD PER LA SEGNALETICA DELLA RETE DEI SENTIERI DEL PARCO

LINEE GUIDA E STANDARD PER LA SEGNALETICA DELLA RETE DEI SENTIERI DEL PARCO LINEE GUIDA E STANDARD PER LA SEGNALETICA DELLA RETE DEI SENTIERI DEL PARCO A cura dell OSSERVATORIO DELLA BIODIVERSITA Con la collaborazione di CLUB ALPINO ITALIANO e FEDERAZIONE ITALIANA ESCURSIONISMO

Dettagli

LE TABELLE. Note tecniche del GLS INFOSENTIERI MATERIALI A CONFRONTO. Gruppo Lavoro Sentieri

LE TABELLE. Note tecniche del GLS INFOSENTIERI MATERIALI A CONFRONTO. Gruppo Lavoro Sentieri INFOSENTIERI Note tecniche del GLS Dispensa n. 2 ed.2013 MATERIALI A CONFRONTO LE TABELLE Club Alpino Italiano Commissione Centrale per l Escursionismo Gruppo Lavoro Sentieri INFOSENTIERI Dispensa n. 2

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 10 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

PIANO REGOLATORE DEI SENTIERI

PIANO REGOLATORE DEI SENTIERI PIANO REGOLATORE DEI SENTIERI Nel citato Manuale CAI n. 10 CATASTO SENTIERI (pag. 21 e seguenti) sono riportate le istruzioni per la realizzazione di un piano regolatore dei sentieri in funzione della

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

Il Dirigente Maurizio Ferrini

Il Dirigente Maurizio Ferrini 234 16.3.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 Il presente provvedimento, soggetto a pubblicità ai sensi della L.R. 9/95 in quanto conclusivo del procedimento amministrativo regionale,

Dettagli

art.4580/2 porta calcio in lega leggera con reggirete posteriori in alluminio, incassati nel terreno, misure 7.32x2.44m. prodotto certificato

art.4580/2 porta calcio in lega leggera con reggirete posteriori in alluminio, incassati nel terreno, misure 7.32x2.44m. prodotto certificato La porta in oggetto, rientra nella normativa europea EN 748, documento elaborato dal CEN/TC 136; tale documento, contempla i requisiti di funzionalità di 4 tipi e due dimensioni di porte da calcio ed è

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA

REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA SEGRETERIA REGIONALE ALLE INFRASTRUTTURE E MOBILITA REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA ALLEGATO N. 1 SEGNALETICA DELLA VIA NAVIGABILE La segnaletica lungo le vie di navigazione

Dettagli

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Pagina 1 Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Scheda informativa Punto di partenza: Bolsena Distanza da Roma: 113 km. Lunghezza: 34,3 km. Ascesa totale: 720 m. Quota massima: 559

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Si riporta di seguito un esempio indicativo e non vincolante di supporto in legno.

Si riporta di seguito un esempio indicativo e non vincolante di supporto in legno. ALLEGATO 3 Criteri standard per la cartellonistica divulgativa-informativa riferita alle indicazioni generali dell Allegato B- PAFR (Patrimonio Agricolo Forestale) della LR n.39 del 21.03.2000 Al fine

Dettagli

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello 1 Raccomandazioni Si raccomanda di preforare sempre prima di avvitare, in modo da evitare che il legno si rompa. Nella tabella

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA CAI-FEDERPARCHI

PROTOCOLLO D INTESA CAI-FEDERPARCHI PROTOCOLLO D INTESA CAI-FEDERPARCHI ABACO DELLA SEGNALETICA Allegato A SEGNALETICA DEI SENTIERI La Legge 24 dicembre 1985, n. 776, all art. 2 lettera b), stabilisce che il CAI provvede al tracciamento,

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 tino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio regionale

Dettagli

SENTIERI PIANIFICAZIONE SEGNALETICA e MANUTENZIONE

SENTIERI PIANIFICAZIONE SEGNALETICA e MANUTENZIONE CLUB ALPINO ITALIANO SENTIERI PIANIFICAZIONE SEGNALETICA e MANUTENZIONE QUADERNO DI ESCURSIONISMO N. 1 3 a Edizione 2004 COMMISSIONE CENTRALE PER L ESCURSIONISMO SOMMARIO pag Ritorno al sentiero 5 Per

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2011. Segnaletica

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2011. Segnaletica CAI - ALPINISMO GIOVANILE Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2011 Segnaletica C A I B o r g o m a n e r o A l p i n i s m o G i o v a n i l e 2 0 1 1 Pagina 1 Classificazione dei sentieri Sentiero

Dettagli

Presentazione del Sottoprogetto B Ampliamento rete di siti e spazi protetti e/o sensibili

Presentazione del Sottoprogetto B Ampliamento rete di siti e spazi protetti e/o sensibili Presentazione del Sottoprogetto B Ampliamento rete di siti e spazi protetti e/o sensibili 22 ottobre 2011 Centro per l educazione ambientale e la sostenibilità Lago di Baratz Modello di di linee guida

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE 1 FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. DVD VIDEO ARKÈ: CREA LA TUA SCALA IN MEZZA GIORNATA IL TUO STILE Trova la scala per il tuo ambiente nelle forme e nelle

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09)

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09) C 106/26 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.4.2010 DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (Testo rilevante ai fini del SEE e dell'accordo CE/Svizzera)

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 IL DISEGNO DELLE GROTTE PREMESSA Il rilievo di una grotta è destinato ad essere utilizzato

Dettagli

Memoria tecnica installazione pannelli laminati

Memoria tecnica installazione pannelli laminati Memoria tecnica installazione pannelli laminati Istruzioni di montaggio VOLTAJOINT VOLTABRI Notice de pose Kit - VOLTAJOINT 2/31 Sommario 1_ KIT ABITAZIONI INDIVIDUALI... 3 2_ NOMENCLATURA (ESCLUSI LAMIERATI

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE Dipartimento VII - Politiche della Mobilità U.O. TRAFFICO E VIABILITA DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2006 Redazione: Ing. A.

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione

COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione I sistemi Mec Line per il comando manuale a distanza dei serramenti sono supercollaudati, affidabili ed economici, di facile e rapida

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. VIDEO ARKÈ: CREA LA TUA SCALA IN MEZZA GIORNATA IL TUO STILE IL RILIEVO E LE DIMENSIONI DVD Trova la scala per il tuo ambiente

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

SICUREZZA DELLE SCAFFALATURE

SICUREZZA DELLE SCAFFALATURE SOMMARIO SOMMARIO... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. TERMINOLOGIE E ACRONIMI... 3 4. DESTINATARI DELL ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA... 4 5. MODALITÀ OPERATIVE... 4 5.1. CRITERI TECNICI PER

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

INFORMAZIONI SUL PRODOTTO

INFORMAZIONI SUL PRODOTTO INFORMAZIONI SUL PRODOTTO MISURE-MONTAGGIO UTILIZZO MANUTENZIONE GARANZIA CONSIGLI PER IL MONTAGGIO DELLA ZANZARIERA COBRA L installazione della zanzariera può essere montata anche da personale non esperto.nel

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI SETTORE TECNICO INFRASTRUTTURE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ASSE IV LEADER MISURA 413 AZIONE 3 SERVIZI E ATTIVITA RICREATIVE

Dettagli

Sommario. Sommario 1. Introduzione 2. Funzionamento dell'applicazione 3. Scelta del punto di partenza 4. Filtro delle mete 5. La mappa delle mete 6

Sommario. Sommario 1. Introduzione 2. Funzionamento dell'applicazione 3. Scelta del punto di partenza 4. Filtro delle mete 5. La mappa delle mete 6 Sommario Sommario 1 Introduzione 2 Funzionamento dell'applicazione 3 Scelta del punto di partenza 4 Filtro delle mete 5 La mappa delle mete 6 Il percorso 7 Pag. - 1 - Introduzione L applicazione Scoprire

Dettagli

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna ACCORDO DI COLLABORAZIONE EX ART. 43 DELLA LEGGE 449/1997 E ART. 119 DEL D.LGS N. 267/2000 tra la Società HI-COM s.r.l. in qualità di Collaborante ed il Comune di Tortoreto in qualità di Collaboratore

Dettagli

Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito.

Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito. Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito. La segnaletica del CAI Commissione Centrale per l'escursionismo La segnaletica

Dettagli

MONTAGNAVDA APP Come funziona

MONTAGNAVDA APP Come funziona MONTAGNAVDA APP Come funziona APP Montagna.VDA Le nuove potenzialità degli smartphone sono estremamente utili per chi percorre la montagna. In particolare l utilizzo del GPS con la possibilità di connessione

Dettagli

proposta di legge n. 300

proposta di legge n. 300 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 300 a iniziativa dei Consiglieri CASTELLI, MASSI, ROMAGNOLI, CAPPONI, D ANNA, BUGARO, SORDONI, MINARDI, PISTARELLI, CIRIACI, TIBERI, D ISIDORO,

Dettagli

COLORAZIONE E SPONSOR SUL CAMPO DI GIOCO

COLORAZIONE E SPONSOR SUL CAMPO DI GIOCO COLORAZIONE E SPONSOR SUL CAMPO DI GIOCO Colorazione campo di gioco (presente in forma sintetica nelle DOA 2010/2011) Il campo di gioco, comprensivo delle fasce di rispetto, sia nel caso di pavimentazioni

Dettagli

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Parapetti come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Questo opuscolo descrive le regole tecniche da osservare nella costruzione di parapetti posti a protezione di macchinari e impianti.

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

APEL srl. Viale dei Pioppi, 33. 46019 Viadana MN tel. 0375 833584 / 0375 833694 - fax 0375 833433 e-mail: info@apel.it. www.apel.

APEL srl. Viale dei Pioppi, 33. 46019 Viadana MN tel. 0375 833584 / 0375 833694 - fax 0375 833433 e-mail: info@apel.it. www.apel. pubblicità... APEL srl Viale dei Pioppi, 33. 46019 Viadana MN tel. 0375 833584 / 0375 833694 - fax 0375 833433 e-mail: info@apel.it. www.apel.it Siamo presenti dal 1989 sul mercato della pubblicità esterna,

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

Regola 1 Il Terreno 30

Regola 1 Il Terreno 30 30 Regola 1 Il Terreno Campo di gioco Area di gioco Recinto di gioco Area perimetrale Area di meta I 22 REGOLAMENTO DI GIOCO 2015 31 Regola 1 Il Terreno DEFINIZIONI Il Terreno è la superficie totale di

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Facendo riferimento alla documentazione tecnica relativa alla progettazione definitiva degli interventi finanziati ai

Dettagli

SCHEDE TECNICHE ALLEGATO A

SCHEDE TECNICHE ALLEGATO A SCHEDE TECNICHE ALLEGATO A SCHEDA N 1 - Insegne a bandiera: Bandiera Orizzontale: TABELLA 1 L (cm.) h (cm.) Materiali vietati Modalità di illuminazione 60 40 materiali riflettenti, i laminati metallici

Dettagli

Città di Orbassano Provincia di Torino

Città di Orbassano Provincia di Torino Città di Orbassano Provincia di Torino Marca da bollo Al Signor Sindaco del Comune di Orbassano Il\La sottoscritto\a residente in Via.. n...c.f......telefono, con la presente chiede di essere autorizzato/a

Dettagli

MONTAGNAVDA APP Come funziona

MONTAGNAVDA APP Come funziona MONTAGNAVDA APP Come funziona APP Montagna.VDA Le nuove potenzialità degli smartphone sono estremamente utili per chi percorre la montagna. In particolare l utilizzo del GPS con la possibilità di connessione

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

EURODIDATTICA II di Corrado Bortolin Giovanni Bosco Vitiello

EURODIDATTICA II di Corrado Bortolin Giovanni Bosco Vitiello EURODIDATTICA II di Corrado Bortolin Giovanni Bosco Vitiello I "MISURA SOLDI" Nel precedente intervento abbiamo tracciato uno dei possibili itinerari per indurre i nostri interlocutori alla ricerca di

Dettagli

Escursione sulla Montagna dei Fiori

Escursione sulla Montagna dei Fiori Domenica 8 dicembre 2013 Escursione sulla Montagna dei Fiori A chiusura anno 2013.. Da Ascoli al Monte Girella DATA ESCURSIONE: Domenica 8 dicembre 2013 RITROVO E DIFFICOLTA : h 06.00 Via Recanati EE h

Dettagli

FASTBACK Document Binder MANUALE DI MANUTENZIONE PER L OPERATORE QUALIFICATO

FASTBACK Document Binder MANUALE DI MANUTENZIONE PER L OPERATORE QUALIFICATO MODELLO FB15xsE FASTBACK Document Binder MANUALE DI MANUTENZIONE PER L OPERATORE QUALIFICATO Indice 1. Introduzione 2 2. Sintomi e soluzioni 3 3. Aprire la copertura 4 4. Rimuovere le strip inceppate 5

Dettagli

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software La teoria senza la pratica è inutile, la pratica senza la teoria è pericolosa. - Lao Tzu - È molto importante pianificare bene le vostre

Dettagli

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia Brescia 15-22 ottobre 2011 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia: premessa I metodi di immagazzinamento, di condizionamento e di movimentazione, influiscono sulla durata del materiale

Dettagli

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014 CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea.arcore@gmail.com GITA alla ROSA DEI BANCHI 3163 M E MONT GLACIER 3182 M VAL

Dettagli

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori Linee guida per dissuasori Linee guida per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni Documento di indirizzi per la progettazione di qualità Comune di Genova direzione territorio, sviluppo

Dettagli

COLORANTE BIANCO. INFOSENTIERI Dispensa n. 1 Prodotti Vernicianti

COLORANTE BIANCO. INFOSENTIERI Dispensa n. 1 Prodotti Vernicianti INFOSENTIER TIERI Note tecniche che del G GLS Dispensa n. 1 ed.2 ed.2013 MATERIALI LI A CONFRONTO CON PRODOTT RODOTTI VERNICIAN ERNICIANTI Club b Alpino Italiano Commissione Centrale perr l Escursionismo

Dettagli

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO L impianto è' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare in estruso di alluminio avente dimensioni di mm. 80x3500x80. Alle estremità i pali sono completati da un tappo di chiusura

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 ISTRUZIONE per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 METROTIPO SpA REGISTRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO

Dettagli

Pag. 2 SCHEMA N... NP/13775 DEL PROT. ANNO 2013. (Dott.ssa Luisa Casu)

Pag. 2 SCHEMA N... NP/13775 DEL PROT. ANNO 2013. (Dott.ssa Luisa Casu) Allegato 1 - CRITERI REGIONALI PER LA SEGNALETICA VERTICALE DELLA RETE CICLABILE LIGURIA (RCL) A) premessa La segnaletica stradale è il riscontro sul territorio che segue la fase di informazione e documentazione

Dettagli

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Cod. VM5U6 Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Fasi di intervento Preliminari Picchettamento Interramento dei pali Messa a dimora delle barbatelle Completamento della struttura Preliminari Operazioni

Dettagli

PERCORSI NATURALISTICI INTEGRATI ALL'INTERNO DEI COMUNI ADERENTI AL "PROGETTO INTEGRATO D'AREA RURALE DEL

PERCORSI NATURALISTICI INTEGRATI ALL'INTERNO DEI COMUNI ADERENTI AL PROGETTO INTEGRATO D'AREA RURALE DEL Comune di Arcole Comune di Cologna Veneta Comune di Pressana Comune di Roveredo di Guà Comune di San Bonifacio Comune di Veronella Comune di Zimella PERCORSI NATURALISTICI INTEGRATI ALL'INTERNO DEI COMUNI

Dettagli

La SEGNALETICA nelle ROTATORIE: la corretta installazione, efficace, corretta, giusta e senza spreco di denaro

La SEGNALETICA nelle ROTATORIE: la corretta installazione, efficace, corretta, giusta e senza spreco di denaro La SEGNALETICA nelle ROTATORIE: la corretta installazione, efficace, corretta, giusta e senza spreco di denaro Pagine stralciate dal nostra dispensa sul corso di formazione sullo studio e progettazione

Dettagli

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Gru a ponte e gru a bandiera: indice Riferimenti normativi Elementi dell apparecchio Dispositivi di sicurezza Installazione Segnaletica Utilizzo dell apparecchio

Dettagli

INFORMAZIONI PER LA CREAZIONE DI UN FILE CORRETTO PER LA STAMPA DI STRISCIONI

INFORMAZIONI PER LA CREAZIONE DI UN FILE CORRETTO PER LA STAMPA DI STRISCIONI INFORMAZIONI PER LA CREAZIONE DI UN FILE CORRETTO PER LA STAMPA DI STRISCIONI Le seguenti indicazioni hanno lo scopo di aiutarti a creare un file di stampa corretto. Se dovessi avere ancora dubbi contattaci.

Dettagli

Comune di Longare Provincia di Vicenza

Comune di Longare Provincia di Vicenza Comune di Longare Provincia di Vicenza Marca da Bollo 14,62 DOMANDA PER: INSEGNA D ESERCIZIO, CARTELLONE PUBBLICITARIO, TARGHE INSEGNE Al Signor Sindaco del Comune di Longare Il\La sottoscritto\a... residente

Dettagli

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini.

Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. ALLEGATO A: CAPITOLATO TECNICO Il presente capitolato tecnico descrive le strutture relative alle preinsegne da installare nel Centro Storico di Rimini. Descrizione generale del progetto Il presente progetto

Dettagli

VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180)

VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180) I VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180) DESCRIZIONE TECNICA Le vetrate pieghevoli SUNROOM Mod. S.62-TONDA alluminio-legno sono una novità nel campo delle vetrate mobili.

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

COMUNE DI SANZENO. Approvato con deliberazione consiliare n. 04 di data 19 maggio 2008.

COMUNE DI SANZENO. Approvato con deliberazione consiliare n. 04 di data 19 maggio 2008. COMUNE DI SANZENO REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE DISTANZE DA MANTENERE DALLE STRADE PER GLI IMPIANTI FRUTTICOLI, PER LE STRUTTURE DI SOSTEGNO E INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE INIBITE ALLA POSA DELLE

Dettagli