TUTELA DEI MARCHI DIVERSE TIPOLOGIE DI PROTEZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTELA DEI MARCHI DIVERSE TIPOLOGIE DI PROTEZIONE"

Transcript

1 TUTELA DEI MARCHI DIVERSE TIPOLOGIE DI PROTEZIONE Centro Congressi Environment Park 26 settembre 2014 Torino Giulia Lavizzari Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

2 LA TUTELA DI UN MARCHIO CONCETTO DINAMICO? CONCETTO STATICO? Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

3 Sistemi per la protezione dei marchi MARCHIO NAZIONALE ITALIANO MARCHIO COMUNITARIO MARCHIO INTERNAZIONALE MARCHIO NAZIONALE ESTERO

4 Marchi Italiani Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

5 Cosa si intende per marchio POSSONO COSTITUIRE OGGETTO DI REGISTRAZIONE COME MARCHIO DI IMPRESA TUTTI I SEGNI SUSCETTIBILI DI ESSERE RAPPRESENTATI GRAFICAMENTE, IN PARTICOLARE COMPRESI: I NOMI DI PERSONE; IDISEGNI; LE LETTERE; LE CIFRE; ISUONI; LA FORMA DEL PRODOTTO O DELLA CONFEZIONE DI ESSO; LE COMBINAZIONI O LE TONALITÀ CROMATICHE PURCHÉ SIANO ATTI A DISTINGUERE I PRODOTTI O I SERVIZI DI UN IMPRESA DA QUELLI DI ALTRE IMPRESE. (Art. 7 cpi)

6 Tipologie di marchi registrabili Esistono varie tipologie di marchi registrabili: Marchi denominativi; Marchi figurativi; Marchi complessi; Marchi forti; Marchi deboli; Marchi di forma; Marchi di colore; Marchi sonori; Marchi olfattivi; Slogan.

7 Esempi di marchi registrabili MARCHI DENOMINATIVI: MICROSOFT OFFICE MARCHI FIGURATIVI: MARCHI COMPLESSI: MARCHI SONORI:

8 Funzioni di un marchio IL MARCHIO PUÒ AVERE DIVERSE FUNZIONI: FUNZIONE DISTINTIVA; FUNZIONE DI PROVENIENZA; FUNZIONE DI GARANZIA DELLA COSTANZA QUALITATIVA; FUNZIONE SUGGESTIVA, ATTRATTIVA, PUBBLICITARIA. IL MARCHIO DEV ESSERE VISTO COME UNO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE E CONCORRENZA. IL MARCHIO È UNO STRUMENTO CHE, IN BASE ALL UTILIZZO CHE VIENE FATTO DELLO STESSO E AL CONTESTO IN CUI VIENE UTILIZZATO, PUÒ TRASMETTERE UN MESSAGGIO CONCRETO AI CONSUMATORI DI RIFERIMENTO IN RELAZIONE ALLA QUALITÀ, SPECIE, DESTINAZIONE, VALORE, FONTE DI ORIGINE, PROVENIENZA GEOGRAFICA E ALTRE CARATTERISTICHE DEL BENE O SERVIZIO.

9 FUNZIONE DISTINTIVA SUL MERCATO Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

10 FUNZIONE DI PROVENIENZA E GARANZIA Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

11 FUNZIONE ATTRATTIVA Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

12 Titolarità di un marchio PUÒ OTTENERE LA REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA CHI LO UTILIZZA O SI PROPONGA DI UTILIZZARLO NELLA FABBRICAZIONE O COMMERCIO DI PRODOTTI O NELLA PRESTAZIONI DI SERVIZI DELLAPROPRIAIMPRESAODIIMPRESEDICUIABBIAILCONTROLLO ECHENEFACCIANOUSOCONILSUOCONSENSO. NON PUÒ OTTENERE UNA REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESACHINEABBIAFATTOLADOMANDAINMALAFEDE. ANCHE LE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO, DELLE REGIONI, DELLE PROVINCE E DEI COMUNI POSSONO OTTENERE REGISTRAZIONI DI MARCHIO. (Art. 19 cpi)

13 Requisiti di un marchio I requisiti per la registrabilità di un marchio sono: Novità(Art. 12 cpi); Il marchio deve essere nuovo, diverso dagli altri usati per gli stessi prodotti/ servizi; Capacità distintiva(art. 13 cpi); Il marchio deve essere in grado di distinguere i prodotti e/o i servizi di un impresa da quelli di altre imprese; Liceità(Art. 14 cpi); Il marchio non deve essere contrario alla legge, non deve essere ingannevole, non deve violare i diritti di terzi.

14 Impedimenti assoluti(art cpi) NON POSSONO COSTITUIRE OGGETTO DI REGISTRAZIONE COME MARCHIO D IMPRESA I SEGNI PRIVI DI CARATTERE DISTINTIVO ED IN PARTICOLARE: a) QUELLI CHE CONSISTONO ESCLUSIVAMENTE IN SEGNI DIVENUTI DI USO COMUNE NEL LINGUAGGIO CORRENTE O NEGLI USI COSTANTI DEL COMMERCIO; b) QUELLI COSTITUITI ESCLUSIVAMENTE DA DENOMINAZIONI GENERICHE DIPRODOTTIOSERVIZIODAINDICAZIONIDESCRITTIVECHEADESSISI RIFERISCONO COME I SEGNI CHE IN COMMERCIO POSSONO SERVIRE A DESIGNARE LA SPECIE, LA QUALITÀ, LA QUANTITÀ, LA DESTINAZIONE, IL VALORE, LA PROVENIENZA GEOGRAFICA OVVERO L EPOCA DI FABBRICAZIONE DEL PRODOTTO O DELLA PRESTAZIONE DEL SERVIZIO O ALTRE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

15 NANOTECNOLOGIE NANOBIONIC: MARCHIO RIFIUTATO PER DESCRITTIVITA NANOSCIENCE: MARCHIO RIFIUTATO PER DESCRITTIVITA NANOTECH/NANOTEC: MARCHI RIFIUTATI PER DESCRITTIVITA Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

16 HC NANOTEC ACCETTATO? Marchio registrato a livello italiano in data 12 marzo 2014 con No nelle classi3,5,40e42 Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

17 AGROENERGIA BIO/BIO2: MARCHI RIFIUTATI PER DESCRITTIVITA BIODESIGN: MARCHIO RIFIUTATO PER DESCRITTIVITA BIORGANIC: MARCHIO RIFIUTATO PER DESCRITTIVITA Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

18 Effetti conferiti dalla registrazione di un marchio QUALI SONO GLI EFFETTI CONFERITI DALLA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO? I DIRITTI ESCLUSIVI CONSIDERATI DA QUESTO CODICE SONO CONFERITI CON LA REGISTRAZIONE; GLI EFFETTI DELLA PRIMA REGISTRAZIONE DECORRONO DALLA DATA DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DEL MARCHIO(Art cpi) E DURANO 10 ANNI A PARTIRE DALLA STESSA DATA (Art cpi)salvoilcasodirinuncia.(artt.15.4e15.5cpi)

19 Procedura Deposito (le domande rivendicanti molteplici classi merceologiche sono accettate) Esame Pubblicazione Opposizione (introdotta nel 2011) Registrazione

20 Vantaggi del sistema italiano Possibile deposito in più classi merceologiche L Esame è relativo solamente agli impedimenti assoluti e non anche a quelli relativi Domande di marchio sono azionabili in Italia Requisiti di uso piuttosto lunghi Basse tasse Procedura di registrazione veloce e facile Marchio italiano può essere una solida base per le registrazioni internazionali

21 Marchio comunitario

22 Marchio comunitario CHI PUÒ ESSERE TITOLARE DI UN MARCHIO COMUNITARIO(Art. 5 RMC): PERSONE FISICHE; PERSONE GIURIDICHE; ALTRI ENTI GIURIDICI CON CAPACITÀ DI AGIRE E STARE IN GIUDIZIO.

23 Segni atti a costituire un Marchio Comunitario Art. 4 RMC POSSONO COSTITUIRE MARCHI COMUNITARI TUTTI I SEGNI CHE POSSONO ESSERE RIPRODOTTI GRAFICAMENTE, IN PARTICOLARE LE PAROLE, COMPRESI I NOMI DI PERSONE, I DISEGNI, LE LETTERE, LE CIFRE, LA FORMA DEI PRODOTTI O DEL LORO IMBALLAGGIO, A CONDIZIONE CHE TALI SEGNI SIANO ADATTI A DISTINGUERE I PRODOTTI O I SERVIZI DI UN IMPRESA DA QUELLI DI ALTRE IMPRESE: - I NOMI DI PERSONE; - LE CIFRE; - IDISEGNI; - ISUONI; - LE LETTERE; - LA FORMA DEL PRODOTTO O CONFEZIONE; - LE COMBINAZIONI O LE TONALITÀ CROMATICHE. Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

24 ACCETTATI CTM (classi 1,4,7,9,11,35,36,37,39,40,41,42,45) VNG - Verbundnetz Gas Aktiengesellschaft CTM (classi 7, 37, 42 44) Dreier Oenotech SA Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

25 ACCETTATI CTM (classi 35, 39, 40) IBERDROLA S.A. CTM (classi 7, 9, 11, 16, 37, 39, 40, 41, 42) ACCIONA ENERÍA, S.A. Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

26 Decisioni in tema di Marchi comunitari UAMI 19 SETTEMBRE 2011 NANOBIONIC DOMANDA RIGETTATA PER DESCRITTIVITA E MANCANZA DI CARATTERE DISTINTIVO; MANCANZA DI ULTERIORI ELEMENTI DISTINTIVI. MARCHIO COMUNITARIO DENOMINATIVO NO PRODOTTI E SERVIZI NELLE CLASSI 24, 25 E 40

27 Decisioni in tema di Marchi comunitari CORTE DI GIUSTIZIA 15 SETTEMBRE LUGLIO 1998 TITOLARE CHIEDE LA REGISTRAZIONE DEL MARCHIO A LIVELLO COMUNITARIONELLECLASSI9,38E42; - CON DECISIONE 25 GIUGNO 1999 L ESAMINATORE UAMI RIFIUTA IL MARCHIO PER DESCRITTIVITÀ E MANCANZA DI CARATTERE DISTINTIVO (SIGNIFICATO IDENTIFICAZIONE BIOMETRICA ); - PROPOSTO RICORSO; - RICORSO RESPINTO; - ELEMENTI GRAFICI PRESENTI NON ATTI A CONFERIRE UN SUFFICIENTE GRADO DI DISTINTIVITÀ.

28 Decisioni in tema di Marchi comunitari UAMI 10 APRILE 2007 BIOFUELING - UAMI RIFIUTA IL MARCHIO PER MANCANZA DI CARATTERE DISTINTIVO; - IL TERMINE BIOFUELING RICHIAMA IL CONCETTO DEI BIOCOMBUSTIBILI E DELLE BIOENERGIE; - NESSUNO ULTERIORE ELEMENTO DISTINTIVO ATTO A CONFERIRE UN GRADO DI DISTINTIVITÀ AL MARCHIO. MARCHIO COMUNITARIO DENOMINATIVO NO PRODOTTI E SERVIZI NELLE CLASSI 4, 35 E 39

29 Marchio comunitario REQUISITI ESSENZIALI NOVITÀ: IL MARCHIO DEVE ESSERE ORIGINALE, DIFFERENTE DAGLI ALTRI MARCHI ADOTTATI PER MEDESIMI PRODOTTI/ SERVIZI. CAPACITÀ DISTINTIVA: IL MARCHIO DEVE POTER CARATTERIZZARE E DISTINGUERE IL PRODOTTO.

30 Marchio comunitario REQUISITI ESSENZIALI LICEITÀ: IL MARCHIO DEVE ESSERE CONFORME ALLE NORME PUBBLICHE, NON DEV'ESSERE DI INGANNO.

31 Impedimenti assoluti Art. 7 RMC A. I SEGNI NON CONFORMI ALL ART. 4; B. I MARCHI PRIVI DI CARATTERE DISTINTIVO; C. I MARCHI COMPOSTI ESCLUSIVAMENTE DA SEGNI O INDICAZIONI CHE IN COMMERCIO POSSONO SERVIRE PER DESIGNARE LA SPECIE, LA QUALITÀ, LA QUANTITÀ, LA DESTINAZIONE, IL VALORE, LA PROVENIENZA GEOGRAFICA, OVVERO L EPOCA DI FABBRICAZIONE DEL PRODOTTO O DI PRESTAZIONE DEL SERVIZIO, O ALTRE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO O SERVIZIO; D. I MARCHI COMPOSTI ESCLUSIVAMENTE DA SEGNI O INDICAZIONI CHE SIANO DIVENUTI DI USO COMUNE NEL LINGUAGGIO CORRENTE O NELLE CONSUETUDINI LEALI E COSTANTI DEL COMMERCIO. Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

32 E. I SEGNI COSTITUITI ESCLUSIVAMENTE: I) DALLA FORMA IMPOSTA DALLA NATURA STESSA DEL PRODOTTO; II) DALLA FORMA DEL PRODOTTO NECESSARIA PER OTTENERE UN RISULTATO TECNICO; III) DALLA FORMA CHE DÀ UN VALORE SOSTANZIALE AL PRODOTTO; F. I MARCHI CONTRARI ALL ORDINE PUBBLICO O AL BUON COSTUME; G. I MARCHI CHE POSSONO INDURRE IN ERRORE IL PUBBLICO, PER ESEMPIO CIRCA LA NATURA, LA QUALITÀ O LA PROVENIENZA GEOGRAFICA DEL PRODOTTO O DEL SERVIZIO; H) I MARCHI CHE, IN MANCANZA DI AUTORIZZAZIONE DELLE AUTORITÀ COMPETENTI, DEVONO ESSERE ESCLUSI DALLA REGISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 6 TER DELLA CONVENZIONE DI PARIGI PER LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE, DENOMINATA DI SEGUITO «CONVENZIONE DI PARIGI». Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

33 Marchio comunitario UNICA REGISTRAZIONE STRUTTURA UNITARIA OGNI VICENDA INCIDE SU TUTTA LA STRUTTURA DEL MARCHIO: NULLITÀ; DECADENZA; USO. 18

34 Marchio comunitario REGISTRAZIONE DECENNALE RINNOVABILE ILLIMITATAMENTE, PREVIO VERSAMENTO DELLE RELATIVE TASSE. I DIRITTI ESCLUSIVI CONFERITI CON LA REGISTRAZIONE DECORRONO DALLA DATA DELLA DOMANDA. DURANO 10 ANNI A PARTIRE DALLA STESSA DATA. 19

35 Marchio comunitario DALLA DOMANDA ALLA REGISTRAZIONE 1/2 mesi 3 mesi 5 anni dalla registrazione Domanda Valutazione impedimenti assoluti Ricerca UAMI Registrazione Convalida Pubblicazione domanda Inizio opponibilità. Valutazione impedimenti relativi

36 Marchio comunitario PERCHÉ SCEGLIERE IL DEPOSITO DI UN MARCHIO COMUNITARIO Una tutela valida in tutta l'unione europea con un'unica registrazione; Un costo di registrazione estremamente ragionevole e una procedura di facile accesso e gestione; La possibilità di preservare i diritti nazionali anteriori.

37 Marchio internazionale 35

38 Il sistema di Madrid Accordo di Madrid 1891(ultima revisione 1979) Protocollo relativo all'accordo di Madrid 1989 (ultima revisione 2007) Trattati Internazionali a cui aderiscono attualmente 91 paesi. Sistema di deposito facilitato: la registrazione internazionale genera un fascio di domande nazionali nei paesi designati. Sistema di gestione facilitato: consente la gestione centralizzata delle modifiche e dei rinnovi. Amministrato dall'organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI/WIPO) Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

39 Come accedere al Sistema di Madrid Persone fisiche o giuridiche che abbiano una connessione (stabilimento commerciale, domicilio, cittadinanza) con un paese aderente all'accordo e/o Protocollo di Madrid; Titolari di una domanda di marchio od una registrazione di marchio valida in quel paese(base del marchio internazionale). La domanda è presentata presso l'ufficio del paese della domanda/registrazione il quale, controllata la regolarità formale dell'istanza, trasmette il tutto all'ompi. La domanda è presentabile nelle lingue ufficiali dei trattati, ossia francese, inglese e spagnolo. Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

40 La domanda e la registrazione Internazionale Il titolare della domanda o registrazione di marchio compila un solo modulo designando i vari paesi di interesse fra quelli che hanno aderito all'accordo e/o al Protocollo. Valutata l ammissibilità della domanda sulla base degli impedimenti assoluti, l'ompi concede un numero di registrazione ed inoltra la domanda a ciascun paese designato. Gli uffici dei singoli paesi avranno 12/18 mesi di tempo per esaminare la domanda di marchio ed emettere un eventuale rifiuto sulla base degli impedimenti assoluti e/o relativi (il che da inizio ad un procedimento amministrativo locale). Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

41 Marchio internazionale COME ACCEDERE AL SISTEMA DI MADRID Domanda / registrazione UIBM/UAMI OMPI SINGOLI PAESI DESIGNATI

42 Il pericolo del c.d attacco centrale Per i primi cinque anni dalla registrazione, il marchio internazionale rimane legato alle sorti della domanda/registrazione di base. Seunterzoattaccailmarchiodibaseolostesso(sedomanda)viene rifiutato dal paese d'origine, decade tutto il sistema del marchio e sarà necessario trasformare il marchio internazionale in singole domande nazionali(con notevole aggravio di costi). IT Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

43 Marchio internazionale DURATA DELLA REGISTRAZIONE IL MARCHIO INTERNAZIONALE DURA 10 ANNI RINNOVO TRAMITE PAGAMENTO DELLE TASSE PER I SINGOLI PAESI DESIGNATI. IL MANCATO PAGAMENTO COMPORTA LA RINUNCIA ALMARCHIOINQUELPAESE POSSIBILE AGGIUNGERE ULTERIORI PAESI CON DESIGNAZIONE POSTERIORE CIÒ NON HA EFFETTI SULLA DURATA TOTALE DELLA VALIDITÀ. 46

44 Marchio internazionale MARCHIO INTERNAZIONALE È TUTELA MONDIALE? SONO92GLI STATI ADERENTI ALL'ACCORDO PROTOCOLLO DI MADRID NEL MONDO CI SONO 206 STATI SOVRANI RICONOSCIUTI NB: NON SONO PARTE DEL SISTEMA

45 Marchio internazionale DIVERSI PAESI, DIVERSI ONERI E REQUISITI IN ALCUNI PAESI POTREBBERO VENIRE RICHIESTI: ONERI D'USO; PARTICOLARI SPECIFICHE DEI PRODOTTI/SERVIZI RIVENDICATI; RINUNCE ALLA TUTELA DI PARTE DEL SEGNO DISCLAIMER.

46 Marchi nazionali ed esteri IL SISTEMA DI MADRID È NECESSARIO? QUALORA I PAESI D'INTERESSE FOSSERO MEMBRI DELL'ACCORDO/PROTOCOLLO, L'UTILIZZO DEL SISTEMA INTERNAZIONALE PORTEREBBE VANTAGGI ECONOMICI E GESTIONALI. LA VIA NAZIONALE È NECESSARIA NEI PAESI NON ADERENTI E POTREBBE ESSERE CONSIGLIABILE ANCHE NEI PAESI ADERENTI AL SISTEMA INTERNAZIONALE PER CERCARE DI SUPERARE ALCUNI RILIEVI EMESSI DAGLI UFFICI LOCALI.

47 La strategia di deposito

48 La strategia di deposito CREAZIONE DEL MARCHIO; DEFINIZIONE DI INTERESSI COMMERCIALI ED OBIETTIVI INDUSTRIALI; RICERCA DI ANTERIORITÀ IN RELAZIONE AL MARCHIO ED AI PAESI DI INTERESSE; SCELTA DI UNA SOLIDA BASE.

49 Grazie per l'attenzione Dott.ssa Giulia Lavizzari Dragotti & Associati Milano Via Nino Bixio, Treviso Via Paris Bordone, 9

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

Diri@ esclusivi. Marchio d impresa 11/03/12 1. Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Diri@ esclusivi. Marchio d impresa 11/03/12 1. Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA

REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA REQUISITI DI BREVETTABILITA O DI REGISTRABILITA INVENZIONI Novità Attività inventiva (originalità) Industrialità MARCHI Novità Capacità distintiva (originalità) MODELLI E DISEGNI Novità Carattere individualizzante

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO

I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO Ing. Roberto Ghezzi - consulente in Proprietà Industriale Brevetti Modelli - Marchi Alba,

Dettagli

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti

Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Seminario di primo orientamento in tema di marchi e brevetti Ascoli Piceno, 4 giugno 2013 Dott. Filippo Re Collaboratore Unioncamere Marche nel Progetto per la valorizzazione e la tutela dei titoli di

Dettagli

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI

LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI I MARCHI E I DISEGNI COMUNITARI TRA PRESENTE E FUTURO LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI Alessandro Mannini ARGOMENTI GENERALI MARCHIO MARCHIO COMUNITARIO Attività propedeutiche

Dettagli

Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI. GSS - a.a. 2010-2011 - Facoltà di Economia - UNIBA -Introduzione al diritto dei marchi

Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI. GSS - a.a. 2010-2011 - Facoltà di Economia - UNIBA -Introduzione al diritto dei marchi Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI 1 FONTI Art. 15 L. 12 dicembre 2002 n. 273 Dlgs. n. 30/2005 Codice della proprietà industriale (modificato Dlgs 13 agosto 2010 n.131) 2 Il codice (c.p.i.) =

Dettagli

La tutela internazionale dei marchi d impresa

La tutela internazionale dei marchi d impresa La tutela internazionale dei marchi d impresa AVVOCATI ASSOCIATI FELTRINELLI & BROGI - APTA CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE EUROPEAN PATENT, DESIGN & TRADEMARK ATTORNEYS 1 Perché si deposita un marchio

Dettagli

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN BUONMARCHIO PRATO, 21.03.2014 Ing. Mari & C. Srl - Corso Garibaldi, 14 55100 LUCCA www.mari.it - info@mari.it lucca@mari.it MARCHIO: DEFINIZIONE SEGNO

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 11 giugno 2014 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Dettagli

La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante

La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante Savona, 20 dicembre 2011 Dr. Giorgio Karaghiosoff BRAND MARCA MARCHIO ALTRO? DESIGN Il marchio è un segno distintivo Il marchio

Dettagli

EMANUELE MONTELIONE. Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari

EMANUELE MONTELIONE. Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari EMANUELE MONTELIONE Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari 27 Gennaio 2014 Centro Congressi - Fiera di Cagliari PROGRAMMA

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO D IMPRESA CHE COS E UN MARCHIO D IMPRESA Il marchio d impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

Note relative al modulo per l istanza di trasformazione

Note relative al modulo per l istanza di trasformazione UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note relative al modulo per l istanza di trasformazione Osservazioni di carattere generale Il modulo per l istanza di trasformazione

Dettagli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli MARCHI GEOGRAFICI INDICAZIONI DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli Santa Sofia, 5 maggio 2011 ore CEUB- Centro Residenziale Universitario Bertinoro Le diverse tipologie

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 9/12/2015 Privative e concorrenza Con il termine Proprietà industriale si intende una serie di istituti che, pur nella loro diversità, sono accomunati dalla circostanza

Dettagli

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi 1 1. STRATEGIE DI CREAZIONE DI UN PORTAFOGLIO MARCHI Il marchio

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA Cosa si intende per proprietà intellettuale? Come avviene per i beni materiali, anche le creazioni intellettuali possono essere oggetto di proprietà.

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 14 settembre 2010 (C 48/09 P) Lezione del 4 novembre 2010 Presentazione del

Dettagli

Breve guida sulla proprietà industriale. Il marchio di impresa

Breve guida sulla proprietà industriale. Il marchio di impresa Breve guida sulla proprietà industriale Il marchio di impresa IL MARCHIO DI IMPRESA Indice degli argomenti 1 Definizioni generali 1.1 Cosa si intende per prodotti o servizi? 1.2 In quali territori è possibile

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE M MARCHI INTERNAZIONALI Direttive concernenti

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003

Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003 Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003 che modifica il regolamento (CE) n. 40/94 sul marchio comunitario allo scopo di rendere operativa l'adesione della Comunità europea al protocollo

Dettagli

DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano

DIFESA DELLA P.I. 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano INDICAM "ALLARGAMENTO DELL'UNIONE EUROPEA: PROBLEMI E OPPORTUNITÀ PER LA DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30 Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano Le prospettive e i rischi

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 14.11.2003 L 296/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1992/2003 DEL CONSIGLIO del 27 ottobre 2003 che modifica il regolamento (CE) n. 40/94 sul

Dettagli

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (marchi, disegni e modelli) Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Osservazioni generali Uso del modulo Il modulo di domanda

Dettagli

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it

INDICAZIONI GEOGRAFICHE E. Relazione presentata in occasione del Salone della PROPRIETA INDUSTRIALE 2013 www.senaf.it INDICAZIONI GEOGRAFICHE E MARCHI COLLETTIVI : AMBITI DI PROTEZIONE E RAPPORTI RECIPROCI Avv. Nicoletta Amadei COS E UN MARCHIO Art. 7. dlgs.30/2005 Oggetto della registrazione 1. Possono costituire oggetto

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA di REGISTRAZIONE PER MARCHIO di IMPRESA DOVE PRESENTARE LA DOMANDA Chi intende

Dettagli

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Osservazioni generali Uso del modulo Si può ottenere il presente modulo gratuitamente dall UAMI (per posta, fax o messaggio di posta elettronica)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607704 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 Il

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A, Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa gazzetta ufficiale n. L 040 del 11/02/1989 pag. 0001-0007

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 2868/95 DELLA COMMISSIONE Sommario (non fa parte del testo ufficiale)

REGOLAMENTO (CE) N. 2868/95 DELLA COMMISSIONE Sommario (non fa parte del testo ufficiale) Articolo 1 REGOLAMENTO (CE) N. 2868/95 DELLA COMMISSIONE Sommario (non fa parte del testo ufficiale) TITOLO I MODALITÀ PROCEDURALI DELLA DOMANDA Regola 1 Contenuto della domanda Regola 2 Elenco dei prodotti

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

Il Marchio: come, dove e quando proteggere un brand di successo

Il Marchio: come, dove e quando proteggere un brand di successo Cremona, Camera di Commercio Sala Mercanti, 24 Maggio 2012 MARCHI, MODELLI E BREVETTI PER IL RILANCIO DELLE IMPRESE CREMONESI NEL MERCATO GLOBALE Il Marchio: come, dove e quando proteggere un brand di

Dettagli

Lezione VIII: I marchi

Lezione VIII: I marchi PROGETTO GEN HORT Lezione VIII: I marchi Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Cos è un marchio? Il marchio è un segno che distingue i prodotti e i servizi di un imprenditore da quelli dei suoi concorrenti

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, REGOLAMENTO (CE) N. 207/2009 DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2009 sul marchio comunitario IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Proprietà intellettuale in Marocco L Office Marocain de la Propriété Industrielle et Commerciale di Casablanca conserva il registro

Dettagli

PACCHETTO REVISIONE MARCHI

PACCHETTO REVISIONE MARCHI DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO MARCHI E BREVETTI PACCHETTO REVISIONE MARCHI PROPOSTO DALLA COMMISSIONE EUROPEA www.uibm.gov.it

Dettagli

Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa

Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa PRIMA DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 21 dicembre 1988

Dettagli

FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa

FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa Idee Imprenditoriali Innovative FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa Ancona, 11 dicembre 2009 Il ruolo della Camera di Commercio di Ancona dalle funzioni tradizionali alla promozione della cultura brevettuale,

Dettagli

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - PADOVA UFFICIO BREVETTI TELEFONO: 0498208236 / 143 / 235 e-mail : brevetti@pd.camcom.it ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI REGISTRAZIONE

Dettagli

BREVETTI E MARCHI BREVETTO

BREVETTI E MARCHI BREVETTO BREVETTI E MARCHI BREVETTO La politica tecnologica ed industriale stimola l innovazione tecnologica, senza la quale non si può avere crescita economica durevole, crescita di industrie altamente qualificate

Dettagli

LE PROCEDURE AMMINISTRATIVE

LE PROCEDURE AMMINISTRATIVE LE PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA CONTESTAZIONE DI UNA DOMANDA DI MARCHIO LAURA DI IORIO Vicenza 18/11/2014 1 Sommario Domanda di marchio: 1. Osservazioni 2. Opposizioni Registrazione di marchio: 3. Nullità

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

Un sistema di protezione alternativa per le forme: il Marchio tridimensionale Mauro Buffolo Capo unità Divisioni d Opposizione

Un sistema di protezione alternativa per le forme: il Marchio tridimensionale Mauro Buffolo Capo unità Divisioni d Opposizione Un sistema di protezione alternativa per le forme: il Marchio tridimensionale Mauro Buffolo Capo unità Divisioni d Opposizione Milano, 29 Ottobre 2002 - Presentation. O.H.I.M 1 QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

La protezione del design

La protezione del design La protezione del design Il design cattura l attenzione, suscita sensazioni. Conferisce un valore aggiunto anche agli oggetti di tutti i giorni, rendendoli inconfondibili. E spesso l aspetto di un oggetto

Dettagli

GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI

GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI SETTORE TUTELA DEL MERCATO E AMBIENTE Unità Organizzativa Regolazione del Mercato Tel. 0523/386227-218 - 230 brevetti@pc.camcom.it GUIDA PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE DEI MARCHI La domanda per ottenere

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

Indice. Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI. Matteo Dragoni. Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale

Indice. Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI. Matteo Dragoni. Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale Indice Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI Matteo Dragoni Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale 1. Cos è un brevetto per invenzione 15 2. Vantaggi e svantaggi della brevettazione

Dettagli

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO NELL INTERPRETAZIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA Sommario: 1. Brevi cenni sul marchio Europeo 2. L art. 3 comma 3 della direttiva e i precedenti

Dettagli

Modelli o Design comunitari

Modelli o Design comunitari Modelli o Design comunitari Brevi cenni sulla legislazione comunitaria. Nullità contraffazione. Esempi pratici. 1 Disegno o modello comunitario cosa è. Un disegno o modello comunitario è un diritto esclusivo

Dettagli

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Avv. Francesco Celluprica Barzanò & Zanardo Studio Legale Associato Istituto di Commercio Estero 3-5 febbraio 2015 Poli tecnologici 2015 Barzanò & Zanardo

Dettagli

I BREVETTI PER LA PROTEZIONE DELL INNOVAZIONE

I BREVETTI PER LA PROTEZIONE DELL INNOVAZIONE I BREVETTI PER LA PROTEZIONE DELL INNOVAZIONE Innovazione tecnologica e fattori abilitanti - FDIR 416 Informazioni e Servizi 30 Ottobre 2008 Giacomo Tosoni Gradenigo Confindustria Veneto Siav spa Tutelare

Dettagli

INDICE. Ultimo aggiornamento: giugno 2013

INDICE. Ultimo aggiornamento: giugno 2013 UFFICIO BREVETTI E MARCHI GUIDA AL DEPOSITO DELLE DOMANDE DI MARCHIO INTERNAZIONALE - D - Ultimo aggiornamento: giugno 2013 INDICE INFORMAZIONI SUL MARCHIO INTERNAZIONALE PROCEDURA DI DEPOSITO DI UN MARCHIO

Dettagli

Il marchio come strumento di competitività di un impresa

Il marchio come strumento di competitività di un impresa Il marchio come strumento di competitività di un impresa RINGRAZIAMENTI buonasera, sono Aldo Fittante e prima di tutto vorrei ringraziare l organizzazione di questo Forum Internazionale ed i Colleghi relatori.

Dettagli

STUDIO TORTA Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare

STUDIO TORTA Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare Beni immateriali: un patrimonio da valorizzare Ing. Corrado Modugno Studio Torta S.r.l. Il patrimonio intangibile di una azienda Contratti Accordi Know How Brevetti Design Marchi Tipologia di brevetti

Dettagli

La tutela del design Incontro AIJA AGAT Torino, 5 aprile 2008

La tutela del design Incontro AIJA AGAT Torino, 5 aprile 2008 La tutela del design Incontro AIJA AGAT Torino, 5 aprile 2008 Contratti internazionali di trasferimento e licenza Avv. Marina Motta disegno e modello marchio di forma diritto autore La tutela del design

Dettagli

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano

Guida al deposito. Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid. Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Ufficio Marchi e Brevetti Centro P.I.P. Patent Information Point Guida al deposito Marchio Internazionale secondo il Sistema di Madrid Ferrara, Via Borgoleoni, 11 3 piano Resp: Paola Bonzagni tel. 0532-783.804

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 Perché registrare un marchio in Cina. 3 I marchi validi in Cina. 3 La registrazione di un marchio nazionale cinese. 3 La registrazione di un marchio internazionale designante

Dettagli

INDICE. Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO

INDICE. Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO Prefazione di Luca Lotti.............................. Gustavo Ghidini................................... Massimo Ruffilli................................... V IX XI Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO

Dettagli

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE 44 CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! 55 COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE PREMESSAPREMESSA COME TUTELARE

Dettagli

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui di Alessio Canova Reggio Emilia, 11 aprile 2013 Le imprese e la loro presenza su internet Il sito internet ed i

Dettagli

Esame svizzero per Consulenti in Brevetti. Contenuto dell Esame

Esame svizzero per Consulenti in Brevetti. Contenuto dell Esame Esame svizzero per Consulenti in Brevetti Contenuto dell Esame Le seguenti informazioni sono da intendersi come linee guida e non sono vincolanti. ESAME PARTE 3: A. Tutte le disposizioni della Legge Federale

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO OPERAZIONI SERVIZIO DISEGNI E MODELLI DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DEL 07/12/2011 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE

La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE Il Marchio di posizione ed il caso Steiff Gmbh/UAMI Firenze 15 Maggio 2015 Fondazione per la Formazione Forense dell Ordine degli

Dettagli

Ancona, 8 marzo 2007 dr. Orazio Olivieri

Ancona, 8 marzo 2007 dr. Orazio Olivieri Ancona, 8 marzo 2007 dr. Orazio Olivieri !" # Sono esclusi dalla registrazione o, se registrati, possono essere dichiarati nulli: i marchi di impresa composti esclusivamente da segni o indicazioni che

Dettagli

La circolazione dei segni distintivi

La circolazione dei segni distintivi La circolazione dei segni distintivi Marchio, insegna e ditta Torino, 19 marzo 2008 Avv. Massimo Sterpi LA DITTA Segno distintivo dell impresa che consente l individuazione e la distinzione tra i vari

Dettagli

Mercato di libera concorrenza: esigenze imprenditoriali e criticità

Mercato di libera concorrenza: esigenze imprenditoriali e criticità Marchi, modelli e brevetti per il rilancio delle imprese cremonesi nel mercato globale Cremona, Camera di Commercio Sala Mercanti, 24 Maggio 2012 invenzioni, modelli, design industriale, marchi, segreto

Dettagli

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano.

Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Procedure di deposito e concessione di domande di brevetto italiano ed europeo - Aggiornamento su esame di merito domande di brevetto italiano. Marta Manfrin Consulente brevettuale, Società Italiana Brevetti

Dettagli

STUDIO LEGALE SCAVO & ASSOCIATI LEGALE, COMMERCIALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE SCAVO & ASSOCIATI LEGALE, COMMERCIALE E TRIBUTARIO PROSPETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL MARCHIO Redattore: dott. Alessandro Scavo Lo Studio Legale Scavo & Associati, attivo in Bari da più di 25 anni, si occupa con profitto di registrazioni marchi, brevetti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE (GENTILONI SILVERI) (PADOAN)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE (GENTILONI SILVERI) (PADOAN) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3083 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE (GENTILONI SILVERI) DI CONCERTO CON

Dettagli

IL NUOVO DIRITTO DEI MARCHI MARCHIO NAZIONALE E MARCHIO COMUNITARIO

IL NUOVO DIRITTO DEI MARCHI MARCHIO NAZIONALE E MARCHIO COMUNITARIO GIUSEPPE SENA IL NUOVO DIRITTO DEI MARCHI MARCHIO NAZIONALE E MARCHIO COMUNITARIO TERZA EDIZIONE GIUFFRE EDITORE 2001 INDICE-SOMMARIO Capitolo I L'EVOLUZIONE DEL SISTEMA NORMATIVO 1. La direttiva 89/104/CEE

Dettagli

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione FACOLTÀ DI INGEGNERIA II 31 maggio 2011 La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione Relatore: Ing. Giuseppe Quinterno Jacobacci & Partners S.p.A. 1 Proprietà Intellettuale e Industriale

Dettagli

Note esplicative sul modulo di ricorso

Note esplicative sul modulo di ricorso UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (marchi, disegni e modelli) Note esplicative sul modulo di ricorso 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Si può ottenere questo modulo gratuitamente

Dettagli

DIRITTO INDUSTRIALE BREVETTI. Ing. Paolo Piovesana

DIRITTO INDUSTRIALE BREVETTI. Ing. Paolo Piovesana DIRITTO INDUSTRIALE BREVETTI 1 LIBERO MERCATO CONCORRENZA Sul prezzo Non sul prezzo Sulla qualità Sull organizzazione dell azienda Sulla politica commerciale Sull innovazione tecnologica 2 L innovazione

Dettagli

INTERNAZIONALE REALIZZAZIONE DEL MARCHIO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI RELAZIONE FINALE

INTERNAZIONALE REALIZZAZIONE DEL MARCHIO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI RELAZIONE FINALE DISTRETTO AGROALIMENTARE - P.I.R. RETI PER LO SVILUPPO LOCALE PROGETTO PILOTA N.11 UNA RETE DI VALORE:GESTIONE UNITARIA DEI PROCESSI ED APERTURA INTERNAZIONALE P.O.R. SICILIA 2000/2006 MISURA 6.06 REALIZZAZIONE

Dettagli

L innovazione finanziata: strumenti di finanziamento della proprietà

L innovazione finanziata: strumenti di finanziamento della proprietà L innovazione finanziata: strumenti di finanziamento della proprietà Inserire industriale Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio, 7 milano@dragotti.com

Dettagli

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Fashion Law: valore della proprietà intellettuale nel settore della moda e del tessile Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Avv. Maria Grazia

Dettagli

Milano, 23 febbraio 2011

Milano, 23 febbraio 2011 Intellectual Property Office Brasile: dalla classificazione doganale della merce alle opportunità di business Proprietà intellettuale (marchi, nome e brevetti): perché tutelarla? Milano, 23 febbraio 2011

Dettagli

Il procedimento di Opposizione alla Registrazione del marchio di impresa in Italia

Il procedimento di Opposizione alla Registrazione del marchio di impresa in Italia Il procedimento di Opposizione alla Registrazione del marchio di impresa in Italia IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE Definizione Procedimento amministrativo che si svolge dinanzi all Ufficio Marchi attraverso

Dettagli

DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria)

DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria) DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria) a cura di Forme di protezione Disegni e modelli registrati Disegni e modelli non registrati Definizione di disegno o modello Aspetto di un prodotto

Dettagli

Prato, 10 e 11 dicembre 2003 COMPETITIVENESS OF SMALL AND MEDIUM-SIZED. Il MODELLO COMUNITARIO COME STRUMENTO DI TUTELA E ASSET AZIENDALE

Prato, 10 e 11 dicembre 2003 COMPETITIVENESS OF SMALL AND MEDIUM-SIZED. Il MODELLO COMUNITARIO COME STRUMENTO DI TUTELA E ASSET AZIENDALE Prato, 10 e 11 dicembre 2003 WIPO-ITALY FORUM ON INTELLECTUAL PROPERTY AND COMPETITIVENESS OF SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES (SMES) IN THE TEXTILE AND CLOTHING INDUSTRIES OF MEDITERRANEAN BASIN COUNTRIES

Dettagli

INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI FONDAMENTALI

INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI FONDAMENTALI INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI FONDAMENTALI ART. 1 (Diritti di proprietà industriale) ART. 2 (Costituzione ed acquisto dei diritti) ART. 3 (Trattamento dello straniero) ART. 4 (Priorità)

Dettagli

MODULO per OPPOSIZIONE (1/ )

MODULO per OPPOSIZIONE (1/ ) MODULO per OPPOSIZIONE (1/ ) UNA MARCA DA BOLLO OGNI QUATTRO PAGINE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIVISIONE

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING

MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING V ed. 2011 C.Costa - M.C.Baldini - R. Plebani - 1 - Indice CAP. I IL PATRIMONIO TECNOLOGICO E COMMERCIALE DELL IMPRESA INDIRIZZI GENERALI PER LA SUA GESTIONE 1.1. Come

Dettagli

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI Introduzione alla Proprietà Intellettuale Proprietà Industriale: Marchi & Brevetti 1 Ing. Lino Fanella Outline Beni Immateriali / Asset Intangibili Proprietà Intellettuale

Dettagli

Avv. Rossella Masetti

Avv. Rossella Masetti Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2965 Fax: 059 29232 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it Gli intangibles: inquadramento giuridico,

Dettagli