SUPPORTO PER IL VOICE-OVER-IP. Introduzione. Tecnologie e Strumenti. Protocolli di Rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SUPPORTO PER IL VOICE-OVER-IP. Introduzione. Tecnologie e Strumenti. Protocolli di Rete"

Transcript

1 SUPPORTO PER IL VOICE-OVER-IP Progetto di Reti di Calcolatori L-S di Colleluori Mirko (169783) Il VoIP, Voice over Internet Protocol, è il nome con il quale si intende realizzare la telefonia per mezzo di internet e costituisce una delle novità che maggiormente movimentano il mercato dell informatica in questo periodo. Il concetto base è quello di poter utilizzare la rete internet come mezzo di trasmissione della voce. Questo tipo di applicazione si pone come sostituto a basso costo del tradizionale telefono e certamente a lungo termine è destinata a sostituire la telefonia tradizionale. Per realizzare un applicativo VoIP gli obiettivi da raggiungere sono diversi; tra essi si possono sottolineare tre aspetti in particolare: l instradamento di una telefonata per mezzo del protocollo IP; la gestione di eventi Real-Time; la Qualità del Servizio. L instradamento di una telefonata VoIP tra due computer avviene, fisicamente, per mezzo di internet utilizzando il protocollo IP e scambiando pacchetti che contengono voce. Naturalmente per collegare a livello software due computer serve un protocollo e SIP, Session Initiation Protocol, è lo standard che si sta affermando per stabilire, modificare e terminare sessioni multimediali. SIP è un protocollo che si completa con altri, come RTP, Real-Time Transport Protocol, per fornire una Qualità del Servizio adeguata. Considerando i diversi dispositivi che compongono la struttura di una chiamata su Internet, Java ha sviluppato quattro tipologie di api: Jain-Sip e Jain-Sip Lite API rispettivamente a basso e ad alto livello per applicazioni che usano la J2SE, Sip-Servelet per sfruttare J2EE e Sip per J2ME per i cellulari. Inoltre c è RTP e per questo Java propone le API di JMF, Java Media Framework. Con il seguente progetto si intende individuare le componenti essenziali dell intera teoria che fa da supporto al VoIP e sviluppare un supporto software che dia corpo al concetto di Voice over IP. Introduzione Il supporto fornisce strumenti a livello applicativo per l implementazione di servizi che necessitano di effettuare un trasferimento in realtime di contenuti multimediali (audio e video). Le funzionalità offerte dal supporto possono essere così riassunte: User Location: determinazione degli end system coinvolti nella comunicazione; User Availability: identificazione della disponibilità delle parti ad impegnarsi in una comunicazione; User Capabilities: identificazione di media e parametri utilizzati; Session Setup: avviso, instaurazione dei parametri di una sessione su chiamate e trasporto di informazioni riguardo ai partecipanti; Session Management: trasferimento e terminazione di una sessione, modifica dei parametri della sessione, e invocazione dei servizi; Data Transmission/Reception: instradamento della comunicazione multimediale; QoS Monitoring: monitoraggio della qualità del servizio; Sequence Numbering, Time Stamping: per la ricostruzione della sequenza di pacchetti del mittente dalla parte del ricevente. Il supporto vede applicabilità nei seguenti servizi: Telefonia su IP (VoIP) e servizi telefonici supplementari; Video comunicazione (video conference, operator services); Sistemi di notifica di eventi (subscribe/notify); Sistemi di messaggistica (instant messaging, presence services); Simulazioni interattive distribuite e giochi interattivi; Misurazioni e controlli in remoto (video surveillance). Tecnologie e Strumenti Protocolli di Rete Il supporto implementa il protocollo SIP, Session Initition Protocol (Protocollo IETF, RFC 2543 e 3261), standard che si sta affermando per stabilire sia le regole per l individuazione degli utenti, sia le regole per consentire a due applicazioni di iniziare una comunicazione multimediale. SIP viene integrato verticalmente nel sistema con altri due protocolli IETF (RFC 3550 e 3551): RTP, Real-Time Transport Protocol, per lo scambio trasparente di dati multimediali in realtime, e RTCP, Real-Time Control Protocol, per la fornitura di feedback in QoS.

2 API L implementazione è in Java, che mette a disposizione sia le API per il protocollo SIP, sia quelle per il protocollo RTP. Per il protocollo SIP, sono disponibili vari pacchetti sviluppati nell ambito del JCP, Java Community Process, classificati in progetti JSR con codice. Nel seguente supporto si è fatto riferimento alle API JSR 32 Jain-Sip per lo sviluppo applicativo su piattaforma J2SE. Il protocollo RTP è stato to invece gestito attraverso le API fornite da JMF, Java Media Framework, architettura unificata per la cattura, emissione e manipolazione di dati multimediali. Architettura generale Sviluppare un applicazione per il Voice-IP vuol dire creare un oggetto che permetta prima di stabilire una connessione SIP tra utenti e prendere i dati relativi ad un tipo di streaming usando Jain-Sip e poi chiamare JMF per iniziare il protocollo RTP creando così la sequenza di pacchetti voce su Internet. I protocolli svolgono quindi i seguenti ruoli: SIP si occupa di trovare e stabilire una connessione tra gli utenti, specificando le caratteristiche della comunicazione grazie al SDP, Session Description Protocol presente nel body del messaggio; RTP permette di inviare lo stream dei pacchetti della voce e RTPC ne controlla la qualità. In quest ottica, JMF ha un onere in più, ossia il compito di definire la sorgente dalla quale prelevare la voce, convertirla da formato analogico a formato digitale, per poterla avere come flusso di byte e stabilire il protocollo RTP verso il destinatario. A tal scopo esso dunque necessita di tutti i dati relativi all indirizzo dell utente al quale inviare lo stream della voce che sono contenuti nel body del messaggio SIP, conformi al SDP. Il supporto realizza tali funzionalità su due diversi livelli di astrazione: Core level: : strumenti a basso livello che consentono di interagire direttamente con le funzionalità del protocollo; Componen levelt: : strumenti ad alto livello che mettono a disposizione componenti applicativi sviluppati sopra il livello core. Le funzionalità di protocollo RTP sono racchiuse nel package media.mediaoverip.rtp, all interno del quale è possibile evidenziare i seguenti sub-package: media.mediaoverip.rtp.core: racchiude le funzionalità di basso livello, quali meccanismi di gestione della sessione RTP, di trasmissione/ricezione dei dati multimediali, monitoraggio della QoS; media.mediaoverip.rtp.console: componente che implementa le funzionalità base di un client per lo streaming RTP, racchiudendo in una semplice interfaccia grafica gli strumenti per configurare gli end-system della comunicazione multimediale, avviare e terminare il trasferimento dei dati, monitorare la QoS, appoggiandosi naturalmente alle funzionalità offerte a livello core. Le funzionalità di protocollo SIP sono racchiuse nel package media.mediaoverip.sip, all interno del quale è possibile evidenziare i seguenti sub-package: media.mediaoverip.sip.core: racchiude le funzionalità di basso livello, quali meccanismi di gestione della sessione SIP, di trasmissione/ricezione ricezione di messaggi; media.mediaoverip.rtp.register, media.mediaoverip.rtp.registrar: componenti che implementano un protocollo di Registration mediante protocollo SIP; media.mediaoverip.rtp.watcher, media.mediaoverip.rtp.presentity: componenti che implementano un protocollo di Presence mediante protocollo SIP; media.mediaoverip.rtp.tpcc, media.mediaoverip.rtp.party: componenti che implementano un protocollo di negoziazione di tipologia Third Party Call Control. Core Level SIP Core Level Le funzionalità SIP a livello core sono racchiuse nel package media.mediaoverip.sip.core.

3 Descrizione generale SIP è un protocollo basato su testo, come HTTP e SMTP, e scambia messaggi di richiesta e risposta tra applicazioni formati da header e body. I messaggi che il protocollo usa sono composti da una riga iniziale dove è presente il comando, poi c è un header con informazioni su mittente e destinatario ed infine il body del messaggio. Questa struttura è del tutto simile a quella dei messaggi HTTP: fornire metodi per formattare il messaggio in formato SIP; inviare e ricevere i messaggi; scompattare i messaggi in arrivo; gestire la transazione con timeout, stati e ciclo di vita. Il supporto nel suo ruolo si occupa di: implementare il SipListener per interagire con lo stack; registrarsi con il SipProvider per i messaggi; gestire la transazione in modalità sincrona o asincrona; accedere agli oggetti dello stack; ricevere i messaggi dallo stack come eventi. Il flusso applicativo è il seguente, nel quale sono coinvolte le classi realizzate in Jain-SIP: Analizzando le righe del messaggio si possono notare chiamante e ricevente (to e from) e l identificativo del chiamante (call-id). I messaggi che gli utenti possono scambiarsi, in una sessione, sono di 6 tipi: INVITE: per invitare un utente nella sessione; ACK: per confermare; OPTIONS: per avere informazioni sulle capacità multimediali; BYE: per terminare la partecipazione di un utente ad una sessione; CANCEL: per cancellare una sessione; REGISTER: per informare il SIP server della localizzazione dell utente. I vari tipi di messaggio servono a gestire tutta la comunicazione. Il supporto costruisce un modello ad eventi, definendo un Listener e un Provider che scambiano, appunto, eventi: un particolare Listener si troverà in ascolto degli eventi generati dal Provider; gli eventi incapsulano Request e Response ed il SipListener rappresenta colui che ascolta e consuma l evento. L evento è un entità astratta: quello che c è dentro l evento è il messaggio SIP. Il SipProvider è il fornitore dell evento che riceve il messaggio dalla rete e lo passa all applicazione sempre sotto forma di evento. Il supporto eredita i seguenti obiettivi e servizi offerti da Java: L interfaccia SipStack ha il compito di: gestire i Provider SIP; può registrare molti Listener; è instanziato dalla SipFactory con un insieme di parametri; definisce le proprietà di ritrasmissione, le informazioni sui router ed eventuali nuovi metodi realizzati. In particolare, coordinando la ritrasmissione, solleva lo sviluppatore da una notevole complessità di gestione. I parametri da passare per il corretto funzionamento del SipStack sono: il suo indirizzo; il nome; il path del router per l instradamento dei messaggi prima che il dialogo sia iniziato; il filtro per la ritrasmissione. L interfaccia SipProvider ha invece il ruolo di: ricevere gli eventi; notificare gli eventi al SipListener registrato; gestire le transazioni con scambio di request e response. Per quanto riguarda l interfaccia SipListener: viene creata/associata associata ad un unico SipStack; tutti i SipProvider associati al SipStack hanno il medesimo SipListener; gestisce i timeout della transazione; ritrasmette gli eventi. Queste interfacce si trovano nel package generale javax.sip di Jain-Sip che definisce l architettura generale, le transazioni e gli eventi. Gli altri package sono relativi al messaggio Sip.

4 Attraverso il package address il supporto implementa le interfacce per gli URI e il tipo Sip e Tel: gli indirizzi di un utente possono essere simili a quelli di posta elettronica (es, oppure come numero di telefono (es, tel:123456). Utilizzando invece il package message vengono implementate le interfacce per i messaggi request e response. I messaggi request contengono il tipo di richiesta e l URI; quelli di response il codice dello stato della transazione. Il body del messaggio può contenere dati in formato String o Object, come specificato nel SDP, Session Descriptor Protocol. Infine, il package header viene impiegato come punto di riferimento per la gestione di tutti gli header supportati e le loro possibili estensioni (simili agli header HTTP sia per sintassi che per significato). SIP Actor Un attore SIP viene identificato nel supporto attraverso la classe SIPActor, che ha il compito di gestire le informazioni end-system, tra le quali: indirizzo host; nome host; nickname; name e surname. La classe fornisce due comodi pannelli per accedere in lettura e modifica a tali dati: SIP Controller Elemento fondamentale di gestione delle funzionalità del supporto a livello core è la classe SipController, che si occupa di: implementare il SipListener per interagire con lo stack; registrarsi con il SipProvider per i messaggi; gestire la transazione in modalità sincrona o asincrona; accedere agli oggetti dello stack; ricevere i messaggi dallo stack come eventi. Di seguito viene riportata una porzione di codice per la creazione dello stack: // Creazione SIP factory 1SipFactorysipFactory=SipFactory.getInstance(); // Creazione factories 1AddressFactoryaddressFactory= 2sipFactory.createAddressFactory(); 3MessageFactorymessageFactory= 4sipFactory.createMessageFactory(); 5HeaderFactoryheaderFactory= 6sipFactory.createHeaderFactory(); // Creazione SIP stack 1 SipStack sipstack = 2 sipfac tory.createsipstack(properties); // Creazione SIP listening point e SIP provider 1 udplisteningpoint = sipstack 2.createListeningPoint (localsipport, "udp" ) ; 3 udpsipprovider = sipstack 4.createSipProvider(udpListeningPoint); RTP Core Le funzionalità RTP a livello core sono racchiuse nel package media.mediaoverip.rtp.core. Descrizione generale La voce non può essere trattata come i dati e allora serve un protocollo che garantisca una certa priorità ai pacchetti vocali. RTP, Real-Time Transport Protocol, è il protocollo per il trasferimento dei pacchetti con contenuto multimediale come audio e video. Poiché l obiettivo è di garantire la Qualità del Servizio, RTP si usa in maniera congiunta con RTCP, Real-Time Transport Control Protocol, che si occupa di monitorare la qualità dei dati trasmessi aumentando o anche diminuendo la banda dedicata alla trasmissione. E pensato per lavorare in modo indipendente dal livello di trasporto anche se, in genere, usa UDP, User Datagram Protocol e IP, Internet Protocol. Non si può utilizzare TCP per l eccessiva pesantezza dei pacchetti e con UDP non è possibile controllare l ordine di arrivo degli stessi. RTP risolve il problema permettendo al ricevitore di organizzare i pacchetti in base all ordine di arrivo, trascurando i pacchetti persi. Il supporto RTP a livello core si appoggia a JMF, Java Media Framework, che fornisce una architettura unificata per la cattura, emissione e manipolazione dei dati multimediali. Attraverso le API JMF vengono implementate le funzionalità di riproduzione e trasmissione di stream RTP, mediante l uso di classi e interfacce definite nei package javax.media.rtp, javax.media.rtp.event e javax.media.rtp.rtcp, che sfruttano il modello ad eventi. La sessione RTP viene coordinata attraverso un RTPManager, classe che tiene traccia dei partecipanti alla sessione e dei flussi che stanno per essere trasmessi e/o ricevuti. L interfaccia del

5 RTPManager definisce i metodi che consentono ad una applicazione di inizializzare e avviare la partecipazione in una sessione, rimuovere flussi individuali creati da un applicazione e chiudere l intera sessione. Il supporto mantiene delle statistiche su tutti i pacchetti RTP e RTCP inviati e ricevuti nella sessione. Le statistiche vengono tracciate per l intera sessione per mezzo di un flusso base. E possibile accedere a statistiche globali di ricezione e trasmissione: GlobalReceptionStats: mantiene delle statistiche cumulative globali di ricezione per la sessione. GlobalTrasmissionStats: mantiene delle statistiche cumulative di trasmissione per tutti i trasmettitori locali. Dal flusso sono disponibili statistiche per un particolare flusso di ingresso o uscita: ReceptionStats: mantiene statistiche di ricezione per un partecipante individuale. TransmissionStats: mantiene statistiche di trasmissione per un flusso individuale di invio. Inoltre viene tenuto traccia di tutti i partecipanti di una sessione RTP. Un partecipante (in JMF rappresentato attraverso una istanza di una classe che implementa l interfaccia Participant) viene creato ogni qualvolta arriva un pacchetto RTCP che contiene un source descriptor (SDES) con un canonical name (CNAME) che non è stato ancora visto prima nel corso della sessione (oppure è stato eliminato per un time-out dal suo ultimo utilizzo). I Participants vengono classificati come passivi (inviando solo pacchetti di controllo) oppure attivi (inviando anche uno o più flussi di dati RTP). E presente esattamente un unico partecipante locale che rappresenta il partecipante client/server locale. Un partecipante locale indica che sta per inviare un messaggio di controllo RTCP o dati e mantenendo uno stato sui dati in arrivo e messaggi di controlli attraverso l avvio di una sessione. Attraverso l RTPManager, il supporto mantiene un oggetto di tipo RTPStream per ciascun flusso di pacchetti di dati RTP nella sessione. Due sono i tipi di flussi RTP controllati: ReceiveStream: rappresenta un flusso che sta per essere ricevuto da un partecipante remoto. SendStream: rappresenta un flusso di dati provenienti dal Processor o da un DataSource input che sta per essere inviato nella rete. Un ReceiveStream viene costruito automaticamente ogni volta che l RTPManager individua una nuova sorgente di dati RTP. In javax.media.rtp.event sono definiti molti eventi specifici RTP. Questi eventi sono utilizzati per comunicare con lo stato della sessione e dei flussi RTP e il supporto tiene anche traccia di queste informazioni. RTP Actor Un attore RTP viene implementato attraverso la classe RTPActor, che ha lo scopo di gestire le informazioni che lo identificano: indirizzo host; porta di invio dati multimediali; porta di invio dati di controllo (RTCP); porta di ricezione dati multimediali; porta di ricezione dati di controllo (RTCP); Per semplicità si è imposto di utilizzare un numero pari per le porte impiegate nella trasmissione dei dati multimediali, settando in maniera automatica a port+1 le relative porte di invio/ricezione dei dati di controllo. Le informazioni relative ad un attore RTP vengono rese disponibili attraverso una comoda interfaccia. Transmitter La classe Transmitter è implementata nel package mediaoverip.rtp.core.tx: ha compito di trasmettere in rete il contenuto multimediale della comunicazione. Affinché ciò sia possibile, il trasmettitore deve conoscere le informazioni dei due end system, ossia i due RTP Actor in locale e in remoto. Per semplificare la fase di testing si è implementato un tipo di invio di dati multimediali a partire da file, tuttavia il framework JMF mette a disposizione gli strumenti per la gestione di qualsiasi dispositivo di input, come webcam, digital camera, ecc. La trasmissione viene aperta sulla porta locale di trasmissione e sulla porta remota di ricezione.

6 Receiver La classe Receiver è implementata nel package mediaoverip.rtp.core.rx e ha il compito di ricevere in rete il contenuto multimediale. Anche in questo caso, il ricevitore deve conoscere le informazioni dei due end system, ossia i due RTP Actor in locale e in remoto. La ricezione viene aperta sulla porta locale di ricezione e sulla porta remota di trasmissione. QoS Monitoring Le funzionalità di QoS Monitoring forniscono informazioni circa statistiche di trasmissione e ricezione, eventi real-time e partecipanti e sono localizzate in mediaoverip.rtp.core.stats. Le informazioni sono gestite da due classi, TransmitterStats e ReceiverStats: le due entità recuperano le statistiche di invio/ricezione chiamando sul SessionManager rispettivamente i metodi getglobaltransmissionstats e getglobalreceptionstats: 1 RTPManager rtpmanager = 2 RTPManager.newInstance() ; 3 // get byte sent 4 rtpmanager.getglobaltransmissionstats() 5. getbytessent(); 6 // get bytes received 7 rtpmanager.getglobalreceptionstats() 8. getbytesrecd(); Le informazioni statistiche vengono rese disponibili attraverso due differenti pannelli, a seconda che si sia interessati alle informazioni di trasmissione o di ricezione; a sessione avviata, un thread aggiorna i dati con una frequenza di una lettura al secondo. RemoteListener, SendStreamListener, ReceiveStreamListener definite in JMF: 1 public synchronized void 2 update ( SessionEvent evt ) ; 3 public synchronized void 4 update (RemoteEvent evt ) ; 5 public synchronized void 6 update ( SendStreamEvent evt ) ; 7 public synchronized void 8 update ( ReceiveStreamEvent evt ) ; I dati raccolti dai listener sono visualizzabili utilizzando i relativi pannelli informativi. Infine le informazioni circa i partecipanti della sessione vengono recuperate richiamando i seguenti metodi sul SessionManager 1 RTPManager rtpmanager = 2 RTPManager.newInstance() ; 3 rtpmanager.getallparticipants(); 4 rtpmanager.getremoteparticipants(); 5 rtpmanager.getactiveparticipants(); 6 rtpmanager.getpassiveparticipants(); Le informazioni circa i partecipanti sono visualizzabili richiamando un opportuno pannello, disponibile per le classi transmitter e receiver. Il supporto consente il monitoraggio di tutti gli eventi specifici RTP definiti nel package JMF javax.media.rtp.event, impiegati dal protocollo durante la gestione della sessione multimediale. La notifica degli eventi RTP avviene registrando al Session Manager due listener specifici, ReceiverListener e TransmitterListener, che estendono le interfacce SessionListener,

7 Component Level RTP Components Il component level del supporto relativo al protocollo RTP implementa un unico componente per la gestione di una sessione multimediale RTP: RTPConsole. Di seguito vengono riportati lo schema che descrive il flusso della comunicazione, realizzata attraverso i messaggi del protocollo SIP, e le relative GUI. L RTPConsole consente, attraverso un utile interfaccia grafica, di configurare e instaurare una sessione RTP tra due end-system, nonché di visualizzare tutte le informazioni relative ai flussi di invio e ricezione, quali eventi, partecipanti e statistiche. Come anticipato prima, per facilitare al fase di deploy si è realizzata ata una emulazione attraverso streaming da file. La scelta non è limitante in quanto il supporto RTP a livello core fornisce comunque gli strumenti per la gestione di sorgenti di tipologia differenti, come ad esempio dispositivi webcam. SIP Components Il component level del supporto relativo al protocollo SIP implementa invece una serie di componenti che possono essere raggruppati in sotto-insiemi in quanto dedicati all implementazione di particolari protocolli di comunicazione e negoziazione. Registration Protocol I componenti Register e Registrar, mplementati nei package media.mediaoverip.sip.register e media.mediaoverip.sip.registrar, realizzano attraverso le funzionalità messe a disposizione a livello core SIP una tipologia di interazione finalizzata all esecuzione di un protocollo di registrazione. Presence Protocol La funzionalità di presence fornisce gli strumenti per consentire ad una entità di monitorare lo stato di attività di un altra, tramite un protocollo di publish/subscribe. Il supporto implementa due entità, il Watcher e il Presentity, implementate in media.mediaoverip.sip.watcher e media.mediaoverip.sip.presentity, che si appoggiano alle funzionalità messe a disposizione dal livello core SIP. Di seguito vengono riportati lo schema che descrive il flusso della comunicazione, realizzata attraverso i messaggi del protocollo SIP, e le relative GUI.

8 Third Party Call Control Components Il supporto implementa due entità, il Tpcc e il Party, in media.mediaoverip.sip.tpcc e media.mediaoverip.sip.party, che forniscono gli strumenti per consentire ad una entità terza di avviare una negoziazione fra due end-system che non si conoscono, secondo il protocollo Third Party Call Control. Nel seguente schema viene riassunta la logica del protocollo: Come si evince dallo schema, attraverso tale protocollo è possibile per due entità scambiarsi le informazioni relative ai propri parametri di comunicazione, mediante l interposizione di un mediatore che coordina lo scambio di informazioni. Il seguente diagramma di sequenza evidenzia con maggior dettaglio l esecuzione del protocollo, evidenziando le varie entità SIP messe in gioco durante la negoziazione: Caso di Studio: Operator Service Motivazioni In questa sezione viene analizzato un caso di studio con l obiettivo di evidenziare l applicabilità e le potenzialità del supporto realizzato. Il caso di studio consiste nella realizzazione di un Sistema Software distribuito per l implementazione di un Operator Service per assistenza tecnica on-line. Specifiche del servizio Si suppone che il servizio preveda tre entità: Client, Operator e Service; la logica applicativa potrebbe essere la seguente: il Service deve fornire gli strumenti ad un Client per potersi registrare al servizio. il Service deve essere in grado di monitorare lo stato del cliente, che può manifestare il suo interesse a ricevere l intervento di assistenza, modificando il suo stato, ad esempio da ok a help me!. il Service deve fornire gli strumenti ad un Operator per potersi registrare al servizio. il Service deve essere in grado di monitorare lo stato dell Operator, che può manifestare il suo stato di attività o meno. L Operator ha il compito di agire su un pool di client, che possono essere di tipologia user ed expert, per effettuare il rendez-vous e concretizzare l intervento di assistenza on-line. L Operator deve essere in grado di monitorare i Client inviatigli igli dal Service e, in base a determinate politiche di priorità e organizzazione, di mettere in contatto un Client di tipologia user con un Client di tipologia Expert. Ciascun Client deve possedere i meccanismi per instaurare una sessione RTP di comunicazione audio e/o video con un altro Client, nel caso, un expert con un user. Soluzione Una possibile soluzione, utilizzando il supporto proposto è la seguente: I due componenti mostrano le seguenti interfacce:

9 host: Configurazione single-host Fattorizzando: Configurazione multi-host host e replicazione: Considerazioni Come è possibile evidenziare dal caso in esame, l applicazione applicazione del supporto alla risoluzione del problema consente di avere in maniera man rapida un ossatura dell applicazione distribuita, demandando allo o sviluppatore l onere l di implementare il tessuto connettivo che a partire dalle singole funzionalità realizza l intera l logica applicativa. Da notare come l organizzazione organizzazione a componenti fornisca anche alcuni vantaggi in termini potenzialità di replicazione, che può essere a questo punto non solo rivolta ad una singola entità (vedi Client, Service, Operator) ma anche ad un singolo componente, evidenziando quale di quelli implementati risulta più critico e quindi da proteggere. Ciascuna entità potrebbe quindi essere replicata in parte o in toto su più macchine e/o diverse reti, garantendo a tempo stesso trasparenza di allocazione e continuità di servizio (in questo caso occorrerebbe estendere il supporto con funzionalità di Proxy e Redirector). Redirector Riferimenti Session Initiation Protocol (SIP): (SIP) SIP RFC 3261 (RFC3261) ttp://rfc.sunsite.dk/rfc/rfc3261.html RTP: RFC 1889 (RFC1889) Jain Jain SIP Tutorial, Serving the Developer Community,, Phelim O O Doherty (Sun Microsystems), Mudumbai Ranganathan (NIST) Sip Tutorial,, progetto GEMINI, Josè Soler Lucas (COM) The The Session Initiation Protocol (SIP), (SIP) Henning Schulzrinne, Dept. of Computer Science, Columbia University, New York Java ava Media Framework (JMF): ( tp://java.sun.com/products/java-media/jmf/ Una Una applicazione multimediale di rete basata su un framework di classi lassi Java, Java tesi di laurea di Silvia Summa, 2000 Wikipedia wikipedia.org

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

JMF per applicazioni multimediali in Java

JMF per applicazioni multimediali in Java JMF per applicazioni multimediali in Java Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n. 9 Prof. Roberto Canonico Lezione a cura di Ing. Generoso Paolillo Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sockets e DatagramSocket Windows Phone prevede un interfaccia di programmazione per garantire agli sviluppatori

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti Capitolo 3 Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Music Everywhere with BT

Music Everywhere with BT Music Everywhere with BT Acquaviva Luca 231767 luca.acquaviva@studio.unibo.it Colombini Gabriele 231491 gabriele.colombini@studio.unibo.it Manservisi Alberto 258370 alberto.manservisi@studio.unibo.it Abstract

Dettagli

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP Tutto il in 45 minuti!! Giuseppe Tetti Ambiente Demo 1 Ambiente Demo Ambiente Demo 2 Ambiente Demo ATA Ambiente Demo Internet ATA 3 Ambiente Demo Internet ATA Rete Telefonica pubblica Ambiente Demo Internet

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi Connessioni di rete Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi 1 Socket orientato alla connessione o non orientato alla connessione 2 Socket in astratto 3 Socket modalità

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web Reti e Web Rete commutata: rete di trasmissione condivisa tra diversi elaboratori Composte da: rete di trasmissione: costituita da (Interface Message Processor) instradamento rete di calcolatori: computer

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Implementazione di una MIDlet che realizza un sistema di voto Christian Tiralosi Sviluppatori:

Dettagli

Standard di comunicazione

Standard di comunicazione Standard di comunicazione Organizzato a livelli per ridurne la complessità e aumentarne la flessibilità il numero dei livelli e le loro funzionalità dipendono dal tipo di rete ogni livello formalizza un

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 3-04-2014 1 Reti per la distribuzione

Dettagli

Progetto per un Sistema di Video/Audio Sorveglianza Remota RemoteGuard

Progetto per un Sistema di Video/Audio Sorveglianza Remota RemoteGuard La Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accedemico 2008-2009 Corso di Progetto di Reti di Calcolatori e Sistemi Informatici Prof. Stefano Millozzi

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 5 Martedì 18-03-2014 1 Livello di applicazione Architetture

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Giovedì 16-04-2015 1 Confronto architetture C/S e

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II Introduzione al corso Simon Pietro Romano spromano@unina.it Materiale didattico Libro di testo: J. Kurose, K. Ross

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Giovedì 2-04-2015 1 Come per una pagina Web, anche

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 3. Introduzione a Internet Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE A.A. 2011-2012

Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE A.A. 2011-2012 Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso di Laurea in Ingegneria dei Sistemi Informatici

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Il VoIP parla Wireless. Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP. Internet. Soft Phone

Il VoIP parla Wireless. Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP. Internet. Soft Phone Il VoIP parla Wireless Giuseppe Tetti Ambiente Demo VoIP IP PBX SIP Internet Soft Phone 1 Obiettivi Realizzare un sistema di comunicazione vocale basato interamente su tecnologie VoIP utilizzando: Trasporto

Dettagli