I RIFLESSI ECONOMICI DELL ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RIFLESSI ECONOMICI DELL ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE"

Transcript

1 I RIFLESSI ECONOMICI DELL ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE Marina Blasi Avvocato del Foro di Roma 1. Premessa La crisi della famiglia e la rottura della comunione spirituale e materiale tra i coniugi impongono, ad almeno uno di loro, uno sradicamento dal proprio habitat che si ripercuote sull equilibrio e sulla stabilità della persona, oltre che incidere sensibilmente sul tenore di vita e sulle condizioni economiche dell intero nucleo familiare. L attribuzione del godimento della casa coniugale, che viene disposto tenendo conto prioritariamente dell interesse dei figli, produce però effetti anche nei confronti di terzi non appartenenti al nucleo familiare in crisi, terzi ai quali è opponibile detta assegnazione. Si pensi ad esempio al comodante o al locatore che vedono la successione nel contratto di persona diversa da quella con cui era stato stipulato. Oggi dell incidenza economica dell assegnazione della casa coniugale prende atto l art. 155 quater c.c. che, disponendo che il giudice deve tener conto nella regolamentazione dei rapporti economici tra i genitori, considerando l eventuale titolo di proprietà, senza indicazione di automatismi e di criteri di valutazione, rimette al giudice della separazione o del divorzio la valutazione, caso per caso, dell incidenza delle conseguenze economiche, anche rispetto ai terzi, dell assegnazione della casa coniugale, che può però controbilanciare solo tra i genitori. Si tratta di un punto di arrivo che rimette all interprete la valutazione caso per caso, recependo le difficoltà che lo stesso legislatore negli anni si è trovato ad affrontare per contemperare gli interessi della proprietà, l interesse della prole, l interesse dei terzi. Sino alla riforma del diritto di famiglia (l. 151/1975) nessuna norma in caso di separazione o di divorzio consentiva di privare il coniuge proprietario della casa del suo diritto di godimento dell appartamento per assegnarlo in uso all altro coniuge 1 né di imporre al coniuge titolare del contratto di locazione di mettere l abitazione coniugale a disposizione dell altro 2, privilegiandosi in tal modo il diritto del proprietario o la titolarità del diritto di godimento del bene. Con la legge 151/1975 è stato riformato l art. 155 c.c. al quarto comma disponendo che l abitazione nella casa familiare spetta di preferenza, e ove sia possibile, al coniuge cui vengono affidati i figli, mentre di poco successiva è la legge sull equo canone (l. 392/1978) che all art. 6 ha previsto che nel caso di separazione giudiziale, di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, nel contratto di locazione al conduttore succede l altro coniuge, se il diritto di abitare la casa familiare sia stato attribuito dal giudice a quest ultimo. Si tratta del punto di partenza per la tutela del minore al mantenimento dell habitat domestico. 1 Cass. n. 122/ Cass. n. 2612/

2 FOCUS In assenza di disposizioni analoghe nella legge per il divorzio, si discuteva se l assegnazione potesse estendersi anche in caso di divorzio. Il contrasto giurisprudenziale che ne è conseguito è stato risolto in senso affermativo dalle Sezioni unite della Cassazione con sentenza n. 4089/1987. Nello stesso anno la legge di riforma del divorzio (l. 74/1987) modificava l art. 6, introducendo al sesto comma la seguente previsione l abitazione nella casa familiare spetta di preferenza al genitore cui vengono affidati i figli o con il quale i figli convivono oltre la maggiore età, e inserendo inoltre due paragrafi con cui dispone che in ogni caso ai fini della assegnazione il giudice dovrà valutare le condizioni economiche dei coniugi e le ragioni della decisione e favorire il coniuge più debole. L assegnazione in quanto trascritta è opponibile al terzo acquirente ai sensi dell art c.c.. La riforma del divorzio introduce la possibilità di assegnazione al coniuge più debole, comprimendo in tal senso l estensione del diritto di proprietà, ma al contempo evidenzia la necessità di considerare e valutare le condizioni economiche dei coniugi nel giudizio sull an dell assegnazione. La legge 54 del 2006 sull affidamento condiviso e per la tutela della prole nei processi separativi, considerate le implicazioni di tale tutela con gli aspetti patrimoniali ed economici, è intervenuta nella disciplina dell assegnazione della casa familiare con l introduzione dell art. 155 quater c.c., eliminando gli elementi di discontinuità tra i diversi tipi di processi separativi attraverso l equiparazione della prole. L art. 4.2 della citata legge prevede infatti che essa si applichi integralmente in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullità del matrimonio nonché ai provvedimenti relativi ai figli di genitori non coniugati. È dunque normata la possibilità di assegnazione della casa familiare nelle coppie di fatto, anche se questa era stata già riconosciuta dalla Corte Costituzionale con la nota sentenza interpretativa di rigetto n. 166/ e dalla Corte di legittimità 4. Sempre ispirata alla tutela della prole, la l. 54/2006 ha altresì esteso la tutela dei figli minori anche ai figli portatori di handicap con l art. 155 quinquies, secondo comma, c.c., che recita: Ai figli maggiorenni portatori di handicap grave ai sensi dell art. 3, 3 cp, l. 104/1992 si applicano integralmente le disposizioni previste in favore dei figli minori 5. Di tali disposizioni si ritiene non debbano applicarsi quelle relative alla capacità, in quanto a esse si applicano le norme dell amministrazione di sostegno, interdizione e inabilitazione. Si devono invece ritenere applicabili: le disposizioni in merito al contributo di mantenimento, anche considerando che frequentemente il portatore di handicap è titolare di pensione di invalidità e di indennità di accompagnamento; le disposizioni in merito alla suddivisione tra i genitori dei compiti di 3 La Consulta con la pronuncia n. 166/1998 non riteneva necessaria una specifica norma, essendo la tutela del figlio naturale immanente nell ordinamento, dal momento che la condizione dei figli deve essere considerata come unica, senza che abbiano influenza le circostanze della nascita e perché il fatto che i genitori siano o meno legati da un vincolo coniugale non può determinare una condizione deteriore per i figli, ciò in forza dell art. 30 Cost. La Consulta rinviava all art. 261 c.c. che stabilisce che il riconoscimento comporta l assunzione da parte del genitore naturale di tutti quei diritti e quei doveri previsti dalla legge in relazione alla filiazione legittima e, dunque, rinvia al disposto degli artt. 147 e 148 c.c. che impongono ai genitori l obbligo di mantenere, educare e istruire i figli, ciascuno secondo le proprie sostanze e capacità. Nell ambito dell obbligo di mantenimento assume importanza primaria, al fine di garantire un corretto sviluppo psicologico e fisico del figlio, la predisposizione e la conservazione dell ambiente domestico, considerato quale centro di vita, che contribuisce in misura fondamentale alla formazione armonica della personalità del figlio. Invero, la Corte Costituzionale già nel 1988 con la sentenza n. 404 aveva già dichiarato incostituzionale l art. 6 della egge equo canone (n. 392/1978) nella parte in cui non prevedeva la successione nel contratto di locazione del conduttore che abbia cessato la convivenza a favore del già convivente quando vi sia prole naturale. Infine la Corte Costituzionale, con sentenza interpretativa di rigetto n. 395 del 2005, ha chiarito che anche il provvedimento di assegnazione della casa familiare al genitore naturale è trascrivibile e opponibile ai terzi. 4 Si veda Cass. 26 maggio 2004, n che, in tema di famiglia di fatto e nell ipotesi di cessazione della convivenza more uxorio per asserire l assegnazione della casa familiare al genitore convivente con la prole, rinvia alla sentenza n. 166 del 1998 della Corte Costituzionale. 5 Per la nozione di portatore di grave handicap la l. 104/1992 individua colui che presenta una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale ovvero di emarginazione. In particolare il terzo comma dell art. 3 stabilisce che: Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l autonomia personale, correlata all età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sua sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. Le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi pubblici. 41

3 accudimento e di cura del figlio; le disposizioni in merito all assegnazione della casa coniugale. Anche in questo caso la novella ha normato una tutela per il figlio con grave handicap, recependo un consolidato orientamento giurisprudenziale di legittimità 6. Se da un lato l art. 155 quater c.c. presenta un impronta volta alla preminente tutela dell interesse del figlio al mantenimento dell habitat domestico, dall altro elimina ogni riferimento al coniuge debole, non avendo riproposto il paragrafo dell art. 6., sesto comma, l.div. che aveva indotto a ritenere la sussistenza di finalità ulteriori da perseguire oltre a quelle, pur primarie, dell interesse dei figli. La valutazione economica ai fini dell assegnazione oggi imposta assume rilievo esclusivamente nella regolamentazione dei rapporti economici tra i genitori e non tra i coniugi. La norma presuppone parità di condizioni tra i genitori con la possibilità che i figli possano godere delle stesse opportunità presso ciascuno di essi, ma è indubbio che l assegnazione della casa familiare crei condizioni più favorevoli al coniuge assegnatario, condizioni che possono e devono essere controbilanciate con l adeguata regolamentazione dei loro rapporti economici, anche alla luce dell attuale contesto socioeconomico di crisi. 2. Le conseguenze economiche dell individuazione della casa familiare La definizione di casa familiare postula di per sé una serie di conseguenze in merito all individuazione dell immobile e alla sua estensione, che incidono considerevolmente sull equilibrio economico dei genitori e sul tenore di vita anche dei figli. Per casa familiare si intende il luogo dove si svolge in modo continuo e prevalente la convivenza familiare 7, il luogo che costituisce il centro di aggregazione della famiglia, degli interessi e delle abitudini in cui si esprime la vita familiare e si svolge la continuità delle relazioni domestiche, connotato da caratteri di stabilità e continuità. L importanza e la funzione della casa familiare, oltre che nel momento patologico della crisi, emergono altresì nella formazione della famiglia, come indicato dagli artt. 144, 145, 146 c.c. da cui si evince la necessità di un centro di affetti e di aggregazione del nucleo familiare che abbia i caratteri di continuità e abitualità. L obbligo di coabitazione va interpretato in relazione all art. 144 c.c., che sottopone la fissazione della residenza familiare all accordo tra i coniugi in base alle esigenze di entrambi e a quelle preminenti della famiglia, e all art. 45 c.c., che attribuisce a ciascun coniuge la facoltà di avere un proprio domicilio autonomo rispetto alla residenza della famiglia, nel luogo in cui hanno sede principale i propri affari. I coniugi non hanno l obbligo di fissare la residenza anagrafica nel medesimo luogo e il dovere di coabitazione è compatibile con la residenza anagrafica di uno o di entrambi i coniugi in altro luogo rispetto alla residenza familiare 8. Ai fini quindi dell individuazione della casa familiare da assegnare ai sensi dell art. 155 quater c.c., il giudice dovrà tenere conto della residenza familiare, indipendentemente dalla diversa residenza anagrafica, scongiurando in tal modo la sottrazione dell habitat domestico ai figli e al genitore collocatario attraverso espedienti meramente anagrafici. 6 In particolare, con la sentenza n /2001 la Corte di Cassazione ha definitivamente chiarito la situazione dei figli maggiorenni portatori di handicap. In tale pronuncia, argomentando dal principio ispiratore dell istituto dell assegnazione della casa coniugale e cioè di misura di protezione dei figli volta a evitare l ulteriore lacerazione di un allontanamento coattivo dal focolare domestico, ha parificato la situazione del figlio maggiorenne completamente privo di autonomia economica peraltro conseguenza della condizione di invalidità alla posizione del minore e, quindi, ha ritenuto applicabile l art. 155, quarto comma, c.c. in forza di interpretazione estensiva. 7 Cass. n. 3934/1980; n. 9157/1993; n. 2338/ Sesta, Diritto di famiglia, Padova, 2005, 2 ed., 110 ss.; Belvedere, Residenza e casa familiare riflessioni critiche, in Riv. crit. dir. priv., 1988,

4 FOCUS Non può ritenersi motivo valido a costituire deroga al criterio preferenziale, previsto dall art. 155 c.c., la destinazione a studio professionale di parte dell abitazione coniugale, considerato che l attività professionale può adeguatamente essere svolta anche in altro luogo, sicché lo spostamento di uno studio professionale, non infrequente nell attuale sistema sociale, non esclude il ripristino dell attività in altra sede, comportando al più un iniziale rallentamento dell attività lavorativa, destinato a dissolversi nel tempo 9. Qualificata la casa familiare in relazione alla funzione di centro di aggregazione, non possono essere considerate tali le case acquistate durante la convivenza matrimoniale con la finalità di divenire casa familiare ma che non lo sono mai diventate per il sopravvenire della crisi o che sono state abitate solo da uno dei coniugi dopo la cessazione della convivenza 10 in quanto manca l elemento qualificante del centro attrattivo della communio. Allo stesso modo non può essere oggetto del provvedimento un immobile in cui i coniugi ancora non si sono trasferiti 11 o che era già stato abbandonato 12, anche se solo poco tempo prima della separazione, o ancora quell immobile utilizzato, sia pure per lunghi periodi dell anno, ma come casa di villeggiatura. Deve dunque escludersi ogni immobile di cui i coniugi avessero la disponibilità o che comunque usassero in via temporanea o saltuaria. L impossibilità per il giudice di assegnare o disciplinare il godimento delle seconde case può determinare uno sbilanciamento delle posizioni, così come nel caso in cui l assegnatario non proprietario della casa coniugale assegnata sia al contempo proprietario della seconda casa di villeggiatura. Il giudice, non potendo disporre assegnazioni in deroga di quanto sopra, dovrà tenere conto di tale squilibrio ai fini della quantificazione dell assegno, considerando il valore economico della seconda casa quale fonte di reddito. In ogni caso nella separazione consensuale o divorzio congiunto è possibile per i genitori disciplinare e costituire un diritto di abitazione su di un immobile diverso da quello che fu la casa coniugale, ricorrendo a figure tipiche diverse da quelle disciplinate dall art. 155 quater c.c. Individuato l immobile qualificabile come casa familiare, deve poi analizzarsi la possibilità della sua estensione, anch essa produttiva di conseguenze economiche che devono essere considerate dal giudice nella fase di bilanciamento delle posizioni economiche dei genitori. La Corte Costituzionale, con la pronuncia n. 454/1989, ha chiarito che la casa familiare è quel complesso di beni funzionalmente attrezzato per assicurare l esistenza domestica della comunità familiare, pertanto non è esauribile nell immobile, poiché esso non sarebbe certo idoneo a garantire alla prole la continuazione del tenore di vita realizzato nel periodo della convivenza dei genitori, comprendendo la normale dotazione di beni mobili e suppellettili per l uso quotidiano di essa. Ciò posto, non vi è dubbio che i coniugi, possano accordarsi per escludere taluni beni normalmente compresi nell arredo della casa coniugale Cass. 28 ottobre 2003, n Si veda la sentenza della Corte d Appello di Roma, Sezione Persona e Famiglia, del 27 maggio 2009, n. 2244, che nel caso di genitore convivente con la prole minorenne si sia allontanato, da tempo precedente la separazione, con la prole da detta casa, ha ritenuto che detto appartamento avesse perso la caratteristica di casa familiare, poiché la prole si è ormai senza dubbio ambientata altrove e, di conseguenza, attualmente quella casa non costituisce più il proprio ambito familiare. Ancora si rinvia a Cass. 14 dicembre 2007, n in cui si è stabilito che l assegnazione della casa coniugale si giustifica in quanto finalizzata ad assicurare l interesse della prole alla permanenza nell ambiente domestico in cui essa è cresciuta; evenienza, questa, che postula la destinazione dell immobile a stabile abitazione del coniuge e del figlio. (Nel caso di specie la nega in quanto ha invece ravvisato il carattere della stabilità nella permanenza della ricorrente in una diversa città). 11 Si veda Cass. 27 febbraio 2009, n. 4816, con cui è stata negata l assegnazione di un appartamento differente da quello in cui la famiglia aveva vissuto anche se maggiormente rispondente alle necessità quotidiane della figlia adolescente. 12 Al riguardo la Corte d Appello di Catania civile con decreto del 21 maggio 2009, in tema di modifica delle condizioni di divorzio, ha ritenuto che un appartamento, che da alcuni anni non risulti più arredato e sia inagibile per la mancata esecuzione dei lavori di manutenzione necessari e non particolarmente onerosi, ha perso i connotati propri della casa coniugale, intesa come centro di affetti e di legami dove i figli, minori o maggiorenni ma non economicamente indipendenti, hanno il loro habitat e il cui abbandono comporterebbe un ulteriore trauma rispetto a quello subìto a seguito della disgregazione del nucleo familiare. 13 Cass. 25 maggio 1998, n

5 Tale divisione degli oggetti di valore potrebbe avere uno sfruttamento economico o tali oggetti potrebbero essere utilizzati dal non assegnatario per l arredamento del suo nuovo alloggio, contenendo in tal modo le spese di quest ultimo. L assegnazione si estende, inoltre, alle pertinenze della casa familiare quali la cantina e il box. Se è vero che esse, costituendo pertinenza dell abitazione, devono seguire le sorti della casa principale, ci si domanda se tale applicazione rigida dell istituto dell assegnazione della casa familiare sia soddisfacente. Ferme restando infatti le esigenze di tutela dell interesse dei figli, il giudice potrebbe non procedere a una assegnazione automatica del box, effettuando una valutazione del caso concreto attraverso la verifica del reale apporto dello stesso a quel centro di aggregazione nel quale si è svolta la vita familiare e lo stretto collegamento dei figli con questo spazio. In tal modo potrebbero essere valorizzate le esigenze di lavoro del coniuge non collocatario, che abbia riposto nel box gli strumenti di lavoro, ovvero la necessità di locare a terzi il box per incrementare il reddito della famiglia 14. In merito all estensione della casa familiare, qualora questa venga limitata alla parte occorrente ai bisogni delle persone conviventi della famiglia, il giudice potrebbe limitare l assegnazione a quella parte di casa familiare realmente occorrente ai bisogni delle persone conviventi, tenendo conto delle esigenze di vita dell altro coniuge, e delle possibilità di godimento separato e autonomo dell immobile, attraverso modesti accorgimenti o piccoli lavori, consentendo così ai minori di poter accedere con facilità al genitore non collocatario-assegnatario di una parte dell immobile originariamente unitario 15. Tale soluzione ridurrebbe altresì gli effetti dell assegnazione sul tenore di vita degli stessi figli e sarebbe auspicabile soprattutto per situazioni di famiglie monoreddito, o con redditi bassi, e di casa familiare gravata da mutuo. 3. Le conseguenze economiche dell assegnazione della casa familiare in base al titolo originario di godimento Gli effetti economico patrimoniali dell assegnazione della casa familiare si atteggiano diversamente a seconda del titolo di godimento in capo al coniuge originariamente titolare, titolo che il giudice valuta potendo comportare una sensibile riduzione del contributo di mantenimento a favore dei figli e influire anche nella quantificazione del contributo a favore del coniuge separato e dell assegno divorzile. Invero, anche se la novella del 2006 ha imposto la valutazione unicamente nei rapporti economici tra i genitori, non è dubbio che, una volta assegnato l immobile pur a esclusiva tutela e nell interesse dei figli, il valore di una simile attribuzione si ripercuota anche sulla disciplina della posizione del coniuge assegnatario 16. Nell ipotesi di casa di proprietà esclusiva dell altro coniuge ovvero in comproprietà tra l altro coniuge e terzi, l assegnazione non sarà limitata in alcun modo, non essendo preclusa la divisione eventualmente richiesta tra i comproprietari, divisione che non incide sul diritto del coniuge assegnatario. L assegnazione influisce infatti sul godimento ma non sugli atti di disposizione dell immobile, ai quali è opponibile l assegnazione nel novennio e oltre se trascritta ai sensi dell art. 155 quater c.c. 14 Cattaneo, La casa familiare, in Fam. pers. succ., 5/2011, 366 ss. 15 Cass. n / Si riporta Cass. 20 aprile 2011, n. 9079, secondo cui l art. 156, secondo comma, c.c. stabilisce che il giudice debba determinare la misura dell assegno in relazione alle circostanze ed ai redditi dell obbligato, mentre l assegnazione della casa familiare, prevista dall art. 155 quater c.c., è finalizzata unicamente alla tutela della prole e non può essere disposta come se fosse una componente dell assegno previsto dall art. 156 c.c.; tuttavia, allorché il giudice del merito abbia revocato la concessione del diritto di abitazione nella casa coniugale (nella specie, stante la mancanza di figli della coppia), è necessario che egli valuti, una volta modificato in tal modo l equilibrio originariamente stabilito fra le parti e venuta meno una delle poste attive in favore di un coniuge, se sia ancora congrua la misura dell assegno di mantenimento originariamente disposto. 44

6 FOCUS Sotto il profilo economico tale assegnazione può determinare il giudice a escludere il contributo nelle situazioni di nuclei familiari con redditi bassi e soprattutto nel caso in cui la casa sia di esclusiva proprietà del genitore non collocatario ed eventualmente anche gravato dal mutuo contratto per il suo acquisto. Secondo la giurisprudenza della Suprema Corte antecedente la novella del 2006, nella determinazione del contributo di cui deve essere onerato il proprietario non assegnatario della casa familiare deve considerarsi che l utilità della stessa dovrebbe valutarsi in misura pari all esborso occorrente per godere dell immobile a titolo di locazione dal momento che, se la debolezza economica dell ex coniuge non può influire sull an di tale assegnazione, non si può escludere che il vantaggio economico ottenuto incida sul quantum dell assegno di divorzio 17. In realtà il valore locatizio può costituire un punto di partenza della valutazione ma non deve essere l unico elemento traducendosi in applicazioni automatiche, in quanto l assegnazione della casa familiare ha la sua ratio nel soddisfacimento delle esigenze abitative della prole. La novella del 2006 ha lasciato all interprete la valutazione dei fattori economici e il giudice terrà conto di tutte le circostanze rilevanti personali, patrimoniali e reddituali che caratterizzano il caso concreto, partendo non tanto dal vantaggio economico del coniuge assegnatario, ma dal sacrificio economico cui l altro coniuge andrà incontro per assicurarsi un nuovo alloggio. Una valutazione più prossima al valore locatizio, pur senza automatismi e rigidità di sorta, potrebbe essere adottata, invece, nel caso di convivenza more uxorio e/o nuovo matrimonio del coniuge affidatario o, comunque, in tutti quei casi in cui nell immobile vivano soggetti terzi (per esempio figli del coniuge assegnatario). Tale soluzione consentirebbe ai minori figli della coppia di continuare a vivere nella casa mantenendo le abitudini e le relazioni affettive che hanno caratterizzato la loro vita prima della separazione dei genitori, garantendo un equo ristoro al genitore titolare del diritto, almeno nella parte in cui il godimento dell immobile sia a vantaggio di terzi. La situazione di genitori comproprietari della casa coniugale è la più frequente, sia che si tratti della casa caduta in comunione legale sia che si tratti di acquisto in comunione ordinaria. In tal caso l assegnazione al coniuge collocatario della prole non comporta eccessive problematiche, incidendo sul diritto di proprietà essendone peraltro ammessa dalla giurisprudenza la divisione. In tale ipotesi l assegnazione ex art. 155 quater c.c. influenzerà gli esiti della divisione con riferimento alla quantificazione del valore dell immobile 18, con riguardo alla divisibilità in natura (dovendosi privilegiare il mantenimento del godimento degli spazi idonei alla funzione di casa familiare) e, nel momento dell assegnazione in caso di impossibilità di divisione, al comproprietario richiedente già assegnatario ai sensi dell art. 155 quater c.c., escludendosi il ricorso al sorteggio. Nel caso in cui la casa familiare è goduta a titolo di locazione, l art. 6 della legge sull equo canone prevede espressamente che: In caso di separazione giudiziale o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nel contratto di locazione succede al conduttore l altro coniuge se il diritto di abitare nella casa familiare sia stato attribuito dal giudice a quest ultimo. Analogamente in caso di separazione consensuale e di nullità matrimoniale se i coniugi hanno così convenuto, determinando una successione ex lege dell assegnatario all originario conduttore nel contratto di locazione. Il rapporto con l originario conduttore si estingue e non è più suscettibile di reviviscenza, anche nel caso di abbandono della casa da parte dell affidatario. Gli effetti dell assegnazione si ripercuoteranno sulla quantificazione dell assegno di mantenimento, stante l onerosità del godimento della casa familiare che dovrà essere sostenuta dall assegnatario con il proprio reddito e l eventuale contributo di cui benefici a titolo di mantenimento. Nel caso di alloggi di edilizia residenziale pubblica, la situazione non cambia, atteso che numerose leggi regionali riproducono il contenuto dell art. 6 l. equo canone prevedendo la successione del coniuge convivente con la prole all originario assegnatario. L originario assegnatario potrà concorrere per una nuova assegnazione. 17 Cass. n / Cass. n. 9310/

7 Spesso accade che un genitore della coppia, o anche un terzo, conceda in comodato un immobile di sua proprietà affinché sia destinato a casa coniugale. L orientamento consolidato della Cassazione è sempre stato nel senso di ammettere l assegnabilità, con la conseguenza che il coniuge affidatario subentra nel rapporto di comodato così come subentra nel contratto di locazione 19. La Corte di Cassazione a Sezioni unite, con sentenza n /2004, ha inoltre specificato che il diritto del coniuge assegnatario trova nuovo e autonomo titolo nel provvedimento giudiziale in cui rileva la nozione di casa familiare; in questa prospettiva il dato oggettivo della destinazione a casa familiare, finalizzato a consentire un godimento per definizione esteso a tutti i componenti della comunità familiare, comporta che il soggetto che formalmente assume la qualità di comodatario riceve il bene, non solo e non tanto a titolo personale, quanto piuttosto quale esponente della comunità familiare. Per effetto della concorde volontà delle parti, dunque, si configura un vincolo di destinazione dell immobile alle esigenze abitative familiari idoneo a conferire all uso cui la cosa doveva essere destinata il carattere di termine implicito della durata del rapporto, la cui scadenza non è determinata, ma è strettamente correlata alla destinazione impressa e alle finalità cui essa tende: né tale vincolo può considerarsi automaticamente caducato per il sopravvenire della crisi coniugale. Rigoroso dovrà pertanto essere l accertamento della volontà delle parti di adibire l immobile a casa familiare 20. Resta salva in ogni caso la facoltà del comodante di chiedere la restituzione nell ipotesi di sopravvenienza di un bisogno segnato dai requisiti dell urgenza e della non previsione ai sensi dell art. 1809, secondo comma, c.c. 21. Da ultimo, una recentissima pronuncia della Corte di Cassazione 22 ha disatteso l indirizzo espresso dalle Sezioni unite, ribadendo che nel comodato precario la determinazione del termine di efficacia del vinculum iuris è rimesso in via potestativa al comodante che ha facoltà di manifestarla ad nutum con la semplice richiesta di restituzione del bene, senza che assuma rilievo la circostanza che l immobile sia stato adibito a uso familiare e sia stato assegnato in sede di separazione dei beni al coniuge affidatario dei figli. È bastata nel caso di specie la produzione di certificati medici e di una generica comunicazione con la quale alla comodante era stata trasmessa la volontà da parte del figlio di non volerla più ospitare in casa propria, per esigenze personali, perché si ritenesse sussistente lo stato di bisogno sopravvenuto, caratterizzato dall urgenza e non previsione, per considerare applicabile il disposto della norma sopra richiamata. Quanto agli effetti economici dell assegnazione di casa familiare goduta in comodato, considerata la gratuità del godimento del bene, valgono le considerazioni relative al bene di proprietà esclusiva del genitore, ai fini del bilanciamento degli interessi e delle questioni economiche, compreso il costo del sacrificio per il non assegnatario di trovare altra abitazione. Se la casa è attribuita a un coniuge in virtù di un contratto di portierato o di custodia, trattandosi di una modalità di retribuzione di un attività lavorativa prestata, si ritiene impossibile procedere all assegnazione. Analogamente in caso di alloggio di servizio riservato al personale delle forze armate, soprattutto nel caso in cui il militare abbia tra i propri doveri connessi alla funzione ricoperta quello di abitare in detto alloggio sito in caserma o in aeroporto. Pertanto in tali casi dovrà te- 19 Cass. 929/1995; Cass / Si rinvia a Cass. 11 agosto 2010, n che ha stabilito che l effettività della destinazione a casa familiare da parte del comodante non può essere desunta dalla mera natura immobiliare del bene concesso, ma implica un accertamento in fatto che postula una specifica verifica della comune intenzione delle parti attraverso una valutazione globale dell intero contesto nel quale il contratto si è perfezionato, della natura dei rapporti tra le medesime, degli interessi perseguiti e di ogni altro elemento che possa far luce sull effettiva intenzione di dare e ricevere il bene allo specifico fine della sua destinazione a casa familiare. Una volta escluso, su tali basi, che il contratto di comodato concluso da una donna con il figlio implichi anche la destinazione a casa familiare, diviene inapplicabile il principio di diritto affermato nella citata sentenza n del 2004 e, pertanto, la comodante non è tenuta a consentire la continuazione del godimento dell immobile da parte della nuora, pur essendo questa assegnataria dell immobile in quanto convivente con i figli. 21 Analoga posizione è stata espressa dalla Cassazione con sentenza n. 3072/ Cass. 7 luglio 2010, n

8 FOCUS nersi conto, nel contributo per il mantenimento della prole e del genitore con essa convivente, della necessità di reperire altra abitazione da adibire a casa familiare e i relativi costi connessi. 4. Le conseguenze economiche della durata dell assegnazione della casa familiare Ai sensi dell art. 155 quater c.c., la collocazione o l affidamento della prole sono presupposti indispensabili dell assegnazione della casa familiare, non potendosi disporre altrimenti alcuna assegnazione; diversamente non sarebbe modificabile a seguito del raggiungimento della maggiore età e dell indipendenza economica da parte dei figli, traducendosi in una sostanziale espropriazione del diritto di proprietà, tendenzialmente per tutta la vita del coniuge assegnatario, in danno del titolare e/o contitolare. Nonostante il rinnovarsi, nel tempo, di opinioni che ammettono l assegnazione della casa anche come componente in natura dell adempimento dell obbligo a mantenere il coniuge (o a corrispondere contribuzione post matrimoniale all ex coniuge) economicamente più debole, ormai la costante giurisprudenza della Suprema Corte, seguita pure dalla quasi totalità dei giudici di merito, indica la possibilità di assegnare il godimento della casa esclusivamente al genitore convivente con la prole 23. Il venir meno del presupposto della convivenza con i figli comporta quindi che la casa coniugale non possa essere assegnata né al coniuge che non vanti alcun diritto, reale o personale, sull immobile, né al coniuge che ne sia proprietario, proprio in virtù dello scopo dell assegnazione, e in tal caso il giudice della separazione o del divorzio deve respingere le contrapposte domande di assegnazione del godimento esclusivo della casa, lasciandone la disciplina agli accordi tra i coniugi 24. La sussistenza di un interesse dei figli a continuare a vivere nella casa in cui sono cresciuti va dunque accertato caso per caso dal giudice che, nel determinarsi, deve avere esclusivo riguardo all interesse della prole, subordinando a tale interesse le esigenze di vita dell altro coniuge, anche eventualmente collegate allo svolgimento di attività lavorativa o imprenditoriale nell abitazione familiare 25. In tema di separazione, l assegnazione della casa familiare postula l affidamento dei figli minori o la convivenza con i figli maggiorenni non ancora autosufficienti. 23 Si veda Cass. 17 dicembre 2007, n , che ha stabilito che in materia di separazione (come anche di divorzio) l assegnazione della casa familiare è finalizzata all esclusiva tutela della prole e dell interesse di questa a permanere nell ambiente domestico in cui è cresciuta, non potendo essere disposta, a titolo di componente degli assegni rispettivamente previsti dagli articoli 156 del c.c. e 5 della legge n. 898 del 1970, in caso di divorzio, per sopperire alle esigenze economiche del coniuge più debole, a garanzia delle quali sono destinati unicamente gli assegni sopra indicati. Tali princìpi troverebbero conferma anche alla stregua dello ius superveniens costituito dalla legge n. 54 del 2006 che ha aggiunto all articolo 155 del c.c. a proposito di provvedimenti riguardo ai figli l articolo 155 quater. La nuova disposizione, infatti, mostra di volere dare consacrazione legislativa, con riferimento all interesse dei figli in genere e non più all affidamento dei figli minori proprio al consolidato orientamento giurisprudenziale, statuendo che il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell interesse dei figli e che il giudice tiene conto dell assegnazione nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerando l eventuale titolo di proprietà. Nello stesso senso si vedano: Cass. 16 maggio 2007, n ; Cass. 28 settembre 2007, n ; Cass. 14 maggio 2007, n ; Corte d Appello di Roma, Sez. Persona e Famiglia civ., 4 febbraio 2009, n Si veda Cass. 18 febbraio 2008, n Conforme: Cass. 22 marzo 2007, n secondo cui, inoltre, In mancanza di una normativa speciale in tema di separazione, la casa familiare in comproprietà è soggetta, infatti, alle norme sulla comunione, al cui regime dovrà farsi riferimento per l uso e la divisione ; Cass. 14 dicembre 2007, n ; Cass. 20 settembre 2007, n secondo cui l assegnazione non può svolgere funzione perequativa delle condizioni reddituali del coniuge che ne goda; Cass. 26 gennaio 2006, n. 1545; Tribunale di Monza, Sez. IV, 10 dicembre 2007; Corte d Appello di Roma, 28 maggio 2008, n Contra: la pronuncia del Tribunale di Viterbo del 12 ottobre 2006 secondo cui l istituto dell assegnazione della casa familiare è stato ridisegnato rispetto a quello precedentemente vigente, nel senso che scomparso il criterio preferenziale, costituito dall affidamento dei figli minori o dalla presenza di figli maggiorenni, l attribuzione dell alloggio viene condizionata all interesse dei figli. Pertanto la norma non può escludere in via assoluta che in assenza di prole sia possibile assegnare la casa in virtù di altri criteri quali quello della tutela del coniuge economicamente o anche moralmente più debole dell altro. (Nello stesso senso Tribunale di Lecce 10 novembre 2006, secondo il quale il godimento della casa familiare in comproprietà può essere assegnato dal giudice della separazione anche al coniuge che non sia affidatario dei figli). 25 Cass. 17 dicembre 2009, n

9 Suddetta scelta però non può essere condizionata dalla ponderazione tra gli interessi di natura esclusivamente economica dei coniugi, o tanto meno degli stessi figli, in cui non entrino in gioco le esigenze della permanenza di questi ultimi nel quotidiano loro habitat domestico, dovendo essere subordinata esclusivamente a quest ultima imprescindibile esigenza sulla quale possono interferire, ma non certo prevalere, interessi di carattere economico, ancorché riferiti, indirettamente, alla sfera patrimoniale degli stessi figli 26. La rigidità di applicazione di tale principio può determinare, nel privilegio della conservazione dell habitat familiare, una riduzione delle altre abitudini del minore, quali ad esempio attività ludiche, ricreative, sportive. In tal senso il trasferimento di residenza di un genitore non implica in alcun modo il trasferimento della residenza del minore, prevedendosi che nell ipotesi di mutamento della residenza o del domicilio da parte di uno dei genitori, l altro possa chiedere se il mutamento interferisce con le modalità dell affidamento la ridefinizione degli accordi o dei provvedimenti adottati, ivi compresi quelli economici, dopo aver valutato l interesse della prole a cambiare o meno la residenza. Il raggiungimento dell indipendenza economica del maggiorenne determina la possibilità di revoca dell assegno di mantenimento oltre alla revoca dell assegnazione della casa coniugale. Giova precisare che la revoca dell assegno di mantenimento al figlio maggiorenne non comporta automaticamente che il figlio sia da considerarsi autosufficiente e che di conseguenza debba essere revocata anche l assegnazione della casa familiare alla madre con la quale il figlio continua a vivere 27. In relazione ai figli maggiorenni è emerso, in alcuni interventi giurisprudenziali, un particolare significato di autosufficienza intesa come autosufficienza di tipo psicologico, proprio con riguardo alle problematiche legate alla casa familiare. Si è infatti ritenuto che i figli, una volta cresciuti, non hanno più la stessa esigenza di mantenere l ambiente domestico come punto di riferimento per il loro equilibrio. Di conseguenza è più facile che, pur in assenza di una raggiunta indipendenza del figlio, venga meno l esigenza di comprimere i diritti dell altro coniuge sulla casa familiare. Nei rapporti familiari che interessano i figli maggiorenni va allora accertato non tanto il requisito della mera coabitazione, ma piuttosto della convivenza, intesa come effettiva comunanza di vita, condivisione dell ambiente domestico. Pertanto, l attenzione dell interprete dovrebbe polarizzarsi sul rapporto tra la casa e i soggetti che la abitano, per verificare se il ritorno saltuario del figlio nell immobile giustifichi il sacrificio del coniuge che ne è titolare, costituendo un sostegno, soprattutto morale e psicologico, al figlio nella fase conclusiva della sua formazione culturale e sociale: quella che precede il momento della sua indipendenza patrimoniale ed esistenziale, che nell attuale contesto socio-economico è sempre più ritardato. Devono distinguersi due situazioni: il caso in cui il ragazzo abbia ancora l esigenza di mantenere l habitat domestico nel quale è cresciuto e il diverso caso in cui non sia ancora in grado di avere una propria abitazione. In questa seconda ipotesi il provvedimento di assegnazione si trasformerebbe in una modalità di adempimento dell obbligo di mantenimento gravante sul genitore non convivente Cass. 22 novembre 2010, n Cass. 22 aprile 2005, n Cass. 22 marzo 2010, n ha confermato la natura di casa familiare e non ha revocato l assegnazione nel caso di un figlio che risultava trasferito in un altro Comune. Secondo la Corte, il trasferimento in altro Comune, risultante dai registri anagrafici, potrebbe essere collegato a una ricerca di lavoro, magari provvisoria. Sarebbe ipotizzabile, si sottolinea nella sentenza, una scissione tra domicilio, luogo in cui il soggetto ha stabilito (o conservato) la sede principale dei suoi affari e interessi (personali e patrimoniali) e residenza, luogo di dimora abituale (provvisoriamente differente), come indicato dall articolo 43 c.c. Il Tribunale di Catania, I Sez. civ., con decreto del 26 febbraio 2010, ha ritenuto che debba disporsi la revoca dell assegnazione della casa coniugale, essendo venuta meno la conformità dell assegnazione della casa all effettivo interesse della figlia al mantenimento dell habitat domestico e dovendo prevalere l interesse del padre all esplicazione del proprio diritto dominicale. Nella specie il Tribunale, pur riconoscendo che la ragazza, maggiorenne, non è ancora economicamente autosufficiente e convive con la madre, ha ritenuto che la stessa, che frequenta l università in un altra città, non ha più interesse a mantenere l habitat, posto che tra l altro la madre ha contratto nuove nozze. 48

10 FOCUS L art. 155 quater c.c., inoltre, ha inserito tra i fatti estintivi dell assegnazione anche la convivenza more uxorio o il nuovo matrimonio del genitore assegnatario non titolare di diritto reale o personale di godimento della casa familiare. Sembra che il legislatore abbia preso in considerazione la situazione del coniuge non affidatario, a volte proprietario esclusivo dell abitazione e che spesso, nella prassi, deve tollerare di vedere la sua casa abitata dal nuovo compagno del suo ex. Fin dall entrata in vigore della norma se ne è però profilata l incostituzionalità, evidenziando la compromissione alla libertà individuale di coltivare nuove relazioni sentimentali dopo la cessazione della convivenza coniugale, l ingiustificata disparità di trattamento dei figli a seconda delle scelte dei loro genitori, l ingiusta sottovalutazione dell interesse della prole a mantenere l habitat familiare rispetto all interesse del soggetto titolare del diritto reale o personale sulla casa familiare con stravolgimento delle finalità dell istituto. La nuova normativa, ritenuta in contrasto con gli artt. 30, 3 e 29 Cost. laddove prevede la revoca con carattere di automatismo dell assegnazione in caso di nuovo matrimonio o di convivenza precludendo qualunque valutazione nell interesse del minore, è stata sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale che, con sentenza interpretativa di rigetto n. 308 del 2008 ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale, individuando una lettura costituzionalmente orientata della stessa. La Consulta ha sottolineato che l assegnazione della casa familiare è strettamente funzionale all interesse dei figli e che la coerenza della disciplina e della sua costituzionalità è recuperata se interpretata nel senso che l assegnazione della casa coniugale non venga meno di diritto al verificarsi degli eventi di cui si tratta, ma che la decadenza dalla stessa sia subordinata a un giudizio di conformità all interesse del minore 29. In tal senso è anche la giurisprudenza successiva, frutto di tale interpretazione costituzionalmente orientata che vede il prevalere dell interesse a mantenere l habitat familiare alla prole, nonostante il mutamento dei componenti della comunità. Il giudice dovrà comunque tenere conto della nuova situazione, procedendo a un bilanciamento degli interessi concorrenti dei minori alla conservazione del proprio ambiente domestico e quello del coniuge comproprietario dell immobile che ne perde temporaneamente la disponibilità, conseguendone però una valutazione maggiormente significativa dell utilità economica di cui il genitore convivente con i figli beneficia con pregiudizio dell altro proprietario esclusivo o comproprietario Gli oneri economici del godimento della casa familiare Anche gli oneri relativi alla casa familiare devono considerarsi in quel bilanciamento economico tra i genitori operato dal giudice a seguito dell assegnazione della casa familiare. La giurisprudenza anche recentemente ha confermato che, qualora il giudice attribuisca a uno dei coniugi l abitazione di proprietà dell altro, la gratuità di tale assegnazione si riferisce solo all uso dell abitazione medesima, ma non si estende alle spese correlate a detto uso (comprese quelle, del genere delle spese condominiali, che riguardano la manutenzione delle cose comuni poste a servizio anche dell abitazione familiare), onde simili spese, in mancanza di un provvedimento espresso che ne accolli l onere al coniuge proprietario, sono a carico del coniuge assegnatario Al riguardo il Tribunale di Catania, con decreto del 16 gennaio 2009, ha ritenuto che in tema di modifica delle condizioni della separazione, nonostante la convivenza more uxorio della madre con un altro uomo (dal quale ha avuto un figlio), il mantenimento dell assegnazione della casa familiare sebbene di proprietà esclusiva del padre si impone per meglio tutelare l interesse del figlio minore, anche in considerazione della sua tenera età (appena sei anni), e, quindi, della particolare vulnerabilità dello stesso rispetto a un trasloco (evento, questo, normalmente fonte di disagi, se non addirittura traumatico). Analogamente la Corte d Appello di Potenza, Sez. civ., con sentenza del 15 gennaio 2009, n. 8, ha ritenuto che la revoca dell assegnazione della casa familiare non può essere effettuata per il semplice fatto che l assegnatario vi conduce una relazione more uxorio, a meno che tale situazione di fatto non determini nocumento al benessere psicologico ed educativo della prole. 30 In tal senso si veda Tribunale di Roma, Sez. I, 3 dicembre 2007, n In tal senso Cass. civ. 22 febbraio 2006, n. 3836; conforme Tribunale di Roma 13 luglio 2009, n

11 Per quanto riguarda invece le spese cosiddette straordinarie, queste saranno a carico del 50% a ciascun coniuge, in caso di comproprietà del bene, o a totale carico del proprietario esclusivo. Questa ripartizione non ha, però, rilievo nei confronti del condominio che potrà chiedere l intero contributo per gli oneri straordinari a uno solo dei due ex coniugi proprietari in virtù del principio della solidarietà 32. Capita sempre più di frequente che, in sede di separazione personale dei coniugi o di divorzio, le parti consensualmente o il giudice decidano di assegnare il godimento della casa familiare al coniuge affidatario dei figli, magari disciplinando il titolo del godimento e le spese inerenti a tale godimento nel contesto degli obblighi alimentari o di mantenimento. Il giudice, nel porre a carico del coniuge obbligato altre spese oltre all assegno di mantenimento in denaro, deve procedere all accertamento del loro importo, così da poterle valutare complessivamente, insieme all assegno in denaro, in rapporto sia alle esigenze del coniuge, a cui favore è disposto il mantenimento, sia ai redditi dello stesso obbligato. Altra ipotesi è quella relativa alla casa coniugale già goduta in locazione, per la quale opera il disposto dell articolo 6, secondo e terzo comma, legge 392/78, con successione ex lege dell assegnatario nel contratto. Il coniuge non assegnatario può essere obbligato a corrispondere, oltre all assegno determinato in una somma di denaro, anche le altre spese, quali quelle relative al canone di locazione per la casa coniugale e ai relativi oneri condominiali, purché queste spese abbiano costituito oggetto di specifico accertamento nel loro ammontare e vengano attribuite, nel rispetto dei criteri sanciti dal primo e secondo comma dell articolo 156 c.c. Infine dal momento che il diritto sulla casa coniugale, riconosciuto al coniuge non titolare di un diritto di proprietà o di godimento con il provvedimento giudiziale di assegnazione di detta casa in sede di separazione o divorzio, ha natura di atipico diritto personale di godimento e non già di diritto reale, ne consegue che questi non è soggetto passivo dell imposta comunale sugli immobili per la quota del medesimo immobile sulla quale non vanti il diritto di proprietà Lo stesso dicasi per le spese straordinarie sostenute dall assegnatario non proprietario. Si veda la sentenza del Tribunale di Bologna del 3 gennaio 2008, n. 8, che ha stabilito che il coniuge assegnatario della casa familiare, che per evitare la vendita forzata della stessa corrisponda al condominio dello stabile ove è ubicato l immobile una determina somma a titolo di spese condominiali e spese processuali, per estinguere un debito gravante sull altro coniuge (proprietario esclusivo dell immobile), surrogandosi per espressa volontà del creditore nelle ragioni del condominio, ha diritto a ottenere la restituzione della somma versata. 33 La Cassazione in tema di Ici, con la sentenza n. 6192/2007, ha ribadito la natura personale del diritto in oggetto per escludere l obbligo dell assegnatario di pagare l imposta comunale sugli immobili e per differenziare la posizione del coniuge da quella dell usufruttuario. 50

Diritto del minore al suo habitat familiare: palese discriminazione in virtù di un sottostante contratto di comodato o di locazione

Diritto del minore al suo habitat familiare: palese discriminazione in virtù di un sottostante contratto di comodato o di locazione STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4405 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MUSSOLINI Disciplina della convivenza familiare e norme in materia di filiazione e di successione

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione e Divorzio, organizzato dall Associazione DueCon, tenutosi

Dettagli

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e divorzi che si registrano nel nostro Paese ogni anno, considerando

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 Famiglia - Figli Genitori gay Affido Possibile Sì all affido di un figlio minore ad una coppia omosessuale composta da

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 684 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Riconoscimento giuridico di diritti, responsabilità e facoltà

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI MARSALA Sezione Civile

TRIBUNALE ORDINARIO DI MARSALA Sezione Civile TRIBUNALE ORDINARIO DI MARSALA Sezione Civile composto dai Magistrati Dr. Raimondo Genco Presidente Dr. Pasquale Russolillo Giudice Dott.ssa Manuela Palvarini Giudice rel. Sul reclamo proposto da PERZI

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Vademecum sul Registro delle Unioni civili

Vademecum sul Registro delle Unioni civili Comune di Spilamberto Vademecum sul Registro delle Unioni civili Nuove opportunità per le coppie non sposate 1 INDICE Premessa.. pag. 3 1. Assistenza pag. 4 1.1 Amministrazione di sostegno. pag. 4 1.2

Dettagli

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ I locatari o assegnatari in godimento a termine e permanente e gli acquirenti e assegnatari in proprietà degli alloggi devono essere

Dettagli

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook LA MEDIAZIONE FAMILIARE IN ITALIA PASSATO, PRESENTE E FUTURO I versione: 30 marzo 2006 Ultima revisione: 15 maggio 2008 A partire dal 1970, anno di introduzione della legge sul divorzio, assistiamo nel

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

Alternanza dei genitori con cadenza settimanale nella casa familiare

Alternanza dei genitori con cadenza settimanale nella casa familiare Alternanza dei genitori con cadenza settimanale nella casa familiare Tribunale per i minorenni di Milano Decreto provvisorio 30 maggio 4 giugno 2008 n. 4380 Presidente e relatore Aliverti La massima -

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it 13/10/2014 L'assegno di mantenimento piccola guida Il dovere di assistenza morale e materiale e l'obbligo di mantenimento del coniuge separato Prima di affrontare il tema della determinazione e della corresponsione

Dettagli

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI Prefazione... Introduzione... 1 1 LA CESSAZIONE DELLA CONVIVENZA: L AFFIDAMENTO CONDIVISO DELLA PROLE La questione... 11 Analisi dello scenario... 11 Inquadramento

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. Vitrone; Rel. Didone) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Assegno divorzile Quantum

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Il presente provvedimento costituisce una delle prime decisioni da parte di un tribunale per i minorenni sulle questioni economiche relativamente ai figli di genitori non coniugati dopo la nota ordinanza

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI E DIRITTI SULLA CASA

CAPITOLO SECONDO RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI E DIRITTI SULLA CASA INDICE PRESENTAZIONE................................................................................ 5 INTRODUZIONE................................................................................. 15 CAPITOLO

Dettagli

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P.

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. Approvato con delibera C.C. n. 73 del 04/11/2011 Esecutivo dal 01/01/2012 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura.

Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. Che cosa è la separazione? Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. La separazione può essere chiesta da uno o entrambi gli

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SEPARAZIONE DEI CONIUGI - CASA CONIUGALE. CASS. CIV., SEZ. I, 24 LUGLIO 2012, N. 12977. Può farsi luogo ad assegnazione della casa coniugale ad uno dei coniugi, nell'interesse preminente dei figli minori

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3 Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA La promessa di matrimonio... Pag. 3 Il matrimonio: celebrazione e invalidità Il matrimonio civile 1) La celebrazione del matrimonio civile... Pag.

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA)

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 0026 Imola Tel. 052-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Approvato con delibera C.C. n. 160 del 18.07.2005,

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 (SEZIONE ECONOMIA PORTALE LEONARDO.IT) Proteggere il patrimonio: che cosa è e quando conviene il Fondo Patrimoniale avv. Roberto lenzi Lenzi e Associati Una recente sentenza

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 Famiglia Separazione personale dei coniugi comportamento successivo alla separazione (nella specie, esercizio della prostituzione da parte della moglie separata) limitata

Dettagli

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi L affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi nno 2006 6 agosto 2008 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile 220 Alberto Figone 8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile Molto si è discusso sui rapporti tra Tribunale ordinario e minorile nell assunzione dei provvedimenti a vario modo incidenti sulla potestà,

Dettagli

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE.

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. Modena, 15 settembre 2014 PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. La Corte di Giustizia UE, con Sentenza relativa alla causa C- 255/13 del

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

Il quadro delle responsabilità civili

Il quadro delle responsabilità civili Firenze Istituto degli Innocenti 11 maggio 2012 Il quadro delle responsabilità civili Relatrice: Manuela Cecchi 1 IL QUADRO DELLE RESPONSABILITÀ CIVILI Secondo il Glossario del portale degli assisti sociali

Dettagli

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO 22 REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO Mevio e Mevia, coniugi senza figli, decidono di divorziare in seguito ad una separazione consensuale omologata. In sede di giudizio, viene disposto in favore della

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE COMUNE DI CAGLIARI Assessorato delle Politiche Sociali Area dei Servizi al cittadino Servizi Socio Assistenziali ed Asili Nido BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE Ai sensi di

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) INDICE 1. Oggetto e riferimenti legislativi 2. Ambiti di applicazione 3. Determinazione

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali Il punto di pratica professionale Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali a cura di Antonio Saccone Avvocato - Funzionario della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MORANI, D ALESSANDRO. Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi prematrimoniali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MORANI, D ALESSANDRO. Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi prematrimoniali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2669 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MORANI, D ALESSANDRO Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi

Dettagli

Paolo Richter Mapelli Mozzi

Paolo Richter Mapelli Mozzi Paolo Richter Mapelli Mozzi Il requisito dell assenza di figli maggiorenni economicamente non autosufficienti nel procedimento di separazione e divorzio consensuali avanti all Ufficiale di stato civile.

Dettagli

Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso

Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso Brescia 20 settembre 2011 Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso - Maria Carla Gatto, presidente del Tribunale per i Minorenni di Brescia - Nel ringraziare la Commissione Giustizia

Dettagli

IL mantenimento della prole e l assegnazione

IL mantenimento della prole e l assegnazione Capitolo 3 IL mantenimento della prole e l assegnazione della casa coniugale Caso 3.1 Come si configurava, prima della riforma della materia, l istituto del mantenimento della prole? Come è noto il matrimonio

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Di Palma; Rel. Acierno) Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della separazione Ripresa della convivenza

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Con la pronuncia in esame, il Tribunale di Catania propone una lettura interpretativa del disposto di cui all art. 155-quinquies, comma 1, cod. civ., del tutto condivisibile, poiché, da un lato, afferma

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres. Salmè; Re. Camaprile) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili Assegno divorzile Condizioni Secondo

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli