MESSAGGERO VENETO giovedì 29 maggio Indice articoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MESSAGGERO VENETO giovedì 29 maggio 2014. Indice articoli"

Transcript

1 MESSAGGERO VENETO giovedì 29 maggio 2014 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata esclusivamente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli REGIONE (pag. 2) La Regione: limitiamo le aperture festive Il pm chiede il processo per 22 consiglieri Treni, 30 milioni per velocizzare la Ve-Ts Gli imprenditori veneti: stop alla Specialità del Fvg Una pensione su 3 vale meno di mille euro Mangiarotti, le Rsu temono il fallimento Despar in controtendenza: ai dipendenti fino a 600 euro UDINE (pag. 8) Nuovo ospedale, si spaccano i tubi: slitta il trasloco (2 articoli) La Weissenfels è fallita. A Tarvisio si chiude un era Cartiera, dai creditori l ok al concordato PORDENONE (pag. 10) Nuove tensioni a Orcenico. Oggi operai in assemblea (2 articoli)

2 REGIONE La Regione: limitiamo le aperture festive di Stefano Polzot UDINE Il muro che pare invalicabile è quello della direttiva comunitaria Bolkestein che liberalizza l apertura dei negozi senza limiti di orario o festività. Una norma contro la quale si sono schierati politici, organizzazioni sindacali e associazioni di categoria, senza successo. Ora la giunta Serracchiani rilancia la sfida sul tavolo della Conferenza delle Regioni per chiedere un intervento normativo forte che non può essere limitato solo al Friuli Venezia Giulia. La proposta formalizzata dal vice presidente e assessore alle Attività produttive, Sergio Bolzonello, è quella di abbassare le serrande in occasione delle festività nazionali e per almeno altre 4 domeniche nel corso dell anno. L attuale normativa E, per l appunto, la direttiva Bolkestein che consente di poter tenere aperto in ogni momento dell anno. A nulla sono valse le innovazioni legislative anche in Friuli Venezia Giulia. Così il primo giorno dell anno piuttosto che in occasione della Festa del lavoro o a Ferragosto c è qualche negozio - soprattutto esercizi della grande distribuzione - che tiene aperto a prescindere che si trovi in una località turistica. L offensiva Una richiesta forte alla Conferenza delle Regioni per arrivare a una modifica sostanziale delle norme che regolano gli orari degli esercizi commerciali, superando la logica della liberalizzazione generalizzata delle aperture domenicali e festive e introducendo chiusure obbligatorie in occasione delle ricorrenze nazionali, è stata assunta dal vicepresidente e assessore alle Attività produttive del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, che ha inviato una lettera ai suoi omologhi delle altre Regioni e al coordinatore della Commissione attività produttive della Conferenza delle Regioni, chiedendo che alla prossima riunione della Commissione sia posto all ordine del giorno il tema delle aperture domenicali e festive degli esercizi commerciali. Lo scopo esplicito della richiesta, con la quale si attua fra l altro un ordine del giorno approvato dal Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, è definire alcuni elementi essenziali e largamente condivisi come base per far adottare, su iniziativa delle Regioni, una nuova disciplina nazionale. «Le Regioni - spiega Bolzonello - continuano a ricoprire, sotto il profilo istituzionale, un ruolo preminente nel settore del commercio e nella gestione del territorio. Per questo mi pare opportuno che assumano un iniziativa comune e condivisa per promuovere, sollecitare e possibilmente indirizzare l azione legislativa del Parlamento e del Governo nazionale che porti a forme di regolazione del settore». La proposta Nella lettera si indicano anche alcuni strumenti concreti per arrivare all obiettivo: una proposta di legge nazionale, di iniziativa regionale; un intesa in sede di Conferenza unificata per definire un percorso attuativo assieme al ministero; l elaborazione di un documento tecnico che contenga gli elementi essenziali della disciplina, individuando criteri di applicazione omogenei su tutto il territorio nazionale e allo stesso tempo i livelli istituzionali coinvolti. Le proposte del Friuli Venezia Giulia, come base del confronto con le altre Regioni, sono comunque chiare, a partire dalla chiusura obbligatoria degli esercizi commerciali in occasione delle festività nazionali. Si tratta in particolare del primo giorno dell anno e del giorno dell Epifania, oltre a Pasqua, lunedì dell Angelo, 25 aprile (Festa della Liberazione), 1 maggio (Festa del lavoro), 2 giugno (Festa della Repubblica), 15 agosto, 1 novembre, 25 e 26 dicembre. La Regione suggerisce di aggiungere eventualmente anche la chiusura obbligatoria degli esercizi commerciali per ulteriori quattro o più domeniche l anno, a scelta dell esercente, previa comunicazione al Comune, oppure fissate in maniera unitaria sul territorio municipale dal sindaco. Il commento «Una modifica necessaria - sottolinea il vice presidente della Regione - per contenere un eccesso, oramai fuori controllo, e, soprattutto, tutelare il diritto di tutti gli addetti al commercio di trascorrere le festività con i propri cari». Una partita non certo facile proprio in ragione della normativa comunitaria. La strada è in salita ma, anche in questo caso, sarà indispensabile l asse tra la Regione (o meglio le Regioni) e Roma.

3 Il pm chiede il processo per 22 consiglieri di Anna Buttazzoni UDINE Sono 22, ex o attuali consiglieri regionali. Dalla Procura di Trieste, guidata dal procuratore capo Carlo Mastelloni, è partita ieri la richiesta di rinvio a giudizio per 22 indagati nell inchiesta sui rimborsi disinvolti della Regione. Spese che sono state consumate tra il 2008 e il Le ipotesi di reato sono il peculato e la truffa. La richiesta è del pm Federico Frezza, titolare dell indagine, e sarà il Gup a fissare l udienza preliminare e a disporre il processo oppure a rigettare il rinvio proposto dal pubblico ministero, archiviando i casi. I protagonisti Tutti i partiti e tutti i 59 consiglieri della scorsa legislatura sono stati coinvolti nell indagine, ma 22 sono gli esponenti politici di Pdl, Pd, Lega Nord, Cittadini e Misto cui Frezza aveva già notificato la conclusione delle indagini preliminari. Si tratta per il Pdl dell ex governatore Renzo Tondo (attuale consigliere regionale e capogruppo del Misto), dell ex capogruppo Daniele Galasso e di Massimo Blasoni (oggi vice coordinatore vicario di Fi), Maurizio Bucci, Piero Camber, Roberto Marin, Antonio Pedicini, Piero Tononi (attuale responsabile della segreteria del coordinamento regionale di Fi) e Gaetano Valenti. Tra i pidiellini c è anche Elio De Anna, ricandidato e attuale consigliere regionale di Fi. Tra i democratici a ricevere la comunicazione di fine indagini sono stati l ex capogruppo Gianfranco Moretton, gli ex componenti dell Assemblea Fvg Sandro Della Mea, Alessandro Tesini e Daniele Gerolin, quest ultimo ricandidato e attuale consigliere regionale del Pd. Tra le file della Lega Nord la conclusione delle indagini preliminari è stata notificata all ex capogruppo Danilo Narduzzi e agli ex consiglieri Ugo De Mattia, Enore Picco e Federico Razzini, ma anche all attuale capogruppo del Carroccio Mara Piccin. Nel Gruppo Misto hanno ricevuto l atto di fine indagini l ex capogruppo Roberto Asquini e Edouard Ballaman, l ex leghista che si dimise da presidente del Consiglio nel 2010 per aderire, appunto, al Misto. L esponente della civica Cittadini cui è stata notificata la chiusura indagini è l ex capogruppo Stefano Alunni Barbarossa. Da quando è stato loro comunicata la fine delle indagini a dicembre 2013 a ieri alcuni casi possono essere stati archiviati oppure il pm può avere ridotto il numero di ipotesi di reato o ancora mantenuto il fascicolo com era. È possibile, quindi, che tra questi 22 ex o attuali consiglieri alcuni siano usciti dall indagine e che tra le 22 persone per le quali è stato richiesto il rinvio a giudizio ci siano altri soggetti, non esponenti politici. Persone, per esempio, che possono aver mentito rispetto all emissione di scontrini e fatture o che, vicine ai consiglieri, sono comparse nell inchiesta e oggi sono accusate di altre ipotesi di reato. Le spese pazze Dal 2012 i rimborsi ottenuti dalla Regione sono stati passati ai raggi X. E la fotografia scattata dalla Procura di Trieste e dalla Corte dei conti ha messo in luce gli oggetti più vari. Negli anni con i soldi assegnati dalla Regione ai gruppi consiliari è stato comprato un po di tutto. Dai regali ai dipendenti dalle scarpe alla bigiotteri all acquisto di passeggini, profumi, gioielli. E poi nel mirino sono finiti svariati pranzi e cene, per pochi intimi o per compagnie numerose, organizzati a Natale, Capodanno, Ferragosto. Ci sono viaggi, la riparazione dell auto e il cambio gomme, acquisiti di carne e pesce, spese fatte al supermercato e in farmacia, sigarette, articoli sportivi o comperati in negozi di casalinghi e ferramenta. E c è anche chi, dopo aver fatto acquisti, ha restituito oggetti alla Regione, ottenuti anni prima con i soldi a disposizione per le spese di rappresentanza. Così negli uffici del Consiglio di piazza Oberdan a Trieste sono comparsi una torcia, un giubbino in pile antizecca, un paio di stivali tuttocoscia e pantaloni antizecca. L inchiesta della Corte dei conti È partita dal palazzo di viale Miramare, nel dicembre 2012, l indagine che ha sconquassato il Palazzo. Finiti sotto i riflettori della magistratura alcuni consiglieri non sono stati ricandidati, mentre altri hanno dovuto sudare non poco per convincere i propri leader della loro onestà e ritrovare spazio nel partito. E gli schieramenti sono ben definiti, da una parte un centrodestra garantista, dall altro un centrosinistra con il Pd in testa che ha promesso dimissioni nel caso di rinvii a giudizio. Nel frattempo la Guardia di Finanza ha setacciato scontrini e fatture. Ieri sono state formulate le richieste di rinvio a giudizio nel filone penale dell inchiesta, mentre il procuratore regionale della Corte dei conti, Maurizio Zappatori, sta portando avanti alcuni processi per danno erariale. A marzo la magistratura contabile era riuscita a recuperare 127 mila euro dei 645 mila di spese

4 di rappresentanza effettuate in passato e giudicate danno erariale. Ma proseguono davanti alla sezione giurisdizionale della Corte dei conti le udienze per le spese di rappresentanza 2011 considerate illegittime. Così come proseguono le indagini di Zappatori che sta esaminando tutte le spese rimborsate agli ex o attuali consiglieri nel 2010, nel 2011 e nel Il cambio di passo Nel luglio 2013 il rinnovato Consiglio regionale ha approvato la legge taglia-costi. Sono stati ridotti stipendi e indennità, ma dopo le inchieste con la nuova norma i fondi ai gruppi sono passati da 3 milioni annui a 300 mila euro. Treni, 30 milioni per velocizzare la Ve-Ts UDINE «Siamo consapevoli di lavorare su tematiche complesse e che richiedono particolare attenzione, per questo siamo convinti che sia necessario un confronto costante per assicurare che le prossime gare europee per l affidamento del servizio di trasporto pubblico locale portino gli effetti positivi che ci attendiamo». Così si è espressa la presidente della Regione Debora Serracchiani che, assieme all assessore alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro, ha incontrato oggi a Udine i rappresentanti delle sigle sindacali del trasporto ferroviario (Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Fast Confsal, Orsa Tasporti, Ugl, Faisa Cisal, Usb) per un confronto sulle future gare europee del tpl. «D altra parte - ha detto - il ricorso alle gare è la linea dettata anche a livello nazionale, tanto che in futuro il fondo nazionale pare sarà ridotto per quelle Regioni che non vi ricorreranno». Serracchiani ha ribadito come la scelta di aggiudicare le gare con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa sia un sistema più garantista del massimo ribasso e che consente di dare centralità a qualità, sicurezza, condizioni di lavoro ed efficienza del servizio. «Abbiamo la necessità di razionalizzare il sistema per riqualificare la spesa al fine di migliorare il servizio soprattutto nelle aree periferiche», ha ribadito la presidente. Gli esponenti della giunta regionale hanno inoltre dato garanzie sull introduzione nel bando di gara della clausola sociale già prevista dalla normativa regionale a garanzia dei livelli occupazionali. Verranno inoltre introdotti dei limiti al livello di subaffido dei servizi. L assessore Santoro ha annunciato la pubblicazione del bando indicativamente a luglio e l approvazione da parte della giunta del Veneto del protocollo di intesa tra le due Regioni per garantire i servizi condivisi e indivisi, mentre è in fase di valutazione la sostenibilità della gestione da parte di Ferrovie Udine-Cividale di alcuni servizi complementari rispetto a quelli attualmente gestiti da Trenitalia. Serracchiani ha infine ricordato gli investimenti in infrastrutture, in particolare l imminente impegno di 30 milioni di euro sulla velocizzazione della Venezia-Trieste (per impianti tecnologici) e il finanziamento di 70 milioni di euro (di cui 10 milioni già cantierati) necessari ad interventi di superamento delle criticità del nodo di Udine.

5 Gli imprenditori veneti: stop alla Specialità del Fvg di Domenico Pecile UDINE Il 60 per cento degli imprenditori veneti ritiene che il Friuli Venezia Giulia ma anche il Trentino Alto Adige non devono più essere Regioni a Statuto speciale. Nel contempo, il 40 per cento dice, invece, che il Veneto deve diventare una Regione a statuto speciale con Fvg e Trentino. È questo uno dei dati salienti dell Opinion panel realizzato dalla Fondazione Nord Est tra gli imprenditori veneti proprio sul tema del federalismo e dell indipendentismo. Tra le altre risposte, da segnalare quella secondo cui la richiesta indipendentista è il risultato della crisi economica per il 78,8 per cento degli intervistati, del fallimento del progetto federalista per il 77,9% e dell inefficienza dell azione politica dei parlamentari veneti per il 77,3%. Tuttavia, va rimarcato che gli stessi imprenditori intervistati sono quasi unanimamente d accordo (il 97,4 per cento) che serve un percorso federalista che porti a una maggiore autonomia piuttosto che imboccare la strada secessionisti che conduca, invece, alla prima indipendenza (il restante 2,6 per cento). Ma c è un altro dato che l Opinion panel di Fondazione Nord Est vuole sottolineare. E cioè che a conferma di una richiesta di maggiore autonomia (non indipendenza) vi è la sostanziale adesione all euro. Solo pochissimi intervistati auspicano un uscita dalla moneta unica. Insomma, in breve dai dati emerge che le principali cause del malessere sono la crisi economica e il fallimento del progetto federalista. In questo quadro, gli ambiti di miglioramento attesi dagli imprenditori veneti (ma il fenomeno è abbastanza generalizzato) riguardano il fisco, la burocrazia e la crescita economica. «Per gli imprenditori veneti la spinta indipendentista coincide di fatto con una forte richiesta di autonomia - osserva il presidente di Fondazione Nord Est Francesco Peghin -, non certo con ipotesi di stampo secessionista. Più che da rivendicazioni identitarie o culturali, tale spinta deriva dalla mancanza di risposte da parte dello Stato centrale a problemi accentuati dalla crisi, come la burocrazia e l alta pressione fiscale». Proprio in quest ottica - insiste ancora il presidente di Fondazione Nord Est - la fiducia che il Veneto ha pragmaticamente dato al governo in occasione delle elezioni europee non rappresenta ovviamente un assegno in bianco, ma è condizionata dall aspettativa di risposte concrete e rapide sull economia e sul lavoro». «I dati evidenziano dunque una compatta adesione del nostro panel di imprenditori alla stabilità nell euro - aggiunge il direttore scientifico Stefano Micelli -. Gli imprenditori lo considerano come un dato acquisito».

6 Una pensione su 3 vale meno di mille euro UDINE Un pensionato su tre in Friuli Venezia Giulia incassa un assegno mensile lordo inferiore a mille euro. Esattamente 131 mila persone vivono in questa condizione, pari al 35% del totale. Appena il 6% supera i 3 mila euro. La fotografia scattata per la regione dall Istituto di ricerca economiche e sociali (Ires Fvg) sulla base dei dati forniti dall Istat, restituisce anche la scarsa parità di genere: le donne sono penalizzate rispetto ai colleghi uomini perché nel 47% dei casi incassano un assegno con meno di mille euro (quasi una su due) e soltanto il 2,4% con più di 3 mila. I numeri I pensionati in regione sono 373 mila (meno 0,8% rispetto al 2011), mentre le pensioni sono complessivamente più di 538 mila (meno 1%), tenuto conto che in alcuni casi una stessa persona può beneficiare di più trattamenti. Il 25,7% dei pensionati ha meno di 65 anni. Dato in calo negli ultimi anni (erano il 30,7% nel 2008) a causa del processo di invecchiamento della popolazione e dei cambiamenti della normativa in materia previdenziale. Per quest ultima ragione il numero di pensioni di vecchiaia e anzianità segna un inversione di tendenza con la flessione registrata nel 2012, mentre i trattamenti legati all invalidità e agli eventi bellici sono in sensibile calo già da diversi anni (meno 27% rispetto al 2008). L importo medio lordo delle pensioni erogate è di euro, il reddito medio pensionistico è invece fermo a euro (come già ricordato, il medesimo soggetto può beneficiare di più di un trattamento). Il territorio La provincia di Trieste, con un reddito di euro è la prima provincia della regione e la terza in Italia dopo Roma (20.586) e Milano (20.125). Per la provincia giuliana uno dei fattori determinanti è l incidenza dei dipendenti pubblici, che in media percepiscono redditi pensionistici molto superiori (quasi il doppio) rispetto al comparto privato, in cui rientrano anche gli ex lavoratori autonomi e i liberi professionisti. Quella di Trieste è anche la provincia del Nord con il numero più elevato di pensionati in rapporto agli occupati (87 ogni 100). Pordenone registra il valore più basso ( euro) del Friuli Venezia Giulia. Ma stacca di poco Udine, ferma a euro. Gorizia gode di una buona media con i suoi euro. Le donne I redditi da pensione delle donne sono decisamente inferiori a quelli degli uomini, in media del 34% (oltre euro in meno in regione: contro ). Il dato rispecchia la minore (e più discontinua) partecipazione femminile al mercato del lavoro, più marcata in passato rispetto a oggi. Le donne sono infatti più spesso titolari di pensioni sociali o, in virtù della maggiore longevità, di quelle di reversibilità, caratterizzate da importi decisamente minori. Sul dato incide inoltre il differenziale salariale (il cosiddetto gender gap, ancora oggi del tutto attuale) e la maggiore diffusione del part time. È il rapporto pensioni per numero di occupati che pone dei problemi. Perché a Pordenone per 100 occupati ci sono 61 pensionati. Ed è la provincia più giovane della regione. Infatti, a Udine quel numero sale a 75, per toccare i 78 a Gorizia e persino gli 87 a Trieste. Michela Zanutto

7 Mangiarotti, le Rsu temono il fallimento SEDEGLIANO È di nuovo fumata nera nera nelle trattative Mangiarotti-Westinghouse. La Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) dello stabilimento di Pannellia di Sedegliano fa sentire la sua voce: «Visto l allungamento della trattativa in atto fra l azienda Mangiarotti e Westinghouse, intendiamo portare all attenzione alcuni punti scrivono in una nota diffusa ieri pomeriggio - in primo luogo la mancanza di concrete decisioni delle istituzioni (Friulia per la Regione) che con i soldi pubblici investiti nell azienda sono parte integrante del consiglio d amministrazione. Inoltre vorremmo una spinta maggiore anche da parte della Fim Cisl regionale per la conclusione della trattativa». I lavoratori auspicano «una soluzione nel più breve tempo possibile, tenendo presente che il mercato del settore petrolchimico in questo momento è in forte espansione il che consentirebbe con adeguati investimenti di far ripartire l azienda in tutti tre gli stabilimenti di Monfalcone, San Giorgio di Nogaro e Pannellia stessa». I dipendenti insomma non ne possono più di subire quella che da più parti è stata definita un alchimia economico-industriale «fatta sulla pelle dei lavoratori», con trattative che ormai si protraggono da oltre 5 mesi senza portare alcuna certezza. Per questo i dipendenti vanno giù duro: si definiscono ormai «stanchi» perché «tutti fanno politica su di noi. Vogliamo fatti. Centinaia le famiglie rischiano la sicurezza economica». Sono infatti circa 450 i lavoratori dipendenti che coralmente si dicono «fortemente preoccupati che la trattativa non vada a buon fine e che quindi ci sia lo spettro del fallimento». Nulla di nuovo, infatti, è emerso nell ennesimo incontro che si è tenuto a Pannellia di Sedegliano martedì tra il consiglio di amministrazione di Mangiarotti Spa e la Westinghouse americana. Nessuno spiraglio. Gli accordi, se ci sono stati, sono criptati. Continua così il braccio di ferro con il colosso americano per l eventuale passaggio di proprietà, a quanto pare alquanto sofferto. Un contratto che per essere attuativo deve superare alcune barre vincolanti dettate dal colosso americano che, pare, peraltro, seriamente interessato ad acquisire l azienda. I lavoratori iniziano a dare segni di impazienza: per 314 di loro (148 impiegati, 166 operai suddivisi nelle 3 sedi dell azienda) è in vigore dal 19 maggio scorso, il taglio di ore e di stipendio con il contratto di solidarietà, una misura presa dopo un lungo confronto tra sindacati, Rsu e vertici Mangarotti che di fatto ne impedisce la licenziabilità. Maristella Cescutti Despar in controtendenza: ai dipendenti fino a 600 euro UDINE Aspiag service, la concessionaria Despar per il Nordest, ha erogato con il mese di maggio un premio di risultato per ben collaboratori impiegati presso le filiali Despar, Eurospar e Interspar che l azienda gestisce nel Triveneto e in Emilia Romagna. I premi sono di entità variabile, fino ad un massimo di 600 euro per collaboratore. Nonostante la crisi del settore e la difficile congiuntura nazionale, l azienda (che nel 2013 ha investito 78 milioni di euro in ristrutturazioni e nuove aperture, e per il 2014 ha predisposto un piano di investimenti da oltre 95 milioni) ha consolidato nel biennio ben 618 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, che diventeranno 900 entro la fine di quest anno. «Nell era del precariato - spiega Angelo Pigatto, direttore delle risorse umane dell azienda - il 93% dei nostri collaboratori ha un contratto a tempo indeterminato e il 7% di contratti a termine si concentrano prevalentemente nelle località turistiche, caratterizzate da lavoro stagionale». Il contratto collettivo aziendale prevede inoltre norme a tutela del part time post maternità (il personale impiegato è costituito per il 67% da donne e per il 33% da uomini), bonus per nascita dei figli e facilitazioni per l ottenimento dell anticipo sul trattamento di fine rapporto. Sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro Aspiag service ha rinnovato nel 2014 la certificazione internazionale Ohsas «La nostra azienda - spiega Pigatto - è stata la prima realtà della grande distribuzione organizzata a certificare tutta la propria rete: un impegno non ancora previsto per legge, ma che Aspiag service ha voluto assumere a maggiore tutela della salute e della sicurezza di collaboratori e clienti».

8 UDINE Nuovo ospedale, si spaccano i tubi: slitta il trasloco di Alessandra Ceschia Mesi di lavoro per mettere a punto il grande trasferimento al nuovo ospedale del Santa Maria della Misericordia e, a pochi giorni dal grande esodo, si rompe un giunto nell impianto idraulico e l ospedale si allaga. Niente trasloco, almeno non per ora. Se ne riparla a settembre. Questa, in sintesi, la comunicazione chock che la direzione ha dovuto dare ieri nel corso di una lunga riunione con le rappresentanze sindacali del comparto, stessa cosa è prevista per la giornata di oggi, nel corso di un incontro con la dirigenza medica. Per la direzione generale dell Azienda ospedaliero universitaria, già alle prese con bilanci in rosso, afflussi massicci e mal di pancia per la revoca dell appalto sull automedica, è una nuova grana da risolvere. E non di poco conto. Era il gennaio del 2013 quando al Santa Maria della Misericordia la direzione Favaretti alzava i calici e tagliava i nastri di un opera che sembrava ormai praticamente ultimata e che era costata 112 milioni di euro solo per la parte edilizia. «Solo piccole rifiniture si disse poi siamo pronti per il trasloco». Mai previsione fu più disattesa. Completate le piccole rifiniture, sono arrivati i collaudi, quindi le procedure per le necessarie autorizzazioni. Una volta ultimate, la direzione Delendi ha speso mesi per mettere a punto il programma dei trasferimenti, ancorandolo alle previsioni del piano ferie. Negli ultimi mesi si sono intensificati gli incontri per programmare il trasloco, riducendo al minimo l impatto per l utenza. Un lavoro che ha portato a una riprogrammazione delle funzioni da trasferire. «Ogni cosa è stata progettata per far scattare le operazioni fra il 9 e il 23 giugno mette in chiaro il direttore generale Mauro Delendi : sia l articolazione del piano ferie, sia la riduzione dell attività programmata. Eravamo pronti a partire. Fino a sabato, quando si è verificato un guasto». Tutta da chiarire l origine della rottura. Quello che è certo è che uno degli oltre 500 giunti dell impianto, disseminati all interno dell edificio, all alba di sabato si è rotto al quarto piano, dove sono dislocati gli ambulatori medici, e dalle tubature è fuoriuscita una grande quantità d acqua che è filtrata attraverso i cavedi e ha raggiunto tutti i piani, fino al seminterrato. Stando agli esiti di un primo sopralluogo, a seguito di un interruzione dell energia elettrica, le pompe hanno smesso di funzionare e, quando hanno ripreso la loro attività, il giunto non ha retto. «Il problema non riguarda solo i danni alle strutture ragiona il direttore Delendi a questo punto si pone una questione di sicurezza sull interno impianto». Resta da capire, infatti, se si sia trattato di un solo giunto difettoso o se invece il problema sia più esteso e riguardi tutto l impianto. L unico modo per saperlo è imporre al Consorzio Edilsa che si è occupato dei lavori, una revisione generale di tutto l impianto. Non si può certo correre il rischio di portare i pazienti all interno del nuovo ospedale senza avere garanzie sulla perfetta tenuta di tutta l impiantistica. «Si tratta di un operazione che potrebbe richiedere almeno tre settimane osserva il direttore generale e, a questo punto, finiremmo per effettuare le operazioni di trasferimento a luglio, vale a dire con un piano ferie già avviato e il personale a ranghi ridotti. Questo non è ipotizzabile. A questo punto, quindi osserva, non ci resta che disporre un rinvio a metà settembre, quando cioè il personale sarà rientrato dalle ferie e si potrà riprogrammare il trasferimento». Cannarsa (Cisl): «Più garanzie per l utenza e il personale» Più garanzie a tutela dei pazienti e del personale. Queste le istanze avanzate dalle rappresentanze sindacali nel corso di una lunga riunione che ha impegnato il pomeriggio di ieri. Presenti, oltre alla Rsu le altre sigle sindacali, dalla Cisl alla Cigil, alla Uil e alla Fials. È stato Nicola Cannarsa, segretario generale Csil Fp per l Udinese e la Bassa, a chiedere al direttore generale Mauro Delendi - che assieme al direttore sanitario Giampaolo Canciani e a quello amministrativo Andrea Cannavacciuolo ha illustrato le nuove problematiche nel corso dell incontro con i rappresentanti del comparto - ulteriori garanzie. «Abbiamo proposto sottolinea Cannarsa che venga fatta una massiccia informazione al personale e all utenza affinchè i percorsi destinati a entrambi le categorie siano messi in sicurezza».

9 Cercando di fare buon viso a cattivo gioco, Cannarsa ha osservato che «questo guasto può essere un occasione per una prova generale per il grande trasloco, che comporterà anche una riorganizzazione dei sistemi operativi. Non ci preoccupa più di tanto che il trasloco venga rinviato a metà o alla fine di settembre ha detto quanto che tutto il personale sia coinvolto e messo nelle condizioni di sapere nel dettaglio non solo cosa sarà chiamato a fare, ma anche come, dove e quando lo farà». Stando a una tabella di marcia, a spostarsi nei due nuovi lotti sarà prima il Dipartimento chirurgico con la Chirurgia generale, quindi la Clinica chirurgica, l Ortopedia e la traumatologia, infine la Clinica ortopedica, la Chirurgia vascolare e la Clinica urologica. Poi toccherà alla Clinica di Anestesia e Rianimazione, insieme alle terapie intensive ospedaliere, a seguire l Oncologia medica e la Clinica ematologica centro Trapiani di midollo osseo, per finire, una parte della Radiodiagnostica, la Medicina nucleare e la Fisica sanitaria.(a.c.) La Weissenfels è fallita. A Tarvisio si chiude un era di Luana de Francisco UDINE Della Weissenfels Tech-Chain, d ora in avanti, si parlerà soltanto come di un colosso imprenditoriale del passato. Con decisione contestuale a quella di non ammettere la storica acciaieria di Fusine alla procedura del concordato preventivo, martedì il tribunale di Udine ne ha dichiarato il fallimento. Decretando in tal modo anche la fine di un era. Non, però, delle attività che tanto lustro e occupazione avevano portato al territorio. Risorta a dicembre con il nome di Acciaierie Valcanale, grazie allo sbarco in Friuli del gruppo austriaco Pewag, l azienda tarvisiana continuerà a produrre. E i suoi dipendenti a lavorare. È stato il liquidatore di Weissenfels, Matteo Rossini, a confermare la sentenza dei giudici (presidente Bottan, a latere Massarelli e Zuliani) di fronte ai quali, una settimana fa, aveva illustrato i contenuti del piano. Ora la palla passa al curatore fallimentare, che il tribunale ha individuato nella dottoressa Paola Cella e che nei prossimi giorni incontrerà le parti, per raccogliere i dati necessari a predisporre la procedura fallimentare e amministrare il patrimonio. Per la soluzione del fallimento, qualche giorno fa, si era espressa anche la Procura di Udine, attraverso la relativa istanza depositata in tribunale insieme a quella della Italricambi spa di Cividale e Flagogna, cioè della società che controllava la Weissenfels all 80 per cento e che è stata a sua volta dichiarata fallita, con sentenza di venerdì scorso. Al di là dell inevitabile amarezza con la quale la notizia è stata accolta, considerato il peso specifico che l azienda - portata ai vertici mondiali nel settore delle catene dal cavalier Carlo Emanuele Melzi - ha avuto nell economia e nella vita di centinaia di famiglie, a prevalere tra i sindacati, in queste ore, è la fiducia. Perchè se è vero che un capitolo si chiude, è non meno vero che i macchinari continuano a lavorare. Ed è proprio questo il messaggio che i loro delegati porteranno alle maestranze, parlando a una sola voce, nell assemblea che si terrà a metà della settimana prossima. «Intendiamo rassicurare i lavoratori», ha detto Marco Palese, referente di Fim per l Alto Friuli, anticipando i contenuti dell incontro programmato insieme al collega Gianpaolo Roccasalva, numero uno in regione delle tute blu di Cgil. «Con ogni probabilità - spiega -, il contratto d affitto del ramo d azienda delle acciaierie perfezionato con Pewag e che sta funzionando molto bene, continuerà il proprio corso. Questo significa che gli 84 lavoratori da poco reintegrati a Fusine manterranno il proprio posto. Il condizionale è d obbligo, ma siamo fiduciosi. L accordo scadrà a metà dicembre del 2015: la speranza - conclude - è che il gruppo austriaco, qui per rilanciare l attività di produzione dopo decenni di difficoltà, tra fallimenti e non solo, decida a quel punto di proseguire in quanto di buono ha già fatto».

10 Cartiera, dai creditori l ok al concordato CAMPOFORMIDO Passa il concordato per la Romanello. Con il 70% dei sì, i creditori ieri pomeriggio hanno accettato la proposta dell amministratore unico e legale rappresentante di Terzifin srl, Stefano Mastagni. Un operazione da 300 mila euro con cui Terzifin rileva alcuni crediti della Cartiera verde Romanello spa, ma anche l Immobiliare Romanello srl (proprietaria dello stabilimento di Basaldella), i quadri, i mobili e gli arredi. Ai creditori nel migliore dei casi va il 10% di quanto dovuto. L alternativa però era il fallimento. «Con la presente, il sottoscritto dottor Stefano Mastagni, in qualità di amministratore unico e legale rappresentante della Terzifin srl, procede a formulare un offerta irrevocabile di acquisto di alcuni crediti della Cartiera verde Romanello spa in liquidazione e in concordato preventivo, delle quote della Immobiliare Romanello srl e degli arredi, nonché di attribuzione alla società in concordato del ricavato della vendita del terreno sito a Balsadella di Campoformido». È datata 21 gennaio la lettera con cui Mastagni presenta l ultima proposta. Ora, leggendo il documento, il lavoro non sembra trovare spazio (il 19 giugno scade la cassa integrazione). Ma, senza voler instillare inutili speranze, non tutto pare perduto. Perché i macchinari potrebbero ancora ripartire. E con loro anche il lavoro. Con tutta probabilità a ranghi ridotti. Ma una flebile apertura esiste. Certo è che le altalene di promesse e delusioni incassate in questi ultimi anni dagli operai tengono alto il livello dell allarme. Perché proprio quelle altalene hanno peggiorato una situazione già grave. In sostanza, i commissari certificano la perdita di liquidità per i creditori, ma «la soluzione alternativa del fallimento non consentirebbe la prospettazione di scenari più favorevoli». (m.z.) PORDENONE Nuove tensioni a Orcenico. Oggi operai in assemblea di Elena Del Giudice C è l accordo per la cassa integrazione in deroga, c è la ratifica al ministero dello Sviluppo economico, ci sono una serie di impegni che vincolano Ideal Standard a garantire volumi, a utilizzare la cig in modo equo, eppure il clima a Orcenico non è dei più distesi. Convocata per oggi alle 13, nella sala mensa dello stabilimento pordenonese da Femca Cisl, Filtcem Cgil e Uiltec Uil l assemblea con i lavoratori. All ordine del giorno due punti: l illustrazione dei contenuti dell accordo raggiunto al Mise la settimana scorsa, e la situazione attuale. Ufficialmente i sindacati spiegano che «non c è stata, dopo l incontro a Roma, un occasione per spiegare ai lavoratori nel dettaglio l accordo raggiunto», da qui la convocazione dell assemblea. Ma i lavoratori rimangono in fibrillazione per le modalità con cui Ideal Standard potrebbe utilizzare la cassa integrazione in deroga, per i volumi assegnati in produzione a Orcenico, per le prospettive di questo stabilimento. Inoltre «non c è stato, fino ad oggi, un incontro con l azienda per definire più in dettaglio la questione legata alla mobilità» che non è più obbligatoria, legata alla procedura, ma è diventata volontaria a partire dal 15 luglio, e in progressione fino alla fine dell anno quando, dal 31.12, Ideal Standard registrerà la diminuzione del proprio organico di almeno 399 unità. La progressione è legata alla auspicata costituzione della cooperativa che dovrebbe rilevare le attività produttive di Orcenico e rilanciare lo stabilimento. Man mano che la newco coop si farà carico di soci-lavoratori, Ideal Standard riceverà le lettere di licenziamento. A fine dicembre, a prescindere da quanti addetti avrà rioccupato la coop, tutti i dipendenti di Orcenico saranno iscritti alla mobilità. L accordo raggiunto al Mise prevede che Ideal Standard agevoli l avvio dell operazione di workers buyout in vari modi, tra cui l affidamento di una quota di produzione conto terzi, la consegna di marchi e stampi, la disponibilità dello stabilimento. A che condizioni e con quali quantità, è cosa ancora da definire. Ma non sono certamente tematiche secondarie. Il punto è che Ideal Standard soffre di una contrazione dei volumi legata alle condizioni, sfavorevoli, di mercato, e ha altri due stabilimenti in Italia ai quali dovrebbe garantire la saturazione degli impianti; cosa difficile se una parte degli ordini li girerà alla newco pordenonese. E questo è già

11 un problema oggi, nel momento in cui deve ripartire la modesta quantità di ordini tra tre stabilimenti. Conto alla rovescia, poi per il piano industriale di Bpi Italia atteso entro giugno, dal quale si dovrà capire se l operazione è fattibile e con quali prospettive. Rizzo (Femca Cisl): «Al Gruppo si chiede più responsabilità» «L accordo sottoscritto al Mise, punto di riferimento importante, non esaurisce la discussione intorno alla vertenza Ideal Standard. Molti sono gli aspetti che vanno approfonditi negli appositi incontri che seguiranno, molte le verifiche da effettuare per avere la certezze che gli impegni assunti e sottoscritti dall'azienda siano effettivamente concreti ed esigibili»ò. Lo sostiene Franco Rizzo, segretario regionale della Femca, il quale rimarca come «l obiettivo principale dell accordo è rappresentato dal rilancio dell attività produttiva e occupazionale del sito di Orcenico a cui fa seguito un corollario di strumenti tesi a facilitare il percorso di reindustrializzazione. Da questo punto di vista il ruolo di Ideal Standard resta fondamentale per la nascita del nuovo soggetto imprenditoriale: la cessione dei beni strumentali, ma soprattutto la messa a disposizione dei volumi produttivi, da concedere al potenziale imprenditore in conto terzi e per un arco di tempo limitato, sono il vero banco di prova su cui andrà misurata l effettiva volontà del management di stare dentro gli impegni assunti. Volumi che dovranno essere congrui e in linea con le necessità previste dal business plan che verrà presentato dalla Bpi Group al sindacato e alle istituzioni». Un mix di volumi produttivi è indispensabile «per dare sostenibilità all avvio del progetto di auto imprenditorialità, dove i lavoratori potranno tentare di rimettere in gioco le proprie competenze/professionalità in un percorso di Workers Buy Out. Questa complicata vertenza potrà chiudersi nei tempi previsti e con gli esiti sperati - prosegue Rizzo - solo se non ci saranno colpi di scena, se prevarrà da parte del management coerenza e senso di responsabilità, almeno pari a quello che hanno dimostrato i lavoratori, le istituzioni e Unindustria. Se Ideal Standard comprenderà, finalmente, che ha un obbligo morale e sociale nei confronti di un territorio dal quale ha ricevuto molto e che ha ripagato con azioni e comportamenti che stanno generando drammi e sofferenza a centinaia di famiglie e a una intera comunità; se accompagnerà e favorirà seriamente il percorso di rinascita di una realtà produttiva dove i lavoratori potranno porre il futuro nelle loro mani diventando imprenditori di se stessi - conclude Rizzo - allora davvero qualcosa di buono uscirà da questa vicenda».

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 29 maggio 2012 Il Rapporto annuale dell Inps viene presentato, nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati, per la quarta volta. Questa edizione restituisce l

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Verbale di riunione n. 1 del 09/10/2012 inizio ore 16,30

Verbale di riunione n. 1 del 09/10/2012 inizio ore 16,30 Verbale di riunione n. 1 del 09/10/2012 inizio ore 16,30 Presenti: D.P.P. OO.SS. R.S.U. Segretario Comunale Dott. Luppino Antonio Domenico Responsabile Servizio Personale Pagani Gabriella CGIL Ceccarelli

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI:

IL FUTURO DELLE PENSIONI: IL FUTURO DELLE PENSIONI: PIÙ EQUITÀ, PIÙ SOLIDARIETÀ, PIÙ SOSTENIBILITÀ SOCIALE. Analisi e proposte della CGIL Dicembre 2009 A cura del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti - Cgil Nazionale 1 GLI EFFETTI

Dettagli

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO (ANSA) - ROMA, 19 NOV - Le retribuzioni di fatto reali hanno perso tra il 2002 e il 2007, 1.210 euro, ma se a questo aggiungiamo la perdita derivante

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana Buona parte dei dati sono stati tratti da fonte Governativa certa (www.tfr.gov.it)

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLI CI E M ANUTENZIONI SECONDA GIORNATA - 10 DICEMBRE 2014 Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru LA CRISI

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale di Redazione Sicilia Journal - 28, Gen, 2016 http://www.siciliajournal.it/lavoro-san-pellegrino-fai-cisl-flai-cgil-e-uila-uil-insieme-per-valorizzare-ilsettore-dellacqua-minerale/

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi:

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi: AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ACCORDO QUADRO FRA LA REGIONE PIEMONTE E LE PARTI SOCIALI PIEMONTESI DEFINIZIONE DELLE MODALITA GESTIONALI 2014-2015 A SEGUITO DELL EMANAZIONE DEL DECRETO INTERMINISTERIALE

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

UNITÀ SINDACALE SEZIONE SILCEA

UNITÀ SINDACALE SEZIONE SILCEA UNITÀ SINDACALE SEZIONE SILCEA Unità Sindacale Falcri Silcea Viale Liegi 48/B 00198 ROMA Tel. 068416336 - Fax 068416343 -RAGGIUNTO L ACCORDO SUL VAP -FONDO DI SOLIDARIETA (ESUBERI) -CONTENIMENTO COSTO

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile!

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! Pagina 1 di 6 Search PENSIONI blog Europa Informazioni Notizie Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2014-08:24 RSS In Notizie Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! 29 marzo 2014-08:24

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

VADEMECUM POIC. A cura dell Assessorato al Turismo ed Attività Produttive - SUAP Comune di Olbia

VADEMECUM POIC. A cura dell Assessorato al Turismo ed Attività Produttive - SUAP Comune di Olbia VADEMECUM POIC A cura dell Assessorato al Turismo ed Attività Produttive - SUAP Comune di Olbia 1. Cosa sono i POIC? Con la sigla POIC si intendono i Piani Operativi per la Imprenditoria Comunale: una

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

LAZIO: REGIONE E CONFPROFESSIONI, PATTO PER LO SVILUPPO E IL LAVORO

LAZIO: REGIONE E CONFPROFESSIONI, PATTO PER LO SVILUPPO E IL LAVORO Giovedì, 5 dicembre 2013 LAZIO: REGIONE E CONFPROFESSIONI, PATTO PER LO SVILUPPO E IL LAVORO (AGENPARL) - Roma, 05 dic- Programmazione dei fondi comunitari 2014-2020; agenda per la semplificazione del

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI per IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI ELEMENTI DI SINTESI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: 3,9 miliardi il valore degli investimenti in opere pubbliche

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL 2012 [VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL PRIMO SEMESTRE DI 2009-2010-2011-2012] [Nel mese di giugno la domanda di Cig in Veneto rimane nella media dei mesi di questo primo semestre del 2012. Cresce però,

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** Signori soci I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 segnano il consolidamento del fatturato e

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0 PAGINA / 0 RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 11/04/2012 Indice IL SANNIO QUOTIDIANO 2 Governance del patrimonio culturale. Si discute del Castello di Limatola 3 Settima edizione del convegno nazionale promosso

Dettagli

Accordo Quadro 30/09/2014

Accordo Quadro 30/09/2014 Accordo Quadro 30/09/2014 Nella tarda serata del 30/09/2014 è stata raggiunta un ipotesi di Accordo tra le OO.SS. e l Azienda in relazione alle ricadute sul Personale del Gruppo derivanti dall applicazione

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli