Gli inventari degli archivi della Fondazione Ansaldo sono pubblicati con il patrocinio della Direzione generale per gli archivi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli inventari degli archivi della Fondazione Ansaldo sono pubblicati con il patrocinio della Direzione generale per gli archivi."

Transcript

1

2 Gli inventari degli archivi della Fondazione Ansaldo sono pubblicati con il patrocinio della Direzione generale per gli archivi.

3 Archivio Francesco Manzitti Inventario a cura di Barbara Celsi Claudia Cerioli 2009 STRUMENTI III

4 Il volume è stato stampato con il contributo della In copertina: Francesco Manzitti ed il sindaco di Genova Vittorio Pertusio insieme al Presidente della Repubblica Luigi Einaudi al Convegno internazionale per lo studio dei problemi economici della Federazione Europea, Genova 1952 Fondazione Ansaldo Editore Corso Ferdinando Maria Perrone, Genova - Italia Tel Fax ISBN

5 SOMMARIO INTRODUZIONE Nota storica a cura di Guido Levi Nota archivistica a cura di Claudia Cerioli VII XXI INVENTARIO Struttura dell archivio Affari diversi 3 Consiglio superiore della Marina mercatile 41 Corrispondenza 67 Finmare 71 Corrispondenza Finmare 111 Consorzio autonomo del porto di Genova 187 Contabilità personale 191 Materiale a stampa 193 INDICI Indici dei nomi 203 Indici degli enti, istituzioni e società

6 Si ringraziano il dirigente del Servizio III della Direzione generale per gli archivi, dott.ssa Patrizia Ferrara, la dott.ssa Ludovica De Courten e la dott.ssa Antonella Mulè la cui collaborazione ha permesso la realizzazione di quest opera. Si ringrazia altresì la Soprintendenza archivistica per la Liguria per la collaborazione nelle attività di salvaguardia e riordino del fondo archivistico.

7 NOTA BIOGRAFICA Il nome di Francesco Manzitti viene generalmente associato alle attività che egli svolse in campo economico nel secondo dopoguerra, in particolare come presidente della Camera del Commercio di Genova, del Consiglio superiore della Marina mercantile, del Comitato internazionale degli Scambi, della Finmare e del Consorzio autonomo del porto di Genova, tanto per ricordare solo le principali cariche da lui ricoperte nel momento centrale della sua vita, cioè tra la metà degli anni Quaranta e la metà degli anni Sessanta. Egli fu infatti uno dei protagonisti sia della stagione della ricostruzione sia di quella del cosiddetto miracolo economico, con un ruolo prevalentemente genovese, ma in parte anche nazionale. Com è noto, si trattò di un momento cruciale nella storia della società italiana, passata dalla miseria degli anni del conflitto a un certo livello di benessere, seppure non esente da contraddizioni e particolari situazioni di criticità: basti pensare che tra il 1951 e il 1958 il tasso di crescita del prodotto interno lordo si attestò mediamente intorno al 5,5% annuo e tra il 1958 e il 1963 si innalzò addirittura al livello record del 6,3%. In quello stesso periodo a Genova, pur nel quadro di un contesto anomalo caratterizzato dalla necessità della riconversione produttiva delle aziende a partecipazione statale e dalla debolezza delle imprese private, la siderurgia superava le cifre record del milione e poi dei due milioni di tonnellate d acciaio prodotte annualmente e il porto raggiungeva la soglia dei 16 milioni di tonnellate di merci movimentate, mentre nel contempo si realizzavano grandi opere pubbliche e infrastrutturali dall ampliamento della rete stradale e autostradale alla Fiera del Mare, dall acquedotto del Brugneto all aeroporto di Sestri Ponente e i consumi crescevano in modo esponenziale. Un sintetico quadro del fervore che animava il capoluogo ligure in quegli anni è stato tracciato dal fratello di Francesco Manzitti, Giuseppe che per un lungo periodo è stato direttore e poi presidente dell Associazione degli industriali di Genova, oltre che fondatore dell Intersind nel suo libro di memorie, Tempo di ricordare: Contrariamente a quanto si pensa non c erano imperi da liquidare, aziende da chiudere, anzi lo spirito era di riaprire le aziende

8 VIII Fondo Manzitti, e incominciare a lavorare per ricostruire. Tale spirito era unanime, sia nei padroni che nei lavoratori. Qualsiasi occasione era buona per produrre: c erano imprenditori quasi scatenati. Il settore che mi aveva colpito di più per le sue dimensioni era stato quello siderurgico, l industria del ferro 1. Si tratta di un giudizio molto interessante, non solo perché tende a non sopravvalutare le tensioni sociali degli anni Cinquanta, neppure quando esse sfociarono in episodi di protesta clamorosi durante alcune vertenze sindacali, ma anche perché questa interpretazione interclassista dei fatti, che si poneva già al di là delle logiche settarie della guerra fredda, avrebbe senz altro potuto essere sottoscritta dal fratello, anch egli uomo di dialogo e di mediazione. A dispetto dell importanza economica, sociale e politica rivestita da Genova in quegli anni, quale vertice di un triangolo industriale che rappresentava la parte più avanzata del sistema produttivo nazionale, nonché per il suo carattere di città operaia capace di esprimere una grande coscienza democratica come i fatti del 30 giugno 1960 avrebbero inequivocabilmente dimostrato, manca a tutt oggi uno studio complessivo su quel periodo, uno studio capace cioè di inquadrare le singole vicende già oggetto di attenzione degli studiosi di storia locali, e talvolta anche dei suoi protagonisti e testimoni, in un contesto più ampio che permetta di coglierne appieno il significato, le caratteristiche e le eventuali specificità. Tale lacuna non deve tuttavia sorprendere, se è vero che sono effettivamente tanti i momenti della storia genovese e ligure che non sono stati sino a oggi oggetto di adeguate indagini. Questo dato di fondo spiega forse il perché di una conoscenza solo parziale e superficiale della figura di Francesco Manzitti, perfino tra gli studiosi di storia economica o tra quei cultori della storia locale sempre attenti a non lasciar scendere l oblio su personaggi significativi e momenti salienti del recente passato. Solo nel maggio del 2004, nell ambito di un convegno intitolato Da Genova all Europa. La vocazione europea negli ambienti economici della Liguria nel secondo dopoguerra, un convegno che aveva uno dei suoi punti di forza proprio nella multidisciplinarietà dell approccio, è stata avviato un lavoro di ricostruzione delle sue vicende biografiche e una riflessione sul significato 1 G. MANZITTI, Tempo di ricordare. Dalla ricostruzione del dopoguerra ai binari del futuro, Genova, De Ferrari, 2009, p. 103.

9 IX Nota storica della sue molteplici attività. I contributi degli studiosi sono stati successivamente raccolti in un volume, curato da Daniela Preda, ed edito nel novembre del 2006 nella collana Polis della Ecig 2, che ha soprattutto cercato di evidenziare il ruolo avuto da Manzitti, sul piano politico, all interno dell antifascismo genovese, con particolare riferimento alla sua giovanile esperienza nella rivista Pietre e poi alla lotta di liberazione nazionale, senza peraltro dimenticare il suo impegno nel dopoguerra nell ambito dei movimenti per l unità europea, espressione emblematica della sua capacità di guardare oltre le contingenze del proprio tempo. Dal punto di vista economico e professionale è invece emerso chiaramente l ambito internazionale della sua attività basti pensare alla vertenza Andrea Doria-Stockholm la sua critica radicale a ogni interpretazione di stampo nazionale, o peggio nazionalista, del diritto marittimo, le doti di grande economista di cui fece mostra dapprima in qualità di presidente della Commissione economica del CLN Liguria e poi della Camera di Commercio di Genova, sino all impulso che egli seppe imprimere all ampliamento e alla modernizzazione del porto durante la sua breve presidenza del CAP negli anni Sessanta. Da più parti è infine stato messo in rilievo il fatto che il culto per la libertà, intesa da un lato come libertà di pensiero e di espressione e dall altro come libertà d impresa, costituiva il punto di congiunzione, se non addirittura il collante, tra il momento politico e quello economico della sua attività. Tale convegno aveva preso le mosse dal ritrovamento dei diari che Francesco Manzitti aveva puntualmente scritto per ben diciassette anni, tra il 1950 e il 1966, diari in cui egli aveva annotato fedelmente non solo le vicende personali e della sua famiglia, ma anche, più in generale, i momenti più significativi della storia della città, vagliati da uno sguardo critico, e talvolta accompagnati anche da giudizi pungenti, per giunta arricchiti di informazioni e retroscena di cui lui solo, per le cariche che ricopriva, poteva essere a conoscenza. Questo prezioso materiale documentario era rimasto a lungo 2 D. PREDA (a cura di), Da Genova all Europa. La vocazione europea negli ambienti economici della Liguria nel secondo dopoguerra, Genova, Ecig, Il Convegno era stato organizzato dal Dipartimento di Ricerche europee dell Università degli studi di Genova, in collaborazione l Associazione universitaria di Studi europei, la Camera di Commercio di Genova e il Comitato Genova 2004.

10 X Fondo Manzitti, depositato tra le carte private della famiglia, quindi non accessibile alla comunità degli studiosi, anche per volontà testamentaria che i diari non fossero resi noti per almeno 25 anni dalla sua scomparsa, sino a quando, alcuni anni or sono, il figlio Beppe, consapevole dell interesse pubblico che essi rivestivano, dietro suggerimento di Paolo Murialdi, il noto giornalista nonché storico del giornalismo, si adoperò per farli trascrivere e mettere a disposizione degli storici. Francesco Manzitti era nato a Genova l 11 marzo 1908, da Giuseppe e Virginia Preve, nell elegante quartiere residenziale di Castelletto. Il padre, di origine abruzzese, aveva studiato a Genova grazie a una borsa di studio, si era sposato nel 1905 e nel primo dopoguerra aveva fondato la Mutua Marittima Nazionale, probabilmente la prima iniziativa previdenziale nel settore marittimo della città. La madre era invece nata a Laigueglia, dove era anche cresciuta, e si era trasferita a Genova con la famiglia solo da ragazza. Primogenito di cinque figli, Francesco aveva frequentato il prestigioso Liceo classico Colombo, prima di iscriversi all Istituto superiore di Studi commerciali, futura Facoltà di Economia e Commercio. Sin dall adolescenza il giovane Manzitti aveva fatto mostra di un intelligenza pronta e vivace, di una notevole vocazione alla lettura e allo studio, di precoci interessi politici e sociali, nonché di un istintiva propensione antifascista. Per aver espresso pubblicamente queste posizioni politiche, già nel 1924, quando cioè aveva solo 16 anni ed era presidente del Fascio Studenti secondari cattolici, egli subì la prima aggressione squadrista. Negli anni successivi la sua avversione al regime divenne più consapevole, grazie soprattutto all incontro con docenti dichiaratamente antifascisti quali Attilio Cabiati, Salvatore Ortu Carboni, Emanuele Sella e il giovane Carlo Rosselli, allora incaricato di Istituzioni di Economia politica presso l Istituto superiore di Studi commerciali. A proposito di Rosselli, ricordiamo che Manzitti si schierò in più occasioni dalla sua parte e figurò anche tra gli organizzatori di una coraggiosa iniziativa studentesca in suo sostegno tenutasi all indomani dell agguato fascista da questi subito in via Roma, nel centro di Genova, proprio davanti al Palazzo della Prefettura.

11 XI Nota storica In quel periodo egli si riconosceva già nei valori del liberalismo, ma nel contempo contestava l acquiescenza dei liberali italiani verso il fascismo. Proprio per questa ragione egli rifiutò di iscriversi al Partito, non raccogliendo l invito espressamente rivoltogli in tal senso da Umberto Vittorio Cavassa, futuro direttore de Il Secolo XIX, e per lo stesso motivo fu anche tra i fondatori di quella rivista Pietre che, in nome dei supremi valori della democrazia, superava i vecchi steccati del liberalismo e, sulla scia dell insegnamento di Piero Gobetti, apriva a sinistra ai socialisti, come avrebbe dimostrato la collaborazione con i giovani Franco Antolini e Virgilio Dagnino. Pietre era una rivista culturale di indirizzo prevalentemente letterario, e proprio su questo terreno polemizzava a distanza col fascismo, avversando la retorica di poeti, scrittori e intellettuali esaltati dal regime, nonché la loro faziosa interpretazione degli eventi e della storia. Per questa ragione ebbe vita breve, dato che la sua esistenza fu circoscritta ai due anni compresi tra il marzo del 1926 e il marzo del 1928, quando fu costretta a cessare le pubblicazioni a seguito dell improvviso arresto, avvenuto nella notte tra il 12 e il 13 aprile, di molti redattori, a seguito di un attentato avvenuto il giorno precedente in Piazza Giulio Cesare a Milano, nel corso del quale persero la vita venti persone. Ovviamente i giovani di Pietre erano del tutto estranei al crimine che venne loro imputato, ma erano invece reali i rapporti che molti di loro avevano stretto nel frattempo con l organizzazione clandestina della Giovine Italia. Già da alcuni mesi tuttavia Pietre era diventata un altra cosa, essendo la redazione passata a Milano, sostanzialmente nelle mani di Lelio Basso, essendosi il giornale trasformatosi in un quindicinale, e soprattutto avendo accentuato il suo carattere politico, tanto da assomigliare perfino graficamente a Rivoluzione Liberale. Il nome di Francesco Manzitti era strettamente vincolato a questo periodico, poiché egli risultava tra i suoi fondatori e redattori, poiché vi scrisse i suoi primi articoli di natura politica ed economica 3 e svolse un ruolo importante nel reperimento delle risorse finanziarie necessarie alla 3 Cfr., in particolare, F. MANZITTI, I problemi del lavoro. La partecipazione agli utili, in Pietre, a. I, n. 7, ottobre 1926, pp ; ID., Problemi e soluzioni. La questione mineraria inglese, in Pietre, a. I, n. 9, dicembre 1926, pp ; ID., 16 febbraio, in Pietre, a. II, n. 2, febbraio 1927, p. 33; ID., Lucien Romier e l Europa, in Pietre, a. II, n. 4, aprile 1927, pp

12 XII Fondo Manzitti, pubblicazione, e infine perché l indirizzo della sua abitazione di Corso Carbonara costituiva la sede ufficiale di Pietre, anche se le riunioni generalmente si tenevano presso la Società di Letture e Conversazioni Scientifiche. Anche negli ultimi mesi di vita della rivista, Manzitti continuò a svolgere un importante ruolo di collegamento tra la serie genovese e quella milanese, dato che continuò a collaborare con essa insieme all amico Enrico Alpino. Non deve perciò stupire se tra gli arrestati figurasse anche Francesco Manzitti, mentre sorprende il contemporaneo fermo dei fratelli Cesare e Giuseppe. I tre fratelli vennero interrogati in Questura e quindi trasferiti nel carcere di Marassi. Dopo quindici giorni Cesare e Giuseppe furono rilasciati, mentre Francesco, la cui posizione era indubbiamente più delicata, fu trasferito in manette alla prigione di Milano. A San Vittore egli fu trattenuto per circa un mese prima di essere rilasciato, ma avendo in quel momento rifiutato di fare atto di sottomissione fu comunque deferito alla Commissione provinciale per il confino e sottoposto a due anni di ammonizione. Le misure più restrittive, che consistevano nel non poter rincasare la sera dopo le 22 e nel divieto di spostarsi fuori città, vennero tuttavia presto revocate. Di tanto in tanto si presentava però alla porta di casa un agente dell OVRA per una visita di controllo, per ricordare probabilmente sia a Francesco che ai suoi fratelli che la polizia continuava a sorvegliarli e che ogni loro piccolo passo falso sarebbe stato scoperto e punito. Ed effettivamente questa strategia del regime sortì qualche risultato, allontanandoli sostanzialmente dall impegno politico, pur rafforzando la loro fede antifascista. Nel frattempo Francesco aveva conseguito una seconda laurea in Giurisprudenza all Università di Milano, una laurea presa quasi contemporaneamente e perciò all insaputa delle autorità accademiche che non lo avrebbero potuto consentire in base al regolamento a quella genovese in Scienze economiche e commerciali. L ultimo strascico dell arresto Francesco lo subì alla metà degli anni Trenta, quando venne respinta per indegnità politica la sua domanda per svolgere il servizio militare come ufficiale; venne perciò addestrato come soldato semplice, prima a Capua e poi in Calabria, si sposò con Cici Zarri, intraprese l attività professionale di liquidatore di avarie marittime, aprendo uno studio nel centro storico di Genova. Avendo

13 XIII Nota storica occasione di recarsi sovente all estero per lavoro, instaurò contatti con alcuni esuli politici. Negli anni del consenso degli italiani al regime, l antifascismo di Manzitti si limitò a questi piccoli gesti, forse in attesa di tempi migliori: nel 1940 il suo nome venne perciò cancellato da quel Casellario politico centrale in cui il regime schedava i suoi oppositori. La guerra, e poi la tragedia dell occupazione tedesca, cambiarono però nuovamente le cose. Sin dal 28 luglio 1943, quindi durante i cosiddetti 45 giorni di Badoglio, Manzitti rientrò sulla scena politica, andando a rappresentare il Partito liberale italiano, congiuntamente a Enrico Martino, nel locale Comitato dei partiti antifascisti. Nelle settimane successive si dedicò principalmente alla ricostruzione del Partito liberale insieme a Martino, Bruno Minoletti e Mario Albini, tutti liberali eterodossi, provenienti dall esperienza di Pietre o di Giustizia e Libertà. Si trattava di ripartire praticamente da zero, perché il partito, soppresso nel 1926 dal fascismo insieme a tutte le altre forze democratiche, non aveva conservato alcuna organizzazione clandestina. Si trattava di un attività tollerata, anche se non ancora legalizzata, e comunque visibile. Di conseguenza, dopo l 8 settembre Manzitti dovette muoversi con particolare cautela e non poté pertanto rappresentare il partito nel neonato Comitato di Liberazione Nazionale. Egli non restò comunque ai margini dell organizzazione resistenziale, tanto che nel mese di ottobre assunse la presidenza del Comitato finanziario futura Commissione economica del CLN Liguria, con la responsabilità di reperire non solo le risorse necessarie per la lotta, ma anche per aiutare le famiglie dei partigiani alla macchia e quelle dei prigionieri, dei deportati e degli uccisi. Ed effettivamente egli svolse nel migliore dei modi il delicato incarico, grazie soprattutto alla brillante intuizione del cosiddetto Prestito della Liberazione. Si trattava di un emissione di buoni di diverso taglio da parte del CLN, che avrebbero dovuto essere risarciti a guerra finita, e poiché stampare tali buoni in tipografia rappresentava un grande pericolo si ricorse allo stratagemma di contrassegnare con un piccolo foro a forma di stella le banconote già in circolazione, aumentandone di cento volte il valore nominale. L iniziativa ebbe un notevole successo e venne pertanto fatta propria anche da alcuni Comitati di liberazione di altre regioni.

14 XIV Fondo Manzitti, Nell aprile 1944, allorché le maglie della polizia politica si andavano stringendo intorno all organizzazione resistenziale, Manzitti fu chiamato a sostituire il liberale Umberto Lazagna nel Comitato militare del CLN Liguria. Tutte queste attività non potevano però sfuggire alla rete di spionaggio italotedesca, e così nel luglio 1944 le SS fecero nottetempo irruzione nella sua casa di Portofino, dove era sfollato con la famiglia. Riuscì tuttavia a sottrarsi miracolosamente all arresto essendo quella notte rimasto, per precauzione, a dormire nell abitazione di un amico, ma per tredici ore consecutive i nazisti perquisirono la casa e terrorizzarono la moglie, i due bambini e il personale di servizio. Avvisato da un amico di quanto era avvenuto, Manzitti non poté far altro che fuggire a Milano, dove non essendo conosciuto avrebbe potuto continuare la lotta sotto le mentite spoglie del conte Fausto Marchetti. Nel capoluogo lombardo egli divenne infatti il rappresentante del Partito Liberale nel Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), ed entrò a far parte anche del suo Comitato economico. In tali vesti egli si occupò principalmente dei contatti tra il CLNAI e il CLN Liguria, ma gli furono affidati anche incarichi particolari quali la delicata questione dei rapporti tra partigiani italiani e sloveni nella regione giuliana e il problema della ricostruzione del porto di Venezia, gravemente danneggiato dai bombardamenti alleati. Parallelamente egli si interessò pure alla ricostruzione del Partito liberale, questa volta a livello nazionale. Il 25 aprile 1945 Manzitti si trovava ancora a Milano con l amico Minoletti per seguire gli ultimi sviluppi della guerra e del destino di Mussolini, ma erano già in corso i preparativi per il ritorno a Genova. All indomani della Liberazione, Manzitti assunse l incarico di presidente della Commissione economica del CLN Liguria, organismo che su richiesta del CLNAI era stato profondamente riformato proprio nella prospettiva postbellica di essere chiamato a predisporre un piano organico per la ripresa immediata dell economia. E in tale veste egli si mise subito al lavoro, occupandosi in primo luogo della questione degli approvvigionamenti cittadini e del funzionamento dei trasporti pubblici, cercando di instaurare buone relazioni con gli Alleati e rivendicando maggiore autonomia dal CLN regionale.

15 XV Nota storica Ma la situazione era davvero drammatica, col porto bloccato dalle mine e dai relitti, le fabbriche che non riuscivano a produrre a pieno regime per mancanza di materie prime e per scarsità di commesse, e una disoccupazione di massa. Contemporaneamente Manzitti guidava anche il Consiglio provinciale dell economia, futura Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Genova. Proprio quest ultima divenne la sua carica più importante a partire dai primi mesi del 46, allorché in Liguria la Commissione economica venne sciolta, come del resto nelle altre regioni. Su questa vicenda egli entrò tuttavia in contrasto con il suo partito, che, a differenza di Manzitti, era favorevole a quel provvedimento: alcuni mesi dopo egli ne trasse perciò le debite conseguenze, abbandonando un PLI che sempre più spesso andava assumendo posizioni conservatrici. Manzitti restò alla guida della Camera di Commercio sino al 1954, e di questo ruolo egli fu sempre particolarmente orgoglioso essendo profondamente convinto che l economia genovese dovesse puntare più sul commercio che non sull industria, anche perché quest ultima, a suo avviso, era poco dinamica e troppo legata all IRI. Nella seconda metà degli anni Quaranta egli provò pertanto a stimolare gli scambi e incentivare il turismo, ricostituì la Borsa merci, promosse la nascita dell Istituto di Economia internazionale un centro di alto livello con finalità di studio e di ricerca e fu tra i primi sostenitori della costruzione dell aeroporto. Nel frattempo egli ricoprì altre cariche importanti nel mondo economico, a cominciare dalla nomina nel 1946 a componente del Consiglio d amministrazione dell Istituto bancario San Paolo di Torino. Nel 1948 gli venne invece affidata la presidenza del Consiglio superiore della Marina mercantile, proprio in anni cruciali caratterizzati dal ripristino di navi che durante la guerra erano state affondate nei bacini portuali o sottocosta, dall acquisto di navi americane come le Liberty, oltre che dalla necessità di arrivare alla completa riattivazione di porti e cantieri. In virtù di tale qualifica tra il 1948 e il 1952 presiedette anche il Comitato tecnico per le assegnazioni delle nuove costruzioni navali. A cavallo tra gli anni Quaranta e Cinquanta crebbe parallelamente anche il suo impegno nel Movimento federalista europeo (MFE), il più importante tra i movimenti per l unità europea allora presenti in Italia.

16 XVI Fondo Manzitti, Europeista sin dai tempi di Pietre, Manzitti nel 1949 entrò infatti a far parte del Comitato direttivo della sezione di Genova del MFE e l anno successivo partecipò attivamente alla Campagna della petizione per il patto di Unione federale dell Europa 4. La sua attività politica non si riduceva però in quegli anni soltanto alla militanza nel MFE, dato che nella primavera del 1951 egli venne eletto per la prima volta in Consiglio comunale come indipendente nella lista della Democrazia cristiana, grazie alle preferenze raccolte. La presidenza del Comité international des échanges, assunta nel 1951, lo costrinse a viaggiare molto all estero e a recarsi sovente a Parigi, e fu premiata dal governo francese con il conferimento dell onorificenza di Cavaliere della Legione d onore. Impressionante è la mole di impegni che si susseguivano nelle sue settimane non ultimi quelli derivanti dalla vicepresidenza dell Unione italiana delle Camere di Commercio, un organismo di rappresentanza che intendeva porsi come interlocutore per le politiche nazionali, che gli consentivano solo rari e brevi momenti di riposo. Quando però nel 1952 assunse la presidenza della Finmare cioè la Società Finanziaria Marittima del gruppo IRI costituita negli anni Trenta al fine di assumere la partecipazione azionaria delle Società di Navigazione, nonché di coordinarle e di prestare loro un opportuna assistenza finanziaria Manzitti fu costretto a dimettersi, per ragioni di incompatibilità, dalla Presidenza del Consiglio superiore della Marina mercantile, dal Consiglio d amministrazione delle società di assicurazione Savoia e Levante, dal Consiglio della società di navigazione Chiarella e da quello del Rina, il Registro Navale Italiano. Era stato nominato alla guida della Finmare per le sue capacità professionali da Paolo Cappa, ministro della Marina mercantile, e aveva accettato con soddisfazione il nuovo incarico visto l importanza che allora aveva la flotta di stato. Non furono però quelli anni facili per Manzitti, non solo per i gravosi problemi che dovette affrontare per provare ad appianare un cronico buco di bilancio, ma anche perché si trovò coinvolto in un duro scontro sindacale, il cui momento culminante fu rappresentato dallo sciopero dei marittimi del 1959, nel corso del quale venne duramente attaccato con l accusa di essere 4 A questo proposito mi permetto di segnalare il mio volume, Per una storia dell europeismo in Liguria. Documenti e materiali, Genova, Ecig, 2007, con particolare riferimento alla scheda su Francesco Manzitti elaborata da Giorgio Grimaldi.

17 XVII Nota storica subalterno alle posizioni di Confindustria. Questo scontro avvenne proprio nell ultimissimo periodo della sua presidenza, quando egli aveva già presentato da alcuni mesi le sue dimissioni ritenendo ormai raggiunti gli obiettivi prefissati, ed era in attesa della nomina del suo successore. Nel 1952 Manzitti fu inoltre uno dei principali organizzatori di quello straordinario Convegno internazionale per lo studio dei problemi economici dell Europa federata che ebbe luogo a Genova e che rappresentò la prima occasione per una riflessione seria e scientifica su questa tematica. Egli ebbe un ruolo da protagonista in questa iniziativa sia come presidente della Camera di Commercio sia come dirigente del MFE, ma sono tantissimi, come già accennato, gli enti, le organizzazioni e le associazioni che negli anni Cinquanta lo annoveravano tra i loro dirigenti e soci, e che spaziavano dal Comitato italiano del Lloyd s Register of Shipping, di cui fu anche presidente, al Comitato italiano atlantico, in cui ricoprì la carica di vicepresidente, passando per l Istituto nazionale per la storia del Movimento di liberazione in Italia, la Società autostrada dei fiori, di cui fu anche presidente per un breve periodo, l Associazione Italia-Usa, l International Law Association, il Comité Maritime International e molti altri ancora. Il 1959 rappresentò per certi aspetti un altro momento di svolta nella vita lavorativa di Manzitti, avendo egli concluso nel mese di novembre la sua esperienza alla Finmare. Cominciarono però a prospettarsi subito nuovi incarichi, dato che al momento della formazione del governo Segni il suo nome circolò come possibile ministro delle Partecipazioni statali insieme ad ipotesi di altri incarichi come la presidenza della società Italia o del Consorzio autonomo del porto, quest ultima prospettatagli da Carlo Russo sin dal 1961 ma che divenne operativa solo nell agosto 1963 a seguito della nomina governativa, dopo aver superato non poche resistenze di alcune parti politiche. Manzitti ben conosceva quell ambiente, non solo per aver sempre operato nel settore marittimo, ma anche perché in qualità di presidente della Camera di Commercio era stato per molti anni membro di diritto dell Assemblea generale del CAP e del Comitato sezione opere portuali e di gestione. Operò pertanto con competenza, varando tra l altro il primo piano regolatore portuale, completando l espansione a ponente della diga foranea,

18 XVIII Fondo Manzitti, potenziando i mezzi meccanici di scarico, costruendo nuovi terminal e magazzini, ampliando i bacini di carenaggio e la stessa Stazione marittima. Nel dicembre 1966, tuttavia, Manzitti ufficializzò le sue dimissioni, lamentando la scarsa collaborazione incontrata nell espletamento delle sue funzioni e denunciando, nel suo discorso di commiato, la pesante onerosità degli egoismi portuali che travagliano il nostro emporio. All inizio del 1967, quando era ancora alla guida del CAP, fu improvvisamente colpito da un ictus: rischiò la vita, ma pur essendo riuscito a superare la crisi non fu più in grado di recuperare completamente. Di conseguenza negli ultimi anni ridimensionò progressivamente le proprie attività, sino al momento dell aggravamento e della scomparsa, avvenuta a Genova l 8 settembre Guido Levi

19 XIX Nota storica BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE ASSERETO GIOVANNI, DORIA MARCO (a cura di), Storia della Liguria, Roma- Bari, Laterza, 2007; DAGNINO VIRGILIO, Gli incorporati, Milano-Varese, Industrie Grafiche Amedeo Nicola, 1964; GIACCHERO GIULIO, Genova e Liguria in età contemporanea. Un secolo e mezzo di vita economica: , Genova, Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, 1970; GIBELLI ANTONIO, RUGAFIORI PARIDE, Regione improbabile, regione possibile. Un percorso nella storia della Liguria contemporanea, in Storia d Italia. Le regioni dall Unità a oggi. La Liguria, Torino, Einaudi, 1994; LEVI GUIDO (a cura di), Per una storia dell europeismo in Liguria. Documenti e materiali, Genova, Ecig, 2007 MANZITTI GIUSEPPE, Tempo di ricordare. Dalla ricostruzione del dopoguerra ai binari del futuro, Genova, De Ferrari, 2009; MARCENARO GIUSEPPE, Pietre : più che una rivista un intenzione, in Pietre. Antologia di una rivista ( ), Milano, Mursia, 1973; MINOLETTI QUARELLO VIRGINIA, Via Privata Siracusa, Milano, Due Torri, 1946; PREDA DANIELA (a cura di), Da Genova all Europa. La vocazione europea negli ambienti economici della Liguria nel secondo dopoguerra, Genova, Ecig, 2006; RUGAFIORI PARIDE, Resistenza e ricostruzione in Liguria, Milano, Feltrinelli, Per la stesura di questa introduzione sono stati infine consultati i Diari inediti di Francesco Manzitti e la documentazione conservata nel Fondo Manzitti presso la Fondazione Ansaldo.

20

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni ARCHIVIO DI STATO DI CREMONA Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni Inventario (1906-1973) La scuola serale maschile di commercio di Cremona fu istituita il 22 gennaio 1894, per iniziativa

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

Fondo Rossi Doria Paolo (Pablo)

Fondo Rossi Doria Paolo (Pablo) Fondo Rossi Doria Paolo (Pablo) Buste 16 Fascicoli 35 Paolo (Pablo) Rossi Doria nasce a Buenos Aires (Argentina) l 8 luglio 1942. Dopo la maturità classica conseguita presso il Liceo Berchet di Milano

Dettagli

ASSOCIAZIONE ETTORE PROIETTI DIVI PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI TERNANI SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER L UMBRIA

ASSOCIAZIONE ETTORE PROIETTI DIVI PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI TERNANI SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER L UMBRIA ASSOCIAZIONE ETTORE PROIETTI DIVI PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI TERNANI SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER L UMBRIA Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL. Federazione

Dettagli

Fondo Elio Quercioli. Serie: CORRISPONDENZA, COMUNICAZIONI. Busta 1 fasc. 1 Lettere varie cc. 410 Date: 10/11/1974 2/03/2000 altre carte sd.

Fondo Elio Quercioli. Serie: CORRISPONDENZA, COMUNICAZIONI. Busta 1 fasc. 1 Lettere varie cc. 410 Date: 10/11/1974 2/03/2000 altre carte sd. Fondo Elio Quercioli Buste 15 fascicoli 61 Elio Quercioli (1926-2000), giornalista. Partecipa alla Resistenza. Direttore del giornale «Voce comunista». È membro della Segreteria della Federazione milanese

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE Contabilità generale CONTABILITA GENERALE Sono raccolte in questa serie tutte le carte relative alla contabilità generale: bilanci, contabilità e riepilogativi, mastri e mastrini, libri di cassa, rapporti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Alino Ducceschi, sestese di origini toscane, sindacalista della Fiom, tecnico dell azienda Oronzio De Nora Impianti elettrochimici, ha versato alla Fondazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 E costituita una Organizzazione di Volontariato denominata ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Oggi i sottoscritti : Xy nato a.residente in..c.f.. convengono e stipulano il seguente atto: 1) E costituita con sede a un Associazione tra i Gruppi di Acquisto Solidale (da

Dettagli

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita in San Giorgio di Piano l Associazione denominata Riolo Associazione Volontari

Dettagli

Fondo Quartiani Erminio

Fondo Quartiani Erminio Fondo Quartiani Erminio Buste 5 Fascicoli 43 Erminio Quartiani (Melegnano, 1951-) ha militato nel Pci dal 1982, in seguito è stato membro della segreteria regionale lombarda del Partito democratico della

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali

STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 - COSTITUZIONE È costituita la FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS attiva nell aiuto e nell assistenza

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA Allegato alla Deliberazione della Giunta Camerale n. 72 del 21 luglio 2015 FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA STATUTO

Dettagli

RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012

RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012 RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012 Interpelliamo il Governo per conoscere dettagliatamente 1) le modalità del trattamento riservato a un giovane

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO (APPROVATO CON DELIBERA N. 73 DEL 24/6/88 E MODIFICATO CON LE DELIBERE N. 45 E N. 4 DEL 30/10/95 E DEL 2/2/96) Premessa La promozione della cultura e

Dettagli

Banco di Chiavari e della Riviera Ligure Archivio storico Elenco di consistenza

Banco di Chiavari e della Riviera Ligure Archivio storico Elenco di consistenza Banco di Chiavari e della Riviera Ligure Archivio storico Elenco di consistenza L elenco di consistenza che qui di seguito si propone si basa sulle indicazioni riportate sulle coste di registri e faldoni,

Dettagli

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba dell Università degli Studi di Torino STATUTO ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituito il Comitato Unito - America Latina e Caraibi

Dettagli

STATUTO. della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA

STATUTO. della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA STATUTO della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA TITOLO I Denominazione Sede Art. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

Fondo Cerasi Bruno Buste 5 Fascicoli 29

Fondo Cerasi Bruno Buste 5 Fascicoli 29 Fondo Cerasi Bruno Buste 5 Fascicoli 29 Bruno Cerasi (Nando), militante comunista di origine piombinese, operaio del Tibb, è stato dirigente politico durante la lotta di liberazione nel III settore delle

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale R. Remondi di Fiesse è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo Associazione Italiana di Mineralogia Titolo I Denominazione, oggetto, durata e sede Art.1 Il Gruppo Mineralogico Lombardo è stato fondato nel 1965 presso il Museo

Dettagli

FONDO GUERRINO MALISARDI LINA ANGHEL (1943-1983)

FONDO GUERRINO MALISARDI LINA ANGHEL (1943-1983) FONDO GUERRINO MALISARDI LINA ANGHEL (1943-1983) La documentazione che compone questo fondo si può distinguere in tre parti. Un primo nucleo di materiale è composto da materiale relativo a Guerrino Malisardi:

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Articolo 1 - E costituita l Associazione denominata State of the Net, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto.

Dettagli

ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.

ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica. ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA Art. 1: COSTITUZIONE. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it Art. 2: DURATA DELL ASSOCIAZIONE. L Associazione

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009.

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009. D.L. N.457 Modifiche e integrazioni alla L.R. 24.12.2008 n. 43 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge finanziaria 2009). Articolo 1 L articolo stabilisce

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI Articolo 1 Costituzione, sede, Fondatori 1.1 È costituita una fondazione denominata "Torino Musei", con sede in Torino, via Magenta, 31 presso la Galleria Civica d Arte

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI REGOLAMENTO Art. 1 - Istituzione del Centro Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione e il funzionamento del Centro di

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Comunico Art. 1 - Denominazione sociale È costituita, nel rispetto delle disposizioni previste dal codice civile e dalla Legge n. 383/2000, l Associazione

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione sede- durata

STATUTO. Art. 1 Denominazione sede- durata Art. 1 Denominazione sede- durata STATUTO E costituita l Associazione culturale denominata CRAMA (Centro Recupero Animali Marini). E una libera Associazione di fatto con durata 20 anni con decorrenza dal

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

ARCHIVIO STORICO. Inventario 1970-2002. Fondazione Sandro Penna. Archivi del Fuori!, della Fondazione Sandro Penna e del GSA

ARCHIVIO STORICO. Inventario 1970-2002. Fondazione Sandro Penna. Archivi del Fuori!, della Fondazione Sandro Penna e del GSA Fondazione Sandro Penna ARCHIVIO STORICO Archivi del Fuori!, della Fondazione Sandro Penna e del GSA Inventario 1970-2002 a cura di: Marinella Bianco e Rosanna Cosentino Anno del riordino: 2002 Anno della

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CLUB UNESCO di ALBA, LANGHE E ROERO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CLUB UNESCO di ALBA, LANGHE E ROERO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CLUB UNESCO di ALBA, LANGHE E ROERO STATUTO Art.1 - Costituzione, denominazione, sede e durata a - E costituita in Alba l Associazione di volontariato denominata CLUB UNESCO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA CLINICA

STATUTO ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA CLINICA STATUTO ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA CLINICA Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione

Dettagli

CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica

CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica 1 di 24 CERUTI Officine meccaniche - Archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica Soggetto

Dettagli

STATUTO Corso S. Gottardo, 22 20136 Milano Tel/fax +39 (0)2 8373124 C.F. 97350410151 www.altrispazi.org

STATUTO Corso S. Gottardo, 22 20136 Milano Tel/fax +39 (0)2 8373124 C.F. 97350410151 www.altrispazi.org STATUTO Corso S. Gottardo, 22 20136 Milano Tel/fax +39 (0)2 8373124 C.F. 97350410151 www.altrispazi.org TITOLO I Disposizioni generali Articolo 1 Denominazione e Sede E costituita l Associazione culturale

Dettagli

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV)

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 14 aprile 1996) 1 S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Associazione Casa della Città Leopolda Piazza Guerrazzi 56125 Pisa Tel. 050.21531 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Titolo primo: i principi generali Art. 1 1. L Associazione Casa della

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA * * * Art. 1 - Denominazione, sede e scopo sociale. 1.1 È costituita fra essi comparenti l Associazione Società italiana di Informatica

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO

STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO Art. 1 STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO E' costituita l'associazione culturale (o anche ) di seguito denominata Associazione. La

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

Allegato A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA PIEVE

Allegato A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA PIEVE Allegato A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA PIEVE Articolo 1 Costituzione Ai sensi della legge 7 dicembre 2000 n. 383 e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA. composta dai magistrati:

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 95/2009 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA composta dai magistrati: Pres. Sez. Martino COLELLA Presidente Cons. Giuseppe GINESTRA Cons.

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE

STATUTO DELLA FONDAZIONE STATUTO DELLA FONDAZIONE Art. 1 Scopi Tra i costituiti, che si sono proposti di dare un impulso vivo e concreto allo sviluppo dell Europa e dell unità politica europea, attraverso progetti di studio, di

Dettagli

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI Articolo 1 L Associazione E costituita l Associazione Professionale di Categoria, denominata Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.), di seguito

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

PROGETTO. per l ordinamento, l inventariazione e l informatizzazione dei fondi archivistici del Centro Studi Ettore Luccini

PROGETTO. per l ordinamento, l inventariazione e l informatizzazione dei fondi archivistici del Centro Studi Ettore Luccini PROGETTO per l ordinamento, l inventariazione e l informatizzazione dei fondi archivistici del Centro Studi Ettore Luccini 1. Centro Studi Ettore Luccini Il Centro Studi Ettore Luccini (CSEL) è un associazione

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI MEDIANTE COSTITUZIONE DI UN UFFICIO COMUNE

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI MEDIANTE COSTITUZIONE DI UN UFFICIO COMUNE San Rocco al Porto Castelnuovo Bocca d Adda Caselle Landi San Fiorano Meleti Cornovecchio Maccastorna Santo Stefano Lodigiano CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI MEDIANTE COSTITUZIONE

Dettagli

Statuto dell Associazione Dalmazio Mongillo (A.DA.MO.)

Statuto dell Associazione Dalmazio Mongillo (A.DA.MO.) Statuto dell Associazione Dalmazio Mongillo (A.DA.MO.) Art. 1 È costituita l Associazione denominata Associazione Dalmazio Mongillo, in breve (A.DA.MO.). Art. 2 L Associazione ha sede in Roma, Largo Russell

Dettagli

IL SINDACO I N F O R M A

IL SINDACO I N F O R M A OGGETTO: Avviso relativo alla designazione del rappresentante del Comune di Firenze in Enti, aziende e Istituzioni: Fondazione Spadolini Nuova Antologia. IL SINDACO Visto l'art. 50, c. 8, del d.lgs. n.

Dettagli

Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 ( Denominazione e sede )

Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 ( Denominazione e sede ) Statuto dell Associazione di Promozione Sociale denominata AL CENTRO DELLA VITA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ( Denominazione e sede ) 1. E costituita Associazione denominata Al Centro della Vita.

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

Rai, Viale Mazzini 14, Roma. Longitude, Via Bruxelles 67, Roma

Rai, Viale Mazzini 14, Roma. Longitude, Via Bruxelles 67, Roma F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GIANCARLO LOQUENZI Nazionalità italiana Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 2010 a oggi Rai, Viale Mazzini 14, Roma

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È istituita la Fondazione denominata "Fondazione Banca San Paolo di Brescia" al fine di assicurare, con un nuovo strumento adeguato alla vigente legislazione, la prosecuzione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ARTICOLO 1 = COSTITUZIONE E' costituita, senza scopo di lucro, tra 48 soci promotori un'associazione sotto la denominazione: PROCOSTA- Associazione per lo sviluppo e la

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

Dipartimento Patrimonio, Architettura, Urbanistica

Dipartimento Patrimonio, Architettura, Urbanistica AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER IL MASTER DI I LIVELLO IN PROGETTAZIONE AMBIENTALE PER LA CITTA SOSTENIBILE ISTITUITO PRESSO IL DIPARTIMENTO PATRIMONIO, ARCHITETTURA,

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.).

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). Art. 2 Sede L Associazione ha sede legale, segreteria organizzativa

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Archivio Fondazione di Studi Storici Filippo Turati I Fondi

Archivio Fondazione di Studi Storici Filippo Turati I Fondi Archivio Fondazione di Studi Storici Filippo Turati I Fondi PARTITO SOCIALISTA ITALIANO COMITATO COMUNALE FIORENTINO Bb. 20, fascc. 205, pubblicazioni 5, audiovisivi 17 (1973-1986). Elenco di consistenza

Dettagli

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA STATUTO Allegato all Atto costitutivo dell Associazione denominata Cantalupo Volontari Protezione Civile Mandela redatto in data undici di febbraio anno duemilasei. Art. 1 TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli