STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA P.O.R. CAMPANIA 2000/2006 FONDO FESR MISURA 6.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA P.O.R. CAMPANIA 2000/2006 FONDO FESR MISURA 6."

Transcript

1 RTIGIANATO STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA P.O.R. CAMPANIA 2000/2006 FONDO FESR MISURA 6.5 AZIONE A1 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO CASARTIGIANI CONFEDERAZIONE AUTONOMA SINDACATI ARTIGIANI

2 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA edito dal Centro Studi per l Artigianato di CASARTIGIANI Napoli Piazza Garibaldi n Napoli tel - fax in CAMPANIA ROMANIA P.O.R. CAMPANIA 2000/2006 FONDO FESR MISURA 6.5 AZIONE A1 EUROPA BALCANICA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO E DI CRESCITA impaginazione e grafica artemisiacomunicazione.com

3 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI Saluto on. Antonio Bassolino, Presidente Regione Campania Saluto con grande piacere questa nuova iniziativa di CASARTIGIANI, che offre un supporto davvero utile e prezioso alle 24 imprese del settore tessile, dell abbigliamento ed accessori, selezionate per la prima missione d internazionalizzazione verso i Balcani. L Artigianato rappresenta una componente importante e decisiva del sistema produttivo campano, forte di radici e tradizioni antichissime. Un comparto che oggi si compone di una rete di imprese di piccole dimensioni, sempre più impegnate a coniugare l alta qualità e la grande tradizione con la capacità di innovare e di cogliere con il necessario dinamismo nuove opportunità di crescita. Globalizzazione, internazionalizzazione, competitività, allargamento a nuovi mercati nazionali ed internazionali hanno richiesto e richiedono una sempre maggiore capacità di aggiornamento e di rinnovamento. Nuove competenze e nuove strategie diventano necessarie per proseguire nello sviluppo di un settore ad alto tasso di concorrenza come l Artigianato. In questi anni la Regione Campania ha seguito questo percorso con grande attenzione. Abbiamo investito consistenti risorse finanziarie per sostenere la crescita del comparto, puntando sulla formazione, sull innovazione e sulla promozione del Made in Campania sul mercato italiano ed estero. Continueremo a guardare con la massima attenzione ad un settore che, oltre ad esprimere le nostre tradizioni, la nostra cultura e la nostra storia, è diventato una realtà produttiva sempre più consolidata e determinante per lo sviluppo della nostra Regione e per un nuovo protagonismo della Campania nel mondo. 3

4 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA Prefazione on. Andrea Cozzolino, Assessore alle Attività Produttive e all Agricoltura della Regione Campania L apertura ai mercati internazionali è un fattore essenziale per la crescita dell economia della nostra regione. Potenziando le politiche verso l estero diamo possibilità alle imprese campane di espandersi e di svilupparsi. È chiaro che per allargare la gamma degli acquirenti del made in Italy non si può puntare sul prezzo dei prodotti: da un lato, bisogna esaltare le caratteristiche particolari della nostra tradizione, la qualità e l originalità del design, che ci contraddistinguono dai Paesi concorrenti e che possono permettere alle nostre imprese di essere competitive. Dall altro, per evitare sprechi, risulta decisivo saper scegliere i mercati su cui investire. La Romania, così come gli altri paesi dell est europeo, rappresenta in questo senso una scelta vincente: il suo imminente ingresso nell Unione Europea ne fa un interlocutore fondamentale per le nostre piccole e medie imprese Artigiane campane. Alla luce di queste considerazioni il progetto organizzato da CASARTIGIANI Napoli assume un importanza decisiva: le 24 Pmi coinvolte dovranno cogliere questa occasione per crescere e rafforzarsi. Ma a loro spetta anche il compito di creare le basi per una solida presenza delle aziende della nostra regione nel Paese. Gli Artigiani sono gli ambasciatori della nostra regione sui mercati internazionali. Espressione più genuina della cultura campana, con le loro opere contribuiscono a rafforzare la nostra identità ed a permetterne la diffusione in tutto il mondo. 4

5 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI Prefazione dott.. Luciano Luongo Presidente Casartigiani Napoli Casartigiani Napoli ha inteso partecipare con entusiasmo alla preziosa e singolare possibilità offerta dalla Regione Campania di attivare un processo di internazionalizzazione in maniera diretta ed autonoma, concorrendo al pubblico Bando di cui alla misura 6.5 del POR 2000/2006 fondi FESR Azione A1. L Associazione datoriale che ho l onore di presiedere ha accettato quindi l invito rivoltole dalla Regione ad una sua Responsabilizzazione sul tema dell internazionalizzazione. I nostri migliori dirigenti ed esperti supportati da un valido staff di professionisti e di strutture correlate a Casartigiani, come il prestigioso Centro Studi, hanno fatto si che il progetto da noi proposto, sulla difficile ma interessante area balcanica, trovasse accoglimento da parte del nucleo di valutazione regionale. Consci del ruolo e della responsabilità attribuitaci, abbiamo da subito messo in campo eccellenti risorse professionali ed imprenditoriali affinché l Artigianato di qualità, migliore espressione della nostra regione, trovi in Romania interessanti sbocchi di penetrazione commerciale. Il riconoscimento, infine, giuntoci dal Ministero delle Attività Produttive, che plaude alla scelta del nostro investimento su un territorio prossimo all ingresso in Europa, ci è di sprono a dare il massimo impegno affinché fecondi rapporti tra l imprenditoria campana e quella romena trovi concreto consolidamento. 5

6 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA in CAMPANIA ROMANIA P.O.R. CAMPANIA 2000/2006 FONDO FESR MISURA 6.5 AZIONE A1 EUROPA BALCANICA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO E DI CRESCITA 6

7 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI La Romania nell area dell Europa Orientale Prof. FRANCESCO BALLETTA Direttore del Dipartimento di Analisi dei processi economico-sociali, linguistici, produttivi e territoriali dell Università degli Studi Federico II di Napoli Presidente del Centro Studi di Casartigiani Napoli Gli avvenimenti che hanno caratterizzato la vita politica ed economica della Romania hanno avuto una influenza non solo sull evoluzione dell area dell Europa Orientale, ma su tutto il continente. Le caratteristiche geografiche, demografiche ed economiche del paese hanno determinato la storia della regione. Geograficamente la parte montuosa dello Stato non costituì un freno alle invasioni esterne dei popoli barbari, che condizionarono la crescita economica locale. La Romania non si affaccia sul mare aperto, per cui vi è una limitazione nei trasporti e negli scambi commerciali; limitazione che è compensata dalla presenza del fiume Danubio che ha costituito una importante via di trasporto, specie per i prodotti necessari alla industria pesante; è stata una rotta per le invasioni militari, per cui, nei secoli, la presenza del bacino fluviale ha influito sulla politica del paese. Ancora oggi il fiume costituisce una importante via di collegamento con l Ungheria, la Serbia, la Moldavia e l Ucraina, ma è anche una fonte per la produzione di energia elettrica e per la fornitura di acqua necessaria all agricoltura e alle industrie. La vita civile della Romania ha risentito l influenza di diverse civiltà, sicuramente di quella occidentale, ma anche di quella moscovita e ottomana. Solo con l esperienza comunista, del periodo , la conseguenza della varietà della civiltà, con culture e politiche spesso divergenti, furono attenuate. A questo unico vantaggio del collettivismo, tuttavia, si attuò uno statalismo voluto dalla Unione Sovietica, incentrato sulla pianificazione e la burocratizzazione. Nonostante i mutamenti politici che si ebbero al governo del paese, a dominare furono sempre le direttive che arrivavano da Mosca. La politica collettivista fu diretta, in primo luogo, alla meccanizzazione dell agricoltura. Ciò significò la nazionalizzazione delle terre con la scomparsa della modesta classe borghese, che si era formata nel periodo fra le due guerre mondiali, e la costituzione di una folta schiera di operai che si trasferirono dalle campagne nelle città industriali.

8 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA Un altro pilastro della politica collettivista fu la creazione dell industria pesante, la cui crescita fu legata a piani per l espansione della produzione energetica e della metallurgia. I settori maggiormente coinvolti furono l estrazione del carbone e la produzione del ferro e dell acciaio. Una rivoluzione nella direzione del socialismo si ebbe sostituendo il mercato con la pianificazione economica pubblica, che prevedeva, prevalentemente, la produzione di beni strumentali a danno della produzione agricola e dei beni di consumo. Neanche nel settore dell industria pesante si ebbero, comunque, i risultati sperati, cioè delle produzioni capaci di tenere testa alla concorrenza dei paesi occidentali, perché prevaleva la crescita quantitativa a scapito della qualità dei prodotti. Preoccupati, principalmente, della piena occupazione della forza lavoro disponibile, le industrie producevano a costi elevati realizzando perdite consistenti, che venivano ripianate con la finanza dello Stato. Il fallimento della piena occupazione, i bassi salari pagati agli operai, la inefficienza del capitale investito e la difficoltà di introdurre innovazioni tecniche capaci di fare crescere la produttività, assieme ad altre ragioni di politica interna e internazionale, nel 1989, si ebbe la caduta del socialismo, simbolizzato con la caduta del muro di Berlino. Le difficoltà in cui versava l economia socialista, fin dagli anni Settanta, aprirono la strada alla introduzione, in Romania, dai paesi dell Ovest europeo, prima solo prodotti di largo consumo, di cui aveva gran bisogno la popolazione, poi macchinari ed alta tecnologia. Più tardi, negli anni Ottanta, sempre per soddisfare le richieste del mercato e per favorire le innovazioni tecniche, fu consentito l arrivo dei primi capitali stranieri, per cui sorsero diverse imprese private che si affiancarono alle imprese di stato. Le difficoltà di pagare i nuovi prodotti, per l assenza di un mercato libero, contribuirono al crollo del comunismo. Caduto il muro di Berlino, in Romania, si ebbe una rapida diffusione del desiderio di libertà di pensiero, libertà politica e libertà economica. Ma la transizione dal vecchio regime economico autoritario centralizzato ad un sistema basato sul mercato non fu facile. Né fu facile la creazione di istituzioni democratiche e liberali accompagnate alla integrazione nella Unione Europea. L improvvisa apertura dei mercati trovò impreparata la popolazione, che non aveva i concetti basilari dell economia capitalistica l impresa, la società, la concorrenza, il marketing, ecc., per conseguenza, nei primi anni successivi alla caduta del muro, l economia, fu in crisi, accompagnata dalla crisi politica, dallo scontento e dalla disillusione. Nel periodo della transizione, fu necessario eliminare le grandi industrie del collettivismo, produttrici di beni di qualità scadenti e troppo costosi per sostenere la concorrenza prima europea e poi mondiale. Con la chiusura delle grandi imprese, diverse 8

9 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI migliaia di lavoratori furono licenziati, senza avere la possibilità di nuova occupazione. Solo quando i più coraggiosi cominciarono ad aprire nuove imprese e quando arrivarono gli investimenti stranieri cominciò la ripresa dell economia. Nell ambito del processo di globalizzazione, la riduzione di molte barriere territoriali e doganali, l affermarsi di nuove tecnologie, la standardizzazione nei processi produttivi, l incremento dei commerci e la riduzione dei costi di trasporto, hanno accresciuto la concorrenza internazionale. Molte aziende, che in passato avevano conquistato larghe fette di mercato stabile all interno del proprio Paese, devono oggi confrontarsi con nuove realtà imprenditoriali in grado di offrire beni e servizi a costi di gran lunga inferiori. È crescente, quindi, l esigenza di riorganizzare le strutture aziendali, per cercare di mantenere o ampliare la quota di mercato acquisita. Si sente parlare sempre più spesso del fenomeno di internazionalizzazione delle imprese, inteso come processo tendente all individuazione di sentieri di crescita nei mercati esteri, mediante rapporti di collaborazione-cooperazione continuativi tra aziende di diversi paesi. Le tappe da seguire sono: condurre un analisi sulle motivazioni che inducono l azienda ad avviare un processo di sviluppo all estero e avere la disponibilità di risorse finanziare, tecniche e umane al fine di poterlo sostenere. Una volta individuato il paese di riferimento, l obiettivo dovrebbe essere quello di stabilire quali siano i potenziali acquirenti del prodotto che si vuole lanciare sul mercato. Sulla base delle capacità di investimento degli imprenditori interessati, bisogna poi stabilire la strategia d ingresso da perseguire. Si può procedere mediante l apertura di una rappresentanza commerciale per l importazione e distribuzione di un determinato bene, mediante la stipula di accordi di collaborazione commerciale tra imprese locali ed estere, con l apertura di show rooms insieme ad altre aziende (magari della stessa filiera), oppure ci si può rivolgere ad aziende operanti nel mercato obiettivo e che sarebbero disposte ad distribuire anche altri prodotti. Un forte processo di integrazione si è avuto tra i paesi industrializzati aderenti all Unione Europea e quelli emergenti dell Est europeo: tra questi spicca la Romania, con una quota che tocca il 65% del commercio complessivo. A seguito della decisione di avviare i trattati di adesione della Romania all UE, e che prevede il suo ingresso per il 2007, questa percentuale è in continua crescita. Il settore tessile-abbigliamento, attivo già prima del 1989, è dotato di grande flessibilità, richiede scarsi capitali per la modernizzazione e conta un crescente numero di aziende. Essendosi adattato al nuovo sistema economico politico, ha fatto da traino al trend positivo di crescita rumeno. Nel settore delle calzature, subito dopo il 1989, si è registrata una battuta d arresto a causa della sempre maggiore concorrenza delle industrie straniere dotate di 9

10 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA tecnologie più moderne, assieme al crollo della domanda interna e al venir meno del principale mercato di sbocco cioè i paesi dell ex Unione Sovietica. E stato necessario procedere alla ristrutturazione industriale, al fine di sostituire tecnologie e attrezzature obsolete per adeguarsi agli standard mondiali. Si è anche assistito ad un aumento delle importazioni di materie prime dall estero per la produzione di articoli di qualità migliore e all eliminazione delle tasse doganali per i prodotti di cuoicalzature a partire dal Questi elementi hanno consentito alla Romania di registrare un trend positivo della crescita economica e di guadagnare un importante segmento di mercato nell ambito dei paesi europei ed extra-europei (tra i paesi dell Europa dell est, la Romania si colloca al primo posto). Dopo la crisi del 1997, e in particolare a partire dal 2003, i principali indicatori economici per la Romania hanno mostrato un economia in continua crescita e le previsioni sono ancora migliori in conseguenza dell aumento dei consumi e degli investimenti (il timore era che i consumi sarebbero cresciuti in maniera più che proporzionale rispetto agli investimenti, cosa che invece non è avvenuta). Le difficoltà dell economia rumena, dopo la caduta del muro, durarono circa un decennio, cioè fino al 1999, poi cominciò la crescita del PIL, che, nel 2001, si avvicinò al 6 per cento e, nel successivo triennio, si mantenne sempre molto alto, cioè intorno al 5 per cento. Per il quinquennio si prevedono tassi di crescita del PIL superiori al 6 per cento, cioè maggiore della media dei paesi dell Unione Europea. Negli investimenti in aziende private e pubbliche, nel 2005, la crescita fu superiore al 10 per cento; per il successivo quinquennio fu previsto il mantenimento di un tasso fra il 7 e l 8 per cento. Alla crescita del PIL contribuì l agricoltura con saggi del 3 per cento, il settore industriale con saggi quasi doppi e i servizi con saggi del 7 8 per cento. Elevata fu prevista la crescita dei consumi interni, mentre difficile fu l esportazione di prodotti all estero. Si è assistito al fenomeno delle privatizzazioni di imprese statali e della creazione di nuove società a capitale privato: la maggior parte del commercio romeno proviene dal traffico di perfezionamento passivo, consistente nell esportazione di materie prime o semilavorati in paesi a basso costo del lavoro, che si occupano di alcune fasi della lavorazione, per poi riesportare i prodotti ad uno stadio di lavorazione più compiuto o finale. Questo processo garantisce commesse da parte dei paesi dell UE (in particolare dell Italia); lo svantaggio è che il produttore rumeno non ha realizzato nel tempo un proprio marchio e quindi, a seguito di un eventuale aumento del costo della manodopera, gli investitori stranieri potrebbero rivolgersi ad altri committenti. Grande importanza ha assunto questo tipo di commercio nei settori tessile e abbigliamento. 10

11 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI Si possono individuare diversi tipi di aziende operanti sul mercato: - aziende che operano da oltre 100 anni nei settori tradizionali, ma che investono comunque in modernizzazione e riteconologizzazione e che, grazie al loro rapporto qualità-prezzo, hanno conquistato una larga fetta nel mercato delle export. Pur essendo organizzate principalmente sulla base del sistema lohn - lavorazione per conto terzi -, sono riuscite a far crescere produzioni proprie; - aziende che investono in spazi di produzione moderni (a totale capitale rumeno, a capitale misto o a totale capitale straniero) che una volta acquisita una posizione forte nell ambito del mercato locale, prevedono di conquistare nuovi mercati e attuare una graduale transizione da un sistema al 100% lohn ad un sistema con una organizzazione propria; - piccole imprese che tenderanno a scomparire dal mercato. La Romania è un paese caratterizzato da un deficit della bilancia commerciale: nel 2005, le importazioni hanno superato le esportazioni di circa 7 punti percentuali. Tra i principali prodotti esportati si collocano, al primo posto, gli articoli di abbigliamento/materiali tessili (con il 23%) e al sesto posto le calzature con una quota del 6%. I principali destinatari delle export romene sono i paesi UE, tra i quali al primo posto si colloca l Italia con una quota del 19,42%. L Italia detiene il primato nel valore totale degli scambi commerciali con la Romania: anche per quanto riguarda le importazioni, infatti, si colloca tra i principali partner commerciali romeni (15,6%). Nel settore tessile/abbigliamento/calzature, occupa il terzo posto. Gli investimenti diretti esteri sono aumentati in maniera consistente e l Italia si colloca al quinto posto. La presenza degli investitori italiani è diffusa su tutto il territorio romeno, con la tendenza a concentrarsi nelle contee del Nord Ovest del paese: questo soprattutto grazie ad infrastrutture adeguate e alla manodopera specializzata e a basso costo. Anche se c è la predisposizione alla creazione di grandi società e diffusissimi sono gli accordi con produttori locali per la fornitura o l assemblaggio di macchine o beni strumentali, i settori economici prevalenti restano quelli tradizionali (tessile abbigliamento calzature). Nel quadro del futuro sviluppo economico della Romania trovano grande spazio gli investimenti stranieri nel settore industriale e maggiormente artigianale. L Italia, che è già presente sul territorio, può ulteriormente rafforzare la sua presenza con altre imprese, forti dell esperienza della produzione di alta qualità, capaci di sostenere la concorrenza in un mercato sempre più globalizzato. 11

12 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA 12

13 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI Indice 1. Quadro di base del paese e presentazione dei settori tessile/abbigliamento e cuoio/calzature pag Analisi di mercato pag Caratterisiche dell Offerta pag Sisterma distributivo pag Strategie di ingresso sul mercato pag Focus sul sttore orafo pag

14 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO E CUOIO-CALZATURE IN ROMANIA

15 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI 1. Quadro di base del paese e presentazione dei settori tessile/abbigliamento e cuoio/calzature 1.1 Informazioni generali sul Paese SUDDIVISIONE AMMINISTRATIVA DELLA ROMANIA Popolazione Abitanti: (Fine 2005) Popolazione urbana: 55% Gruppi etnici: Romeni 89,5%, Ungheresi 6,6%, Tedeschi 0,3%, rom e altri 3,6% Lingue: Religione: Romeno (lingua ufficiale), ungherese, tedesco, rom. Cristiano/ortodossa 87%, protestante 6,8%,cattolica 5,6%. 15

16 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA Geografia Superficie: Posizione: Paesi confinanti: Topografia: Fiumi: Capitale: kmq. (totale); (escluse le acque interne). La Romania è situata nell Europa Sud - Orientale, a Nord della Penisola Balcanica, sul Danubio inferiore, in riva al Mar Nero ed intorno all arco dei monti Carpazi. A est Moldavia e Ucraina, a nord Ucraina, a ovest Ungheria, Serbia e Montenegro, a sud Bulgaria I monti Carpazi circondano l altopiano centro/settentrionale della Transilvania; vaste pianure a sud e est delle montagne: pianura 36%, colli ed altipiani 33%, montagna 31% Molti fiumi sgorgano dai Carpazi e sfociano direttamente nel Danubio o nei suoi affluenti. Il Danubio attraversa km del territorio del paese e sfocia nel Mar Nero, al confine orientale, con un Delta di kmq (il più grande dell Europa), di cui kmq sul territorio della Romania. Altri grandi fiumi sono: Mures, Prut, Olt, Siret, Arges; dei 3500 laghi, solo 300 oltrepassano 1 kmq. Bucarest, oltre abitanti Ordinamento Forma istituzionale: Repubblica Capo dello Stato: Presidente Traian Basescu, in carica dal Capo del Governo: Primo ministro Calin Popescu Taricianu, in carica dal Divisione amm.: 41 contee (Judet), 1 municipalità (Bucarest). Trasporti Rete ferroviaria: Trasporti aerei: Porti principali: km 11 aeroporti internazionali e 16 aeroporti per il trasporto interno. Attualmente sono in fase di ristrutturazione diversi aeroporti. Costanza (Mar Nero), Braila (Danubio). 16

17 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI Va ricordato che la Romania è situata sulla giunzione di tre futuri corridoi europei del trasporto: Corridoio 4: Berlino-Praga-Budapest-Arad-Bucarest-Costanza-Istambul/Salonicco (autoveicoli e ferrovia); Corridoio 7: Costanza-Basarabi-Danubio-Reno (corridoio fluviale); Corridoio 9 (in progetto): Helsinki-Mosca/Kiev-Odessa-Bucarest/Costanza- Alessandria (autoveicoli e ferrovia). Date significative per il Paese 1859: La Romania assume la sua attuale denominazione con l unificazione delle grandi province della Valachia-Muntenia e Oltenia con la Moldavia e parte della Bucovina e Dobrogea. 1918: con l annessione della Transilvania, del Banat Crisana e di Maramures si definisce la mappa attuale del paese 1940: la Bessarabia e la Bucovina settentrionale sono cedute all URSS, la Dobrogia meridionale alla Bulgaria e la Transilvania settentrionale all Ungheria. 1941: durante la seconda guerra mondiale, la Romania, guidata dal maresciallo Ion Antonescu, appoggia militarmente la Germania contro l Unione Sovietica. 1944: Ion Antonescu è spodestato da re Michele I. Il Paese si unisce agli alleati. 1947: dopo l occupazione sovietica, il 30 dicembre è proclamata la Repubblica Popolare. Il re è costretto ad abdicare. 1965: il 22 agosto, con l approvazione della nuova costituzione, la Romania diventa Repubblica Socialista. Il presidente Nicolae Ceausescu porta avanti una politica repressiva fondando una dittatura personale. Industrie e cooperative agricole vengono statalizzate. 1989: il 16 dicembre le forze speciali sparano sulla folla durante una manifestazione antigovernativa a Timisoara. Centinaia di manifestanti rimangono seriamente feriti. Manifestazioni di protesta si verificano anche in altre città e Ceausescu proclama lo stato di emergenza. Il 21 dicembre a Bucarest forze speciali sparano ancora sulla folla. L esercito si unisce alla popolazione in rivolta. Nasce il Consiglio di Salvezza Nazionale che annuncia di voler porre termine alla dittatura di Ceausescu. È la guerra civile. Il dittatore e sua moglie vengono arrestati e accusati formalmente di genocidio. 17

18 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA 1991: la nuova costituzione introduce il sistema del multipartitismo. 1996: molte industrie romene vengono privatizzate. I postcomunisti perdono le elezioni. 2003: il governo si schiera dalla parte degli Stati Uniti nella guerra contro l Iraq. Viene approvata la nuova costituzione. 2004: la Romania entra nella NATO. 2005: Sottoscrizione del Trattato di adesione all Unione Europea per l ingresso della Romania nel : E previsto l ingresso della Romania nell Unione Europea : Dovrebbe essere adotta come moneta l Euro. 1.2 Maggiori centri urbani La capitale, Bucarest, con i abitanti è anche la principale città del Paese. Altri centri urbani importanti, con oltre abitanti, sono: Tabella Classifica delle principali città romene per numero di abitanti CITTÀ NR. DI ABITANTI Iafli Costanza Timisoara Craiova Gala?i Cluj Napoca Brasov Ploieflti Br?ila Oradea Bac?u Pitesti Arad Sibiu

19 CENTRO STUDI PER L ARTIGIANATO DI CASARTIGIANI NAPOLI Secondo gli analisti dell Economist Intelligence Unit (EIU), Bucarest è salita di 14 posti nella graduatoria delle città più care, attestandosi al 95 posto nella più recente classifica delle capitali del mondo in funzione del costo della vita. Nel mese di febbraio 2006 Capital, prestigioso settimanale economico romeno, ha pubblicato uno studio sul costo della vita nelle principali città della Romania, oltre Bucarest. La classifica è stata realizzata tenendo conto dei parametri di costo di 23 prodotti e servizi (alimentari, bevande, trasporti pubblici, parcheggi, case e terreni, tasse locali, biglietti di cinema, ristoranti etc.) In generale, la classifica dimostra un collegamento stretto tra il livello dei costi e lo standard di vita nelle varie città romene. E emerso che tra le maggiori 15 città romene, le più care sono: Cluj Napoca, Costanza, Arad e Ploiesti, mentre alla fine della classifica si trovano città come Iasi, Pitesti, Craiova, Braila e Galati. Secondo Capital, questo si deve al fatto che le prime in classifica godono di una favorevole posizione geografica. Cluj, Arad, Timisoara, infatti, si trovano vicino alla frontiera con l UE, Ploiesti è a meno di 50 Km da Bucarest e Costanza è il porto principale sul Mar Nero e centro turistico balneare. E sorprendente il dato secondo cui se la capitale fosse inserita nella classifica, entrerebbe solo al secondo posto, dopo la città più cara in assoluto, Cluj Napoca. Prendendo poi in esame altri parametri, quali: il costo della forza di lavoro, il tasso di disoccupazione, il grado di istruzione della popolazione attiva, l esistenza di aree industriali e il loro numero, la qualità delle infrastrutture di trasporto, la facilità di accesso alle utenze pubbliche, la distanza dai confini con l Unione Europea, il prezzo dei terreni e degli affitti, il grado di percezione della corruzione ed il tasso della criminalità, la rivista Capital ha poi stilato una classifica relativamente alle aree di maggior interesse per gli investimenti. E emersa una graduatoria, creata attribuendo ad ogni area un punteggio da 1 a 5 stelle, con i seguenti risultati: Province a cinque stelle, ideali per gli affari: Cluj, Brasov, Caras-Severin; Province a quattro stelle, interessanti e attrattive: Bihor, Salaj, Alba, Sibiu, Harghita, Prahova, Ialomita, Giurgiu, Arges; Province a tre stelle, dove si può investire ma con cautela: Iasi, Maramures, Mures, Arad, Timis, Hunedoara, Valcea, Olt, Teleorman, Braila, Calarasi, Bucuresti, Ilfov; Province di due stelle, aree che possono presentare notevoli ostacoli e difficoltà: Botosani, Suceava, Neamt, Bistrita-Nasaud, Vaslui, Covasna, Galati, Buzau, Tulcea, Costanza, Gorj, Mehedinti, Dolj, Dambovita; Province ad una sola stella, al momento, da evitare: Vrancea, Bacau, Satu-Mare. 19

20 STUDIO NEI SETTORI TESSILE-ABBIGLIAMENTO CUOIO-CALZATURE E OREFICERIA IN ROMANIA I punti di forza delle province con maggiore attrattività, sono rappresentati in particolare dalla presenza di buone infrastrutture di collegamento con i paesi dell UE e la disponibilità di personale qualificato. La presenza degli investitori stranieri, però, ha avuto come effetto collaterale l aumento dei prezzi. Le province situate in fondo alla classifica si trovano lontano dai principali assi di trasporto, e sono caratterizzate da uno sviluppo economico meno forte. 1.3 Principali indicatori economici Dopo il periodo di forte recessione che la Romania ha attraversato dal 1997 al 1999, il PIL ha cominciato a registrare un trend positivo a partire dal 2000, soprattutto grazie alla decisione del Consiglio Europeo riunitosi ad Helsinki alla fine del 1999 di avviare i negoziati per l adesione della Romania all'unione. Nel 2000 la Romania ha, quindi, registrato il suo primo aumento del PIL pari al 2,1 % mentre nel 2001 si è raggiunto il 5,7% (uno dei più alti in Europa) in virtù dell aumento degli investimenti e dell incremento dei consumi. Tale trend in crescita rappresenta un dato tangibile di un orientamento verso segni di ripresa e di ristrutturazione, che ha consentito il raggiungimento di molteplici risultati: la riduzione del deficit di bilancio, il rilancio delle esportazioni, la disponibilità e piena collaborazione con il Fondo Monetario Internazionale. Grafico Andamento del PIL nel periodo

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli