CONTRATTI DERIVATI. Copertura e Speculazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTI DERIVATI. Copertura e Speculazione"

Transcript

1 CONTRATTI DERIVATI Copertura e Speculazione

2 DEFINIZIONE Sono derivati i contratti che insistono su elementi di altri schemi negoziali, quali titoli, valute, tassi di interesse, tassi di cambio, indici di borsa, ecc. Il loro valore deriva da quello degli elementi sottostanti. (Banca d Italia, circolari , n. 4 e , n. 229)

3 PREMESSE GENERALI Bankfor International Settlements Quarterly Revue, June2011 (aggiornamento 2010): G 10 + CH Derivati per un valore di $ 601,048 miliardi ($ 465,260 su tassi di interesse). A) Rilevanza economica del fenomeno contrattuale; B) Data una posizione, la controparte è rintracciabile; C) Contratti intermediati (banche, Sim) in mercati regolamentati (Borse, Sistemi Multilaterali di Negoziazione); D) Pluralità di rapporti contrattuali: inerenti il sottostante; con l intermediario; tra le parti del contratto derivato

4 Nel TUF (d.lgs. 58/1998) (non in considerazione qui le regole su prestazione di servizi e attività di investimento; riserva di attività; regole di comportamento); Nozione di strumenti finanziari (prodotti finanziari, valori mobiliari): art. 1, comma 2 ; Nozione di strumenti finanziari derivati: art. 1, comma 3, Tuf rinvia -all art. 1, comma 2, lett. d j ed -all art. 1, comma 1 bis, lett. d In sostanza, è compresa l intera gamma dei derivati rinvenibili nel mercato di capitali, che presentando indici di finanziarietà giustificano perciò l applicazione della disciplina dei servizi e delle attività di investimento.

5 CLASSIFICAZIONE Derivati finanziari (Financial Derivatives)(art. 1, comma 2, lett. d, Tuf): - sottostante: entità tipicamente finanziarie (valuta, tasso di interesse, indici finanziari); - struttura: futures, swaps, opzioni, accordi per scambi futuri di tassi di interesse ed altro; - regolamento per differenziale o con consegna del sottostante; Derivati su merci (CommoditiesDerivatives)(art. 1, comma 2, lett. e, f, g, Tuf): - sottostante: merci (qualsiasi bene che possa essere oggetto di scambio: hard commodities, eg. materie prime, metalli preziosi, prodotti chimici; soft commodities, es. caffè, cotone, zucchero); - struttura : futures, swaps, opzioni, contratti a termine; - indici di finanziarietà: regolamento per differenziale; regolamento per consegna del sottostante se negoziati su un mercato regolamentato o un sistema multilaterale di negoziazione; - assenza di scopo commerciale Derivati diversi (art. 1, comma 2, lett. h, i, j): - sottostante: entità diverse da attività finanziarie o merci. Varie tipologie: Credit Derivatives, che trasferiscono il rischio di credito (lett. h); contratti finanziari differenziali (lett. i); derivati esotici, che hanno come sottostante variabili climatiche, tariffe di trasporto, quote di emissione, tassi di inflazione, statistiche economiche ufficiali (lett. j); altri contratti derivati connessi a sottostante diverso da quelli in precedenza elencati ; - struttura : futures, swaps, opzioni, contratti a termine. - indici di finanziarietà: regolamento per differenziale; regolamento per consegna del sottostante se negoziati su un mercato regolamentato o un sistema multilaterale di negoziazione (art. 1, comma 2, lett. j, Tuf). (F. Annunziata, La disciplina del mercato mobiliare)

6 SWAP Accordo perché una parte versi all altra in un unica o più soluzioni somme di denaro calcolate applicando a un unico ammontare di riferimento, un parametro (tassi di interesse e/o di cambio) diverso per ciascuna parte. Dal calcolo si ottiene sia l individuazione della parte obbligata al versamento, sia la determinazione dell importo dovuto. Schema utilizzato nelle categorie (a) dei derivati finanziari, (b) dei derivati su merci, (c) dei derivati diversi.

7 (A) INTEREST RATE SWAP Su c.d. un capitale nozionale, Alfa si obbliga a pagare a Beta per la durata stabilita l importo risultante applicando al capitale un tasso fisso annuo; Beta si obbliga a pagare ad Alfa per la durata stabilita l importo risultante applicando al capitale un tasso variabile secondo un criterio concordato. Si basa sullo sfruttamento della diversa capacità di accesso al mercato dei tassi di interesse posseduta dai diversi soggetti, sul presupposto che - gli investitori istituzionali, tipicamente poco inclini al rischio, sono propensi a una domanda di titoli di debito a tasso fisso; - le banche, sfruttando la loro capacità di valutare il rischio e la clientela di società non primarie, sono propense alla raccolta a tasso variabile.

8 ESEMPIO - Alfa (rating AAA ) può indebitarsi emettendo obbligazioni a tasso fisso 7% oppure a tasso variabile Libor + 0,0625%; - Beta (rating BBB) può indebitarsi emettendo obbligazioni a tasso fisso 8% oppure a tasso variabile Libor %; - Alfa si indebita per 100 al tasso fisso del 7%; - Beta si indebita per 100 al tasso variabile del Libor+ 0,2500%; - Alfa e Beta concludono l IRS con l intermediazione di una Banca, convenendo - che Alfa paghi alla Banca un tasso variabile del Libor 0,2500% e la Banca le versi un tasso fisso del 7%; - che Beta paghi alla Banca un tasso fisso del 7,75% e che la Banca paghi a Beta un tasso variabile del Libor + 0,2500 %; - Alfa trasforma il suo debito a tasso fisso al 7% in un debito a tasso variabile del Libor 0,2500% (risparmia lo 0,2125% annuo sul prestito a tasso variabile che avrebbe ottenuto sul mercato); - Beta trasforma il suo debito a tasso variabile del Libor+ 0,2500 in un debito a tasso fisso del 7,75% (risparmia lo 0,25% annuo sul prestito a tasso fisso che avrebbe ottenuto sul mercato); - la Banca ha un utile del 0,75% annuo sui flussi a tasso fisso (paga al 7%, riceve a l 7,75%); e una perdita del 0,50 % sui flussi a tasso variabile (paga al Libor+ 0,25%, riceve al Libor 0,25%), con un utile annuo sul capitale nozionale pari a 0,25%. (Caputo Nassetti, I contratti derivati finanziari)

9 (B) COMMODITY SWAP Una parte (floating price payer) si impegna a versare all altra (fixed price payer) un importo calcolato moltiplicando - un capitale nominale - per la eventuale differenza positiva tra ~ prezzo di mercato di una merce di riferimento (soft commodity o hard commodity) a una data futura prestabilita e ~ prezzo di mercato della stessa merce alla data di conclusione del contratto (in sostanza, se la quotazione della merce aumenta); L altra parte (fixed price payer) si impegna a versare alla prima (floating price payer) un importo calcolato allo stesso modo in caso di differenza negativa (in sostanza, se la quotazione della merce cala).

10 ESEMPIO Tizio (FixedPP) stipula con Caio (Floating PP) un commodityswap su t. di rame al prezzo di riferimento (fixedprice) di $ 7.000/t, con durata 5 anni e liquidazione ogni 6 mesi. Alla prima scadenza semestrale il prezzo di mercato (floatingprice) del rame, rilevato su una borsa merci prescelta dalle parti (es. LME) è $ 8.000/t. Caio (Floating PP) deve $ 1 milione a Tizio. Alla seconda scadenza il prezzo di mercato crolla a $ 5.000/t. Tizio (FixedPP) deve $ 2 milioni a Caio. (Caputo Nassetti, I contratti derivati finanziari)

11 (C) CREDIT DEFAULT SWAP In cambio di una commissione periodica espressa in punti base fissi (basis points, pari normalmente a 1/100 dell 1% su un capitale nozionale), il Venditore di Protezione (Protection Seller) accetta di pagare al Compratore di Protezione (Protection Buyer) una determinata somma di denaro se entro un certo termine, in riferimento ad un soggetto debitore del Compratore di Protezione(Ente di Riferimento o Reference Entity), si verifica un Evento di Credito (Credit Event) consistente nel deterioramento del profilo creditizio (es. dichiarazione di insolvenza, procedura concorsuale, liquidazione). Può essere previsto che al verificarsi del Credit Event il Protection Buyer trasferisca al Protection Seller la posizione creditizia verso l Ente di Riferimento, per un ammontare pari all importo pattuito nello swap(credit default swap complesso).

12 FUTURE Contratto in base al quale le parti si impegnano a scambiare a un prezzo predefinito ed a una data prestabilita determinate attività (compravendita a termine di beni), oppure a versare o a riscuotere un importo determinato in base all andamento di un indicatore di riferimento (Carozzi, Contratti derivati finanziari e di credito)

13 (A) TRE MESI EURO (EURIBOR) FUTURE Vendita e acquisto di uno o più lotti in relazione a un tasso di interesse per un deposito in una determinata divisa per un determinato periodo di tempo art. 1.02, Short Term Interest Rate Contract predisposto da Euronext). Importo nozionale 1 milione; scadenze trimestrali fisse (03/06/09/12); Alla scadenza viene calcolato il tasso di riferimento (Edsp: Exchange Delivery SettlementPrice) che riflette il tasso espresso dal mercato per depositi interbancari nella stessa divisa e per la stessa durata del future; Se l Edspsupera il tasso di interesse dedotto in contratto il venditore paga una somma pari alla differenza tra Edspe tasso di interesse dedotto nel contratto, moltiplicata per il capitale nozionale e per tre mesi, dividendo il tutto per 365 giorni. Se il tasso di interesse dedotto in contratto supera l Edsp, il compratore paga una somma pari alla differenza tra tasso di interesse dedotto in contratto ed Edsp, moltiplicata per il capitale nozionale e per tre mesi, dividendo il tutto per 365 giorni.

14 (B) WHITE SUGAR FUTURE Oggetto: 50 t di zucchero con caratteristiche descritte in dettaglio ( white beet or cane crystal sugar or refined sugar of any origin of the crop current at thetime of delivery, free running of regular grain size and fair average of thequality of deliveries made from the declared origin for such crop, with minimum polarisation 99.8 degrees, moisture maximum 0,06%, and colour maximum 45 units ICUMSA attentuation index (except that sugar originating in the EU shall satisfy the colour specification set out or referred tointheassuc Rules, all attimeofdelivery tovessel atport ); Descrizione di temini e modalità di consegna: - la merce può essere consegnata in uno dei porti inclusi nella lista predisposta da Euronext; - ilprezzoèfob; - lozuccherodeveesserecontenutoinsacchidi iutadi 50 kgciascuno; - le scadenze sono trimestrali (03/06/09/12); Il venditore si obbliga a consegnare la merce ed a ricevere il pagamento; il compratore si obbliga a ricevere la merce e ad eseguire il pagamento; Alla scadenza contrattuale Euronext calcola l Edsp (Exchange Delivery Settlement Price), che riflette il prezzo medio dei future per quel mese di consegna; alla consegna va pagato il prezzo calcolato applicando l Edspalla quantità oggetto del contratto e il differenziale tra Edsp e prezzo convenuto.

15 ESEMPIO Tizio acquista un future su 50 t di zucchero a $ 100/t e scadenza al successivo mese di settembre; Caio vende lo stesso future. Il contratto prevede la cosegnafob in uno dei porti della lista. Il contratto è intermediato dalla Clearing House, che è controparte formale sia di Tizio, sia di Caio; Alla scadenza Euronextcalcola l Edsp, per ipotesi $ 102/t; Tizio deve pagare $ ($ 102/t per 50 t); Caio deve pagare $ 100 (Edspmeno prezzo convenuto per 50 t) Tizio ha un costo effettivo di $ 5000, Caio ha un ricavo netto di $ 5000, il tutto nonostante il prezzo di mercato sia salito di $ 2/t. (Caputo Nassetti, I contratti derivati finanziari)

16 (C) NON FARM PAYROLLS FORWARD Non farm payrolls: indice mensile che in USA misura la variazione nel numero dei salariati in attività non agricole (producono 80% PIL). Indicatore dello stato dell economia USA: una parte ha diritto di ricevere dall altra una somma calcolata sulla base della eventuale differenza positiva tra livello dell indice pubblicato alla scadenza contrattuale e livello dell indice concordato al momento della stipula; l altra parte ha diritto di ricevere dalla prima una somma calcolata sulla base della eventuale differenza negativa tra livello dell indice pubblicato alla scadenza contrattuale e livello dell indice concordato al momento della stipula

17 ESEMPIO Assumendo un livello di incremento dei posti di lavoro pari a posti di lavoro, le parti concordano che per ogni 1000 posti di lavoro in più o in meno rispetto a quel livello una parte deve all altra $ ; se alla scadenza il Non-farm payrollsstima l incremento in posti, il compratore deve pagare $ 2,5 milioni ( per 25); Se alla scadenza il Non-farm payrollsstima l incremento in posti di lavoro, il compratore deve ricevere $ 20 milioni ( per 200). Caputo Nassetti, I contratti derivati finanziari) (

18 OPTION Contratto con il quale le parti scambiano un premio verso la facoltà di acquistare (calloption) o vendere (put option) una certa quantità di sottostante (stock options, indexoptions, bond options ecc.) ad una scadenza e ad un prezzo predeterminati. art c.c. e problema della cedibilità dell opzione Warrant: opzione cartolarizzata

19 (A) INTEREST RATE CAP (FLOOR) - Incambiodiunpremio, - l acquirente del capha diritto di ricevere dal venditore - per tutta la durata del contratto e alle scadenze stabilite - un importo pari a una somma nominale moltiplicata per la differenza se positiva tra un tasso di mercato (es. Libor) e il tasso fisso predeterminato nel contratto (l opposto per il floor), - attualizzando poi la cifra moltiplicandola ulteriormente per i giorni compresi tra le scadenze stabilite e dividendo il tutto per 360.

20 ESEMPIO Alfa contrae un finanziamento di 10 milioni per 5 anni a tasso variabile Euribor semestrale. Calcola quale sia il tasso oltre il quale sussiste il rischio che l eventuale crescita del costo del finanziamento intacchi la redditività aziendale. Se per ipotesi tale tasso non superabile è il 15%, acquista un capal 15% contro l Euribor semestrale su 10 milioni per la durata di 5 anni. In cambio del premio, Beta (di solito banca o intermediario) vende il capimpegnandosi a pagare una somma per il caso in cui il tasso variabile in essere all inizio del periodo di calcolo sia superiore al 15%. Se il tasso variabile è, per esempio, al 18%, l imprenditore riceverà una somma pari a cioè 150.ooo x (18% 15%) x 180 gg- 360 gg Se il tasso variabile scende sotto il 15%, nulla è dovuto. Il venditore guadagna al massimo il premio. La perdita è potenzialmente illimitata. Per il compratore, al costo del premio è garantito che il finanziamento non sarà più oneroso del 15%. (Carozzi, Contratti derivati finanziari e di credito)

21 (B) SWAPOPTION Il compratore dell opzione acquista dal venditore, verso il pagamento di un premio, il diritto di stipulare un commodity swap cioè un contratto in base al quale una parte è obbligata a corrispondere un importo calcolato - moltiplicando un capitale nominale - per la differenza positiva tra il prezzo di una merce di riferimento in vigore alla data futura prestabilita e quello pattuito inizialmente alla stipula, e l altra parte è obbligata a corrispondere allo stesso termine un importo calcolato - nello stesso modo - per il caso di differenza negativa tra prezzi in vigore nei due momenti).

22 (C) WEATHER CAP OPTION DEGREE DAY CoolingDD: t. media 18 pari a zero o più di zero; HeatingDD: t. media 18 sotto zero Con l opzione è coperto il rischio di temperature diverse dalle medie stagionali: a) 75% delle attività influenzate dalle variabili climatiche; b) variazioni non assicurabili.

23 ESEMPIO Produttore di articoli da sci sa che se dicembre è mite calano le vendite. Per ipotesi, sa che ogni grado sopra la media storica (per esempio, 5 ), genera minori utili per 3 milioni. In dicembre gli HDD sono in media 403 (18 5 per 31 giorni di dicembre). Se la t media è 6, gli HDD scendono a 372. Stipula la weather cap optionin base alla quale, pagando all intermediario un premio, ha diritto a per ogni HDD al di sotto di 403 HDD. Se quindi la media di dicembre sarà effettivamente di 6, incasserà 3,1 milioni. (n.b.: non si tratta di un opzione in senso tecnico)

24 COPERTURA E SPECULAZIONE (1) Tipi di rischio a) Rischio di Controparte(o credito generico): rischio di inadempimento per fatti riferibili alla controparte, suddistinto in rischi di - credito pieno (full credit risk), inadempimento causato da insolvenza; - consegna (delivery risk): inadempimento per altre ragioni; - sostituzione (substitution risk): maggior costo di un contratto sostitutivo nel caso di insolvenza della controparte originaria; b) Rischio Paese: rischi dipendenti non da condizione personale, ma da condizione ambientale della controparte, suddistinto in rischio - politico o sovrano: di moratorie, di nazionalizzazione, di non convertibilità; - sociale: scioperi, sommosse, rivoluzioni; - naturale: eventi catastrofici; c) Rischio di Mercato: rischio di andamenti contrari alle attese, suddistinto in rischio - di interesse, in caso di discrepanza temporale tra scadenze di poste rispettivamente a tasso fisso ed a tasso variabile; - di cambio, azionario, su metalli preziosi, su merci, dipendente da oscillazioni sfavorevoli; - di base (basicrisk), dipendente da ripercussioni diverse sulle componenti di una posizione pareggiata, cioè di squilibri sopravvenuti determinati da variazioni esogene del mercato; d) Rischio di Liquidità (liquidityrisk): dipendente da scarsa domanda, che rende difficile liquidare una posizione; e) Rischio Operativo: dipendenti da fenomeni patologici interni (sistemi operativi, sistemi organizzativi, comportamenti umani); f) Rischio Legale; dipendente da perdite generati da patologie legali (contratti invalidi, incertezze del quadro normativo, incertezze giurisprudenziali ); g) Rischio di reputazione: dipendente dal riflesso della pubblicità negativa derivante da contenziosi, perdite di quote di mercato, perdita di clientela (Caputo Nassetti, I contratti derivati finanziari)

25 (2) Funzione di copertura dei derivati Gli schemi disponibili possono ridurre o eliminare i rischi (hedging). Per esempio. - Con un IRS si può incidere su rischio di mercato, rischio di interesse, ecc.; - Con un ffturesi possono assorbire rischio di mercato, rischio paese, ecc.; - Con un CDS si possono assorbire rischio di controparte; rischio paese, ecc.

26 (3) Funzione speculativa dei derivati Arbitraggio (da distinguere dalla speculazione tout court): vantaggi economici realizzati per esempio sfruttando disarmonie temporanee dei prezzi di mercato, o disarmonie del costo del credito, o disarmonie dei profili creditizi delle controparti; Speculazione: in assenza di posizioni sottostanti da coprire, per realizzare puro lucro.

27 PROFILI DI DISCIPLINA (esclusa rinegoziazione) (A) Eccezione di gioco (art c.c.) - esclusa per il caso in cui la stipula avvenga nel quadro della prestazione di servizi e attività di investimento (art. 23, comma 5, Tuf). - Interrogativo se non c è intermediario finanziario. Ipotesi di distinzione tra speculazione e scommessa sulla base della razionalizzabilità (migliore conoscenza dei dati disponibili). Criticabilità.

28 (B) Competenza e responsabilità. Esponente aziendale con funzioni amministrative (A, AD, DL): possono stipulare se funzione di copertura. In caso di speculazione: revoca per giusta causa, azione di responsabilità.

29 CRITERIO Interrogativo: è sufficiente una posizione da coprire, o per considerare il derivato di copertura occorre esplicitare il legame con uno specifico rischio attuale, per evitare che venga considerato speculativo? Almeno in certe situazioni, è registrabile la tendenza a richiedere la dichiarazione di un collegamento. Critica: sufficienza del dato oggettivo (possibile rilevanza della appostazione a bilancio del derivato).

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE 1) Definizione. I futures vengono ascritti tra gli strumenti finanziari derivati (per inquadrarli dal

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario Strumenti finanziari derivati A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 Quadro generale... 2 2 Definizione e tipologie... 2 3 Rappresentazione in bilancio

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese

Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Fonte e Link: byoblu Pubblicato il 24

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni XVI legislatura Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni novembre 2008 n. 63 ufficio ricerche nei settori economico e finanziario Servizio Studi Direttore

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 02 / 2005 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale RISCHIO DI TASSO: DALLA DEFINIZIONE AGLI STRUMENTI DI COPERTURA di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale PREMESSA Si definisce il tasso d interesse come il costo del credito, quindi

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE BCC TASSO VARIABILE TV% 2010-2015 - ISIN IT0004645898. EMESSE DALLA CASSA RURALE

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO GE Capital Interbanca ALLEGATO 5 Gruppo Bancario GE Capital Interbanca DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito per brevità anche denominato Documento ) è redatto in conformità

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni I CREDIT DERIVATIVE Credit derivative Definizione: Strumenti che consentono di isolare e negoziare il rischio di credito relativo a una determinata attività, senza che l attività medesima venga trasferita

Dettagli

Economia e tecnica del mercato mobiliare

Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università ità degli Studi di Cagliari i Anno Accademico 2013-2014 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Opzioni sui tassi d interesse Interest rate

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 03/04/2012-03/04/2015 A TASSO VARIABILE CON TASSO MINIMO 2,00% Codice ISIN IT0004805302

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Marzo 2011/2016 Tasso Fisso 3,25%, ISIN IT000468024 2 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI RISPARMIO

Dettagli

Le perizie econometriche sugli swap: come quantificare un disastro (a cura della Vicepresidenza Nazionale di Adusbef- adusbef@studiotanza.

Le perizie econometriche sugli swap: come quantificare un disastro (a cura della Vicepresidenza Nazionale di Adusbef- adusbef@studiotanza. Le perizie econometriche sugli swap: come quantificare un disastro (a cura della Vicepresidenza Nazionale di Adusbef- adusbef@studiotanza.it)) Da diverso tempo giungono ad ADUSBEF numerosissime lamentele

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Gestione del rischio tasso

Gestione del rischio tasso CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio tasso Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio tasso nei clienti dei PB

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire Capitolo Primo 1. L ACCETTAZIONE BANCARIA A) Definizione Gli strumenti di mercato monetario L accettazione bancaria si sostanzia in una cambiale tratta con la quale un impresa (traente) ordina ad una banca

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI CARIGE SERIE 294 INFLATION BOND II Per conoscere il rendimento offerto

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Relatore Ch.mo Prof. Carlo Marcon Laureando Riccardo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP Società Cooperativa fondata nel 1994 Codice ABI 08309 Sede Legale: Via Gen. Giardino, 3-36060 Romano d Ezzelino (VI) Sede Amministrativa: Via Capitelvecchio,32 36061 Bassano del Grappa (VI) Capitale soc.

Dettagli

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. "BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013 Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0 da emettersi nell ambito del programma "BANCA POPOLARE

Dettagli

Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING

Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING Renato Martire, Credit Derivatives Copyright 2014 Tangram Edizioni Scientifiche Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1 Analisi fondamentale dei mercati Lezione 1 Definizione di commodity Il termine commodity indica ogni materiale di base (prodotti agricoli, minerari, energetici, ecc.) con caratteristiche di elevata standardizzazione

Dettagli