Le Fabbriche della conoscenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Fabbriche della conoscenza"

Transcript

1 Le Fabbriche della conoscenza Roma Tre nel territorio e nella riqualificazione dell area Ostiense RETTORATO di ROMA TRE gennaio Mostra e catalogo a cura di: Enrica Torelli Landini Carlo Maria Travaglini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE

2 Università degli Studi Roma Tre in collaborazione con Archivio Storico Capitolino Dipartimento IV Politiche Culturali - Comune di Roma Rettorato di Roma Tre, gennaio 2001 Mostra e catalogo a cura di Enrica Torelli Landini Carlo Maria Travaglini Collaboratori: Sabrina Aguiari, Giorgia Barbetta, Daniela Basti, Daniela La Lamia, Keti Lelo, Giulio Napolitano, Luciano Scacchi Grafica e impaginazione Sabrina Aguiari, Laboratorio editoriale d Ateneo 2 Fotografie dello stato attuale: Giulio Napolitano (gn) Maria Gabriella Gallo (mgg) Marcello Gianvenuti (mg) Fabrizio Fioravanti (ff) Alberto Novelli (an) Alberto Muciaccia (am) Riccardo Pieroni (rp) Cindy Sherman (cs) Fonti: Archivio Basilica di S. Paolo, Archivio di Stato di Roma, Archivio Fotografico Museo di Roma, Archivio Orseolo Fasolo, Archivio personale Gianluigi Nigro, Archivio Storico Capitolino (ASC), Archivio Storico Italgas (ASI), Centro documentazione storica Alfa Romeo, Conservatoria del Comune di Roma, INSEAN, Fondo Paolo Parisi, SARA Nistri, Ufficio Catasto di Roma, Ufficio Speciale Condono Edilizio (USCE), Ufficio Tecnico Università Roma Tre, Università della Tuscia - Facoltà Conservazione Beni Culturali Parte delle fotografie storiche riguardanti il Gazometro sono tratte dalle pubblicazioni: L Officina a Gas di S. Paolo della Società Anglo-Romana per l illuminazione a Roma, Roma, ed. It., 1911; L Azienda gas della Società Romana del gas, passato, presente, avvenire, Roma, Inoltre parte delle foto storiche riguardanti la scuola Nicolò Tommaseo sono tratte da: I nuovi fabbricati scolastici, Roma Schede a cura di: Enrica Torelli Landini (ETL) e Daniela La Lamia (DLL) finito di stampare: gennaio 2001

3 prefazione 4 argiletum 6 indice mattatoio 10 gazometro 16 mercati generali 22 scuola nicolò tommaseo 28 vetreria a. bordoni 32 alfa romeo 36 scuola edmondo de amicis 42 scuola silvio d amico 44 via c. segre 46 viale g. marconi 48 società aerostatica avorio 50 omi 52 vasca navale 54 le torri 60 lo spazio di Roma Tre 62 appendice statistica 63 3

4 4 PRESENTAZIONE RETTORE

5 montaggio di aerofoto provenienti da S.A.R.A. Nistri,

6 6 argiletum Attualmente l Argiletum è sede della Facoltà di Architettura e del Dipartimento di Progettazione e Scienza dell Architettura. Progettazione e restauro: Arch. Prof. Gianluigi Nigro Consulenza e realizzazione, Società Italiana Vetrocemento Armato (S.A.I.V.A), Il tracciato della via Madonna dei Monti segue all incirca quello dell Argiletum, la strada dove già in età repubblicana, esisteva un popoloso quartiere con botteghe di artigiani e piccoli commercianti. L area era delimitata dalle propaggini dei colli Quirinale, Viminale ed Esquilino e, in epoca preromana, ospitava una selva naturale che si estendeva fino alla zona dei Fori. Bonificata in epoca repubblicana, questa parte della città fu edificata collegando il centro commerciale e politico con i quartieri orientali: tale direttrice fu denominata Argiletum (dal nome della selva) nella zona verso i Fori e Suburra nella zona verso l Esquilino. In epoca medievale, nel quartiere furono edificate, da famiglie nobili, delle torri di avvistamento e difesa a presidio delle loro residenze e proprietà; fra queste, la Torre Secura (o Torre Sebura o Torre Mamiliana) che, demolita alla fine del Medioevo per ampliare la strada, sorgeva in corrispondenza dell edificio denominato Argiletum. Nel 1634, l area, di proprietà di Francesco Attavanti, con la grande casa, due casette e il giardino posto tra la chiesa di S. Salvatore e la chiesa della Madonna dei Monti, fu venduta, per la realizzazione del Collegio dei Neofiti e, per volere di Urbano VIII, fu liberata da qualsivoglia vincolo di fidecommisso et hypoteca. L importante programma pontificio riguardava la costruzione di una nuova sede per due istituzioni religiose: la Casa dei Catecumeni, destinata ad adulti in attesa di battesimo (istituita presso la Chiesa di S. Giovanni in Mercatello, nel rione Campidoglio), e il Collegio dei Neofiti (insediato nella Chiesa di S. Chiara, nel rione S. Eustachio), fondato allo scopo di ospitare e istruire i convertiti dall Islam e dall Ebraismo. Entrambi questi istituti si trasferirono nell edificio che il cardinale Antonio Barberini, fratello di Urbano VIII, fece costruire dall architetto Gaspare De Vecchi presso la Madonna dei Monti. L architetto Gaspare de Vecchi che compare nel 1624 accanto a Carlo Maderno per una consulenza a proposito di S. Maria alla Vallicella e nel 1639 per il progetto della facciata del Collegio di Propaganda Fide, dovette edificare un area vincolata da una serie di preesistenze costitutive, da un lato la fabbrica della Chiesa di S. Maria ai Monti, con i fabbricati addossati al fianco ovest, dall altra la chiesa di S. Salvatore, con un corpo di fabbrica prospiciente la via Madonna dei Monti. Inoltre, nella parte retrostante l area mancava ancora il prolungamento della via Baccina (realizzato fra il 1666 e il 1676, per la costruzione di un nuovo corpo di fabbrica, includente, sull angolo, l Oratorio di S. Giovanni Battista). In tale edificio l architetto dispose oltre l ingresso e l atrio, lo scalone, il doppio loggiato sul cortile e una serie di grandi ambienti su due piani. Il cortile fu sviluppato in profondità a causa degli edifici già presenti e definito architettonicamente sul loggiato e sul lato a destra di chi entra; il terzo lato sarebbe stato completato nella parte superiore in epoca successiva, tra il 1840 e il 1880, con la sopraelevazione del primo piano, per la sala teatrale; tra il 1666 e il 1748, il quarto lato del cortile ricevette una soluzione di chiusura prospettica, mediante tre arcate di portico, appoggiate ad un muro cieco, sotto le quali si trova una fontana a nicchia. Il prospetto dell edificio su via della Madonna dei Monti risulta disegnato come una parete continua, compatta. Con l inserimento degli angoli smussati, De Vecchi riuscì a dare, alla scabra cortina laterizia, quel senso di continuità tipico del metodo barocco. L ingresso principale sulla piazza è costituito da un ampio portale architravato con timpano ricurvo e sovrastato da due ordini di finestre incorniciate. Sul cantonale, sottolineato da due paraste sorrette da mensole a volute, è posta un edicola che riporta la data di ultimazione dei lavori: Nel 1625 Urbano VIII Barberini fece restaurare l adiacente chiesa di S. Salvatore de Suburra e la concesse al Collegio dei Neofiti, collegato poi con la vicina Chiesa alla Madonna dei Monti (già costruita nel 1580 su progetto di Giacomo della Porta). Alla prima metà del Settecento risale il corpo (tre piani più il piano terra) che sorge in via Baccina sull allineamento della tribuna della Chiesa della Madonna dei Monti e la sistemazione del cortile quadrato su cui esso si affaccia. Nel 1713 l edificio passò ai Pii Operai (una piccola congregazione fondata a Napoli da Carlo Carafa) i quali lo diressero fino alla soppressione del Collegio avvenuta alla fine dell Ottocento. Fra il 1870 e gli inizi del secolo gli interventi maggiori riguardarono la chiusura delle tre grandi aperture ad arco della loggia che si apriva sul cortile al primo piano; la costruzione, in due fasi successive, di un ballatoio corrente sui tre lati edificati del cortile stesso e la realizzazione di un ingresso autonomo al piano terra dell ala edilizia, prospiciente via Baccina, come osservato - nella Relazione storico-critica, elaborata per il Vicariato - da Paolo Cuneo e da Paola Dettori. Tra il 1982 e il 1990, con l intenzione di collocarvi la Casa delle parrocchie romane, il cardinale Poletti ha fatto eseguire interventi di manutenzione straordinaria e di restauro delle antiche strutture, facendo tra l altro abbattere una superfetazione costruita sulla parte bassa delle coperture. subito dopo il restauro curato dall arch. Gianluigi Nigro per conto del Vicariato l edificio è stato acquistato dall Università Roma Tre. DLL

7 prospetto principale (mg) 7

8 Istituto dei Catecumeni e dei Neofiti, prospetto, Arch. Gianluigi Nigro, L apertura di Via Baccina Nuova, dietro la tribuna della Chiesa Madonna dei Monti, comportò la demolizione di alcune case medievali su via S. Agata. Il progetto fu autorizzato da un chirografo di Alessandro I, il 3 aprile 1666 (AS, Disegni e piante, Coll. I, cart 81/325)

9 cortile interno (gn) 9

10 10 mattatoio Attualmente il complesso ospita alcune aule utilizzate dalla Facoltà di Architettura. Progetto di ristrutturazione e riuso del Padiglione 7 (ex-laboratorio sanitario): Arch. Prof. Francesco Cellini e Arch. Eugenio Cipollone Progetto esecutivo e direzione dei lavori: Arch. Eugenio Cipollone Responsabile del Procedimento di ristrutturazione: Arch. Luciano Scacchi Il complesso industriale degli Stabilimenti di Mattazione ed il Mercato del bestiame vengono costruiti in zona Testaccio su progetto dell architetto comunale Gioacchino Ersoch tra il 1888 ed il Tale costruzione va a sostituire il precedente Mattatoio nei pressi di piazza del Popolo, di cui lo stesso Ersoch aveva curato l ampliamento e l ammodernamento. Il vecchio Mattatoio viene spostato in seguito al piano regolatore del 1883 che decide la costruzione del ponte Margherita, insieme alla previsione dello sventramento del quartiere dell Oca, rispettivamente alle spalle e a fianco dello stabilimento di mattazione. L architettura di Ersoch, pur attestando una accurata e talvolta manierata ricerca stilistica (soprattutto nel portale a due fornici, sormontato da un gruppo allegorico), ha nello stesso tempo una razionalità distributiva strettamente collegata alle sue funzioni: il passaggio dal Mercato del bestiame allo stabilimento di mattazione avviene attraverso quattro bascule (due per il bestiame domito e due per l indomito), luogo dove avviene anche la pesa degli animali. Il bestiame viene poi introdotto nei rimessini, disposti ciascuno di fronte al rispettivo macello, all interno del quale Ersoch esibisce le nuove tecnologie: argani, volani, armature per l innalzamento del bestiame, carrucole, che costituiscono le nuove macchine della morte. Le innovazioni tecnologiche apportate da Ersoch prendono spunto da un approfondito studio di altri centri di mattazione in Europa. La scelta del sistema a corsie, in sostituzione del sistema a celle, viene presa in seguito alla osservazione dello stesso sistema già in uso a Ginevra, Zurigo, Amburgo, Monaco. Dal punto di vista architettonico, Ersoch privilegia la solidità, non trascurando tuttavia una certa eleganza: spessi muri rivestiti in mattoni a cortina, lastre di travertino lungo lo zoccolo delle tamponature, alle soglie e agli stipiti dei portali, al bordo dei lunettoni che illuminano gli interni. La progettazione non si limita agli edifici e ai macchinari, ma è globale in quanto comprende, oltre al sistema di fogne e di condutture per l acqua pompata e poi riversata nel Tevere, perfino gli arredi, descritti nella relazione dell architetto nei minimi particolari. Ersoch dà il giusto peso all uso del ferro che permette un reale vantaggio, quello dell economia, per cui il nostro secolo eminentemente calcolatore e pratico non vi avrebbe dato quell immenso sviluppo che oggi si osserva, si constata e si accresce con ogni sorta di applicazione (ASC, f.ll.pp., posizione 39). L architetto adotta un sistema di travature in ferro (sistema Polonceau semplice), nelle coperture dei rimessini, nelle coperture dei padiglioni e nelle barriere a elementi modulari. Nel 1930 lo stabilimento di Mattazione subisce un importante fase di ammodernamento, con l inserimento di guidovie aeree e argani Edelman. A quella data lo stabilimento era ormai inserito nel contesto urbano che vediamo tutt oggi: il quartiere operaio realizzato in tre fasi: tra il 1883 e il 1906, quando si realizzano i primi blocchi intensivi dovuti ad iniziativa privata; la fase che segue il piano regolatore del 1906, con l intervento dell Istituto Case Popolari ed i progetti di Giulio Magni e Quadrio Pirani che riqualificano il quartiere nel suo insieme. La terza fase, intorno al 1930, sempre ad opera dell I.C.P., su progetto di Innocenzo Sabbatini. Nell immediato dopoguerra viene ristrutturato l accesso al Mattatoio lungo il Tevere, in occasione dell apertura del ponte Testaccio (1948), previsto già nel 1936 con il nome di ponte d Africa. Lo stabilimento di Mattazione, con relativo quartiere operaio, ha costituito il primo segnale della destinazione industriale della zona, che si amplierà soprattutto al di fuori delle mura aureliane, oltre porta S. Paolo, e che prenderà consistenza con i vari piani regolatori, fino a quello del 1931, in contemporanea con l assetto viario, ferroviario e della rete fognaria, affidata all impianto di collettori sotto i due argini del Tevere, costruiti tra il 1877 ed il Nel luglio 1975, con l apertura del nuovo Centro Carni, il Mattatoio al Testaccio è divenuto un bene archeologico industriale, documento di storia del lavoro e di cultura materiale. Oggi il padiglione che fiancheggia via Manuzio è trasformata in una serie di aule per la Facoltà di Architettura dell università Roma Tre, dove, con un intervento minimale, sono messi in evidenza la trasparenza, la sequenza e nello stesso tempo la fusione degli spazi. E.T.L.

11 padiglione 7, aule Facoltà di Architettura (gn) 11

12 12 G. Ersoch, Ingresso principale (ASC, Il Mattatoio e il mercato del bestiame costruito dal Comune negli anni , Roma, 1891, Tav. IV) locale per la distruzione delle carni infette, (Tav. XI) capretteria e tripperia, (Tav. IX)

13 il Mattatoio e il Mercato del bestiame oggi (gn) (gn) (gn) 13

14 macello dei capretti e tripperia; gli arredi non sono più in situ 14 G. Ersoch, pianta generale (ASC, Il Mattatoio e il mercato del bestiame costruito dal Comune negli anni , Roma, 1891) il Mattatoio e il Mercato del bestiame in completamento nel 1891

15 15 campo Boario: l ora del pasto per i cavalli delle carrozzelle (gn) il padiglione 7 oggi (an)

16 16 gazometro Il grande Gazometro sull Ostiense non domina soltanto la ex zona industriale ma è diventato uno dei riferimenti topografici della città, simbolo dell industria del gas e emblema dell archeologia industriale a Roma. Un secolo di storia che inizia con la produzione del gas illuminante, in seguito alla costituzione della Società Anglo-Romana nel 1854, per concludersi con l attuale impianto a metano dell Italgas. I magazzini del carbone della ex Officina a gas di S. Paolo, i forni per la distillazione del litantrace, la sala macchine per l estrazione e la depurazione del gas, gli impianti costruiti nel 1910 (dopo che l originaria officina a via dei Cerchi era stata smantellata) sono stati abbandonati; i gasogeni e gli impianti per i distillati leggeri del petrolio costruiti nel dopoguerra sono ormai in disuso. Aree dismesse che si dispiegano sul lungotevere; zone, vuoti urbani che richiedono un repentino intervento di recupero, nel rispetto delle preesistenze e che possono contribuire ad un adeguato intervento di riqualificazione del quartiere Ostiense. A Roma l illuminazione pubblica a gas fu introdotta durante il pontificato di Pio IX, nel 1854, con una solenne cerimonia a Palazzo Doria. La prima officina sorgeva in via dei Cerchi, in prossimità del Circo Massimo e riusciva a produrre mq. di gas al giorno. Tra la fine dell Ottocento e i primi del anche in seguito all`introduzione dell energia elettrica il gas venne impiegato per usi domestici. Il combustibile proveniente dall Inghilterra, dalla Sardegna o dalla Toscana raggiungeva i magazzini di carbone dal Tevere o attraverso i binari ferroviari che ripercorrono la superficie dell officina. Il carbone veniva posto dagli operai fuochisti nelle storte, dove raggiungeva la temperatura di Cº. Nei forni di distillazione, il gas prodotto dalla combustione del fossile, veniva immesso nei condensatori all interno dei quali depositava il catrame e le acqua ammoniacali che avrebbero reso nociva la miscela. Il gas per essere idoneo veniva sottoposto ad una elaborata depurazione chimico fisica, che lo avrebbe separato dalla naftalina e dal benzene e infine raggiungeva i gasometri: grandi serbatoi, costituiti alla base da una vasca in cemento armato e da un imponente impalcatura in ferro, all interno della quale scorreva una struttura mobile, oggi non visibile. In base all ultimo Accordo di programma tra Università e gli enti locali l edificio dovrebbe accogliere, tra l altro, strutture di Roma Tre. DLL

17 riva sinistra del Tevere con i Magazzini Generali e il Gazometro costruito nel 1936 (gn) 17

18 officina gas ed elettricità fuori Porta S.Paolo, pianta d insieme, 1909 (ASC, I.E., 1909, prot. 3526) 18 interno della sala macchine, 1910 (SAR) forni di distillazione Ries, 1910 (SAR) riva sinistra del Tevere, pompe e torre dell acqua, dopo il 1936 (ASI)

19 il gazometro e i carri-ponte da Via dei Magazzini Generali (gn) 19 l area Italgas dalla Centrale Montemartini (cs)

20 officina gas di S.Paolo, vista generale, 1912 (ASI) 20 magazzino di distribuzione su via del Commercio, 1912 (SR) area Italgas, dopo il 1912 (ASI)

21 il Gazometro dal Ponte dell Industria (gn) 21 Gazometro e raffreddatori (gn)

22 22 mercati generali Assegnati dal Comune di Roma mq., comprendenti la parte sul fronte Ostiense e alcuni capannoni. Rilievi e bozze di progetto: DI.P.S.A. su incarico del Comune di Roma e Servizio Tecnico Logistico di Ateneo L atto di nascita dei Mercati Generali è il 1910, quando, dopo che è definitivamente messo da parte il progetto di realizzare i mercati sui due fronti di viale del Re (attuale viale Trastevere), viene presentato il nuovo Progetto per la costruzione dei Mercati generali e delle derrate alimentari fuori Porta S. Paolo. I nuovi mercati sono prossimi allo scalo fluviale, ai già progettati Magazzini generali e alla erigenda ferrovia Roma- Ostia, con possibilità di un binario interno di raccordo. Il progetto, elaborato dall Ufficio tecnico comunale diretto dall ing. Emilio Saffi, prevede due zone: una destinata al mercato della frutta e ortaggi e l altra al mercato del pesce, carni e uova. I due settori sono divisi al centro da un ampia zona destinata al raccordo ferroviario. Il 1910 è un anno decisivo per lo sviluppo industriale della zona, che viene incoraggiato dall ampliamento di un primo tratto della via Ostiense e dall insediamento delle prime officine municipali volute dalla giunta Nathan per combattere la concorrenza privata. Se terminati nel tempo inizialmente previsto, i Mercati avrebbero perciò costituito il fiore all occhiello degli obiettivi del sindaco Nathan circa il controllo municipale nella capitale. Il mercato degli erbaggi e frutta prevede un fabbricato d ingresso prospiciente la via Ostiense (per la direzione, le abitazioni dei dirigenti e custodi, l ufficio daziario e delle guardie municipali, l ufficio sanitario, postale e telefonico). Lungo il perimetro del mercato sono previste una serie di magazzini, tettoie in cemento armato e vasti piazzali. Lungo le due ali esterne, nelle vie laterali al mercato, vengono progettati i locali per scuderie e rimesse. Il mercato del pesce, abbacchi, polli, uova affaccia sulla progettata stazione del Mercato lungo la linea Roma-Ostia, con un edificio d ingresso dove vengono ugualmente collocati gli uffici per la direzione. Al centro dello spazio destinato a questo settore è previsto il grande padiglione per la vendita del pesce (mq ) e, ai lati, sei padiglioni (tre per parte) per la vendita di abbacchi, polli, uova. Il piano seminterrato viene destinato alle celle frigorifere. Tutti i padiglioni vengono progettati sopraelevati rispetto al piano di calpestio esterno, per maggiore comodità di carico e di scarico delle merci (E. Saffi, Il nuovo mercato generale di Roma in Annali della Società degli ingegneri e degli architetti italiani, XXIX, n.12, 16/6/1914). Nel 1912 la commissione dell Ispettorato edilizio concede l autorizzazione; in seguito, vengono espropriati i terreni, inizialmente quelli appartenenti ai Fajella (proprietari dell attigua vetreria Fajella) e quindi i terreni appartenenti ai Torlonia, per i quali occorre una lunga sequela di contrattazioni. Gli eventi bellici arrestano l esecuzione del progetto e solo nel febbraio 1922 il Consorzio edile italiano consegna i fabbricati. Tuttavia l attività del mercato è soltanto parziale in quanto, da un documento del giugno 1922 (Conservatoria, Comune di Roma), si viene a conoscenza che della superficie complessiva di mq. soltanto risultano essere coperti, mentre la superficie scoperta è di ben mq. Nel febbraio 1922 in pratica si inaugurano: per i mercati delle erbe i fabbricati con ingresso sulla via Ostiense, ai numeri civici 109, 111, 113, i magazzini con le antistanti tettoie e i chioschi adibiti a bar, tabaccheria, telefono; per il mercato del pesce tre fabbricati interni dei quali, nella stima dei fabbricati (febbraio 1922), risultano esserci solamente le fondazioni e le mura di elevazione fino al piano di copertura dei sotterranei. Nel 1924 viene quindi realizzato un secondo lotto di lavori che come si evince dai nuovi progetti esecutivi (ASC, Fondo contratti, 1924, parte IV, vol.i) comprende il padiglione del pesce totalmente rinnovato nella sua struttura e configurazione spaziale e i padiglioni per la vendita di abbacchi e pollame. Mentre il progetto del 1910 prevedeva un ampio uso del ferro, nella seconda fase di costruzione, si hanno modifiche di ordine architettonico e strutturale: viene sostituito al ferro l uso di muratura e di cemento armato, e le coperture a volta sono sostituite da coperture con architravi. Si ampliano gli elementi funzionali e si riducono gli elementi decorativi, i fregi, le volute, gli stucchi liberty; le cancellate ed il fornice dell ingresso principale perdono il loro aspetto monumentale. Le aree vuote vengono man mano occupate da altri padiglioni e gli edifici perimetrali vengono in parte sopraelevati, privando, con interventi differenziati nel tempo (anni e fino agli anni 60), l assetto dei Mercati della loro originaria identità funzionale e morfologica. ETL

23 Mercati generali, padiglione interno (gn) 23

24 E. Saffi, Padiglione per la vendita del pesce, I progetto, prospetto, 1910 (ASC, Fondo Contratti, Atti Pubblici, parte V, 1912, 11 ottobre) 24 E. Saffi, Padiglione per la vendita del pesce, progetto esecutivo, 1924 (ASC, Fondo Contratti, parte IV, volume I, 1924, 24 aprile) strutture in cemento armato degli anni 50, angolo sud-est dei Mercati (ASC, Fondo Fotografico, periodo post-unitario, 29c)

25 padiglione del pesce, lato sud (gn) 25 veduta dal lato sud (gn) veduta dal lato sud (gn)

26 fuori dai Mercati: anni 30 (ASC, Fondo Fotografico, periodo post-unitario) 26 fuori dai Mercati: anni 30 (ASC, Fondo Fotografico, periodo post-unitario)

27 (gn) 27 dentro e fuori i Mercati (gn) (gn)

28 28 scuola nicolò tommaseo Attualmente nell edificio sono ospitati la Facoltà di Economia Federico Caffè, il Dipartimento di Economia, la sezione Economia della Biblioteca di Area Giuridico- Economico-Politica e il Centro Linguistico di Ateneo. L edificio è in concessione d uso dal Comune di Roma Il terreno dove viene edificato l edificio scolastico Nicolò Tommaseo era affidato all Ente Autonomo SMIR (Sviluppo Marittimo e Industriale di Roma) che, essendo stato soppresso nel 1923 insieme a tutti gli enti autonomi portuali, nel momento in cui la scuola viene costruita, fa parte delle aree che l Ente deve alienare. Lo SMIR, nel gennaio 1924, cede l area alla SEFI (Società Elettroferroviaria Italiana) con l intento di costruire stabilimenti industriali e case operaie. L anno seguente la SEFI cede a sua volta l area al governatorato di Roma per la realizzazione di una scuola elementare, che fa parte di un programma voluto dall Ufficio Progetti del Comune per la realizzazione, tra il 1922 e il 1934, di una serie di edifici scolastici. A capo di tale ufficio è l ingegner architetto Vincenzo Fasolo, progettista, tra le altre molte scuole romane, anche della Nicolò Tommaseo. La scuola viene programmata in considerazione del crescente sviluppo del nuovo quartiere Garbatella. Come descritto nel volume I nuovi fabbricati scolastici, (Roma 1924), il progetto complessivo prevede 34 aule e locali accessori, due scale distinte, due colonne di servizi, palestra coperta e scoperta. L edificio si compone di quattro piani, di cui uno seminterrato per i servizi ed il refettorio. L area complessiva di circa mq., è suddivisa in una superficie coperta di mq. e scoperta di circa mq. Il progetto di Fasolo, tuttavia, viene inizialmente realizzato solo in parte (mq. 772 di superficie coperta), per coprire i bisogni dell attuale popolazione scolastica, ma con previsione di futuro ampliamento. In un primo momento viene costruita l ala sulla via Ostiense su una sola scala, con 10 aule, più i servizi per la refezione, i bagni, il locale per il riscaldamento. I lavori iniziano nel 1927 e si concludono nel 1929, con la realizzazione del primo corpo. Poco dopo gli inizi dell apertura della didattica, la direttrice richiede al provveditorato la costruzione di una palestra, di una casa per il portiere e di un ampliamento generale dell edificio. Questi lavori hanno inizio nel luglio del 1936 e si concludono l anno successivo con la realizzazione della palestra, degli spogliatoi, di una scala in marmo e cemento armato, una colonna di servizi igienici, la chiusura di un lucernario su via Ostiense, la pavimentazione del cortile d ingresso e la costruzione di un nuovo blocco scolastico. Nel verbale di consegna, del novembre 1938, si specifica che l immobile è in muratura, coperto parte a tetto e parte a terrazza, e che è composto da atrio, corridoi, 33 aule sistemate nei vari piani, un ampia palestra con locali per i servizi, da un cortile centrale, da un cortile posteriore con area a giardino, da una scala di disimpegno e da vari locali siti nello scantinato (Conservatoria, Comune di Roma). Dal punto di vista stilistico, l edificio (che viene realizzato da Fasolo in contemporanea alla non lontana caserma dei Vigili del Fuoco a via Marmorata) presenta alcuni spunti formali che l architetto aveva applicato ad altri edifici scolastici, come ad esempio, il liceo Terenzio Mamiani in viale delle Milizie, in funzione dal Stilemi (ispirati al Rinascimento modernamente sentito ) che risentono dell influenza dei progetti di Gustavo Giovannoni, regista del quartiere Garbatella e suo maestro, e che Fasolo fiancheggia in diverse occasioni, realizzando per lui molti disegni progettuali (il progetto per il quartiere di piazza d Armi, tra gli altri). Il carattere principale delle facciate, sia esterne che interne sul cortile, della scuola di via Ostiense (come anche del liceo Mamiani ) è dato dal raggruppamento a tre delle grandi finestre, sia in forma rettangolare che in forma ad arco, mediante forti cornici di raccordo (in alcuni casi a forma di edicola) o balconi ad incasso. Nel 1991, dopo che l attività scolastica era stata da tempo sospesa, alcune associazioni occupano i locali interni del blocco, finchè, nel 1993, l intero edificio con la sua area circostante viene ceduto in concessione d uso dal Comune di Roma all Università. ETL

29 cortile interno edificio Niccolò Tommaseo (gn) 29

30 V. Fasolo, Nicolò Tommaseo, disegno della facciata, ca (Archivio Orseolo Fasolo) 30 V. Fasolo, Nicolò Tommaseo, I progetto, 1924 (NFS) pianta catastale, 1924, (Conservatoria Comune di Roma)

31 aula della Facoltà di Economia Federico Caffè (gn) 31 interno della Facoltà di Economia Federico Caffè (gn) centro di calcolo del Dipartimento di Economia (gn)

32 32 vetrerie bordoni Il complesso è articolato in due parti: la prima, corrispondente agli uffici ristrutturati della vetreria ospita da anni gli uffici centrali del Rettorato, alcuni dei quali destinati alla nuova sede appena costruita sul terreno dello stabilimento delle vetrerie, recentemente inaugurato, dove trova posto il Rettorato la Facoltà d Giurisprudenza e la biblioteca di area giuridicoeconomico-sociale Il nuovo complesso, che è divenuto recentemente sede della facoltà di Giurisprudenza e del Rettorato, è costruito su un area occupata, fino agli anni 80, dalle Vetrerie Riunite Angelo Bordoni di S. Paolo. Della vecchia fabbrica sono rimasti soltanto i locali dell ala d ingresso, una volta occupati dagli uffici. L area si estende tra la via Ostiense, via Giulio Rocco e la ferrovia Roma-Ostia. Nelle vecchie piante la vetreria, non più esistente, si presenta come un articolato complesso composto da diversi edifici e capannoni e provvisto di una ciminiera. In una foto, presumibilmente dell immediato secondo dopoguerra, sono invece presenti due ciminiere, ciò che sta a testimoniare che la Vetreria era fino ad allora una fabbrica molto attiva. Un ulteriore pianta catastale (f. 835, 1964) mostra l area della Vetreria quasi totalmente ricoperta da oltre dieci edifici, di cui alcuni sono evidentemente ampliamenti dei precedenti, ed altri sono costruiti ex-novo, soprattutto nella parte ad est dell area e lungo tutto il perimetro su via Rocco. Nella stessa pianta compare un binario di raccordo ferroviario con l attigua linea Roma-Ostia. In una foto dei primi del 900 si nota che la lavorazione delle bottiglie di vetro avveniva totalmente per mano femminile. Negli anni 70, quando la fabbrica aveva ridotto notevolmente la produzione, si parla di nuova destinazione a terziario e di compatibilità con il direzionale. Negli anni 80 la fabbrica viene demolita in quanto aveva raggiunto i limiti della fatiscenza. I due edifici superstiti lungo la via Ostiense, attualmente occupati dagli uffici amministrativi e dal Rettorato, presentano dei motivi architettonici in comune con gli edifici perimetrali del Gazometro, secondo un ottica di stile eclettico, cara all edilizia romana industriale del primo 900, presentando un decoro di facciata e una composta aulicità. Composta aulicità, che nel caso degli uffici delle Vetrerie, è presente nell ingresso a tre fornici simulati, grazie a una serie di colonne portanti. Le decorazioni esterne si limitano ad un intonaco rustico come motivo basamentale, che prosegue a far da cornice al piano superiore terminante con una copertura piana. Sull area alle spalle degli uffici delle Vetrerie Riunite, è stato realizzato, nel biennio , un imponente complesso architettonico per ospitare la sede del Rettorato, la Facoltà di Giurisprudenza, il Dipartimento di Studi Giuridici e la bibliotaca d area. Il complesso è articolato su complessivi mq., capace di accogliere studenti ed è dotato di un autorimessa interrata. Le aule didattiche sono 9, ubicate tutte al piano terra. L aula magna, circolare, rivestita esternamente in zinco-titanio, ha una capienza di 260 posti. La biblioteca, di complessivi 700 mq., raccoglie l ampio patrimonio librario dell area giuridica di Roma Tre; si articola su due livelli ed è funzionalmente collegata col piano-galleria destinato agli studenti, illuminato dall alto da una copertura vetrata. I piani secondo e terzo sono invece dedicati alle attività dipartimentali ed agli uffici del Rettorato. La disposizione dell intero complesso, se letta in pianta, appare come un contrappunto di forme astratte, tra quadrati, rettangoli e cerchi. Ben diverso è il percorso visivo intorno al realizzato, anche per la posizione del complesso a una quota superiore di quella della via Ostiense. Di modo che l edificio in primo piano, dalla copertura a shed ripetuti (un immediato richiamo alla memoria dei preesistenti capannoni industriali), è come incorniciato, dalla lunga struttura orizzontale alle spalle, intercalata da elementi verticali a torre in vetro opaco. L ingresso al complesso da via Ostiense 159, attraverso cioè gli uffici della vecchia vetreria, è più suggestivo del precedente in quanto si passa bruscamente al livello più alto, scoprendo, ad ogni gradino, un particolare costruttivo diverso. Sulla destra l aula magna si impone con il motivo circolare terminante a spirale e con la copertura obliqua, netta e tagliente. Sulla sinistra e di fronte, due strutture unite a formare un angolo retto, con sottopassaggi, anche sopraelevati e con intere superfici vetrate formanti due alti nastri trasparenti che, insieme alla parte vuota sottostante, conferiscono ariosità e leggerezza all insieme. Tra il cerchio dell aula magna e il cubo della biblioteca (la quale ha all interno una sorta di pozzo richiamante modelli dell antichità classica), si estende la lunga ed ampia galleria vetrata che attraversa tutto il complesso e che termina con un contrappunto simile ed opposto al precedente tra un aula circolare e una sala computer rettangolare. Sul lato posteriore, confinante con la ferrovia, ancora due volumi netti e squadrati ed un ulteriore simulazione della vecchia industria nel profilo caratteristico delle coperture a shed. ETL Uffici Vetrerie, via Ostiense 159: progetto di riuso a cura della S.I.C.I. srl. (Società per l Industria e il Commercio Internazionale), proprietaria dell edificio prima che questo fosse acquistato dall Università. Edificio via Ostiense 161, Facoltà di Giurisprudenza e Rettorato:; progetto Preliminare DI.P.S.A. Progetto definitivo ed esecutivo: Arch. Giuseppe Pasquali e Arch. Prof. Alfredo Passeri Committente: Università degli Studi Roma Tre, Soc. San Paolo Seconda

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

26 - scuola in via Anagni 46

26 - scuola in via Anagni 46 26 - scuola in via Anagni 46 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA POS. 1030 CATASTO foglio part. TIPO DI SCUOLA scuola Media DENOMINAZIONE ATTUALE G. Toniolo DENOMINAZIONE ORIGINALE.

Dettagli

12 - ex scuola in viale Parioli 202, 204

12 - ex scuola in viale Parioli 202, 204 12 - ex scuola in viale Parioli 202, 204 MATRICOLA EDIFICIO 3025, 3026, 3027, 3028, 3029 MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 2140, 2221 CATASTO foglio 530, part. 86, 87, 88, 89, 102 DENOMINAZIONE

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale. Progetto definitivo

Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale. Progetto definitivo Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale Progetto definitivo Ancona 1995-1999 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto si propone di ricostruire la parte

Dettagli

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Concorso, 2 classificato Perugia 2001 Massimo e Gabriella Carmassi con Paolo Vinti Il nostro progetto si propone

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg.

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. http://emeroteca.braidense.it/ 1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. 63-66 Elaborazione digitale e trascrizione

Dettagli

9 - scuola in via Monte Zebio 33-35

9 - scuola in via Monte Zebio 33-35 9 - scuola in via Monte Zebio 33-35 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO XVII ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 486 CATASTO foglio. part.. TIPO DI SCUOLA materna, elementare DENOMINAZIONE Ermenegildo Pistelli

Dettagli

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica Progetti Igor Maglica monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano Dettaglio dell atrio centrale dell edificio della nuova stazione ferroviaria. fotografie Marco

Dettagli

PROGETTO URBANO OSTIENSE-MARCONI CARATTERI COMPLESSIVI

PROGETTO URBANO OSTIENSE-MARCONI CARATTERI COMPLESSIVI PROGETTO URBANO OSTIENSE-MARCONI CARATTERI COMPLESSIVI RIPARTE IL PROGETTO URBANO OSTIENSE-MARCONI Riparte il PUOM. L obiettivo del programma urbanistico è quello di verificare il grado di trasformabilità

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE Maggio 2011 Settore Urbanistica Servizio Governo del territorio PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE ALLEGATO C Elenco dei beni di interesse artistico e storico Sindaco Giorgio Oldrini Assessore

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE. Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch.

CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE. Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch. Comune di Brescia Provincia di Brescia CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch. Carlo Ivan Serino Luglio 2007 Note

Dettagli

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli:

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli: 1. PREMESSA Il presente progetto preliminare prevede la risoluzione sia delle problematiche evidenziate a seguito del verbale di sopralluogo effettuato dalla ASL 10 Firenze - Commissione di vigilanza sulle

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo)

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo) DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI 24030 ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) / VIA G. FALCONE, 1 / TEL./ FAX 035/540020 E-MAIL: crnarch@tiscalinet.it / COD. FISC. : RTN CSR 35D11 A216P / PARTITA IVA 00041690165

Dettagli

2- scuola in via dei Marsi 58

2- scuola in via dei Marsi 58 2- scuola in via dei Marsi 58 MATRICOLA EDIFICIO 3332, 3333 MUNICIPIO III ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1105-1433 CATASTO foglio 615 part. 87, 101 TIPO DI SCUOLA Scuola dell infanzia DENOMINAZIONE ATTUALE

Dettagli

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna 1949 Planimetria generale dell Arcispedale S. Anna Padiglione della divisione oculistica Adriana Ascoli (1948-1949) Tra il 1948 e il 1949 fu costruito il padiglione della divisione oculistica. Progettato

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO Regione Veneto COMUNE DI TRECENTA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE, MIGLIORAMENTO SISMICO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA

Dettagli

LA STORIA DELL EDIFICIO A1 CONTESTO, TIPO INSEDIATIVO E TIPO EDILIZIO

LA STORIA DELL EDIFICIO A1 CONTESTO, TIPO INSEDIATIVO E TIPO EDILIZIO 18 - scuola in via Montona 3-5 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA POS. 2713 CATASTO foglio part. TIPO DI SCUOLA asilo nido DENOMINAZIONE ATTUALE Peter Pan DENOMINAZIONE ORIGINALE.

Dettagli

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Università degli Studi di Sassari Ufficio Comunicazione COMUNICATO STAMPA Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione del 19 maggio è stato

Dettagli

24 - scuola in via Anagni 26

24 - scuola in via Anagni 26 24 - scuola in via Anagni 26 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA POS. 2763 CATASTO foglio part. TIPO DI SCUOLA Asilo nido DENOMINAZIONE ATTUALE Anagni DENOMINAZIONE ORIGINALE. Anagni

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

14 scuola in largo Victor Hugo Girolami

14 scuola in largo Victor Hugo Girolami 14 MATRICOLA EDIFICIO: 2913 MUNICIPIO: XVI ARCHIVIO CONSERVATORIA: Pos. 2020 CATASTO: foglio 466 part. 411 TIPO DI SCUOLA: Materna e Elementare statale / Materna comunale DENOMINAZIONE ATTUALE : Victor

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

3 - scuola in via Gentile da Mogliano 107-109

3 - scuola in via Gentile da Mogliano 107-109 3 - scuola in via Gentile da Mogliano 107-109 MATRICOLA EDIFICIO MUNICIPIO VI ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 2708 CATASTO foglio 623, p.131 DENOMINAZIONE ORIGINALE Gentile da Mogliano TIPO DI SCUOLA

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

Progetto urbano Ostiense Marconi

Progetto urbano Ostiense Marconi Progetto urbano Ostiense Marconi Il progetto urbano 1998-2000 Gli obiettivi del Progetto Urbano sono scaturiti dalla esigenza urbanistica di riqualificare l intero quadrante urbano della città attraverso

Dettagli

Appartamenti in rue Kafka, Parigi

Appartamenti in rue Kafka, Parigi Progetti Elisabetta Pieri olivier brenac & xavier gonzalez Appartamenti in rue Kafka, Parigi cio secondo due diverse direttrici: ai primi tre livelli, i volumi si distendono in orizzontale a definire un

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro Progetti Roberto Gamba Planimetria. Pianoro (oltre 16.000 residenti) si estende a sud di Bologna su un territorio di 107 km 2 articolato lungo due vallate, sul torrente Zena e sul Savena, collegate tra

Dettagli

ARGOMENTI. Trasformare le aree industriali. La Fabbrica del Vapore a Milano Marco Spada

ARGOMENTI. Trasformare le aree industriali. La Fabbrica del Vapore a Milano Marco Spada A CURA DI DOMIZIA MANDOLESI 110 Trasformare le aree industriali. La Fabbrica del Vapore a Milano Marco Spada Lo stato degli edifici prima dell intervento di recupero La città che si espande, in contrapposizione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 MATRICOLA EDIFICIO 3040, 3041 MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1451 CATASTO foglio 546 part. 37 TIPO DI SCUOLA liceo ginnasio DENOMINAZIONE

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE SETTORE A ARCHITETTURA PROVA PRATICA E PRIMA PROVA SCRITTA

Dettagli

Progetto di ristrutturazione della Biblioteca di Scienze Letterarie e Filologiche

Progetto di ristrutturazione della Biblioteca di Scienze Letterarie e Filologiche Progetto di ristrutturazione della Biblioteca di Scienze Letterarie e Filologiche L'immobile oggetto di trasformazione è un fabbricato posto all'angolo tra Via Bava e Via Santa Giulia, con accesso carraio

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA UN ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFIC ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFICAZIONEIMMOBIL PPORTUNITÀDI RIQUALIFICAZIONEIMMOBILIAREUN ECCE ALIFICAZIONEIMMOBILIARE L EX ZUCCHERIFICIO

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

Lavori di manutenzione straordinaria degli edifici demaniali marittimi in ambito portuale - Direzione Marittima del Porto di Cagliari Piazza Deffenu

Lavori di manutenzione straordinaria degli edifici demaniali marittimi in ambito portuale - Direzione Marittima del Porto di Cagliari Piazza Deffenu MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OPERE PUBBLICHE PER IL LAZIO, L ABRUZZO E LA SARDEGNA Sede Coordinata di Cagliari PORTO DI CAGLIARI LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid Progetti Carmen Murua Schizzo di studio. Nella pagina a fianco: particolare del fronte d ingresso (ovest). Il piccolo paese di Villanueva de la Cañada si trova nei dintorni di Madrid, inserito nel paesaggio

Dettagli

LOTTO 11: Edificio di civile abitazione in via Macerata n. 13, Castelfidardo (AN)

LOTTO 11: Edificio di civile abitazione in via Macerata n. 13, Castelfidardo (AN) V = 450 x 20 = 9.000 Euro ed il valore totale del lotto a 110.400 Euro, per cui il valore della quota di proprietà sarà, arrotondato pari a: V = 55.000 Euro Divisibilità Le unità non sono divisibili LOTTO

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE Decreto Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 o Legge 22 aprile 1941 n. 633 Comune Località Classe Vincolo Tipo Vincolo N Tutela MODENA MONUMENTALE

Dettagli

RESTAURO. filologico IL RUSTICO RESTITUITO ALLA STORIA GRAZIE ALL INTERVENTO DELL ACHITETTO LEONARDO TOGNI. PROGETTO ARCH.

RESTAURO. filologico IL RUSTICO RESTITUITO ALLA STORIA GRAZIE ALL INTERVENTO DELL ACHITETTO LEONARDO TOGNI. PROGETTO ARCH. arch. togni imp.10pag_layout 1 26/09/11 09:11 Pagina 1 PROGETTO ARCH. LEONARDO TOGNI IL RUSTICO RESTITUITO ALLA STORIA GRAZIE ALL INTERVENTO DELL ACHITETTO LEONARDO TOGNI. arch. togni imp.10pag_layout

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

INDIRIZZI PROGETTUALI PRELIMINARI COMPLESSIVI

INDIRIZZI PROGETTUALI PRELIMINARI COMPLESSIVI SCHEDA TECNICA INDIRIZZI PROGETTUALI PRELIMINARI COMPLESSIVI L edificio accoglie al suo interno una varietà di funzioni che convergono in esso per divenire un importate centro nodale, in particolare rivolto

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Casimiro Donadoni 19/23, TRIESTE

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE Introduzione L Amministrazione civica di Borrello è proprietaria della struttura della vecchia scuola d infanzia sita in via Domenico De Nillo, gestita, negli anni compresi tra

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

BORGATA-GIARDINO GARBATELLA

BORGATA-GIARDINO GARBATELLA BORGATA-GIARDINO GARBATELLA 1 LA MANO AU RE VITTORIO EMANUELE III L ENTE AUTONOMO PER LO SVILUPPO MARITTIMO E INDUSTRIALE E L ISTITUTO DELLE CASE POPOLARI DI ROMA CON LA COLLABORAZIONE DELLE COOPERATIVE

Dettagli

COMPLESSO INDUSTRIALE SITO IN ACERRA VIA PAGLIARONE

COMPLESSO INDUSTRIALE SITO IN ACERRA VIA PAGLIARONE COMPLESSO INDUSTRIALE SITO IN ACERRA VIA PAGLIARONE RELAZIONE DI STIMA PREMESSA Il sottoscritto architetto Carmensita Di Maio, avendo ricevuto dal dott. Quaranta, in sostituzione della dott.ssa Iannone,

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/288 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

municipio di noceto, parma, 1998-99

municipio di noceto, parma, 1998-99 Il nuovo Municipio di Noceto sorge in un lotto al margine tra l edificato storico e la campagna che si apre verso la via Emilia. L edificio è volutamente posto di scorcio rispetto alla via Pelacani per

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PREMESSA E SCOPO Con la presente, il sottoscritto Ing. Francesco Guerrera iscritto all' Albo professionale

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2

6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2 6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2 MATRICOLA EDIFICIO 3003 MUNICIPIO III ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1035 CATASTO foglio 589, part. 53 TIPO DI SCUOLA Materna comunale Istituto Comprensivo

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

RELAZIONE DI VALUTAZIONE ESTIMATIVA DELLE UNITÀ IMMOBILIARI SITE NEL COMUNE DI BOLOGNA, via Boldrini n. 3 SIMEA IS_00925_01_009 (INT.

RELAZIONE DI VALUTAZIONE ESTIMATIVA DELLE UNITÀ IMMOBILIARI SITE NEL COMUNE DI BOLOGNA, via Boldrini n. 3 SIMEA IS_00925_01_009 (INT. ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA SETTORE II - COSTRUZIONI AD USO DIREZIONALE RELAZIONE DI VALUTAZIONE ESTIMATIVA DELLE UNITÀ IMMOBILIARI

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli