Le Fabbriche della conoscenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Fabbriche della conoscenza"

Transcript

1 Le Fabbriche della conoscenza Roma Tre nel territorio e nella riqualificazione dell area Ostiense RETTORATO di ROMA TRE gennaio Mostra e catalogo a cura di: Enrica Torelli Landini Carlo Maria Travaglini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE

2 Università degli Studi Roma Tre in collaborazione con Archivio Storico Capitolino Dipartimento IV Politiche Culturali - Comune di Roma Rettorato di Roma Tre, gennaio 2001 Mostra e catalogo a cura di Enrica Torelli Landini Carlo Maria Travaglini Collaboratori: Sabrina Aguiari, Giorgia Barbetta, Daniela Basti, Daniela La Lamia, Keti Lelo, Giulio Napolitano, Luciano Scacchi Grafica e impaginazione Sabrina Aguiari, Laboratorio editoriale d Ateneo 2 Fotografie dello stato attuale: Giulio Napolitano (gn) Maria Gabriella Gallo (mgg) Marcello Gianvenuti (mg) Fabrizio Fioravanti (ff) Alberto Novelli (an) Alberto Muciaccia (am) Riccardo Pieroni (rp) Cindy Sherman (cs) Fonti: Archivio Basilica di S. Paolo, Archivio di Stato di Roma, Archivio Fotografico Museo di Roma, Archivio Orseolo Fasolo, Archivio personale Gianluigi Nigro, Archivio Storico Capitolino (ASC), Archivio Storico Italgas (ASI), Centro documentazione storica Alfa Romeo, Conservatoria del Comune di Roma, INSEAN, Fondo Paolo Parisi, SARA Nistri, Ufficio Catasto di Roma, Ufficio Speciale Condono Edilizio (USCE), Ufficio Tecnico Università Roma Tre, Università della Tuscia - Facoltà Conservazione Beni Culturali Parte delle fotografie storiche riguardanti il Gazometro sono tratte dalle pubblicazioni: L Officina a Gas di S. Paolo della Società Anglo-Romana per l illuminazione a Roma, Roma, ed. It., 1911; L Azienda gas della Società Romana del gas, passato, presente, avvenire, Roma, Inoltre parte delle foto storiche riguardanti la scuola Nicolò Tommaseo sono tratte da: I nuovi fabbricati scolastici, Roma Schede a cura di: Enrica Torelli Landini (ETL) e Daniela La Lamia (DLL) finito di stampare: gennaio 2001

3 prefazione 4 argiletum 6 indice mattatoio 10 gazometro 16 mercati generali 22 scuola nicolò tommaseo 28 vetreria a. bordoni 32 alfa romeo 36 scuola edmondo de amicis 42 scuola silvio d amico 44 via c. segre 46 viale g. marconi 48 società aerostatica avorio 50 omi 52 vasca navale 54 le torri 60 lo spazio di Roma Tre 62 appendice statistica 63 3

4 4 PRESENTAZIONE RETTORE

5 montaggio di aerofoto provenienti da S.A.R.A. Nistri,

6 6 argiletum Attualmente l Argiletum è sede della Facoltà di Architettura e del Dipartimento di Progettazione e Scienza dell Architettura. Progettazione e restauro: Arch. Prof. Gianluigi Nigro Consulenza e realizzazione, Società Italiana Vetrocemento Armato (S.A.I.V.A), Il tracciato della via Madonna dei Monti segue all incirca quello dell Argiletum, la strada dove già in età repubblicana, esisteva un popoloso quartiere con botteghe di artigiani e piccoli commercianti. L area era delimitata dalle propaggini dei colli Quirinale, Viminale ed Esquilino e, in epoca preromana, ospitava una selva naturale che si estendeva fino alla zona dei Fori. Bonificata in epoca repubblicana, questa parte della città fu edificata collegando il centro commerciale e politico con i quartieri orientali: tale direttrice fu denominata Argiletum (dal nome della selva) nella zona verso i Fori e Suburra nella zona verso l Esquilino. In epoca medievale, nel quartiere furono edificate, da famiglie nobili, delle torri di avvistamento e difesa a presidio delle loro residenze e proprietà; fra queste, la Torre Secura (o Torre Sebura o Torre Mamiliana) che, demolita alla fine del Medioevo per ampliare la strada, sorgeva in corrispondenza dell edificio denominato Argiletum. Nel 1634, l area, di proprietà di Francesco Attavanti, con la grande casa, due casette e il giardino posto tra la chiesa di S. Salvatore e la chiesa della Madonna dei Monti, fu venduta, per la realizzazione del Collegio dei Neofiti e, per volere di Urbano VIII, fu liberata da qualsivoglia vincolo di fidecommisso et hypoteca. L importante programma pontificio riguardava la costruzione di una nuova sede per due istituzioni religiose: la Casa dei Catecumeni, destinata ad adulti in attesa di battesimo (istituita presso la Chiesa di S. Giovanni in Mercatello, nel rione Campidoglio), e il Collegio dei Neofiti (insediato nella Chiesa di S. Chiara, nel rione S. Eustachio), fondato allo scopo di ospitare e istruire i convertiti dall Islam e dall Ebraismo. Entrambi questi istituti si trasferirono nell edificio che il cardinale Antonio Barberini, fratello di Urbano VIII, fece costruire dall architetto Gaspare De Vecchi presso la Madonna dei Monti. L architetto Gaspare de Vecchi che compare nel 1624 accanto a Carlo Maderno per una consulenza a proposito di S. Maria alla Vallicella e nel 1639 per il progetto della facciata del Collegio di Propaganda Fide, dovette edificare un area vincolata da una serie di preesistenze costitutive, da un lato la fabbrica della Chiesa di S. Maria ai Monti, con i fabbricati addossati al fianco ovest, dall altra la chiesa di S. Salvatore, con un corpo di fabbrica prospiciente la via Madonna dei Monti. Inoltre, nella parte retrostante l area mancava ancora il prolungamento della via Baccina (realizzato fra il 1666 e il 1676, per la costruzione di un nuovo corpo di fabbrica, includente, sull angolo, l Oratorio di S. Giovanni Battista). In tale edificio l architetto dispose oltre l ingresso e l atrio, lo scalone, il doppio loggiato sul cortile e una serie di grandi ambienti su due piani. Il cortile fu sviluppato in profondità a causa degli edifici già presenti e definito architettonicamente sul loggiato e sul lato a destra di chi entra; il terzo lato sarebbe stato completato nella parte superiore in epoca successiva, tra il 1840 e il 1880, con la sopraelevazione del primo piano, per la sala teatrale; tra il 1666 e il 1748, il quarto lato del cortile ricevette una soluzione di chiusura prospettica, mediante tre arcate di portico, appoggiate ad un muro cieco, sotto le quali si trova una fontana a nicchia. Il prospetto dell edificio su via della Madonna dei Monti risulta disegnato come una parete continua, compatta. Con l inserimento degli angoli smussati, De Vecchi riuscì a dare, alla scabra cortina laterizia, quel senso di continuità tipico del metodo barocco. L ingresso principale sulla piazza è costituito da un ampio portale architravato con timpano ricurvo e sovrastato da due ordini di finestre incorniciate. Sul cantonale, sottolineato da due paraste sorrette da mensole a volute, è posta un edicola che riporta la data di ultimazione dei lavori: Nel 1625 Urbano VIII Barberini fece restaurare l adiacente chiesa di S. Salvatore de Suburra e la concesse al Collegio dei Neofiti, collegato poi con la vicina Chiesa alla Madonna dei Monti (già costruita nel 1580 su progetto di Giacomo della Porta). Alla prima metà del Settecento risale il corpo (tre piani più il piano terra) che sorge in via Baccina sull allineamento della tribuna della Chiesa della Madonna dei Monti e la sistemazione del cortile quadrato su cui esso si affaccia. Nel 1713 l edificio passò ai Pii Operai (una piccola congregazione fondata a Napoli da Carlo Carafa) i quali lo diressero fino alla soppressione del Collegio avvenuta alla fine dell Ottocento. Fra il 1870 e gli inizi del secolo gli interventi maggiori riguardarono la chiusura delle tre grandi aperture ad arco della loggia che si apriva sul cortile al primo piano; la costruzione, in due fasi successive, di un ballatoio corrente sui tre lati edificati del cortile stesso e la realizzazione di un ingresso autonomo al piano terra dell ala edilizia, prospiciente via Baccina, come osservato - nella Relazione storico-critica, elaborata per il Vicariato - da Paolo Cuneo e da Paola Dettori. Tra il 1982 e il 1990, con l intenzione di collocarvi la Casa delle parrocchie romane, il cardinale Poletti ha fatto eseguire interventi di manutenzione straordinaria e di restauro delle antiche strutture, facendo tra l altro abbattere una superfetazione costruita sulla parte bassa delle coperture. subito dopo il restauro curato dall arch. Gianluigi Nigro per conto del Vicariato l edificio è stato acquistato dall Università Roma Tre. DLL

7 prospetto principale (mg) 7

8 Istituto dei Catecumeni e dei Neofiti, prospetto, Arch. Gianluigi Nigro, L apertura di Via Baccina Nuova, dietro la tribuna della Chiesa Madonna dei Monti, comportò la demolizione di alcune case medievali su via S. Agata. Il progetto fu autorizzato da un chirografo di Alessandro I, il 3 aprile 1666 (AS, Disegni e piante, Coll. I, cart 81/325)

9 cortile interno (gn) 9

10 10 mattatoio Attualmente il complesso ospita alcune aule utilizzate dalla Facoltà di Architettura. Progetto di ristrutturazione e riuso del Padiglione 7 (ex-laboratorio sanitario): Arch. Prof. Francesco Cellini e Arch. Eugenio Cipollone Progetto esecutivo e direzione dei lavori: Arch. Eugenio Cipollone Responsabile del Procedimento di ristrutturazione: Arch. Luciano Scacchi Il complesso industriale degli Stabilimenti di Mattazione ed il Mercato del bestiame vengono costruiti in zona Testaccio su progetto dell architetto comunale Gioacchino Ersoch tra il 1888 ed il Tale costruzione va a sostituire il precedente Mattatoio nei pressi di piazza del Popolo, di cui lo stesso Ersoch aveva curato l ampliamento e l ammodernamento. Il vecchio Mattatoio viene spostato in seguito al piano regolatore del 1883 che decide la costruzione del ponte Margherita, insieme alla previsione dello sventramento del quartiere dell Oca, rispettivamente alle spalle e a fianco dello stabilimento di mattazione. L architettura di Ersoch, pur attestando una accurata e talvolta manierata ricerca stilistica (soprattutto nel portale a due fornici, sormontato da un gruppo allegorico), ha nello stesso tempo una razionalità distributiva strettamente collegata alle sue funzioni: il passaggio dal Mercato del bestiame allo stabilimento di mattazione avviene attraverso quattro bascule (due per il bestiame domito e due per l indomito), luogo dove avviene anche la pesa degli animali. Il bestiame viene poi introdotto nei rimessini, disposti ciascuno di fronte al rispettivo macello, all interno del quale Ersoch esibisce le nuove tecnologie: argani, volani, armature per l innalzamento del bestiame, carrucole, che costituiscono le nuove macchine della morte. Le innovazioni tecnologiche apportate da Ersoch prendono spunto da un approfondito studio di altri centri di mattazione in Europa. La scelta del sistema a corsie, in sostituzione del sistema a celle, viene presa in seguito alla osservazione dello stesso sistema già in uso a Ginevra, Zurigo, Amburgo, Monaco. Dal punto di vista architettonico, Ersoch privilegia la solidità, non trascurando tuttavia una certa eleganza: spessi muri rivestiti in mattoni a cortina, lastre di travertino lungo lo zoccolo delle tamponature, alle soglie e agli stipiti dei portali, al bordo dei lunettoni che illuminano gli interni. La progettazione non si limita agli edifici e ai macchinari, ma è globale in quanto comprende, oltre al sistema di fogne e di condutture per l acqua pompata e poi riversata nel Tevere, perfino gli arredi, descritti nella relazione dell architetto nei minimi particolari. Ersoch dà il giusto peso all uso del ferro che permette un reale vantaggio, quello dell economia, per cui il nostro secolo eminentemente calcolatore e pratico non vi avrebbe dato quell immenso sviluppo che oggi si osserva, si constata e si accresce con ogni sorta di applicazione (ASC, f.ll.pp., posizione 39). L architetto adotta un sistema di travature in ferro (sistema Polonceau semplice), nelle coperture dei rimessini, nelle coperture dei padiglioni e nelle barriere a elementi modulari. Nel 1930 lo stabilimento di Mattazione subisce un importante fase di ammodernamento, con l inserimento di guidovie aeree e argani Edelman. A quella data lo stabilimento era ormai inserito nel contesto urbano che vediamo tutt oggi: il quartiere operaio realizzato in tre fasi: tra il 1883 e il 1906, quando si realizzano i primi blocchi intensivi dovuti ad iniziativa privata; la fase che segue il piano regolatore del 1906, con l intervento dell Istituto Case Popolari ed i progetti di Giulio Magni e Quadrio Pirani che riqualificano il quartiere nel suo insieme. La terza fase, intorno al 1930, sempre ad opera dell I.C.P., su progetto di Innocenzo Sabbatini. Nell immediato dopoguerra viene ristrutturato l accesso al Mattatoio lungo il Tevere, in occasione dell apertura del ponte Testaccio (1948), previsto già nel 1936 con il nome di ponte d Africa. Lo stabilimento di Mattazione, con relativo quartiere operaio, ha costituito il primo segnale della destinazione industriale della zona, che si amplierà soprattutto al di fuori delle mura aureliane, oltre porta S. Paolo, e che prenderà consistenza con i vari piani regolatori, fino a quello del 1931, in contemporanea con l assetto viario, ferroviario e della rete fognaria, affidata all impianto di collettori sotto i due argini del Tevere, costruiti tra il 1877 ed il Nel luglio 1975, con l apertura del nuovo Centro Carni, il Mattatoio al Testaccio è divenuto un bene archeologico industriale, documento di storia del lavoro e di cultura materiale. Oggi il padiglione che fiancheggia via Manuzio è trasformata in una serie di aule per la Facoltà di Architettura dell università Roma Tre, dove, con un intervento minimale, sono messi in evidenza la trasparenza, la sequenza e nello stesso tempo la fusione degli spazi. E.T.L.

11 padiglione 7, aule Facoltà di Architettura (gn) 11

12 12 G. Ersoch, Ingresso principale (ASC, Il Mattatoio e il mercato del bestiame costruito dal Comune negli anni , Roma, 1891, Tav. IV) locale per la distruzione delle carni infette, (Tav. XI) capretteria e tripperia, (Tav. IX)

13 il Mattatoio e il Mercato del bestiame oggi (gn) (gn) (gn) 13

14 macello dei capretti e tripperia; gli arredi non sono più in situ 14 G. Ersoch, pianta generale (ASC, Il Mattatoio e il mercato del bestiame costruito dal Comune negli anni , Roma, 1891) il Mattatoio e il Mercato del bestiame in completamento nel 1891

15 15 campo Boario: l ora del pasto per i cavalli delle carrozzelle (gn) il padiglione 7 oggi (an)

16 16 gazometro Il grande Gazometro sull Ostiense non domina soltanto la ex zona industriale ma è diventato uno dei riferimenti topografici della città, simbolo dell industria del gas e emblema dell archeologia industriale a Roma. Un secolo di storia che inizia con la produzione del gas illuminante, in seguito alla costituzione della Società Anglo-Romana nel 1854, per concludersi con l attuale impianto a metano dell Italgas. I magazzini del carbone della ex Officina a gas di S. Paolo, i forni per la distillazione del litantrace, la sala macchine per l estrazione e la depurazione del gas, gli impianti costruiti nel 1910 (dopo che l originaria officina a via dei Cerchi era stata smantellata) sono stati abbandonati; i gasogeni e gli impianti per i distillati leggeri del petrolio costruiti nel dopoguerra sono ormai in disuso. Aree dismesse che si dispiegano sul lungotevere; zone, vuoti urbani che richiedono un repentino intervento di recupero, nel rispetto delle preesistenze e che possono contribuire ad un adeguato intervento di riqualificazione del quartiere Ostiense. A Roma l illuminazione pubblica a gas fu introdotta durante il pontificato di Pio IX, nel 1854, con una solenne cerimonia a Palazzo Doria. La prima officina sorgeva in via dei Cerchi, in prossimità del Circo Massimo e riusciva a produrre mq. di gas al giorno. Tra la fine dell Ottocento e i primi del anche in seguito all`introduzione dell energia elettrica il gas venne impiegato per usi domestici. Il combustibile proveniente dall Inghilterra, dalla Sardegna o dalla Toscana raggiungeva i magazzini di carbone dal Tevere o attraverso i binari ferroviari che ripercorrono la superficie dell officina. Il carbone veniva posto dagli operai fuochisti nelle storte, dove raggiungeva la temperatura di Cº. Nei forni di distillazione, il gas prodotto dalla combustione del fossile, veniva immesso nei condensatori all interno dei quali depositava il catrame e le acqua ammoniacali che avrebbero reso nociva la miscela. Il gas per essere idoneo veniva sottoposto ad una elaborata depurazione chimico fisica, che lo avrebbe separato dalla naftalina e dal benzene e infine raggiungeva i gasometri: grandi serbatoi, costituiti alla base da una vasca in cemento armato e da un imponente impalcatura in ferro, all interno della quale scorreva una struttura mobile, oggi non visibile. In base all ultimo Accordo di programma tra Università e gli enti locali l edificio dovrebbe accogliere, tra l altro, strutture di Roma Tre. DLL

17 riva sinistra del Tevere con i Magazzini Generali e il Gazometro costruito nel 1936 (gn) 17

18 officina gas ed elettricità fuori Porta S.Paolo, pianta d insieme, 1909 (ASC, I.E., 1909, prot. 3526) 18 interno della sala macchine, 1910 (SAR) forni di distillazione Ries, 1910 (SAR) riva sinistra del Tevere, pompe e torre dell acqua, dopo il 1936 (ASI)

19 il gazometro e i carri-ponte da Via dei Magazzini Generali (gn) 19 l area Italgas dalla Centrale Montemartini (cs)

20 officina gas di S.Paolo, vista generale, 1912 (ASI) 20 magazzino di distribuzione su via del Commercio, 1912 (SR) area Italgas, dopo il 1912 (ASI)

21 il Gazometro dal Ponte dell Industria (gn) 21 Gazometro e raffreddatori (gn)

22 22 mercati generali Assegnati dal Comune di Roma mq., comprendenti la parte sul fronte Ostiense e alcuni capannoni. Rilievi e bozze di progetto: DI.P.S.A. su incarico del Comune di Roma e Servizio Tecnico Logistico di Ateneo L atto di nascita dei Mercati Generali è il 1910, quando, dopo che è definitivamente messo da parte il progetto di realizzare i mercati sui due fronti di viale del Re (attuale viale Trastevere), viene presentato il nuovo Progetto per la costruzione dei Mercati generali e delle derrate alimentari fuori Porta S. Paolo. I nuovi mercati sono prossimi allo scalo fluviale, ai già progettati Magazzini generali e alla erigenda ferrovia Roma- Ostia, con possibilità di un binario interno di raccordo. Il progetto, elaborato dall Ufficio tecnico comunale diretto dall ing. Emilio Saffi, prevede due zone: una destinata al mercato della frutta e ortaggi e l altra al mercato del pesce, carni e uova. I due settori sono divisi al centro da un ampia zona destinata al raccordo ferroviario. Il 1910 è un anno decisivo per lo sviluppo industriale della zona, che viene incoraggiato dall ampliamento di un primo tratto della via Ostiense e dall insediamento delle prime officine municipali volute dalla giunta Nathan per combattere la concorrenza privata. Se terminati nel tempo inizialmente previsto, i Mercati avrebbero perciò costituito il fiore all occhiello degli obiettivi del sindaco Nathan circa il controllo municipale nella capitale. Il mercato degli erbaggi e frutta prevede un fabbricato d ingresso prospiciente la via Ostiense (per la direzione, le abitazioni dei dirigenti e custodi, l ufficio daziario e delle guardie municipali, l ufficio sanitario, postale e telefonico). Lungo il perimetro del mercato sono previste una serie di magazzini, tettoie in cemento armato e vasti piazzali. Lungo le due ali esterne, nelle vie laterali al mercato, vengono progettati i locali per scuderie e rimesse. Il mercato del pesce, abbacchi, polli, uova affaccia sulla progettata stazione del Mercato lungo la linea Roma-Ostia, con un edificio d ingresso dove vengono ugualmente collocati gli uffici per la direzione. Al centro dello spazio destinato a questo settore è previsto il grande padiglione per la vendita del pesce (mq ) e, ai lati, sei padiglioni (tre per parte) per la vendita di abbacchi, polli, uova. Il piano seminterrato viene destinato alle celle frigorifere. Tutti i padiglioni vengono progettati sopraelevati rispetto al piano di calpestio esterno, per maggiore comodità di carico e di scarico delle merci (E. Saffi, Il nuovo mercato generale di Roma in Annali della Società degli ingegneri e degli architetti italiani, XXIX, n.12, 16/6/1914). Nel 1912 la commissione dell Ispettorato edilizio concede l autorizzazione; in seguito, vengono espropriati i terreni, inizialmente quelli appartenenti ai Fajella (proprietari dell attigua vetreria Fajella) e quindi i terreni appartenenti ai Torlonia, per i quali occorre una lunga sequela di contrattazioni. Gli eventi bellici arrestano l esecuzione del progetto e solo nel febbraio 1922 il Consorzio edile italiano consegna i fabbricati. Tuttavia l attività del mercato è soltanto parziale in quanto, da un documento del giugno 1922 (Conservatoria, Comune di Roma), si viene a conoscenza che della superficie complessiva di mq. soltanto risultano essere coperti, mentre la superficie scoperta è di ben mq. Nel febbraio 1922 in pratica si inaugurano: per i mercati delle erbe i fabbricati con ingresso sulla via Ostiense, ai numeri civici 109, 111, 113, i magazzini con le antistanti tettoie e i chioschi adibiti a bar, tabaccheria, telefono; per il mercato del pesce tre fabbricati interni dei quali, nella stima dei fabbricati (febbraio 1922), risultano esserci solamente le fondazioni e le mura di elevazione fino al piano di copertura dei sotterranei. Nel 1924 viene quindi realizzato un secondo lotto di lavori che come si evince dai nuovi progetti esecutivi (ASC, Fondo contratti, 1924, parte IV, vol.i) comprende il padiglione del pesce totalmente rinnovato nella sua struttura e configurazione spaziale e i padiglioni per la vendita di abbacchi e pollame. Mentre il progetto del 1910 prevedeva un ampio uso del ferro, nella seconda fase di costruzione, si hanno modifiche di ordine architettonico e strutturale: viene sostituito al ferro l uso di muratura e di cemento armato, e le coperture a volta sono sostituite da coperture con architravi. Si ampliano gli elementi funzionali e si riducono gli elementi decorativi, i fregi, le volute, gli stucchi liberty; le cancellate ed il fornice dell ingresso principale perdono il loro aspetto monumentale. Le aree vuote vengono man mano occupate da altri padiglioni e gli edifici perimetrali vengono in parte sopraelevati, privando, con interventi differenziati nel tempo (anni e fino agli anni 60), l assetto dei Mercati della loro originaria identità funzionale e morfologica. ETL

23 Mercati generali, padiglione interno (gn) 23

24 E. Saffi, Padiglione per la vendita del pesce, I progetto, prospetto, 1910 (ASC, Fondo Contratti, Atti Pubblici, parte V, 1912, 11 ottobre) 24 E. Saffi, Padiglione per la vendita del pesce, progetto esecutivo, 1924 (ASC, Fondo Contratti, parte IV, volume I, 1924, 24 aprile) strutture in cemento armato degli anni 50, angolo sud-est dei Mercati (ASC, Fondo Fotografico, periodo post-unitario, 29c)

25 padiglione del pesce, lato sud (gn) 25 veduta dal lato sud (gn) veduta dal lato sud (gn)

26 fuori dai Mercati: anni 30 (ASC, Fondo Fotografico, periodo post-unitario) 26 fuori dai Mercati: anni 30 (ASC, Fondo Fotografico, periodo post-unitario)

27 (gn) 27 dentro e fuori i Mercati (gn) (gn)

28 28 scuola nicolò tommaseo Attualmente nell edificio sono ospitati la Facoltà di Economia Federico Caffè, il Dipartimento di Economia, la sezione Economia della Biblioteca di Area Giuridico- Economico-Politica e il Centro Linguistico di Ateneo. L edificio è in concessione d uso dal Comune di Roma Il terreno dove viene edificato l edificio scolastico Nicolò Tommaseo era affidato all Ente Autonomo SMIR (Sviluppo Marittimo e Industriale di Roma) che, essendo stato soppresso nel 1923 insieme a tutti gli enti autonomi portuali, nel momento in cui la scuola viene costruita, fa parte delle aree che l Ente deve alienare. Lo SMIR, nel gennaio 1924, cede l area alla SEFI (Società Elettroferroviaria Italiana) con l intento di costruire stabilimenti industriali e case operaie. L anno seguente la SEFI cede a sua volta l area al governatorato di Roma per la realizzazione di una scuola elementare, che fa parte di un programma voluto dall Ufficio Progetti del Comune per la realizzazione, tra il 1922 e il 1934, di una serie di edifici scolastici. A capo di tale ufficio è l ingegner architetto Vincenzo Fasolo, progettista, tra le altre molte scuole romane, anche della Nicolò Tommaseo. La scuola viene programmata in considerazione del crescente sviluppo del nuovo quartiere Garbatella. Come descritto nel volume I nuovi fabbricati scolastici, (Roma 1924), il progetto complessivo prevede 34 aule e locali accessori, due scale distinte, due colonne di servizi, palestra coperta e scoperta. L edificio si compone di quattro piani, di cui uno seminterrato per i servizi ed il refettorio. L area complessiva di circa mq., è suddivisa in una superficie coperta di mq. e scoperta di circa mq. Il progetto di Fasolo, tuttavia, viene inizialmente realizzato solo in parte (mq. 772 di superficie coperta), per coprire i bisogni dell attuale popolazione scolastica, ma con previsione di futuro ampliamento. In un primo momento viene costruita l ala sulla via Ostiense su una sola scala, con 10 aule, più i servizi per la refezione, i bagni, il locale per il riscaldamento. I lavori iniziano nel 1927 e si concludono nel 1929, con la realizzazione del primo corpo. Poco dopo gli inizi dell apertura della didattica, la direttrice richiede al provveditorato la costruzione di una palestra, di una casa per il portiere e di un ampliamento generale dell edificio. Questi lavori hanno inizio nel luglio del 1936 e si concludono l anno successivo con la realizzazione della palestra, degli spogliatoi, di una scala in marmo e cemento armato, una colonna di servizi igienici, la chiusura di un lucernario su via Ostiense, la pavimentazione del cortile d ingresso e la costruzione di un nuovo blocco scolastico. Nel verbale di consegna, del novembre 1938, si specifica che l immobile è in muratura, coperto parte a tetto e parte a terrazza, e che è composto da atrio, corridoi, 33 aule sistemate nei vari piani, un ampia palestra con locali per i servizi, da un cortile centrale, da un cortile posteriore con area a giardino, da una scala di disimpegno e da vari locali siti nello scantinato (Conservatoria, Comune di Roma). Dal punto di vista stilistico, l edificio (che viene realizzato da Fasolo in contemporanea alla non lontana caserma dei Vigili del Fuoco a via Marmorata) presenta alcuni spunti formali che l architetto aveva applicato ad altri edifici scolastici, come ad esempio, il liceo Terenzio Mamiani in viale delle Milizie, in funzione dal Stilemi (ispirati al Rinascimento modernamente sentito ) che risentono dell influenza dei progetti di Gustavo Giovannoni, regista del quartiere Garbatella e suo maestro, e che Fasolo fiancheggia in diverse occasioni, realizzando per lui molti disegni progettuali (il progetto per il quartiere di piazza d Armi, tra gli altri). Il carattere principale delle facciate, sia esterne che interne sul cortile, della scuola di via Ostiense (come anche del liceo Mamiani ) è dato dal raggruppamento a tre delle grandi finestre, sia in forma rettangolare che in forma ad arco, mediante forti cornici di raccordo (in alcuni casi a forma di edicola) o balconi ad incasso. Nel 1991, dopo che l attività scolastica era stata da tempo sospesa, alcune associazioni occupano i locali interni del blocco, finchè, nel 1993, l intero edificio con la sua area circostante viene ceduto in concessione d uso dal Comune di Roma all Università. ETL

29 cortile interno edificio Niccolò Tommaseo (gn) 29

30 V. Fasolo, Nicolò Tommaseo, disegno della facciata, ca (Archivio Orseolo Fasolo) 30 V. Fasolo, Nicolò Tommaseo, I progetto, 1924 (NFS) pianta catastale, 1924, (Conservatoria Comune di Roma)

31 aula della Facoltà di Economia Federico Caffè (gn) 31 interno della Facoltà di Economia Federico Caffè (gn) centro di calcolo del Dipartimento di Economia (gn)

32 32 vetrerie bordoni Il complesso è articolato in due parti: la prima, corrispondente agli uffici ristrutturati della vetreria ospita da anni gli uffici centrali del Rettorato, alcuni dei quali destinati alla nuova sede appena costruita sul terreno dello stabilimento delle vetrerie, recentemente inaugurato, dove trova posto il Rettorato la Facoltà d Giurisprudenza e la biblioteca di area giuridicoeconomico-sociale Il nuovo complesso, che è divenuto recentemente sede della facoltà di Giurisprudenza e del Rettorato, è costruito su un area occupata, fino agli anni 80, dalle Vetrerie Riunite Angelo Bordoni di S. Paolo. Della vecchia fabbrica sono rimasti soltanto i locali dell ala d ingresso, una volta occupati dagli uffici. L area si estende tra la via Ostiense, via Giulio Rocco e la ferrovia Roma-Ostia. Nelle vecchie piante la vetreria, non più esistente, si presenta come un articolato complesso composto da diversi edifici e capannoni e provvisto di una ciminiera. In una foto, presumibilmente dell immediato secondo dopoguerra, sono invece presenti due ciminiere, ciò che sta a testimoniare che la Vetreria era fino ad allora una fabbrica molto attiva. Un ulteriore pianta catastale (f. 835, 1964) mostra l area della Vetreria quasi totalmente ricoperta da oltre dieci edifici, di cui alcuni sono evidentemente ampliamenti dei precedenti, ed altri sono costruiti ex-novo, soprattutto nella parte ad est dell area e lungo tutto il perimetro su via Rocco. Nella stessa pianta compare un binario di raccordo ferroviario con l attigua linea Roma-Ostia. In una foto dei primi del 900 si nota che la lavorazione delle bottiglie di vetro avveniva totalmente per mano femminile. Negli anni 70, quando la fabbrica aveva ridotto notevolmente la produzione, si parla di nuova destinazione a terziario e di compatibilità con il direzionale. Negli anni 80 la fabbrica viene demolita in quanto aveva raggiunto i limiti della fatiscenza. I due edifici superstiti lungo la via Ostiense, attualmente occupati dagli uffici amministrativi e dal Rettorato, presentano dei motivi architettonici in comune con gli edifici perimetrali del Gazometro, secondo un ottica di stile eclettico, cara all edilizia romana industriale del primo 900, presentando un decoro di facciata e una composta aulicità. Composta aulicità, che nel caso degli uffici delle Vetrerie, è presente nell ingresso a tre fornici simulati, grazie a una serie di colonne portanti. Le decorazioni esterne si limitano ad un intonaco rustico come motivo basamentale, che prosegue a far da cornice al piano superiore terminante con una copertura piana. Sull area alle spalle degli uffici delle Vetrerie Riunite, è stato realizzato, nel biennio , un imponente complesso architettonico per ospitare la sede del Rettorato, la Facoltà di Giurisprudenza, il Dipartimento di Studi Giuridici e la bibliotaca d area. Il complesso è articolato su complessivi mq., capace di accogliere studenti ed è dotato di un autorimessa interrata. Le aule didattiche sono 9, ubicate tutte al piano terra. L aula magna, circolare, rivestita esternamente in zinco-titanio, ha una capienza di 260 posti. La biblioteca, di complessivi 700 mq., raccoglie l ampio patrimonio librario dell area giuridica di Roma Tre; si articola su due livelli ed è funzionalmente collegata col piano-galleria destinato agli studenti, illuminato dall alto da una copertura vetrata. I piani secondo e terzo sono invece dedicati alle attività dipartimentali ed agli uffici del Rettorato. La disposizione dell intero complesso, se letta in pianta, appare come un contrappunto di forme astratte, tra quadrati, rettangoli e cerchi. Ben diverso è il percorso visivo intorno al realizzato, anche per la posizione del complesso a una quota superiore di quella della via Ostiense. Di modo che l edificio in primo piano, dalla copertura a shed ripetuti (un immediato richiamo alla memoria dei preesistenti capannoni industriali), è come incorniciato, dalla lunga struttura orizzontale alle spalle, intercalata da elementi verticali a torre in vetro opaco. L ingresso al complesso da via Ostiense 159, attraverso cioè gli uffici della vecchia vetreria, è più suggestivo del precedente in quanto si passa bruscamente al livello più alto, scoprendo, ad ogni gradino, un particolare costruttivo diverso. Sulla destra l aula magna si impone con il motivo circolare terminante a spirale e con la copertura obliqua, netta e tagliente. Sulla sinistra e di fronte, due strutture unite a formare un angolo retto, con sottopassaggi, anche sopraelevati e con intere superfici vetrate formanti due alti nastri trasparenti che, insieme alla parte vuota sottostante, conferiscono ariosità e leggerezza all insieme. Tra il cerchio dell aula magna e il cubo della biblioteca (la quale ha all interno una sorta di pozzo richiamante modelli dell antichità classica), si estende la lunga ed ampia galleria vetrata che attraversa tutto il complesso e che termina con un contrappunto simile ed opposto al precedente tra un aula circolare e una sala computer rettangolare. Sul lato posteriore, confinante con la ferrovia, ancora due volumi netti e squadrati ed un ulteriore simulazione della vecchia industria nel profilo caratteristico delle coperture a shed. ETL Uffici Vetrerie, via Ostiense 159: progetto di riuso a cura della S.I.C.I. srl. (Società per l Industria e il Commercio Internazionale), proprietaria dell edificio prima che questo fosse acquistato dall Università. Edificio via Ostiense 161, Facoltà di Giurisprudenza e Rettorato:; progetto Preliminare DI.P.S.A. Progetto definitivo ed esecutivo: Arch. Giuseppe Pasquali e Arch. Prof. Alfredo Passeri Committente: Università degli Studi Roma Tre, Soc. San Paolo Seconda

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione 1 - LOGICA PROGETTUALE 1.1 - Lettura e socializzazione La vera forza di una biblioteca non dovrebbe stare nel raccogliere i libri, ma nell ospitare i lettori che li usano. E il suo involucro non dovrebbe

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ORARIO 2 SEMESTRE A.A. 2006/2007. Lab.prog. Arch. e Urbana. 2MB (Ranzi) Lab. Prog. Architettonica e. Lab.prog. Arch. e Urbana

ORARIO 2 SEMESTRE A.A. 2006/2007. Lab.prog. Arch. e Urbana. 2MB (Ranzi) Lab. Prog. Architettonica e. Lab.prog. Arch. e Urbana Aule Orario Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Ist. Matem. 2B (Magrone) Cartografia tematica Fotografia urbana (Frongia) (Canciani) Quadrio Pirani Mario De Renzi Innocenzo Sabbatini Giulio

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli