Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica"

Transcript

1 S.S. Medico pagina 1 di Titolo e descrizione sintetica Titolo Descrizione sintetica Responsabile della procedura Obiettivi Ambito di Applicazione Documenti correlati alla procedura Modifiche alla procedura Descrizione delle attività... 3 Definizioni Misure Comportamentali a favore dell operatore esposto Protocollo post- evento accidentale a rischio da ag. biol. a trasmissione ematica Trattamento post-esposizione ad HBV Sorveglianza post-esposizione ad HCV Sorveglianza post-esposizione ad HIV Profilassi post esposizione HIV... 9 a) Profilassi farmacologia...10 b) Monitoraggio emato-chimico della terapia farmacologica antiretrovirale Profilassi Post Esposizione a Treponema Pallidum Generalità e flussi informativi relativi all evento accidentale occupazionale Elenco di distribuzione Titolo e descrizione sintetica 2. Titolo Esposizione accidentale occupazionale a materiali biologici potenzialmente contaminati 3. Descrizione sintetica Modalità di gestione di eventi accidentali comportanti esposizione ad agenti patogeni a trasmissione ematica da parte degli operatori dipendenti o equiparati dell A.S.O. S.Croce e Carle. 4. Responsabile della procedura Responsabile del Servizio Medico 1

2 S.S. Medico pagina 2 di Obiettivi Descrizione delle misure di sorveglianza sanitaria a favore degli operatori che hanno subito eventi accidentali occupazionali a potenziale esposizione con agenti biologici a trasmissione ematica 6. Ambito di Applicazione La presente procedura si applica al personale dell ufficio del Medico dell A.S.O. Santa Croce e Carle di Cuneo. 7. Documenti correlati alla procedura Norma UNI EN ISO 9001/2000 Norma UNI EN ISO 9000/2000 Manuale Generale per la Qualità; capitolo 9 D. Lgs. 626/94 e succ. integrazioni e modifiche Commissione Nazionale per la lotta contro l AIDS e le patologie infettive emergenti e riemergenti. Documento n. 103 del : aggiornamento delle linee-guida per la chemioprofilassi con antiretrovirali dopo esposizione occupazionale ad HIV negli operatori sanitari. Commissione Nazionale per la lotta contro l AIDS e le patologie infettive emergenti e riemergenti. Documento n. 104 del : registro italiano delle profilassi post-esposizone ad HIV con antiretrovirali. Aggiornamento del protocollo per l esecuzione della vaccinazione contro l epatite virale B. Decreto Ministero della Sanità del Protocollo per l esecuzione della vaccinazione contro l epatite virale B. Circolare Ministero della Sanità n.19 del Vaccinazione per epatite B: precisazioni al D.M (aggiornamento del protocollo per l esecuzione della vaccinazione contro l epatite virale B) e alla circolare n. 19 del (protocollo per l esecuzione della vaccinazione contro l epatite virale B). Regione Piemonte Settore Igiene e Sanità Pubblica

3 S.S. Medico pagina 3 di 12 Proposta di raccomandazioni per la chemioprofilassi con antiretrovirali dopo esposizione occupazionale ad HIV e di indicazioni di utilizzo nei casi di esposizione non occupazionale. Giorn. Ital. Infez. Osped. Vol. 9, n. 1, gennaiomarzo 2002, Proposta di un protocollo per la gestione delle esposizioni professionali a rischio biologico negli operatori sanitari. Giorn. Ital. Infez. Osped. Vol. 1, n. 2, aprile 1994, Consensus Conference su gestione intraospedaliera del personale HBsAg o anti HCV positivo del Protocollo per la gestione in Pronto Soccorso di eventi di contaminazione personale da parte di liquidi organici potenzialmente infetti. A.S.O. S. Croce e Carle, Cuneo. Edizione Procedure diagnostiche adottate dal laboratorio Analisi dell Carle di Cuneo Documento di valutazione dei rischi aziendale (art. 4 del D.Lgs 626/94). Scheda finale di follow-up del Registro Italiano Profilassi Post-Esposizione ad HIV con antiretrovirali. Dipartimento di Epidemiologia INMI Lazzaro Spallanzani IRCCS Roma. Linee Guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro. Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale: Rischio Biologico per i lavoratori della Sanità: Linee Guida per la Sorveglianza Sanitaria. Anno Modifiche alla procedura In riferimento alle indicazioni contenute nelle Linee guida della SIMLII Rischio Biologico per i lavoratori della Sanità: Linee Guida per la Sorveglianza Sanitaria e alla Scheda finale di follow-up del Registro Italiano Profilassi Post-Esposizione ad HIV con antiretrovirali e in considerazione dell esigenza di razionalizzare il numero di controlli da effettuare in caso di evento accidentale a potenziale rischio per la salute dei lavoratori ottimizzando l impiego delle risorse, sono state apportate modifiche alle misure di trattamento post-esposizione ad HBV (paragrafo 9.2.1), alle misure di sorveglianza post-esposizione ad HCV (paragrafo 9.2.2) e ad HIV Descrizione delle attività 3

4 S.S. Medico pagina 4 di 12 Definizioni Personale aziendale: operatori dipendenti ed equiparati ai sensi dell articolo 2 del D. Lgs 626/94 e successive modifiche ed integrazioni. Esposto: è considerato esposto tutto il personale aziendale che, anche occasionalmente, può essere coinvolto in un evento accidentale. Evento accidentale: incidente che può provocare la contaminazione di un operatore con un agente biologico a trasmissione ematica appartenente ai gruppi 2, 3 o 4 dell allegato XI del D. Lgs. 626/94 e successive integrazioni e modifiche. Agente Biologico: qualsiasi microrganismo anche se geneticamente modificato, coltura cellulare, endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni per via ematica. Fonte: materiale biologico che potrebbe trasmettere infezioni, con cui l esposto è venuto a contatto a seguito di un evento accidentale. Materiali biologici a rischio: sono considerati a rischio di infezione da agenti patogeni a trasmissione ematica: sangue, sperma, secrezioni vaginali, liquido pleurico, peritoneale, pericardico, sinoviale, amniotico e cerebrospinale, tessuti, colture virali; non sono considerati a rischio: saliva, sputo, lacrime, secrezioni nasali, urine, feci, latte, sudore e vomito che non siano visibilmente contaminati da sangue; vengono considerati a rischio la saliva in campo odontoiatrico ed in caso di morso e il latte per gli operatori delle banche del latte. Vaccinazione: immunizzazione attiva nei confronti di malattie a trasmissione ematica che la valutazione dei rischi ha evidenziato come possibili fattori di rischio occupazionale (ad esempio HBV). Immunizzazione passiva: somministrazione di immunoglobuline specifiche nei confronti degli agenti biologici a trasmissione ematica che la valutazione dei rischi ha evidenziato come possibili fattori di rischio occupazionale (ad esempio HBV). Vaccinazione Incompleta: ciclo di vaccinazione interrotto o non completato secondo la schedula prevista per ciascun vaccino. Soggetto non suscettibile ad epatite B: soggetto con titolo anti HBs 10 UI/l acquisito tramite vaccinazione o naturalmente Non responder per epatite B: soggetto che, dopo aver praticato un ciclo completo di vaccinazione antiepatite B secondo la schedula prevista e un ulteriore dose di richiamo, presenta un titolo anti HBs: < 10 UI/l. 9.1 Misure Comportamentali a favore dell operatore esposto 4

5 S.S. Medico pagina 5 di 12 Il dipendente che ha subito un evento accidentale comportante esposizione a materiale potenzialmente contaminato con agenti biologici patogeni a trasmissione ematica deve recarsi al più presto al Pronto Soccorso dove saranno adottate le procedure previste dal Protocollo per la gestione in Pronto Soccorso di eventi di contaminazione personale da parte di liquidi organici potenzialmente infetti. Il lavoratore esposto viene successivamente invitato - come previsto dal citato Protocollo del Pronto Soccorso - a prendere al più presto contatto con l Ufficio del Medico per concordare il proseguimento delle misure di sorveglianza presso il Servizio del Medico. Il personale dell Ufficio del Medico provvede a: compilare, alla presenza dell operatore esposto, la specifica scheda predisposta per la registrazione delle modalità con cui si è verificato l evento accidentale; verificare lo stato immunitario dell operatore esposto e del paziente fonte a tempo zero e richiedere gli eventuali accertamenti diagnostici mancanti; controllare la corretta applicazione delle misure di sorveglianza sanitaria previste dal protocollo di controllo post evento accidentale. 9.2 Protocollo post- evento accidentale a rischio da agenti biologici a trasmissione ematica Il personale dell ambulatorio del Medico provvede ad acquisire tempestivamente i risultati degli esami immunologici del paziente fonte - eseguiti in Ospedale o comunque disponibili - e gli esami immunologici ed ematochimici dell operatore esposto eseguiti in Pronto Soccorso in accordo al già citato Protocollo del Pronto Soccorso Trattamento post-esposizione ad HBV I. Se la fonte è negativa (HBsAg: negativo): Caso 1 - Esposto non vaccinato o con vaccinazione incompleta: verificare HbsAg, titolo Anti-HBs e transaminasi a tempo zero 5

6 S.S. Medico pagina 6 di 12 proporre vaccinazione antiepatite B o completamento del ciclo vaccinale e controllare HBsAg e titolo Anti-HBs a distanza di un mese dalla terza dose di vaccino Caso 2 - Esposto vaccinato con titolo anti-hbs 10 UI/l oppure esposto con titolo anti-hbs 10 UI/l: nessuna misura Caso 3 - Esposto vaccinato non responder: verificare HBsAg e transaminasi a tempo zero e dopo 6 mesi Caso 4 - Esposto che ignora il proprio stato immunitario: verificare HBsAg e titolo di Anti-HBs e transaminasi a tempo zero se il titolo anti-hbs al tempo zero è < 10 UI/l proporre vaccinazione antiepatite B e controllare HBsAg e titolo di Anti- HBs a distanza di un mese dalla terza dose di vaccino II. Se la fonte è positiva (HBsAg: positivo) oppure non nota: Caso 1 - Esposto non vaccinato o con vaccinazione incompleta: verificare nell operatore esposto a tempo zero HBsAg, titolo Anti-HBs e transaminasi se nel soggetto esposto non vaccinato il titolo Anti-HBs è 10 UI/l il soggetto è considerato protetto se il titolo Anti-HBs è < 10 UI/l o il soggetto non è vaccinato, somministrare HBIg 1 dose 0,06 mg/kg (preferibilmente entro h, al massimo entro 7 gg) proporre vaccinazione anti HBV (entro 14 gg dall evento) a 0, 1, 2 mesi e dose rinforzo a 6-12 mesi o completare il ciclo vaccinale controllare HBsAg e titolo di Anti-HBs a distanza di un mese dalla terza dose di vaccino se l esposto rifiuta la vaccinazione, praticare una seconda dose di HBIg a distanza di 1 mese dall evento e verificare nell esposto HBsAg, Anti-HBs e transaminasi a distanza di 6 mesi 6

7 S.S. Medico pagina 7 di 12 Caso 2 - Esposto vaccinato ma con risposta anticorpale non nota al ciclo di immunizzazione primaria: verificare nell esposto a tempo zero HBsAg, titolo Anti-HBs e transaminasi se il titolo anti-hbs a tempo zero è < 10 UI/l, somministrare HBIg 1 dose 0,06 mg/kg al più presto (entro h o al massimo entro 7 gg) se il titolo anti-hbs a tempo zero è < 10 UI/l proporre 1 dose di vaccino anti HBV e verificare il titolo anti-hbs a distanza di 1 mese dalla dose di vaccino se il titolo anti-hbs dopo un mese dalla dose di vaccino è < 10 UI/l, verificare HBsAg, il titolo di Anti-HBs e il valore di transaminasi a distanza di 6 mesi se l esposto rifiuta la vaccinazione praticare una seconda dose di HBIg a distanza di 1 mese dall evento e verificare nell esposto HBsAg, il titolo di Anti-HBs e il valore di transaminasi a distanza di 6 mesi Caso 3 - Esposto vaccinato responder : nessuna misura Caso 4 - Esposto vaccinato non responder : verificare nell esposto a tempo zero HBsAg, il titolo di Anti-HBs e il valore di transaminasi somministrare HBIg 1 dose 0,06 mg/kg (preferibilmente entro h, al massimo entro 7 gg.) praticare una seconda dose di HBIg a distanza di 1 mese dall evento verificare nell esposto HBsAg, il titolo di Anti-HBs e il valore di transaminasi a distanza di 6 mesi Caso 5 - Esposto HBsAg positivo: controllare il paziente fonte e l esposto per-anti delta se fonte anti-delta negativa ed operatore esposto anti-delta positivo: nessuna misura se fonte anti-delta positiva ed esposto anti-delta negativo: 7

8 S.S. Medico pagina 8 di 12 Caso 6 - verificare il titolo anti-delta e il valore di transaminasi a 3 e 6 mesi dall evento se fonte anti-delta positiva ed esposto anti-delta positivo: nessuna misura Esposto che ignora il proprio stato immunitario: verificare nell esposto a tempo zero HBsAg, il titolo anti-hbs e il valore di transaminasi se il titolo anti-hbs a tempo zero è < 10 UI/l, somministrare HBIg 1 dose 0,06 mg/kg al più presto (entro h o al massimo entro 7 gg) se il titolo anti-hbs a tempo zero è < 10 UI/l proporre vaccinazione anti HBV (entro 14 gg dall evento) a 0, 1, 2 mesi e dose rinforzo a 6-12 mesi controllare HBsAg e titolo Anti-HBs a distanza di un mese dalla terza dose di vaccino se l esposto rifiuta la vaccinazione praticare una seconda dose di HBIg a distanza di 1 mese dall evento e verificare nell esposto HBsAg, il titolo di Anti-HBs e il valore di transaminasi a distanza di 6 mesi se il soggetto esposto ha un titolo Anti-HBs 10 UI/l viene considerato protetto. In caso di sieroconversione verificatasi nel corso del follow-up l operatore esposto sarà inviato a visita specialista infettivologica e le successive misure di sorveglianza saranno applicate sulla base delle indicazioni degli specialisti Sorveglianza post-esposizione ad HCV I. Se la fonte è negativa: controllare sull esposto test anti-hcv e ALT a tempo zero e dopo sei mesi II. Se la fonte è non nota: controllare sull esposto test anti-hcv e ALT a tempo zero controllare HCV-RNA e ALT a 30 gg 8

9 S.S. Medico pagina 9 di 12 controllare anti-hcv a 90 e a180 gg in caso di sieroconversione: eseguire HCV-RNA, ALT, AST III. Se la fonte è positiva: controllare sull esposto test anti-hcv e ALT a tempo zero controllare HCV-RNA qualitativo e ALT a 30 gg controllare anti-hcv a 90 e180 gg in caso di sieroconversione: eseguire HCV- RNA, ALT, AST In caso di sieroconversione verificatasi nel corso del follow-up l operatore esposto sarà inviato a visita specialista infettivologica e le successive misure di sorveglianza saranno applicate sulla base delle indicazioni degli specialisti. Se l operatore esposto risulta essere anti-hcv positivo o affetto da epatite C al momento dell evento accidentale, non è necessaria alcuna ulteriore misura di follow-up; sarà valutata, caso per caso, l opportunità di richiedere consulenza infettivologica Sorveglianza post-esposizione ad HIV I. Se la fonte è negativa: controllare sull esposto il test anti-hiv a tempo zero e dopo 6 mesi. II. Se la fonte è non nota o positiva: controllare sull esposto il test anti-hiv a tempo zero controllare il test anti-hiv a 30, 90 e 180 gg (salvo i casi in trattamento con profiliassi PPE). In caso di sieroconversione verificatasi nel corso del follow-up l operatore esposto sarà inviato a visita specialista infettivologica e le successive misure di sorveglianza saranno applicate sulla base delle indicazioni degli specialisti. Se l operatore esposto risulta HIV positivo o affetto da AIDS al momento dell evento accidentale, non è necessaria alcuna ulteriore misura di follow-up; sarà valutata, caso per caso, l opportunità di richiedere consulenza infettivologica Profilassi post esposizione HIV 9

10 S.S. Medico pagina 10 di 12 a) Profilassi farmacologia L opportunità di iniziare la somministrazione della terapia farmacologica antiretrovirale viene valutata presso il DEA. Le indicazioni alle modalità di prosecuzione o alla interruzione della eventuale terapia farmacologica antiretrovirale sono demandate agli specialisti della Struttura Complessa di Malattie Infettive, a cui, in accordo al protocollo del Pronto Soccorso, viene inviato in consulenza l operatore che ha iniziato la terapia farmacologica post-esposizione. b) Monitoraggio emato-chimico della terapia farmacologica antiretrovirale Il monitoraggio della PPE sarà basato sui controlli ematochimici più opportuni indicati dallo specialista infettivologo in base alle caratteristiche farmacologiche e di tossicità dei singoli farmaci utilizzati, così come previsto dalle schede tecniche e dai foglietti illustrativi. All operatore in trattamento PPE verrà consegnato, a cura dello specialista infettivologo, l elenco degli accertamenti diagnostici che verranno eseguiti presso l ambulatorio del Medico Profilassi Post Esposizione a Treponema Pallidum I. Se il paziente fonte è negativo: nessun ulteriore controllo II. Se il paziente fonte è positivo controllare sull esposto test anti Lue e TPHA a tempo zero (entro 3-4 giorni) controllare test anti Lue e TPHA dopo 3 mesi In caso di sospetta infezione acuta sarà richiesta consulenza specialistica dermatologica. 9.3 Generalità e flussi informativi relativi all evento accidentale occupazionale 1) L accettazione o il rifiuto degli accertamenti diagnostici e delle misure terapeutiche proposte all operatore esposto o al paziente fonte devono essere sottoscritti 10

11 S.S. Medico pagina 11 di 12 dall infortunato o dal paziente fonte e dal personale del Servizio del Medico su apposito modulo di consenso informato. 2) Le indagini diagnostiche sul paziente fonte, previste dal protocollo e non condotte dal Pronto Soccorso, dovranno essere effettuate a cura del personale del Servizio del Medico : in caso di pazienti degenti in ospedale, le modalità di prelievo e di gestione dei risultati saranno concordate da parte del personale del Servizio del Medico con il personale del reparto di degenza; i risultati degli accertamenti diagnostici praticati saranno inviati in reparto; in caso di pazienti fonte già dimessi, se rintracciabili, verranno attivati contatti direttamente con il paziente da parte del personale del Servizio del Medico ; i risultati degli accertamenti eseguiti saranno direttamente comunicati al paziente fonte o al medico curante. 3) Il vaccino anti-hbv va conservato a temperature tra 2 e 8 gradi centigradi, evitando accuratamente il congelamento. 4) Le HBIg e la prima dose di vaccino anti HBV, qualora siano somministrate contemporaneamente, devono essere iniettate in due sedi differenti del corpo. 5) Il vaccino anti-hbv va somministrato per via intramuscolare nella regione deltoidea (negli adulti). 6) In caso di insorgenza nell esposto di disturbi collegabili all evento accidentale potranno essere eseguiti in qualsiasi momento controlli clinici, esami ematochimici e consulenze specialistiche a prescindere dalle indicazioni previste dal protocollo di follow-up. 7) In caso di esposizione a fonte HCV, HIV e Treponema Pallidum positiva l operatore esposto deve essere informato sulla necessità di avere solo rapporti sessuali protetti e sull opportunità di evitare gravidanze fino al termine del periodo di follow-up (con esito negativo). 8) Presso il Servizio del Medico vengono compilate specifiche schede descrittive di ogni evento accidentale a rischio biologico (schede SIROH o specifici moduli) occorso agli operatori dipendenti ed equiparati. Copia della scheda viene inserita nella cartella sanitaria e di rischio dell operatore coinvolto. Copia delle schede viene trasmessa al Direttore della Struttura di Malattie Infettive ed alla Direzione sanitaria di Presidio dell Azienda. Una elaborazione statistica annuale degli eventi accidentali a rischio da agenti biologici a trasmissione ematica viene predisposta dal Medico ed inviata, per conoscenza e per gli opportuni provvedimenti, alla Direzione sanitaria di Presidio, al S.P.P. e ai R.L.S.. 11

12 S.S. Medico pagina 12 di 12 9) La gestione delle informazioni relative all evento accidentale viene condotta in accordo alle procedure previste dal Servizio, nel rispetto della garanzia della privacy sia dell operatore esposto sia del paziente fonte. Deroghe alle procedure normalmente adottate dal Servizio del Medico relative a: modalità di esecuzione degli accertamenti diagnostici, trasporto di campioni biologici, acquisizione dei risultati dal Laboratorio Analisi o da altri servizi e reparti, comunicazione di notizie sanitarie relative all evento accidentale, possono essere consentite in singoli casi, esclusivamente sotto la diretta responsabilità degli operatori della struttura del Medico che, per quanto di loro specifica pertinenza, ne hanno concesso l autorizzazione. 10) Gli oneri economici delle misure di prevenzione post-esposizione (vaccini, farmaci, accertamenti diagnostici in corso di follow-up, consulenze specialistiche) sono a carico della struttura del Medico. 11) Ogni operatore sanitario o equiparato dell Azienda che riporti un incidente a rischio biologico deve darne immediata comunicazione, secondo quanto previsto dalla vigente normativa di tutela e dalle procedure in vigore in Azienda. 12) La segnalazione all ente assicuratore (INAIL) dell evento accidentale occupazionale viene effettuata dagli operatori del Pronto Soccorso. 10. Elenco di distribuzione Direttore Generale A.S.O. S. Croce e Carle di Cuneo Direttori di Dipartimento Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Direzione sanitaria di Presidio Direttore di Struttura Complessa DEA Direttore di Struttura Complessa di Malattie Direttore di Struttura Complessa di Laboratorio Analisi RQ 12

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO ASS 4 MEDIO FRIULI PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO Dr.ssa Mauro Katia Dipartimento di Prevenzione DEFINIZIONI Incidente a Rischio Biologico: si definisce

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

R I S C H I O B I O L O G I C O

R I S C H I O B I O L O G I C O ************************ U.O. MEDICO COMPETENTE SORVEGLIANZA SANITARIA dei LAVORATORI DELL ASP CZ R I S C H I O B I O L O G I C O PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INFORTUNIO A RISCHIO BIOLOGICO Aprile

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI Direttori UU.OO.CC. Direttore UOC Risorse Umane Medico Competente Responsabile UOS Pronto Soccorso

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA..

LAVORARE IN SICUREZZA.. LAVORARE IN SICUREZZA.. Non è un concetto assoluto. è la modalità per gestire il rischio: > conoscendolo > prevenendolo > intervenendo prontamente, quando capita l incidente E NECESSARIO AVERE UN METODO,

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C UOC DIREZIONE MEDICA OSPEDALIERA RIETI-AMATRICE DIRETTORE: Dr Pietro Manzi Tel. 0746/278221 FAX 0746/278440 email: p.manzi@asl.rieti.it Dirigente medico responsabile del procedimento: Dssa Antonella Stefania

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Indicazioni Operative per

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord Pagina 2 di 19 INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 3 2. SCOPO pag. 4 3. CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 4 4. DEFINIZIONI pag. 4 5. RESPONSABILITA pag. 5 6. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA pag. 6 6.1 Cosa fare in caso di

Dettagli

Indice. 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici

Indice. 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici Azienda Ulss n 8 Asolo Gestione infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici IO 02 Rev. 01 del 18/01/2010 Pag. 1/2 Indice 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici...1

Dettagli

R I S C H I O B I O L O G I C O

R I S C H I O B I O L O G I C O Via Nizza,146-84124 Salerno C.F./P.Iva 04701800650 MEDICINA del LAVORO AZIENDALE Struttura di Staff alla DIREZIONE GENERALE Sede Istituzionale : via Nizza 146 Salerno - via G. Falcone 50 Nocera Inferiore

Dettagli

Pagina 1 di 18. Procedura. Revisioni

Pagina 1 di 18. Procedura. Revisioni Pagina 1 di 18 Revisioni Revisione Data Oggetto della revisione Prima emissione 07/07/2014 Questa Procedura aggiorna, amplia ed integra i precedenti documenti (Protocolli - Istruzioni Operative) del 2009,

Dettagli

Procedura aziendale per la gestione degli infortuni a rischio biologico per i virus HBV, HCV e HIV.

Procedura aziendale per la gestione degli infortuni a rischio biologico per i virus HBV, HCV e HIV. Pagina 1 di 10 Procedura aziendale per la gestione degli infortuni a rischio Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Codice Documento Rev. N Data emissione Motivo revisione

Dettagli

PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI

PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE GRUPPO DI LAVORO PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI LINEE GUIDA PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA DEGLI OPERATORI SANITARI A SEGUITO

Dettagli

SCHEDA PERSONALE ESPOSIZIONE ACCIDENTALE A RISCHIO BIOLOGICO

SCHEDA PERSONALE ESPOSIZIONE ACCIDENTALE A RISCHIO BIOLOGICO Sorveglianza Sanitaria Aziendale SSA.MO.001 SCHEDA PERSONALE ESPOSIZIONE ACCIDENTALE A RISCHIO BIOLOGICO A COSA SERVE QUESTA SCHEDA: La scheda ha lo scopo di gestire gli infortuni a rischio biologico dalla

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Parte 3a. Epatiti Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Fiumicino, 16 aprile 2016 www.cos.it/mediter Dr. Ugo Montanari Epatiti: tests diagnostici - 1 Indicazioni cliniche Tipo di richiesta

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

L ESSENZIALE IN BREVE

L ESSENZIALE IN BREVE Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione sanità pubblica Direttive e raccomandazioni: Prevenzione di trasmissione ai pazienti delle malattie

Dettagli

Versione aggiornata al 1 agosto 2003

Versione aggiornata al 1 agosto 2003 Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI FEGATO.

Dettagli

72 Congresso Nazionale SIMLII Firenze 25-28 28 Novembre 2009

72 Congresso Nazionale SIMLII Firenze 25-28 28 Novembre 2009 72 Congresso Nazionale SIMLII Firenze 25-28 28 Novembre 2009 Infortuni sul lavoro da lesioni con taglienti potenzialmente infetti nel personale sanitario: carenze della prevenzione primaria e della profilassi

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG Versione approvata al 1marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Versione aggiornata al 1 marzo 2005

Versione aggiornata al 1 marzo 2005 Versione aggiornata al 1 marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER L ANTIGENE DI SUPERFICIE DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBsAg +) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE E/O RENE. Razionale

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Sorveglianza e controllo delle infezioni da HIV e da altri patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie

Sorveglianza e controllo delle infezioni da HIV e da altri patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie Sorveglianza e controllo delle infezioni da HIV e da altri patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie Programma realizzato nell ambito della ricerca promossa da Ministero della Salute Istituto

Dettagli

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008 TITOLO X D.Lgs 81/2008 ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Tutte le attività lavorative nella quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Uso deliberato (laboratori microbiologici) Rischio potenziale

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Art. 2. SCHEMA N. 1. SCHEMA N. 1 Art. 1 - (Obblighi delle parti)

Art. 2. SCHEMA N. 1. SCHEMA N. 1 Art. 1 - (Obblighi delle parti) D.M. 18-11-1998 Schemi di convenzione per prestazioni assistenziali, da parte di aziende sanitarie, ai casi di AIDS nei confronti di detenuti (G.U. 05-03-1999, n. 53, Serie Generale) Preambolo Art. 1.

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 Autori Dott.ssa Fabrizia Giusti,Medico Internista, Ser.T. Arezzo, Asl 8 Dott. Paolo Edoardo Dimauro

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

INFORTUNIO E INCIDENTE A RISCHIO BIOLOGICO

INFORTUNIO E INCIDENTE A RISCHIO BIOLOGICO INFORTUNIO E INCIDENTE A RISCHIO BIOLOGICO -ISTRUZIONI PER IL LAVORATORE- Redazione: Verifica: Approvazione: Gruppo di lavoro Dott. Fabrizio Bellomo Dott.ssa Daniela De Corti Dott.ssa Stefania Degan SOC

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari relativa alla diagnosi di malattia infettiva contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di profilassi. In

Dettagli

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 "MEDIO FRIULI" DIREZIONE SANITARIA S.O.C. Prevenzione Protezione e Gestione Ambientale Aziendale Via Pozzuolo, 330 -- 33100 Udine

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE...

SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE... SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE... DIAGRAMMA DI FLUSSO PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE...

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse

Malattie sessualmente trasmesse Malattie sessualmente trasmesse Che cosa sono le malattie sessualmente trasmesse? Le malattie sessualmente trasmesse (MST) sono infezioni che si possono contrarre attraverso i rapporti sessuali. Sono causate

Dettagli

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus):

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): SENZA LA EPATITE CONOSCIAMOLA L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): Colpisce principalmente il fegato infiammandolo (epatite) ma, in alcuni casi, anche altre parti del corpo

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la cura delle infezioni da HIV nel Lazio Obiettivi e Strumenti Enrico Girardi per il gruppo tecnico HIV LaziozioSanità -ASP UOC Epidemiologia

Dettagli

LE IDONEITÀ DIFFICILI

LE IDONEITÀ DIFFICILI LE IDONEITÀ DIFFICILI Il giudizio di idoneità in operatori sanitari HBV, HCV, HIV positivi Giantommaso Pagliaro - AO Ordine Mauriziano di Torino - APAMIL APAMIL - Associazione Piemontese e Aostana di Medicina

Dettagli

Corso di Formazione in Radioprotezione. Prof.ssa Sabina Sernia Medico Competente Coordinatore Centro di Medicina Occupazionale

Corso di Formazione in Radioprotezione. Prof.ssa Sabina Sernia Medico Competente Coordinatore Centro di Medicina Occupazionale Corso di Formazione in Radioprotezione Prof.ssa Sabina Sernia Medico Competente Coordinatore Centro di Medicina Occupazionale Somatici Interessano INDIVIDUO IRRADIATO -Stocastici (Possibilistici, probabilistici,

Dettagli

Terapia della epatite HBV: chi trattare, quando trattare

Terapia della epatite HBV: chi trattare, quando trattare Terapia della epatite HBV: chi trattare, quando trattare 10 Maggio 2008 Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Az.G.Salvini Ospedale di Rho Prevalenza di HBsAg + Problema sanitario mondiale 350 milioni di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria. Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l.

Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria. Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l. Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l. Rischio da agenti biologici Normativa Titolo X del D. Lgs. 81 del 9 aprile 2008 Agente biologico definizione:

Dettagli

Dott. Vincenzo Pezzullo

Dott. Vincenzo Pezzullo Dott. Vincenzo Pezzullo Epatiti croniche ad eziologia virale Pozzuoli 1 ottobre 2011 HBV marcatori Antigeni Anticorpi HBsAg HBsAb o anti-hbs HBcAg HBcAb o anti-hbc IgM e IgG HBeAg HBeAb o anti-hbe HBV

Dettagli

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Clinica Pediatrica Università degli Studi di Novara A.O.U. Maggiore della Carità di Novara Nel Mondo: 130-150 milioni di

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 2 PREVALENZA HIV L assunzione di droga per via venosa è responsabile del 30% delle infezioni al

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI INQUADRAMENTO NORMATIVO AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 dott. Davide Ferrari Titolo X D.Lgs. 81/08 Protezione da agenti biologici Campo di applicazione Tutte le

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici. nell attività sanitaria

Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici. nell attività sanitaria Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici e profilassi post esposizione nell attività sanitaria Per far fronte all'eventualità di incidenti con esposizione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA)

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2009 Nuove modalità di prescrizione per i medicinali contenenti isotretinoina ad

Dettagli

Il rischio biologico in ambiente ospedaliero

Il rischio biologico in ambiente ospedaliero Il rischio biologico in ambiente ospedaliero AGENTI BIOLOGICI - Titolo VIII d.lgs.626/94 AGENTI BIOLOGICI - Titolo VIII d.lgs.626/94 Il D.Lgs.626/94 ha classificato gli agenti biologici in 4 gruppi ART.75

Dettagli

Gli strumenti e le fasi dello studio

Gli strumenti e le fasi dello studio Studio prospettico tra i donatori di sangue in Italia: comportamenti a rischio di infezione da HIV e qualità delle informazioni fornite dal donatore durante la fase di selezione Gli strumenti e le fasi

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SOMMARIO INTRODUZIONE...3 OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 DECRETO LEGISLATIVO 626/94: OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

PROCEDURA POST-ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI TRASMISSIBILI ATTRAVERSO IL SANGUE (HBV,HCV,HIV)

PROCEDURA POST-ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI TRASMISSIBILI ATTRAVERSO IL SANGUE (HBV,HCV,HIV) PROCEDURA POST-ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI TRASMISSIBILI ATTRAVERSO IL SANGUE (HBV,HCV,HIV) IL DOCUMENTO È STATO REVISIONATO DA: DR. A ROMANELLI MEDICO COMPETENTE COORDINATORE DR. SSA E. CHIESA MEDICO

Dettagli

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione.

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. CIRCOLARE n. 16 26 luglio 2012 GDV/fp Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. Con nota dello scorso

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Revisione 1 Redattori : Cosenza 20-01-2014 09-11-2015 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico egato 04 Pag. 1 di 8 del 20/09/2012 La finalità delle indagini microbiologiche è quella di diagnosticare le infezioni ed accertare i patogeni in causa, attraverso indagini dirette e /o colturali ( identificazione

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA IL TRIAGE TELEFONICO LA GESTIONE

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR

Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR Patrizia Billi 1 0547-394808 Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR Dott.ssa Patrizia Billi 0547-394807 Dott.ssa Mara Della Strada Dott.ssa Simona Semprini Sara Bertozzi Bonetti Barbara Ceccarelli Manuela

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE Le epatiti virali MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE UFFICIO III - MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

INFN. DOCUMENTO SANITARIO PERSONALE (art. 90 D.Lgs. n. 230/95 e succ. modif. ed integrazioni) integrato

INFN. DOCUMENTO SANITARIO PERSONALE (art. 90 D.Lgs. n. 230/95 e succ. modif. ed integrazioni) integrato INFN SEDE DOCUMENTO SANITARIO PERSONALE (art. 90 D.Lgs. n. 230/95 e succ. modif. ed integrazioni) integrato CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO (art. 25 D. Lgs 81/2008 e succ. modif. ed integrazioni) INTESTATO

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ Le epatiti virali MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Exposizione a HIV, HBV, HCV Prime misure

Exposizione a HIV, HBV, HCV Prime misure Exposizione a HIV, HBV, HCV Prime misure Suva Divisione medicina del lavoro Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 58 51 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419

Dettagli

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE afferente al Dipartimento Qualità e Sicurezza dei percorsi di Diagnosi e Cura Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO SEDE E CONTATTI Ospedale MOLINETTE - Ingresso: Corso Bramante, 88-10126

Dettagli

IL PROTOCOLLO REGIONALE

IL PROTOCOLLO REGIONALE IL PROTOCOLLO REGIONALE C.P.S.I. Vera Sabrina Ufficio di Coordinamento Infermieristico per l attività di prelievi Ospedale S. Giovanni Battista I criteri per la selezione dei donatori sono quelli della

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE L esecuzione delle visite periodiche, nonché di quelle svolte su richiesta dei lavoratori, rimane uno dei compiti più qualificanti dell attività del medico competente.

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli