DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PROSCIUTTO AMATRICIANO INDICE DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO E SUA TUTELA. DELIMITAZIONE DELLA ZONA GEOGRAFICA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PROSCIUTTO AMATRICIANO INDICE DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO E SUA TUTELA. DELIMITAZIONE DELLA ZONA GEOGRAFICA."

Transcript

1 Pag. 1 di 15 INDICE ART. 1 ART. 2 DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO E SUA TUTELA. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO. ART. 3 DELIMITAZIONE DELLA ZONA GEOGRAFICA. ART. 4 ART. 5 ORIGINE DEL PRODOTTO. METODO DI OTTENIMENTO DEL PRODOTTO. ART. 6 LEGAME CON L AMBIENTE. ART. 7 ART. 8 ORGANISMO DI CONTROLLO. CONFEZIONAMENTO ED ETICHETTATURA. ART. 9 LOGO. 1

2 Pag. 2 di 15 - Art. 1 - DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO E SUA TUTELA. 1.1 L Indicazione Geografica Protetta (IGP) Prosciutto Amatriciano è riservata esclusivamente al prosciutto le cui fasi di lavorazione, dalla salagione alla stagionatura completa, sono rispondenti alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione ed identificazione. - Art. 2 - DESCRIZIONE DEL PRODOTTO. 2.1 Materia prima. La materia prima destinata alla produzione del Prosciutto Amatriciano ad Indicazione Geografica Protetta è rappresentata esclusivamente dalla coscia fresca di suini nati, allevati e macellati nelle seguenti regioni: Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Molise, Umbria, Toscana, Marche, Abruzzo, Lazio, Campania, Puglia e Basilicata. Inoltre: i suini devono essere macellati in ottimo stato sanitario e dissanguati secondo le migliori tecniche di produzione non prima dell ottavo mese di vita; è esclusa l utilizzazione di verri e scrofe; la coscia fresca deve avere per base ossea una parte del coxale (anchetta), il femore, la tibia, la rotula e la prima fila delle ossa tarsiche; le cosce dei suini impiegati per la produzione del Prosciutto Amatriciano devono essere di peso sufficiente a far conseguire, a fine stagionatura, un peso non inferiore agli otto chilogrammi; lo spessore del grasso della parte esterna della coscia fresca rifilata, misurato verticalmente in corrispondenza della testa del femore (sottonoce), con la coscia e la relativa faccia esterna poste su un piano orizzontale, deve essere compreso tra i 15 ed i 30 millimetri, cotenna compresa, in funzione della pezzatura. La coscia deve presentare un tatuaggio indelebile ed inamovibile effettuato durante la fase di allevamento ed indicante il codice di tracciabilità della coscia nelle fasi precedenti la trasformazione; sono escluse le cosce provenienti da suini portatori di caratteri antitetici, con particolare riferimento alla sensibilità agli stress (PSS), e da suini con miopatie conclamate (PSE, 2

3 Pag. 3 di 15 DFD, postumi evidenti di pregressi processi traumatici), accertate obiettivamente e certificate al macello da un medico veterinario. dopo la macellazione le cosce suine non devono subire, tranne la refrigerazione, alcun trattamento di conservazione, ivi compresa la congelazione. Per refrigerazione si intende che le cosce suine devono essere conservate, nelle fasi di deposito e trasporto, ad una temperatura interna variabile tra 1 C e + 4 C. non è ammessa la lavorazione di cosce suine che risultino ricavate da suini macellati da meno di 24 ore o da più di 120 ore. la materia prima utilizzabile per la produzione del Prosciutto Amatriciano è tratta unicamente dal cosiddetto suino pesante ; 2.2 Caratteristiche del prodotto. Il Prosciutto Amatriciano, al termine della stagionatura, presenta particolari caratteristiche organolettiche e qualitative che si concretizzano in una oggettiva caratterizzazione e nella ricorrenza di determinati parametri; questi ultimi sono il risultato della correlazione fra caratteristiche organolettiche e parametri chimici in funzione delle metodiche produttive. Le particolari caratteristiche organolettiche e qualitative del Prosciutto Amatriciano rispondono ai seguenti requisiti: a) forma a pera con esclusione dello zampo ottenuta con l eliminazione dell eccesso di grasso mediante rifilatura ed asportazione di parte delle cotenne e del grasso di copertura; la faccia frontale risulta caratterizzata da una ampia parte scoperta che si estende in senso verticale fino ad oltre la metà della altezza della coscia (rifilatura alta); b) peso minimo non inferiore a chilogrammi otto; di norma è compreso tra gli otto ed i dieci; c) colore rosso / roseo inframmezzato dal bianco puro del grasso di marezzatura; d) sapore sapido ma non salato; e) aroma di profumo gradevole, dolce ma intenso anche nelle prove all ago; f) consistenza elastica e compatta con ottima tenuta della fetta. - Art. 3 - DELIMITAZIONE DELLA ZONA GEOGRAFICA. 3.1 L area di produzione del Prosciutto Amatriciano è rappresentata dall intero territorio amministrativo dei seguenti Comuni: Amatrice, Accumoli, Cittareale, Posta, Leonessa, Borbona, Antrodoco, Borgo Velino, Micigliano, Cantalice, Poggio Bustone, Rivodutri, Morro, 3

4 Pag. 4 di 15 Labro, Greccio, Configni, Cottanello, Contigliano, Rieti, Cittaducale, Castel S. Angelo, Petrella Salto, Fiamignano, Pescorochiano, Borgorose e Montasola, come meglio individuata nella cartografia riportata in Allegato I. 3.2 Nella zona di cui al punto 3.1 devono essere ubicati gli stabilimenti di produzione (prosciuttifici) e devono quindi svolgersi tutte le fasi della trasformazione della materia prima previste dal presente disciplinare fino alla stagionatura completa. I laboratori di confezionamento ed affettamento del Prosciutto Amatriciano devono essere ubicati nel territorio nazionale. 3.3 La materia prima (crf. punto 2.1) proviene da un area geograficamente più ampia della zona di trasformazione; tale area comprende il territorio amministrativo delle Regioni: Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Molise, Umbria, Toscana, Marche, Abruzzo, Lazio, Campania, Puglia e Basilicata. 3.4 Nella suddetta zona di provenienza della materia prima hanno sede tutti gli allevamenti dei suini le cui cosce sono destinate alla produzione del Prosciutto Amatriciano e gli stabilimenti di macellazione abilitati alla relativa preparazione, nonché i laboratori di sezionamento eventualmente compresi nel circuito della produzione. - Art. 4 - ORIGINE DEL PRODOTTO. 4.1 Il Prosciutto Amatriciano è il frutto di una lunga tradizione; costituisce ed identifica un territorio; ha origine nella civiltà rurale ed un carattere artigianale. Ciò significa che, pure in sintonia con l evolversi della realtà produttiva, si tratta di un prodotto legato al ripetersi degli usi locali leali e costanti, quasi fuori dal tempo presente. Tutto questo è stato possibile grazie alle favorevoli condizioni climatiche ed alla presenza della Via Salaria, antica strada consolare romana, che ha contribuito, attraverso il trasporto e la disponibilità di sale, alla diffusione della tecnica della salatura, come sistema di conservazione delle carni. 4.2 Il Prosciutto Amatriciano è sicuramente originario della zona geografica indicata al precedente punto 3.1. L originarietà del suino e del prosciutto da esso derivato, sono provate da: Riferimenti storici: L allevamento del maiale in provincia di Rieti ha origini molto antiche. Già negli insediamenti dell età del bronzo sono presenti ossa di suino che attestano la sua utilizzazione nella dieta alimentare umana dell epoca. (G Filippi, M Pacciarelli 4

5 Pag. 5 di 15 Materiali protostorici della Sabina tiberina. L età del bronzo e la prima età del ferro tra Farfa ed il Nera ) Nell età romana il paesaggio della Sabina era connotato dalla fitta presenza di boschi di querce le cui ghiande costituivano il principale nutrimento per i maiali; in alcuni casi per ingrassarli si utilizzava il letame degli allevamenti di tordi. (Varro, R.R., I, 38, 2) Nei documenti dell abbazia benedettina di Farfa era diffusa la presenza di porcari ed anche di un arciporcaro, ricordati intorno alla metà del secolo VIII, destinati a condurre i suini al pascolo brado. (C Bruhl, IV/1, Codice diplomatico longobardo Roma 1981) Nel secolo IX il monastero di S. Giulia di Brescia possedeva lungo la valle del Velino un azienda agraria, nella quale oltre 15 ettari erano destinati ad ingrassare i maiali. (G Pasquali, Inventari altomedievali di terre, coloni e redditi Roma 1979) Si hanno notizie della partizione dei suini a partire dal secolo X; ad esempio i monaci dell abbazia di Farfa ricevevano come regalie annuali dai loro livellari soprattutto lombi e spalle. (G. Zucchetti, Liber Largitaruis vel Notaruis Monastrerii Phaephensisns Roma 1913) Nel 1327 gli abitanti di Capradosso, castello posto a cavaliere tra valle del Velino e valle del Salto, promisero ad alcuni signori del posto di dare loro ben 60 paia di prosciutti l anno se li avessero aiutati a liberarsi dalla signoria dell abbazia benedettina di S. Salvatore Maggiore che li opprimeva pesantemente. Questo documento è illuminante perché dimostra in modo inequivocabile come nelle zone più alte della Sabina, come il commercio di cospicue quantità di Prosciutti avveniva normalmente. (R. Caggesse, Roberto d Angiò e i suoi tempi Firenze 1922) I prosciutti, le spalle ed i lombi suini erano compresi tra i diritti che i signori medievali riscuotevano dai vassalli in ampie zone della Sabina interna (P.Sella, Statuti del Cicolano - acc. XIII-XIV) Nella relazione sul concorso e sulla esposizione organizzata dal Comizio Agrario di Rieti nel 1866, notiamo la presenza del prosciutto elogiato per le sue qualità organolettiche. Tra i premi conferiti il primo va al prosciutto di Morro di squisito sapore ed il secondo al lardo ed al prosciutto di Rieti assai grandi e di molto buon sapore. 5

6 Pag. 6 di 15 La carne salata di Morro non lascia altro a desiderare che la certezza di avere costantemente prodotti consimili e di averne in copia perché si potesse mettere in commercio, non temerebbe la concorrenza di altri salati accreditatissimi. La Porcina di Ciancarelli (il produttore) lodevole per sapore e grandezza è un felice principio dell introdurre i maiali di grandi razze che senza andare all estero si trovano in talune provincie italiane. Il Professore Antonio Piccinini nella sua Monografia sul circondario di Cittaducale, meglio nota come Inchiesta Inchini, promossa dal Parlamento Italiano tra il 1877 e il 1885, si esprimeva: si fanno dappertutto ottimi prosciutti anche disossati nel Cicolano.Se ne fanno prosciutti, salumi, mortadelle in Amatrice Il numero complessivo di maiali si può oggi ritenere di Riferimenti culturali: Nella raccolta degli usi e delle consuetudini commerciali ed agrarie della Provincia di Rieti pubblicata nel 1934 dal Consiglio Provinciale dell Economia Corporativa di Rieti, si ritrovano notizie sugli usi legati alla compravendita dei suini sia vivi che morti In alcune zone dell antica Sabina, esiste una credenza che può essere ricondotta a quella mitica esistente nell area abruzzese dove, ad esempio, quando qualcuno non trovava cibo da offrire al porcello era solito dire Antuò, vattènne. Un elemento molto appariscente e singolare è Lu porchette de S. Andonie ; l usanza, ormai quasi del tutto scomparsa, consisteva nell acquistare un maialino il giorno di S. Antonio Abate (17 Gennaio) e di lasciarlo libero nel paese dove riceveva cibo da tutte le famiglie. Il 17 gennaio dell anno successivo veniva venduto all asta e secondo la tradizione chi ne mangiava le salsicce veniva accompagnato dalla fortuna per tutto l anno. Accanto alle produzioni cerealicole, ortive, agli oli, ai vini, ai terricci e perfino alla macchine agricole, erano presenti i prosciutti, dei quali si dice che pochi ma veramente buoni furono trovati i prosciutti, ma dispiacque di non vedere le carni suine insaccate, di cui non comparve alcun campione, mentre sappiamo che nella parte alta del Reatino territorio si confezionano assai bene.. Nello Studio demologico sul Ciclo del maiale in Sabina il Lorenzetti (Rieti,1980), riporta il metodo di ottenimento del prosciutto. 6

7 Pag. 7 di 15 Riferimenti statistici: Per la zona di Amatrice, la Statistica del Regno di Napoli fatta stilare da Gioacchino Murat nel 1811 attesta in modo puntuale la presenza di una importante industria per la lavorazione delle carni suine che venivano esportate in larga misura nelle città circostanti. Nella relazione sull esposizione leggiamo dati statistici sulla consistenza dei capi suini nel solo Comune di Rieti che nel 1864 risultavano in numero di Il dato ci conforta nell affermare che almeno dal secolo scorso l allevamento del maiale riveste un ruolo molto importante nell azienda reatina, anche in relazione alla trasformazione delle carni per l ottenimento dei pregevoli prodotti di norcineria. I dati storici forniti dalla CCIAA di Rieti mettono in risalto l incremento del numero di capi che l allevamento suino ha subito dal 1961 al 1998 e l aumento del prezzo all ingrosso del prosciutto stagionato destinato al consumo. Dalla Borsa merci della CCIAA di Rieti si nota la variazione di prezzo che tale prodotto ha subito dal 1961 al Nella provincia di Rieti sono stati individuati i seguenti salumifici e/o prosciuttifici (fonte C.C.I A.A di Rieti): - Proietti Giovanni, operante dal 1962 prima come macelleria e poi come salumificio, con sede in Citteducale frazione S. Rufina; - Pasquini Carni di Pasquini Ennio, operante dal 1966 nella preparazione, vendita e conservazione carni ed insaccati, con sede a caporio di Cittaducale; - Impresa artigiana Baldassarri Franco, 1971; - Salumificio di Configni, 1972; - Icar S.p.A, operante dal 1972 nel settore della conservazione delle carni e di insaccati, attualmente sostituita nella lavorazione dall Inalca; - Industria Carni di Montebuono S.r.l., 1976; - Di Loreto Bruno, operante dal 1977 nella produzione di salumi e prosciutti, con sede in Borgovelino, - Ditta Bosi Giuseppe del 1955, trasformata in Salumificio Bosi S.p.A., 1977; - Salumificio Laziale S.p.A., operante in Cittaducale dal 1981; - Salumificio Agabiti di Agabiti Giacomo & C. S.n.c., operante in Leonessa dal

8 Pag. 8 di 15 L origine è comprovata, inoltre, dall iscrizione dei produttori e-preparatori in apposito elenco tenuto ed aggiornato dall organismo di controllo di cui all art Art. 5 - METODO DI OTTENIMENTO DEL PRODOTTO. 5.1 Sono confermate le metodologie e le prescrizioni relative alla materia prima già illustrate all art. 2 ed all art. 3 del presente disciplinare. 5.2 Il procedimento per la lavorazione delle cosce suine fresche, corrispondenti alle prescrizioni ed ai requisiti già indicati nel presente disciplinare, è illustrato di seguito mediante l elenco delle diverse fasi del processo produttivo. La lavorazione del Prosciutto Amatriciano prevede 9 fasi. 1. Ricevimento e Rifilatura 2. Selezione e Raffreddamento 3. Salagione 4. Dissalatura 5. Toelettatura e Riposo 6. Lavaggio 7. Asciugatura 8. Pre-Stagionatura e Sugnatura 9. Stagionatura e Marchiatura 8

9 Pag. 9 di RICEVIMENTO E RIFILATURA Il maiale dal quale si ricava la coscia fresca da impiegare nella preparazione del Prosciutto Amatriciano deve essere: sano, di razza bianca, riposato e a digiuno. Dopo la macellazione si provvede al sezionamento della coscia ed al suo inoltro presso lo stabilimento di produzione dove viene subito sottoposta ai necessari controlli. La fase di rifilatura consiste nell asportare grasso e cotenna in modo da conferire al prosciutto la classica forma tondeggiante a pera, con la parte interna della coscia parzialmente scoperta. Dalla fase di accettazione della materia prima in stabilimento, le cosce impiegate per la produzione del Prosciutto Amatriciano non devono subire alcun trattamento ad esclusione della refrigerazione SELEZIONE E RAFFREDDAMENTO Le cosce fresche vengono sottoposte a selezione allo scopo di suddividere i singoli lotti in classi di peso. Per la produzione del Prosciutto Amatriciano si utilizzano cosce con un peso compreso tra i 12,01 kg ed i 16,00 kg; tali cosce vengono sistemate in apposita cella dove sostano per il periodo necessario a consentire il raggiungimento di una temperatura delle carni tra 0 e 4 C SALAGIONE Il processo di salagione si suddivide in 1 salatura e 2 salatura (o ripasso). Alla 1 salatura le cosce vengono massaggiate allo scopo di eliminare i residui di sangue. Successivamente si provvede a spazzolare del sale umido sulla cotenna ed infine si effettua l aspersione del sale; la rifinitura avviene sempre manualmente avendo cura di ricoprire bene con il sale la zona del pallino. Per la salatura viene utilizzato cloruro di sodio nonché ogni trattamento chimico consentito dalle norme vigenti, con l esclusione comunque di procedimenti di affumicatura. Le cosce salate vengono trasferite su un piano orizzontale e riposte in una apposita cella a temperatura costante (tra i +2 C e i +5 C) dove rimangono per un periodo variabile tra i 5 e i 7 giorni. Trascorso tale periodo le cosce sono sottoposte alla fase di ripasso; vengono prelevate dalla cella, il sale residuale viene asportato dalla superficie, viene ripetuto il massaggio e, infine, viene ripetuta l aspersione del sale secondo le modalità sopra descritte. Nuovamente riposte in cella a temperatura costante (tra i +2 C e i +5 C), le cosce vi permangono fino alla fine del processo di salagione, periodo variabile tra i 10 ed i 15 giorni in funzione della classe di appartenenza, assegnata alle stesse nella fase di selezione. 9

10 Pag. 10 di DISSALATURA Al termine del periodo necessario alla salagione si asporta il sale dalla superficie esterna delle cosce e, legati con dello spago ai gambi, si appendono i prosciutti in posizione verticale. Al termine di questa fase le cosce hanno subito un calo peso riferito al peso rilevato in fase di selezione che deve essere compreso tra il 2,5 ed il 4% TOELETTATURA E RIPOSO Terminata la fase di dissalatura le cosce vengono riposte in celle di riposo per un periodo di tempo variabile a seconda della pezzatura, con condizioni di umidità tra il 65% e l 85 % e temperatura tra +2 C e +5 C. Durante la permanenza in tali celle, esse vengono ulteriormente rifinite ( toelettate ) al fine di eliminare le imperfezioni e le piccole sporgenze che si possono trovare attorno all'osso. Il calo peso totale successivo a questa fase deve essere compreso tra il 10 ed il 12 %. Nel corso della fase di riposo il sale assorbito penetra con graduale omogeneità all interno della massa muscolare distribuendosi in modo uniforme; alla fine di questo periodo si deve raggiungere un calo peso totale del 16 % per poter passare alla fase successiva LAVAGGIO Ultimato il riposo le cosce vengono sottoposte a lavaggio definitivo mediante l applicazione di getti d acqua ad una temperatura compresa fra i 30 e i 40 C. Oltre ad un effetto completamente rivitalizzante, il lavaggio rimuove tutte le formazioni superficiali formatesi durante le fasi di salatura e riposo per effetto della disidratazione, e tonifica i tessuti esterni ASCIUGATURA Questa fase avviene mediante ventilazione delle cosce con aria avente una temperatura di C. Massima attenzione viene posta ad osservare che tutte le parti si presentino ben asciutte a testimonianza di un corretto andamento del processo di disidratazione; risulta inoltre vietato qualsiasi processo di affumicatura. Il calo peso deve essere compreso tra 1,5 e 3% dall inizio della fase di asciugatura PRE-STAGIONATURA e SUGNATURA In questa fase prosegue il processo di rinvenimento / acclimatamento delle carni a temperature variabili progressivamente tra i +15 C e i +18 C e in condizioni di umidità tra 60% e 75%. Alla fine di questa fase i prosciutti subiscono un trattamento di sugnatura che consiste nella distribuzione sulla superficie esposta della coscia non protetta da cotenna e 10

11 Pag. 11 di 15 grasso, di una pasta composta da sugna e/o lardo e/o strutto finemente triturati con sale, spezie e farina di cereali STAGIONATURA A questo punto inizia la stagionatura vera e propria, fase in cui i prosciutti sostano fino al raggiungimento del dodicesimo mese dalla data della prima salatura in celle a umidità costante (60%-75%) e temperature tra i 15 e i 17 C; la durata del processo di stagionatura è comunque funzionale alla pezzatura della partita. Durante questa fase deve avvenire, entro il 12 mese dal mese di salatura, la marchiatura a fuoco sulla cotenna della parte alta della faccia interna della coscia. In caso di condizioni climatiche ed ambientali favorevoli (poca umidità e ventilazione) le finestre delle celle, se presenti, vengono aperte per sottoporre i prosciutti ad una areazione di tipo naturale. Nel corso della stagionatura delle carni si verificano i processi biochimici ed enzimatici che completano il processo di conservazione indotto dalle precedenti lavorazioni. Durante la fase di stagionatura è consentito effettuare una seconda sugnatura. 5.3 E consentito effettuare operazioni di disosso, affettamento e confezionamento presso stabilimenti, iscritti negli elenchi istituiti dall Organismo di Controllo di cui all Art. 7 del presente disciplinare di produzione, ubicati in ambito nazionale ed autorizzati ai sensi delle vigenti normative. - Art. 6 - LEGAME CON L AMBIENTE GEOGRAFICO 6.1 La zona di produzione del Prosciutto Amatriciano presenta particolari caratteristiche geografiche e morfologiche. Il comprensorio dei 26 comuni facenti parte della zona di produzione, come indicato al punto 3.1 del presente disciplinare, è essenzialmente montano con una scarsa presenza di aree di pianura. L orografia e la natura geofisica presentano, nelle diverse aree incluse in questo comprensorio, aspetti di grande similitudine, che hanno consentito la nascita e lo sviluppo di attività antropiche e di tradizioni che pur nella loro peculiarità presentano grandi analogie. L altimetria va dai circa 450 metri sul livello del mare della piana reatina ai circa 2500 m.s.l.m dei monti che fanno da orlo verso la fascia tirrenica dell altopiano abruzzese. 11

12 Pag. 12 di 15 Il territorio risulta in gran parte compreso tra due giogaglie che derivano dalla catena dell Appennino centrale: quella dei monti reatini (con il massiccio del Terminillo) e dei monti Carseolani (con il monte Navegna), e quella dei monti Sabini (con i monti Pizzuti e Tancia). La zona di produzione del Prosciutto Amatriciano è caratterizzata da una situazione pedoclimatica piuttosto favorevole alla buona riuscita di tale preparazione alimentare. Oltre alla tecnica di lavorazione, al tipo ed ai tempi di stagionatura, le altitudini superiori ai 450 metri s.l.m., il clima rigido nelle aree d alta montagna e relativamente rigido nelle aree basse e vallive della zona montana, l aria fresca e pulita che si respira in tutto il comprensorio interessato dalla produzione e soprattutto l umidità relativa generalmente inferiore al 70%, agiscono in modo positivo durante tutte le fasi di lavorazione ed in modo particolare nella lunga ed accurata stagionatura, consentendo al prodotto finito di avere quel particolare aroma di profumo gradevole, dolce ma intenso, che lo contraddistingue. 6.2 Gli elementi riportati all art 4 a testimonianza dell originalità del Prosciutto Amatriciano e della relativa materia prima dalle aree geografiche rispettivamente delimitate, consentono già di dimostrare ampiamente lo stretto e profondo legame tra le produzioni agricole e la trasformazione del prodotto con le aree di riferimento. Tale legame è confermato dall evoluzione dei fattori sociali, economici, produttivi e di esperienza umana consolidatisi nel corso dei secoli. - Art. 7 - ORGANISMO DI CONTROLLO Il controllo sulla conformità del prodotto al disciplinare è effettuato, conformemente a quanto stabilito dall art. 10 del regolamento CEE 2081/92, da un organismo di controllo autorizzato. - Art. 8 - CONFEZIONAMENTO ED ETICHETTATURA Confezionamento. Il Prosciutto Amatriciano può essere destinato alla vendita sia in osso che disossato od affettato. Nel primo caso, dopo l apposizione del collarino che ha lo scopo di rendere migliore la presentazione del prodotto dal punto di vista commerciale, il prosciutto può essere venduto tal quale. 12

13 Pag. 13 di 15 Nel caso di prodotto disossato, ottenuto a partire dal prosciutto in osso conforme alle caratteristiche di cui all Art. 2, è indispensabile il confezionamento sottovuoto con buste per alimenti in accoppiato di alluminio con spessore minimo di 120 µ o in PE con spessore minimo di 145 µ che possano garantire un periodo di conservazione di 180 giorni. Il prosciutto Amatriciano disossato deve avere un peso superiore ai 6 Kg. e presentare sulla cotenna della faccia interna della coscia il marchio a fuoco di cui all Art. 9. Se il prosciutto viene presentato in forma di affettato, il confezionamento deve essere effettuato in sottovuoto o in atmosfera modificata con sacchi o vaschette con spessore minimo di 30 µ in modo da assicurare una conservabilità compresa tra 1 e 3 mesi. Etichettatura. Il Prosciutto Amatriciano, venduto tal quale o confezionato con le modalità appena descritte, dovrà recare obbligatoriamente sulle etichette o sulle buste utilizzate, a caratteri di stampa chiari e leggibili, oltre al simbolo grafico comunitario e relative menzioni (in conformità alle prescrizioni del Regolamento CE 1726/98 e successive modifiche) ed alle informazioni corrispondenti ai requisiti di legge, le seguenti ulteriori informazioni: - Prosciutto Amatriciano seguita dalla sigla IGP (Indicazione Geografica Protetta); - Il nome, la ragione sociale e l indirizzo dell azienda produttrice; - Il logo del prodotto di cui all art. 9. E vietata l aggiunta di qualsiasi qualificazione non espressamente prevista. E tuttavia ammesso l utilizzo di indicazioni che facciano riferimento a marchi privati, purché questi non abbiano significato laudativo o siano tali da trarre in inganno il consumatore, nonché di altri riferimenti veritieri e documentabili che siano consentiti dalla normativa comunitaria, nazionale o regionale e che non siano in contrasto con le finalità ed i contenuti del presente disciplinare. La designazione Prosciutto Amatriciano è intraducibile. 13

14 Pag. 14 di 15 - Art. 9 - LOGO 9.1 Il logo della denominazione Prosciutto Amatriciano IGP, come di seguito riportato, è costituito da: - una coccarda costituita da una forma rotonda avente sfondo di colore giallo (Pantone 139 C) e caratterizzata da una forma ad asola, nella parte superiore, e da due nastrini, nella parte inferiore, aventi i bordi esterni di colore giallo (Pantone 139 c) e la parte interna di colore blu (Pantone 294 C); - all interno della coccarda sono riportate: 1. nella parte superiore, la dicitura Prosciutto Amatriciano in carattere Textile di colore rosso (pantone RED 032 C) con bordi di colore blu (Pantone 294 C). 2. nella parte inferiore, la dicitura I. G. P. in carattere Arial Bold MT di colore blu (Pantone 294 C); 14

15 Pag. 15 di al centro delle montagne stilizzate di forma semicircolare nella parte bassa e frastagliata a tre punte nella parte alta, con colore che passa gradatamente dal blu (Pantone 294 C) della parte inferiore al verde (Pantone 356 C) della parte superiore 4. una ghianda stilizzata di colore giallo (Pantone 139 C). Il logo si potrà adattare proporzionalmente alle varie declinazioni di utilizzo con dimensione minima diametrale pari a 15 mm. Per la stampa tipografica in quadricromia si utilizzano i seguenti cromatismi: 1. Colore blu: Pantone Proc. Cyan C Quadricomia 100% Cyan 2. Colore rosso: Pantone Proc. Magen. C Quadricomia 100% Magenta 3. Colore giallo: Pantone Proc. Yellow C Quadricomia 100% Yellow 4. Colore nero: Pantone Proc. Black C Quadricomia 100% Yellow 9.2. Il contrassegno da imprimere a fuoco sul prosciutto, avente diametro non inferiore 50 mm, è rappresentato dalla figura stilizzata del logo riportato al punto 9.1 del presente articolo. 15

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Art.1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta "Pancetta Piacentina" é riservata al prodotto di salumeria

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Modifica del disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta «Salsiccia di Calabria» Art. 1 (Denominazione) La Denominazione di Origine Protetta Salsiccia di Calabria è riservata al

Dettagli

Disciplinare di produzione dell Indicazione Geografica Protetta «Prosciutto di Sauris»

Disciplinare di produzione dell Indicazione Geografica Protetta «Prosciutto di Sauris» Disciplinare di produzione dell Indicazione Geografica Protetta «Prosciutto di Sauris» Articolo 1 Denominazione del prodotto L Indicazione Geografica Protetta I.G.P. - PROSCIUTTO DI SAURIS è riservata

Dettagli

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto.

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Tenuta del Varco La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Adagiata in posizione naturale particolarmente privilegiata, a circa

Dettagli

CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI

CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI la storia La tradizione della lavorazione delle carni suine è, per la famiglia Corsini, antica di quattro generazioni. La posizione collinare dello stabilimento,

Dettagli

Presentazione dell iniziativa

Presentazione dell iniziativa Presentazione dell iniziativa L istanza per il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta D.O.P. al prodotto Lonza delle Marche e della quale la presente relazione tecnica costituisce allegato,

Dettagli

ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA

ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA C 101/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.4.2010 ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA Pubblicazione di una domanda di modifica, a norma dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006

Dettagli

TANARA GIANCARLO S.pA. SALAGIONE E STAGIONATURA PROSCIUTTI CRUDI IN LANGHIRANO

TANARA GIANCARLO S.pA. SALAGIONE E STAGIONATURA PROSCIUTTI CRUDI IN LANGHIRANO TANARA GIANCARLO S.pA. SALAGIONE E STAGIONATURA PROSCIUTTI CRUDI IN LANGHIRANO TANARA GIANCARLO S.pA. SALAGIONE E STAGIONATURA PROSCIUTTI CRUDI IN LANGHIRANO Aria. Terra. Esperienza. Tanara: un nome famoso

Dettagli

DISCIPLINARE DI -PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA " SALUMI DI CALABRIA ; SOPPRESSATA, CAPOCOLLO, SALSICCIA E PANCETTA.

DISCIPLINARE DI -PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA  SALUMI DI CALABRIA ; SOPPRESSATA, CAPOCOLLO, SALSICCIA E PANCETTA. DISCIPLINARE DI -PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA " SALUMI DI CALABRIA ; SOPPRESSATA, CAPOCOLLO, SALSICCIA E PANCETTA."./'.'.XV" /..o 4 ART. 1 (Denominazione) La Denominazione di Origine

Dettagli

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni.

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni. carni suine L Azienda Mec Carni è uno dei più moderni macelli, riconosciuti a livello internazionale, specializzato nella macellazione e sezionamento di carni suine. L Azienda, nata nel 1976 a sostegno

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Salame bergamasco, o il termine dialettale ol Salàm de la bergamasca, è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde

Dettagli

Disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta «Prosciutto di Norcia» Art. 1 (Denominazione) Art. 2 (Zona di produzione)

Disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta «Prosciutto di Norcia» Art. 1 (Denominazione) Art. 2 (Zona di produzione) Disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta «Prosciutto di Norcia» Art. 1 (Denominazione) L Indicazione Geografica Protetta Prosciutto di Norcia è riservata al prosciutto crudo stagionato

Dettagli

GRANCRU' PROSCIUTTI PARMA DOP 3008 PR.PARMA RISERVA 16M KG.10 5136 PROSC.PARMA 16M DISOSS.PRESS.

GRANCRU' PROSCIUTTI PARMA DOP 3008 PR.PARMA RISERVA 16M KG.10 5136 PROSC.PARMA 16M DISOSS.PRESS. GRANCRU' 18 3007 PROSC. PARMA GRANCRU` 18 M KG. 10 5009 PR.PARMA GRANCRU` 18M DIS.TONDO Selezione speciale di cosce stagionate idonee alle lunghe Grancrù, Prosciutto di Parma a produzione limitata. stagionature.

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE

AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE Salame Bresciano Prodotto come tradizione, con tagli di parti nobili del maiale con aggiunta del 25% di pancetta macinata a temperatura

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2015 - N. 2 16 gennaio 2015 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del venerdi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2014 - N. 25 04 luglio 2014 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del venerdi

Dettagli

BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ

BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ Il salumificio Colombo Salvo & C. s.r.l., conta 80 anni di attività essendo stato fondato nel 1923. L'attuale sede sociale è in Crosio della Valle (VA) via Caregò n 21 tel.

Dettagli

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100%

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% Rubino (Coscia d'oca stagionata), Convivio (Salame tradizionale d'oca), Castellano (Cotto d'oca). Inoltre, tagli freschi e congelati d oca

Dettagli

BISCIOLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione. Art. 2 Zona di produzione

BISCIOLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione. Art. 2 Zona di produzione BISCIOLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La denominazione Bisciola è attribuita esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare

Dettagli

NUMERO VERDE CARTA DEI SERVIZI CONDIVISA

NUMERO VERDE CARTA DEI SERVIZI CONDIVISA - PER CONTATTARE LA CENTRALE D ASCOLTO DEL SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE È NECESSARIO COMPORRE IL NUMERO VERDE 800.19.99.10 LA CENTRALE D ASCOLTO PROVVEDE A SMISTARE LE CHIAMATE ALLE DIVERSE SEDI

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2014 - N. 45 28 novembre 2014 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Si autorizza l aggiunta di una nuova confezione e precisamente: Scatola contenente 24 blister con 4 tavolette masticabili per ciascun blister A.I.C. n. 103615492. 15A04415 del medicinale per uso veterinario

Dettagli

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino"

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. cularino è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino" salame s. angelo i.g.p. "cularino" È un insaccato di pura carne suina a grana grossa, tagliata a punta di coltello

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 21 SETTEMBRE 2005. Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti di salumeria

DECRETO MINISTERIALE 21 SETTEMBRE 2005. Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti di salumeria DECRETO MINISTERIALE 21 SETTEMBRE 2005 Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti di salumeria IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE e IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA "LARDO DI COLONNATA" Art. 1. Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA LARDO DI COLONNATA Art. 1. Denominazione 7 DIC. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA "LARDO DI COLONNATA" Art. 1. Denominazione L'Indicazione geografica protetta "Lardo di Colonnata" e' riservata esclusivamente al

Dettagli

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo Cenni Storici All inizio dell Ottocento era già nota l usanza calabrese di allevare i maiali. Lo dimostra uno scritto di Luigi Prato, scrittore e viaggiatore dell epoca, il quale, in un racconto che descrive

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Caprini de la Bergamasca è riservato esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Disciplinare di produzione PANE DI PELLEGRINA

Disciplinare di produzione PANE DI PELLEGRINA Disciplinare di produzione PANE DI PELLEGRINA Art. 1- Nome del Prodotto La Denominazione Pane di Pellegrina o la sua variante dialettale Pani i Pellegrina è riservata esclusivamente al prodotto che risponde

Dettagli

Prosciutti crudi. Prosciutti. crudi

Prosciutti crudi. Prosciutti. crudi Prosciutti crudi Prosciutti crudi di Origine Protetta Natura, clima e pasone dei produttori, hanno saputo creare e mantenere originalmente diverso il sapore del Prosciutto Toscano. Per tutelare l identità

Dettagli

Analisi aspetti ambientali

Analisi aspetti ambientali Analisi aspetti ambientali Carburante dei mezzi di trasporto del fornitore Consumo di energia elettrica per utilizzo pedana carico/scarico Consumo di energia per uso muletto elettrico Sale per salatura

Dettagli

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Sabina" a Denominazione di Origine Protetta

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva Sabina a Denominazione di Origine Protetta Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Sabina" a Denominazione di Origine Protetta DM 29 maggio 1995 GURI n. 142 del 20 giugno 1995 (Iscrizione nel "Registro delle denominazioni di

Dettagli

DISCIPLINARE DELL INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA DEL SALAME D OCA DI MORTARA

DISCIPLINARE DELL INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA DEL SALAME D OCA DI MORTARA DISCIPLINARE DELL INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA DEL SALAME D OCA DI MORTARA 1 Art. 1 Denominazione L Indicazione Geografica Protetta Salame d oca di Mortara è riservata al prodotto di salumeria cotto

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Salame Felino

Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Salame Felino Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Salame Felino Art. 1 Denominazione L Indicazione Geografica Protetta SALAME FELINO è riservata al prodotto di salumeria che risponde alle

Dettagli

Da una valle incontaminata, incastonata. nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico. di antiche tradizioni. prende forma. nel Salumificio Magrotti.

Da una valle incontaminata, incastonata. nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico. di antiche tradizioni. prende forma. nel Salumificio Magrotti. ORGOGLIO D OLTREPò I prodotti De.Co. Logo riprodotto in quadricromia Da una valle incontaminata, incastonata nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico di antiche tradizioni prende forma nel Salumificio Magrotti.

Dettagli

Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande

Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande qualità. L attenta selezione delle materie prime e delle

Dettagli

Sommario. 1. introduzione al sistema 2. moduli base. 3. tracciabilità e rintracciabilità. 4. diagramma di flusso operativo. 5.

Sommario. 1. introduzione al sistema 2. moduli base. 3. tracciabilità e rintracciabilità. 4. diagramma di flusso operativo. 5. tracciabilità rintracciabilità e carni suine Sommario 1. introduzione al sistema 2. moduli base 2.1. anagrafica base 2.2. entrata partite suini 2.3. piano macellazione 2.4. macellazione 2.4.1. acquisto

Dettagli

Disciplinare di produzione Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pizzoccheri della Valtellina

Disciplinare di produzione Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pizzoccheri della Valtellina Disciplinare di produzione Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pizzoccheri della Valtellina Art. 1. Denominazione - marchio Il regolamento d uso del Marchio Collettivo per i Pizzoccheri della Valtellina

Dettagli

LA QUALITÀ GENUINA COMPANY PROFILE. www.morgante.it

LA QUALITÀ GENUINA COMPANY PROFILE. www.morgante.it LA QUALITÀ GENUINA COMPANY PROFILE LA STORIA PRIMA METÀ DEL 1800 La storia della famiglia Morgante inizia con Luigi Morgante commerciante e salumiere di Tarcento (Ud). TRA LA FINE DEL 800 ED I PRIMI DEL

Dettagli

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA SOTTOSCRITTO AUTORIZZATO A RAPPRESENTARE LEGALMENTE L IMPRESA/SOCIETA /ALTRO SOGGETTO denominazione o ragione sociale, forma giuridica e sede legale: in relazione Procedura Aperta finalizzata alla stipula

Dettagli

Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Speck Alto Adige Südtiroler Markenspeck Südtiroler Speck

Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Speck Alto Adige Südtiroler Markenspeck Südtiroler Speck Herstellungsspezifikation Der geschützten geografischen Angabe Speck Alto Adige, Südtiroler Markenspeck, Südtiroler Speck Disciplinare della Indicazione Geografica Protetta Speck Alto Adige Südtiroler

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA Art. 1 Denominazione Il nome Latte fresco della Valtellina è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Questo alimento è frutto dell'esperienza delle nostre genti montane, estremamente semplice ma che racchiude in sè una cura sapiente, necessaria per poter conservare questi pregiati tagli di carne bovina.

Dettagli

E t i c h e t t e a l i m e n t a r i

E t i c h e t t e a l i m e n t a r i E t i c h e t t e a l i m e n t a r i Le etichette sono la carta d identità dei prodotti alimentari perché riportano le informazioni utili che consentono di scegliere quello più appropriato alle nostre

Dettagli

Cartella stampa Taleggio

Cartella stampa Taleggio Cartella stampa Taleggio Rev. Febbraio 2016 1. Il Taleggio D.O.P.: un prodotto d eccellenza 1.1 La Storia Il Taleggio è un formaggio di origini antichissime, anteriori al X secolo. Documenti risalenti

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD05U ATTIVITÀ 10.11.00 PRODUZIONE DI CARNE NON DI VOLATILI E DI PRODOTTI DELLA MACELLAZIONE (ATTIVITÀ DEI MATTATOI) ATTIVITÀ 10.12.00 PRODUZIONE DI CARNE DI VOLATILI E PRODOTTI DELLA

Dettagli

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda Gusto Valtellinese Gusto Valtellinese L esigenza di nuovi spazi portò l azienda a trasferirsi nell attuale sede di Montagna in Valtellina: ed è nel cuore delle alpi lombarde che Alberto, spinto dall entusiasmo

Dettagli

Salame Salame Felino

Salame Salame Felino Salame Felino Prodotto con carne di suini nati, allevati e macellati in Italia Salame Felino Prodotto preparato con cura artigianale utilizzando carni di suini nati ed allevati in Italia. Si utilizza la

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ 18 settembre 2014 Anno 2013 I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ L Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall Unione europea (Ue). I prodotti agroalimentari

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi Glarner Kalberwurst Registrato quale indicazione geografica

Dettagli

La selezione delle razze del suino pesante

La selezione delle razze del suino pesante Mantova, 22 maggio 2009 La selezione delle razze del suino pesante Luca Buttazzoni & Maurizio Gallo Il Libro genealogico ha scelto di orientare i propri schemi di miglioramento genetico alla qualità delle

Dettagli

La produzione del prosciutto crudo, in

La produzione del prosciutto crudo, in Il Parma e gli altri Il prosciutto crudo di Parma è presenza costante sulle tavole degli italiani. Viaggio alla scoperta di modalità di produzione, norme e tratti qualitativi che lo distinguono dal prodotto

Dettagli

SCHEDA TECNICA PROSCIUTTO COTTO

SCHEDA TECNICA PROSCIUTTO COTTO PROSCIUTTO COTTO BEDOGNI Prosciutto di Alta Qualità ai sensi del D.M. 21/09/2005 SELEZIONE DELLE CARNI SCHEDA TECNICA PROSCIUTTO COTTO Coscia Nazionale fresca e selezionata: taglio sale da 13,5 kg a 14,5

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Circolare 13 ottobre 2015, n. 76444 Avviso pubblico per la selezione di iniziative imprenditoriali nei territori dei Comuni ricadenti nell area di crisi industriale complessa

Dettagli

Iscrizione della denominazione «Lardo di Colonnata» nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette.

Iscrizione della denominazione «Lardo di Colonnata» nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette. Provvedimento 3 dicembre 2004. Iscrizione della denominazione «Lardo di Colonnata» nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette. (pubbl. in Gazz. Uff. n.

Dettagli

Il Salumificio Lombardo

Il Salumificio Lombardo Catalogo prodotti Stabilimento: Zona ASI - C.da Archi 98044 San Filippo del Mela - Me Tel./ Fax 090 93 85 569 www.salumificiolombardo.it info@salumificiolombardo.it ordini@salumificiolombardo.it Il Salumificio

Dettagli

CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE COME SI ALLEVA LA CINTA SENESE

CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE COME SI ALLEVA LA CINTA SENESE CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE L Azienda Agricola Praticino è specializzata nella produzione di carni in Cinta Senese. L azienda alleva nei propri possedimenti questa razza, originaria delle

Dettagli

Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo.

Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo. SALUMI DATURI: LA STORIA: Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo. Una vita piena di sacrifici, passione, spirito d iniziativa, tenacia, volontà, amore

Dettagli

DOCUMENTO UNICO REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO «PIAVE» N. CE: IT-PDO-0005-0686-04.03.2008 IGP ( ) DOP ( X )

DOCUMENTO UNICO REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO «PIAVE» N. CE: IT-PDO-0005-0686-04.03.2008 IGP ( ) DOP ( X ) C 234/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.9.2009 Pubblicazione di una domanda a norma dell articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio, relativo alla protezione delle

Dettagli

INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO

INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO INFORMAZIONI GENERALI CognomeNome/RagioneSociale: Codice Fiscale/Partita Iva: I. Regione di appartenenza Piemonte Emilia R. Campania Valle

Dettagli

Il Jamon iberico bellota puro 100% Catalogo Listino

Il Jamon iberico bellota puro 100% Catalogo Listino Il Jamon iberico bellota puro 100% Catalogo Listino EXTREM Iberico Puro Prodotto Prosciutto Iberico puro Selezionato perché Extrem è la marca di un prodotto di qualità eccellente derivato maggiormente

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DE L AMATRICIANO IL PECORINO DEI MONTI DELLA LAGA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DE L AMATRICIANO IL PECORINO DEI MONTI DELLA LAGA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DE L AMATRICIANO IL PECORINO DEI MONTI DELLA LAGA Art.1 Denominazione del prodotto L Amatriciano il Pecorino dei Monti della Laga art. 2 Descrizione del prodotto L Amatriciano

Dettagli

La passione per un lavoro antico, fatto di antiche tradizioni e tramandato di generazione in generazione; la cura nei dettagli in ogni fase della stagionatura; l equilibrio dei profumi e dei sapori di

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE.

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. CATALOGO PRODOTTI I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. MONTE VERONESE D ALLEVO Formaggio tipico da tavola proveniente dalle zone montane della provincia di Verona. Pasta semicotta prodotta esclusivamente

Dettagli

A V V I S O P U B B L I C O

A V V I S O P U B B L I C O 5^ Comunità Montana MONTEPIANO REATINO Via A.Manzoni n. 10 02100 RIETI - Tel. 0746.25631 Fax 0746.271187 e-mail info@5cm.rieti.it - PEC info@pec.5cm.rieti.it - www.5cm.rieti.it - C.F. 80007770573 Prot.n.

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di prodotti a base di carne e pesce Sequenza

Dettagli

Nell immaginario collettivo il periodo autunno-inverno è il momento in cui

Nell immaginario collettivo il periodo autunno-inverno è il momento in cui Gabriele Giomi - Tecnico della Prevenzione Regolamentare la pratica della macellazione a domicilio per aiutare gli agricoltori-allevatori e dare certezze a chi deve vigilare Nell immaginario collettivo

Dettagli

I prodotti di Salumeria. di Stefano Continisio

I prodotti di Salumeria. di Stefano Continisio I prodotti di Salumeria di Stefano Continisio La selezione genetica L alimentazione ALIMENTAZIONE Trasporto Macellazione e tagli Classificazione e qualità FAT O - MEAT Controllo qualità e innovazione I

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi Longeole Registrata quale indicazione geografica protetta

Dettagli

DOCUMENTO UNICO. REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine

DOCUMENTO UNICO. REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine Pubblicazione di una domanda di registrazione ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni

Dettagli

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Art. 1 Il marchio CARNE PODOLICA - BASILICATA è riservato alla carne bovina, prodotta da animali provenienti da allevamenti della Basilicata,

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

DENOMINAZIONE D ORIGINE PROTETTA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE BASILICO GENOVESE ART. 1. Denominazione.

DENOMINAZIONE D ORIGINE PROTETTA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE BASILICO GENOVESE ART. 1. Denominazione. DENOMINAZIONE D ORIGINE PROTETTA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE BASILICO GENOVESE ART. 1 Denominazione. La denominazione di origine protetta "BASILICO GENOVESE", di seguito indicata con la sigla DOP, è riservata,

Dettagli

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela L indicazione Geografica Protetta (IGP) Sedano Bianco di Sperlonga è riservata esclusivamente al sedano ecotipo

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI Prof. Franco Di Giacomo I diversi aspetti della qualita Qualità definita: Insieme delle caratteristiche di un bene/servizio/prodotto, che soddisfa le esigenze implicite

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

Buoni Naturalmente!!

Buoni Naturalmente!! Buoni Naturalmente!! Situata in terra Dauna, ai piedi del famoso promontorio del Gargano, nasce nel 1994 l Azienda artigiana ANTICHI SAPORI del GARGANO, che opera in una struttura moderna, producendo e

Dettagli

RICOTTA ROMANA D.O.P.

RICOTTA ROMANA D.O.P. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DENOMINAZIONE ORIGINE PROTETTA RICOTTA ROMANA D.O.P. Art 1 Denominazione e sua tutela La denominazione di origine protetta (D.O.P.) Ricotta Romana è riservata esclusivamente

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

PROSCUTTI PARMA DOP REGIO

PROSCUTTI PARMA DOP REGIO PROSCUTTI PARMA DOP REGIO 0606 PROSC. PARMA REGIO 20 MESI C/OSSO 0608 PROSC. PARMA REGIO 18 MESI C/OSSO Regio è un Prosciutto di Parma di qualità superiore a Regio è un Prosciutto superiore a produzione

Dettagli

Prosciutto Marchigiano

Prosciutto Marchigiano Disciplinare di produzione Prosciutto Marchigiano Denominazione d Origine Protetta Art. 1 - Denominazione La denominazione di Prosciutto Marchigiano viene attribuito esclusivamente al prodotto stagionato

Dettagli

- Nerino, allevamento allo stato brado -

- Nerino, allevamento allo stato brado - ARMONIA TRA GLI ANIMALI E L AMBIENTE IN CUI VIVONO Il nostro obiettivo è far vivere i suini nel modo più naturale, curare la qualità del loro cibo e dell'ambiente, controllare costantemente le loro condizioni

Dettagli

Bollettino ECEPA. Strada dell Anselma, 5 29122 Piacenza (PC) Italy Tel. 0523/609662 - Fax 0523/644447 e-mail: amministrazione@ecepa.it.

Bollettino ECEPA. Strada dell Anselma, 5 29122 Piacenza (PC) Italy Tel. 0523/609662 - Fax 0523/644447 e-mail: amministrazione@ecepa.it. Bollettino ECEPA E.CE.P.A. Ente di Certificazione Prodotti Agro-alimentari Strada dell Anselma, 5 29122 Piacenza (PC) Italy Tel. 0523/609662 - Fax 0523/644447 e-mail: amministrazione@ecepa.it Dicembre

Dettagli

... celebrano la qualità, accompagnandola con fragranze e sapori tipici della terra dei Greci di Calabria

... celebrano la qualità, accompagnandola con fragranze e sapori tipici della terra dei Greci di Calabria ... celebrano la qualità, accompagnandola con fragranze e sapori tipici della terra dei Greci di Calabria La Benedetto s.r.l. nasce nel 2008 dalla volontà di tre fratelli, giovani imprenditori, di investire

Dettagli

RICOTTA ROMANA D.O.P.

RICOTTA ROMANA D.O.P. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DENOMINAZIONE ORIGINE PROTETTA RICOTTA ROMANA D.O.P. Art 1 Denominazione e sua tutela La denominazione di origine protetta (D.O.P.) Ricotta Romana è riservata esclusivamente

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

ALTRI ATTI COMMISSIONE

ALTRI ATTI COMMISSIONE 24.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 320/27 ALTRI ATTI COMMISSIONE Pubblicazione di una domanda di modifica, a norma dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio,

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale:

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale: La salsiccia Caratteristiche: l'arte della salumeria sarda riesce a sorprenderci con i sapori e profumi diversi delle sue salsicce. Giocando con le spezie, i formati e la diversa grana delle carni riesce

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

SALUMIFICIO F.LLI GUIDARA

SALUMIFICIO F.LLI GUIDARA 29.01.2004 -Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Generale N 23 Decreto 16 gennaio 2004 ART 1 DENOMINAZIONE DEL PRODOTTO A. 1 L Indicazione Geografica Protetta > è riservata

Dettagli

Natale 2015. Catalogo

Natale 2015. Catalogo Natale 2015 Catalogo I PRODOTTI DI NONNA CARLI Nonna Carli produce artigianalmente salumi con le carni dei maiali che alleva, allo stato semibrado nei boschi della Castagna, a Mele. Le nostre ricette provengono

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BRUZIO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BRUZIO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BRUZIO Art.1 Denominazione La denominazione di origine controllata Bruzio, accompagnata obbligatoriamente

Dettagli