Associazione Pratika Associazione L Altra Città SSA e CNA di Arezzo. Con il patrocinio dell Università degli Studi di Trieste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Associazione Pratika Associazione L Altra Città SSA e CNA di Arezzo. Con il patrocinio dell Università degli Studi di Trieste"

Transcript

1 Provincia di Grosseto Assessorato all Istruzione Ufficio Scolastico Provinciale di Grosseto Provincia di Arezzo Assessorato alla Formazione, Lavoro e P.O. Ufficio Scolastico Provinciale di Arezzo Associazione Pratika Associazione L Altra Città SSA e CNA di Arezzo Con il patrocinio dell Università degli Studi di Trieste Con il patrocinio e la collaborazione di: Associazione degli Italianisti Didattica Associazione Nausika Scuola di Narrazioni Arturo Bandini Scuola di Competenza Sociale Associazione Insegnanti Solidarietà Educativa Cofir Consulenti, Orientatori, Formatori, Insegnanti in rete Le storie siamo noi 2 convegno biennale sull orientamento narrativo Edizione 2009 Arezzo-Grosseto, marzo 2009 I libri che hanno esercitato una maggiore e più autentica influenza sono quelli di narrativa. Essi non vincolano il lettore a un dogma che poi scoprirà essere inesatto; non impartiscono una lezione che dovrà successivamente disapprovare. Quello che fanno è ripetere, riassestare, chiarire le lezioni della vita; essi ci liberano da noi stessi, ci costringono a fare conoscenza degli altri e ci mostrano il reticolo dell'esperienza non quale appare ai nostri occhi, ma attraverso un mutamento prospettico particolare, perché una volta tanto viene obliterato quel mostro distruttore che è il nostro ego. Robert Louis Stevenson

2 Le storie siamo noi 2009: gli obiettivi del 2 convegno nazionale La prima edizione del convegno Le storie siamo noi si è svolta a Grosseto e ad Arezzo il 20 e 21 aprile Alle sessioni di lavoro hanno preso parte studiosi italiani di fama internazionale, i quali hanno riflettuto in maniera approfondita e da vari punti di vista sui temi della narrazione, del pensiero narrativo e dello storytelling come strumenti attraverso i quali le persone organizzano e costruiscono la propria percezione di sé, il proprio progetto di vita, le relazioni con gli altri. Sono trascorsi due anni dalla prima edizione del convegno Le storie siamo noi (Grosseto-Arezzo, aprile 2007). Durante questo periodo si sono moltiplicati gli studi sui metodi narrativi applicati alla comunicazione, alla politica, alle scienze umane e nei settori educativo e sociosanitario. Essere narrativi è diventato di moda in molti settori, e perfino la scienza sta imparando a raccontare storie. Dopo il convegno, inoltre, la pubblicazione di articoli e volumi che hanno diffuso le migliori pratiche di orientamento narrativo nella scuola e in altri contesti ha permesso agli organizzatori di diffondere le buone pratiche in altre aree del territorio nazionale. Sono così stati sperimentati altri strumenti e percorsi che richiedono ulteriori riflessioni e approfondimenti. Infine, l attuale crisi della scuola, che ha reso urgente sperimentare nuove soluzioni adeguate alla gestione dei gruppi di adolescenti e allo sviluppo delle loro competenze orientative, rappresenta una sfida che gli organizzatori del convegno intendono affrontare direttamente grazie ai mezzi e agli strumenti messi a disposizione dall approccio narrativo. Su queste basi, il convegno 2009 si pone tre obiettivi specifici: - approfondire la riflessione e la ricerca sull orientamento narrativo nelle università e nei centri di ricerca italiani; - continuare a diffondere a livello nazionale le migliori pratiche e strumenti di lavoro coerenti con l approccio narrativo seguendo e monitorando coloro che desiderano applicare questa metodologia; - offrire strumenti pratici e teorici per il fronteggiamento di situazioni complesse e per il rinnovamento della didattica e dell orientamento nella scuola, dalla scuola dell infanzia all educazione degli adulti, nella consulenza di orientamento e nella formazione professionale. Le storie siamo noi 2009: l orientamento narrativo aiuta a formare la capacità critica delle persone Negli ultimi due anni è cresciuta la consapevolezza nella comunità scientifica e presso gli operatori della scuola e di tutto il mondo dell educazione e della formazione di quanto sia importante per le persone il pensiero narrativo. Attraverso il pensiero narrativo le persone riescono a dare un senso a ciò che hanno fatto, a immaginare il futuro, a mettere ordine nel presente. Attraverso la lettura e la scrittura, il dialogo e l ascolto, è possibile migliorare la capacità di organizzare il pensiero e le azioni, ed è possibile dare una struttura alla confusa realtà in cui viviamo. La televisione è diventata la più potente agenzia narrativa che sia mai esistita. Talk show, reality, fiction e telegiornali parlano il linguaggio della narrazione: raccontano storie, impongono personaggi, costruiscono miti attraverso i quali è possibile orientare i pensieri, i gusti, i valori delle persone. Utilizzare consapevolmente le narrazioni per sviluppare le competenze delle persone significa aumentarne la capacità di esercitare un controllo sulla propria vita. Attraverso le narrazioni è questa l idea fondamentale della metodologia dell orientamento narrativo è possibile aumentare il potere delle persone.

3 Gli organizzatori del Convegno sono convinti che le persone abbiamo diritto all orientamento. I cittadini hanno il diritto di ricevere un educazione, un istruzione ed una formazione che li mettano in grado di costruire la propria vita in maniera autonoma. Accogliendo le sollecitazioni provenienti da numerosi campi disciplinari pedagogia narrativa, teoria letteraria, psicologia culturale, sociologia della vita quotidiana, antropologia, la metodologia dell orientamento narrativo ha sviluppato strumenti in grado di lavorare sulle competenze orientative delle persone: saper scegliere, saper progettare, saper fronteggiare le difficoltà, saper dare un significato e un ordine alle azioni, ecc. Le storie siamo noi 2009: il programma Il convegno si svolge nei giorni 13 e 14 marzo, una giornata a Grosseto e l altra ad Arezzo. In queste due città le Amministrazioni Provinciali e i rispettivi Uffici Scolastici si sono assunti l impegno di valutare e di diffondere la metodologia dell orientamento narrativo, contribuendo significativamente a sostenere il lavoro di ricerca e di sperimentazione che le associazioni Pratika e L Altra Città hanno condotto negli ultimi anni. Il convegno è inoltre sostenuto e patrocinato da università, centri di ricerca, associazioni di categoria e altri soggetti interessati a diffondere la metodologia. Il convegno, che intende soddisfare le esigenze di studiosi e di operatori dell educazione, dell istruzione, della formazione e dell orientamento, è articolato in tre tipologie di intervento: LEZIONI MAGISTRALI In questa sezione alcuni studiosi di fama internazionale sono chiamati a tenere una lectio magistralis sui temi della narrazione, lo storytelling, la letteratura come strumenti per la crescita delle persone e delle comunità. RICERCHE Al convegno sarà presentata una selezione delle ricerche che si stanno effettuando sulla metodologia dell orientamento narrativo. Gli strumenti di lavoro e i risultati saranno presentati da ricercatori provenienti da università italiane e centri di ricerca pubblici e privati. CANTIERI NARRATIVI I Cantieri sono devi veri e propri laboratori dove formatori e esperti di orientamento presenteranno degli strumenti operativi centrati sull approccio narrativo. I Cantieri sono tenuti da operatori e studiosi di varie università e agenzie italiane. Alcuni Cantieri prevedono una articolazione dei lavori su entrambe le giornate. È PREVISTA LA PRENOTAZIONE (GRATUITA). I GIORNATA: Grosseto, 13 marzo 2009 Istituto Professionale di Stato L. Einaudi Piazza de Maria, 31 (Grosseto) Ore 8,30: Registrazione partecipanti e consegna materiali - PRESENTAZIONE DEI LAVORI E SALUTI DELLE ISTITUZIONI - L ORIENTAMENTO NARRATIVO: I PROGETTI Simone Giusti, Associazione L Altra Città Lezioni magistrali - NARRAZIONE E PRODUZIONE DI SENSO Giuseppe Mantovani, Università degli Studi di Padova - IL PANE SPEZZATO DELLA LETTERATURA Natascia Tonelli, Università degli Studi di Siena

4 Discussione con Gabriella Papponi Morelli, Andrea Smorti, Federico Batini, Ludovica Scarpa Ricerche - STORIENTANDO E L ISOLA SCONOSCIUTA Alessio Surian, Università degli Studi di Padova - TI RACCONTO IL MIO OSPEDALE - Michele Capurso, Università di Perugia Ore Ripresa dei lavori (in sessioni separate) Cantieri narrativi - IL PAESE DEI CAMPANELLI Ludovica Scarpa (Scuola di Competenza Sociale) - NUOVE MAPPE PER IL TERRITORIO - STRUMENTI DI RICERCA E DI INTERVENTO IN AMBITO INTERCULTURALE Giuseppe Mantovani e Valentina Schiavinato (Università degli Studi di Padova) - FRA APPARTENENZE E IMPERTINENZE, Alessio Surian, Camilla Hofman (CRSSI- Università degli Studi di Padova) - LAVORARE CON LUCIGNOLO Paola Vidotto, Pietro Motta (Regione Liguria) - AQUILE E POLLI Sara Ciacci (L Altra Città, Università di Firenze) - RACCONTARE FIABE Gianni Bruschi e Francesco Botti (Scuola di Narrazioni Arturo Bandini ) - SCRITTURA CREATIVA IN MUSICA Gruppo musicale Liete Dissonanze (Azienda Sanitaria di Firenze e Centro Toscano di Musicoterapia) - LO STRANO CASO DEL CANE UCCISO A MEZZANOTTE Federico Batini (Pratika, Università di Perugia) Ore Chiusura narrativa dei lavori a cura di Francesco Botti, Scuola di Narrazioni Arturo Bandini di Nausika II GIORNATA: Arezzo, 14 marzo 2009 Borsa Merci Piazza Risorgimento (Arezzo) Ore 8,30: Registrazione partecipanti e consegna materiali - PRESENTAZIONE DEI LAVORI E SALUTI DELLE ISTITUZIONI - L ORIENTAMENTO NARRATIVO: LA RICERCA Federico Batini (Pratika, Università di Perugia) Lezioni magistrali - PARLAMI DI TE. LE NARRAZIONI DI SE NELLE CONVERSAZIONI ORDINARIE Paolo Jedlowski, Università degli Studi della Calabria - RISCRITTURA ED ELABORAZIONE DEI VISSUTI Andrea Smorti, Università degli Studi di Firenze - SENSO E NARRAZIONE Giuseppe O. Longo, Università di Trieste Discussione con Giuseppe Mantovani, Natascia Tonelli, Simone Giusti, Claudia Mazzeschi Ricerche - RISCRIVERE LA DISPERSIONE Maria D Ambrosio, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli - PRATICHE NARRATIVE NEL BILANCIO DI COMPETENZE Università di Foggia

5 Ore Ripresa dei lavori (in sessioni separate) Cantieri narrativi - NUOVE MAPPE PER IL TERRITORIO - STRUMENTI DI RICERCA E DI INTERVENTO IN AMBITO INTERCULTURALE Giuseppe Mantovani e Valentina Schiavinato (Università degli Studi di Padova) - FRA APPARTENENZE E IMPERTINENZE Alessio Surian, Camilla Hofman (CRSSI- Università di Padova) - RACCONTARE CON I MEDIA. LINGUAGGI E PRATICHE NARRATIVE PER UNA DIDATTICA MULTIMEDIALE Olimpia Affuso, Simona Isabella (Università degli Studi della Calabria) - DOVE VA L ARMANDO? Fabio P. Corti, Simona Borghini (CNA Grosseto e L Altra Città) - RACCONTARE FIABE Gianni Bruschi e Francesco Botti (Scuola di Narrazioni Arturo Bandini ) - DANTE, MANZONI E I NEURONI SPECCHIO Simone Giusti (Rivista Per Leggere ) - IL PAESE DEI CAMPANELLI Ludovica Scarpa (Scuola di Competenza Sociale IUAV di Venezia) - LAVORARE CON LUCIGNOLO Paola Vidotto, Pietro Motta (Regione Liguria) - LO STRANO CASO DEL CANE UCCISO A MEZZANOTTE, Federico Batini (Università di Perugia, Pratika) Ore Chiusura narrativa dei lavori a cura di Francesco Botti, Scuola di Narrazioni Arturo Bandini di Nausika Per informazioni e prenotazioni: Associazione Pratika Piazza Risorgimento n. 8, Arezzo Tel Associazione L Altra Città Via Alfieri 5/a, Grosseto Tel Le storie siamo noi 2009: i partecipanti Paolo Jedlowski, professore ordinario di Sociologia presso la Facoltà di Scienze politiche dell Università della Calabria; ha insegnato nelle Università di Napoli L Orientale e all Università di Lugano. Si è occupato di sociologia della cultura, di sociologia della vita quotidiana e di storia della sociologia. È stato coordinatore nazionale della sezione Vita quotidiana dell Associazione italiana di sociologia. Tra le sue ultime pubblicazioni: Storie comuni. La narrazione nella vita quotidiana (Bruno Mondadori, 2000), Memoria, esperienza e modernità (nuova ediz. rivista Angeli, 2002), Fogli nella valigia. Sociologia e cultura (Il Mulino, 2003), Un giorno dopo l'altro. La vita quotidiana fra esperienza e routine (Il Mulino, 2005). Per il teatro ha scritto Smemoraz, messo in scena dal Teatro dell Angolo di Torino. Giuseppe O. Longo è professore ordinario di Teoria dell'informazione alla Facoltà d Ingegneria dell Università di Trieste. Ha introdotto in Italia la teoria dell informazione. Ha svolto ricerche sulla teoria delle reti, sulla teoria dei codici algebrici e sulla teoria dell'informazione (in particolare sulla codifica di sorgente). Attualmente si occupa soprattutto di epistemologia, di intelligenza artificiale, di problemi della comunicazione e delle conseguenze sociali dello sviluppo tecnico, in particolare di roboetica. Su questi temi ha pubblicato: Il nuovo Golem: come il computer cambia la nostra cultura, (Laterza, 1998, 4a edizione 2003), Homo Technologicus (Meltemi, 2001, 2a edizione 2005) e Il simbionte: prove di umanità futura (Meltemi, 2003). È stato traduttore per le case editrici Boringhieri e Adelphi (15 libri dall'inglese e dal

6 tedesco, tra cui opere di Gregory Bateson, Marvin Minsky, Douglas Hofstadter, Iräneus Eibl-Eibesfeld) e nel 1991 ha vinto il premio "Monselice" per la traduzione scientifica. All'attività scientifica affianca l'attività narrativa e drammaturgica. Ha pubblicato raccolte di racconti, opere teatrali e romanzi (L acrobata, Einaudi, 1994; La gerarchia di Ackermann, Mobydick, 1998; Il cervello nudo, Nicolodi, 2004; La camera d ascolto, Mobydick, 2006). Nel marzo 2008 è uscito con la casa editrice Springer Italia il suo saggio Il senso e la narrazione. Giuseppe Mantovani, professore ordinario di Psicologia sociale presso la Facoltà di Psicologia dell Università di Padova; dirige il laboratorio Interaction and culture del Dipartimento di psicologia generale della stessa università; si occupa di psicologia culturale, di intercultura, di analisi del discorso; ha pubblicato tra gli altri: Comunicazione e identità (Il Mulino, 1995), L elefante invisibile (Giunti, ed.), Intercultura (Il Mulino, 2004), Analisi del discorso e contesto sociale (Il Mulino, 2008), Intercultura e mediazione. Teorie ed esperienze (Carocci, 2008) Andrea Smorti, professore ordinario di Psicologia dello sviluppo cognitivo e preside della Facoltà di Psicologia dell Università di Firenze. Si è occupato di interazione sociale tra bambino e genitore, con riguardo al ruolo svolto dalla figura paterna e ai rapporti tra pensiero e sviluppo sociale. Negli ultimi 10 anni si è occupato di pensiero narrativo, ambito in cui ha pubblicato Il pensiero narrativo e curato il Sé come testo (Giunti, 1994 e 1997), La Psicologia culturale (Carocci, 2003) e più recentemente Narrazioni (Giunti, 2007). Natascia Tonelli, professore associato di Letteratura Italiana all Università degli Studi di Siena. Le sue ricerche si sono prevalentemente rivolte alla letteratura dei primi secoli, con libri e saggi su Cavalcanti, Dante, Petrarca, e la lirica latina del Quattrocento: attualmente sta portando a termine un volume sulla presenza del pensiero e del linguaggio medico nella poesia delle origini. A questi interessi medievalistici ha affiancato una costante attenzione per la poesia contemporanea, attraverso un pluriennale lavoro di condirezione fino al 1999 della rivista di poesia comparata «Semicerchio». Condirige la rivista di italianistica «Per leggere», dedicata all'edizione, commento e lettura di testi; per l editore Pensa di Lecce dirige una collana di testi commentati che affianca la rivista. È presidente dell Associazione degli Italianisti (ADI) sezione Didattica. Tra le sue principali pubblicazioni: Varietà sintattica e costanti retoriche nei sonetti dei «Rerum vulgarium fragmenta» (Olschki, 1999), Aspetti del sonetto contemporaneo (ETS, 2000). Sta curando l edizione commentata del Fiore per i Meridiani Mondadori. Federico Batini, ricercatore di pedagogia sperimentale presso l Università di Perugia, direttore dell agenzia formativa Pratika e dell associazione culturale Nausika. Presidente nazionale di COFIR, dirige la Rivista Focus on Lifelong, Lifewide Learning (Transeuropa). Fondatore della metodologia dell orientamento narrativo, ha curato con Renato Zaccaria, Per un orientamento narrativo (Franco Angeli 2000) e Foto dal futuro (Zona, 2002). Tra le ultime pubblicazioni sull orientamento: con G. Del Sarto, Narrazioni di narrazioni (Erickson 2005), Manuale per orientatori (Erickson 2005), con S. Giusti e G. Del Sarto, Narrazione e invenzione (Erickson 2007) con G. Del Sarto, Raccontare storie. Politiche del lavoro e orientamento narrativo (Carocci, 2007), con S. Giusti L orientamento narrativo a scuola (Erickson 2008), con M. Gadotti, P. Mayo, P. Reggio, A. Surian, Competenze e diritto all apprendimento (Transeuropa, 2008) ha scritto L Isola Sconosciuta (Pensa, 2008), con A. Surian, Storientando (Pensa, 2008) e con Maria D Ambrosio, Riscrivere la dispersione (Liguori, 2008), con Giusti, Jedlowski, Mantovani, Scarpa e Smorti, Le storie siamo noi (Liguori, 2009). Simone Giusti, dottore di ricerca in italianistica, dirige l agenzia formativa L Altra Città. Dopo aver svolto attività di ricerca e di insegnamento nelle Università di Lecce, di Cassino e di Siena ha cominciato a dedicarsi alla teoria e alla didattica della letteratura (La congiura stabilita, Franco Angeli 2005; Linea meridiana, Unicopli 2005) e alle metodologie narrative in formazione e in orientamento (Narrazione e invenzione, Erickson 2007, L orientamento narrativo a scuola, Erickson 2008). È condirettore della rivista Per leggere (Pensa Multimedia). Claudia Mazzeschi, professore associato presso la facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Perugia, la sua attività di ricerca è suddivisibile nelle seguenti aree d interesse: L interazione madre bambino e il suo studio attraverso il gioco del bambino condotto con il metodo osservativo. Il test di Bender (Bender Gestalt Test). Tecniche proiettive e psicodiagnosi. Psicologia Dinamica. Teoria dell Attaccamento. Genitorialità e funzione riflessiva. Valutazione dell efficacia della psicoterapia. Prevenzione ed interventi psicoeducativi nei contesti scolastici. Tra le sue pubblicazioni: Modelli di intervento nella relazione familiare, Lis Adriana; Mazzeschi Claudia; Salcuni Silvia, 2005, Carocci; Breve dizionario di psicoanalisi, Lis Adriana; Zennaro Alessandro; Mazzeschi Claudia, 2003, Carocci.

7 Alessio Surian, ricercatore in Didattica e pedagogia speciale dell Università degli Studi di Padova, collabora con L.P.P., Laboratorio di Politiche Pubbliche, il Consiglio d Europa e con reti come l Alleanza Internazionale degli Abitanti in programmi di ricerca e formazione. Fra le sue pubblicazioni recenti: Apprendimento e competenze interculturali, con Anke Miltenburg (EMI, 2002), Un altra educazione in costruzione (ETS, 2003), OFF THE LINE. L'innovazione educativa nella percezione degli studenti. 20 Scuole europee a confronto, (Pensa MultiMedia, 2004), Lavorare con la diversità culturale (Erickson, 2006). Michele Capurso, laureato in Pedagogia, è ricercatore in Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'università degli Studi di Perugia. Già impegnato nelle attività scolastiche presso un reparto di oncologia pediatrica e nei diversi stage di formazione negli ospedali pediatrici italiani e statunitensi, oggi si occupa della direzione e del coordinamento delle attività formative per l Associazione «Gioco e Studio in Ospedale» di Genova. Membro eletto nella «Board of Directors» della Federazione Europea dei Pedagogisti Ospedalieri (H.O.P.E.), è autore di numerosi scritti inerenti la psicologia dell educazione, con particolare riferimento ai temi della tutela del bambino malato, dell'integrazione dei bambini con disabilità e della relazione educativa a scuola. Per la Casa editrice Erickson ha pubblicato Relazioni educative ed Apprendimento e Gioco e Studio in Ospedale, mentre per MaGi ha pubblicato La casa delle Punture Ti racconto il mio ospedale e Quando si ammala un bambino. Maria D Ambrosio, sociologa, è ricercatore in Pedagogia generale e sociale all Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli dove è titolare del corso di Forme della comunicazione e linguaggi multimediali. I suoi interessi di ricerca riguardano la comunicazione, il teatro e il parateatro, la narrazione, il corpo, l estetica. Si occupa inoltre di orientamento, e-learning, pari opportunità, arti visive. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Cantieri. Il report conclusivo. Per un agire formativo poietico (Liguori, 2003); Attori Scene Autobiografie. Per un approccio narrativo ai media e alla formazione (Liguori, 2004); Media Corpi Saperi Per un estetica della formazione (Angeli, 2006), Discorsi sul divenire dentro i luoghi del contemporaneo. Suggestioni pedagogiche (Liguori, 2008). Ludovica Scarpa ha conseguito il titolo di Dr. phil. presso la Freie Universität di Berlino, è Kommunikationstrainerin, ha studiato ipnosi transpersonale e programmazione neurolinguistica a Berlino e psicologia della comunicazione ad Amburgo. È docente di Teorie e Tecniche di comunicazione e trattativa e di Antropologia culturale all Università Iuav di Venezia. Tra le sue pubblicazioni: Strumenti mentali. Questa casa non è un albergo... e altri segni d affetto (Cafoscarina, 2004), L arte di essere felici e scontenti (Bruno Mondadori, 2006), Volersi bene senza farsi male (Bruno Mondadori, 2007), Registi di se stessi (Bruno Mondadori, 2008), Microetica portatile per gente carina (Arca, 2008). Gabriella Papponi Morelli è dirigente dell Istituto Professionale di Stato L. Einaudi e coordinatore dei gruppi di lavoro sull orientamento e sull educazione interculturale dell Ufficio Scolastico Provinciale di Grosseto. Si occupa di orientamento, educazione degli adulti e educazione interculturale da oltre venti anni, durante i quali ha dato vita a importanti progetti e ha ricoperto numerosi ruoli istituzionali. È stata componente della Commissione Nazionale del Ministero della Pubblica Istruzione per le problematiche interculturali. È autrice di articoli pubblicati su riviste di settore ed è coatrice dei volumi A scuola di intercultura (Erickson, 2007), Le risorse interculturali della scuola (Pensa Multimedia, 2008) e Progettare il successo formativo (Franco Angeli, 2009). Valentina Schiavinato, dottore di ricerca in psicologia sociale e della personalità, è membro del C.I.R.S.S.I. (Centro Interdipartimentale di Ricerca e Servizi per gli Studi Interculturali), Università degli Studi di Padova. Si occupa di comunicazione interculturale nei servizi pubblici, di pratiche interculturali in ambito politico e istituzionale, di metodi qualitativi e approccio etnografico. Ha pubblicato numerosi articoli e studi dedicati a temi interculturali. Paola Vidotto, laureata in filosofia e con una preparazione di base classica, valorizza il suo bagaglio di studi con vent anni di lavoro come educatrice e orientatrice di donne in stato di disagio per conto di strutture pubbliche e private, spostando l asse della sua formazione su discipline psico-socio-pedagogiche. Negli ultimi quattro anni ritorna al campo dell istruzione e della formazione professionale, come insegnante nell ambito di un progetto triennale sperimentale voluto dalla Regione Liguria nell ottica della prevenzione della dispersione scolastica. È coatrice del volume Strumenti narrativi per il successo scolastico (Erickson, 2008).

8 Pietro La Motta, danzatore e danza-movimento-terapeuta (A.P.I.D). Diplomato al Mime Center di Londra diretto da Adam Darius ha proseguito il suo percorso in Giappone presso la scuola del Sensei Kazuo Ohno, fondatore del movimento filosofico della danza Butoh. Impegnato nel sociale come educatore presso strutture per il recupero degli adolescenti e dei tossicodipendenti, da venti anni utilizza la sua formazione centrando l attenzione sul corpo come strumento per raccontare la storia personale. È traduttore del linguaggio dei sordi (LIS) e utilizza questa competenza come un vocabolario della gestualità. Camila Hofman, insegnante e mediatrice per l area latinoamericana presso scuole del Comune di Padova, è ideatrice di documentari sulle tematiche dell intercultura. Collabora con le riviste: Fili d aquilone; Collettivo R; Conversaciones desde la soledad. Ha tradotto in spagnolo poesia di Ada Merini e in italiano poesie di Santiago Mutis. Fabio Pietro Corti, formatore multimediale, master in Progettista e gestiore di formazione in rete, fa parte del gruppo dei fondatori dell agenzia formativa l Altra Città, per la quale coordina i servizi di orientamento nelle scuole. È esperto in animazione di gruppo di adolescenti. Collabora come volontario alle attività dell associazione AISE. È coautore del volume Gestire gruppi in formazione (Erickson, 2007) e ha collaborato al volume L orientamento narrativo a scuola (Erickson, 2008). Bianca Pananti, psicologa, collabora con Il Dipartimento di Psicologia dell Università di Firenze. Si occupa di approccio autobiografico rivolto ai Centri di Salute Mentale e presso l Istituto Penale Minorile di Firenze dove ha condotto laboratori autobiografici. Lavora come psicologa nelle strutture intermedie psichiatriche presso il C.S.M. del Q2 di Firenze Villino Borchi. Irene Massetti, psicologa, collabora con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Firenze. Ha esperienza di ricerca in merito alla memoria autobiografica legata agli eventi dolorosi vissuti in ambito scolastico ed ha condotto laboratori autobiografici in comunità minorili a Firenze. Francesco Botti, attore, si è specializzato presso la Scuola D Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Nel periodo partecipa a produzioni teatrali presso Teatro Out Off di Milano, CRT salone di Milano, Festival Intercity, Cantiere Internazionale di Montepulciano, Prato Fabbrica Cultura, Il Teatro e il Sacro e altri. Attore in Arthur et Belle di Francesco Botti, regia di Fernando Maraghini ed Erica Pacileo, e nel lungometraggio L ultima stagione, ad esso ispirato, vincitore del primo premio Videoeventi 2002, Accademia Internazionale di Studi in Arti e media, Torino. Autore di testi teatrali e narrativa, attualmente collabora con la Scuola di Narrazioni Arturo Bandini di Arezzo. Gianni Bruschi, operatore teatrale, laureato in storia del teatro e dello spettacolo, inizia la sua attività teatrale presso la Scuola del Piccolo Teatro di Arezzo e nel 1983 consegue il diploma in Recitazione ed Animazione Teatrale. Frequenta seminari di formazione con importanti artisti teatrali; inoltre approfondisce lo studio della tecnica vocale e studia canto Spiritual e Gospel. Ha cantato, fra gli altri, con Italo Marconi Big Band, Perugia Big Band, Nehemiah Brown & Gospel Tree. formatore ed animatore teatrale per alcune scuole e Istituti della Toscana, nel 2001 ha fondato Terìaca - Officina Teatro. Attualmente collabora con la Scuola di Narrazioni Arturo Bandini di Arezzo. Il gruppo musicale Liete Dissonanze è nato nel 2001 da un attività di musicoterapia all'interno di un servizio della ASL 10 di Firenze. Impegnato inizialmente in attività terapeutico-riabilitative, il gruppo svolge adesso attività di animazione musicale per il sociale con oltre 55 spettacoli svolti. Il gruppo mette in scena poesie e racconti scritti da ciascun partecipante e musicati insieme ai due musicoterapisti, Paolo Pizziolo e Nicola Corti (appartenenti al CETOM). Oltre alla chitarra, basso e batteria, il gruppo è composto da un coro di 14 cantanti. Il gruppo ha pubblicato 2 CD: Liete Dissonanze e MusicaMente.

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016 decima edizione In collaborazione con Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere

Dettagli

Bibliografia ragionata

Bibliografia ragionata Bibliografia ragionata (a cura di Viviana Rossanese) sez 1. NARRAZIONE INVENZIONE STORIE S. Giusti, F. Batini, G Del Sarto, Narrazione e invenzione. Manuale di lettura e scrittura creativa, edizioni Erickson,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli