*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,("

Transcript

1 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR

2 Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH BANCHE COMMERCIALI WEALTH MANAGEMENT PARABANCARIO FINANZA SOCIETA DI SERVIZI 2

3 3 Struttura di Banca Lombarda Pianificazione e Controllo di Gestione: Impatti Organizzativi e sulle Risorse Umane 6WUXWWXUDRUJDQL]]DWLYDGL%DQFD/RPEDUGD 216,*/,(5( (/(*72,5(=,21(*(1(5/( 1 AREA 27 AREA 28 AREA 47 AREA 18 1 AREA 77 AREA 18 1 AREA 57 AREA 13 AREA 39 AREA 35 AREA

4 Area Pianificazione e Controllo di Gestione / UHD3LDQLILFD]LRQHHRQWUROORGL*HVWLRQHVLFRPSRQHGLWUH )XQ]LRQLFLDVFXQDGHOOHTXDOLVYROJHVSHFLILFKHDWWLYLWj - Area Pianificazione e Controllo di Gestione - Funzione Pianificazione Funz. Budget e Controlli Business Unit Attività: q Analisi Ambientale q Presidio Territoriale q Tableau De Bord q ALM e Modelli di Simulazione Attività: q Sviluppo Processo di Budget q Controllo di Gestione q Supporto per lo sviluppo di nuovi Prodotti q Controlli, quadrature e verifiche Funz. Budget e Controlli Direzionali Attività: q Programmazione Economico-Patrimoniale q Elaborazione Piani Operativi e Budget q Controllo Direzionale 4

5 Area Pianificazione e Controllo di Gestione,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Pianificazione - Attività Descrizione della Competenza Analisi ambientale Analizzare lo scenario e i competitor e fornire un adeguato supporto nella definizione degli obiettivi annuali e nella predisposizione del budget annuale. Presidio Territoriale Elaborare politiche di presidio territoriale e predisporre piani di sviluppo territoriale. Tableau De Bord Predisporre Tableau De Bord attraverso l integrazione di informazioni contabili, gestionali ed esterne. ALM e Modelli di Simulazione Elaborare modelli di simulazione e di ALM. Fornire il supporto decisionale per la gestione dell attivo e del passivo (attraverso il monitoraggio dei rischi finanziari) e l ottimizzazione del capitale allocato. 5

6 Area Pianificazione e Controllo di Gestione,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Budget e Controlli Business Unit - Attività Descrizione della Competenza Sviluppo Processo di Budget Controllo di Gestione Supporto per lo Sviluppo Nuovi di Prodotti Controlli. Quadrature e Verifiche Definire il Budget. Coordinare lo sviluppo del processo di Budget. Misurare ed analizzare la redditività e le performance delle Unità Organizzative raffrontandole con il Budget. Definire metodologie, regole e strumenti per la misurazione e il controllo della redditività e del budgeting. Gestire il sistema informativo e di reporting del Controllo di Gestione. Supportare il Marketing Strategico nella valutazione e nella quantificazione degli obiettivi reddituali. Verifica degli impatti sull architettura del Controllo di Gestione conseguenti all introduzione di nuovi prodotti. Verificare la congruità nel tempo dei dati patrimoniali e dei tassi corrispondenti. Verificare la conciliazione dei dati patrimoniali con le risultanze della contabilità. Analizzare gli scostamenti al fine di individuare eventuali dati anomali. 6

7 Area Pianificazione e Controllo di Gestione,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Budget e Controlli Direzionali - Attività Descrizione della Competenza Programmazione Economico - Patrimoniale Elaborare un piano economico-patrimoniale e valutare la validità di piani di medio-lungo termine. Elaborazione Piani Operativi e Budget Tradurre le linee strategiche e i piani operativi in obiettivi di budget. Effettuare valutazioni di convenienza/compatibilità di operazioni straordinarie definendo le linee strategiche, gli aspetti qualitativi e quantitativi ed elaborando la proiezione delle principali variabili economiche e patrimoniali. Gestire il processo di budget della spesa. Controllo Direzionale Gestire il processo di controllo direzionale. Effettuare l analisi evolutiva dei fenomeni gestionali evidenziando le criticità rispetto agli obiettivi definiti. Produrre report periodici per la verifica dell andamento dei costi e del rispetto degli obiettivi di spesa. 7

8 Area Pianificazione e Controllo di Gestione,QWDEHOODVRQRVWDWHULSRUWDWHDOFXQHLQIRUPD]LRQLGLVLQWHVLVXOOH 8QLWj2UJDQL]]DWLYHFKHFRPSRQJRQRO UHDLQHVDPH -Area Pianificazione e Controllo di Gestione (escluso il responsabile) N Risorse Retribuzione (*) Età media Patto di Stabilità Funzione Pianificazione Funz. Budget e Controlli BU Funz. Budget e Controlli Dir TOTALE AREA (*) La retribuzione è intesa come Lorda Media Annua escludendo il Dirigente Responsabile 8

9 9 Struttura di Banca Lombarda Pianificazione e Controllo di Gestione: Impatti Organizzativi e sulle Risorse Umane,QTXHVWDVOLGHqUDSSUHVHQWDWDODVWUXWWXUDRUJDQL]]DWLYDGL%DQFD /RPEDUGD 216,*/,(5( (/(*72,5(=,21(*(1(5/( 1 AREA 27 AREA 28 AREA 47 AREA 18 1 AREA 77 AREA 18 1 AREA 57 AREA 13 AREA 39 AREA 35 AREA

10 Area Rischi / UHD5LVFKLVLFRPSRQHGLTXDWWUR)XQ]LRQL Funzione Credito Funzione Rischio di Credito Funzione Rischio di Mercato Funzione Rischio Operativo Attività: q Monitoraggio q Segreteria Tecnica per gli Affidamenti q Facoltà di Erogazione del Credito di Banca Lombarda Attività: Attività: - Area Rischi - q Definizione dei Metodi e delle Modalità di Controllo q Gestione del Rischio di Credito q Definizione dei Metodi e delle Modalità di Controllo q Gestione del Rischio di Mercato Attività: q Definizione dei Metodi e delle Modalità di Controllo q Gestione del Rischio Operativo 10 q Adeguamento Normativo q Supporto al Comitato Crediti q Supporto all attività di pianificazione e di allocazione del capitale q Supporto al Comitato Finanza q Supporto all attività di pianificazione e di allocazione del capitale q Supporto al Comitato Rischi q Supporto all attività di pianif. e di allocazione del capitale

11 Area Rischi,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Credito - Attività Descrizione della Competenza Monitoraggio Segreteria Tecnica per gli Affidamenti di Banca Lombarda Adeguamento Normativo Monitorare l esposizione creditizia delle Banche e delle Società del Gruppo, del merito creditizio, dell evoluzione dei rischi complessivi delle Banche e dei massimali relativi ai Grandi Clienti. Formulare proposte di affidamento, definire il rilascio delle garanzie e delle relative convenzioni, valutare gli affidamenti per l assunzione in garanzia dei crediti, gestire convenzioni e rischi garantiti, gestire il processo di delibera dei mutui residenziali. Analizzare i provvedimenti legislativi, i regolamenti attuativi e le disposizioni emanate dagli Organi di Vigilanza in materia di credito valutandone le implicazioni operative. Proporre dei principi generali alla Gestione del Credito, stimolando l aggiornamento della Normativa, alla gestione dei Massimali Operativi relativi all erogazione del Credito e alla gestione dei massimali operativi della clientela comune a più banche o società. Facoltà di Erogazione del Credito Proporre agli Organi competenti la struttura delle facoltà relative all erogazione del credito e stimolare l aggiornamento della normativa aziendale. 11

12 Area Rischi,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Rischio di Credito - Attività Descrizione della Competenza Definizione dei Metodi e delle Modalità di Controllo Gestione del Rischio Supporto al Comitato Crediti Supporto all Attività di Pianificazione e di Allocazione del Capitale Sviluppare delle metodologie e delle regole da adottare nella misurazione del rischio di credito identificando i processi e gli strumenti informatici necessari. Valutare l esposizione al rischio di credito attraverso l utilizzo di strumenti di analisi e di simulazione. Monitorare l utilizzo del capitale allocato all attività creditizia e i massimali posti a rischio di credito. Proporre misure di copertura. Definire e produrre la reportistica relativa all esposizione al rischio di credito. Svolgere la funzione di segreteria tecnica per il Comitato Crediti. Valutare l esposizione al rischio attuale e prospettica sotto ipotesi di evoluzione dell attività creditizia e di mercato. Supportare il processo di pianificazione e di allocazione del capitale. 12

13 Area Rischi,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Rischio di Mercato - Attività Descrizione della Competenza Definizione dei Metodi e delle Modalità di Controllo Identificare, sviluppare e convalidare metodologie e sistemi di rilevazione, misurazione e controllo dei rischi di mercato identificando processi e strumenti informatici necessari. Definire e convalidare le metodologie per determinare il capitale da allocare ai rischi di mercato e per determinare i limiti e le autonomie operative. Definire la struttura dei portafogli operativi. Analizzare il profilo di rischio di nuovi business. Gestione del Rischio Supporto al Comitato Finanza Supporto all Attività di Pianif. e di Allocazione del Capitale Effettuare il monitoraggio e la valutazione della rischiosità finanziaria attraverso strumenti di analisi e simulazione. Monitorare costantemente l utilizzo dei limiti posti all attività sui mercati. Proporre azioni di natura straordinaria atte a modificare il profilo di rischio. Definire e produrre reportistica sull esposizione al rischio di mercato. Svolgere la funzione di segreteria tecnica per il Comitato Finanza. Valutare l esposizione al rischio attuale e prospettico sotto ipotesi di evoluzione dell attività di investimento e di mercato Supportare il processo di pianificazione e di allocazione del capitale. 13

14 Area Rischi,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Rischio Operativo - Attività Descrizione della Competenza Definizione dei Metodi e delle Modalità di Controllo Gestione del Rischio Supporto al Comitato Rischi Operativi Supporto all attività di Pianificazione e di Allocazione del Capitale Impostare le metodologie e le regole da adottare nella misurazione del rischio operativo identificando gli interventi organizzativi e gli strumenti informatici necessari. Definire le metodologie per la determinazione del capitale da allocare al rischio operativo necessario a fronteggiare le perdite inattese. Valutare l esposizione al rischio operativo sfruttando dati recepiti dall Auditing di Gruppo e dalle unità di business coinvolte. Analizzare i possibili interventi sui profili di rischio e proporre eventuali azioni di natura straordinaria che li ripristinino. Svolgere la funzione di segreteria tecnica per il Comitato Rischi Operativi. Valutare l esposizione al rischio attuale e prospettico sotto ipotesi di evoluzione delle attività del Gruppo con introduzione di nuovi prodotti. Supportare il processo di pianificazione e di allocazione del capitale. 14

15 Area Rischi,QWDEHOODVRQRVWDWHULSRUWDWHDOFXQHLQIRUPD]LRQLGLVLQWHVLVXOOH 8QLWj2UJDQL]]DWLYHFKHFRPSRQJRQRO UHDLQHVDPH -Area Rischi (escluso il responsabile) N Risorse Retribuzione (*) Età media Patto di Stabilità Funzione Credito Settore Risk Management Funz. Rischio di Credito Funz. Rischio di Mercato Funz. Rischio Operativo TOTALE AREA (*) La retribuzione è intesa come Lorda Media Annua escludendo il Dirigente Responsabile 15

16 ( ( ) ) % % % % % % * ( * ( " " ( ( ( ( % % ( ( % % ( ( ( Struttura di Banca Lombarda Pianificazione e Controllo di Gestione: Impatti Organizzativi e sulle Risorse Umane,QTXHVWDVOLGHqUDSSUHVHQWDWDODVWUXWWXUDRUJDQL]]DWLYDGL%DQFD /RPEDUGD 216,*/,(5( (/(*72,5(=,21(*(1(5/( 1 AREA 27 AREA 28 2 ( AREA 47 AREA 18 1 AREA 77 AREA 18 1 AREA 57 AREA 13 AREA 39 AREA 35 AREA " ) " ( ( + % " * 16

17 Area Segreteria Societaria e Relazioni Esterne / UHD3LDQLILFD]LRQHHRQWUROORGL*HVWLRQHVLFRPSRQHGLWUH )XQ]LRQL - Area Segreteria Societaria e Relazioni Esterne - Funzione Studi Attività: q Analisi Macroeconomica e del Valore q Relazione di Bilancio q Comunicazione Istituzionale q Esame del Rating Aziendale e Allocazione del Capitale Funzione Segreteria Societaria e Partecipazioni Funzione Relazioni Esterne 17

18 Area Segreteria Societaria Navigatore e Relazioni Esterne,QEDVHDOOHDWWLYLWjFKHFDUDWWHUL]]DQRFLDVFXQDIXQ]LRQHqSRVVLELOH LGHQWLILFDUHOHFRPSHWHQ]HQHFHVVDULH - Funzione Studi - Attività Analisi Macroeconomica e del Valore Relazione di Bilancio Comunicazione Istituzionale Esame del Rating Aziendale e Allocazione del Capitale Analizzare l evoluzione dello scenario di mercato, con particolare attenzione alle tendenze e alle variabili macroeconomiche e finanziarie. Eseguire l analisi di fattibilità e formalizzare il master plan per progetti speciali che comportano interventi societari di Gruppo. Collaborare nella stesura della Relazione Trimestrale, Semestrale e di Bilancio per quanto riguarda gli argomenti concernenti lo scenario macroeconomico e l illustrazione degli indirizzi strategici del Gruppo. Organizzare e raccogliere i contenuti informativi necessari alla gestione delle relazioni con la comunità finanziaria, con particolare riferimento agli investitori istituzionali, agli analisti finanziari e alle società di rating. Esaminare e monitorare il rating aziendale e il suo posizionamento nell ambito delle banche valutate. Supportare l Area Pianificazione e Controllo di Gestione e il Settore Risk Management nell individuazione della componente premio al rischio del ROE attribuibile alle diverse Business Unit, al fine di ottimizzare l allocazione del capitale. 18 Descrizione della Competenza

19 Area Segreteria Societaria Tabelle e numeriche Relazioni Esterne,QWDEHOODVRQRVWDWHULSRUWDWHDOFXQHLQIRUPD]LRQLGLVLQWHVLVXOOH 8QLWj2UJDQL]]DWLYHFKHFRPSRQJRQRO UHDLQHVDPH - Area Segreteria Societaria e Relazioni Esterne - N Risorse Retribuzione (*) Età media Patto di Stabilità Funzione Studi (*) La retribuzione è intesa come Lorda Media Annua escludendo il Dirigente Responsabile 19

CURRUCULUM VITAE. MATURITA' SCIENTIFICA: conseguita nel 1977 presso il Liceo Scientifico "P. Ruffini" di Viterbo

CURRUCULUM VITAE. MATURITA' SCIENTIFICA: conseguita nel 1977 presso il Liceo Scientifico P. Ruffini di Viterbo CURRUCULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI NOME E COGNOME: Arcangelo Cipolloni LUOGO E DATA DI NASCITA: Orvieto (TR), 28 dicembre 1958 RESIDENZA: Via Conchiglie, 13-01014 Montalto di Castro (VT) - tel. 0761/825769

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari Attività di pianificazione e controllo di un fondo immobiliare L attività di Pianificazione

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Mario Fochi e Associati S.a.s. PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Presentazione del servizio Sede: TORINO Via Pietro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE CORSO DI FINANZA AZIENDALE presso UNINDUSTRIA TREVISO SERVIZI & FORMAZIONE, Piazza delle Istituzioni 12-31100 Treviso PERCHÉ PARTECIPARE? L obiettivo principale del percorso è formare professionalità in

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

# $ % $ & # '() * + #./ * #

# $ % $ & # '() * + #./ * # ! " # $ % $ & #! '() * + '( ) (,--./--0 /1020-- #./ * # MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Finanza e Controllo di Gestione verrà attivato ANCONA 22 febbraio 2013 31 maggio 2013 07 giugno 2013 BOLOGNA 25

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie Le applicazioni amministrative e finanziarie 1 LA CONTABILITA AZIENDALE L esatta esposizione degli indici e degli altri elementi che compongono la contabilità è fondamentale per formulare correttamente

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il processo di Controllo di Gestione Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il Controllo di Gestione è uno strumento guida della gestione aziendale verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Regolamento delle Strutture

Regolamento delle Strutture Regolamento delle Strutture Aggiornamento: Dicembre 2010 1 INDICE BANCA PROSSIMA... 3 ORGANIGRAMMA... 5 AMMINISTRATORE DELEGATO... 7 DIRETTORE GENERALE... 8 COMITATI... 9 ATTIVITA COMUNI A TUTTE LE STRUTTURE

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

! " #! "!$ % &''(% )''* )+), *'' ()

!  #! !$ % &''(% )''* )+), *'' () ! " #! "!$% &''(% )''* )+),*'' () MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Agroalimentare verrà attivato ad ANCONA febbraio 013 01 marzo 013 31 maggio 013 14 giugno 013 BOLOGNA 5 gennaio 013 4 maggio 013 PERUGIA

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

La sede operativa è a Modena ed il bacino d utenza ricomprende, oltre all Emilia-Romagna, le regioni limitrofe (Veneto, Lombardia, Marche).

La sede operativa è a Modena ed il bacino d utenza ricomprende, oltre all Emilia-Romagna, le regioni limitrofe (Veneto, Lombardia, Marche). NUOVA TESI SRL è una società che opera dal 2001 nei seguenti campi: Agevolazioni per l Innovazione (contributi a fondo perduto, benefici fiscali, ecc.); Ricerca e Selezione (Autorizzazione Ministeriale

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

IL GOVERNO DELLE ESTERNALIZZAZIONI: IL RUOLO DEL SISTEMA INFORMATIVO

IL GOVERNO DELLE ESTERNALIZZAZIONI: IL RUOLO DEL SISTEMA INFORMATIVO Sistemi direzionali per la P.A. Via Watt, 27 20143 Milano Tel 02.818092809 fax 02-818092816 www.oslo.it info@oslo.it IL GOVERNO DELLE ESTERNALIZZAZIONI: IL RUOLO DEL SISTEMA INFORMATIVO 17 NOVEMBRE ORE

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di Rischio: Reati contro la Pubblica Amministrazione Protocolli: Stipula dei rapporti

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Il percorso completo è biennale e si avvale di cinque moduli di formazione annui della durata di una giornata cadauno.

Il percorso completo è biennale e si avvale di cinque moduli di formazione annui della durata di una giornata cadauno. IL PROGRAMMA La Modi Nuovi S.a.s., dopo venticinque anni di attività, ha raggiunto la leadership nella produzione di software gestionale e direzionale per le PMI, e ha maturato inoltre un esperienza consolidata

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Il risk management La gestione del sistema dei rischi dell intermediario. Giuseppe G. Santorsola

Il risk management La gestione del sistema dei rischi dell intermediario. Giuseppe G. Santorsola Il risk management La gestione del sistema dei rischi dell intermediario Nozioni introduttive una definizione Le tendenze evolutive dei mercati (finanziarizzazione dell economia, volatilità dei mercati

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore

Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore Workshop Milano,12 giugno 2012 Agenda Tendenze del mercato Wealth Risk Management Framework di riferimento Leve del cambiamento

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo

La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo La presentazione è stata realizzata da Intesa SanPaolo Private Banking

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE IN AZIENDA

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE IN AZIENDA IL PASSAGGIO GENERAZIONALE IN AZIENDA PROGRAMMA FORMATIVO III EDIZIONE 1 AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 MODULO 2 STRUMENTI GIURIDICI

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2010 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

PMI BASILEA. autodiagnosi aziendale e corso di formazione

PMI BASILEA. autodiagnosi aziendale e corso di formazione PMI BASILEA autodiagnosi aziendale e corso di formazione L attuale contesto di mercato Situazione di scarsa liquidità per le banche commerciali italiane Obbligo per le banche di monitoraggio e di misurazione

Dettagli

Definire finalità, logica generale e criteri per la progettazione del sistema di contabilità generale e

Definire finalità, logica generale e criteri per la progettazione del sistema di contabilità generale e RICERCA DI UN TIROCINANTE INERENTE LA QUALIFICA REGIONALE DI TECNICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE DI TECHNE SOCIETA CONSORTILE A RESP. LIMITATA Techne Società Consortile a responsabilità

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Istituzionali. Consulenza Finanziaria Indipendente

Istituzionali. Consulenza Finanziaria Indipendente Istituzionali Consulenza Finanziaria Indipendente Chi siamo Consultique SIM S.p.A. è stata fondata nel 2001 da Cesare Armellini, responsabile della finanza del Gruppo Armellini, componente di una importante

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Il CONTROLLO DI GESTIONE

Il CONTROLLO DI GESTIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA A.A. 2010 2011 GESTIONE AZIENDALE 2 10.12.2010 Il CONTROLLO DI GESTIONE ESPERIENZE D D AZIENDA Relatore: Dr. Fabrizio Pascucci fabriziopascucci@yahoo.it La Funzione

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

SERVIZI PER LE AZIENDE

SERVIZI PER LE AZIENDE CHI SIAMO Consultique SIM è una società di analisi e consulenza finanziaria indipendente sotto il controllo di Consob e Banca d Italia, che eroga servizi a investitori privati (family office), aziende,

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.3:2014

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.3:2014 PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.3:2014 Profili professionali presenti nelle banche commerciali - Requisiti di conoscenza, capacità e competenza - Area Credito Banking sector job profiles - Knowledge,

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli