Il processore: unità di controllo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il processore: unità di controllo"

Transcript

1 Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune difficoltà per la sua realizzazione nell implementazione multi-ciclo del processore Gestione dei diversi passi di esecuzione di un istruzione Il lo deve specificare sia i segnali in ciascun passo sia il prossimo passo della sequenza di esecuzione Esistono due tecniche per la progettazione dell unità di lo Macchina a stati finiti Microprogrammazione Entrambe le tecniche di rappresentazione dell unità di lo permettono la sintesi automatica dell implementazione tramite un sistema CAD Sotto forma di ROM o di PLA Valeria Cardellini 1

2 Le macchine a stati finiti Le macchine a stati finiti forniscono una rappresentazione simbolica del comportamento dell unità di lo Sono costituite da: Un insieme di stati Un insieme di transizioni di stato Occorre definire una funzione di prossimo stato che mette in relazione lo stato corrente con lo stato successivo Nella rappresentazione dell unità di lo Ogni stato rappresenta i valori dei segnali di lo che sono pari ad 1 I valori non esplicitati sono uguali a 0 Per il lo dei multiplexer è invece necessario specificare ad ogni passo il valore Valeria Cardellini 2 Struttura della macchina a stati finiti I primi due passi sono indipendenti dall istruzione I restanti passi sono differenziati a seconda dell operazione Ciascuna porzione della macchina a stati finiti può essere composta da più stati Valeria Cardellini 3

3 La macchina a stati finiti completa Valeria Cardellini 4 Implementazione dell unità di lo dalla macchina a stati finiti La macchina a stati finiti può essere implementata usando Un registro temporaneo che memorizza lo stato corrente Un blocco di logica combinatoria che determina i segnali e lo stato futuro Macchina di Moore NextState = f(input, State) Output = g(state) Vantaggi: Maggiore velocità e minore dimensione Valeria Cardellini 5

4 Eccezioni La gestione delle eccezioni e degli interrupt è una delle parti più difficili del lo Eccezione: un evento non atteso, interno al processore, che interrompe l esecuzione del programma Esempi: overflow aritmetico, istruzione non definita Interrupt: un evento non atteso, esterno al processore, che interrompe l esecuzione del programma Esempi: richiesta di un dispositivo di I/O, malfunzionamento hardware Nella terminologia MIPS: interrupt eccezione Nella terminologia IA-32: non c è distinzione tra interrupt ed eccezione Valeria Cardellini 6 Gestione delle eccezioni Quando avviene un eccezione occorre Salvare nel registro EPC (Exception Program Counter) l indirizzo dell istruzione che ha causato l eccezione Trasferire il lo al sistema operativo a qualche indirizzo specifico per la gestione dell eccezione Il sistema operativo, dopo aver eseguito le azioni necessarie, può terminare il programma o continuarne l esecuzione usando EPC per determinare da dove riprendere l esecuzione Oltre a EPC, il sistema operativo deve conoscere la ragione dell eccezione; esistono due meccanismi Registro di stato (Cause register nel MIPS): contiene un campo che indica la causa dell eccezione Interrupt vettorializzato: l indirizzo a cui trasferire il lo è determinato dalla causa dell eccezione Consideriamo due tipi di eccezioni nell implementazione a ciclo multiplo Esecuzione di un istruzione non definita Overflow aritmetico Valeria Cardellini 7

5 Gestione delle eccezioni (2) Per gestire le eccezioni nel MIPS occorre aggiungere nell unità di elaborazione Registro EPC a 32 bit Registro Cause a 32 bit Istruzione non definita: Cause = 0 Overflow aritmetico: Cause = 1 Aggiungiamo due segnali di lo per abilitare la scrittura dei registri EPC e Cause: EPCWrite e CauseWrite Aggiungiamo un altro segnale di lo per settare il bit meno significativo del registro Cause: IntCause Occorre scrivere in PC l indirizzo di eccezione (punto di ingresso del sistema operativo per gestire le eccezioni) Nel MIPS, l indirizzo di eccezione è ( ) 16 Modifichiamo il multiplexer in ingresso a PC da tre a quattro vie PCSource = 11 per abilitare l indirizzo di eccezione Valeria Cardellini 8 L unità a ciclo multiplo con la gestione delle eccezioni Indirizzo di eccezione EPC: usiamo per sottrarre 4 a PC Valeria Cardellini 9

6 La macchina a stati finiti con la gestione delle eccezioni Valeria Cardellini 10 Necessità della microprogrammazione Dalla progettazione dell unità di lo per il set ridotto di istruzioni del MIPS abbiamo visto che La macchina a stati finiti (con gestione eccezioni) ha 12 stati Quindi, risulta facilmente gestibile Per unità di lo di implementazioni complete Da 1 a 20 cicli di clock Centinaia di stati con un numero elevato di archi La rappresentazione grafica diventa complessa Aumenta la probabilità di commettere errori nella progettazione E necessario uno strumento progettuale più efficace per progettare unità di lo complesse: la microprogrammazione Valeria Cardellini 11

7 La microprogrammazione L idea alla base della microprogrammazione: trattare l insieme dei segnali di lo come un istruzione da eseguire Un istruzione di lo (di basso livello) detta microistruzione Per differenziarla dalle istruzioni ISA di livello più alto Ogni microistruzione Definisce quali segnali vanno messi ad 1 in un certo stato Definisce anche quale è la successiva microistruzione da eseguire Il microprogramma Insieme di microistruzioni Fornisce la rappresentazione simbolica dell unità di lo Valeria Cardellini 12 Il microprogramma Fornisce una rappresentazione simbolica dell unità di lo Che verrà tradotta nell implementazione con porte logiche da strumenti automatici, analogamente alle macchine a stati finiti Formato delle microistruzioni Valgono gli stessi principi progettuali adottati nella progettazione dell unità di elaborazione Semplificare la rappresentazione, renderla facile da scrivere e da capire, evitare che vengano scritte microistruzioni inconsistenti Formato Campi che specificano il valore dei segnali di lo Valeria Cardellini 13

8 Il formato delle microistruzioni Ogni microistruzione contiene 7 campi Campo Funzione SRC2 Register PCWrite Operazione compiuta da ; risultato in Out Provenienza primo operando Provenienza secondo operando Lettura o scrittura dei registri nel banco e provenienza dei valori in caso di scrittura Lettura o scrittura della memoria e provenienza dei dati; in caso di lettura specifica il registro di destinazione Modalità di aggiornamento di PC Modalità di scelta dell istruzione successiva Valeria Cardellini 14 Scelta della microistruzione successiva Le microistruzioni sono memorizzate in una ROM o PLA Possiamo assegnare degli indirizzi alle microistruzioni Diverse possibilità per scegliere la microistruzione successiva Passare alla microistruzione seguente Il campo viene messo al valore Seq Passare alla microistruzione che inizia l esecuzione della prossima istruzione MIPS La prima microistruzione ha un etichetta Il campo viene messo al valore Passare alla microistruzione a seconda di valori indicati in input all unità di lo Si usa una tabella di Dispatch (solitamente una ROM) Il campo viene messo al valore Dispatch i i è un valore che viene passato alla tabella di Dispatch che restituisce la prossima istruzione Valeria Cardellini 15

9 I valori dei campi Label stringa Indica l etichetta (label) dell istruzione Add Subt Func code PC A deve sommare deve sottrarre deve usare funct per l operazione PC è il primo operando della Registro A è il primo operando della SRC2 B Registro B è il secondo operando della 4 Il valore 4 è il secondo operando della Extend Uscita esten. segno è il sec. operando della Extshift Uscita shift è il secondo operando della Valeria Cardellini 16 Register I valori dei campi (2) Read Legge i due registri usando IR, output in A e B Write Scrive usando rd come registro e Out come dato PCWrite Write MDR Read PC Read Write out-cond Jump address Seq Scrive usando rt come registro e MDR come dato Legge la memoria usando PC, risultato in IR e MDR Legge la memoria usando Out, risultato in MDR Scrive la memoria usando Out e B Scrive uscita della in PC Se Zero vale 1, scrive in PC il valore di Out Scrive in PC l indirizzo di salto preso dall istruzione Vai alla microistruzione successiva Vai alla prima microistruzione Dispatch i Usa la tabella di Dispatch per indicare la prossima istr. Valeria Cardellini 17

10 Le label e la tabella di Dispatch Le label nel campo sequencing sono di due tipi Riferimento esplicito ad una etichetta definita per una microistruzione Uso della tabella di Dispatch con il valore Dispatch i Le etichette che terminano con 1 oppure 2 sono usate dalla tabella di Dispatch Che restituisce l indirizzo della microistruzione a seconda del valore dei 6 bit del campo Op che vengono passati all unità di lo Valeria Cardellini 18 Schema riassuntivo dei passi Nome del passo Prelievo Decodifica Esecuzione, calcolo indirizzo, salto Accesso mem., compl. R Compl. lettura da memoria Istruzioni di tipo R Out = A op B; Reg[IR[15-11]] = Out Accesso memoria IR = Memoria[PC]; PC = PC + 4; A = Reg[IR[25-21]]; B = Reg[IR[20-16]]; Out = PC + (sign-extend(ir[15-0]) << 2); Out = A + (signextend(ir[15-0]); Store: Memoria[Out] = B; Load: MDR = Memoria [Out]; Load: Reg[IR[20-16]] = MDR Salti condizionati if (A == B) PC = Out; Salti incondizionati PC = PC[31-28] (IR[25-0]<<2); Valeria Cardellini 19

11 I primi due passi (prelievo e decodifica) Incremento del Program Counter e scrittura dell incremento Lettura istruzione indicata da PC (in IR) Salto alla microistruzione indicata dalla tabella di Dispatch Label SRC2 Register PCWrite Add PC 4 Read PC Seq Add PC Extshift Read Dispatch 1 Valeria Cardellini 20 Le etichette del Dispatch Servono a differenziare i 4 tipi di istruzioni Una specie di switch Esistono 4 etichette Mem1 Rformat1 BEQ1 JUMP1 Notare il carattere finale 1 delle etichette Valeria Cardellini 21

12 Istruzioni di accesso alla memoria Calcolo indirizzo Due passi per l istruzione lw (uso di Dispatch 2) Un passo per l istruzione sw Label SRC2 Register PCWrite Mem1 Add A Extend Dispatch 2 LW2 Read Seq Write MDR SW2 Write Valeria Cardellini 22 Istruzioni di tipo R Operazione indicata dal campo funct Scrittura nel registro del risultato dell operazione Torna alla microistruzione con label Label SRC2 Register PCWrite Rformat1 Func A B Seq Write Valeria Cardellini 23

13 Istruzione di branch Effettua la sottrazione tra A e B Il risultato non interessa, serve soltanto la linea Zero Scrittura del PC calcolato nel passo precedente solamente se la linea Zero della è pari ad 1 Torna alla microistruzione con label Label SRC2 Register PCWrite BEQ1 Subt A B Outcond Valeria Cardellini 24 Istruzione di jump Scrittura del PC con il nuovo indirizzo Torna alla microistruzione con label Label SRC2 Register PCWrite JUMP1 Jump address Valeria Cardellini 25

14 Label Mem1 LW2 SW2 Rformat1 BEQ1 JUMP1 Add Add Add Func Subt L intero microprogramma PC PC A A A SRC2 4 Extshift Extend B B Register Read Write MDR Write Read PC Read Write PCWrite Out -cond Jump address Seq Dispatch 1 Dispatch 2 Seq Valeria Cardellini 26 Seq Implementazione del microprogramma Il microprogramma può essere visto come una rappresentazione di una macchina a stati finiti Quindi può essere usato per lo stesso tipo di generazione automatica della ROM (o PLA) per l implementazione Un implementazione alternativa Si implementano separatamente la funzione di lo (generazione dei segnali) e la selezione della prossima istruzione Uso di un contatore che viene incrementato e di una parte di logica che compie la selezione dell indirizzo Valeria Cardellini 27

15 L implementazione alternativa Valeria Cardellini 28

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

L'architettura del processore MIPS

L'architettura del processore MIPS L'architettura del processore MIPS Piano della lezione Ripasso di formati istruzione e registri MIPS Passi di esecuzione delle istruzioni: Formato R (istruzioni aritmetico-logiche) Istruzioni di caricamento

Dettagli

Progettazione dell unità di elaborazioni dati e prestazioni. Il processore: unità di elaborazione. I passi per progettare un processore

Progettazione dell unità di elaborazioni dati e prestazioni. Il processore: unità di elaborazione. I passi per progettare un processore Il processore: unità di elaborazione Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Progettazione dell unità di elaborazioni dati e prestazioni Le prestazioni di un calcolatore sono determinate da: Numero

Dettagli

Il processore: unità di elaborazione

Il processore: unità di elaborazione Il processore: unità di elaborazione Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Progettazione dell unità di elaborazioni dati e prestazioni Le prestazioni di un calcolatore sono determinate da: Numero

Dettagli

Richiami sull architettura del processore MIPS a 32 bit

Richiami sull architettura del processore MIPS a 32 bit Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS Richiami sull architettura del processore MIPS a 32 bit Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini E un architettura RISC

Dettagli

Richiami sull architettura del processore MIPS a 32 bit

Richiami sull architettura del processore MIPS a 32 bit Richiami sull architettura del processore MIPS a 32 bit Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC

Dettagli

Processore. Memoria I/O. Control (Parte di controllo) Datapath (Parte operativa)

Processore. Memoria I/O. Control (Parte di controllo) Datapath (Parte operativa) Processore Memoria Control (Parte di controllo) Datapath (Parte operativa) I/O Parte di Controllo La Parte Controllo (Control) della CPU è un circuito sequenziale istruzioni eseguite in più cicli di clock

Dettagli

Elementi base per la realizzazione dell unità di calcolo

Elementi base per la realizzazione dell unità di calcolo Elementi base per la realizzazione dell unità di calcolo Memoria istruzioni elemento di stato dove le istruzioni vengono memorizzate e recuperate tramite un indirizzo. ind. istruzione Memoria istruzioni

Dettagli

L unità di controllo di CPU a singolo ciclo

L unità di controllo di CPU a singolo ciclo L unità di controllo di CPU a singolo ciclo Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Informatica alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento sul Patterson: capitolo 4.2, 4.4, D1,

Dettagli

CPU a ciclo multiplo

CPU a ciclo multiplo Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione CPU a ciclo multiplo Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 1/8 Sommario! I problemi

Dettagli

Le etichette nei programmi. Istruzioni di branch: beq. Istruzioni di branch: bne. Istruzioni di jump: j

Le etichette nei programmi. Istruzioni di branch: beq. Istruzioni di branch: bne. Istruzioni di jump: j L insieme delle istruzioni (2) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Istruzioni per operazioni logiche: shift Shift (traslazione) dei bit di una parola a destra o sinistra sll (shift left logical):

Dettagli

Un altro tipo di indirizzamento. L insieme delle istruzioni (3) Istruz. di somma e scelta con operando (2) Istruzioni di somma e scelta con operando

Un altro tipo di indirizzamento. L insieme delle istruzioni (3) Istruz. di somma e scelta con operando (2) Istruzioni di somma e scelta con operando Un altro tipo di indirizzamento L insieme delle istruzioni (3) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Tipi di indirizzamento visti finora Indirizzamento di un registro Indirizzamento con registro base

Dettagli

CPU a ciclo multiplo

CPU a ciclo multiplo Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione CPU a ciclo multiplo Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L /9 Sommario! I problemi

Dettagli

Architettura degli Elaboratori Lez. 8 CPU MIPS a 1 colpo di clock. Prof. Andrea Sterbini

Architettura degli Elaboratori Lez. 8 CPU MIPS a 1 colpo di clock. Prof. Andrea Sterbini Architettura degli Elaboratori Lez. 8 CPU MIPS a 1 colpo di clock Prof. Andrea Sterbini sterbini@di.uniroma1.it Argomenti Progetto della CPU MIPS a 1 colpo di clock - Istruzioni da implementare - Unità

Dettagli

Università degli Studi di Cassino

Università degli Studi di Cassino Corso di Istruzioni di confronto Istruzioni di controllo Formato delle istruzioni in L.M. Anno Accademico 2007/2008 Francesco Tortorella Istruzioni di confronto Istruzione Significato slt $t1,$t2,$t3 if

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici MIPS: Istruzioni di confronto Istruzioni di controllo Formato delle istruzioni in L.M.

Corso di Calcolatori Elettronici MIPS: Istruzioni di confronto Istruzioni di controllo Formato delle istruzioni in L.M. di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di MIPS: Istruzioni di confronto Istruzioni di controllo Formato delle istruzioni in L.M. Anno Accademico 201/201 Francesco Tortorella Istruzioni di confronto Istruzione

Dettagli

Processore. Memoria I/O. Control (Parte di controllo) Datapath (Parte operativa)

Processore. Memoria I/O. Control (Parte di controllo) Datapath (Parte operativa) Processore Memoria Control (Parte di controllo) Datapath (Parte operativa) I/O Memoria La dimensione del Register File è piccola registri usati per memorizzare singole variabili di tipo semplice purtroppo

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Architettura degli Elaboratori Linguaggio macchina e assembler (caso di studio: processore MIPS) slide a cura di Salvatore Orlando, Marta Simeoni, Andrea Torsello Architettura degli Elaboratori 1 1 Istruzioni

Dettagli

Il set istruzioni di MIPS Modalità di indirizzamento. Proff. A. Borghese, F. Pedersini

Il set istruzioni di MIPS Modalità di indirizzamento. Proff. A. Borghese, F. Pedersini Architettura degli Elaboratori e delle Reti Il set istruzioni di MIPS Modalità di indirizzamento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano

Dettagli

Architettura dei calcolatori e sistemi operativi. Il processore Capitolo 4 P&H

Architettura dei calcolatori e sistemi operativi. Il processore Capitolo 4 P&H Architettura dei calcolatori e sistemi operativi Il processore Capitolo 4 P&H 4. 11. 2015 Sommario Instruction Set di riferimento per il processore Esecuzione delle istruzioni Struttura del processore

Dettagli

Linguaggio macchina. 3 tipi di istruzioni macchina. Istruzioni per trasferimento dati. Istruzioni logico/aritmetiche

Linguaggio macchina. 3 tipi di istruzioni macchina. Istruzioni per trasferimento dati. Istruzioni logico/aritmetiche 3 tipi di istruzioni macchina Linguaggio macchina e assembler 1) trasferimento tra RAM e registri di calcolo della CPU 2) operazioni aritmetiche: somma, differenza, moltiplicazione e divisione 3) operazioni

Dettagli

CPU pipeline hazards

CPU pipeline hazards Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 23 CPU pipeline hazards Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 23 /24 Sommario!

Dettagli

Istruzioni di trasferimento dati

Istruzioni di trasferimento dati Istruzioni di trasferimento dati Leggere dalla memoria su registro: lw (load word) Scrivere da registro alla memoria: sw (store word) Esempio: Codice C: A[8] += h A è un array di numeri interi Codice Assembler:

Dettagli

Calcolo durata ciclo. Prestazioni Singolo Ciclo. Prestazioni singolo ciclo. Durata Ciclo Variabile

Calcolo durata ciclo. Prestazioni Singolo Ciclo. Prestazioni singolo ciclo. Durata Ciclo Variabile Prestazioni Singolo Ciclo Assumiamo i seguenti ritardi: Unita di memoria: 2 nanosecondi e adders: 2 nanosecondi Banco di istri: 1 nanosecondo per gli altri: insignificante Quale e la durata del ciclo?

Dettagli

Architettura degli elaboratori - CPU multiciclo A.A. 2016/17. Architettura degli elaboratori

Architettura degli elaboratori - CPU multiciclo A.A. 2016/17. Architettura degli elaboratori Università degli Studi dell Insubria Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate Architettura degli elaboratori Marco Tarini Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate marco.tarini@uninsubria.it Progetto

Dettagli

ISA (Instruction Set Architecture) della CPU MIPS

ISA (Instruction Set Architecture) della CPU MIPS Architettura degli Elaboratori Lezione 20 ISA (Instruction Set Architecture) della CPU MIPS Prof. Federico Pedersini Dipartimento di Informatica Uniersità degli Studi di Milano L16-20 1 Linguaggio macchina

Dettagli

Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS)

Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS) Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS) Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Livelli di astrazione Scendendo di livello, diventiamo più concreti e scopriamo

Dettagli

Architettura di un calcolatore e linguaggio macchina. Primo modulo Tecniche della programmazione

Architettura di un calcolatore e linguaggio macchina. Primo modulo Tecniche della programmazione Architettura di un calcolatore e linguaggio macchina Primo modulo Tecniche della programmazione CPU Central Processing Unit, processore Unita logica/aritmetica: elaborazione dati Unita di controllo: coordina

Dettagli

Linguaggio macchina. Architettura degli Elaboratori e delle Reti. Il linguaggio macchina. Lezione 16. Proff. A. Borghese, F.

Linguaggio macchina. Architettura degli Elaboratori e delle Reti. Il linguaggio macchina. Lezione 16. Proff. A. Borghese, F. Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 16 Il linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedeini Dipaimento di Scienze dell Informazione Univeità degli Studi di Milano L 16 1/32 Linguaggio

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Architetture degli elaboratori Il calcolatore Un calcolatore è sistema composto da un elevato numero di componenti Il suo funzionamento può essere descritto se lo si considera come

Dettagli

Arch. Elab. - S. Orlando 2. unità funzionali possono essere usate più volte per eseguire la stessa

Arch. Elab. - S. Orlando 2. unità funzionali possono essere usate più volte per eseguire la stessa Progetto CPU (multiciclo) Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Esempio di riduzione del ciclo di clock Effettua un taglio su grafo delle dipendenze corrispondente al circuito combinatorio, e inserisci

Dettagli

Il linguaggio macchina

Il linguaggio macchina Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 16 Il linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedeini Dipaimento di Scienze dell Informazione Univeità degli Studi di Milano L 16 1/33 Linguaggio

Dettagli

Capitolo 5 Elementi architetturali di base

Capitolo 5 Elementi architetturali di base Capitolo 5 Elementi architetturali di base Giuseppe Lami Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione CNR Via Moruzzi, 1 - Pisa giuseppe.lami@isti.cnr.it Struttura - Unità di elaborazione e controllo

Dettagli

Realizzazione a cicli di clock multipli

Realizzazione a cicli di clock multipli Realizzazione a cicli di clock multipli Riprendiamo in esame la realizzazione dell'unità di calcolo per individuare, per ciascuna classe di istruzioni, le componenti utilizzate e suddividere le azioni

Dettagli

Linguaggio Assembly e linguaggio macchina

Linguaggio Assembly e linguaggio macchina Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 11 Linguaggio Assembly e linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano

Dettagli

Problemi con progetto a singolo ciclo. Progetto CPU (multiciclo) Esempio di riduzione del ciclo di clock. Datapath multiciclo

Problemi con progetto a singolo ciclo. Progetto CPU (multiciclo) Esempio di riduzione del ciclo di clock. Datapath multiciclo Problemi con progetto a singolo ciclo Progetto CPU (multiciclo) Problemi del singolo ciclo Ciclo di clock lungo Istruzioni potenzialmente più veloci sono rallentate impiegano lo stesso tempo dell istruzione

Dettagli

Progetto CPU (multiciclo) Salvatore Orlando

Progetto CPU (multiciclo) Salvatore Orlando Progetto CPU (multiciclo) Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Problemi con progetto a singolo ciclo Problemi del singolo ciclo Ciclo di clock lungo Istruzioni potenzialmente più veloci sono rallentate

Dettagli

Componenti principali. Programma cablato. Architettura di Von Neumann. Programma cablato. Cos e un programma? Componenti e connessioni

Componenti principali. Programma cablato. Architettura di Von Neumann. Programma cablato. Cos e un programma? Componenti e connessioni Componenti principali Componenti e connessioni Capitolo 3 CPU (Unita Centrale di Elaborazione) Memoria Sistemi di I/O Connessioni tra loro 1 2 Architettura di Von Neumann Dati e instruzioni in memoria

Dettagli

Progetto CPU (multiciclo)

Progetto CPU (multiciclo) Progetto CPU (multiciclo) Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Problemi con progetto a singolo ciclo Problemi del singolo ciclo Ciclo di clock lungo Istruzioni potenzialmente più veloci sono rallentate

Dettagli

Linguaggio Assembly e linguaggio macchina

Linguaggio Assembly e linguaggio macchina Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 11 Linguaggio Assembly e linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano

Dettagli

Istruzioni macchina. Dove sono gli operandi? Ciclo della CPU. Elementi di un istruzione macchina. Rappresentazione delle istruzioni

Istruzioni macchina. Dove sono gli operandi? Ciclo della CPU. Elementi di un istruzione macchina. Rappresentazione delle istruzioni Istruzioni macchina Linguaggio macchina Insieme delle istruzioni (instruction set) che la CPU puo eseguire Capitolo 10 1 2 Elementi di un istruzione macchina Codice operativo Specifica l operazione da

Dettagli

CPU a singolo ciclo: l unità di controllo, istruzioni tipo J

CPU a singolo ciclo: l unità di controllo, istruzioni tipo J Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 9 CPU a singolo ciclo: l unità di controllo, istruzioni tipo J Pro. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Inormazione Università degli

Dettagli

Componenti principali

Componenti principali Componenti e connessioni Capitolo 3 Componenti principali n CPU (Unità Centrale di Elaborazione) n Memoria n Sistemi di I/O n Connessioni tra loro Architettura di Von Neumann n Dati e instruzioni in memoria

Dettagli

Linguaggio Assembly e linguaggio macchina

Linguaggio Assembly e linguaggio macchina Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 11 Linguaggio Assembly e linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano

Dettagli

Componenti e connessioni. Capitolo 3

Componenti e connessioni. Capitolo 3 Componenti e connessioni Capitolo 3 Componenti principali CPU (Unità Centrale di Elaborazione) Memoria Sistemi di I/O Connessioni tra loro Architettura di Von Neumann Dati e instruzioni in memoria (lettura

Dettagli

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 Calcolatori Elettronici A a.a. 28/29 CPU multiciclo Massimiliano Giacomin Esempi di processori che usano controllo a singolo ciclo: NESSUNO! Perché? Periodo di clock: abbastanza lungo per garantire la

Dettagli

Istruzioni assembler Istruzione N Registri

Istruzioni assembler Istruzione N Registri Istruzioni assembler Istruzione N Registri Aritmetica add a, b, c a = b+c addi a, b, num a = b + sub a, b, c a = b - c mul a, b, c a = b*c div a, b, c a = b/c utilizzati Descrizione 3 Somma. Somma b e

Dettagli

Processore: Datapath & Control. Progetto CPU (ciclo singolo) Rivediamo i formati delle istruzioni. ISA di un MIPS-lite

Processore: Datapath & Control. Progetto CPU (ciclo singolo) Rivediamo i formati delle istruzioni. ISA di un MIPS-lite Processore: Datapath & Control Possiamo finalmente vedere il progetto di un processore MIPS-like semplificato Progetto CPU (ciclo singolo) Semplificato in modo tale da eseguire solo: istruzioni di memory-reference:

Dettagli

Lezione 15. L elaboratore Elettronico

Lezione 15. L elaboratore Elettronico Lezione 15 Architettura di un calcolatore L elaboratore Elettronico Un elaboratore elettronico è una macchina elettronica in grado di elaborare dati secondo le specifiche fornite da un algoritmo Internamente

Dettagli

Problemi del ciclo singolo

Problemi del ciclo singolo Problemi del ciclo singolo Ciclo di clock lungo Istruzioni potenzialmente veloci sono rallentate Impiegano sempre lo stesso tempo dell istruzione più lenta Unità funzionale e collegamenti della parte operativa

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Classe 3 Prof.ssa Anselmo. Appello del 19 Febbraio Attenzione:

Architettura degli Elaboratori. Classe 3 Prof.ssa Anselmo. Appello del 19 Febbraio Attenzione: Cognome.. Nome.... Architettura degli Elaboratori Classe 3 Prof.ssa Anselmo Appello del 19 Febbraio 2016 Attenzione: Inserire i propri dati nell apposito spazio sottostante e in testa a questa pagina.

Dettagli

Progetto CPU (ciclo singolo) Salvatore Orlando

Progetto CPU (ciclo singolo) Salvatore Orlando Progetto CPU (ciclo singolo) Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Processore: Datapath & Control Possiamo finalmente vedere il progetto di un processore MIPS-like semplificato Semplificato in modo

Dettagli

Sistemi e reti CPU Concetti di base

Sistemi e reti CPU Concetti di base Sistemi e reti CPU Concetti di base A cura dell Ing. Claudio Traini Cenni Storici 1971 il primo processore mai realizzato : Intel 4004 Progettato dal vicentino Federico Faggin 1 Cenni Storici 1976 Faggin

Dettagli

Calcolatori Elettronici B a.a. 2007/2008

Calcolatori Elettronici B a.a. 2007/2008 Calcolatori Elettronici B a.a. 27/28 Tecniche Pipeline: Elementi di base assimiliano Giacomin Reg[IR[2-6]] = DR Dal processore multiciclo DR= em[aluout] em[aluout] =B Reg[IR[5-]] =ALUout CASO IPS lw sw

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Classe 3 Prof.ssa Anselmo. Appello del 18 Febbraio Attenzione:

Architettura degli Elaboratori. Classe 3 Prof.ssa Anselmo. Appello del 18 Febbraio Attenzione: Cognome.. Nome.... Architettura degli Elaboratori Classe 3 Prof.ssa Anselmo Appello del 18 Febbraio 2015 Attenzione: Inserire i propri dati nell apposito spazio sottostante e in testa a questa pagina.

Dettagli

Linguaggio macchina: utilizzo di costanti, metodi di indirizzamento

Linguaggio macchina: utilizzo di costanti, metodi di indirizzamento Architetture degli Elaboratori e delle Reti Lezione 17 Linguaggio macchina: utilizzo di costanti, metodi di indirizzamento Proff. A. Borghese, F. Pedeini Dipaimento di Scienze dell Informazione Univeità

Dettagli

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Architettura dei sistemi a microprocessore prof. Stefano Salvatori A.A. 2014/2015 Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti

Dettagli

Implementazione semplificata

Implementazione semplificata Il processore 168 Implementazione semplificata Copre un sottoinsieme limitato di istruzioni rappresentative dell'isa MIPS aritmetiche/logiche: add, sub, and, or, slt accesso alla memoria: lw, sw trasferimento

Dettagli

Riassunto. Riassunto. Ciclo fetch&execute. Concetto di programma memorizzato. Istruzioni aritmetiche add, sub, mult, div

Riassunto. Riassunto. Ciclo fetch&execute. Concetto di programma memorizzato. Istruzioni aritmetiche add, sub, mult, div MIPS load/store word, con indirizzamento al byte aritmetica solo su registri Istruzioni Significato add $t1, $t2, $t3 $t1 = $t2 + $t3 sub $t1, $t2, $t3 $t1 = $t2 - $t3 mult $t1, $t2 Hi,Lo = $t1*$t2 div

Dettagli

Il processore: unità di elaborazione e unità di controllo (3)

Il processore: unità di elaborazione e unità di controllo (3) Il processore: nità di elaborazione e nità di lo () rchitettre dei Calcolatori (lettere -I) Limitazione del ciclo singolo I tempi di accesso per le diverse istrzioni variano, ad esempio ccesso in memoria:

Dettagli

Macchina di von Neumann/Turing

Macchina di von Neumann/Turing Macchina di von Neumann/Turing Concetto di programma memorizzato Memoria principale per dati e istruzioni ALU opera su dati in formato binario Unità di controllo che interpreta le istruzioni in memoria

Dettagli

L unità di elaborazione PC: MAR/MDR IR: R0 Rn: TEMP, V, Z

L unità di elaborazione PC: MAR/MDR IR: R0 Rn: TEMP, V, Z Struttura del processore L unità di elaborazione Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Datapath ad un solo bus interno Faremo riferimento ad una generica CPU e a una memoria con parole

Dettagli

1. Si effettui la divisione di 7/5 utilizzando un efficiente algoritmo e illustrando la corrispondente architettura hardware.

1. Si effettui la divisione di 7/5 utilizzando un efficiente algoritmo e illustrando la corrispondente architettura hardware. 1. Si effettui la divisione di 7/5 utilizzando un efficiente algoritmo e illustrando la corrispondente architettura hardware. 2. Spiegare i diversi tipi di indirizzamento usati dalle istruzioni del set

Dettagli

Data-path. ad un solo bus interno. Struttura del processore. L unità di elaborazione

Data-path. ad un solo bus interno. Struttura del processore. L unità di elaborazione Struttura del processore L unità di elaborazione Data-path ad un solo bus interno Faremo riferimento ad una generica CPU e a una memoria con parole da 32 bit I registri: PC; MAR/MDR (di appoggio per accesso

Dettagli

Il Processore: l unità di controllo

Il Processore: l unità di controllo Il Processore: l unità di controllo La frequenza con cui vengono eseguiti i cicli di esecuzione è scandita da una componente detta clock Ad ogni impulso di clock la UC esegue un ciclo di esecuzione di

Dettagli

Sommario FONDAMENTI DI INFORMATICA. Architettura di Von Neumann. Algoritmi e programmi ESERCITAZIONE PYTHON ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

Sommario FONDAMENTI DI INFORMATICA. Architettura di Von Neumann. Algoritmi e programmi ESERCITAZIONE PYTHON ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI Università degli Studi di Cagliari Corsi di Laurea in Ingegneria Chimica e Ingegneria Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi A.A. 016/017 Sommario Funzionamento del

Dettagli

Il linguaggio del calcolatore: linguaggio macchina e linguaggio assembly

Il linguaggio del calcolatore: linguaggio macchina e linguaggio assembly Il linguaggio del calcolatore: linguaggio macchina e linguaggio assembly Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Richiamo sull

Dettagli

Assembly. Linguaggio di programmazione corrispondente al linguaggio macchina P.H. Cap. 2.1, 2.2 e App. A. Linguaggio assembly (App.

Assembly. Linguaggio di programmazione corrispondente al linguaggio macchina P.H. Cap. 2.1, 2.2 e App. A. Linguaggio assembly (App. Assembly Linguaggio di programmazione corrispondente al linguaggio macchina P.H. Cap. 2.1, 2.2 e App. A 1 Linguaggio assembly (App. A) Rappresentazione simbolica del linguaggio macchina Più comprensibile

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica 2001/2002. La CPU. F. Tortorella Università degli Studi. di Cassino

Corso di Alfabetizzazione Informatica 2001/2002. La CPU. F. Tortorella Università degli Studi. di Cassino Corso di Alfabetizzazione Informatica / La CPU CPU (Central Processing Unit) Funzione: eseguire i programmi immagazzinati in memoria principale prelevando le istruzioni (e i relativi), interpretandole

Dettagli

Componenti di un processore

Componenti di un processore Componenti di un processore Unità di Controllo Bus Interno REGISTRI Program Counter (PC) Registro di Stato (SR) Registro Istruzioni (IR) Registri Generali Unità Aritmetico- Logica Registro Indirizzi Memoria

Dettagli

ISA e linguaggio macchina

ISA e linguaggio macchina ISA e linguaggio macchina Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@di.unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento sul Patterson: capitolo 4.2, 4.4, D1, D2. 1/55

Dettagli

Capitolo 5 Struttura di base del processore

Capitolo 5 Struttura di base del processore Capitolo 5 Struttura di base del processore 5.1. Il periodo di clock deve ospitare tutti i ritardi di propagazione più il tempo di impostazione per i registri. a. Minimo periodo di clock = 70 + 600 + 50

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dott. Francesco Rossi a.a. 2016/2017 1 Programma del corso Informatica di

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori circuiti combinatori: ALU slide a cura di Salvatore Orlando, Marta Simeoni, Andrea Torsello 1 ALU ALU (Arithmetic Logic Unit) circuito combinatorio all interno del processore per l esecuzione di istruzioni

Dettagli

Il processore. Istituzionii di Informatica -- Rossano Gaeta

Il processore. Istituzionii di Informatica -- Rossano Gaeta Il processore Il processore (detto anche CPU, ovvero, Central Processing Unit) è la componente dell unità centrale che fornisce la capacità di elaborazione delle informazioni contenute nella memoria principale

Dettagli

Architettura di una CPU

Architettura di una CPU Massimo VIOLANTE Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica Sommario Organizzazione di un processore Linguaggio macchina Modi di indirizzamento Tipi di istruzioni 2 M. Violante 1.1

Dettagli

Informatica Teorica. Macchine a registri

Informatica Teorica. Macchine a registri Informatica Teorica Macchine a registri 1 Macchine a registri RAM (Random Access Machine) astrazione ragionevole di un calcolatore nastro di ingresso nastro di uscita unità centrale in grado di eseguire

Dettagli

L insieme delle istruzioni (6)

L insieme delle istruzioni (6) L insieme delle istruzioni (6) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Alcune note conclusive I due principi dell architettura a programma memorizzato Uso di istruzioni indistinguibili dai dati Uso

Dettagli

Lezione 20. Assembly MIPS: Il set istruzioni, strutture di controllo in Assembly

Lezione 20. Assembly MIPS: Il set istruzioni, strutture di controllo in Assembly Architettura degli Elaboratori Lezione 20 Assembly MIPS: Il set istruzioni, strutture di controllo in Assembly Prof. F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano

Dettagli

Pinout PD32. Memoria di lavoro esterna. tramite l indirizzo ad esse associato. e possono essere lette o scritte: Le singole celle sono distinguibili

Pinout PD32. Memoria di lavoro esterna. tramite l indirizzo ad esse associato. e possono essere lette o scritte: Le singole celle sono distinguibili PD-32,prima parte Struttura a blocchi del sistema di calcolo MEMORIA KB Memory Address Bus Memory Data Bus Memory Control Bus PD32 I/O Address Bus I/O Data Bus I/O Control Bus IACK Device Device 7 Pinout

Dettagli

L ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI. Il processore La memoria centrale La memoria di massa Le periferiche di I/O

L ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI. Il processore La memoria centrale La memoria di massa Le periferiche di I/O L ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI Il processore La memoria centrale La memoria di massa Le periferiche di I/O Caratteristiche dell architettura 2 Flessibilità adatta a svolgere diverse tipologie di compiti

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore la memoria principale (memoria centrale, RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output La

Dettagli

Struttura del processore. Funzionamento del processore

Struttura del processore. Funzionamento del processore Struttura del processore L unità di elaborazione Funzionamento del processore. Prelievo dell istruzione dalla memoria al processore (dall indirizzo indicato dal PC al registro di istruzione IR) IR [[PC]]

Dettagli

Architettura dei sistemi di elaborazione: La CPU: Architettura (parte1)

Architettura dei sistemi di elaborazione: La CPU: Architettura (parte1) Architettura dei sistemi di elaborazione: La CPU: Architettura (parte1) La CPU Architettura L organizzazione interna di una CPU è caratterizzata dal data path, che è costituito da una serie di componenti,

Dettagli

Architettura degli Elaboratori B Introduzione al corso

Architettura degli Elaboratori B Introduzione al corso Architettura degli Elaboratori B Introduzione al corso Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Componenti di un calcolatore convenzionale Studieremo il progetto e le prestazioni delle varie componenti

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Cos'è un calcolatore? Architettura dei calcolatori Esecutore automatico di algoritmi Macchina universale Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura

Dettagli

Il linguaggio macchina

Il linguaggio macchina Il linguaggio macchina Istruzioni macchina (PH 2.4) Indirizzamento (PH 2.9) Costanti a 32-bit (PH 2.9) 1 Linguaggio macchina Le istruzioni in linguaggio assembly devono essere tradotte in linguaggio macchina

Dettagli

Architettura di tipo registro-registro (load/store)

Architettura di tipo registro-registro (load/store) Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC (Reduced Instruction Set Computer) Esegue soltanto istruzioni con un ciclo base ridotto, cioè costituito da poche

Dettagli

Esercizio n. 7 - Microcodice

Esercizio n. 7 - Microcodice Esercizio n. 7 - Microcodice Lo schema riportato qui di fianco illustra l architettura di processore a bus singolo di riferimento. Si scriva il microcodice capace di eseguire la coppia di istruzioni seguenti:

Dettagli

Cicli di clock e istruzioni

Cicli di clock e istruzioni Cicli di clock e istruzioni Numero di cicli di clock differenti per istruzioni differenti Le moltiplicazioni impiegano più tempo delle addizioni Operazioni in virgola mobile impiegano più tempo delle operazioni

Dettagli

Il pipelining: tecniche di base

Il pipelining: tecniche di base Definizione di pipelining Il pipelining: tecniche di base Architetture Avanzate dei Calcolatori E una tecnica per migliorare le prestazioni del processore basata sulla sovrapposizione dell esecuzione di

Dettagli

Assembly (3): le procedure

Assembly (3): le procedure Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 13 Assembly (3): le procedure Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 13 1/23 Chiamata

Dettagli

Architettura dei Calcolatori. Macchina di von Neumann /2. Macchina di von Neumann /1. Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori. Macchina di von Neumann /2. Macchina di von Neumann /1. Architettura dei Calcolatori rchitettura dei Calcolatori Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 20 settembre 2002 - rchitettura

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Il linguaggio assemblativo MIPS (1) Istruzioni di ALU: operazioni ed operandi Trasferimenti tra memoria e CPU Vettori (1) Le costanti Livelli di astrazione s o f t w a r e H W Linguaggio

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE! Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for Advanced Study, anni 40).!

ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE! Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for Advanced Study, anni 40).! ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE! Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for Advanced Study, anni 40).! MACCHINA DI VON NEUMANN! UNITÀ FUNZIONALI fondamentali! Processore

Dettagli

Architettura di un calcolatore e ciclo macchina. Appunti per la classe 3 Dinf

Architettura di un calcolatore e ciclo macchina. Appunti per la classe 3 Dinf Architettura di un calcolatore e ciclo macchina Appunti per la classe 3 Dinf Il Sistema di Elaborazione Computer Hardware Software 2 Hardware Struttura fisica del calcolatore formata dai circuiti elettronici

Dettagli

Sistemi di numerazione

Sistemi di numerazione SOMMARIO Sistemi di numerazione...2 Sistema decimale (o a base 10)...2 Sistema binario...2 Operazioni sui numeri binari...3 Espressioni logiche...4 Definizione...4 Prodotto Logico : AND...4 Somma Logica

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Architetture degli elaboratori Il calcolatore Un calcolatore è sistema composto da un elevato numero di componenti Il suo funzionamento può essere descritto se lo si considera come

Dettagli

Architettura di un processore basato su registri generali.

Architettura di un processore basato su registri generali. Architettura di un processore basato su registri generali. M. Esposito (mesposit@unina.it) 26 febbraio 2007 In Fig. 1 è riportato uno schema di principio che raffigura l architettura di un processore basato

Dettagli