Gli inventari degli archivi della Fondazione Ansaldo sono pubblicati con il patrocinio della Direzione generale per gli archivi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli inventari degli archivi della Fondazione Ansaldo sono pubblicati con il patrocinio della Direzione generale per gli archivi."

Transcript

1

2 Gli inventari degli archivi della Fondazione Ansaldo sono pubblicati con il patrocinio della Direzione generale per gli archivi.

3 Archivio Francesco Manzitti Inventario a cura di Barbara Celsi Claudia Cerioli 2009 STRUMENTI III

4 Il volume è stato stampato con il contributo della In copertina: Francesco Manzitti ed il sindaco di Genova Vittorio Pertusio insieme al Presidente della Repubblica Luigi Einaudi al Convegno internazionale per lo studio dei problemi economici della Federazione Europea, Genova 1952 Fondazione Ansaldo Editore Corso Ferdinando Maria Perrone, Genova - Italia Tel Fax ISBN

5 SOMMARIO INTRODUZIONE Nota storica a cura di Guido Levi Nota archivistica a cura di Claudia Cerioli VII XXI INVENTARIO Struttura dell archivio Affari diversi 3 Consiglio superiore della Marina mercatile 41 Corrispondenza 67 Finmare 71 Corrispondenza Finmare 111 Consorzio autonomo del porto di Genova 187 Contabilità personale 191 Materiale a stampa 193 INDICI Indici dei nomi 203 Indici degli enti, istituzioni e società

6 Si ringraziano il dirigente del Servizio III della Direzione generale per gli archivi, dott.ssa Patrizia Ferrara, la dott.ssa Ludovica De Courten e la dott.ssa Antonella Mulè la cui collaborazione ha permesso la realizzazione di quest opera. Si ringrazia altresì la Soprintendenza archivistica per la Liguria per la collaborazione nelle attività di salvaguardia e riordino del fondo archivistico.

7 NOTA BIOGRAFICA Il nome di Francesco Manzitti viene generalmente associato alle attività che egli svolse in campo economico nel secondo dopoguerra, in particolare come presidente della Camera del Commercio di Genova, del Consiglio superiore della Marina mercantile, del Comitato internazionale degli Scambi, della Finmare e del Consorzio autonomo del porto di Genova, tanto per ricordare solo le principali cariche da lui ricoperte nel momento centrale della sua vita, cioè tra la metà degli anni Quaranta e la metà degli anni Sessanta. Egli fu infatti uno dei protagonisti sia della stagione della ricostruzione sia di quella del cosiddetto miracolo economico, con un ruolo prevalentemente genovese, ma in parte anche nazionale. Com è noto, si trattò di un momento cruciale nella storia della società italiana, passata dalla miseria degli anni del conflitto a un certo livello di benessere, seppure non esente da contraddizioni e particolari situazioni di criticità: basti pensare che tra il 1951 e il 1958 il tasso di crescita del prodotto interno lordo si attestò mediamente intorno al 5,5% annuo e tra il 1958 e il 1963 si innalzò addirittura al livello record del 6,3%. In quello stesso periodo a Genova, pur nel quadro di un contesto anomalo caratterizzato dalla necessità della riconversione produttiva delle aziende a partecipazione statale e dalla debolezza delle imprese private, la siderurgia superava le cifre record del milione e poi dei due milioni di tonnellate d acciaio prodotte annualmente e il porto raggiungeva la soglia dei 16 milioni di tonnellate di merci movimentate, mentre nel contempo si realizzavano grandi opere pubbliche e infrastrutturali dall ampliamento della rete stradale e autostradale alla Fiera del Mare, dall acquedotto del Brugneto all aeroporto di Sestri Ponente e i consumi crescevano in modo esponenziale. Un sintetico quadro del fervore che animava il capoluogo ligure in quegli anni è stato tracciato dal fratello di Francesco Manzitti, Giuseppe che per un lungo periodo è stato direttore e poi presidente dell Associazione degli industriali di Genova, oltre che fondatore dell Intersind nel suo libro di memorie, Tempo di ricordare: Contrariamente a quanto si pensa non c erano imperi da liquidare, aziende da chiudere, anzi lo spirito era di riaprire le aziende

8 VIII Fondo Manzitti, e incominciare a lavorare per ricostruire. Tale spirito era unanime, sia nei padroni che nei lavoratori. Qualsiasi occasione era buona per produrre: c erano imprenditori quasi scatenati. Il settore che mi aveva colpito di più per le sue dimensioni era stato quello siderurgico, l industria del ferro 1. Si tratta di un giudizio molto interessante, non solo perché tende a non sopravvalutare le tensioni sociali degli anni Cinquanta, neppure quando esse sfociarono in episodi di protesta clamorosi durante alcune vertenze sindacali, ma anche perché questa interpretazione interclassista dei fatti, che si poneva già al di là delle logiche settarie della guerra fredda, avrebbe senz altro potuto essere sottoscritta dal fratello, anch egli uomo di dialogo e di mediazione. A dispetto dell importanza economica, sociale e politica rivestita da Genova in quegli anni, quale vertice di un triangolo industriale che rappresentava la parte più avanzata del sistema produttivo nazionale, nonché per il suo carattere di città operaia capace di esprimere una grande coscienza democratica come i fatti del 30 giugno 1960 avrebbero inequivocabilmente dimostrato, manca a tutt oggi uno studio complessivo su quel periodo, uno studio capace cioè di inquadrare le singole vicende già oggetto di attenzione degli studiosi di storia locali, e talvolta anche dei suoi protagonisti e testimoni, in un contesto più ampio che permetta di coglierne appieno il significato, le caratteristiche e le eventuali specificità. Tale lacuna non deve tuttavia sorprendere, se è vero che sono effettivamente tanti i momenti della storia genovese e ligure che non sono stati sino a oggi oggetto di adeguate indagini. Questo dato di fondo spiega forse il perché di una conoscenza solo parziale e superficiale della figura di Francesco Manzitti, perfino tra gli studiosi di storia economica o tra quei cultori della storia locale sempre attenti a non lasciar scendere l oblio su personaggi significativi e momenti salienti del recente passato. Solo nel maggio del 2004, nell ambito di un convegno intitolato Da Genova all Europa. La vocazione europea negli ambienti economici della Liguria nel secondo dopoguerra, un convegno che aveva uno dei suoi punti di forza proprio nella multidisciplinarietà dell approccio, è stata avviato un lavoro di ricostruzione delle sue vicende biografiche e una riflessione sul significato 1 G. MANZITTI, Tempo di ricordare. Dalla ricostruzione del dopoguerra ai binari del futuro, Genova, De Ferrari, 2009, p. 103.

9 IX Nota storica della sue molteplici attività. I contributi degli studiosi sono stati successivamente raccolti in un volume, curato da Daniela Preda, ed edito nel novembre del 2006 nella collana Polis della Ecig 2, che ha soprattutto cercato di evidenziare il ruolo avuto da Manzitti, sul piano politico, all interno dell antifascismo genovese, con particolare riferimento alla sua giovanile esperienza nella rivista Pietre e poi alla lotta di liberazione nazionale, senza peraltro dimenticare il suo impegno nel dopoguerra nell ambito dei movimenti per l unità europea, espressione emblematica della sua capacità di guardare oltre le contingenze del proprio tempo. Dal punto di vista economico e professionale è invece emerso chiaramente l ambito internazionale della sua attività basti pensare alla vertenza Andrea Doria-Stockholm la sua critica radicale a ogni interpretazione di stampo nazionale, o peggio nazionalista, del diritto marittimo, le doti di grande economista di cui fece mostra dapprima in qualità di presidente della Commissione economica del CLN Liguria e poi della Camera di Commercio di Genova, sino all impulso che egli seppe imprimere all ampliamento e alla modernizzazione del porto durante la sua breve presidenza del CAP negli anni Sessanta. Da più parti è infine stato messo in rilievo il fatto che il culto per la libertà, intesa da un lato come libertà di pensiero e di espressione e dall altro come libertà d impresa, costituiva il punto di congiunzione, se non addirittura il collante, tra il momento politico e quello economico della sua attività. Tale convegno aveva preso le mosse dal ritrovamento dei diari che Francesco Manzitti aveva puntualmente scritto per ben diciassette anni, tra il 1950 e il 1966, diari in cui egli aveva annotato fedelmente non solo le vicende personali e della sua famiglia, ma anche, più in generale, i momenti più significativi della storia della città, vagliati da uno sguardo critico, e talvolta accompagnati anche da giudizi pungenti, per giunta arricchiti di informazioni e retroscena di cui lui solo, per le cariche che ricopriva, poteva essere a conoscenza. Questo prezioso materiale documentario era rimasto a lungo 2 D. PREDA (a cura di), Da Genova all Europa. La vocazione europea negli ambienti economici della Liguria nel secondo dopoguerra, Genova, Ecig, Il Convegno era stato organizzato dal Dipartimento di Ricerche europee dell Università degli studi di Genova, in collaborazione l Associazione universitaria di Studi europei, la Camera di Commercio di Genova e il Comitato Genova 2004.

10 X Fondo Manzitti, depositato tra le carte private della famiglia, quindi non accessibile alla comunità degli studiosi, anche per volontà testamentaria che i diari non fossero resi noti per almeno 25 anni dalla sua scomparsa, sino a quando, alcuni anni or sono, il figlio Beppe, consapevole dell interesse pubblico che essi rivestivano, dietro suggerimento di Paolo Murialdi, il noto giornalista nonché storico del giornalismo, si adoperò per farli trascrivere e mettere a disposizione degli storici. Francesco Manzitti era nato a Genova l 11 marzo 1908, da Giuseppe e Virginia Preve, nell elegante quartiere residenziale di Castelletto. Il padre, di origine abruzzese, aveva studiato a Genova grazie a una borsa di studio, si era sposato nel 1905 e nel primo dopoguerra aveva fondato la Mutua Marittima Nazionale, probabilmente la prima iniziativa previdenziale nel settore marittimo della città. La madre era invece nata a Laigueglia, dove era anche cresciuta, e si era trasferita a Genova con la famiglia solo da ragazza. Primogenito di cinque figli, Francesco aveva frequentato il prestigioso Liceo classico Colombo, prima di iscriversi all Istituto superiore di Studi commerciali, futura Facoltà di Economia e Commercio. Sin dall adolescenza il giovane Manzitti aveva fatto mostra di un intelligenza pronta e vivace, di una notevole vocazione alla lettura e allo studio, di precoci interessi politici e sociali, nonché di un istintiva propensione antifascista. Per aver espresso pubblicamente queste posizioni politiche, già nel 1924, quando cioè aveva solo 16 anni ed era presidente del Fascio Studenti secondari cattolici, egli subì la prima aggressione squadrista. Negli anni successivi la sua avversione al regime divenne più consapevole, grazie soprattutto all incontro con docenti dichiaratamente antifascisti quali Attilio Cabiati, Salvatore Ortu Carboni, Emanuele Sella e il giovane Carlo Rosselli, allora incaricato di Istituzioni di Economia politica presso l Istituto superiore di Studi commerciali. A proposito di Rosselli, ricordiamo che Manzitti si schierò in più occasioni dalla sua parte e figurò anche tra gli organizzatori di una coraggiosa iniziativa studentesca in suo sostegno tenutasi all indomani dell agguato fascista da questi subito in via Roma, nel centro di Genova, proprio davanti al Palazzo della Prefettura.

11 XI Nota storica In quel periodo egli si riconosceva già nei valori del liberalismo, ma nel contempo contestava l acquiescenza dei liberali italiani verso il fascismo. Proprio per questa ragione egli rifiutò di iscriversi al Partito, non raccogliendo l invito espressamente rivoltogli in tal senso da Umberto Vittorio Cavassa, futuro direttore de Il Secolo XIX, e per lo stesso motivo fu anche tra i fondatori di quella rivista Pietre che, in nome dei supremi valori della democrazia, superava i vecchi steccati del liberalismo e, sulla scia dell insegnamento di Piero Gobetti, apriva a sinistra ai socialisti, come avrebbe dimostrato la collaborazione con i giovani Franco Antolini e Virgilio Dagnino. Pietre era una rivista culturale di indirizzo prevalentemente letterario, e proprio su questo terreno polemizzava a distanza col fascismo, avversando la retorica di poeti, scrittori e intellettuali esaltati dal regime, nonché la loro faziosa interpretazione degli eventi e della storia. Per questa ragione ebbe vita breve, dato che la sua esistenza fu circoscritta ai due anni compresi tra il marzo del 1926 e il marzo del 1928, quando fu costretta a cessare le pubblicazioni a seguito dell improvviso arresto, avvenuto nella notte tra il 12 e il 13 aprile, di molti redattori, a seguito di un attentato avvenuto il giorno precedente in Piazza Giulio Cesare a Milano, nel corso del quale persero la vita venti persone. Ovviamente i giovani di Pietre erano del tutto estranei al crimine che venne loro imputato, ma erano invece reali i rapporti che molti di loro avevano stretto nel frattempo con l organizzazione clandestina della Giovine Italia. Già da alcuni mesi tuttavia Pietre era diventata un altra cosa, essendo la redazione passata a Milano, sostanzialmente nelle mani di Lelio Basso, essendosi il giornale trasformatosi in un quindicinale, e soprattutto avendo accentuato il suo carattere politico, tanto da assomigliare perfino graficamente a Rivoluzione Liberale. Il nome di Francesco Manzitti era strettamente vincolato a questo periodico, poiché egli risultava tra i suoi fondatori e redattori, poiché vi scrisse i suoi primi articoli di natura politica ed economica 3 e svolse un ruolo importante nel reperimento delle risorse finanziarie necessarie alla 3 Cfr., in particolare, F. MANZITTI, I problemi del lavoro. La partecipazione agli utili, in Pietre, a. I, n. 7, ottobre 1926, pp ; ID., Problemi e soluzioni. La questione mineraria inglese, in Pietre, a. I, n. 9, dicembre 1926, pp ; ID., 16 febbraio, in Pietre, a. II, n. 2, febbraio 1927, p. 33; ID., Lucien Romier e l Europa, in Pietre, a. II, n. 4, aprile 1927, pp

12 XII Fondo Manzitti, pubblicazione, e infine perché l indirizzo della sua abitazione di Corso Carbonara costituiva la sede ufficiale di Pietre, anche se le riunioni generalmente si tenevano presso la Società di Letture e Conversazioni Scientifiche. Anche negli ultimi mesi di vita della rivista, Manzitti continuò a svolgere un importante ruolo di collegamento tra la serie genovese e quella milanese, dato che continuò a collaborare con essa insieme all amico Enrico Alpino. Non deve perciò stupire se tra gli arrestati figurasse anche Francesco Manzitti, mentre sorprende il contemporaneo fermo dei fratelli Cesare e Giuseppe. I tre fratelli vennero interrogati in Questura e quindi trasferiti nel carcere di Marassi. Dopo quindici giorni Cesare e Giuseppe furono rilasciati, mentre Francesco, la cui posizione era indubbiamente più delicata, fu trasferito in manette alla prigione di Milano. A San Vittore egli fu trattenuto per circa un mese prima di essere rilasciato, ma avendo in quel momento rifiutato di fare atto di sottomissione fu comunque deferito alla Commissione provinciale per il confino e sottoposto a due anni di ammonizione. Le misure più restrittive, che consistevano nel non poter rincasare la sera dopo le 22 e nel divieto di spostarsi fuori città, vennero tuttavia presto revocate. Di tanto in tanto si presentava però alla porta di casa un agente dell OVRA per una visita di controllo, per ricordare probabilmente sia a Francesco che ai suoi fratelli che la polizia continuava a sorvegliarli e che ogni loro piccolo passo falso sarebbe stato scoperto e punito. Ed effettivamente questa strategia del regime sortì qualche risultato, allontanandoli sostanzialmente dall impegno politico, pur rafforzando la loro fede antifascista. Nel frattempo Francesco aveva conseguito una seconda laurea in Giurisprudenza all Università di Milano, una laurea presa quasi contemporaneamente e perciò all insaputa delle autorità accademiche che non lo avrebbero potuto consentire in base al regolamento a quella genovese in Scienze economiche e commerciali. L ultimo strascico dell arresto Francesco lo subì alla metà degli anni Trenta, quando venne respinta per indegnità politica la sua domanda per svolgere il servizio militare come ufficiale; venne perciò addestrato come soldato semplice, prima a Capua e poi in Calabria, si sposò con Cici Zarri, intraprese l attività professionale di liquidatore di avarie marittime, aprendo uno studio nel centro storico di Genova. Avendo

13 XIII Nota storica occasione di recarsi sovente all estero per lavoro, instaurò contatti con alcuni esuli politici. Negli anni del consenso degli italiani al regime, l antifascismo di Manzitti si limitò a questi piccoli gesti, forse in attesa di tempi migliori: nel 1940 il suo nome venne perciò cancellato da quel Casellario politico centrale in cui il regime schedava i suoi oppositori. La guerra, e poi la tragedia dell occupazione tedesca, cambiarono però nuovamente le cose. Sin dal 28 luglio 1943, quindi durante i cosiddetti 45 giorni di Badoglio, Manzitti rientrò sulla scena politica, andando a rappresentare il Partito liberale italiano, congiuntamente a Enrico Martino, nel locale Comitato dei partiti antifascisti. Nelle settimane successive si dedicò principalmente alla ricostruzione del Partito liberale insieme a Martino, Bruno Minoletti e Mario Albini, tutti liberali eterodossi, provenienti dall esperienza di Pietre o di Giustizia e Libertà. Si trattava di ripartire praticamente da zero, perché il partito, soppresso nel 1926 dal fascismo insieme a tutte le altre forze democratiche, non aveva conservato alcuna organizzazione clandestina. Si trattava di un attività tollerata, anche se non ancora legalizzata, e comunque visibile. Di conseguenza, dopo l 8 settembre Manzitti dovette muoversi con particolare cautela e non poté pertanto rappresentare il partito nel neonato Comitato di Liberazione Nazionale. Egli non restò comunque ai margini dell organizzazione resistenziale, tanto che nel mese di ottobre assunse la presidenza del Comitato finanziario futura Commissione economica del CLN Liguria, con la responsabilità di reperire non solo le risorse necessarie per la lotta, ma anche per aiutare le famiglie dei partigiani alla macchia e quelle dei prigionieri, dei deportati e degli uccisi. Ed effettivamente egli svolse nel migliore dei modi il delicato incarico, grazie soprattutto alla brillante intuizione del cosiddetto Prestito della Liberazione. Si trattava di un emissione di buoni di diverso taglio da parte del CLN, che avrebbero dovuto essere risarciti a guerra finita, e poiché stampare tali buoni in tipografia rappresentava un grande pericolo si ricorse allo stratagemma di contrassegnare con un piccolo foro a forma di stella le banconote già in circolazione, aumentandone di cento volte il valore nominale. L iniziativa ebbe un notevole successo e venne pertanto fatta propria anche da alcuni Comitati di liberazione di altre regioni.

14 XIV Fondo Manzitti, Nell aprile 1944, allorché le maglie della polizia politica si andavano stringendo intorno all organizzazione resistenziale, Manzitti fu chiamato a sostituire il liberale Umberto Lazagna nel Comitato militare del CLN Liguria. Tutte queste attività non potevano però sfuggire alla rete di spionaggio italotedesca, e così nel luglio 1944 le SS fecero nottetempo irruzione nella sua casa di Portofino, dove era sfollato con la famiglia. Riuscì tuttavia a sottrarsi miracolosamente all arresto essendo quella notte rimasto, per precauzione, a dormire nell abitazione di un amico, ma per tredici ore consecutive i nazisti perquisirono la casa e terrorizzarono la moglie, i due bambini e il personale di servizio. Avvisato da un amico di quanto era avvenuto, Manzitti non poté far altro che fuggire a Milano, dove non essendo conosciuto avrebbe potuto continuare la lotta sotto le mentite spoglie del conte Fausto Marchetti. Nel capoluogo lombardo egli divenne infatti il rappresentante del Partito Liberale nel Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), ed entrò a far parte anche del suo Comitato economico. In tali vesti egli si occupò principalmente dei contatti tra il CLNAI e il CLN Liguria, ma gli furono affidati anche incarichi particolari quali la delicata questione dei rapporti tra partigiani italiani e sloveni nella regione giuliana e il problema della ricostruzione del porto di Venezia, gravemente danneggiato dai bombardamenti alleati. Parallelamente egli si interessò pure alla ricostruzione del Partito liberale, questa volta a livello nazionale. Il 25 aprile 1945 Manzitti si trovava ancora a Milano con l amico Minoletti per seguire gli ultimi sviluppi della guerra e del destino di Mussolini, ma erano già in corso i preparativi per il ritorno a Genova. All indomani della Liberazione, Manzitti assunse l incarico di presidente della Commissione economica del CLN Liguria, organismo che su richiesta del CLNAI era stato profondamente riformato proprio nella prospettiva postbellica di essere chiamato a predisporre un piano organico per la ripresa immediata dell economia. E in tale veste egli si mise subito al lavoro, occupandosi in primo luogo della questione degli approvvigionamenti cittadini e del funzionamento dei trasporti pubblici, cercando di instaurare buone relazioni con gli Alleati e rivendicando maggiore autonomia dal CLN regionale.

15 XV Nota storica Ma la situazione era davvero drammatica, col porto bloccato dalle mine e dai relitti, le fabbriche che non riuscivano a produrre a pieno regime per mancanza di materie prime e per scarsità di commesse, e una disoccupazione di massa. Contemporaneamente Manzitti guidava anche il Consiglio provinciale dell economia, futura Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Genova. Proprio quest ultima divenne la sua carica più importante a partire dai primi mesi del 46, allorché in Liguria la Commissione economica venne sciolta, come del resto nelle altre regioni. Su questa vicenda egli entrò tuttavia in contrasto con il suo partito, che, a differenza di Manzitti, era favorevole a quel provvedimento: alcuni mesi dopo egli ne trasse perciò le debite conseguenze, abbandonando un PLI che sempre più spesso andava assumendo posizioni conservatrici. Manzitti restò alla guida della Camera di Commercio sino al 1954, e di questo ruolo egli fu sempre particolarmente orgoglioso essendo profondamente convinto che l economia genovese dovesse puntare più sul commercio che non sull industria, anche perché quest ultima, a suo avviso, era poco dinamica e troppo legata all IRI. Nella seconda metà degli anni Quaranta egli provò pertanto a stimolare gli scambi e incentivare il turismo, ricostituì la Borsa merci, promosse la nascita dell Istituto di Economia internazionale un centro di alto livello con finalità di studio e di ricerca e fu tra i primi sostenitori della costruzione dell aeroporto. Nel frattempo egli ricoprì altre cariche importanti nel mondo economico, a cominciare dalla nomina nel 1946 a componente del Consiglio d amministrazione dell Istituto bancario San Paolo di Torino. Nel 1948 gli venne invece affidata la presidenza del Consiglio superiore della Marina mercantile, proprio in anni cruciali caratterizzati dal ripristino di navi che durante la guerra erano state affondate nei bacini portuali o sottocosta, dall acquisto di navi americane come le Liberty, oltre che dalla necessità di arrivare alla completa riattivazione di porti e cantieri. In virtù di tale qualifica tra il 1948 e il 1952 presiedette anche il Comitato tecnico per le assegnazioni delle nuove costruzioni navali. A cavallo tra gli anni Quaranta e Cinquanta crebbe parallelamente anche il suo impegno nel Movimento federalista europeo (MFE), il più importante tra i movimenti per l unità europea allora presenti in Italia.

16 XVI Fondo Manzitti, Europeista sin dai tempi di Pietre, Manzitti nel 1949 entrò infatti a far parte del Comitato direttivo della sezione di Genova del MFE e l anno successivo partecipò attivamente alla Campagna della petizione per il patto di Unione federale dell Europa 4. La sua attività politica non si riduceva però in quegli anni soltanto alla militanza nel MFE, dato che nella primavera del 1951 egli venne eletto per la prima volta in Consiglio comunale come indipendente nella lista della Democrazia cristiana, grazie alle preferenze raccolte. La presidenza del Comité international des échanges, assunta nel 1951, lo costrinse a viaggiare molto all estero e a recarsi sovente a Parigi, e fu premiata dal governo francese con il conferimento dell onorificenza di Cavaliere della Legione d onore. Impressionante è la mole di impegni che si susseguivano nelle sue settimane non ultimi quelli derivanti dalla vicepresidenza dell Unione italiana delle Camere di Commercio, un organismo di rappresentanza che intendeva porsi come interlocutore per le politiche nazionali, che gli consentivano solo rari e brevi momenti di riposo. Quando però nel 1952 assunse la presidenza della Finmare cioè la Società Finanziaria Marittima del gruppo IRI costituita negli anni Trenta al fine di assumere la partecipazione azionaria delle Società di Navigazione, nonché di coordinarle e di prestare loro un opportuna assistenza finanziaria Manzitti fu costretto a dimettersi, per ragioni di incompatibilità, dalla Presidenza del Consiglio superiore della Marina mercantile, dal Consiglio d amministrazione delle società di assicurazione Savoia e Levante, dal Consiglio della società di navigazione Chiarella e da quello del Rina, il Registro Navale Italiano. Era stato nominato alla guida della Finmare per le sue capacità professionali da Paolo Cappa, ministro della Marina mercantile, e aveva accettato con soddisfazione il nuovo incarico visto l importanza che allora aveva la flotta di stato. Non furono però quelli anni facili per Manzitti, non solo per i gravosi problemi che dovette affrontare per provare ad appianare un cronico buco di bilancio, ma anche perché si trovò coinvolto in un duro scontro sindacale, il cui momento culminante fu rappresentato dallo sciopero dei marittimi del 1959, nel corso del quale venne duramente attaccato con l accusa di essere 4 A questo proposito mi permetto di segnalare il mio volume, Per una storia dell europeismo in Liguria. Documenti e materiali, Genova, Ecig, 2007, con particolare riferimento alla scheda su Francesco Manzitti elaborata da Giorgio Grimaldi.

17 XVII Nota storica subalterno alle posizioni di Confindustria. Questo scontro avvenne proprio nell ultimissimo periodo della sua presidenza, quando egli aveva già presentato da alcuni mesi le sue dimissioni ritenendo ormai raggiunti gli obiettivi prefissati, ed era in attesa della nomina del suo successore. Nel 1952 Manzitti fu inoltre uno dei principali organizzatori di quello straordinario Convegno internazionale per lo studio dei problemi economici dell Europa federata che ebbe luogo a Genova e che rappresentò la prima occasione per una riflessione seria e scientifica su questa tematica. Egli ebbe un ruolo da protagonista in questa iniziativa sia come presidente della Camera di Commercio sia come dirigente del MFE, ma sono tantissimi, come già accennato, gli enti, le organizzazioni e le associazioni che negli anni Cinquanta lo annoveravano tra i loro dirigenti e soci, e che spaziavano dal Comitato italiano del Lloyd s Register of Shipping, di cui fu anche presidente, al Comitato italiano atlantico, in cui ricoprì la carica di vicepresidente, passando per l Istituto nazionale per la storia del Movimento di liberazione in Italia, la Società autostrada dei fiori, di cui fu anche presidente per un breve periodo, l Associazione Italia-Usa, l International Law Association, il Comité Maritime International e molti altri ancora. Il 1959 rappresentò per certi aspetti un altro momento di svolta nella vita lavorativa di Manzitti, avendo egli concluso nel mese di novembre la sua esperienza alla Finmare. Cominciarono però a prospettarsi subito nuovi incarichi, dato che al momento della formazione del governo Segni il suo nome circolò come possibile ministro delle Partecipazioni statali insieme ad ipotesi di altri incarichi come la presidenza della società Italia o del Consorzio autonomo del porto, quest ultima prospettatagli da Carlo Russo sin dal 1961 ma che divenne operativa solo nell agosto 1963 a seguito della nomina governativa, dopo aver superato non poche resistenze di alcune parti politiche. Manzitti ben conosceva quell ambiente, non solo per aver sempre operato nel settore marittimo, ma anche perché in qualità di presidente della Camera di Commercio era stato per molti anni membro di diritto dell Assemblea generale del CAP e del Comitato sezione opere portuali e di gestione. Operò pertanto con competenza, varando tra l altro il primo piano regolatore portuale, completando l espansione a ponente della diga foranea,

18 XVIII Fondo Manzitti, potenziando i mezzi meccanici di scarico, costruendo nuovi terminal e magazzini, ampliando i bacini di carenaggio e la stessa Stazione marittima. Nel dicembre 1966, tuttavia, Manzitti ufficializzò le sue dimissioni, lamentando la scarsa collaborazione incontrata nell espletamento delle sue funzioni e denunciando, nel suo discorso di commiato, la pesante onerosità degli egoismi portuali che travagliano il nostro emporio. All inizio del 1967, quando era ancora alla guida del CAP, fu improvvisamente colpito da un ictus: rischiò la vita, ma pur essendo riuscito a superare la crisi non fu più in grado di recuperare completamente. Di conseguenza negli ultimi anni ridimensionò progressivamente le proprie attività, sino al momento dell aggravamento e della scomparsa, avvenuta a Genova l 8 settembre Guido Levi

19 XIX Nota storica BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE ASSERETO GIOVANNI, DORIA MARCO (a cura di), Storia della Liguria, Roma- Bari, Laterza, 2007; DAGNINO VIRGILIO, Gli incorporati, Milano-Varese, Industrie Grafiche Amedeo Nicola, 1964; GIACCHERO GIULIO, Genova e Liguria in età contemporanea. Un secolo e mezzo di vita economica: , Genova, Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, 1970; GIBELLI ANTONIO, RUGAFIORI PARIDE, Regione improbabile, regione possibile. Un percorso nella storia della Liguria contemporanea, in Storia d Italia. Le regioni dall Unità a oggi. La Liguria, Torino, Einaudi, 1994; LEVI GUIDO (a cura di), Per una storia dell europeismo in Liguria. Documenti e materiali, Genova, Ecig, 2007 MANZITTI GIUSEPPE, Tempo di ricordare. Dalla ricostruzione del dopoguerra ai binari del futuro, Genova, De Ferrari, 2009; MARCENARO GIUSEPPE, Pietre : più che una rivista un intenzione, in Pietre. Antologia di una rivista ( ), Milano, Mursia, 1973; MINOLETTI QUARELLO VIRGINIA, Via Privata Siracusa, Milano, Due Torri, 1946; PREDA DANIELA (a cura di), Da Genova all Europa. La vocazione europea negli ambienti economici della Liguria nel secondo dopoguerra, Genova, Ecig, 2006; RUGAFIORI PARIDE, Resistenza e ricostruzione in Liguria, Milano, Feltrinelli, Per la stesura di questa introduzione sono stati infine consultati i Diari inediti di Francesco Manzitti e la documentazione conservata nel Fondo Manzitti presso la Fondazione Ansaldo.

20

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 Convenzione 78 CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 1938-1969

Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 1938-1969 1938-1969 Archivio storico Fiom CGIL Bergamo accessione 2000 SOGGETTO CONSERVATORE Biblioteca "Di Vittorio" CGIL Bg Tipologia partito politico, organizzazione sindacale Condizione giuridica privato Referente

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli