CRISI ECONOMICA LICEO PANSINI NAPOLI FEBBRAIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISI ECONOMICA LICEO PANSINI NAPOLI FEBBRAIO 2014"

Transcript

1 CRISI ECONOMICA LICEO PANSINI NAPOLI FEBBRAIO

2 OBIETTIVO Iniziare un percorso per: a. Acquisire una visione d insieme sincronica/diacronica b. Acquisire un «vocabolario di base» per inquadrare i concetti c. Individuare dei «nodi» fondamentali da sciogliere con i proff. di Storia e Filosofia 2

3 METODO Questa è solo una panoramica. E come voler conoscere un Paese solo volandoci sopra: serve a capirne i contorni, ma la conoscenza è un altra cosa Comprensione dei fatti umani = Conoscenza tecnica + conoscenza delle condizioni (storia) 3

4 EVOLUZIONE E CAMBIAMENTO Nelle vicende umane non esistono situazioni «cristallizzate» perché le cose si evolvono. Non sempre una risposta giusta un giorno è giusta anche il giorno dopo. La socieconomia è un sistema complesso A seconda del contesto e dei rapporti sociali del momento storico, molti fenomeni non hanno la stessa rilevanza o svolgono una funzione come ed esempio l inflazione rispetto alla crescita economica. Questo concetto di «relatività» dei fenomeni economici vi sarà più chiaro alla fine di questo incontro. 4

5 1 PICCOLA PARENTESI LA CONOSCENZA è frutto della convergenza su di un unico fuoco da punti di vista diversi. In ambito scientifico essa è un ipotesi di lavoro cui concorre un insieme di ricerche analitiche e specialistiche. Essa è un processo di appropriazione lungo, non lineare e collettivo BISOGNA SEMPRE TENERE APERTI PIU FILE Inter/multidisciplinarietà Nuove professionalità umanistiche Approccio analitico/approccio sintetico (olistico) 5

6 CRISI: COME CI SIAMO ARRIVATI? Uscita dalla II Guerra Mondiale La società italiana si ritrovò molto povera, aveva un PIL basso: detto in termini economici, gli Italiani non avevano potere d acquisto L Italia, a differenza di GB, D, B, F, era un paese prevalentemente agricolo (50% della popolazione dipendeva da reddito prodotto dall agricoltura), quindi fondava il suo PIL sul settore primario e quindi non in grado di riprodurre velocemente ricchezza incrementando i ritmi produttivi. Si trattava infatti di un agricoltura sostanzialmente povera, cioè di sussistenza e latifondista al Sud e solo in Pianura Padana la mezzadria (diffusa al centro) cedeva il posto ad una conduzione più capitalistica della terra. 6

7 2 PICCOLA PARENTESI PIL = Valore dei beni (merci e servizi) prodotti in un Paese destinati al consumatore finale SETTORI PRODUTTIVI = PRIMARIO - estrazione diretta di ricchezza) : agricoltura, foreste, miniere, caccia e pesca. SECONDARIO - lavorazione dei prodotti del settore primario TERZIARIO (servizi) QUATERNARIO (o terziario avanzato) non riconosciuto da tutti gli economisti comprende i servizi ad altissimo contenuto tecnologico. 7

8 3 PICCOLA PARENTESI RENDITA è fissa. Non dipende dalla produzione. Quindi il proprietario non è interessato a migliorare la produzione. Vive in città e fa un altro mestiere (i latifondisti in città svolgono professioni liberali). (vedremo dopo la rendita finanziaria). PROFITTO è variabile. Dipende dalla quantità degli investimenti e dall organizzazione del lavoro. Il proprietario ha interesse a condurre il fondo secondo criteri di produttività e svolge questo come sua attività prevalente. La mezzadria sistema di ripartizione tra proprietario e colono degli oneri di investimento e del profitto 8

9 SITUAZIONE POSTBELLICA Siamo sempre nel secondo dopoguerra/ricostruzione (1945/1948) Impianto industriale sostanzialmente intatto solo 8% del patrimonio industriale distrutto (quasi tutto al Nord in quanto il fascismo non ebbe alcun tipo di impatto sullo sviluppo industriale del Sud). Grossa disoccupazione nel Mezzogiorno dovuta al sistema della rendita in agricoltura. Ceto medio fortemente colpito dalla guerra e molto impoverito. 9

10 COSA DOBBIAMO CAPIRE? PERCHE LA SITUAZIONE nonostante tutto ERA FAVOREVOLE PERCHE E COME L ITALIA, devastata dalla guerra e con una politica distrutta da vent anni di dittatura, DIVENNE IN VENT ANNI UNA DELLE MAGGIORI POTENZE INDUSTRIALI DEL MONDO PERCHE oggi siamo tra le economie piu colpite dalla crisi e con maggiori difficoltà a ripartire. 10

11 PROBLEMI 1. MANCANZA DI LIQUIDITA Nel secondo dopoguerra, in Italia non c era liquidità, cioè né gli industriali né le banche avevano risorse sufficienti per fare forti investimenti per far ripartire l industria. Un industria è un impresa in cui il capitalista rischia i suoi soldi per produrre una merce da rivendere. Si assume un «rischio di impresa» in cambio di un probabile guadagno futuro (D-M-D 2 ). CAPITALE INDUSTRIALE Una banca è un impresa in cui un soggetto raccoglie il risparmio in cambio di un interesse: (in sostanza fa un debito verso i propri clienti pagandoglielo con un tasso di interesse x) e lo «investe» prestandolo ad altri e chiedendo loro un tasso di interesse superiore x 2. Il suo guadagno è dato dalla differenza tra i due tassi di interesse, quello che la banca dà al risparmiatore che le affida i soldi e quello che riceve dal cliente che «compra» da lei i soldi. CAPITALE FINANZIARIO 2. MANCANZA DI MERCATO In Italia non c era mercato perché i contadini al Sud non avevano nemmeno gli occhi per piangere e il Nord da solo non avrebbe potuto assorbire la produzione necessaria a far ripartire le fabbriche a pieno regime (il «mercato» non era sufficientemente sviluppato) 11

12 COSA SERVIVA? a. Soldi liquidi, da poter investire b. Manodopera a basso prezzo c. Un mercato ampio Le soluzioni furono a. Piano Marshall b. Emigrazione interna c. Intervento dello Stato e accordi di Comunità Economia Europea VEDIAMOLI 12

13 A. GUERRA FREDDA E PIANO MARSHALL Conferenza di Teheran (28 novembre 1º dicembre 1943) Conferenza di Potsdam (17 luglio-2 agosto 1945) Conferenza di Yalta (4 e l'11 febbraio 1945) Accordi USA-URSS-F-GB su futuro assetto europeo da cui derivò poi la divisione del Mondo in due blocchi contrapposti quindi USA hanno interesse a stabilizzare l Europa per: 1.Prevenire rivolte sociali e politiche 2.Riavviare l acquisto di merci americane in Europa. Per cui PIANO MARSHALL (l URSS fece la stessa cosa ad Est) Cioè Ingenti trasferimenti di capitali a fondo perduto per rilancio dell economia e dei consumi in Europa 13

14 B. EMIGRAZIONE Il lavoro è una «merce» cioè qualcosa che si può acquistare o vendere. Per questo risponde alla «legge del mercato»: il suo prezzo è determinato dal rapporto tra domanda e offerta. Se c è molta offerta (cioè uomini che voglio vendere la loro forzalavoro) il suo costo scende e quindi il prezzo pagato per i salari è più basso. In Italia, la grande disoccupazione al Sud voleva dire che il costo del lavoro per l industria poteva essere molto basso. I finanziamenti del Piano Marshall davano all industria la liquidità necessaria all acquisto di materie prime, salari e ammodernamento impianti. 14

15 C. CREAZIONE DI UN MERCATO Si agì su due fronti: sviluppo del mercato interno e ricerca di mercati esterni. 1.Lo Stato intervenne finanziando molto il settore terziario al Sud creando cioè un «reddito» per una classe piccolo borghese sino ad allora poco sviluppata. 2.Con la «Cassa per il Mezzogiorno» nel 1950 lo Stato si diede lo strumento per stimolare lo sviluppo del settore secondario per far nascere al Sud imprese industriali finanziate con soldi pubblici e non da capitali privati (che non c erano). 3.Nel 1955 lo Stato, con la riforma agraria, spezzò il regime del latifondo dividendo la terra tra coltivatori diretti (piccoli proprietari) dando avvio allo sviluppo del settore primario al Sud (ma le cose andarono storte, i poderi erano piccoli e i contadini non avevano soldi per poterli migliorare). 4.Accordi europei per il libero mercato (da 1954 CECA e nel 1957 CEE-MEC) garantirono all Italia di poter avere un mercato ampio in Europa, grazie al fatto che da noi i salari erano più bassi e, quindi, la produzione delle merci costava di meno. 15

16 4 PICCOLA PARENTESI WELFARE Da Grazie allo sviluppo del boom, in Italia nasce il welfare: Complesso di politiche pubbliche messe in atto da uno Stato che interviene, in un economia di mercato, per garantire l assistenza e il benessere dei cittadini, modificando in modo deliberato e regolamentato la distribuzione dei redditi generata dalle forze del mercato stesso Scuola (1962 scuola media unificata e scolarizzazione di massa), i sistemi sanitario e pensionistico si rafforzano, le tutele sindacali del lavoro si fanno forti, fiscalità favorevole nelle zone depresse, ELEFANTIASI DEL TERZIARIO finanziata dallo Stato, 16

17 SI RIPARTE C erano, dunque, le condizioni per lo sviluppo del Nord ma il Sud (pericolosamente) si avviava ad un destino ancora peggiore: Grandi masse di contadini si spostarono dal Sud nelle città del Nord e consentirono salari bassi. Lo Stato intervenne per creare reddito al Sud e, inoltre, i soldi arrivavano dalle «rimesse degli emigranti» (anche dai Paesi europei o dagli USA). Questo mise a disposizione una certa ricchezza da spendere nel Sud. Si creò al Sud un MERCATO PASSIVO, IN CUI NON SI PRODUCEVA RICCHEZZA cioè PROGRESSO SENZA SVILUPPO. Non si sviluppò una classe imprenditoriale autonoma e il Sud restò dipendente dall intervento dello Stato (assistenzialismo). ATTENZIONE questa slide è fondamentale. Tenetela a mente. 17

18 UN ULTIMO PROBLEMA: L INFLAZIONE Parallelamente lo Stato riduce l inflazione. Cos è? La quantità di moneta circolante in uno stato deve essere proporzionata (si dice «è garantita») dalla ricchezza di una nazione. Se c è equilibrio, la moneta mantiene il suo valore. Se ne circola troppa, la moneta perde «potere d acquisto» perché in base alla legge della «domanda e dell offerta» - se c è troppa offerta di un bene, il suo valore si riduce (ricordate la forzalavoro?). Durante la guerra e soprattutto nel caos successivo all armistizio dell 8 settembre 1943, per non far morire di fame la gente, fu stampata una quantità enorme di moneta, sia dallo stato che dagli alleati (le AM-lire) con l effetto di una inflazione spaventosa. A fine guerra si intervenne riducendo drasticamente la quantità di moneta in circolazione (tramite una forte «stretta creditizia») La moneta fu stabilizzata con questa inflazione: 1947, 62%; 1948, 5,7%; 1949, 1,46% 18

19 5 PICCOLA PARENTESI L inflazione fa bene o fa male? Fa male perché se c è troppa moneta in giro, essa perde valore ed uno Stato ha difficoltà ad acquistare materie prime o beni dall estero. Fa bene perché se la moneta perde valore, gli stranieri acquistano volentieri merci di quello Stato (avendo una moneta più forte) e questo fa bene a industria e turismo Essa deve essere in equilibrio: si ritiene che un tasso di inflazione del 2-3% sia positivo perché stimola gli acquisti e mantiene viva l economia (inflazione moderata). Se è troppa nuoce e produce disoccupazione, calo dei consumi (inflazione galoppante). Il contrario è la DEFLAZIONE che è vista come un grande male perché paralizza l economia. Ricordate questa slide perché oggi l Italia e l Europa sono a rischio deflazione, cioè troppo pochi soldi in giro, le banche non dànno crediti alle industrie e agli artigiani (stretta creditizia). 19

20 IL BOOM ECONOMICO Questa situazione, unita a fattori internazionali come ad es. la Guerra di Corea (che richiedeva ingenti lavorazioni di metallo di qualità e sistemi di precisione) o interni come l alta qualità della tradizione delle nostre manifatture (nasce ora il Made in Italy) che trasferiscono inventiva e qualità ai nostri prodotti, porteranno l Italia a quattro anni di fuoco: tra il 1959 ed il 1962, i tassi di incremento del reddito raggiunsero valori da primato: il 6,4%, il 5,8%, il 6,8% e il 6,1%. «Il settore industriale, nel solo triennio , registrò un incremento medio della produzione del 31,4%. Assai rilevante fu l'aumento produttivo nei settori in cui prevalevano i grandi gruppi: autovetture 89%; meccanica di precisione 83%; fibre tessili artificiali 66,8%» (wikipedia). Nasce la grande industria italiana (chimica, metallurgica, meccanica, tessile, ottica ) e per la prima volta in Italia arriva a compimento la «rivoluzione industriale» perché per la prima volta il PIL del settore secondario supera quello del settore primario. 20

21 LA CRISI DEL 1973 La congiuntura (cioè una fase economica breve tra due fasi più lunghe) esaurisce la sua spinta alla fine degli anni 60. La crescita rallenta perché alcuni mercati cominciano a saturarsi e il lavoro comincia ad avere un costo maggiore (conquiste sindacali, welfare, tenore di vita alto ). Nel 1973, un fatto sconvolge il Pianeta Tutta l economia occidentale si basa sul prezzo basso del petrolio, da cui dipende quasi il 100% dell energia. L estrazione e il commercio del petrolio era in mano a sette compagnie occidentali (5 USA, 1 GB, 1 GB/NL) I paesi dell OPEC (Organization of the petroleum Exporting Countries) in concomitanza dell acuirsi della crisi mediorientale, schierati a favore della Palestina, prendono in mano la situazione e alzano del 50% il prezzo del petrolio e tagliano del 25% le esportazioni. Il contraccolpo in occidente è terrificante 21

22 AUSTERITA ECONOMICA Taglio ai consumi, inizio ricerca nuove fonti alternative. Gli effetti delle contromisure si sarebbero visti nel lungo periodo Nel breve ci fu una pesante crisi industriale e dei consumi. Comincia il rapido processo di DEINDUSTRIALIZZAZIONE con enormi perdite di capacità produttive da parte dei Paesi più fragili del sistema 22

23 ANNI 70/ 80 DEBOLEZZA DELL ITALIA 1. Sistema fortemente dimidiato tra Nord e Sud 2. Diffusa corruzione e contiguità malavitosa del ceto politico meridionale chiamato a gestire gli ingenti flussi di denaro per l assistenzialismo 3. Dopo il terremoto del 1980 impetuoso sviluppo delle mafie (oltre miliardi di lire di soldi pubblici assorbiti dalle mafie e riciclati nei traffici di droga e armi) 4. Assenza di un industria autosufficiente tanto al Sud (solo capitali o statali o stranieri, il caso Alfasud) quanto al Nord (salvataggio di imprese «decotte» da parte dello Stato) 5. Debolezza del sistema finanziario italiano 6. Impressionante ripresa dell inflazione «galoppante» 7. Grande instabilità politica («anni di piombo») 23

24 6 PICCOLA PARENTESI ANDAMENTO INFLAZIONE ITALIANA INFLAZIONE GALOPPANTE: PERCHÉ? 1. Per favorire le esportazioni, lo stato svaluta la moneta (mettendone in giro una grande quantità) così dall estero è conveniente acquistare in Italia. 2. Si mantengono alti i salari e gli stipendi per favorire i consumi Ma il rimedio è peggiore del male: l industria non regge il peso dell aumento del costo delle materie prime (dovendo pagare con la lira svalutata, per noi i prezzi esteri sono proibitivi). Il potere di acquisto è bassissimo, i consumi e risparmi calano LO STATO SI INDEBITA 24

25 DEBITO PUBBLICO Quando lo Stato ha bisogno di soldi (come accade, lo abbiamo visto, negli anni 70 e 80) ha due possibilità: 1.Aumenta le tasse 2.Aumenta l emissione di TITOLI DI STATO (BOT, CCT, ) che vengono acquistati o da cittadini o da banche sia nazionali che straniere. Il debito pubblico aumenta in maniera impresionante negli anni Ottanta 25

26 26

27 LA GLOBALIZZAZIONE All inizio degli anni 90 era radicalmente mutato lo scenario del Pianeta con il maturarsi di tre processi di enorme portata: 1. la caduta del blocco sovietico (il che voleva dire immensi mercati che improvvisamente si aprivano ai capitali sia dell Occidente che dell Oriente); 2. l avanzare di nuove economie estremamente aggressive e forti di costi di produzione bassissimi ( le cosiddette Tigri asiatiche, Taiwan, Singapore, Hong Kong e Corea del Sud, cui si affiancavano minacciosamente due giganti fino ad allora dormienti come Cina e India); 3. lo smaterializzarsi del concetto di denaro e di sistema finanziario dovuto all affermarsi delle comunicazioni e delle transazioni in tempo reale. 27

28 ESITI DELLA GLOBALIZZAZIONE Questi tre processi diedero luogo a quella globalizzazione che significava a.veloce delocalizzazione delle produzioni, b.rottura del rapporto luogo di produzione/luogo dell accumulazione, c.possibilità di sfuggire ai controlli fiscali ed ambientali spostando le produzioni in zone del Pianeta depresse, con salari bassi, senza vincoli per la tutela né dei lavoratori né dell ambiente, posti dove era possibile moltiplicare in breve tempo i profitti. 28

29 IL DUMPING SOCIALE Il dumping è la vendita sottocosto: cioè, per guadagnare nuovi mercati e battere la concorrenza ci si rimette nella vendita praticando un prezzo più basso di quanto costi produrre la merce. Il dumping sociale consiste nel contenere i costi di produzione abbassando il costo del lavoro al di sotto della soglia di accettabilità minima (sopravvivenza). Ciò che in realtà si abbassa non è il costo delle merci ma il livello sociale della popolazione che le produce (lett. dumping =scaricare rifiuti. Molto appropriato!) 29

30 EFFETTI FINANZA/INDUSTRIA In Occidente Si smobilita il sistema industriale e si punta sul quaternario (Napoli è esempio classico: fino al 1980 era la terza città industriale d Italia. Ora c è il deserto). Si punta tutto sullo sviluppo dei servizi Il capitale finanziario prende il sopravvento su quello industriale (che si trasferisce in Paesi con costi di produzione più bassi: salari bassi, assenza di costi antinquinamento, assenza di tutele sindacali, assenza di walfare.). Come? 30

31 LA BORSA Le banche non rischiano più nell investimento produttivo (rischioso) e puntano tutto sull incremento dei profitti che viene dal mero scambio nelle borse. Cos è la borsa? La borsa é il posto dove le aziende si finanziano: il loro valore è diviso in «azioni» che sono messe in vendita per ottenere liquidità. Più l azienda va bene, più vende azioni. Più le azioni sono comprate, più aumentano il loro valore e l azienda si arricchisce. Se invece gli operatori non hanno fiducia perché l azienda va male, le rivendono: il loro valore cala e l azienda si impoverisce e può anche fallire. 31

32 LA SPECULAZIONE Per incrementare i propri guadagni gli operatori di borsa assumono scelte speculative, agiscono cioè a prescindere dallo stato di salute di un azienda ma acquistano ingenti quantità di azioni (così se ne aumenta il valore) per poi rivenderle immediatamente ad un prezzo più alto di quanto avevano acquistato. Ma con la vendita, il prezzo si riabbassa e così l azienda si impoverisce e viene cannibalizzata dagli speculatori. La cosa a livello mondiale ha assunto proporzioni enormi, ciclopiche, e tali da sconvolgere l economia del Pianeta. La speculazione ha prodotto raffinati strumenti di interazioni banca/borsa che sfuggono a qualsiasi controllo degli Stati e si muovono in automatico regolati da computer che in frazioni di secondo muovono migliaia di miliardi. Un economia virtuale senza più nessun rapporto con l economia reale ha preso il sopravvento. 32

33 LA CRISI DEL 2008 Eccoci alla nostra crisi, in cui l Occidente arriva con una grande debolezza produttiva e con gli Stati in balia degli speculatori che acquistando ingenti quantità di debito pubblico condizionano la politica e la vita delle nazioni. 33

34 L AUMENTO DEI PREZZI La situazione si fece pericolosa tra il 2003 e il 2008 quando si verificò un vertiginoso aumento del prezzo del petrolio dovuto a due fattori: 1.La guerra in Iraq che interrompe un importante flusso di approvvigionamento 2.L irruzione impetuosa della Cina che con tassi di crescita del 20% annuo risucchiò una ingente parte della produzione. Contemporaneamente anche India, Brasile, ecc hanno un imponente sviluppo e richiedono sempre più petrolio (ricordate la legge della domanda e del offerta?). 34

35 LA BOLLA SPECULATIVA Si parla di «bolla speculativa» quando si mette in giro una ingente quantità di ricchezza virtuale che non ha nessun fondamento materiale (titoli spazzatura) e quando le banche si «espongono» con i «sub-prime» cioèmutui concessi senza sufficienti garanzie. Nel 2008 il giocattolo si rompe e cominciano i fallimenti delle prime grandi banche di investimento americane (Lehman Brothers) 35

36 FALLIMNENTI A CATENA Il sistema bancario mondiale rischia di saltare per aria e di travolgere l Occidente. Gli Stati intervengono salvando le banche e compensando le loro esposizioni. Noi oggi paghiamo l effetto della speculazione bancaria mentre le banche stesse sono state tutelate e sono le uniche che nella crisi hanno mantenuto i loro profitti. 36

37 EFFETTI Il primo effetto è la RECESSIONE, cioè il segno meno della crescita produttiva; Infatti si sono contratti i capitali finanziari (la ricchezza virtuale è ridimensionata e si fanno i conti con l economia reale) e ne consegue il fallimento e la chiusura delle fabbriche; le aziende che lo sopravvivono si trasferiscono all estero (dalla Romania verso est) I salari diminuiscono perché c è poca richiesta di manodopera (la Cina e le altre economie emergenti hanno costi più bassi) E smantellato il welfare (gli Stati non hanno più risorse, anzi, hanno aumentato la pressione fiscale) 37

38 PIL

39 DEBITO/DEFICIT La situazione italiana è peggiore delle altre. Si dice per il debito pubblico. Ma non è così. L Italia ha un debito pari al 127% del suo PIL Il Giappone del 250% Perché il Giappone sta meglio? 1.Perché la cosa importante non è il debito ma il deficit cioè il rapporto tra debito e produzione. Tu puoi anche avere un forte debito ma anche le risorse per pagarlo: i creditori hanno fiducia in te e tu operi liberamente. Se non hai risorse, i creditori rivogliono i soldi prima che fallisci, non si fidano e perciò ti chiedono altissimi interessi per prestarti i soldi (spread) 2.Perché il debito pubblico sta quasi tutto in mano agli stessi Giapponesi mentre noi siamo esposti agli operatori ed agli stati stranieri (anche gli USA ormai stanno nelle mani della Cina) 39

40 COME USCIRNE Le ricette sono due. 1.Una liberista, attuata dall Europa e che prevede una forte austerity (comprimere il debito pubblico e ridurre la circolazione della moneta, v. il fiscal compact europeo) 2.Una keynesiana, attuata da Obama (lo Stato interviene pompando risorse per i sottori produttivi per stimolare la crescita. Ricordate il «Piano Marshall»?) 40

41 ANOMALIA ITALIA 1. Sbilancio Nord/Sud (v. caso tedesco) 2. Corruzione della politica (è calcolata in 60 miliardi all anno la cifra sottratta dalla corruzione al Paese) 3. Le mafie, che muovono in nero circa il 3,5% del PIL 4. Evasione fiscale stimata in 130 miliardi di euro all anno 5. Assenza di investimenti nella scuola e nella ricerca il che significa perdita di brevetti e di capacità produttive 6. Massima concentrazione di ricchezza in poche mani (il 10% della popolazione possiede il 50% della ricchezza del Paese). Ricchi sempre di meno ma più ricchi, poveri sempre di più e più poveri 7. Desertificazione industriale 41

42 PROBLEMA SUD Fino al 1860 sviluppo industriale alla pari fra Nord e Sud, poi il sorpasso (rapporto SVIEMEZ 2013) Dopo il grande sviluppo degli anni compresi fra il 1952 e il 1973, grazie alla grande industria e alla Cassa del Mezzogiorno, quando il pil pro capite crebbe del 4,6% all'anno nel Sud, rispetto al 4,8 del Centro-Nord, in seguito alla brusca battuta d'arresto avvenuta dopo gli anni '70, quando i grandi impianti delle aziende più importanti del Paese cominciano a chiudere i battenti dopo aver alimentato la speranza di un nuovo futuro, il Sud comincia a perdere terreno: «Nel 1860 in realtà c'era una quantità di insediamenti industriali simile tra Nord e Sud. Poi alla fine dell'ottocento e ai primi del Novecento inizia lo sviluppo del grande triangolo industriale (Milano-Torino-Genova) e da quel momento il Mezzogiorno non riesce più a tenere il passo. L'unica fase di recupero è tra gli anni '50 e il '73. Poi comincia a perdere di nuovo e comunque il tasso di industrializzazione del Mezzogiorno resterà la metà di quello del Centro-Nord». 42

43 DIVARIO

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Perché ci sono tanti poveri nei paesi in via di sviluppo?

Perché ci sono tanti poveri nei paesi in via di sviluppo? Argomenti contro il capitalismo democratico L'imperialismo 2005 Lettera di un lettore: Perché ci sono tanti poveri nei paesi in via di sviluppo? Poco tempo fa ho ricevuto una lettera da un amico che vive

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

DEBITO PUBBLICO. Come uscirne senza strozzarci

DEBITO PUBBLICO. Come uscirne senza strozzarci via della Barra, 32-56019 Vecchiano (PI) coord@cnms.it www.cnms.it Come uscirne senza strozzarci Opera realizzata nel gennaio 2014 dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo col contributo di Franco Sacchetti

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA

QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA 174 OXFAM BRIEFING PAPER SETTEMBRE 2013 Manifestanti contro le misure di austerità a Madrid, maggio 2011. Miguel Parra QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA Il vero costo dell austerità e della disuguaglianza

Dettagli

L agricoltura tradizionale

L agricoltura tradizionale L agricoltura tradizionale Prima dell industria la grande maggioranza della popolazione (60-90%) viveva sulla e della terra Nell Europa occidentale e mediterranea gli uomini erano legati alla terra da

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Claudio Borghi Aquilini. Economista, docente dell Università Cattolica di Milano, giornalista ed ex managing director di Deutsche Bank

Claudio Borghi Aquilini. Economista, docente dell Università Cattolica di Milano, giornalista ed ex managing director di Deutsche Bank 1 Coloro i quali ci hanno portato nell Euro hanno fatto l errore più grande della storia e ora sono disposti a tutto pur di non ammetterlo. Sono disposti a sacrificare il lavoro di milioni di Italiani,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli