Yet Another Compiler-Compiler. Generazione automatica di analizzatori sintattici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Yet Another Compiler-Compiler. Generazione automatica di analizzatori sintattici"

Transcript

1 Yet Another Compiler-Compiler Generazione automatica di analizzatori sintattici

2 2 YACC Yet Another Compiler-Compiler YACC (Bison) è un generatore di analizzatori sintattici a partire dalla descrizione di una grammatica LALR(1) Genera un sorgente C L ingresso è un file che descrive la grammatica con un formalismo analogo alla BNF (Backus-Naur Form) per la specifica dei linguaggi Simboli non terminali identificatori per convenzione in minuscolo expr, stmt Simboli terminali identificatori per convenzione in maiuscolo o singoli caratteri INTEGER, FLOAT, IF, WHILE, ;,. Regole grammaticali (produzioni) expr: expr + expr expr * expr ; E E+E E*E

3 3 YACC valori e azioni Ad ogni elemento è associato un tipo e un valore semantico Tipo: INTEGER, IDENTIFICATORE Valore: Il valore dell intero, il riferimento dell identificatore nella tavola dei simboli Anche le categorie sintattiche possono avere associato un valore Il risultato della valutazione di un espressione Le azioni corrispondono a codice C associato a ciascuna produzione Ogni volta che viene applicata una produzione si esegue l azione associata ad essa In genere l azione permette di combinare i valori associati agli elementi nel lato destro della produzione per ottenere il valore del simbolo non terminale sul lato sinistro expr: expr + expr { $$ = $1 + $3;}; 1 2 3

4 4 YACC integrazione con l analizzatore lessicale Per estrarre i simboli terminali dal file da analizzare occorre usare un analizzatore lessicale l analizzatore sintattico prodotto a YACC chiama l analizzatore lessicale quando deve leggere il prossimo simbolo terminale file di input Analizzatore lessicale INTEGER IDENTIFIER. prossimo elemento Analizzatore sintattico azioni L analizzatore sintattico è sotto forma di una funzione yyparse() e occorre corredarla dell analizzatore lessicale (es. yylex()), le funzioni di gestione degli errori e del programma che la invoca

5 5 I file di grammatica La grammatica è definita in un file di testo (per convenzione con estensione.y) %{ dichiarazioni C (include/define/variabili globali) %} dichiarazioni YACC (definizione di simboli terminali/non-terminali e loro proprietà) %% regole grammaticali e azioni associate %% codice C (copiato nel file generato dopo la funzione yyparse())

6 6 Simboli terminali Rappresentano una classe di elementi equivalenti dal punto di vista sintattico sono rappresentati con codici numerici associati al loro identificatore Corrispondono a dei #define L analizzatore lessicale yylex() deve produrre tale codice quando trova un elemento della classe (si può usare l opzione d per generare il file xx.tab.h che contiene i define per le classi di simboli terminali) while return WHILE; /* regola lex */ Sono dichiarati nella sezione delle dichiarazioni YACC %token WHILE Gli elementi letterali sono utilizzati come le costanti carattere del C (es. + ) e non devono essere dichiarati a meno che non si voglia specificare il tipo di valore semantico associato, l associatività o la precedenza (il codice associato è il valore ASCII corrispondente)

7 7 Definizione delle regole - 1 Una regola grammaticale ha la forma risultato: componenti.. ; <risultato> è il simbolo non terminale a cui si riduce l espressione del lato destro della produzione Il lato destro della produzione è costituito da una sequenza di componenti che comprendono simboli terminali, non terminali e azioni (codice C compreso fra { }) simbolo terminale expr: expr + expr {$$=$1+$3; } AZIONE

8 8 Definizione delle regole - 2 Si possono elencare regole alternative che portano alla riduzione nello stesso simbolo non terminale expr: expr + expr {$$=$1+$3} expr * expr {$$=$1*$3} ; Se il corpo della produzione è vuoto la regola viene soddisfatta anche dalla stringa vuota expr: /* vuota */ expr1 ; La regola è ricorsiva se il non-terminale a sinistra (<risultato>) compare anche nel lato destro (è preferibile evitare la ricorsione a destra..) exprseq: expr exprseq, expr ;

9 9 Definizione della semantica - 1 La semantica dipende dai valori associati agli elementi e dalle azioni eseguite quando si fanno le riduzioni (si applica una regola) expr + expr expr L applicazione della regola expr: expr + expr; deve associare al simbolo expr risultante dalla riduzione il valore della somma dei valori associati ai due simboli expr nell espressione sul lato destro Per default a tutti i simboli è associato un valore di tipo int Si può modificare con un altro tipo C mettendo nella parte di dichiarazioni C #define YYSTYPE <tipoc>

10 10 Definizione della semantica - 2 Se si vogliono usare tipi dati diversi per simboli diversi Si deve specificare la lista completa dei tipi nella parte di dichiarazioni YACC Tipi C %union { double val; char } *sptr; Nomi associati ai tipi in YACC Si associa uno dei tipi definiti ai simboli terminali/non-terminali con le dichiarazioni %token e %type %token <val> NUM %type <sptr> string_ass

11 11 Definizione della semantica - 3 Un azione è una parte di codice C che viene eseguita quando una regola viene applicata (riduzione) Le azioni possono comparire anche nel mezzo della stringa che rappresenta il lato destro della produzione e in tal caso sono eseguite quando la regola è soddisfatta parzialmente (è però poco leggibile) Il codice C dell azione può far riferimento ai valori semantici associati agli elementi della regola expr: expr + expr {$$=$1+$3} ; $$ $1 $3 Il valore dell elemento n nella sequenza è associato a $n $$ rappresenta il valore del lato sinistro Se non si specifica un azione risulta per default $$=$1 Il tipo associato a $n è quello specificato per l elemento corrispondente (si può eventualmente forzare con $<tipo>n

12 12 Dichiarazioni YACC Tutti i simboli terminali che non sono singoli caratteri vanno dichiarati Si utilizza la direttiva %token ID (genera un #define) E possibile specificare la precedenza e l associatività (a sinistra/a destra) degli operatori per semplificare la scrittura della grammatica %left simboli %left <tipo>simboli %right simboli %right <tipo>simboli %nonassoc simboli x op y op z : (x op y) op z x op y op z : x op (y op z) x op y op z : errore di sintassi La precedenza è determinata dall ordine delle dichiarazioni %left + - %left * / - + priorità

13 13 Interfaccia col C La funzione di analisi yyparse() legge simboli terminali, esegue azioni e ritorna il controllo quando Raggiunge la fine del file (valore 0) Incontra un errore di sintassi non recuperabile (valore 1) In un azione si usa la macro YYACCEPT (valore 0) o YYABORT (valore 1) I simboli terminali sono individuati dall analizzatore lessicale - es. yylex() - che fornisce il codice corrispondente (ASCII o #define di YACC) Il valore semantico eventualmente associato al simbolo terminale deve essere memorizzato nella variabile globale yylval Se in YACC si usa un solo tipo YYSTYPE allora yylval è di tale tipo altrimenti è una union C

14 14 Interfaccia col C - yylval Se yylval è di un tipo unico nell azione di lex si avrà }. yylval = value; return ID; Se si usano invece più tipi %union { double val; char *sptr; } }. yylval.sptr = string; return STRING; Se il valore è un puntatore, l indirizzo deve essere relativo ad un area di memoria globale o nello heap (allocata con malloc)

15 15 Gestione degli errori - 1

16 16 Gestione degli errori - 2 Dopo aver eseguito yyerror() l analizzatore tenta di recuperare l errore se è stata scritta una funzione di recupero da errori, altrimenti esce da yyparse con valore 1 La variabile yynerrs memorizza il numero di errori trovati (è una variabile globale per analizzatori non rientranti) In genere si vuole evitare che l analisi si blocchi al primo errore incontrato Si può definire cosa fare in corrispondenza di un errore di sintassi facendo in modo che la regola riconosca il simbolo terminale error Il simbolo speciale error è generato dall analizzatore tutte le volte che si genera un errore di sintassi

17 17 Gestione degli errori - 3 stmt: /* vuoto */ stmt \n stmt exp \n stmt error \n Se si verifica un errore in exp ci sono probabilmente delle derivazioni incomplete nello stack dell analizzatore e altri simboli terminali nell input prima di arrivare a \n il parser forza l applicazione della regola eliminando parte del contesto sintattico dallo stack e dall input elimina stati e oggetti dallo stack fino a che la regola che comprende error è accettabile (trova lo stmt precedente) sposta nello stack il simbolo error legge simboli dall ingresso fino a che non trova un simbolo terminale di lookahead accettabile ( \n in questo caso)

18 18 Gestione degli errori the art of In genere è difficile decidere (e realizzare) la migliore strategia per la gestione degli errori Ad esempio si può saltare il resto della linea di ingresso o il comando corrente in caso di errore stmt: error ; /* in caso di errore si prosegue fino a leggere ; */ Si può cercare di bilanciare le parentesi per evitare che si generino errori a catena correlat i al primo item: ( expr ) ( error ) /* rileva un errore in expr senza generare errori di bilanciamento di parentesi */

19 19 Gestione degli errori the art of 2 Facendo le scelte sbagliate un errore di sintassi ne può innescare un altro.. Per evitare una produzione incontrollata di messaggi di errore l analizzatore non emette messaggi nuovi per un errore di sintassi che compare subito dopo l ultimo rilevato (si devono leggere almeno due nuovi simboli per generare un nuovo errore) Si può riattivare l emissione di messaggi di errore chiamando la funzione yyerrok in una azione

20 20 Un esempio - calcolatrice parser per gestire le operazioni di una calcolatrice multifunzione che prevede Operatori artimetici ( +, -, *, /, ^ ) Funzioni predefinite (sin, cos, exp, log, ) che si invocano come f(x) Variabili con nome e assegnazioni (v=1) File sorgente per YACC/Bison File sorgente per LEX File di supporto in C (gestione tavola dei simboli) L analizzatore sintattico si genera con bison d calc.y I files prodotti sono calc.yy,tab.c e calc.yy.tab.h

21 21 Parser generators Sono disponibili numerosi generatori di parser lessicali e/o sintattici Generano codice per linguaggi target diversi Implementano strategie di parsing diverse BYACC/J genera parser Java di tipo LALR(1) Coco/R genera parser di tipo LL(k) in C, C++, C#, Java, Pascal CUP genera parser LALR(1) in Java JavaCC genera parser LL(k) in Java Lime genera parser LALR(1) in PHP.. Si veda

Esercitazioni di Linguaggi e Traduttori

Esercitazioni di Linguaggi e Traduttori 1 Linguaggi CF e Riconoscitori 2 Introduzione a Yacc Introduzione a YACC Definizione dei simboli Codifica della grammatica Formato del programma prodotto da YACC Ambiguità e conflitti Conflitti shift-reduce

Dettagli

Dispensa 3. 1.1 YACC: generalità

Dispensa 3. 1.1 YACC: generalità Dispensa 3 1.1 YACC: generalità Il tool Yacc (acronimo per Yet Another Compiler Compiler) è uno strumento software che a partire da una specifica grammaticale context free di un linguaggio scritta in un

Dettagli

Dispensa YACC. 1.1 YACC: generalità

Dispensa YACC. 1.1 YACC: generalità Dispensa YACC 1.1 YACC: generalità Il tool Yacc (acronimo per Yet Another Compiler Compiler) è uno strumento software che a partire da una specifica grammaticale context free di un linguaggio scritta in

Dettagli

Riconoscitori e analizzatori sintattici. Scanning e parsing. Funzionamento di un parser: la tecnica Shift/Reduce. Esempio

Riconoscitori e analizzatori sintattici. Scanning e parsing. Funzionamento di un parser: la tecnica Shift/Reduce. Esempio POLITECNICO I TORINO Laboratorio di Compilatori Corso di Linguaggi e Traduttori mail: stefano.scanzio@polito.it sito: Riconoscitori e analizzatori sintattici ata una grammatica non ambigua ed una sequenza

Dettagli

Analizzatore lessicale o scanner. Lo scanner rappresenta un'interfaccia fra il programma sorgente e l'analizzatore sintattico o parser.

Analizzatore lessicale o scanner. Lo scanner rappresenta un'interfaccia fra il programma sorgente e l'analizzatore sintattico o parser. Analizzatore lessicale o scanner Dispensa del corso di Linguaggi e Traduttori A.A. 2005-2006 Lo scanner rappresenta un'interfaccia fra il programma sorgente e l'analizzatore sintattico o parser. Lo scanner,

Dettagli

Linguaggi e Ambienti di Programmazione

Linguaggi e Ambienti di Programmazione Linguaggi e Ambienti di Programmazione Principi e tecniche diffuse che si incontrano spesso nelle applicazioni dell informatica. Compilatori Editor di struttura: riceve in input una sequenza di comandi

Dettagli

Analizzatori Lessicali con JLex. Giuseppe Morelli

Analizzatori Lessicali con JLex. Giuseppe Morelli Analizzatori Lessicali con JLex Giuseppe Morelli Terminologia Tre concetti sono necessari per comprendere la fase di analisi lessicale: TOKEN: rappresenta un oggetto in grado di rappresentare una specifica

Dettagli

I Linguaggi di Programmazione

I Linguaggi di Programmazione I Linguaggi di Programmazione 1 Linguaggio naturale e linguaggio macchina La comunicazione uomo-macchina avviene attraverso formalismi che assumono la forma di un linguaggio. Caratteristiche del Linguaggio

Dettagli

Generareanalizzatori sintattici conbison

Generareanalizzatori sintattici conbison UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Generareanalizzatori sintattici conbison Corso di laurea triennale in Informatica Corso di linguaggi e traduttori Prof.ssa : Dora Giammarresi Tutor : Francesca

Dettagli

Costanti e Variabili

Costanti e Variabili Parte 3 Costanti e Variabili Identificatori Un identificatore è un nome che viene associato a diverse entità (costanti, tipi, variabili, funzioni, ecc.) e serve ad identificare la particolare entità Gli

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Programmazione I e Laboratorio Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Elementi di Base Parte 3 Istruzioni di Assegnazione G. Mecca M. Samela Università della Basilicata Elementi di Base >> Sommario Sommario Introduzione Istruzioni

Dettagli

Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo

Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo Lezione 6 Introduzione al C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Linguaggi di programmazione Un linguaggio formale disegnato per descrivere la computazione Linguaggi ad alto livello C, C++, Pascal, Java,

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Fondamenti d Informatica: linguaggi formali. Barbara Re, Phd

Fondamenti d Informatica: linguaggi formali. Barbara Re, Phd Fondamenti d Informatica: linguaggi formali Barbara Re, Phd Agenda } Introdurremo } La nozione di linguaggio } Strumenti per definire un linguaggio } Espressioni Regolari 2 Linguaggio } Da un punto di

Dettagli

Fasi di un Compilatore

Fasi di un Compilatore Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Camerino Un implementazione compilativa di un linguaggio di programmazione viene realizzata tramite un programma che prende il nome di compilatore

Dettagli

L intero è o il valore zero o una stringa di cifre che inizia con una cifra diversa sa zero.

L intero è o il valore zero o una stringa di cifre che inizia con una cifra diversa sa zero. ANALISI SINTATTICA Data un linguaggio scrivere una grammatica che lo generi ESERCIZIO 1 Definire una grammatica per il linguaggio L = {ww w appartiene a (a, b)*} ESERCIZIO 2 Dato l alfabeto T=[0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,/}

Dettagli

Primi passi con JFlex

Primi passi con JFlex Primi passi con JFlex Luca Chiodini Abstract Ci proponiamo di muovere i primi passi nel mondo dell analisi lessicale e della produzione automatica di un analizzatore lessicale. Verrà mostrato l uso di

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 4 Variabili di tipo primitivo. Dichiarazione di costanti Conversioni di tipo: operatore cast Altri operatori di assegnamento Operazioni aritmetiche e di confronto

Dettagli

Verificare se una grammatica e LL(1) e costruirne la tabella di parsing. Verificare se una grammatica e LR(0) e costruirne la tabele ACTION e GOTO

Verificare se una grammatica e LL(1) e costruirne la tabella di parsing. Verificare se una grammatica e LR(0) e costruirne la tabele ACTION e GOTO ANALISI SINTATTICA TIPO 1: Data un linguaggio scrivere una grammatica che lo generi TIPO 2: Verificare se una grammatica non contestuale è ambigua TiPO 3: Verificare se una grammatica e LL(1) e costruirne

Dettagli

Analizzatore Lessicale Parte I Scanner

Analizzatore Lessicale Parte I Scanner Analizzatore Lessicale Parte I Scanner Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar, Pasquale Lops In questa dispensa si descrive un approccio alla costruzione di un analizzatore lessicale

Dettagli

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR $QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR /* */ calcolare l area del quadrato #include main(){ int lato, area; printf("lato "); scanf("%d", &lato); if(lato < 0) printf("errore nei dati \n"); else { area =

Dettagli

Definizioni syntax-directed

Definizioni syntax-directed Definizioni syntax-directed Esempio: Notazione infissa Notazione postfissa Produzioni E E 1 + T E E 1 T E T T 0 T 1 T 2... T 9 Regole semantiche E.t := E 1.t _T.t _ + E.t := E 1.t _T.t _ - E.t := T.t T.t

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Descrizione delle operazioni di calcolo. Espressioni costanti semplici

Descrizione delle operazioni di calcolo. Espressioni costanti semplici Descrizione delle operazioni di calcolo Come abbiamo detto l interprete è in grado di generare nuovi valori a partire da valori precedentemente acquisiti o generati. Il linguaggio di programmazione permette

Dettagli

Struttura dei programmi C

Struttura dei programmi C Programmi C Struttura dei Programmi C Dichiarazione delle variabili Operazioni di Ingresso/Uscita Fondamenti di Informatica 1 Struttura dei programmi C Un programma C deve contenere, nell'ordine: una parte

Dettagli

Espressioni e Comandi

Espressioni e Comandi Espressioni e Comandi March 24, 2017 Elementi di Base dei Programmi Ricordate? Macchina Astratta: Insieme di algoritmi e strutture dati che permettono di memorizzare ed eseguire programmi Abbiamo parlato

Dettagli

Costruzione dell insieme dei Follow

Costruzione dell insieme dei Follow Costruzione dell insieme dei Follow E! T E - T E E! + T E - T E " T! F T T! *F T " F! (E) i Per evitare che alcuni insiemi siano vuoti si aggiunge per default il simbolo speciale $ che demarca la fine

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Generatori di analizzatori lessicali e sintattici

Generatori di analizzatori lessicali e sintattici Generatori di analizzatori lessicali e sintattici 1 Analizzatori lessicali Analisi lessicale: riconoscere nella stringa di ingresso gruppi di simboli che corrispondono a specifiche categorie sintattiche.

Dettagli

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi Obiettivi Unità F1 Primi programmi Conoscere il significato di dichiarazione e definizione di variabili Conoscere i tipi di dato numerici Essere in grado di realizzare semplici algoritmi in pseudolinguaggio

Dettagli

Il Modello di un Compilatore. La costruzione di un compilatore per un particolare linguaggio di programmazione e' abbastanza complessa.

Il Modello di un Compilatore. La costruzione di un compilatore per un particolare linguaggio di programmazione e' abbastanza complessa. Il Modello di un Compilatore La costruzione di un compilatore per un particolare linguaggio di programmazione e' abbastanza complessa. La complessità dipende dal linguaggio sorgente. Compilatore: traduce

Dettagli

Informatica 3. LEZIONE 2: Sintassi e semantica

Informatica 3. LEZIONE 2: Sintassi e semantica Informatica 3 LEZIONE 2: Sintassi e semantica Modulo 1: Introduzione ai concetti di sintassi e semantica Modulo 2: Il concetto di binding Modulo 3: Variabili Modulo 4: Routine Convenzioni dei nomi Informatica

Dettagli

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili Linguaggio C Argomenti Avanzati! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili 2 ! Il C consente di associare ai tipi di dati nomi definiti dal programmatore, mediante la parola chiave typedef! Dal punto

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Sintassi e Semantica: Convenzioni di Stile versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi

Dettagli

Perché il linguaggio C?

Perché il linguaggio C? Il linguaggio C 7 Perché il linguaggio C? Larga diffusione nel software applicativo Standard di fatto per lo sviluppo di software di sistema Visione a basso livello della memoria Capacità di manipolare

Dettagli

Dispensa 2. Data una grammatica context free esistono tre metodi diversi per costruirne la parsing table per un parser LR:

Dispensa 2. Data una grammatica context free esistono tre metodi diversi per costruirne la parsing table per un parser LR: Dispensa 2 2.1 Costruzione Parsing Table LR: generalità Come tutti i parser tabellari predittivi, anche i parser LR possono essere applicati solo a parsing table senza conflitti (ossia entrate multiple)

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione 1 Linguaggio naturale e linguaggio macchina La comunicazione uomo-macchina avviene attraverso formalismi che assumono la forma di un linguaggio. Caratteristiche del Linguaggio

Dettagli

Il Modello di un Compilatore. La costruzione di un compilatore per un particolare linguaggio di programmazione e' abbastanza complessa.

Il Modello di un Compilatore. La costruzione di un compilatore per un particolare linguaggio di programmazione e' abbastanza complessa. Il Modello di un Compilatore Dispensa del corso di Linguaggi e Traduttori A.A. 2005-2006 La costruzione di un compilatore per un particolare linguaggio di programmazione e' abbastanza complessa. La complessità

Dettagli

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 6 - Blocchi e cicli Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili La presente

Dettagli

Grammatiche. Rosario Culmone, Luca Tesei. 20/11/2006 UNICAM - p. 1/49

Grammatiche. Rosario Culmone, Luca Tesei. 20/11/2006 UNICAM - p. 1/49 Grammatiche Rosario Culmone, Luca Tesei 20/11/2006 UNICAM - p. 1/49 Grammatiche libere dal contesto Ogni linguaggio di programmazione ha delle regole che prescrivono la struttura sintattica dei programmi

Dettagli

Analizzatore lessicale o scanner

Analizzatore lessicale o scanner Analizzatore lessicale o scanner Lo scanner rappresenta un'interfaccia fra il programma sorgente e l'analizzatore sintattico o parser. Lo scanner, attraverso un esame carattere per carattere dell'ingresso,

Dettagli

Lezione 8. Sottoprogrammi

Lezione 8. Sottoprogrammi Lezione 8 Il linguaggio C: Sottoprogrammi e Funzioni I puntatori Input/Output su file Sottoprogrammi Per risolvere un problema si può scomporlo in problemi più semplici e comporre le loro soluzioni in

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 2: Sintassi e semantica. Lezione 2- Modulo 1. Le componenti di un linguaggio di programmazione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 2: Sintassi e semantica. Lezione 2- Modulo 1. Le componenti di un linguaggio di programmazione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 2: Sintassi e semantica Lezione 2- Modulo 1 Modulo 1: Introduzione ai concetti di sintassi e semantica Modulo 2: Il concetto di binding Modulo 3: Variabili Modulo 4:

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini Ancora sui linguaggi di programmazione

Informatica Generale Andrea Corradini Ancora sui linguaggi di programmazione Informatica Generale Andrea Corradini 18 - Ancora sui linguaggi di programmazione Sommario Principali componenti di un linguaggio di programmazione Variabili e costanti Strutture dati: array e record Strutture

Dettagli

Logica in informatica

Logica in informatica Logica La logica è lo studio del ragionamento. Obiettivo: analizzare e rappresentare la forma dei ragionamenti, in base alla quale si può determinare se siano corretti o no. Logica in informatica Formalismo

Dettagli

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore.

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. Linguaggio C Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. 1 Funzioni Generalizzazione del concetto di funzione algebrica: legge che associa a valori delle variabili

Dettagli

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Elementi di Base Parte 3 Istruzioni di Assegnazione versione 2.0 Questolavoroè concessoin uso secondoi termini di unalicenzacreative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Si possono applicare solo a variabili (di tipi interi, floating o puntatori), ma non a espressioni generiche (anche se di questi tipi).

Si possono applicare solo a variabili (di tipi interi, floating o puntatori), ma non a espressioni generiche (anche se di questi tipi). Operatori di incremento e decremento: ++ e -- ++ e -- sono operatori unari con la stessa priorità del meno unario e associatività da destra a sinistra. Si possono applicare solo a variabili (di tipi interi,

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

Laboratorio di Compilatori

Laboratorio di Compilatori 1 3 Analisi lessicale Laboratorio di Compilatori a.a. 1999/2000 Esercitazioni in aula http://www.polito.it/ulisse/corsi/inf/n3070/materiale/ Marco Torchiano Dipartimento di Automatica e Informatica Tel.

Dettagli

Passare argomenti al programma

Passare argomenti al programma Passare argomenti al programma Quando si invoca un programma è possibile passare degli argomenti ad esso durante la chiamata. Gli argomenti ricevuti saranno stringhe (array di char) quindi l insieme di

Dettagli

Alberi Binario in Java

Alberi Binario in Java Alberi Binario in Java Realizzare un albero binario di ricerca. L albero binario è di ricerca se esiste una relazione di ordinamento tra i valori dei nodi (valori comparabili). In particolare, dato un

Dettagli

Descrizione dei Linguaggi di Programmazione

Descrizione dei Linguaggi di Programmazione Descrizione dei Linguaggi di Programmazione Nicola Fanizzi Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari Linguaggi di Programmazione [010194] 4 mar, 2016 Sommario 1 Livelli di Descrizione

Dettagli

Verso i puntatori: Cosa è una variabile?

Verso i puntatori: Cosa è una variabile? Verso i puntatori: Cosa è una variabile? Quando si dichiara una variabile, ad es. int a; si rende noto il nome e il tipo della variabile. Il compilatore alloca l opportuno numero di byte di memoria per

Dettagli

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Un linguaggio ad alto livello deve offrire degli strumenti per: rappresentare le informazioni di interesse dell algoritmo definire le istruzioni che costituiscono

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 09 Linguaggi Sintassi e Semantica Alfonso Miola Ottobre 2009 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Linguaggi - Sintassi e Semantica

Dettagli

Tipi di dato semplici

Tipi di dato semplici Tipi di dato semplici Perché dichiarare una variabile? 2 Una variabile rappresenta uno spazio di memoria centrale Prima dell esecuzione del programma deve essere chiaro quanto spazio serve al programma

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

Linguaggio C: Espressioni

Linguaggio C: Espressioni Linguaggio C: Espressioni Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna http://www.moreno.marzolla.name/ 2 Ringraziamenti prof. Mirko Viroli, Università

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli

Linguaggi e Traduttori: Analisi sintattica

Linguaggi e Traduttori: Analisi sintattica Linguaggi e Traduttori: Analisi sintattica Armando Tacchella Sistemi e Tecnologie per il Ragionamento Automatico (STAR-Lab) Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica (DIST) Università di Genova

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: introduzione La presente dispensa e da utilizzarsi

Dettagli

Il linguaggio C. Puntatori e dintorni

Il linguaggio C. Puntatori e dintorni Il linguaggio C Puntatori e dintorni 1 Puntatori : idea di base In C è possibile conoscere e denotare l indirizzo della cella di memoria in cui è memorizzata una variabile (il puntatore) es : int a = 50;

Dettagli

Il linguaggio di programmazione Python

Il linguaggio di programmazione Python Università Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Percorso Abilitante Speciale Classe A048 Matematica Applicata Corso di Informatica Il linguaggio di programmazione Python Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05 Strutture dati Il che cosa e il come Il che cosa ed il come Struttura dati: descrive come sono organizzati i dati e come sono realizzate le operazioni su di essi (cioe come si accede ai dati) Specifica

Dettagli

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole.

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. Excel VBA VBA Visual Basic for Application VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. 2 Prima di iniziare. Che cos è una variabile?

Dettagli

La sintassi del C APPENDICE H

La sintassi del C APPENDICE H APPENDICE H La sintassi del C Nella notazione della sintassi utilizzata, le categorie sintattiche (non terminali) sono state indicate da uno stile tipografico in corsivo, mentre le parole letterali e i

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

Algoritmi, Strutture Dati e Programmi. UD 2.b: Programmazione in Pascal

Algoritmi, Strutture Dati e Programmi. UD 2.b: Programmazione in Pascal Algoritmi, Strutture Dati e Programmi : Programmazione in Pascal Prof. Alberto Postiglione AA 2007-2008 Università degli Studi di Salerno Il Linguaggio di Programmazione Pascal Esistono molti linguaggi

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: i puntatori

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: i puntatori Linguaggio C: i puntatori Il puntatore E` un tipo di dato, che consente di rappresentare gli indirizzi delle variabili allocate in memoria. Dominio: Il dominio di una variabile di tipo puntatore è un insieme

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Linguaggi di Programmazione

Corso di Fondamenti di Informatica Linguaggi di Programmazione di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di Informatica Linguaggi di Programmazione Anno Accademico 2014/2015 Francesco Tortorella Linguaggi di programmazione Un calcolatore basato sul modello di von Neumann

Dettagli

Array. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 11. A. Miola Dicembre 2007

Array. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 11. A. Miola Dicembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 11 Array A. Miola Dicembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Array 1 Contenuti Il problema degli studenti da promuovere

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi e versione aggiornata al 05/02/2004 Sommario Elementi di Base... 2 Dati, Tipi e Dichiarazioni... 2 Tipi di Dato di Base... 2 Tipi di Dato Strutturati...

Dettagli

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi:

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: Tipi di dato Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: esprimere in modo sintetico la loro rappresentazione in memoria, e un insieme di operazioni ammissibili permettere

Dettagli

Il linguaggio C. Puntatori e Array

Il linguaggio C. Puntatori e Array Il linguaggio C Puntatori e Array Puntatori I puntatori sono variabili i cui valori sono indirizzi di locazioni in cui sono memorizzate altre variabili architettura a 32 bit: 232-1 indirizzi, ma non si

Dettagli

Lezione 8 Struct e qsort

Lezione 8 Struct e qsort Lezione 8 Struct e qsort Rossano Venturini rossano@di.unipi.it Pagina web del corso http://didawiki.cli.di.unipi.it/doku.php/informatica/all-b/start Esercizio 3 QuickSort strambo Modificare il Quicksort

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione II Tatiana Zolo zolo@cs.unipr.it 1 IL PROGRAMMA C++ Istruzioni (espressioni terminate da ; ) istruzioni di dichiarazione (es. int x = 0;); istruzioni di assegnamento

Dettagli

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char)

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) int e char son i due tipi utilizzati dal linguaggio C per la rappresentazione di valori interi; ai valori delle variabili del primo tipo sono assegnati

Dettagli

Operazioni numeriche - Input

Operazioni numeriche - Input Operazioni numeriche - Input Espressioni, funzioni matematiche, classi involucro, Acquisizione di input 11/11/2004 Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei 1 Operazioni fra interi e decimali In Java

Dettagli

Traduzione guidata dalla sintassi

Traduzione guidata dalla sintassi Traduzione guidata dalla sintassi Attributi e definizioni guidate dalla sintassi Dipartimento di Matematica e Informatica mariarita.diberardini@unicam.it Analisi Semantica Analisi sintattica - output:

Dettagli

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore)

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Macchina astratta: un linguaggio di programmazione trasforma un calcolatore in una macchina

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Domenico Daniele Bloisi Docenti Parte I prof. Silvio Salza salza@dis.uniroma1.it http://www.dis.uniroma1.it/~salza/fondamenti.htm

Dettagli

Automi e Linguaggi Formali

Automi e Linguaggi Formali E-mail: frossi@math.unipd.it rario e ricevimento Orario: Lunedi, Martedi, Mercoledi, Giovedi 13:30-15:30 LUM250 Crediti: 8 crediti formativi, circa 64 ore di lezione Ricevimento: Martedi 11:00-13:00, studio

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

Programmazione di base

Programmazione di base Fondamenti di Informatica Testo A Secondo Appello 016-17 febbraio 017 Rispondi alle domande negli appositi spazi. I punti assegnati per ogni domanda sono indicati nel riquadro a lato. L'esame contiene

Dettagli

Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: PROGRAMMA = DATI + CONTROLLO

Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: PROGRAMMA = DATI + CONTROLLO LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni di

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE INTRODUZIONE ALLE ISTRUZIONI ITERATIVE DISPENSA 03.01 03-01_Iterazioni_[ver_15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

Pumping lemma per i linguaggi Context-free

Pumping lemma per i linguaggi Context-free Pumping lemma per i linguaggi Context-free Sia L un linguaggio context-free. E possibile determinare una costante k, dipendente da L, tale che qualunque stringa z! L con z > k si può esprimere come z=

Dettagli

Linguaggio C: le funzioni. Visibilità variabili e passaggio parametri

Linguaggio C: le funzioni. Visibilità variabili e passaggio parametri Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: le funzioni. Visibilità variabili e passaggio parametri

Dettagli

Precedenza e associatività. Complementi sul C - 2. Esempi. Esempi

Precedenza e associatività. Complementi sul C - 2. Esempi. Esempi Complementi sul C - 2 Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione in C Precedenza e associatività () [] ->. S D! ~ ++ + * & (cast ) sizeof S D * / % S D + - (somma e sottrazione) S D >

Dettagli

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 17 Marzo 2015 Compitini Compitini di INFO: 24 Aprile 2015 4.15pm @ C.G.1 (Ed. 9) 21

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

Grammatiche Parse trees Lezione del 17/10/2012

Grammatiche Parse trees Lezione del 17/10/2012 Fondamenti di Programmazione A.A. 2012-2013 Grammatiche Parse trees Lezione del 17/10/2012 AUTILI MARCO http://www.di.univaq.it/marco.autili/ Riassunto lezione precedente Sintassi vs Semantica Stringhe,

Dettagli

Dall algoritmo al calcolatore: concetti introduttivi. Fondamenti di Programmazione

Dall algoritmo al calcolatore: concetti introduttivi. Fondamenti di Programmazione Dall algoritmo al calcolatore: concetti introduttivi Fondamenti di Programmazione Algoritmo Problema o compito Preparazione di una torta Programmazione del VCR MCD tra due numeri Algoritmo sequenza precisa

Dettagli