INTRODUZIONE: (A) -la battaglia di Torino (particolare) (B)- L arrivo di Vittorio Amedeo II e del Principe Eugenio in Duomo dopo la battaglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE: (A) -la battaglia di Torino (particolare) (B)- L arrivo di Vittorio Amedeo II e del Principe Eugenio in Duomo dopo la battaglia"

Transcript

1 INTRODUZIONE: - Trecento anni fa Torino fu protagonista di un incredibile pagina di storia: il piccolo ducato di Savoia affrontò e sconfisse la potenza del Re Sole, Luigi XIV; cinta da un lungo assedio, la città prima resistette e poi vinse, contribuendo a capovolgere gli equilibri politici in Europa; ma con quella vittoria i Savoia diventarono anche Re ed assunsero un ruolo-guida per il futuro dell Italia (da F.Galvano - L ASSEDIO -Torino 1706 ). Appunti per le visite guidate al Maschio della Cittadella, sviluppati da Armando TOSCANO da un idea di Rosanna BERSANO e con il contributo di Piera FAVETTO ABERGO (gioco di Genova v.nota 14), Gabriele STRAZZER (S.Sindone v.nota 24) -Monitori Volontari al Maschio della Cittadella, e Francesco CAVIGLIA Guida al Museo Pietro Micca. Dopo la chiusura della Mostra al Maschio della Cittadella, questi appunti sono stati arricchiti con nuove informazioni, raccolte specialmente con la collaborazione dei colleghi del Museo P.Micca, presso il quale Ar.Toscano svolge attività di Guida volontaria. Sono stati utilizzati riferimenti colorati per evidenziare l importanza degli argomenti ed avvenimenti descritti: livello 1, livello 2, livello 3. W/Doc-AT/TO1706-Bignamino39.L(08C31) (A-B) dipinti di Francesco GONIN ( olio su tela ) esposti alla Mostra (v. nota 13) (A) -la battaglia di Torino (particolare) (B)- L arrivo di Vittorio Amedeo II e del Principe Eugenio in Duomo dopo la battaglia Francobollo del PIEMONTE (serie Regioni) e- messo dalle Poste Italiane il 29/4/2006) che riproduce il caval d brôns (p.s.carlo). Nel bordo superiore ed inferiore del foglio di 50 pz è riportato lo stemma regionale. Porta di Città (verso Est)- ricostr. Annulli filatelici (in formato ridotto) emessi dalle Poste Italiane a di Emanuele MANFREDI (2006) ricordo delle Manifestazioni di TO centenario (1806): non fu celebrato, poiché a quel tempo Torino ed il Piemonte erano sotto l amministrazione napoleonica. 2 centenario (1906): fu celebrato con grande enfasi e retorica ed il 7.Settembre fu dichiarato Festa Nazionale (v. nota 22). 250 anniversario (1956): fu celebrato con il ricordo del combattente ignoto nella Basilica di Superga (v.nota 23). 3 centenario (2006): le celebrazioni e gli eventi che stiamo vivendo e che si concluderanno il 3.Giugno L Associazione Torino , curatrice della Mostra, è un Associazione di Associazioni fondata il 18/10/2004 da un gruppo di Lions Club torinesi, ai quali si sono uniti una cinquantina di organismi a carattere culturale di Torino e del Piemonte. - L ingresso è gratuito, così come le VISITE GUIDATE*, organizzate nelle due sedi della Mostra: al Maschio della Cittadella ed al Museo P.Micca** (dove sono visitabili circa mt di gallerie), avvalendosi di una cinquantina di Monitori Volontari, che a turno prestano servizio nei giorni di apertura (fino al 3.Giugno.2007), mentre nella sede al Museo P.Micca la Mostra continua fino a tutto Nov./07. - Convegni di studi sull argomento si sono tenuti nel 2003 e sett.2006 (v. nota 31) oltre ad un interessante sito web (v. nota 32), ed uno spettacolo di Marionette dal titolo Giandoja e l assedio di Torino del 1706 (v. nota 33). - Maschio della Cittadella, una delle due sedi: è quanto rimane dell antica Cittadella fortificata, fatta costruire fra il 1564 ed il 1566 dal Duca Emanuele Filiberto (Chambery1528 Torino1580). - All ingresso sono riprodotte le sagome del Duca Vittorio Amedeo II (a Sx) e del cugino Principe Eugenio di Savoia-Soissons (a Dx). - Nel salone delle armi (v. nota 5): entrando a Dx= vista verso Est, la Porta di città: Ponte levatoio (anche definito caditoio ) e, oltre il Muro di cinta, la città con sullo sfondo il Colle di Superga e la Torre civica (a Sx, alta oltre 60 mt) e utilizzata quale valido osservatorio durante l assedio (v. nota 8), fu abbattuta dai giacobini nel nella parete opposta= vista verso Ovest: in primo piano la caserma delle guardie e sullo sfondo il profilo delle Alpi (con il Rocciamelone a Dx e la Sacra di S.Michele a Sx). (*) Centro Prenotazioni 011/ (presso il Museo P.MICCA): visite guidate dal Mar (am+pm) al Sab (am), gruppi di almeno 8/10 max 20/25 persone. (**) in v.guicciardini 7, ove si trovava la Mezzaluna del Soccorso, nei pressi della nuova stazione ferroviaria di TO-P.Susa in fase di costruzione.

2 2 VITTORIO AMEDEO II -Torino 1666 Rivoli 1732 (XIII Duca di Savoia, Principe di Piemonte) (lo stemma è quello in vigore durante l Assedio di Torino,risale a Vittorio Amedeo I ed è utilizzato dalle Guide volontarie al Museo P.Micca) - E il secondo Duca di Savoia con il nome di Vittorio Amedeo, inizia a governare il Ducato nel 1684 a soli 18 anni, dimostrando straordinaria energia e spregiudicatezza. - Figlio unico di Carlo Emanuele II, di cui è orfano a soli nove anni, è sottoposto alla pesante tutela materna di Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours (moglie in seconde nozze del Duca di Savoia), di cui mal sopporta la politica filo francese; con la maggiore età (14 anni per il Duca di Savoia) pone fine alla Reggenza della madre, ma assume il governo effettivo soltanto più tardi nel Deve tuttavia sottostare alla volontà del Re Sole che gli impone il matrimonio con la nipote quindicenne Anna Maria d Orleans (StCloud1669 Torino 1728), figlia del Duca Filippo d Orleans (fratello di Luigi XIV) e di Enrichetta Stuart, sorella del Re Carlo II d Inghilterra. Con quel matrimonio, celebrato per procura a Versailles nel 1685, il Re Sole contava di poter facilmente esercitare il controllo sul Ducato di Savoia, mal valutando la personalità del Duca e la debolezza della nipote. - Con il matrimonio si è definitivamente affrancato dalla madre che, incapace di attenzioni e tenerezze, lo aveva allevato trattandolo con durezza e freddezza. - In conseguenza della rigida educazione ricevuta ne è scaturita una personalità domi-nata da una ferrea volontà di potere e di dominio, che esprime anche in ambito famigliare, ed in una straordinaria capacità di lavoro e fertilità di progettazione, in continua fibrillazione intellettuale (G.Oliva). - Il Duca, duro e trasgressivo, capace di una girandola di rapporti passionali sovente all orlo della violenza, è tutto l opposto della moglie Anna M. d Orleans, donna dolce e sentimentale che gli darà cinque figli e ne alleverà altri due non suoi, frutto di altri rapporti del marito. - Soprannominato la volpe savoiarda, per l astuzia che si affianca all audacia della sua azione politica, sovente a carattere ondivago, alla continua ricerca delle migliori condizioni politiche per il Ducato, nel 1690 aderisce alla Grande alleanza antifrancese (Lega di Augusta) ma, ripetutamente sconfitto (Staffarda, Cascine Marsaglia), non ottiene alcun risultato utile e ritorna ad allearsi con Luigi XIV che lo costringe a perseguitare sanguinosamente la minoranza valdese delle valli pinerolesi. - È tuttavia doveroso riconoscere che i mezzi adoperati dal Duca Vittorio Amedeo per raggiungere la pace (ed i migliori risultati per il suo Stato) non furono sempre leali e leciti; nel giovane Duca l interesse politico ebbe a volte il sopravvento sul principio della fedeltà ad un alleanza giurata (da Il Ducato di Savoia tomo IV, pag. 97 di G. Amoretti). - Con l avvicinarsi della fine del Re di Spagna Carlo II fu ventilata anche l ipotesi di un suo diritto alla successione quale terzo pretendente, ma mosse politiche francesi lo impedirono; a tal proposito l ambasciatore francese Tallard, scrivendone a Luigi XIV per contrastare una pericolosa candidatura, commentava. Il Duca di Savoia è ambizioso, economo, destro, capace di ristorare le finanze della Spagna e di fabbricare fortezze dove sono necessarie; possiede già il Piemonte, posto in sito pericoloso alla Francia, e con questo principe lo stesso potrebbe avvenire alla Spagna (citazione da Il Ducato di Savoia di G.Amoretti vol.iv, pag. 145), esprimendo con ciò un lusinghiero giudizio sulle sue capacità politiche e di governo, in evidente contrasto con gli interessi francesi. - Nella Guerra di Successione è dapprima alleato con il Re Sole e, dopo l episodio di s.benedetto Po ( ), passa definitivamente al campo imperiale; nel corso degli eventi che seguono i francesi sono sconfitti nella Battaglia di Torino del , con la completa liberazione del Ducato. - Con il suo piccolo esercito, alleato degli imperiali guidati dal Principe Eugenio di Savoia-Soissons, si oppone allo strapotere francese che, con una popolazione di 20 milioni di abitanti può contare su un esercito di oltre uomini - Al termine della Guerra di Successione spagnola, con il trattato di Utrecht (1713), diventa Re di Sicilia; nel 1720 vi sarà lo scambio con la Sardegna. - Dopo la guerra, riprende l opera riformatrice dell organizzazione statale ed economica già avviata agli inizi del suo governo, ampliandola alle esigenze del nuovo Regno: limita i privilegi feudali ed ecclesiastici, crea il Consiglio di Stato (1717), il Catasto (1722, un quarto di secolo prima di quello francese), promuove l istruzione scolastica ed universitaria. - Vittorio Amedeo II si dimostra abile nella scelta dei collaboratori che, abbinata alla sua ambizione e capacità di svolgere una gran mole di lavoro, portano il Regno ad una solidità senza precedenti, tanto da essere definito nell analisi degli storici un grande Re (F.GALVANO L Assedio di To1706, pag.268,) nonché ago della bilancia europea (C.Moriondo Questi Piemontesi pag.24). - Nel 1730, già vedovo di Anna d Orleans e risposato con l ultima delle sue numerose amanti (Anna Teresa Canalis, a cui assegna il titolo di marchesa di Spigno), abdica in favore del figlio Carlo Emanuele III ritirandosi a Chambery. - Ormai preda probabilmente da demenza senile, se ne pente e cerca di riprendere il potere (lo storico G.OLIVA lo definisce un tramonto disperato); il figlio stesso, rendendosi conto della situazione che potrebbe portare a gravi conseguenze, fino a distruggere il Regno, ne firma l arresto (fra le lacrime) e lo confina nel castello di Rivoli, dove muore a 66 anni dopo quasi un anno di sostanziale prigionia ( talune autorevoli fonti sostengono sia morto nel castello di Moncalieri). - Il suo funerale fu celebrato nel Duomo di Torino con un catafalco disegnato per l occasione da F.Juvarra, ma non fu inizialmente sepolto nella basilica di Superga; soltanto molti anni dopo, il nipote Vittorio Amedeo III ne ordinò il trasferimento nella tomba come egli aveva desiderato. EUGENIO Francesco, Principe di Savoia-Soissons (Parigi 1663 Vienna 1736) - 5 figlio maschio del Principe Eugenio Maurizio Savoia- Carignano e di Olimpia Mancini (a cui seguirono poi tre sorelle); di tre anni più anziano del cugino Vittorio Amedeo II, capo della casata Savoia, è soprannominato il Nobile Cavaliere. - È cugino primo del Duca Luigi di Vendôme, comandante dell armata d Italia di Luigi XIV (dal 1703 al 1706), essendo figli delle sorelle Mancini (Laura x Luigi di Vendôme, ed Olimpia x Eugenio Francesco), a loro volta nipoti del card. Mazarino (italiano, già segretario del card. Richelieu e poi Primo Ministro alla sua morte). - Orfano di padre a 10 anni (condividendone la condizione con il cugino Vittorio Amedeo), è abbandonato dalla madre che fugge da Parigi per sfuggire alla giustizia del Re Sole perché coinvolta nella congiura dei veleni contro di lui (sebbene ne fosse stata una pro-

3 babile amante ancor prima di sposare il Principe di Carignano); è allevato a Parigi dalla nonna materna Maria di Borbone-Soissons. - A 19 anni si oppone alla volontà della nonna che lo voleva destinato alla carriera ecclesiastica, come già era intenzione dei genitori; in disaccordo con la nonna chiede al Re Sole Luigi XIV di essere arruolato nell esercito, ma questi rifiuta, anche per l opposizione di parte della Corte, che lo giudica inadatto alla vita militare (per la sua gracile costituzione). - Abbandona Parigi e la Francia per mettersi al servizio dell Imperatore (del Sacro Romano Impero) d Austria Leopoldo I d Asburgo, dove già militavano il fratello maggiore Luigi Giulio ed altri parenti (non della casa Savoia). - Vive a Vienna, da principio con l aiuto economico del cugino Vittorio Amedeo II, Duca di Savoia capo della casata. - Leopoldo I inizialmente non lo vuole arruolare, in quanto non ritiene opportuno avere due Savoia nel suo esercito ma, alla morte di Luigi in battaglia, è l Imperatore stesso, ritenendo superate le motivazioni per le quali aveva inizialmente rifiutato, a stabilirne l inserimento in un Reggimento di Dragoni. - A soli 20 anni è al comando del Reggimento dei Dragoni di Kufstein, il cui comandante era caduto in combattimento contro i turchi nell assedio di Vienna (1683); da quel momento il Reggimento si chiamerà Dragoni di Savoia, mantenendone il nome fino allo scioglimento del corpo (al termine della I Guerra Mondiale -1918)). - Al servizio dell Imperatore Leopoldo I, diviene il capo delle forze imperiali con il grado di feldmaresciallo (1693), distinguendosi per coraggio, sagacia, e capacità strategiche; nel 1704 assunse il comando del corpo di spedizione imperiale in Italia inviato in due riprese in soccorso del Duca Vittorio Amedeo II. - Partecipa attivamente alla difesa di Vienna assediata dai turchi (1683), vincitore della battaglia di Torino (1706), sconfigge gli eserciti dell Impero Ottomano più volte, vincendo le battaglie di Zenta (1697), Petervardein (1716) e Belgrado (1717), costringendoli infine alla pace di Passarowitz (1718). - A seguito delle vittorie riportate sugli eserciti dell Impero Ottomano venne definito Turcarum terror et flagellum. - Sviluppò un sapiente utilizzo della cavalleria leggera (cioè liberata delle corazze, quindi molto più agile e veloce) e le nuove tecniche derivati dalle armi da fuoco, soprattutto quelle dell artiglieria pesante. - Fu il vero vincitore della Battaglia di Torino (7/9/1706), insieme con il cugino Vittorio Amedeo II, liberando la città dall assedio (v. nota 30) e ponendo le basi per la liberazione dell intero Piemonte. - Al termine della Guerra di Successione spagnola, con l acquisizione del Ducato di Milano da parte austriaca ne viene nominato Governatore, carica che inizialmente cerca di rifiutare per riguardo della casata Savoia che aspirava all annessione con il Ducato di Savoia, ma che per fedeltà all Imperatore infine accetterà; questa situazione sarà causa del raffreddamento dei rapporti con il cugino Vittorio Amedeo. - Insieme con il Duca di Marlborough fu il principale antagonista di Luigi XIV nelle guerre che insanguinarono l Europa fra il XVII ed il XVIII sec. - Partecipò a 32 campagne militari, percorrendo una carriera strepitosa al servizio di tre Imperatori della casa d Asburgo (Leopoldo I, Giuseppe I, Carlo VI) e fu unanimemente considerato uno dei massimi strateghi della storia, tanto che Napoleone Bonaparte lo pose nel novero dei sette più formidabili generali che il mondo avesse mai visto (C.Moriondo Questi Piemontesi pag. 38). - Raffinato collezionista d arte, bibliofilo e mecenate, fece costruire sontuose residenze fra cui il Belvedere a Vienna; egli, che si definiva sempre servo (al servizio) dell Imperatore, firmava le sue carte con Eugenio von Savoje (italiano-tedesco-francese, per riaffermare le sue patrie); nella firma la parola Savoj appare senza le lettera finale e ). 3 - Non gli vengono attribuite amicizie e/o frequentazioni femminili, salvo quella con la contessa Batthyany, l unica che godesse della sua confidenza, con un legame di testa e di cuore, più che di pelle (R.Gervaso -da Storia Illustrata n 197/Apr.74). Del suo stato di celibato egli spiegava che contrarre matrimonio avrebbe significato sottrarre parte delle sue energie, delle sue attenzioni, delle sue cure al grande monumento d impegno politico e militare che aveva costruito (dal saggio monografico di Vittorio Sincero sul Principe Eugenio pag.18 ediz. Ass.Immagini del Piemonte,1994) - Muore a Vienna nel sonno nella notte fra il 20 ed il 21/4/1736 senza eredi, all età di 73 anni e viene sepolto nella cattedrale di s.stefano. Il cuore venne espiantato e trasferito a Superga, da dove sembra abbia poi fatto ritorno a Vienna (in data non definita) e racchiuso in un cofanetto d argento posato sul sarcofago (sarebbe stato ritrovato nel corso dei lavori di ripristino dei danni causati alla cattedrale dai lavori per la costruzione della metropolitana). La Cittadella ed il Maschio (anche detto Mastio -nell Italia centro-meridionale- o Dongione al di là delle Alpi) - Il progetto per il rafforzamento difensivo della città, con la costruzione di una fortezza, fu affidato fin dal 1552 dal Governatore francese Carlo Cossé de Brissac ad alcuni architetti militari che elaborarono alcune proposte. - I progetti dell architetto vicentino Francesco HO- ROLOGI prevedevano in un primo tempo la costruzione oltre il Palazzo Madama (=Porta Prætoria, in talune carte indicata come Porta Decumana) verso il Po, e successivamente con un secondo progetto da realizzarsi oltre Porta Susina (l attuale piazza Savoia); un terzo progetto fu elaborato dal De Marchi. Tutte le proposte prevedevano la realizzazione di una fortezza a pianta pentagonale, ritenuta più economica ed ugualmente funzionale di quella a pianta esagonale. - Il Duca Emanuele Filiberto (che gli spagnoli definirono cabeza de hierro = Testa di Ferro, vincitore nel 1557 della battaglia di S.Quintino nelle Fiandre (v. nota 3.a ), approva la forma pentagonale proposta nei primitivi progetti ma affida l incarico definitivo all arch. militare Francesco PACIOTTO da Urbino conte di Montefabro ( ) cono-sciuto nel corso della Campagna delle Fiandre, che gli era divenuto consigliere inseparabile. Francesco Paciotto, che era nipote del sommo pittore Raffaello Sanzio, si era distinto per vari interventi, in particolare per il rafforzamento delle fortezze di Cuneo-Savigliano-Montmélian e per la progettazione della fortezza di Montecchio per il Duca di Parma. - Il definitivo progetto del Paciotto prevede la costruzione nell area su cui sorgono i ruderi dell Abbazia pre-romanica di S.Solutore (sorta sulle vestigia del tempio di Iside), dove erano anticamente custodite le reliquie dei Patroni di Torino (Solutore, Ottavio e Avventore, martiri della legione tebea), che si trovavano in posizione più elevata rispetto alla città. - La Cittadella, che costituisce il primo ampliamento urbano oltre le mura romane, fu costruita a partire dal Settembre 1564 ed inaugurata nel Marzo 1566 (in meno di 20 mesi!!), si estende per 76 giornate + 63,5 ta-vole piemontesi ( m 2 = quasi 29 ettari) e per la sua costruzione furono spesi scudi d oro (v. nota 3.b + allegato). - Le maestranze impiegate nella costruzione assommavano a quasi uomini che furono reclutati nelle valli di Lanzo, Biella, in Savoia e Canton Ticino, mentre le fornaci di Moncalieri e Rivalta fornirono i mattoni che veni-vano trasportati a Torino per via fluviale. - Quasi al centro del complesso della Cittadella, su progetto del luganese G.B. SOMASSO, fu successivamente costruito un amplissimo pozzo ( ) conosciuto come il Cisternone, (ornato alla sommità di un artistico colonnato) era utilizzato per l abbeveraggio

4 4 dei quadrupedi, che potevano accedere alla falda acquifera (al circa 18 mt di profondità) attraverso due rampe elicoidali della larghezza di 160 cm, una per la discesa e l altra per la risalita (come il Pozzo di S.Patrizio ad Orvieto, di dimensioni più modeste ma di profondità maggiore e ben conservato, costruito dal Sangallo nel ). Il pozzo, che ha un dia-metro di circa 20 mt, fu ricoperto nel 1899 prima della costruzione della Scuola Elementare Ricardi di Netro, ed è stato recentemente riscoperto (ricerche del gen. G.Amoretti , 2005), ma non è attualmente accessibile al pubblico e sono in corso lavori per riportarlo par-zialmente alla luce. - La costruzione della Cittadella fu completata nel 1577 sotto la direzione del gen. Nicolis di Robilant. - La Cittadella di Torino, una delle prime, più belle e formidabili piazzeforti d Europa (v. nota 4.a), è posizionata all angolo sud-ovest della città; le punte del pentagono sono costituite da cinque bastioni u- guali ai quali furono dati i nomi dei membri della famiglia ducale (a dx del Maschio, in senso orario): (1)-Duca, (2)-Principe (il figlio Carlo Emanuele), poi modici-cato in (2)-S.Lazzaro, (3)-Paciotto (in onore del progetti-sta-costruttore,come usava a quel tempo), poi mutato in (3)-Beato Amedeo, (4)- S.Maurizio (antico patrono della casa Savoia) ed infine 5- Madama (Margherita di Valois, moglie di E.Filiberto). - Nella pianta della Cittadel-la (riprodotta a fianco) redatta dal col. P.MAGNI sul tessuto urbano del 1910 in scala 1:2150, sono inoltre identificate le Mezzelune: (6) della Porta di Città - (7) degli Invalidi - (8) di S. Lazzaro - (9) della Porta del Soccorso (10) di S.Mauizio, oltre a: (C) Controguardie - (M) Maschio - (P) Cisternone - (T) Tagliata reale. - Il bastione di S.Lazzaro (posizionato all incrocio fra gli attuali c. Matteottii e G. Ferraris), che era considerato il più esposto, fu realizzato con un accurato sistema di difese di artiglierie, capaci di sparare sia all esterno sia verso l interno del fossato, in modo di poter colpire il nemico che fosse riuscito a penetrare all interno. - Nel 1568 fu solennemente collocato sulla porta della Cittadella lo stemma sabaudo, fuso in bronzo dall artista perugino Mario D Aluigi che i rivoluzionari francesi asportarono nel 1799 fondendolo per farne cannoni; nel marzo dello stesso anno furono collocati i primi cannoni e nominato il primo Governatore della Cittadella, il conte Giuseppe Caresana. - Nel 1572, sei anni dopo l inaugurazione, Emanuele Filiberto, si ritiene che, rendendosi conto dell eccessiva vulnerabilità della fortezza, abbia prospettato la costruzione di una rete di gallerie le quali, munite di fornelli di mina, avrebbero dovuto svolgere compiti di difesa sotterranea all avvicinarsi del nemico. - La tecnica di difese sotterranee delle fortezze si sviluppò, a partire dal XVI sec. per neutralizzare gli attacchi di mina degli assedianti. Recenti studi hanno potuto appurare che le gallerie ritrovate, nella quasi totalità, siano da attribuirsi al periodo settecentesco, quindi nell imminenza dell assedio (v. notizie successive riguardanti l arch. BERTOLA). - L illuminazione all interno delle gallerie era ottenuta con candele di sego e con lampade (poste nelle nicchie ricavate lateralmente) alimentate da oli misti (vegetali e animali) di costo economico a cui, per ridurre la fumosità, veniva aggiunto un pizzico di sale. - All interno della Cittadella fu costruita una chiesa, di cui il Duca Emanuele Filiberto aveva posto la prima pietra nel maggio 1577, dedicata in un primo tempo a S.Lorenzo (la cui ricorrenza è il 10.Ago, in ricordo della battaglia di s.quintino) e successivamente a S.Barbara (v. nota 4.b). - Nel 1639, per fronteggiare le artiglierie sempre più potenti, inizia la costruzione delle mezzelune a difesa dei tratti di muro (= cortine) che collegano i bastioni (poi raddoppiate nel 1705 nell imminenza dell assedio). - La Tagliata Reale, al centro del cortile interno (rif. T), fu fatta costruire da Vittorio Amedeo II nella primavera del 1706 (arch. Antonio Bertola), allo scopo di realizzare una ulteriore opera di difesa, nel caso in cui gli assedianti fossero riusciti a penetrare all interno della Cittadella (v. nota 2); allo stesso tempo furono ampliati e potenziati i tre bastioni interni (s.maurizio, Beato Amedeo, s.lazzaro). - Contemporaneamente, nell imminenza dell assedio e durante lo stesso, decine di imprese e migliaia di lavoranti operarono seguendo i progetti dell Ing. Antonio BERTOLA (coadiuvato dagli ingg. A.SEVALLE, M.GAVORE ed altri) per l ampliamento della rete di gallerie di contromina, raggiungendo l estensione di 21 km, dei quali 14 nell area della Cittadella (oltre 1 km sono oggi visitabili); fu in tal modo realizzato un sistema di fortificazione sotterranea tale da rallentare in modo decisivo i numerosi tentativi dei minatori francesi di raggiungere il cuore della Cittadella, distruggendo o neutralizzando molte delle batterie assedianti. - Il cap. Andrea BOZZOLINO, Comandante della Compagnia minatori durante l assedio (che contava 53 elementi, compresi gli ufficiali), nella sua importante opera Guerra sotterranea e Difesa della Piazza redatta nel 1711 e ricca di dettagliatissime tavole, descrive le opere di contromina della Cittadella di Torino come le migliori d Europa. Per la realizzazione delle opere durante l assedio furono impiegati oltre 300 muratori e manovali, fra i quali molti giovani e giovanissimi, che lavorarono giorno e notte (da Mastri da Muro e piccapietre pag.148 di Bevilacqua-Zannoni). - Durante l assedio furono approntati 155 fornelli di mina (da il Ducato di Savoiavol. IV pag.321 di G.Amoretti) e fatte esplodere sotto le linee francesi 45 mine, di cui 32 nell area della Cittadella, dove i nemici erano riusciti a penetrare. - Il Maschio della Cittadella, che era munito di 28 cannoni, era la sede del Quartier Generale e del Governatore, ed al suo interno potevano essere ospitati oltre uomini. - La storica celebrità di questa fortezza è legata in particolare a tre assedi che subì nel corso degli anni: 1640, durante la cosiddetta guerra dei cognati (Principe Tommaso e Cardinal Maurizio), che li vedeva contrapposti alla Reggente Cristina di Francia (= Madama Cristina), in cui subì un assedio di 132 gg. 1706, ricordato in questa Mostra, per 117 gg. 1799, durante la campagna napoleonica. - Risparmiata da Napoleone, la fortezza venne smantellata a partire dal 1852; ciò che si vede ora è quanto rimasto e costituiva la porta d ingresso verso Est, detta Porta di Città; la Porta era munita di un piccolo ponte levatoio (in alcune opere è definito caditoio), di cui restano tracce nelle feritoie attraverso le quali passavano le catene, e fu abbellita nel 1694 dall ing. GUIBERT con finiture in pietra di Gassino (lo stesso materiale poi utilizzato da F.JUVARRA per la facciata di Palazzo Madama). - Nel 1855 la Cittadella venne radiata dal novero delle piazzeforti (in virtù della mutata situazione politica che vedeva il Regno di Sardegna alleato dei Francesi di Napoleone III) e venne smantellata (su decreti del ministro Paleocapa) per consentire lo sviluppo urbanistico della città e la costruzione delle Caserme Lamarmora (poi Cernaia, su v.cernaia) e

5 della retrostante Pietro Micca (su v.valfrè); unico manufatto rimasto è il Maschio dove è ospitata la Mostra Torino1706). - Nel 1892 l arch. BRAYDA effettuò il restauro dell edificio e l adeguamento a sede espositiva permanente del Museo Nazionale d Artiglieria (tra i più ricchi ed importanti al mondo, con oltre reperti conservati); l edificio è di proprietà del Comune di Torino, mentre i reperti custoditi sono di proprietà del Ministero della Difesa che ne cura la conservazione. Attualmente il Museo di Artiglieria non è visitabile ed i reperti sono stati in gran parte immagazzinati in locali del Ministero della Difesa. Ducato di Savoia -uno stato a cavallo delle Alpi - comprendeva tutta l area a Sud del Lago di Ginevra, ad Ovest confinava con il Delfinato e la Provenza, a Sud con la Repubblica di Genova e ad Est con i Ducati di Milano e del Monferrato; a Sud aveva accesso al mare Ligure dalla Contea di Nizza (con il porto militare di Villefranche-sur-mer) e con l enclave della Contea di Oneglia (raggiungibile soltanto dal mare). - Copriva una superficie di circa Kmq, con una popolazione di ab.; Torino, che contava ab. quando divenne capitale (per il trasferimento da Chambery, voluto da Emanuele Filiberto), all inizio della guerra aveva superato i abitanti, e nel corso del conflitto si ridussero a L attuale Piemonte + Valle d Aosta si estendono per kmq. - Nel 1563, al momento del trasferimento della capitale da Chambery (che Em.Filiberto stimava non essere in grado di resistere ad un eventuale attacco neppure un gorno da Questi Piemontesi pag.15) a Torino, essa contava poco più di abitanti, mentre altre città del Piemonte erano assai più importanti, per popolazione, ricchezza e/o posizione strategica (Aosta, Asti, Mondovì, Casale, Chieri, Ivrea, Pinerolo, Susa, Vercelli). - Fin dal 1571 Emanuele Filiberto dispose che gli atti pubblici in Savoia fossero redatti in francese e quelli in Piemonte in italiano (non in piemontese, lingua-dialetto allora in uso dalla popolazione minuta), ma un idioma maggiormente diffuso nel resto d Italia (anche se con varie sfumature locali), ciò a conferma della vocazione italiana della Casa Savoia. - L intuizione del Duca Emanuele Filiberto (definito da C.Moriondo l inventore del Piemonte -da Questi Piemontesi pag.8) di proteggere il Ducato portando la capitale da Chambery a Torino, segnò il destino dello stato sabaudo e della Casa di Savoia, spostando la direttrice espansionistica verso l Italia, in particolare verso la vicina e più ricca Lombardia. La posizione geografica faceva però del Ducato uno stato in posizione politica assai precaria perché stretto fra due colossi (da un lato la Francia, dall altro il Ducato di Milano governato dalla Spagna), così che il Moriondo lo definisce come un vaso di coccio tra mazze di ferro ( Questi Piemontesi -pag. 9). - Fin dal 1698, quindi prima ancora dell inizio della Guerra di Successione Spagnola, con un trattato fra Inghilterra-Francia-Olanda, forse all insaputa dello stesso Duca di Savoia, che infatti non vi è menzionato, si ipotizzava la cessione della Savoia, della contea di Nizza e della vallata di Barcelonette alla Francia in cambio di alcuni territori in Lombardia. GUERRA di SUCCESSIONE SPAGNOLA - E conseguenza della morte del Re di Spagna Carlo II d Asburgo (1.Nov. 1700) che non lascia eredi legittimi, e dura 12 anni. - Vede contrapposti i Borboni di Francia agli Asburgo d Austria poiché entrambe le casate vantavano pretese sul trono di Spagna: il Re Sole Luigi XIV, che aveva sposato la sorella del re di Spagna Carlo II ma che con il matrimonio aveva dovuto rinunciare ad ogni pretesa su quel trono, ambiva a porta-re sul trono spagnolo il nipote Filippo d Angiò; l Imperatore Leopoldo I ( ), figlio di Maria Anna sorella di Filippo IV di Spagna, che invece avrebbe voluto sul trono il suo secondogenito Carlo; terzo in linea di successione, è Vittorio Amedeo II Duca di Savoia, che per altro non vi faceva alcun affidamento, ben conscio della sua debole posizione rispetto gli altri colossi europei. - Ne consegue un lungo e sanguinoso conflitto con il coinvolgimento delle maggiori potenze europee; Inghilterra ed Olanda partecipano attivamente anche per sostenere i prote-stanti, minoritari in Francia-Spagna ed in particolare i valdesi nel Ducato di Savoia. - All approssimarsi della fine del Re di Spagna il Marchese d Harcourt, Ambasciatore di Francia alla corte di Madrid, ottiene dal Re morente che designi alla sua successione Filippo d Angiò, contro la clausola testamentaria secondo cui le corone di Spagna e Francia non avrebbero dovuto mai essere unite. - Luigi XIV accetta il trono di Spagna in nome del nipote, Filippo d Angiò, e lo manda a Madrid dove assume il nome di Filippo V, dando in tal modo inizio alla dinastia dei Borbone (tuttora regnanti); con quella mossa il Re Sole innesca la Guerra di Successione Spagnola. - In funzione antifranco-spagnola, per contrastare lo strapotere che sarebbe derivato dalla loro unione, Leopoldo I stipula (sett. 1701) il trattato della Grande Alleanza con gli Stati della Confederazione Germanica+Olanda (=Provincie Unite)+Inghilterra e più tardi col Portogallo, ed invia a Barcellona il figlio Carlo, che aveva designato al trono di Spagna. - Capo dell'armata anglo-olandese è John CHURCHILL, I Duca di Marlborough (antenato dello statista inglese del XX sec. Winston Churchill). - La Francia si allea con la Spagna contro l Imperatore d Austria e schiera in Lombardia, al confine con l impero asburgico, un esercito di uomini al comando del valente Maresciallo CATINAT. - Per questioni politico-diplomatiche (data anche la posizione geografica del Ducato: in alcune citazioni di importanti autori si afferma che il Ducato di Savoia è come un vaso di coccio fra due vasi di ferro Francia e Spagna)) e motivazioni di famiglia, Vittorio A- medeo II di Savoia (è cognato del Duca d Orleans, nipote di Luigi XIV) è inizialmente costretto, ma senza convincimento, ad allearsi con la Francia. - Nel 1703, Vittorio Amedeo II inizia a prendere in considerazione l opportunità di schierarsi con la Grande Alleanza, giacché gli Alleati potrebbero assicurare maggiori libertà e vantaggi per il Ducato. - Il 29.Settembre, a S.Benedetto Po (MN), il Re Sole Luigi XIV, che era stato informato delle manovre del Duca (v. nota 25) tendenti ad accordarsi per il passaggio nel campo degli imperiali, ordina ai suoi generali operanti in Italia di disarmare, catturare ed internare le truppe sabaude che stavano fronteggiando le truppe austriache sul fiume Secchia. - Venuto a conoscenza dei fatti di S.Benedetto, Vittorio Amedeo II rompe ogni indugio e chiede aiuto a Leopoldo I ed, in attesa degli aiuti richiesti all Imperatore, provvede a: far arrestare i Ministri di Francia e Spagna alla Corte di Torino e tutti i sudditi francesi all interno dello Stato, porre sotto sequestro i beni francesi in transito nel Ducato, arrestare tre Compagnie di cavalleria francese. - A seguito di quell episodio Vittorio Amedeo II stringe un patto di alleanza con l Imperatore Leopoldo I ed aiuto militare, garantito da Inghilterra ed Olanda, le principali potenze navali dell epoca, che potevano assicurare i rifornimenti attraverso il porto di Nizza- Villefranche. 5

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Come si fa una ricerca scolastica

Come si fa una ricerca scolastica Come si fa una ricerca scolastica nell'epoca di Internet Per prima cosa......occorre individuare con chiarezza l'argomento della ricerca Poi......dobbiamo cercare il materiale Libri (Enciclopedie o altri)

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli