CERTOTTICA E MIDO, UN BINOMIO CONTRO LA CONTRAFFAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CERTOTTICA E MIDO, UN BINOMIO CONTRO LA CONTRAFFAZIONE"

Transcript

1 GIUGNO 2008 N. 2 PAGINA 1 PERIODICO DI INFORMAZIONI TECNICHE GIUGNO 2008 N. 2 CERTOTTICA E MIDO, UN BINOMIO CONTRO LA CONTRAFFAZIONE Conclusa la fiera di Milano, si tirano le somme sul fenomeno contraffazione Pugno di ferro contro i tarocchi, Mido e Certottica combattono il fenomeno della contraffazione. Una lotta condotta con strumenti diversi. Mido dice no agli occhiali taroccati con il Centro Studi Anticontraffazione, rappresentato dall avvocato Daniela Mainini, è istituito dal 1995 per la tutela e vigilanza dei possibili casi di contraffazione all interno della fiera espositiva. Certottica, l Istituto italiano di certificazione di prodotti ottici, punta sulla valutazione della conformità: si tratta di un procedimento formale attraverso il quale il consumatore finale, a qualsiasi livello, viene informato sulle caratteristiche di determinate produzioni, nello specifico i prodotti ottici. Centro Studi Anticontraffazione di Mido. Grazie a tale servizio l Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici (ANFAO) fronteggia l eventuale presenza in fiera di operatori del settore che, nel totale spregio di ogni più elementare regola di correttezza commerciale, espongono nei propri stand prodotti contraffatti. Il servizio anticontraffazione agisce nei confronti delle contraffazione di griffe, modelli e origine (falsa indicazione Made in Italy). La contraffazione si conferma una piaga del settore: basti pensare che il servizio di tutela marchi e brevetti, parte integrante del Centro Studi Anticontraffazione, è dovuto intervenire 25 volte per presunte imitazioni di montature, soprattutto, griffate e per copie di modelli brevettati. A tal proposito Vittorio Tabacchi, presidente Mido e Anfao, ha commentato: Gli interventi effettuati testimoniano la volontà di Mido di combattere il fenomeno della contraffazione in maniera puntuale e tempestiva, fornendo a tutte le aziende espositrici, leali e corrette, una tutela immediata ed efficace contro chi intende approfittare della presenza di milioni di visitatori per veicolare prodotti contraffatti, spesso privi degli standard qualitativi e di sicurezza che un occhiale originale garantisce. Senza contare il possibile pericolo per la salute degli occhi. La valutazione della conformità di Certottica. Contro i prodotti taroccati c è un altra arma, che si chiama certificazione. Bisogna sapere che la valutazione della conformità, in un mercato sempre più competitivo e caratterizzato da una concorrenza esasperata e da una costante innovazione tecnologia, assume un ruolo fondamentale. Qualità e miglioramento continuo, attraverso la valutazione della conformità, dovrebbero essere i cardini della strategia di ogni azienda e fornitore. Oggi nel comparto dell occhiale i fornitori di componenti assumono un ruolo sempre più determinante sia nelle fasi di sviluppo che di produzione rendendo la gestione della catena della fornitura più complessa e delicata. Allo stesso tempo i clienti sono sempre più esigenti imponendo ai produttori uno sforzo costante per la riduzione dei costi e l innovazione dei prodotti con il ricorso a tecnologie estremamente sofisticate. In questo scenario la valutazione della conformità secondo standard nazionale e internazionali consente una maggiore efficienza dei processi lungo tutta la catena della fornitura e una qualità più elevata dei prodotti stessi. Nel caso delle occhialerie la valutazione della conformità permette di moni- Continua a pag. 2 INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SCIENTIFICA STA PER USCIRE IL BANDO DEI DISTRETTI La Regione sostiene l economia veneta con il bando di assegnazione delle risorse per i patti di sviluppo distrettuale e metadistrettuale. La voglia di crescita delle aziende e lo sviluppo delle quote di mercato vengono, di consuetudine, assecondate dal bando (Legge Regionale 8/2003 e successive modifiche) in via di pubblicazione: l ente è, infatti, fortemente focalizzato sull innovazione delle imprese reputandola il motore per creare valore aggiunto. Una grande opportunità per le aziende di tutto il Veneto, comprese le occhialerie del Bellunese che potrebbero intercettare il momento e la misura per allinearsi all infrastruttura tecnologica con le proprie attività di business. Non bisogna, infatti, scordare che tecnologia e ricerca scientifica sono elementi abilitanti del business. Per essere vincenti sul mercato, insomma, è necessario spingere l acceleratore su progetti all avanguardia che sappiano interpretare e anticipare le esigenze del mercato: un principio che vale per tutti e ancor di più per le occhialerie, che producono un oggetto che assume sempre più le connotazioni di un accessorio di moda e non solo di un correttore della vista. Per questo motivo intorno agli occhiali è indispensabile che si muova il mondo della tecnologia e della ricerca: per trovare nuovi materiali - anallergici, leggeri, colorati, particolari - per creare nuove forme, per realizzare occhiali sportivi maggiormente ergonomici, dalle lenti infrangibili. Insomma le sfaccettature tecnicoscientifiche inerenti questo oggetto, che inducono a nuove sperimentazioni, sono infinite: è questa la sfida per il Venezia, Palazzo Balbi sede della regione Veneto futuro del Distretto dell Occhiale. Saper cogliere le opportunità di un bando, che interpreta la tendenza del mercato globale e riconosce nella ricerca scientifica la chiave di volta del successo aziendale, risulta di vitale importanza. La Regione Veneto, solitamente, intende favorire la collaborazione e l aggregazione tra imprese, incentivare ricerca scientifica e tecnologica, sollecitare l avvio di processi di innovazione di prodotto, processo e organizzativa all interno delle filiere produttive. AL VIA LA RENDICONTAZIONE INFORMATIZZATA Circa di euro dalla Regione Veneto Cambiamenti in atto per la presentazione delle domande di progetto a sostegno dell innovazione dei distretti produttivi: applicativo informatico per il preventivo di spesa, parere di congruità del rappresentante il Patto di Sviluppo entro 15 giorni e on-line anche la rendicontazione delle spese entro 60 giorni dalla chiusura del progetto. I vantaggi? Verifica immediata della documentazione integrativa, eliminazione delle precedenti cause di non ammissibilità per vizi formali e conclusione dell istruttoria entro 120 giorni dalla data del protocollo. All interno di una sezione riservata del sito dei distretti veneti, il beneficiario verrà guidato nella compilazione on-line della domanda di progetto e nella rendicontazione delle spese, impedendo l inserimento di dati non compatibili con le prescrizioni previste dal bando. Alla registrazione Qualità e innovazione per crescere, competere e creare valore: si può, ma solo attraverso una formazione professionale adeguata. E proprio questa la filosofia che ha delineato il corso Stile & Design dell occhiale, conclusosi sabato 14 giugno nel centro Cosmo di Pieve di Cadore con la presentazione dei progetti dei corsisti. Il percorso formativo, realizzato con la collaborazione di Anfao, Camera di Commercio di Belluno, Provincia di Belluno, la Comunità Montana Centro Cadore, Assindustria Belluno e Fondazione per l Università e Alta Cultura Belluno ha riscosso un notevole interesse tanto che l Area Formazione di Certottica sta già predisponendo una nuova edizione per l autunno. Il corso ha avuto e avrà l obiettivo di incrementare la competitività delle aziende attraverso soluzioni tecnologiche innovative abilitanti il business e due elementi fondamentali, esclusività e qualità. Il programma ha compreso lezioni di storia dell arte, progettazione, disegno professionale, materiali, ma anche settori più particolari come colori e forme, la nel data base regionale dovrà seguire l invio cartaceo dei documenti elencati negli allegati del bando. All inizio del mese di maggio, vigilia dell uscita del bando 2008 sulla Legge Regionale 8/2003 Disciplina delle aggregazioni di filiera dei distretti produttivi ed interventi di sviluppo industriale e produttivo locale, sono state presenta- STILE E DESIGN DELL OCCHIALE UN PERCORSO DI SUCCESSO Foto di gruppo per l evento finale del corso Valter Da Rin Continua a pag. 3 creatività, stile e design per l azienda e il mercato, ideazione del processo creativo e un analisi che partendo dallo sketch arrivando fino all idea illustrata. Sembra, insomma, la formula giusta per riavviare un trend positivo nel comparto dell occhialeria: un prodotto di qualità ed esclusivo, perché unico, può rappresentare l arma vincente per raggiungere il successo e affermarsi sul mercato. In più, l occhiale bellunese ha una storia lunga ben 130 anni da raccontare. All evento conclusivo hanno partecipato il sindaco di Pieve di Cadore Maria Antonia Ciotti, il presidente di Sipao Valter Da Rin, l assessore provinciale alle Politiche del lavoro Daniela Larese Filon, il presidente Appia Belluno/Sezione occhialeria Franco Brunello, il presidente Associazione Nazionale Produttori Occhiali di Confartigianato Tiziano De Toffol, il rappresentate del Distretto dell Occhiale Renato Sopracolle e il direttore generale di Certottica Luigino Boito.

2 PAGINA 2 GIUGNO 2008 N. 2 CERTOTTICA E MIDO, UN BINOMIO CONTRO LA CONTRAFFAZIONE I controlli Durante Mido la Guardia di Finanza ha effettuato controlli a tappeto. Continua da pag. 1 torare le materie prime che possono essere potenzialmente dannose o allergeniche. Poter monitorare il prodotto finito che viene immesso sul mercato si traduce in controllo del prodotto finale garantendo sicurezza e qualità: questa logica è lontana da quella che sottende i prodotti contraffatti, che posso risultare anche nocivi alla salute. MIDO, LA FIERA PIÙ GLAMOUR E IMPORTANTE DELL OCCHIALERIA Certottica ha partecipato alla fiera internazionale dell occhialeria appena conclusasi a Milano Sono arrivati da tutto il mondo, l appuntamento è di quelli importanti. Dopo mesi di intensa preparazione la Mostra Internazionale di Ottica, optometria e oftalmologia, più semplicemente MIDO, ha aperto le sue porte dal 9 al 12 maggio. E la magia subito ha avvolto il visitatore, con oltre metri quadrati espositivi, in più rispetto all anno prima, e espositori non poteva che essere così. Perché i giorni di MIDO, arrivata alla 38 edizione, sono pochi ma effervescenti. E in questa piccola dimensione temporale, dilatata in una grande dimensione spaziale, i brand più in vista hanno dato il meglio di sé. MIDO ha richiamato visitatori, interessati e curiosi: annusare l aria che tira alla fiera più in dell occhiale non solo permette di carpire e soddisfare le richieste di un consumatore sempre più esigente e modaiolo, ma anche di essere informati sulle ultimissime novità tecnologiche e di design. L alchimia delle collezioni di occhiali, gli allestimenti particolarmente suggestivi e le scenografie fantastiche della fiera hanno saputo catturare anche il visitatore più distratto. Perché l occhiale non è più soltanto un dispositivo medico, ma un oggetto cult che parla di noi. Ne è testimonianza la letteratura cinematografica, che ha saputo tracciare le evoluzioni di questo incredibile oggetto. L occhiale ha, infatti, evidenziato uno stretto legame tra la sua forma e i caratteri dei personaggi che li hanno indossati, trovandosi a comunicare di volta in volta la timidezza, l introversione, l infelicità oppure la stravaganza, l espansività, il mistero, il fascino. Insomma, un vero e proprio Conferenza stampa Il Cav. del Lavoro Vittorio Tabacchi nella conferenza d apertura alla fiera. L andamento del mercato. Il dopo Mido impone un bilancio sull andamento dell occhialeria. A Milano, in occasione della fiera che ha raggiunto quota visitatori, il presidente di Anfao e Mido Vittorio Tabacchi ha illustrato i dati economici dell occhialeria del primo trimestre 2008 che segue il rallentamento degli ultimi mesi del L anno scorso il fatturato dell occhialeria italiana è stato di 2,8 miliardi di euro, l 11% in più rispetto al 2006, racconto a cavallo del naso. Anche questo è un aspetto fondamentale dell occhiale che non ha semplicemente subìto la storia ma l ha scritta. Aria cosmopolita, aria internazionale. MIDO raccoglie l eccellenza dell industria mondiale dell occhiale che si riversa ogni anno nella metropoli milanese presentando il meglio di sé. C era tutto il mondo, e c era pure l Italia con il suo inconfondibile design, che si traduce in una riuscitissima combinazione originale tra gusto estetico e saperi artigianali a cui, oggi, si aggiungono innovazione e ricerca tecnologia. E c erano anche 33 aziende bellunesi che hanno partecipato in collettiva all evento fieristico più importante: è il Distretto dell occhiale. Le collezioni hanno rapito i visitatori, è il caso di dirlo, a colpo d occhio! I modelli di Tom Ford, prodotti da Marcolin e presentati a MIDO, sono stato un vero inno al lusso, con forme avvolgenti, colorate, con richiamo ai mitici anni 60. Cosa dire della multinazionale Luxottica che ha occupato uno spazio espositivo grandissimo, come a confermare la sua leadership nel settore: Chanel, Ray-Ba, Prada, Miu Miu, Persol, Dolce & Gabbana, Certottica Il Presidente di Certottica Floriano Pra presente a Mido trainato dall export che vale l 83% del totale. Vale la pena prendere in considerazione i numeri delle aziende (fonte Il Sole 24 Ore) che si contendono il mercato degli occhiali griffati di fascia alta: Luxottica, Safilo, De Rigo, Marcolin, Allison, a cui si aggiungono Visibilia, Vidi- Vici e Sover. Luxottica, che conta nel proprio portafoglio clienti 19 marchi, nel 2007 ha registrato una redditività pari al 23,5% del fatturato, mentre Safilo, con 30 marchi, si è fermata al solo per citare qualche d una delle griffe che si affidano al colosso agordino. Non poteva mancare Safilo, con le sue prestigiose griffe: dall eleganza di Valentino alle virate avveniristiche di Dior, ai modelli giovani di Alexander McQeen fino al carattere più sportivo dei modelli Max&Co.. Occhiali da favola insomma, come lo sono le sperimentazioni artistiche di Etrò che fa riferimento a un altra nota azienda bellunese, la De Rigo. Ma la costellazione delle occhialerie non comincia e finisce con i big, ma continua con le piccole e medie imprese la cui produzione è altrettanto raffinata. Brillano di luce propria, infatti, le aziende bellunesi che da sempre confezionano un prodotto ammiccante e dalla manifattura di pregio: il La fiera Mido 2008 ha richiamato un numero record di visitatori, ben ,7%. De Rigo, al terzo posto nella classifica dei ricavi, ha reso noti i risultati del 2007: 582,2 milioni di fatturato (+ 4,6% rispetto al 2006), un margine operativo lordo salito dell 11% ma con un utile netto sceso da 24,2 a 14,1 milioni a causa dell impatto fiscale. Nel complesso le cinque maggiori aziende, nell ultimo anno, hanno visto salire i ricavi del 6,3% mentre la redditività ha subito un balzo avanti con un + 20,5%. Distretto dell Occhiale è una presenza costante della MIDO, dove porta sempre una lunga tradizione che dura da 130 anni e non ha ancora smesso di crescere. Gli occhiali prodotti fra le Dolomiti bellunesi sono presenti in tutto il mondo, riconosciuti per l alta qualità, la ricerca sui nuovi materiali e il design. Non a caso sarà un azienda bellunese, la Sover, a realizzare per Freddy un modello di occhiale da sole unisex, che la delegazione italiana indosserà ai Giochi Olimpici del 2008 a Pechino. Tra le bellunesi anche Silcon Plastic che opera ormai da lungo tempo nell ambito della componentistica per occhiali, lavorando per le maggiori aziende del settore e garantendo al cliente alta flessibilità e competenze tecniche. La cadorina Trevi Coliseum ha portato a MIDO un campionario super aggiornato, con una serie di modelli in acetato arricchiti da pietre. Hanno ispirato simpatia i coloratissimi modelli di Lilliput, che Trenti produce e dedica ai consumatori più piccoli: si tratta, infatti, di una produzione interamente studiata a misura di bambino, con particolare cura ai materiali che hanno dato vita a montature alla moda che si adattano alla morfologia del viso del bambino di qualsiasi età. Fedon, invece, ha presentato a Mido 2008 la nuova collezione Funny, sintesi della creatività e dello spirito innovatore che da sempre contraddistinguono l azienda. Nuovi modelli e nuovi soggetti che interpretano al meglio il desiderio di rendere il portaocchiali un accessorio versatile e funzionale, ideale per racchiudere i propri occhiali con una nota di originalità.

3 GIUGNO 2008 N. 2 PAGINA 3 AL VIA LA RENDICONTAZIONE INFORMATIZZATA Continua da pag. 1 te alla Consulta dei distretti e metadistretti produttivi del Veneto le maggiori novità, che le imprese dovranno affrontare per la presentazione e la gestione dei progetti. La Regione Veneto annuncia 6 milioni di euro per l esercizio finanziario 2008 da aggiungere ad oltre 4,5 milioni di euro GLI OCCHIALI A CONVEGNO Primo e unico convegno dedicato agli occhiali in italia In occasione del 130 anniversario della fondazione della prima fabbrica di occhiali in Italia (Calalzo di Cadore 1878), il Museo dell Occhiale organizza un Convegno dedicato ad un oggetto protagonista della nostra quotidianità. Gli occhiali a convegno Il convegno degli occhiali si terrà presso la sala congressuale del palazzo COS.MO in via Arsenale 15 a Pieve di Cadore (BL) nelle giornate del settembre Tavola rotonda, lettura magistrale, tre sessioni di lavoro dedicate interamente a lenti, occhiali e loro problematiche La prima giornata sarà aperta al pubblico ed offrirà curiosità, storia, letteratura e video dedicati agli occhiali. Le giornate di domenica e lunedì, rivolte agli ottici, saranno accreditate ECM dall associazione Sopti e prevedono: una Lettura concessi con Decreto ministeriale per il finanziamento di circa 80 progetti suddivisi tra distretti e metadistretti da presentare su cinque misure: - 2a: progetti di innovazione e ricerca rivolti allo sviluppo di prodotto o processo; - 2b: progetti di sviluppo tecnologico per la realizzazione di prototipi; - 2c: trasferimento tecnologico per applicazioni produttive; - 9: realizzazione di opere strutturali direttamente funzionali al sistema produttivo o al miglioramento e risanamento ambientale del territorio e delle aree produttive incluse nel sistema produttivo locale, con la non esclusione di realizzazioni di sedi distrettuali; - 11: riconversione del ciclo produttivo ed interventi rivolti Magistrale su Occhiali, occhialeria, ottica oftalmica: dati e prospettive ed una Tavola rotonda sui 130 anni dalla fondazione della prima fabbrica. Ritrovo degli studenti di ottica e optometria Per la serata del 27 settembre è previsto un incontro degli ex studenti delle scuole d ottica ed optometria del Cadore. Per informazioni relative ai costi di partecipazione ed iscrizioni contattare la Segreteria Organizzativa nella persona di Silvia Agnoli: tel: fax: al risparmio energetico e/o all applicazione di sistemi energetici puliti e/o rinnovabili. Per maggiori informazioni rivolgersi alla Direzione Sviluppo Economico Ricerca e Innovazione della Regione Veneto, Ufficio Distretti Produttivi Telefono ( ) news - novità bando INNOVAZIONE, LA REGIONE EROGA RISORSE Arrivano nuovi finanziamenti per la ricerca scientifica a sostegno dell imprenditoria Impulso a ricerca e innovazione per dare nuovo stimolo al mondo della piccola e media impresa: la Regione Veneto stanzierà euro attraverso una legge (L.R. 18 maggio 2007, n. 9 - BUR n. 47/2007) studiata su misura per dare nuovo slancio all economia regionale. Tra gli intenti della Regione Veneto, contenuti nel testo della Legge 9, spicca la volontà di favorire la collaborazione e l aggregazione tra imprese così da intessere una ragnatela industriale coesa: l obiettivo è creare un economia locale/regionale forte in grado di competere sul mercato globale. Essenziale per promuovere lo sviluppo economico è la ricerca scientifica: crescita economica e innovazione costituiscono, infatti, un connubio indissolubile. Si tratta d incentivare la ricerca scientifica e tecnologica che, deve affiancare il trasferimento di conoscenze tecnologiche. L orientamento della Regione Veneto è indirizzato all avvio di processi d innovazione dei prodotti, dei processi per alimentare la competitività del sistema economico veneto e, inoltre, è mirato a favorire la diffusione di conoscenze. Il bando uscirà a settembre. BANDO DI CONCORSO: IL DESIGN COME TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Fino ad agosto è aperto il bando della Camera di Commercio di Torino per laureati La proprietà intellettuale nella società contemporanea. Questo il tema proposto per la quinta edizione del Premio per Tesi di laurea bandito dalla Camera di Commercio di Torino e dedicato a Giuseppe De Maria, già vicepresidente dell ente. Il bando di concorso può interessare anche i laureati bellunesi di tutte le Facoltà di ogni Ateneo nazionale che abbiano conseguito il Diploma di Laurea di secondo livello tra il 1/01/2007 e il 30/07/2008 con valutazione di almeno 100/110. Si tratta di un opportunità interessante anche per chi a seguito il percorso formativo Stile e design dell occhiale, indirizzato alla creatività aziendale, proposto da Certottica. Vediamo, in breve, di che cosa si tratta. Per ulteriori informazioni si rimanda alla Camera di Commercio di Torino. Il progetto. La Camera di Commercio di Torino, da quattro anni ormai, è impegnata in un cammino di valorizzazione della ricerca premiando gli studi e le ricerche più brillanti che provengono dagli atenei di tutta Italia. Sulla base del notevole successo riscosso dalle quattro edizioni precedenti, l ente camerale ha avviato anche l edizione 2008 che sarà dedicata alla proprietà intellettuale nella società contemporanea. Il premio è indirizzato all approfondimento delle tematiche relative al design inteso come creatività e strumento di tutela e valorizzazione della proprietà intellettuale, al diritto industriale, al diritto d autore, e alla gestione dei creative assest dell impresa. Il concorso è diviso in tre categorie, giuridica, economica, tecnica, distinte in base alle angolazioni teoriche con le quali gli argomenti vengono trattati. A chi è rivolto. Sono ammessi a partecipare i laureati di tutte le Facoltà di ogni Ateneo italiano che abbia conseguito il Diploma di laurea di secondo livello tra il 1/01/2007 e il 30/07/2008 con una votazione di almeno 100/110 ad esclusione di quanti abbiano già partecipato ad analoghi premi banditi dal sistema camerale. E prevista l assegnazione di tre premi per gli elaborati più meritevoli: 1 premio = Euro; 2 premio = 1.500; 3 premio = Ogni candidato che intenda partecipare dovrà inviare entro l 11 agosto 2008 tutto il materiale dalla Camera di Commercio di Torino. UN SERVIZIO FOTOGRAFICO IN INDIA PER PROMUOVERE IL MADE IN ITALY L ICE a fianco di Vogue India per incentivare l export delle aziende italiane, tra cui le occhialerie Un viaggio in Oriente per promuovere la moda Made in Italy. Di cosa si tratta? Di un iniziativa messa a punto dall Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE) e la celebre rivista Vogue India che vede protagonista la moda del Made in Italy in uno speciale di ben 16 pagine. E per moda si intendono i settori dell abbigliamento uomo/donna e accessori, pelletteria, calzature, gioielleria, occhialeria e cosmetica: un occasione da non perdere, soprattutto, perché la promozione è gratuita. Lo speciale consiste in un servizio fotografico dedicato ai prodotti italiani: le fotografie saranno scattate in Italia, in una località di forte suggestione e grande interesse storico, al momento ancora in fase di definizione. Vogue India curerà con il proprio staff lo styling dello speciale: l ultima pagina sarà dedicata al Where to buy con l indicazione di dove è possibile acquistare i prodotti presentati nell inserto, che uscirà il mese di settembre Partecipare all iniziativa non richiede alcun esborso economico da parte delle aziende, che dovranno unicamente farsi carico delle spese di spedizione e assicurazione dei prodotti in una location italiana che sarà comunicata successivamente. Saranno a costo delle aziende anche i costi per la restituzione dei prodotti a conclusione della realizzazione del servizio fotografico. Per informazioni relative alle modalità di partecipazione contattare l Istituto nazionale per il Commercio Estero: Rossana Ciraolo tel fax Astrid Galimberti, direttore generale di Anfao, ha espresso un ringraziamento speciale per l impegno di Certottica che, durante i frenetici giorni di Mido, ha ospitato la quinta classe dell Istituto Bernini di Napoli. Da parte loro, ragazzi e insegnanti hanno manifestato soddisfazione per le lezioni dei ricercatori di Certottica, che hanno permesso loro di approfondire nozioni teoriche funzionali al percorso formativo degli operatori che si affacciano nel mondo dell ottica.

4 PAGINA 4 GIUGNO 2008 N. 2 FORMAZIONE CERTOTTICA PROMUOVE LA FORMAZIONE DALLA A ALLA Z Sono undici i progetti che l istituto presenterà a valere sul fondo Sociale Europeo Temi emergenti e soluzioni innovative, Certottica punta su un offerta formativa basata sulle reali esigenze del mondo del lavoro. Progetti monoaziendali per soddisfare i bisogni di una sola impresa oppure progetti interaziendali realizzati per almeno due aziende, queste le tipologie dei corsi, dedicati agli occupati in diversi distretti, che partiranno in autunno. L Area Formazione di Certottica è, perciò, in gran fermento per sbrigare il cammino burocratico prima della chiusura del bando (DGR 1009/08 occupati): Certottica presenterà ben undici progetti, finanziati dal Fondo Sociale Europeo per un totale di 2000 ore. Il Fondo Sociale Europeo permette anche di finanziare progetti orientati alla formazione di persone disoccupate (DGR 1010/08 disoccupati): Nell ambito della formazione indirizzata a persone occupate, Certottica organizza programmi mirati a stimolare processi di innovazione integrata all interno dell azienda. Come per l utenza disoccupata così anche per quella occupata, la Regione Veneto ha stabilito l apertura dei termini per la presentazione di progetti formativi a valere sul Fondo Sociale Europeo. Le aziende coinvolte sono state chiamate a formalizzare l adesione alle attività previste per l autunno 2008 partecipando, fin dall inizio, alla definizione dei contenuti dei corsi. Si tratta di un opportunità importante per le imprese, che possono programmare la formazione del personale avvalendosi della professionalità di Certottica, accreditata dalla Regione Veneto per la progettazione, gestione e rendicontazione delle attività del Fondo Sociale Europeo. I progetti. L Area Formazione di Certottica sta lavorando sodo: il 23 giugno chiude il bando (DGR 1009/08 occupati) e si tratta di definire gli ultimi dettagli burocratici. Nell ambito della formazione per occupati Certottica ha proposto alle aziende interventi che riguardano l innovazione tecnologica e organizzativa, l impulso alla ricerca e allo sviluppo tecnologico del sistema d impresa, l internazionalizzazione d impresa. I corsi che si stanno delineando riguardano due ambiti, vale a dire la progettazione 2D e 3D (utilizzando i software Rhinoceros 4.0, Catia V5, CimatronE 8.0, Autocad 2008, Pro/E) e la progettazione grafica (disegnare in vettoriale, elaborare le immagini, finalizzare un progetto per una stampa professionale). Vediamo, in particolare, l importanza dei vari software. CimatronE Master è la soluzione Cad/Cam completa e integrata nel settore industriale degli stampi: comprende tutti gli strumenti indispensabili per la realizzazione di uno stampo e soddisfa tutte le aspettative in ogni stadio del ciclo di sviluppo e produzione dello stampo. CimatronE copre le fasi del processo senza richiedere alcuna conversione dei dati. AutoCAD Mechanical rappresenta la versione Auto- Cad per il settore manifatturiero: esso è stato concepito per accelerare il processo di progettazione meccanica. Offre vantaggi in termini di produttività rispetto al software AutoCad di base e consente di risparmiare tempo nella fase di progettazione. Autodesk Inventor mette a disposizione una serie completa di strumenti per la produzione, convalida e documentazione di prototipi digitali completi. Il modello di Inventor è un prototipo digitale 3D che consente di visualizzare, simulare e analizzare il funzionamento dei progetti in condizioni reali prima dell effettiva realizzazione di parti o prodotti. Pro/Engineer (soluzione integrata CAD/CAM/CAE integrata) è lo standard nella progettazione di prodotti 3D. Esso consente una rapidità di progettazione senza precedenti e garantendo elevati standard di innovazione e qualità per la creazione di prodotti eccezionali. Catia V5 è un opportunità che Certottica, attenta da sempre alle problematiche territoriali, non si è lasciata sfuggire. Sono due i percorsi per disoccupati a cui l Area Formazione sta dando forma in base alle necessità espresse dalle aziende: si tratta di valutare la situazione complessiva del mercato e di fornire una formazione adeguata. Certottica e la sua Area Formazione. In primo luogo è necessario inquadrare le potenzialità dell Area Formazione di Certottica in modo tale da comprendere appieno l offerta formativa e, in particolare, spiegare l estensione dei corsi ad altri distretti oltre a quello dell occhiale. Lo statuto della società, che non ha scopo di lucro, prevede lo svolgimento di attività anche slegate dai prodotti ottici. Un passaggio formale che permette così di creare nuovi rami d azienda oppure realizzare laboratori, stipulare convenzioni con soggetti appartenenti ad altri settori industriali. L obiettivo primario resta la formazione di figure professionali o l inserimento di inoccupati nel mondo del lavoro. Accanto a queste possibilità, che consentono a Certottica interessanti incursioni in comparti diversi da quello dell occhialeria, bisogna anche tener conto di alcune qualifiche importanti che fanno della sua Area Formazione un eccellenza regionale. L istituto di Longarone, infatti, è accreditato dalla Regione Veneto nell ambito della formazione continua per la riqualificazione e l aggiornamento del personale occupato e della formazione superiore rivolta a diplomati e neolaureati. E anche ammesso al Catalogo Regionale per la formazione continua individuale e aziendale, rivolta agli occupati (lavoratori dipendenti e/o liberi professionisti), ai quali fornisce corsi di aggiornamento e riqualificazione inerenti gli aspetti tecnico/innovativi di gestione dei vari segmenti della filiera. Non solo. La qualità dei corsi, proposti da Certottica, è garantita dalla certificazione UNI EN ISO 9001:2000. L Area Formazione, inoltre, collabora con organismi istituzionali e privati, nazionali e comunitari per realizzare progetti di formazione-lavoro, indirizzati agli operatori socio-economici degli Stati Membri dell Unione Europea. Si tratta di rapporti e qualifiche che fanno dell Area Formazione di Certottica uno dei poli didattico/formativi più competenti di tutto il Veneto. Lo scopo dei progetti. Scopo dei progetti è offrire percorsi aggiornati e focalizzati sulle questioni più rilevanti per il mondo del lavoro: per garantire un elevata professionalità della figura lavorativa ma anche per individuare i percorsi e le soluzioni più adatti per ogni realtà economica. Diverse le tematiche da affrontare nei vari percorsi formativi di una suite integrata di applicazioni software che coprono tutti gli aspetti della progettazione di prodotto fornendo le funzionalità necessarie per la progettazione collaborativi di prodotti e l integrazione trasparente a supporto dei processi aziendali. Rhinoceros è un programma di disegno CAD 3D per la modellazione di superfici free-form, basato sul concetto matematico Non Uniform Rational B-Splines (NURBS) che combina insieme le geometrie 2D e 3D. Il programma unisce l accuratezza dei sistemi CAD e la flessibilità della tecnologia basata sulla modellazione a spline: Rhinoceros è la risposta all esigenza di creare forme in spazi liberi con la massima precisione. Atos è una tecnologia che si basa su un sistema di scansione a tecnologia ottica e consente di digitalizzare, senza contatto, oggetti topologicamente complessi e di piccole dimensioni: si tratta di un principio simile a quello utilizzato dal nostro sistema visivo che ci permette di cogliere la tridimensionalità del mondo che ci circonda. I principali punti di forza di questo sistema sono flessibilità e capacità di digitalizzare con precisione oggetti con superfici dettagliate e velocità di acquisizione. Certottica: dai temi che interessano le energie rinnovabili, lo stile & design in campo industriale e altri argomenti. Affidandosi a Certottica le aziende gestiscono il personale per fornire a ciascun professionista gli strumenti più idonei a risolvere correttamente i problemi di gestione quotidiana delle tematiche del lavoro, perché l Area Formazione è in grado di fornire una vera e propria proposta strutturata di formazione continua e di arricchimento della professionalità - intesa in senso stretto come capacità di fare. Nello specifico, per incrementare la competitività delle imprese e le capacità di adattamento dei lavoratori, l Area Formazione di Certottica è impegnata a valutare le tematiche dei corsi direttamente con le aziende del sistema produttivo regionale. I percorsi formativi sono gratuiti perché finanziati dalla Regione Veneto e dal Fondo Sociale Europeo. FORMAZIONE PROFESSIONALE PER OCCUPATI Certottica sta predisponendo corsi gratutiti, finanziati dalla Regione Veneto e dal Fondo Sociale Europeo, a favore delle aziende Già da questi brevi cenni emerge con evidenza l importanza dei corsi messi a punto dalla Area Formazione di Certottica: si tratta di un opportunità per le imprese, in particolare le PMI, che non dispongono di tali strumenti e possono rivolgersi a Certottica per formare il proprio personale. Da ricordare anche che i corsi sono gratuiti in quanto finanziati dalla Regione Veneto e dal Fondo Sociale Europeo. Su specifici input, Certottica sta progettando interventi formativi anche negli ambiti della gestione aziendale e del marketing.

5 GIUGNO 2008 N. 2 PAGINA 5 FORMAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI Sono due i progetti proposti da Certottica orientati a creare figure professionali competenti Nell ambito della formazione indirizzata a persone disoccupate Certottica, in accordo con le aziende, sta mettendo a punto due progetti con la finalità di creare posti di lavoro e figure professionali competenti, nello spirito che sottende il Fondo Sociale Europeo e il bando stesso della Regione Veneto. Ricordiamo che Certottica è accreditata dalla Regione Veneto per la progettazione, gestione e rendicontazione delle attività del Fondo Sociale Europeo. I progetti. I positivi incontri tra Certottica e Assindustria Sezione Costruttori Edili-ANCE Belluno stanno delineando i contorni di un percorso formativo molto interessante. Grazie ad Assindustria che ha indicato le problematiche del mondo edile, l ente di formazione sta lavorando a un progetto formativo chiamato Assistente alla direzione lavori di cantiere edile. Si tratta di un profilo professionale attualmente di difficile reperimento sul mercato del lavoro e rispondente al fabbisogno espresso dalle imprese edili del territorio. L Area Formazione di Certottica, per la preparazione del corso, si baserà su studi e dati riguardanti l andamento del settore edilizio in provincia di Belluno e il relativo fabbisogno occupazionale proprio per garantire una progetta- Interessante decisione del Tribunale di Brescia sulla complessa questione del made in intervenuta proprio nel settore dell occhialeria. Questo il caso. Nel novembre 2006 la Circoscrizione Doganale di Brescia (Sezione Doganale Aeroporto di Montichiari ) procedeva ad effettuare ex art. 354 c.p.p. un sequestro di n. 16 cartoni di merce (di cui n. 8 contenenti n. 945 occhiali da sole e n. 8 contenenti 1915 montature per occhiali) e di n. 1 cartone contenente n. 76 occhiali da sole, n. 2 cartoni contenenti parti di montature per occhiali (lenti, astine). Il sequestro avveniva poichè gli involucri di cellophane che contenevano gli occhiali da sole e le montature recavano la dicitura CE X S.P.A. (la X sta per il nome dell azienda) Longarone (BL) ITALY Z.I. Villanova : conseguentemente i verbalizzanti - vista tale etichettatura e preso atto che i beni non erano realizzati in Italia - ravvisavano i presupposti della violazione dell art. 4 della Legge n. 350/2003, sostenendo che tale dicitura appare idonea a trarre in inganno il consumatore sul reale luogo di produzione della merce stessa. Secondo le Dogane infatti - in applicazione della nota Agenzia Dogane n 2704 del 9 agosto 2005 sull art. 4 comma 49 della Legge n. 350/03 ove il fabbricante sia italiano ma la merce non venga realizzata in Italia è necessario inserire una appostata dicitura (ad es. made in con luogo di fabbricazione oppure importato da con il nome dell importatore). In altre parole secondo le Dogane l indirizzo della società Longarone (BL) ITALY Z.I. contenente il termine ITALY senza ulteriori indicazioni circa il luogo di effettiva produzione era atta a violare l art. 517 c.p. richimato dall art. 4 comma 49 legge 350/03. La difesa della società assunta dalla scrivente avv. Silvia Stefanelli del Foro di Bologna e dall avvocato Santini del Foro di Milano chiedeva invece l archiviazione del procedimento penale ed art. 408 c.p.p. in forza delle seguenti argomentazioni giuridiche: la disciplina per la produzione e commercializzazione delle montature, delle lenti oftalmiche e degli occhiali da sole obbliga il fabbricante a indicare sull etichetta il proprio nome ed il proprio indirizzo: cià in forza dell Allegato I punto 13 dir 93/42/CE per lenti e montature; e dell Allegato II punto 1.4 Dir 698/89/CEE per gli occhiali da sole) pertanto l indicazione Longarone ITALY era stata apposta solo ed esclusivamente per ottemperare ai precisi obblighi di legge sopra indicati, senza che sussistesse da parte della stessa azienda nessuna consapevolezza e volontà di commercializzare zione pertinente. Il corso partirà a novembre e terminerà a marzo, queste le linee principali: 732 ore complessive (440 ore lezioni teoriche, 280 ore stage e 12 per l esame finale), frequenza obbligatoria e partecipazione gratuita, numero partecipanti da 10 a 16 (12 potranno usufruire di borsa di studio). Altro percorso formativo è il Sistemi e metodologie di prototipazione e modellazione : un corso sperimentato negli anni scorsi con successo tanto che l edizione 2008 è stata richiesta dalle aziende stesse del settore/distretto occhialeria. L obiettivo del progetto didattico è quello di formare una figura professionale altamente qualificata in grado di supportare le imprese del territorio nei processi di riconversione e innovazione di prodotto e di processo. Il corso forma un profilo DA NAPOLI A LONGARONE PER ESPLORARE IL MONDO DEI PRODOTTI OTTICI Certottica polo attrattivo per l universo ottico, lo conferma la visita dell Istituto Professionale di Ottica Bernini di Napoli guidata dal vicepresidente di Federottica del Centro Italia Luigi De Luca. L istituto di Longarone, che mantiene e intesse rapporti con realtà importanti del mondo dell ottica sia a livello nazionale che internazionale, è stata scelto per la visita studentesca. Ai 21 studenti, che frequentano la classe quinta dell Istituto, sono state aperte le porte dei laboratori di Certottica potendo, così, provare il funzionamento di strumenti per i test di prova. I ricercatori dei laboratori ottico, meccanico e fisico/chimico hanno spiegato in concreto l utilità di certi macchinari, hanno soddisfatto la curiosità dei ragazzi, hanno dato dimostrazione pratica dell importanza del lavoro in laboratorio che rispecchia l altra faccia della medaglia, vale a dire la legislazione che regola i dispositivi medici quali gli occhiali da vista e dispositivi di protezione individuale quali gli occhiali da sole. Questi prodotti devono rispondere a requisiti ben precisi perché contemplano aspetti medicali e di sicurezza. Gli studenti del Bernini hanno, perciò, avuto anche la possibilità di addentrarsi nella complessità legislativa che disciplina la materia ottica. specializzato, dotato di competenze tecniche approfondite e della conoscenza, nonché capacità di utilizzo, delle più aggiornate tecnologie informatiche utilizzate nel campo della prototipazione e modellazione. La presenza di un offerta formativa così qualificante proprio all interno del territorio di riferimento assicura alle imprese la presenza delle risorse professionali necessarie a garantire il turn over tecnico, mentre - dal punto di vista sociale - le possibilità di occupazione garantite da percorsi formativi mirati a sviluppare competenze spendibili nel territorio di competenza contribuiscono ad arginare il fenomeno dello spopolamento delle zone di montagna nelle quali le imprese produttive sono ancora radicate. Sono previste 634 ore complessive (teoria e pratica), durante le quali i partecipanti si cimenteranno nella modellazione geometrica 3D dei prototipi e prodotti industriali, si occuperanno di tecnologia dei materiali di prototipazione, di modellazione virtuale e manuale fino alla creazione di prototipo. Si tratta di alcuni esempi per comprendere la natura del corso. Si informa che i percorsi qui descritti sono in fase di preparazione per cui potranno subire variazioni. IL MADE-IN NEL SETTORE OCCHIALERIA, UN CASO EMBLEMATICO prodotti recanti un indicazione di origine o di provenienza falsa (non corrispondente alla realtà) ovvero fallace (atta a trarre in inganno il consumatore sul reale luogo di produzione della merce stessa) peraltro la giurisprudenza penale maggioritaria intervenuta, anche dopo l entrata in vigore dell art 4 comma 49 della legge 350/ 03, è concorde nel sostenere L articolo 517 del c.p. tutela l origine e la provenienza della merce non tanto da un determinato luogo, bensì da un determinato produttore. L imprenditore industriale può affidare a terzi subfornitori l incarico di produrre materialmente determinati beni sulla base di specifiche istruzioni concordate con l esecutore. Ai sensi degli art. 4 comma 49 legge 24 dicembre 2003, n. 350 e art. 517 c.p., per origine e provenienza del prodotto deve intendersi la provenienza aziendale, cioè la riferibilità ad un imprenditore che assume la responsabilità giuridica, economica e tecnica del processo produttivo. Qualora questi commissioni a terzi la fabbricazione del prodotto, non integra il reato l indicazione della sua ragione e sede sociale. (Cass. pen., Sez. III, 17/02/2005, n ma già prima Cass. Sez. III, 2500/99; Cassazione Penale, Sezione III del 21 ottobre 2004, n e ancora Cass , n ) inoltre la previsione contenuta nella Note Agenzia Dogane n 2704 del 9 agosto 2005 (sopra richiamata) non può configurare un obbligo di legge la cui mancata ottemperanza comporti la violazione dell art. 517 c.p. infatti la stessa nota non è mai stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale, ma è solo apparsa sul sito web dell Agenzia delle Entrate costituiva solo un chiarimento ed interpretazione in merito ad alcuni possibili quesiti di applicazione normativa, diffusi tra alcune Direzioni generali delle agenzie delle Dogane e quindi non conoscibili attraverso l ordinaria diligenza e attraverso la corretta utilizzazione dei mezzi di informazione, di indagine e di ricerca, di cui può disporre una società peraltro secondo la giurisprudenza la pubblicazione on-line non può configurare pubblicità legale (Tar Lombardia Brescia, 3 giugno 2004 n. 613) conseguentemente nel caso di specie ricorreva un inevitabile ignoranza di un precetto che costituisce comunque causa di esclusione di responsabilità in capo alla condotta della azienda per mancanza dell elemento soggettivo in capo alla stessa società indagata (Cass. pen., Sez. I, 18/12/2003, n.25912) infine la previsione di indicazione del luogo di produzione dei beni (obbligo che sembra essere stato introdotto indirettamente e parzialmente dalla suddetta Nota Agenzia delle Dogane n del 9 agosto 2005) potrebbe configurare una limitazione alla libera circolazione delle merci (CGCE 25 aprile 1985 Commissione Comunità Europee contro Regni Unito di gran Bretagna e d Irlanda settentrionale Causa 207/83 - Misure effetto equivalente: indicazione di Origine) Il GIP del Tribunale di Brescia, accogliendo le indicazioni del PM, con la decisione 13 settembre 2007 ha disposto l archiviazione del procedimento penale con la seguente argomentazione: alla luce delle considerazioni svolte nella memoria difensiva e della giurisprudenza in essa richiamata deve escludersi che le indicazioni apposte sulla merce importata fossero idonee a trarre in inganno sull origine e provenienza della merce stessa; in ogni caso la complessa normativa che riguarda le indicazioni da apporre su tale tipo di prodotti consente di escludere la sussistenza del dolo in capo all importatore. Avvocato Silvia Stefanelli

6 PAGINA 6 GIUGNO 2008 N. 2 LA PERFORMANCE DEL UN ANNO BRILLANTE PER CERTOTTICA I ricavi dell Istituto di Longarone crescono del 13% rispetto all anno precedente In aumento il trend di Certottica che chiude il 2007 con un fatturato pari a euro registrando un aumento del 13% sull anno precedente, in cui il fatturato si è fermato a euro. L utile del 2007 è pari euro: un ottimo risultato per la società consortile senza scopo di lucro. Il 2007 è stato un anno segnato da importanti obiettivi e da grandi svolte strategiche spiega Floriano Pra, presidente di Certottica e Dolomiticert Certottica si conferma tra i migliori enti di certificazione, ricerca, formazione sul panorama nazionale. Bene anche l attività di normazione, che si sviluppa all interno di enti e organismi di normazione nazionali e internazionali esplicandosi nella redazione ed emanazione di norme e specificazioni tecniche contenenti requisiti di qualità, caratteristiche e raccomandazioni d uso per qualunque oggetto passibile di scambio e per qualunque attività connessa alla sua produzione, messa in opera e commercializzazione. A segnare l andamento positivo sono, in particolare, i test di prova e la certificazione di prodotto: basti pensare che per queste attività il fatturato del 2007, pari a euro, è cresciuto del 2% rispetto al 2006 ( euro) e addirittura del 5% rispetto a quanto ci si aspettava per il Interessante, in proposito, è la suddivisione geografica della clientela: l attività nazionale resta l attività principale dell istituto coprendo il 75% del fatturato totale, seguono l Europa (16%) e gli Usa (2%). L attività di certificazione e qualità di Certottica rappresenta la voce più significativa del bilancio commenta Floriano Pra le commesse sono aumentate del 29%, così come i rapporti di prova (+33%) e gli attestati di certificazione (+65%). Accanto al portafoglio-clienti ormai consolidato, si registra una nuova categoria di clientela, costituita da aziende di natura esclusivamente commerciale che devono garantire la conformità CE di prodotti importati, attività sempre più monitorata dall Agenzia delle Dogane. Intense anche formazione, normazione e ricerca, le altre aree che costituiscono la struttura interna dell istituto. Il laboratorio di Certottica è in costante fermento: stiamo preparando progetti scientifici, in ambito Interreg, orientati all innovazione nel campo delle energie rinnovabili e abbiamo raggiunto ottimi risultati sul piano delle sperimentazioni effettuate in laboratorio che interessano i settori orafo e dell occhialeria. Nel 2007 si è anche concluso un importante progetto, denominato P90, proprio confezionato su misura per il distretto dell occhiale: il lavoro, commissionato da Ibes, rappresenta un input per il rilancio dell occhialeria bellunese attraverso la certificazione della qualità del prodotto ottico. I risultati del progetto sono stati pubblicati sul sito: La certificazione è sinonimo di sicurezza e qualità conclude il presidente di Certottica e Dolomiticert non soltanto per i prodotti ottici. Rappresenta la strada per tutelare l economia italiana dalle aggressioni della concorrenza estera. MATERIALI TECNOLOGICI DA NEW YORK A CERTOTTICA TUTTE LE NOVITÀ CERTOTTICA SEGNALA Silmo 2008, Mondial de l Optique, rappresenta dopo Mido un altro appuntamento importante per gli operatori del comparto occhialeria: l evento si snoderà tra il 30 ottobre e il 2 novembre a Parigi. Silmo rappresenta una piattaforma d affari e di scoperta del settore ottico-occhialeria, con circa mille espositori internazionali che presentano novità e innovazione. Arrivano da New York i materiali supertecnologici custoditi nell archivio fisico e informatico di Certottica. L istituto di Longarone, per essere sempre al passo con i tempi e sostenere le aziende, acquista i materiali dall azienda americana Material ConneXion. Material ConneXion rappresenta il più grande centro di documentazione e ricerca sui materiali innovativi. Fondato nel 1997, ha raccolto nella Library, la libreria dei materiali, la selezione di oltre materiali e processi produttivi innovativi, provenienti da tutto il mondo. Mensilmente una giuria internazionale e interdisciplinare seleziona i nuovi materiali con cui arricchire la Library. I materiali sono divisi in otto categorie, vale a dire polimeri, metalli, vetri, ceramici, materiali a base di carbonio, materiali a base di cemento, materiali naturali e derivati dai materiali naturali. Si tratta, perciò, di un importante collaborazione tra Certottica e l americana Material ConneXion, per avere il meglio dei materiali e portali a Longarone. L istituto di certificazione di prodotti ottici, sempre attento all evoluzione del settore dell occhialeria, ha realizzato la biblioteca dei materiali affinché le aziende possono contare su un campionario sempre aggiornato e sviluppare la ricerca. I materiali, accompagnati da scheda tecnica, sono disponibili al tatto, all olfatto, possono essere manipolati liberando, così, la fantasia industriale. Tra gli ultimi arrivi fibre naturali, altri polimeri plastici (granuli termoplastici) e, soprattutto, un interessante materiale biodegradabile per la realizzazione iniziale di suole per scarpe e dal futuro molto promettente anche in altre applicazioni. E anche possibile trovare materiali, come ad esempio tessuti utilizzati nel settore sportivo, da impiegare in ambiti diversi dal settore occhialeria. Per sperimentare, quindi, o per saperne di più sulle caratteristiche tecniche di nuovi materiali è possibile consultare l archivio fisico e informatico che Certottica ha realizzato proprio a Longarone. Le aziende hanno a disposizione una banca dati che conta circa 300 tipi di materiale. Consorzio Comunicazione Vista riunisce le principali aziende produttrici di lenti oftalmiche e Mido, opera sotto l egida della Commissione Difesa Vista con la collaborazione di Anfao, Assogruppi Ottica, Federottica, Aio, Andom. Certottica ve lo segnala perché, attraverso la comunicazione, diffonde agli utenti finali informazioni utili nell orientamento e scelta di prodotti di qualità nel settore occhialeria. Il CCV ha promosso, nel mese di maggio, il test di efficienza visiva gratuito per gli over 40. Certottica informa che è disponibile il compendio giuridico del settore occhialeria, che raccoglie direttive europee, guide ufficiali dell Unione Europea e dei decreti italiani più rilevanti, fornendo un panorama giuridico completo. CONTRAFFAZIONE, LA PIAGA DEL MADE IN ITALY La contraffazione è la piaga che più fa soffrire il comparto dell occhialeria e compromette il Made in Italy : basti pensare che i prodotti taroccati producono una perdita di circa il 15% del mercato, vale a dire quasi 100 milioni di euro in meno di fatturato per le aziende italiane. Per saperne di più pubblichiamo l intervista a Daniela Macinini, avvocato del Centro Studi Contraffazione di Mido (fonte EyesWay). La contraffazione è in generale un fenomeno molto diffuso, ma al tempo stesso anche sottovalutato. Perché? Perché per troppi anni è stato un fenomeno troppo tollerato. Nelle nostre città e lungo le nostre spiagge assistiamo inermi a vendite massicce di prodotti contraffatti. Ci sono dei sequestri, certo, ma inutile intervenire pompieristicamente a spegnere i numerosi incendi. Le norme esistono. È l applicazione delle stesse che non è mai stata rigorosa. Insomma, per troppi anni si è sottostimato il problema relegandolo come fenomeno che colpiva esclusivamente il lusso e di cui era inutile occuparsi. La contraffazione nell occhialeria: che dimensioni ha il fenomeno? e quali sono i rischi di un occhiale contraffatto? Il fenomeno ha dati davvero allarmanti. Un solo dato per tutti: si stima che la contraffazione rappresenti il 7% del mercato globale. Quanto all occhialeria, i dati delle forze dell ordine (e quindi il dato del solo sequestrato e non quello relativo al fenomeno nel suo complesso) parlano di paia di occhiali sequestrati tra il 2005 e il Nell occhialeria la contraffazione riguarda marchi, brevetti e modelli; si stima che sia responsabile ogni anno della perdita di circa il 15% del mercato del comparto, ovvero quasi 100 milioni di euro di fatturato in meno per le aziende italiane dell occhialeria. Al di là del danno economico, soprattutto però occorre tener presente che spesso un occhiale contraffatto, sia da vista che da sole, è un occhiale di bassissima qualità e che in molti casi può anche risultare poco sicuro per la salute dei consumatori stessi. Un prodotto di scarso livello qualitativo può infatti causare danni, anche gravi, alla salute degli utilizzatori poiché sia la montatura che le lenti sono prive degli standard qualitativi e di sicurezza che un occhiale originale garantisce. Come si combatte la contraffazione? Con una mirata sinergia tra imprese, forze dell ordine, Istituzioni e magistratura: occorre fare squadra. È curioso che l Italia sia l unico paese al mondo ad avere un istituzione governativa esclusivamente dedicata al fenomeno che continua ad osservare, senza agire. E nello specifico il fenomeno della contraffazione in fiera? Si combatte riconoscendone l e- Continua

7 GIUGNO 2008 N. 2 CERTOTTICA SPINGE AL MASSIMO LA RICERCA Il laser permette sperimentazioni interessanti per decorare e combattere la contraffazione PAGINA 7 Rinnovare il prodotto con decorazioni esclusive e mettere a punto una barriera tecnologica che impedisca la contraffazione. E questa l ultima sfida che Certottica ha accolto attraverso il progetto Metallizzazione selettiva di materie plastiche mediante la tecnica Laser Enhanced Plating (denominato semplicemente LEPLA), finanziato dalla Regione Veneto a valere sulla Legge Regionale 8/2003 (Decreto Dirigenziale 258 del 21/12/2008). L intento è quello di indirizzare la ricerca verso lo sviluppo di una tecnica di metallizzazione selettiva della plastica: in parole più semplice i ricercatori di Certottica, pionieri in questo ambito scientifico, analizzeranno la possibilità di apporre su prodotti in plastica loghi, decorazioni, marchi di metallo pregiato senza ricorrere all incisione. Le applicazioni della tecnica LEP alle materie plastiche possono essere estese a svariati settori manifatturieri e, in particolare, è stato manifestato grande interesse da parte del settore dell occhialeria, della gioielleria e della bigiotteria. In questa prima fase i ricercati dell istituto hanno contattato le maggiori aziende europee per acquistare un impianto al plasma che consenta la preparazione del substrato. Vediamo, nella fattispecie, quali sono gli obiettivi del progetto e le tappe più significative che hanno portato Certottica a sviluppare la ricerca. I risultati attesi. L obiettivo fondamentale del progetto è quello di mettere a punto un processo che permetta di realizzare oggetti in plastica con finiture esclusive e personalizzate. La ricerca interessa in primo luogo l industria dell occhialeria, ma anche della gioielleria e bigiotteria, che potendo contare su una tecnica del tutto nuova potrà acquisire un notevole vantaggio competitivo. Se positivi, infatti, i risultati della ricerca consentirebbero di individuare processi di finitura innovativi che, a loro volta, rappresenterebbero un ulteriore elemento di successo per le imprese con effetti favorevoli sull occupazione. Il progetto sarà valutato tenendo conto dei seguenti parametri quantitativi: analisi visiva del colore e della definizione: il deposito del metallo dovrà avere un colore intenso e uniforme e i contorni dovranno essere ben definiti senza sbavature e/o incisioni, mentre il substrato plastico non dovrà presentare bruciature; analisi morfologica del deposito tramite microscopio elettronico: aspetto uniforme e compatto, non ci dovranno essere regioni con lacune di riempimento o fratture; analisi e determinazione degli spessori: il risultato che ci prefiggiamo è che il deposito abbia uno spessore di circa 0,2 o 0,3 μn; resistenza all abrasione misurata mediante Taber Abraser. Le tappe precedenti. Nel 2004 Certottica ha pubblicato i risultati di un primo progetto utilizzo innovativo della tecnica Laser Enhanced Plating (LEP): la decorazione di oggetti metallici. Certottica, in collaborazione con la SISMA S.p.A. di Schio (Vicenza), sta mettendo a punto l industrializzazione della tecnica LEP specificatamente per i materiali metallici. Visti i buoni risultati ottenuti nella sperimentazione, mediante deposizione diretta di metalli, sono stati anche condotti test di deposizione di metalli nobili su materiale plastico ottenendo alcuni significativi segnali della possibile applicazione di questa tecnica. Contrariamente alla deposizione diretta metallo/metallo mediante LEP, la deposizione selettiva di metallo su plastica prevede un pretrattamento della superficie in modo da ottenere un supporto opportunamente attivato e pronto a legare la decorazione metallica. L attivazione superficiale può avvenire facendo ricorso alla tecnologia del plasma freddo, ma richiede la disponibilità di strumentazione specifica. E proprio grazie alle tecnologie del vuoto che la metallizzazione di manufatti plastici ha compiuto recentemente un salto di qualità con grandi benefici dal punto di vista dell impatto ambientale e dell applicabilità del trattamento di diverse tipologie di materiali. Accoppiando i benefici ottenuti dalla attivazione superficiale delle materie plastiche mediante tecniche sottovuoto, con la deposizione selettiva di metalli nobili, mediante la tecnica LEP, si potrebbero ottenere prodotti finiti di elevatissimo valore aggiunto. Questa tecnica assumerebbe, inoltre, una notevole importanza relativamente al fenomeno sempre più grave del plagio. LA MARCATURA CE I controlli degli organi di vigilanza, come ad esempio Agenzia delle Dogane e Guardia di Finanza, hanno evidenziato che non tutti i fascicoli tecnici sono completi della documentazione sostanziale richiesta dalle direttive comunitarie. Per quale motivo? Spesso le aziende si sentono al sicuro rispetto a eventuali controlli delle Autorità in virtù delle convenzioni e degli abbonamenti annualmente sottoscritti con il nostro Istituto, che prevedono l esecuzione di test secondo le norme europee armonizzate. Ma attenzione, non è esattamente così! La sottoscrizione di un documento, che prevede test di laboratorio, non è elemento giustificativo e sostitutivo della conformità del prodotto. I rapporti di prova emessi devono essere, infatti, intesi come parte integrante della documentazione tecnica che ogni azienda deve conservare e mettere a disposizione delle Autorità in caso lo richieda. L IMPORTANZA DELLA CERTIFICAZIONE Per comprendere al meglio il ruolo di Certottica e della certificazione riportiamo alcune note importanti. Il laboratorio di Certottica è autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale al rilascio di attestati di conformità per la certificazione CE di dispositivi di protezione per gli occhi e di protezione totale e parziale del viso. Il rilascio degli attestati di certificazione, da parte di un ente notificato come Certottica, è obbligatorio prima dell immissione in commercio dei dispositivi di II e III categoria quali: - occhiali e schermi per la protezione da radiazioni non ionizzanti (UV, IR, saldatura, abbagliamento solare) - schermi da saldatura - dispositivi di protezione dell occhio e del viso da rischi meccanici (urti accidentali, particelle prodotte in operazioni di tornitura e stampaggio a freddo) - occhiali, maschere o schermi a rete per operazioni di giardinaggio e forestazione - dispositivi di protezioni degli occhi da polvere, gas e liquidi - occhiali da motociclista sistenza e predisponendosi con un Servizio Anticontraffazione specializzato alla tutela in Fiera; proprio come MIDO che da 13 anni ormai offre gratuitamente ai propri espositori tutela immediata e specialistica. In breve: valutazione del regolamento fieristico adeguando lo stesso alle esigenze specialistiche di tutela della proprietà intellettuale, valutazione tecnica dei prodotti contraffatti in Fiera ad opera di esperti, contestazione immediata e rimozione dagli stand dei prodotti in violazione di diritti di privativa industriale. Un servizio, inoltre, a disposizione di tutti gli espositori anche per dissipare dubbi interpretativi su norme apparentemente poco chiare, come quella dell apposizione del Made in, per esempio. Quali paesi affrontano meglio e in modo più efficace il fenomeno? In Europa: Germania, Francia e Inghilterra. Nel mondo: gli Stati Uniti. Un consiglio per le aziende e uno per i consumatori/acquirenti. Alle prime direi che deve nascere al loro interno il security manager che conosca il fenomeno e interagisca con le forze dell ordine e con gli specialisti a tutela degli intangibles, che costituiscono l asset fondamentale dell azienda. Ai secondi: basta acquisto di prodotti contraffatti per voi e per i vostri bambini e ragazzi, così facendo alimentate le organizzazioni criminali e fate male agli occhi dei vostri figli. Date un esempio di legalità già in famiglia! Il laboratorio di Certottica: valuta la conformità CE di tutti i dispositivi di protezione degli occhi, del capo e del viso. In particolare: occhiali da sole occhiali protettivi visiere maschere protettive valuta la conformità CE per alcune tipologie di dispositivi medici di prima categoria relativamente alla vista. In particolare: occhiali da vista occhiali premortati lenti oftalmiche verifica i requisiti essenziali e i presupposti progettuali/tecnologici dei prodotti rilascia rapporti di prova: i rapporti di prova supportano la documentazione tecnica e la dichiarazione di conformità dei fabbricante per: - occhiali e filtri da sole - montature per occhiali da vista - lenti oftalmiche - premontati I tecnici del laboratorio, inoltre, eseguono valutazioni di conformità dei dispositivi di protezione secondo le principali norme internazionali quali: ASTM (American Society for Testing and Materials), ANSI (American National Standards Institute) e AS (Australian Standard). In collaborazione con l organismo ICS Laboratories di Brunswick, Ohio (USA) è possibile ottenere certificato di conformità ANSI per i dispositivi di protezione del volto.

8 PAGINA 8 GIUGNO 2008 N. 2 È DISPONIBILE IN INTERNET LA QUALITÀ DEL PRODOTTO OTTICO Un occhiale realizzato nel distretto dell occhiale è indice di sicurezza e qualità. È questo lo scopo de La certificazione della qualità del prodotto ottico come strategia per lo sviluppo della competitività delle PMI del distretto dell occhiale, un progetto sostenuto da Ibes e cofinanziato dall Unione Europea mediante il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e dalla Regione del Veneto (DOCUP Obiettivo 2, all interno della Misura 2.3: Attività di ricerca e trasferimento di tecnologia ). Nato e approvato nel 2004, il progetto ha cercato di cogliere le esigenze del comparto proponendo nuovi indirizzi affinché le PMI siano competitive sul mercato attraverso un incremento della qualità del processo e del prodotto ottico: i risultati di questo lungo lavoro sono disponibili sul sito it. Il progetto P90 ha preso forma nella convinzione che l origine e il radicamento nel tempo di un prodotto con il suo territorio sia un valore da esaltare le origini, la storia della produzione d occhiali, l inventiva e la progettazione, insieme alle elaborazioni tecnico-scientifiche sviluppate nei laboratori, costi- tuiscono un patrimonio inestimabile per il comparto dell occhialeria che costituisce ancora il traino dell economia bellunese. Finora questa ricchezza non è mai stata codificata, vale a dire raccolta, riordinata e approfondita anche da un punto di vista tecnico e non soltanto storico-culturale: nel disciplinare vengono riprese tutte queste componenti, che fanno la storia della nostra terra, evidenziando che costituiscono una parte fondamentale della qualità del prodotto. L iniziativa è stata realizzata con il contributo della Provincia di Belluno, della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Belluno, del Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla provincia di Belluno, da Assindustria Belluno, Appia Unione CNA Federmoda, Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno, Adiconsum Belluno e l Istituto Italiano per la Certificazione dei prodotti ottici Certottica. ADEMPIMENTI LEGISLATIVI PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Pensando di fare cosa gradita si segnala quanto segue. Il Codice Privacy (D.lgs. 196/2003) ha imposto a chiunque tratti dati di predisporre alcuni adempimenti ai fini della correttezza dei trattamenti e allo scopo di garantire la sicurezza degli stessi trattamenti nei confronti dei soggetti cui i dati si riferiscono (interessati). I principali adempimenti previsti dalla normativa sono: -informativa per il trattamento dei dati -consenso per il trattamento -nomina degli incaricati -previsioni di istruzioni per gli incaricati -predisposizione delle misure minime di sicurezza -predisposizione del Documento Programmatico per la Sicurezza. Tutti gli adempimenti previsti, per essere conformi alla normativa, devono essere aggiornati. In caso contrario non sono a norma di legge. Ecco le principali scadenze in materia di privacy NOMINA DEGLI INCARICATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DI CUI ALL ART.19, ALLEGATO B INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PROGRAMMI PER PROTEGGERE I DATI DAL RISCHIO DI INTRU- SIONE E DAL RISCHIO DERIVANTE DA VIRUS INFORMATICI (ART. 16, ALLEGATO B) INTERVENTI DI FORMAZIONE PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO Da verificare e aggiornare annualmente l individuazione dell ambito di trattamento, ove variato, consentito ai singoli incaricati Da aggiornare entro il 31 marzo di ogni anno Dell avvenuta revisione e aggiornamento del Documento Programmatico per la sicurezza occorre dare notizia nel bilancio di esercizio ove necessario. Da aggiornare ogniqualvolta subentrino delle variazioni e darne comunicazione agli interessati aggiornare almeno semestralmente Da programmare annualmente Il Garante ha sottolineato l importanza della formazione per i soggetti incaricati di trattare i dati del personale. LE NORMATIVE PER I PRODUTTORI DI OCCHIALI DA SOLE L otto marzo 2008 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale Europea il recepimento dell emendamento A1 (2007) della norma 1836:2005 apportando alcune correzioni tipografiche alla norma vigente senza, tuttavia, modificare i requisiti di salute e sicurezza. L emendamento A1 (2007) è stato elaborato dal CEN secondo il mandato conferitogli dalla Commissione Europea. Tale documento tecnico deve essere recepito dagli Stati che fanno parte della Comunità Europea e diventare norma armonizzata. La norma armonizzata è uno strumento utile a verificare la presunta conformità degli occhiali da sole a quei requisiti di salute e sicurezza che sono sanciti dalla direttiva Europea di riferimento, vale a dire la 89/686/ECC e successivi emendamenti, recepita dallo Stato italiano con il Decreto Legislativo 475/92 e con il Decreto Legislativo 10/97. Come già accennato l emendamento non comporta cambiamenti sostanziali alla norma. Ecco le modifiche apportate: il riferimento normativo EN 165:1995 è stato sostituito dal riferimento EN 165:2005 e il riferimento normativo EN è stato sostituito dal riferimento EN 12472; è stata, inoltre, aggiunta una nuova formula al paragrafo 3.8 della norma del 2005; nella bibliografia è stato modificato il riferimento dalla EN 169:1992 alla EN 169:2005. Per quanto riguarda la nota informativa e l etichettatura obbligatoria, che devono sempre essere fornite nella lingua nazionale del paese di destinazione del prodotto all interno dell Unione Europea, con il nuovo emendamento si suggerisce di aggiornare il riferimento normativo da EN 1836:2005 a EN 1836:2005/A1:2007. PERIODICO DI INFORMAZIONI TECNICHE DIRETTORE RESPONSABILE LUIGINO BOITO AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE DI BELLUNO N SPED. IN ABB. POST. - 70% - FILIALE DI BELLUNO ANNO XIV N. 2 EDIZIONE GIUGNO LONGARONE (BL) ZONA INDUSTRIALE LOC. VILLANOVA Fax IN REDAZIONE: Benedetta Costantin HANNO COLLABORATO: Simona Agnoli, Carlo Barbante, Daniela Coletti, Giuseppe Da Cortà, Melany Dalle Ceste Ilenia De Cesero, Luana Fullin, Lucia Maracchi PROGETTO ERONDA GRAPHIC DESIGN STUDIO REALIZZI E STAMPA TIPOGRAFIA TIZIANO PIEVE DI CADORE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei rapporti business to business. I settori di azione spaziano

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli