La città metropolitana di Venezia: Venezia oltre se stessa UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La città metropolitana di Venezia: Venezia oltre se stessa UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA Dipartimento di Economia Scuola in Economia, Lingue e Imprenditorialità per gli Scambi Internazionali, Campus di Treviso Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Sviluppo Economico e dell Impresa Tesi di Laurea La città metropolitana di Venezia: Venezia oltre se stessa Relatore Ch. Prof. Stefano Soriani Correlatore Ch. Prof. Giancarlo Corò Laureanda Libera Capuano Matricola Anno Accademico 2013 /

2 La città metropolitana di Venezia: Venezia oltre se stessa 2

3 Indice Introduzione Capitolo I L evoluzione dei sistemi urbani 1.1 L urbanizzazione e lo sviluppo urbano 1.2 Le macroregioni europee 1.3 I benefici derivanti dalle agglomerazioni urbane 1.4 Definizioni metriche di un area metropolitana 1.5 Le politiche europee per le aree metropolitane 1.6 Scelte e prospettive di alcuni modelli europei Capitolo II La città metropolitana in Italia 2.1. Un excursus legislativo 2.2. La situazione attuale: la legge Delrio n 56/ Prospettive della legge n 56/2014 Capitolo III Venezia città metropolitana 3.1 Excursus legislativo specifico 3.2 Venezia oltre se stessa 3.3 Chiavi di lettura ed analisi Demografia Economia ed occupazione Infrastrutture e rete logistica Capitolo IV I grandi operatori 4.1 L aeroporto Marco Polo di Venezia 3

4 4.2 Il Porto di Venezia Capitolo V L area industriale di Porto Marghera 5.1 Un opportunità per la Città metropolitana di Venezia 5.2 Un breve profilo storico 5.3 La situazione attuale 5.4 Il risanamento dell area 5.5 Alcuni esempi di riqualificazione dell area Il Progetto Integrato Fusina (PIF) Il Distretto dell Idrogeno Hydrogen Park Il Parco Scientifico Tecnologico VEGA 5.6 Nuovi obiettivi per il rilancio di Porto Marghera come nodo primario della Città metropolitana di Venezia Conclusione Bibliografia Sitografia 4

5 Introduzione L approvazione della legge Delrio n 56/2014, con le sue successive modifiche ed integrazioni ha profondamente ristrutturato gli enti di governo locali, istituendo definitivamente la Città metropolitana. In questa tesi ho cercato di spiegare le ragioni per cui l istituzione dell ente Città metropolitana costituisce una svolta sostanziale nella gestione del territorio e nel rilancio dello sviluppo sociale ed economico dello stesso. Nel primo capitolo ho esaminato l evoluzione dei sistemi urbani partendo dalle previsioni statistiche demografiche dell Organizzazione delle Nazioni Unite in cui è stimato un aumento rilevante della popolazione mondiale soprattutto nelle aree urbane. Ne deriva quindi un evidente importanza della gestione dei territori urbani. L Unione Europea ha, infatti, dedicato una parte consistente dei fondi delle politiche di coesione allo sviluppo urbano riconoscendo le aree urbane quali componenti chiave per lo sviluppo sociale ed economico. Esse rappresentano, da un lato, il motore dell economia e, dall altro, esprimono alla massima misura le situazioni di tensioni sociali, quali la povertà, la disoccupazione e l esclusione, e di preoccupazioni ambientali come l inquinamento, la gestione delle risorse, la pianificazione territoriale. Nasce quindi l esigenza di un approccio di sviluppo urbano sostenibile, funzionale e flessibile che potrà rispondere alle differenti esigenze locali, oltrepassando le definizioni metriche per catalogare le molteplici connotazioni degli agglomerati urbani, caratterizzati da una fitta rete relazionale, formale ed informale, concreta e virtuale, che si estende oltre i confini geografici ed amministrativi per arrivare ad una gestione dei territori snella e a geometrie variabili. Solo accettando la sfida di un approccio integrato nella realizzazione di una società intelligente, sostenibile ed inclusiva la rete urbana europea potrà farsi 5

6 catalizzatrice di innovazione e di creatività. Nel secondo capitolo ho analizzato l ente della Città metropolitana in Italia partendo dalla legge n 142/1990 fino all entrata in vigore dell attuale legge n 56/2014 e successive modifiche ed integrazioni. L excursus legislativo evidenzia il ritardo italiano sull argomento delle agglomerazioni urbane e sui benefici da esse provenienti. Esso è reso ancora più critico dai campanilismi e dai vincoli di rigidità burocratici dovuti alla difficile integrazione delle funzioni di enti per la gestione territoriale che spesso sono anche in sovrapposizione. La Città metropolitana, proprio perché modellata sul territorio, assume una posizione primaria in tema di attrattività ed allocazione delle risorse per lo sviluppo. Essa potrà essere un volano per la ripresa economica con l obiettivo di determinare ed indirizzare lo sviluppo in relazione alle caratteristiche tipiche in modo da renderlo competitivo a livello sia nazionale sia globale. Nel terzo capitolo ho approfondito la situazione a noi più vicina: Venezia. Il suo caso è stato anticipatore del dibattito sulle Città metropolitane in Italia a causa delle particolari necessità territoriali di cui abbisogna. L esigenza di una forma di governo che oltrepassasse i confini comunali e si estendesse ai territori limitrofi, senza però arrivare forzatamente a quelli regionali o provinciali, è sentita nella città di Venezia sin dagli anni 60. Nascono così delle forme embrionali di gestione dimensionale che oltrepassano i confini comunali per garantire un efficace guida e tutela del territorio che potesse preservare le particolarità geografiche, le caratteristiche economiche e produttive, le peculiarità storiche e culturali uniche di Venezia. Lo Stato, la Regione ed i Comuni hanno concorso a garantire tale obiettivo, portando con sé, però, anche lungaggini burocratiche che hanno mal risposto alle necessità sentite dagli attori del territorio, dai cittadini alle imprese. Ho inoltre analizzato alcuni elementi per cui la Città metropolitana di Venezia potrà assumere un ruolo chiave: la demografia, l economia e l occupazione, le infrastrutture e la rete logistica. Nel quarto capitolo mi sono soffermata su due grandi operatori economici ed infrastrutturali presenti nel territorio della Città metropolitana di Venezia. Si tratta dell aeroporto Marco Polo e del Porto di Venezia, considerati entrambi come punti cruciali core nodes di crescita del territorio. 6

7 Attraverso il loro potenziamento la Città metropolitana di Venezia potrà essere il baricentro di un nuovo equilibrio non solo nel contesto regionale ma anche europeo. Nel quinto capitolo ho infine focalizzato l attenzione sul rilancio dell area industriale di Porto Marghera come nodo primario della Città metropolitana di Venezia. È noto che il sito industriale ha subito nel corso degli ultimi decenni una notevole trasformazione. Dai dati dell Osservatorio Porto Marghera le attività economiche oggi esistenti sono ben diverse da quelle dell origine dell area: vi è stata una netta deindustrializzazione a favore della nascita di altri settori legati perlopiù al commercio, al trasporto ed ai servizi logistici ed avanzati, spesso connessi con le attività portuali. I processi di riqualificazione e di riconversione dell area, gestiti anche attraverso un apposito Piano, puntano su alcuni settori affinché l area di Porto Marghera diventi un grande centro di ricerca ed innovazione tecnologica, di servizi terziari avanzati, di logistica e di portualità a vantaggio dell intera Città metropolitana di Venezia: portualità, nautica, cantieristica, logistica, chimica sostenibile, energia rinnovabile, gestione dei rifiuti, innovazione e ricerca. La Città metropolitana di Venezia deve saper cogliere quest opportunità che vede il polo di Porto Marghera assumere sempre più connotati innovativi in modo da stimolare tutti i settori economici della Città metropolitana, facendosi così porta d accesso all intera regione veneta. Ho inoltre analizzato alcuni esempi di riqualificazione dell area già attuati e discusso di altri in progettazione, rendendomi conto che la favorevole posizione geografica della Città metropolitana di Venezia la inserisce di diritto quale accesso preferenziale alle trainanti economie del Centro Europa ed a quelle dell Est in via di rapido sviluppo. 7

8 Capitolo I L evoluzione dei sistemi urbani 1.1. L urbanizzazione e lo sviluppo urbano Ad oggi la popolazione mondiale è di circa 7 miliardi di persone di cui la maggior parte vive concentrata in poco più di un sesto delle terre emerse. Si possono evidenziare in particolare tre grandi aree ad alta densità abitativa: la prima è quella asiatica, che raccoglie più della metà della popolazione totale, essa si estende tra le pianure dei fiumi Indo e Gange attraversando il Pakistan, l India ed il Bangladesh per proseguire poi più a sud nell Indocina e nell Indonesia, risalendo verso la Cina ed infine il Giappone; la seconda è quella dell Europa in particolar modo l area centrale, arrivando a circa 740 milioni di abitanti di cui 510 milioni circa facenti parte dei 28 Stati dell Unione Europea; la terza area è quella dell America settentrionale con circa 480 milioni di abitanti. Dalle stime dell ONU la popolazione del mondo arriverà a toccare 9,3 miliardi di individui nel 2050, di cui 6,3 miliardi vivranno in aree urbanizzate, oggi occupate da più della metà della popolazione totale. Quindi l aumento demografico riguarderà soprattutto le aree urbane, per lo più in Paesi in via di sviluppo, ribaltando completamente lo scenario d inizio XX secolo in cui gli abitanti delle zone rurali erano ancora la maggioranza. Il fenomeno dell urbanizzazione è iniziato negli Stati industrializzati, registrando dal 1950 ad oggi una rapida ascesa: da 745 milioni di individui a circa 3,6 miliardi. Solo recentemente esso sta riguardando in Paesi in via di sviluppo, come l Asia ed alcuni Stati africani in cui a tutt oggi la popolazione rurale supera 8

9 quella urbana. L ONU stima che la tendenza si invertirà per il 2050: negli Stati industrializzati la popolazione urbana crescerà meno che negli Stati in via di sviluppo. Attualmente quindi non tutte le regioni del mondo hanno raggiunto lo stesso livello di urbanizzazione. L'Europa è il continente più urbanizzato: circa il 73% della popolazione abita in aree urbane, percentuale in aumento del 10% per il Tabella 1 - Sviluppo e previsione della crescita della popolazione mondiale totale, urbana e rurale - fonte: ONU stime demografiche, 2013 Il fattore demografico implica importanti conseguenze negli equilibri economici, politici, sociali, sanitari ed ambientali; esso dovrà necessariamente essere guidato con un attenta gestione delle risorse. Non volendo tornare troppo indietro nella storia, il processo di ascesa dell urbanizzazione europea è avvenuto dalla seconda metà del XVIII secolo, periodo in cui in Inghilterra si diffonde la Rivoluzione Industriale che stravolge gli equilibri esistenti. Inizia un lungo esodo dalle campagne alle città, trasformando di queste ultime i connotati fisici e funzionali. Tutta l Europa ne è interessata. La città non è più solo un centro di potere amministrativo, religioso e culturale; i confini fisici, sovente ancora le mura medievali, si ampliano senza controllo con la costruzione di insalubri sobborghi dove far vivere i nuovi abitanti. S instaura un processo di scambio dialettico tra la crescita urbana e quella industriale. 9

10 Le trasformazioni morfologiche e funzionali delle città proseguono senza sosta fino all inizio del XX secolo e non tutti i Paesi le affrontano in maniera efficiente. Esistono realtà in cui la città storica viene ridisegnata, spesso sventrata e ricostruita, come accade ad esempio a Parigi, a Praga ed a Vienna, oppure altre in cui, oltre alla città principale, se ne sviluppano altre di medie dimensioni, dimostrazione ne sono Manchester e Liverpool per Londra. Dopo un ovvio rallentamento causato dalle guerre mondiali, l incremento urbano registra un impennata negli anni del boom economico in cui le città si trasformano in aree urbane e le zone adiacenti vengono inglobate grazie agli investimenti pubblici e privati in reti infrastrutturali, accompagnati purtroppo da fenomeni di speculazione edilizia incontrollata, come è successo in Italia ad esempio alle città di Roma, Napoli e Torino. Negli anni 70 lo shock petrolifero porta ad una crisi economica che rallenta il tasso di urbanizzazione ma non il processo di migrazione dalle zone rurali alle città. Il decennio successivo vede infatti le capitali europee degli Stati centro- occidentali crescere ancora: Parigi, Berlino, Londra, Madrid e Roma hanno un forte potere accentratore e di richiamo assorbendo capitale umano ed imprenditoriale. In Italia le città più abitate sono la capitale Roma e le città di Napoli e Palermo al sud e per il nord le tre città che formano il triangolo industriale, ovvero Milano, Torino e Genova. In quegli anni John Friedman 1 introdusse il concetto di città globali intese come luoghi in cui si concentra il potere decisionale dei più importanti attori economici. Già s iniziava a capire quanto la città - e la sua stessa definizione- fosse legata alla rete globale che si stava sempre più intrecciando. Nel XXI secolo il processo di globalizzazione ridisegna le aree urbane: la maggior parte delle attività industriali vengono delocalizzate in Stati in via di sviluppo e vengono studiati ed attuati progetti di riqualificazione urbana. Le città stanno ancora modificando le proprie funzioni in risposta al contesto che le circonda. 1 Urban Transition: Comparative Studies of New Industrializing Societies Hardcover, John Friedmann, Robert Wulff, 1976, Hodder & Stoughton Educational. 10

11 Esiste un equilibrio metastabile del sistema urbano europeo mantenuto nel tempo globalizzato, favorito senz altro dai singoli Stati e dall Unione Europea che lo sostiene e lo protegge distribuendo risorse via via sempre maggiori. La peculiarità del sistema urbano europeo è la presenza di numerose città di medie e piccole dimensioni - dai duecentomila ai due milioni di abitanti- legate tra loro da una fitta rete di scambi riguardanti flussi finanziari, di capitale umano, di idee e conoscenze. L urbanizzazione è sicuramente un processo di concentrazione spaziale ma anche di dispersione che porta la popolazione a stendersi in grandi regioni urbane. Il richiamo delle aree urbane deriva dall attrattività generata, spesso anche solo percepita, dagli individui: la possibilità di una qualità di vita migliore, la speranza di un lavoro, l accesso all istruzione e alle cure sanitarie fanno sì che la popolazione tenda sempre più a concentrarsi nelle aree urbane, creando conurbazioni spaziali imponenti, come quella policentrica di Randstad nei Paesi Bassi. Essa è una città anello che comprende diciassette città, tra loro connesse da un efficiente rete stradale, ferroviaria e fluviale. Figura 1 - Conurbazione policentrica di Randstad, Olanda 11

12 1.2 Le macro regioni europee Le Nazioni Unite 2 hanno classificato le agglomerazioni urbane del mondo: al primo posto Tokyo con 37,8 milioni di abitanti, seguita da Delhi con 24,9 milioni, Shanghai con 22,9 milioni, Città del Messico con 20,8 milioni e San Paolo con 20,8 milioni. Solo al 25 posto troviamo la prima città europea: Parigi con 10,7 milioni di abitanti ed, al 27 posto, Londra con 10,1 milioni di abitanti. Figura 2 - Percentuale urbana e popolazione delle città nel mondo - fonte: ONU, 2014 Si evince quindi una profonda differenza del continente europeo rispetto agli altri, proprio per l assenza di grandi megalopoli. L Europa è stata definita un continente- città 3 tenendo conto sia del numero sia della vicinanza delle città presenti sia della densità media della loro popolazione. Esistono quattro macroregioni urbane europee che possono essere considerate come un quadro di riferimento per individuare i grandi spazi urbani del nostro continente: la Renania, Londra- Southeast, l Ile de France, e la regione padana 4. 2 I dati sono tratti dal report delle Nazioni Unite World Urbanization Prospect, revisione di luglio La città contemporanea, Simona Vicari Haddock, Il Mulino, Geografia d Europa, Roberto Mainardi, Carrocci,

13 L asse renano è l area più vasta, conta 70 milioni di residenti in 200 mila kilometri quadrati e comprende l Olanda, il Belgio, il Lussemburgo, le regioni tedesche della Renania del Nord, la Renania Palatinato, il Saar, l Assia, il Baden Wurttemberg e le appendici funzionali della regione francese dell Alsazia e dei cantoni svizzeri di Basilea, Schaffhausen, Aargau e Zurigo. Nell area hanno sede i due principali organi di potere dell Unione Europea: Banca Centrale e Parlamento. Economicamente è presente un fitto tessuto industriale tra cui le sedi dei principali gruppi industriali delle nazioni comprese nell area; le borse valori di Francoforte (terza del mondo), di Amburgo, di Berlino, di Monaco, di Stoccarda, di Düsseldorf, di Brema e di Hannover; la più importante rete di distribuzione per le importazioni ed esportazioni europee, ovvero lo snodo marittimo di Rotterdam, collegato a quello di Anversa e ai principali porti fluviali lungo il Reno con numerosi scali commerciali fino al Danubio, e lo snodo aeroportuale di Francoforte, che nel 2012 è risultato al primo posto in Europa per traffico merci: oltre 2,1 milioni di tonnellate 5 ; altri aeroporti importanti sono quelli di Zurigo, di Bruxelles e di Amsterdam; la rete ferroviaria è totalmente coperta dall alta velocità; un imponente rete autostradale che attraversa tale asse. All interno della macroregione, tra gli esempi di conurbazioni urbane, vi è quella policentrica di Randstad in Olanda, dove vivono oltre 6 milioni di abitanti con una densità di circa abitanti per chilometro quadrato. Il significato del suo nome è città anello, essa infatti abbraccia diciassette città, le cui principali sono Amsterdam, Utrecht, L Aia e Rotterdam, tra loro connesse da un efficiente rete stradale, ferroviaria e fluviale. L'Aia è la città in cui vengono svolte le funzioni di governo e quelle amministrative; Amsterdam è la capitale finanziaria; Rotterdam è la capitale commerciale ed industriale seguita, per le industrie leggere, da Haarlem e Hilversum; culturalmente Utrecht è il centro di spicco. Pertanto esiste una distribuzione nelle diverse città delle funzioni amministrative, economiche e culturali. Possiamo dire che qui si concentra il più grande motore dell economia europea. Storicamente l asse renano corrisponde al Regno di Prussia, ricco e potente già dalla fine del Settecento grazie alle risorse minerarie del sottosuolo di 5 Rapporto Noi Italia 2014 Istat,

14 ferro e carbone, che sono state per i due secoli successivi motivo di guerra tra Francia e Germania. Oggi la regione è stata riconvertita non perdendo il suo carattere industriale: tutte le miniere di carbone e la maggior parte delle acciaierie sono state sostituite da industrie meccaniche, elettroniche e di servizi. Il settore hi- tech ha ricevuto notevoli investimenti divenendo all avanguardia nel mondo. La macroregione di Londra- Southeast si sviluppa attorno alla città di Londra come una cintura che copre la maggior parte della regione sud- est dell Inghilterra includendo le contee di Hertfordshire, Buckinghamshire, Berkshire, Surrey, Kent, Essex, Hampshire, West Sussex, East Sussex, Bedfordshire e le conurbazioni di Manchester- Liverpool e la città di Birmingham. Essa raccoglie 32 milioni di abitanti concentrati nella Greater London. Essa è considerata una metropoli globale intesa come centro di potere mondiale, assieme a Tokyo e New York. La forza economica è legata ai settori finanziario e bancario, poco alle attività industriali, concentrate lungo l asse nord- sud in uscita dalla capitale, che hanno lasciato il posto alle imprese medio- piccole oppure si sono convertite in attività ad elevato valore aggiunto come quella farmaceutica, dell high- tech o della conoscenza. Per ciò che riguarda i sistemi di trasporto, attraverso il tunnel della Manica la regione londinese è legata via autostradale e ferroviaria a Parigi raggiungibile in 2 ore di treno ad alta velocità- e a Bruxelles - raggiungibile in un ora. Il traffico portuale è concentrato nei porti di Southampton e di Felixstowe; il trasporto aereo è incentrato su numerosi aeroporti di cui cinque sono nella Greater London: Heatrow il principale aeroporto europeo per numero di passeggeri con 74 milioni nell ultimo anno 6 -, Stansted, Gatwick, Luton e London City. Storicamente dal XVII secolo Londra rappresenta una delle potenze del mondo intero, sia in ambito politico sia in quello economico. L Ile de France si sviluppa attorno alla capitale francese Parigi, conta 11,9 milioni di abitanti su una superficie di 12 mila chilometri quadrati ed è la macroregione europea più densamente popolata, circa 982 ab/kmq. Di essa fa parte l'area delimitata dai fiumi Oise, Marna, Epte, Aisne, Yonne 6 Rapporto Noi Italia 2014 Istat,

15 ed Eure, è composta da otto dipartimenti: Parigi, Hauts- de- Seine, Essonne, Senna- Saint- Denis, Senna e Marna, Val- de- Marne, Val- d Oise e Yvelines, per un totale di comuni. La regione è fortemente polarizzata su Parigi che accoglie tutte le funzioni direzionali della nazione. Economicamente l area produce circa il 29% 7 del prodotto interno lordo francese, prevalentemente dal settore terziario i cui poli di competitività sono le industrie culturali e multimediali, le biotecnologie e la sanità, l informatica e l innovazione finanziaria. Il settore industriale è legato alla produzione di autovetture, all aeronautica spaziale, all elettronica, alla farmacia e all agroalimentare. Dal punto di vista dei trasporti l aeroporto di Parigi è il secondo d Europa con 62 milioni di passeggeri nel 2013; sono presenti 70 porti fluviali per un totale di 500 chilometri di vie navigabili rendendo la macroregione la seconda piattaforma fluviale del continente, dopo quella dell asse renano. È la prima destinazione turistica così come il più grande centro fieristico. Storicamente già a partire dal Medioevo, l Ile de France, anche se con confini leggermente diversi, costituiva un importante zona d interesse economico per le corporazioni mercantili di Parigi. La macroregione padana si estende sul territorio delle regioni italiane Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Liguria, occupando una superficie di chilometri quadrati ed arrivando a contare circa 25 milioni di abitanti. Di essi 10 milioni sono concentrati in Lombardia, dove nella provincia di Milano, con circa 3 milioni di abitanti, la densità abitativa è di chilometri quadrati seguita, per numero di residenti, dalla provincia circostante Monza e Brianza con una densità di abitanti per chilometro quadrato, segnale di una forte polarizzazione verso il capoluogo lombardo. Gli altri 15 milioni di abitanti sono distribuiti abbastanza uniformemente nelle altre regioni in città di medie- piccole dimensioni collegate tra loro da una fitta rete di vie di comunicazione, autostradale e ferroviaria, che ha come assi principali quello che va da Torino a Venezia, quello da Milano a Rimini e da Milano 7 I dati riportati sono disponibili sul sito istituzionale della regione dell Ile de France: economique- innovation 15

16 a Genova. Economicamente l area padana concentra più della metà della produzione industriale e di servizi dell Italia, ripartita in svariati settori: tessile, chimico, d arredamento, metalmeccanico, agroalimentare, hi- tech, componentistico, editoriale, elettronico, culturale, turistico. Sono presenti poche grandi società industriali mentre la maggior parte delle imprese sono di dimensioni medio- piccole e sono raggruppate in numerosi distretti specializzati che attraversano tutta la regione metropolitana. La capitale finanziaria è Milano, dove si trova la borsa valori e le sedi centrali delle società italiane ed internazionali. Il sistema di trasporto autostradale è ben sviluppato: 2,4 chilometri di rete ogni vetture in confronto ad una media europea di 2,89 chilometri. Gli snodi ferroviari principali sia per i passeggeri sia per le merci sono quelli di Milano, collegata ai valici transfrontalieri del Gottardo e del Brennero, e di Bologna, importante interporto merci. Sono presenti numerosi aeroporti ma i maggiori sono gli hub intercontinentali di Milano - Malpensa e Linate- che nel 2012 hanno trasportato rispettivamente 18,3 milioni e 9,2 milioni di passeggeri, mentre per il trasporto merci Milano- Malpensa occupa la decima posizione europea con circa 414 mila tonnellate. I porti principali sono quelli di Genova e Savona nel Tirreno e quelli di Venezia e Ravenna nell Adriatico 8. Tale divisione in macroregioni risulta oggi insufficiente per esprimere le potenzialità di crescita diffuse nell Unione Europea. Soprattutto nell attuale periodo di crisi economica, la spinta allo sviluppo deve essere maggiore e diffusa in più aree concentrate. Diversi studi, infatti, hanno evidenziato come le grandi agglomerazioni generino una produttività ed un prodotto pro- capite maggiori. 8 Rapporto Noi Italia 2014, Istat,

17 1.3 I benefici derivanti dalle agglomerazioni urbane Figura 3 - Popolazione nell'unione Europea nel fonte: Eurostat La capacità di creare un ecosistema attrattivo di un agglomerazione urbana è basato essenzialmente su tre aspetti 9 che si autoalimentano in un meccanismo virtuoso. In primo luogo si generano maggiori economie esterne positive, come reti di fornitura e di servizi tecnologici da condividere, presenza maggiore di figure 9 Report Il sistema metropolitano veneziano come fattore di sviluppo regionale di Giancarlo Corò, Riccardo Dalla Torre, marzo 2014, Ires Veneto 17

18 professionali specializzate che contribuiscono a creare un ambiente lavorativo dinamico ed aperto all innovazione, attirando ulteriori investimenti delle imprese. Un secondo aspetto fondamentale è la densità istituzionale: la presenza d istituzioni formali ed informali che regolano la vita sociale e che aiutano a riprodurre i beni comuni. Non si tratta solo del sistema politico ed amministrativo deputato a scelte di vita collettiva vincolanti, ma si può pensare ad esempio al sistema educativo capace di generare accumulazione di capitale umano con produzione di formazione continua, cultura e ricerca innovativa, oppure ancora alla presenza di associazioni di rappresentanza e di categoria che contribuiscono a creare una rete di relazioni sociali avviando dei meccanismi di attrazione di investimenti. Una terza particolarità, non meno importante delle precedenti, è la capacità di creare global fluency 10, ovvero l attitudine a realizzare reti relazionali con il mondo. Sicuramente è indispensabile la dotazione infrastrutturale del territorio (autostrade, aeroporti, porti, alta velocità, banda larga) ma anche la presenza di soggetti attivi in grado di dialogare e non solo rivolgersi al mercato globale oltre che locale, si pensi ad esempio all organizzazione di fiere di settore oppure a servizi per l internazionalizzazione delle imprese. Per qualificare un area non bisogna trascurare inoltre la presenza di linguaggi e culture per accedere alla globalità, favorendo così la creazione di una società dinamica, curiosa e aperta all innovazione, in tal senso hanno lavorato studiosi come Saskia Sassen (1997) e Peter Taylor (2012) dimostrando ciò nelle loro opere sull economia delle città. I dati sulle grandi aree metropolitane mostrano una correlazione positiva tra dimensione e reddito, soprattutto quando esse concentrano più del 20% del prodotto interno lordo nazionale. Essi sono sistemi che offrono maggiori scelte di risorse accentrando, infatti, un gran numero di servizi economici specializzati soprattutto nelle attività ad alto valore aggiunto grazie ad un più facile accesso alle conoscenze. Queste aree sono soprattutto in grado di concentrare attività di ricerca e sviluppo e di produrre innovazioni. 10 The 10 Traits of Globally Fluent Metro Areas, Brad McDearman, Greg Clark, Joseph Parilla, Brookings Institution,

19 Enrico Moretti 11 definisce innovation hub le aree capaci di polarizzare lo sviluppo di settori a più elevato tasso di innovazione e a maggiore valore aggiunto, attraendo investimenti produttivi, tecnologici ed infrastrutturali che, superata una certa soglia critica, tendono ad autoalimentarsi. Il ruolo dell innovazione tecnologica è sostanziale nel passaggio da un economia materiale ad una immateriale. Essa ha delle ricadute positive su tutta l economia locale: ogni nuovo posto di lavoro nel settore dell'innovazione dà origine almeno a cinque nuove opportunità di lavoro in servizi di prossimità: scuole, salute, ristorazione, ecc.. In questo modo anche i lavoratori non necessariamente innovativi godono dei vantaggi dell innovazione, così come ne usufruiscono anche la crescita della produttività della manifattura tradizionale e del commercio. A conferma di ciò sono i dati riguardanti l indice di propensione all export delle regioni italiane che evidenziano una sua stretta correlazione con il livello di PIL pro- capite ed il tasso di occupazione 12. Significa quindi che esiste una forte relazione tra le attività commerciabili orientate all export e le economie di prossimità rivolte al mercato locale. Un sistema metropolitano deve essere attrattivo non solo per le imprese ma anche per il capitale umano. La presenza di centri di formazione continua e di poli universitari calamita individui altamente specializzati, fondamenta per un sistema metropolitano ad alta creatività. I ricercatori sono la categoria più mobile in assoluto e vanno dove trovano non solo con le condizioni economiche più stimolanti, ma soprattutto le più gratificanti intellettualmente. È necessario che siano inseriti in un sistema che permetta loro uno stimolo continuo nello scambio di conoscenze attraverso interazioni informali con altri soggetti. Le aree metropolitane sono il luogo d elezione per la nascita di imprese di servizi tradizionali con alto valore aggiunto intellettuale ed anche di quelle imprese più orientate alla ricerca e sviluppo e all impiego tecnologico. Si tratta di 11 La nuova geografia del lavoro, Enrico Moretti, Mondadori, Giancarlo Corò,

20 knowledge- intensive business services (kibs) 13 che sono volani di crescita dell economia. Essi richiamano personale altamente qualificato. Esempi comuni sono la città metropolitana di Londra che ha attratto un milione di nuovi abitanti negli ultimi dieci anni, per lo più immigrati ad alta scolarità, oppure la Silicon Valley californiana in cui quasi il 50% della ricerca viene da immigrati. Le aree hanno saputo attirare investimenti ed innovazione, elementi trainanti della crescita economica. Il bisogno di uscire dalla crisi stagnante ci permette di guardare con una giusta prospettiva alla necessità di creare un sistema metropolitano che sia motore di sviluppo di efficienza, di produttività e di attrattività del territorio. Occorre pensare alla qualità e alla sostenibilità della crescita, ma anche ad una società intelligente, inclusiva ed integrata. La città metropolitana è un opportunità da cogliere in visione di una pianificazione strategica del territorio e dei suoi utilizzatori. Per far sì che la città sia integrata fisicamente e funzionalmente tra le sue diverse aree si potrà dare una maggiore attenzione ai temi: dell eco- sostenibilità: greening degli insediamenti e delle infrastrutture, sicurezza e controllo del territorio, rete viaria e gestione del traffico, trasporto pubblico, sistemi di riduzione del consumo energetico, programmi di trasformazione e rivalutazione di aree dismesse, progetti in chiave smart, raccolta e trattamento dei rifiuti; dell inclusione sociale e della cittadinanza: città come luogo di tutti mettendo il cittadino al centro dello sviluppo urbano accrescendone la consapevolezza civica, sviluppando progetti partecipativi di spazi pubblici, per la socializzazione, l educazione ed il gioco affinché diventi un soggetto attivo di cambiamento e crescita locale, che si possa confrontare con tutti i modelli e tutti i fattori che interagiscono nella qualità della vita urbana. Questi elementi hanno le caratteristiche tipiche di un bene comune : <<una risorsa il cui valore è dato dalla libera possibilità di accesso da parte di chi è 13 Esempi di kibs sono: pubblicità e marketing, servizi legali e finanziari, design, formazione professionale, servizi per l edilizia e per l ambiente, ricerca e sviluppo, informatica e telecomunicazioni (Corò e Grandinetti, 2010). 20

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili Bologna, 14 maggio 2014 Silvia Grandi Responsabile Servizio Intese Istituzionali e Programmi

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 2 : LE INFRASTRUTTURE IMMATERIALI DELLA RICERCA E DELL INNOVAZIONE Sintesi risultati incontro del 9 Febbraio 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 Segreteria /Direzione Generale Giunta Contratti- Assistenza Giuridica/Amministrativa ai Comuni MAR.TE. PIANO DI MARKETING TERRITORIALE ANNO 2013 Reggio Calabria, MAGGIO

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete che solamente come cittadini europei avremmo potuto

Dettagli

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

NODO METROPOLITANO DI TORINO

NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO FONTE: http://www.barrieracentro.it/mobilita/pdf/mobilita.pdf Dicembre 2013 1. STATO DI AVANZAMENTO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE

FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE UFFICIO DI PIANO arch. FLAVIO CARIALI Abitanti 100.000 Tasso di crescita (10 anni) 23% Popolazione straniera 13% Superficie 226 Kmq 441 abitanti per Kmq 11 COMUNI

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Seminario n. 3. Cooperazione e integrazione delle regioni europee. Guida per il dibattito

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Seminario n. 3. Cooperazione e integrazione delle regioni europee. Guida per il dibattito DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE 1. Contesto Seminario n. 3 Cooperazione e integrazione delle regioni europee Guida per il dibattito La seconda relazione sulla coesione ha sottolineato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti Istituto d Istruzione Superiore Istituto Tecnico Turistico MATERIA: disciplina alternativa alla RC CLASSE IV Sezione I A.S. 2014/15 L educazione un processo continuo Educazione e comunicazione La comunicazione

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Corridoio Esino Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Sistema Prima riunione del Tavolo tecnico, Jesi 14 dicembre 2005 Che cosa è il Progetto

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH

PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH Dicembre 2011 Fondazione Distretto Green & High Tech Monza Brianza 1 Un po di storia... Chi: I Soci Fondatori del Distretto Green and High Tech Monza Brianza

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif.

C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif. C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif.it 1 EXPO 2015: Cos è e Quale Tema COS E : Esposizione mondiale

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano

Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano 16 novembre 211 Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano dal 1989 al 21 Una strategia europea per le città e una strategia delle città Il Rapporto Europa 22 del Consiglio Europeo (21) propone:

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: Questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto Dall

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli