I l C a s t e l l o P E R C H E' U N G I O R N A L E?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I l C a s t e l l o P E R C H E' U N G I O R N A L E?"

Transcript

1 I l C a s t e l l o Dicembre 1996 Anno I numero 0 IL CASTELLO - Giornale dell A.C.A.P. Associazione Culturale Amici di Panni. Redazione: Foggia, p.zza Mons. Luisi, 1/B. Stampa: L'Aquilone Services - Napoli Sped. Abb. Post. Comma 27 art. 2 L. 549/95 - Filiale di Foggia - c/c postale n int.: Associazione Culturale Amici di Panni - p.zza Mons. Luisi, 1/B Foggia P E R C H E' U N G I O R N A L E? Caro Compaesano finalmente è stato possibile realizzare questo giornale grazie alla volontà ed all impegno del gruppo direttivo dell A.C.A.P. di Foggia e mio personale. Consentimi di rivolgere un vivo ringraziamento a tutti i collaboratori, in particolare al socio Renato De Michele, senza il quale non sarebbe stata possibile l uscita di questo numero. Infatti, egli cura a Napoli per conto della cooperativa sociale L Aquilone, la messa a punto e la stampa del giornale, riducendone le spese al minimo indispensabile. Perché questo giornale? Perché da tempo se ne avvertiva il bisogno. Tutti noi, finito l agosto pannese, rientriamo alla vita di tutti i giorni, al nostro lavoro, nelle città di residenza, portando nel cuore i giorni trascorsi a Panni, con la curiosa ed affettuosa bramosia di sapere di Panni, di ciò che accade in paese. Ecco, questo giornale può contribuire a soddisfare ciò. Per coloro, invece, che non possono andare a Panni neanche in estate, può rappresentare il punto di contatto, il collegamento sentimentale con il paesello natio. Certo, al momento, sono appena poche pagine messe su alla buona, ma, con il tuo aiuto e quello di tutti i compaesani come te, il giornale può crescere, in quantità e qualità. Noi abbiamo lanciato l idea, sta a te la risposta. Come? Non si sono fissate quote di abbonamento annuale, perché contiamo sulla solidarietà dei compaesani sparsi ovunque nel mondo. In sostanza, ognuno è libero di dare il proprio contributo al giornale, con l offerta che riterrà opportuna sul c/c postale intestato all Associazione di Foggia; non solo, contiamo anche e soprattutto sul contributo di idee, esperienze, consigli per la crescita del giornale, scrivendo alla redazione le personali opinioni: te ne saremo grati. Perché lo abbiamo intitolato Il Il Castello? Quale titolo poteva essere dato altrimenti, che simboleggiasse più efficacemente il nostro paesello? In più intendiamo dare continuità al giornale, dallo stesso titolo, che il compianto compaesano Michele Rainone da Prato ci inviava negli anni 80, diverso certo nella forma e nei contenuti, ma uniti da un comune sentimento: l amore per Panni. Ecco, questa è un occasione per dimostrare il proprio affetto alla terra natale. Se vuoi contribuire alla vita e allo sviluppo del giornale, manda la tua adesione, anche minima, sarai partecipe della nascita di qualcosa che, chissà, potrebbe portare beneficio a Panni, che tanto ne è bisognevole. Che ne dici? Vale la pena tentare? L ACAP di Foggia si è costituita proprio per dare un contributo, un aiuto a Panni per i tanti problemi che l affliggono e che, lentamente, ma inesorabilmente lo porteranno alla sua fine. Di questo saremo un po tutti responsabili. Allora diamoci da fare perché questo non avvenga. Se vi è nella tua città qualche altro compaesano, informalo del giornale e invitalo all iniziativa segnalandoci il suo indirizzo, in modo tale che lo riceverà anche lui. Personalmente sono convinto che tu e tutti i compaesani che leggeranno questo giornale darete la vostra risposta appropriata acché questa proposta possa essere tramutata in una felice realtà, e nel contempo colgo l occasione per inviare a tutti i pannesi e alle loro famiglie gli auguri più affettuosi per un Santo Natale ed un felice Anno Nuovo che porti a tutti serenità, pace, lavoro e benessere. AUGURI A.C.A.P. Associazione Culturale Amici di Panni Il Presidente: Pietro De Michele In questo numero: L'ACAP anche a Foggia... pag. 2 Il Sindaco, il Parroco... pag. 2 Fede e folklore... pag. 3 Una grande lezione di civiltŕ e di amore... pag. 3 Recensioni... pag. 3 Il Castello di Panni, rudere amato dai pannesi... pag. 4 La Pro Loco e le feste patronali in Panni... pag. 4 Da Prato: intervista al Presidente ACAP... pag. 5 Michele Rainone: un ricordo... pag. 6 Prato, 30 giugno 96: festa della Madonna del Bosco.. pag. 6 Montreal, Canada: le nostre tradizioni oltre oceano.. pag. 7 Da, su, per Panni... pag. 8 Cumme jé stu cunt?... pag. 8 Panni: quale sviluppo possibile... pag. 9 Varie... pag. 10 Invia un contributo a: Associazione Culturale Amici di Panni p.zza Mons. Luisi, 1/B Foggia - c/c postale n

2 Non tutti i compaesani sanno che anche a Foggia è nata l ACAP (Associazione Culturale Amici di Panni), come, ormai da un ventennio, a Prato e a Montreal in Canada. A Foggia vive una numerosa comunità pannese e, quindi, si è avvertito fortemente il bisogno di creare un associazione che riunisse quei pannesi affezionati a Panni e che intendono dare il proprio contributo alla vita del paesello. Così nel mese di ottobre del 94 è nata l ACAP Foggia. Certo, siamo ancora agli inizi del cammino associativo; molto è ancora da fare per affinare i programmi e le prospettive. Qualcosa è stato già fatto. Alcuni interventi hanno dato piccole soddisfazioni. Come la festa del 24 giugno del 95, in occasione della venuta a Panni della Madonna del Bosco. Come i contributi offerti, anche in termini di lavoro manuale, da alcuni soci per il ripristino della Casa canonica e la dipintura della Chiesa Madre di Panni. In questo caso i compaesani Giuseppe Lapolla, Michele Lapolla, Alfonso Mansolillo, la famiglia Liscio (Gianni, Lino, Michele) ed altri che, volontariamente, hanno lavorato anche di notte, portando a termine un'opera veramente notevole. Bravi! Nel mese di agosto 96 l Associazione ha pubblicato un libro con una raccolta di poesie dal titolo Poesie pannesi [vedi Recensioni], scritte da gente di Panni. Il 19 agosto si è svolta la manifestazione di presentazione del libro, riscuotendo ampi ed incoraggianti consensi. Alcune copie del libro sono a disposizione anche presso l ACAP di Prato. Oggi lanciamo questo giornalino con l auspicio di trovare un adeguato riscontro, almeno affettivo, da parte dei compaesani. A quelli residenti a Foggia l Associazione lancia un vivo appello affinché si iscrivano come soci: il tesseramento è di L a famiglia annue, con il diritto di ricevere il giornalino. Diversi compaesani non residenti a Foggia hanno dato la loro adesione a sostegno dell iniziativa, come Costanzo Rucci da Forlì, Tonino Cagliuli da Vicenza, Giuseppe Ladogana e Diego Gesualdi da Brescia, Vittorio De Michele da Lugo di Romagna, Grazia De Michele da Lecco, Maria Luisa Valesio da Arezzo, Antonio Bianco da Roma, Luigi e Renato...è ancora prima pagina L'A.C.A.P. anche a Foggia 2 De Michele da Napoli, Giuseppina De Michele da Trezzo d Adda (MI) e Addolorata Procaccini da Cagnano Varano (FG), ai quali va un grande ringraziamento da parte dell Associazione. Con questo giornalino l Associazione si prefigge l intento di riunire, in una sola voce, i pensieri e gli intendimenti di tutti i pannesi, specialmente di quelli associati nelle ACAP di Prato e ASCAP di Montreal in Canada, ma anche dei singoli dalle svariate parti del mondo. Certo, il progetto è ambizioso, ma con la collaborazione di tutti è un risultato che si può conseguire nel prossimo futuro. I buoni intendimenti dei singoli sono lodevoli, solo l unione di molti possono realizzarli. Attualmente il Consiglio di Amministrazione è composto dai compaesani: 1) De Michele Pietro Presidente 2) Labate Laura Vicepresidente 3) Allamprese Massimo Segretario 4) Mansella Lorenzo Membro 5) Valesio Caterina Membro Il Collegio Sindacale: 1) De Michele Luigi Presidente 2) Capobianco Michele Membro 3) Rucci Francesco Membro Il Collegio dei Probiviri: 1) Rucci Luigi Presidente 2) Croce Grazia Membro 3) Procaccini Vito Membro Il Direttivo A.C.A.P. Foggia Il nostro timbro: Pietro De Michele Presidente Invia un contributo a: Associazione Culturale Amici di Panni p.zza Mons. Luisi, 1/B Foggia C/c postale n IL SINDACO Mi è gradito cogliere l occasione offertami dall A.C.A.P. Foggia, per inviare a tutte le comunità pannesi, il saluto affettuoso, mio personale e quello della Civica Amministrazione di Panni. Plaudo all iniziativa dell Associazione di Foggia, di cui mi pregio esserne Socio Onorario, per il proponimento, lodevole e coraggioso, di portare a voi tutti, sparsi nel mondo, la voce della terra natia: Panni. Ben conoscendo i sentimenti di affetto che animano i vostri cuori per il paesello natio, sono sicuro che questo giornale sarà accolto da tutti voi con entusiasmo e che saprete dare la risposta adeguata al vostro affetto. Nel ringraziare, pertanto, l ACAP di Foggia per quanto si accinge a fare, con l augurio che il giornale possa crescere sempre più, coagulando tutte le voci pannesi all unisono, al fine di contribuire, insieme, alla rinascita del nostro paese, porgo a tutti voi gli auguri più affettuosi per un Santo Natale e un felice Anno Nuovo. Arrivederci a Panni. dr. Antonio Ciruolo, Sindaco di Panni IL PARROCO La pace che gli Angeli cantarono sulla grotta di Betlemme raggiunga il cuore di ognuno di voi e rimanga nelle vostre case. Colgo l occasione di questo primo numero de Il Castello per augurare un Santo Natale a tutti e presentarmi a coloro che per motivi di lontananza non ho avuto la gioia di conoscere: sono Padre Antonio Saraceno, dal 27 agosto 1995 per grazia di Dio, parroco di Panni. Sono un povero prete di 50 anni e 23 di sacerdozio. Anche se sono cosciente della mia inadeguatezza, desidero ardentemente spendere tutto me stesso per il bene delle anime che il Signore, nella Sua benevolenza, mi ha affidato. Abbiamo cercato di rendere più accogliente la Chiesa Madre e stiamo cercando di valorizzare i locali annessi, tutto con il contributo dei fedeli. Ma ciò che più mi importa è aiutare la gente a decidersi per Cristo, a abbattere tante divisioni e inimicizie per formare una vera famiglia di fratelli e sorelle che sentono di avere un unico Padre: Dio. So che non è impresa facile, anzi, vista con occhio umano, è impossibile. Ma a Dio nulla è impossibile! Con la sua grazia, con la intercessione della Beata Vergine Maria, tanto cara al Popolo di Panni sotto il titolo di Madonna del Bosco, riusciremo a fare qualcosa di buono. Assicurandovi la mia povera preghiera, vi benedico tutti nel cuore di Maria. Padre Antonio Saraceno

3 3 terzapagina: cultura e varie FEDE E FOLKLORE La reminiscenza di quel presepe ci porta alcune note folkloristiche, annesse all atmosfera natalizia: il Ciocco di Natale. Il ciocco è una parte del tronco d albero destinato al fuoco. La sera della vigilia di Natale, decine di anni fa, nel mondo contadino era in uso quanto segue. Il fidanzato, per rendere ufficiale il suo fidanzamento, la sera della vigilia di Natale, insieme ai suoi familiari, si recava dalla fidanzata, ma era costretto a portar sulla spalla un ciocco, segno di amore e di fedeltà alla nuova famiglia. Giunto in casa della futura sposa lo si accendeva e, intorno al focolaio si ufficializzava il fidanzamento prima, quindi si stabiliva la data delle nozze. Intanto si consumava quanto di dolciume casareccio era stato preparato: pettole, crispelle, soffritto di maiale, noci e taralli. Il tutto veniva irrorato di vino nuovo, genuino e frizzante che il subappenino dauno meridionale produce. Quindi, verso la mezzanotte, tutti in chiesa per assistere alla nascita di Gesù Bambino. E quando ancora la luce pubblica non c era, i fedeli si recavano in chiesa con i tizzoni roventi, anche per fugare eventuali lupi mannari, secondo la convinzione del tempo. A questa immagine rievocata fa seguito la solenne e stupenda cerimonia della nascita di Gesù Bambino. Rivedo così, nella mia immaginazione, la folla che gremiva l immensa Chiesa madre e il Parroco che mostrava il Bambino, deposto in un cesto. I fedeli esplodevano di gioia e di commozione, meditando il grande mistero di amore e di pace. Gli zampognari, con la loro zampogna, eccezionale ed unica al mondo, facevano corona al Bambino eseguendo il canto: Alla fredda tua capanna, noi veniamo in ginocchio. E con gli angeli la nanna noi vogliamo a te cantar. Notte di stelle, notte d amore. Rivedo ancora, con nostalgia, la scena del mattino di Natale, quando gli zampognari, calcando una coltre spessa di neve, portavano l augurio del Natale a bimbi, ragazzi, giovani ed adulti i quali, con piacere, si distaccavano dalle braccia di Morfeo per ascoltare quel loro fantastico suono. Mi balza alla mente l ansia dei bambini che, impazienti, attendevano il momento opportuno per mettere sotto il piatto del babbo la lettera per ottenere la desiderata strenna natalizia, dopo la recita della poesia del Natale. Angelo Mauriello UNA GRANDE LEZIONE DI CIVILTÀ E DI AMORE E novembre. Il placido e leggero sopore dell autunno avvolge Panni; vividi i colori della natura nei suoi cicli di vita e di germogli, tra zolle di terra arata; un aria frizzante, dove sono mescolati gli odori di chi, incessantemente, si conduce tra gli ultimi tini e i primi fuochi di camini e di stufe accese. Nella limpida atmosfera idilliaca si stagliano figure femminili avvolte nei loro scialli di lana nera, in un incedere ritmato, quasi militaresco, reso tale dallo scarpone maschile. Ecco le donne di Panni, intabarrate nella loro fermezza di carattere, che procedono verso il cimitero ad offrire la propria testimonianza fatta di teneri ricordi e di pietà familiare, di devozione domestica, di cronaca dei tempi correnti e di rimembranza dei tempi trascorsi. Fasci di margherite e di piccoli crisantemi emergono da quel mare nero di tradizioni e di ossequio, nel loro movimento ondeggiante, quasi a scandire il tempo di una marcia, quasi danza espiatoria e propiziatoria. Attraverso loro la morte diventa condizione umana ineliminabile da affrontare con sereno coraggio e raccolta meditazione: una continuità di ideali e di intenti che si tramanda nel tempo e per la quale si erge a simbolo lo scialle, trasferito da madre a figlia. Le seguo nel ritmo grandioso di questa danza della vita e della morte, in una sequela di azioni rapide che si succedono con il movimento dell onda che tiene dietro all onda. Le seguo nei loro dialoghi silenziosi con chi non è più al loro fianco, tra respiri di riposo e mormorii consolatori del ci rivedremo in cielo, tra le note del gruppo bandistico Città di Panni che intona l Inno di Mameli e Il Piave mormorava a testimoniare la dignità e il coraggio dei propri uomini, immersi nel valore sacro della patria. Ne traggo una grande lezione di civiltà e amore. Massimo Allamprese Recensioni a cura di Renato De Michele Autori vari Poesie Pannesi ACAP - Foggia [edito in proprio] E uscito, edito in proprio e curato dall ACAP di Foggia, il volume Poesie Pannesi. Presentato da Pietro De Michele e introdotto da Geppe Inserra, è disponibile, in poche altre copie, presso la sede dell ACAP di Foggia e in quella di Prato. E un immersione totale nella dimensione pannese in chiave poetica e non solo, senza fronzoli, senza barriere temporali, in cui le immagini che viaggiano nella mente del lettore si fermano solo sulla sorpresa di conoscere come questa terra, forse - ma non è detto - destinata al declino, abbia generato tante ricche energie, forse meritevoli di maggiore ri-conoscenza. Contiene poesie di: V. Tolli, G. Ciarciello, L. De Luca, F. Rucci, L. De Michele, G. Moscatelli, P. De Santis, A. Spremulli Mastrangelo, M. C. Cagliuli, F. Liscio, N. Longo, G. Bocchicchio, M. Rainone Giovanna Procaccini Vocabolario Italiano-Pannese [in dirittura d arrivo per la stampa] Siamo in attesa di poterci godere l uscita di questo che sarà un sicuro piatto prelibato della cultura pannese. L uscita dovrebbe essere a momenti: forse prima dell estate. Io sono uno dei pochi ad aver pregustato alcune delle pagine di questo vocabolario che, tra l altro, ospiterà anche proverbi e detti popolari, oltre ad un elenco dei soprannomi pannesi. E stato, è e sarà un lavoro superbo durato almeno 15 anni, appena cominciato dal compianto padre di Giovanna, Antonio, e poi ripreso, ampliato e portato a termine dalla figlia. Su di esso già si sta progettando l uscita di un vocabolario comparato dei dialetti dauni per una ricerca etno-linguistica che possa dare contributi più ampi alla conoscenza della diffusione dei dialetti nel Sud Italia nella storia. Come si vede,...niente male! Su, Giovanna, non farci attendere altro tempo!...e, naturalmente, buon lavoro! Invia un contributo a: Associazione Culturale Amici di Panni p.zza Mons. Luisi, 1/B FOGGIA C/c postale n

4 tradizione e folklore 4 IL CASTELLO DI PANNI, RUDERE AMATO DAI PANNESI Immagini soggettive varie - di Angelo Mauriello Definizioni varie intorno al Castello di Panni La visione dell atavico "rudere" ha risvegliato anche in me un ondata nostalgica di ricordi e di affetti. Dr. Pasquale Ciruolo E veramente un peccato lasciare abbandonato il nostro paese e di vedere il "Castello"...decapitato. Alfonso Rucci Le avversità atmosferiche e i secoli non avevano inciso sulle mura del Castello, nè il sisma del 1962 aveva perturbato la sua staticità. Egli aveva sfidato le calamità dei tempi, dei secoli. Nel 1970, fu orribilmentre profanato e martoriato, ma non fu vinto. Un giorno del mese di luglio, il Castello fu cinto di alcune corde robuste legate ad un camion, disposto sul lato sinistro della passeggiata. Si pensava che appena il camion fosse mosso il muro del gigante sarebbe repentinamente crollato. Ma ciò non avvenne. Il gigante non vacillò. Anzi. Mostrò la sua forza anche quando la insistenza aumentò, finchè il grido di un undicenne, a nome del Castello tormentato, disse: Lasciate il Castello, non vedete che è più forte di voi? L autista più non si mosse ed il Castello, pur decapitato, restò fermo a dimostrare la sua immagine cara sempre ai Pannesi. Dopo alcuni anni fu ripristinato per continuare la sua funzione affettiva per il popolo di Panni, legato a quel Rudere. I pannesi, per antonomasia lo chiamano Castello. Esso è parte di un antica torre-vedetta che fa parte della troica: Madonna del Bosco, Castello, passeggiata panoramica, l emblema di Panni. Centro Dauno Lenti a Contatto gruppo Green Vision Piazza San Francesco - Foggia Tel. 0881/ ) Il Castello, nella sua ciclopica possanza, esprime note di reminiscenza millenaria di adolescenza, giovinezza e senilità, in perenne divenire. Esso è come uno scrigno di eterni segreti, costellati da miriadi ed intense tenerezze, affidatigli con estrema fiducia da tutti. 2) Il Castello, gigantesco indice proteso verso il cielo, è come fedele guardia alla piccola Grotta di Lourdes, dove la candida e marmorea Vergine invoca pace e amore per i Pannesi, vicini e lontani. 3) Il Castello tace e canta, guarda ed ascolta, ed ognuno lo sente nel proprio cuore. Pertanto, lo ama come qualcosa di sé stesso che, dall infanzia nasce e resta scolpita perennemente nel cuore, per tutta la vita. 4) Lode al Castello Tu, che gli Etinati ed i Romani vedessi, Tu, che la bellica voce dei Cartaginesi, forse, udisti, Tu, che incontrastato Signore, i secoli dominasti, Tu, che gli elementi sismici ridimensionasti, Tu, che, quando l uomo osò piegarti, qual possente e dignitoso Nume, non cedesti, né ti spezzasti. E i Pannesi, orgogliosi di Te, signore del tempo, ti rendesti, e, sogno di quelli che lontani da Te ti invocano, Tu ritornerai, o atavico simbolo di Panni, e depositario di mille e mille segreti, illusioni e amarezze, speranze e silenziosi tormenti... 5) Il Castello di Panni è come una sfida al tempo. Esso sembra l immagine di un fantastico, pacifico signore plurimillenario, intorno al quale, dalla lontana notte dei tempi, al suon del flauto di Pan e degli zeffiri che lo sfiorano, meravigliose Ninfe danzano e, intanto, gli alberi, spogli o rivestiti di policromi e profumati fiori, festa gli fanno, nel tempo senza fine, tra l immensità del macrocosmo e l esiguità del microcosmo. Del Castello, tutti i pannesi sentono fortemente una nostalgia, specie se son lontani da Panni. Tutti ricordano quel rudere alla cui ombra ogni pannese è vissuto, con tante speranze nel cuore. Egli conosce momenti di gioia e di dolore; di spensieratezza, di brio; momenti di intima tenerezza di cuori amanti che, in giorni di primavera o nelle giornate in cui lentamente scende, a larghe falde, la neve. Il Castello è un simbolo caro ai pannesi tutti. La sua immagine è sognata dai pannesi lontani da Panni. LA PRO LOCO E LE FESTE PATRONALI IN PANNI Particolare attenzione è stata messa dalla Pro Loco per ciò che riguarda tradizione e folklore del popolo di Panni verso la sua Protettrice, la Madonna del Bosco, cui è legata la nostra storia. La famosa Cavalcata, che il 24 giugno di ogni anno partecipava alla processione dei fedeli per riportare la Madonna del Bosco a Panni, per restarvi fino al 28 agosto, da più di un decennio era quasi scomparsa. Quel segno di fede e folklore di Panni verso la sua Patrona era quasi svanito nel tempo. La Pro Loco e, in particolare, la sensibilità del suo Presidente, ins. Antonio Mauriello, in collaborazione con alcuni dirigenti, ha voluto far rivivere tale omaggio, ma ha ritenuto farla coincidere, quest anno, con la festa delle spighe, per un più ampio festeggiamento, il giorno 15 agosto, quando la cosiddetta festa delle salme segna l offerta dei Pannesi alla loro Patrona con abbondanti covoni di spighe, intrecciate estrosamente su cavalli, muli, asini e carri artistici. Così, quest anno, il Ferragosto è stato più solenne e folkloristico con l offerta delle spighe (quasi scomparsa da diversi anni) e, in più, la presenza della Cavalcata. Tutto ciò ha comportato alcune difficoltà, in quanto la campagna della trebbiatura, con mezzi moderni, si chiude alla metà di luglio. Tale iniziativa della Pro Loco ha dato gioia all ambiente, onore alla Madonna del Bosco e tanto piacere agli emigrati di Prato ed agli altri, sparsi in Italia e all estero. Pertanto, le feste patronali si sono svolte con tanta soddisfazione. Non così per quanto concerne le modalità della Lotteria che, in futuro, potrebbero essere applicate in maniera più soddisfacente ad evitare possibili dissapori, anche se questi finora non sono stati tanto gravi. E così si possono evitare le lamentele per l orchestra in piazza e giù alla Taverna: con calma ed un po di buon senso, per il bene di tutti. Angelo Mauriello

5 5 dall'acap di Prato Intervista al Presidente ACAP di Prato Prato, 25 novembre 1996 In occasione del rinnovo delle cariche sociali all interno dell Associazione Culturale Amici di Panni, che hanno visto la riconferma del Direttivo uscente, abbiamo intervistato il rieletto Presidente dell ACAP di Prato Marco Ciarciello. D. Presidente, che significato ha un'associazione come l'acap in una realtà come quella pratese? R. L Associazione Amici di Panni nasce e si sviluppa in una provincia che vede una massiccia presenza di pannesi sul territorio - Prato, in particolare, conta migliaia di pannesi che nell ACAP trovano un importante punto di riferimento e di aggregazione. D. Questo significa che uno degli scopi principali dell Associazione è evitare la perdita della identità culturale e delle tradizioni pannesi? R. Certo il mantenimento delle tradizioni consente di non disperdere o di conoscere questo per i giovani nati a Prato. Quali sono le radici e la cultura del paese d origine. La nostra cultura, quella di Panni, intendo, è contadina, con ritmi legati alla terra, al susseguirsi delle stagioni. La frenetica vita cittadina, con i suoi ritmi legati alla produzione ed al consumo è quanto di più lontano si possa immaginare. Questa dissonanza comporta la dispersione dei valori propri della cultura agreste. Quindi, la presenza di un Associazione come l ACAP consente di recuperare un patrimonio di cultura e tradizioni che, altrimenti, sarebbe, con il succedersi delle generazioni, dimenticato. D. Non a caso, quindi, nel mese di luglio a Prato la comunità Pannese celebra la festività della Madonna del Bosco? R. Vede, per i pannesi la Madonna del Bosco non è solo una patrona. E per noi tutti una bandiera, un amica. Il simbolo della nostra appartenenza alla comunità stessa, la madre a cui tutti noi ci rivolgiamo nei momenti di difficoltà. Non è solo un fenomeno di fede: è qualcosa di più. Lei dovrebbe poter assistere alla celebrazione che ogni anno, ad agosto, si tiene al paese. Sui volti dei partecipanti leggerebbe commozione, amore, gioia per essere, ancora una volta, lì con la madonnina, a manifestare l'amore per lei. E lo stesso fenomeno si ripete ogni anno a luglio a Prato. L ACAP ha voluto riproporre anche qui, in Toscana, questa festa per creare un ulteriore momento di coesione e di aggregazione per la comunità. D. Altre iniziative dell ACAP contribuiscono a rinsaldare questo legame? Il nuovo Consiglio Direttivo è così composto: 01. Ciarciello Marco Presidente 02. Longo Michele Vicepresidente 03. Rainone Gianni Vicepresidente 04. Marseglia Pietro Segretario 05. Roberto Luisa Cassiera 06. Mazzella Giuseppe Cassiere 07. Zuccaro Gabriele Provveditore 08. Lapolla Vincenzo Consigliere 09. De Simone Angelo Consigliere 10. Rainone Claudio Consigliere Consigliere Consigliere Incarichi esterni: Longo Nicola ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DI PANNI Via Volturno, 29 - PRATO Tel. (0574) Fondata nel 1979 Pubbliche Relazioni Sindaci Revisori 01. Biagini Roberto Presidente Collegio 02. Longo Carlo Sindaco effettivo 03. De Rosa Giovanni Sindaco effettivo Sindaco Supplente Sindaco supplente Il Consiglio Direttivo rimarrà in carica per due anni ('96/'98) con l augurio di un buon lavoro. L Associazione Culturale Amici di Panni, effettua su prenotazione e richiesta i seguenti servizi: 1. Cenone di fine anno. 2. Gite turistiche. 3. Rinfreschi vari per comunioni, cresime, matrimoni, ecc. 4. Cene sociali. 5. Pizzeria il sabato e la domenica. 6. Sabato e domenica: partite di calcio. Tutti gli interessati possono avere notizie più dettagliate circa i servizi elencati presso la nostra sede. R. Si. ad esempio, in occasione della commemorazione dei defunti, il 2 novembre. Come accade da anni, pullmans hanno riportato i pannesi di Prato a Panni, per consentire loro, di onorare i propri defunti. L ACAP, inoltre, organizza gite, tornei di calcio, attività sportive e culturali che coinvolgono i soci, giovani e non. Tra le iniziative più interessanti in programma sono, ad esempio, un convegno sull immigrazione e un concorso - con borsa di studio - per i figli dei pannesi fino a 25 anni. Infine, non è da dimenticare che l ACAP accoglie, ogni giorno, nella propria sede, i soci, che si ritrovano rinsaldando le proprie amicizie. Trascorrono insieme il tempo libero parlando del nostro bel paese in dialetto e ritrovando anche in questo modo le proprie radici. continua a pag. 6

6 dall'acap di Prato 6 continua da pag. 5 D. Signor Ciarciello, lei crede che i pannesi di Prato possano contribuire, in qualche modo, allo sviluppo economico di Panni? R. Lo credo fermamente. E' un fenomeno studiato attentamente dalle scienze sociali. E' noto che l immigrato, con le sue rimesse, contribuisce a sostenere economicamente il paese d origine. Inoltre, la presenza a Prato di numerosi piccoli e medi imprenditori di origine pannese può costituire, a mio avviso, un importante input. Da loro potrebbe nascere un piano di investimenti economici tesi a sostenere lo sviluppo di Panni. Infine l ACAP come associazione culturale, può fornire una fucina di idee utili a raggiungere questo scopo. Devo però anche aggiungere, mio malgrado, che le maestranze pannesi sono sorde; anzi, da loro non arriva mai un incoraggiamento o un programma circa questo, è un peccato. D. Ad esempio, attraverso la promozione turistica di Panni? R. Certamente. L ACAP può farsi promotrice di campagne pubblicitarie e di informazione in Toscana. Anzi, credo che nel turismo e, soprattutto, nell agriturismo sia il futuro di Panni. D. Quali sono i beni maggiormente visibili che Panni possiede? R. Sono le bellezze naturali, l aria salubre, l ospitalità della sua gente. Queste sono le carte vincenti, e l ACAP, gli imprenditori, l amministrazione comunale di Panni potrebbero avviare un discorso in questo senso. Non dimentichiamo che il governo centrale pensa di istituire nel subappennino un Parco Naturale, di cui Panni sarebbe parte integrante. Con l istituzione del Parco, inoltre, potrebbe essere avviato anche un percorso legato all istituzione di cooperative di lavoro in loco, rivolte soprattutto ai giovani, con creazione e produzione dei servizi finalizzati al mantenimento del Parco ed all industria turistico-ambientale. Michele Rainone...un ricordo E doveroso, oltre che un piacere, da parte della redazione dedicare alla memoria di Michele Rainone, prematuramente scomparso a Prato, un ricordo. Arduo sarebbe elencare il suo impegno nelle attività da lui svolte nel sociale, nel culturale e nel musicale, sempre encomiabile. Noi vogliamo ricordarlo pubblicando una sua poesia di qualche anno fa, da cui traspare preponderante il suo amore per PANNI C era tanta gente, c era una bella chiesa, c era un santuario, c erano i resti di un castello, c erano tanti artigiani, c erano tanti contadini, c erano i compagni di scuola, la strada carrozzabile era sterrata, le nostre tradizioni erano vissute, i giorni erano pieni di allegria... ed eravamo poveri... Ora che le strade sono asfaltate, Ora che sono stati costruiti nuovi palazzi, Ora che abbiamo un bellissimo municipio, Ora che abbiamo l edificio scolastico, Ora che abbiamo palestra e campo sportivo, Ora che il benessere è presente nelle nostre case,... ciò che avevamo parte è stato già distrutto e parte sta svanendo piano piano... C è un bellissimo panorama, c è un aria stupenda ed invidiabile, c è tanta pace in questo paese. Michele Rainone PRATO, 30 GIUGNO '96: FESTA DELLA MADONNA DEL BOSCO L ACAP di Prato ha celebrato, il 30 giugno di quest anno, i festeggiamenti in onore della Madonna del Bosco di Panni, con una partecipazione notevole di compaesani, oltre 3.000, partecipanti alla processione per le strade della Chiesa Nova. Da Panni si sono organizzati due pullmans con circa 80 persone, tra cui il parroco di Panni, la banda e il coro della chiesa di Panni. In rappresentanza dell ACAP di Foggia, il presidente Pietro De Michele. Oltre alle manifestazioni religiose, sono state organizzate egregiamente manifestazioni di carattere culturale, sportivo e musicale, con lotteria e fuochi pirotecnici a chiusura delle giornate. E doveroso dare atto all ACAP di Prato dell ottima riuscita delle manifestazioni, in particolare al presidente Marco Ciarciello e all instancabile Nicola Longo, che da anni operano a Prato nella comunità dei pannesi per mantenere vive le tradizioni e la cultura pannesi. Auguriamoci che tutto ciò sia di stimolo a fare di più e meglio nel futuro, al fine di non dimenticare mai le nostre origini.

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli