2. Origini, novità e limiti del Rinascimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Origini, novità e limiti del Rinascimento"

Transcript

1 2. Origini, novità e limiti del Rinascimento a) Origini, novità e limiti del Rinascimento b) La cultura rinascimentale c) Pico della Mirandola: l uomo è al centro del mondo d) Niccolò Machiavelli: il colloquio con gli antichi e) Lorenzo Valla: il potere temporale della Chiesa si basa su un documento falso f) Baldassarre Castiglione: l uomo di corte g) Festa a Roma in onore di Giuliano dei Medici h) La rivoluzione di Copernico i) Leonardo e le macchine l) Due concezioni politiche a confronto: l utopia di Tommaso Moro e il realismo di Niccolò Machiavelli m) Tommaso Moro: Lavoro e tempo libero a Utopia n) Niccolò Machiavelli: «realtà effettuale» e autonomia della politica dalla morale

2 a del Rinascimento e Medioevo: rottura completa o continuità? Origini, novità e limiti Rinascimento Sul Rinascimento italiano si sono succedute varie valutazioni a partire dall Ottocento, spesso discordanti a causa della complessità delle sue componenti e dell eccezionalità di alcuni risultati come quelli di carattere artistico che lo hanno universalmente reso noto. Qui ci limiteremo a ricapitolare sommariamente le principali tendenze interpretative che hanno analizzato i fondamentali aspetti culturali dell Umanesimo-Rinascimento. La prima, che ha avuto una lunga fortuna fin dalla seconda metà del XIX secolo specialmente per merito dello studioso svizzero Burckhardt, ha considerato il Rinascimento una netta rottura con il Medioevo, riproponendo e radicalizzando il giudizio già espresso dagli stessi umanisti. La critica successiva ha invece teso a ridimensionare la portata innovativa del Rinascimento e ne ha anticipato l avvio ai secoli XII e XIII, attribuendo radici cristiano-medievali alla rinascita culturale (come il tedesco Burdach e l italiano Toffanin), oppure indicando nella riscoperta della filosofia di Aristotele l inizio di un processo di laicizzazione della società e della politica conclusosi nel XV secolo (come il francese Gilson e l austriaco Ullmann). Più equilibrate sono apparse infine le tesi di quegli storici (come gli italiani Chabod e Garin), che senza negare tratti di continuità con l età medievale hanno sottolineato la novità dello spirito critico con cui gli intellettuali dell Umanesimo-Rinascimento si posero di fronte alla vita, alla natura, alla società, alla storia e alla politica. Altri problemi hanno poi caratterizzato il dibattito storiografico rispetto all evoluzione dello scenario politico in età rinascimentale. Secondo alcuni studiosi (come l inglese Baron, l italiano Garin e l ungherese Hauser) nella prima metà del Quattrocento la cultura umanistica e artistica fu caratterizzata da un forte impegno morale, legato agli ideali repubblicani e ai valori civili, per decadere gradualmente verso la fine del secolo su posizioni di completo asservimento alla volontà dei principi, provocando un insanabile quanto deleteria separazione tra intellettuali e popolo, come hanno sostenuto gli italiani De Sanctis e Gramsci o il cèco Macek. Federico Chabod: l originalità del Rinascimento L italiano Federico Chabod ( ) ritiene del tutto legittimo che alcuni storici abbiano indicato le origini del Rinascimento nell età comunale e del resto anche nel Basso Medioevo erano emerse grandi personalità in ambito politico, culturale e artistico. Tuttavia a suo avviso sarebbe sbagliato negare le particolarità del Rinascimento, anzitutto nel suo rapporto con la latinità. Per la cultura medievale l antichità classica era stata un ornamento esteriore, un fregio decorativo perché era condizionata da una profonda concezione religiosa. Virgilio era famoso nel Medioevo, ma era visto come un profeta del cristianesimo e con tale significato Dante lo aveva scelto a guida del suo viaggio nell oltretomba. Virgilio era dunque considerato una sorta di travestimento di un anima pagana in veste cristiana e questo osserva Chabod- basta a definire la vera natura della classicità medievale. Di tutt altro genere sarà il richiamo all antichità classica nell Italia del XV secolo. Il Rinascimento vi si avvicinò con la precisa volontà di penetrarla, di capirla in sé e per sé, nelle sue forme e nei suoi motivi ispiratori per farne un modello di vita. Ancora più chiara è la differenza tra Rinascimento e Medioevo nella storiografia. Nel Medioevo l adesione alla realtà era stata sempre di carattere sensitivo, limitata al particolare, all episodico ed il cronista vedeva ovunque, arbitra suprema, la mano di Dio. Invece i grandi storici fiorentini del Rinascimento creano un quadro d insieme, continuamente sorretto dalla volontà degli individui singoli che con i loro interessi e le loro passioni tessono la trama della storia universale. Per i cronisti medievali come Villani le vicende umane erano mosse da Dio o dal diavolo, ma per Machiavelli la politica è affare del tutto terreno. Si tratta di una sfera di attività autonoma al di là del bene e del male senza fini estranei da quelli propriamente umani, cosicché egli per primo svicola lo Stato da presupposti e da finalità di carattere metafisico. Con il suo individualismo, l uomo usciva esaltato da questa nuova con- LA PAROLA AGLI STORICI 1

3 LA PAROLA AGLI STORICI cezione della vita. Certo anche il Medioevo aveva avuto le sue personalità di eccezione, ma totalmente diverso era il rilievo assunto dalle grandi figure politiche del XV e XVI secolo, come Francesco Sforza, Lorenzo de Medici o Cesare Borgia, artefici di storia e creatori di eventi. Egualmente l artista si sentiva svincolato e indipendente da fini religiosi, perché diceva Leon Battista Alberti l uomo è capace da se stesso di ogni miracolo e tende alla creazione di un opera bella, immortale, che gli dia gloria presso gli uomini. Quindi nella storia, nella politica, nelle scienze, nelle lettere e nell arte emerse in quest epoca una linea di sviluppo continua che dall Alberti prosegue nell Ariosto e nel Galilei, conducendo allo sbriciolamento della concezione metafisica del Medioevo e aprendo la strada all Età moderna. F. Chabod, Scritti sul Rinascimento, Torino Einaudi,

4 S toria La cultura rinascimentale Lo spirito critico L Umanesimo e il Rinascimento rappresentarono un movimento culturale unitario, che si sviluppò dalla metà del Trecento ai primi decenni del Cinquecento e che ebbe un carattere europeo, pur raggiungendo in Italia i risultati più rilevanti. Assieme alle eccezionali creazioni artistiche propriamente definibili rinascimentali, la nuova cultura è stata oggetto di divergenti valutazioni da parte degli storici. Alcuni infatti ne sottolineano i punti di continuità coi secoli precedenti, altri invece la considerano una radicale rottura con il Medioevo, facendo proprio lo stesso giudizio dei contemporanei. Sebbene fosse stato anticipato in età comunale con la rinascita dell Occidente iniziata dopo il Mille, in effetti soltanto nel corso del Quattrocento il movimento umanistico-rinascimentale acquisì una prepotente originalità. A distinguerlo nettamente dal Medioevo fu lo studio appassionato degli autori latini e greci, i cui manoscritti dispersi o trascurati furono ritrovati nelle biblioteche dei monasteri e divennero motivo di appassionate riflessioni. Protagonisti delle ricerche (anticipate dal lavoro di Francesco Petrarca) furono gli esponenti della cultura europea più dotta, che presero il nome di umanisti (da humanae litterae = letteratura classica) e che applicarono con grande acume la filologia nei loro studi concernenti l analisi dei testi antichi. Acquisita la consapevolezza della profonda diversità tra le due epoche e svincolandosi dai preconcetti del cristianesimo medievale, fu recuperata attraverso lo studio dei classici la convinzione che l uomo era artefice del proprio destino, centro e misura di tutte le cose. Vennero perciò contestate le concezioni pessimistiche emerse dopo la fine dell Impero romano, riaffermando la dignità intellettuale dell uomo, le sue capacità razionali, le illimitate capacità creative, il diritto di indagare con spregiudicatezza i segreti della natura (naturalismo) e di riesaminare attentamente la storia dell umanità. In breve il nuovo senso critico ispirò l intero ambito culturale: dall arte alla scienza, dalla filosofia alla religione. Basti ricordare tra i tanti il romano Lorenzo Valla ( ), la personalità senz altro di maggior rilievo di tutto l umanesimo italiano. Con forte entusiasmo laico Valla sottopose a confronto le istituzioni politiche e religiose dell antichità e quelle del Medioevo, affidandosi all analisi filologica per evidenziare la contraddizione tra il principio del libero arbitrio attribuito all uomo e l onnipotenza di Dio, anch essa rivendicata dalla dottrina cristiana ufficiale (la scolastica, cioè la teologia insegnata nelle scuole). Poi nella sua ricerca più nota, De falso credita et ementita Costantini donatione (1440), demolì le pretese della Chiesa di legittimare il proprio potere temporale con un documento scritto dall imperatore Costantino che avrebbe concesso a papa Silvestro il reggimento dell Italia e dell Europa. Infatti Valla, mediante una attenta lettura basata su elementi giuridici, linguistici e storiografici, verificò che la cosiddetta donazione era un falso, compilato molti secoli più tardi dalla cancelleria vaticana, forse nell VIII secolo. In tal modo il filologo romano apriva la strada a più profonde contestazioni che nei decenni successivi saranno portate alla Chiesa cattolica da settori sempre più numerosi di intellettuali e credenti. Il ruolo delle corti La diffusione dell Umanesimo in Italia fu favorita dal grande concilio tenutosi a Firenze nel 1439 nell intento di ricomporre la separazione tra la Chiesa romana e quella ortodossa, consentendo agli intellettuali italiani personali contatti con il raffinato mondo culturale bizantino, diretto depositario della civiltà classica. Il legame con l antichità si rafforzò quando numerosi dotti e teologi greci vennero accolti nella penisola dopo la caduta di Costantinopoli nelle mani dei Turchi (1453) e l ambiente delle corti principesche divenne il luogo ideale in cui molti studiosi poterono sviluppare le loro ricerche. Non solo a Firenze (il massimo centro culturale del tempo) o a Milano, a Venezia o a Roma, ma anche nelle piccole città come Urbino, Mantova e Ferrara, i signori gareggiarono nel favorire le lettere e nel dare splendore alle proprie città, affidando l edificazione o l abbellimento dei FINESTRE SULLA STORIA 3

5 FINESTRE SULLA STORIA propri prestigiosi palazzi ad architetti, pittori e scultori che si ispiravano all arte classica. Tuttavia la protezione accordata dai signori o dai principi incise profondamente sull orientamento della cultura umanistico-rinascimentale. Come ha sottolineato Eugenio Garin (uno dei maggiori studiosi di questa cultura) ancora nella prima metà del Quattrocento gli umanisti si erano distinti per il loro impegno civile e molti di loro avevano preso parte attiva alla vita politica, ricollegandosi agli ideali repubblicani dell antica Roma, ai quali si erano per altro richiamate le stesse istituzioni democratiche comunali. Più tardi però, proprio quando l Italia perdeva la sua indipendenza e veniva tagliata fuori dai grandi flussi dell economia internazionale, essi divennero sempre più strumento (consapevole o meno) dell assolutismo signorile, che affossò le residue libertà comunali ed emarginò definitivamente le classi popolari. Il Rinascimento tra formalismo culturale e primato artistico Artisti, letterati e filosofi, che nel mecenatismo dei signori e nella corte trovavano occasioni di successo e di gloria, si piegarono inevitabilmente alla volontà dei generosi committenti, valorizzando certamente le proprie qualità artistiche, ma abbandonando ogni impegno civile. Da qui la prevalenza delle celebrazioni delle imprese del signore e dei suoi familiari, l elaborazione di concezioni ideologiche che giustificavano lo stato assoluto, il disprezzo per il popolo, l evasione dal mondo concreto della natura e degli uomini, coltivando riflessioni metafisiche (come sosteneva la filosofia neoplatonica) e abbandonando le posizioni critiche del primo Umanesimo. Il ruolo encomiastico che assunsero settori rilevanti della cultura agli inizi del Cinquecento è ampiamente documentato dagli innumerevoli trattati sul perfetto uomo di corte o cortigiano, sugli usi e costumi della corte, sulle «virtù» e sul comportamento delle dame e dei cavalieri. Si idealizzavano ambienti e si codificavano modelli di vita a cui doveva attenersi la nuova aristocrazia politica e intel- lettuale, mentre una spessa cappa di silenzio calava sul mondo degli umili che costituivano l immensa maggioranza della popolazione. Sono questi aspetti negativi che hanno indotto alcuni storici a denunciare la grave frattura prodottasi tra intellettuali e popolo, tra cultura e società italiana, iniziata proprio nella seconda metà del Quattrocento e solo in minima parte risanata molti secoli dopo. Non tutto però andò perduto e la favorevole coincidenza di molti fattori contribuì al raggiungimento di un grande rinnovamento artistico in età propriamente rinascimentale. La ormai radicata tradizione culturale italiana, gli investimenti nell arte delle oligarchie dominanti, unitamente alla riscoperta dell ideale classico della bellezza e della perfezione concorsero assieme a determinare risultati eccezionali. La grandezza dell uomo e delle sue capacità trovarono una celebrazione imponente nell architettura con Brunelleschi e l Alberti, nella scultura e nella pittura con Donatello, Michelangelo, Masaccio, Leonardo, Raffaello, nella letteratura con Poliziano e Ariosto, tanto da fare dell Italia il punto di riferimento per tutta la civiltà europea dei secoli successivi. Leon Battista Alberti, Tempio malatestiano, Rimini. 4

6 La centralità dell uomo nell universo e le sue possibilità di controllo sulla natura furono motivo di riflessioni per la cultura rinascimentale in tutte le sue articolazioni. Pico della Mirandola ( ) fa derivare queste prerogative direttamente da Dio, evitando in tal modo una completa rottura con le concezioni medievali che ponevano nell aldilà e non già sulla Terra il destino dell uomo. Non esita in ogni caso ad andare oltre le concezioni cristiane e a ricollegarsi con una lunga tradizione religiosa per sostenere la sua tesi. «Ho letto nelle memorie di Abdulla Saraceno afferma nell introduzione al De hominis dignitate che, interrogato su quale fosse l oggetto più ammirevole fra quanti appaiono sullo scenario del mondo, rispose che nessuno se ne vede più mirabile dell uomo; e con questo giudizio concorda l altro di Mercurio: Gran meraviglia, Asclepio [la divinità greca della medicina], è l uomo». Recato il lavoro [la creazione del mondo] a compimento, l artefice [Dio] desiderava che ci fosse qualcuno capace di afferrare la ragione di un opera sì grande, di amarne la bellezza, di ammirarne la vastità. Perciò, compiuto ormai il tutto [ ], pensò da ultimo a produrre l uomo. [ ] Stabilì l ottimo artefice che a colui cui nulla poteva dare di proprio fosse comune tutto ciò che aveva singolarmente assegnato agli altri. Perciò accolse l uomo come opera di natura indefinita e postolo nel cuore del mondo così gli parlò: «Non ti ho dato, o Adamo, né un posto determinato, né un aspetto proprio, né alcuna prerogativa tua, perché quel posto, quell aspetto, quelle prerogative che tu desidererai, tutto secondo il tuo voto e il tuo consiglio ottenga e conservi. La natura limitata degli altri è contenuta entro leggi da me prescritte. Tu te la determinerai da nessuna barriera costretto, secondo il tuo arbitrio, alla cui potestà ti consegnai. Ti posi nel mezzo del mondo perché di là meglio tu scorgessi tutto ciò che è nel mondo. Non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti plasmassi e ti scolpissi nella forma che avresti prescelto. Tu potrai degenerare nelle cose inferiori che sono i bruti; tu potrai, secondo il tuo volere, rigenerarti nelle cose superiori che sono divine». O suprema liberalità di Dio padre! o suprema e mirabile felicità dell uomo! a cui è concesso di ottenere ciò che desidera, di essere ciò che vuole. G. Pico della Mirandola, De hominis dignitate, a cura di E. Garin, Pisa, Scuola Normale Superiore, 1986 I poteri conferiti da Dio all uomo e che lo collocano al centro del mondo 5

7 Come molti suoi contemporanei Machiavelli ( ) fu un intellettuale molto versatile, storico, autore di famose opere letterarie e politiche. Politicamente impegnato, ricoprì incarichi diplomatici sotto la repubblica fiorentina dal 1498 al 1512, ma al ritorno dei Medici fu confinato per un anno a San Casciano, vicino a Firenze. Qui scrisse agli amici alcune lettere, altrettanto note e ricche di riflessioni, tra cui quella inviata a Francesco Vettori (ambasciatore di Firenze a Roma) dove racconta la sua vita quotidiana, consumata durante il giorno a cacciare o giocare a carte e a dadi con gli avventori di un osteria e conclusa la sera immergendosi nella esaltante lettura degli autori classici, qui descritta con una esemplare metafora. Venuta la sera, mi ritrovo in casa et entro nello mio scrittoio; et in su l uscio mi spoglio quella veste cotidiana, piena di fango e di loto, et mi metto panni reali e curiali; et vestito condecentemente entro nelle antique corti degli antiqui huomini, dove, da loro ricevuto amorevolmente, mi pasco di quel cibo, che solum [soltanto] è mio, et che io nacqui per lui; dove io non mi vergogno parlare con loro, et domandarli della ragione delle loro actioni [azioni]; et quelli per loro humanità mi rispondono; et non sento per quattro hore di tempo alcuna noia, sdimenticho ogni affanno, non temo la povertà, non mi sbigottiscie la morte; tutto mi trasferisco in loro. N. Machiavelli, Lettere, Milano, Feltrinelli,

8 Il romano Lorenzo Valla ( ) è uno degli autori più rappresentativi del primo Umanesimo, che con severità sottopose al giudizio critico tutta la cultura del passato. Pur contrario alle deviazioni della Chiesa cattolica, rimase (come molti suoi contemporanei) sempre rispettoso della religione cristiana. Tra le sue opere più rilevanti spicca il saggio in latino De falso credita et ementita Costantini donatione (1440), dove nega con un rigoroso studio filologico l autenticità della cosiddetta donazione dell imperatore romano Costantino ( ), che avrebbe assegnato al pontefice Silvestro ( ) la parte occidentale dell Impero, in particolare Roma e il Lazio, primo embrione del futuro Stato della Chiesa. Il brano che segue è tratto dall introduzione dell opera. [I pontefici] per tanti secoli o non compresero la falsità della donazione di Costantino o crearono essi stessi il falso; altro, seguendo le orme dei predecessori, difesero come vera quella Donazione che sapevano falsa, disonorando così la maestà del Papato, la memoria degli antichi pontefici, la religione cristiana e causando a tutto il mondo stragi, rovine, infamie. Dicono essere loro Roma, loro il regno di Sicilia e di Napoli, loro Italia, Francia, Spagna, Germania, Inghilterra: tutta l Europa occidentale, in una parola [ ]. Per prima cosa dimostrerò che Costantino e Silvestro non erano giuridicamente tali da poter legalmente l uno assumere, volendolo, la figura di donante, e poter quindi trasferire i pretesi regni donati che non erano in suo potere ; e l altro da poter accettare legalmente il dono (né del resto lo avrebbe voluto). In seconda istanza dimostrerò che anche se i fatti non stessero così (ma sono troppo evidenti), né Silvestro accettò né Costantino effettuò il trapasso del dono, ma quelle città e quei regni rimasero sempre in libera disponibilità e sotto la sovranità degli imperatori. In terza istanza dimostrerò che nulla diede Costantino a Silvestro, ma al papa immediatamente anteriore davanti al quale Costantino era stato battezzato; furono doni del resto di poco conto, beni che permettessero al papa di vivere. Dimostrerò (quarto assunto) che è falsa la tradizione che il testo della Donazione o si trovi nelle decisioni decretali della Chiesa o sia tolto dalla Vita di S Silvestro: non si trova né in essa né in alcuna cronaca, mentre invece si contengono nella donazione contraddizioni, affermazioni infondate, stoltezze, espressioni, concetti barbari e ridicoli L. Valla, La falsa donazione di Costantino, a cura di G. Pepe, Milano, Feltrinelli,

9 Il mantovano Baldassarre Castiglione ( ) frequentò la corte dei Gonzaga e dei Montefeltro, poi abbracciò lo stato ecclesiastico e divenne nunzio apostolico. Fornito di una solida preparazione umanistica, egli immagina ne Il cortegiano, la sua opera più famosa, una conversazione ambientata nella corte di Urbino tra cavalieri, uomini di cultura e alla presenza della duchessa Isabella Gonzaga sulle qualità del perfetto cortigiano e della perfetta gentildonna di palazzo. Il brano che riportiamo è tratto dall intervento del duca Ludovico di Canossa. Voglio dunque che questo cortegiano sia nato nobile e di generosa famiglia; perché molto men si disdice ad un ignobile mancar di far operazioni virtuose, che ad uno nobile, il qual si desvia dal camino dei sui antecessori, macula il nome della famiglia e non solamente non acquista ma perse il già acquistato; perché la nobiltà è quasi una chiara lampa [luce] che manifesta e fa veder l opere bone e le male e accende e sprona alla virtù [ ] Il cortegiano oltre alla nobiltà voglio che sia in questa parte fortunato, ed abbia da natura non solamente lo ingegno e bella forma di persona e di volto, ma una certa grazia e, come si dice, un sangue che lo faccia al primo aspetto a chiunque lo vede grato ed amabile; e sia questo un ornamento che componga e compagni [accompagni] tutte le operazioni sue e prometta nella fronte quel tale esser degno del commerzio [di una attività pubblica] e grazia [della benevolenza] d ogni gran signore B. Castiglione, Il Cortegiano, Torino, Utet,

10 Sebbene manchino notizie certe, è opinione degli storici che nel XV e XVI, in pieno Rinascimento, le condizioni dei ceti popolari continuassero ad essere alquanto miserevoli con prospettive di vita molto basse per scarsa nutrizione e mancanza di igiene. Il benessere riguardava solo una esigua minoranza: signori, alti prelati, ricca borghesia urbana e i loro cortigiani, compresi intellettuali e artisti. Il brano che riportiamo rappresenta uno spaccato del gusto e del comportamento di queste classi privilegiate: siamo nel settembre 1513 a Roma, in piazza del Campidoglio, dove il pontefice Leone X promuove una festa per celebrare il gemellaggio con Firenze e conferisce la cittadinanza a Giuliano dei Medici, suo fratello. Dopo la messa, fuochi di artiglieria, spettacoli di musici e buffoni. Viene intanto allestito un grande tavolo con boccali, piatti, vassoi di argento, a cui seguono numerose portate di vivande e libagioni. Ciascuno havea denante [davanti] il tovaiolo di renzo [lino] sottilissimo, ingeniosamente piegato, per modo che dentro rimaneva il vacuo [spazio vuoto] dove erano augelletti vivi [ ] Prima alle mani fu data acqua adoratissima [profumata], de poi, dispiegandosi detti tovagliuoli, uscivano fuori gli augelletti, fra quali ne erano alcuni avezze tra le persone et domesticamente stare per casa. Questi non se partivano dalla tavola, ma saltando per essa giravano pascendose di quello che ci trovavano. [Seguono 25 portate.] [Quarta portata] Vennero per la principal porta del theatro con gran suoni di trombe e pifare [pifferi, uno strumento a fiato]: Otto gran piatti colmi di beccafichi arostiti Otto gran piatti di quaglie arostite Otto simili piatti di animelle [Quinta portata] Otto piatti con torte al modo greco Otto piatti colmi di starne Quattro piatti con galli cotti et rivestiti con sua pelle et piuma, che stavano in piedi come se fussero vivi Quattro con galline cotte et rivestite similmente [Nona portata] Otto piatti di pavoni cotti con pelle e piuma solo sopra el collo Otto colmi de caponi inzuccarati Otto piatti di pavoni vecchi F. Cruciani, Il teatro del Campidoglio e le feste romane del 1513, Milano, Il Polifilo,

11 La rivoluzione di Copernico DOCUMENTI Prima delle ricerche dell astronomo polacco Nicolò Copernico ( ) gli studiosi erano generalmente convinti che la Terra fosse posta al centro dell universo e che tutti gli altri corpi celesti (Sole compreso) ruotassero intorno ad essa. Questa concezione (detta geocentrica) elaborata dall astronomo Claudio Tolomeo nel II secolo d.c,, che raccolse le conoscenze degli antichi, venne poi fatta propria dalla dottrina cristiana e dominò per secoli pressoché incontrastata. Le tesi sostenute dallo studioso polacco, secondo il quale è la Terra a girare intorno al Sole (eliocentrismo), determinarono dunque una vera e propria rivoluzione nella scienza e aprirono la strada alle indagini di Galileo Poiché vi sono molte persone autorevoli che sostengono che la Terra è immobile nel centro del mondo, l ipotesi contraria sembra a molta gente ridicola [ ]. Tuttavia, se consideriamo la questione più attentamente, vediamo che si tratta di un problema importante e tutt altro che risolto. Ogni cambiamento di posizione che possiamo osservare deriva o da un moto dell oggetto o da un moto dell osservatore o, anche, da moti (necessariamente diversi) di entrambi. Solo se l oggetto e l osservatore si muovono nella stessa direzione e in maniera uguale non si vedrà alcun movimento percettibile del primo rispetto al secondo. Ordunque, dalla Terra noi osserviamo i moti celesti; se però la Terra è in moto [ ] guardando un oggetto esterno a essa lo vedremo muoversi con lo stesso tipo di moto, ma in direzione contraria; l oggetto esterno attraverserà perciò tutto il cielo. La rotazione giornaliera del cielo è proprio [ ] un movimento di tal genere. Trovai per la prima volta in Cicerone che Nicita credeva che la Terra fosse in movimento. Poi in Plutarco trovai che qualcun altro era della stessa opinione [ ]. Perciò, anche io cominciai a meditare sul fatto che la Terra fosse in movimento. E benché l idea sembrasse assurda, tuttavia, sapendo che ad altri prima di me era stata concessa la libertà di immaginare cerchi arbitrari per spiegare i fenomeni astronomici, ritenni che anche a me sarebbe stato certamente permesso di cercare se, supponendo la Terra animata da un qualche tipo di moto, si potessero trovare spiegazioni più valide di quelle degli astronomi che mi hanno preceduto, per render conto delle rivoluzioni delle sfere celesti [ ]. Trovai, dopo lunghe e accurate osservazioni, che se i moti delle altre stelle erranti vengono posti in relazione al movimento circolare della Terra, e se i moti sono studiati tenendo presente il moto di rivoluzione di ogni pianeta, non solo i fenomeni a essi relativi trovano logica spiegazione, ma altresì le posizioni e le dimensioni delle orbite dei pianeti e dei cieli stessi risultano collegate tra loro, in modo che in nessuna parte si potrà modificare qualcosa senza sconvolgere le restanti parti e tutto l Universo. N. Copernico, La rivoluzione delle sfere celesti, in Opere, a cura di F. Barone, Torino, UTET,

12 Leonardo da Vinci ( ) è considerato l interprete più completo della concezione rinascimentale dell uomo, considerato quasi un piccolo dio in grado di appropriarsi delle leggi della natura per piegarle alle sue necessità. Ma il numero straordinario di soluzioni offerte ai problemi della tecnica (in parte ancora nascoste tra le pieghe dei quasi fogli che compongono i Codici sicuramente attribuitigli, come il Codice Atlantico o il Codice di Madrid) va oltre le sue doti geniali di ingegnere, architetto, pittore, scultore e scienziato ed è invece riconducibile a quel formidabile laboratorio della scienza e della tecnica che fu l Italia centro-settentrionale tra il Quattrocento e il Cinquecento. Ho immaginato diceva Leonardo - tutte queste macchine perché ero posseduto, come tutti gli uomini del mio tempo, da una volontà di potenza. Ho voluto domare il mondo. Le macchine volanti, la prima automobile, il carro armato, le turbine: ecco alcune delle celebri macchine disegnate da Leonardo. 11

13 C iviltà Due concezioni politiche a confronto: l utopia di Tommaso Moro e il realismo di Niccolò Machiavelli FINESTRE SULLA STORIA La società ideale di Tommaso Moro Il Medioevo aveva cercato più volte soluzioni teoriche in grado di risolvere i problemi sociali e politici del tempo. Tra gli altri lo aveva fatto Dante con il De monarchia, che aveva rilanciato l idea dell Impero universale, separando nettamente il potere temporale dell imperatore da quello spirituale del papa. Anche Marsilio da Padova con il Defensor pacis aveva sostenuto l autonomia dei sovrani, anticipando la concezione moderna dello stato. In ogni caso la trattatistica medievale continuava ad avere come riferimento l ordinamento feudale e quindi teneva in debito conto l autorità religiosa. Da queste concezioni prese invece le distanze il pensiero del Rinascimento. I massimi rappresentanti del nuovo orientamento politico furono l inglese Thomas More (italianizzato in Tommaso Moro) e il fiorentino Niccolò Machiavelli. Le loro proposte, diametralmente opposte, interpretarono le esigenze, le aspettative, le speranze dell umanità più cosciente, tanto da anticipare le due correnti di pensiero che arrivano fino ai giorni nostri. L umanista inglese Thomas More ( ) fu ministro del re Enrico VIII e amico del filosofo Erasmo da Rotterdam. Scrisse diverse opere e con Utopia, un breve trattato in latino pubblicato nel 1516, raggiunse una vasta popolarità. Utopia (il titolo completo è Utopia ovvero sulla migliore repubblica e sulla nuova isola di Utopia) inaugurò quel filone della riflessione politica che dal suo trattato prese nome di utopismo, a indicare la descrizione di una società ideale senza miseria né lusso né ingiustizia e senza proprietà privata, dove tutti possono soddisfare le proprie esigenze spirituali e materiali. Impostata in forma di dialogo, l opera espone nella prima parte le condizioni di vita del tempo. Critica le pene inflitte a ladruncoli e mendicanti, considerando responsabile della povertà l avidità dei latifondisti che si erano impadroniti della terra per allevare bestiame e pecore, costringendo i piccoli proprietari e i più poveri ad abbandonare le campagne. «Le pecore dice More con una sua famosa metafora, alle quali basta soltanto poco cibo, stanno diventando tanto voraci da divorare perfino gli uomini». «Non vedo osserva More come possa esserci prosperità e giustizia finché dura la proprietà privata e tutto è valutato in funzione del Profilo, il pensiero storico e politico, p. 72 Tommaso Moro in un ritratto di Jan Gossaert, detto Mabuse, del 1524 circa. Aix-en-Provence, Museo Granet. denaro». Nella seconda parte uno degli interlocutori descrive l isola di Utopia che ha conosciuto nel corso dei suoi viaggi. L isola è governata da magistrati elettivi. La terra è proprietà collettiva, il lavoro ripartito in base alle possibilità di ciascuno, i prodotti suddivisi in maniera egualitaria. Non c è ozio, non ci sono osterie, locande, bordelli. Gli abiti sono tutti eguali, salvo le differenze di sesso. L oro è riservato ai giocattoli dei bambini. Nel tempo libero uomini e donne si dedicano all istruzione, alla lettura, alla musica. La guerra è considerata «cosa da belve» e le armi servono solamente per difendersi dalle aggressioni. La religione si basa su pochi e semplici principi, ritenendo l anima immortale e la virtù un premio che di per sé procura la felicità. Utopia proponeva un ordinamento razio- 12

14 nale, fondato sulla solidarietà sociale e sulla giustizia, senza dover attendere il regno ultraterreno. Benché convinto cattolico e uomo di governo, More scagliava dunque un duro atto di accusa contro l arroganza dei potenti, inclusi i papi e i sovrani. Solo la sua notorietà lo protesse dalle ritorsioni. Quando Enrico VIII poi varò la Chiesa anglicana e si attribuì un potere spirituale, More oppose un netto rifiuto. Rinchiuso nella Torre di Londra, vi rimase quindici mesi prima di venire decapitato. Coerente con le sue teorie riguardo alla morte da accogliere come una liberazione, More affrontò il patibolo raccontano i suoi biografi senza mostrare alcun timore. La realtà «effettuale» di Machiavelli Alla società immaginaria disegnata da More, Machiavelli contrappone la cruda rappresentazione della realtà così com è effettivamente, cioè «la verità effettuale della cosa». Niccolò Machiavelli ( ) aveva avuto esperienza diretta di vicende importanti, come l invasione dei Francesi e la protesta di Savonarola. Aveva partecipato al governo della repubblica fiorentina, aveva conosciuto l invasione spagnola e il ritorno dei Medici. Per conto della repubblica aveva visitato la Francia, la Germania, alcuni stati dell Italia centrale e lo Stato pontificio. Poi aveva subito il carcere, la tortura e l esilio. Tanto basta per capire la tensione politica che lo indusse negli anni dell esilio ( ) a cercare le cause della crisi di Firenze e del declino italiano, utilizzando gli insegnamenti degli scrittori e degli avvenimenti del passato per avvalorare le sue proposte. Machiavelli considerò la politica governata da leggi proprie, diverse da quelle della morale e fu consapevole dei problemi causati dalla divisione della penisola e alla mercè delle potenze straniere. Partendo da queste premesse avanzò nel Principe (1513) una serie di indicazioni per realizzare in Italia un nuovo principato. A suo avviso il protagonista dell impresa doveva essere astuto come la «golpe» (volpe) e forte come il «lione». Anche assassinare, ingannare, tradire potevano risultare indispensabili per difendere lo stato, quando la bontà e la generosità invece ne avrebbero provocato la «ruina». La stessa religione doveva servire a rendere i sudditi fedeli e sottomessi all autorità del signore. Come modello di uomo politico deciso a tutto, indicò Cesare Borgia, i cui rapidi successi erano stati vanificati solo dalla morte del padre, il pontefice Alessandro VI. Per la sicurezza del nuovo stato il principe doveva inoltre garantirsi piena autonomia, servendosi di milizie cittadine o nazionali. Quelle mercenarie gli apparivano «pericolose», perché «ambiziose e infedeli», disposte a passare all avversario per «un poco di stipendio» in più. Priprio per questo motivo l Italia era stata conquistata facilmente («col gesso») dal re di Francia Carlo VIII. Esaltando l individuo e le sue capacità («virtù»), Machiavelli fece del principe il capo e l animatore della vita dello stato, così da essere considerato uno dei primi teorici dello stato assoluto e già nella seconda metà del Cinquecento i termini «machiavellismo» e «machiavellico» erano sinonimi di un comportamento politico privo di scrupoli, pronto a qualsiasi azione per giungere ai risultati prefissi. «Il fine giustifica i mezzi» è la sintesi più efficace delle regole politiche attribuite a Machiavelli. Tuttavia le riflessioni di Machiavelli non si esauriscono qui. Se nel Principe si era posto realisticamente il problema della creazione di un stato in grado di impedire le invasioni straniere, nei Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio ( ) lo storico fiorentino rifletté sui migliori ordinamenti possibili, manifestando la sua preferenza per un regime repubblicano-democratico rispetto al principato. Rivalutava il ruolo del «popolo» anche nelle sue agitazioni più turbolente e da buon umanista indicava l esempio della repubblica romana. Il conflitto tra patrizi e plebei non aveva messo in pericolo la città, come sosteneva chi era favorevole a regimi dittatoriali. In quel tempo si poteva «vedere il popolo gridare contro il senato, il senato contro il popolo, correre tumultuariamente per le strade, serrare le botteghe» e alla fine le rivendicazioni popolari dovevano essere accolte nell interesse generale. A suo giudizio infatti «i desideri dei popoli liberi rade volte sono perniciosi alla libertà, perché nascono o da essere oppressi o da suspicione di essere oppressi». Scritti dopo il Principe e in un periodo di più pacata riflessione, i Discorsi rispondevano al bisogno di chiarire ulteriormente aspetti fondamentali del rapporto tra cittadini e stato. A questo proposito, secondo molti studiosi, l originalità di Machiavelli consiste proprio nell aver anticipato alcune concezioni politiche moderne che reputano la democrazia non come un sistema ordinato e pacificato, ma al contrario dominato dello scontro tra posizioni diverse, alle quali egli diceva deve essere permesso di manifestarsi anche «in modi quasi efferati». FINESTRE SULLA STORIA 13

15 Il pensiero politico del Cinquecento è governato dalla fiducia nella dignità e nelle capacità creative dell uomo, compresa quella di risolvere antiche contraddizioni sociali, basandosi sulla ragione e sulla collaborazione di tutti i suoi membri uniti da comuni interessi. Nella città immaginaria di Utopia non esiste proprietà privata, l ozio è eliminato e il lavoro (ridotto soltanto a quello socialmente utile) è delimitato a sei ore giornaliere, consentendo ampi spazi di libertà e di crescita culturale. Qualche secolo dopo la riduzione drastica dell orario lavorativo verrà sostenuta dai primi fautori del socialismo e diverrà tra l Ottocento e il Novecento un obiettivo centrale del movimento operaio. Così oggi almeno nei paesi più avanzati le 36 ore lavorative settimanali rappresentano un traguardo raggiunto al prezzo di durissime lotte sindacali e politiche. Lavorano tre ore prima di pranzo, dopodiché mangiano e dedicano due ore al riposo, quindi lavorano per altre tre ore e infine cenano. [ ] Ognuno trascorre come meglio crede il tempo che avanza dal lavoro, dai pasti e dal riposo, non però in lascivie [piaceri immorali] o in altre occupazioni inique, ma, essendo libero dalla fatica corporale, impegnandosi utilmente in cose piacevoli e proficue. Spesso nei momenti liberi si dedicano alle lettere [ ] Dopo cena dedicano un ora ai giochi, d estate nei giardini e d inverno nei refettori comuni. Qui s intrattengono con musiche o conversazioni oneste e buone. Non conoscono i dadi o passatempi stupidi e dannosi, ma hanno due giochi che somigliano in un certo modo agli scacchi [ ] Ma ora considerate attentamente una cosa, altrimenti potreste ingannarvi. Infatti, sapendo che dedicano solo sei ore al lavoro, potreste pensare che ne derivi una carenza di beni. Non è così, perché quel numero limitato di ore non solo è bastante, ma persino eccessivo per avere di che vivere comodamente. Di questo vi renderete conto se penserete al gran numero di persone inattive che c è negli altri Paesi. Consideriamo in primo luogo quasi tutte le donne, che sono più della metà della popolazione [ ], poi la gran folla dei sacerdoti e di quelli che si fanno chiamare uomini di chiesa. Aggiunciamoci i ricchi, specialmente i proprietari terrieri, che la gente di solito chiama gentiluomini o nobili. Mettiamoci nel numero anche i loro servitori, cioè quel branco di fannulloni e spadaccini senza mestiere che li attorniano. Aggiunciamoci certi robusti accattoni che nascondono la loro esistenza oziosa sotto la vernice di qualche malattia o menomazione. A questo punto vi renderete davvero conto che le cose di cui gli uomini hanno bisogno per vivere sono prodotte dal lavoro di pochi. Ora considerate in cuor vostro quanto pochi sono, dei pochi che lavorano, quelli che fanno mestieri veramente necessari. Infatti dove tutto si misura sul denaro nascono occupazioni inutili e superflue, a servizio del lusso e dei capricci. T. Moro, Utopia,. Lo Stato perfetto, ovvero l isola che non c è, Verona, Demetra,

16 È noto che nel Principe, la sua opera più celebre scritta tra il 1512 e il 1513, Machiavelli definisce le varie specie di principati (stati), come si ottengono e come possono essere mantenuti. Di fronte alla crisi degli stateterelli italiani e alle minacce straniere (nel 1494 il re francese Carlo VIII era penetrato facilmente in Italia), Machiavelli negli ultimi capitoli suggerisce al futuro principe il massimo realismo politico per difendere il proprio stato, ammonendolo a mettere da parte ogni scelta conforme alle regole della morale. Sarebbe senza dubbio preferibile che il principe fosse donatore e non rapace, pietoso e non crudele, umano e non superbo, integro e non astuto, religioso e non incredulo ecc, ma per il bene dello stato egli deve adottare i mezzi più efficaci, a prescindere da ogni altra considerazione. E io so che ciascuno confesserà che sarebbe laudabilissima cosa in uno principe trovarsi di tutte le soprascritte qualità [donatore, pietoso, umano, integro, religioso ], quelle che sono tenute buone; ma perché le non si possono avere, né integralmente osservare, per le condizioni umane che non lo consentono, gli è necessario essere tanto prudente che sappi fuggire l infamia di quelli vizii che torrebbano lo stato, e da quelli che non gnene tolgano guardarsi, se gli è possibile; ma non possendo, vi si può con meno respetto lasciare andare. Et etiam [anche] non si curi di incorrere nella fama di quelli vizii, sanza quali e possa difficilmente salvare lo stato; perché, se si considera bene tutto, si troverà qualche cosa che parrà virtù, e seguendola, sarebbe la ruina sua; e qualcosa altra che parrà vizio, e seguendola, ne riesce la securtà e il bene essere suo. N. Machiavelli, Il Principe, Milano, Feltrinelli, 1979 Bibliografia essenziale D. Cantimori, Niccolò Machiavelli: il politico e lo storico, in Storia della letteratura italiana, IV, diretta da E. Cecchi e N. Sapegno, Milano, Garzanti, F. Chabod, Scritti su Machiavelli, Torino, Einaudi, G. Spini, Le origini del socialismo. Da Utopia alla bandiera rossa, Torino, Einaudi, E.Garin, Medioevo e Rinascimento, Roma-Bari, Laterza, 1954 Il Rinascimento. Interpretazioni e problemi, a cura di A.Prandi, Bologna, Il Mulino, 1971; E.Garin, L umanesimo italiano: filosofia e vita civile nel Rinascimento, Roma-Bari, Laterza, 1951; M.Boas, Rinascimento scientifico ( ), Milano, Feltrinelli, 1953; A.Hauser, Storia sociale dell arte, vol.i, Preistoria,Antichità,Medioevo,Rinascimento, Manierismo, Barocco, Torino, Einaudi, 1982; D. Cantimori, Niccolò Machiavelli: il politico e lo storico in Storia della letteratura italiana, IV, diretta da E.Cecchi e N.Sapegno, Milano, Garzanti, 1965; G.Spini, Le origini del socialismo. Da Utopia alla bandiera rossa, Torino, Einaudi,

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Storia delle istituzioni politiche

Storia delle istituzioni politiche Storia delle istituzioni politiche Corso di laurea triennale in filosofia a.a. 2014-2015 Lezione terza NICCOLO MACHIAVELLI Discorsi sulla prima deca di Tito Livio Niccolò Machiavelli Firenze 1469-1527

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

UMANESIMO E RINASCIMENTO. Classe 4A novembre 2010

UMANESIMO E RINASCIMENTO. Classe 4A novembre 2010 UMANESIMO E RINASCIMENTO Classe 4A novembre 2010 RINASCIMENTO Movimento di pensiero, politico, culturale, sociale ed economico che nasce in Italia alla fine del Trecento e poi si diffonde in Europa (Francia,

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

UMANESIMO E RINASCIMENTO

UMANESIMO E RINASCIMENTO UMANESIMO E RINASCIMENTO RINASCIMENTO Movimento di pensiero, politico, culturale, sociale ed economico che nasce in Italia alla fine del Trecento e poi si diffonde in Europa (Francia, Inghilterra, Germania,

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

CONTENUTI ABILITA ATTIVITA TEMPI

CONTENUTI ABILITA ATTIVITA TEMPI PROGRAMMAZIONE STORIA - classe III MODULO 1 - DALLA RINASCITA DOPO IL 1000 ALLA CRISI DEL '300 Leggere, confrontare, interpretare dati, tabelle, grafici Distinguere aspetti sociali, economici e politici

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

a cura di CLAUDIA CARMINA webinar - 8 aprile 2014

a cura di CLAUDIA CARMINA webinar - 8 aprile 2014 L uomo nuovo del Rinascimento a cura di CLAUDIA CARMINA 1 Obiettivi - Conoscenze!conoscere le coordinate storiche e culturali in cui nasce e si sviluppa la civiltà umanistico-rinascimentale!!conoscere

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore IZZO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2008 Istituzione del Giorno delle radici in ricordo della storia,

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo.

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. 1 Tito ha una paralisi cerebrale. 2 Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. Nel 1489, Pietro Lombardo progettò la Scuola Grande di San Marco. Fu la Scuola Grande di San Marco, progettata

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540

FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540 FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540 REALTÀ E IDEALE CARRIERA POLITICA VIVE IN PRIMA PERSONA - COME AMBASCIATORE PAPALE LA DECADENZA POLITICA DELL ITALIA: LE INVASIONI ORMAI INEVITABILI MOSTRANO COME SIA IMPOSSIBILE

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Il reclutamento e la formazione dei militanti per le nuove lotte del federalismo La necessità di

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli