CRISI ECONOMICA LICEO PANSINI NAPOLI FEBBRAIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISI ECONOMICA LICEO PANSINI NAPOLI FEBBRAIO 2014"

Transcript

1 CRISI ECONOMICA LICEO PANSINI NAPOLI FEBBRAIO

2 OBIETTIVO Iniziare un percorso per: a. Acquisire una visione d insieme sincronica/diacronica b. Acquisire un «vocabolario di base» per inquadrare i concetti c. Individuare dei «nodi» fondamentali da sciogliere con i proff. di Storia e Filosofia 2

3 METODO Questa è solo una panoramica. E come voler conoscere un Paese solo volandoci sopra: serve a capirne i contorni, ma la conoscenza è un altra cosa Comprensione dei fatti umani = Conoscenza tecnica + conoscenza delle condizioni (storia) 3

4 EVOLUZIONE E CAMBIAMENTO Nelle vicende umane non esistono situazioni «cristallizzate» perché le cose si evolvono. Non sempre una risposta giusta un giorno è giusta anche il giorno dopo. La socieconomia è un sistema complesso A seconda del contesto e dei rapporti sociali del momento storico, molti fenomeni non hanno la stessa rilevanza o svolgono una funzione come ed esempio l inflazione rispetto alla crescita economica. Questo concetto di «relatività» dei fenomeni economici vi sarà più chiaro alla fine di questo incontro. 4

5 1 PICCOLA PARENTESI LA CONOSCENZA è frutto della convergenza su di un unico fuoco da punti di vista diversi. In ambito scientifico essa è un ipotesi di lavoro cui concorre un insieme di ricerche analitiche e specialistiche. Essa è un processo di appropriazione lungo, non lineare e collettivo BISOGNA SEMPRE TENERE APERTI PIU FILE Inter/multidisciplinarietà Nuove professionalità umanistiche Approccio analitico/approccio sintetico (olistico) 5

6 CRISI: COME CI SIAMO ARRIVATI? Uscita dalla II Guerra Mondiale La società italiana si ritrovò molto povera, aveva un PIL basso: detto in termini economici, gli Italiani non avevano potere d acquisto L Italia, a differenza di GB, D, B, F, era un paese prevalentemente agricolo (50% della popolazione dipendeva da reddito prodotto dall agricoltura), quindi fondava il suo PIL sul settore primario e quindi non in grado di riprodurre velocemente ricchezza incrementando i ritmi produttivi. Si trattava infatti di un agricoltura sostanzialmente povera, cioè di sussistenza e latifondista al Sud e solo in Pianura Padana la mezzadria (diffusa al centro) cedeva il posto ad una conduzione più capitalistica della terra. 6

7 2 PICCOLA PARENTESI PIL = Valore dei beni (merci e servizi) prodotti in un Paese destinati al consumatore finale SETTORI PRODUTTIVI = PRIMARIO - estrazione diretta di ricchezza) : agricoltura, foreste, miniere, caccia e pesca. SECONDARIO - lavorazione dei prodotti del settore primario TERZIARIO (servizi) QUATERNARIO (o terziario avanzato) non riconosciuto da tutti gli economisti comprende i servizi ad altissimo contenuto tecnologico. 7

8 3 PICCOLA PARENTESI RENDITA è fissa. Non dipende dalla produzione. Quindi il proprietario non è interessato a migliorare la produzione. Vive in città e fa un altro mestiere (i latifondisti in città svolgono professioni liberali). (vedremo dopo la rendita finanziaria). PROFITTO è variabile. Dipende dalla quantità degli investimenti e dall organizzazione del lavoro. Il proprietario ha interesse a condurre il fondo secondo criteri di produttività e svolge questo come sua attività prevalente. La mezzadria sistema di ripartizione tra proprietario e colono degli oneri di investimento e del profitto 8

9 SITUAZIONE POSTBELLICA Siamo sempre nel secondo dopoguerra/ricostruzione (1945/1948) Impianto industriale sostanzialmente intatto solo 8% del patrimonio industriale distrutto (quasi tutto al Nord in quanto il fascismo non ebbe alcun tipo di impatto sullo sviluppo industriale del Sud). Grossa disoccupazione nel Mezzogiorno dovuta al sistema della rendita in agricoltura. Ceto medio fortemente colpito dalla guerra e molto impoverito. 9

10 COSA DOBBIAMO CAPIRE? PERCHE LA SITUAZIONE nonostante tutto ERA FAVOREVOLE PERCHE E COME L ITALIA, devastata dalla guerra e con una politica distrutta da vent anni di dittatura, DIVENNE IN VENT ANNI UNA DELLE MAGGIORI POTENZE INDUSTRIALI DEL MONDO PERCHE oggi siamo tra le economie piu colpite dalla crisi e con maggiori difficoltà a ripartire. 10

11 PROBLEMI 1. MANCANZA DI LIQUIDITA Nel secondo dopoguerra, in Italia non c era liquidità, cioè né gli industriali né le banche avevano risorse sufficienti per fare forti investimenti per far ripartire l industria. Un industria è un impresa in cui il capitalista rischia i suoi soldi per produrre una merce da rivendere. Si assume un «rischio di impresa» in cambio di un probabile guadagno futuro (D-M-D 2 ). CAPITALE INDUSTRIALE Una banca è un impresa in cui un soggetto raccoglie il risparmio in cambio di un interesse: (in sostanza fa un debito verso i propri clienti pagandoglielo con un tasso di interesse x) e lo «investe» prestandolo ad altri e chiedendo loro un tasso di interesse superiore x 2. Il suo guadagno è dato dalla differenza tra i due tassi di interesse, quello che la banca dà al risparmiatore che le affida i soldi e quello che riceve dal cliente che «compra» da lei i soldi. CAPITALE FINANZIARIO 2. MANCANZA DI MERCATO In Italia non c era mercato perché i contadini al Sud non avevano nemmeno gli occhi per piangere e il Nord da solo non avrebbe potuto assorbire la produzione necessaria a far ripartire le fabbriche a pieno regime (il «mercato» non era sufficientemente sviluppato) 11

12 COSA SERVIVA? a. Soldi liquidi, da poter investire b. Manodopera a basso prezzo c. Un mercato ampio Le soluzioni furono a. Piano Marshall b. Emigrazione interna c. Intervento dello Stato e accordi di Comunità Economia Europea VEDIAMOLI 12

13 A. GUERRA FREDDA E PIANO MARSHALL Conferenza di Teheran (28 novembre 1º dicembre 1943) Conferenza di Potsdam (17 luglio-2 agosto 1945) Conferenza di Yalta (4 e l'11 febbraio 1945) Accordi USA-URSS-F-GB su futuro assetto europeo da cui derivò poi la divisione del Mondo in due blocchi contrapposti quindi USA hanno interesse a stabilizzare l Europa per: 1.Prevenire rivolte sociali e politiche 2.Riavviare l acquisto di merci americane in Europa. Per cui PIANO MARSHALL (l URSS fece la stessa cosa ad Est) Cioè Ingenti trasferimenti di capitali a fondo perduto per rilancio dell economia e dei consumi in Europa 13

14 B. EMIGRAZIONE Il lavoro è una «merce» cioè qualcosa che si può acquistare o vendere. Per questo risponde alla «legge del mercato»: il suo prezzo è determinato dal rapporto tra domanda e offerta. Se c è molta offerta (cioè uomini che voglio vendere la loro forzalavoro) il suo costo scende e quindi il prezzo pagato per i salari è più basso. In Italia, la grande disoccupazione al Sud voleva dire che il costo del lavoro per l industria poteva essere molto basso. I finanziamenti del Piano Marshall davano all industria la liquidità necessaria all acquisto di materie prime, salari e ammodernamento impianti. 14

15 C. CREAZIONE DI UN MERCATO Si agì su due fronti: sviluppo del mercato interno e ricerca di mercati esterni. 1.Lo Stato intervenne finanziando molto il settore terziario al Sud creando cioè un «reddito» per una classe piccolo borghese sino ad allora poco sviluppata. 2.Con la «Cassa per il Mezzogiorno» nel 1950 lo Stato si diede lo strumento per stimolare lo sviluppo del settore secondario per far nascere al Sud imprese industriali finanziate con soldi pubblici e non da capitali privati (che non c erano). 3.Nel 1955 lo Stato, con la riforma agraria, spezzò il regime del latifondo dividendo la terra tra coltivatori diretti (piccoli proprietari) dando avvio allo sviluppo del settore primario al Sud (ma le cose andarono storte, i poderi erano piccoli e i contadini non avevano soldi per poterli migliorare). 4.Accordi europei per il libero mercato (da 1954 CECA e nel 1957 CEE-MEC) garantirono all Italia di poter avere un mercato ampio in Europa, grazie al fatto che da noi i salari erano più bassi e, quindi, la produzione delle merci costava di meno. 15

16 4 PICCOLA PARENTESI WELFARE Da Grazie allo sviluppo del boom, in Italia nasce il welfare: Complesso di politiche pubbliche messe in atto da uno Stato che interviene, in un economia di mercato, per garantire l assistenza e il benessere dei cittadini, modificando in modo deliberato e regolamentato la distribuzione dei redditi generata dalle forze del mercato stesso Scuola (1962 scuola media unificata e scolarizzazione di massa), i sistemi sanitario e pensionistico si rafforzano, le tutele sindacali del lavoro si fanno forti, fiscalità favorevole nelle zone depresse, ELEFANTIASI DEL TERZIARIO finanziata dallo Stato, 16

17 SI RIPARTE C erano, dunque, le condizioni per lo sviluppo del Nord ma il Sud (pericolosamente) si avviava ad un destino ancora peggiore: Grandi masse di contadini si spostarono dal Sud nelle città del Nord e consentirono salari bassi. Lo Stato intervenne per creare reddito al Sud e, inoltre, i soldi arrivavano dalle «rimesse degli emigranti» (anche dai Paesi europei o dagli USA). Questo mise a disposizione una certa ricchezza da spendere nel Sud. Si creò al Sud un MERCATO PASSIVO, IN CUI NON SI PRODUCEVA RICCHEZZA cioè PROGRESSO SENZA SVILUPPO. Non si sviluppò una classe imprenditoriale autonoma e il Sud restò dipendente dall intervento dello Stato (assistenzialismo). ATTENZIONE questa slide è fondamentale. Tenetela a mente. 17

18 UN ULTIMO PROBLEMA: L INFLAZIONE Parallelamente lo Stato riduce l inflazione. Cos è? La quantità di moneta circolante in uno stato deve essere proporzionata (si dice «è garantita») dalla ricchezza di una nazione. Se c è equilibrio, la moneta mantiene il suo valore. Se ne circola troppa, la moneta perde «potere d acquisto» perché in base alla legge della «domanda e dell offerta» - se c è troppa offerta di un bene, il suo valore si riduce (ricordate la forzalavoro?). Durante la guerra e soprattutto nel caos successivo all armistizio dell 8 settembre 1943, per non far morire di fame la gente, fu stampata una quantità enorme di moneta, sia dallo stato che dagli alleati (le AM-lire) con l effetto di una inflazione spaventosa. A fine guerra si intervenne riducendo drasticamente la quantità di moneta in circolazione (tramite una forte «stretta creditizia») La moneta fu stabilizzata con questa inflazione: 1947, 62%; 1948, 5,7%; 1949, 1,46% 18

19 5 PICCOLA PARENTESI L inflazione fa bene o fa male? Fa male perché se c è troppa moneta in giro, essa perde valore ed uno Stato ha difficoltà ad acquistare materie prime o beni dall estero. Fa bene perché se la moneta perde valore, gli stranieri acquistano volentieri merci di quello Stato (avendo una moneta più forte) e questo fa bene a industria e turismo Essa deve essere in equilibrio: si ritiene che un tasso di inflazione del 2-3% sia positivo perché stimola gli acquisti e mantiene viva l economia (inflazione moderata). Se è troppa nuoce e produce disoccupazione, calo dei consumi (inflazione galoppante). Il contrario è la DEFLAZIONE che è vista come un grande male perché paralizza l economia. Ricordate questa slide perché oggi l Italia e l Europa sono a rischio deflazione, cioè troppo pochi soldi in giro, le banche non dànno crediti alle industrie e agli artigiani (stretta creditizia). 19

20 IL BOOM ECONOMICO Questa situazione, unita a fattori internazionali come ad es. la Guerra di Corea (che richiedeva ingenti lavorazioni di metallo di qualità e sistemi di precisione) o interni come l alta qualità della tradizione delle nostre manifatture (nasce ora il Made in Italy) che trasferiscono inventiva e qualità ai nostri prodotti, porteranno l Italia a quattro anni di fuoco: tra il 1959 ed il 1962, i tassi di incremento del reddito raggiunsero valori da primato: il 6,4%, il 5,8%, il 6,8% e il 6,1%. «Il settore industriale, nel solo triennio , registrò un incremento medio della produzione del 31,4%. Assai rilevante fu l'aumento produttivo nei settori in cui prevalevano i grandi gruppi: autovetture 89%; meccanica di precisione 83%; fibre tessili artificiali 66,8%» (wikipedia). Nasce la grande industria italiana (chimica, metallurgica, meccanica, tessile, ottica ) e per la prima volta in Italia arriva a compimento la «rivoluzione industriale» perché per la prima volta il PIL del settore secondario supera quello del settore primario. 20

21 LA CRISI DEL 1973 La congiuntura (cioè una fase economica breve tra due fasi più lunghe) esaurisce la sua spinta alla fine degli anni 60. La crescita rallenta perché alcuni mercati cominciano a saturarsi e il lavoro comincia ad avere un costo maggiore (conquiste sindacali, welfare, tenore di vita alto ). Nel 1973, un fatto sconvolge il Pianeta Tutta l economia occidentale si basa sul prezzo basso del petrolio, da cui dipende quasi il 100% dell energia. L estrazione e il commercio del petrolio era in mano a sette compagnie occidentali (5 USA, 1 GB, 1 GB/NL) I paesi dell OPEC (Organization of the petroleum Exporting Countries) in concomitanza dell acuirsi della crisi mediorientale, schierati a favore della Palestina, prendono in mano la situazione e alzano del 50% il prezzo del petrolio e tagliano del 25% le esportazioni. Il contraccolpo in occidente è terrificante 21

22 AUSTERITA ECONOMICA Taglio ai consumi, inizio ricerca nuove fonti alternative. Gli effetti delle contromisure si sarebbero visti nel lungo periodo Nel breve ci fu una pesante crisi industriale e dei consumi. Comincia il rapido processo di DEINDUSTRIALIZZAZIONE con enormi perdite di capacità produttive da parte dei Paesi più fragili del sistema 22

23 ANNI 70/ 80 DEBOLEZZA DELL ITALIA 1. Sistema fortemente dimidiato tra Nord e Sud 2. Diffusa corruzione e contiguità malavitosa del ceto politico meridionale chiamato a gestire gli ingenti flussi di denaro per l assistenzialismo 3. Dopo il terremoto del 1980 impetuoso sviluppo delle mafie (oltre miliardi di lire di soldi pubblici assorbiti dalle mafie e riciclati nei traffici di droga e armi) 4. Assenza di un industria autosufficiente tanto al Sud (solo capitali o statali o stranieri, il caso Alfasud) quanto al Nord (salvataggio di imprese «decotte» da parte dello Stato) 5. Debolezza del sistema finanziario italiano 6. Impressionante ripresa dell inflazione «galoppante» 7. Grande instabilità politica («anni di piombo») 23

24 6 PICCOLA PARENTESI ANDAMENTO INFLAZIONE ITALIANA INFLAZIONE GALOPPANTE: PERCHÉ? 1. Per favorire le esportazioni, lo stato svaluta la moneta (mettendone in giro una grande quantità) così dall estero è conveniente acquistare in Italia. 2. Si mantengono alti i salari e gli stipendi per favorire i consumi Ma il rimedio è peggiore del male: l industria non regge il peso dell aumento del costo delle materie prime (dovendo pagare con la lira svalutata, per noi i prezzi esteri sono proibitivi). Il potere di acquisto è bassissimo, i consumi e risparmi calano LO STATO SI INDEBITA 24

25 DEBITO PUBBLICO Quando lo Stato ha bisogno di soldi (come accade, lo abbiamo visto, negli anni 70 e 80) ha due possibilità: 1.Aumenta le tasse 2.Aumenta l emissione di TITOLI DI STATO (BOT, CCT, ) che vengono acquistati o da cittadini o da banche sia nazionali che straniere. Il debito pubblico aumenta in maniera impresionante negli anni Ottanta 25

26 26

27 LA GLOBALIZZAZIONE All inizio degli anni 90 era radicalmente mutato lo scenario del Pianeta con il maturarsi di tre processi di enorme portata: 1. la caduta del blocco sovietico (il che voleva dire immensi mercati che improvvisamente si aprivano ai capitali sia dell Occidente che dell Oriente); 2. l avanzare di nuove economie estremamente aggressive e forti di costi di produzione bassissimi ( le cosiddette Tigri asiatiche, Taiwan, Singapore, Hong Kong e Corea del Sud, cui si affiancavano minacciosamente due giganti fino ad allora dormienti come Cina e India); 3. lo smaterializzarsi del concetto di denaro e di sistema finanziario dovuto all affermarsi delle comunicazioni e delle transazioni in tempo reale. 27

28 ESITI DELLA GLOBALIZZAZIONE Questi tre processi diedero luogo a quella globalizzazione che significava a.veloce delocalizzazione delle produzioni, b.rottura del rapporto luogo di produzione/luogo dell accumulazione, c.possibilità di sfuggire ai controlli fiscali ed ambientali spostando le produzioni in zone del Pianeta depresse, con salari bassi, senza vincoli per la tutela né dei lavoratori né dell ambiente, posti dove era possibile moltiplicare in breve tempo i profitti. 28

29 IL DUMPING SOCIALE Il dumping è la vendita sottocosto: cioè, per guadagnare nuovi mercati e battere la concorrenza ci si rimette nella vendita praticando un prezzo più basso di quanto costi produrre la merce. Il dumping sociale consiste nel contenere i costi di produzione abbassando il costo del lavoro al di sotto della soglia di accettabilità minima (sopravvivenza). Ciò che in realtà si abbassa non è il costo delle merci ma il livello sociale della popolazione che le produce (lett. dumping =scaricare rifiuti. Molto appropriato!) 29

30 EFFETTI FINANZA/INDUSTRIA In Occidente Si smobilita il sistema industriale e si punta sul quaternario (Napoli è esempio classico: fino al 1980 era la terza città industriale d Italia. Ora c è il deserto). Si punta tutto sullo sviluppo dei servizi Il capitale finanziario prende il sopravvento su quello industriale (che si trasferisce in Paesi con costi di produzione più bassi: salari bassi, assenza di costi antinquinamento, assenza di tutele sindacali, assenza di walfare.). Come? 30

31 LA BORSA Le banche non rischiano più nell investimento produttivo (rischioso) e puntano tutto sull incremento dei profitti che viene dal mero scambio nelle borse. Cos è la borsa? La borsa é il posto dove le aziende si finanziano: il loro valore è diviso in «azioni» che sono messe in vendita per ottenere liquidità. Più l azienda va bene, più vende azioni. Più le azioni sono comprate, più aumentano il loro valore e l azienda si arricchisce. Se invece gli operatori non hanno fiducia perché l azienda va male, le rivendono: il loro valore cala e l azienda si impoverisce e può anche fallire. 31

32 LA SPECULAZIONE Per incrementare i propri guadagni gli operatori di borsa assumono scelte speculative, agiscono cioè a prescindere dallo stato di salute di un azienda ma acquistano ingenti quantità di azioni (così se ne aumenta il valore) per poi rivenderle immediatamente ad un prezzo più alto di quanto avevano acquistato. Ma con la vendita, il prezzo si riabbassa e così l azienda si impoverisce e viene cannibalizzata dagli speculatori. La cosa a livello mondiale ha assunto proporzioni enormi, ciclopiche, e tali da sconvolgere l economia del Pianeta. La speculazione ha prodotto raffinati strumenti di interazioni banca/borsa che sfuggono a qualsiasi controllo degli Stati e si muovono in automatico regolati da computer che in frazioni di secondo muovono migliaia di miliardi. Un economia virtuale senza più nessun rapporto con l economia reale ha preso il sopravvento. 32

33 LA CRISI DEL 2008 Eccoci alla nostra crisi, in cui l Occidente arriva con una grande debolezza produttiva e con gli Stati in balia degli speculatori che acquistando ingenti quantità di debito pubblico condizionano la politica e la vita delle nazioni. 33

34 L AUMENTO DEI PREZZI La situazione si fece pericolosa tra il 2003 e il 2008 quando si verificò un vertiginoso aumento del prezzo del petrolio dovuto a due fattori: 1.La guerra in Iraq che interrompe un importante flusso di approvvigionamento 2.L irruzione impetuosa della Cina che con tassi di crescita del 20% annuo risucchiò una ingente parte della produzione. Contemporaneamente anche India, Brasile, ecc hanno un imponente sviluppo e richiedono sempre più petrolio (ricordate la legge della domanda e del offerta?). 34

35 LA BOLLA SPECULATIVA Si parla di «bolla speculativa» quando si mette in giro una ingente quantità di ricchezza virtuale che non ha nessun fondamento materiale (titoli spazzatura) e quando le banche si «espongono» con i «sub-prime» cioèmutui concessi senza sufficienti garanzie. Nel 2008 il giocattolo si rompe e cominciano i fallimenti delle prime grandi banche di investimento americane (Lehman Brothers) 35

36 FALLIMNENTI A CATENA Il sistema bancario mondiale rischia di saltare per aria e di travolgere l Occidente. Gli Stati intervengono salvando le banche e compensando le loro esposizioni. Noi oggi paghiamo l effetto della speculazione bancaria mentre le banche stesse sono state tutelate e sono le uniche che nella crisi hanno mantenuto i loro profitti. 36

37 EFFETTI Il primo effetto è la RECESSIONE, cioè il segno meno della crescita produttiva; Infatti si sono contratti i capitali finanziari (la ricchezza virtuale è ridimensionata e si fanno i conti con l economia reale) e ne consegue il fallimento e la chiusura delle fabbriche; le aziende che lo sopravvivono si trasferiscono all estero (dalla Romania verso est) I salari diminuiscono perché c è poca richiesta di manodopera (la Cina e le altre economie emergenti hanno costi più bassi) E smantellato il welfare (gli Stati non hanno più risorse, anzi, hanno aumentato la pressione fiscale) 37

38 PIL

39 DEBITO/DEFICIT La situazione italiana è peggiore delle altre. Si dice per il debito pubblico. Ma non è così. L Italia ha un debito pari al 127% del suo PIL Il Giappone del 250% Perché il Giappone sta meglio? 1.Perché la cosa importante non è il debito ma il deficit cioè il rapporto tra debito e produzione. Tu puoi anche avere un forte debito ma anche le risorse per pagarlo: i creditori hanno fiducia in te e tu operi liberamente. Se non hai risorse, i creditori rivogliono i soldi prima che fallisci, non si fidano e perciò ti chiedono altissimi interessi per prestarti i soldi (spread) 2.Perché il debito pubblico sta quasi tutto in mano agli stessi Giapponesi mentre noi siamo esposti agli operatori ed agli stati stranieri (anche gli USA ormai stanno nelle mani della Cina) 39

40 COME USCIRNE Le ricette sono due. 1.Una liberista, attuata dall Europa e che prevede una forte austerity (comprimere il debito pubblico e ridurre la circolazione della moneta, v. il fiscal compact europeo) 2.Una keynesiana, attuata da Obama (lo Stato interviene pompando risorse per i sottori produttivi per stimolare la crescita. Ricordate il «Piano Marshall»?) 40

41 ANOMALIA ITALIA 1. Sbilancio Nord/Sud (v. caso tedesco) 2. Corruzione della politica (è calcolata in 60 miliardi all anno la cifra sottratta dalla corruzione al Paese) 3. Le mafie, che muovono in nero circa il 3,5% del PIL 4. Evasione fiscale stimata in 130 miliardi di euro all anno 5. Assenza di investimenti nella scuola e nella ricerca il che significa perdita di brevetti e di capacità produttive 6. Massima concentrazione di ricchezza in poche mani (il 10% della popolazione possiede il 50% della ricchezza del Paese). Ricchi sempre di meno ma più ricchi, poveri sempre di più e più poveri 7. Desertificazione industriale 41

42 PROBLEMA SUD Fino al 1860 sviluppo industriale alla pari fra Nord e Sud, poi il sorpasso (rapporto SVIEMEZ 2013) Dopo il grande sviluppo degli anni compresi fra il 1952 e il 1973, grazie alla grande industria e alla Cassa del Mezzogiorno, quando il pil pro capite crebbe del 4,6% all'anno nel Sud, rispetto al 4,8 del Centro-Nord, in seguito alla brusca battuta d'arresto avvenuta dopo gli anni '70, quando i grandi impianti delle aziende più importanti del Paese cominciano a chiudere i battenti dopo aver alimentato la speranza di un nuovo futuro, il Sud comincia a perdere terreno: «Nel 1860 in realtà c'era una quantità di insediamenti industriali simile tra Nord e Sud. Poi alla fine dell'ottocento e ai primi del Novecento inizia lo sviluppo del grande triangolo industriale (Milano-Torino-Genova) e da quel momento il Mezzogiorno non riesce più a tenere il passo. L'unica fase di recupero è tra gli anni '50 e il '73. Poi comincia a perdere di nuovo e comunque il tasso di industrializzazione del Mezzogiorno resterà la metà di quello del Centro-Nord». 42

43 DIVARIO

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Il rilancio parte da sinistra

Il rilancio parte da sinistra Il rilancio parte da sinistra Come fare ridere i poveri senza fare piangere i ricchi Luglio 2013 UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO La crisi economica e sociale del paese non nasce nel 2011, ne nel 2008. Ha

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA DOVE NASCE CHE COSA IMPLICA NASCE IN INGHILTERRA PERMETTE ALL UOMO DI AVERE UNA FORMA DI ENERGIA: QUELLA DEL VAPORE.

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia LO SVILUPPO ECONOMICO in Italia. e nel mondo: presente, passato, futuro Giuseppe GAROFALO Prof. di Economia politica Università della Tuscia Pil (miliardi di $ PPA base 1990) Anno: 2006 Parità poteri d

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli