Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il CIO del futuro Report sulla ricerca"

Transcript

1 Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report

2 Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson Network Power, la maggior parte dei CIO concorda nel ritenere che nei prossimi cinque anni il loro ruolo cambierà, ma meno di un terzo si considera oggi in grado di sviluppare una strategia aziendale o di essere la forza trainante del futuro competitivo dell azienda. Quasi la metà si definisce fornitore di servizi IT e centro di costo per i dirigenti della propria azienda. Una difficoltà che impedisce ai CIO di rivestire un ruolo più strategico è l assoluta complessità di questo lavoro. I responsabili IT si ritrovano alle prese con crescenti esigenze aziendali, nuove tecnologie e un infrastruttura spinta al limite e devono dedicare la maggior parte del tempo a garantirne l operatività. Alla luce dei fatti, manca loro il budget e il tempo utile a focalizzarsi su priorità strategiche che aiutino le loro aziende a rimanere allineate con le. I CIO che riescono a fare questo sono quelli in grado di stanziare risorse finanziarie destinate all innovazione e concentrarsi sull adozione strategica di nuove tecnologie. Metodologia del sondaggio Nel tentativo di capire meglio come cambia il ruolo del CIO, Emerson Network Power ha interpellato CIO e massimi dirigenti IT di aziende con sede negli Stati Uniti, in America Latina, Europa e Asia. I partecipanti sono stati reclutati da EMI Online Research Solutions da panel di responsabili decisionali IT, e selezionati in modo da rappresentare i massimi dirigenti IT di un azienda, business unit o regione, compresi quelli con la qualifica di Chief Information Officer. Le interviste online sono state ultimate nel febbraio Il campione di 560 intervistati era bilanciato per regione, settore e dimensione dell azienda rispetto alla popolazione di dirigenti IT in imprese con 500 o più dipendenti. Modificare il ruolo del CIO Una schiacciante maggioranza di CIO ha assistito a cambiamenti del proprio ruolo e prevede che questa tendenza continui in futuro. Il novanta percento ha affermato che il loro ruolo è cambiato almeno leggermente. I CIO di Asia (79 percento) e America Latina (78 percento) sono in testa alla classifica, prevedendo mutamenti significativi nei prossimi 5 anni. Il dato relativo al cambiamento previsto è meno significativo negli Stati Uniti e in Europa, dove circa la metà ritiene che la propria attività varierà notevolmente nei prossimi 5 anni. Le novità più attese riguardano lo sviluppo e l adozione di tecnologia avanzata, come per esempio il cloud computing e la virtualizzazione. La transizione al cloud computing si ripercuote su tutti gli aspetti della nostra attività, per cui ritengo che sarà la difficoltà maggiore. (CIO, USA) Anche i miglioramenti apportati al management e all operatività sono considerati cruciali per l evoluzione del ruolo del CIO. Tali miglioramenti prevedono l assunzione di una maggiore responsabilità per le decisioni aziendali, addestrando altri a sfruttare l analisi dei dati e contribuendo ad aumentare la redditività con una tecnologia che supporti la crescita del fatturato e la riduzione dei costi. L influenza sempre maggiore della tecnologia nella società, abbinata alla crescente dipendenza delle aziende dall Information Technology, si traduce in ulteriori responsabilità, difficoltà e pressioni per i CIO e i responsabili IT, ma anche in una maggiore importanza di queste figure per l organizzazione. Crescente esigenza di essere più strategici In un momento in cui analisti di settore come Gartner e pubblicazioni come CIO Magazine spingono i CIO a essere più strategici, il quarantadue percento di questi si definisce ancora fornitore di servizi IT e centro di costo per i dirigenti dell azienda, invece che partner IT o collega alla pari o promotore di cambiamento. C è una notevole differenza in materia tra gli Stati Uniti e altre regioni, specialmente nei mercati emergenti dell Asia e dell America Latina. I CIO latinoamericani e asiatici tendono 2

3 % 15% 14% 11% 16% 17% 28% 9% 14% 30% 10% 21% 34% % 31% 27% % 42% % 7% 8% 2% Campione totale USA Asia Europa America Latina Numero di intervistati Il 42% dei CIO si considerano "Fornitori di servizi IT" per i dirigenti della loro azienda. In America Latina, un terzo si considera "Partner IT" e un terzo "Fornitori di servizi IT" 36% 39% % 66% 66% 61% % 8% 1 Campione totale USA Asia Europa America Latina Numero di intervistati Il 60% dei CIO si considerano in linea con le Soltanto il 28% si considera in anticipo sulle 64% Promotore di cambiamento motore di un futuro competitivo Partner IT collaboratore influente Centro di costo valore non apprezzato In anticipo sulle In linea con le Non in linea con le Collega alla pari sviluppo di una strategia aziendale Fornitore di servizi IT affidabile ed efficace maggiormente a considerarsi colleghi alla pari e partner, con i CIO asiatici che si identificano più spesso come motori fondamentali dell azienda. Se nella maggior parte dei casi i CIO non si percepiscono come promotori di cambiamento o partner, ritengono però di riuscire ad allineare l IT alle esigenze dell azienda. Il sessanta percento dei CIO dichiara di essere in linea con le esigenze aziendali mentre quasi un altro terzo (il 28 percento) afferma addirittura di anticiparle. Questi CIO riescono a ottenere tale risultato adottando un approccio più strategico al proprio ruolo, utilizzando l analisi dei dati a sostegno del processo decisionale aziendale, facendo previsioni e adottando nuove tecnologie e accogliendo attivamente l innovazione. Gli utenti stanno diventando sia più mobili che tecnologicamente competenti. I più giovani entrano a far parte della forza lavoro con aspettative diverse a livello di tecnologia. (CIO, Asia) Un comportamento da fornitori di servizi IT Sul fronte delle problematiche che preoccupano maggiormente i CIO, lo studio fa luce su una palese barriera che impedisce a molti di loro di adottare un ruolo più strategico. Una delle maggiori difficoltà sembra essere l assoluta complessità di questo lavoro. In generale, i CIO hanno identificato 40 problematiche molto o estremamente importanti per il loro ruolo di responsabili IT. Pur comprendendo le priorità e le problematiche che hanno maggiori ripercussioni sull attività, i CIO si ritrovano ad agire per la maggior parte del tempo semplicemente come fornitori di servizi IT e a fare tutto il possibile per garantire l operatività dell infrastruttura. Parallelamente alla crescente dipendenza della strategia aziendale dalla tecnologia, il CIO ha l opportunità di ampliare il suo ruolo di partner aziendale e potenzialmente di cambiare le regole del gioco. Diventare un promotore di cambiamento La maggior parte dei CIO ha evidenziato il budget per l innovazione tra le questioni importanti; tuttavia ammette anche che si tratta quanto meno di una problematica su cui sta intervenendo. Se l innovazione è imperativa per il successo dell azienda, la limitazione di budget la può soffocare. 3

4 Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento I CIO hanno la possibilità di diventare fautori dell innovazione promuovendo un approccio più strategico, supportato da fondi adeguati. Possono sostenere la tesi che adottare questo tipo di approccio all innovazione tecnologica può essere vantaggioso per la crescita e per il successo costanti dell azienda. Sfortunatamente, assumere questo ruolo di promotore richiede tempo e risorse, che spesso mancano alla maggior parte dei CIO. Il nostro Executive Brief, Identifying the Biggest IT Resource Drains, (EmersonNetworkPower. com/efficiencydrains) individua le più diffuse dispersioni di efficienza operativa che si devono correggere per contribuire a ritagliare tempo e risorse da dedicare a iniziative strategiche. Sembra esserci un opportunità per i CIO di adottare un ruolo più strategico quando si tratta degli strumenti dei social media. Se nella stragrande maggioranza dei casi i CIO affermano che consentire la collaborazione tra dipendente e cliente attraverso i social media non riveste la massima importanza, concordano anche nel ritenere che entro il 2018 tali strumenti dimezzeranno il tradizionale uso dell per la collaborazione interna tra i dipendenti e per la collaborazione con i clienti. La sicurezza offre un altra opportunità. Delle 40 problematiche considerate importanti dai CIO, quelle su cui essi intervengono maggiormente si concentrano sulla sicurezza, per esempio la protezione dei dati salvati su dispositivi mobili, e sulla garanzia della sicurezza aziendale. Non è un problema nuovo per le aziende. La sicurezza è anche una delle preoccupazioni più citate dalle aziende riluttanti a passare al cloud computing. I CIO che riescono ad affrontare in modo adeguato le problematiche di protezione dei dati e ad attenuare i timori saranno meglio posizionati per adottare nuovi strumenti e paradigmi, quali il cloud computing e le iniziative BYOD. Conclusione I rilevamenti dello studio Emerson Network Power evidenziano una crescente opportunità per i CIO di assumere un ruolo più strategico e di avere maggior impatto sul successo delle loro aziende. Se molti professionisti dell IT stanno adottando iniziative per diventare responsabili strategici del settore, questo studio indica che si può fare di più; in particolare quando si tratta di stanziare un budget per l innovazione e indicare una direzione chiara per nuove applicazioni della tecnologia, per esempio nell uso dei social media per la collaborazione. Ricavandosi il tempo e il budget per accogliere l innovazione e focalizzarsi sull adozione di nuove tecnologie, i CIO possono anticipare le esigenze aziendali e garantire che l IT diventi un motore dell azienda per il raggiungimento degli obiettivi finanziari. Opere citate CIO Magazine State of the CIO Survey, Gennaio Questo sondaggio ha utilizzato la stessa scala per il rapporto tra CIO e dirigenti delle rispettive aziende. 4

5 EmersonNetworkPower.com Emerson, Emerson Network Power, e il logo Emerson Network Power sono marchi o marchi di servizio di Emerson Electric Co. Tutti gli altri nomi, marchi di prodotti e logo sono di proprietà dei rispettivi detentori Emerson Electric Co.

Introduzione. Report sullo studio. Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha Hiten Sethi

Introduzione. Report sullo studio. Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha Hiten Sethi L'Impatto del cloud sui modelli di utilizzo dell'it Conclusioni dello studio condotto da Cisco e Intel su 4.226 leader IT di 18 settori in 9 mercati di riferimento Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro Rapporto Finale Roma, febbraio 2014 INDICE Executive Summary 1 Parte prima I risultati dell indagine sulle imprese 11 1.

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale. Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo

Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale. Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo Introduzione Gestire le assenze in modo efficiente è probabilmente uno dei processi amministrativi

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 18.7.2001 COM(2001) 366 definitivo LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese (presentato dalla Commissione) INDICE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG

Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

Il contributo dell UE all invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni. Finanziato dalla

Il contributo dell UE all invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni. Finanziato dalla Il contributo dell UE all invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni Finanziato dalla Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 IBM Global Business Services IBM Institute for Business Value La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 Sanità Evoluzione dei modelli di erogazione dei servizi sanitari IBM Institute for Business Value

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali. OECD Guidelines for Multinational Enterprises

Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali. OECD Guidelines for Multinational Enterprises Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali OECD Guidelines for Multinational Enterprises 2011 Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali 2011 La qualità della versione italiana

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana...

Introduzione... 3. Gli autori di questa ricerca... 5. Executive summary... 7. Le medie imprese italiane... 8. Il motore dell economia italiana... Section title Indice Introduzione... 3 Gli autori di questa ricerca... 5 Executive summary... 7 Le medie imprese italiane... 8 Il motore dell economia italiana...10 Crescere nonostante tutto...12 Il cuore

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

Le donne e lo sviluppo rurale. Per garantire. un futuro. all'europa rurale. Commissione europea Direzione Generale Agricoltura

Le donne e lo sviluppo rurale. Per garantire. un futuro. all'europa rurale. Commissione europea Direzione Generale Agricoltura Commissione europea Direzione Generale Agricoltura Le donne e lo sviluppo rurale Per garantire un futuro all'europa rurale Numerose altre informazioni sull'unione europea sono disponibili su Internet via

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli