XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533"

Transcript

1 SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N Conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure per la crescita del Paese BOZZA FASCICOLO EMENDAMENTI E ORDINI DEL GIORNO Tomo II - Artt. da 21 a 33 A cura dell'ufficio di Segreteria della Commissione Novembre 2012

2 Art. 21 2

3 21.1 Poli Bortone Sopprimere gli articoli 21 e Ghigo Sostituire l articolo con il seguente: «Art (Sistema di prevenzione delle frodi nel settore assicurativo). 1. È istituito, presso l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (IVASS), un sistema deputato alla prevenzione amministrativa delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, relativamente alle richieste di risarcimento e di indennizzo e all attivazione di sistemi di allerta preventiva contro i rischi di frode. Ai predetti adempimenti si provvede con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente. 2. Il sistema di cui al comma l si articola nel gruppo di lavoro di cui al comma 3 e nell archivio centrale informatizzato di cui al comma Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, da emanare, di concerto con il Ministro dell interno e il Ministro dell economia e delle finanze, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge di conversione, è istituito, senza nuovi o maggiori oneri per: il bilancio dello Stato, un gruppo di lavoro che svolge i seguenti compiti per la prevenzione e il contrasto delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, nonché per migliorare la capacità dei sistemi di liquidazione dei sinistri delle compagnie assicurative di individuare i fenomeni fraudolenti: a) analizza, elabora e valuta le informazioni desunte dall archivio centrale informatizzato di cui al comma 5, nonché le informazioni e la documentazione ricevute dalle imprese di assicurazione e dagli intermediari di assicurazione, al fine di individuare i casi di sospetta frode e di stabilire un meccanismo di allerta preventiva contro le frodi; b) richiede informazioni e documentazione alle imprese di assicurazione e agli intermediari di assicurazione per individuare fenomeni fraudolenti; c) segnala alle imprese di assicurazione e all Autorità giudiziaria preposta i profili di anomalia riscontrati a seguito dell attività di analisi, di elaborazione dei dati di cui alla precedente lettera b) e correlazione dell archivio centrale informatizzato di cui al comma 5, invitandole a fornire informazioni in ordine alle indagini avviate al riguardo, ai relativi risultati e alle querele eventualmente presentate; d) fornisce collaborazione alle imprese di assicurazione, alle forze di polizia e all Autorità giudiziaria ai fini dell esercizio dell azione penale per il contrasto delle frodi assicurative; e) promuove ogni altra iniziativa, nell ambito delle proprie competenze, per la prevenzione e il contrasto delle frodi nel settore assicurativo; f) trasmette annualmente all IVASS una relazione sull attività svolta e formula proposte di modifica della disciplina della prevenzione delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. 4. Il gruppo di lavoro di cui al comma 3 è composto da rappresentanti designati, in numero di uno per ciascuno, rispettivamente dal Ministero dello sviluppo economico, dal Ministero dell interno, dal Ministero dell economia e delle finanze, dal Ministero della giustizia, dal Ministero della difesa, dall IVASS, dall Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e dalla Concessionaria servizi assicurativi pubblici (CONSAP SpA), tra persone che hanno maturato specifiche esperienze professionali nella prevenzione e nel contrasto dei fenomeni fraudolenti 3

4 ovvero nel settore assicurativo, nonché da un rappresentante degli intermediari assicurativi. I componenti del gruppo di lavoro, il cui mandato dura tre anni, sono nominati con decreto del Ministro dello sviluppo economico. Con il medesimo decreto di cui al periodo precedente, il rappresentante designato dal Ministero dello sviluppo economico è nominato responsabile del gruppo di lavoro. Il responsabile del gruppo di lavoro può invitare a partecipare ai lavori del gruppo, in ragione dei temi trattati, rappresentanti delle associazioni di categoria degli operatori del settore assicurativo, nonché esperti delle forze di polizia, ovvero altri esperti. Per la partecipazione al gruppo di lavoro non sono previsti compensi, indennità, rimborsi o altri emolumenti. 5. Il gruppo di lavoro di cui al comma 3 si avvale dell archivio centrale informatizzato istituito ai sensi dell articolo 30-ter, comma 2, del decreto legislativo 11 aprile 2011, n. 64. Per le finalità di cui al presente articolo, l archivio centrale informatizzato si connette con la banca dati degli attestati di rischio prevista dall articolo 134 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, con la banca dati sinistri e banche dati anagrafe testimoni e anagrafe danneggiati, istituite dall articolo 135 del medesimo codice delle assicurazioni private, con l archivio nazionale dei veicoli e con l anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, istituiti dall articolo 226 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, con il Pubblico registro automobilistico istituito presso l Automobile Club d Italia dal regio decreto-legge 15 marzo 1927, n. 436, convertito dalla legge 19 febbraio 1928, n. 510, con il Casellario centrale infortuni presso l Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), di cui agli articoli 15 e seguenti del decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, con i dati a disposizione della CONSAP per la gestione del fondo di garanzia per le vittime della strada di cui all articolo 283 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e per la gestione della liquidazione dei danni a cura dell impresa designata di cui all articolo 286 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, con i dati a disposizione per i sinistri di cui all articolo 125, comma 5, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, gestiti dall Ufficio Centrale italiano di cui al successivo articolo 126, nonché con ulteriori archivi e banche dati pubbliche e private, individuate con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell interno e il Ministro dell economia e delle finanze, sentiti i ministeri competenti e l IVASS. Con il medesimo decreto, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, sono stabilite le modalità di connessione delle banche dati di cui al presente comma e di accesso all archivio centrale informatizzato da parte delle pubbliche amministrazioni, dell autorità giudiziaria, delle forze di polizia, delle imprese di assicurazione e di soggetti terzi, nonché gli obblighi di consultazione dell archivio da parte delle imprese di assicurazione in fase di liquidazione dei sinistri. 6. Le imprese di assicurazione garantiscono al gruppo di lavoro, per il tramite dell archivio centrale informatizzato di cui al comma 5, secondo le modalità e nei termini stabiliti dal decreto di cui al medesimo comma 5, l accesso ai dati relativi ai contratti assicurativi contenuti nelle proprie banche dati, forniscono al medesimo gruppo di lavoro la documentazione richiesta ai sensi del comma 3, lettera b), e comunicano all archivio nazionale dei veicoli di cui all articolo 226 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, con cadenza mensile, gli estremi dei contratti di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi prevista dall articolo 122 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, stipulati o rinnovati. 7. Nell esercizio delle sue funzioni il sistema di prevenzione di cui al comma 1 collabora con le forze di polizia sulla base di un apposito protocollo d intesa stipulato tra il Ministero dello sviluppo economico, il Ministero dell interno, il Ministero della difesa e il Ministero dell economia e delle finanze. 8. Nello svolgimento dei suoi compiti, il gruppo di lavoro evidenzia, dall elaborazione dei dati di cui al comma 5, i picchi e le anomalie statistiche e le comunica alle imprese interessate che, con cadenza mensile, comunicano le indagini avviate, i relativi risultati e le querele eventualmente presentate. Il gruppo di lavoro, in caso di evidenza di reato, comunica altresì i dati all Autorità 4

5 giudiziaria e alle forze di polizia. Qualora le informazioni desunte dall elaborazione dei dati contengano riferimenti a pubblici ufficiali, ovvero a professionisti la cui attività è subordinata all iscrizione in albi, elenchi, ruoli o ordini professionali, il gruppo di lavoro trasmette i relativi dati e informazioni anche agli organismi disciplinari o agli ordini professionali competenti, i quali sono tenuti a valutarli ai fini dell eventuale esercizio dell azione disciplinare. 9. Agli adempimenti previsti dal presente articolo si provvede con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente» Germontani Sostituire l articolo con il seguente: «Art (Sistema di prevenzione delle frodi nel settore assicurativo). 1. È istituito, presso l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (IVASS), un sistema deputato alla prevenzione amministrativa delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, relativamente alle richieste di risarcimento e di indennizzo e all attivazione di sistemi di allerta preventiva contro i rischi di frode. Ai predetti adempimenti si provvede con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente. 2. Il sistema di cui al comma 1 si articola nel gruppo di lavoro di cui al comma 3 e nell archivio centrale informatizzato di cui al comma Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, da emanare, di concerto con il Ministro dell interno e il Ministro dell economia e delle finanze, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge di conversione, è istituito, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato, un gruppo di lavoro che svolge i seguenti compiti per la prevenzione e il contrasto delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, nonché per migliorare la capacità dei sistemi di liquidazione dei sinistri delle compagnie assicurative di individuare i fenomeni fraudolenti: a) analizza, elabora e valuta le informazioni desunte dall archivio centrale informatizzato di cui al comma 5, nonché le informazioni e la documentazione ricevute dalle imprese di assicurazione e dagli intermediari di assicurazione, al fine di individuare i casi di sospetta frode e di stabilire un meccanismo di allerta preventiva contro le frodi; b) richiede informazioni e documentazione alle imprese di assicurazione e agli intermediari di assicurazione per individuare fenomeni fraudolenti; c) segnala alle imprese di assicurazione e all Autorità giudiziaria preposta i profili di anomalia riscontrati a seguito dell attività di analisi, di elaborazione dei dati di cui alla precedente lettera b) e correlazione dell archivio centrale informatizzato di cui al comma 5, invitandole a fornire informazioni in ordine alle indagini avviate al riguardo, ai relativi risultati e alle querele eventualmente presentate; d) fornisce collaborazione alle imprese di assicurazione, alle forze di polizia e all Autorità giudizi aria ai fini dell esercizio dell azione penale per il contrasto delle frodi assicurative; e) promuove ogni altra iniziativa, nell ambito delle proprie competenze, per la prevenzione e il contrasto delle frodi nel settore assicurativo; f) trasmette annualmente all IVASS una relazione sull attività svolta e formula proposte di modifica della disciplina della prevenzione delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. 4. Il gruppo di lavoro di cui al comma 3 è composto da rappresentanti designati, in numero di uno per ciascuno, rispettivamente dal Ministero dello sviluppo economico, dal Ministero 5

6 dell interno, dal Ministero dell economia e delle finanze, dal Ministero della giustizia, dal Ministero della difesa, dall IVASS, dall Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e dalla Concessionaria servizi assicurativi pubblici (CONSAP SpA), tra persone che hanno maturato specifiche esperienze professionali nella prevenzione e nel contrasto dei fenomeni fraudolenti ovvero nel settore assicurativo, nonché da un rappresentante degli intermediari assicurativi. I componenti del gruppo di lavoro, il cui mandato dura tre anni, sono nominati con decreto del Ministro dello sviluppo economico. Con il medesimo decreto di cui al periodo precedente, il rappresentante designato dal Ministero dello sviluppo economico è nominato responsabile del gruppo di lavoro. Il responsabile del gruppo di lavoro può invitare a partecipare ai lavori del gruppo, in ragione dei temi trattati, rappresentanti delle associazioni di categoria degli operatori del settore assicurativo, nonché esperti delle forze di polizia, ovvero altri esperti. Per la partecipazione al gruppo di lavoro non sono previsti compensi, indennità, rimborsi o altri emolumenti. 5. Il gruppo di lavoro di cui al comma 3 si avvale dell archivio centrale informatizzato istituito ai sensi dell articolo 30-ter, comma 2, del decreto legislativo 11 aprile 2011, n. 64. Per le finalità di cui al presente articolo, l archivio centrale informatizzato si connette con la banca dati degli attestati di rischio prevista dall articolo 134 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, con la banca dati sinistri e banche dati anagrafe testimoni e anagrafe danneggiati, istituite dall articolo 135 del medesimo codice delle assicurazioni private, con l archivio nazionale dei veicoli e con l anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, istituiti dall articolo 226 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, con il Pubblico registro automobilistico istituito presso l Automobile Club d Italia dal regio decreto-legge 15 marzo 1927, n. 436, convertito dalla legge 19 febbraio 1928, n. 510, con il Casellario centrale infortuni presso l Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), di cui agli articoli 15 e seguenti del decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, con i dati a disposizione della CONSAP per la gestione del fondo di garanzia per le vittime della strada di cui all articolo 283 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e per la gestione della liquidazione dei danni a cura dell impresa designata di cui all articolo 286 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, con i dati a disposizione per i sinistri di cui all articolo 125, comma 5, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, gestiti dall Ufficio Centrale italiano di cui al successivo articolo 126, nonché con ulteriori archivi e banche dati pubbliche e private, individuate con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell interno e il Ministro dell economia e delle finanze, sentiti i ministeri competenti e l IVASS. Con il medesimo decreto, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, sono stabilite le modalità di connessione delle banche dati di cui al presente comma e di accesso all archivio centrale informatizzato da parte delle pubbliche amministrazioni, dell autorità giudiziaria, delle forze di polizia, delle imprese di assicurazione e di soggetti terzi, nonché gli obblighi di consultazione dell archivio da parte delle imprese di assicurazione in fase di liquidazione dei sinistri. 6. Le imprese di assicurazione garantiscono al gruppo di lavoro, per il tramite dell archivio centrale informatizzato di cui al comma 5, secondo le modalità e nei termini stabiliti dal decreto di cui al medesimo comma 5, l accesso ai dati relativi ai contratti assicurativi contenuti nelle proprie banche dati, forniscono al medesimo gruppo di lavoro la documentazione richiesta ai sensi del comma 3, lettera b), e comunicano all archivio nazionale dei veicoli di cui all articolo 226 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, con cadenza mensile, gli estremi dei contratti di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi prevista dall articolo 122 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, stipulati o rinnovati. 7. Nell esercizio delle sue funzioni il sistema di prevenzione di cui al comma 1 collabora con le forze di polizia sulla base di un apposito protocollo d intesa stipulato tra il Ministero dello sviluppo economico, il Ministero dell interno, il Ministero della difesa e il Ministero dell economia e delle finanze. 6

7 8. Nello svolgimento dei suoi compiti, il gruppo di lavoro evidenzia, dall elaborazione dei dati di cui al comma 5, i picchi e le anomalie statistiche e le comunica alle imprese interessate che, con cadenza mensile, comunicano le indagini avviate, i relativi risultati e le querele eventualmente presentate. Il gruppo di lavoro, in caso di evidenza di reato, comunica altresì i dati all Autorità giudiziaria e alle forze di polizia. Qualora le informazioni desunte dall elaborazione dei dati contengano riferimenti a pubblici ufficiali, ovvero a professionisti la cui attività è subordinata all iscrizione in albi, elenchi, ruoli o ordini professionali, il gruppo di lavoro trasmette i relativi dati e informazioni anche agli organismi disciplinari o agli ordini professionali competenti, i quali sono tenuti a valutarli ai fini dell eventuale esercizio dell azione disciplinare. 9. Agli adempimenti previsti dal presente articolo si provvede con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente» Al comma 2, lettera f), dopo le parole: «sull attività svolta» aggiungere le seguenti: «, definisce parametri di virtuosità nell esercizio dell attività assicurativa e nel rapportò con la clientela, formula e rende pubblica l elenco delle imprese di assicurazione più efficaci nell attività di contrasto delle frodi» Al comma 6, aggiungere, in fine, le seguenti parole: «Quando la segnalazione evidenzia una reiterazione dei soggetti individuati, e laddove le forze di Polizia e o la Magistratura ne ritenga fondati i motivi, si potrà ricorrere alla procedibilità d ufficio anche in assenza di querela di parte» Germontani Dopo il comma 6, inserire il seguente: «6-bis. Per favorire il contrasto delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, l ultimo periodo del comma 2 e l ultimo periodo del comma 3 dell articolo 642 del codice penale sono abrogati» Casoli Dopo il comma 6, inserire il seguente: «6-bis. Per favorire il contrasto delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, l ultimo periodo del comma 2 e l ultimo periodo del comma 3 dell articolo 642 del codice penale sono abrogati». 7

8 21.7 Izzo Dopo il comma 6 aggiungere il seguente: «6-bis. Al fine di prevenire le frodi relative ai sinistri con soli danni a cose, all articolo 148, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 32, comma 3, lettera a), del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole»per non meno di due giorni non festivi«sono sostituite con le seguenti: per non meno di cinque giorni consecutivi non festivi.» Musso Dopo il comma 6 aggiungere il seguente: «6-bis. Al fine di prevenire le frodi relative ai sinistri con soli danni a cose, all articolo 148, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 32, comma 3, lettera a), del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole: per non meno di due giorni non festivi, sono sostituite con le seguenti: per non meno di cinque giorni consecutivi non festivi» Ghigo All articolo 21, dopo il comma 6 aggiungere il seguente: «6-bis. Al fine di prevenire le frodi relative ai sinistri con soli danni a cose, all articolo 148, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 32, comma 3, lettera a), del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole: per non meno di due giorni non festivi, sono sostituite con le seguenti: per non meno di cinque giorni consecutivi non festivi» Sangalli All articolo 21, dopo il comma 6 aggiungere il seguente: «6-bis. Al fine di prevenire le frodi relative ai sinistri con soli danni a cose, all articolo 148, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 32, comma 3, lettera a), del decreto-legge 24 gennaio 8

9 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole: per non meno di due giorni non festivi, sono sostituite con le seguenti: per non meno di cinque giorni consecutivi non festivi» Bugnano Dopo il comma 6, inserire il seguente: «6-bis. Al fine di favorire il contrasto delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, all articolo 642 del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni: a) al secondo comma l ultimo periodo è abrogato; b) al terzo comma l ultimo periodo è abrogato» Bugnano Dopo il comma 6, inserire il seguente: «6-bis. Al fine di favorire il contrasto delle frodi nel settore dell assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, l ultimo periodo del secondo comma dell articolo 642 del codice penale è abrogato» Ghigo, Casoli, Izzo Dopo il comma 7, aggiungere il seguente: «7-bis. All articolo 148, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, al comma 1, primo periodo, sostituire la parola: due, con la seguente: cinque» Dopo il comma 7, aggiungere il seguente: «7-bis. All articolo 148, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, al comma 1, primo periodo, sostituire la parola: due, con la seguente: cinque». 9

10 21.13 Germontani Dopo il comma 7, inserire il seguente comma: «7-bis) All articolo 148, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, al comma 1, primo periodo, sostituire la parola: due, con la seguente: cinque» Paravia Dopo il comma 7, aggiungere il seguente: «7-bis. All articolo 148, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, al comma 1, primo periodo, sostituire la parola: due, con la seguente: cinque» Dopo il comma 7, aggiungere il seguente: «7-bis. All articolo 148, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni,al comma 2-bis, al terzo periodo, le parole: Entro trenta giorni, sono sostituite dalle seguenti: Entro novanta giorni» Ghigo Dopo il comma 7, aggiungere il seguente: «8. All articolo 148, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, al comma 2-bis, al terzo periodo, le parole: Entro trenta giorni, sono sostituite dalle seguenti: Entro novanta giorni» Mariapia Garavaglia Dopo l articolo 21, inserire il seguente: «Art. 21-bis. (Disposizioni in materia di accertamento delle lesioni di lieve entità) 1. All articolo 139, comma 2, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, l ultimo periodo è soppresso. 2. All articolo 32 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, sono apportate le seguente modificazioni: a) il comma 3-ter è abrogato; 10

11 b) il comma 3-quater è sostituito dal seguente: 3-quater. Il danno alla persona per lesioni di lieve entità di cui all articolo 139 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, è risarcito solo a seguito di riscontro medico legale da cui risulti clinicamente o visivamente o strumentalmente accertata l esistenza della lesione e della conseguente menomazione della salute». 11

12 Art

13 22.1 Al comma 1, sostituire il capoverso «Art. 170-bis», con il seguente: «Art. 170-bis (Durata del contratto) 1. Il contratto di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti ha durata annuale o di anno più frazione, nei casi in cui l assicurato desideri una scadenza diversa, si risolve automaticamente alla sua scadenza naturale e non può essere tacitamente rinnovato. Qualora il contraente decida di non rinnovare il contratto, non deve effettuare nessuna comunicazione. Per consentire al suddetto contraente la stipula di una nuova polizza, la precedente impresa di assicurazione è tenuta a mantenere operante, non oltre il quindicesimo giorno successivo alla scadenza del contratto, la garanzia prestata con il precedente contratto assicurativo fino all effetto della nuova polizza» Casoli Al comma 1, capoverso «Art. 170-bis. Durata del contratto.», sostituire il comma 1 con il seguente: «Il contratto di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti non può essere tacitamente rinnovato, in deroga all articolo 1899, secondo comma, del codice civile» Bugnano Al comma 1, capoverso «Art. 170-bis» sopprimere le parole da: «non può essere stipulato» fino a: «all anno e» Al comma 1, capoverso «Art. 170-bis.», comma 1, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, fermo il periodo di comporto di 15 giorni previsto dall articolo 1901, comma 2, del codice civile a favore dell assicurato. È ammessa durata di anno più frazione per contratti di nuova emissione, fermo il non tacito rinnovo alla scadenza della frazione di anno» Al comma 1, capoverso «Art. 170», all ultimo capoverso aggiungere i seguenti periodi: «Conseguentemente il contratto non prevede il tacito rinnovo ed il contraente, ad ogni scadenza annuale, potrà decidere se rinnovarlo o meno senza dare alcuna comunicazione preventiva. Nel caso di durata annuale o di anno più frazione qualora il contraente decida di rinnovare, attraverso l atto di pagamento del premio, il contratto si rinnova automaticamente. Nel caso di durata annuale o di anno più frazione, anche se il contraente decide di non rinnovare il contratto, per consentirgli di 13

14 stipularne uno nuovo o con altra impresa, la società manterrà comunque operanti le garanzie prestate fino alla data di effetto del nuovo contratto, ma non oltre il quindicesimo giorno successivo alla scadenza del contratto» Ghigo Al comma 1, al capoverso 3), aggiungere i seguenti periodi: «Conseguentemente il contratto non prevede il tacito rinnovo ed il contraente, ad ogni scadenza annuale, potrà decidere se rinnovarlo o meno senza dare alcuna comunicazione preventiva. Nel caso di durata annuale o di anno più frazione qualora il contraente decide di rinnovare, attraverso l atto di pagamento del premio, il contratto si rinnova automaticamente. Nel caso di durata annuale o di anno più frazione, anche se il contraente decide di non rinnovare il contratto, per consentirgli di stipularne uno nuovo con altra impresa, la società manterrà comunque operanti le garanzie prestate fino alla data di effetto del nuovo contratto, ma non oltre il quindicesimo giorno successivo alla scadenza del contratto» Aderenti, Rizzi Al comma 1, aggiungere in fine il seguente capoverso: «3-bis. Le compagnie di assicurazione forniscono la copertura assicurativa anche in assenza di tacito rinnovo per i 15 giorni successivi alla scadenza annuale del contratto, sempre che la polizza venga rinnovata da parte del contraente con la medesima compagnia» Al comma 3, aggiungere in fine le seguenti parole: «In caso di mancato esercizio da parte del contraente della facoltà di disdetta del contratto, le imprese di assicurazione garantiscono al contraente, successivamente alla scadenza del termine pattuito, la salvaguardia della copertura assicurativa della durata di 15 giorni di cui all articolo 1901, comma 2 del codice civile» Al comma 3, aggiungere in fine le seguenti parole: «In caso di mancato esercizio da parte del contraente della facoltà di disdetta del contratto, resta salvo il periodo di comporto di 15 giorni previsto dall articolo 1901, comma 2, del codice civile». 14

15 22.10 Al comma 3, aggiungere in fine le seguenti parole: «È fatto, altresì, obbligo alle imprese di assicurazione garantire al contraente, alla scadenza del contratto con clausola di tacito rinnovo, il mantenimento del regime tariffario e delle garanzie relative al predetto contratto nell ipotesi di sottoscrizione da parte del medesimo contraente di un nuovo contratto ai sensi del comma 1» Aderenti, Rizzi Dopo il comma 3, inserire il seguente: «3-bis. È fatto obbligo a tutte le compagnie assicurative di comunicare per iscritto ai contraenti il termine del contratto annuale stipulato 30 giorni prima della scadenza» Izzo Dopo il comma 3, aggiungere il seguente: «3-bis. Al fine di favorire da parte dei consumatori una effettiva verificabilità delle componenti tariffarie, di garantire la corretta attuazione degli articoli 6, 29 e 39 della Direttiva (CEE) n. 1992/49/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1992, ed in considerazione della sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee del 25 febbraio 2003, causa n. C-59/01, all articolo 133, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 34-bis, comma 1, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole da: La predetta variazione fino a: indicata nel contratto sono sostituite con le seguenti: La predetta variazione del premio, facendo riferimento alla tariffa in vigore al momento del rinnovo,si applica automaticamente, nella misura preventivamente quantificata in rapporto alla classe di appartenenza attrbuita alla polizza ed esplicitamente indicata nel contratto. Le compagnie di assicurazione sono tenute a garantire ai contraenti una chiara e trasparente verificabilità delle principali componenti tariffarie che determinano la variazione del premio, anche attraverso standard informativi comuni che verranno stabiliti dall IVASS» Ghigo Dopo il comma 3, aggiungere il seguente: «3-bis. Al fine di favorire da parte dei consumatori una effettiva verificabilità delle componenti tariffarie, di garantire la corretta attuazione degli articoli 6, 29 e 39 della Direttiva (CEE) n. 1992/49/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1992, ed in considerazione della sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee del 25 febbraio 2003, causa n. C-59/01, all articolo 133, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 34-bis, comma 1, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, 15

16 con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole da: La predetta variazione fino a: indicata nel contratto sono sostituite con le seguenti: La predetta variazione del premio, facendo riferimento alla tariffa in vigore al momento del rinnovo, si applica automaticamente, nella misura preventivamente quantificata in rapporto alla classe di appartenenza attribuita alla polizza ed esplicitamente indicata nel contratto. Le compagnie di assicurazione sono tenute a garantire ai contraenti una chiara e trasparente verificabilità delle principali componenti tariffarie che determinano la variazione del premio, anche attraverso standard informativi comuni che verranno stabiliti dall IVASS» Musso Dopo il comma 3, aggiungere il seguente: «3-bis. Al fine di favorire da parte dei consumatori una effettiva verificabilità delle componenti tariffarie, di garantire la corretta attuazione degli articoli 6, 29 e 39 della Direttiva (CEE) n. 1992/49/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1992, ed in considerazione della sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee del 25 febbraio 2003, causa n. C-59/01, all articolo 133, comma 1, del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come modificato dall articolo 34-bis, comma 1, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, le parole da: La predetta variazione fino a: indicata nel contratto sono sostituite con le seguenti: La predetta variazione del premio, facendo riferimento alla tariffa in vigore al momento del rinnovo, si applica automaticamente, nella misura preventivamente quantificata in rapporto alla classe di appartenenza attribuita alla polizza ed esplicitamente indicata nel contratto. Le compagnie di assicurazione sono tenute a garantire ai contraenti una chiara e trasparente verificabilità delle principali componenti tariffarie che determinano la variazione d premio, anche attraverso standard informativi comuni che verranno stabiliti dall IVASS» Belisario, Lannutti Al comma 47 sostituire le parole da: «e le principali associazioni» fino a: «assicurativi», con le seguenti: «, le principali associazioni rappresentative degli intermediari assicurativi e le associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative» Al comma 4, dopo le parole: «le principali associazioni rappresentative degli intermediari» aggiungere le seguenti: «e le principali associazioni dei consumatori». 16

17 22.17 Cagnin, Massimo Garavaglia Al comma 4, aggiungere in fine il seguente periodo: «Nella definizione del contratto base si tiene conto altresì dei dati territoriali relativi al numero dei sinistri avvenuti su base annua» Cagnin,Massimo Garavaglia Dopo il comma 7, aggiungere il seguente: «7-bis. Ai fini del contrasto delle frodi assicurative, con regolamento del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da adottarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto-legge, sono definiti i criteri e le modalità per l istituzione e la gestione presso l ANIA del registro dei testimoni di sinistri stradali» Dopo il comma 4, aggiungere il seguente: «4-bis. Al fine di semplificare le procedure di rinnovo dei contratti, l IVASS predispone, altresì, un apposito documento semplificato per il rinnovo dei contratti di cui al comma 1» Bugnano Al comma 5, sopprimere le parole da: «eventualmente» fino a: «medesimo gruppo» Bugnano Dopo il comma 7, inserire il seguente: «7-bis. L articolo 34 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, è sostituito dal seguente: Art Al fine di garantire al consumatore un confronto corretto, trasparente ed esaustivo tra le tariffe e le altre condizioni contrattuali proposte dalle imprese di assicurazione per il contratto base di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile di cui all articolo 22, comma 4, del decreto-legge 19 ottobre 2012, n. 179, le imprese di assicurazione hanno l obbligo di fornire tempestivamente al sistema tariffario completo, denominato TuOpreventivatOre, previsto all articolo 136, comma 3-bis, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, ogni informazione o variazione relativa alle tariffe offerte. 17

18 2. Il mancato adempimento dell obbligo di cui al comma 1 comporta, a decorrere dalla data di adozione dello standard di modalità operative di cui al comma 3, l irrogazione da parte dell IVASS a carico della compagnia di una sanzione in una misura pari a quanto stabilito dall articolo 324 del codice di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n L IVASS predispone, entro il 31 giugno 2013, uno standard di modalità operative per l applicazione delle disposizioni di cui al comma 1, al fine di migliorare la fruibilità del sistema di comparazione nonché la sua rispondenza tecnica in relazione agli accessi da parte dei consumatori e degli intermediari. 4. L IVASS predispone, con cadenza semestrale, una apposita relazione sull efficacia delle disposizioni di cui al presente articolo, da pubblicare per via telematica sul proprio sito internet» Ghigo, Casoli, Izzo Dopo il comma 7, inserire il seguente: «7-bis. L articolo 34 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, è sostituito dal seguente: Art (Confronto delle tariffe r.c. auto). 1. Al fine di favorire, a vantaggio dei consumatori, un confronto corretto, trasparente e esaustivo tra le diverse tariffe praticate dalle imprese di assicurazione per il contratto base r.c. auto che hanno l obbligo di offrire ai sensi dell articolo22 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, il sistema pubblico di comparazione previsto dall articolo 136, comma 3-bis del Codice delle assicurazioni, denominato Tuo Preventivatore, dovrà garantire al consumatore un informazione puntuale e in tempo reale sui prezzi offerti da tutte le imprese relativamente al suo profilo individuale. L IVASS, entro il 31 dicembre 2013, procede agli interventi necessari per migliorare la fruibilità del sistema di comparazione nonché la sua rispondenza tecnica in relazione ad accessi di natura massiva da parte dei consumatori e degli intermediari» Germontani Dopo il comma 7, è inserito il seguente: «7-bis. L articolo 34 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito in legge 24 marzo 2012, n. 27, è sostituito dal seguente: Art (Confronto delle tariffe r.c. auto). 1. Al fine di favorire, a vantaggio dei consumatori, un confronto corretto, trasparente e esaustivo tra le diverse tariffe praticate dalle imprese di assicurazione per il contratto base r.c. auto che hanno l obbligo di offrire ai sensi dell articolo 22 del decreto legge 18 ottobre 2012, n 179, il sistema pubblico di comparazione previsto dall articolo 136, comma 3-bis del Codice delle assicurazioni, denominato TuoPreventivatore, dovrà garantire al consumatore un informazione puntuale e in tempo reale sui prezzi offerti da tutte le imprese relativamente al suo profilo individuale. L IVASS, entro il 31 dicembre 2013, procede agli interventi necessari per migliorare la fruibilità del sistema di comparazione nonché la sua rispondenza tecnica in relazione ad accessi di natura massiva da parte dei consumatori e degli intermediari». 18

19 22.24 Paravia Dopo il comma 7, è inserito il seguente: «7-bis. L articolo 34 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, è sostituito dal seguente: Art (Confronto delle tariffe Le. auto). 1. Al fine di favorire, a vantaggio dei consumatori, un confronto corretto, trasparente e esaustivo tra le diverse tariffe praticate dalle imprese di assicurazione per il contratto base r.c. auto che hanno l obbligo di offrire ai sensi dell articolo 22 del decreto legge 18 ottobre 2012, n 179, il sistema pubblico di comparazione previsto dall articolo 136, comma 3-bis del Codice delle assicurazioni, denominato Tuo Preventivatore, dovrà garantire al consumatore un informazione puntuale e in tempo reale sui prezzi offerti da tutte le imprese relativamente al suo profilo individuale. L IVASS, entro il 31 dicembre 2013, procede agli interventi necessari per migliorare la fruibilità del sistema di comparazione nonché la sua rispondenza tecnica in relazione ad accessi di natura massiva da parte dei consumatori e degli intermediari» Sangalli All articolo 22, dopo il comma 7 aggiungere il seguente: «7-bis. Al fine di semplificare gli adempimenti burocratici nella distribuzione di servizi e prodotti del ramo assicurativo di danni derivanti dalla circolazione di veicoli e natanti, ed in considerazione delle disposizioni volte a favorire scelte consapevoli dei consumatori di cui ai commi da 4 a 7, è soppresso l articolo 34 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27» Izzo Dopo il comma 7 aggiungere il seguente: «7-bis. Al fine di semplificare gli adempimenti burocratici nella distribuzione di servizi e prodotti del ramo assicurativo di danni derivanti dalla circolazione di veicoli e natanti, ed in considerazione delle disposizioni volte a favorire scelte consapevoli dei consumatori di cui ai commi da 4 a 7, è soppresso l articolo 34 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27» Ghigo Dopo il comma 7 aggiungere il seguente: «7-bis. Al fine di semplificare gli adempimenti burocratici nella distribuzione di servizi e prodotti del ramo assicurativo di danni derivanti dalla circolazione di veicoli e natanti, ed in considerazione delle disposizioni volte a favorire scelte consapevoli dei consumatori di cui ai 19

20 commi da 4 a 7, è soppresso l articolo 34 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27» Casoli Sopprimere il comma Bugnano Al comma 8, apportare le seguenti modificazioni: a) sostituire le parole: «90 giorni» con le seguenti: «120 giorni»; b) sostituire le parole: «60 giorni» con le seguenti: «120 giorni» Germontani Al comma 8, sostituire le parole: «entro i successivi 60 giorni» con le seguenti: «entro i successivi dodici mesi» Paravia Al comma 8, sostituire le parole: «entro i successivi 60 giorni» con le seguenti: «entro i successivi dodici mesi» Ghigo, Izzo Al comma 8, sostituire le parole: «entro i successivi 60 giorni» con le seguenti: «entro i successivi dodici mesi» Ghigo Al comma 8, sopprimere le parole: «nonché effettuare rinnovi e pagamenti». 20

21 22.34 Bonfrisco Dopo il comma 9 aggiungere il seguente: «9-bis. Al fine di favorire la liberalizzazione e la concorrenza a favore dei consumatori e degli utenti, all articolo 12 del decreto legislativo 10 agosto 2010, n. 141, dopo il comma l-bis è inserito il seguente: 1-ter. Non costituisce esercizio di agenzia in attività finanziaria la promozione e il collocamento di contratti relativi alla concessione di finanzia menti sotto qualsiasi forma da parte degli agenti di assicurazione regolarmente iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi di cui all articolo 109, comma 2, lettera a) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 su mandato diretto di banche ed intermediari finanziari previsti dal Titolo V del decreto legislativo 1º settembre 1993, n Il soggetto mandante cura l aggiornamento professionale degli agenti assicurativi mandatari, assicura il rispetto da parte loro della disciplina prevista ai sensi del titolo VI del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385 e risponde per i danni da essi cagionati nell esercizio dell attività prevista dal presente comma, anche se conseguenti a responsabilità accertata in sede penale.» Ghigo Dopo il comma 9, aggiungere il seguente: «9-bis. Al fine di favorire la liberalizzazione e la concorrenza a favore dei consumatori e degli utenti, nel decreto legislativo 10 agosto 2010, n. 141, all articolo 12, dopo il comma 1-bis è inserito il seguente: 1-ter. Non costituisce esercizio di agenzia in attività finanziaria la promozione e il collocamento di contratti relativi alla concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma da parte degli agenti di assicurazione regolarmente iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi di cui all articolo 109, comma 2, lettera a) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, su mandato diretto di banche ed intermediari finanziari previsti dal Titolo V del decreto legislativo1º settembre 1993, n. 38. Il soggetto mandante cura l aggiornamento professionale degli agenti assicurativi mandatari, assicura il rispetto da parte loro della disciplina prevista ai sensi del titolo VI del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385, e risponde per i danni da essi cagionati nell esercizio dell attività prevista dal presente comma, anche se conseguenti a responsabilità accertata in sede penale.» Germontani Dopo il comma 9, inserire il seguente: «9-bis. All articolo 12 del decreto legislativo n. 141 del 2010, dopo il comma 1-bis) inserire il seguente: 1-ter. Non costituisce esercizio di agenzia in attività finanziaria la promozione e il collocamento di contratti relativi alla concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma da parte degli agenti di assicurazione regolarmente iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi e 21

22 riassicurativi di cui all articolo 109, comma 2, lettera a) del decreto legislativo7 settembre 2005, n. 209, su mandato diretto di banche ed intermediari finanziari previsti dal Titolo V del decreto legislativo 1º settembre 1993, n Il soggetto mandante cura l aggiornamento professionale degli agenti assicurativi mandatari, assicura il rispetto da parte loro della disciplina prevista ai sensi del titolo VI del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385, e risponde per i danni da essi cagionati nell esercizio dell attività prevista dal presente comma, anche se conseguenti a responsabilità accertata in sede penale.» Dopo il comma 9, inserire il seguente: «9-bis. Al fine di favorire la liberalizzazione e la concorrenza a favore dei consumatori e degli utenti, nel decreto legislativo 10 agosto 2010, n. 141, all articolo 12, dopo il comma 1-bis è inserito il seguente: 1-ter. Non costituisce esercizio di agenzia in attività finanziaria la promozione e il collocamento di contratti relativi alla concessione di finanzia menti sotto qualsiasi forma da parte degli agenti di assicurazione regolarmente iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi di cui all articolo 109, comma 2, lettera a) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 su mandato diretto di banche ed intermediari finanziari previsti dal Titolo V del decreto legislativo 10 settembre 1993, n Il soggetto mandante cura l aggiornamento professionale degli agenti assicurativi mandatari, assicura il rispetto da parte loro della disciplina prevista ai sensi del titolo VI del decreto legislativo r settembre 1993, n. 385 e risponde per i danni da essi cagionati nell esercizio dell attività prevista dal presente comma, anche se conseguenti a responsabilità accertata in sede penale.» Ghigo, Casoli, Izzo Sopprimere i commi 10, 11, 12 e Germontani Sopprimere i commi 10, 11, 12 e Paravia Sopprimere i commi 10, 11, 12 e

23 22.41 Germontani All articolo 22, apportare le seguenti modifiche: a) Al comma 10, il primo periodo è sostituito dai seguenti: «10. Al fine di favorire il superamento dell attuale segmentazione del mercato assicurativo ed accrescere il grado di libertà dei diversi operatori, gli intermediari assicurativi di cui al comma 2, lettere a), b), d) dell articolo 109 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, nonché quelli inseriti nell elenco annesso al registro degli intermediari medesimi ex articolo 33, comma 2 del Regolamento ISVAP n. 5/06, per l offerta di polizze relative all assicurazione obbligatoria r.c. auto, possono adottare forme di collaborazione reciproca nello svolgimento della propria attività anche mediante l utilizzo dei rispettivi mandati ed anche se agiscono quali monomandatari. A tal fine, possono fornire al potenziale contraente e su sua richiesta, prima della sottoscrizione del contratto, informazioni sulle condizioni di assicurazione e sul prezzo praticato per il medesimo rischio da altre imprese di assicurazione e, in caso di interesse manifesto del contraente ad avvalersi dell offerta di una di tali imprese, possono metterlo in contatto con un intermediario incaricato da tale impresa o con un intermediario iscritto nella sezione del registro di cui all articolo 109, comma 2, lettera b) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n L informativa di cui al presente comma deve essere fornita in modo corretto, trasparente e esaustivo e deve recare l indicazione in merito all eventuale remunerazione ricevuta dall intermediario per il servizio di segnalazione effettuato verso un altro intermediario. Le regole di comportamento di cui agli articoli 117, 118, 119, 120 e 121 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, si applicano nei confronti dell intermediario che cura la conclusione del contratto con l impresa che assume il rischio. Entro sei mesi dall entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge, con regolamento dell IVASS sono dettate le disposizioni di attuazione del presente comma per quanto riguarda i contenuti e le modalità dell informativa resa ai sensi dei precedenti commi.»; b) al comma 13, sostituire le parole da: piattaforma di interfaccia comune fino a: contratti assicurativi, anche con le seguenti: piattaforma informativa comune per l offerta dei contratti assicurativi dell assicurazione obbligatoria r.c. auto,» Bugnano Al comma 10, sostituire il primo periodo con i seguenti: «Al fine di favorire il superamento dell attuale segmentazione del mercato assicurativo ed accrescere il grado di libertà dei diversi operatori, gli intermediari assicurativi di cui al comma 2, lettere a), b), d) dell articolo 109 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, nonché quelli inseriti nell elenco annesso al registro degli intermediari medesimi ex articolo 33, comma 2 del Regolamento ISVAP n. 5/06, per l offerta di polizze relative all assicurazione obbligatoria r.c. auto, possono adottare forme di collaborazione reciproca nello svolgimento della propria attività anche mediante l utilizzo dei rispettivi mandati ed anche se agiscono quali monomandatari. A tal fine, possono fornire al potenziale contraente e su sua richiesta, prima della sottoscrizione del contratto, informazioni sulle condizioni di assicurazione e sul prezzo praticato per il medesimo rischio da altre imprese di assicurazione e, in caso di interesse manifesto del contraente ad avvalersi dell offerta di una di tali imprese, possono metterlo in contatto con un intermediario incaricato da tale impresa o con un intermediario iscritto nella sezione del registro di cui all articolo 109, comma 2, lettera b) del decreto legislativo 7 settembre 2005, n L informativa di cui al presente comma deve essere fornita in modo corretto, trasparente e esaustivo e deve recare l indicazione in merito all eventuale remunerazione ricevuta 23

ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 2012, 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE

ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 2012, 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE (Testo approvato in via definitiva dalla Camera

Dettagli

EMENDAMENTI CONTENUTO ESITO ARTICOLO 21 Emendamento 21.1 Sen Poli. Bortone (Gruppo Coesione Nazionale

EMENDAMENTI CONTENUTO ESITO ARTICOLO 21 Emendamento 21.1 Sen Poli. Bortone (Gruppo Coesione Nazionale EMENDAMENTI CONTENUTO ESITO ARTICOLO 21 Emendamento 21.1 Sen Poli. Bortone (Gruppo Coesione Nazionale Prevede la soppressione dell art. 21 (Misure per l individuazione ed il contrasto delle frodi assicurative)

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179. Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) Vigente al: 7-1-2013.

DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179. Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) Vigente al: 7-1-2013. 1/ 5 DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) Vigente al: 7-1-2013 Sezione VIII Assicurazioni, mutualita' e mercato finanziario Art. 22 Misure

Dettagli

Conversione in legge, con modi cazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Conversione in legge, con modi cazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 294 del 18 dicembre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273. "Misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza"

Legge 12 dicembre 2002, n. 273. Misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Legge 12 dicembre 2002, n. 273 "Misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 293 del 14 dicembre 2002 - Supplemento Ordinario n. 230

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n..

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Regolamento recante la definizione del «contratto base» di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi LEGGE 2 aprile 2007, n.40 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti

Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti Nei giorni scorsi il governo ha approvato in consiglio dei ministri il testo del decreto legge relativo alle liberalizzazioni

Dettagli

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS?

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? Dalla Direttiva Europea al art. 22 del DL Cresci Italia 2.0 PREMESSA E QUADRO GENERALE DALLA PRIMA DIRETTIVA EUROPEA ALLA LEGGE BERSANI PASSANDO

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 9 agosto 2013, n. 110 Regolamento recante norme per la progressiva dematerializzazione dei contrassegni di assicurazione per la responsabilità civile verso i

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Il nuovo «codice delle assicurazioni» 1. D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209. Codice delle assicurazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Prot. N. 25262 cc/er/ab

Prot. N. 25262 cc/er/ab Circolare N. 1470 Prot. N. 25262 cc/er/ab Alle Aziende Associate Loro Sedi Roma, 28 dicembre 2012 Conversione Decreto Crescita Facendo seguito alla informativa di cui alla nostra Circolare del 24 ottobre

Dettagli

Il Contratto Base RC Auto nel contesto delle misure di liberalizzazione del settore. Workshop ACB Milano, 4 aprile 2013. Avv.

Il Contratto Base RC Auto nel contesto delle misure di liberalizzazione del settore. Workshop ACB Milano, 4 aprile 2013. Avv. Il Contratto Base RC Auto nel contesto delle misure di liberalizzazione del settore Workshop ACB Milano, 4 aprile 2013 Avv. Andrea Maura Il contesto normativo Qual è il contesto normativo nel quale ci

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012 CIRCOLARE 43/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 397 D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 Art. 1 2. D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254. Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta Consap e l R.C. Auto: il Risarcimento Diretto e la Stanza di compensazione Paolo Panarelli Direttore Generale

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto Art. 8 Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, recante il Codice delle assicurazioni private, sono apportate le

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO ISTITUTO PER LA VIGILANZA Dipartimento della Pubblica Sicurezza CONVENZIONE

MINISTERO DELL INTERNO ISTITUTO PER LA VIGILANZA Dipartimento della Pubblica Sicurezza CONVENZIONE CONVENZIONE RELATIVA ALLA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ACCESSO ALLA BANCA DATI SINISTRI R.C.AUTO DA PARTE DEL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Il del Ministero dell Interno

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** ***

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** *** ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione Private e di Interesse Collettivo Via Del Quirinale, 21 00187 ROMA *** ** *** PROPOSTE DI EMENDAMENTO AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012; SCHEMA

Dettagli

D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INDICE Avvertenza... Elenco delle abbreviazioni.... V XVII D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE PARTE PRIMA ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI E DEI NATANTI OBBLIGO DI

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Lo scrivente Roberto Salvi, nella sua qualità di Presidente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4791 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBATO, SOGLIA, STRIZZOLO, VESSA, GRANATA, TABACCI, OCCHIUTO, GIULIETTI, CATONE, VICO, PALAGIANO,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLO STANDARD DI MODALITA OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL OBBLIGO DI CONFRONTO DELLE

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 5 luglio 2011

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 5 luglio 2011 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2809 DISEGNO DI LEGGE approvato dalla VI Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati il 30 giugno 2011, in un testo risultante dall unificazione

Dettagli

Agevolazioni al trasferimento del portafoglio e del personale delle imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa

Agevolazioni al trasferimento del portafoglio e del personale delle imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa D.L. 26 settembre 1978, n. 576 convertito, con modificazioni, nella L. 24 novembre 1978, n. 738 (G.U. 28 settembre 1978, n. 272; G.U. 25 novembre 1978, n. 330) Agevolazioni al trasferimento del portafoglio

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

Allegato 1. Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Art.42.

Allegato 1. Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. Art.42. Allegato 1 Legge 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 Art.42. Reti di imprese 1. (soppresso dalla legge di conversione) 2. Alle imprese

Dettagli

Le principali novità legislative in materia R.C. Auto e l'attività di regolamentazione: il ruolo dell'ivass

Le principali novità legislative in materia R.C. Auto e l'attività di regolamentazione: il ruolo dell'ivass Le principali novità legislative in materia R.C. Auto e l'attività di regolamentazione: il ruolo dell'ivass Massimo Francescangeli IVASS Centro Studi Nazionale Cinzia Dabrassi LA RESPONSABILITÀ CIVILE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 14 ottobre 2015 (v. stampato Senato n. 1559)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 14 ottobre 2015 (v. stampato Senato n. 1559) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3369 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 14 ottobre 2015 (v.

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8 ALLEGATO 2 Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino Codice CIG: 03477181F8 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA CIRCOLARE 11/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 10 maggio 2005, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LANNUTTI, BELISARIO, ASTORE, BUGNANO, CAFORIO, CARLINO, DE TONI, DI NARDO, GIAMBRONE, LI GOTTI, MASCITELLI, PARDI,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico 1 VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle assicurazioni private ed in particolare l articolo 132, recante Obbligo a contrarre;

Dettagli

NEWSLETTER PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO LA VICENDA

NEWSLETTER PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO LA VICENDA PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO 1 La stampa internazionale e i media hanno dato, negli scorsi mesi, un grande eco alla decisione della Corte di

Dettagli

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA ART. 129 - SOGGETTI ESCLUSI DALL ASSICURAZIONE 1 Non e considerato terzo e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbligatoria il solo conducente del veicolo responsabile del

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento INDICE 03 04 05 06 07 08 Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento Come e quando disdire la polizza rca Esempio di disdetta

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 1608 del 17 luglio 2000. (G.U. n. 169 del 21 luglio 2000)

PROVVEDIMENTO N. 1608 del 17 luglio 2000. (G.U. n. 169 del 21 luglio 2000) Pagina 1 di 6 PROVVEDIMENTO N. 1608 del 17 luglio 2000 (G.U. n. 169 del 21 luglio 2000) Modifiche al provvedimento ISVAP n. 1201 del 28 giugno 1999, recante modalità per l iscrizione nell Albo nazionale

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa dei Deputati. LAVAGNO e PAGLIA

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa dei Deputati. LAVAGNO e PAGLIA XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Deputati LAVAGNO e PAGLIA Introduzione dell articolo135-bis del Codice delle assicurazioni private, recante istituzione della Banca

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. 20 marzo 2001, n. 66) Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati TITOLO I REGOLAZIONE DEI MERCATI

Legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. 20 marzo 2001, n. 66) Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati TITOLO I REGOLAZIONE DEI MERCATI Legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. 20 marzo 2001, n. 66) Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati TITOLO I REGOLAZIONE DEI MERCATI Capo I INTERVENTI NEL SETTORE ASSICURATIVO Art. 1. (Norme

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Filo diretto Assicurazioni S.p.A. - Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) - Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 - www.filodiretto.it

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 298-B DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (MONTI) e dal Ministro della salute (BALDUZZI) di concerto con il Ministro della

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 01/ALBO/CN 23 LUGLIO 2014 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 23 Luglio 2014 Modalità per la fruizione telematica dei

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO novembre-dicembre 2012 AGGIORNAMENTO DECRETI-LEGGE Crescita-bis AGGIORNAMENTO PROGETTI DI LEGGE Legge di stabilità 2013 Delega fiscale Riforma delle professioni sanitarie

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 8 15/07/2015 19:33 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 11 maggio 2015, n. 108 Regolamento recante l'istituzione dell'archivio informatico integrato, di cui si avvale l'istituto per la vigilanza

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 23/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di verifica dell avveramento delle

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RAPPORTI ASSICURATIVI VIA WEB, ATTUATIVO DELL ARTICOLO 22, COMMA 8, DEL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

Global Assicurazioni S.p.A. a custodire l originale

Global Assicurazioni S.p.A. a custodire l originale GLOBAL VALORE PROTETTO TARIFFA A VITA INTERA A PREMIO UNICO V1 GA VERSIONE AD ACCUMULO BANCA CONVENZIONE FILIALE ABI CAB PROPOSTA Stipulata il CONTRAENTE Cognome/Rag.soc. Nome Sesso Codice Fiscale/P.IVA

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

CONVENZIONE N. 1013021

CONVENZIONE N. 1013021 CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE TEMPORANEA DI GRUPPO PER LA GARANZIA CONTRO IL RISCHIO DI MORTE E INVALIDITA PERMANENTE per ISCRITTI AL FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DEL GRUPPO BANCARIO INTESA Il FONDO

Dettagli

Oggetto: Osservazioni di Altroconsumo sull art.8 del DL 145/2013

Oggetto: Osservazioni di Altroconsumo sull art.8 del DL 145/2013 Raccomandata A.R. Anticipata via fax Alla c.a. Simona Vicari Sottosegretario Ministero Sviluppo Economico Via Veneto, 33 00187 Roma Gianfrancesco Vecchio DG per il Mercato, la Concorrenza, i Consumatori

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

CONVENZIONE N. 1013020

CONVENZIONE N. 1013020 CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE TEMPORANEA DI GRUPPO PER LA GARANZIA CONTRO IL RISCHIO DI MORTE PER ISCRITTI AL FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DEL GRUPPO BANCARIO INTESA Il FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE

Dettagli

Art. 28 Assicurazioni connesse all'erogazione di mutui immobiliari (( e di credito al consumo ))

Art. 28 Assicurazioni connesse all'erogazione di mutui immobiliari (( e di credito al consumo )) www.aneis.it TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2012, n. 1 Testo del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 (in Supplemento ordinario n. 18/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 19 del

Dettagli

DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145

DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 Interventi urgenti di avvio del piano "Destinazione Italia", per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione,

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE CONCORRENZA

DISEGNO DI LEGGE CONCORRENZA DISEGNO DI LEGGE CONCORRENZA Articolo 1 (Finalità) 1. La presente legge interviene a rimuovere ostacoli regolatori all apertura dei mercati, a promuovere lo sviluppo della concorrenza e a garantire la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2008/31934 Disposizioni integrative del provvedimento del 19 gennaio 2007 in attuazione dell art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, così come modificato

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO settembre-ottobre 2012 INCONTRO COL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI MARIO MONTI DECRETI-LEGGE Crescita-bis Tutela della salute PROGETTI DI LEGGE NOTIZIE FLASH

Dettagli

Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla sentenza delle sezioni unite dell'11.11.

Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla sentenza delle sezioni unite dell'11.11. Ufficio referenti per la formazione decentrata dei magistrati del distretto di Milano IL DANNO NON PATRIMONIALE Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ART. 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO

Dettagli

Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007

Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007 Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007 Comunicazioni obbligatorie telematiche dovute dai datori di lavoro pubblici e privati ai servizi competenti Pubbicato nella Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 Dicembre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C.

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015 Annulla / Sostituisce: Oggetto: Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. Auto Emittente: BROKER Destinatari: A tutti

Dettagli