I RIFLESSI ECONOMICI DELL ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RIFLESSI ECONOMICI DELL ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE"

Transcript

1 I RIFLESSI ECONOMICI DELL ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE Marina Blasi Avvocato del Foro di Roma 1. Premessa La crisi della famiglia e la rottura della comunione spirituale e materiale tra i coniugi impongono, ad almeno uno di loro, uno sradicamento dal proprio habitat che si ripercuote sull equilibrio e sulla stabilità della persona, oltre che incidere sensibilmente sul tenore di vita e sulle condizioni economiche dell intero nucleo familiare. L attribuzione del godimento della casa coniugale, che viene disposto tenendo conto prioritariamente dell interesse dei figli, produce però effetti anche nei confronti di terzi non appartenenti al nucleo familiare in crisi, terzi ai quali è opponibile detta assegnazione. Si pensi ad esempio al comodante o al locatore che vedono la successione nel contratto di persona diversa da quella con cui era stato stipulato. Oggi dell incidenza economica dell assegnazione della casa coniugale prende atto l art. 155 quater c.c. che, disponendo che il giudice deve tener conto nella regolamentazione dei rapporti economici tra i genitori, considerando l eventuale titolo di proprietà, senza indicazione di automatismi e di criteri di valutazione, rimette al giudice della separazione o del divorzio la valutazione, caso per caso, dell incidenza delle conseguenze economiche, anche rispetto ai terzi, dell assegnazione della casa coniugale, che può però controbilanciare solo tra i genitori. Si tratta di un punto di arrivo che rimette all interprete la valutazione caso per caso, recependo le difficoltà che lo stesso legislatore negli anni si è trovato ad affrontare per contemperare gli interessi della proprietà, l interesse della prole, l interesse dei terzi. Sino alla riforma del diritto di famiglia (l. 151/1975) nessuna norma in caso di separazione o di divorzio consentiva di privare il coniuge proprietario della casa del suo diritto di godimento dell appartamento per assegnarlo in uso all altro coniuge 1 né di imporre al coniuge titolare del contratto di locazione di mettere l abitazione coniugale a disposizione dell altro 2, privilegiandosi in tal modo il diritto del proprietario o la titolarità del diritto di godimento del bene. Con la legge 151/1975 è stato riformato l art. 155 c.c. al quarto comma disponendo che l abitazione nella casa familiare spetta di preferenza, e ove sia possibile, al coniuge cui vengono affidati i figli, mentre di poco successiva è la legge sull equo canone (l. 392/1978) che all art. 6 ha previsto che nel caso di separazione giudiziale, di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, nel contratto di locazione al conduttore succede l altro coniuge, se il diritto di abitare la casa familiare sia stato attribuito dal giudice a quest ultimo. Si tratta del punto di partenza per la tutela del minore al mantenimento dell habitat domestico. 1 Cass. n. 122/ Cass. n. 2612/

2 FOCUS In assenza di disposizioni analoghe nella legge per il divorzio, si discuteva se l assegnazione potesse estendersi anche in caso di divorzio. Il contrasto giurisprudenziale che ne è conseguito è stato risolto in senso affermativo dalle Sezioni unite della Cassazione con sentenza n. 4089/1987. Nello stesso anno la legge di riforma del divorzio (l. 74/1987) modificava l art. 6, introducendo al sesto comma la seguente previsione l abitazione nella casa familiare spetta di preferenza al genitore cui vengono affidati i figli o con il quale i figli convivono oltre la maggiore età, e inserendo inoltre due paragrafi con cui dispone che in ogni caso ai fini della assegnazione il giudice dovrà valutare le condizioni economiche dei coniugi e le ragioni della decisione e favorire il coniuge più debole. L assegnazione in quanto trascritta è opponibile al terzo acquirente ai sensi dell art c.c.. La riforma del divorzio introduce la possibilità di assegnazione al coniuge più debole, comprimendo in tal senso l estensione del diritto di proprietà, ma al contempo evidenzia la necessità di considerare e valutare le condizioni economiche dei coniugi nel giudizio sull an dell assegnazione. La legge 54 del 2006 sull affidamento condiviso e per la tutela della prole nei processi separativi, considerate le implicazioni di tale tutela con gli aspetti patrimoniali ed economici, è intervenuta nella disciplina dell assegnazione della casa familiare con l introduzione dell art. 155 quater c.c., eliminando gli elementi di discontinuità tra i diversi tipi di processi separativi attraverso l equiparazione della prole. L art. 4.2 della citata legge prevede infatti che essa si applichi integralmente in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullità del matrimonio nonché ai provvedimenti relativi ai figli di genitori non coniugati. È dunque normata la possibilità di assegnazione della casa familiare nelle coppie di fatto, anche se questa era stata già riconosciuta dalla Corte Costituzionale con la nota sentenza interpretativa di rigetto n. 166/ e dalla Corte di legittimità 4. Sempre ispirata alla tutela della prole, la l. 54/2006 ha altresì esteso la tutela dei figli minori anche ai figli portatori di handicap con l art. 155 quinquies, secondo comma, c.c., che recita: Ai figli maggiorenni portatori di handicap grave ai sensi dell art. 3, 3 cp, l. 104/1992 si applicano integralmente le disposizioni previste in favore dei figli minori 5. Di tali disposizioni si ritiene non debbano applicarsi quelle relative alla capacità, in quanto a esse si applicano le norme dell amministrazione di sostegno, interdizione e inabilitazione. Si devono invece ritenere applicabili: le disposizioni in merito al contributo di mantenimento, anche considerando che frequentemente il portatore di handicap è titolare di pensione di invalidità e di indennità di accompagnamento; le disposizioni in merito alla suddivisione tra i genitori dei compiti di 3 La Consulta con la pronuncia n. 166/1998 non riteneva necessaria una specifica norma, essendo la tutela del figlio naturale immanente nell ordinamento, dal momento che la condizione dei figli deve essere considerata come unica, senza che abbiano influenza le circostanze della nascita e perché il fatto che i genitori siano o meno legati da un vincolo coniugale non può determinare una condizione deteriore per i figli, ciò in forza dell art. 30 Cost. La Consulta rinviava all art. 261 c.c. che stabilisce che il riconoscimento comporta l assunzione da parte del genitore naturale di tutti quei diritti e quei doveri previsti dalla legge in relazione alla filiazione legittima e, dunque, rinvia al disposto degli artt. 147 e 148 c.c. che impongono ai genitori l obbligo di mantenere, educare e istruire i figli, ciascuno secondo le proprie sostanze e capacità. Nell ambito dell obbligo di mantenimento assume importanza primaria, al fine di garantire un corretto sviluppo psicologico e fisico del figlio, la predisposizione e la conservazione dell ambiente domestico, considerato quale centro di vita, che contribuisce in misura fondamentale alla formazione armonica della personalità del figlio. Invero, la Corte Costituzionale già nel 1988 con la sentenza n. 404 aveva già dichiarato incostituzionale l art. 6 della egge equo canone (n. 392/1978) nella parte in cui non prevedeva la successione nel contratto di locazione del conduttore che abbia cessato la convivenza a favore del già convivente quando vi sia prole naturale. Infine la Corte Costituzionale, con sentenza interpretativa di rigetto n. 395 del 2005, ha chiarito che anche il provvedimento di assegnazione della casa familiare al genitore naturale è trascrivibile e opponibile ai terzi. 4 Si veda Cass. 26 maggio 2004, n che, in tema di famiglia di fatto e nell ipotesi di cessazione della convivenza more uxorio per asserire l assegnazione della casa familiare al genitore convivente con la prole, rinvia alla sentenza n. 166 del 1998 della Corte Costituzionale. 5 Per la nozione di portatore di grave handicap la l. 104/1992 individua colui che presenta una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale ovvero di emarginazione. In particolare il terzo comma dell art. 3 stabilisce che: Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l autonomia personale, correlata all età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sua sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. Le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi pubblici. 41

3 accudimento e di cura del figlio; le disposizioni in merito all assegnazione della casa coniugale. Anche in questo caso la novella ha normato una tutela per il figlio con grave handicap, recependo un consolidato orientamento giurisprudenziale di legittimità 6. Se da un lato l art. 155 quater c.c. presenta un impronta volta alla preminente tutela dell interesse del figlio al mantenimento dell habitat domestico, dall altro elimina ogni riferimento al coniuge debole, non avendo riproposto il paragrafo dell art. 6., sesto comma, l.div. che aveva indotto a ritenere la sussistenza di finalità ulteriori da perseguire oltre a quelle, pur primarie, dell interesse dei figli. La valutazione economica ai fini dell assegnazione oggi imposta assume rilievo esclusivamente nella regolamentazione dei rapporti economici tra i genitori e non tra i coniugi. La norma presuppone parità di condizioni tra i genitori con la possibilità che i figli possano godere delle stesse opportunità presso ciascuno di essi, ma è indubbio che l assegnazione della casa familiare crei condizioni più favorevoli al coniuge assegnatario, condizioni che possono e devono essere controbilanciate con l adeguata regolamentazione dei loro rapporti economici, anche alla luce dell attuale contesto socioeconomico di crisi. 2. Le conseguenze economiche dell individuazione della casa familiare La definizione di casa familiare postula di per sé una serie di conseguenze in merito all individuazione dell immobile e alla sua estensione, che incidono considerevolmente sull equilibrio economico dei genitori e sul tenore di vita anche dei figli. Per casa familiare si intende il luogo dove si svolge in modo continuo e prevalente la convivenza familiare 7, il luogo che costituisce il centro di aggregazione della famiglia, degli interessi e delle abitudini in cui si esprime la vita familiare e si svolge la continuità delle relazioni domestiche, connotato da caratteri di stabilità e continuità. L importanza e la funzione della casa familiare, oltre che nel momento patologico della crisi, emergono altresì nella formazione della famiglia, come indicato dagli artt. 144, 145, 146 c.c. da cui si evince la necessità di un centro di affetti e di aggregazione del nucleo familiare che abbia i caratteri di continuità e abitualità. L obbligo di coabitazione va interpretato in relazione all art. 144 c.c., che sottopone la fissazione della residenza familiare all accordo tra i coniugi in base alle esigenze di entrambi e a quelle preminenti della famiglia, e all art. 45 c.c., che attribuisce a ciascun coniuge la facoltà di avere un proprio domicilio autonomo rispetto alla residenza della famiglia, nel luogo in cui hanno sede principale i propri affari. I coniugi non hanno l obbligo di fissare la residenza anagrafica nel medesimo luogo e il dovere di coabitazione è compatibile con la residenza anagrafica di uno o di entrambi i coniugi in altro luogo rispetto alla residenza familiare 8. Ai fini quindi dell individuazione della casa familiare da assegnare ai sensi dell art. 155 quater c.c., il giudice dovrà tenere conto della residenza familiare, indipendentemente dalla diversa residenza anagrafica, scongiurando in tal modo la sottrazione dell habitat domestico ai figli e al genitore collocatario attraverso espedienti meramente anagrafici. 6 In particolare, con la sentenza n /2001 la Corte di Cassazione ha definitivamente chiarito la situazione dei figli maggiorenni portatori di handicap. In tale pronuncia, argomentando dal principio ispiratore dell istituto dell assegnazione della casa coniugale e cioè di misura di protezione dei figli volta a evitare l ulteriore lacerazione di un allontanamento coattivo dal focolare domestico, ha parificato la situazione del figlio maggiorenne completamente privo di autonomia economica peraltro conseguenza della condizione di invalidità alla posizione del minore e, quindi, ha ritenuto applicabile l art. 155, quarto comma, c.c. in forza di interpretazione estensiva. 7 Cass. n. 3934/1980; n. 9157/1993; n. 2338/ Sesta, Diritto di famiglia, Padova, 2005, 2 ed., 110 ss.; Belvedere, Residenza e casa familiare riflessioni critiche, in Riv. crit. dir. priv., 1988,

4 FOCUS Non può ritenersi motivo valido a costituire deroga al criterio preferenziale, previsto dall art. 155 c.c., la destinazione a studio professionale di parte dell abitazione coniugale, considerato che l attività professionale può adeguatamente essere svolta anche in altro luogo, sicché lo spostamento di uno studio professionale, non infrequente nell attuale sistema sociale, non esclude il ripristino dell attività in altra sede, comportando al più un iniziale rallentamento dell attività lavorativa, destinato a dissolversi nel tempo 9. Qualificata la casa familiare in relazione alla funzione di centro di aggregazione, non possono essere considerate tali le case acquistate durante la convivenza matrimoniale con la finalità di divenire casa familiare ma che non lo sono mai diventate per il sopravvenire della crisi o che sono state abitate solo da uno dei coniugi dopo la cessazione della convivenza 10 in quanto manca l elemento qualificante del centro attrattivo della communio. Allo stesso modo non può essere oggetto del provvedimento un immobile in cui i coniugi ancora non si sono trasferiti 11 o che era già stato abbandonato 12, anche se solo poco tempo prima della separazione, o ancora quell immobile utilizzato, sia pure per lunghi periodi dell anno, ma come casa di villeggiatura. Deve dunque escludersi ogni immobile di cui i coniugi avessero la disponibilità o che comunque usassero in via temporanea o saltuaria. L impossibilità per il giudice di assegnare o disciplinare il godimento delle seconde case può determinare uno sbilanciamento delle posizioni, così come nel caso in cui l assegnatario non proprietario della casa coniugale assegnata sia al contempo proprietario della seconda casa di villeggiatura. Il giudice, non potendo disporre assegnazioni in deroga di quanto sopra, dovrà tenere conto di tale squilibrio ai fini della quantificazione dell assegno, considerando il valore economico della seconda casa quale fonte di reddito. In ogni caso nella separazione consensuale o divorzio congiunto è possibile per i genitori disciplinare e costituire un diritto di abitazione su di un immobile diverso da quello che fu la casa coniugale, ricorrendo a figure tipiche diverse da quelle disciplinate dall art. 155 quater c.c. Individuato l immobile qualificabile come casa familiare, deve poi analizzarsi la possibilità della sua estensione, anch essa produttiva di conseguenze economiche che devono essere considerate dal giudice nella fase di bilanciamento delle posizioni economiche dei genitori. La Corte Costituzionale, con la pronuncia n. 454/1989, ha chiarito che la casa familiare è quel complesso di beni funzionalmente attrezzato per assicurare l esistenza domestica della comunità familiare, pertanto non è esauribile nell immobile, poiché esso non sarebbe certo idoneo a garantire alla prole la continuazione del tenore di vita realizzato nel periodo della convivenza dei genitori, comprendendo la normale dotazione di beni mobili e suppellettili per l uso quotidiano di essa. Ciò posto, non vi è dubbio che i coniugi, possano accordarsi per escludere taluni beni normalmente compresi nell arredo della casa coniugale Cass. 28 ottobre 2003, n Si veda la sentenza della Corte d Appello di Roma, Sezione Persona e Famiglia, del 27 maggio 2009, n. 2244, che nel caso di genitore convivente con la prole minorenne si sia allontanato, da tempo precedente la separazione, con la prole da detta casa, ha ritenuto che detto appartamento avesse perso la caratteristica di casa familiare, poiché la prole si è ormai senza dubbio ambientata altrove e, di conseguenza, attualmente quella casa non costituisce più il proprio ambito familiare. Ancora si rinvia a Cass. 14 dicembre 2007, n in cui si è stabilito che l assegnazione della casa coniugale si giustifica in quanto finalizzata ad assicurare l interesse della prole alla permanenza nell ambiente domestico in cui essa è cresciuta; evenienza, questa, che postula la destinazione dell immobile a stabile abitazione del coniuge e del figlio. (Nel caso di specie la nega in quanto ha invece ravvisato il carattere della stabilità nella permanenza della ricorrente in una diversa città). 11 Si veda Cass. 27 febbraio 2009, n. 4816, con cui è stata negata l assegnazione di un appartamento differente da quello in cui la famiglia aveva vissuto anche se maggiormente rispondente alle necessità quotidiane della figlia adolescente. 12 Al riguardo la Corte d Appello di Catania civile con decreto del 21 maggio 2009, in tema di modifica delle condizioni di divorzio, ha ritenuto che un appartamento, che da alcuni anni non risulti più arredato e sia inagibile per la mancata esecuzione dei lavori di manutenzione necessari e non particolarmente onerosi, ha perso i connotati propri della casa coniugale, intesa come centro di affetti e di legami dove i figli, minori o maggiorenni ma non economicamente indipendenti, hanno il loro habitat e il cui abbandono comporterebbe un ulteriore trauma rispetto a quello subìto a seguito della disgregazione del nucleo familiare. 13 Cass. 25 maggio 1998, n

5 Tale divisione degli oggetti di valore potrebbe avere uno sfruttamento economico o tali oggetti potrebbero essere utilizzati dal non assegnatario per l arredamento del suo nuovo alloggio, contenendo in tal modo le spese di quest ultimo. L assegnazione si estende, inoltre, alle pertinenze della casa familiare quali la cantina e il box. Se è vero che esse, costituendo pertinenza dell abitazione, devono seguire le sorti della casa principale, ci si domanda se tale applicazione rigida dell istituto dell assegnazione della casa familiare sia soddisfacente. Ferme restando infatti le esigenze di tutela dell interesse dei figli, il giudice potrebbe non procedere a una assegnazione automatica del box, effettuando una valutazione del caso concreto attraverso la verifica del reale apporto dello stesso a quel centro di aggregazione nel quale si è svolta la vita familiare e lo stretto collegamento dei figli con questo spazio. In tal modo potrebbero essere valorizzate le esigenze di lavoro del coniuge non collocatario, che abbia riposto nel box gli strumenti di lavoro, ovvero la necessità di locare a terzi il box per incrementare il reddito della famiglia 14. In merito all estensione della casa familiare, qualora questa venga limitata alla parte occorrente ai bisogni delle persone conviventi della famiglia, il giudice potrebbe limitare l assegnazione a quella parte di casa familiare realmente occorrente ai bisogni delle persone conviventi, tenendo conto delle esigenze di vita dell altro coniuge, e delle possibilità di godimento separato e autonomo dell immobile, attraverso modesti accorgimenti o piccoli lavori, consentendo così ai minori di poter accedere con facilità al genitore non collocatario-assegnatario di una parte dell immobile originariamente unitario 15. Tale soluzione ridurrebbe altresì gli effetti dell assegnazione sul tenore di vita degli stessi figli e sarebbe auspicabile soprattutto per situazioni di famiglie monoreddito, o con redditi bassi, e di casa familiare gravata da mutuo. 3. Le conseguenze economiche dell assegnazione della casa familiare in base al titolo originario di godimento Gli effetti economico patrimoniali dell assegnazione della casa familiare si atteggiano diversamente a seconda del titolo di godimento in capo al coniuge originariamente titolare, titolo che il giudice valuta potendo comportare una sensibile riduzione del contributo di mantenimento a favore dei figli e influire anche nella quantificazione del contributo a favore del coniuge separato e dell assegno divorzile. Invero, anche se la novella del 2006 ha imposto la valutazione unicamente nei rapporti economici tra i genitori, non è dubbio che, una volta assegnato l immobile pur a esclusiva tutela e nell interesse dei figli, il valore di una simile attribuzione si ripercuota anche sulla disciplina della posizione del coniuge assegnatario 16. Nell ipotesi di casa di proprietà esclusiva dell altro coniuge ovvero in comproprietà tra l altro coniuge e terzi, l assegnazione non sarà limitata in alcun modo, non essendo preclusa la divisione eventualmente richiesta tra i comproprietari, divisione che non incide sul diritto del coniuge assegnatario. L assegnazione influisce infatti sul godimento ma non sugli atti di disposizione dell immobile, ai quali è opponibile l assegnazione nel novennio e oltre se trascritta ai sensi dell art. 155 quater c.c. 14 Cattaneo, La casa familiare, in Fam. pers. succ., 5/2011, 366 ss. 15 Cass. n / Si riporta Cass. 20 aprile 2011, n. 9079, secondo cui l art. 156, secondo comma, c.c. stabilisce che il giudice debba determinare la misura dell assegno in relazione alle circostanze ed ai redditi dell obbligato, mentre l assegnazione della casa familiare, prevista dall art. 155 quater c.c., è finalizzata unicamente alla tutela della prole e non può essere disposta come se fosse una componente dell assegno previsto dall art. 156 c.c.; tuttavia, allorché il giudice del merito abbia revocato la concessione del diritto di abitazione nella casa coniugale (nella specie, stante la mancanza di figli della coppia), è necessario che egli valuti, una volta modificato in tal modo l equilibrio originariamente stabilito fra le parti e venuta meno una delle poste attive in favore di un coniuge, se sia ancora congrua la misura dell assegno di mantenimento originariamente disposto. 44

6 FOCUS Sotto il profilo economico tale assegnazione può determinare il giudice a escludere il contributo nelle situazioni di nuclei familiari con redditi bassi e soprattutto nel caso in cui la casa sia di esclusiva proprietà del genitore non collocatario ed eventualmente anche gravato dal mutuo contratto per il suo acquisto. Secondo la giurisprudenza della Suprema Corte antecedente la novella del 2006, nella determinazione del contributo di cui deve essere onerato il proprietario non assegnatario della casa familiare deve considerarsi che l utilità della stessa dovrebbe valutarsi in misura pari all esborso occorrente per godere dell immobile a titolo di locazione dal momento che, se la debolezza economica dell ex coniuge non può influire sull an di tale assegnazione, non si può escludere che il vantaggio economico ottenuto incida sul quantum dell assegno di divorzio 17. In realtà il valore locatizio può costituire un punto di partenza della valutazione ma non deve essere l unico elemento traducendosi in applicazioni automatiche, in quanto l assegnazione della casa familiare ha la sua ratio nel soddisfacimento delle esigenze abitative della prole. La novella del 2006 ha lasciato all interprete la valutazione dei fattori economici e il giudice terrà conto di tutte le circostanze rilevanti personali, patrimoniali e reddituali che caratterizzano il caso concreto, partendo non tanto dal vantaggio economico del coniuge assegnatario, ma dal sacrificio economico cui l altro coniuge andrà incontro per assicurarsi un nuovo alloggio. Una valutazione più prossima al valore locatizio, pur senza automatismi e rigidità di sorta, potrebbe essere adottata, invece, nel caso di convivenza more uxorio e/o nuovo matrimonio del coniuge affidatario o, comunque, in tutti quei casi in cui nell immobile vivano soggetti terzi (per esempio figli del coniuge assegnatario). Tale soluzione consentirebbe ai minori figli della coppia di continuare a vivere nella casa mantenendo le abitudini e le relazioni affettive che hanno caratterizzato la loro vita prima della separazione dei genitori, garantendo un equo ristoro al genitore titolare del diritto, almeno nella parte in cui il godimento dell immobile sia a vantaggio di terzi. La situazione di genitori comproprietari della casa coniugale è la più frequente, sia che si tratti della casa caduta in comunione legale sia che si tratti di acquisto in comunione ordinaria. In tal caso l assegnazione al coniuge collocatario della prole non comporta eccessive problematiche, incidendo sul diritto di proprietà essendone peraltro ammessa dalla giurisprudenza la divisione. In tale ipotesi l assegnazione ex art. 155 quater c.c. influenzerà gli esiti della divisione con riferimento alla quantificazione del valore dell immobile 18, con riguardo alla divisibilità in natura (dovendosi privilegiare il mantenimento del godimento degli spazi idonei alla funzione di casa familiare) e, nel momento dell assegnazione in caso di impossibilità di divisione, al comproprietario richiedente già assegnatario ai sensi dell art. 155 quater c.c., escludendosi il ricorso al sorteggio. Nel caso in cui la casa familiare è goduta a titolo di locazione, l art. 6 della legge sull equo canone prevede espressamente che: In caso di separazione giudiziale o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nel contratto di locazione succede al conduttore l altro coniuge se il diritto di abitare nella casa familiare sia stato attribuito dal giudice a quest ultimo. Analogamente in caso di separazione consensuale e di nullità matrimoniale se i coniugi hanno così convenuto, determinando una successione ex lege dell assegnatario all originario conduttore nel contratto di locazione. Il rapporto con l originario conduttore si estingue e non è più suscettibile di reviviscenza, anche nel caso di abbandono della casa da parte dell affidatario. Gli effetti dell assegnazione si ripercuoteranno sulla quantificazione dell assegno di mantenimento, stante l onerosità del godimento della casa familiare che dovrà essere sostenuta dall assegnatario con il proprio reddito e l eventuale contributo di cui benefici a titolo di mantenimento. Nel caso di alloggi di edilizia residenziale pubblica, la situazione non cambia, atteso che numerose leggi regionali riproducono il contenuto dell art. 6 l. equo canone prevedendo la successione del coniuge convivente con la prole all originario assegnatario. L originario assegnatario potrà concorrere per una nuova assegnazione. 17 Cass. n / Cass. n. 9310/

7 Spesso accade che un genitore della coppia, o anche un terzo, conceda in comodato un immobile di sua proprietà affinché sia destinato a casa coniugale. L orientamento consolidato della Cassazione è sempre stato nel senso di ammettere l assegnabilità, con la conseguenza che il coniuge affidatario subentra nel rapporto di comodato così come subentra nel contratto di locazione 19. La Corte di Cassazione a Sezioni unite, con sentenza n /2004, ha inoltre specificato che il diritto del coniuge assegnatario trova nuovo e autonomo titolo nel provvedimento giudiziale in cui rileva la nozione di casa familiare; in questa prospettiva il dato oggettivo della destinazione a casa familiare, finalizzato a consentire un godimento per definizione esteso a tutti i componenti della comunità familiare, comporta che il soggetto che formalmente assume la qualità di comodatario riceve il bene, non solo e non tanto a titolo personale, quanto piuttosto quale esponente della comunità familiare. Per effetto della concorde volontà delle parti, dunque, si configura un vincolo di destinazione dell immobile alle esigenze abitative familiari idoneo a conferire all uso cui la cosa doveva essere destinata il carattere di termine implicito della durata del rapporto, la cui scadenza non è determinata, ma è strettamente correlata alla destinazione impressa e alle finalità cui essa tende: né tale vincolo può considerarsi automaticamente caducato per il sopravvenire della crisi coniugale. Rigoroso dovrà pertanto essere l accertamento della volontà delle parti di adibire l immobile a casa familiare 20. Resta salva in ogni caso la facoltà del comodante di chiedere la restituzione nell ipotesi di sopravvenienza di un bisogno segnato dai requisiti dell urgenza e della non previsione ai sensi dell art. 1809, secondo comma, c.c. 21. Da ultimo, una recentissima pronuncia della Corte di Cassazione 22 ha disatteso l indirizzo espresso dalle Sezioni unite, ribadendo che nel comodato precario la determinazione del termine di efficacia del vinculum iuris è rimesso in via potestativa al comodante che ha facoltà di manifestarla ad nutum con la semplice richiesta di restituzione del bene, senza che assuma rilievo la circostanza che l immobile sia stato adibito a uso familiare e sia stato assegnato in sede di separazione dei beni al coniuge affidatario dei figli. È bastata nel caso di specie la produzione di certificati medici e di una generica comunicazione con la quale alla comodante era stata trasmessa la volontà da parte del figlio di non volerla più ospitare in casa propria, per esigenze personali, perché si ritenesse sussistente lo stato di bisogno sopravvenuto, caratterizzato dall urgenza e non previsione, per considerare applicabile il disposto della norma sopra richiamata. Quanto agli effetti economici dell assegnazione di casa familiare goduta in comodato, considerata la gratuità del godimento del bene, valgono le considerazioni relative al bene di proprietà esclusiva del genitore, ai fini del bilanciamento degli interessi e delle questioni economiche, compreso il costo del sacrificio per il non assegnatario di trovare altra abitazione. Se la casa è attribuita a un coniuge in virtù di un contratto di portierato o di custodia, trattandosi di una modalità di retribuzione di un attività lavorativa prestata, si ritiene impossibile procedere all assegnazione. Analogamente in caso di alloggio di servizio riservato al personale delle forze armate, soprattutto nel caso in cui il militare abbia tra i propri doveri connessi alla funzione ricoperta quello di abitare in detto alloggio sito in caserma o in aeroporto. Pertanto in tali casi dovrà te- 19 Cass. 929/1995; Cass / Si rinvia a Cass. 11 agosto 2010, n che ha stabilito che l effettività della destinazione a casa familiare da parte del comodante non può essere desunta dalla mera natura immobiliare del bene concesso, ma implica un accertamento in fatto che postula una specifica verifica della comune intenzione delle parti attraverso una valutazione globale dell intero contesto nel quale il contratto si è perfezionato, della natura dei rapporti tra le medesime, degli interessi perseguiti e di ogni altro elemento che possa far luce sull effettiva intenzione di dare e ricevere il bene allo specifico fine della sua destinazione a casa familiare. Una volta escluso, su tali basi, che il contratto di comodato concluso da una donna con il figlio implichi anche la destinazione a casa familiare, diviene inapplicabile il principio di diritto affermato nella citata sentenza n del 2004 e, pertanto, la comodante non è tenuta a consentire la continuazione del godimento dell immobile da parte della nuora, pur essendo questa assegnataria dell immobile in quanto convivente con i figli. 21 Analoga posizione è stata espressa dalla Cassazione con sentenza n. 3072/ Cass. 7 luglio 2010, n

8 FOCUS nersi conto, nel contributo per il mantenimento della prole e del genitore con essa convivente, della necessità di reperire altra abitazione da adibire a casa familiare e i relativi costi connessi. 4. Le conseguenze economiche della durata dell assegnazione della casa familiare Ai sensi dell art. 155 quater c.c., la collocazione o l affidamento della prole sono presupposti indispensabili dell assegnazione della casa familiare, non potendosi disporre altrimenti alcuna assegnazione; diversamente non sarebbe modificabile a seguito del raggiungimento della maggiore età e dell indipendenza economica da parte dei figli, traducendosi in una sostanziale espropriazione del diritto di proprietà, tendenzialmente per tutta la vita del coniuge assegnatario, in danno del titolare e/o contitolare. Nonostante il rinnovarsi, nel tempo, di opinioni che ammettono l assegnazione della casa anche come componente in natura dell adempimento dell obbligo a mantenere il coniuge (o a corrispondere contribuzione post matrimoniale all ex coniuge) economicamente più debole, ormai la costante giurisprudenza della Suprema Corte, seguita pure dalla quasi totalità dei giudici di merito, indica la possibilità di assegnare il godimento della casa esclusivamente al genitore convivente con la prole 23. Il venir meno del presupposto della convivenza con i figli comporta quindi che la casa coniugale non possa essere assegnata né al coniuge che non vanti alcun diritto, reale o personale, sull immobile, né al coniuge che ne sia proprietario, proprio in virtù dello scopo dell assegnazione, e in tal caso il giudice della separazione o del divorzio deve respingere le contrapposte domande di assegnazione del godimento esclusivo della casa, lasciandone la disciplina agli accordi tra i coniugi 24. La sussistenza di un interesse dei figli a continuare a vivere nella casa in cui sono cresciuti va dunque accertato caso per caso dal giudice che, nel determinarsi, deve avere esclusivo riguardo all interesse della prole, subordinando a tale interesse le esigenze di vita dell altro coniuge, anche eventualmente collegate allo svolgimento di attività lavorativa o imprenditoriale nell abitazione familiare 25. In tema di separazione, l assegnazione della casa familiare postula l affidamento dei figli minori o la convivenza con i figli maggiorenni non ancora autosufficienti. 23 Si veda Cass. 17 dicembre 2007, n , che ha stabilito che in materia di separazione (come anche di divorzio) l assegnazione della casa familiare è finalizzata all esclusiva tutela della prole e dell interesse di questa a permanere nell ambiente domestico in cui è cresciuta, non potendo essere disposta, a titolo di componente degli assegni rispettivamente previsti dagli articoli 156 del c.c. e 5 della legge n. 898 del 1970, in caso di divorzio, per sopperire alle esigenze economiche del coniuge più debole, a garanzia delle quali sono destinati unicamente gli assegni sopra indicati. Tali princìpi troverebbero conferma anche alla stregua dello ius superveniens costituito dalla legge n. 54 del 2006 che ha aggiunto all articolo 155 del c.c. a proposito di provvedimenti riguardo ai figli l articolo 155 quater. La nuova disposizione, infatti, mostra di volere dare consacrazione legislativa, con riferimento all interesse dei figli in genere e non più all affidamento dei figli minori proprio al consolidato orientamento giurisprudenziale, statuendo che il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell interesse dei figli e che il giudice tiene conto dell assegnazione nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerando l eventuale titolo di proprietà. Nello stesso senso si vedano: Cass. 16 maggio 2007, n ; Cass. 28 settembre 2007, n ; Cass. 14 maggio 2007, n ; Corte d Appello di Roma, Sez. Persona e Famiglia civ., 4 febbraio 2009, n Si veda Cass. 18 febbraio 2008, n Conforme: Cass. 22 marzo 2007, n secondo cui, inoltre, In mancanza di una normativa speciale in tema di separazione, la casa familiare in comproprietà è soggetta, infatti, alle norme sulla comunione, al cui regime dovrà farsi riferimento per l uso e la divisione ; Cass. 14 dicembre 2007, n ; Cass. 20 settembre 2007, n secondo cui l assegnazione non può svolgere funzione perequativa delle condizioni reddituali del coniuge che ne goda; Cass. 26 gennaio 2006, n. 1545; Tribunale di Monza, Sez. IV, 10 dicembre 2007; Corte d Appello di Roma, 28 maggio 2008, n Contra: la pronuncia del Tribunale di Viterbo del 12 ottobre 2006 secondo cui l istituto dell assegnazione della casa familiare è stato ridisegnato rispetto a quello precedentemente vigente, nel senso che scomparso il criterio preferenziale, costituito dall affidamento dei figli minori o dalla presenza di figli maggiorenni, l attribuzione dell alloggio viene condizionata all interesse dei figli. Pertanto la norma non può escludere in via assoluta che in assenza di prole sia possibile assegnare la casa in virtù di altri criteri quali quello della tutela del coniuge economicamente o anche moralmente più debole dell altro. (Nello stesso senso Tribunale di Lecce 10 novembre 2006, secondo il quale il godimento della casa familiare in comproprietà può essere assegnato dal giudice della separazione anche al coniuge che non sia affidatario dei figli). 25 Cass. 17 dicembre 2009, n

9 Suddetta scelta però non può essere condizionata dalla ponderazione tra gli interessi di natura esclusivamente economica dei coniugi, o tanto meno degli stessi figli, in cui non entrino in gioco le esigenze della permanenza di questi ultimi nel quotidiano loro habitat domestico, dovendo essere subordinata esclusivamente a quest ultima imprescindibile esigenza sulla quale possono interferire, ma non certo prevalere, interessi di carattere economico, ancorché riferiti, indirettamente, alla sfera patrimoniale degli stessi figli 26. La rigidità di applicazione di tale principio può determinare, nel privilegio della conservazione dell habitat familiare, una riduzione delle altre abitudini del minore, quali ad esempio attività ludiche, ricreative, sportive. In tal senso il trasferimento di residenza di un genitore non implica in alcun modo il trasferimento della residenza del minore, prevedendosi che nell ipotesi di mutamento della residenza o del domicilio da parte di uno dei genitori, l altro possa chiedere se il mutamento interferisce con le modalità dell affidamento la ridefinizione degli accordi o dei provvedimenti adottati, ivi compresi quelli economici, dopo aver valutato l interesse della prole a cambiare o meno la residenza. Il raggiungimento dell indipendenza economica del maggiorenne determina la possibilità di revoca dell assegno di mantenimento oltre alla revoca dell assegnazione della casa coniugale. Giova precisare che la revoca dell assegno di mantenimento al figlio maggiorenne non comporta automaticamente che il figlio sia da considerarsi autosufficiente e che di conseguenza debba essere revocata anche l assegnazione della casa familiare alla madre con la quale il figlio continua a vivere 27. In relazione ai figli maggiorenni è emerso, in alcuni interventi giurisprudenziali, un particolare significato di autosufficienza intesa come autosufficienza di tipo psicologico, proprio con riguardo alle problematiche legate alla casa familiare. Si è infatti ritenuto che i figli, una volta cresciuti, non hanno più la stessa esigenza di mantenere l ambiente domestico come punto di riferimento per il loro equilibrio. Di conseguenza è più facile che, pur in assenza di una raggiunta indipendenza del figlio, venga meno l esigenza di comprimere i diritti dell altro coniuge sulla casa familiare. Nei rapporti familiari che interessano i figli maggiorenni va allora accertato non tanto il requisito della mera coabitazione, ma piuttosto della convivenza, intesa come effettiva comunanza di vita, condivisione dell ambiente domestico. Pertanto, l attenzione dell interprete dovrebbe polarizzarsi sul rapporto tra la casa e i soggetti che la abitano, per verificare se il ritorno saltuario del figlio nell immobile giustifichi il sacrificio del coniuge che ne è titolare, costituendo un sostegno, soprattutto morale e psicologico, al figlio nella fase conclusiva della sua formazione culturale e sociale: quella che precede il momento della sua indipendenza patrimoniale ed esistenziale, che nell attuale contesto socio-economico è sempre più ritardato. Devono distinguersi due situazioni: il caso in cui il ragazzo abbia ancora l esigenza di mantenere l habitat domestico nel quale è cresciuto e il diverso caso in cui non sia ancora in grado di avere una propria abitazione. In questa seconda ipotesi il provvedimento di assegnazione si trasformerebbe in una modalità di adempimento dell obbligo di mantenimento gravante sul genitore non convivente Cass. 22 novembre 2010, n Cass. 22 aprile 2005, n Cass. 22 marzo 2010, n ha confermato la natura di casa familiare e non ha revocato l assegnazione nel caso di un figlio che risultava trasferito in un altro Comune. Secondo la Corte, il trasferimento in altro Comune, risultante dai registri anagrafici, potrebbe essere collegato a una ricerca di lavoro, magari provvisoria. Sarebbe ipotizzabile, si sottolinea nella sentenza, una scissione tra domicilio, luogo in cui il soggetto ha stabilito (o conservato) la sede principale dei suoi affari e interessi (personali e patrimoniali) e residenza, luogo di dimora abituale (provvisoriamente differente), come indicato dall articolo 43 c.c. Il Tribunale di Catania, I Sez. civ., con decreto del 26 febbraio 2010, ha ritenuto che debba disporsi la revoca dell assegnazione della casa coniugale, essendo venuta meno la conformità dell assegnazione della casa all effettivo interesse della figlia al mantenimento dell habitat domestico e dovendo prevalere l interesse del padre all esplicazione del proprio diritto dominicale. Nella specie il Tribunale, pur riconoscendo che la ragazza, maggiorenne, non è ancora economicamente autosufficiente e convive con la madre, ha ritenuto che la stessa, che frequenta l università in un altra città, non ha più interesse a mantenere l habitat, posto che tra l altro la madre ha contratto nuove nozze. 48

10 FOCUS L art. 155 quater c.c., inoltre, ha inserito tra i fatti estintivi dell assegnazione anche la convivenza more uxorio o il nuovo matrimonio del genitore assegnatario non titolare di diritto reale o personale di godimento della casa familiare. Sembra che il legislatore abbia preso in considerazione la situazione del coniuge non affidatario, a volte proprietario esclusivo dell abitazione e che spesso, nella prassi, deve tollerare di vedere la sua casa abitata dal nuovo compagno del suo ex. Fin dall entrata in vigore della norma se ne è però profilata l incostituzionalità, evidenziando la compromissione alla libertà individuale di coltivare nuove relazioni sentimentali dopo la cessazione della convivenza coniugale, l ingiustificata disparità di trattamento dei figli a seconda delle scelte dei loro genitori, l ingiusta sottovalutazione dell interesse della prole a mantenere l habitat familiare rispetto all interesse del soggetto titolare del diritto reale o personale sulla casa familiare con stravolgimento delle finalità dell istituto. La nuova normativa, ritenuta in contrasto con gli artt. 30, 3 e 29 Cost. laddove prevede la revoca con carattere di automatismo dell assegnazione in caso di nuovo matrimonio o di convivenza precludendo qualunque valutazione nell interesse del minore, è stata sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale che, con sentenza interpretativa di rigetto n. 308 del 2008 ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale, individuando una lettura costituzionalmente orientata della stessa. La Consulta ha sottolineato che l assegnazione della casa familiare è strettamente funzionale all interesse dei figli e che la coerenza della disciplina e della sua costituzionalità è recuperata se interpretata nel senso che l assegnazione della casa coniugale non venga meno di diritto al verificarsi degli eventi di cui si tratta, ma che la decadenza dalla stessa sia subordinata a un giudizio di conformità all interesse del minore 29. In tal senso è anche la giurisprudenza successiva, frutto di tale interpretazione costituzionalmente orientata che vede il prevalere dell interesse a mantenere l habitat familiare alla prole, nonostante il mutamento dei componenti della comunità. Il giudice dovrà comunque tenere conto della nuova situazione, procedendo a un bilanciamento degli interessi concorrenti dei minori alla conservazione del proprio ambiente domestico e quello del coniuge comproprietario dell immobile che ne perde temporaneamente la disponibilità, conseguendone però una valutazione maggiormente significativa dell utilità economica di cui il genitore convivente con i figli beneficia con pregiudizio dell altro proprietario esclusivo o comproprietario Gli oneri economici del godimento della casa familiare Anche gli oneri relativi alla casa familiare devono considerarsi in quel bilanciamento economico tra i genitori operato dal giudice a seguito dell assegnazione della casa familiare. La giurisprudenza anche recentemente ha confermato che, qualora il giudice attribuisca a uno dei coniugi l abitazione di proprietà dell altro, la gratuità di tale assegnazione si riferisce solo all uso dell abitazione medesima, ma non si estende alle spese correlate a detto uso (comprese quelle, del genere delle spese condominiali, che riguardano la manutenzione delle cose comuni poste a servizio anche dell abitazione familiare), onde simili spese, in mancanza di un provvedimento espresso che ne accolli l onere al coniuge proprietario, sono a carico del coniuge assegnatario Al riguardo il Tribunale di Catania, con decreto del 16 gennaio 2009, ha ritenuto che in tema di modifica delle condizioni della separazione, nonostante la convivenza more uxorio della madre con un altro uomo (dal quale ha avuto un figlio), il mantenimento dell assegnazione della casa familiare sebbene di proprietà esclusiva del padre si impone per meglio tutelare l interesse del figlio minore, anche in considerazione della sua tenera età (appena sei anni), e, quindi, della particolare vulnerabilità dello stesso rispetto a un trasloco (evento, questo, normalmente fonte di disagi, se non addirittura traumatico). Analogamente la Corte d Appello di Potenza, Sez. civ., con sentenza del 15 gennaio 2009, n. 8, ha ritenuto che la revoca dell assegnazione della casa familiare non può essere effettuata per il semplice fatto che l assegnatario vi conduce una relazione more uxorio, a meno che tale situazione di fatto non determini nocumento al benessere psicologico ed educativo della prole. 30 In tal senso si veda Tribunale di Roma, Sez. I, 3 dicembre 2007, n In tal senso Cass. civ. 22 febbraio 2006, n. 3836; conforme Tribunale di Roma 13 luglio 2009, n

11 Per quanto riguarda invece le spese cosiddette straordinarie, queste saranno a carico del 50% a ciascun coniuge, in caso di comproprietà del bene, o a totale carico del proprietario esclusivo. Questa ripartizione non ha, però, rilievo nei confronti del condominio che potrà chiedere l intero contributo per gli oneri straordinari a uno solo dei due ex coniugi proprietari in virtù del principio della solidarietà 32. Capita sempre più di frequente che, in sede di separazione personale dei coniugi o di divorzio, le parti consensualmente o il giudice decidano di assegnare il godimento della casa familiare al coniuge affidatario dei figli, magari disciplinando il titolo del godimento e le spese inerenti a tale godimento nel contesto degli obblighi alimentari o di mantenimento. Il giudice, nel porre a carico del coniuge obbligato altre spese oltre all assegno di mantenimento in denaro, deve procedere all accertamento del loro importo, così da poterle valutare complessivamente, insieme all assegno in denaro, in rapporto sia alle esigenze del coniuge, a cui favore è disposto il mantenimento, sia ai redditi dello stesso obbligato. Altra ipotesi è quella relativa alla casa coniugale già goduta in locazione, per la quale opera il disposto dell articolo 6, secondo e terzo comma, legge 392/78, con successione ex lege dell assegnatario nel contratto. Il coniuge non assegnatario può essere obbligato a corrispondere, oltre all assegno determinato in una somma di denaro, anche le altre spese, quali quelle relative al canone di locazione per la casa coniugale e ai relativi oneri condominiali, purché queste spese abbiano costituito oggetto di specifico accertamento nel loro ammontare e vengano attribuite, nel rispetto dei criteri sanciti dal primo e secondo comma dell articolo 156 c.c. Infine dal momento che il diritto sulla casa coniugale, riconosciuto al coniuge non titolare di un diritto di proprietà o di godimento con il provvedimento giudiziale di assegnazione di detta casa in sede di separazione o divorzio, ha natura di atipico diritto personale di godimento e non già di diritto reale, ne consegue che questi non è soggetto passivo dell imposta comunale sugli immobili per la quota del medesimo immobile sulla quale non vanti il diritto di proprietà Lo stesso dicasi per le spese straordinarie sostenute dall assegnatario non proprietario. Si veda la sentenza del Tribunale di Bologna del 3 gennaio 2008, n. 8, che ha stabilito che il coniuge assegnatario della casa familiare, che per evitare la vendita forzata della stessa corrisponda al condominio dello stabile ove è ubicato l immobile una determina somma a titolo di spese condominiali e spese processuali, per estinguere un debito gravante sull altro coniuge (proprietario esclusivo dell immobile), surrogandosi per espressa volontà del creditore nelle ragioni del condominio, ha diritto a ottenere la restituzione della somma versata. 33 La Cassazione in tema di Ici, con la sentenza n. 6192/2007, ha ribadito la natura personale del diritto in oggetto per escludere l obbligo dell assegnatario di pagare l imposta comunale sugli immobili e per differenziare la posizione del coniuge da quella dell usufruttuario. 50

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino La Convivenza Regole e tutele della vita insieme Consiglio Nazionale del Notariato Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli