EUROPA / EURO: SI O NO? Le ragioni di un economista*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EUROPA / EURO: SI O NO? Le ragioni di un economista*"

Transcript

1 EUROPA / EURO: SI O NO? Le ragioni di un economista* [*Economia politica, non Economics] Giuseppe Garofalo Università della Tuscia

2 Jacques Le Goff La ricchezza dell'europa da insegnare nelle scuole La globalizzazione ha creato due grandi centri di potere che si confrontano ormai da tempo: gli Stati Uniti e la Cina. Occorre salvaguardare l`esistenza di un terzo spazio forte per i suoi valori, la sua energia, la sua ricchezza: l`europa. Un elemento essenziale della potenza europea èla cultura, la sua cultura. Pensiamo ad esempio all`università: una creazione europea che è stata per secoli centro di produzione di conoscenza senza paragone. Io non sono né credente né praticante ma come storico e medievista devo essere consapevole -èun altro esempio -del ruolo che ha giocato il Cristianesimo come forza spirituale e creatrice di valori nel determinare l`originalitàdell`europa. Dal punto di vista politico occorre perseguire l`europa possibile che -dal punto di vista storico -èl`europa delle nazioni ( ciò che consente di difendere la nostra cultura, la nostra politica,la nostra economia) mentre sarei prudente sull`idea di un`europa federale. Io credo che si possa conservare la sovranitàdegli Stati attribuendo al Parlamento europeo un ruolo importante, che passi attraverso il voto dei cittadini europei. Èfondamentale da questo punto di vista sviluppare una educazione comune che faccia dialogare le diverse culture nazionali. [...] Penso che in tutte le scuole europee occorra dare molto spazio alla storia europea. Una storia comune che sottolinei ciò che ci fa simili ma anche i nostri conflitti. La nostra storia èsegnata non solo da molte diversitàma anche da fratture profonde. Ciò che oggi ci consente di pensare una Europa unita èil fatto obiettivo, innegabile che noi europei non possiamo piùfarci la guerra. E possiamo cosìvalorizzare ciò che ci accomuna, anche tornando molto indietro nel tempo e sottolineando ad esempio le comuni radici nella cultura latina. [...] Da sempre l`europa èuno straordinario centro d`attrazione di diversi popoli e culture. E poi, non dimentichiamo che la democrazia nasce in Europa, prima nella letteratura e nella filosofia con i greci e poi nella sua pratica attuazione. Nell`Europa antica esisteva una piazza pubblica -l`agoràdei greci, il Foro dei romani -in cui i cittadini si incontravano per discutere e prendere decisioni. E perfino nei monasteri medievali èesistita una forma di democrazia, se èvero che gli abati erano eletti da tutti i monaci. Queste ed altre sono le ragioni che la storia ci consegna per costruire la nostra Europa.

3 Quota del Pil mondiale: 2010

4 Quota % del Pil mondiale: una prospettiva di lunghissimo periodo (dall 1 d.c. al 2016)

5 Un riferimento teorico Principale competitor: MANCHESTERISMO (principio del LAISSEZ FAIRE) L'ECONOMIA SOCIALE DI MERCATO E un modello di sviluppo dell'economia che si propone di garantire siala libertàdi mercato siala giustizia sociale. L'idea di base èche vanno garantite la libera iniziativa, la libertàdi impresa, la libertàdi mercato e la proprietàprivata, ma che queste condizioni, da sole, non assicurano la giustizia sociale, per cui lo Stato deve intervenire, ma non in modo dirigista (per guidare il mercato o interferire con i suoi esiti naturali), ma solo per fare in modo che diminuiscano il piùpossibile i casi di fallimento Questa teoria economica trae origine dall'ordoliberalismo della Scuola di Friburgo di Walter Eucken, durante la crisi della Repubblica di Weimar. Il principale teorico dell'economia sociale di mercato è Wilhelm Röpke( ), che la vede come una sorta di terza via tra liberismo e collettivismo.

6 60 anni di Europa

7 Perché si è adottato l euro? Per un gruppo di Paesi come l'unione europea era impossibile, negli anni 80 del secolo scorso, aspirare contemporaneamente a: - libero commercio estero - mobilità dei capitali - politiche monetarie nazionali indipendenti - tassi di cambio fissi Questi quattro obiettivi, ciascuno dei quali auspicabile in sé, Tommaso Padoa Schioppa li battezzò [1982] il "quartetto inconciliabile" La soluzione proposta fu di abbandonare il terzo obiettivo e creare una moneta unica per tutti gli stati appartenenti all'unione, gestita da un'unica Banca centrale --> Atto unico europeo (1987), Piano Delors (1992), Trattato di Maastricht (1992)

8 L euro in Europa

9 Il mandato della BCE Scopo principale della Banca centrale europea è quello di mantenere sotto controllo l'andamento dei prezzi mantenendo il potere d'acquisto nell'area dell'euro. La BCE esercita, infatti, il controllo dell'inflazione nell'"area dell'euro" badando a contenere, tramite opportune politiche monetarie (controllando la base monetaria o fissando i tassi di interesse a breve), il tasso di inflazione di medio periodo a un livello inferiore (ma prossimo) al 2%

10 Valute: vs $ Perdita di competitività delle merci europee

11 I critici del progetto di moneta unica Secondo la teoria delle aree valutarie ottimali, l'euroarea non sarebbe ottimale perché mancano alcuni dei requisiti indispensabili: - flessibilità di prezzi e salari - mobilità interregionale di lavoro e capitale - elevata apertura agli scambi internazionali - elevata diversificazione produttiva - elevata integrazione fiscale e forti trasferimenti interregionali - convergenza dei tassi d inflazione Quindi l'utilizzo della moneta unica potrebbe essere dannosa per i paesi che l'adottano, soprattutto in presenza di shock asimmetrici (che colpiscono i paesi della periferia e non quelli core ). Alcuni economisti (soprattutto americani) affermano che l UME non ha giustificazioni economiche, e che la ragione per cui fu creata è esclusivamente politica come spinta verso un'europa federale a spese degli Stati nazione.

12 La performance economica: Euro zona vs G7

13 Euro zona vs USA

14 Il declino dell economia italiana Tasso di crescita medio annuo del Pil per abitante (Ricostruzione): 8,5% (Miracolo economico): 5,1% (Dal I shock petrolifero al riassorbimento della crisi della lira): 2,3% : 0,5% [peggio se si contasse anche il 2012 e il 2013]

15 Produttività del lavoro e produttività totale dei fattori

16 La cattiva qualità degli investimenti [in costruzioni rispetto a quelli in macchinari tecnologicamente avanzati] L incremento è dovuto al calo del denominatore V.A. prodotto / Totale investimenti

17 I problemi strutturali dell economia italiana I problemi dell economia italiana sono di natura strutturale e vengono da lontano. Fino alla metàdegli anni 90 [del secolo scorso], periodiche svalutazioni permettevano all Italia di recuperare la competitivitàerosa dagli alti tassi di inflazione e dalle rigidità strutturali. Una politica di bilancio eccessivamente permissiva aveva dato luogo a disavanzi pubblici intorno all 11 per cento del PIL per tutti gli anni ottanta. Di conseguenza, il rapporto debito/pil era passato dal 58,2 per cento del 1980 al 124,3 per cento del Un modello di sviluppo basato su alta inflazione, svalutazione, deficit pubblico non era comunque sostenibile. Nel settore pubblico, l insostenibilitàsi manifestava con l aumento del debito. Nel settore privato, con il rinvio delle razionalizzazioni aziendali e con una ristrutturazione dell industria ancora insufficientemente rivolta verso attività ad alto valore aggiunto e innovazione..

18 segue Come molti paesi europei, l Italia è penalizzata da eccessive rigidità nel mercato dei prodotti enella pubblica amministrazione. Inoltre, l industria è specializzata in settori tradizionali, maggiormente esposti alla concorrenza dei paesi emergenti e alla contraffazione. Le dimensioni ridotte delle aziende italiane non permettono di cogliere pienamente le opportunità offerte dalla crescita mondiale. Il potenziale di crescita dell economia italiana si è sensibilmente ridotto negli ultimi decenni. E aumentato il divario nei confronti degli altri paesi avanzati, inclusi Francia e Germania. Dopo il 1996, il tasso di crescita del PIL èstato pari all 1,4 per cento, contro una media europea del 2 per cento. La produttivitàha segnato il passo, un fenomeno soltanto in parte attribuibile alla maggior crescita dell occupazione e all emersione del lavoro irregolare. (MEF, Documento di programmazione economico-finanziaria , cap. II)

19 Due slogans fuorvianti alla base della fiducia cieca LIMITE Ce lo chiede l Europa Assenza di un esplicita assunzione di responsabilità rispetto a riforme indifferibili Legare le mani ai policy makers LIMITE Politica [la radice greca della parola èοἵπολλοί «i molti» che fanno sistema] = governo delle cose comuni L atteggiamento non può che essere proattivo

20 Variazione % del Pil pro capite Germania: + 21,5% Italia: -3%

21 Tasso di crescita medio del Pil

22 Produzione industriale

23 Debito pubblico/pil

24 La governance: le istituzioni dell UE L'UE ha una struttura istituzionale unica nel suo genere: le prioritàgenerali dell'ue sono fissate dal Consiglio europeo, che riunisce i leader politici a livello nazionale ed europeo i deputati europei, eletti direttamente, rappresentano i cittadini nel Parlamento europeo gli interessi globali dell'ue sono promossi dalla Commissione europea [Presidente : JoséM.D.Barroso],i cui membri sono nominati dai governi nazionali i governi difendono i rispettivi interessi nazionali in seno al Consigliodell'Unione europea, la cui presidenza èassicurata a rotazione dagli Stati membri

25 Altre istituzioni dell UE la Corte di giustiziafa rispettare il diritto europeo Il Tribunale dell'unione europea la Corte dei conti verifica il finanziamento delle attività dell'ue Organismi consultivi: Comitato economico e sociale europeorappresenta la societàcivile, i datori di lavoro e i lavoratori Comitato delle regionirappresenta le autoritàregionali e locali

26 Organismi finanziari Banca centrale europeaèresponsabile per la politica monetaria europea Banca europea degli investimentifinanzia i progetti d'investimento dell'ue e sostiene le piccole e medie imprese attraverso il Fondo europeo per gli investimenti Fondo europeo di stabilità finanziaria

27 Elezioni dei rappresentanti al Parlamento europeo Anni Tasso di crescita del Pil

28 Composizione Parlamento 2009 Partito Socialista Europeo e Partito Democratico: seggi 25% Partito Popolare Europeo: seggi 36% Presidente : Martin Schulz

29 Gad Lerner «Fischia il vento» Intervista a Ermanno Olmi La vera tragedia è il fallimento morale

30 Beppe Grillo Te la do io l Europa P-PiPeI8Y3s

31 Giorgio Napolitano «Che tempo che fa» Intervista a Fabio Fazio "UE non è solo austerity, ha garantito 60 anni di pace" 2014/napolitano-ue-non-e-solo-austerity-hagarantito-60-anni-di-pace/162653/161143

32 La diversità come ricchezza Fino alla nascita dell euro, lo sfruttamento positivo delle diversitàèstato alla base dell idea di integrazione economica come motore dello sviluppo. Una moneta unica, al contrario, richiede che le diversitàsiano ridotte al minimo, possibilmente eliminate. La grande sfida dell Europa èconciliare diversitàe uguaglianza

33 segue La maggior parte degli europeisti odierni vedono il compimento dell unitàpolitica dell Europa come la meta fatale cui certamente dovranno condurci oltre due millenni di destino comune. Ma possiamo essere cosìsicuri di una predestinazione del genere? Secondo uno schema semplicistico ma diffuso, dalla conquista di questo traguardo deriveranno benefici immensi e incontestabili: non soltanto la realizzazione di un sogno angelistadi fraternità[tra popoli diversi], ma anche il raggiungimento di uno sviluppo economico e sociale equilibrato, armonioso.

34 segue La costruzione europea potràavere un solido futuro soltanto a condizione di difenderla in modo razionale, spazzando via i luoghi comuni che hanno finito per renderla poco credibile, e mostrandone tutti gli elementi di gracilità

35 segue Tutti ricordiamo l epoca abbastanza recente in cui la grande maggioranza degli italiani tendeva a vedere nei progressi della costruzione europea la panacea di tutti i mali, come se il passaggio progressivo dei poteri a Bruxelles avesse potuto comportare l automatica soluzione di tutti gli storici problemi della Penisola Oggi invece avviene esattamente il contrario. Quando si èobbligati a constatare che un certo problema, soprattutto di natura economicofinanziaria, fatica trovare la sua via d uscita, la gente mette l Europa sul banco degli imputati

36 segue Molti ritengono che l Unione sia ormai arrivata a un bivio, e possa uscire dalla sua crisi solo accelerando un processo di integrazione politica. Ma se l obiettivo èdi avere piùeuropa, come si può pensare che un identitàcomune europea possa formarsi rapidamente, nel mezzo di una crisi così profonda? Occorre dare concretezza all idea di un integrazione politica che un giorno permetta ai governi di definire strategie di lungo periodo, guidare i mercati e migliorare le prospettive di vita delle popolazioni.

37 Che barba l'europa ma provateci voi di Giuliano da Empoli (Il Sole 24 ore 26 aprile 2014) In termini geopolitici, l'unione europea èl'unica potenza mondiale in fase di poderosa espansione. Nell'ultimo quarto di secolo si ètrasformata da una zona di libero scambio costituita da dodici piccole nazioni, schiacciatetra due blocchi imperiali, a un colosso formato da ventotto Paesi e popolato da mezzo miliardo di persone. La maggior parte delle quali condivide un'unica moneta e un'unica frontiera. Questo colosso ha problemi di aggiustamento, i piedi d'argilla, tre o quattro teste al posto dell'unico numero di telefono che chiedeva Henry Kissinger? Certo che sì. Il percorso d'integrazione èsquilibrato, l'euro èuna camicia di forza, le opinioni pubbliche sono impaurite e in parte scoraggiate? Ebbene sì. E non è neppure da escludere che ci attendano scossoni ancor piùviolenti di quelli che abbiamo subito nel corso degli ultimi anni. Ma se stacca gli occhi da Twitterprima o poi qualcuno finiràcol ricordare che come c'insegna Michael Bordo gli Stati Uniti ci hanno messo piùdi un secolo a instaurare il dollaro come moneta unica. E che, da quelle parti, per mettersi d'accordo sull'assetto istituzionale c'èvoluta una guerra civile, oltre a decenni di trattative non sempre edificanti. [ ] L'Ue èil primo tentativo nella storia di creare un insieme sopranazionale in tempo di pace, senza armi e senza minacce, sulla base della libera adesione dei popoli.

38 Una conclusione UE più forte -Meno Europa per le questioni nelle quali i paesi membri agiscono bene da soli e, soprattutto, -PiùEuropa quando l Unione èessenziale (es. diversa lotta ai paradisi fiscali interni ed esterni, regolamentazione finanziaria, strumenti fiscali comuni, governance politico-istituzionale, eurobond) più debole

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria n. 100 - settembre 2014 a cura dell'ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) TRA EUROPA E ASIA: STRUTTURE DI GOVERNANCE

Dettagli

Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella

Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella . Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella 1 UN PAESE DA RICOSTRUIRE Sono almeno 25 anni che il nostro Paese si è sostanzialmente fermato e seduto. Ma tutto questo

Dettagli

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE ABSTRACT A CURA DELL UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO LUGLIO 2008 2 DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Università adulti/anziani Bassano - Attualità - anno 2013/14

Università adulti/anziani Bassano - Attualità - anno 2013/14 Giuseppe Testolin Tre lezioni sull'europa 1.13 Università adulti/anziani Bassano - Attualità - anno 2013/14 TRE LEZIONI SULL EUROPA Giuseppe Testolin 1. Il Trattato di Lisbona: le Istituzioni europee L

Dettagli

L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA

L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA Suggerimenti per la politica estera italiana GIUGNO 2012 con la collaborazione dell Ufficio Studi di Finmeccanica L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA Suggerimenti per la politica

Dettagli

SCHEDA N. 9 IL MERCOSUR - IL MERCADO COMUN DEL SUR

SCHEDA N. 9 IL MERCOSUR - IL MERCADO COMUN DEL SUR SCHEDA N. 9 IL MERCOSUR - IL MERCADO COMUN DEL SUR A. INTRODUZIONE DI SINTESI. A.1. ORIGINI E OBIETTIVI 1.1 Le Origini La prima ipotesi d'integrazione del Cono Sud dell America Latina risale al 1909, con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA

QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA 174 OXFAM BRIEFING PAPER SETTEMBRE 2013 Manifestanti contro le misure di austerità a Madrid, maggio 2011. Miguel Parra QUELLO CHE LA STORIA (NON) CI INSEGNA Il vero costo dell austerità e della disuguaglianza

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli

Commissione europea. Una valuta unica per un Europa unita. dal 1957

Commissione europea. Una valuta unica per un Europa unita. dal 1957 Commissione europea Una valuta unica per un Europa unita dal 1957 Une Europe, une monnaie Una valuta unica per un Europa unita SOMMARIO Cos è l Unione economica e monetaria?... 1 La strada verso l Unione

Dettagli

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI A) Che cos è il mercato unico. a) Uno strumento unico al mondo Entrato in vigore il primo gennaio 1993, al termine di un complesso processo di preparazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

IL PIANO DEL LAVORO CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE. Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013

IL PIANO DEL LAVORO CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE. Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013 IL PIANO DEL LAVORO 2013 CREARE LAVORO PER DARE FUTURO E SVILUPPO AL PAESE Conferenza di Programma CGIL 25-26 gennaio 2013 Il testo del Piano del Lavoro è aperto al confronto e ai contributi delle strutture

Dettagli

5 LO SVILUPPO DEL VENETO IN 50 ANNI DI EUROPA

5 LO SVILUPPO DEL VENETO IN 50 ANNI DI EUROPA 5 LO SVILUPPO DEL VENETO IN 50 ANNI DI EUROPA Dopo aver osservato come il concetto d Europa si sia andato trasformando ed ampliando nel corso degli anni, dando vita a strumenti sempre più efficienti, e

Dettagli

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014 Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014 Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo a cura di Giuseppe Russo Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani

Dettagli

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana SINTESI Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana Il nuovo secolo si è aperto con una dichiarazione di solidarietà e una determinazione senza precedenti

Dettagli

Manifesto dei Valori del Partito Democratico

Manifesto dei Valori del Partito Democratico Manifesto dei Valori del Partito Democratico Approvato il 16 febbraio 2008 1. Le ragioni del Partito Democratico La nascita del Partito Democratico ha creato le condizioni per una svolta, non soltanto

Dettagli

LUCIANO GALLINO LA LOTTA DI CLASSE DOPO LA LOTTA DI CLASSE

LUCIANO GALLINO LA LOTTA DI CLASSE DOPO LA LOTTA DI CLASSE LUCIANO GALLINO LA LOTTA DI CLASSE DOPO LA LOTTA DI CLASSE LATERZA. 2012, Gius. Laterza & Figli. Prima edizione digitale febbraio 2012. Gius. Laterza & Figli Spa, Roma-Bari. Realizzato da Graphiservice

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

L industria italiana tra declino e trasformazione: un quadro di riferimento

L industria italiana tra declino e trasformazione: un quadro di riferimento 1 SIE/STOREP 15 ott 2011, Roma Università Roma3 VERSIONE al 14/10/2011 L industria italiana tra declino e trasformazione: un quadro di riferimento Fulvio Coltorti 1 ottobre 11 Delle cose nostre o non ne

Dettagli

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 SOMMARIO 05 LE PRIORITÀ 07

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

IL LAVORO DECIDE IL FUTURO

IL LAVORO DECIDE IL FUTURO IL LAVORO DECIDE IL FUTURO XVII Congresso della CGIL Premessa Il XVII Congresso nazionale della CGIL si colloca nel pieno della crisi più grave e profonda che il Paese attraversa dal dopoguerra ad oggi.

Dettagli

Memorandum sull istruzione e la formazione permanente

Memorandum sull istruzione e la formazione permanente COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.10.2000 SEC(2000) 1832 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Memorandum sull istruzione e la formazione permanente Memorandum sull istruzione

Dettagli

Ernesto Screpanti L IMPERIALISMO GLOBALE E LA GRANDE CRISI DEPS

Ernesto Screpanti L IMPERIALISMO GLOBALE E LA GRANDE CRISI DEPS Ernesto Screpanti L IMPERIALISMO GLOBALE E LA GRANDE CRISI DEPS Ernesto Screpanti L IMPERIALISMO GLOBALE E LA GRANDE CRISI Collana del Dipartimento di Economia Politica e Statistica n. 14 Luglio 2013 DEPS

Dettagli

La realtà latinoamericana e le relazioni con l'italia

La realtà latinoamericana e le relazioni con l'italia La realtà latinoamericana e le relazioni con l'italia n. 82 - dicembre 2013 a cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) LA REALTÀ LATINOAMERICANA E LE RELAZIONI CON L'ITALIA di Marco Zupi

Dettagli

Fiscal council: una comparazione internazionale e il caso italiano

Fiscal council: una comparazione internazionale e il caso italiano Dipartimento di Scienze giuridiche CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Fiscal council: una comparazione internazionale e il caso italiano Lucio Landi già membro del Consiglio degli Esperti

Dettagli