n. 6 8 aprile 2011 PRIMO PIANO ATTUALITÀ Abbonati ON LINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dagricolem@il n. 6 8 aprile 2011 PRIMO PIANO ATTUALITÀ Abbonati ON LINE"

Transcript

1 ATTUALITÀ ROMANO, NO AGLI OGM Intervistato sulle tematiche d attualità dell agricoltura italiana il neo ministro Romano si è impegnato a difendere il budget dell Italia nella nuova Pac e a incontrare le organizzazioni di categoria. Contrario agli ogm, ritiene che le aziende italiane debbano giocare il proprio futuro puntando su qualità e innovazione. CLICCA> CLICCA> METEO da TV n Previsioni settimanali dal 11 al 17 aprile CLICCA> 2 2 CLICCA> 2 da TV n GUIDI NEO PRESIDENTE CONFAGRICOLTURA Al vertice Confagricoltura inizia l era Mario Guidi. Eletto presidente con il 90% dei voti, si dice critico sull intervento del Governo sugli incentivi alle rinnovabili, possibilista sul nucleare e sollecita un azione sinergica tra Mipaaf e le altre organizzazioni per difendere il budget italiano della Pac dopo il FUKUSHIMA, NESSUN ALLARME IN ITALIA Il danneggiamento della centrale atomica giapponese non ha provocato inquinamenti radioattivi in Italia, dove le concentrazioni sono molto basse e lontane da un allarme sanitario. Il parere di Ettore Capri, docente di contaminanti e valutazione del rischio sugli alimenti dell Università Cattolica di Piacenza ed esperto dell Efsa. 14 PRIMO PIANO CLICCA> 5 MERCATO Parmalat, in ballo l italianità Sul futuro dell azienda di Collecchio le ipotesi che si fanno avanti sono l acquisto da parte della francese Lactalis o di una cordata italiana composta da Granarolo, Intesa San Paolo e forse Ferrero. Cosa cambierebbe nell italianità dell azienda? I giudizi di Giampiero Calzolari, presidente Granarolo, e di altri rappresentanti di filiera, dalle organizzazioni di categoria alla gdo. Vento di ripresa sul tenero Grano tenero - dopo una settimana di pausa, il mercato sconta le notizie meno rassicuranti del previsto dal Nord America (siccità nel centro); le stime produttive 2011 della Usda contribuiscono a mantenere alto il tono. Sulle principali piazze arriva il vento di ripresa dalla Francia e le quotazioni si rafforzano all istante, anche perché la merce offerta resta da settimane quella comunitaria ed estera. Mais - il mercato resta fortemente influenzato dall andamento del prezzo dei cereali a paglia e dalle voci di una limitatezza di disponibilità mondiale che avrebbe ripercussioni sugli equilibri europei. Oleaginose - divergenza di vedute tra le due borse merci Italiane. Milano aumenta di 7 /t dando peso alle notizie dei cali degli stock e delle superfici in Usa, mentre l Ager Bologna resta in attesa di conferme: invariato e un differenziale di meno 10 /t rispetto alla Granaria di Milano. CLICCA> da TV n Software ad hoc per l agricoltura L informatica a supporto della gestione dell azienda agricola offre diversi software specifici sia per le operazioni colturali che per la zootecnia. Una panoramica sulle novità che spaziano dal controllo degli agrofarmaci alla misurazione delle superfici, dalla gestione dell alimentazione al monitoraggio della mandria. CLICCA> da TV n ZOOTECNIA/DOSSIER ALLEVAMENTO DELLA BUFALA Bufale e bovini: un ambiente per ogni specie L inserimento della specie bufalina negli allevamenti intensivi, simili a quelli bovini, ha determinato l insorgere di nuovi stress. Tra i fattori determinanti: il poco spazio, l alimentazione e la temperatura. La ricerca presentata da Esterina De Carlo (Izsm) al convengo sull adattamento degli animali agli ambienti di allevamento. CLICCA > 3 DOSSIER INFORMATICA 8 6 da TV n da IZ n ZOOTECNIA/ECONOMIA da TV n Concorrenza estera e il comparto è in declino Forte ridimensionamento per la zootecnia umbra, che coinvolge anche il settore suinicolo e il suo indotto. Alla base l importazione di animali vivi dall estero a prezzi più bassi. A ciò si aggiungono l aumento dei costi di alimentazione e alcuni divieti imposti dalla Regione in ragione della tutela dell ambiente. CLICCA> 9 da SN n Abbonati ON LINE Le notizie e gli approfondimenti di questo numero di sono tratti dai n. 13, 14 e 15 di Terra e Vita, dal n. 6 di Informatore Zootecnico, dal n. 3 di Frutticoltura e dal n. 4 di Suinicoltura, Colture Protette e Olivo e Olio. Scopri come sottoscriverlo on line adesso! FRUTTICOLTURA SPECIALE PRODUZIONI BIOLOGICHE BIO, IN AUMENTO SUPERFICI E MERCATO Cresce l attenzione dei consumatori verso i prodotti biologici e di conseguenza aumentano le superfici coltivate. In Italia gli incrementi degli ettari (dato 2008) e dei consumi (dato 2010) sono rispettivamente del 9% e dell 11%. In Europa i prodotti bio si contraddistinguono per un logo comune. CLICCA> 10 dal n COLTURE PROTETTE/FLOROVIVAISMO ANCHE IL PAPAVERO NEL PROGETTO FORMED Considerato dalla Regione Liguria una coltura chiave per la valorizzazione della floricoltura locale, il papavero è una delle specie del progetto europeo Flromed. Obiettivi, la CLICCA> 11 determinazione di protocolli di micropropagazione per il miglioramento varietale e la messa a punto di nuove tecniche colturali. OLIVO E OLIO OSSERVATORIO DI CAMPO INERBIMENTO, MEGLIO DOPO 4-5 ANNI Sempre più diffusa, questa pratica riduce l erosione del terreno e lo arricchisce di sostanze nutritive. Per evitare la competizione idrico-nutrizionale tra il prato e gli olivi, l inerbimento è consigliabile negli oliveti adulti o situati in aree dove l acqua non è un fattore limitante. In ogni caso è possibile somministrare un supplemento di azoto. CLICCA> 12 dal n dal n

2 2 ATTUALITÀ ROMANO, NO AGLI OGM É in pieno svolgimento il dibattito sulla Pac e il nuovo ministro dell Agricoltura Romano ha il compito di difendere le richieste e il budget del Paese: «Ritengo che per garantire lo sviluppo e, in alcuni casi, la sopravvivenza dell agricoltura italiana sia necessario evitare tagli ai fondi erogati. I criteri di distribuzione sono destinati a subire delle modifiche, ma è fondamentale che qualità e valore aggiunto siano elementi prioritari nella valutazione dei contributi rispetto all estensione». Romano si dice pronto a incontrare le organizzazioni agricole che considera interlocutori privilegiati e con le quali sta già prendendo contatto. Contrario agli ogm ha dichiarato che «è necessario adoperarsi in tutte le sedi per impedire l invasione di prodotti geneticamente diversificati e difendere la nostra produzione». Sul futuro delle imprese agricole italiane afferma che la concorrenza con i Paesi extra Ue va affrontata puntando sulla qualità e l innovazione senza sottrarsi dal confronto. [da TV n ] GUIDI NEO PRESIDENTE DI CONFAGRICOLTURA Mario Guidi è il neo presidente di Confagricoltura, eletto con 469 voti su 520 prende il posto di Federico Vecchioni. Rispetto ai tagli all agricoltura apportati dal Governo nelle ultime tre finanziarie ha commentato: «Ci aspettiamo almeno la riapertura della trattativa sulle necessità del mondo agricolo e il mantenimento delle promesse fatte». Posizione critica sulla messa in discussione dell esecutivo degli incentivi alle energie rinnovabili: «Siamo finiti dentro al conflitto tra food e fed, sistemi che paiono essere concorrenti ma non è così. Non trovo molto equilibrio in un azione di governo che in poche settimane smonta un meccanismo di incentivazione in itinere. Questo provoca disastri che non ci possiamo permettere perché molti progetti erano in corso d opera e molti impianti già finanziati». Guidi si dice possibilista sul nucleare e auspica una sinergia d azione con le altre organizzazioni e con il Mipaaf per tutelare la difesa del budget italiano della Pac post [da TV n ] FUKUSHIMA, NESSUN ALLARME IN ITALIA Dopo Fukushima nel mondo e in Italia è salita l allerta nucleare e anche nel nostro Paese ci si interroga sul rischio di contaminazione. «Gli inquinamenti radioattivi e i danni sono improbabili nel nostro Paese afferma Ettore Capri, docente di contaminanti e valutazione del rischio negli alimenti dell Università Cattolica di Piacenza ed esperto Efsa. Le contaminazioni ci saranno perché stiamo parlando di sostanze che hanno un effetto ambientale globale, ma i livelli di concentrazione rimarranno molto bassi e lontani da un allarme sanitario». Capri rassicura anche sul consumo di prodotti derivanti dai livelli ecologici trofici superiori, come latte, carne e trasformati. Escluso anche il rischio di un accumulo radioattivo nei campi italiani: «Ad oggi, con i dati disponibili, è da escludere un accumulo nei nostri campi. Il rischio interessa le aree prossime alla centrale e le specie ittiche nell ambiente acquatico prossimo all incidente». Inoltre, conclude Capri, è comunque attiva una rete di controllo omogenea sul territorio nazionale a tutela dei consumatori. [da TV n ]

3 3 MERCATO PREZZI NAZIONALI A CONFRONTO (dal 1 al 7 aprile) (Il commento completo sui prezzi europei e mondiali su Terra e Vita n ) Frumento tenero ITALIA dopo una settimana di pausa, il mercato sconta le notizie meno rassicuranti del previsto dal Nord America (siccità nel centro); le stime produttive 2011 della Usda contribuiscono a mantenere alto il tono. Sulle principali piazze arriva il vento di ripresa dalla Francia e le quotazioni si rafforzano all istante, anche perché la merce offerta resta da settimane quella comunitaria ed estera. Sempre ampia l offerta sui porti dalle origini Usa, calmierata nella volatilità dall effetto cambio /$ a nostro favore. Milano e Bologna riprendono quota, consolidando aumenti di 7 /t su tutte le voci e Milano adeguando i prezzi del francese con un sostanzioso +15 /t. Frumento duro ITALIA sulle nostre piazze l aria resta pesante, ma il ritorno della domanda da parte di alcuni principali utilizzatori del Sud, sostiene le quotazioni che restano in linea con il resto del mondo. L offerta era e resta presente anche per le notizie di ulteriori acquisti di merce estera che potrebbero limitare gli scambi a ridosso del nuovo raccolto Italiano Le stime di semina in Usa e Canada nel complesso danno segnali rassicuranti, come la sempre pressante offerta di merce estera ai porti di ogni tipologia di prodotto. Milano resta invariato, mentre Bologna timidamente mette più 5 /t all origine Centro Italia a sottolineare la ripresa della domanda. Raccolto 2011: tutto procede per il meglio senza alcuno stress agronomico. Mais ITALIA il mercato resta fortemente influenzato dall andamento del prezzo dei cereali a paglia e dalle voci di una limitatezza di disponibi8lità mondiale che avrebbe ripercussioni sugli equilibri Europei (anche se dal Mar Nero il mais sembra assicurato fino a congiuntura di campagna). La generale tendenza è per una tenuta dell offerta che sostiene il mercato, e le borse di riferimento quotano di conseguenza: Milano registra un più 7,5 /t e Bologna ratifica un più 7,0 /t. La rubrica continua a PAG. 4

4 4 MERCATO Oleaginose-cereali foraggeri ITALIA Cereali - foraggeri: in regime di pressione sul tenero e sul mais, l intero comparto dei foraggeri torna a respirare e registra lievi aumenti per il il sorgo bianco che guadagna un 2 /t ed il tenero foraggero che vede un più 5 /t; stabile l orzo. Sul breve pesa la conferma della chiusura dell origine Russa fino ad Ottobre. Oleaginose: divergenza di vedute tra le due borse merci Italiane. Milano aumenta di 7 /t dando peso alle notizie dei cali degli stock e delle superfici in Usa, mentre l Ager Bologna resta in attesa di conferme: invariato e un differenziale di meno 10 /t rispetto alla Granaria di Milano. Botta e risposta D: Le stime di semina del grano e del mais in Nord America sono in aumento, tuttavia i mercati tornano a rafforzarsi. Ripresa momentanea o duratura? R: I dati sulle semine di recente diffusi dagli organismi Usa e Canada, erano da settimane attesi e pertanto la ripresa delle quotazioni è più imputabile al fatto climatico avverso per i cereali in molta parte degli Usa e del Centro Europa che al non volere prendere atto che, se tutto andrà bene nei prossimi mesi, la produzione cerealicola mondiale potrebbe tornare a livelli superiori ai consumi. In questa fase, ove molti operatori hanno deciso di legare il prezzo del cereale alle borse a termine Europee (Parigi) e mondiali (Cbot,.. ecc.) è chiaro che l influenza delle notizie commerciali, climatiche e politiche abbia un effetto immediato sulle piazze storiche di Milano e Bologna e non più dilazionato dal sistema delle nostre borse mercantili che prima di imporre aumenti o ribassi le mediavano per alcune settimana. In poche parole oggi viviamo il mercato in tempo reale e la momentanea ripresa delle quotazioni potrebbe domani subire repentine inversioni non appena quanto oggi è ritenuto destabilizzante (siccità in Usa ed Europa) rientrasse o venisse cancellato da nuove notizie rassicuranti (rese medio-alte nel mondo e riapertura del Mar Nero). Oggi si opera ad elevata velocità decisionale, e si dovrebbe essere in grado di cogliere l attimo fuggente.. ma i rischi di sbagliare sono proporzionali alla velocità del mercato. Inviate le vostre domande a: Noli marittimi Segnali di debolezza su tutte le tipologie e tonnellaggi per il duplice effetto dello stallo delle consegne sul Giappone e della pressione derivante dalla consegna di nuove navi. Le panamax perdono dippiù rispetto alla handymax e l Indce Baltic (DBI) regredisce di oltre il 7% chiudendo a 1462 punti. La tratta Brasile-Europa per partcargo quota 43 $/t (inv); la tratta Golfo-Nord Europa vale 27 $/t (-1) per navi da oltre ton; sui 45 $/t (-1) il nolo per una Supramax da S.Lorenzo sull Italia. Flash Ucraina: fonti governative confermano il calo delle superfici di cereali primaverili del 23% rispetto al In totale sarebbero stati ettari di orzo e ettari di grano. Sul fronte dei cereali vernini le gelate killer avrebbero danneggiato parte delle superfici, ma non si hanno al momento dati ufficiali sul fenomeno. Australia: a fine Febbraio gli stock di grano presso i centri di stoccaggio privati e pubblici ammonterebbero a circa 20,5 mio/t (+ 30% sul 2010),di cui un 11 milioni sarebbero per uso alimentare umano ed il resto feed. Fertilizzanti: la società Cilena Sociedad Quimicia y Minera de Chile, principale produttore di concimi potassici e azotati, ha dichiarato un utile in aumento del 33% nel periodo Gennaio-Marzo Causa di tale brillante risultato è la esponenziale domanda di concimi derivante dall aumento del prezzo dei cereali e dalla crescente domanda di concimi a fronte del sensibile aumento delle superfici mondali seminate. La stessa società cilena, si è detta certa di un positivo trend dei prezzi anche nel secondo trimestre solare del 2011.

5 5 PRIMO PIANO Parmalat, in ballo l italianità Fino a poco tempo fa sembrava che la Parmalat dovesse essere acquisita dal colosso francese Lactasil, primo gruppo lattiero-caseario in Europa, che detiene già i marchi italiani di diversi formaggi, quali Cademartori, Galbani, Invernizzi, Vallelata, Locatelli. Poi il decreto antiscalate di Tremonti ha rimesso la palla in campo e sulla scena si è affacciata l ipotesi di una cordata italiana composta da Granarolo, Intesa San Paolo e forse Ferrero. «Da tempo pensiamo all ipotesi Parmalat-Granarolo afferma Giampiero Calzolari,presidente di Granarolo Potrebbe essere l occasione per accompagnare dei processi di ristrutturazione necessari per competere anche all estero, dove è importante difendere i marchi, ma allo stesso modo fare massa critica». Per quanto riguarda l italianità di un azienda come la Parmalat parlano alcuni rappresentanti di filiera. Sergio Marini, presidente Coldiretti: «Parmalat fattura solo poco più del 20% nel Belpaese e il resto all estero. L azienda di Collecchio rappresenta bene vizi e virtù del nostro Paese»; Vincenzo Tassinari, presidente di Coop Italia: «L 80% dei consumatori vuole mangiare italiano» e Maurizio Gardini, presidente di Conserve Italia e di Fedagri Confcooperative vede di buon occhio la cordata con Granarolo, pur nella consapevolezza che non si può vendere solo latte italiano, ma va indicato in etichetta. [da TV n ]

6 6 TECNICA DOSSIER INFORMATICA Software ad hoc per l agricoltura Nonostante le difficoltà iniziali a entrare nel settore agricolo, oggi le aziende informatiche offrono una gamma specializzata di software house per la gestione razionale della pratica agricola e dell allevamento. Per la gestione delle operazioni di campagna è disponibile IsaColture, un software di Isagri con cui l utente può analizzare i dati inseriti e ottenere l itinerario tecnico, i registri trattamenti e il registro di campagna. Può inoltre analizzare dati economici, come costi di produzione e margini di profitto, e gestire la somministrazione degli agrofarmaci. IsaColture si completa con il Pocket, un palmare per consultare e registrare i dati direttamente in campo, e con il Modulo mappa, strumento per la visualizzazione della cartografia aziendale. Per il controllo dell intero quadro economico aziendale è disponibile IsaContab. Infine per chi ha la necessità di misurare superfici in tempo reale c è IsaGps+. Per la zootecnia Isagri propone IsaGestal per seguire il singolo animale o l andamento dell intera mandria. Per la gestione dell alimentazione la Ptm propone Data Mix Card 3.50 e Super Data Mix 5. Strumenti per la formulazione di mangimi vengono proposti anche da Fabermatica con i moduli software Plurimix, Gestione ordini, Dinamilk, Traccial e Dinamethane. [da TV n ]

7

8 8 ZOOTECNIA DOSSIER ALLEVAMENTO DELLA BUFALA Bufale e bovini: un ambiente per ogni specie Èun errore accomunare la specie bufalina a quella bovina nel campo del benessere animale. È il presupposto da cui è partita Esterina De Carlo, del Centro referenza nazionale sull Igiene e le tecnologie dell allevamento e delle produzioni bufaline dell Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno (Izsm) di Portici (Na), nel corso di un convegno sull adattamento degli animali agli ambienti di allevamento, che si è tenuto recentemente a Capaccio (Sa). In quest occasione De Carlo ha presentato i risultati di studi effettuati in collaborazione con la scuola di Luigi Zicarelli della facoltà di Veterinaria di Napoli e con Massimo Amadori dell Istituto zooprofilattico di Brescia, dai quali è emerso che l inserimento delle bufale negli allevamenti intensivi, simili a quelli bovini, ha fatto insorgere nuovi fattori di stress: «Stress da poco spazio: è stato determinato uno spazio di benessere minimo di circa 20 mq/capo», ha spiegato De Carlo. Ovviamente anche l alimentazione ha un ruolo importante: «Diventa cruciale nella fase dell asciutta, altrimenti aumenta il rischio di prolasso, diminuisce la fertilità e si riduce la produzione». Un altro fattore d influenza è la temperatura. Il troppo freddo agisce negativamente sui parti, mentre l eccessivo caldo sulla digeribilità degli alimenti e quindi sulla produzione. [da IZ n ]

9 9 ZOOTECNIA/ECONOMIA Concorrenza estera e il comparto è in declino Il ridimensionamento che sta vivendo la zootecnia umbra non ha risparmiato il settore suinicolo. La riduzione degli allevamenti, fa sapere Andrea Palomba, tecnico Cia Umbria, si sta ripercuotendo sul settore della norcineria. Alla base della crisi c è l importazione di animali vivi, da destinare all industria agroalimentare, dall estero a un costo inferiore rispetto a quelli allevati in Italia. A questa situazione che è comune al comparto nazionale, in Umbria si aggiunge la densità di allevamenti in alcune zone, con relativi problemi di inquinamento. Al divieto di fertirrigazione, deciso dalla Regione, in alcune zone non sarebbero state programmate soluzioni alternative. A ciò si aggiunge la crescita dei costi di alimentazione non compensati da una mercato stagnante. Gli allevatori attendono il Piano zootecnico regionale e si aspettano che la Regione sia in grado di varare strategie di sostegno alla suinicoltura. L opposizione suggerisce l inserimento nel Piano di meccanismi di premialità per quegli allevatori che vogliano de-localizzare le proprie stalle o riconvertire i propri volumi. [da SN n ]

10 10 ORTICOLTURA SPECIALE PRODUZIONI BIOLOGICHE Bio, in aumento superfici e mercato L a produzione biologica di ortofrutta è diventata un segmento importante del comparto. Secondo i dati Eurostat, la superficie condotta secondo il metodo biologico nell Ue è pari a 7,7 milioni di ettari (2008), era 4,3 milioni nel 2000, ed è cresciuta soprattutto nei Paesi dell Ue-12. La superficie biologica rappresenta il 4,1% dell intera superficie europea coltivata (quasi il 9% in Italia), mentre nel mondo rappresenta meno dell 1%. Sul fronte dei mercati, nonostante la crisi economica, nel 2009 sono aumentati i consumi rispetto all anno precedente, ad eccezione che in Germania, Regno Unito e Norvegia. Negli Usa il mercato del biologico è cresciuto del 5,1%, con un incidenza sui consumi alimentari del 3,7% e con una quota dell ortofrutta pari al 38% per un valore di circa 9,5 miliardi di dollari. In Italia nei primi mesi del 2010 Ismea ha registrato un incremento dei consumi dei prodotti bio dell 11%, +4% per l ortofrutta fresca e sfusa. Il controllo del biologico è affidato a un sistema di certificazione nazionale e il prodotto europeo è contraddistinto da un logo. La certificazione costa circa euro all anno a seconda della superficie di coltivazione. [da FR n ]

11 11 FLOROVIVAISMO Anche il papavero nel progetto Formed Il papavero è una delle specie oggetto del progetto europeo Formed, finalizzato al miglioramento genetico e alla ricerca di efficienti tecniche di coltivazione per la produzione nel bacino del Mediterraneo. Il progetto vede coinvolti enti e istituzioni di Italia, Francia e Grecia. Capofila è la Regione Liguria che considera il papavero una specie chiave nell ottica dell ulteriore valorizzazione della floricoltura locale. Sul territorio regionale la coltura supera i 22 ettari con circa 1-1,2 milioni di piante coltivate; l Irf (Istituto regionale per la floricoltura) ha elaborato protocolli di micropropagazione, che permetteranno di migliorare le selezioni varietali sia attraverso l utilizzo di linee genetrici clonate che tramite la disponibilità di varietà omogenee. Vengono, inoltre, messe a punto tecniche di coltivazione che considerino diverse densità, ambienti di coltivazione alternativi e diversi substrati colturali. La raccolta va effettuata quando il fiore è ancora inclinato, le brattee verdi che avvolgono il bocciolo sono aperte e il fiore mostra il colore, ma è ancora chiuso. Subito dopo la raccolta, per garantire la serbevolezza del reciso, la parte basale dello stelo viene immersa in acqua bollente per 20 secondi e poi i fiori vengono confezionati in mazzi da pezzi. [da CP n ]

12 12 OSSERVATORIO DI CAMPO Inerbimento, meglio dopo 4-5 anni S i va sempre più diffondendo la pratica dell inerbimento degli oliveti, cioé della formazione di un cotico erboso costituito dalla flora spontanea o selezionata al fine di eliminare o ridurre gli effetti negativi delle lavorazioni o del diserbo chimico. L inerbimento consente il controllo dell erosione del suolo e la regimazione delle acque, aumento della sostanza organica del terreno e della disponibilità di fosforo e potassio, riduzione della lisciviazione dell azoto, sviluppo dell apparato radicale degli ulivi anche negli strati superficiali di terreno, riduzione delle ore di lavoro e dell impiego di macchine per la lavorazione. Tra gli svantaggi la competizione idrico-nutrizionale tra il prato e l olivo, soprattutto per le piante giovani, a cui si può ovviare con la somministrazione di una dose supplementare di azoto (40-50 kg/ha per anno) nei primi 2-3 anni dell inerbimento. Nei primi anni di vita dell oliveto questa pratica andrebbe attuata solo dove l acqua non è un fattore limitante, altrimenti nei primi 4-5 anni sarebbe meglio evitarla. Il terreno inerbito richiede 2-4 sfalci all anno; il taglio va eseguito a 5-6 cm da terra per non pregiudicare la capacità di ricaccio e la biomassa va lasciata a terra come pacciamante. [da OL n ]

13

14 14 METEO Meteo (a cura di Alfio Giuffrida) Settimana di tempo variabile, con precipitazioni sparse su tutta la penisola. Le temperature saranno in lieve ma graduale diminuzione. LUNEDÌ 11 E MARTEDÌ 12, al nord nuvolosità in aumento, con frequenti addensamenti sui rilievi e piogge sparse, più probabili sull arco alpino occidentale ed in Liguria. Nelle ore pomeridiane le precipitazioni potranno assumere carattere temporalesco. Al centro e al sud condizioni di bel tempo, salvo locali addensamenti sui rilievi appenninici ed in Toscana, dove potranno aversi locali piogge. Temperature stazionarie. MERCOLEDÌ 13, GIOVEDÌ 14 E VENERDÌ 15, sulle regioni del nord e del centro, nuvolosità irregolare con locali precipitazioni, soprattutto sui rilievi alpini e lungo il versante tirrenico della penisola. Qualche rovescio sul Triveneto, nelle ore più calde della giornata. Al sud, nuvolosità variabile, in graduale aumento, con possibilità di locali piogge sui rilievi ed in Campania. Temperature in lieve ma graduale diminuzione. SABATO 16 E DOMENICA 17, sulle regioni settentrionali, nuvolosità variabile con possibilità di residue precipitazioni, ma con tendenza a schiarite sempre più ampie. Sul Triveneto persisteranno locali addensamenti e qualche rovescio. Al centro e al sud, molto nuvoloso, con precipitazioni sparse, localmente intense ed a carattere temporalesco, specie sui rilievi. Temperature ancora in lieve diminuzione. SERENO VARIABILE NUVOLOSO PIOGGIA NEBBIA TEMPORALI NEVE

15

16

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009)

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009) Obiettivo 14-2010 in collaborazione con Mercato Italiano GRANO TENERO Il panorama generale del mercato nazionale può essere definito leggermente migliore: il ridursi della disponibilità di prodotto nazionale

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food. Roberto Jodice

Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food. Roberto Jodice COLDIRETTI RIMINI 9 Novembre 2007 Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food Roberto Jodice C.E.T.A. Centro di Ecologia Teorica ed Applicata Gorizia LA PRODUZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008 Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali 17 luglio 2013 Auditorium Biagio Alba, via G. Ribotta. ROMA La federazione Italiana Produttori Piante

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

in questo numero: n. 44/2012 novembre A proposito di Granaio Quotazioni e Mercati CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE

in questo numero: n. 44/2012 novembre A proposito di Granaio Quotazioni e Mercati CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE n. 44/2012 novembre in questo numero: A proposito di Granaio Quotazioni e Mercati CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia,

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

Il mais nel mercato globale e nazionale Luca Rossetto

Il mais nel mercato globale e nazionale Luca Rossetto Il mais nel mercato globale e nazionale Luca Rossetto Università degli Studi di Padova Dipartimento Tesaf Il mercato Il quadro internazionale L Unione Europea La situazione italiana Riflessioni Mercato

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 a cura di: Bologna, INDICE 2 IL CAMPIONE DELLA «COOPERAZIONE AVANZATA» pag. 4 «COOPERAZIONE AVANZATA»: IL FATTURATO pag. 8 «COOPERAZIONE AVANZATA»:

Dettagli

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015 Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo Incontro con la stampa Bologna, 5 giugno 2015 COPROB rappresenta il sogno del Sen. Giovanni Bersani che nel 1962

Dettagli

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Siviglia, 18-20 settembre, 2013 Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Il mercato Le criticità Le prospettive internazionali Le strategie PROSPETTIVE DELLA PRODUZIONE ITALIANA

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014 Asse 1 - Ricerca ed innovazione Le azioni previste in questo asse riguardano lo sviluppo di temi di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo,

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Chi sono Cosa faccio

Chi sono Cosa faccio Chi sono Cosa faccio Dr. Mario Boggini Consorzio Agrario di Milano 1 Cereali, ma non solo Un improvviso ritorno di interesse verso i prodotti agricoli in questi mesi sembra riportare l agricoltura al centro

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA di cosa parliamo Alcuni dati I regolamenti europei I decreti italiani Un paio di citazioni Le sensazioni Il futuro

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

MERCATO LATTIERO CASEARIO

MERCATO LATTIERO CASEARIO MERCATO LATTIERO CASEARIO Scenario mondiale e nazionale Treviso, 10 giugno 2011 1 LA PRODUZIONE MONDIALE DI LATTE Nel 2010 la produzione mondiale di latte è aumentata, grazie all incremento dell offerta

Dettagli

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Serve un sistema agroalimentare

Dettagli

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale;

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale; COS È BIO? Sistema di produzione agricola che ha come obiettivo il rispetto dell ambiente, degli equilibri naturali e della biodiversità, e che cerca di offrire al consumatore prodotti genuini ottenuti

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Osservazioni sull atto comunitario n. 180

Osservazioni sull atto comunitario n. 180 Osservazioni sull atto comunitario n. 180 1. CONTESTO DELLA PROPOSTA Cap. 1.4 Coerenza con altre politiche Si segnala in positivo come la norma di settore si inquadri nel contesto più generale di politiche

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Roma - 14 Aprile 2011. La Ricerca genetica. come fattore di sviluppo per l Agricoltura

Roma - 14 Aprile 2011. La Ricerca genetica. come fattore di sviluppo per l Agricoltura Roma - 14 Aprile 2011 La Ricerca genetica come fattore di sviluppo per l Agricoltura «Come le imprese sementiere si interfacciano tra ricerca e mercato» L innovazione varietale l innovazione è l unico

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Suini. Mercato all origine Trend settimanale. N. 27 Settimana n. 36 - dal 1 al 7 settembre 2008. Mercato nazionale Mercato estero-macellazioni

Suini. Mercato all origine Trend settimanale. N. 27 Settimana n. 36 - dal 1 al 7 settembre 2008. Mercato nazionale Mercato estero-macellazioni Suini N. 27 Settimana n. 36 - dal 1 al 7 settembre 20 Mercato nazionale Mercato estero-macellazioni Mercato all origine Trend settimanale L analisi della settimana considerata evidenzia chiari segnali

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 15648 del 30/10/2014 Proposta: DPG/2014/16302 del 30/10/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

PIANO REGIONALE DI CONSULENZA ALLA IRRIGAZIONE PER UN USO CONSAPEVOLE DELL ACQUA IN AGRICOLTURA

PIANO REGIONALE DI CONSULENZA ALLA IRRIGAZIONE PER UN USO CONSAPEVOLE DELL ACQUA IN AGRICOLTURA Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive PIANO REGIONALE DI CONSULENZA ALLA IRRIGAZIONE PER UN USO CONSAPEVOLE DELL ACQUA IN AGRICOLTURA IL FATTORE ACQUA è per l agricoltura un fattore determinante

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI

PAC 2020: LA CONTROPROPOSTA APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI ARGOMENTO Convergenza esterna Active farmers Flessibilità tra i pilastri NOVITÀ RISPETTO ALLA PROPOSTA UE

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel: 075 7971056, 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it Il carrello utilizzato per la raccolta dei prodotti alimentari per cani e gatti. ALIMENTA Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it La salvaguardia dell ambiente, la

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

COLTIVANDO LA CRESCITA

COLTIVANDO LA CRESCITA COLTIVANDO LA CRESCITA Agroindustria e agricoltura: imprese, dimensione, export I punti di forza Dall agricoltore all imprenditore agricolo Le criticità L agenda per il futuro Daniele Marini Università

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

BILANCIO ANNUALE 2009

BILANCIO ANNUALE 2009 01/2010 Mercato Mercati nazionali 5.1.6 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNUALE 2009 MERCATO DI MILANO: Prezzo medio categoria 156/176 Kg: 1,216 (-7,987%) Nel 2009, il prezzo medio dei suini della

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli