LE ORIGINI DELLA CAMORRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ORIGINI DELLA CAMORRA"

Transcript

1 1 OSSERVATORIO PER LA LEGALITA E LA SICUREZZA CENTRO STUDI E DOCUMENTAZIONE Via Vincenzo Ricchioni, Bari LE ORIGINI DELLA CAMORRA a cura di Nisio Palmieri

2 2 LE ORIGINI DELLA CAMORRA Introduzione Nel settembre 1982 la proposta del defunto onorevole La Torre, diventerà legge con la firma anche del ministro dell Interno Virginio Rognoni. Nel codice penale sarà introdotto l articolo 416bis, per una nuova fattispecie di reato: l associazione a delinquere di stampo mafioso e camorristico. E la prima volta che la camorra è riconosciuta ufficialmente quale organizzazione criminale pericolosa come la mafia e la ndrangheta. E per la prima volta la Commissione parlamentare antimafia, vent anni dopo la sua istituzione, dedicherà una indagine specifica alla criminalità organizzata in Campania. Eppure alla spalle di questa organizzazione criminale vi è una lunga storia che, a volte, si intreccia con quella tormentata che portò all unità d Italia. Noi ripercorreremo il suo cammino facendoci aiutare sia da Vittorio Paliotti che dal prof. Francesco Barbagallo che con la loro Storia della Camorra, edite la prima nel 2006, la seconda nel 2010, hanno svolto un opera meritoria, mettendo in grado il lettore di conoscere, fin nelle sue pieghe più intime, questa associazione criminale che nulla può invidiare, sul piano degli obiettivi e dell efferatezza posta nel raggiungerli, a quelle insediate in Sicilia e Calabria. Sul piano storico abbiamo ritenuto necessario nel capitolo Dal tempo dei Borbone all Italia, di richiamare con più insistenza i fatti politici dell epoca in quanto, ci è sembrato, più direttamente partecipi alla vita e alle gesta di quei criminali. D altra parte la trasformazione dei comportamenti delittuosi, inizialmente rivolti soprattutto a danno della plebe, si potevano spiegare soltanto con un analisi attenta (come quella che fanno Paliotti e Barbagallo) degli avvenimenti che videro loschi personaggi utilizzati nella lotta politica che pure si poneva traguardi ambiziosi ed esaltanti. Nel prosieguo del lavoro abbiamo reso più scorrevole (almeno così ci è sembrato) la narrazione, preferendo mettere l accento sullo spessore criminale dell organizzazione camorrista. Non trascurando, naturalmente, di riferire gli intrecci con la politica che pure, ahinoi, sono violentemente presenti. Dai Borbone all unità d Italia Intorno al 1860 lo scrittore italo-svizzero Marc Monnier (figlio di un albergatore residente nella capitale borbonica) definiva la Napoli ottocentesca descrivendo una specie di catena di montaggio che colpiva il visitatore ignaro sin da quando toccava terra, nel vedere l esattore meglio vestito di altri plebei <<spesso coperto di anelli e gioielli>> che divideva, senza proferire parola, con l umile barcaiolo il prezzo del passaggio. Dopo il barcaiolo toccava al facchino, che portava i bagagli alla locanda, pagare un secondo esattore. Quando poi saliva in carrozza compariva un altro individuo, che riceveva il suo soldo dal cocchiere. E così via: <<ad ogni passo nei quartieri poveri, alle stazioni delle strade ferrate, alle porte della città, sui mercati, nelle taverne incontrava il bravo implacabile si intrometteva negli affari equivoci e nei piaceri dei poveri, in specie nei piaceri viziosi e negli affari equivoci, e a vicenda agente di cambio, mezzano, intermediario, ispettore di polizia, secondo i casi >>.

3 3 L inchiesta di Monnier, condotta durante il processo unitario, è un documento prezioso perché si giovò delle testimonianze dirette dei maggiori esperti, ministri e dirigenti delle forze di polizia, sia del regime borbonico, che del nuovo governo italiano. Quindi una fonte storica attendibile ben più dei fantasiosi racconti e leggende che si tramandano, in gran numero, sulle origini, le forme organizzative, i riti, i miti della peculiare forma di organizzazione criminale che si sviluppa nel tessuto urbano della Napoli ottocentesca, dentro gli strati sociali plebei. Riti e miti ad ogni modo fortemente intrecciati. Da più parti, ad esempio, si riferisce di un rito iniziatico che vedeva riuniti i camorristi intorno ad un tavolo su cui erano posti un pugnale, una pistola carica e un bicchiere d acqua o vino avvelenati. L aspirante bagnava la mano nel sangue che gli veniva estratto e giurava fedeltà alla setta, mostrando di essere pronto a spararsi e a bere il veleno. Il capo della riunione prendeva atto del giuramento di sangue; scaricava l arma, gettava a terra il bicchiere e consegnava il pugnale al nuovo camorrista. Questo cerimoniale pareva essere di rigore, ma non era indispensabile seguirlo in ogni circostanza. Altre testimonianze indicavano procedure molto semplificate, specie nelle carceri. In ogni caso l ingresso nell associazione camorristica veniva festeggiato con grandi banchetti. Le stesse spiegazioni etimologiche del termine camorra sono numerosissime e molto divergenti. Del resto la parola camorra è entrata nella lingua italiana dal gergo, non scritto, usato tra Settecento e Ottocento dai malviventi napoletani. Tra questi due secoli il termine camorristi viene usato ripetutamente accanto a oziosi, vagabondi, rissosi, giocatori di professione nei documenti della polizia borbonica e del ministero della Guerra. Tra le interpretazioni più recenti ce ne sono un paio di carattere storico, notevolmente differenti. L uno associa gamorra alla città biblica di Gomorra, come traslato di vizio e di malaffare. L altra afferma una sorta di solidarietà lessicale tra i nomi delle tre organizzazioni criminali dell Italia meridionale camorra, mafia, ndrangheta e li fa risalire alla terminologia pastorale della cultura preromana. Secondo questa spiegazione si sottolinea l originario fine protettivo e non criminale di queste fratellanze segrete, morra significherebbe madre di tutte le greggi. C è da aggiungere che ci sono poi le possibili derivazioni dalla lingua castigliana: i termini camorra, camora, gamurra rinviano sia a una corta giacca di tela, sia alla rissa, alla lite. La connessione tra camorra e gioco d azzardo si è fatta risalire al termine arabo kumar ; e si ritrova di frequente nei vocabolari dialettali napoletani dell Ottocento. Proprio al gioco d azzardo si connette l interpretazione più diffusa nel corso dell Ottocento, per questo camorra diventa sinonimo di estorsione, di riscossione di una tangente, una mazzetta, un pizzo su qualsiasi tipo di attività. Poi, anche per l influenza delle sette segrete la massoneria, la carboneria, l unità italiana, i calderari del reazionario principe di Canosa la camorra diverrà sempre più organizzazione, strutturandosi specie dopo l unificazione nazionale, in associazione di delinquenti specializzati anzitutto nelle estorsioni su ampia scala, ma diffuse soprattutto nelle carceri e negli eserciti, dove spesso venivano arruolati i criminali già detenuti. La camorra, come attività e organizzazione distinta dalla criminalità comune, si diffuse nella città di Napoli presumibilmente nel secondo quarto dell Ottocento. Diciamo non a caso presumibilmente, perché non si è finora ritrovata alcuna traccia archivistica degli atti della polizia borbonica, né si sono rinvenuti altri documenti di rilievo storico: Le prime notizie ufficiali si ritrovano nella documentazione approntata dalla neonata amministrazione italiana. Ci sono, è vero, testimonianze storiche e letterarie di notevole spessore, come quella citata all inizio: l inchiesta di Monnier. Altra cosa sono i tentativi di cercare antecedenti di questo specifico fenomeno criminale nella storia moderna di Napoli, tra Cinquecento e Settecento, tra viceregno spagnolo e primo periodo borbonico. La ricerca, però, si sfilaccia lungo improbabili fili criminali che si immaginano dipanarsi nei secoli tra la Spagna, Napoli e la Sicilia. Questa si addensò in centinaia di miglia di persone nella città-capitale, tra Cinquecento e primo Ottocento, richiamata dalle elargizioni sovrane e

4 4 aristocratiche, dall esenzione fiscale e dal clima mite, che consentiva di sopravvivere in grotte e caverne a queste masse di diseredati. Già i primi decenni dell Ottocento è quasi impossibile tracciare un profilo di questa realtà criminale. Ricorrendo alle fonti storiche attualmente disponibili, si può dire che la camorra, come associazione di delinquenti, si sviluppa tra Napoli, Caserta e altre aree della regione Campania lungo tutto l Ottocento, fino ai primi decenni del Novecento. Poi si determinerà una rottura nella continuità del fenomeno criminale, che assumerà caratteri innovativi ed espansivi, e manterrà il vecchio nome solo in ordine alla collocazione territoriale. Negli anni della restaurazione borbonica, dopo il congresso di Vienna, la camorra si dà un organizzazione, che prevede tre livelli da percorrere: picciotto d onore, picciotto di sgarro, camorrista. Prima di iniziare questa specie di carriera, il giovane aspirante è chiamato tamurro. Viene eletto un capo per ognuno dei dodici quartieri di Napoli, che sono a loro volta suddivisi in paranze. Lo stesso avviene per alcuni capoluoghi provinciali, oltre che nei luoghi di detenzione e nei corpi militari. Questi caposocietà eleggono un capintesta generale della camorra napoletana, che per un lungo periodo corrisponde al caposocietà della Vicaria: per molto tempo il comando dell organizzazione resta nelle mani della famiglia Cappuccio. I capi della camorra avevano il titolo di Masto, che significa maestro, ma anche padrone. Oltre che nella capitale, la camorra si era affermata già in epoca borbonica nella Terra di Lavoro, in particolare nell area ristretta fra Caserta, Marcianise e Santa Maria Capua Vetere, dove pare ci fossero circa 2000 affiliati. La struttura eminentemente napoletana della camorra prevedeva che ci fosse un solo capintesta e che fosse di Napoli. I comuni, anche capoluoghi di provincia, erano equiparati ai quartieri di Napoli e potevano avere solo un caposocietà. Negli anni dell unificazione nazionale, capintesta della camorra era Salvatore De Crescenzo, Tore e Criscienzo. Capo dell organizzazione criminale della Terra di Lavoro era Francesco Zampella, cui De Crescenzo, per antica amicizia, riconosceva solo formalmente il titolo di capintesta del Casertano, senza però alcun riconoscimento di autonomia. Poi il comando passò nelle mani della camorra di Aversa e aumentarono le istanze di autonomia rispetto ai capintesta napoletani. Bisognerà attendere la fine dell Ottocento perché l organizzazione criminale della Terra di Lavoro proclami la sua autonomia eleggendo capintesta l aversano Vincenzo Serra, senza più reazioni della casa madre dell ex capitale. A Napoli, intanto, le estorsioni si estendevano dappertutto. Terreno privilegiato erano le carceri. Il dominio degli affiliati alla Consorteria dei camorristi era qui totale, e ciascun detenuto era tartassato dall ingresso alla eventuale uscita. La prima richiesta riguardava una quota di denaro necessaria si affermava ad assicurare l olio per la lampada della Madonna del Carmine. Poi erano estorsioni e vessazioni continue, che toccavano qualsiasi attività svolta dal detenuto, e si riassumevano nella trattenuta di una decima sul denaro e su tutto quanto veniva nella sua disponibilità. Lo sfruttamento dei detenuti da parte degli onnipresenti camorristi toccava l apice nelle colonie penitenziarie che il governo borbonico aveva organizzato nelle isole, a partire dalle Tremiti, di fronte al Gargano. Ogni detenuto riceveva dieci soldi al giorno. Il camorrista ne prendeva anzitutto uno, il decimo, per suo conto; due soldi per la cassa comune, religiosamente conservata. Restavano sette soldi che il detenuto spendeva nell unica distrazione possibile, il gioco. Giocava i sette soldi che gli restavano, ma sotto la vigilanza del compagno. Il quale sorvegliava tutte le ricreazioni, e prendeva un decimo delle scommesse, per ricompensa alle proprie fatiche. Alla fine della giornata, decimo per decimo, i sette soldi erano passati nelle tasche del camorrista. Fino al punto che il depredato, paradossalmente, finiva per essere anche grato alla previdenza dell organizzazione camorristica,

5 5 perché se riusciva ancora, in qualche modo, a mangiare e a vestirsi lo doveva solo all uso dei due soldi accantonati per la cassa comune. L associazione delinquenziale plebea iniziava così la sua costitutiva attività estorsiva, esercitando una forma di totale sfruttamento delle categorie sociali più diseredate. Altro importantissimo fronte delle attività camorristiche era costituito dai mercati, dalle farine e cereali alla frutta, al pesce, alla carne. C erano inoltre le tangenti sulle case da gioco e sulla prostituzione, sul gioco piccolo diffuso nelle bettole e per le strade. I camorristi, poi, esercitavano in proprio il lotto clandestino, che procedeva parallelamente a quello legale. E ancora estorsioni sul nolo delle carrozze e dei carri da trasporto, sullo scarico delle barche, sull attività di facchinaggio. La camorra esercitava anche il contrabbando alle barriere daziarie. Percepiva cioè l esazione fiscale dei dazi per le merci che giungevano nella capitale sia dalla terra che dal mare. L attività dell imposizione fiscale era svolta dai camorristi in aggiunta ai funzionari, ma anche, spesso, in loro sostituzione, con notevole danno per l erario pubblico. Addetto agli affari economici e finanziari era il contarulo, nominato da ciascun caposocietà per la gestione del barattolo, dove erano versati gli introiti delle estorsioni compiute dall organizzazione camorristica, che si dava il nome di onorata società, o anche di Bella Società Riformata. L associazione criminale svolgeva altre funzioni di grosso rilievo: affrontava e risolveva le più diverse questioni pendenti, componeva le liti e le risse: amministrava cioè a modo suo la giustizia nei diversi quartieri della capitale. Era una violenta organizzazione composta di plebei, che però guardavano in alto. Da una parte si ponevano in diretta concorrenza con lo Stato, sottraendogli in notevole parte l esercizio di una funzione basilare, qual era l esazione fiscale. Per altro verso cercavano di imitare i modelli e codici di comportamento dell aristocrazia, facendo ricorso a rituali che davano valore al giuramento e all onore. Un ruolo centrale aveva il duello, che si chiamava zumpata, e si svolgeva però con il coltello, non con la spada. Guardava anche, con interesse imitativo, alle associazioni settarie diffuse tra le èlites liberali: la massoneria e la carboneria, anzitutto. La Consorteria dei camorristi si vedeva come una èlite criminale, si autorappresentava come una sorta di aristocrazia della plebe, coi propri vincoli e riti iniziatici. Ogni quartiere aveva il suo tribunale, che si chiamava Mamma. L intera città aveva il suo organo giudiziario supremo. Era la Gran Mamma, presieduta dal capintesta, che in tale funzione assumeva il titolo di Mammasantissima. Le regole della camorra si volevano raccolte in una sorta di statuto della setta. Di questo frieno comparivano ogni tanto versioni scritte, sulla cui veridicità e utilità sorgono diversi dubbi, visto il totale analfabetismo dei camorristi. Tuttavia nel 1842 il contarulo o contaiuolo Francesco Scorticelli, che evidentemente sapeva leggere e scrivere, raccolse queste regole in un frieno composto di ventisei articoli. Il testo dell articolo I recitava: <<La Società dell Umiltà o Bella Società Riformata ha per scopo di riunire tutti quei compagni che hanno cuore, allo scopo di potersi, in circostanze speciali, aiutare sia moralmente che materialmente>>. La Società dell umiltà esercitava in definitiva una forma di amministrazione privata e illegale, della fiscalità, della sicurezza, della giustizia. Nell esercizio di queste funzioni riceveva spesso anche il plauso di autorevoli esponenti della classe dirigente, che mostravano di apprezzare questo ruolo di supplenza. La camorra costituiva quindi una specie di potere parallelo rispetto ad una debole struttura statale. Una sorta di contropotere di origine e rappresentanza plebee, che trovava nei propri simili le prime vittime.

6 6 Prima del 1848 la camorra non si era mai occupata di politica e quindi non aveva avuto problemi col governo borbonico. Nel decennio seguito alla fallita insurrezione liberale del 15 maggio 1848, il regime poliziesco di Ferdinando II provvide ad incarcerare i principali esponenti dell opposizione che non erano espatriati (centri dell emigrazione politica napoletana erano soprattutto Torino e Firenze). I camorristi trattarono per lo più con rispetto questi aristocratici e intellettuali di valore, autorizzandoli anche a portare armi di difesa da loro offerte in segno di particolare considerazione. Da parte sua la polizia borbonica, nella tutela dell ordine pubblico, non mancò di servirsi dell organizzazione camorristica, che esercitava una intensa e diffusa autorità nella città plebea. E spesso fece ricorso ai camorristi incarcerati per avere informazioni sui comportamenti dei detenuti politici. In vero, non ci sono prove documentarie a sostegno di una precisa strategia di collaborazione tra il regime poliziesco borbonico e la camorra, che comunque riusciva a fare carriera nella bassa polizia e a confermare, anche per questa via, il suo ruolo di dominio sulle masse plebee della capitale. Esistono invece documenti e rapporti di ministri borbonici che attestano la profonda corruzione degli organi di polizia ai diversi livelli. Si pagavano stabilmente cospicue tangenti ai commissari di molti quartieri per l esercizio di ogni attività commerciale. Le singole guardie provvedevano in proprio a raccogliere denaro da ogni negozio. Si vendevano permessi di vario genere, come per l apertura domenicale di caffetterie e cantine. Ed era notevole l attività della polizia nei tradizionali settori della prostituzione e del gioco d azzardo. In tal modo la pessima amministrazione di questo settore del regime forniva un preciso esempio operativo per la già esperta e attiva organizzazione camorristica; che si occupava di sovrintendere all ordine nelle prigioni, nei mercati, nei bordelli, nelle bische. A loro volta, i liberali cercarono accordi politici con alcuni camorristi. Cercarono un contatto, anzi fu dato l incarico a Gennaro Sambiase Sanseverino duca di San Donato di contattare alcuni camorristi e incontrò alcuni capiparanza vicino all Albergo dei Poveri. Alle richieste di sostegno i capicamorra risposero con una proposta di ingaggio, che doveva assicurare a ciascuno di loro ducati. La trattativa fallì subito. Ma i liberali, che avevano rilasciato imprudentemente ai camorristi alcuni documenti con la denominazione del loro comitato segreto, subirono a lungo, coi loro amici, pesanti ricatti economici. La tesi delle parti sociali sempre contrapposte e delle due città sempre inconciliabili tra loro non corrisponde a una realtà ben più complessa e variegata, fatta di relazioni cangianti nel tempo ma solide, tra la parte aristocratica-borghese della città e quella plebea-popolare. Altre occasioni di scambio, a metà Ottocento, avrebbero visto gentiluomini liberali fornire denaro a gruppi camorristici per l organizzazione di tumulti antiborbonici. Si andavano invece accentuando le differenze di orientamento tra i ceti popolari di diverse zone della capitale. Per antica tradizione il quartiere marinaro di Santa Lucia era sempre schierato dalla parte del re e del regime borbonico (i luciani d o rre). I ceti popolari di Montecalvario, invece, dove c erano molti artigiani ed era attivo il famoso capintesta Tore e Criscienzo, parevano più orientati verso l opposizione liberale, specie verso la fine del regno delle Due Sicilie. L estate 1860 vide scomparire il più grande Stato della penisola italiana. Il 25 giugno 1860 il giovane re Francesco II di Borbone, tentò di frenare la caduta del suo regno nominando, tra l altro, un governo di moderati e liberali, tra cui il prefetto di polizia Liborio Romano. Concesse, ai primi di luglio, una larga amnistia che liberò detenuti politici, criminali e camorristi. A fine giugno esplosero tre giorni di tumulti e violenze provocati da delinquenti e da popolani schierati su fronti opposti e da quanti si vendicavano delle prepotenze e dei soprusi subiti. Assalti ai commissariati, tentativi di linciaggio di poliziotti e gendarmi, distruzioni di archivi videro come protagonisti i capicamorra e i loro adepti. In prima fila si schierarono il capintesta Salvatore De Crescenzio e sua cugina Marianna, detta la Sangiovannara, che gestiva una taverna alla Pignasecca, dentro Montecalvario. Alla testa della polizia e poi del ministero dell Interno era stato posto Liborio Romano, avvocato e professore di diritto commerciale originario della Terra d Otranto, liberale e

7 7 massone già carbonaro e partecipe dei moti del e del Venne confinato, imprigionato e andò in esilio in Francia. Richiesta la grazia al re, tornò a Napoli nel 54. Nel novembre 1860 giunge a Napoli, dall Emilia, Luigi Carlo Farini, primo luogotenente generale delle province meridionali, appena cedute da Garibaldi a Vittorio Emanuele. Alla testa del governo nominato da Farini viene posto Liborio Romano, che conserva il ministero dell Interno. Ma direttore della polizia viene nominato Silvio Spaventa, cui nel marzo 61 il nuovo luogotenente, principe Eugenio di Savoia-Carignano, affiderà anche la guida del ministero. Pochi giorni dopo l insediamento del governo della prima luogotenenza, Spaventa e il prefetto di polizia De Blasio dirigono il primo grande blitz contro l organizzazione camorristica, che, intanto, grazie alla sua parziale legittimazione da parte dello Stato, aveva superato ogni limite nel contrabbando e nell esazione in proprio dei dazi. Tra i più solerti funzionari si illustreranno proprio gli ex camorristi Capuano e Jossa. La parentesi legalitaria si chiuderà invece per il capintesta Salvatore De Crescenzo, che aveva siglato l accordo con Liborio Romano: tornerà a svolgere le sue attività criminali e trascorrerà alcuni annui nelle carceri napoletane, all isola di Ponza, alle Murate di Firenze, per poi tornare libero alle tradizionali funzioni di capocamorra della Vicaria. Poco dopo la proclamazione del regno d Italia (ai primi di aprile 1861), il giovane diplomatico Costantino Nigra, segretario generale della Luogotenenza Carignano, invia a Spaventa una richiesta riservata per ottenere Notizie sul camorrismo. Il direttore della polizia napoletana ha appena inviato al ministro dell Interno Marco Minghetti un articolato rapporto sul brigantaggio, la questione demaniale, la difficile organizzazione della Guardia nazionale, senza accenni però all attività camorristica. Spaventa si applica a preparare personalmente un Rapporto sulla camorra, affidando a un esperto funzionario di sua fiducia. Vincenzo Cuciniello, la preparazione di Memoria sulla Consorteria dei Camorristi esistente nelle Provincie Napolitane. Queste relazioni saranno inviate al Luogotenente e al ministero di Torino a fine maggio. Minghetti farà pubblicare il rapporto sul giornale torinese <<L Opinione>>, con il suo apprezzamento. La Memoria preparata da Cuciniello è una precisa descrizione delle forme organizzative della Consorteria: sono indicati i tre gradi percorsi dagli adepti, le diverse responsabilità, la strutturazione per province e quartieri napoletani, la presenza nelle prigioni e nell esercito. Più approfondito è il Rapporto di Spaventa. Intanto parla di camorra sia per le province napoletane che per la Sicilia e ne fa discendere l origine dalla Spagna e dal suo dominio. Distingue anche tra una camorra napoletana, che si limitava in principio a tassare il gioco e i giocatori, e una più feroce criminalità siciliana, che entrava come leva volontaria nel reggimento borbonico per sfuggire al carcere duro, ma poi ricadeva nei reati e tornava nelle carceri, dove affermava il suo potere estorsivo in ogni direzione, dandosi <<ad esercitare la camorra secondo gli usi più pravi dei bagni della Sicilia>>. Spaventa, da parte sua, proseguiva nell operazione di espellere dalla polizia napoletana la gran parte delle forze camorristiche che vi erano state immesse nel periodo transitorio tra le fine del regno delle Due Sicilie e l avvento del regno d Italia. I problemi più delicati riguardavano l organizzazione della Guardia nazionale, che prevedeva l espulsione delle guardie cittadine di provenienza camorristica, e le proteste che montavano tra la bassa forza dell esercito garibaldino. La decisione, poi, di vietare l uso della divisa alle guardie nazionali fuori servizio, per impedire i frequenti abusi e soprusi, scatenò una violenta protesta contro l azione di Spaventa, che fu assediato nei suoi uffici e assalito nella sua abitazione. Altre proteste erano organizzate da una parte dei soldati garibaldini, in cerca di sussidi e di sistemazione.

8 8 L arrivo dell ultimo Luogotenente, il generale Enrico Cialdini, nell estate 1861, pose fine alla permanenza dell austero dirigente politico alla guida della polizia napoletana. Cialdini avvierà una politica più aperta nei confronti dei democratici e dei garibaldini, reclutandoli in maggior misura tra le guardie nazionali mobili. I fidati carabinieri, però, informavano il segretario di polizia che i noti commissari Jossa e Capuano avevano pensato di rafforzare la loro posizione, accordandosi con il partito garibaldino, introducendo un forte numero di camorristi. Meno fortuna ebbe il terzo commissario di polizia venuto dalla camorra, Ferdinando Mele, che fu ucciso dal delinquente Salvatore De Mata, accusato di aver ricattato un barone borbonico. Ma i fratelli De Mata avevano anche svolto il ruolo di guardie del corpo di Silvio Spaventa, quando mezza Napoli voleva ammazzarlo. Nell estate 1861 esplode con grande violenza il brigantaggio nelle province meridionali. Il governo Ricasoli conferirà al generale Cialdini il comando del VI corpo d armata e tutti i poteri per reprimere le insorgenze contadine. Lo stato d assedio sarà subito utilizzato a Napoli dal prefetto, in accordo col questore Carlo Aveta, per procedere al rapido arresto di 300 camorristi. Il prefetto generale La Marmora era fiero di comunicare al ministero dell Interno, il 23 settembre 1862, di aver potuto assumere questo energico provvedimento <<senza transazioni, senza rilenti di forme giudiziarie (inadeguate a raggiungere i nuovi imperversamenti di questo straordinario male sociale)>>. E aggiungeva il suggerimento di confinare in Sardegna i più <<accaniti macchinatori di camorra>> (circa 150), per recidere i rapporti e la gestione degli affari con le mogli e gli altri scherani. Il governo recepì questo indirizzo. Una sessantina di camorristi furono inviati al carcere delle Murate a Firenze, guidati dal capocamorra del carcere di Castelcapuano, il ben noto Salvatore De Crescenzo, e dal suo omologo nel carcere di San Francesco, Vincenzo Zingone, che fu poi trasferito insieme a una quindicina di affiliati a Cagliari, dove progettò di uccidere il prefetto e il delegato di Pubblica sicurezza. Altri camorristi, a decine, furono inviati in isole lontane: duecento a Capraia, e poi a Pantelleria, Favignana, alle Tremiti. Quindi a Saluzzo, a Brescia, a Pisa, a Pistoia. Tra il dicembre 1862 e il marzo 1863 si succedono alla testa del governo Farini e Minghetti. Al ministero dell Interno subentra Ubaldino Peruzzi, che sceglie come principale collaboratore Silvio Spaventa, con l incarico di segretario generale (carica corrispondente a quella di un odierno sottosegretario). Da questa postazione Spaventa rilancia la sua guerra alla camorra, chiedendo a tutti i prefetti del Mezzogiorno gli elenchi dei camorristi detenuti e associando poi la camorra al brigantaggio nelle indagini che effettuerà nelle province meridionali la Commissione parlamentare d inchiesta nel corso del Vengono poi istituite la Commissione provinciale per la <<revisione degli arresti dei camorristi effettuati durante lo stato d assedio>>. I documenti fondamentali esaminati dalla Commissione sono costituiti da una quarantina di lettere ritrovate, insieme a numerosi biglietti di raccomandazione, durante una perquisizione nel carcere San Francesco. Queste lettere erano sottoscritte dal camorrista Antonio Formino e indirizzate a Vincenzo Zingone. Il problema giuridico affrontato, in via preliminare, dalla Commissione in merito a questi documenti fu <<se potessero essi soli costituire una prova legale della criminosa associazione contro coloro che vi sono mentovati, senza esservi bisogno d altro ausilio di prova>>. L unanime conclusione, di netta impronta garantistica, dichiarò sia l insufficienza di prova, sia l indispensabile verifica della sua veridicità e di ogni specifica attribuzione. Ad ogni modo, su circa 600 casi esaminati l accusa di camorra fu confermata per circa 500 imputati. Nello stesso periodo aveva operato la Commissione parlamentare d inchiesta sul brigantaggio, le cui competenze erano state estese alla camorra per impulso di Spaventa. Ai primi di giugno 1863 veniva presentato alla Camera un disegno di legge, di cui era relatore l esule pugliese Giuseppe Massari. Il prolungarsi di un aspro dibattito che rendeva ormai prossimo il rinvio all autunno, spinse il deputato Giuseppe Pica a proporre la rapida approvazione di uno

9 9 stralcio. Il testo, più breve, prevedeva la sottrazione della materia alla magistratura ordinaria e il domicilio coatto per i sospettati anche solo di connivenza con i briganti e i camorristi, nonché gli oziosi e i vagabondi. La legge Pica fu approvata il 15/8/1863. Il governo ebbe la <<facoltà di assegnare per un tempo ma non maggiore di un anno un domicilio coatto agli oziosi, ai vagabondi, alle persone sospette, secondo la designazione del codice penale, nonché ai camorristi e sospetti manutengoli, dietro parere di una Giunta composta dal Prefetto, dal Presidente del Tribunale, del Procuratore del Re e di due consiglieri provinciali>>: La legge eccezionale fu estesa dal brigantaggio alla camorra, perché questa venne considerata come un potere parallelo e alternativo rispetto alla sovranità dello Stato, sia sul terreno del monopolio della violenza e dell ordine sociale, che sul piano dell amministrazione di essenziali funzioni statali: la tutela dell ordine pubblico e della convivenza civile, l esazione dei tributi fiscali. A Napoli la Giunta operò dall autunno 63 alla primavera 64, esaminando circa 2000 casi. Ne uscì una mappa documentata della delinquenza napoletana, con l indicazione dei dati anagrafici, dei capi d accusa, dei mestieri e dei precedenti penali. Gli inquisiti per camorra nella provincia di Napoli, risultano 1285, di cui 900 a Napoli. Oltre il 30% dei camorristi si concentra nel quartiere Mercato, un altro 35,5% si distribuisce tra Vicaria, Porto e Pendino. Quartieri poveri; ma anche luoghi dove si svolgono i traffici, le attività economiche: i mercati della frutta e del pesce, il porto, la dogana, la ferrovia, la piazza degli orefici e infine il Tribunale, le carceri, i bordelli. Circa la metà dei sospetti camorristi è costituita da giovani sotto i trent anni. Tra i mestieri dichiarati i più numerosi sono i facchini, presenti in tutti i mercati, poi i sensali, che spesso sono estorsori degli orefici, quindi i commercianti al dettaglio e gli ambulanti, i cantinieri, i caffettieri, i cocchieri, i calzolai, i falegnami. Il carattere plebeo dell associazione viene confermato dall assenza di impiegati e operai. La Giunta riaffermò la convinzione che la documentazione ritrovata l anno prima nel carcere di San Francesco poteva considerarsi fondamento probatorio dell associazione criminale. L affermazione del carattere associativo e organizzato della camorra costituiva un punto molto importante. La cultura giuridica liberale aveva in gran sospetto il reato associativo: sia per la sua prevalente applicazione ai delitti di associazione e cospirazione politica, sia per il rischio di punire come reati penali anche gli atti solo preparatori di progetti non portati a compimento. I problemi non sorgevano nella valutazione di un concreto reato, ma risultavano di difficile applicazione quando l imputato non era accusato di aver compiuto un reato determinato, oltre quello di associazione criminosa. Nel primo decennio unitario fu la camorra napoletana, e non la mafia siciliana, l oggetto privilegiato di una continua azione repressiva dello Stato. L espiazione delle pene e l esaurirsi delle procedure eccezionali riportavano a Napoli e dintorni i camorristi, che riprendevano subito le tradizionali attività. Nel settembre 1866 il direttore superiore al ministero dell Interno, Nicola Amore, scriveva al prefetto della sua città che l allarme destato nella cittadinanza per il prossimo ritorno dei camorristi dal domicilio coatto aveva costretto il ministero ad appigliarsi alla determinazione di non rilasciare più camorristi di nessuna specie, non tenendo conto delle questioni di mera forma legale, considerando generalmente il ritorno alla loro patria coma causa di un pericolo incessante alla pubblica sicurezza. Questo principio non durò a lungo perché ledeva i principi garantisti che lo Stato liberale intendeva comunque assicurare, fuori dai periodi eccezionali, tanto che già al principio del 1868 il procuratore Marvasi denunciava che in meno di quattro mesi, dall aprile all agosto del 67, erano tornati nella provincia 158 camorristi.

10 10 Nel settembre 1869 in un documento preparato dalla Prefettura di Napoli venivano confermate le relazioni che legavano gli ambienti criminali ai ceti sociali più elevati. Autorevoli membri delle classi dominanti intervenivano per salvare dal carcere i loro omologhi nel sottomondo criminale. Le raccomandazioni, diceva la relazione prefettizia, cadano d ordinario a favore dei camorristi più influenti, quando si pensa che i più famosi camorristi non furono a quel rigore, che altri sottopostivi ne furono presto liberati, si sarebbe del domicilio coatto tentati di dire: che non colpì i pessimi, che colpì per breve tempo i cattivi e che nella rete ora rimangono solo i pesci piccoli>>. Sempre nel 1869 si svolgeva, nella città di Castellammare di Stabia, un processo a carico di 67 imputati, di cui 18 pregiudicati accusati di aver costituito un associazione criminale con lo scopo di depredare nel Porto Mercantile, con minacce a mano armata, continuare contrabbandi, esercitare camorra in danno dei commercianti, dell Erario dello Stato e dei privati. Gli altri 49, imputati di complicità e ricettazione, erano impiegati doganali, pesatori, facchini. Nello stesso rapporto del pretore al procuratore del re si dava conto anche di un contrabbando compiuto dal comandante siciliano di un bastimento proveniente da Trapani con 100 quintali di sale, in accordo con alcuni camorristi di Castellammare. Lo sbarco avvenne rapidamente sulla spiaggia cittadina e, la sera dopo, alla marina di Cassano per la distribuzione nei paesi della penisola sorrentina, col favore di parecchie guardie doganali corrotte. Il sindaco di Castellammare, ch era proprietario di alcuni bastimenti, non aveva alcuna difficoltà a rilasciare certificati di buona condotta ai notori camorristi e aveva introdotto negli uffici doganali due imputati già ammoniti dal pretore. Tra i suoi scaricatori al porto c era il camorrista più temuto, Gennaro Ferrara, che, non per caso, citerà come testi a suo discarico il sindaco e gli assessori municipali. Le indagini e gli atti istruttori compiuti dalla polizia e dal pretore non appaiono però sufficienti a configurare per gli imputati il reato di associazione di malfattori : né al pubblico ministero, né poi al tribunale, che procedono rapidamente alla scarcerazione di tutti i detenuti. Questa linea liberale, fortemente garantista, corrispondeva agli orientamenti governativi. C è da notare che, se il reato associativo era raramente applicato ai camorristi, più facilmente colpiva internazionalisti, anarchici e socialisti. Intanto, anche a Napoli e al Sud era in atto una trasformazione delle relazioni sociali, che produceva interazioni tra i diversi strati della società, in uno con il progressivo ampliamento della partecipazione politica e delle funzioni di amministrazione e di governo. Anche in presenza di un suffragio particolarmente ristretto, intorno al 3-4%, si segnalavano brogli e compravendita di voti. Era il caso di un deputato moderato del quartiere napoletano San Giuseppe, De Rosa, che affidava l acquisto dei voti a un comitato formato da un commesso municipale, due guardie nazionali, un cantiniere e un camorrista appena tornato dal domicilio coatto. L inchiesta diretta dal senatore Saredo sulle amministrazioni napoletane dopo l unificazione, mostrava che già nei primi decenni unitari illegalità e criminalità si diffondevano attraverso relazioni più complesse che andavano ben oltre il sottomondo plebeo e camorristico. Si andavano formando reti di interessi che avvicinavano sempre più i ceti bassi e quelli alti. Si affacciavano atteggiamenti, valori che allargavano i confini della camorra plebea verso più moderne forme di illegalità. Al posto della bassa camorra, esercitata sulla povera plebe, sorgeva un alta camorra, composta dai più audaci borghesi. Costoro traevano alimento nei commerci e negli appalti, nelle pubbliche amministrazioni, nei circoli e nella stampa. Come rilevava l inchiesta Saredo, veniva fuori una figura sociale della realtà politicoamministrativa di Napoli di fine Ottocento, l interposta persona. Questa figura, sempre attiva nella Napoli borbonica, trovava più ampi spazi nella nuova organizzazione politica ed elettorale, con la diffusione del voto, l affermazione delle clientele e dello scambio tra voti e servizi. Con le forme della corruzione diventava centrale la figura dell intermediario.

11 11 Scrive, in proposito, lo storico Barbagallo: <<Dall industriale ricco, che voglia aprirsi la strada nel campo politico o amministrativo, al piccolo commerciante, che debba richiedere una riduzione dell imposta; dall uomo d affari che aspira ad una concessione, all operaio che cerchi il posto in un officina; dal professionista desideroso della clientela d' un istituto o d un corpo morale, a colui che solleciti un piccolo impiego, dal provinciale che viene a Napoli per fare acquisti, a quello che deve emigrare per l America; tutti trovano dinanzi a loro l interposta persona.>>. Una città più moderna Nel 1874 il prefetto, Antonio Mordini, aveva segnalato al ministro dell Interno Minghetti un preoccupante aumento delle attività criminali della camorra, nonché l incremento dei suoi rapporti di affari illeciti con esponenti dei più elevati strati sociali. Si praticavano estorsioni alla luce del sole. Camorristi controllavano appalti e aste pubbliche. Si recavano in tribunale per intimidire i giudici e i giurati. Ormai, però, i camorristi, come abbiamo già accennato nel capitolo precedente, non erano più delinquenti marginali, facili da perseguire. Nel primo quindicennio unitario avevano allargato e consolidato le loro relazioni, aumentato gli affari, affermato la loro posizione sociale. Avevano amici autorevoli, compagni di affari e quindi ricattabili, che, per forza di cose, garantivano per loro. Su questo aspetto, sempre Barbagallo, ci racconta una storia esemplare. Pasquale Cafiero, era capo dei facchini alla Gran Dogana, <<famoso contrabbandiere e facinoroso camorrista>>. Inviato dal 1864 al 67 al domicilio coatto, nel 1875 ormai <<vive con lusso, non lavora mai, veste da Signore>>. L ispettore di polizia del Porto lo protegge. Nel 1880 Cafiero rischia di essere licenziato dalla Dogana. Il solerte ispettore di Mercato denuncia le sue continue prepotenze sui facchini, le estorsioni e i furti a danno dei commercianti di grano. Si schierano immediatamente dalla sua parte amici garanti del facchino-camorrista, trai quali il giornalista e deputato De Zerbi. Una lettera di raccomandazione al questore viene fornita dai principali mercanti di grano operanti a Napoli. A suo favore interviene il consigliere provinciale e proprietario dei mulini Luigi Petriccione. Da Palermo giunge, sempre al questore, la raccomandazione dell onorevole Saverio Fruscia Sciacca, internazionalista e socialista. Aveva, infatti, segnalato l ispettore, che Cafiero si atteggiava <<ad internazionalista>>: ma la principale attività politica era consistita nell estorcere denaro <<minacciando coloro i quali erano stati in relazione con la polizia del caduto governo borbonico>>. All inizio del 1881 il questore chiudeva il caso, comunicando al direttore della Dogana che, in merito al procedimento per l ammonizione giudiziaria, <<si è creduto sospendere per ora l effetto, mostrando il C. da qualche tempo buona intenzione di ravvedimento, a quanto mi assicura codesta ispezione>>, compiuta naturalmente dall ispettore del Porto, l amico. Come si è letto, è antico il vergognoso rapporto tra politici e criminalità organizzata. Al Porto c erano anche le banchine della Pietra del pesce, dove i pescatori sbarcavano e consegnavano le ceste ai grossisti. I pescatori, dopo lunghi ed inutili tentavi di sottrarsi alle estorsioni, alla fine decisero di pagare una somma per ogni cesta sbarcata. A loro volta i capiparanza si accordavano per tenere alti i prezzi di vendita del pesce, per cui i pescivendoli erano costretti a indebitarsi con loro. Per scandire meglio l evoluzione della camorra, riferiamo anche della incredibile, precoce e rapida carriera delinquenziale di un giovane camorrista. Pasquale Scialò, o Sciascillo, a 15 anni compie quattro ferimenti a colpi di pistola. Alla fine del 1878 fa esplodere una bomba carta; il 30 dicembre ammazza un giovane di vent anni. Il tribunale gli concede sempre la libertà provvisoria, anche dopo l omicidio; per il quale sarà condannato nel 1880 a cinque anni di reclusione. Nel gennaio 1881 il

12 12 questore di Napoli denuncia al procuratore del re che il soggetto dopo tante ribalderie non risulta mai condannato e per questo va pubblicamente vantandosi per le alte protezioni di cui gode. Finalmente il 1883 il ventenne o Sciascillo, dopo aver proseguito imperterrito nelle sue azioni criminose, viene condannato a sei anni di carcere, in via definitiva. Se ne perderanno le tracce, né si conosceranno le specifiche protezioni di cui aveva goduto. Un settore fondamentale dell attività camorristica, nel quale operavano anzitutto i capintesta da Salvatore De Crescenzo a Ciccio Cappuccio, o signorino era quello legato alla filiera dei cavalli. Il controllo partiva al momento delle aste degli scarti equini dell esercito, che venivano accaparrati a basso prezzo, eliminando, si intuisce con quali mezzi, la concorrenza. Il secondo passaggio era rappresentato dal commercio della crusca e delle carrube per l alimentazione degli animali. Era quest ultima, poi, l attività ufficiale svolta da molti camorristi. L organizzazione criminale esercitava il pieno controllo di tutti i cocchieri e stallieri. A dare forza a questi traffici quindi la stretta congiunzione con l esercizio dell usura. La camorra non cessava di evolversi. La pratica dell estorsione, rinnovata e allargata, si diffondeva nella società civile di quel tempo e nella sua rappresentanza politica e amministrativa. Ce ne spiega il perché il prof. Barbagallo: <<Del resto l estorsione è l attività illegale che meglio si accosta alla politica. Infatti, si fonda sulla organizzazione e la violenza attributi specifici della dimensione statuale. Dà quindi vita a una organizzazione che punta a conquistare il monopolio territoriale della violenza, in diretta concorrenza con lo Stato. L estorsione si manifesta in tanti modi, ossia come richiesta di compensi per prestazioni di servizi pubblici, per procurarsi un appalto pubblico con sistemi illegali e/o violenti, per offrire protezione e ordine in cambio di pagamenti in denaro>>. Alla fine dell Ottocento l espansione dell illegalità criminale si misurava con gli sviluppi della politica. Non essendo ancora nati i partiti di massa, questi si muovevano come aggregati di notabili, guidati da personalità eminenti come Nicotera, Crispi, Rudinì, Giolitti, Zanardelli, Sonnino. Non era più una stretta oligarchia di ricchi e aristocratici. Sulla scena politica irrompevano ceti meno altolocati, più disponibili a più larghe relazioni. Si tenga presente che le riforme elettorali degli anni 80 allargavano il voto ai maschi ventunenni in grado di leggere e scrivere. D altra parte l illegalità e la criminalità applicata alle amministrazioni pubbliche non erano una novità. L amministrazione del potere politico era nata, nell età moderna, a cominciare dalla Francia, con la vendita delle cariche e la venalità degli uffici. A Napoli, poi, i Borbone avevano affidato gestione di appalti e tangenti, forniture e concessioni a nobili e principi, ma anche ai propri camerieri. La modernità quindi, senza alcun stupore, avanzava anche a Napoli, esprimendo qui pratiche corruttive e illegali. A metà agosto del 1884 arrivò il colera e fece il primo morto. A settembre l epidemia esplose nei quartieri popolari e devastò la popolazione ammonticchiata nei fondaci e nei bassi. Il 15 gennaio 1885 fu approvato dal Parlamento la legge per il Risanamento della città di Napoli. Prevedeva un finanziamento di 100 milioni per le opere di bonifica e per la nuova rete fognaria, agevolazioni fiscali, una più incisiva procedura d espropriazione per pubblica utilità, che colpiva gli interessi dei proprietari. Queste condizioni non convinsero le imprese edili nazionali ad assumere i lavori di sventramento e di risanamento dei quartieri bassi, considerati costosi e incerti. Si determinò così una paralisi produttiva. Soltanto nel 1904 un nuova convenzione consentirà di portare a termine nel 1910 i lavori previsti per il E soprattutto avevano privilegiato la costruzione di nuovi quartieri signorili.

13 13 L ammodernamento edilizio di Napoli, insomma, era giovato alla borghesia e aveva ignorato i bisogni dei diseredati per i quali era stato in principio pensato. Tuttavia fu realizzato un efficiente sistema di fognature che migliorava la situazione igienica della città. La ricostruzione del centro, del sistema fognario e i contratti stipulati con le società erogatrici dei servizi pubblici, sollecitavano le amministrazioni ad assumere atteggiamenti imprenditoriali che, tra scontri certamente non disinteressati, assumevano una sinistra modernità, in quanto spingeva ad intervenire con la richiesta e la percezione di contrattare tangenti. Sullo sfondo di tutto questo si sviluppava una lotta tra gli aggregati conservatori e clerico- moderati sostenuti dalla Curia arcivescovile e un sistema di potere politico-amministrativo della Sinistra massonica guidato dal ministro dell Interno Giovanni Nicotera. Il gruppo (ma era ben più di un gruppo) nicoterino, attivo nell organizzazione delle clientele politico-amministrativo nei quartieri popolari del centro, presidiava anche il settore delle imprese economiche. Nell ultimo quinquennio dell Ottocento l amministrazione comunale di Napoli resta dei gruppi nicoterini, poi diventati crispini. Sono questi poi i giorni in cui vengono messe a punto le nuove convenzioni con la Società belga dei tramways, con la società per l acqua del Serino e con le aziende elettriche per l impianto di illuminazione. La pubblica opinione era generalmente convinta, non a caso, che queste società avessero erogate somme per contrattare e definire le convenzioni. Un rappresentante della Società belga confermò: <<che in questo paese nessun contratto può farsi senza mediazione. Prima però si pagava a qualche amministratore, oggi si deve pagare agli amici degli amministratori>>. La camorra, intesa come organizzazione di plebei e analfabeti di certo non c entrava direttamente. Si trattava di una forma moderna di corruzione clientelare e familistica diffusa anche in altre città e in altri continenti. Anche se Napoli, nella sua originalità, ci metteva del suo. Per esempio, non aveva titolo di studio nemmeno il ragioniere capo, che preparava il bilancio. Il 1 maggio 1899 i giovani socialisti napoletani fondarono il settimanale <<La Propaganda>>. Obiettivo immediato fu l attacco contro la camorra amministrativa e politica che dominava Napoli, per cui fu creata un apposita rubrica titolata Contro la camorra. Sul finire del 99 iniziò il processo a Milano per l omicidio mafioso del marchese Emanuele Notarbartolo, già sindaco di Palermo e direttore del Banco di Sicilia. Il figlio Leopoldo denunciò in aula il deputato Raffaele Palizzolo quale mandante del delitto. L 8 dicembre la Camera approvò l autorizzazione a procedere contro l onorevole che fu arrestato la sera stessa. Due giorni dopo <<La Propaganda>> pubblicava un numero speciale tutto dedicato <<all opera dell alta e bassa camorra>> a Napoli, in considerazione del fatto che <<importanti vicende hanno mostrato a luce meridiana ciò che il partito socialista va proclamando da tempo, che cioè nel mezzogiorno del paese alligna e spadroneggia spavalda la fitta rete della camorra e della mafia>>. Gli inizi del novecento La lotta ai guappi di sciammeria La lotta alla camorra amministrativa segnerà la fine del gruppo che, in un primo tempo, si richiamava a Nicotera e poi a Crispi. Tuttavia ciò non provoca un cambiamento progressivo e più democratico. Al Municipio di Napoli tornano a insediarsi i clerico-moderati, i cattolici conservatori che avevano già amministrato e che rimarranno al potere per oltre dieci anni.

14 14 Negli anni del rilancio industriale e di una modernizzazione che aveva invaso una larga parte della Penisola, a Napoli sarà un moderato conservatorismo politico a guidare il Municipio, le associazioni commerciali e industriali, gli stessi processi di espansione, anche se relativa, di gruppi finanzieri e mercantili. Non si fermava intanto l attacco socialista al sistema clientelare e camorristico che caratterizzava l attività amministrativa nella metropoli e nel vastissimo territorio agricolo della Terra del Lavoro (che si combinava con la provincia di Caserta). La condanna più dura, pronunciata da un deputato socialista, fu riservata al giolittiano Peppuccio Romano, non a caso deputato di Sessa Aurunca (collocata nella Terra di Lavoro) definito <<il maggiore esponente della camorra di Terra di Lavoro>>. Le dure parole subite dal giolittiano furono confermate, qualche tempo dopo, dal prefetto della provincia di Caserta, che all epoca si estendeva a Sora e a Gaeta, che in una relazione riservata al ministero diceva che nell agro aversano <<è innegabile l esistenza della malavita organizzata in camorra, la quale secondo i vecchi sistemi di lotte elettorali di queste contrade, viene assoldata da partiti per essere spalleggiati e per guadagnare terreno coi mezzi più riprovevoli e riprovati>>. Per il vero non erano soltanto i deputati dell Estrema sinistra ad intervenire contro la camorra. Un deputato clerico-moderato di Napoli-Chiaia, denunciava <<la piaga sociale della camorra>> e invitava il governo a combatterla, ammonendo: <<Ma per far ciò nelle elezioni, specialmente nelle elezioni politiche, l autorità di pubblica sicurezza non deve ufficialmente organizzare la camorra, non deve servirsene per fini suoi>>. Una parte della stampa locale (quella che contava) e in particolare il Mattino e il suo vate Scarfoglio, difendeva a tutto campo e con veemenza il Romano. Questo però non fermava l azione della Prefettura casertana contro il politico-camorrista. Nel collegio di Aversa si raddoppiavano i contingenti di carabinieri e poliziotti, si aggiungevano quaranta guardie di finanza, veniva impiegata anche la cavalleria. Lo Stato, attestava il prefetto al governo, era entrato in guerra contro l onorevole che si appoggia alla malavita locale e la sostiene vigorosamente traendo in gran parte da essa la sua forza elettorale. Perciò è grato alle figure principali di essa; perciò si adopera in ogni contingenza in favore loro. Non appena esse hanno a rendere qualche conto alla giustizia, egli si pone in prima linea per difenderle recandosi personalmente nelle Aule del Tribunale e mostrandosi apertamente ai Magistrati compiacenti con la veste di fautore e di patrocinatore, sostenuto a sua volta da numerosi affiliati alla malavita.[ ] Per tutto ciò, che ora il Cav. Romano sia ritenuto moralmente diffamato è noto; ma la recente lotta elettorale ha valso a confermarlo ed a caratterizzarlo moralmente e politicamente la figura di lui. Il processo Cuocolo, di cui parleremo fra poco, provocò un attenzione inedita al problema criminale. Si sviluppava così un analisi dei caratteri e soprattutto dell evoluzione del fenomeno camorristico. Il dirigente sindacale e giornalista, Eugenio Guarino, per esempio, poneva fortemente l accento sulla persistenza e aggiornamento dell associazione delinquenziale, che pareva assumere la forma di una <<immensa piovra>>, i cui tentacoli invadevano tutta la città. Indicava, con molto coraggio e spregiudicatezza, quelli che erano i <<puntelli della camorra>>: i legami con la polizia, specie per il controllo del mercato elettorale; la tolleranza della magistratura e, soprattutto, delle autorità religiose che tanto peso avevano nella città; infine l assuefazione della pubblica opinione allo spettacolo delle istituzioni conniventi con la delinquenza. Il <<Mattino>> pubblicherà una attenta inchiesta, poi raccolta in volume da Ernesto Serao e Ferdinando Russo. Serao spiegherà la profondità dei cambiamenti che avevano ormai oscurato i tradizionali riti camorristici e che vedevano sempre più crescere la presenza, accanto ai delinquenti plebei, di strati sociali più elevati ed aperti ad altolocate relazioni, grazie agli accordi elettorali, alle pratiche usuraie, al controllo delle aste, al gioco e al mondo appassionato ai cavalli.

15 15 Sarà un funzionario di polizia, Eugenio De Cosa, nel 1908, a tracciare un intrigante profilo di questi criminali aggiornati ai tempi nuovi: Il camorrista moderno conosce anticipatamente a chi verrà aggiudicato l appalto di questa o di quella amministrazione, regola la vendita dell asta pubblica, ne svia le maggiori offerte, concerta e mena a termine questue e feste di beneficenza da cui detrae lauta sua spettanza. Egli inizia e protegge case da gioco e di prostituzione prestandosi a fornire i capitali che gli vengono poi resi quintuplicati, dispone della servitù di tutto il quartiere, ed in caso di elezioni, per logica conseguenza, di 100 o 200 voti, secondo la sua importanza e secondo gli anni della sua carriera. Il camorrista moderno conosce ed è conosciuto da tutte le Autorità locali; qualche volta è nominato notabile municipale del quartiere, e mercé le sue raccomandazioni, gli abitanti del rione ottengono dei favori delle concessioni. A questi delinquenti che, abbandonate le vecchie frequentazioni, si appropriavano delle abitudini borghesi ed aristocratiche, fu imposto il termine di guappi di sciammeria (ch era una specie di abito). Veniamo ora al <<caso Cuocolo>>. Lo raccontiamo perché rappresenta la fine della camorra elegante, non sopravviverà al proditorio assalto dei Reali Carabinieri. Gennaro Cuocolo era un rinomato basista di furti di appartamenti, pur discendendo da commercianti di pellami; sua moglie veniva dalla prostituzione. Lui fu ammazzato sulla spiaggia di Torre del Greco; lei, poche ore dopo, nella nuova casa sita tra via Toledo e i Quartieri spagnoli. Era quasi certamente, una storia di sgarro. Il basista si era appropriato della parte spettante ai ladri finiti in carcere, che poi si erano vendicati. La vicenda fu resa più torbida dal fatto che sulla stessa spiaggia in una trattoria si intrattenevano famosi camorristi. C era il caposocietà di Vicaria e aspirante capintesta Enrico Alfano, detto Erricone, arricchitosi nei traffici di cavalli: C era poi il professore Giovanni Rapi, molto attivo in un Circolo del Mezzogiorno, ben frequentato da nobili e borghesi, che in sostanza era una bisca. Era presente anche un prete, don Ciro Vittozzi, cappellano del cimitero di Poggioreale, molto legato ai camorristi. Sul duplice omicidio si era affermata l ipotesi di un chiarimento tra ladri, basista e capicamorra finito tragicamente che aveva conseguentemente imposto l eliminazione della donna in quanto testimone. Il capitano dei Reali Carabinieri, Carlo Fabroni, però, impresse una inaspettata svolta: accusò la Questura di aver fatto scarcerare i camorristi, per vecchie e nuove connivenze, pertanto sollecitò nuove indagini, affidate già alla magistratura, peraltro spaccata al suo interno e sballottata da molteplici pressioni. L ufficiale prezzolò un collaboratore, Gennaro Abbatemaggio, che vent anni dopo avrebbe ritrattato tutto. Intanto forniva false dichiarazioni e prove artefatte che partivano da una fantasiosa sentenza di un presunto Tribunale della camorra, riunito in una trattoria di Bagnoli I delitti erano accollati a un ristretto gruppo di camorristi eccellenti. Con l invenzione, poi, di riunioni, tribunali e sentenze si allargava l applicazione del reato di associazione a delinquere. Così si potevano colpire e togliere dalla circolazione alcuni soggetti di quel gruppo di guappi di sciammeria che con i delitti non aveva colpe, ma che aveva avuto la spudoratezza di spartire (o anche millantare) con la crema della società napoletana, angustamente rappresentata da Sua Altezza Reale Emanuele Filiberto di Savoia, duca d Aosta, residente nel palazzo reale di Capodimonte. Protagonista di questa storia presumibilmente fu un certo Gennaro De Marinis, detto il mandriere, camorrista che esercitava l attività di usuraio e ricettatore nell elegante quartiere San Ferdinando e Chiaia, tra corse di cavalli e puntate nei casini da gioco. Tuttavia la guerra scatenata dai carabinieri contro la camorra, pare per impulso del cugino del duca, il re Vittorio Emanuele III, era condivisa dalle parti più diverse.

16 16 Il processo Cuocolo contrappose la Questura ai carabinieri e sconquassò la magistratura napoletana. La procura di Napoli rinviò a giudizio più di trenta imputati: alcuni per omicidio, la gran parte per associazione a delinquere. Nel 1911 il processo, per legittima suspicione, approdò alla Corte d Assise di Viterbo. Nel 1912 i giurati emisero una sentenza di colpevolezza. Alfano, Rapi, De Marinis e altri cinque furono condannati a 30 anni. La camorra elegante si inabissò e scomparve la camorra propriamente detta, nella sua forma ottocentesca. Come si è potuto leggere tra Ottocento e primo Novecento la camorra rappresenta un fenomeno urbano, espresso da un ceto sociale, la plebe, prodotto dalla storia di Napoli. Una massa di diseredati, marginali e dipendenti dalle elargizioni di re, viceré, aristocratici e borghesi. I più vocati alla delinquenza si organizzano e impegnano il loro ingegno per cercare strade diverse, ancor più quando da Napoli scomparve la corte, le elargizioni e gli uffici. Quando si procede verso il più liberale primo Novecento aumentano le occasioni d incontro, di collaborazione tra aggregati politici, economici, amministrativi, camorristici. La relativa espansione economica provocherà l allargamento dei circuiti economici illegali. Di conseguenza una maggiore presenza dei delinquenti arricchitisi coi nuovi traffici. I camorristi e i guappi napoletani si mostravano, si dichiaravano, si addobbavano con vesti sgargianti. Vi era poi il tentativo, per il vero maldestro, di interloquire da vicino con l alta società. Tutto ciò produsse una reazione violenta e vincente, tale da distruggere un associazione criminale. Basterà dire che mentre la camorra tradizionale aveva resistito alle repressioni, quella moderna non sopravviverà all assalto dei reali Carabinieri. Il suo inabissamento, dopo il processo Cuocolo, segnala la sua marginalità sociale e la subalternità politica ai poteri dominanti. Dall avvento del fascismo ai magliari Le terre della Campania costiera erano ricoperte da orti irrigui, giardini di frutta, seminativi erborati, le più ricche colture intensive. Un area, quindi, fertilissima con pochi grandi proprietari e molti di media e piccola consistenza. Che, per lo più, fittavano ai coloni. I contadini, molti dei quali piccoli fittuari e coloni, vivevano in miseria, perché sfruttati sia dai proprietari che dagli intermediari nelle compere e nel credito. In questa pianura crescerà una delinquenza che eserciterà uno sfruttamento contadino ben oltre i confini della legalità. Infatti, le campagne dell Aversano del Nolano, dell area vesuviana, del confinante agro sarnese diventeranno una vasta area della intermediazione. Qui, a differenza della Sicilia, non operano gabellotti, vi sono, numerosi, mediatori e guappi che intervengono individualmente senza alcuna appartenenza ad associazioni. Esercitano forme di intermediazione, anche ricorrendo alla violenza, sapendo bene che rappresentano l unica strada che permette ai contadini di relazionare con i mercati urbani e con l industria di trasformazione. Solo attraverso la cinica imposizione della mediazione viene assicurata la commercializzazione dei prodotti agricoli, nella prima metà del Novecento. Le aree particolarmente infestate da delinquenti e camorristi, di cui si hanno notizie fin dalla metà dell Ottocento, sono l agro aversano e la zona dei Mazzoni, quest ultima tra i Regi Lagni (canali di bonifica) e il basso Volturno tra Cancello Arnone, Castelvolturno, Mondragone. Occorre subito precisare che questa camorra, diversamente da quella napoletana, ha essenzialmente caratteri rurali. Fin dall Ottocento, comunque, non aveva niente da invidiare a quella urbana, sia per

17 17 il numero degli adepti, sia per il rilievo dei capi, sia per la violenza. I camorristi casertani erano, per lo più, sensali, mediatori, sedicenti guardiani e, soprattutto, come dice il più volte citato Barbagallo, << tribù di bufalari, selvaggi come le bestie che allevavano>>. Le sue origini sono molto antiche. Questa criminalità, nonostante tutto, tra Ottocento e Novecento, si inserì rapidamente nei processi di modernizzazione, instaurando rapporti con l attività politica e amministrativa. La descritta delinquenza non avrà remore ad inserirsi nella nuova vita politica, determinata dall avvento del fascismo, intrigando con podestà e segretari locali del Partito fascista, intervenendo nei conflitti massonici, non trascurando il suo impegno professionale, tanto che tra il 1922 e il 1926 si segnalano centinaia di omicidi, migliaia di furti e rapine, centinaia di incendi e danneggiamenti. A testimoniarlo, sul finire del 1926, un ispettore generale del ministero dell Interno documentò l espansione di una camorra a raggiera che dal Napoletano si espandeva nel Casertano e raggiungeva l agro Sarnese-nocerino nel Salernitano. Uno Stato conquistato e amministrato con la violenza non poteva permettersi concorrenza alcuna. E così, mentre in Sicilia a occuparsi della mafia aveva spedito il prefetto Mori, nella Terra del Lavoro inviò il maggiore dei carabinieri Vincenzo Anceschi, nato a Giuliano, quindi pratico della zona. Non solo, nel 1927 abolì la provincia di Terra di Lavoro. La parte al di qua del Garigliano fu assegnata alla provincia di Napoli; da Gaeta fin su a Sora una vasta area fu trasferita al Lazio, nella nuova provincia di Frosinone, che in seguito dovette cederne parte alla neonata Littoria (divenuta poi Latina). Poco dopo fu assunto un altro provvedimento di tipo demografico: i comuni di Casal di Principe, Casapesenna e San Cipriano di Aversa vennero accorpati col nome di Albanova. Intanto i carabinieri assolsero il loro compito. Arrestarono migliaia di delinquenti e di fatto promossero una ventina di processi. Con il processo Cuocolo e l attacco alla delinquenza casertana i carabinieri raggiunsero l obiettivo di sconfiggere la camorra storica dalle aree controllate dalla delinquenza campana. Certo la guerra fu condotta non certo con mezzi garantisti, tuttavia fu vinta. Questo, naturalmente, non assicurava la scomparsa della criminalità, ma si esauriva il ciclo storico dell associazione di delinquenti dotata di propri riti e miti. Restavano i gruppi, sparsi nei quartieri, che gestivano e controllavano la delinquenza diffusa. Ci sembra qui opportuno puntualizzare un aspetto. La mafia siciliana, pur colpita dall azione del prefetto Mori, procede su una linea di continuità senza fratture e significativi cambiamenti. La differenza con la delinquenza campana sta nel fatto che la camorra ottocentesca resta, indubbiamente, un fenomeno marginale e subalterno rispetto ai poteri dominanti, mentre la mafia è stata sempre in contatto e in concorrenza con le classi dominanti in Sicilia ed espande il suo spazio operativo dentro il sistema di potere dell isola. <<Insieme alla fame racconta Barbagallo l altro tratto distintivo della Napoli occupata dagli eserciti alleati era il mercato nero. L attiva collaborazione tra borsari neri, contrabbandieri e militari alleati alimentava un enorme traffico clandestino dei prodotti sbarcati nel porto>>. Il contrabbando delle sigarette americane e la borsa nera dei prodotti di prima necessità sono un commercio che vedono impegnate masse popolari e mettono in luce i principali esponenti criminali, non più legati a gruppi camorristici ma operatori individuali. Ritornano in uso, di conseguenza, altre denominazioni: guappi, carte di tressette. A Napoli dettano legge tre gruppi di fratelli: Spavone, Mormone, Giuliano. Nel 1945 Carmine Spavone, o malommo, viene ucciso da Giovanni Mormone, o mpicciuso (il litigioso), ammazzato, a sua volta, da Antonio Spavone, che subentra al fratello anche nel soprannome. Ci racconta Barbagallo: <<Il nuovo malommo avrà una lunga carriera criminale, soprattutto nel ramo del contrabbando e conseguirà un largo apprezzamento nel suo ambiente. Incarcerato nello storico carcere delle Murate a Firenze, durante l alluvione del 1966 salvò

18 18 dall annegamento più persone, tra cui due agenti e la figlia del direttore, per cui ottenne la grazia e il condono della consistente pena residua>>. Dominano, in quegli anni 40 e 50, la borsa nera, i falsi, le contraffazioni, gli scartiloffi (merci costose vendute per tali ma sostituite da mattoni, segatura, cartapressata). Il controllo di questa zona è assicurato dai fratelli Giuliano: Pio Vittorio, Guglielmo, Salvatore. Sempre tra gli anni 40 e 50 guappi e carte di tressette si introducono nelle campagne e in una specie di borsa merci all aperto, a corso Novara vicino alla Stazione centrale di Napoli, sono i nuovi mediatori che, come i vecchi, sfruttano il lavoro contadino. Assumono il ruolo centrale tra i grossisti, che acquistano dai contadini, e i concessionari dei magazzini del mercato ortofrutticolo all ingrosso. Insomma, sono quelli che decidono i prezzi e quindi i profitti di tutti gli attori che trasportano la frutta e gli ortaggi dal contadino all acquirente finale. Questi si chiamano presidente dei prezzi. Se poi sono bravi e riescono ad imporsi diventano presidente unico. Nei primi anni 50 si affermano tre presidenti dei prezzi: Alfredo Misto di Giugliano, Pasquale Simonetti di Nola, Antonio Esposito di Pomigliano. Tra questi tre guappi la convivenza è caratterizzata da conflitti con sparatorie sulle aree di rispettiva competenza. Prevale Simonetti (Pascalone e Nola) che diventa presidente unico dei prezzi. Ma i contrasti non si fermarono. Nell estate 1955 Pascalone e Nola fu ammazzato proprio a corso Novara da un sicario di Totonno e Pomigliano (Antonio Esposito). Esposito, poi, fu ucciso dalla giovane vedova di Simonetti, la diciottenne Pupetta Maresca, ch era incinta e faceva parte della famiglia criminale dei lampetielli di Castellamare di Stabia. La vicenda ebbe risonanza internazionale perciò segnò la conclusione del predominio dei mediatori criminali e l emarginazione della camorra. Ciò non impediva a qualche gruppo di aggirarsi, come don Vittorio Nappi, di stanza a Scafati nell agro sarnese-nocerino, detto o studente o anche o signurino. Di famiglia borghese, era iscritto alla facoltà di Giurisprudenza a Napoli. Fu coinvolto in un delitto d onore, andò in carcere per un po, tornò in paese <<col diploma di criminale>>. Durante il fascismo fu mandato alle Tremiti in soggiorno obbligato. La sua principale attività fu l estorsione a danno degli industriali e dei commercianti della zona, in cambio di protezione. Dirimeva, inoltre, questioni e dava consigli, a pagamento. Vi erano altri gruppi nell area vesuviana. A Castellamare di Stabia imperava Catello Di Somma. Il leader democristiano Silvio Gava passeggiava insieme a lui, specie nelle campagne elettorali. Sempre negli anni 40 e 50 carte di tressette gestivano come grossisti il settore dei magliari che, in giro per l Italia e l Europa, vendevano, porta a porta, a basso prezzo, stoffe adulterate passandole per cotone, lana, seta. Si trattava di truffe estese anche ai traffici di merce rubata e coinvolgevano, per la vendita diretta, larghi strati popolari che vivevano di attività illegali. Per concludere il capitolo, aggiungiamo che questa delinquenza urbana, negli anni 50, come la camorra ottocentesca, restava marginale e subalterna. La guerra tra i clan dei marsigliesi e Cosa Nostra a Napoli Agli inizi degli anni 60 la timida espansione della società meridionale, promossa dallo sviluppo economico in atto nel Paese, si accompagnò al più grande sviluppo della criminalità organizzata che in Campania avrebbe trasformata la camorra storica, facendole assumere forme più consistenti, di largo respiro molto lontane dai suoi primordiali appetiti.

19 19 Qualche anno dopo il 1956, con l indipendenza del Marocco, vi fu la chiusura del porto di Tangeri. I depositi di tabacco, quindi, si spostarono nei porti jugoslavi e albanesi da dove, attraversando la Puglia, le casse di sigarette arrivavano a Napoli. I delinquenti napoletani inizialmente svolgono, per questo traffico illegale, ruoli secondari: lo sbarco delle sigarette, la collocazione nei magazzini, la vendita al dettaglio. I marinai, imbarcati su veloci scafi, sbarcano le casse in alto mare. I banchetti di vendita delle stecche sono sparsi per tutta Napoli. Bisogna chiarire che, negli anni 60, il contrabbando di tabacco è generalmente considerato un attività tra lecito e illecito, tanto che le sigarette vengono portate e vendute in tutti gli uffici di Napoli, dalla Prefettura all Intendenza di Finanza. Si può certo comprendere il tollerante atteggiamento in una città che non dà posti di lavoro sufficienti, le sigarette illegali forniscono una larga occupazione ben retribuita a larghi settori di emarginati e inquieti (oggi forse lo avremmo chiamato un ammortizzatore sociale ). Sono per lo più i siciliani di Cosa Nostra e delinquenti corsi, marocchini, algerini che fanno capo a Marsiglia e, perciò, vengono chiamati marsigliesi. Ma insieme a questi criminali, secondo un rapporto della Guardia di Finanza italiana operano <<gruppi di avventurieri internazionali per la maggior parte americani>> le banche svizzere, finanzieri di vari paesi europei, ditte import-export di mezzo mondo. Intanto la mafia siciliana si dibatte in una grave crisi. Dopo la prima guerra scoppiata tra i Greco e i La Barbera, all inizio degli anni 60 e dopo la strage di Ciaculli del 1963, quando una Giulietta al tritolo destinata ai Greco ammazza, invece, sette carabinieri, lo Stato repubblicano sferra un duro attacco a Cosa Nostra. Abbiamo già detto che negli anni 60 è Marsiglia il centro internazionale dei traffici illeciti, specie degli stupefacenti, tra i paesi produttori e quelli consumatori, soprattutto gli Stati Uniti. Le cose cambieranno negli anni 70 quando stabilitosi un accordo tra Stati Uniti e Francia, si svilupperà un duro contrasto alla French Connection che ridurrà drasticamente il predominio corso-marsigliese. Si aprirà così la strada alla affermazione di Cosa Nostra nel controllo delle reti di traffico degli stupefacenti nell area mediterranea. La situazione cambierà, sempre negli anni 70, anche per la delinquenza campana per due fattori. Il soggiorno obbligato che porta nel Napoletano numerosi capimafia; la guerra tra Cosa Nostra e il clan dei marsigliesi per il controllo del tabacco e della droga nell area napoletana. Si stabiliranno rapporti tra capimafia in soggiorno obbligato e gruppi criminali locali. Infatti, nei dintorni di Napoli erano giunti, per obbligo di dimora, Stefano Bontate, Gaetano Riina, Salvatore Bagarella ed altri. Per scelta volontaria arrivano Giuseppe Savoca, Tommaso Spadaro e Antonio Salomone. Latitavano, tra l altro, nel Napoletano Saro Riccobono, Gerlando Alberti e il capo dei corleonesi Luciano Leggio (Liggio), legato ai Nuvoletta di Marano che, per suo conto, amministrava una grande azienda ortofrutticola e investiva nei traffici di tabacco e di droga. La guerra aperta tra clan marsigliesi e mafia siciliana per la conquista di Napoli gioverà ai criminali campani che compiono, così, un salto di qualità, lasciando le retrovie per obiettivi più ambiziosi. Addirittura le famiglie più solide e affidabili del Napoletano e del Casertano entrano, insieme ai cugini della ndrangheta calabrese, nel salotto buono, dell associazione di orizzonte mondiale: Cosa Nostra siciliana. Intanto il soggiorno obbligato esporta mafiosi non solo a Napoli ma anche a Milano e nel Nord, <<favorendo enormemente il processo di nazionalizzazione criminale>>. In questa fase avviene l ingresso della delinquenza campana <<dentro i giochi complessi del più accreditato sviluppo del crimine mondiale>>.

20 20 Tra il 1971 e il 1973 si svolgerà una vera e propria guerra tra mafiosi e marsigliesi, che sono per lo più algerini e marocchini provenienti da Tangeri o Casablanca. Da parte sua il clan dei marsigliesi, attaccato dal Narcotic Bureau, che gli distrugge le raffinerie di eroina nei pressi di Marsiglia, cala su Napoli per provare a scalzare la presenza mafiosa. Arrivano tutti i capi e si sistemano in alberghi e abitazioni del centro. Sono marocchini, francesi, inglesi, spagnoli, greci, arabi, calabresi. Dalla Svizzera dirigono il traffico e forniscono i capitali il finanziere rumeno Alexander Florescu, residente a Ginevra, e lo svizzero Serafino Meniconi, rappresentante di una delle società svizzere che gestiscono una parte rilevante del contrabbando internazionale di tabacco. Cosa Nostra reagisce con forza, con tutte le armi, anche quelle delle soffiate, che consentono alle forze dell ordine di sequestrare ripetutamente grossi carichi di bionde. Tuttavia nell autunno del 72 vengono arrestati i capi del clan dei marsigliesi: può considerarsi quindi fallito il loro controllo della piazza di Napoli già dal principio del Cosa Nostra, diventata padrona del campo, toglierà dalla circolazione i contrabbandieri napoletani vicini ai maghebrini di Marsiglia, eliminati da un killer venuto apposta da Bagheria. Poi affilierà come uomini d onore i maggiori e più affidabili criminali napoletani: Michele e Salvatore Zaza che controllavano i traffici nell area che andava da Santa Lucia a San Giovanni a Teduccio; Angelo e Lorenzo Nuvoletta di Marano, già in ottimi rapporti, come abbiamo già letto, con il corleonese Leggio (Liggio); il boss di Giugliano e Villaricca Raffaele Ferrara che affilierà a Cosa Nostra il boss aversano Antonio Bardellino. Secondo una deposizione del mafioso Gaspare Mutolo nel 1973 era stata costituita in Campania una famiglia di Cosa Nostra. Il rappresentante era Salvatore Zaza, legato a Tano Badalamenti, sottocapo era Lorenzo Nuvoletta, intimo dei corleonesi. Nel 1974 si stipula un accordo strategico fra i trafficanti siciliani e napoletani uniti nel vincolo di Cosa Nostra. Si concordano dettagliate regole di funzionamento, stabilendo quattro turni di scarico nel mar Tirreno di una nave contrabbandiera per volta. Il primo turno sarà gestito da Spadaro per la famiglia palermitana di Porta Nuova, il secondo da La Mattina per la famiglia di Santa Maria del Gesù, il terzo da Michele Zaza col nipote Ciro Mazzarella per la famiglia di Napoli, il quarto da Pino Savoca per la famiglia di Brancaccio e per la Commissione di Cosa Nostra. E il periodo più ricco del traffico del tabacco. Dai libri contabili risulta che Michele Zaza gestisce nel 1977 un movimento annuale di 5000 tonnellate di sigarette per un fatturato di 150 miliardi di lire. Nel 1979 questa forma di società si scioglie di comune accordo per due motivi. Da qualche tempo l interesse primario si è spostato sul narcotraffico. C è poi l abilità sia di Zaza che di Spadaro a privilegiare troppo i propri affari. A Napoli si era affermato, verso la metà degli anni 70, un trafficante internazionale di cocaina: Umberto Ammaturo. Questi si era prima legato a Luigi Grieco, o sciecco (l asino), presto eliminato dai siciliani, e manteneva buoni rapporti con Spavone ( o malommo) e anche con Zaza. Si era già arricchito col contrabbando delle sigarette, quando diede una dimensione internazionale ai suoi affari. Si trasferì in Perù, a Lima, e diventò un grosso produttore e mercante di cocaina. Acquistava dai contadini la pasta di coca, che raffinava ed esportava nelle maggiori città europee e italiane. Non aveva problemi con la polizia peruviana. Sarà arrestato più volte, ma grazie alle perizie del criminologo Aldo Semerari, verrà considerato schizofrenico e detenuto in manicomi criminali, sempre preferiti dai delinquenti alle carceri. La comune propensione verso il traffico della cocaina e l identico carattere impetuoso favorirono rapporti stabili con Antonio Bardellino. Proprio per il carattere, invece, avrebbe contrapposto Ammaturo a Raffele Cutolo, anche lui impegnato nello smercio di cocaina.

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

(N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno.

(N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno. (N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno. Napoli 8 Agosto GIUSEPPE NAPOLEONE per la grazia di Dio Re di Napoli e di Sicilia, Principe Francese, Grand Elettore dell Impero.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

La sentenza massonica di espulsione. Il Gran Maestro della Massoneria, con circolare n.54, così si esprimeva:

La sentenza massonica di espulsione. Il Gran Maestro della Massoneria, con circolare n.54, così si esprimeva: La sentenza massonica di espulsione Il Gran Maestro della Massoneria, con circolare n.54, così si esprimeva: Rispett. Maestri Venerabili, Cari Fratelli. Compio il mio dovere partecipandovi che il Tribunale

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana dicembre 2012 1 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Leonardo Orlando Barcellona La famiglia mafiosa dei Barcellonesi, fin dai primi anni

Leonardo Orlando Barcellona La famiglia mafiosa dei Barcellonesi, fin dai primi anni Domenica 4 Gennaio 2015 BARCELLONA, IERI DEPOSITATI I VERBALI CON LE CLAMOROSE DICHIARAZIONI DEL PENTITO CARMELO D AMICO: C ERA UN PATTO TRA MAFIA E MASSONERIA. GLI INTRECCI E I NOMI SVELATI DAL COLLABORATORE

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA 1 LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA Non prima degli anni Settanta sappiamo di più delle strutture interne della mafia, dei complicati rapporti socali e del clima psicologico nei clan della mafia.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Subcultura mafiosa e cultura siciliana. Cosa Nostra e la sua organizzazione: rituali, valori, strumenti e fini

Subcultura mafiosa e cultura siciliana. Cosa Nostra e la sua organizzazione: rituali, valori, strumenti e fini Università di Palermo Facoltà di Lettere e Filosofia Polo universitario di Trapani Corso di laurea in Servizio Sociale Subcultura mafiosa e cultura siciliana. Cosa Nostra e la sua organizzazione: rituali,

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli