C O P D Chronic Obstructive Pulmonary Disease. Serafino A. Marsico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O P D Chronic Obstructive Pulmonary Disease. Serafino A. Marsico"

Transcript

1 C O P D Chronic Obstructive Pulmonary Disease Serafino A. Marsico Cinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie Seconda Università di Napoli Definizione di COPD scaricato da 1

2 DEFINITIONS OF COPD ATS/ERS 2004 Chronic obstructive pulmonary disease (COPD) is a preventable and treatable disease state characterised by airflow limitation that is not fully reversible. The airflow limitation is usually progressive and is associated with an abnormal inflammatory response of the lungs to noxious particles or gases, primarily caused by cigarette smoking. Although COPD affects the lungs, it also produces significant systemic consequences. La definizione ATS/ERS 2004 è quella più diffusamente utilizzata. E una definizione di tipo funzionale, in quanto la caratteristica fondamentale della COPD è la presenza di un ostruzione al flusso aereo non completamente reversibile. Operativamente, si ritiene che un soggetto abbia una COPD quando l indice lindice di Tiffenau, cioè il rapporto FEV1/FVC %, misurato dopo la somministrazione di un broncodilatatore, è < 70%. Nella definizione viene stressato il concetto che la COPD si sviluppa a seguito di una risposta infiammatoria abnorme al fumo di sigaretta e/o ad altri inquinanti ambientali La COPD, pur essendo una malattia primitivamente dell Apparato Respiratorio, può determinare effetti su altri organi ed apparati. Tali effetti sono legati in parte all ipossiemia+/- ipercapnia, che si sviluppa nell evoluzione della malattia, ed in parte all infiammazione. scaricato da 2

3 Genetic susceptibility Allergens Environmental factors ASTHMA COPD: an heterogeneous disease with different phenotypes CHRONIC BRONCHITIS C O P D EMPHYSEMA Genetic susceptibility Cigarette smoke Environmental factors Genetic susceptibility Cigarette smoke Environmental factors not fully reversible airflow limitation La figura intende sottolineare il concetto che la COPD non è una malattia unitaria, ma piuttosto uno stato morboso eterogeneo che può svilupparsi in derivazione da: 1) Bronchite cronica (evenienza più frequente); 2) Enfisema polmonare primitivo (evenienza meno frequente); 3) Asma bronchiale (nel 20-25% dei pz COPD). La COPD, pertanto, è una malattia strutturalmente eterogenea, che comprende fenotipi clinici differenti. Nel corso della evoluzione queste 3 patologie perdono in parte le connotazioni originarie per acquisire la caratteristica fisiopatologica della COPD, cioè l ostruzione al flusso delle vie aeree irreversibile o non completamente reversibile. scaricato da 3

4 DEFINIZIONE DI BRONCHITE CRONICA, ENFISEMA POLMONARE ED ASMA BRONCHIALE BRONCHITE CRONICA La bronchite cronica viene definita in termini i clinici i i come una patologia bronchiale caratterizzata dalla presenza di tosse ed espettorazione cronicamente ricorrenti da due anni e presenti per almeno tre mesi all anno. scaricato da 4

5 ENFISEMA POLMONARE Viene definito in termini antomopatologici come una condizione morbosa del polmone caratterizzata da abnorme e permanente aumento di volume degli spazi aerei posti distalmente al bronchiolo terminale, associato a distruzione dei setti alveolari, in assenza di chiara fibrosi. Sul piano istopatologico, in rapporto alla distribuzione delle e lesioni distruttive nell ambito del lobulo polmonare secondario (o acino polmonare), l enfisema può essere classificato in panlobulare, centrolobulare e parasettale. ENFISEMA POLMONARE Enfisema panlobulare: le lesioni distruttive interessano omogeneamente l intera unità lobulare. Tale forma è tipica dell enfisema cosiddetto primitivo o idiopatico o essenziale e si riscontra caratteristicamente nei pz con deficit grave di α1-antitripsina. L enfisema panlobulare è prevalentemente localizzato alle basi del polmone. Enfisema centrolobulare: le lesioni distruttive interessano la parte centrale le lobulo (bronchioli respiratori di I, II e III ordine, dotti e canali e sacchi alveolari funzionalmente dipendenti), mentre la parte periferica del lobulo risulta risparmiata. Questo pattern lesionale è tipico dell enfisema post-bronchitico e si sviluppa quale risultato di una propagazione della flogosi dai bronchi centrali ai bronchioli terminali. L enfisema centrolobulare è prevalentemente localizzato alle parti superiori del polmone. scaricato da 5

6 Polmone normale Enfisema Centrolobulare scaricato da 6

7 Enfisema panlobulare 2 ASMA BRONCHIALE In accordo con le linee guida GINA 2009 (universalmente adottate), l asma è definita come una malattia infiammatoria delle vie aeree caratterizzata: 1) Sul piano clinico, da episodi di dispnea parossistica sibilante associata a tosse prevalentemente notturna o nelle prime ore del mattino e senso di costrizione toracica. 2) Sul piano funzionale, da ostruzione al flusso aereo reversibile spontaneamente o dopo terapia. 3) Sul piano biologico, da una condizione di iperresponsività a stimoli di varia natura della muscolatura liscia bronchiale (iperreattività bronchiale aspecifica). scaricato da 7

8 Epidemiologia COPD Global Burden of COPD Pooled prevalence estimates for COPD by category % 16 Smokers Ex Smokers M Urban Rural No Smokers F 0 Age (yrs) Smoke Sex Setting overall < Halbert RJ et al, ERJ 2006 scaricato da 8

9 Percentage of the population aged over 60 in 2000 and predictions for 2020 year Country Italy Japan Germany Greece Croatia Spain United Kingdom France Switzerland Norway Hungary Slovenia USA Source United Nations Gli italiani secondo l abitudine del fumo Totale Maschi Femmine FUMATORI 12,2 milioni circa 6,9 milioni circa 5,3 milioni circa (24,3%) (28,6%) (20,3%) EX-FUMATORI 9 milioni circa 5,8 milioni circa 3,3 milioni circa (18,1%) (24%) = (11,2%) NON FUMATORI 29 milioni circa 11,4 milioni circa 17,5 milioni circa (57,6%) (47,4%) (67,1%) OSSFAD, Istituto Superiore di Sanità Indagine DOXA 2006 scaricato da 9

10 Principali cause di Disability Adjusted Life Year nel mondo Infez resp inf Diarrea Patol perinatale Depressione Ischemia cardiaca Vascul cerebrali TBC Morbillo Incidenti stradali Anomalie congenite Malaria COPD Ischemia cardiaca Depressione Incidenti stradali Vascul cerebrali COPD Infez resp inf TBC Diarrea Patol perinatale Anomalie congenite Malaria Morbillo WHO Bronchite cronica ostruttiva, con riacutizzazione icd9cm Ricoveri in Regime Ordinario (FONTE SDO MINISTERO DELLA SALUTE) % sul totale dei ricoveri % % % % * Dati che, pur sottostimati a causa dei limiti di codifica, evidenziano un trend in netto aumento dei ricoveri scaricato da 10

11 Trends in age-standardized death rates for the six leading cause of death in USA Jemal A et al, JAMA 2005 Patogenesi COPD scaricato da 11

12 Cigarette smoke Environmental risk factors Aiway Inflammation Peribronchiolar fibrosis Mucus hypersecretion I N F L A M M A T I O N COPD Airflow limitation Hyperinflation Genetic susceptibility Alveolar wall destruction Loss of alveolar attachments Pathological Findings in Patients with COPD Hogg JC et al, NEJM 2004 scaricato da 12

13 Some genetic polymorphisms relevant in COPD Wood A and Stockley R, Respir Res 2006 Fattori genetici e COPD Il ruolo dei fattori genetici nella patogenesi della COPD, con l eccezione del deficit omozigote di alfa1-antitripsina (mutazione omozigote Pi-ZZ) tuttavia molto raro, non è ancora ben definito. Nella tabella sono riportati alcuni polimorfismi (SNPs) di geni coinvolti nella sintesi di enzimi elastolitici (metalloproteasi 1 e 9) o di enzimi antiproteasici (inibitori delle metalloproteasi) o di proteine antiossidanti o di citochine proinfiammatorie (TNFα) che si ritiene abbiano un ruolo nella patogenesi della malattia. scaricato da 13

14 PATHOGENESIS OF COPD Exposure Target cells Cigarette smoke, environmental irritants Airway and lung cells (Epithelial cells, Macrophages) Inflammatory mediators Effector cells Tissue effects Neutrophils, CD8 + cells, Monocytes, Macrophages, Fibroblasts Inflammatory mediators Grow factors Proteases ROS Goblet cell metaplasia Peribronchiolar Alveolar l destruction ti Submucous gland Fibrosis Loss of alveolar enlargment attachments Outcome Airflow Limitation Hyperinflation Dyspnea Disability Changes in Inflammatory Cells in Smokers With Chronic Bronchitis (CB), COPD, and Asthma Inflammatory Cells CB COPD Asthma CD CD CD CD CD4/CD8+ ratio 1:4 1:2 3:1 Neutrophils Eosinophils Macrophages * Values given as fold change in number of cells respective to healthy control subjects Jeffery PK, CHEST 2000 scaricato da 14

15 Nella COPD, le cellule infiammatorie effettrici prevalenti sono i macrofagi, i linfociti T CD8+ ed i neutrofili. Nell asma bronchiale, al contrario, prevalgono i linfociti T CD4 +Th2, gli eosinofili ed i mastociti. Role of Macrophage in COPD Pathogenesis Peroxynitrite ROS NO MMP-2,9,12 Cathepsin K,L,S Macrophage CCL3 CCL2 TNF CXCL1 CXCL8 CXCL5 CXCL8 LTB 4 CXCL9 CXCL10 CXCL11 CXCR3 CCR1 CCR2 CXCR2 CXCR1 CXCR2 BLT 1 Monocyte TNFR TNFR Neutrophil CD8 + cell scaricato da 15

16 Role of Neutrophil in COPD Pathogenesis Macrophage CXCL1 CXCL8 CXCL5 LTB4 CXCR1 TNF BLT-1 TNF-R Elastase Proteinase-3 Cathepsin G MMP-8 MMP-9 CXCR2 Neutrophil ROS Mucus hypersecretion Airway inflammation Small airway fibrosis Cytokines, Chemokines Growth factors Alveolar destruction CD8 CELLS IN COPD IFN- Epithelial cells IP-10, Mig, I-TAC Macrophage CXCR3 Cytotoxic T cell (CD8+: Tc1 cell) Perforins Granzyme B Apoptosis of type I pneumocytes scaricato da 16

17 INFLAMMATORY MECHANISMS IN COPD Cigarette smoke Other irritants A I R W A Y I N F L A M M A T I O N Epithelial cells TNF- IL- IL-8, GM-CSF TGF- Fibroblast MCP-1 IP10 CXCR3 CD8+ lymphocyte Macrophage TNF- LTB 4 IL-8, CXC chemokines Growth factors CXCR2/1 Neutrophil CD8 + Cells in the Lungs of Smokers with COPD Saetta M et al, AJRCCM 1999 scaricato da 17

18 Preparato di immunoistochimica che documenta l infiltrazione dei linfociti T CD8+ a livello del bronchiolo terminale (inalto a sx), delle ghiandole (in alto a dx), dei setti alveolari (in basso a sx) e della tonaca muscolare delle arteriole (in basso adx) Cigarette smoke Environmental risk factors Aiway Inflammation Peribronchiolar fibrosis Mucus hypersecretion I N F L A M M A T I O N COPD Airflow limitation Hyperinflation Genetic susceptibility Alveolar wall destruction Loss of alveolar attachments scaricato da 18

19 L enfisema polmonare si sviluppa quale risultato di una malattia a carattere distruttivo la cui patogenesi si ritiene sia legata allo squilibrio fra proteasi ed antiproteasi e fra ossidanti e antiossidanti a livello del polmone profondo. PROTEASE-ANTIPROTEASE IMBALANCE IN COPD PROTEASI Neutrophil elastase Cathepsins MMP-2 2, MMP-9 9, MMP-12 Others.. ANTIPROTEASI 1 -Antitrypsin i SLPI Elafin TIMPs scaricato da 19

20 Lo squilibrio fra proteasi ed antiproteasi determina una digestione enzimatica delle strutture connettivali dell interstizio alveolare ed in particolare delle fibre elastiche. Tale squilibrio può essere secondario o ad un eccessivo rilascio di proteasi da parte di macrofagi e neutrofili attivati o ad un deficit genetico primitivo di α1-antitripsina o ad un deficit funzionale di antiproteasi da stress ossidativo. OXIDANT-ANTIOXIDANT IMBALANCE OXIDATIVE BURDEN Reactive Oxygen Species O 2-, H 2 O 2, OH ONOO - ANTIOXIDANTS Glutathione SOD, catalase Uric acid, bilirubin Dietary: vits A,C flavenoids scaricato da 20

21 TARGETS OF OXIDATIVE STRESS NF- B Anti-proteases SLPI 1 -AT Proteolysis O 2-, H 2 O 2, OH -, ONOO - Inflammatory genes Mucus secretion Isoprostanes Cytokines, Chemokines, Adhesion molecules, Enzymes Damage to: Lipids Proteins DNA Plasma leak Bronchoconstriction Gli ossidanti sono in grado di inattivare l α1- antitripsina, determinando un deficit funzionale dell enzima. Lo stress ossidativo, attraverso NF-kB ed il sistema delle MAP-kinasi, i induce la trascrizione i di geni codificanti per molecole proinfiammatorie. Gli ossidanti sono altresì in grado di inattivare la istone-deacetilasi 2, interferendo in tal modo con uno dei meccanismi più importanti dell azione antiinfiammatoria dei Glucocorticoidi (ciò spiega la ridotta efficacia di questa classe di farmaci nel trattamento della COPD). scaricato da 21

22 Secondo una recente ipotesi patogenetica, l enfisema sarebbe anche la conseguenza di un processo apoptotico abnorme delle cellule alveolari I meccanismi con cui si determina l apoptosi sono illustrati nelle figure seguenti Different pathways involved in apoptosis Granzyme B Perforin Demedts IK et al, Respiratory Research 2006 scaricato da 22

23 Interaction of apoptosis with other pathogenetic mechanisms in COPD Demedts IK et al, Respiratory Research 2006 Marked alveolar apoptosis/proliferation imbalance in end-stage emphysema Calabrese F et al, Respiratory Research 2005 scaricato da 23

24 Marked alveolar apoptosis/proliferation imbalance in end-stage emphysema Calabrese F et al, Respiratory Research 2005 Respiratory Research 2006 scaricato da 24

25 AMPLIFICATION OF INFLAMMATION IN COPD ++++ Inflammation +? Neutrophils Macrophages Cytokines Mediators Proteases A M P L I F I C A T I O N Genetic Infections Oxidative stress Other 0 Non-smokers Normal smokers COPD Fisiopatologia della COPD scaricato da 25

26 Fisiopatologia della COPD Meccanica ventilatoria Le resistenze delle vie aeree, espresse in termini di cmh20/l/sec (v.n. ca 2 cmh20/l/sec), nella COPD risultano aumentate per due motivi: 1)Riduzione del calibro delle vie aeree per modificazioni intrinseche delle pareti e del lume bronchiale (ispessimento flogistico della parete, iperplasia ed ipertrofia dell apparato muco-secernente, spasmo della muscolatura liscia bronchiale, fibrosi parietale, tappi endoluminali di muco e di essudato) 2)Riduzione del diametro delle vie aeree intraparenchimali per deficit della trazione esercitata dalle fibre elastiche conseguente alla distruzione dei setti alveolari. Questa condizione si riscontra quando è presente enfisema. In questi casi, nel tentativo di realizzare un compenso (cioè di attenuare l aumento della resistenza), il polmone si iperdistende per aumentare la forza di trazione elastica (iperinsufflazione polmonare statica) scaricato da 26

27 Fisiopatologia della COPD Meccanica ventilatoria Il deficit elastico del parenchima è legato alla distruzione dei setti alveolari e compromette la capacità di ritorno elastico, che è la forza che in condizioni fisiologiche realizza l atto espirtaorio Nell iperventilazione ed in espirazione forzata, la perdita degli attacchi alveolari, favorisce il collabimento precoce delle vie aeree periferiche, con conseguente air trapping (iperinsufflazione dinamica) Health COPD Lung Volume Response to Exercise TLC RV TLC RV IC EELV IC EELV IRV IC Vt IC Vt TLC EILV EELV RV TLC EILV EELV RV IC IC IRV=inspiratory reserve volume. Cooper et al. Am J Med. 2006;119:S21-S32 (A). Rest Exercise scaricato da 27

28 Nella figura è chiaramente dimostrato come, nel pz COPD, in corso di esercizio fisico, si determini un progressivo spostamento in alto della posizione di EELV (End expiratory lung volume), che corrisponde alla CFR (Capacità funzionale residua), ossia al volume di aria contenuto nel polmone alla fine di una espirazione normale. Ciò comporta un progressivo spostamento della ventilazione a volume corrente verso la capacità polmonare totale, con riduzione della riserva inspiratoria Fisiopatologia della COPD Meccanica ventilatoria Le anomalie meccaniche sono responsabili delle modificazioni del quadro spirografico e della curva flusso volume nei pz con COPD. In particolare, il profilo spirografico è caratterizzato da: 1)Riduzione del FEV1 (Forced Expiratory Volume in the first second Sinonimo: VEMS = Volume espiratorio massimo in un secondo) rispetto ai valori teorici; 2)Riduzione del rapporto FEV1/SVC% d (SVC: Slow Vital Capacity) rispetto ai valori teorici (Il rapporto FEV1/SVC% è conosciuto come indice di Tiffenau e normalmente è superiore al 70%). Un indice di Tiffenau < al 70% è indicativo di una condizione ostruttiva. 3)Aumento del volume residuo (RV: residual volume) rispetto al teorico e in % della capacità polmonare totale (TLC: total lung capacity). Il rapporto RV/TLC% è indicato anche come Indice di Motley o Indice di enfisema (v.n. ca 25%) 4)Riduzione della capacità vitale (VC: Vital Capcity) forzata e lenta, ma di entità inferiore alla riduzione del FEV1. 5) TLC generalmente aumentata per il notevole aumento del volume residuo, nonstante la capacità vitale sia ridotta (TLC = VR + VC) scaricato da 28

29 Fisiopatologia della COPD Meccanica ventilatoria La curva flusso-volume registrata in espirazione ed inspirazione forzata documenta: 1) Riduzione del picco di flusso (PEF: peak expiratory flow rate) 2) Riduzione dei flussi espiratori massimi ai diversi volumi espirati con una tipica concavità verso l alto della curva del flusso. NB: Sia la riduzione del VEMS sia la riduzione del flusso espiratorio massimo per definizione non sono completamente reversibili dopo broncodilatazione farmacologica (es. dopo somministrazione di un β2 stimolante) Classification of COPD Severity or Classification of Airway Obstruction Severity? Stage I: Mild FEV 1 /FVC < 0.70 FEV 1 > 80% predicted d Stage II: Moderate FEV 1 /FVC < % < FEV 1 < 80% predicted Stage III: Severe FEV 1 /FVC < % < FEV 1 < 50% predicted Stage IV: Very Severe FEV 1 /FVC < 0.70 FEV 1 < 30% predicted or FEV 1 < 50% predicted plus chronic respiratory failure GOLD 2006 scaricato da 29

30 Deficit Ventilatorio Ostruttivo FLUSSO (L/SEC) CPT PEF FEV 1 FVC FEV 1 /FVC MEF 50 MEF 25 VOLUME (L) Fisiopatologia della COPD Meccanica ventilatoria L iperinsufflazione polmonare statica e dinamica ha delle conseguenze svantaggiose sulla meccanica diaframmatica e della parete toracica, illustrate nella figura. In particolare, l abbassamento e l appiattimento del diaframma inducono 1) un aumento del raggio di curvatura e quindi della tensione sviluppata (per effetto della legge di Laplace, dove T = P/2R) 2) un accorciamento delle fibre muscolari e quindi una riduzione della forza sviluppata per effetto della legge di Starling L iperdistensione polmonare progressiva fa sì che il torace si dilati oltre la sua posizione di riposo, per cui il pz in inspirazione deve vincere la forza di ritorno elastico del torace, che in condizioni fisiologiche, al contrario, agevola l atto inspiratorio (Si noti la direzione delle frecce nelle due figure) scaricato da 30

31 Lung and Chest Wall Forces at End-Expiration in COPD vs. Normal Normal COPD Chest wall recoil remains inward resulting in a threshold load at the start of inspiration Flattened shortened diaphragm muscle inefficient in force generation P = 2 /r Adapted From O Donnell. In definitiva, per l incremento delle resistenze it al flusso e per l iperinsufflazione statica e dinamica, si determina un notevole incremento del lavoro e del consumo di ossigeno dei muscoli respiratori. scaricato da 31

32 Fisiopatologia della COPD- Alterazione degli scambi gassosi Le principali alterazioni sono dovute alla irregolarità di distribuzione del rapporto ventilazione/perfusione (Va/Q), e alla riduzione della capacità di diffusione. Le anomalie del rapporto Va/Q, con un prevalenza di distretti a basso Va/Q, sono le principali responsabili dell effetto shunt e della conseguente ipossiemia. Tale condizione si verifica in misura maggiore nell enfisema centrolobulare, dove si realizzano due compartimenti in serie: la parte centrale del lobulo distrutta, quantitativamente poco rappresentata, in assenza di perfusione, si comporta come un settore ad alto Va/Q, creando un effetto spazio morto. La parte periferica del lobulo, perfusa ma scarsamente ventilata, crea un effetto shunt. Nonostante per la vasocostrizione arteriolare ipossica, il flusso ematico tenda ad essere distribuito nei settori strutturalmente poco alterati, globalmente prevalgono i settori a basso Va/Q, per cui in questi pz l ipossiemia è di grado notevole. scaricato da 32

BPCO i punti essenziali

BPCO i punti essenziali BPCO i punti essenziali La broncopneumopatia cronica ostruttiva o BPCO, COPD in inglese, è una malattia caraterizzata da limitazione al flusso aereo bronchiale non completamente reversibile. La limitazione

Dettagli

LINEE GUIDA GOLD PER LA MEDICINA GENERALE. Poppi 23/02/13 dott. Luigi Giannini

LINEE GUIDA GOLD PER LA MEDICINA GENERALE. Poppi 23/02/13 dott. Luigi Giannini LINEE GUIDA GOLD PER LA MEDICINA GENERALE Poppi 23/02/13 dott. Luigi Giannini Mortalità in Italia Le malattie dell apparato respiratorio rappresentano la 3 a causa di morte in Italia (dopo malattie cardiovascolari

Dettagli

Dalla clinica alla fisiologia

Dalla clinica alla fisiologia Dalla clinica alla fisiologia Marco Confalonieri Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria OORR di Trieste Ospedale di Cattinara Trieste 1 Small-airway-obstructive and emphysema

Dettagli

Fondamentali di fisiopatologia respiratoria per capire le malattie ostruttive

Fondamentali di fisiopatologia respiratoria per capire le malattie ostruttive Fondamentali di fisiopatologia respiratoria per capire le malattie ostruttive Fisiopatologia Respiratoria delle Malattie Ostruttive Le alterazioni fisiopatologiche nella BPCO Limitazione del flusso aereo

Dettagli

La Spirometria. Giovanni Coniglio Arezzo

La Spirometria. Giovanni Coniglio Arezzo La Spirometria Manovra spirometrica Volume corrente Volumi polmonari statici Respirazione tranquilla nel normale Capacità funzionale residua : Cfr Livello di riposo respiratorio Inspirazione massima Capacità

Dettagli

Diagnostica Pneumologica

Diagnostica Pneumologica Diagnostica Pneumologica Diagnostica pneumologica Test diagnostici strumentali Esami funzionali respiratori Esami radiologici Esami radioisotopici Esami endoscopici Esami microbiologici Test biologici

Dettagli

La BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva ( BPCO ) è una malattia respiratoria cronica prevenibile

La BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva ( BPCO ) è una malattia respiratoria cronica prevenibile Università degli Studi di Perugia Cattedra di Malattie Apparato Respiratorio Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) L. Casali Definizione La BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva ( BPCO ) è una malattia

Dettagli

Bronchite Cronica: nuove terapie spray e prevenzione

Bronchite Cronica: nuove terapie spray e prevenzione Bronchite Cronica: nuove terapie spray e prevenzione Pierfranco Ravizza Dip.Cardiovascolare - Osp. A.Manzoni Lecco Lecco 11 gennaio 2017 Aria, Inquinamento Atmosferico e Malattie Cardio-Polmonari I numeri

Dettagli

PROGRAMMA CORSO RIABILITAZIONE RESPIRATORIA 1

PROGRAMMA CORSO RIABILITAZIONE RESPIRATORIA 1 PROGRAMMA CORSO RIABILITAZIONE RESPIRATORIA 1 Le principali malattie che richiedono la RR La BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) in fase stabile e in riacutizzazione Le bronchiectasie e le malattie

Dettagli

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO)

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) Università degli Studi di Perugia Azienda Ospedaliera S. Maria Terni Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) L. Casali Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio U.C. di Malattie dell Apparato

Dettagli

Asma bronchiale

Asma bronchiale www.fisiokinesiterapia.biz Asma bronchiale ASMA BRONCHIALE Definizione Epidemiologia Fattori di rischio e patogenesi Anatomia patologica Clinica Diagnosi Classificazione Trattamento Asma bronchiale: definizione

Dettagli

Principi base della spirometria

Principi base della spirometria Università degli studi di Siena UOC Malattie Respiratorie e Trapianto Polmonare Principi base della spirometria Firenze, 12 Novembre 2016 Dott. V. Beltrami Prove di funzionalità respiratoria: Principali

Dettagli

IL MITO DELL ENFISEMA SENILE

IL MITO DELL ENFISEMA SENILE Società Italiana di Geriatria e Gerontologia Presidente: Prof. Marco Trabucchi 49 Congresso Nazionale LA GERIATRIA NEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Firenze, 3/7 novembre 2004 IL MITO DELL ENFISEMA SENILE

Dettagli

Curva statica. Curva dinamica: tempo. 500 ml. insp. 3 cmh2o. pressione P+T. Capacità vitale % CFR. 80 esp. volume residuo

Curva statica. Curva dinamica: tempo. 500 ml. insp. 3 cmh2o. pressione P+T. Capacità vitale % CFR. 80 esp. volume residuo 100 P+T Curva statica Curva dinamica: tempo 80 esp Capacità vitale % 60 40 20 CFR 500 ml insp 0 volume residuo -20-30 -20-10 0 10 20 30 pressione 3 cmh2o Curve dinamiche Isteresi per la tensione superficiale

Dettagli

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO)

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) Università degli Studi di Perugia Cattedra di Malattie Apparato Respiratorio Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) L. Casali Definizione La BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva ( BPCO ) è una malattia

Dettagli

Farmaci dell apparato respiratorio

Farmaci dell apparato respiratorio Farmaci dell apparato respiratorio Fisiologia dell apparato respiratorio SINTOMI: ASMA Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree associata ad un aumento della reattività bronchiale e all ostruzione

Dettagli

Resistenze delle vie aeree

Resistenze delle vie aeree Resistenze delle vie aeree Valutabili in condizioni dinamiche, quando si crea flusso. Anche per il flusso nelle vie aeree è applicabile l equazione di Poiseuille F = Pπr 4 /8ηl 70% delle resistenze nei

Dettagli

Farmaci per il trattamento dell asma bronchiale

Farmaci per il trattamento dell asma bronchiale Farmaci per il trattamento dell asma bronchiale Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria

Dettagli

Le malattie ostruttive delle vie aeree

Le malattie ostruttive delle vie aeree Le malattie ostruttive delle vie aeree Caratterizzate da limitazione al flusso espiratorio (ostruzione) evidenziabile con segni obiettivi e funzionali Causate da molteplici fattori dell ambiente e dell

Dettagli

COMPITO: assicurare un continuo ed adeguato apporto di O 2 alle cellule ed eliminare l eccesso di CO 2

COMPITO: assicurare un continuo ed adeguato apporto di O 2 alle cellule ed eliminare l eccesso di CO 2 RESPIRAZIONE è l insieme dei meccanismi che permettono lo scambio di gas metabolicamente attivi (O 2 e CO 2 ) tra ambiente esterno e cellule dell organismo vivente COMPITO: assicurare un continuo ed adeguato

Dettagli

Una Malattia dei Bronchi e dei Polmoni Cronica Ostruttiva SCUOLA BPCO 2012 A.C.O. S. FILIPPO NERI ROMA

Una Malattia dei Bronchi e dei Polmoni Cronica Ostruttiva SCUOLA BPCO 2012 A.C.O. S. FILIPPO NERI ROMA Una Malattia dei Bronchi e dei Polmoni Cronica Ostruttiva SCUOLA BPCO 2012 A.C.O. S. FILIPPO NERI ROMA 1 DEFINIZIONE 2011 La BPCO, malattia frequente, prevenibile e trattabile, è caratterizzata da una

Dettagli

Fattori clinici e parametri funzionali associati allo status di frequente riacutizzatore nei pazienti con BPCO di grado severo

Fattori clinici e parametri funzionali associati allo status di frequente riacutizzatore nei pazienti con BPCO di grado severo Università degli Studi di Bari Aldo Moro Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore : Prof. Onofrio Resta Fattori clinici e parametri funzionali associati allo status di

Dettagli

Polmone sporco o polmone pulito, this is the problem: la BPCO

Polmone sporco o polmone pulito, this is the problem: la BPCO Polmone sporco o polmone pulito, this is the problem: la BPCO Anna Rita Larici Istituto di Radiologia Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma e-mail: annarita.larici@unicatt.it Polmone pulito 70 anni,

Dettagli

Fisiopatologia: oltre l ostruzione ed il VEMS. Vincenzo Bellia

Fisiopatologia: oltre l ostruzione ed il VEMS. Vincenzo Bellia Fisiopatologia: oltre l ostruzione ed il VEMS Vincenzo Bellia BPCO e declino del VEMS/FEV 1 adattato da Fletcher C, Peto R. 1997 VEMS e qualità di vita Worse100 SGRQ score 80 60 40 20 Better 0 Limite superiore

Dettagli

Apparato respiratorio

Apparato respiratorio Apparato respiratorio Anatomia Le vie aeree: di conduzione e di scambio 3 L Trachea, bronchi principali, bronchioli (diametro 1 mm) sono dotati di struttura cartilaginea ad anello incompleto e fibre muscolari

Dettagli

Apparato respiratorio. Anatomia

Apparato respiratorio. Anatomia Apparato respiratorio Anatomia 1 Le vie aeree: di conduzione e di scambio 3 L Trachea, bronchi principali, bronchioli (diametro 1 mm) sono dotati di struttura cartilaginea ad anello incompleto e fibre

Dettagli

Polmone Enfisema Aumento del contenuto aereo del polmone

Polmone Enfisema Aumento del contenuto aereo del polmone Aumento del contenuto aereo del polmone Primitivo Conseguente ad altre patologie Propriamente detto Con rottura dei setti ed atrofia parenchimale Impropriamente detto Impropriamente detto Senza rottura

Dettagli

IV Corso di aggiornamento Multidisciplinare Pediatrico. LA SPIROMETRIA: Dove, come e quando effettuarla

IV Corso di aggiornamento Multidisciplinare Pediatrico. LA SPIROMETRIA: Dove, come e quando effettuarla IV Corso di aggiornamento Multidisciplinare Pediatrico LA SPIROMETRIA: Dove, come e quando effettuarla Dr. Anna Naclerio UOC Pneumologia AORN Santobono - Pausilipon La spirometria è il test che valuta

Dettagli

Coordinazione respiratoria

Coordinazione respiratoria Coordinazione respiratoria Tecniche di rieducazione respiratoria largamente diffuse nella pratica riabilitativa allo scopo di migliorare i parametri respiratori, funzionali e sintomatici mediante la consapevole

Dettagli

Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio U.C. di Malattie dell Apparato Respiratorio. Lucio Casali

Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio U.C. di Malattie dell Apparato Respiratorio. Lucio Casali Università di Perugia Azienda Ospedaliera S. Maria Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio U.C. di Malattie dell Apparato Respiratorio LA SPIROMETRIA Lucio Casali Componenti del attività Ventilazione

Dettagli

Elementi di meccanica respiratoria. Torino 30 gennaio Torino 5 dicembre 2015

Elementi di meccanica respiratoria. Torino 30 gennaio Torino 5 dicembre 2015 Torino 30 gennaio 2016 Torino 5 dicembre 2015 Elementi di meccanica respiratoria Perché e come si muove il polmone Intercostali esterni: inspirazione Intercostali interni: espirazione Ffine espirazione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Azienda Ospedaliera S. Maria Terni

Università degli Studi di Perugia. Azienda Ospedaliera S. Maria Terni Università degli Studi di Perugia Azienda Ospedaliera S. Maria Terni Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio U.C. di Malattie dell Apparato Respiratorio BPCO L. Casali Definizione La BroncoPneumopatia

Dettagli

Diagnosi differenziale tra Asma e BPCO

Diagnosi differenziale tra Asma e BPCO Diagnosi differenziale tra Asma e BPCO Luca FASANO Az. Ospedaliera Universitaria S.Orsola Malpighi. Bologna UO Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria Direttore: Prof. Stefano NAVA Definizione di

Dettagli

Le Prove di Funzionalità Respiratoria (spirometria)

Le Prove di Funzionalità Respiratoria (spirometria) Le Prove di Funzionalità Respiratoria (spirometria) www.fisiokinesiterapia.biz NOTA: queste diapositive erano state concepite per essere di ausilio alla lezione e non hanno testo di accompagnamento. Così

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL DANNO POLMONARE ANATOMICO E FUNZIONALE NELLA DISCINESIA CILIARE PRIMITIVA

LA VALUTAZIONE DEL DANNO POLMONARE ANATOMICO E FUNZIONALE NELLA DISCINESIA CILIARE PRIMITIVA Dott.ssa Francesca Santamaria Dott.ssa Paola Iacotucci Dipartimento di Pediatria, Università Federico II, Napoli LA VALUTAZIONE DEL DANNO POLMONARE ANATOMICO E FUNZIONALE NELLA DISCINESIA CILIARE PRIMITIVA

Dettagli

DISPNEA (fisiopatologia)

DISPNEA (fisiopatologia) DISPNEA (fisiopatologia) www.fisiokinesiterapia.biz DISPNEA Sintomo molto comune in pazienti con malattie cardiache, toraco-polmonari polmonari, neuromuscolari,, etc. Una sensazione fastidiosa, spiacevole,

Dettagli

Insufficienza respiratoria sul territorio Inquadramento clinico e l'assistenza del paziente ipossiemico

Insufficienza respiratoria sul territorio Inquadramento clinico e l'assistenza del paziente ipossiemico VII CONGRESSO NAZIONALE IL SISTEMA 118 E LA RETE CLINICA PERUGIA, 21-2323 maggio 2009 Insufficienza respiratoria sul territorio Inquadramento clinico e l'assistenza del paziente ipossiemico V.Antonaglia

Dettagli

Letteratura consigliata di rilevanza clinica

Letteratura consigliata di rilevanza clinica 11 Letteratura consigliata di rilevanza clinica 150 Letteratura consigliata di rilevanza clinica Di seguito è elencata una piccola scelta di fonti di letteratura con importanza clinica, di recente pubblicazione.

Dettagli

Malattie dell Apparato Respiratorio

Malattie dell Apparato Respiratorio Malattie dell Apparato Respiratorio Cenni di anatomia e fisiologia 1 Per svolgere qualsiasi attività biologica ogni cellula ha bisogno di ossigeno (O2) da prelevare dall'ambiente esterno mentre l'anidride

Dettagli

Curva statica. Curva dinamica P+T. Volume (% CV) CFR. volume residuo -20. -30-20 -10 0 10 20 30 P transmurale (cmh 2

Curva statica. Curva dinamica P+T. Volume (% CV) CFR. volume residuo -20. -30-20 -10 0 10 20 30 P transmurale (cmh 2 100 Curva statica P+T Curva dinamica 80 60 Volume (% CV) 40 20 CFR 0 volume residuo -20-30 -20-10 0 10 20 30 P transmurale (cmh 2 O) Curve dinamiche Isteresi per la tensione superficiale Isteresi per la

Dettagli

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Malattia Cardiovascolare

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Malattia Cardiovascolare V Giornata Mondiale BPCO 15 novembre 2006 Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva Prof. Massimo Santini M.D., FESC, FACC Dipartimento Cardiovascolare Ospedale S. Filippo Neri Roma Coinvolgimento Cardiaco

Dettagli

LA SPIROMETRIA. Dott.ssa Lucia Tardino

LA SPIROMETRIA. Dott.ssa Lucia Tardino LA SPIROMETRIA Dott.ssa Lucia Tardino Cenni di storia Galeno per primo tentò di misurare i volumi respiratori ma bisogna arrivare ad Antoine Laurent Lavoiser(1743-1794) ed al suo lavoro «Premiere mémoire

Dettagli

PDTA Regione Veneto della BPCO. Ospedale Mater Salutis Legnago (VR) Micaela Renoffio, 30 maggio 2015

PDTA Regione Veneto della BPCO. Ospedale Mater Salutis Legnago (VR) Micaela Renoffio, 30 maggio 2015 PDTA Regione Veneto della BPCO Ospedale Mater Salutis Legnago (VR) Micaela Renoffio, 30 maggio 2015 PDTA della BPCO PDTA della BPCO Progetto Quadro 2012 La situazione attuale Progetto Quadro 2012 La situazione

Dettagli

Modulo 4. Manifestazioni cliniche e possibili complicanze dell'asma allergico

Modulo 4. Manifestazioni cliniche e possibili complicanze dell'asma allergico Modulo 4 Manifestazioni cliniche e possibili complicanze dell'asma allergico Classificazione di gravità prima dell inizio del trattamento STEP 4 Grave persistente STEP 3 Moderato persistente STEP 2 Lieve

Dettagli

Aspetti istopatologici della broncopneumopatia cronica ostruttiva

Aspetti istopatologici della broncopneumopatia cronica ostruttiva Ann Ist Super Sanità 2003;39(4):507-517 Aspetti istopatologici della broncopneumopatia cronica ostruttiva Graziella TURATO, Renzo ZUIN, Simonetta BARALDO, Chiara BADIN, Bianca BEGHÉ e Marina SAETTA Divisione

Dettagli

La TC nella valutazione del Fenotipo della BPCO

La TC nella valutazione del Fenotipo della BPCO 4 Master universitario Pneumologia Interventistica La TC nella valutazione del Fenotipo della BPCO Gianna Camiciottoli Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze

Dettagli

Dott. F. Coni. Dirigente medico II livello SC Pneumologia Responsabile servizio di Broncoscopia

Dott. F. Coni. Dirigente medico II livello SC Pneumologia Responsabile servizio di Broncoscopia BPCO malattia sociale Come migliorare la prognosi Dott. F. Coni Dirigente medico II livello SC Pneumologia Responsabile servizio di Broncoscopia Progetto mondiale BPCO Tra il 1985 ed il 1995 il numero

Dettagli

Criteri diagnostici: validità, limiti e potenziali alternative nell anziano fragile

Criteri diagnostici: validità, limiti e potenziali alternative nell anziano fragile Criteri diagnostici: validità, limiti e potenziali alternative nell anziano fragile Raffaele Antonelli Incalzi Cattedra di Geriatria Università Campus Bio-Medico Roma Diagnosis of COPD 1(ATS/ERS) Diagnosis

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DELLE RIACUTIZZAZIONI DI BPCO

FISIOPATOLOGIA DELLE RIACUTIZZAZIONI DI BPCO FISIOPATOLOGIA DELLE RIACUTIZZAZIONI DI BPCO Mirandola 18/10/2014 E.Turrini U.O di Pneumologia-Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo RIACUTIZZAZIONE DI BPCO Evento acuto caratterizzato da un peggioramento

Dettagli

Composizione dell aria respirata

Composizione dell aria respirata Composizione dell aria respirata Qual è la composizione in percentuale dell'aria? % mmhg Azoto (N2)... 72.8 554 Ossigeno (O2)... 20.9 159 Anidride carbonica (CO2)... 0.04 0,3 Vapor acqueo (H2O).. 6.18

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER L USO APPROPRIATO DI FARMACI AD ALTO COSTO PER LA CURA DELLA BPCO AGOSTO 2008

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER L USO APPROPRIATO DI FARMACI AD ALTO COSTO PER LA CURA DELLA BPCO AGOSTO 2008 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER L USO APPROPRIATO DI FARMACI AD ALTO COSTO PER LA CURA DELLA BPCO AGOSTO 2008 Documento redatto dal gruppo di lavoro coordinato dall ASL di Brescia - Dipartimento Cure

Dettagli

BPCO-ASMA PATOLOGIE A CONFRONTO SIMILITUDINI E DIFFERENZE

BPCO-ASMA PATOLOGIE A CONFRONTO SIMILITUDINI E DIFFERENZE BPCO-ASMA PATOLOGIE A CONFRONTO SIMILITUDINI E DIFFERENZE DEFINIZIONE BPCO La Bronco-pneumopatia cronica ostruttiva è una malattia prevenibile e trattabile, che si manifesta con crescente difficoltà di

Dettagli

BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva: un peso Economico e Sociale.

BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva: un peso Economico e Sociale. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA CdL Scienze delle Attività Motorie e Sportive BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva: un peso Economico e Sociale. Anno accademico 2016-2017 BPCO: DEFINIZIONE Secondo la

Dettagli

Aggiornamenti in BroncoPneumologia 2016

Aggiornamenti in BroncoPneumologia 2016 Aggiornamenti in BroncoPneumologia 2016 Nuovo approccio alla ostruzione bronchiale cronica: BPCO e ACOS (Asthma/COPD Overlap Syndrome) Maurizio De Lisi Azienda Ospedaliera S.Camillo Forlanini Roma UOSD

Dettagli

L INGOMBRO BRONCHIALE PRINCIPALI CAUSE E MECCANISMI DI ALTERAZIONE DELLA CLEARANCE MUCOCILIARE

L INGOMBRO BRONCHIALE PRINCIPALI CAUSE E MECCANISMI DI ALTERAZIONE DELLA CLEARANCE MUCOCILIARE Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria L INGOMBRO BRONCHIALE PRINCIPALI CAUSE E MECCANISMI DI ALTERAZIONE DELLA CLEARANCE MUCOCILIARE Lazzeri Marta Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda

Dettagli

IRC le malattie respiratorie

IRC le malattie respiratorie IRC le malattie respiratorie Andrea Farolfi pneumologo pediatra P.O. V Buzzi, A. O. ICP, Milano. e U.O. di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Department of Maternal and Pediatric Sciences, Università

Dettagli

U.O. Medicina dello Sport INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI

U.O. Medicina dello Sport INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI N.Mochi. C.Lisi VO2 DI PICCO NORMALE Normale capacità funzionale RIDOTTO Ridotta capacità funzionale Normale > 91% teorico > 84% ATS (corretto per il peso corporeo) Peso corporeo

Dettagli

La spirometria: nozioni teorico-pratiche

La spirometria: nozioni teorico-pratiche La spirometria: nozioni teorico-pratiche Davide Elia e Roberto Cassandro U.O. di Pneumologia e UTIR Servizio di Emodinamica e Fisiopatologia Respiratoria Ospedale S. Giuseppe, IRCSS, Multimedica Milano

Dettagli

Broncopneumopatia cronica ostruttiva: definizione e classificazione di gravità

Broncopneumopatia cronica ostruttiva: definizione e classificazione di gravità Ann Ist Super Sanità 2003;39(4):461-466 Broncopneumopatia cronica ostruttiva: definizione e classificazione di gravità Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio, Università degli Studi di Modena e

Dettagli

29/03/2015. FtR LAZZERI MARTA. 7.5 milioni gli italiani con malattie respiratorie croniche come asma o BPCO

29/03/2015. FtR LAZZERI MARTA. 7.5 milioni gli italiani con malattie respiratorie croniche come asma o BPCO FtR LAZZERI MARTA 7.5 milioni gli italiani con malattie respiratorie croniche come asma o BPCO 1 OSTRUZIONE POLMONARE Cos è l asma Malattia infiammatoria cronica caratterizzata da attacchi acuti ( mancanza

Dettagli

SEMINARIO TEORICO-PRATICO SULL UTILIZZO DELLO SPIROMETRO: ESEGUIRE ED INTERPRETARE UNA SPIROMETRIA

SEMINARIO TEORICO-PRATICO SULL UTILIZZO DELLO SPIROMETRO: ESEGUIRE ED INTERPRETARE UNA SPIROMETRIA SEMINARIO TEORICO-PRATICO SULL UTILIZZO DELLO SPIROMETRO: ESEGUIRE ED INTERPRETARE UNA SPIROMETRIA FERNANDO DE BENEDETTO - ROBERTO MARASSO Domus De Maria (CA) 5-10 ottobre 2015 Prove di funzionalità respiratoria

Dettagli

La BPCO, il ricovero ospedaliero, un occasione per aumentare l appropriatezza terapeutica. Carlo Nozzoli Medicina Interna 1 AOU-Careggi-Firenze

La BPCO, il ricovero ospedaliero, un occasione per aumentare l appropriatezza terapeutica. Carlo Nozzoli Medicina Interna 1 AOU-Careggi-Firenze La BPCO, il ricovero ospedaliero, un occasione per aumentare l appropriatezza terapeutica Carlo Nozzoli Medicina Interna 1 AOU-Careggi-Firenze Il sottoscritto Carlo Nozzoli ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1209/2002)

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1209/2002) Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1209/2002) Documento relativo a: BUDESONIDE + FORMOTEROLO SALMETEROLO XINAFOATO + FLUTICASONE PROPIONATO usi appropriati delle associazioni di farmaci steroidei e

Dettagli

SESSIONE 1. Riconoscere e diagnosticare la BPCO in medicina generale. Lezione di sintesi. Dal sospetto alla diagnosi alla stadiazione di malattia

SESSIONE 1. Riconoscere e diagnosticare la BPCO in medicina generale. Lezione di sintesi. Dal sospetto alla diagnosi alla stadiazione di malattia SESSIONE 1 Riconoscere e diagnosticare la BPCO in medicina generale Lezione di sintesi Dal sospetto alla diagnosi alla stadiazione di malattia BPCO: definizione Quadro caratterizzato da persistente ostruzione

Dettagli

LE TECNICHE DI RIABILITAZIONE IN FASE STABILE

LE TECNICHE DI RIABILITAZIONE IN FASE STABILE LE TECNICHE DI RIABILITAZIONE IN FASE STABILE disostruzione bronchiale drenaggio posturale tosse assistita, ciclo attivo respiratorio manovre di espirazione contro resistenza ELTGOL, drenaggio autogeno

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della BPCO per la sanità d iniziativa B. Bruni Servizio di Riabilitazione Respiratoria e

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della BPCO per la sanità d iniziativa B. Bruni Servizio di Riabilitazione Respiratoria e L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della BPCO per la sanità d iniziativa B. Bruni Servizio di Riabilitazione Respiratoria e Profilassi Tisiopneumologica Centro Servizi Grocco,

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Ipertensione Polmonare e Cor Pulmonale. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Ipertensione Polmonare e Cor Pulmonale. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Ipertensione Polmonare e Cor Pulmonale www.fisiokinesiterapia.biz IPERTENSIONE POLMONARE LA PRESSIONE DEL SANGUE NEL CIRCOLO POLMONARE SALE A OLTRE ¼ DI QUELLA SISTEMICA P normale

Dettagli

WORKSHOP 1: Spirometria: corretta esecuzione e parametri da monitorare. C. Carraro G. Catapano

WORKSHOP 1: Spirometria: corretta esecuzione e parametri da monitorare. C. Carraro G. Catapano WORKSHOP 1: Spirometria: corretta esecuzione e parametri da monitorare C. Carraro G. Catapano La spirometria La spirometria è l esame di funzione respiratoria più utilizzato nel sospetto di una patologia

Dettagli

LE BASI POLMONARI SONO PIU PERFUSE DEGLI APICI

LE BASI POLMONARI SONO PIU PERFUSE DEGLI APICI ESPIRAZIONE INSPIRAZIONE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 CIRCOLO POLMONARE LE BASI POLMONARI SONO PIU PERFUSE DEGLI APICI CIRCOLAZIONE INTRAPOLMONARE DEL SANGUE Arteria polmonare (dal cuore destro) Bronchiolo

Dettagli

FISIOLOGIA ILLUSTRATA

FISIOLOGIA ILLUSTRATA FISIOLOGIA ILLUSTRATA RESPIRAZIONE La funzione della respirazione è quella di portare ossigeno ai tessuti e di rimuoverne l anidride carbonica RESPIRAZIONE EVENTI COINVOLTI NEL PROCESSO DI SCAMBIO GASSOSO

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

Le tre età della vita

Le tre età della vita - Come distinguere la fisiologia dell invecchiamento dalla patologia? - Esiste il polmone senile? - Esiste l enfisema senile? - Che informazioni si ottengono dall imaging? Tiziano Le tre età della vita

Dettagli

INTERPRETAZIONE DELLA SPIROMETRIA

INTERPRETAZIONE DELLA SPIROMETRIA INTERPRETAZIONE DELLA SPIROMETRIA LIEVE VEMS

Dettagli

Le dimensioni del problema: epidemiologia e farmaco-economia della BPCO Dr. Claudio Micheletto

Le dimensioni del problema: epidemiologia e farmaco-economia della BPCO Dr. Claudio Micheletto Le dimensioni del problema: epidemiologia e farmaco-economia della BPCO Dr. Claudio Micheletto UOC di Pneumologia Ospedale Mater Salutis Legnago (VR) claudio.micheletto@aulsslegnago.it Soriano JB, Zielinski

Dettagli

PROGETTO MONDIALE BPCO 2011

PROGETTO MONDIALE BPCO 2011 PROGETTO MONDIALE BPCO 2011 Linee-Guida Italiane 2011 GARD Participant Progetto mondiale per la diagnosi, trattamento e prevenzione della BPCO 2011: Diagnosi SINTOMI Dispnea Tosse cronica Espettorato cronico

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it 1

scaricato da www.sunhope.it 1 INSUFFICIENZA RESPIRATORIA Situazione clinico-laboratoristica laboratoristica complessa, di vario livello ed entità, espressione di una utilizzazione endocellulare dell ossigeno non rispondente alle esigenze

Dettagli

L ASMA BRONCHIALE. Meccanismo dell infiammazione. Cellule infiammatorie ed asma

L ASMA BRONCHIALE. Meccanismo dell infiammazione. Cellule infiammatorie ed asma Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it L ASMA BRONCHIALE L asma bronchiale è una malattia cronica delle vie aeree caratterizzata da ostruzione bronchiale più

Dettagli

Algoritmo diagnos.co BPCO e Spirometria. Federico Sciarra

Algoritmo diagnos.co BPCO e Spirometria. Federico Sciarra Algoritmo diagnos.co BPCO e Spirometria Federico Sciarra La BPCO: malattia vecchia, problema attuale. 1990 2020 Cardiopa.a ischemica Mala9e cerebrovascolari Infezioni basse vie aeree Mala9e con diarrea

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO. fisiopatologia

APPARATO RESPIRATORIO. fisiopatologia APPARATO RESPIRATORIO fisiopatologia Insufficienza respiratoria Acuta o cronica, insorge quando l apparato respiratorio non riesce ad adempiere in modo ottimale alle sue funzioni: la PO 2 arteriosa si

Dettagli

Patologie dell apparato respiratorio. Infezioni polmonari (bronchiti e polmoniti) Patologie respiratorie croniche

Patologie dell apparato respiratorio. Infezioni polmonari (bronchiti e polmoniti) Patologie respiratorie croniche Patologie dell apparato respiratorio Infezioni polmonari (bronchiti e polmoniti) Patologie respiratorie croniche INFEZIONI POLMONARI Bronchite (acuta) e polmonite Le infezioni polmonari rappresentano una

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

BPCO e DRS (Overlap Syndrome)

BPCO e DRS (Overlap Syndrome) BPCO e DRS (Overlap Syndrome) Centro di Medicina del Sonno ad Indirizzo Respiratorio Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS, Istituto Scientifico di Veruno, Divisione di Pneumologia Riabilitativa Effetti

Dettagli

I fenotipi dell asma

I fenotipi dell asma I fenotipi dell asma - Passato - Presente - Futuro Cattedra e Scuola di Specializzazione in Allergologia ed Immunologia Clinica Trani, 6 dicembre 2014 Prof. Luigi Macchia Fenotipi dell asma Fenotipi dell

Dettagli

Genetica e Ambiente nel determinismo dell asma bronchiale

Genetica e Ambiente nel determinismo dell asma bronchiale Genetica e Ambiente nel determinismo dell asma bronchiale Francesco Macrì Malattie Respiratorie Dipartimento di Pediatria Policlinico Umberto I La Sapienza Roma L asma è una malattia cronica delle vie

Dettagli

Valutazione e monitoraggio clinico del paziente ventilato

Valutazione e monitoraggio clinico del paziente ventilato CORSO TEORICO-PRATICO ARIR/AIPO IN RIABILITAZIONE RESPIRATORIA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE RESPIRATORIO CRONICAMENTE CRITICO VOLTERRA 8-1 Giugno 26 Centro Congressi della Cassa di Risparmio di Volterra

Dettagli

Psoriasi, le molecole segnale...

Psoriasi, le molecole segnale... Psoriasi, le molecole segnale... Fino all identificazione dei Th17 la psoriasi è stata considerata una patologia autoimmune classificata come Th1, con particolare attenzione alla citochina TNFα, il gold

Dettagli

SPORT ED APPARATO RESPIRATORIO ASMA e BPCO

SPORT ED APPARATO RESPIRATORIO ASMA e BPCO SPORT ED APPARATO RESPIRATORIO ASMA e BPCO Definizione Fattori di rischio e Patogenesi Epidemiologia Asma è una delle malattie croniche più diffuse in tutto il mondo (5 : 100) La prevalenza è in aumento

Dettagli

CAPITOLO PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA

CAPITOLO PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA CAPITOLO 4 PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA CAPITOLO 4: PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA MESSAGGI PRINCIPALI L inalazione di sostanze tossiche causa flogosi dell apparato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA-REGIONE COME COMPORTARSI

PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA-REGIONE COME COMPORTARSI PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA-REGIONE L ATTACCO ACUTO D ASMA COME COMPORTARSI Dr. A. A. Niccoli Dr.ssa S. Ceccarelli DEFINIZIONE L asma bronchiale è una malattia caratterizzata da infiammazione cronica delle

Dettagli

La donna anziana fragile

La donna anziana fragile 5 Workshop: La salute della differenza L evoluzione del Sistema Socio Sanitario Lombardo a promozione della salute della donna Aula Bussolati - 30 novembre 2016 La donna anziana fragile Differenze di genere

Dettagli

La sindrome delle apnee notturne. Incontro con lo Pneumologo Dott. Federico L. Dente

La sindrome delle apnee notturne. Incontro con lo Pneumologo Dott. Federico L. Dente La sindrome delle apnee notturne. Incontro con lo Pneumologo Dott. Federico L. Dente Specialista pneumologo Convenzionato a tempo indeterminato presso AOUP Sezione Fisiopat. Respir. & Riabilit. Resp. del

Dettagli

AMBULATORIO DELLE MALATTIE OSTRUTTIVE U.O.C. di PNEUMOLOGIA e RIABILITAZIONE RESPIRATORIA A. BLASI

AMBULATORIO DELLE MALATTIE OSTRUTTIVE U.O.C. di PNEUMOLOGIA e RIABILITAZIONE RESPIRATORIA A. BLASI AMBULATORIO DELLE MALATTIE OSTRUTTIVE U.O.C. di PNEUMOLOGIA e RIABILITAZIONE RESPIRATORIA A. BLASI Giorni e orari di apertura: Martedi dalle 14.30 alle 17.30 (2 volte al mese) La prenotazione/accesso all'ambulatorio

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

Prove di Funzionalità Respiratoria

Prove di Funzionalità Respiratoria www.fisiokinesiterapia.biz Prove di Funzionalità Respiratoria Le prove di funzionalità respiratoria La Ventilazione: Prove di Funzionalità Ventilatoria Test di performance dei muscoli respiratori Gli scambi

Dettagli