DOCUMENTO DI STORIA (CLASSI IV F, IV G)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI STORIA (CLASSI IV F, IV G)"

Transcript

1 DOCUMENTO DI STORIA (CLASSI IV F, IV G) LE ORIGINI DEL CAPITALISMO Sebbene il termine capitalismo sia stato coniato nel XX secolo, in particolare per distinguerlo dal sistema socialista, esso ha un origine lontana. Nasce tra il tardo Medioevo e le soglie dell età moderna, soprattutto in un contesto italiano, nelle repubbliche marinare e in quei comuni a spiccata vocazione mercantile, per poi consolidarsi tra 500 e 600, a seguito dell espansione dei commerci internazionali conseguenti la scoperta dell America. Va subito precisato, tuttavia, che gli storici sono più propensi a parlare, in modo particolare riguardo alla fase cinque seicentesca, di proto capitalismo, per indicare appunto le origini di un fenomeno che avrà poi caratteristiche ben precise e consolidate solo dalla rivoluzione industriale della metà del 700. Prima di capire il motivo di tale distinzione, è il caso di fornire una definizione di capitalismo. Esso è quella teoria e prassi economica che si fonda sul capitale, ossia l insieme dei mezzi di produzione, sia mobili (vale a dire denaro, titoli, azioni) che immobili (terre, case, banche, oggetti di valore). Nel sistema capitalistico la proprietà dei mezzi di produzione è notoriamente in mano ai privati. In secondo luogo, tali mezzi vengono investiti in un processo produttivo finalizzato alla realizzazione di un valore superiore a quello di partenza, un surplus. Tale surplus, tolte le spese necessarie a produrre e commercializzare i prodotti, si divide in due parti fondamentali: il profitto (la remunerazione di chi investe capitale) e il salario (la remunerazione della forza lavoro impiegata nel processo produttivo). Il capitalismo è così quel modo di organizzazione dell economia e della società fondato sull investimento del capitale al fine di ottenere profitti. Inoltre, tale sistema si basa sulla libertà di iniziativa economica e su un sistema di mercato, contesto in cui si scambiano le merci e si fissano i prezzi. La modalità di fissazione dei prezzi sarà la legge della domanda e dell offerta, per cui i prezzi saranno destinati a salire se la domanda sarà più alta dell offerta e a scendere nel caso contrario. Nel corso dei secoli (a partire dalla prima rivoluzione industriale), il capitalismo ha una sua priorità nella continua ricerca di innovazioni tecnologiche finalizzate a valorizzare al massimo la possibilità del profitto. Torniamo adesso al nostro contesto storico. Qui possiamo rilevare una differenza fondamentale tra il protocapitalismo cinque seicentesco, di natura commerciale e finanziaria, da quello relativo alla prima rivoluzione industriale che sfocia poi nell 800: il primo non dà ancora vita ad una industrializzazione intensiva e non crea ancora beni di consumo su vasta scala, ma si fonda sulla ricerca di profitti da parte delle grandi banche, i Fugger in Germania o le famiglie genovesi, fiorentine e fiamminghe. Non solo, ma questo primo capitalismo non domina ancora il mercato in modo globale, come accadrà in seguito, ma convive ancora con forme di autoconsumo e di sussistenza economica, come il villaggio contadino. Resta il fatto che è proprio in seguito alle scoperte geografiche che ha inizio quel lento processo, che conduce l uomo bianco a colonizzare, con tappe e modalità differenti, il resto del pianeta; in esso si possono ravvisare i prodromi della globalizzazione, che caratterizza il nostro tempo. Un nuovo stile di vita, quello borghese, comincia ad imporsi, anche se in modo decisamente diverso a seconda dei paesi. I banchieri assumono un ruolo decisivo: i Fugger finanziano l imperatore Carlo V, i genovesi sono legati in modo strettissimo alle 1

2 avventure ( e disavventure) della monarchia spagnola di Filippo II (il periodo che va dai primi decenni del 500 al 1620 circa è stato definito secolo dei genovesi ). Le fiere della prima età moderna vengono sostituite, come centro di scambi, dalle borse, luogo dove si incontrano banchieri, mercanti, e tutte quelle persone legate in qualche modo al capitale. Qui si scambiano merci, titoli, informazioni, diritti di proprietà, si costituiscono compagnie commerciali, come vedremo. Si ritiene che la prima borsa possa essere nata addirittura nel XII secolo a Lucca (sebbene l etimo venga fatto risalire ad un mercante fiammingo) e in seguito prima Venezia, poi in forme più organizzate e in quantità superiore, ad Amsterdam, che dalla metà del 600 verrà lentamente sostituita da Londra. Nel 500, insomma, si assiste in Europa ad un maggior benessere, che porta ad una consistente ripresa demografica e ad un aumento della richiesta di beni di consumo (la cosiddetta domanda). Tuttavia, l Europa della seconda metà del 500, primi del 600 fu costretta ad attraversare un problema assai rilevante: la cosiddetta rivoluzione dei prezzi. Ci fu infatti un consistente aumento dei prezzi dei vari prodotti, che riguardò la Spagna in primo luogo ma coinvolse anche gli altri stati. L interpretazione tradizionale spiegava questo fenomeno con l ingente afflusso di metalli preziosi (oro e argento) che dalle miniere dell America latina invasero i mercati spagnolo e portoghese. Essi, utilizzati soprattutto per il conio delle monete, portarono ad un consistente aumento della circolazione monetaria (superiore alla stessa produzione) e dunque ad una diminuzione del loro valore. I prezzi aumentarono e la moneta fu fortemente svalutata (il cosiddetto fenomeno dell inflazione), per cui il potere d acquisto del denaro si abbassò drasticamente e per acquistare la stessa quantità di prodotto occorreva una maggiore quantità di moneta. Tuttavia, accanto a questo motivo che non può certamente essere disconosciuto, la storiografia più recente ne ha individuato un altro, ben più decisivo e peraltro legato all afflusso di metalli preziosi. Abbiamo già sostenuto che ci fu un importante aumento demografico in Europa, il che significò aumento della domanda dei prodotti, soprattutto di prima necessità. Sappiamo del resto, dallo studio della crisi del Trecento, che le società preindustriali soffrono tutte di un problema strutturale: l offerta non è mai in grado di sopperire all aumento della domanda, per l insufficiente livello tecnologico di queste società, e ciò si riflette soprattutto nell agricoltura, che non è in grado di far fronte al fabbisogno alimentare di un consistente aumento della popolazione. (come sostenevamo sopra, il proto capitalismo non crea beni di consumo su vasta scala, anche perché non ancora sufficientemente saldato alla tecnica). Dunque, la domanda supera di molto l offerta e i prezzi salgono. Questo fenomeno riguardò un po tutto il continente, ma in modo più drammatico Spagna e Portogallo, perché paesi poco propensi alla produzione. Legati ad una vecchia mentalità, spagnoli e portoghesi ritenevano che la ricchezza fosse legata (questo, a dire il vero, è caratteristica tipica dell uomo del 600, come vedremo più avanti) alla quantità di moneta in possesso da parte di un paese. Derivando la ricchezza dai metalli preziosi, essi non si preoccupavano di produrre, anche perché per gli hidalgos, i nobili spagnoli, ciò era disonorevole: i produttori erano i discendenti dei laboratores, l ultimo gradino della società tripartita del Medioevo. In tal modo, con il passare del tempo, i metalli preziosi andarono a rafforzare sia i banchieri genovesi e fiamminghi, con cui i sovrani iberici pagavano i finanziamenti richiesti, che paesi produttori, come Olanda e Inghilterra, i quali si ripresero ben presto dalla crisi, in virtù del loro efficace sistema produttivo, a cui Spagna e Portogallo dovevano gran parte delle loro importazioni e la monarchia di Filippo II, esportando molto poco ed 2

3 importando tanto (oltre a dissanguare le casse dello stato con continue guerre), andò incontro a frequenti bancarotte. Con la spiegazione delle cause della rivoluzione dei prezzi, che si affievolì nei primi decenni del 600, abbiamo illustrato le cause di un fenomeno ed una delle contraddizioni più emblematiche del protocapitalismo. LA CRISI DEL SEICENTO 1. Fu vera crisi? A lungo gli storici hanno parlato, a proposito di quello che Manzoni definì il secolo sudicio e sfarzoso, di crisi o di recessione economica, nel senso di una depressione e di un forte arretramento nell ambito delle attività produttive e commerciali. In effetti, come vedremo tra poco, il Seicento presenta obiettivamente la fine di un periodo di crescita economica e demografica iniziato nella seconda metà del Quattrocento e che vede il suo arresto proprio negli ultimi decenni del XVII secolo. Crisi agrarie, carestie, epidemie, rivolte, guerre, prima fra tutte la spaventosa Guerra dei Trent anni. Tutti avvenimenti che non possono essere certamente disconosciuti. Ora, quale fu la causa di tale crisi, che non fu affatto congiunturale (ossia, di breve periodo e in quanto tale risolvibile nel giro di pochi anni), bensì strutturale (che implica cioè cambiamenti profondi nella struttura del sistema produttivo europeo)? La tesi classica si rifà alla teoria maltusiana, dal nome dell economista inglese Thomas Robert Malthus ( ). Secondo questo modello interpretativo, alla fine del Cinquecento in Europa si sarebbe venuta a creare una situazione, tipica delle società preindustriali, di eccesso della popolazione rispetto alle risorse disponibili, senza che la società del tempo mettesse in atto in tempo dei comportamenti in grado di prevenire o rimediare a tali squilibri (per esempio, limitando le nascite). Sarebbero allora scattati a catena meccanismi distruttivi del sistema demografico ed economico: carestie, epidemie, guerre, che avrebbero ridotto la popolazione e ristabilito quell equilibrio tra bocche da sfamare e cibo a disposizione. Malthus fa un discorso che a noi può apparire cinico: tale meccanismo distruttivo sarebbe salutare per le società, perché nel momento in cui il rapporto risorse popolazione si incrina, solo l effetto domino che ne deriva può essere in grado di ristabilire l equilibrio precedente e impedire conseguenze ancora più disastrose. Ne va della sopravvivenza del genere umano. La rivoluzione industriale che inizia intorno alla metà del Settecento permise di aumentare le risorse disponibili più di quanto aumentasse la popolazione, dando vita ad una crescita demografica che non si è più arrestata fino ai giorni nostri, cosa che Malthus non poteva immaginare. Senonché, negli ultimi venti anni tale interpretazione, così come l idea di una crisi generale del Seicento, è stata messa in discussione dalla recente riflessione storiografica. Sicuramente, quanto sostenuto dall economista inglese ha un fondo di verità, che può infatti essere applicato anche a periodi storici precedenti, come la crisi del Trecento. Tuttavia, l errore consiste nell impossibilità di spiegare un complesso di fenomeni con una causa unica (lo squilibrio tra risorse e popolazione). Guardiamo di analizzare allora il fenomeno per rintracciare una spiegazione policausale della cosiddetta crisi del Seicento. E scopriremo che l immagine di un Seicento a senso unico, sotto il segno di una involuzione drammatica, non corrisponde pienamente al vero. 3

4 2. Una spiegazione policausale della crisi Analizziamo dunque i vari aspetti di una crisi che non presenta un unica causa. Sicuramente, ci furono dalla fine del Cinquecento frequenti crisi agrarie, particolarmente gravi nelle società preindustriali, perché colpivano il settore chiave della produzione economica. Cause di un peggioramento drastico dei raccolti sono da rintracciare in cattive condizioni metereologiche: in effetti, recenti studi hanno rilevato come, proprio a partire da questi anni, il continente europeo sarebbe entrato in una sorta di piccola età glaciale, durata fin verso il 1850, e contraddistinta da un abbassamento delle temperature medie e da un aumento delle precipitazioni, il che avrebbe provocato un avanzamento dei ghiacciai in montagna e uno spostamento in avanti delle vendemmie per consentire la maturazione dell uva, nelle zone più a sud. Di certo, la crisi agraria e la diminuzione dei raccolti causò paurose carestie, nonché un rialzo considerevole dei prezzi agricoli, troppo alti per le disponibilità economiche dei contadini. Di qui, aumento della mortalità, specie tra i più poveri, soprattutto infantile, a causa della malnutrizione o sottonutrizione. E in organismi debilitati fu più facile il proliferare di epidemie, quali la terribile peste nera, del biennio , una vera e propria pandemia, preceduta non a caso da due anni di carestia. Comunque sia, il peggioramento dei raccolti fu dovuto anche ad un altro fenomeno, tipico del Cinquecento, la cosiddetta cerealizzazione: i terreni vennero adibiti, in molte zone europee nel corso del 500, a grano, il che consentì certamente di sfamare una popolazione in costante aumento in quegli anni. Tuttavia, con il tempo si assistette anche al rovescio della medaglia: un terreno adibito ad una sola coltura lo impoverisce e rende più probabile che le variazioni climatiche danneggino poi tutta la produzione. Questo comportò un impoverimento dei suoli e una diminuzione dell allevamento. Non va però dimenticato che tra Sei e Settecento vennero bonificate notevoli estensioni di terreno, il che comprova le notevoli potenzialità ancora inespresse dall economia di questo periodo. Non solo, ma nella stessa Italia, uno degli stati che risentirono maggiormente della crisi, vi furono importanti trasformazioni nell agricoltura, come bonifiche e disboscamenti che fecero posto ad un estensione delle colture arative, o l inserimento di colture come mais e riso (in pianura padana e più in generale nel centro-nord), che hanno rese superiori rispetto al grano. Tornando alla peste, essa mieteva innumerevoli vittime sia tra i poveri che tra i ricchi, ma questi ultimi avevano la possibilità di fuggire dalle città per rifugiarsi nelle loro residenze di campagna e sfuggire così al contagio, mentre i primi, anche negli stessi lazzaretti (luoghi di raccolta dei malati), non avevano in genere scampo. Riguardo alla questione del calo demografico, tuttavia, proprio a smentire l idea di una crisi generalizzata, la tendenza demografica è piuttosto differenziata: tra il 1600 e il 1650 il paesi del Mediterraneo paiono statici o in leggero calo, che è invece drastico in Germania, non a caso principale teatro della Guerra dei Trent anni, mentre quelli dell Europa nord-occidentale (Scandinavia, Inghilterra, Francia) fanno registrare una discreta crescita demografica. Nella seconda metà del secolo viceversa il fenomeno invertì la sua tendenza, con un progressivo aumento demografico (seppur contenuto) per l Europa del sud e un leggero calo per il nord. Attenzione, dunque, a tesi monocordi o troppo affrettate. Le guerre avallarono ulteriormente un quadro già deficitario, diventando un vero e proprio flagello a causa delle devastazioni dei terreni e del contagio, di cui gli eserciti erano veicolo. A livello economico, alla fine del Cinquecento l afflusso di oro e argento dalle Americhe diminuì fortemente, portando ad un pauroso sbandamento del sistema 4

5 monetario europeo: scarsa quantità di moneta, crisi delle attività commerciali, crollo dei prezzi (ossia, il quadro opposto a quello delineato nel paragrafo precedente, inerente al 500). Dunque, crisi strutturale dell economia. Ma fu veramente così? 3. Conseguenze della crisi Alcune delle conseguenze della crisi sono già state evidenziate, almeno a livello demografico e agricolo (calo della popolazione e riconversione produttiva). Soffermiamoci ora sugli aspetti strettamente economici. La reazione signorile alla recessione economica fu di tipo diverso a seconda delle aree geografiche: nell Europa centro-settentrionale e nell Italia del nord vi fu un potenziamento degli investimenti di tipo capitalistico, perché parte della nobiltà fondiaria si trasformò, nel senso che molti suoi membri diventarono imprenditori, sfruttando le terre in loro possesso non più vivendo di rendita, ma investendo poi il denaro guadagnato in attività spesso di carattere commerciale o industriale. Viceversa, nell Italia del centro-sud, in Spagna e nel Europa dell est si assiste ad un fenomeno chiamato rifeudalizzazione: ricompaiono o si rafforzano antichi diritti signorili, quali l aumento dei canoni d affitto e delle corvees, prestazioni gratuite che i contadini dovevano ai signori in virtù delle antiche consuetudini feudali. Per i contadini, specie negli ultimi paesi ricordati, vi furono dure conseguenze: molti si impoverirono, riducendosi a mendicanti, braccianti o vagabondi, oppure si trasferirono nelle città, ricevendo nuove forme di sfruttamento imprenditoriale. Il Mediterraneo perse definitivamente la propria centralità, a favore di stati quali Olanda e Inghilterra, che riuscirono a far fronte alla crisi mediante una vera e propria riconversione produttiva. Questi due paesi svilupparono una fiorente industria di tessuti di lana di tipo nuovo, più leggeri, colorati e dal costo inferiore, stoffe cioè che sostituirono le vecchie, più pesanti e costose, riscuotendo un grande successo in Europa e Asia minore. A livello commerciale, grazie ai loro moderni sistemi di costruzione delle navi e alla loro intraprendenza, Olanda e Inghilterra conquistarono l egemonia sui mari: gli Olandesi, con la creazione della Compagnia delle Indie orientali, società di capitali privati ma protetta dallo stato, subentrò al Portogallo nella gestione dei commerci con l Estremo oriente. Gli Inglesi, con una compagnia dallo stesso nome, allargarono i loro traffici nell Oceano indiano, ma soprattutto divennero padroni dell Atlantico grazie anche alla guerra dei corsari e si impadronrono definitivamente del commercio di schiavi tra America e Africa (il cosiddetto commercio triangolare). Essenziale, poi, un cenno alle rivolte sociali, che investono il continente europeo, fattore ulteriore che aggrava la crisi e dipende dal peggioramento generale della situazione. Le rivolte, conflitti dalla dimensione pubblica e allargata, ma non tali da dar luogo a cambiamenti profondi nella società (a differenza delle rivoluzioni) avvennero in Francia (le Fronde nobiliari e le rivolte dei contadini contro l aumento fiscale da parte dello Stato), in Inghilterra (contadini che protestano contro le già a suo tempo menzionate enclosures, oltre alla lotta contro Londra di Scozia e Irlanda), in Spagna, con l insurrezione di Catalogna e Aragona contro il processo di accentramento politico in atto, in Portogallo e Olanda, che divengono definitivamente indipendenti dalla Spagna nel 1640 e 1648 (dell Italia, parleremo poi a parte). Come si può notare, un quadro variegato e complesso. 5

6 4. Il ruolo dello stato nell economia Parlando del periodo storico che stiamo esaminando, è indispensabile fare cenno alla crescita costante del ruolo e della presenza dello stato nell economia, impostazione tipica del Seicento. Il mercantilismo è la dottrina e prassi economica che si sviluppa nel secolo in questione. Il suo principio chiave può essere espresso in questi termini: la ricchezza di una nazione dipende dalla quantità di moneta che circola al suo interno e dunque si basa sulla quantità di metalli preziosi che servono per coniare le monete. Su questa base, occorre far in modo che le esportazioni siano il più possibile alte, affinché i pagamenti facciano affluire nel paese la maggiore quantità possibile di moneta, mentre è necessario tenere al livello più basso possibile importazioni, che implicano pagamento in moneta. All interno, lo stato attua un rigido protezionismo, con dazi doganali sulle merci provenienti da paesi esteri, il cui pagamento faceva correre il rischio di portare la bilancia dei pagamenti ad un saldo negativo (che nella logica mercantilistica doveva invece restare il più possibile in attivo). Lo stato attua anche una politica di incentivazione della produzione nazionale, per soddisfare il mercato interno e per far sì che il paese sia dotato di merci da imporre sui mercati esteri, al fine di rendere come sempre attiva la bilancia dei pagamenti. Lo stato controlla dunque l economia, finanziando anche la nascita di industrie. A questo punto, una domanda si impone: ma se tutti gli stati fanno un ragionamento di tal genere, cioè se tutti credono che sia necessario esportare e tutti mettono dazi doganali sulle merci di importazione, come e dove esporteranno le proprie merci? La risposta è molto semplice: le guerre commerciali, viste come normale strumento di politica economica finalizzato ad aprire nuovi mercati per acquisire materie prime o commerciare prodotti finiti. Le varie nazioni si dotano di compagnie commerciali, che, finanziate dallo stato, dovrebbero detenere il monopolio del commercio tra un certo stato europeo e un mercato asiatico (visto che questo fu il teatro principale di scontro, oltre all Atlantico); alla lunga, questo porta a far acquisire al proprio paese la quota più alta possibile del commercio mondiale con la guerra. Solo così si spiega i già ricordati conflitti tra Inglesi e Spagnoli nell Atlantico, Olandesi, Portoghesi e Inglesi in Estremo Oriente, a cui si aggiungerà la stessa Francia. Il mercantilismo, in conclusione, evidenzia uno stretto rapporto tra politica ed economia. 5. Conclusioni e puntualizzazioni Il quadro che emerge è dunque quello di un periodo storico non tanto di depressione, quanto di ristrutturazione economica e sociale, che vide profonde trasformazioni. Anche a livello demografico, è più corretto parlare di rallentamento anziché di regressione. A conferma di quanto affermato, proviamo a fare un sommario paragone con la crisi del Trecento: quest ultima registrò un crollo della popolazione, nel Seicento ravvisabile solo in Germania (specie a causa della guerra dei Trent anni), rimedi irrazionali contro la peste, mentre nel periodo esaminato vennero messi in atto provvedimenti quanto meno dettati dall esperienza, come quarantene o respingimenti di persone provenienti da paesi ritenuti a rischio. Poi, nel Trecento la crisi fu generalizzata, mentre nel Seicento Olanda e Inghilterra furono toccate marginalmente da essa, e anzi trovarono poi occasione per divenire le maggiori potenze economiche del secolo. Non ci dimentichiamo l importanza che assunse la Borsa di Amsterdam, vero e proprio epicentro del mercato finanziario europeo. 6

7 Sull Olanda, è opportuno approfondire un attimo la questione. Essa è al centro in questo periodo di una rete mondiale di traffici, che lo storico Braudel ha chiamato economia-mondo: questo sistema ha al centro l Olanda, che importa dalla periferia (India, Americhe, Mar Baltico) prodotti grezzi a basso costo (come grano, spezie, canna da zucchero, legname), li lavora in patria (il centro) e li esporta poi in Europa (zone di smistamento) a prezzi decisamente più alti (si noti che economia-mondo non significa economia mondiale o globalizzata, fenomeno che riguarderà la storia successiva, almeno dalla metà dell Ottocento in poi, ma proprio questo tipo di sistema economico-produttivo, che ha un centro, una periferia e zone di smistamento). Un ultimo sguardo sulla penetrazione olandese in Oriente, per scoprire le cause che portarono questa nazione a sostituirsi al Portogallo nel controllo del commercio asiatico. I due paesi utilizzarono strategie completamente diverse nella loro penetrazione nei paesi dell Oceano Indiano e quella olandese si rivelò più efficace nel lungo periodo, anche se entrambi, certamente, realizzarono profitti tramite il controllo delle rotte commerciali. Il sistema portoghese era organizzato e controllato dalla monarchia, mentre quello olandese lasciato alla libera iniziativa privata; i portoghesi si comportarono in maniera aggressiva e intollerante in materia di religione, specie nel periodo in cui erano dominati dalla Spagna, esportando anche l Inquisizione in quei territori. Gli Olandesi, viceversa, erano solo interessati al profitto e non entrarono in materia religiosa: l uso della forza fu messo in atto solo quando era indispensabile per il loro traffici. L Olanda, così, riuscì a sfruttare l odio che le popolazioni locali nutrivano verso i Portoghesi e ciò facilitò loro il compito. Lo storico italiano Cipolla ha fatto notare che alla base del miracolo economico olandese vi furono due essenziali fattori: aver imparato dagli italiani le tecniche finanziarie e averle poi affinate; aver accolto e integrato materiale umano in fuga dalle zone meridionali dei Paesi Bassi spagnoli (attuale Belgio) a causa dell intolleranza della Spagna a livello religioso e per la sua eccessiva intransigenza politica e di controllo dell economia. 7

8 L ITALIA NEL SEICENTO Dopo aver parlato della crisi del Seicento a livello europeo, guardiamo ora più da vicino la situazione italiana. La tesi classica secondo cui, dopo la scoperta dell America, il Mediterraneo sarebbe divenuto un mare periferico, perdendo la sua importanza a vantaggio dell Atlantico, va decisamente ridimensionata o quanto meno posticipata. Ciò infatti avvenne solo alcuni decenni dopo, ossia a partire dagli anni , quando cioè la crisi fece sentire tutto il suo peso anche nel nostro paese. Prova ne sia che Venezia e Genova continuarono, fino a quel periodo, ad essere i porti più frequentati del Mediterraneo. Il predominio spagnolo sull Italia inizia dalla pace di Cateau-Cambresis e fino al 1620 circa, questo periodo di pace ed economia piuttosto fiorente di cui continuò a godere la nostra penisola va sotto il nome di Estate di San Martino, definizione che in genere indica, nell ambito climatico, un estate che, sebbene sia terminata dal punto di vista astronomico, mostra all atto pratico un sostanziale colpo di coda fin verso Novembre (S. Martino cade l 11 dello stesso mese). In realtà, gli storici fanno notare come questo benessere fosse più apparente che reale: mercanti e produttori italiani non si erano mai preoccupati di trasformare un sistema di produzione ormai obsoleto, che a lungo andare non consentì loro di fronteggiare la concorrenza anglo-olandese. I prodotti italiani, infatti (ad esempio i tessuti), avevano un costo alto e risultarono progressivamente fuori moda: il livello dei nostri salari era più alto che nel resto d Europa, difesi come erano dalle organizzazioni corporative di origine comunale che frenavano oltretutto con le loro rigide regole, ogni innovazione tecnologica. Piano piano le contraddizioni di questo sistema iniziarono a farsi sentire: del resto, la debolezza economica era da noi un riflesso di quella politica. Se gli stati europei, che si contraddistinguevano per una unità politica e per stabili governi centralizzati, avevano così modo di condurre una politica di potenza e di sostenere militarmente la loro penetrazione economica nei mercati europei ed extraeuropei, i nostri stati regionali erano direttamente o indirettamente controllati e sottoposti al dominio spagnolo. La crisi irreversibile della Spagna, che perse il primato politico ed economico sul continente, coinvolse l Italia: si verificò un declino dell industria tessile e un crollo delle industrie manifatturiere nelle grandi città. La nostra penisola fu dunque costretta ad una riconversione produttiva: da paese che dominava i traffici ed esportava i tessuti, divenne rifornitrice delle industrie estere di materie prime (soprattutto seta grezza e filati di seta, ma anche lana grezza). Va peraltro puntualizzato che la decadenza spagnola, tale da trascinare indiscutibilmente con sé i domini italiani, fu solo un aggravante per un paese, ribadiamo, che soffriva di una cronica debolezza politica ed economica. Riguardo al commercio, Venezia e Genova, dopo l Estate di San Martino, persero l antico monopolio delle spezie e le attività portuali, oltre alle flotte commerciali, entrarono in crisi anche per lo spostamento dei traffici nell Atlantico, con la rilevante eccezione di Livorno, che nasce come città vera e propria solo nel 1600 e godette di significative esenzioni fiscali, essendo lo scalo privilegiato nel Mediterraneo per le navi olandesi e inglesi. L agricoltura risentì meno della crisi ed essa fu più accentuata al sud: l Italia del nord, soprattutto in pianura padana, riuscì a riconvertire la produzione a nuove colture, come mais e riso; inoltre, il declino dei commerci indusse i mercanti a spostare i loro capitali nel settore agricolo. A Venezia il patriziato mercantile acquistò proprietà nell entroterra e si assistette anche da noi al fenomeno della rifeudalizzazione, di cui ci siamo già occupati nella parte generale, che in Italia si accompagnò ad un altro fenomeno, la ruralizzazione, per cui le campagne divennero a poco a poco più importanti delle città. La pastorizia sostituì a sua volta la cerealicoltura, mentre altre colture si fecero via via strada, come il gelso (in tutta la penisola), la vigna (in Toscana), lino e canapa (al nord). A riprova che non 1

9 si può solo parlare di crisi per questo periodo così complesso, tale diversificazione produttiva fu un aspetto positivo e potenziò nuove colture che offrivano redditi non inferiori al grano. La conseguenza negativa fu la frammentazione dei mercati, nel senso che la crisi produttiva del grano ridusse drasticamente l esportazione dello stesso dalla Sicilia al nord Italia. A livello culturale, il nostro paese risentì fortemente del pesante clima di austerità e repressione dovuto alla Controriforma, aggravato dal fatto che la Spagna era un baluardo dell ortodossia cattolica. Il Seicento è il periodo del Barocco, che in Italia ebbe grande risonanza. Il termine, la cui origine è piuttosto controversa, fa probabilmente riferimento ad un modo di ragionare artificioso o ad un tipo di perla dalla forma irregolare e bizzarra. In effetti, il barocco è una fase della sensibilità collettiva che manifesta un marcato gusto del bizzarro e dello stravagante, una tendenza alla spettacolarità e all invenzione, alla scenografia. Non dimentichiamoci che il Seicento è il secolo in cui il teatro ebbe grande sviluppo: basti ricordare nomi come Calderon de la Barca, Lope de Vega, Racine, Moliere. Certamente, è un periodo di forti luci ed ombre, emblematicamente espresso dalla pittura di Caravaggio. La cultura controriformistica portò un senso di insicurezza, di minaccia anche per gli stessi artisti; resta però il fatto che l Italia riaffermò il proprio primato culturale ed artistico, che perderà solo nel Settecento: si pensi soltanto alla Roma barocca di Bernini, Borromini e Maderno o alla stessa rivoluzione scientifica, che ha in Galileo Galilei il suo uomo di punta. Come ricordato sopra, la nostra penisola fu direttamente o indirettamente, fino al 1714, anno delle paci di Utrecht e Rastadt, che concluderanno questa lunga fase, sottoposta alla dominazione spagnola. In senso generale, possiamo dire che se negli stati signorili si consolida in senso assolutistico il potere del signore, nelle repubbliche si accentua il carattere oligarchico degli ordinamenti cittadini, visto che si restringe la cerchia delle famiglie ammesse al potere. Gli stati italiani direttamente governati da Madrid, attraverso il Consiglio d Italia e l azione dei vicerè e governatori inviati dalla capitale spagnola, sono il ducato di Milano, il regno di Napoli, la Sicilia e la Sardegna. Per controllare la vita politica dei regni italiani, la Spagna si avvaleva appunto di questi funzionari che avevano il compito di ispezionare periodicamente i governi locali. In Sicilia e Sardegna questa funzione era svolta dall Inquisizione spagnola, mentre i ceti dirigenti di Milano e Napoli riuscirono ad evitarla, sottoponendosi a quella romana, ritenuta meno severa. La stabilità del dominio spagnolo fu dovuta alla indubbia capacità che Madrid ebbe di coinvolgere nel governo di queste zone i ceti dirigenti locali, cioè i baroni del sud e il patriziato milanese, che furono perfettamente integrati nel sistema di dominio spagnolo: la corona di Spagna offrì a questi ceti feudi, onori e cariche, in cambio del loro appoggio politico. Resta il fatto che l esosa pressione fiscale a cui questi territori furono sottoposti, a causa delle ingenti spese militari che la Spagna dovette sostenere nell ambito della guerra dei trent anni, condusse a rivolte, tensioni sociali e al fenomeno, soprattutto al sud, del banditismo. La rivolta antispagnola più famosa fu sicuramente quella capeggiata nel Regno di Napoli dal pescivendolo Masaniello, nel 1647; essa, appoggiata dal popolo e da borghesi e intellettuali, aveva l obiettivo di condurre ad una riforma dell ordinamento militare, all abolizione delle forti imposte e a porre fine allo strapotere dei baroni. Essa portò alla proclamazione di una repubblica, che ebbe però breve durata, visto che tale rivolta fu repressa nel sangue. Degli altri stati, indirettamente controllati dagli Spagnoli, in virtù di un sistema di alleanze e parentele, parleremo adesso sommariamente. Lo Stato pontificio rafforzò il suo assolutismo nei confronti dei territori sottoposti a Roma, che anzi aumento i propri 2

10 possedimenti riottenendo, alla fine del 500, Ferrara, suo antico feudo. Nell opera di sradicamento dell eresia protestante va menzionata l alleanza di ferro con il vicerè spagnolo di Napoli, braccio armato di questa normalizzazione cattolica, che condusse alla repressione della comunità valdese in Calabria. A livello europeo, i papi furono però molto attenti affinché si mantenesse un certo equilibrio tra Spagna e Francia: per esempio, Clemente VIII riconobbe la legittimità del potere di Enrico IV di Francia contro i cattolici francesi filospagnoli. Anche in questo periodo di egemonia iberica, la Chiesa non volle rinunciare ad un ruolo autonomo, evitando di essere schiacciata dal potere dei sovrani di Spagna. Nel Granducato di Toscana vi fu una restaurazione dell autorità medicea e anzi il potere del principe fu rafforzato rispetto alle prerogative delle varie magistrature cittadine. Da ricordare la conquista di Siena da parte di Firenze, nel 1557 e l assunzione al servizio dei Medici di Galilei nel Con la figura di Emanuele Filiberto, il ducato di Savoia impresse sempre più un destino italiano a questo stato, spostando la capitale da Chambèry a Torino. Ci fu una riforma in senso assolutistico e una di carattere militare, visto che l esercito fu riorganizzato con la creazione di una milizia permanente reclutata su base territoriale, distinta dal piccolo nucleo di professionisti alle dipendenze del duca: questo portò i Savoia a diventare la principale potenza italiana, riprendendo le indicazioni di Machiavelli, che aveva a suo tempo sostenuto la necessità di sostituire gli eserciti mercenari con truppe permanenti. A quest epoca risale inoltre l istituzione della università di Torino. La repubblica di Genova rafforzò in senso oligarchico l ordinamento cittadino, restringendo l accesso al potere, riservato solo alle famiglie che facevano capo al banco di San Giorgio, alleato della corona spagnola e suo finanziatore (ma esposto, così, al rischio delle ripetute bancarotte della Spagna). Anche a Venezia si assistette ad un accentramento oligarchico del potere come a Genova e, specie dopo Lepanto, essa riprese la sua posizione centrale nel commercio con l oriente, sebbene non potesse riconquistare lo splendore di un tempo, a causa dello spostarsi sull Atlantico dei principali traffici commerciali. Più che altro, va ricordato il fatto che, in un periodo così intransigente come quello esaminato dal punto di vista della difesa del cattolicesimo, Venezia mantenne invece la sua immagine di oasi di tolleranza, ben governata qual era da una aristocrazia illuminata. Si pensi all Università di Padova, che consentì a Galilei per quasi vent anni la necessaria autonomia culturale per potersi dedicare ai propri studi. Emblematica fu la questione dell interdetto, che negli anni pose Venezia addirittura in contrasto con la Chiesa: la Serenissima si rifiutò di consegnare a Roma due prelati che si erano macchiati di delitti comuni all interno del suo territorio. La chiesa, che pretendeva di giudicarli secondo i propri codici, rispose con l interdetto, proibendo nello specifico ai religiosi di celebrare messa nel territorio veneto. Venezia reagì con forza, espellendo i gesuiti dal suo territorio. Nella controversia con il papa, le ragioni della repubblica furono difese dallo storico e giurista Paolo Sarpi (tra l altro un frate), che distinse in modo assai moderno la dimensione spirituale da quella politico-temporale, salvaguardando così in un periodo difficile per l autonomia della ragione la laicità dello stato. La questione e il dibattito che si scatenò ebbe risonanza europea, finché si giunse ad un compromesso grazie all intervento di Spagna e Francia: Venezia consegnò ai francesi i religiosi arrestati e Roma ritirò l interdetto, anche se la questione di fondo del rapporto tra potere religioso e politico restò irrisolta. Peraltro, la vicenda è sintomatica del clima pesante che all epoca si respirava, specie nella nostra penisola. 3

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI

IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI Fra la seconda metà del Duecento e i primi del Trecento si assiste in Italia ad un fenomeno di grande importanza: il passaggio dalle

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli