Nodi teorici attuali e Modelli di lettura dello sviluppo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nodi teorici attuali e Modelli di lettura dello sviluppo"

Transcript

1 Facoltà di Scienze della Formazione Cattedra di Tecniche di Osservazione del Comportamento Infantile Prof.ssa G. Perricone Concezioni dello Sviluppo: Nodi teorici attuali e Modelli di lettura dello sviluppo

2

3 Questioni centrali 1. Qual è la natura di base dell uomo? 2. Lo sviluppo è quantitativo o qualitativo? 3. In che modo fattori genetici e ambientali contribuiscono allo sviluppo? 4. Cosa si sviluppa?

4 Qual è la natura di base dell uomo? Visione meccanicistica Individuo come macchina, un insieme di parti che operano in uno spazio e in un tempo, secondo una modalità predittiva Attenzione alle cause antecedenti del comportamento Visione organismica Individuo un unità attiva, organizzata, in continuo mutamento che si autoregola dando forma e costruendo la sua esperienza e il suo ambiente Attenzione al processo, al presente

5 Lo sviluppo è quantitativo o qualitativo? Continuità/ Discontinuità dello sviluppo Cambiamenti di quantità, di frequenza o di grado Il cambiamento è graduale, veloce? Avviene poco per volta? Avviene in pezzi, frammenti, riguarda specifiche abilità? Cambiamenti di genere, di tipo, nella struttura dell organismo Il cambiamento avviene nella struttura, nell organizzazione globale? Visione meccanicistica Visione organismica

6 Come procede lo sviluppo? Procede per stadi? Continuità/ Discontinuità Lo sviluppo va inteso come una costruzione progressiva? Lo sviluppo procede per passaggi rapidi o improvvisi o per cambiamenti graduali? Il processo di sviluppo è scandito da eventi critici che l individuo deve affrontare nel suo percorso di vita; tali eventi derivano dall interazione di cause legate all età, ai fattori storico-sociali e ai fattori individuali normativi e non normativi e sono punti di discontinuità nella vita che ne impongono una riorganizzazione e al fine di mantenere una continuità (Baltes, Reese, 1986) Prospettiva dell Arco di vita

7 Passaggio dal concetto di FASE/STADIO alla CRISI EVOLUTIVA Compiti evolutivi Crisi come sfida, opportunità di sviluppo e di crescita Fattori di rischio e di protezione Resilienza Accrescimento cumulativo Sequenzialità immutabile Universalità del processo di sviluppo Traiettorie evolutive individuali (Magnusson, Stattin, 1997) Percorsi di sviluppo probabilistici tipici e atipici (Venuti, 2007) Variabilità inter-individuale e intraindividuale (differenze individuali) Interazione presente-passato, contesto-soggetto

8 Maturazione e influenze biologiche passate Dai modelli deterministici-unicausali ai modelli probabilistici multicausali fino ai modelli probabilistici, olistici, interazionisti, costruttivisti Stato attuale dell organismo Individuo Comportamento Esiti di Sviluppo Esperienze passate Interazione dinamica Tempo Contesto attuale Lo sviluppo è un cambiamento sistematico e coerente, probabilistico, progressivo e multidirezionale che comporta cambiamenti tali da incrementare o rendere più complessa l articolazione dei tratti strutturali e funzionali della persona, mantenendo al tempo stesso un organizzazione coerente e un unità strutturale e funzionale della persona come un tutto inscindibile (Ford, Lerner, 1992)

9 In che modo fattori genetici e ambientali contribuiscono allo sviluppo? Quali cause sottostanti allo sviluppo? Patrimonio genetico Importanza di: Influenze genetiche (interazione e azione reciproca geni-ambiente) Maturazione biologica come base della crescita Fattori ambientali Esperienza del mondo Importanza di: Ruolo della società Esperienze condivise e non condivise Meccanismi di protezione o di rischio ambientali Caratteristiche individuali Oggi non ci si chiede cosa sia responsabile di un comportamento o quanto un fattore influisce, ma come/in quale maniera natura e cultura interagiscono tra loro

10 Cosa si sviluppa? L essenza dello sviluppo 1. Dimensioni dello sviluppo 2. Processi 3. Strutture SENSO DELLO SVILUPPO Consentire il cambiamento in ordine alle diverse dimensioni che caratterizzano il funzionamento psichico: Cognitiva Motoria e fisica Affettivo relazionale Del linguaggio SIGNIFICATO Percorso di cambiamento ESITI Stabilizzare,modificare, potenziare e trasformare SIGNIFICANTE Ciò che l individuo produce e non produce in ordine alla conoscenza, alla relazione, alle competenze, alle prestazioni, alle abilità, alle capacità

11 Elementi che differenziano il concetto di sviluppo e quello di maturazione che contestualmente caratterizzano il percorso di sviluppo SVILUPPO Progetto flessibile Integrazione tra strutture biofisiologiche e contesti di appartenenza Non ripetibile Non generalizzabile Relativamente prevedibile Complesso Soggetti referenti Ciascuno norma a se stesso Alternanza di processi continui e discontinui Ambiente coprotagonista Polidimensionalità MATURAZIONE Progetto rigido Azione di crescita Ripetibile Generalizzabile Prevedibile Lineare Soggetti riferiti Norma esterna al soggetto Costanza di processi continui e definiti Ambiente scenario Settorialità

12 Il criterio delle interconessioni storico-culturale La rilevanza dell approccio centrato La rilevanza del dato biologico sulle competenze La rilevanza del dato antropologico Le diverse prospettive fornite dai La rilevanza delle dinamiche sociali modelli, dalla psicologia e dalla sociologia La rilevanza dei modelli che definiscono l educazione La rilevanza delle persone La rilevanza dell ambiente Il rapporto natura-cultura La prospettiva che valorizza il processo e/o il prodotto La prospettiva che valorizza il percorso

13 Modello probabilistico-multicausale Oggetto di studio Parole calde Arco di vita Lo sviluppo dell individuo lungo tutto il ciclo di vita Cambiamenti nel corso della vita Principi evolutivi ARCO DI VITA CICLO DI VITA Indica una prospettiva che prevede aspetti ascendenti e discendenti Richiama il concetto di ricorsività e sottolinea un tipo di processo che prende avvio e si svolge in costante contatto con le esperienze passate dell individuo o della famiglia

14 Principi Sviluppo ontogenetico: è un processo che dura tutta la vita e non è una caratteristica specifica di una fase o stadio ma abbraccia la totalità della vita (senza primati, processi continui discontinui, cumulativi innovativi, distale prossimale). Sviluppo come sistema plurimo di forme di cambiamento: il processo di sviluppo, in quanto realtà complessa, ha come fattori co-determinanti fattori sia interni sia esterni all individuo (condizioni di vita storiche, familiari, sociali, culturali). multidimensionalità - multidirezionalità. Plasticità intra-individuale: il processo di sviluppo è una realtà complessa e in quanto tale soggetto a variabilità intraindividuale (modificabilità); ciò porta ad una forte accentuazione delle differenze individuali (varietà di prestazione all interno dell individuo, ciò che si realizza nel tempo è uno dei tanti risultati possibili).

15 Influenze sullo sviluppo: vengono individuati tre sistemi di influenze sullo sviluppo nell arco di vita, a cui l individuo reagisce: le influenze scalate per età che sono tutte quelle determinanti biologiche e ambientali correlati con l età cronologica (prevedibili e similari per la maggior parte degli individui); ad es. variabili biologiche (lunghezza della gestazione, tempo della pubertà), scopi della socializzazione, compiti evolutivi, ciclo vitale della famiglia, vita scolastica e professionale; le influenze storiche che sono quelle determinanti, meno prevedibili, legate al tempo storico che definiscono il contesto in cui gli individui si sviluppano; ad es. eventi economici, guerra, epidemia, cambiamenti nel mercato del lavoro o nella composizione della famiglia; le influenze non normative che sono tutti gli eventi biologici e ambientali, del tutto imprevedibili, che costituiscono la maggiore fonte di unicità individuale; ad es. borse di studio, premio di lotteria, morte di un familiare, incidente, malattia, difetto congenito, periodo di disoccupazione.

16 Influenze sullo sviluppo Scalate per età Storiche Non normative I N T E R A Z I O N E Tempo

17 Esiti dello sviluppo Sviluppo dell individuo: lo sviluppo è un processo estremamente complesso rappresentabile attraverso un complicato insieme di traiettorie che sono un riflesso delle molteplici risposte fornite dall individuo agli eventi biologici, collettivi e individuali, sia prevedibili che imprevedibili. Tale processo appare scandito da eventi critici che l individuo deve affrontare nel suo percorso e che rappresentano punti di discontinuità nella vita che ne impongono una ristrutturazione.

18 Un processo che continua per tutta la vita Un processo multidimensionale e multidirezionale Un processo caratterizzato dalla plasticità Un campo di studi multidisciplinari Lo sviluppo è Un processo che comprende conquiste e perdite Un processo calato nella realtà storica e culturale Un processo interattivo tra individuo e ambiente

19 Sviluppo= Tutto ciò che avviene nell intera vita La psicologia dello sviluppo life-span mette in discussione il presupposto di un modello evolutivo che prevede fasi di crescita, mantenimento e declino Lo sviluppo, realizzato attraverso il cambiamento e l adattamento, continua durante tutta la vita (Datan, Rodeaver, Hughes, 1987)

20 Modello probabilistico-olistico Parole calde Persona Processo Sistema Oggetto di studio I sistemi all interno del quale si trova il soggetto L adattamento reciproco tra il soggetto e le situazioni ambientali in cui cresce e si sviluppa

21 Costrutti di riferimento Ambiente ecologico: è una serie ordinata di strutture concentriche (cerchie ecologiche) incluse l una nell altra denominate microsistema, mesosistema, esosistema e macrosistema. Sviluppo: è il processo attraverso il quale il soggetto che cresce acquisisce una concezione dell ambiente ecologico più estesa, differenziata, e diventa capace di impegnarsi in attività che lo portano a scoprire le caratteristiche di quell ambiente, ad accettarlo e ristrutturarlo. Ruolo dei fattori biologici nello sviluppo: viene sottolineata l importanza, per lo sviluppo, delle caratteristiche fisiche e delle predisposizioni genetiche. Transizioni ecologiche: sono le modificazioni della posizione di un individuo nell ambiente ecologico, in seguito ad un cambiamento di ruolo, situazione ambientale o di entrambi.

22 MACROSISTEMA ESOSISTEMA MESOSISTEMA MICROSISTEMA Ambiente ecologico Microsistema: è uno schema di attività, ruoli, relazioni interpersonali di cui l individuo ha esperienza in un determinato contesto e che hanno particolari caratteristiche fisiche e concrete (es. classe). Mesosistema: comprende le interrelazioni tra due o più situazioni ambientali alle quali il soggetto partecipa attivamente (es. casa, scuola). Esosistema: è costituito da situazioni ambientali alle quali il soggetto non partecipa attivamente, ma che determinano o sono determinate da situazioni ambientali che comprendono il soggetto (es. lavoro dei genitori). Macrosistema: consiste delle congruenze di forma e contenuto degli altri sistemi di livello più basso che si danno a livello di cultura, considerata come un tutto.

23 Contesto Attività molare: è un comportamento in atto (un processo che permane e non un semplice atto) che possiede un suo momento (persistenza nel tempo e resistenza all interruzione); è percepito come dotato di significato o intenzione da quanti partecipano alle situazioni ambientali e attiva l esosistema mentale dell individuo. Relazioni interpersonali: si instaurano ogni volta che un individuo, in una situazione ambientale, presta attenzione ad un altra persona o partecipa alle sue attività. Ruoli: sono l insieme di attività e relazioni che ci si aspetta da parte di una persona che occupa una particolare posizione all interno di una società e da parte di altri nei confronti della persona in questione. Spazi e tempi dello sviluppo: nel guidare il comportamento di un individuo, sono importanti l ambiente fenomenologico (l ambiente come è percepito) rispetto a quello reale.

Facoltà di Scienze della Formazione Prof.ssa G. Perricone. Modelli di lettura dello sviluppo

Facoltà di Scienze della Formazione Prof.ssa G. Perricone. Modelli di lettura dello sviluppo Facoltà di Scienze della Formazione Prof.ssa G. Perricone Modelli di lettura dello sviluppo Materiale didattico: prof.ssa G. Perricone Arco di vita Ciclo di vita Metafora della Psicologia dell Età Evolutiva

Dettagli

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO CORSO CISL SCUOLA SALERNO ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO Prima parte prof.ssa Carla Romano dirigente scolastico precisazioni molto importanti: chiarezza concettuale sui termini (lessico)

Dettagli

Tratto da A. Fonzi, Lo sviluppo

Tratto da A. Fonzi, Lo sviluppo Tratto da A. Fonzi, 2000 Lo sviluppo CHE COSA DELLO SVILUPPO CI RACCONTA E NON CI RACCONTA QUESTA IMMAGINE le differenze individuali l ambiente COSA CI RACCONTA COSA NON CI RACCONTA le relazioni la maturazione

Dettagli

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta Concepimento Morte Nascita Vecchiaia Ciclo evolutivo Infanzia Tarda età adulta Adolescenza Età adulta Psicologia dello sviluppo Identifica e spiega i cambiamenti che l individuo ha nell arco della vita

Dettagli

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta Concepimento Morte Nascita Vecchiaia Ciclo evolutivo Infanzia Tarda età adulta Adolescenza Età adulta Psicologia dello sviluppo Identifica e spiega i cambiamenti che l individuo ha nell arco della vita

Dettagli

Sviluppo Tipico e atipico

Sviluppo Tipico e atipico Facoltà di Scienze della Formazione Prof.ssa Giovanna Perricone Sviluppo Tipico e atipico LO SVILUPPO È UN PROCESSO RICORSIVO CHE AVVIENE LUNGO TUTTO IL TEMPO DELLA VITA IN UN FLUSSO INCESSANTE IN CUI

Dettagli

LE ORIGINI BIOLOGICHE DEL PENSIERO

LE ORIGINI BIOLOGICHE DEL PENSIERO Jean Piaget Maggiore teorico della psicologia dello sviluppo cognitivo; segna le origini del cognitivismo e rappresenta un punto di riferimento per le ricerche sul funzionamento dei processi cognitivi

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO A.A. 2014/15 Prof.ssa Nicoletta Salerni nicoletta.salerni@unimib.it Orario Ricevimento Studenti: Martedì 11.00-12.30 Dipartimento di Psicologia Ed. U6, 4 piano, stanza 4078 PSICOLOGIA

Dettagli

Sviluppo tipico e atipico dall infanzia all adolescenza

Sviluppo tipico e atipico dall infanzia all adolescenza Università degli Studi di Enna Kore " Facoltà di Scienze dell Uomo e della Società PSICOLOGIA CLINICA Insegnamento di Sviluppo tipico e atipico dall infanzia all adolescenza Prof.ssa Irene Petruccelli

Dettagli

Psicologia dello sviluppo e delle relazioni familiari. Prof. Rosalba Larcan

Psicologia dello sviluppo e delle relazioni familiari. Prof. Rosalba Larcan Psicologia dello sviluppo e delle relazioni familiari Prof. Rosalba Larcan Obiettivi del corso Approfondimento delle conoscenze teoricometodologiche su alcuni temi principali della psicologia dello sviluppo

Dettagli

Che cos è la Psicologia sociale? Dott.ssa Daniela Cipollone

Che cos è la Psicologia sociale? Dott.ssa Daniela Cipollone Che cos è la Psicologia sociale? Dott.ssa Daniela Cipollone Difficoltà ad identificare una definizione sufficientemente articolata e sintetica: - complessità del campo di pertinenza della psicologia sociale;

Dettagli

perché vi sono tante teorie dello sviluppo psicologico?

perché vi sono tante teorie dello sviluppo psicologico? perché vi sono tante teorie dello sviluppo psicologico? a cura di laura Aleni Sestito Piaget Con la sperimentazione si cominciano ad affrontare i problemi Vygotskij di esplicazione ed interpretazione delle

Dettagli

Luigia Camaioni, Paola Di Blasio, Psicologia dello sviluppo. Lo studio dello sviluppo

Luigia Camaioni, Paola Di Blasio, Psicologia dello sviluppo. Lo studio dello sviluppo Luigia Camaioni, Paola Di Blasio, Psicologia dello sviluppo Lo studio dello sviluppo 1 Qual è la natura del cambiamento che caratterizza lo sviluppo? CAMBIAMENTO QUANTITATIVO CAMBIAMENTO QUALITATIVO Comportamentismo

Dettagli

Indice. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 49. Indice delle schede

Indice. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 49. Indice delle schede Indice delle schede Prefazione dell edizione italiana Ringraziamenti dell editore Guida alla lettura XIII XV XIX XXI Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE 3 1.1 Sviluppo

Dettagli

MODULO 1 Psicologia dello sviluppo cognitivo

MODULO 1 Psicologia dello sviluppo cognitivo MODULO 1 Psicologia dello sviluppo cognitivo Lezioni Domande delle teorie sviluppo cognitivo Teorie classiche Comportamentismo La teoria di Piaget La teoria HIP-Cognitivismo Competenze nella prima infanzia

Dettagli

Indice generale. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 59

Indice generale. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 59 Prefazione alla terza edizione italiana Autore Guida alla lettura xiii xvii xix Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE 3 1.1 Sviluppo infantile - ieri e oggi 4 1.1.1 Prospettive

Dettagli

La Psicologia dello sviluppo

La Psicologia dello sviluppo La Psicologia dello sviluppo Psicologia dello sviluppo La Psicologia dello Sviluppo è una disciplina che studia le funzioni psicologiche degli esseri umani, la natura dei cambiamenti e i fattori alla base

Dettagli

La pedagogia tra soggetto, cultura, società

La pedagogia tra soggetto, cultura, società La pedagogia tra soggetto, cultura, società Processi educativi testimoni e promotori delle relazioni tra questi elementi La pedagogia svolge un ruolo di transazione Quindi Deve reinterpretare in chiave

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Prof. Rosalba Larcan A-L Prof. Francesca Cuzzocrea M-Z Psicologia dello Sviluppo Definizione Un po di storia: i grandi temi della Psicologia dello sviluppo Cosa

Dettagli

Cosa sono le scienze umane. Il sapere antropologico

Cosa sono le scienze umane. Il sapere antropologico Parte Prima Cosa sono le scienze umane Il sapere antropologico PRIMA tappa / Che cos è l antropologia culturale............................................. 4 SECONDA tappa / I metodi dell antropologia

Dettagli

Di Fabio Gabetta Bullismo che fare?

Di Fabio Gabetta Bullismo che fare? Di Fabio Gabetta Bullismo che fare? Prevenzione e strategia d'intervento nella scuola La prevenzione in età evolutiva Il significato di prevenzione: il rapporto fra psicologia della sviluppo e interventi

Dettagli

Genitori in adolescenza. Dott. Manuela Tomisich Cagliari

Genitori in adolescenza. Dott. Manuela Tomisich Cagliari Genitori in adolescenza Dott. Manuela Tomisich Cagliari 23.10.2009 Adolescenza È impresa congiunta : Familiare Interfamiliare della comunità La famiglia famiglia come microsistema sociale famiglia come

Dettagli

IL SENSO DELLA PSICOLOGIA

IL SENSO DELLA PSICOLOGIA INSEGNAMENTO DI: PSICOLOGIA GENERALE IL SENSO DELLA PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 IL SENSO DELLA PSICOLOGIA -----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RESILIENZA. Elementi chiave: condizione di avversità, manifestazione di adattamento positivo

RESILIENZA. Elementi chiave: condizione di avversità, manifestazione di adattamento positivo E VULNERABILITÀ In fisica indica la proprietà dei materiali di riprendere la forma originaria dopo aver subito un colpo. In psicologia indica la capacità di un individuo o di un gruppo sociale di riuscire

Dettagli

JEROME SEYMOUR BRUNER

JEROME SEYMOUR BRUNER TEORIE DELL APPRENDIMENTO E QUALITÀ DEI PROCESSI (PARTE II) PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 JEROME SEYMOUR BRUNER--------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Identità e socializzazione

Identità e socializzazione Identità e socializzazione Prof. Paolo Parra Saiani a.a. 2010/2011 Ogni società deve assicurare la propria continuità nel tempo. Necessità di pratiche e istituzioni, atte a trasmettere almeno una parte

Dettagli

IL PERCORSO DEGLI ADOLESCENTI AL SERT DI FERRARA

IL PERCORSO DEGLI ADOLESCENTI AL SERT DI FERRARA IL PERCORSO DEGLI ADOLESCENTI AL SERT DI FERRARA Dott.ssa Barbara Cocchi Dott.ssa Cinzia Veronesi GIOVANI CONSUMATORI E NUOVE DIPENDENZE Presentazione del Rapporto 2010 Osservatorio Epidemiologico Dipendenze

Dettagli

Introduzione alla psicologia generale

Introduzione alla psicologia generale Introduzione alla psicologia generale 1 Che cos è la psicologia? Tentativi di definizione. Studio su base empirica della soggettività, espressa sia come stati di coscienza sia come manifestazione del comportamento

Dettagli

Psicologia Sociale. Riferimenti 05/03/2012. Alberto Massimo Crescentini Su Skype: alberto_crescentini

Psicologia Sociale. Riferimenti 05/03/2012. Alberto Massimo Crescentini Su Skype: alberto_crescentini Psicologia Sociale Riferimenti Alberto Massimo Crescentini 3358747610 albertomassimo.crescentini@univr.it Su Skype: alberto_crescentini Aula T3 Orario Lunedì 11.50-13.30 Martedì 8.30-10.00 11.50-13.30

Dettagli

METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO LUMSA 2016-17 Dott.ssa Giulia Pecora giulia.pecora@uniroma1.it pensando a ciò che ci siamo detti nelle prime lezioni, dopo la spiegazione

Dettagli

Lavorare in équipe per garantire continuità nello sviluppo umano. Michele Capurso

Lavorare in équipe per garantire continuità nello sviluppo umano. Michele Capurso Lavorare in équipe per garantire continuità nello sviluppo umano Michele Capurso Università di Perugia Ricercatore in Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Associazione Gioco e Studio in Ospedale

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione

Fondamenti di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Fondamenti di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Modulo condotto dal Dott. Inguscio Lucio, Ph.D. Psicofisiologia, Psicologia Cognitiva e Psicologia della Personalita «Sapienza» Università di Roma

Dettagli

Lo sviluppo psicologico dall'adolescenza all'età adulta: fattori di protezione e di rischio. L'autonomia emotiva in adolescenza

Lo sviluppo psicologico dall'adolescenza all'età adulta: fattori di protezione e di rischio. L'autonomia emotiva in adolescenza Lo sviluppo psicologico dall'adolescenza all'età adulta: fattori di protezione e di rischio L'autonomia emotiva in adolescenza Autonomia adolescenziale e gruppo dei pari Nel passaggio dall'esclusiva appartenenza

Dettagli

Investire nella qualità delle relazioni valorizzando le differenze. Barbara Pojaghi Università di Macerata 22.03.2014

Investire nella qualità delle relazioni valorizzando le differenze. Barbara Pojaghi Università di Macerata 22.03.2014 Investire nella qualità delle relazioni valorizzando le differenze Barbara Pojaghi Università di Macerata 22.03.2014 La premessa L approccio di cui parleremo va applicato a qualsiasi classe, che abbia

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato Valeria Rossini

Il Piano Didattico Personalizzato Valeria Rossini Didattica inclusiva Un percorso integrato per studenti con bisogni educativi speciali Seminario di approfondimento Modelli d intervento-sperimentazioni possibili Suggerimenti per la stesura del progetto

Dettagli

Comunità terapeutica «Il Melograno»

Comunità terapeutica «Il Melograno» Comunità terapeutica «Il Melograno» Piano nazionale per la salute mentale 2013 Nel documento «Piano Nazionale di A zioni per la SaluteMentale-PANSM- elaborato dal gruppo interregionale salute mentale (GISM)

Dettagli

TRA TEORIA E PRATICA. Quando la prassi educativa promuove l essere adulto

TRA TEORIA E PRATICA. Quando la prassi educativa promuove l essere adulto TRA TEORIA E PRATICA Quando la prassi educativa promuove l essere adulto Dalla pratica Il Laboratorio Sociale nasce nel 1977: - Risposta alle richieste delle famiglie - Convinzione che il «fare» sia terapeutico

Dettagli

L esperienza dei genitori: dinamiche emotive e familiari

L esperienza dei genitori: dinamiche emotive e familiari L esperienza dei genitori: dinamiche emotive e familiari Dr. Emanuele Basile Psicologo Terapeuta Familiare Servizio di Psicologia della famiglia IRCCS E. Medea Ass. La Nostra Famiglia Bosisio Parini (Lc)

Dettagli

Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007 Capitolo VI. Identità e socializzazione. Identità e socializzazione

Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007 Capitolo VI. Identità e socializzazione. Identità e socializzazione Identità e socializzazione 1 Ogni società deve assicurare la propria continuità nel tempo. È necessario, quindi, che essa disponga di pratiche e istituzioni, atte a trasmettere almeno una parte del patrimonio

Dettagli

Teorie sull acquisizione del linguaggio

Teorie sull acquisizione del linguaggio Teorie sull acquisizione del linguaggio I principali problemi intorno al linguaggio sono: 1. Ruolo dei fattori genetici e di quelli ambientali 2. Rapporti tra il linguaggio e il pensiero/cognizione 3.

Dettagli

Altro generalizzato. Le prescrizioni diventeranno norme interiorizzate. Sanzioni positive di tipo affettivo. Tanto +

Altro generalizzato. Le prescrizioni diventeranno norme interiorizzate. Sanzioni positive di tipo affettivo. Tanto + Altro generalizzato + Sanzioni positive di tipo affettivo Tanto + Le prescrizioni diventeranno norme interiorizzate ALTRO GENERALIZZATO Processo di decentramento, posto alla base dello sviluppo intellettuale

Dettagli

TRAGUARDI - CITTADINANZA E COSTITUZIONE

TRAGUARDI - CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI - CITTADINANZA E COSTITUZIONE FINALITA Essere consapevoli che la partecipazione attiva e responsabile è condizione per realizzare una società libera, fondata sul diritto L alunno conquista in

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo

Lo sviluppo cognitivo Lo sviluppo cognitivo 1 La teoria di Piaget Ipotesi innatista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente interna Piaget respinge Piaget propone Ipotesi ambientalista Le strutture cognitive

Dettagli

Lo scambio Piste per un percorso multidisciplinare. Progetto di valorizzazione dell identità dei LES del Lazio

Lo scambio Piste per un percorso multidisciplinare. Progetto di valorizzazione dell identità dei LES del Lazio Lo scambio Piste per un percorso multidisciplinare Progetto di valorizzazione dell identità dei LES del Lazio Lo scambio come tema multidisciplinare Si propone qui una breve pista di indagine su alcuni

Dettagli

Prospettiva epistemologica

Prospettiva epistemologica Modello probabilisticomulticausale Tipologia di modello Prospettiva storico-culturale Prima metà del 900 Rinascita economica migliora le condizioni della vita, allungandone la durata Nascita della teoria

Dettagli

Il genogramma: la famiglia sistema

Il genogramma: la famiglia sistema La famiglia La famiglia viene considerata il sistema relazionale primario nel processo di individuazione, crescita e cambiamento dell individuo. La famiglia è un sistema vivente, aperto sia all esterno

Dettagli

il concetto di corso di vita

il concetto di corso di vita il concetto di corso di vita Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 Prof.ssa Elisabetta Donati 1 Il concetto di età Età: fenomeno a più dimensioni che risente del

Dettagli

Psicologia dello sviluppo 1

Psicologia dello sviluppo 1 Psicologia dello sviluppo 1 La prospettiva sistemico relazionale di Alberto Cortesi classe 1^ anno 2016 21/2/2016 Paradossi Paradosso 1 L argomento di oggi è la Psicologia dello Sviluppo L approccio sistemico

Dettagli

Psicologia dello sviluppo Corso I Z C. di L. in Scienze e Tecniche Psicologiche. Dott.ssa Paola Cerratti

Psicologia dello sviluppo Corso I Z C. di L. in Scienze e Tecniche Psicologiche. Dott.ssa Paola Cerratti Psicologia dello sviluppo Corso I Z C. di L. in Scienze e Tecniche Psicologiche Dott.ssa Paola Cerratti cerratti.psy@hotmail.it Capitolo 4: Creare relazioni - L importanza delle relazioni - Lo sviluppo

Dettagli

IMPARO SPERIMENTANDO

IMPARO SPERIMENTANDO IMPARO SPERIMENTANDO 1 PREMESSA L ASILO NIDO è di fondamentale importanza nelle società avanzate contemporanee, per il processo di socializzazione del bambino, in quanto, rispetto al passato, egli ha spesso

Dettagli

ENTE I.S.P.E.F. - Istituto di Scienze Psicologiche dell Educazione e della Formazione.

ENTE I.S.P.E.F. - Istituto di Scienze Psicologiche dell Educazione e della Formazione. PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI ( DM 177/2000, art. 4 ) ENTE I.S.P.E.F. - Istituto di Scienze Psicologiche dell Educazione

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO. Scuola di Dottorato in Psicologia Ciclo XXVII S.S.D.: M-PSI/03 M-PSI/05

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO. Scuola di Dottorato in Psicologia Ciclo XXVII S.S.D.: M-PSI/03 M-PSI/05 UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Scuola di Dottorato in Psicologia Ciclo XXVII S.S.D.: M-PSI/03 M-PSI/05 LE DINAMICHE RELAZIONALI NEI PICCOLI GRUPPI COORDINAZIONE E INFLUENZA NEL PROCESSO D

Dettagli

Il concetto di corso di vita

Il concetto di corso di vita Il concetto di corso di vita Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Approfondimento 1 Il concetto di età Età: fenomeno a più dimensioni

Dettagli

ELEMENTI DI ASSISTENZA ALLA PERSONA

ELEMENTI DI ASSISTENZA ALLA PERSONA ELEMENTI DI ASSISTENZA ALLA PERSONA Concetto di salute 2 "Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS, 1948) Salute

Dettagli

Verso un Approccio Partecipativo alla Soluzione di Problemi Ambientali. Graziano Terenzi A.T.E.S.S.

Verso un Approccio Partecipativo alla Soluzione di Problemi Ambientali. Graziano Terenzi A.T.E.S.S. Verso un Approccio Partecipativo alla Soluzione di Problemi Ambientali Graziano Terenzi A.T.E.S.S. Complessità e Cambiamento Complessità: alto grado di interrelazione tra una moltitudine di variabili:

Dettagli

Il coping: definizione, sviluppo e intervento

Il coping: definizione, sviluppo e intervento Il coping: definizione, sviluppo e intervento ali ale a ca e itas. à Fiorilli Chiatante Geraci Grimaldi Capitello Pepe Pepe Il coping Il coping Definizione, sviluppo e intervento Caterina Fiorilli Maria

Dettagli

Capitolo 4 ECOLOGIA DELLO SVILUPPO

Capitolo 4 ECOLOGIA DELLO SVILUPPO Capitolo 4 ECOLOGIA DELLO SVILUPPO LA TEORIA DI BRONFENBRENNER Prospettiva teorica ampia convergenza tra biologia, psicologia e scienze sociali, genetica comportamentale Sviluppo in rapporto ai diversi

Dettagli

Data di approvazione del consiglio di facoltà 18/11/2005. Data di approvazione del senato accademico 13/12/2005

Data di approvazione del consiglio di facoltà 18/11/2005. Data di approvazione del senato accademico 13/12/2005 Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BOLOGNA Data di approvazione del consiglio di facoltà 18/11/2005 Data di approvazione del senato accademico 13/12/2005 Curriculum

Dettagli

FISM VENEZIA Formazione insegnanti scuola dell'infanzia INSIEME PER EDUCARE. La corresponsabilità educativa tra scuola e famiglia

FISM VENEZIA Formazione insegnanti scuola dell'infanzia INSIEME PER EDUCARE. La corresponsabilità educativa tra scuola e famiglia FISM VENEZIA Formazione insegnanti scuola dell'infanzia INSIEME PER EDUCARE La corresponsabilità educativa tra scuola e famiglia 16 febbraio 2016 Manuela Vanin Per far crescere un bambino ci vuole un villaggio

Dettagli

Manuale Critico dell Asilo Nido

Manuale Critico dell Asilo Nido Manuale Critico dell Asilo Nido Sezione terza I BAMBINI Dott.ssa 8 marzo 2013 Nella strutturazione dei processi cognitivi e affettivi. quale l incidenza dei rapporti con i coetanei, nelle situazioni di

Dettagli

Curricolo verticale d'istituto e co-progettazione: integrazione tra le competenze dell'esperto e le esigenze della scuola

Curricolo verticale d'istituto e co-progettazione: integrazione tra le competenze dell'esperto e le esigenze della scuola Curricolo verticale d'istituto e co-progettazione: integrazione tra le competenze dell'esperto e le esigenze della scuola Paolo Seclì Università di Modena e Reggio Emilia Dip. di Educazione e Scienze Umane

Dettagli

Conoscenza e simulazione mentale

Conoscenza e simulazione mentale Conoscenza e simulazione mentale Aspetti storici: cognitivismo, mente computazionale, mente modulare Mente simulativa, mente situata e radicata nel corpo (grounding cognition) Mappe cerebrali e mappe mentali

Dettagli

Ricevimento Studenti: Lunedì previa prenotazione. Cenci lab

Ricevimento Studenti: Lunedì previa prenotazione. Cenci lab Cenci lab Giovanni Cenci Dip.to Biologia e Biotecnologie C. Darwin Sezione Genetica Piano 2 -Citofono 3/4 0649912-655 (office) 0649912-843 (lab) giovanni.cenci@uniroma1.it Ricevimento Studenti: Lunedì

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione. Prof.ssa Arianna Bello

Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione. Prof.ssa Arianna Bello Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Prof.ssa Arianna Bello e-mail: arianna.bello@uniroma3.it Argomento di studio Sviluppo Infantile ieri e oggi Processi e Periodi di sviluppo Questioni legate allo

Dettagli

Il concetto di formazione. Orazio Colosio

Il concetto di formazione. Orazio Colosio Il concetto di formazione Orazio Colosio FORMAZIONE SEQUENZIALE Formazione come itinerario progressivo di eventi che si succedono secondo la logica del prima e del dopo, dell inferiore e del superiore.

Dettagli

Approccio olistico alla salute: L educazione terapeutica del paziente nelle patologie croniche

Approccio olistico alla salute: L educazione terapeutica del paziente nelle patologie croniche Approccio olistico alla salute: L educazione terapeutica del paziente nelle patologie croniche Ho conosciuto il mare meditando su una goccia di rugiada Kahlil Gibran CONCETTO DI OLISMO Dal greco Olos ::

Dettagli

DSA e ricadute emotive-motivazionali. Elena Bortolotti

DSA e ricadute emotive-motivazionali. Elena Bortolotti DSA e ricadute emotive-motivazionali Elena Bortolotti Alta percentuale di bambini (stima dell 80%) con difficoltà di apprendimento presenta anche disturbi emotivi e/o sociali Insuccesso scolastico spesso

Dettagli

La settimana del Benessere Psicologico in Campania Città amica del Benessere Psicologico. Da se stesso all altro

La settimana del Benessere Psicologico in Campania Città amica del Benessere Psicologico. Da se stesso all altro La settimana del Benessere Psicologico in Campania Città amica del Benessere Psicologico Da se stesso all altro Premessa L Ordine degli Psicologi della Campania, in collaborazione con il Comune di Bracigliano,

Dettagli

Psicologia della Personalità. Le teorie.

Psicologia della Personalità. Le teorie. Psicologia della Personalità. Le teorie. 8 cfu A.A. 2016/17 prof.ssa Lisa Di Blas diblali@units.it Il contributo della persona Elementi distintivi delle teorie cognitivo-sociali della personalità Le teorie

Dettagli

Lezione 6 L approccio innatista-modulare

Lezione 6 L approccio innatista-modulare Lezione 6 L approccio innatista-modulare Argomenti Assunti Limiti della teoria costruttivista Paradigma della violazione dell aspettativa L architettura della mente secondo Fodor L innatismo rappresentazionale

Dettagli

APOF-IL L ORIENTAMENTO A SCUOLA E L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE ORIENTATIVE

APOF-IL L ORIENTAMENTO A SCUOLA E L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE ORIENTATIVE APOF-IL L ORIENTAMENTO A SCUOLA E L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE ORIENTATIVE Modelli e pratiche orientative nell attuale scenario. Un modello d intervento funzionale alle pratiche di orientamento nella

Dettagli

La mente del bambino. Testo di Maria Montessori, ed. Garzanti

La mente del bambino. Testo di Maria Montessori, ed. Garzanti La mente del bambino Testo di Maria Montessori, ed. Garzanti La mente del bambino L opera della Montessori è testimonianza preziosa della necessità che ogni prassi educativa, ogni strategia o metodo debbano

Dettagli

liceo B. Russell PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: Scienze Umane INDIRIZZO: Liceo delle Scienze Umane

liceo B. Russell PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: Scienze Umane INDIRIZZO: Liceo delle Scienze Umane PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: Scienze Umane INDIRIZZO: Liceo delle Scienze Umane Secondo BIENNIO: Classi IV DISCIPLINA: Scienze Umane MODULO di SOCIOLOGIA Ø Saper riflettere sulle evoluzioni

Dettagli

Lo psicologo scolastico tra scuola e società

Lo psicologo scolastico tra scuola e società Ministero dell Istruzione dell Università della Ricerca Ordine degli Psicologi Consiglio del Friuli Venezia Giulia Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia Direzione Generale dott. Paolo

Dettagli

Università Telematica Pegaso Dal gruppo di lavoro alla comunità di pratica - Gruppi e gruppi di lavoro. Indice

Università Telematica Pegaso Dal gruppo di lavoro alla comunità di pratica - Gruppi e gruppi di lavoro. Indice DAL GRUPPO DI LAVORO ALLA COMUNITÀ DI PRATICA - COMUNITÀ DI PRATICA PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 COMUNITÀ DI PRATICA --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Clima organizzativo/ Cultura. Prof.ssa Ernestina Giudici

Clima organizzativo/ Cultura. Prof.ssa Ernestina Giudici Clima organizzativo/ Cultura Cenni.. storici Negli anni 30 il clima veniva considerato in stretta correlazione con la motivazione al lavoro e con la produttività Cenni.. storici Alcuni contributi significativi:

Dettagli

L EDUCAZIONE DEI BAMBINI DA 0-6 ANNI IDEE PER LA CRESCITA DELL UNIVERSO FISM. Arezzo,9 aprile 2016

L EDUCAZIONE DEI BAMBINI DA 0-6 ANNI IDEE PER LA CRESCITA DELL UNIVERSO FISM. Arezzo,9 aprile 2016 L EDUCAZIONE DEI BAMBINI DA 0-6 ANNI IDEE PER LA CRESCITA DELL UNIVERSO FISM Arezzo,9 aprile 2016 LA PROPOSTA DEL GOVERNO DDL 1260/2014 Disposizioni in materia di sistema integrato di educazione e istruzione

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO Per Sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo delle attività intellettive Teorie fondamentali che cercano di spiegare quali cambiamenti si verificano nel bambino

Dettagli

BIOLOGIA DELL ETA EVOLUTIVA E DELL INVECCHIAMENTO

BIOLOGIA DELL ETA EVOLUTIVA E DELL INVECCHIAMENTO BIOLOGIA DELL ETA EVOLUTIVA E DELL INVECCHIAMENTO Prof.E.Gualdi Università di Ferrara Lezione 1 Studio delle caratteristiche biologiche dell Uomo: durante il processo di crescita durante il processo d

Dettagli

Definizione di handicap

Definizione di handicap Icdh Definizione di handicap A seguito di un evento morboso, sia esso una malattia (congenita o meno) o un incidente, una persona può subire una menomazione, ovvero la perdita o anomalia strutturale o

Dettagli

Competenze da acquisire attraverso l ASL e sue articolazioni Competenze trasversali

Competenze da acquisire attraverso l ASL e sue articolazioni Competenze trasversali Competenze da acquisire attraverso l ASL e sue articolazioni Competenze trasversali 1 Imparare ad imparare 2 Progettare 3 Comunicare 4 Collaborare e partecipare 5 Agire in modo autonomo 6 Risolvere i problemi

Dettagli

SEGNALI DI DISAGIO IN ADOLESCENZA

SEGNALI DI DISAGIO IN ADOLESCENZA Salerno 23/01/2016 SEGNALI DI DISAGIO IN ADOLESCENZA Test Multidimensionale Autostima Dott.ssa Luisa Petrosino L AUTOSTIMA L autostima funziona come una «lente» attraverso cui le proprie risorse personali

Dettagli

Quali competenze per lo psicologo scolastico?

Quali competenze per lo psicologo scolastico? Quali competenze per lo psicologo scolastico? Livia Botta Agenzia Scuola Seminario LA PSICOLOGIA SCOLASTICA IN LIGURIA promosso dall Ordine degli Psicologi della Liguria Genova 18 ottobre 2008 Gli psicologi

Dettagli

La classe : il cuore della relazione educativa. saperi

La classe : il cuore della relazione educativa. saperi La classe : il cuore della relazione educativa alunno insegnante saperi 1 Nella classe si trasmettono conoscenze o saperi? conoscenze saperi - tacita - esplicita - dichiarativa - procedurale - condizionale

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCLUSIONE SOCIALE ED ASPETTI INTERCULTURALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCLUSIONE SOCIALE ED ASPETTI INTERCULTURALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCLUSIONE SOCIALE ED ASPETTI INTERCULTURALI SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LABORATORIO 1 FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI a.s. 2016-17 Grosseto Paola Brunello Dirigente Scolastico

Dettagli

Argomenti Le neuroscienze cognitive dello sviluppo e lo studio del cambiamento Un approccio interdisciplinare. Metodologie di indagine

Argomenti Le neuroscienze cognitive dello sviluppo e lo studio del cambiamento Un approccio interdisciplinare. Metodologie di indagine Lezione 7 Neuroscienze cognitive Argomenti Le neuroscienze cognitive dello sviluppo e lo studio del cambiamento Un approccio interdisciplinare Biologia, Genetica, Embriologia, Etologia, Neuroscienze Metodologie

Dettagli

Sviluppo tipico e atipico dall infanzia all adolescenza

Sviluppo tipico e atipico dall infanzia all adolescenza Università degli Studi di Enna Kore " Facoltà di Scienze dell Uomo e della Società PSICOLOGIA CLINICA Insegnamento di Sviluppo tipico e atipico dall infanzia all adolescenza Prof.ssa Irene Petruccelli

Dettagli

VIII Congresso Nazionale ANIMO

VIII Congresso Nazionale ANIMO VIII Congresso Nazionale ANIMO GIARDINI NAXOS 11/12 maggio 2013 La responsabilità deontologica del coordinatore Funzioni, ruolo e compiti del coordinatore; elementi identificativi di una transizione Cos

Dettagli

Dott.ssa Martina Cecchi Pedagogista. Lo sviluppo del bambino: genetica o ambiente?

Dott.ssa Martina Cecchi Pedagogista. Lo sviluppo del bambino: genetica o ambiente? Dott.ssa Martina Cecchi Pedagogista Lo sviluppo del bambino: genetica o ambiente? Temperamento Salute generale Genitori ed altre figure accudenti Scuola NATURA GENETICA EDUCAZIONE INFLUENZE ESTERNE Contesto

Dettagli

SALTO CON LA CORDA SALTO DAL TRAMPOLINO

SALTO CON LA CORDA SALTO DAL TRAMPOLINO Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione CdL Scienze della Formazione Primaria Prof.ssa Giovanna Perricone SALTO CON IL PARACADUTE SALTO IN ALTO SALTO CON LA CORDA SALTO DAL

Dettagli

Alunni con. B.isogni E.ducativi S.peciali

Alunni con. B.isogni E.ducativi S.peciali Alunni con B.isogni E.ducativi S.peciali CHE COS E? Il bisogno educativo speciale è una qualsiasi difficoltà in ambito educativo o apprenditivo che consiste in un funzionamento problematico anche per il

Dettagli

Il paziente oncologico tra oncologo e medico di medicina generale: complessità ed integrazione

Il paziente oncologico tra oncologo e medico di medicina generale: complessità ed integrazione Il paziente oncologico tra oncologo e medico di medicina generale: complessità ed integrazione Angela S. Ribecco Dipartimento Oncologico- SOS Oncologia Medica Osp. S. Giovanni di Dio Azienda Sanitaria

Dettagli

Il concetto di genere

Il concetto di genere Il concetto di genere Anno accademico 2006-2007 Approfondimento Prof. ssa Elisabetta Donati 1 Il genere, i generi: concetti e relazioni Le differenze fra donne e uomini possono essere ricondotte a due

Dettagli

Carmen Piscitelli - Laboratorio L.I.Di.A.

Carmen Piscitelli - Laboratorio L.I.Di.A. I Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)...e la Scuola Secondaria... 1ª parte Argomenti trattati Cosa è un DSA: Definizioni e concetti base del Disturbo Evolutivo Specifico di Apprendimento (DSA) Perché

Dettagli

Lezione 5 Relazioni famiglia-impresa nelle PMI italiane

Lezione 5 Relazioni famiglia-impresa nelle PMI italiane Family Business Lezione 5 Relazioni famiglia-impresa nelle PMI italiane Contenuti La doppia prospettiva di proprietà e governance La prospettiva contrattuale La prospettiva relazionale Alcuni aspetti sulla

Dettagli

Sviluppo e personalità

Sviluppo e personalità > MAPPA MAPPA CONOSCITIVA Sviluppo e personalità 8 Quando si parla di «sviluppo psicologico» ci si riferisce ai cambiamenti che si verifi cano nel comportamento e nelle capacità dell individuo durante

Dettagli

I MODELLI DI PROGETTAZIONE DIDATTICA. G. Burgio

I MODELLI DI PROGETTAZIONE DIDATTICA. G. Burgio I MODELLI DI PROGETTAZIONE DIDATTICA G. Burgio Insegnare Intuizione, cuore, buona volontà, missione Progettare interventi, calibrare attività, produrre materiali idonei, valutare in itinere ed ex post

Dettagli

FAMIGLIA E FAMIGLIE DOPO LA LEGGE SUL DIVORZIO: normalità, pluralità e complessità relazionali. prof.ssa Chiara Sirignano Università di Macerata

FAMIGLIA E FAMIGLIE DOPO LA LEGGE SUL DIVORZIO: normalità, pluralità e complessità relazionali. prof.ssa Chiara Sirignano Università di Macerata FAMIGLIA E FAMIGLIE DOPO LA LEGGE SUL DIVORZIO: normalità, pluralità e complessità relazionali La famiglia è un sistema relazionale in continua trasformazione, poiché i progetti di vita dei suoi componenti

Dettagli

Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina. DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO

Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina. DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva - - - IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO SdS Coni Liguria - Genova, 03 dicembre 2011 Dott.sa Sabrina

Dettagli

Scuola Primaria 2 Lezione: I fondamenti la Psicologia dello sviluppo e dell educazione. 12 Gennaio a cura di Giuseppe Duminuco

Scuola Primaria 2 Lezione: I fondamenti la Psicologia dello sviluppo e dell educazione. 12 Gennaio a cura di Giuseppe Duminuco Scuola Primaria 2 Lezione: I fondamenti la Psicologia dello sviluppo e dell educazione 12 Gennaio 2012 a cura di Giuseppe Duminuco Quesiti corso Scuola Primaria 2 lezione. 1) Che definizione possiamo dare

Dettagli