Programma degli incontri tecnici e scientifici 17ª Italpig - Rassegna Suinicola di Cremona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma degli incontri tecnici e scientifici 17ª Italpig - Rassegna Suinicola di Cremona"

Transcript

1 Programma degli incontri tecnici e scientifici 17ª Italpig - Rassegna Suinicola di Cremona Agg. 21 ottobre 2013 Perché abbiamo studiato un programma così ricco e vario Il grande valore aggiunto della Fiera Internazionale del Bovino da Latte, di ExpoCasearia e di Italpig, la Rassegna Suinicola di Cremona, sta nel fare incontrare tra loro le persone giuste per sviluppare business. Vogliamo aggregare le diverse professionalità che ruotano intorno all'allevamento e la trasformazione in modo tale da creare una community da cui nascano nuovi rapporti commerciali, collaborazioni, idee e soluzioni. Per farlo, oltre a un'esposizione che ospita i più qualificati marchi internazionali di attrezzature, tecnologia e servizi dedicati all'allevamento bovino, suino e alla trasformazione del latte, abbiamo studiato un programma di appuntamenti che attragga, per l'attualità e l'importanza dei temi trattati, le principali componenti della filiera: Allevatori Imprenditori agricoli Veterinari Tecnici Trasformatori agroalimentari Ricercatori Confronti diretti per andare al cuore dei temi più caldi del settore Oltre a convegni e seminari tecnico-scientifici, abbiamo studiato e introdotto anche l'innovativa formula dei workshop: faccia a faccia con gli specialisti più qualificati sui diversi temi che saranno sviluppati. Incontri in cui si vanno ad affrontare le questioni più urgenti del settore arrivando a soluzioni concrete che mettano gli operatori professionali in grado di migliorare il proprio lavoro e di aggiornarsi sui temi più caldi. Per questo saranno presenti le Associazioni e Istituzioni più rappresentative del settore, tra cui: AITA (Associazione Italiana Tecnologia Fedagri Alimentare) ISZ di Brescia AIVEMP (Associazione Italiana Veterinaria Libera Associazione Agricoltori Cremonesi Medicina Pubblica) Ministero delle Politiche Agricole ANAS (Associazione Nazionale Allevatori di Suini) Regione Emilia Romagna ARAL (Associazione Regionale Allevatori della Regione Lombardia Lombardia) SIVAR (Società Italiana Veterinari Animali da Assalzoo Reddito) Assosuini Unapros Confagricoltura Università di Parma Crefis Università di Napoli CRPA di Reggio Emilia Pagina 1

2 Perché tutto questo si svolge a Cremona Perché qua ci sono gli interlocutori giusti. Cremona si trova al centro del sistema agro-zootecnico più importante d'italia, dove si concentra l'allevamento bovino, suino, e l'industria alimentare. Dove le aziende agricole hanno una superficie doppia rispetto al resto d'italia, e dove gli investimenti in attrezzature e tecnologia sono alla base dell'attività imprenditoriale in agricoltura. CremonaFiere è riconosciuta in tutta Europa come il punto di riferimento del settore, e il numero dei visitatori dall'estero cresce ogni anno. Per questo la Fiera Internazionale del Bovino da Latte, ExpoCasearia e Italpig sono il posto giusto per sviluppare nuovo business., ore 9,30 Sala Guarneri del Gesù Convegno Meat.it: le sfide nutrizionali e igieniche nel settore della carne fra scandali e frodi in collaborazione con AITA La sicurezza alimentare è uno dei problemi cronici in molti Paesi e la notizia della diffusione della nuova aviaria, i cui effetti sanitari sono allo studio nei paesi occidentali ne amplifica la portata. La Commissione Europea annuncia nuovi provvedimenti articolati essenzialmente su due aspetti: l avvio delle ispezioni a sorpresa nelle grandi aziende e l introduzione di nuove più pesanti sanzioni economiche. Le domande che consumatori e aziende si pongono sono: chi esegue i controlli preventivi? Come selezionare i fornitori? Esiste oggi una tutela normativa e, nel caso, come può essere migliorata? Programma: Gli scandali nel mercato della carne in Italia e in Europa : come è andata a finire? Stefano Bentley, Dip. Salute animale, Università degli Studi di Parma Le frodi nel settore delle carni: le regole che esistono e quelle che servono Dario Dongo, Avvocato in Roma Le frodi commerciali e sanitarie nel settore dei prodotti a base di carne: attività ispettiva e riscontri istituzionali Lucia De Castelli, Istituto Zooprofilattico Sperimentale, Piemonte, Liguria e Valle d Aosta, Torino I criteri i selezione dei fornitori di carne e derivati: criticità Claudio Truzzi, Responsabile Qualità, Metro italia Emergenze sanitarie legate a prodotti alimentari esportati verso Paesi Terzi: il caso "Listeria monocytogenes" in prodotti a base di carne negli USA Vincenza Prencipe, Istituto Zooprofilattico Sperimentale G.Caporale, Teramo ore Tavola Rotonda Export, la grande occasione della salumeria italiana. La qualità garantita è la precondizione necessaria per valorizzare al meglio l'intera filiera Organizzata da: Cremonafiere La qualità paga. Anche e soprattutto in tempi di crisi economica. La qualità va difesa e soprattutto garantita. Ma cos'è la qualità? Come va assicurata al consumatore? E come viene tutelata rispetto ai frequenti casi di contraffazione, soprattutto all'estero, che emergono periodicamente? Perché, se i nostri salumi sono universalmente riconosciuti Pagina 2

3 come eccezionali, i produttori non sempre vedono riconosciuti i meriti di questa eccellenza? A queste e a molte altre domande i relatori invitati alla Tavola Rotonda cercheranno di dare risposte e fornire soprattutto spunti di riflessione adeguati su un tema a cui il mercato è particolarmente sensibile. Invitati: Davide Calderone, Direttore Assica Sergio Capaldo, Presidente Consorzio La Granda Gruppo Eataly Gian Battista Mayer, Consigliere Assalzoo Alessandro Olper, Dipartimento Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale, Università di Milano Demetrio Conti, Comandante Carabinieri per la tutela della salute di Milano Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori Luigi Zanotti, Presidente Assocom Moderatore: Anna Mossini, giornalista ore Uffici CUN - Area Italpig Riunione Riunione Commissione Unica Nazionale (Cun) settore suinicolo Organizzazione: Borsa Merci Telematica Italiana ore Assemblea Straordinaria dei Suinicoltori La suinicoltura italiana non vuol farsi macellare L'iniziativa vuole creare un momento di dibattito e riflessione all'indomani delle forti turbolenze che stanno scuotendo il settore: prezzi, crisi dei consumi e prospettive del comparto saranno al centro dei temi trattati. Gli allevatori potranno verificare lo stato delle questioni più urgenti confrontandosi con il mondo della Cooperazione, i dirigenti delle OP e con importanti rappresentanze istituzionali. Organizzazione: Assosuini Web: Un anno di Art. 62 A un anno dall introduzione dell Art. 62 che disciplina le relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari occorre fare un bilancio e tentare di capire se la sua attuazione ha portato agli allevatori i benefici sperati. Intervento: Giampaolo Tosoni, Esperto fiscalista Pagina 3

4 Sala Monteverdi ore Sala Guarneri del Gesù Seminario Qualyservices: temi strategici per uscire dalla crisi Organizzazione: AITA A fronte della crescita dell economia in alcune aree del mondo, i Paesi occidentali hanno tentato di rispondere attraverso una ricerca di qualità per valorizzare e distinguere produzioni e servizi all interno del mercato globale. In contemporanea, si è affermata l esigenza di comunicare, nelle relazioni sia B2B che B2C, la qualità distintiva della propria offerta, attraverso mezzi che ne consentissero il riconoscimento a livello nazionale e internazionale. In tale contesto, le certificazioni accreditate si sono affermate come strumenti a sostegno di tutti gli attori coinvolti lungo la catena di fornitura di un bene/servizio, per promuovere un ragionevole grado di fiducia nel mercato. Nel settore dei prodotti agroalimentari è emblematico il percorso con il quale la conformità ai requisiti dell accreditamento delle certificazioni ha assunto un valore sempre maggiore nel corso dell ultimo ventennio. Un numero crescente di organizzazioni, tra cui i grandi player industriali, ha colto il valore della certificazione come garanzia di business e ha contribuito a diffondere i concetti di qualità e sicurezza associate al marchio, anche nella percezione del consumatore. Programma Investire in qualità per battere la crisi Silvia Tramontin, Accredia, Roma La metrologia nel settore alimentare, aspetti etici, legali e qualitativi Giusepe Bitonti, Cermet, BO Cibo sicuro e sostenibile: la sfida del mercato globale Alice Stringa LRQA Italy Lloyd s Register Quality Assurance Italy (MI) La sostenibilità certificata Maria Chiara Ferrarese, CSQA, Thiene Etichettatura ambientale: i modi per certificarla e comunicarla al consumatore Monica Riva, Bureau Veritas La gestione sostenibile della Supply Chain Marco Omodei Sale, DNV Business Italy, MB La responsabilità sociale (linea guida ISO e SR 10 IQNet) Alessandro Manzo, Certiquality, Mi Seminario Direttiva Nitrati, l attualità e il futuro: indicazioni e proposte dal progetto Equizoo Organizzazione: Provincia di Cremona Assessorato Agricoltura e Libera Associazione Agricoltori di Cremona Primi risultati e considerazioni sullo svolgimento del progetto Equizoo: tecnici e operatori si confronteranno per delineare lo stato dell arte emerso e le possibili soluzioni operative. Equizoo è una proposta progettuale di durata triennale mirante a dimostrare come, con il ricorso a tecnologie innovative di trattamento dei liquami zootecnici e a modalità di gestione interaziendale dell utilizzazione agronomica dei medesimi, sia possibile superare alcune delle difficoltà che la designazione di Zone Vulnerabili ha determinato in aree regionali di pianura a vocazione zootecnica. Relatori La sperimentazione in campo e le indicazioni tecnico-organizzative emerse dal progetto Equizoo Giuseppe Moscatelli, Crpa e Giuseppe Uberti, Libera Associazione Agricoltori Cremonesi Pagina 4

5 Dissipare o recuperare l azoto dei liquami e digestati? Pierluigi Navarotto, Università degli studi di Milano, Responsabile scientifico del progetto Esperienze di valorizzazione delle frazioni solide dei liquami Paolo Mantovi, Crpa Indicazioni dal progetto Equizoo per una possibile revisione della Direttiva Nitrati Giuseppe Bonazzi, Crpa La zootecnia, l agronomia, l ambiente e la Direttiva Nitrati. Indicazioni per futuri indirizzi politici. Gianluca Pinotti, Assessore provinciale all agricoltura e all ambiente Conclusioni: Vitaliano Peri, Direzione Generale Agricoltura, Regione Lombardia Moderatore: Ildebrando Bonacini, Libera Associazione Agricoltori Cremonesi ore I costi e la crisi, un binomio da brivido Organizzata da: Cremonafiere in collaborazione con l'ordine dei Commercialisti di Cremona Con un costo di produzione in continua ascesa e quotazioni che cedono il passo a frequenti oscillazioni al ribasso la redditività degli allevatori è sempre più a rischio. Il costo alimentare rappresenta la voce più pesante, ma l'adeguamento alle normative comunitarie, le imposizioni fiscali e il calo dei consumi dovuto alla crisi contribuiscono a tratteggiare uno scenario preoccupante dal futuro ancora più incerto. Esiste una via d'uscita? Gabriele Canali, Direttore Crefis Ernesto Quinto, Presidente dell'ordine dei Commercialisti di Cremona Giulio Usai, Responsabile Area Economica Assalzoo 25 ottobre 2013 ore Convegno I sulla genetica suina europea Nuovi obiettivi e metodi innovativi di selezione. Paesi leader a confronto La selezione genetica è la base per produrre un suino da cui ottenere salumi di qualità. Oggi però non si può più parlare solo di genetica, bensì di genomica, disciplina che studia l'intera informazione genetica contenuta nel Dna. Attraverso il suo studio, gli scienziati contano di arrivare a stabilire come migliorare le performance produttive, ridurre i costi di produzione, aumentare la resistenza alle malattie. Traguardi che forse non sono poi così lontani e che vedono impegnati i numerosi Centri di ricerca scientifica dei vari Paesi europei dove la suinicoltura rappresenta una delle voci economiche più importanti. Il Primo sulla genetica suina europea vuole quindi fare il punto sui risultati fin qui ottenuti e allargare lo sguardo agli obiettivi che questa nuova frontiera della scienza applicata punta a raggiungere in tempi relativamente brevi. Joan Estany, Dipartimento di produzione animale Università di Lleida (Catalogna) Pagina 5

6 Bjarne Nielsen, Danish Pig Research Centre of Danish Agriculture & Food Council. Jean - Pierre Bidanel, Direttore dell'unità di ricerca "Amelioration Génétique du porc" dell'inra (Francia) Luca Fontanesi, Dipartimento Scienze e tecnologie agroalimentari, Università di Bologna Moderatore: Vincenzo Russo, Facoltà di Agraria, Università di Bologna Previsti interventi di ricercatori e commercianti di genetica da Spagna, Danimarca, Francia e Italia 25 ottobre ottobre 2013 Sala Amati 25 ottobre 2013 ore Nitrati: riperimetrazione delle zone vulnerabili e ripercussioni sulle aziende La recente apertura della procedura di infrazione da parte di Bruxelles per il mancato rispetto della Direttiva nitrati rischia tra gli altri di provocare la revoca dei contributi Pac. La riperimetrazione delle aree vulnerabili, secondo alcuni esperti, potrebbe rappresentare una delle soluzioni al problema. Il focus farà il punto su uno studio che ha coinvolto le regioni del bacino padano interessate dal problema Giuseppe Bonazzi, Ricercatore Crpa di Reggio Emilia Vitaliano Peri, Regione Lombardia Maria Belli, Metrologo ambientale, Ispra Giuseppe Uberti - responsabile settore tecnico-ambientale, Libera Associazione Agricoltori Cremonesi Convegno Biogas, biometano ed efficienza energetica: le prospettive del settore Organizzazione: CIB Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione Analisi delle prospettive e delle opportunità di sviluppo del biogas e servizi offerti da CIB Interventi Piero Gattoni, Presidente CIB Marco Pezzaglia, Direttore CIB Alessandro Ragazzoni, Università di Bologna Lorenzo Maggioni, Responsabile Ricerca CIB Christian Curlisi, Responsabile Servizi Energia CIB Guido Bezzi, Responsabile Servizi Agronomia CIB Benessere animale: tutte a norma le porcilaie italiane? Aujeszky, l'italia non è ancora indenne Dal 1 gennaio di quest anno è entrata in vigore la Direttiva europea sul Benessere animale e sulla malattia di Aujeszky. La prima impone l adeguamento delle porcilaie ai criteri previsti, la seconda che gli allevamenti, per poter commercializzare i suini prodotti, siano dichiarati indenni dalla malattia. In tutto questo si inserisce la corretta gestione del farmaco, elemento imprescindibile per una buona conduzione degli allevamenti Loris Alborali, Izsler Brescia, Referente malattia di Aujeszky Guerino Lombardi, Izsler Brescia, Referente Benessere Animale Pagina 6

7 26 ottobre 2013 ore 9.30 Sala Guarneri del Gesù Convegno Nuova PAC e filiere suinicole, opportunità o minaccia? Organizzazione: CREFIS La nuova Politica agricola comune dell Unione Europea (PAC), approvata a fine giugno 2013 è destinata ad avere conseguenze rilevanti per l agricoltura europea ed italiana. Il settore suinicolo non sarà immune al profondo cambiamento in essere; esso infatti, dovrà adattarsi al nuovo contesto generale. In generale le conseguenze saranno molto forti sull agricoltura italiana, sempre più esposta alle fluttuazioni dei mercati internazionali, con aumento della volatilità dei prezzi interni. Si avrà un ridimensionamento dei pagamenti diretti e una maggiore esposizione alle fluttuazioni dei prezzi dei fattori di produzione, che imporranno agli allevatori l adozione di strategie volte al miglioramento dell efficienza delle filiere. Parallelamente al progressivo smantellamento degli aiuti diretti, è previsto un nuovo approccio alle misure di sviluppo rurale e nuove misure volte a migliorare le filiere, principalmente tramite incentivi finalizzati ad aumentare il grado della loro integrazione, verticale e orizzontale. La nuova PAC, in definitiva, continua il processo di riallineamento dei mercati agricoli europei a quelli mondiali insieme al processo di inverdimento dell agricoltura. Per la suinicoltura nazionale, quindi, è assolutamente necessario approfondire le possibili implicazioni di questa riforma sulla filiera, anche al fine di partecipare attivamente alla definizione delle linee di intervento che le regioni adotteranno per i propri piani di sviluppo rurale, al fine di gestire attivamente il cambiamento evitando di limitarsi a subirne le conseguenze, prevalentemente negative. Saluti: Giovanni Fava, Assessore Agricoltura Regione Lombardia Francesco Bettoni, Presidente CCIAA Brescia Programma: Relazione introduttiva: Gabriele Canali Crefis e Università Cattolica del Sacro Cuore Interventi programmati Lorenzo Fontanesi, UNAPROS Guido Zama, OI Gran Suino Italiano Valerio Pozzi, Distretto della filiera Suinicola lombarda Andrea Cristini, ANAS Davide Calderoni, Assica Enrico Cerri, Alleanza Cooperative Italiane, sett. Agrolimentare Mauro Testa, Coordinatore settore Suinicolo CIA Paolo Biasucci, Responsabile settore suinicolo Confagricoltura Le filiere suinicole e i prossimi PSR: la parola alle regioni Andrea Massari, Assessorato agricoltura Regione Lombardia Davide Barchi, Assessorato agricoltura Regione Emilia-Romagna Conclusioni Giuseppe Blasi Capo dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale - Mipaaf Pagina 7

8 26 ottobre 2013 ore ottobre 2013 ore ottobre 2013 Le novità nella classificazione delle carcasse La valorizzazione della carcassa passa dalla classificazione. Ma sulla strada per determinare il dato più corretto sullo spessore di magro e di grasso dorsale sembra ci sia ancora molto cammino da percorrere. Intanto si sta procedendo all aggiornamento delle equazioni per il calcolo dei tagli magri che porterà ad un chiarimento definitivo sul reale peso del suino macellato. Interventi Maurizio Gallo, Direttore Anas Giovannibattista Pallavicini, Responsabile Relazioni Istituzionali ASSICA Fausto Palmia, Direttore Generale Ipq Andrea Rossi, CRPA Così cambia l ispezione delle carcasse: i risultati del progetto pilota La Comunità europea preme perché in quasi tutti i Paesi dell Unione si arrivi presto ad adottare il sistema dell ispezione visiva della carcassa. A questo proposito il Ministero della Salute, in collaborazione con le Università di Parma e di Napoli, ha promosso e portato avanti un progetto pilota i cui risultati saranno presentati proprio in occasione di Italpig. Giancarlo Belluzzi, Dirigente Ministero della Salute Maria Luisa Cortesi, Direttore della Scuola di specializzazione in ispezione degli alimenti di origine animale dell'università di Napoli Adriana Ianieri, Dipartimento di produzioni animali e biotecnologie dell'università di Parma Incontro Paolo de Castro incontra gli allevatori Un occasione unica per il mondo produttivo di un confronto diretto con il Presidente della Commissione Agricoltura al Parlamento Europeo. Sul tavolo molti temi da affrontare la cui soluzione è cruciale per la sopravvivenza del settore. 26 ottobre 2013 ore Etichettatura delle carni, a che punto siamo? L etichettatura delle carni è uno degli obiettivi per il quale gli allevatori italiani si stanno battendo da anni. A Bruxelles il dibattito è acceso. Il raggiungimento di questo traguardo favorirebbe i consumatori rispetto ad acquisti più consapevoli, perché attraverso le indicazioni riportate in etichetta si conoscerebbe da dove proviene quel taglio di carne, dove è stato allevato e dove è stato macellato Angelo Zucchi, Capo segreteria sottosegretario politiche agricole Maurizio Martina Enea Gandolfi, imprenditore Pagina 8

9 26 ottobre 2013 ore ottobre 2013 ore Il suino medio-pesante e il suino intermedio, progetti a confronto Del suino intermedio o medio-pesante si parla da tempo come produzione alternativa e opportunità per non concentrare tutte le aspettative economiche sul prosciutto. In Italia stanno andando avanti alcune esperienze che gli addetti ai lavori definiscono soddisfacenti. Con gli esperti che parteciperanno al focus faremo il punto per capire dove sono i margini per ampliare questo tipo di produzione e le eventuali criticità che si possono incontrare Interventi : Moritz Pignatti, Direttore Generale Italcarni, Giovanni Battista Testa, Consulente tecnico del settore suinicolo Riccardo Re, Coordinatore Carni Simply Distretto Unico per la Suinicoltura, un esempio da seguire? Le Organizzazioni di prodotto rappresentano oggi la strada maestra per garantire agli allevatori una maggiore redditività. In Lombardia Assocom e Opas si sono unite e hanno dato vita al Distretto Unico della Suinicoltura. Un esempio che forse anche altre regioni, a cominciare dall Emilia Romagna, potrebbero seguire Antenore Cervi, Presidente Asser (Organizzazione Suinicoltori dell Emilia Romagna) Guido Zama, Presidente Associazione Gran Suino Italiano Luigi Zanotti, Presidente Distretto Unico per la Suinicoltura 27 ottobre 2013, dalle in poi La tradizione.si affetta! Dimostrazione con degustazione Un evento per dimostrare la vitalità di una tradizione di eccellenza. Grazie alla presenza di Ferdinando Gazza (Università di Parma) e Carlo Galli, norcino verrà illustrata nella pratica la preparazione del salame partendo dalla scelta della materia prima passando per la macinatura e l insacco; anche la coppa avrà un suo momento, grazie alla dimostrazione di insaccatura del prezioso salume. Un percorso tra curiosità e gusto che terminerà con una degustazione guidata alla scoperta delle delizie della grande salumeria italiana di qualità. Pagina 9

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Evento annuale dei Confidi Siciliani. Confidi Day 2014 ABBAZIA SANTA ANASTASIA CASTELBUONO (PALERMO) 15 OTTOBRE 2014

Evento annuale dei Confidi Siciliani. Confidi Day 2014 ABBAZIA SANTA ANASTASIA CASTELBUONO (PALERMO) 15 OTTOBRE 2014 Evento annuale dei Confidi Siciliani Confidi Day 2014 ABBAZIA SANTA ANASTASIA CASTELBUONO (PALERMO) 15 OTTOBRE 2014 Un ruolo maggiore nella filiera del credito per la sostenibilità del sistema dei Confidi

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 S Corso: AGRARIA, AGROLIMENTARE AGROINDUSTRIA - BIENNIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 S Corso: AGRARIA, AGROLIMENTARE AGROINDUSTRIA - BIENNIO Classe: 1 S RELIGIONE 9788805070725 TRENTI ZELINDO / MAURIZIO LUCILLO / ROMIO ROBERTO OSPITE INATTESO (L') / CON NULLA OSTA CEI U SEI 15,00 Si Si No ITALIANO GRAMMATICA 9788805073542 DEGANI ANNA / MANDELLI

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI 1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI Responsabile: Dott.ssa Anna Greco Tel.: 0917076283 E-mail: agri1.areagestionefondi@regione.sicilia.it - Assegnazione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Dai campi alla tavola Prodotti alimentari sicuri per i consumatori europei

Dai campi alla tavola Prodotti alimentari sicuri per i consumatori europei Europa in movimento Dai campi alla tavola Prodotti alimentari sicuri per i consumatori europei Unione europea Potete trovare il testo del presente opuscolo e altre spiegazioni chiare e concise sull UE

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli