Intesa in materia di Previdenza e Assistenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intesa in materia di Previdenza e Assistenza"

Transcript

1 Intesa in materia di Previdenza e Assistenza 1 In Verona, il giorno 18 luglio 2002 per quanto specificamente attiene alla prima sezione della presente intesa: tra da una parte le seguenti Società: - Banco Popolare di Verona e Novara Scarl (Bpvn), Capogruppo del Gruppo bancario Popolare di Verona e Novara ; - Banca Popolare di Novara Spa (Bpn Spa), facente parte del Gruppo bancario Popolare di Verona e Novara ; e dall altra parte - la Delegazione Sindacale del Gruppo Bpvn, costituita ai sensi del Protocollo sottoscritto in data 24 aprile 2002 e integrata per ciascuna Sigla dalle Segreterie Nazionali; per quanto specificamente attiene alla seconda sezione della presente intesa: da una parte le seguenti Società: - Banco Popolare di Verona e Novara Scarl (Bpvn), Capogruppo del Gruppo bancario Popolare di Verona e Novara ; - Banca Aletti Spa, facente parte del Gruppo bancario Popolare di Verona e Novara ; - Società Gestione Servizi BPV Spa, facente parte del Gruppo bancario Popolare di Verona e Novara ; e dall altra parte - la Delegazione Sindacale del Gruppo Bpvn (costituita ai sensi del Protocollo sottoscritto in data 24 aprile 2002 e integrata per ciascuna Sigla dalle Segreterie Nazionali), integrata dalle Rappresentanze sindacali aziendali di Banca Aletti e SGS. premesso che: i Gruppi bancari Popolare di Verona S.Geminiano e S.Prospero e Popolare di Novara hanno avviato un processo di fusione ed aggregazione che ha costituito, con effetto dal 1

2 2 giugno 2002, il nuovo Gruppo bancario Popolare di Verona e Novara e contestualmente il Banco Popolare di Verona e Novara (Bpvn) Scarl Capogruppo e la Banca Popolare di Novara (Bpn) Spa, secondo le fasi realizzative del Piano Industriale 28 gennaio 2002; in data 24 aprile 2002 è stato sottoscritto uno specifico Protocollo per le Relazioni Sindacali del Gruppo Bpvn (di seguito: Protocollo) ed in data 31 maggio 2002 è stato stipulato un Accordo Quadro per il Gruppo medesimo (di seguito: Accordo Quadro), inerenti la realizzazione del Piano Industriale 2002 e la definizione di un sistema di regole comuni ed uniformi anche al fine di pervenire progressivamente, su talune materie, alle possibili armonizzazioni e razionalizzazioni dei differenti trattamenti aziendali in essere nei confronti del personale delle diverse società, riconoscendo ai medesimi fini alla apposita Delegazione Sindacale del Gruppo il compito di operare validamente a tutti gli effetti, anche quale agente negoziale per le materie definite dal Protocollo; l Accordo Quadro, agli articoli 5 e 6, prevede i criteri di applicazione della normativa contrattuale aziendale, nonché garanzie in tema di previdenza complementare e di assistenza sanitaria; la continuità sostanziale dell ambito di riferimento delle forme e degli organismi originari di previdenza complementare e di assistenza sanitaria integrativa (bacini d utenza), rapportata alla complessiva collettività che viene ad esserne interessata, deve essere preservata per mantenere, in particolare ai fondi pensione, la qualifica di forme preesistenti ; premesso altresì che: nel presente contesto la Delegazione Sindacale di Gruppo ha prospettato la particolare situazione in cui si trova parte del personale in servizio di talune aziende del Gruppo (Banca Aletti Spa e Società Gestione Servizi BPV Spa), allo stato priva di forme di previdenza complementare e/o assistenza sanitaria; in ragione di quanto sopra da parte Aziendale (anche in attuazione per la SGS della previsione di cui all art. 17 dell Accordo 22 dicembre 1999) si aderisce a tale istanza, secondo quanto previsto nella sezione II della presente intesa, le Parti convengono che: - la premessa fa parte integrante della presente intesa che regola, in applicazione degli articoli 5 e 6 dell Accordo Quadro, in via temporanea e fino a nuovi accordi collettivi, il trattamento di previdenza complementare e di assistenza sanitaria del Gruppo Bpvn, limitatamente agli effetti conseguenti alla fusione (1 giugno 2002) t ra la Banca Popolare di Verona Banco S.Geminiano e S.Prospero (Bpv-Bsgsp) Sccarl e la Banca Popolare di Novara (Bpn) Scarl, con riferimento al personale di dette due Banche cui si applica l Accordo Quadro stesso; - i trattamenti da applicare in materia alle stesse categorie di personale dipendente da Banca Aletti Spa e da Società Gestione Servizi BPV Spa siano definiti nella presente intesa.

3 3 Sezione I DISPOSIZIONI IN TEMA DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA E DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER GLI EFFETTI CONSEGUENTI ALLA FUSIONE TRA BPV-BSGSP SCCARL E BPN SCARL 1. Le fonti istitutive per la previdenza complementare e le parti stipulanti gli accordi dell assistenza sanitaria sono costituite dal Banco Popolare di Verona e Novara Scarl e dalla Banca Popolare di Novara Spa, da un lato, e dalla Delegazione Sindacale del Gruppo, prevista dal Protocollo per le Relazioni Sindacali del 24 aprile 2002, dall altro; 2. le forme e gli organismi oggetto del presente accordo (di seguito forme ed organismi) sono costituiti dalle casse e fondi di assistenza sanitaria, dai fondi pensione e da altre forme pensionistiche nonché da trattamenti assicurativi di assistenza sanitaria esistenti per il personale della Bpv-Bsgsp Sccarl e della Bpn Scarl alla data della fusione; 3. gli iscritti, alla data della fusione, alle forme od organismi esistenti presso la Bpv-Bsgsp Sccarl e la Bpn Scarl permangono temporaneamente nelle medesime forme od organismi qualunque sia l azienda del nuovo Gruppo della quale risultino successivamente dipendenti. Di conseguenza gli ordinamenti interni delle casse e fondi di assistenza nonché dei fondi pensione devono essere assestati in ragione della mutata corrispondenza fra rapporto di lavoro e rapporto assistenziale/previdenziale; 4. le obbligazioni contributive ed i relativi adempimenti, previsti dagli accordi collettivi dell azienda di origine o dalle norme statutarie vigenti all atto del trasferimento, sono confermati, assunti e proseguiti, nell ambito del Gruppo, dal soggetto datoriale di destinazione di ciascun dipendente interessato e dai dipendenti medesimi, nella misura e con le modalità già stabilite nell azienda di origine; 5. la misura degli apporti contributivi ed i criteri generali delle prestazioni erogate dalle forme ed organismi - che, in relazione alle loro origini normative, risultano diversificate - permangono invariate fino a diverse determinazioni delle fonti istitutive dei due fondi pensione e delle parti stipulanti gli accordi dell assistenza sanitaria; 6. in attesa delle definizioni statutarie di cui al successivo punto 8 gli organi collegiali di amministrazione e controllo delle forme e degli organismi restano in carica, nell osservanza comunque delle rispettive disposizioni statutarie o regolamentari; 7. le obbligazioni per oneri e spese di gestione, di amministrazione e di funzionamento previsti dagli accordi collettivi aziendali e dagli ordinamenti interni, necessari per assicurare la continuità ed il corretto funzionamento di ciascuna forma od organismo, proseguono secondo i criteri in atto; 8. sono individuate come urgenti e necessarie le modifiche statutarie o regolamentari riguardanti: - l assunzione della forma di gruppo per ciascuno dei fondi pensione della ex Bpv-Bsgsp Sccarl ed ex Bpn Scarl nonché per gli organismi di assistenza sanitaria; - la denominazione e le conseguenti modifiche terminologiche; - l estensione dell ambito dei possibili destinatari (anche ai fini di quanto previsto dagli articoli 5 e 6 dell Accordo Quadro) ai nuovi soggetti giuridici che si sono costituiti ed alle aziende già appartenenti ai gruppi preesistenti; - i soggetti obbligati per i conferimenti contributivi e per gli oneri di funzionamento. 9. i neo-assunti dal 1 giugno 2002 da Bpvn Scarl o da Bpn Spa possono iscriversi alle forme di assistenza sanitaria e di previdenza complementare, rispettivamente, della ex Bpv-Bsgsp Sccarl e della ex Bpn Scarl, alle condizioni tempo per tempo vigenti.

4 10. la Capogruppo Bpvn provvederà direttamente al pagamento dell assegno perequativo ex Bpn Scarl, al versamento dell importo annuale alla fase di erogazione del fondo pensione ex Bpn Scarl, al mantenimento della garanzia prevista dall art. 13 dello statuto del fondo pensione ex Bpv-Bsgsp Sccarl e all erogazione delle prestazioni relative al fondo pensioni ex Bsgsp. 4 DICHIARAZIONE A VERBALE Le Parti si danno atto che: quanto previsto al precedente punto 3 non pregiudica l applicabilità delle disposizioni in materia di previdenza complementare e di assistenza sanitaria connesse alle modifiche di inquadramento contrattuale dei singoli; l eventuale sostituzione di componenti degli organi collegiali di parte aziendale sarà effettuata su designazione della Capogruppo Bpvn. RACCOMANDAZIONI DELLE PARTI Le Parti, in previsione delle possibili iniziative di armonizzazione e concentrazione, invitano i competenti organismi collegiali di amministrazione dei fondi pensione a promuovere i necessari rapporti con l organismo di vigilanza preposto (Covip) e a riferire gli esiti di tale attività alle Fonti istitutive per la necessaria analisi e verifica congiunta, indispensabile e propedeutica ad eventuali accordi di armonizzazione e concentrazione. Le Parti favoriranno la possibilità di accesso delle Società del Gruppo a forme di previdenza complementare e di assistenza sanitaria, nell ottica di armonizzazione e concentrazione di dette forme. *** L accordo di cui alla presente sezione sarà trasmesso ai competenti Organi Collegiali di Amministrazione affinché ne recepiscano i contenuti per la relativa attuazione, nell ambito delle rispettive norme statutarie o regolamentari. BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA BANCA POPOLARE DI NOVARA SpA DELEGAZIONE SINDACALE DEL GRUPPO FABI FALCRI FIBA-CISL FISAC-CGIL UILCA SINDIRIGENTICREDITO

5 Sezione II - 5 DISPOSIZIONI IN TEMA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE E/O DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER SGS BPV SPA E BANCA ALETTI SPA 1. per i dipendenti in servizio di Banca Aletti Spa e della Società Gestione Servizi BPV Spa privi di trattamento di previdenza complementare e/o di assistenza sanitaria si applicheranno le norme statutarie e regolamentari, nonché le disposizioni stabilite dagli accordi collettivi sottoscritti dalle fonti istitutive, tempo per tempo vigenti, del Fondo Pensioni per il Personale della Banca Popolare di Verona Banco S.Geminiano e S.Prospero e/o del Fondo assistenza fra il personale della ex Banca Popolare di Verona Banco S.Geminiano e S.Prospero, al momento in cui tali Fondi assumeranno la forma di Fondi di gruppo; 2. resta inteso che le obbligazioni contributive sono versate mensilmente ai Fondi interessati da parte delle suddette Aziende e da parte dei rispettivi dipendenti mediante ritenuta sullo stipendio. In particolare si precisa che: - la contribuzione da parte di Banca Aletti e SGS al Fondo Pensioni è fissata, per ciascun dipendente che si iscriva al Fondo, nella misura del 2% e comunque per un importo non superiore ad eventuali limiti di deducibilità del reddito d impresa stabiliti per legge, - la contribuzione da parte di Banca Aletti al Fondo Assistenza è fissata, per ciascun dipendente che si iscriva al Fondo, nella misura del 1%. La determinazione della base imponibile per il calcolo delle contribuzioni avverrà con le modalità e con i limiti già stabiliti per i due Fondi; 3. i dipendenti delle succitate Aziende potranno pertanto iscriversi alle forme di previdenza complementare e/o di assistenza sanitaria sopra indicate con le seguenti decorrenze: previdenza complementare: SGS e Banca Aletti: dalla data in cui saranno rese applicative le modifiche statutarie previste dalla prima sezione della presente intesa o dalla data di successiva assunzione; per i lavoratori già in servizio alla data in cui sarà possibile l accesso al fondo e che aderiscano allo stesso: - la contribuzione aziendale sarà maggiorata di un ulteriore 1% per un numero di mesi pari al doppio di quelli intercorrenti tra la data di assunzione e quella di adesione al fondo; tale conteggio non potrà in ogni caso essere retrodatato oltre il limite del 1 ottobre 2001 per Banca Aletti e del 1 gennaio 2001 per SGS (per coloro che siano stati assunti dalla SGS nel corso dell anno 2000 la contribuzione aziendale sarà maggiorata di un ulteriore 1% per un numero di mesi pari al doppio di quelli di servizio prestato nell anno 2000); - analogamente, la contribuzione del dipendente dovrà essere maggiorata per lo stesso periodo almeno nella misura minima dello 0,50% (ovvero nella misura minima dell 1% per il periodo di contribuzione aziendale maggiorata del 2%). Condizione indispensabile per il maggior versamento del contributo aziendale è l analogo maggior versamento del contributo da parte del dipendente, da comunicare attraverso richiesta scritta contestuale alla adesione. assistenza sanitaria: Banca Aletti: dal 1 agosto 2002 o dalla data di successiva assun zione; ***

6 6 L accordo di cui alla presente sezione sarà trasmesso ai competenti Organi Collegiali di Amministrazione affinché ne recepiscano i contenuti per la relativa attuazione, nell ambito delle rispettive norme statutarie o regolamentari. BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA BANCA ALETTI SPA SOCIETA GESTIONE SERVIZI BPV SPA DELEGAZIONE SINDACALE DEL GRUPPO FABI FALCRI FIBA-CISL FISAC-CGIL UILCA SINDIRIGENTICREDITO RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI DI BANCA ALETTI SPA RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI DI SOCIETA GESTIONE SERVIZI BPV SPA

tutto ciò premesso si conviene che: Articolo 1 Articolo 2

tutto ciò premesso si conviene che: Articolo 1 Articolo 2 Protocollo per le Relazioni sindacali del Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara In Milano, il giorno 24 aprile 2002 le seguenti Società: facenti parte del Gruppo bancario Popolare di Verona - Banca

Dettagli

la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. Ponti

la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. Ponti ACCORDO SINDACALE AZIENDALE IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER LA DEFINIZIONE DI PROPOSTE DI MODIFICHE STATUTARIE DI ADEGUAMENTO AL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 In Milano, in data

Dettagli

ACCORDO PER L ASSISTENZA SANITARIA DI GRUPPO DELLE FORME ASSICURATIVE

ACCORDO PER L ASSISTENZA SANITARIA DI GRUPPO DELLE FORME ASSICURATIVE ACCORDO PER L ASSISTENZA SANITARIA DI GRUPPO DELLE FORME ASSICURATIVE Il giorno 27 novembre 2008 in Verona tra il Banco Popolare in rappresentanza delle Aziende del Gruppo Banco Popolare interessate al

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso

VERBALE DI ACCORDO. premesso VERBALE DI ACCORDO Tra la Banca Monte dei Paschi di Siena Spa, e le Organizzazioni Sindacali Aziendali, che: premesso l Accordo del 12.11.2009 c.d. di armonizzazione ad esito della procedura sindacale

Dettagli

tra la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F.

tra la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. ACCORDO SINDACALE AZIENDALE IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER L ATTUAZIONE DELLE PREVISIONI DELL ART. 4 E DELL ART. 6 DELL ACCORDO 17 OTTOBRE 1997 E PER LA DEFINIZIONE DI ULTERIORI PROPOSTE DI

Dettagli

NUOVO FONDO A CONTRIBUZIONE DEFINITA. tra. - le Delegazioni di Gruppo delle OO.SS. FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, SINFUB, UGL CREDITO, UILCA e UNISIN

NUOVO FONDO A CONTRIBUZIONE DEFINITA. tra. - le Delegazioni di Gruppo delle OO.SS. FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, SINFUB, UGL CREDITO, UILCA e UNISIN NUOVO FONDO A CONTRIBUZIONE DEFINITA In Milano, in data 7 ottobre 2015 - Intesa Sanpaolo S.p.A., anche nella qualità di Capogruppo (di seguito ISP) tra e - le Delegazioni di Gruppo delle OO.SS. FABI, FIRST/CISL,

Dettagli

VERBALE!DI!ACCORDO! premesso!

VERBALE!DI!ACCORDO! premesso! VERBALEDIACCORDO TralaBancaMontedeiPaschidiSienaSpa, e leorganizzazionisindacaliaziendali, che: premesso l Accordodel12.11.2009"c.d.di armonizzazione "adesitodellaprocedurasindacale ex art. 15 del CCNL

Dettagli

tra Premesso che: - in data 30 giugno 2007 è stato sottoscritto l Accordo Quadro del Gruppo Banco Popolare ;

tra Premesso che: - in data 30 giugno 2007 è stato sottoscritto l Accordo Quadro del Gruppo Banco Popolare ; Accordo per l accesso volontario alle prestazioni straordinarie erogate dal Fondo di solidarietà dei dipendenti delle Aziende del Gruppo Banco Popolare In Lodi Verona, il 30 giugno 2007 tra Banco Popolare

Dettagli

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e II giorno 8 dicembre 2007, in Bergamo t r a UBI Banca S.c.p.a. Banca Popolare di Bergamo S.p.A. Banco di Brescia S.p.A. Banca Popolare Commercio & Industria S.p.A. di seguito Cedente, Banca Popolare di

Dettagli

le OOSSLL della: Dircredito/Federdirigenticredito, Falcri, Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Sinfub e Uil.Ca

le OOSSLL della: Dircredito/Federdirigenticredito, Falcri, Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Sinfub e Uil.Ca Il giorno 10 dicembre 2004 Banca Intesa S.p.A. e le OOSSLL della: Dircredito/Federdirigenticredito, Falcri, Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Sinfub e Uil.Ca nella loro qualità di Fonti istitutive del Fondo Pensioni

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

al ~IP-S zionespeci.; ~ ~,. ~

al ~IP-S zionespeci.; ~ ~,. ~ BOZZA DI ACCORDO PREVIDENZA INTEGRATIVA Il giorno 22 Febbraio 20 l O in Firenze, tra ~ Equitalia Cerit S.p.A., rappresentata dall' Amministratore Delegato, Carlo Mignolli e dal Direttore Indirizzo e Controllo,

Dettagli

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi Siena Spa ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Nei giorni scorsi, sulla base delle previsioni codificate nell

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005 che, secondo quanto previsto dalla legge finanziaria per l anno 2007, entrerà in vigore dal 1

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

ACCORDO. Il giorno.2007, In Padova. tra. la ROMA SERVIZI INFORMATICI S.P.A. (di seguito R.S.I. )

ACCORDO. Il giorno.2007, In Padova. tra. la ROMA SERVIZI INFORMATICI S.P.A. (di seguito R.S.I. ) ACCORDO Il giorno.2007, In Padova la (di seguito Banca ); la (di seguito R.S.I. ) tra e le SEGRETERIE NAZIONALI, le SEGRETERIE DEGLI ORGANI DI COORDINAMENTO e le RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI di Padova

Dettagli

Accordo quadro per la gestione delle ricadute sul Personale connesse al processo di costituzione del Gruppo Banco Popolare

Accordo quadro per la gestione delle ricadute sul Personale connesse al processo di costituzione del Gruppo Banco Popolare Accordo quadro per la gestione delle ricadute sul Personale connesse al processo di costituzione del Gruppo Banco Popolare In Lodi-Verona, il giorno 30 giugno 2007 tra Banco Popolare di Verona e Novara

Dettagli

Linee Guida Best practice della gestione dei trasferimenti

Linee Guida Best practice della gestione dei trasferimenti Linee Guida Best practice della gestione dei trasferimenti Articolo 1 Scopo e definizioni 1. Le presenti Linee Guida definiscono norme di comportamento e standard di efficienza minimi in materia di trasferimenti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI SPOTORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL

Dettagli

LAVORO/CONTRATTO/RELAZIONI SINDACALI

LAVORO/CONTRATTO/RELAZIONI SINDACALI SCIOPERO Il 23 gennaio 2001 è stato sottoscritto da ABI e dalle Organizzazioni sindacali l accordo per la regolamentazione dell esercizio del diritto di sciopero nel settore del credito di cui si riporta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MOTTA VISCONTI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MOTTA VISCONTI Approvato con la deliberazione di G.C. N. 99 del 14/11/2012 TITOLO

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI FINALE LIGURE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI FINALE LIGURE ALLEGATO SUB A) alla deliberazione di C.C. N. 41 del 20.04.2009

Dettagli

Verbale di accordo. tra. Intesa Sanpaolo S.p.A. anche in qualità di Capogruppo (di seguito ISP o Capogruppo) premesso che

Verbale di accordo. tra. Intesa Sanpaolo S.p.A. anche in qualità di Capogruppo (di seguito ISP o Capogruppo) premesso che Verbale di accordo In Milano, il giorno 26 marzo 2014 tra Intesa Sanpaolo S.p.A. anche in qualità di Capogruppo (di seguito ISP o Capogruppo) e le Delegazioni Sindacali di Gruppo premesso che nell ambito

Dettagli

Capitalia Solutions: firmato l accordo.

Capitalia Solutions: firmato l accordo. www.fabi.it Capitalia Solutions: firmato l accordo. Dopo due giorni di trattativa ininterrotta raggiunto l accordo tra la delegazione FABI e Capitalia sulla cessione dei rami aziendali di Banca di Roma,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE.

ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE. ACCORDO FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI WEBANK S.P.A. IN BANCA POPOLARE DI MILANO SOC. COOP. A R.L. E CONSEGUENTE RIORGANIZZAZIONE In Milano, il giorno 21 novembre 2014 Tra Banca Popolare di Milano Soc.

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA. Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio. tra

VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA. Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio. tra VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio tra Credito Valtellinese S.c., Banca Capogruppo dell omonimo Gruppo bancario, Credito Siciliano S.p.A., Carifano S.p.A., Bankadati Soc.Cons.P.A.,

Dettagli

V E R B A L E D I A C C O R D O

V E R B A L E D I A C C O R D O V E R B A L E D I A C C O R D O Fusione per incorporazione di Banca Toscana Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Procedura sindacale ai sensi di legge e di contratto (Art. 47 L. 428/90 e art. 19

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Tra. -Banca Popolare dell Emilia Romagna Soc. Coop, anche in veste di capogruppo BPER (di seguito per brevità BPER);

Tra. -Banca Popolare dell Emilia Romagna Soc. Coop, anche in veste di capogruppo BPER (di seguito per brevità BPER); Il giorno 18 novembre 2010, in Modena Tra Le Aziende: -Banca Popolare dell Emilia Romagna Soc. Coop, anche in veste di capogruppo BPER (di seguito per brevità BPER); - Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Verbale di Accordo. Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A.

Verbale di Accordo. Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A. Verbale di Accordo Il giorno 30 dicembre 2004 tra Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A. e - le Segreterie Nazionali - le Segreterie

Dettagli

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE C.S.P. U.I.L. BRESCIA SEGRETERIA PROVINCIALE BRESCIA 26126 BRESCIA VIA VANTINI 20 TELEFONO 030/3753032-294111 TELEFAX 030/2404889 E-MAIL cspbrescia@uil.it VADEMECUM T.F.R.

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014)

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) REGOLAMENTO (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) 1 Indice Articolo1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Requisiti di iscrizione Articolo 3 Modalità di adesione e comunicazione

Dettagli

Roma, 12 febbraio 2013

Roma, 12 febbraio 2013 Roma, 12 febbraio 2013 C.C.N.L. Industria alimentare 27.10.2012 Fondo per il sostegno alla maternità/paternità e per la promozione della bilateralità di settore Avvio contribuzione da parte delle Aziende

Dettagli

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI...

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... 3 PARTE PRIMA: CONTRIBUZIONE AGGIUNTIVA PER IL TRAMITE DEL DATORE DI LAVORO CON PRELIEVI DALLA RETRIBUZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE

Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE Il giorno 22 aprile 2010, a Siena, alla presenza dei responsabili del personale e delle relazioni

Dettagli

ACCORDO PLURIMO SU BASE

ACCORDO PLURIMO SU BASE [VZ/ACC] ACCORDO PLURIMO SU BASE INDIVIDUALE A LIVELLO AZIENDALE PER L ATTIVAZIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE EX ART-3, c.1, lett.a), E PER GLI EFFETTI DELL ART.12, c.2 E 13 DEL D.LGS. 05.12.2005,

Dettagli

REGOLAMENTO. Indice. Disposizioni generali

REGOLAMENTO. Indice. Disposizioni generali REGOLAMENTO Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento. Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione. Art. 3 Decorrenza delle prestazioni. Art. 4 Contribuzione. Art. 5 Modalità

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010 A. BENEFICIARI 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento Personale in servizio In coerenza con quanto stabilito

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES

ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES Il giorno 2/12/2014 tra - la SOCIETÀ REALE MUTUA DI ASSICURAZIONI, in persona del Presidente Iti Mihalich, con l assistenza di Josè Ramon Lopez

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO Fondo Nazionale Pensione Complementare Sede operativa: 00147 Roma - Via C. Colombo, 137 Sede legale: 00147 Roma - Via C. Colombo, 137 Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei fondi pensione

Dettagli

Strumenti di lavoro n.6

Strumenti di lavoro n.6 1 Strumenti di lavoro n.6 a cura della FISAC-CGIL in UniCredit Focalizzazione su alcuni aspetti specifici legati alle Intese 28.06.2014 relative al Piano Strategico 2018 del Gruppo UniCredit - perimetro

Dettagli

La previdenza complementare dopo la Finanziaria. La storia e i numeri Gli adempimenti La posizione dell UGL

La previdenza complementare dopo la Finanziaria. La storia e i numeri Gli adempimenti La posizione dell UGL La previdenza complementare dopo la Finanziaria La storia e i numeri Gli adempimenti La posizione dell UGL Quindici anni di riforme 1992 1992 1993 1995 1999 2000 2004 2005 2006 L. 421: Delega per la riforma

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 POSTE ITALIANE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 La presente informativa è stata redatta da Poste

Dettagli

FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI

FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TFR COMUNICAZIONE La manovra finanziaria per il 2007 ha anticipato l entrata in vigore della riforma sulla previdenza

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Premesso che

VERBALE DI ACCORDO. Premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 1 agosto 2001, in Milano tra BANCA CARIGE S.p.A. IntesaBci S.p.A. Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. Biverbanca S.p.A. Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno S.p.A.

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 Maggio 2007, n. 62 Regolamento per l'adeguamento alle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in materia di forme pensionistiche

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Regol@mento istitutivo del fondo di assistenza e previdenza complementare

Regol@mento istitutivo del fondo di assistenza e previdenza complementare Comune di Spoleto Direzione Politiche della Viabilità Regol@mento istitutivo del fondo di assistenza e previdenza complementare Il Regolamento istitutivo del fondo di assistenza e previdenza complementare

Dettagli

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ENTE DI MUTUALITA ED ASSISTENZA 58100 GROSSETO VIA MONTEROSA N. 196 TEL..0564 454535 FAX 0564 454922 C.P. N.80 Prot. n 13186 Grosseto, 14 novembre 2003 A TUTTE LE

Dettagli

Verbale di Accordo. BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. (di seguito Banca MPS) Premesso che

Verbale di Accordo. BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. (di seguito Banca MPS) Premesso che Verbale di Accordo Il giorno 21 dicembre 2013 in Siena Tra BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. (di seguito Banca MPS) FRUENDO srl (di seguito Fruendo) e le OO.SS. FABI, FIBA/CISL, UGL CREDITO e UILCA

Dettagli

Allegato A Guida ai Diritti Guida al sito dell Autorità

Allegato A Guida ai Diritti Guida al sito dell Autorità Criteri per la selezione e il finanziamento di progetti da realizzare nell ambito del Protocollo di intesa tra l Autorità per l energia elettrica e il gas e il Consiglio nazionale dei consumatori e degli

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE

Dettagli

Regolamento Sanimpresa

Regolamento Sanimpresa Regolamento Sanimpresa Art.1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina il funzionamento della Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa (SANIMPRESA) costituita in favore dei dipendenti

Dettagli

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Premessa Lo schema del provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri il 1 luglio

Dettagli

CGIL VERBALE DI ACCORDO

CGIL VERBALE DI ACCORDO VERBALE DI ACCORDO Ill giiorno 16 novembre 1999,, iin Miillano Tra UniiCrediitto Ittalliiano S..p..A..,, UniiCrediitt Banca Mobiilliiare S..p..A.. (UBM S..p..A..) e Le Segretteriie degllii Organii dii

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione

NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione RIUNIONE DEL 9 NOVEMBRE 2006 SALA BRUNO BUOZZI NOVITA APPORTATE DALLA FINANZIARIA 2007: -ANTICIPO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE AL 1 GENNAIO

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DI CONCERTO CON IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

Nota per le strutture

Nota per le strutture Nota per le strutture Oggetto: Previdenza complementare - Previbank Con gli accordi ABI di rinnovo contrattuale del 19 gennaio 2012 ( Aree professionali e Quadri direttivi ) e 29 febbraio 2012 ( Dirigenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI CERVIA Approvato con

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLA POSIZIONE verso altra forma di PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TRASFERIMENTO DELLA POSIZIONE verso altra forma di PREVIDENZA COMPLEMENTARE TRASFERIMENTO DELLA POSIZIONE verso altra forma di PREVIDENZA COMPLEMENTARE PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO Divisione UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Via Stalingrado, 45 40128 Bologna www.unipolsai.com

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE MOROSITA'

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE MOROSITA' Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei fondi pensione con il n. 123 Tel.: 06/58303558- Fax: 06/5809074 Numero Verde: 800.403.633(lun-ven 08:30-18:00) sito internet:: www.fondofonte.it

Dettagli

Gentile Sig.ra / Egregio Sig.

Gentile Sig.ra / Egregio Sig. In caso di mancato recapito restituire Uff. preparazione Direzione Firenze Via L. Il Magnifico, 1 50125 FIRENZE (FI) Gentile Sig.ra / Egregio Sig. Bologna,09/12/2015 OGGETTO: per incorporazione dei Fondi

Dettagli

Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare

Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare 1 I destinatari Lavoratori dipendenti, privati e pubblici Quadri Lavoratori autonomi Liberi professionisti

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DELLA POSIZIONE VERSO ALTRA FORMA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DELLA POSIZIONE VERSO ALTRA FORMA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DELLA POSIZIONE VERSO ALTRA FORMA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO Divisione UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Via Stalingrado, 45 40128 Bologna www.unipolsai.com

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

nato/a a il / / prima iscrizione alla previdenza obbligatoria (INPS o altro ente) / /

nato/a a il / / prima iscrizione alla previdenza obbligatoria (INPS o altro ente) / / Riservato ai dipendenti di Liguria Assicurazioni S.p.A. e Liguria Vita S.p.A. MODULO PER L ADESIONE E/O PER LE DISPOSIZIONI DI FINANZIAMENTO AL FONDO PENSIONE CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DI SOCIETA

Dettagli

TRASFERIMENTO della POSIZIONE verso altra forma di PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TRASFERIMENTO della POSIZIONE verso altra forma di PREVIDENZA COMPLEMENTARE TRASFERIMENTO della POSIZIONE verso altra forma di PREVIDENZA COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO Divisione UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Via Stalingrado, 45 40128 Bologna www.unipolsai.com www.unipolsai.it

Dettagli